Page 1

Il ento del Brenta trimestrale della pro loco di campolongo sul brenta

anno XXVI - N째 1 GIUGNO 2008

Direzione, Amministrazione, Redazione: Casella Postale n.1 - Campolongo sul Brenta (VI) C.C.P.N. 10971364 - Spedizione in abbonamento postale - Taxe percue - Tassa riscossa Ufficio Postale - PT VICENZA - PAR AVION - ART. 2 COMMA 20/C L. 662/96


Il Vento del Brenta

IL VENTO DEL BRENTA anno XXVI - n° 1 Giugno 2008 Periodico di informazione e di cultura edito dalla Pro Loco di Campolongo sul Brenta

CAMPOLONGO IN CIFRE: Campolongo inDELcifre: I DATI 2007

Presidente della Pro Loco: Ruggero Rossi

i dati del 2007

CAMPOLONGO IN CIFRE:

Direttore responsabile: Giandomenico Cortese

MASCHII DATI FEMMINE TOTALE DEL 2007 RESIDENTI AL 01.01.07 417 422 839 NATI 4 8 12 MORTI 5 3 8 MASCHI FEMMINE TOTALE IMMIGRATI 17 10 27 RESIDENTI AL 01.01.07 417 422 839 EMIGRATI 21 24 45 NATI 4 8 12 RESIDENTI AL 31.12 07 412 413 825 MORTI 5 3 8 Differenza -5 -9 -14 IMMIGRATI 17 10 27 Famiglie all’01.01.2007 329 EMIGRATI 21 24 45 Famiglie al 31.12.2007 329 RESIDENTI AL 31.12 07 412 413 825 Differenza -5 -9 -14 MATRIMONI: 2 religiosi Matrimoni: n° 2n°religiosi Famiglie all’01.01.2007 329 Famiglie al 31.12.2007 329 CITTADINI STRANIERI RESIDENTI AL 31.12.2007

Comitato di redazione: Ruggero Rossi, Fiorenzo Vialetto Redazione: Casella Postale n°1 Campolongo sul Brenta Autorizzazione: Tribunale di Bassano del Grappa n°1/83 Impaginazione e Stampa:

MATRIMONI: n° 2 religiosi STRANIERI MASCHI FEMMINE TOTALE Cittadini Stranieri Residenti Spagna 0 1 1 CITTADINI STRANIERI RESIDENTI AL 31.12.2007 Albania 4 4 8 al 31.12.2007

Bosnia-Erzegovina 1 3 4 STRANIERI MASCHI FEMMINE TOTALE Romania 1 1 2 01 11 12 Serbia Spagna e Montenegro Romano d’Ezzelino (VI) Albania 40 41 81 Ucraina Bosnia-Erzegovina 14 32 46 Macedonia Hanno collaborato: Romania 11 10 21 Costa d’Avorio Luciano Bonato, Serbia eGhana Montenegro 12 13 25 Fondazione “Aiutiamoli a vivere”, Ucraina 0 1 1 Marocco 10 6 16 Macedonia 4 2 6 Giovanni Lovato, Luca Priola, Senegal 1 0 1 Cento anni fa, CostaPerù d’Avorio 10 01 11 Domenico Tolio, Alessandro Zannoni, nell’anno 1907 Ghana 23 34 57 Cina Ufficio Tecnico Comunale i nati furono 40, Marocco 10 6 16 TOTALE al 31.12.2007 28 28 56 i morti 27 Senegal 1 0 1 Residenti al 31.12.2006 33 35 68 Questo numero è stato inviato ed i matrimoni 12. Perù 0 1 1 differenza -5 -7 -12 a 1.028 famiglie, delle quali 310 Cina 3 4 7 ELEZIONI POLITICHE 2008 Ringraziamo la residenti a Campolongo, TOTALE al 31.12.2007 28 28 56 sig.ra Sabrina dell’Ufficio CENTO ANNI FA (nell’anno 1907) i nati furono 40, i morti 27 ed i matrimoni 12. 643 nel resto d’Italia, 75 all’estero. Residenti al 31.12.2006 33 35 68 Anagrafe per la gentile Nella consultazione elettorale tenutasi il 13 e 14 aprile scorsi i cittadini votanti a Campolongo si sono così differenza -5 -7 -12 espressi (riportiamo per confronto anche icollaborazione. risultati del 2006): Ringraziamo la sign. Sabrina dell’Ufficio Anagrafe per collaborazione. la gentile

CENTO ANNI FA (nell’anno 1907) i nati furono 40, i morti 27 ed i matrimoni 12. Ringraziamo la sign. Sabrina dell’Ufficio Anagrafe per la gentile collaborazione.

Elezioni Politiche 2008 Nella consultazione elettorale tenutasi il 13 e 14 aprile scorsi i cittadini votanti a Campolongo si sono così espressi (riportiamo per confronto anche i risultati del 2006):

2

ELEZIONI POLITICHE 2006 CAMERA DEI DEPUTATI (elettori: 656; votanti:601)

L’ULIVO ALLEANZA NAZIONALE FORZA ITALIA LEGA NORD UDC

Voti % 196 69 110 59 37

33 11 18 10 6

SENATO DELLA REPUBBLICA (elettori: 604; votanti: 550) LA MARGHERITA DEMOCRATICI DI SINISTRA ALLEANZA NAZIONALE FORZA ITALIA LEGA NORD UDC

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

107 39 61 107 52 38

19 7 11 19 9 7

ELEZIONI POLITICHE 2008 CAMERA DEI DEPUTATI (elettori: 637; votanti:551)

ITALIA DEI VALORI PARTITO DEMOCRATICO

Voti % 26 5 167 30

IL POPOLO DELLA LIBERTA’ LEGA NORD UNIONE DI CENTRO

112 141 38

20 26 7

SENATO DELLA REPUBBLICA (elettori: 586; votanti: 510) ITALIA DEI VALORI 30 PARTITO DEMOCRATICO 161

6 32

IL POPOLO DELLA LIBERTA’

114

22

LEGA NORD UNIONE DI CENTRO

123 32

24 6


Pro loco

Bilancio Di seguito riportiamo i dati del bilancio consuntivo 2007 dell’Ass. Pro Loco di Campolongo sul Brenta.

USCITE Festa in Brenta, Befana, Carnevale… Imposte, tasse, assicurazione

11.121,00 2.108,00

Spese d’ufficio

268,00

Acquisto attrezzature

4.255,00

Spese per “Il Vento del Brenta”

2.971,00

Varie Totale

……. € 20.907,13

ENTRATE Avanzo 2006

16.258,00

Quote associative

250,00

Festa in Brenta

17.496,00

Contributi da Enti Pubblici

1.100,00

Erogazioni da privati

4.250,00

Varie Totale

…… € 39.516,16

Anche i numeri hanno un loro significato: sapere che si lavora per qualcosa è gratificante, ma non è tutto. Con questo spirito diamoci appuntamento alla prossima “Festa in Brenta”: auguro a tutti quanti vorranno partecipare, di qua o di là del bancone degli stand, di poter vivere una piacevole festa, all’insegna del sano divertimento, dell’amicizia e della solidarietà (penso alle iniziative della Scuola Materna e della Squadra Antincendio del nostro paese). Arrivederci. s Ruggero Rossi

Elenco dei nominativi di coloro che con il loro indispensabile aiuto economico concorrono, concretamente, alle spese di stampa e spedizione del giornale. Versamenti pervenuti a tutto il 20/05/2008 Anno 2007 208) Domenico Tolio - Bassano del Grappa 209) Primo Costa - Campolongo S.B. 210) Ermida Costa - Campolongo S.B. 211) Roland Costa - Pringy (Francia) 212) Sebastiano Pellizzari - Genova 213) Mario Volpe - Milano Anno 2008 Giovanna Donazzan - Campolongo S.B. Massimo Vialetto - Campolongo S.B. Livio Vialetto - Campolongo S.B. Maddalena Bonato - Villafranca Veronese (VR) Armanda Cavalli - Padova Sebastiano Luciano Bonato-Campolongo S.B. Flavio Mocellin - Settimo Torinese (TO) Pietro Zannini - Campologno S.B. Fabiola Zannini - Campolongo S.B. Natascia Zannini - San Nazario (VI). Giuseppina Bonato - San Nazario (VI) Maria Grazia Bonato - S.Giacomo di Romano Santina Bonato - Valstagna (VI) Giacomo Bonato - Fellette di Romano (VI) Caterina Zannini Bigon - Campolongo S.B. Domenico Bonato - Campolongo S.B. Giuliano Mocellin - Campolongo S.B. Gianni Bonato - Pove del Grappa (VI) Roberto Negrello - Campolongo S.B. Tiziano Orlando - Campolongo S.B. Scremin Antonio - Campolongo S.B. Scremin Morena - Bassano del Grappa (VI) Scremin Maria Rosa - Tezze sul Brenta (VI) Ennia Colpo - Castelfranco Veneto (TV) Pietro Volpe - San Cristophe (Aosta) Tartaglia Venezia - Loranzè (TO) Don Paolo Pizzolotto - Campolongo S.B. Luigi Bonato - Campolongo S.B. Livio Secco - Solagna (VI) Elena Volpe Spiller - Aosta (AO) Valerio Bonato - Bassano del Grappa (VI) Bernardino Bonato - Cervignano (UD) Gian Giuseppe Bonato - Valstagna (VI) Angelina Bonato - Bassano del Grappa (VI) Primo Vialetto - Pedavena (BL) Antonio e Luciano Temperato-Campese di Bass. D.G. Flavia d’Errico - Treviso Bruno Bonato - Romano d’Ezzelino (VI) Remigio Orlando - Vicenza Maria Orlando - Lainate (MI) Giuseppe Lazzarotto - Cittadella (PD) Alvise Zannini - San Nazario (VI) Carlo Parolin - Pove del Grappa (VI) Lidia Giusto - Cittadella (PD) Orfeo Giusto - Vigevano Mario Bonato - Bassano del Grappa (VI) Loredana Vialetto - Fregona (TV) Franco Orlando - Vicenza Nina Secco in Fietta - Bassano del Grappa (VI) Antonio Lazzarotto - Bassano del Grappa (VI)

Giovanni Secco - San Isidro (Spagna) Francesca Vialetto - Campolongo S.B. Renato Vialetto - Vicenza Paolo Zannini - Possagno (TV) Dolores Bonato - Bassano del Grappa (VI) Gianna Dalla Palma - Enego (VI) Giuseppe Benacchio - San Nazario (VI) Maria Rita Vialetto - Mestre (VE) Teresa Lazzarotto - Tezze sul Brenta (VI) Giovanna Cortese Bordin - Solagna (VI) Giovannina Volpe - Bassano D.G. (VI) Maria Rosa Bonato - Bassano D.G.(VI) Sergia Paparella - Venezia Ivan Bonato - Pove del Grappa (VI) Adelino Vialetto - Cassola (VI) Ottavia Vialetto - Bojon (VE) Quintilia Bonato Bevilacqua - Pescina (AQ) Cenzio Bonato - Trebaseleghe (PD) Pasqualina Bonato - Campolongo S.B. Orsola Bonato - Campolongo S.B. Arnaldo Serradura - Campolongo S.B. Claudia Conte Padovan - Crespano D.G.(VI) Andrea Zannini - Campolongo S.B. Emilio Vialetto - Campolongo S.B. Elena Vialetto - Breganze (VI) Angelo Tartaglia - Valstagna (VI) Maria Paola Pellizzari - Pove del Grappa (VI) Giuseppe Secco - Bassano D.G. (VI) Anna Maria Vialetto - Tezze sul Brenta (VI) Bruno Bigon - Pove del Grappa (VI) Elio Zannoni - Torino Angelo Zannoni - Chieri (TO) Gino Bonato - Bassano D.G. (VI) Elisa Vialetto Ved, Rossi - Clusone (BG) Andreina Perin - Montebelluna (TV) Rossella Negrello - Rosà (VI) Clara Zannini - Mestre (VE) Cesare Secco - Bassano D.G.(VI) Bertilla Pellizzari - Campolongo S.B. (VI) Rita Zannoni - Mortegliano (UD) Flavia Zannini - Bassano D:G. (VI) Anonimo - Campolongo S.B. Caterina Bonato (Fuma) - Campolongo S.B. Emilio Scramoncin - Campolongo S.B. Caterina Vialetto - Lugano (Svizzera) Elsa Malvezzi - Molvena (VI) Leopoldina Bonato - Laverda (VI) Severino Montagna - Monteviale (VI) Pietro Pellizzari - Campolongo S.B. Giovanni Bordìn - Solagna (VI) Roberto Orlando - Lainate (MI) Annamaria Bordin - Solagna (VI) Giovanni Bonato - Rosà (VI) Domenico Zannoni - Pove del Grappa (VI) Luciano Negrello - Castiglione delle Stiviere (MN) Natalino Orlando - Origgio (VA) Antonio Volpe - San Donato Milanese (MI) Giovanna Vialetto Orlando - Campolongo S.B. Maria Flavia Zannini - Cerro Maggiore (MI) Marina Zannini - Treviglio (BG) Carmine Mocellin - Lainate (MI) Luciana Zannoni - Bassano D.G. (VI) Sebastiano Pellizzari - S.Mauro Torinese (TO) Nicolina Mocellin Conte - San Nazario (VI) Caterina Bonato Sandri - Arzignano (VI) Teresa Vialetto - Lainate (VI) Anna Cavallin - Campolongo S.B. Giorgio Zannini - Campolongo S.B. Dino Lazzarotto - Bassano D.G. Candido Gianesin - Campese di Bassano D.G. Giuseppe Vendrasco - Campolongo S.B. Graziosa Zannoni e Margherita Bonato - Pinerolo (TO) Fernanda Vialetto - Bassano D.G. Giannina Orlando - Lainate (MI) Pietro Versienti - Torre S. Susanna (BR) Emilio Vialetto - Campolongo S..B. Angelina Vialetto Pozzi - Milano Lorena Negrello - Pove del Grappa (VI) Flossie Bonato - Valganna (VA) GVSN - Campolongo S.B. Ivana Negrello - San Nazario (VI) Caterina Colpo in Sacchi - Milano Narcisa Mocellin - Campolongo S.B. Narciso Bonato - Campolongo S.B. Gasparina Vialetto - Tiene Modesta Bonato - Oliero di Valstagna Germana Cavallin - Campagnari di Tezze Ivana Zannoni-Chemin - Campese Graziella Zannini - Venezia Mario Vialetto - Montebelluna Elena Cavallin - Solagna


Momenti di vita

L’educazione, oggi La costruzione di una società più attenta all’educazione dei giovani richiede tempi lunghi e un forte impegno delle famiglie, della scuola e anche della società, di tutta la società. Alla fine della seconda guerra mondiale, di fronte ad una grave crisi economica e di fiducia, Alcide De Gasperi ha detto: “senza una ripresa di coscienza morale di tutte le classi del popolo italiano la ricostruzione materiale e civile è impossibile”. Nella stessa maniera si può dire che oggi il superamento della crisi dell’educazione sono indispensabili sia una presa di coscienza del problema da parte della società che la collaborazione di tutti i membri della stessa. Allo stato attuale, però, gran parte della popolazione non è ancora consapevole della gravità del problema dell’educazione dei giovani; e tra coloro che si interessano di questo problema ci sono idee e comportamenti di questo problema ci sono idee e comportamenti contrastanti: da una parte ci sono molti giovani che, nati e cresciuti nel benessere, vedono il mondo solo con la fantasia e non si rendono conto che la vita è fatta anche di lavoro e di sacrifici (e con loro ci sono anche quelle persone per le quali bisogna rendere facile la vita per i giovani e non bisogna sottoporli a stress); dall’altra parte cu stanno coloro che sono legati al passato e che sono muniti di esperienze ma che, nati in periodo nel quale il mondo era statico, si trovano ora a vivere in una realtà in rapida evoluzione che essi hanno difficoltà a capire e seguire. Sul problema c’è un contrasto di generazioni, un contrasto tra giovani e anziani, che avrebbero tante cose da scambiarsi e potrebbero essere complementari, ma hanno una certa difficoltà a capirsi. Su questa incomprensione reciproca non bisogna però stupirsi più di tanto perché è un fatto generazionale: gli uni sono spensierati proprio perché giovani e gli altri sono posati proprio perché anziani. “C’è una stagione per ogni cosa”. Si dice nell’Ecclesiaste e cioè in uno dei libri dell’Antico Testamento. E’ sempre stato così, era così anche

4

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

quando noi eravamo giovani. In una società nella quale non c’è dialogo tra le generazioni chi avrà la capacità e la forza di introdurre i cambiamenti necessari per un miglioramento dell’educazione? Secondo alcuni, la società è troppo imbevuta dei suoi interessi e quindi il rinnovamento ed il miglioramento dell’educazione dovranno arrivare dalla gioventù stessa, La pensa così il cardinale Dionigi Tettamanzi, di Milano, il quale, rivolgendosi ai giovani, ha detto: “Sono convinto che voi adolescenti possiate guarire il mondo malato di solitudine e di noia”. Guardando alla situazione dell’educazione di molti giovani, uno può dubitare che un miglioramento dei costumi possa essere il frutto di un ripensamento dei giovani stessi; ma non si può escludere che ragazzi ha hanno avuto un’educazione possano rimettersi sulla giusta strada. Dopo tutto, anche Sant’Agostino e San Francesco si sono lasciati trasportare nel turbinio delle follie giovanili, anche loro da giovani hanno condotto una vita sregolata e sono stati intemperanti; ma poi si sono ravveduti e con il loro nuovo comportamento hanno concorso a cambiare in meglio la società e la chiesa stessa (e questa li ha fatti santi). Sperare è bene, ma non è sufficiente. E’ necessario un impegno di tutti; nessuno può esimersi dal dovere sociale di collaborare al miglioramento dell’educazione che è un bene comune. Ogni membro della società deve cooperare alla soluzione di questo problema importante e difficile, e deve farlo non solo per il bene proprio, per quello dei figli e dei nipoti ma anche per un “senso di responsabilità verso gli altri che è la più alta forma di altruismo” (F. Adornato); e deve farlo anche quando gli effetti della sua collaborazione dovrebbero manifestarsi nel lungo termine, magari, quando lui non ci sarà più. In proposito il papa Giovanni Paolo II, nel suo libro “Alzatevi e andiamo”, ha scritto che “bisogna essere generosi nella semina, anche se saranno gli altri a raccogliere i frutti delle proprie fatiche”. Purtroppo in molti anziani c’è la tendenza a guardare soltanto indietro, al passato,

mentre si dovrebbe guardare e cercare di capire il presente, anche se non piace, e a guardare alla realtà in funzione dell’avvenire perché “solo per l’uomo che scopre in sé una passione per il futuro l’idea del passato assume un senso e costituisce un valore” (Paul Valery). Riassumendo, il miglioramento del sistema educativo è un dovere di tutti. I genitori, le persone più interessate all’istruzione dei loro figli; devono seguirli nel loro sviluppo, sia fisico che intellettuale, devono evitare di tenerli nel “punaro” nella bambagia, devono aiutarli a vedere i problemi e le invidie della vita, devono aiutarli ad abituarsi alle fatiche dello studio e anche a quelle del lavoro manuale, fisico che è pure educativo (si ricordi, in proposto, la regola dei benedettini “ora et labora”). A questo proposito mi ritorna in mente il pensiero di un pescatore orientale il quale diceva: se vuoi bene a tuo figlio, che vorrebbe mangiare, non dargli un pesce, dagli una canna da pesca e insegnagli a pescare”. Gli insegnanti, dal canto loro, che possono influenzare moltissimo i giovani, devono insegnare che “non si studia per la scuola ma per la vita”; devono trasmettere, non solo nozioni delle varie materie umanistiche e di quelle scientifiche ma anche l’amore per lo studio e l’interesse per il lavoro, così come il coraggio di avere e di esprimere le proprie idee, di sviluppare la propria personalità – anche critica – indipendentemente dai gruppi e dalle mode e di trasmettere loro il coraggio di non scendere a compromessi; in definitiva gli insegnati devono iniettare nei giovani quelle regole che servono a far loro dei buoni cittadini rispettosi degli altri e trasmettere loro anche il senso della disciplina. A proposito della disciplina il prof. Bernard Bueb, preside per 30 anni del collegio privato tedesco di Salem, ha scritto un libro, intitolato “Elogio della disciplina”, nel quale – dopo di aver constatato il fallimento dei metodi educati antiautoritari e libertari del Sessantotto – afferma che “ è giunta l’ora di riscoprire la virtù dimenticata della disciplina e di ritrovare il coraggio


Momenti di vita della severità”; e soggiunge che per una buona educazione dei giovani è necessario avere nei loro confronti amore, ma è anche necessario imporre, senza mezzi termini, una giusta disciplina”. Genitori e insegnanti dovrebbero far capire che il buon comportamento, lo studio e il lavoro non sono solo un dovere morale nei confronti della propria famiglia e della società ma anche condizioni necessarie per avere possibilità di trovare un buon lavoro e di aver successo; e dovrebbero far capire che nella vita, come nello sport, non si arriva a conseguire buoni risultati senza sacrifici. E la chiesa, poi, attualmente in crisi, nel mondo e nel momento che viviamo dovrà tener saldi i propri principi ma forse, come ha detto l’arcivescovo di San Paolo, il cardinale Hummes, “non può dare risposte vecchie a domande nuove”. E i ragazzi? Loro, che sono le vittime inconsapevoli di un imbarbarimento dei costumi, da soli difficilmente potranno avere l’idea e la forza di cambiare. I ritmi della vita moderna non lasciano spazio alla riflessione per nessuno e quindi neanche per i giovani. Allora bisogna aiutarli a capire che il principio del “carpe diem” è fallace e non porta lontano, che bisogna darsi da fare. E’ vero che, purtroppo, nella società nella quale viviamo c’è il nepotismo e ci sono le raccomandazioni che fanno aiutare quelli che non lo meriterebbero; ma è anche vero, e bisognerebbe farlo capire ai giovani, che ognuno è in gran parte l’artefice del proprio destino, che alla fine con l’impegno c’è la ricompensa e che in sostanza – come dicevano i nostri vecchi – “chi la dura la vince”. Secondo Gary Backer, premio Nobel per l’economia nel 1982, “il sapere è sempre più fondamentale come base dell’economia e del benessere delle nazioni… la ricchezza di un individuo dipende principalmente dal proprio investimento nello studiare e dell’acquisire professionalità… e questo patrimonio di conoscenze deve essere costantemente aggiornato”. Se è così, e oggigiorno è così, allora non ci si deve abbandonare alla fortuna, ma ci si deve applicare sia nello studio che nel lavoro, forti del detto, che pure abbiamo sentito dai nostri genitori, e dai nostri nonni, “aiutati che il ciel ti aiuta”. Ma come si fa a convincere i giovani che è necessario e proficuo studiare e lavorare se i genitori accettano tutto,

danno tutto e giustificano tutto? E se insegnanti, spalleggiati da psicologi moderni, sostengono che non bisogna sottoporre a stress i ragazzi, che non bisogna sottoporli ad esami che potrebbero minare la personalità, ecc.? Su questo punto il psicologo Francesco Alberoni, poco convinto della capacità educativa dei genitori e di insegnati troppo accondiscendenti, ha scritto di recente: “Io mi rivolgo ai giovani: dovete chiedere più esami e dovreste chiederli più rigorosi…; è la prima volta nella storia che una generazione arriva all’università senza avere incontrato fin da piccoli una serie progressiva di esami, senza aver imparato a concentrarsi, ad affrontare le sfide, a combattere e a resistere alle sconfitte e alle frustrazioni… La sofferenza, la lotta, gli ostacoli, gli esami sono indispensabili per crescere, per diventare forti, per superare i problemi della vita”. La meritocrazia, necessaria per gli insegnanti, è utile anche per gli studenti perché premia i migliori ed evita che gli incapaci si illudano e si creino delle aspettative ingiustificate e che poi subiscano delle grosse illusioni. Lo studio comparato delle carriere fatte da uomini del mondo economico e da quelli del mondo sportivo ha messo in evidenza che l’unico modo per vincere una competizione, le molte competizioni che bisogna affrontare nella vita è quella di studiare e di lavorare sodo e con perseveranza, anche nelle fasi dell’apprendistato e cioè quando si devono fare dei lavori che non sono proprio di gradimento. A questo riguardo è istruttiva l’intervista rilasciata al Corriere della Sera dal famoso architetto Renzo Piano il quale ha raccontato che, nello stesso studio del suo maestro Albini, agli inizi qualche volta ha disegnato, ma, in pratica, ha fatto il ragazzo di bottega; ma per lui il lavoro con Albini è stata una scuola di vita perché là, ha detto,”ho imparato quella costanza, quella testardaggine, quella pazienza che sono fondamentali per raggiungere i nostri sogni.” Lo psicologo Francesco Alberoni, per un miglioramento dell’educazione e della volontà di emergere dei giovani, non si aspetta granché dai genitori e dagli insegnati e si rivolge direttamente ai giovani: ”Reagite, studiate lingue, studiate materie nuove, non stancatevi di cercare perché ci sono molte imprese che hanno bisogno di giovani attivi e competenti.

Siate pronti a spostarvi, abituatevi a lavorare duramente, andate all’estero”. Ma per andare all’estero per imparare le lingue con profitto oppure per andare all’estero per lavorare con successo è necessario avere già una solida base di conoscenze prima di partire perché, come dicevano i vecchi veneziani – forti di un’esperienza maturata con tanti viaggi – “viagiar descanta, ma chi parte mona torna mona”. Chissà se i giovani capiranno quali sono i loro veri interessi e quali principi dovrebbero seguire per raggiungere i loro obiettivi. Sapranno reagire all’andazzo a cui sono stati abituati con il benessere e con la mentalità portati dallo sviluppo economico e dalla rivoluzione sociale degli anni ’60 e ’70? Migliorerà o non migliorerà il sistema educativo nel nostro paese? Dagli studiosi del problema arrivano sia messaggi di sfiducia che messaggi di speranza. Secondo alcuni le prospettive di ravvedimento della comunità entro la quale i nostri giovani vivono non sono molto buone e quindi, per ora non ci sono speranze di un miglioramento dell’educazione di giovani. Purtroppo la persona così come anche molti insegnanti che, per i frequenti fatti di disordine, di disobbedienza, di bullismo e di violenza nelle scuole hanno perso l’amore per la loro professione; e in particolare la pensa così anche Carla Pratella, una signora di 58 anni, 34 dei quali passati in una scuola bolognese, la quale ha scelto, come vari altri insegnanti di andarsene prima di aver raggiunto l’età alla quale avrebbe potuto andare in pensione, “per un senso di solitudine e di scoraggiamento nei confronti di una professione che non è più un punto di riferimento educativo”. Secondo altri, invece, è vero, per ora le prospettive di un miglioramento dell’educazione dei giovani non sono buone, ma non dobbiamo lasciarci prendere dal pessimismo, anche perché il pessimismo porta lentamente al fatalismo. Dobbiamo quindi sperare in un miglioramento dei giovani e della società; e dobbiamo dire, a coloro che in proposito nutrono forti dubbi, dubbi magari anche giustificati che – come ha detto Norberto Bobbio – “il pessimismo della ragione deve essere combattuto e vinto dall’ottimismo della volontà”. s Giovanni Lovato

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

5


Cose di casa nostra

Transumanza

Un viaggio antico, dai monti al piano I tempi cambiano, ma a volte paiono arrestarsi o addirittura fare marcia indietro. È ciò che sembra accadere con la transumanza, un rito che si ripete alla fine di ogni estate con la chiusura delle malghe d’alpeggio. Fino a pochi anni fa sembrava che l’usanza di riportare le bestie dalla montagna a bordo di camion fosse ormai inevitabile, almeno per quelle che devono tornare nelle stalle della pianura; invece da qualche anno, vuoi per nostalgia, vuoi per folclore, qualcuno, seppure una minoranza, ha ripreso a fare il viaggio a piedi.... in effetti è tutta un’altra cosa veder passare camion mugghianti rispetto allo spettacolo di lunghe file di vacche con il loro tipico campanaccio

6

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

al collo. Questa consuetudine risale al periodo compreso tra la 1a e la 2a Guerra Mondiale e oggi, quella che viene chiamata transumanza, non è altro che lo “scarico” a piedi delle malghe. Come i nostri vecchi ogni primavera il malgaro sale, pieno di speranza, lungo la strada della transumanza, accompagnato nel suo passo dallo scampanellio della sua mandria... Scrive in un suo libro Mario Rigoni Stern “ogni autunno lo stesso scende dalla montagna amica con il desiderio del ritorno, ma sereno nel suo andar e contento del su raccolto”. Anch’io da qualche anno, visti i rapporti di amicizia che mi legano alla famiglia Bertacco (che da oltre venticinque anni “carga”

Malga Valleranetta) partecipo alla loro transumanza, non certo nota come quella di Bressanvido,... ma vi assicuro che le emozioni sono le stesse! Il cielo quel giorno tardava ad accendersi sopra la piana di Valleranetta: regnavano la nebbia, il freddo e tanta, tanta pioggia; tutti ci rendevamo conto che la giornata non era delle migliori. Ma la Sira, che gestisce la malga con il figlio Eligio e la nipote Elena, ha lo stesso imbandito la tavola di panini e bibite per noi, ospiti arrivati dal piano. I campanacci, oggetti antichi immancabili in ogni transumanza, sono già stati messi al collo delle bestie: i più grandi e caratteristici alle vacche capofila, che hanno tutte il loro


Cose di casa nostra

nome...Edera, Idea, Iris, Imola,.... Il loro suono incessante ci accompagnerà per tutto il viaggio verso casa e sarà la colonna sonora che attirerà la gente nelle piazze e ai margini delle strade; una della mandria porta un alberello sulla testa, adornato di fiocchi colorati: nemmeno i malgari ne conoscono con precisione il significato (sembra sia un’usanza svizzera): probabilmente è un modo per dare un saluto gioioso alle montagne... meglio un arrivederci! Alla palizzata che circonda la malga sono legati anche dei cavalli ...Pippo, Dama, Arabel,.... già sellati ed i loro nitriti si alternano ai muggiti delle vacche. Nel ruolo di cow boys Manuel, Michela ed Elena si muovono cercando di imitare i mitici personaggi del cinema western. La Elena, sposata da pochi mesi, si dedica con passione alla conduzione della malga: è lei il fulcro intorno a cui gira tutto, il “Jon Waine” della situazione, in tuta e stivali, quasi a ricordare che il malgaro non fa pausa nemmeno nei giorni di festa. Impartisce gli ultimi ordini ed in quel frastuono di campanacci dà il segnale della partenza.

Si scende verso sud, attraversando il grande pascolo di Vallerana; una leggera salita in località Saline ci immette nella strada che conduce a Rubbio. La mandria è accolta con flash e applausi al suo passaggio nei centri di Fontanelle, Gomarolo, Corsara, quasi si trattasse del grande Cesare di ritorno dalla Gallia. Non c’era nessuna Miss, nessuna velina, nessuna star della canzone o diva dello spettacolo o dello sport.... solo una semplice mandria. Cose dell’altro mondo vedere persone attratte da un simile spettacolo nell’epoca in cui imperversano computer, S.M.S., cellulari... Una domenica in cui alcune persone, abbandonato il telecomando, si lasciano trasportare nell’intento di fermare il tempo, anche se per poche ore, con l’imperativo di non mettere mano al telefonino se non per trasmettere in diretta il rumoroso e colorito transito della mandria a chi non è lì presente. In via Busa Bionda (contrada che si trova sopra Vallonata) il nostro viaggio sta per terminare; lo scampanellio, le urla, le risate, come per incanto si affievoliscono. Poche centinaia di metri pri-

ma della fattoria abita Giovanni (figlio della Sira e papà di Elena); nel vederlo affacciato alla finestra della sua casa in tutti noi è calato un velo di tristezza. Nei suoi occhi sarà scesa qualche lacrima e nei lucidi suoi pensieri avrà mugugnato “questa è l’ultima volta che vedo le nostre bestie all’arrivo”. Giovanni, un uomo buono, forte nelle idee e nel lavoro, semplice, riservato e umile nella vita di ogni giorno, da anni sta lottando contro <il male> con serenità, non facendo mai mancare, nel limite del possibile, il suo apporto nel lavoro della fattoria. Forte nel sopportare la sofferenza nelle difficili prove a cui il destino lo ha sottoposto, nutriva un grande amore per la famiglia come anche per il prossimo, pronto ad accettare tutti con rispetto ed amicizia. Purtroppo le mie e nostre sensazioni si sono avverate molto repentinamente: dopo pochi giorni se ne è andato lasciando un incolmabile vuoto nella sua famiglia e in tante persone che hanno avuto la possibilità di conoscerlo e di volergli bene. Ciao Joanin! s Luciano Bonato “de Pompeo”

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

7


Cose di casa nostra

Handicap: il singolo e la societa’ Ci sono due modi per affrontare il tema della disabilità: quello della passiva disperazione e quello dell’attività costruttiva di collaborazione e sensibilizzazione. Ne esiste un terzo, a dire il vero, quello della rabbia e della collera nei confronti di tutti e di Dio (se esiste). Se proviamo a rappresentare gli atteggiamenti sopra detti con una frase, se ci fate caso, è sempre la stessa con solo diverse intonazioni: “Perché a me”. Nel primo caso è un “Perché a me” che sottende un ingrato destino, nella seconda intonazione diventa una dichiarazione di responsabilità: “Dato che mi trovo in questa situazione dovrò pur fare qualcosa”, il terzo caso ci porta ad un punto esclamativo che, senza pietà, ci fa diventare dei “Giustizieri della notte” che se da una parte, giustamente, si indignano dall’altra, ingiustamente, diventano intolleranti… Se certamente il disabile deve situarsi nella via più possibile del dialogo, pena la sterilità della protesta, non possiamo escludere la società, gli altri, dalle proprie responsabilità; sempre più spesso i testi sulla “questione della disabiltà” centrano la condizione di handicap non tanto sul singolo quanto piuttosto sul tipo di società con la quale il disabile si confronta e si relaziona. E’ indubbio che, a parità di handicap, un soggetto con una famiglia che stimola la crescita è certamen-

8

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

te, passatemi il termine, meno disabile di uno al quale è stata concessa poca fiducia ed ancor meno speranza. Questa concezione “sociale” dell’handicap che mette in comune i problemi, gli svantaggi piuttosto che una concezione “individualista” di scoraggiamento o di menzogna mi ha fatto ragionare: cosa posso fare perché la disabiltà diventi questione sociale e diventi, come altre, questione affrontata e condivisa? Mi rendo conto che questo argomento non è affatto nuovo una delle prime leggi che si occupa di handicap è il DPR 384/78; mi rendo conto che, però, è anche uno dei temi meno trattati in Italia vuoi per il costo dell’abbattimento delle barriere architettoniche, vuoi per la scarsa quantità di disabili (meno male!), vuoi per, e questo è più grave, la paura e la pietà insita nella gente comune quando abborda questo tema. Con queste linee direttrici ho costruito circa dieci anni fa un progetto con ARCI-Pinerolo, ora di servizio civile nazionale, che si occupa di monitorare e censire le barriere architettoniche e di sensibilizzare le nuove generazioni attraverso un progetto dedicato alle classi quarte e quinte della scuola Elementare. Il progetto vuole avvicinare, in maniera più concreta e partecipata possibile, i bambini alla tematica

della disabilità polverizzando i luoghi comuni che la società abilmente, forse per pigrizia e paura, ha costruito loro tipo: “ha male alle gambe” oppure “è malato, poverino…” giungendo alla definizione “ufficiale” di handicap espressa dalla legge 104/92 art. 3, comma 1. E’ persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione Altro che luoghi comuni! Con questa definizione ben chiara possiamo, sempre con i bambini come parte attiva, toccare con mano le prescrizioni legislative, scoprendone il senso non di privilegio ma di uguaglianza sostanziale, analizzare la situazione del territorio e quella europea. “Non possiamo aspettare il grano se non l’abbiamo seminato” dice una bellissima canzone… E’ solo scommettendo sulle nuove generazioni che possiamo sperare di cambiare! Spero che questo articolo serva da stimolo anche a Campologo che, oltre a essere ricco di anatre, vino, grappa e soppressa lo è anche di barriere architettoniche! sLuca Prola


La nostra storia

Diavolo E L’Acqua Santa IL

T

ra le tante patate bollenti giunte sul tavolo da sbrigare, quella che sul finire del maggio 1926 preoccupava di gran lunga il Commissario Prefettizio di Valstagna sig. Cerio col. Cav. Ernesto, era senza dubbio la questione sollevata dalla nota del Commissario Reale per la Provincia di Vicenza del 29 maggio 1926, alla quale, qualche tempo dopo, si sarebbe aggiunta quella pari oggetto della regia Prefettura di Vicenza del 12 giugno 1926. Il termine perentorio delle missive obbligava il nostro Commissario Prefettizio riscontrare a vista la richiesta della “maggioranza degli elettori della frazione Oliero, rivolta al regio Ministero dell’Interno, per essere staccata dal comune di Valstagna e aggregata al comune contermine di Campolongo sul Brenta, il quale si era già pronunciato in senso favorevole alla richiesta degli elettori di Oliero”. L’aut aut era perentorio e, in mancanza della Giunta Comunale che supportasse le proprie decisioni e di un Consiglio Comunale ormai esautorato, l’unico giudizio pendeva quasi esclusivamente sul suo capo come la spada di Damocle. È ben vero che anche in un recente passato certe proposte avanzate da taluni irriducibili che non riuscivano a dimenticare le origini di un passato di preminenza sulle comunità contigue, ora in

Testo tratto da “L’ECO DEL BRENTA-UNITA’ PASTORALE, (Valstagna) anno VII, n° 23, marzo 2007

degrado e decadenza, oscurato da nuove emergenti realtà sociali ed economiche, erano state più volte tentate con esito negativo. Non per questo l’interesse a demordere era venuto meno. Se in passato Oliero poteva vantare una certa egemonia su quelli di Valstagna, nella situazione che si andava prospettando, impregnata senza dubbio da fattori ideologici e da particolari rancori, una tale levata di cresta non poteva che essere non accetta e autolesionistica da parte dei sottoscrittori. Per fare un po’ di luce nella faccenda e per cercare di trovare un bandolo nella intricata matassa, al nostro Commissario non restava che tergiversare e affidarsi all’evolversi degli avvenimenti. Purtroppo anche col tempo bisognava fare i conti e così una ulteriore missiva a distanza di poco più di un mese dalla prima, a firma del Presidente della Provincia di Vicenza, in data 25 giugno 1926, chiedeva con insistenza il parere del Consiglio Comunale sull’argomento. A nulla valsero le argomentazioni addotte dal chiamato in causa, cioè che la sua reggenza a Valstagna era limitatissima nel tempo, solo di qualche mese, per poter predisporre le elezioni amministrative nell’agosto prossimo venturo, e che i suoi atti, adottabili solo in materia d’ur-

genza, non potevano interessare siffatte argomentazioni, vietando, tra l’altro, la legge al Commissario provvedimenti che impegnassero il Comune oltre un quinquennio; punti di vista condivisi anche dal Prefetto di Vicenza che lo invitava ad astenersi dal pregiudicare la questione. Il braccio di ferro tra la Prefettura e la Provincia ebbe a spuntarlo quest’ultima, sottolineando ancora una volta, con nota del 31 agosto 1926, la necessità di promuovere l’atto deliberativo, allegandovi l’intero carteggio dell’istanza notarile del 10 aprile 1926 a firma del sig. Domenico Negrello, deceduto i 4 maggio 1926, poco dopo aver depositato la petizione. Con tale dossier tra le mani il Cerio non potè esimersi dall’incarico e chinare il capo accettando l’incomodo, assicurando in data 6 settembre 1926 la Reale Commissione di “studiare con tutta l’attenzione e delicatezza il caso... e soddisfare le aspettative di Oliero senza addivenire al distacco della frazione poiché il provvedimento pregiudicherebbe l’avvenire economico di Valstagna senza nemmeno avvantaggiare la comunità di Oliero”. A formalizzare l’inchiesta fu incaricato l’allora segretario comunale reg. Sebastiano Vedove. Il Funzionario, come del resto avviene per le attuali consultazioni, procedette in anteprima alla verifica della autenticicontinua a pg. 10

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

9


La nostra storia

Diavolo E L’Acqua Santa IL

segue da pg. 9

tà delle firme in calce all’atto, rilevando delle incongruenze, prima fra tutte la sottoscrizione di taluni notoriamente analfabeti. A contraddire inoltre l’asserzione della sottoscrizione referendaria della quasi totalità dei maggiorenti, si accertò che le firme in calce alla petizione erano in totale 120, sui complessivi 236 elettori della frazione, così suddivisi: “3 depennati, 3 morti, 3 in manicomio, 124 residenti, 104 all’estero, 4 non firmatari”. Da una disamina della situazione economica da sottolineare la nota un po’ campanilistica ma assai lungimirante stilata dal rilevatore in merito ai vari comuni della vallata, che vale la pena ricordare: “Bisognerebbe fare della Vallata del Brenta un comune unico mentre sono tanti i piccoli comuni, od almeno aggregare qualche comune piccolo ai maggiori”. Il comune di Campolongo, ridotto ad un modestissimo centro rurale, data la scarsa entità demografica e la insufficienza di mezzi disponibili, non ha modo di risorgere a nuova vita e di provvedere a una migliore organizzazione dei propri pubblici servizi e delle iniziative di interesse collettivo, per cui dovrebbe essere aggregato a Valstagna con apposito decreto reale, riservando alle civiche rappresentanze dei due comuni di stabilire le condizioni alle quali dovrà avere luogo la unione”. È facile evincere dalle circostanze come nel tempo si fosse facilmente propinato a quelli di Oliero l’idea di un più felice connubio con Campolongo, in particolare alle promesse di quest’ultimo di una sensibile riduzione delle pressioni fiscali contro le attuali vessazioni di Valstagna. La petizione sottoscritta fu peraltro sottoposta punto per punto ad attenta disamina, orientata a screditare i decantati criteri di “omogeneità etnica, ragioni sentimentali, giurisdizione ecclesiastica, rappresentanza in seno al Consiglio” addotti dai separatisti. In sintesi, si faceva menzione che la vantata autonomia territoriale ed amministrativa precedente a quella di Valstagna non poteva avere, alla luce dei fatti, che una valenza puramente storica.

10

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

Dal lato propriamente finanziario Oliero poteva contare solo su una più equa distribuzione contributiva in quanto i rapporti intercorsi per il pagamento delle spese generali del Comune, dopo la restaurazione del Regno d’Italia, con la separazione degli interessi fra le due comunità, erano rimasti invariati a fronte di una popolazione stazionaria per Oliero e quasi triplicata per il resto di Valstagna. Questa mancanza di equità sociale, già in un recente passato, era stata oggetto di un malcontento e un primo ricorso nel 1872 ebbe esito negativo, come pure quello del 1878 per ottenere l’annullamento del precedente ed in via subordinata l’annessione di Oliero a Campolongo, ricorso respinto dal Ministero nel 1880. La questione tornò a riesplodere nel 1886 causa l’inclusione nel Bilancio Generale del Comune di alcune spese prima tenute separate, con maggior aggravio per Oliero; così si ripeté nel 1903 quando, causa l’incremento demografico territoriale, le spese a carico di Oliero furono elevate da Lire 6.000 a Lire 20.000. All’esame dei fatti, anche se quest’ultime somme fossero andate ad incrementare le irrisorie finanze di Campolongo, a rimetterci non sarebbe stato altro che Oliero, non potendo questi più usufruire dei servizi garantiti da Valstagna e a Campolongo invece inesistenti. Per tentare di smussare i reciproci sospetti, sempre pungolato dai superiori Uffici, si interposero ancora una volta i buoni uffici del nostro Commissario, che pensò bene di fare una verifica sul campo con quelli di Oliero. Di questo suo tentativo ebbe a darne comunicazione alla Prefettura di Vicenza in data 13 settembre 1926. In concomitanza all’indizione, parroco consenziente, di una riunione coi sottoscrittori di Oliero per trattare della questione, altri risvolti del caso ebbero a sindacare l’attività dell’allora rettore don Sante Franceschini che, “pur non comparendo mai direttamente di persona” si insinuava ordisse coi parrocchiani

l’ampliamento della sua giurisdizione di Oliero a scapito del territorio parrocchiale di Campolongo. L’appello rivolto ai parrocchiani per discutere della situazione ebbe a radunare, il primo di ottobre, presso le scuole elementari della frazione, per l’esattezza solo 25 persone. Fu facile allora evincere dalle circostanze che del fattore portato in campo “gli abitanti di Oliero poco si rammaricassero e optassero verosimilmente pro volontà del Clero”. Finalmente l’anno 1926, il giorno di sabato 30 ottobre, l’ancora in carica Commissario Prefettizio, dato che le elezioni amministrative causa il clima politico in essere erano state rinviate a data da destinarsi, sottoscrisse il tanto atteso parere del Consiglio Comunale che deliberava: “...di emettere voto contrario alla scissione della frazione di Oliero dal Comune di Valstagna, il quale dovrà rimanere costituito come attualmente”. Malgrado le apparenze gli animi non si erano affatto dati per vinti. Una ulteriore petizione, quest’ultima a firma del sig. Rocco Pozza, venne nuovamente a turbare i sonni del nostro amministratore in campo, contestando l’esito dell’istanza del Negrello, alla quale egli non poté che ribadire con la nota conclusiva del 9 novembre 1926. Suo rammarico l’aver constatato che i firmatari “pur allettati dalla unione territoriale sotto Campolongo, abbiano a seguire supinamente le istruzioni del Parroco col quale non volevano mettersi in contrasto, confermandosi per niente entusiasti delle separazione”. Certamente il clima politico non era affatto idilliaco, le manifeste avversità contribuivano ad esacerbare gli animi e gli scontri erano all’ordine del giorno. In riscontro alla nota commissariale il Prefetto di Vicenza prendeva atto della situazione, chiudendo la vertenza e ristabilendo, con soddisfazione dei più, lo stato dei fatti. Dal 16 novembre il sig. Cerio col. cav. Ernesto, Commissario Prefettizio in Valstagna, ebbe a dormire sonni meno agitati.


Rovistando nei cassetti

Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” è un’associazione senza scopo di lucro che nasce da una manifestazione sportiva “Terni Minsk - est: due ruote per la pace” che aveva come scopo quello di superare le frontiere dell’est per portare un messaggio di pace e di speranza dalla città di San Valentino (Terni) a Minsk, capitale della Russia bianca (Belarus). Questa manifestazione durò 5 anni, ma in seguito nacque l’esigenza di creare una Fondazione e nel mese di febbraio del 1992, dai due soci fondatori Padre Vincenzo Bella (frate dei minori conventuali, al tempo parroco della Chiesa di San Giuseppe Lavoratore di Terni) e Fabrizio Pacifici (al tempo presidente provinciale della Uisp di Terni), la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” cominciò il suo lungo cammino.In pochi anni le famiglie aderenti alla Fondazione sono diventate circa 5000 distribuite in tutta Italia organizzate in oltre 240 Comitati locali. La Fondazione opera, grazie al lavoro del volontariato, nel campo degli aiuti umanitari e nell’assistenza a medio e lungo termine ed incoraggia ogni iniziativa volta ad informare e a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle emergenze e le problematiche relative al territorio in cui opera: attualmente la meta privilegiata delle sue spedizioni umanitaria è la Bielorussia. I promotori, colpiti dalla drammatica realtà e dalle sofferenze della gente che hanno subito gli effetti del disastro nucleare di Chernobyl, avvenuto nel 1986, si sono impegnati per attivare un sistema di solidarietà nei confronti delle persone, bambini in particolare, che si trovano in precarie condizioni di salute ed in gravi difficoltà economiche (la Bielorussia è stata una delle regioni più colpite dalle radiazioni e le conseguenze di tale tragedia sono destinate a durare ancora molto a lungo perché il territorio è gravemente contaminato: i riflessi economici, sociali e sanitari sono drammatici e trovano nei bambini le prime vittime, che sono però anche potenzialmente i soggetti più facilmente recuperabili). In concreto, per aiutare la popolazione della Bielorussia, la Fondazione opera attraverso la

realizzazione di diversi progetti che prevedono sia interventi diretti sul territorio del Paese (sanitari, educativi, di sviluppo, di sostegno ecc.) sia interventi che prevedono l’ospitalità, da parte di famiglie italiane, di bambini provenienti dalla Bielorussia il cosiddetto Progetto “Vacanza Risanamento”. Durante questo periodo di “vacanza”, della durata di circa un mese all’anno,ripetibili per almeno 3 o più anni, i bambini possono così aumentare le loro difese immunitarie, migliorare la loro salute generale e soprattutto possono sperimentare un’accoglienza affettuosa e solidale. E’ in tale progetto che ormai da anni opera attivamente anche il Comitato “Amici della Bielorussia - Valbrenta” il quale quest’anno festeggia il 10° anno di accoglienza dei bambini provenienti dalla Bielorussia (dal 1998 ad oggi n. 77 famiglie diverse della Valbrenta hanno ospitato 108 bambini diversi per un totale complessivo di 306 periodi di vacanza terapeutica dei bambini). L’arrivo dei bambini della Bielorussia in Valbrenta di norma è previsto per la fine del mese di maggio mentre la partenza per la fine del mese di giugno o nei primi giorni del mese di luglio (per un numero complessivo di 4 - 5 settimane). Durante tale periodo i bimbi oltre a partecipare alla vita familiare della famiglia ospitante, sono impegnati in molteplici attività tutte organizzate e sostenute dal punto di vista economico dal Comitato (nel primo periodo di accoglienza i bambini sono accolti presso la struttura scolastica messa a disposizione del Comune di Valstagna, è prevista una breve vacanza di 4-5 giorni di solito in montagna, oltre alla partecipazione delle varie gite organizzate dal Comitato). Durante tutto il periodo della vacanza terapeutica i bambini sono accompagnati da una maestra e da un’interprete le quali sono di appoggio alle famiglie ospitanti e sempre disponibili per risolvere eventuali incomprensioni che nel corso dell’accoglienza potrebbero sorgere (per esempio per la diversità della lingua, dello stile di vita, ecc.). Per ospitare un bambino non bisogna avere

una grande casa o grandi disponibilità finanziarie, non c’è neppure bisogno di conoscere la lingua perché la comunicazione è semplice e per lo più fatta di segni più che di parole. E’ invece necessario che la famiglia che intende ospitare un bambino sia motivata e spinta da spirito altruistico, che abbia tempo da dedicare e voglia di dare un po’ di affetto ad un bambino che si trova a vivere in condizioni (ambientali, economiche ed affettive) meno fortunate delle nostre. Accogliere ed ospitare un bambino è un gesto di solidarietà e significa garantire ad un bambino un aiuto concreto fisico e morale. Anche nella nostra comunità di Campolongo sul Brenta sino ad ora hanno partecipato all’attività del Comitato Valbrenta 8 famiglie diverse accogliendo 15 bambini diversi per un totale di 42 periodi di vacanza terapeutica dei bambini. E’ con questo spirito di fratellanza che il nostro Comitato sta’ portando avanti una campagna di sensibilizzazione nei confronti di quelle famiglie che sentono il desiderio di sperimentare un’azione concreta di solidarietà e di amore verso un/a bambino/a. Il Comitato infatti, per poter portare avanti il suo impegno, ha bisogno del sostegno costante dei nuclei familiari residenti in Valbrenta ed è sempre pronto ad accogliere nuove famiglie volonterose e disposte ad impegnare, per il bene del prossimo, il proprio tempo libero. Per ulteriori informazioni rivolgersi: • Giuliana Dellai Oliero di Valstagna - Tel. 0424 99648 • Marialuisa Mocellin Solagna - Tel. 0424 817517 • Alberto Serradura Campolongo sul Brenta - Tel. 0424 817625 Per un eventuale contributo economico si potrà effettuare il versamento presso Cassa Rurale della Bassa Valsugana Agenzia di Valstagna Codice IBAN IT26 W 08102 60840 0000003061366

s Un gruppo di famiglie di Campolongo sul Brenta

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

11


Rovistando nei cassettiti

Alcuni documenti

conservati nell’archivio del Comune di Campolongo testimoniano come, tutto sommato, alcune cose nell’ambiente della scuola non sono poi cambiate di molto. Lettera del Direttore Didattico per la pulizia dei locali scolastici.

Bandiera italiana in dotazione alla Scuola Elementare di Campolongo con al centro lo stemma Sabaudo.

Per tassative disposizioni di legge la pulizia dei locali deve essere fatta almeno due volte per settimana da persona incaricata dal Comune e non dagli scolari. Se V.S. Ill. non avesse ancora provveduto in conformità La prego di farlo con sollecitudine, favorendo un rigo in merito acciò io sappia riferire a l’Autorità Superiore. Ossequi

On. Tipografia Cav. G.B. Ferrazzi, Valstagna Pregiomi commettervi il seguente materiale occorrente per le scuole di questo Comune: gesso per lavagna bianco scatole n.4 “ colorato “ n.2 matite colorate n. 6 matite comuni n. 6 registri di classe n. 4 carta assorbente (fogli grandi) n. 3 regoli n. 2 gomme per inchiostro n. 3

Rosà 7.9.1927 Anno V°

25 settembre 1936 XIV°

DIREZIONE DIDATTICA GOVERNATIVA ROSÀ

R. DIRETTORE DIDATTICO

IL PODESTÀ

Matrimonio, nel 1919, tra Giovanni Vialetto “Becari” e Maria Vialetto “Ciori”. Continuiamo la pubblicazione delle foto realizzate in occasione della visita del Vescovo Girolamo Bortignon, l’8 settembre 1964.

12

Il Vento del Brenta • Giugno 2008


Relazione redatta

dalla restauratrice Antonella di martinato L’opera è composta da una croce, presumibilmente non coeva alla struttura del Cristo, e da una scultura raffigurante le effigi del Cristo in croce. Le dimensioni sono di circa un metro per ottanta centimetri (sempre in riferimento alla scultura). Si intravede ad una prima analisi un attacco di insetti xilofagi (che si nutrono di legno), sia sulla struttura che sulla croce. La scultura presenta molte lacune del supporto dovute probabilmente ai vari spostamenti avuti dall’opera. La superficie si presenta sporca e annerita dal fumo delle candele. L’opera è stata ridipinta più volte come si intravede da alcune lacune della superficie pittorica. Il cartiglio era quasi certamente decorato. L’ultimo intervento che la scultura ha subito è stata una pesante patinatura che rende il manufatto monocromo.

• Rimozione elementi estranei alla scultura, come chiodi, viti, inserti in pasta di legno. • Rimozione degli strati di pellicola pittorica non originale tramite resin soap e solven gel • Trattamento disinfestante (a iniezione e con sacco sotto vuoto) del massiccio attacco xilofago. • Pulitura specifica della pellicola pittorica originale con soluzione idonea a tampone. • Stuccature sotto livello delle lacune del supporto. • Ricostruzione degli elementi strutturali mancanti (dita delle mani e dei piedi, parte del capo e della corona di spine). • Stuccature a livello delle lacune

della pellicola pittorica e dei fori provocati dai tarli. • Reintegro cromatico a rigatino. Nella zona del perizoma si è preferito lavorare con un leggero e trasparente abbassamento di tono a velatura su toni originali, riproponendo l’elemento decorativo delle fasce color amaranto. • Stesura di un protettivo finale. CROCE 1 - Carteggiatura delle vecchie vernici. 2 - Trattamento antitarlo. 3 - Stuccature. 4 - Abbassamento di tono con leggera laccatura mordenzata. Alla fine si è provveduto al fissaggio della scultura alla croce con elementi removibili.

TIPOLOGIA D’INTERVENTO EFFETTUATO CROCIFISSO LIGNEO • Apertura dei tasselli d’indagine in varie zone della scultura. • Distacco della scultura dalla croce non coeva.

Tempo di Restauri Dopo il tetto della chiesa anche il crocifisso ligneo e la statua del capitello di “Gualiva” sono stati oggetto di restauro, operazione che ha ridonato l’originario splendore alle due opere. La statua della Madonna, restaurata da Fausto Bonato, è stata riportata processionalmente alla sua dimora (rinfrescata per l’occasione da un gruppo di volontari) il pomeriggio del 31 maggio, accompagnata da un discreto numero di fedeli. Il parroco don Paolo ha poi celebrato la S. Messa e, insieme, alla fine, hanno condiviso un gradito spuntino. Il Vento del Brenta • Giugno 2008

13


????? ??? ???????

Ponte sul fiume Brenta INTERVENTI ESEGUITI NEGLI ANNI 2004 - 2008 a cura dell’Ufficio Tecnico Il ponte sul fiume Brenta in Comune di Campolongo sul Brenta è stato realizzato negli anni 1966 – 1967; il medesimo si sviluppa su cinque campate di cui tre a struttura in cemento armato precompresso e due centrali con struttura portante in carpenteria metallica. La lunghezza delle campate va da un minimo di metri 21,00 ad un massimo di metri 22,30; la larghezza del ponte, inclusi marciapiedi laterali è di metri 8,06. La struttura già nel 1983 è stata oggetto di interventi di manutenzione con il rinforzo delle pile di sostegno mediante l’infissione di micropali e realizzazione del plinto di collegamento superiore per garantire una maggiore stabilità. Negli anni a seguire il ponte è stato interessato da altri interventi come di seguito elencato: 1) INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLE STRUTTURE DEL PONTE SUL FIUME BRENTA - 1° STRALCIO. Nell’anno 2004 l’Amministrazione Comunale ha appaltato i lavori relativi al 1° stralcio di consolidamento delle strutture del ponte che ha interessato la sistemazione delle travature portanti che, come accennato nelle premesse sono tre in c.a.p. e due in ferro. Nelle travi in cemento armato è stata eseguita l’asportazione delle parti in distacco o dotate di insufficiente resistenza, la pulizia dei ferri d’armatura messi in vista e la loro passivazione; il successivo trattamento con prodotti idonei. Oltre alla riparazione delle porzioni di cemento per il ripristino dello strato “copriferro” per la protezione delle

14

Il Vento del Brenta • Dicembre 2007

staffe e dei ferri correnti d’armatura, è stata eseguita anche la regolarizzazione superficiale delle travature mediante rasatura con malte pronte idonee a resistere a sollecitazioni termiche ed aggressioni acide cui sono sottoposte. Per quanto riguarda invece le travi metalliche sono stati eseguiti gli interventi di sabbiatura della superficie, l’applicazione di vernice bicomponente aggrappante e successiva stesura di smalto protettivo retronacrilica. L’importo complessivo dell’opera è stato di Euro 185.900,00 2) INTERVENTO DI STABILIZZAZIONE ALVEO IN CORRISPONDENZA DEL PONTE L’intervento in oggetto è stato progettato dall’Ufficio del Genio Civile, ed è sorto dalla necessità di proteggere dai fenomeni di erosione le fondazioni delle pile del ponte. Nel mese di marzo 2006 è stato dato avvio ai lavori con i quali si è provveduto alla realizzazione di una platea costituita da massi ciclopici posti affiancati uno all’altro nell’alveo del fiume Brenta in corrispondenza del ponte. I dati della superficie della massicciata sono i seguenti: • lunghezza mt 107,50 (con 5 campate); • larghezza ponte 8,05; • La massicciata è stata eseguita, oltre a sotto il ponte, anche per una estensione di 14,00 m. verso valle e metri 7,50 nel lato verso monte. • In corrispondenza dei piloni del ponte i massi sono stati uniti assieme, per formare un unico blocco, mediante getto di calcestruzzo.

• Il livello dalla platea finito è a quota 125,00 m, mentre il livello medio con portata 50 mc/sec è a 127,55 m. 3) INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLE STRUTTURE DEL PONTE SUL FIUME BRENTA – 2° STRALCIO: SISTEMAZIONE DEI GIUNTI DI DILATAZIONE SISTEMAZIONE PARAPETTI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE E PIANO VIABILE. Nell’anno 2007 l’Amministrazione Comunale ha appaltato i lavori relativi al 2° stralcio di sistemazione del ponte. L’intervento, del costo complessivo di Euro 114.800, ha riguardato il miglioramento della sicurezza stradale e l’ammodernamento della struttura viaria, con l’esecuzione dei seguenti lavori: • rifacimento dei giunti di dilatazione; • sistemazione dei marciapiedi esistenti; • realizzazione del marciapiede nel lato nord per una lunghezza di metri 50 circa, al fine di creare un collegamento pedonale tra il ponte ed il marciapiede esistente nella Strada Provinciale “Campesana - Valvecchia”; • sistemazione del parapetto esistente lati nord e sud con sabbiatura e verniciatura delle strutture in ferro e posa sul lato esterno di una nuova recinzione a maglia quadra, per il miglioramento della sicurezza; • esecuzione di impianto di illuminazione pubblica con posa di nuovi pali e corpi illuminanti - serie “Artistica” • rifacimento completo del piano viario con asfaltatura della carreggiata stradale dalla Strada Statale 47 fino alla Provinciale.


Cose di casa nostra Fabbricati ex rurali posti in comune catastale di Campolongo sul Brenta In tutto sono stati segnalati n. 74 fabbricati. Foglio Num./Sub

Foglio Num./Sub

1

27/1

3

546/2

1

27/2

3

560/1

1

58

3

560/2

1

68/1

3

564/1

1

112

3

564/3

1

148/2

3

577/1

1

350/1

3

580

1

350/2

3

581/2

1

350/3

3

590

1

359

3

740

1

528

3

751

1

595/1

3

753

1

595/2

3

782/1

1

595/3

3

782/2

1

596/1

3

784/1

1

620

3

792

3

47

3

843

3

48

3

847/1

3

115

3

847/2

3

125

3

886

3

166

3

892

3

266

3

902

3

270

3

1075

3

275

3

1076

3

276

3

1110

3

334

9

16/1

3

354/1

9

24/1

3

354/2

9

36

3

354/3

9

42

3

388/1

9

67

3

418/2

9

110

3

441

9

134/1

3

463

9

151/1

3

519/1

9

193/1

3

519/2

9

193/2

3

521/2

9

349/1

3 15

Il 530/2 Vento del Brenta •9 Dicembre 2007 429

pubblichiamo un sunto delle disposizioni in tema di fabbricati non più da considerare rurali e l’elenco delle particelle che interessano il Comune di Campolongo, offrendo così la possibilità ai proprietari di accertare se sono tenuti agli adempimenti previsti dalla legge. Immobili per i quali siano venuti meno i requisiti di ruralità La recente normativa ha stabilito che l’Agenzia del Territorio proceda all’individuazione dei fabbricati già iscritti al catasto terreni per i quali siano venuti meno i requisiti di ruralità, richiedendo “ai titolari di diritti reali la presentazione degli atti di aggiornamento catastale. Adempimenti di parte richiesti I soggetti titolari di diritti reali sugli immobili iscritti al Catasto terreni presenti nelle liste pubblicate devono provvedere a dichiararli al Catasto Edilizio Urbano entro sette mesi dalla data di pubblicazione del comunicato nella G.U. (la data di pubblicazione è riportata nelle liste in corrispondenza dell’immobile interessato). Si precisa, infatti, che a seguito della perdita dei requisiti di ruralità i possessori dell’immobile hanno l’obbligo di presentare denuncia di nuova costruzione urbana in catasto. La denuncia deve essere predisposta a firma di un tecnico abilitato alla redazione degli elaborati tecnici occorrenti. Il mancato adempimento Qualora i soggetti interessati non presentino le dichiarazioni al catasto edilizio urbano entro la scadenza dei sette mesi (a partire dalla data di pubblicazione del comunicato nella G.U.), gli Uffici Provinciali dell’Agenzia del Territorio provvedono, in surroga del soggetto obbligato inadempiente e con oneri a carico dello stesso, all’accatastamento. Particolari situazioni che non comportano adempimenti di parte I soggetti titolari di diritti reali sugli immobili per i quali siano venuti meno i requisiti di ruralità, non sono tenuti ad alcun adempimento nei casi in cui: • l’immobile sia già censito al catasto edilizio urbano; • l’accatastamento dell’immobile sia avvenuto successivamente alla pubblicazione del comunicato in G.U.; • il fabbricato è stato demolito; • il fabbricato è un rudere; • non esista alcun fabbricato sul terreno indicato; • la tipologia di immobile non richieda denuncia al Catasto edilizio urbano (immobile ad uso strumentale quale stalla, magazzino agricolo, sede dell’attività agricola, agriturismo, ecc…) In questi casi è opportuno inviare una specifica segnalazione, che può essere compilata secondo un modello prestampato, all’Ufficio provinciale competente dell’Agenzia del Territorio (anche attraverso il servizio postale).

Il Vento del Brenta • Dicembre 2007

15


W gli Alpini E’ GIA’ STATA CONVOCATA DEGLI ALPINI L’ADUNATA E BASSANO E’ GIA’ IN FERMENTO DATO IL GRANDE AVVENIMENTO. SON LE STRADE E LE FINESTRE TUTE PIENE DI BANDIERE PER ACCOGLIER DEGNAMENTE LE GLORIOSE PENNE NERE. NEI RACCONTI DEGLI ANZIANI SEMPRE VIVONO LE IMPRESE CHE GLI ALPINI HANNO COMPIUTO PER DIFENDERE IL PAESE. DAL CALVARIO IN ORTIGARA FIN TRA I SASSI A CIMA GRAPPA AI NEMICI HANNO INSEGNATO CHE SI LOTTA E NON SI SCAPPA. COME PURE SULLE NEVI DELLA RUSSIA SCONFINATA HAN PROTETTO COMBATTENDO LA PENOSA RITIRATA. ED ANCOR FRA I TERREMOTI I DISASTRI E LE ALLUVIONI SONO I PRIMI NELL’AIUTO VERSO LE POPOLAZIONI. PURE OVUNQUE C’E’ CONTESA SON CHIAMATI AD OPERARE PER FERMARE I COMBATTENTI E LA PACE RIPORTARE. POI TORNATO AL SUO VILLAGGIO SI RITEMPRA IL BALDO ALPINO AL CALOR DEL FOCOLARE CON UN BUON BICCHIE DI VINO.

Le foto dell’Adunata a Bassano del Grappa sono di ALESSANDRO ZANNONI

E SUL PONTE DI BASSANO CI DAREMO ANCOR LA MANO. Tolio Domenico


81 Adunata degli Alpini a

Alcune immagini scattate in occasione dell’Adunata degli Alpini tenutasi nella vicina Bassano del Grappa il 9 - 10 - 11 maggio. Il cappello d’alpino, la sfilata del Complesso bandistico, la deposizione di una corona al monumenti degli Alpini e la bandiera tricolore sono simboli e momenti che hanno caratterizzato, anche nel nostro paese questa festa.

Da lla me nte creativ e da lle abili ma ni dell’al pin o “de gli Alf ieri”, da una pez Ro ma no Via lett o riprodu zio ne di un cappelzo di leg no di pero e’ uscita un a perfett a lo d’a lpin o.

Il Vento del Brenta • Dicembre 2007

17


Notizie flash

Condoglianze E’ venuto meno, all’età di 76 anni, Bernardino “Luciano” Vialetto “dei Becari” il 21 novembre scorso che, da molti anni, risiedeva a Bassano del Grappa. Ai suoi famigliari giungano i sensi del nostro cordoglio. Nicolino Vialetto (Nico) “degli Alfieri” è mancato il giorno 29 novembre 2007 all’età di 76 anni. Alla moglie, alle figlie e ai parenti pervengano le nostre più vive condoglianze. Bernardino Bonato “Dino dei Marti”, già presidente del coro parrocchiale, è deceduto il 30 dicembre scorso all’età di 78 anni. Le nostre condoglianze giungano alla moglie, ai figli ed ai suoi parenti. Lo scorso 8 febbraio è mancato all’affetto dei suoi cari Mario Volpe “Ongia”. Aveva 83 anni e da molti anni risiedeva a Milano. Alla moglie ed ai suoi famigliari giungano i sensi del nostro cordoglio. È venuto meno, il 16 febbraio scorso, a Verona dove risiedeva da tempo, Bernardino Bonato (Nino) di Domenico “dei Marti”. Ha svolto, per un lungo periodo, la funzione di portinaio e aiuto cuoco presso il convento dei frati della Madonna dell’Olmo di Thiene. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a Verona presso la sorella Maria.

18

Il Vento del Brenta • Giugno 2008

È venuta meno, il 7 marzo scorso, Maria Paola Pellizzari in Vidale di anni 64. Risiedeva a Pove del Grappa assieme al marito al quale inoltriamo le nostre condoglianze da estendere ai figli ed ai parenti.

Il giorno 1 febbraio scorso è venuto alla luce Andrea Mocellin, figlio di Francesco e Giovanna nonché nipote di Giannino, una delle colonne portanti della nostra Associazione. Auguri a tutti per un futuro sereno.

È mancato Giovanni Vialetto “Ninon” di anni 80, il 9 marzo scorso. Alla moglie, ai figli e a tutti i suoi parenti giungano i sensi del nostro cordoglio.

Neolaureato Il 30 novembre 2007, presso l’Università degli studi di Padova facoltà di medicina e chirurgia, Flavio Serratura è stato proclamato dottore in scienze infermieristiche con il punteggio di 108 su 110. Al neolaureato vada un doppio complimento perché ha saputo proficuamente conciliare il lavoro come caposala presso l’ospedale di Bassano del Grappa e lo studio, conseguendo un ottimo risultato. Auguri per il futuro e complimenti anche ai genitori di Doriano e Flavio, Anna e Arnaldo.

Giovanna Donazzan è mancata all’età di 84 anni. Ai parenti giungano le nostre più vive condoglianze. Le famiglie BONATO, ZANNONI e PROLA ringraziano commosse e riconoscenti per la dimostrazione di stima ed affetto tributata al loro caro sia quanti hanno partecipato alle celebrazioni di questo triste evento sia quanti, con il loro cuore, hanno reso meno insopportabile questo momento. Fiocchi azzurri Doppio fiocco in casa Serradura il 17 novembre scorso è venuto alla luce Francesco, secondogenito di Gloria e Doriano Serradura.

Confetti rossi Il 19 marzo scorso si è laureata presso l’Università degli studi di Padova, in ingegneria civile, Elisa Bonato, figlia di Floriano e Anna. Alla neodottoressa ed ai suoi genitori vadano i nostri più vivi complimenti con l’augurio di un soddisfacente inserimento nel mondo del lavoro. All’appuntamento dei 55 La classe del 1952 ha festeggiato i suoi 55 anni di età sabato 12 gennaio scorso. Dopo la messa di ringraziamento celebrata dal


Notizie flash

parroco don Paolo, gli amici della classe si sono ritrovati presso un ristorante del paese per trascorrere una piacevole serata alla quale hanno partecipato di buon grado anche i coetanei che da anni risiedono fuori paese e regione. Martina Bastita è campionessa italiana di ciclocross

Il 13 gennaio scorso a Garbagnate (VA) si è disputato il campionato italiano di ciclocross, categoria donne fascia “A”. A sbaragliare il campo delle agguerrite concorrenti ed a cogliere una meritatissima vittoria ci ha pensato la nostra compaesana Martina Bastita (trentenne figlia di Piero e Sandra) che gareggia per conto della società Fiordifrutta. La forte atleta campolonghese ha così coronato una carriera

ricca di soddisfazioni ed ha colto i frutti di tanti sacrifici affrontati per conciliare il lavoro e la sua passione sportiva. Con questo successo continua la tradizione famigliare della famiglia Bastita, originaria di Cuneo; negli anni Sessanta ai tempi di Italo Zilioni, Franco Balmamion e Gianni Motta c’era anche lo zio Antonio che correva a fianco di questi campioni delle due ruote. Complimenti vivissimi alla neocampionessa, ai suoi famigliari ed un particolare augurio in vista dell’imminente matrimonio. In pellegrinaggio alla Beata Giovanna Mercoledì 12 marzo un bel gruppetto di donne è partito da Campolongo, a piedi, per recarsi in pellegrinaggio a Bassano nella chiesa dedicata alla Beata Giovanna

Bonomo. Rinverdendo una vecchia tradizione, le pellegrine si sono ritrovate a partecipare alla messa celebrata in onore della Beata, contornate da numerosi campolonghesi, di tutte le età, che si erano dati appuntamento nel luogo di culto. Il nuovo Consiglio pastorale parrocchiale Dopo che si sono svolte le elezioni (hanno votato 157 persone su 600 aventi diritto) il nostro parroco Don Paolo ha comunicato i nominativi dei componenti del nuovo Consiglio pastorale parrocchiale. Esso è composto dal don Paolo, parroco, membro di diritto e Presidente: Giovanni Negrello, Mirko Bianchin, Carlo Mocellin, Davide Vendrasco, Elisabetta Lunardon, Francesca Lazzarotto, Alfio Mocellin, Cristina Marini, Alberto Fiorese, Alessandro Parolin, Roberto Bianchin, Valentino Vialetto, Angelina Giacomazzo, Simonetta Cavalli, membri eletti dalla Comunità; Ruggero Rossi e Simone Vigo, membri cooptati dal parroco. Può darsi che le esigenze e le situazioni richiedano di cooptare ancora una o due persone. Il Vento del Brenta • Giugno 2008

19


IL VENTO DEL BRENTA 06-2008  

trimestrale della pro loco di campolongo sul brenta anno XXVI - N° 1 GIUGNO 2008 Direzione, Amministrazione, Redazione: Casella Postale n.1...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you