Issuu on Google+

LE CORBUSIER MUSEO NAZIONALE D’ ARTE OCCIDENTALE A TOKYO 1957


IL PROGETTO SI BASA SUGLI ELEMENTI CARATTERIZZANTI IL MUSEO A CRESCITA ILLIMITATA TRATTATO DA LC SIN DAI PRIMI ANNI ‘ 20.

1929

Museo mondiale a ginevra

1931

Museo d’ arte contemporanea parigi

1945

PIANO DI RICOSTRUZIONE DELLA CITTà a saint die’


ESSO SI SVILUPPA SECONDO LA SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA


LO SVILUPPO DELLA FORMA SI BASA SULLA CRESCITA ORGANICA: RIMANE INALTERATA LA STRUTTURA DEL CAMPO E LA CONFIGURAZIONE DI BASE. SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA


LA SIMMETRIA SPAZIALE AD ESSA RELATIVA E’ COSTITUITA DA DUE FENOMENI: 1. ROTAZIONE 2. DILATAZIONE SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA


LA LEGGE DI CRESCITA DELLE SPIRALI, LOGARITMICA, IN ARCHITETTURA SI CHIAMA GNOMONE SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA

1 2 3 2

4

2

2

2

5

2


QUESTA FORMA PERMETTE: 1. L’ AMPLIAMENTO DEL MUSEO CON L’ AGGIUNTA DI “ STANZE MODULARI”

SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA


QUESTA FORMA PERMETTE: 2. LA CONTINUITÀ DEL PERCORSO NELLO SPAZIO MUSEALE SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA


“ LA SPIRALE DI ARCHIMEDE PIANA A SPIGOLI RETTI E LATI PERMETTE UN’ INTERRUZIONE RETTILINEI

NEL PERCORSo ESTREMAMENTE FAVOREVOLE ALL’ ATTENZIONE CHE SI ESIGE DAl VISITATORE.” le corbusier


GLI ALTRI ELEMENTI CARATTERIZZANTI L’ EDIFICIO:

1. INGRESSO POSTO AL CENTRO DEL PIANO TERRA.

Piano terra

atrio


GLI ALTRI ELEMENTI CARATTERIZZANTI L’ EDIFICIO:

2. EDIFICIO COSTRUITO SU PILOTIS

7 = 49 2

PILOTIS


GLI ALTRI ELEMENTI CARATTERIZZANTI L’ EDIFICIO:

3.

Sala d’ esposizione al 1°piano a destra: GALLERIA DI ILLUMINAZIONE

ILLUMINAZIONE NATURALE E ARTIFICIALE


GLI ALTRI ELEMENTI CARATTERIZZANTI L’ EDIFICIO:

4. PARETI MOBILI


Le_Corbusier_Museo_Tokyo_ok