Page 1


A partire dal 1° gennaio 2014 è entrato in vigore l’obbligo di aggiornamento professionale per gli architetti introdotto dal D.P.R. 137/2012 e normato dal Consiglio Nazionale degli Architetti (CNA). Di seguito riportiamo l’elenco dell’offerta formativa dell’Ordine degli Architetti PPC di Firenze per il 2014, in attesa di approvazione e attribuzione crediti da parte del Consiglio Nazionale degli Architetti.

Area 1 / Architettura, paesaggio, design, tecnologia _Acustica ambientale _Acustica architettonica _Acustica edilizia _Acustica nei luoghi di lavoro _Agg. Coordinatori sicurezza cantieri _Agg. Prevenzione incendi _Città e quartieri in trasformazione _Coordinatore sicurezza cantieri _Costruire in legno _Habitare il progetto _Introduzione al calcolo strutturale degli edifici in legno _L’illuminazione urbana _Lighting design _Luce e apparecchi, architettura e ambiente _Luce e beni culturali _Luce e spazi commerciali _Luce per il lavoro e l’educazione _Luce, architettura e scenografia _Luce, colore e architettura _Master Smart City _Paesaggi e giardini aperti _Paesaggi, palinsesti, ecosistemi _Prevenzione incendi _Progettare abitazioni integrate (Domotica) _Progettazione urbana e residenziale. Take care territory

OPERE_38.indd 1

_Relazione paesaggistica _Retail, arredamento, contract _Scenari di ricostruzione e prevenzione emergenza _Temporary design _Teoria e critica dell’architettura contemporanea Area 2 / Gestione della professione _Corso per membri di commissioni tecniche consultive Area 3 / Norme professionali e deontologiche _Aggiornamento codice deontologico _Il compenso professionale _Il Consiglio di disciplina Area 4 / Sostenibilità _Certificazione energetica degli edifici _Corso avanzato certificatore _Casaclima _Corso base certificatore _Casaclima _Dire, fare, progettare architettura sostenibile _Esperto Protocollo ITACA per professionisti _Fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica _Fonti rinnovabili per la produzione di energia termica _Il modello energetico dell’edifico per il progetto consapevole

_L’Acustica nella progettazione dell’edificio sostenibile _La progettazione bioclimatica e l’edificio “quasi” passivo _Protocollo LEED _Riqualificazione energetica _Risanamento energetico degli edifici (Casaclima) Area 5 / Storia, restauro, conservazione _Botanica applicata al giardino storico _Conservazione e restauro del giardino storico _Storia del giardino storico _Progetto architettonico - progetto impiantistico _Interventi di restauro e manutenzione sulle facciate dei centri storici _Conoscenza, valutazione e rilievo del giardino storico _Interventi su edifici storici/vincolati – prevenzione sismica _Storia dell’architettura e tecniche costruttive del cantiere storico – età medievale Area 6 / Strumenti, conoscenza e comunicazione _(Re)thinking BIM (Revit Bim: livello base) _{Food&Diet} computation (Python: livello base + intermedio)

_Blender avanzato _Blender base _Build(able) surface Rhinoceros avanzato _Building Stories _Contest CAD _Design and Digital Craft (conferenza) _Droni per la documentazione e il rilievo architettonico e ambientale _Energy (Revit Energy + Vasari: livello base) _Fotografare gli spazi progettati _Fotogrammetria digitale _GIS avanzato _GIS base _Grafica, fotoritocco e impaginazione base con strumenti open source _Grasshopper 101 livello base _Infografica e sistemi di sintesi visiva _Moderne tecniche topografiche per il rilievo architettonico _Parametric organism (Grasshopper e fabbricazione digitale: livello avanzato) _Photoshop base _Progetto e realizzazione di un servizio fotografico di architettura _Radiosity 101 livello base _Revit Architecture (Revit Bim: livello avanzato)

_Revit Dynamo 101 (Programmazione visuale con Revit Dynamo: livello base + intermedio) _Rhino avanzato _Rhino base _Rhino.Python 101 livello base _Rhinoceros 101 Livello Base _Shaping space (Physical simulation: livello base) _Sistemi a scansione 3D per i beni culturali _Sketchup _Skin facade development livello base + intermedio _Wayfinding per il progetto ambientale e sistemi di orientamento spaziale Area 7 / Urbanistica, ambiente e pianificazione nel governo del territorio _Disciplina urbanistica in Toscana _L’attività edilizia in Toscana _L’attività edilizia in zona soggetta a vincolo paesaggistico _Pianificazione urbana e mobilità ciclistica nell’area metropolitana fiorentina _Pianificazione urbana e mobilità ciclistica nell’area metropolitana fiorentina (seminario) _Gli spazi della mobilità: sostenibilità e progetto urbano

02/06/14 16:13


IDEE

NOI TI AIUTIAMO A REALIZZARLE

Mansarda

© Proclic.it Pisa

Pavimenti Rivestimenti

Camera

Bagno

Grés Porcellanato Effetto Legno Rivestimenti

Pavimenti Mosaici Sanitari Box Doccia Vasche Idromassaggio Rubinetteria Mobili per il Bagno

C u c in a

Salotto Parquet Rivestimenti Biocaminetti Stufe a Pellet

Pavimenti Antiscivolo Rivestimenti Rubinetteria

Esterno Pavimenti Lavandini da Esterno

PAVIMENTI - RIVESTIMENTI - PARQUET - MONDO BAGNO

...e molto altro. Tutti materiali delle più rinomate firme Made in Italy.

Magazzino della Piastrella e del Bagno Via Boccherini 19, 50144 Firenze Tel. 055.3215549 - 055.3245729 Fax. 055.3217401 info@magazzinodellapiastrella.it sabrina.lotti@magazzinodellapiastrella.it

ORARIO APERTURA Dal Lunedì al Venerdì 8.00-13.00 e 14.00-18.30 Sabato Mattina 8.30-12.30

IL PARTNER

GIUSTO PER UNA

MASSIMA LIBERTA’ PROGETTUALE Il Magazzino della Piastrella e del Bagno è una storica azienda fiorentina che da tre generazioni propone la migliore qualità per varie ambientazioni. Da molti anni ha avviato una ricerca e selezione di materiali e proposte che per resistenza, versatilità e accessibilità, permettono di ottenere il miglior rapporto “qualità/prezzo”. Siamo a disposizione per una visita guidata presso la nostra esposizione di 1500 mq a testimonianza dell’ importante disponibilità di prodotti in pronta consegna e dell’ampia scelta sui migliori cataloghi delle più importanti case di tutto il mondo.

www.magazzinodellapiastrella.it OPERE_38.indd 2

02/06/14 16:13


L’immagine del Valdarno

Nel numero 37 di “Opere”, nel resoconto dei risultati del workshop-concorso indetto dal Commissione territoriale degli Architetti del Valdarno Fiorentino, con il patrocinio del Comune di Figline e in collaborazione con la Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto e il Circolo Fotografico Arno, è stato erroneamente pubblicata lʼimmagine del terzo premio classificato che, a titolo di errata corrige, riportiamo correttamente in questa pagina.

O

y.

a ni.

3°Calssificato Fashion Valley di Chiarastella Borgia

OPERE_38.indd 3

02/06/14 16:13


COLOPHON

CONTRIBUTORS

Rivista trimestrale anno XII — n.38 marzo 2014 chiuso in redazione — maggio 2014 finito di stampare — giugno 2014

Elisabetta Bianchessi Architetto. Ha studiato presso la Faculdade de Arquitectura Lisboa, la Escuela Tecnica Superior de Arquitectura de Madrid e la Facoltà di Architettura Politecnico di Milano. Dottore di Ricerca in Progettazione del Paesaggio. Professore in Architettura Ambientale e Progettazione del Paesaggio nel Politecnico di Milano. Visiting Professor Master World Natural Heritage Management, Unesco Trento. Ideatore e Direttore del Master in Landscape Design e Public Art del Politecnico di Milano e NABA nuova accademia belle arti Milano, da cui nascono progetti sperimentali, esposizioni, conferenze, convegni, laboratori e pubblicazioni. Ideatore di Transit in via dei Transiti 12 Milano, spazio multidisciplinare di ricerca e progetto sull’ambiente e il paesaggio. Antonio Capestro Si laurea in Architettura nel 1990 presso l’Università degli Studi di Firenze (Facoltà di Architettura), con il massimo dei voti. Nel 1998 consegue il titolo di Dottore di ricerca in Progettazione Architettonica e Urbana presso l’Unversità degli Studi di Napoli Federico II (Facoltà di Architettura). Nel biennio 2001-02 è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Architettura di Firenze per lo svolgimento del programma di ricerca “Ecosistema-città: verso un nuovo linguaggio per la riqualificazione ambientale”. Nel 2002 è Ricercatore in Progettazione Architettonica e Urbana presso il Dipartimento di Architettura di Firenze. Nel 2005 Professore Aggregato presso il Dipartimento di Architettura di Firenze. Dal 2003 insegna Progettazione Architettonica e Urbana nei Corsi di Laurea Magistrale in Architettura, Scienza dell’Architettura e Magistrale Specialistica della Facoltà di Architettura di Firenze. Maurizio Carraresi Diplomato alla Scuola Internazionale di Fotografia a Firenze, ha collaborato con fotografi come Pietro Savorelli e Leonardo Ferri. Nel 2011 ha fondato Bwedding. Svolge un’intensa attività, indagando le trasformazioni del paesaggio contemporaneo e il rapporto storico culturale che in esso vi abita. Davide Tommaso Ferrando Architetto, dopo la laurea nel 2005 in Architettura presso il Politecnico di Torino, tra il 2005 e il 2008 svolge attività professionale in studi di architettura a Rotterdam (Group A), Genova (Archea Genova) e Torino (Camerana & Partners). Nel 2007 e nel 2008 è assistente alla didattica (progettazione) e dal 2009 è titolare di una borsa di dottorato presso il Dipartimento di Architettura e Progettazione Edilizia del Politecnico di Torino. Ha curato varie pubblicazioni. Alessio Guarino Nato a Napoli, studia scultura all’Accademia di Belle Arti. Si trasferisce poi a Milano dove si iscrive alla scuola di fotografia Bauer della Società Umanitaria, storico centro sperimentale di iniziative sociali. Dal 2011 si occupa prevalentemente di

direttore Guido Incerti

OPERE OPERE piazza Stazione 1 50123 Firenze tel. 055 2608671 fax 055 290525 email opere@architoscana.org rivista toscana di architettura ISBN 978-88-6315-718-5 ISSN 1723-1906 Pubblicazione trimestrale Spedizione in abbonamento postale 45% - art. 1, comma 1, CB Firenze. D.L. 353/2003 (conv. L. 27/02/04 n. 46) -•Registrazione tribunale Firenze n. 5266 del 15 aprile 2003 -•Proprietà Fondazione Professione Architetto dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze e dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Corservatori della Provincia di Prato. -•Prezzo di copertina numero singolo € 10,00 numero monografico € 10,00 arretrati € 10,00 Abbonamento annuale (Italia) (4+1 numero monografico) € 40,00 Abbonamento annuale (estero) € 70,00 -•Garanzia di riservatezza per gli abbonati. L’editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione.

OPERE_38.indd 4

redazione Fabio Fabbrizzi Ginevra Grasso Michele Londino Cristiano Lucchi Marcello Marchesini Tommaso Rossi Fioravanti Antonella Serra Graziella Sini (segreteria) Davide Virdis direzione artistica D’Apostrophe, Firenze

-•Realizzazione editoriale e stampa

Pacini Editore via A. Gherardesca 56121 Ospedaletto (Pisa) www.pacinieditore.it -•Spazi pubblicitari rivista mfinotti@pacinieditore.it -•Copyright ©2013 Fondazione Professione Architetto -•Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati. Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non vengono restituiti.

02/06/14 16:13


documentazione architettonica paesaggistica. Nel 2012 crea con Elisabetta Bianchessi e Alessandro Mason, Verdi Acque associazione a salvaguardia e tutela dei paesaggi fluviali, nei territori attraversati da vie d’acqua. Lavori recenti riguardano la documentazione fotografica sistematica dell’architettura voluta da Adriano Olivetti (Biennale di Architettura di Venezia 2012). La documentazione paesaggista del fiume Piave e una vasta documentazione delle opere del paesaggista Pietro Porcinai tutt’ora in corso. Nel tempo i suoi servizi di architettura e i reportage socio-antropologici, che documentano le trasformazioni di diverse aree urbane dell’Europa e dell’Asia, si sono conquistati le pagine di prestigiose riviste, italiane e internazionali, e la considerazione di istituzioni pubbliche e private. Vive e lavora tra Tokyo e Firenze, due città che ama e i cui opposti in lui forse si incontrano. Michele Manzella Nasce a Bologna il 17 Luglio 1988. Dopo il diploma presso il Liceo Artistico F. Arcangeli, si iscrive alla Facoltà di Architettura di Ferrara e contemporaneamente frequenta studi di architettura di Bologna. Nel 2012 si laurea con lode presentando una tesi di riqualificazione urbana. Nello stesso anno vince il concorso per il dottorato di ricerca in Tecnologia dell’Architettura del Dipartimento di Architettura di Ferrara. Attualmente è visiting researcher al Royal College of Art di Londra, presso il quale sta

studiando metodi di pianificazione strategica contestualmente alle esondazioni del Tamigi. Eugenio Pandolfini Architetto, si occupa della relazione tra architettura, nuove tecnologie e percezione. Dal 2003 collabora con l’Università di Firenze come cultore della materia e professore a contratto (Facoltà di Architettura e di Scienze della Formazione). Nel 2007 lavora con il professor Gonçalo Byrne sul tema del recupero urbano presso la Facoltà di Architettura di Alghero. Nel 2010 consegue il Master in Progettazione Architettonica Avanzata presso la Scuola Tecnica Superiore di Architettura di Madrid (ETSAM), dove dal 2011 frequenta la scuola di dottorato lavorando sul tema della percezione distratta come strumento di analisi privilegiato nell’ambito del progetto di architettura contemporanea. Paolo Rumiz è un giornalista e scrittore italiano. Inviato speciale de “Il Piccolo” di Trieste e in seguito editorialista di “la Repubblica”, segue dal 1986 gli eventi dell’area balcanica e danubiana; durante la dissoluzione della Jugoslavia segue in prima linea il conflitto prima in Croazia e successivamente in Bosnia ed Erzegovina. Nel novembre 2001 è stato inviato ad Islamabad e successivamente a Kabul, per documentare l’attacco statunitense all’Afghanistan. Anna Stradella Dottore di ricerca con curriculum Design Navale Nautico presso la Scuola di Dottorato di Architettura e Design della Facoltà di

Architettura di Genova. Ha investigato sul tema della modularità e, in ambito nautico, sullo studio di tipologie di imbarcazione maggiormente portate ad un possibile utilizzo della stessa. Attualmente assegnista di ricerca con la Facoltà di Architettura di Genova e Fincantieri Mega Yacht di La Spezia. Si occupa dell’allestimento di esterni su Mega Yacht, indagando il processo dalla progettazione all’installazione. In Laureato copertina Giuseppe di Carlo alla Facoltà di Architettura di Firenze in Disegno Industriale. Dopo la laurea ha seguito il corso in editoria digitale presso la casa editrice Scala Grup. Dopo queste esperienze formative, ha lavorato nel campo della stampa digitale e serigrafica su tessuti. Dal 2002, con sede a Firenze, si occupa di illustrazione, pittura e grafica. Cerca durante il processo lavorativo di intrecciare queste tre discipline per dare un forte carattere personale al prodotto finale. Il suo obiettivo è quello di testare se stesso costantemente con nuovi modi di progettare, sempre con il desiderio di apprendere e sviluppare nuove competenze per ampliare il suo bagaglio e metterlo a disposizione del cliente. Sempre motivato da nuove sfide, il suo lavoro si adatta: identità, logo, tipografia, character design, pattern, editoria e stampa. Un ringraziamento speciale va agli Eredi Ghirri per la concessione a titolo gratuito della foto di Luigi Ghirri in chiusura del numero.

ISBN-978-88-6315-718-5

9 7 8 8 8 6 3 1 5 7 1 8 5

OPERE_38.indd 5

02/06/14 16:13


1 2 RICERCHE

EPICENTRI

14

La Piave Laboratorio di ricerca – azione Elisabetta Bianchessi

11

Beyond water Prevenzione infra-strutturale dalle inondazioni Michele Manzella

5

PROJECTS

63

PONT Jean-jacques bosc Oma /// Bordeaux, Francia testo di Davide Tommaso Ferrando

22

Casadellarno Progetto di informazione-promozioneeducazione per una nuova cultura del fiume come significativa risorsa ambientale del territorio Antonio Capestro

6

✺ 26

Paesaggi dʼacqua di Massimo Carraresi

ALTRE ARCHITETTURE

69

MADRID RIO Burgos & Garrido Arquitectos Associados /// Madrid, Spagna testo di Eugenio Pandolfini

62

Domestic City Davide Tommaso Ferrando

OPERE_38.indd 6

75

Scuola galleggiante NLÉ Architects /// Makako, Nigeria testo di Davide Tommaso Ferrando

82

Il fiume che vediamo morirà Marcello Marchesini

02/06/14 16:13


3

PROGETTI

34

PONTILI DEL PP Barreca & La Varra, YellowOffice, Nature Mood /// Piacenza-Reggio Emilia testo di Ginevra Grasso

4

FOCUS

41

RIQUALIFICAZIONE AREE PAESAGGISTICHE CONTIGUE AL CENTRO STORICO Made associati /// Quinto di Treviso, Treviso testo di Ginevra Grasso

46

52

Storie di ponti Fabio Fabbrizzi

7 8 9 33

Case dʼacqua Ginevra Grasso

DESIGN

MEDIATECA DAP Studio /// Castellanza, Varese testo di Ginevra Grasso

57

Over the river Avvertimenti contro l’arte effimera Michele Londino

MISCELLANEA

APPUNTI DI VIAGGIO

94

Morimondo Paolo Rumiz

89

Imbarcazioni Tra architettura e design Anna Stradella

93

Type Berlin Mathias Redmann Anna Stradella

OPERE_38.indd 7

Compendio letterario

95

02/06/14 16:13


EDITORIALE Guido Incerti Nessun uomo entra mai due volte nello stesso fiume perché il fiume non è mai lo stesso, ed egli non è lo stesso uomo. (Eraclito) Chi non sa qual sia la via che conduce al mare, deve prendere per compagno il fiume. (Plauto)

certi rumori, altri si palesano. È un luogo che pur guidandoci e dandoci delle direzioni, valle e monte, nella realtà delle cose muta costantemente morfologia e spazi. Seppur costretto dentro un mondo che la precisione oggi raggiunta dalle scienze geografiche e la geo-referenza dei nostri smartphone pare aver bloccato1. Il fiume e le sue costanti “incertezze” possono essere paragonate ad una antica ma allo stesso tempo nuova frontiera. Per secoli le genti si sono mosse seguendo i fiumi (da qui anche la localizzazione delle nostre città) e non necessariamente le strade che oggi percorriamo quotidianamente. E seguendo i fiumi quelle stesse genti avanzavano entro territori inesplorati. Poi necessità di “ridimensionamento temporale” hanno portato alle forme di controllo del territorio e delle genti che oggi chiamiamo anche strade. Ma chi di voi ha avuto, o avrà, la possibilità di percorrere la “sala delle mappe” dei Musei Vaticani potrà comprendere com’era il paesaggio, il territorio e lo spazio quando erano i fiumi a “dettare le regole”, anche del tempo, e non le vie

Musei Vaticani, Corridoio delle carte geografiche, Toscana, Valdarno Inferiore. (©Sailko, commons.wikimedia.org)

Perché un numero dedicato ai fiumi? Semplice, perché conseguentemente agli spazi condivisi, alle domestic city che abbiamo trattato nei precedenti numeri, spazi condivisi e domestici tra le persone, abbiamo pensato in questo di trattare gli spazi condivisi e domestici, in quanto urbani, che abbiamo natura e città dei quali ritengo elemento cardine “il Fiume”.

Il fiume infatti è uno spazio “altro” rispetto la città. È un luogo sospeso, che spesso è stato l’elemento generatore della città stessa. Come ben sappiamo molte delle metropoli della terra sono attraversate da un fiume. Un fiume che pur avendo fatto nascere, così come distrutto, l’economia della città resta sempre — rispetto ad essa — un universo a sé stante. Così se si pensa a New York abbiamo l’Hudson, Parigi val bene una Senna, il Tamigi per Londra, l’Arno a Firenze, il Tevere a quella grande bellezza che è Roma. Ognuno di questi fiumi è l’anima stessa della città e allo stesso tempo altro da lei, nonché parte di una rete “in movimento” che attraversa tutto il globo. Una cosa si intuisce immediatamente se ci si cala al livello delle sue acque e si prova, per quanto possibile a percorrerne le rive, o direttamente le correnti, se si ha la fortuna di avere una barca con cui avventurarsi su di esso. Ho scritto avventurarsi proprio perché stare “sul fiume” ci rende consapevoli di essere in uno spazio imprecisato. La città è lì, ma scompare. Scompare lo skyline così come lo conosciamo, scompaiono

OPERE_38.indd 8

02/06/14 16:13


di architettura dello svago tanto quanto in termini di futuro sviluppo delle città. E qui l’architettura deve e può tornare protagonista. L’architettura dei luoghi come l’architettura degli spazi. Le stesse amministrazioni, devono comprendere come, il fiume, magari liberato per quanto reso possibile dalla sua relazione con gli spazi dell’uomo, sia una potenzialità e non sempre un pericolo. Oggi. Perché se invece programmiamo quello che accadrà non possiamo non immaginare come quegli stessi fiumi saranno nel futuro prossimo, complici anche la strategia “dell’adattamento” deciso dalle Nazioni circa il riscaldamento globale, gli sfoghi naturali per l’innalzamento del livello marino, e sommergeranno piccole o grandi porzioni — a seconda della topografia — di quelle città che sulle loro traiettorie si affacciano. È un processo che è già ricerca. E per quanto sarà possibile la stessa ricerca urbanistica ed architettonica, se avranno come compagno il fiume stesso per riprendere Plauto, ci aiuteranno nel diminuire ove possibile le difficoltà che questo passaggio comporterà. In tutti i termini.

Carl Ritter, padre della geografia moderna, nel 1852 si ribellava contro quella che chiamava la “dittatura cartografica”, colpevole a suo dire di aver soppiantato la descrizione geografica. A partire dal sedicesimo secolo infatti la geografia ridusse definitivamente il mondo a immagine spaziale, e mappe sempre più precise e affidabili si sostituirono a quest’ultimo. 1

p.s. Con questo editoriale si chiude la mia direzione di “Opere”. Colgo brevemente l’occasione di ringraziare tutti i nostri lettori, quelli che hanno creduto in me all’inizio di questa avventura e tutti coloro che in questi 4 anni e mezzo, 12 numeri, mi e ci hanno supportato dando — sempre entusiasticamente — il loro apporto per portare a quello che è, oggi, il livello della rivista. Un livello che è stato riconosciuto non solo a livello locale, visto che “Opere” è uno degli organi di comunicazione della Fondazione Architetti Firenze e Prato, ma in tutta Italia. Un livello di cui sono orgoglioso. Un grande in bocca al lupo al mio successore!

(©Sailko, commons.wikimedia.org)

di comunicazione diretta. Poi l’uomo li ha schiavizzati, più che debolmente lasciati a nutrire la terra, deviandoli e rendendoli generatori di energia. I fiumi hanno così visto restringersi i loro letti, sempre più guidati dal cemento armato degli ingegneri idraulici piuttosto che dall’opera di paesaggisti ed architetti. Ma non si possono comunque dimenticare opere ingegneristiche importanti, di preservazione, come fu lo spostamento del Brenta e del Piave effettuato dai Veneziani o il cavo napoleonico che, a Bondeno, fa passare uno sotto l’altro il Canale di Burana con il cavo appunto che dal Po porta le acque ad irrigare le terre della piana. O l’architettura derivata dall’uso del fiume, con Piero Portaluppi su tutti. Oggi i fiumi tornano ad essere territori di conquista più che territori conquistati. Molte delle amministrazioni delle città sopracitate — e decine di ricerche — stanno tornando ad occuparsene attivamente riscoprendo nuovamente le loro potenzialità in termini di disegno urbano, di paesaggistica, di sostenibilità, di aerodinamica urbana e

OPERE_38.indd 9

02/06/14 16:13


OPERE_38.indd 10

02/06/14 16:13


BEYONDWATER Michele Manzella

La parola “catastrofe”, che etimologicamente significa “rivolgimento”, indica — secondo Polibio e Luciano di Samosata — il momento di risoluzione della tragedia, l’atto della catarsi. Il cambiamento è un evento radicale, metaforicamente una caduta verso il basso (κατάστροφή, dal Greco κατά [katà, “giù”] +στροφή [strophē, “volgere”]) e quindi un’indicazione spazio-temporale. L’accezione negativa del termine deriva dalla connotazione che il prefisso κατά assume in riferimento alle divinità ctonie ed al mondo degli inferi, per cui la caduta verso il basso diviene caduta verso l’abisso. Comunemente essa è usata come sinonimo di “disastro”; ma questa accezione è da ritenere distorta se consideriamo una valanga in una valle disabitata come fenomeno geofisico, in quanto questa è solamente un evento catastrofico che non ha conseguenze disastrose su un sistema. Il disastro si concretizza quindi nel momento in cui l’essere umano ed il territorio antropizzato vengono coinvolti ed un evento potenzialmente distruttivo impatta su una società caratterizzata da una condizione di vulnerabilità più o meno elevata. Esso riguarda la popolazione come gruppo e non il singolo, per cui l’intero sistema sociale (od una parte di esso) non possiede il controllo della gestione di un evento. Nella conoscenza dei fenome-

OPERE_38.indd 11

prevenzione infra-strutturale dalle inondazioni

ni, la consapevolezza e la comprensione del rischio al quale una comunità è esposta svolgono un ruolo centrale. Benché non sia possibile misurare il livello di rischio in senso assoluto, poiché non esiste come realtà oggettiva o caratteristica fisica, è però sempre possibile riferirlo ad una condizione specifica, per la quale devono essere operate scelte altrettanto determinate nella gestione e pianificazione strategica delle città. Posto in relazione ad un evento catastrofico, il rischio determina l’amplificazione degli effetti fisici di un agente che impatta sulla comunità, i.e. la magnitudo di un disastro. I livelli di rischio dei più svariati fenomeni geofisici sono mappati per una moltitudine di luoghi, ma non sono mai direttamente collegati agli strumenti di pianificazione e gestione del territorio. La potenzialità di uno strumento telematico univoco, che sia in grado di sovrapporre le mappature tradizionali alle simulazioni e conseguenti definizioni del livello di rischio, è palese soprattutto per gli eventi catastrofici la cui ciclicità rispetta tempi decisamente ridotti e prevedibili, come nel caso delle inondazioni. Le preoccupanti previsioni circa cambiamenti climatici estremi e recenti avvenimenti impongono di focalizzare l’attenzione sull’innalzamento del livello delle acque. Questo fenomeno è dovuto a due fatto-

ri concomitanti: lo scioglimento dei ghiacci polari e montani e la dilatazione del volume dell’acqua per via dell’eccitazione molecolare. Inoltre, maree e temporali influiscono a loro volta localmente sulla condizione delle acque. Le stime dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) ipotizzano il superamento di tre piedi di innalzamento (circa un metro) entro la fine del xxi Secolo. Diverse grandi città si sono dotate nel tempo di sistemi di controllo o difesa rispetto a questa problematica, come le Maeslantkering di Rotterdam, il Progetto Mose di Venezia, il Flood Prevention Facility Complex di San Pietroburgo, i Zuiderzeewerken fra IJsselmeer ed il Mare del Nord, e le Thames Barrier di Londra. Queste ultime sono state azionate totalmente centosettantaquattro volte dal 1982, anno in cui furono rese operative: quattro negli anni Ottanta, trentacinque negli anni Novanta, e centotrentacinque dal 2000 ad oggi, secondo i dati dell’Environment Agency. Come il livello del mare si alza, le barriere dovranno essere chiuse più spesso per evitare esondazioni, ma è previsto che la loro efficienza venga meno attorno al 2070, con una probabilità di esondazione pari ad uno a dieci (Vaughan). L’attuale ipotesi è di creare delle nuove barriere verso la foce del Tamigi, come una sorta di seconda cerchia muraria in una città medievale. Così

11

facendo, il delicato rapporto fra l’organismo urbano e le sue parti verrebbe nuovamente meno, in quanto si realizzerebbe unicamente un’infrastruttura senza pensare alla struttura della città. Prova evidente della negatività di questa frattura sono le forzate alluvioni delle zone periferiche di Londra, determinate dalla chiusura delle barriere, al fine di preservare le zone economicamente più produttive della capitale. L’architettura della città dipende dalla relazione di due fattori inscindibili, ovvero l’organismo urbano (considerato come elemento unitario) e le sue cellule elementari. Reciprocamente, la struttura planimetrica della città ed il progetto dei suoi organismi si autodeterminano. Solo l’essere umano, tra tutte le specie viventi, ha raggiunto un grado di intelligenza che gli ha consentito di modificare radicalmente l’ambiente, in maniera tale da garantirgli o facilitargli la sopravvivenza. Grazie a ciò, egli ha sempre mediamente mantenuto un tasso di nascita maggiore di quello di morte ed attualmente il numero degli abitanti del pianeta sta continuando a crescere in maniera esponenziale. La maggior parte dell’umanità vive in prossimità della costa e circa cinquecento milioni di persone sul delta di un fiume. L’aumento di popolazione determina necessariamente una richiesta crescente di alloggi, servizi, infrastruttu-

02/06/14 16:13


1 Mappa del rischio per la pianificazione urbana strategica

12

re, etc. Tendendo a concentrarsi nelle grandi città, l’alterazione di una condizione esistente è il fulcro delle dinamiche urbane; la pianificazione del territorio ricopre, quindi, un aspetto fondamentale nella prevenzione da eventi disastrosi. Non sempre alla pianificazione viene attribuito il giusto valore e questo è un deficit notevole in un sistema sociale estremamente complesso. La varietà e la quantità delle componenti che formano la città sono state ad oggi proporzionali all’aumento della popolazione, portando spesso gli apparati istituzionali, burocratici ed amministrativi alla paralisi se non al collasso. È necessario, oggi, ridurre il grado di complessità delle nostre città non tanto per quanto riguarda le loro intrinseche varietà, quanto piuttosto per le infrastrutture che la governano. Comunemente, l’infrastruttura è un impianto che collega condizioni qualitativamente differenti o che si trovano su livelli differenti o a distanze considerevoli. Nell’ultimo decennio la disponibilità di tecnologie cosiddette “immateriali” ha agevolato i contatti fra utenti (e fra utenti e sistemi) ed accelerato le dinamiche sociali, gli scambi e la democraticità del possesso di informazioni. Così, si parla di accelerazione circa l’aumento demografico, lo sviluppo urbano e lo scambio di dati. Come legare questi fattori esponenzialmente cre-

OPERE_38.indd 12

scenti nella gestione della città, affinché tutta la società possa giovarsene? La mappa telematica del rischio è uno strumento unitario di raccolta ed estrazione di dati provenienti da mappe, simulazioni, Enti Locali e vari stakeholder, che intende raggruppare informazioni con diverse caratteristiche di output, al fine di fornire un’infrastruttura unica per la gestione dello sviluppo urbano. I dati vengono raccolti su una piattaforma gis (geographic information system) dalla quale è possibile estrapolare i dati relativi ad ogni area nella quale si intende sviluppare nuovi interventi urbani e paragonarli ad aree con caratteristiche similari entro un livello di rischio determinato. Questo è identificato tramite le caratteristiche fisiche degli ambienti naturale ed antropizzato, ai quali vengono applicate simulazioni. In questo modo è possibile uniformare e semplificare strategie operative per la difesa dalle esondazioni a partire da casi pilota che fungano da manifesto di una relazione ritrovata fra la struttura della città e la reale infrastruttura, ovvero il fiume. Nel caso di Londra, il Tamigi non è più sfruttato come infrastruttura: le attività di commercio, gli scambi portuali, la pesca, i centri di attività sportive e piacere, che storicamente sono state legate al fiume, non hanno più la stessa intensità e centralità ricoperte pre-

cedentemente. Di conseguenza, il tessuto urbano si è adattato a questo cambiamento creando un circolo vizioso che ha depotenziato progressivamente l’uso del fiume. L’utilizzo della mappa del rischio come strumento operativo può diventare un motore che facilita le scelte progettuali a larga e ridotta scala. Le soluzioni tecnologiche messe in campo sono legate sia alla morfologia dei percorsi d’acqua e del terreno, come la creazione di nuovi canali e bacini o l’abbassamento del letto del fiume, sia alla struttura degli edifici, ad esempio creando zone allagabili o tetti piani collegati a taniche ipogee. Queste strategie impiegate producono una modificazione dei livelli di rischio locali (per le soluzioni architettoniche) e globali (per le soluzioni infrastrutturali), che produrranno nuovi dati da inserire all’interno della mappa telematica del rischio. Con questa metodologia operativa si crea un sistema continuamente aggiornabile e modificabile, per cui i casi pilota diventano, con l’estensione del sistema, progetti diffusi che ristrutturino la forma della città. Il ruolo svolto da infrastrutture flessibili per affrontare le sfide del nostro secolo non può essere sottovalutato: sono un servizio più conveniente, più resistente e più in grado di soddisfare obiettivi sociali, ambientali ed economici rispetto alle infrastrutture tradizionali.

02/06/14 16:13


OPERE_38.indd 13

02/06/14 16:13


LAPIAVE 14

Elisabetta Bianchessi

A che cosa stai lavorando adesso ? Al Libro dei fiumi più lunghi del mondo, che dovrebbe essere pubblicato prima dell’estate 1973. “…” È un lavoro linguistico nato dall’idea delle classifiche e fatto sulla misurazione “…” I fiumi sono difficilissimi da misurare; ci sono tanti metodi di lettura sulla lunghezza dei fiumi. Ci sono fiumi temporanei, stagionali, e ciò pone il problema della loro classificazione; altri che si allungano si accorciano; inoltre bisogna decidere dove si misura un fiume, se in centro, ai lati, a seconda delle curve a destra o sinistra; e se vi è un’isola il problema diviene drammatico. Parafrasando la parola classificazione, nell’eccezione di un’enciclopedia fluviale impossibile descritta da Alighiero Boetti (Alighiero Boetti, a cura di Achille Bonito Oliva, Electa 2009, p. 178), passiamo per analogia al racconto, all’immagine in diretta del fiume, dove la sua sostanza si svela davanti a noi e appare nel fiume Piave: organismo vivo e imprendibile, inclassificabile, incalcolabile, che si trasforma assumendo costantemente nuovi territori e nuove specie abbandonandone altre, in una evoluzione perpetua delle acque-terre che definiscono la sua sostanza fisica, i suoi limiti biologici. Eppure lo spirito, la liquidità dei fiumi, è stata più volte oltraggiata negli ultimi decenni dalla nostra neces-

OPERE_38.indd 14

laboratorio di ricerca – azione

sità di controllo del territorio, di usurpazione e ricavo, di barriere fisiche costruite cementificando senza fine il paesaggio italiano contro qualsiasi naturale osservazione delle leggi della natura, sino a trasformare, a questo punto della storia del nostro paese, l’espressione essere fiume (citando l’altra opera miliare dell’artista Giuseppe Penone) in un miraggio, lontano e inavvicinabile, che oggi vogliamo riconquistare, perché abbiamo bisogno del fluire dell’acqua. 220 km (così dicono i geografi, ma forse un po’ di più o un po’ di meno) Siamo partiti da +2.037 m per arrivare allo zero altimetrico. Da Sappada, sorgente del fiume Piave, proseguendo lungo il torrente e passando per i laghi di Calalzo di Cadore e gli antichi manufatti a Perarolo di Cadore, per poi procedere tra i boschi di Castellavazzo raggiungendo Ponte nelle Alpi e arrivare all’area pedemontana di Feltre, in cui il paesaggio collinare si apre ed il torrente diventa fiume sino a scorgere, al di là degli argini, i vigneti, la campagna veneta che da Valdobbiadene si estende per chilometri, per poi tornare a costeggiare il Montello, di formazione carsica nelle sue caratteristiche doline, arrivando al paesaggio dilatato, ampio che contraddistingue il medio Piave, composto da un letto ghiaioso in continuo movimento, sino a Ponte di Pia-

ve, luogo in cui iniziano i territori di pesca e navigazione, raggiungendo San Donà di Piave e i paesaggi della bonifica, per ritrovarsi alla foce del fiume, a Jesolo — Eraclea, in un delta composto da lagune incontaminate ed attività turistiche capillari. La Piave è un laboratorio di ricerca-azione, dove abbiamo messo al centro il tema della riconquista del fiume, della sua vivibilità, in un’ottica di dialogo costante con le comunità che lo vivono per diventare linfa vitale dei territori percorsi, nel tentativo di dare una restituzione pubblica ad uno sguardo soggettivo-oggettivo del fiume, senza preconcetti storicistici o culturali, senza barriere ideologiche previe a qualsiasi azione site-specific realizzata lungo il suo corso. La Piave è un processo di conoscenza, esplorazione, di ricerca-azione fatta con i piedi e con gli occhi, attraverso le mani: 220 km di viaggio in un territorio acquatico imprendibile, cangiante, in cui micro e macro si fondono, dialogano tra scienza e natura, rappresentazione e racconto. La Piave è il desiderio di fiume, delle sue sponde, di poterlo vivere come luogo di aggregazione e d’incontro: è la necessità di ritornare a navigarlo, di starci dentro, come un ventre materno. La Piave è la ricerca di un’identità, dell’essere fiume che vuole ritrovare il suo spazio fisico di movimento,

riaffermando una dimensione unitaria, una giacitura, in cui far convivere molteplici azioni umane, in equilibrio. La Piave è una comunità, in dialogo con il fiume, attraverso il flusso di racconti, culture, eventi, tradizioni, economie che gli appartengono sino a creare un contemporaneo archivio multimediale e popolare che si muove nel tempo, tra passato presente e futuro. La Piave è uno strumento aperto, multidisciplinare, per parlare di acqua come bene di tutti. In questo processo (in atto), il laboratorio di ricerca-azione La Piave vuole esprimere la necessità di riscoprire l’interezza del fiume, dalla sorgente alla foce, coinvolgendo la cittadinanza, gli amministratori, le associazioni, gli enti, le università, i consorzi, in un processo di affermazione dell’identità fluviale, superando la visione minuta, eccessivamente locale, che dei corsi d’acqua oggi si offre. La Piave è la necessità di essere un tassello pubblico, espressione di questo desiderio di unità e condivisione, che muovendosi nella volontà di restituire quella complessa varietà culturale e geografica che da sempre forma questo paesaggio acquatico non esclude nessuna delle sue molteplici anime. è la partecipazione attiva ad un processo che propone una visione contemporanea del fiume, con una serie di azioni (laboratori didattici-mostre-eventi artistici

02/06/14 16:13


In questa e nelle pagine a seguire La Piave Flora/Fauna e Reportage Fotografico del laboratorio con foto di Elisabetta Bianchessi e Alessio Guarino

15

e culturali-attività sportive-turismo a km 0) da realizzare lungo il suo corso per ricreare la consapevolezza di tempi altri, logiche altre, di primaria importanza rispetto al nostro rapporto con la natura, con l’acqua, elemento irriducibile, uguale e diverso, mobile e improvviso, duttile e ostinato, necessario alla nostra vita, sino a restituire visibilità alle molteplici esperienze fisiche che ancora oggi il fiume concede a chi lo vive spontaneamente, rendendolo nuovamente ludico, primigenio, collettivo. Secondo questi intenti, il progetto La Piave si svilupperà nel tempo, attraverso differenti linee tematiche, dove la dimensione locale del progetto si mescolerà alla dimensione nazionale ed internazionale della sua rappresentazione, della sua visione (La Piave sarà presente alla Biennale di Venezia, nella Serra dei Giardini, dal 5 giugno al 7 settembre con una mostra multimediale), in un processo continuo di passaggi d’informazioni e ricerche, a differenti scale e con diverse forme espressive, secondo metodologie d’indagine-progetto sempre specifiche ai temi trattati e che appartengono alla cultura contemporanea, in cui i territori coinvolti dialogheranno naturalmente tra loro, come tra vasi comunicanti di un unico organismo fluido, acquoso, sempre in movimento, in evoluzione, come il fiume Piave.

OPERE_38.indd 15

La Piave laboratorio di ricerca-azione a cura di Elisabetta Bianchessi, Alessio Guarino, Alessandro Mason in collaborazione con: Susanna Ravelli. Con il patrocinio di: Regione Veneto, Politecnico di Milano Design, NABA Nuova Accademia Belle Arti Milano, Paesagire, GAL Venezia Orientale, GAL Prealpi e Dolomiti Bellunesi, GAL Terre di Marca, GAL Alta Marca, Centro Internazionale Civiltà dell’Acqua, Museo di Storia Naturale e Archeologia Montebelluna, Legambiente Veneto, Circolo Legambiente Piavenire, Arte Sella incontri internazionali arte natura, Osservatorio per il Paesaggio delle Colline dell’Alta Marca, CIRF Centro Internazionale Riqualificazione Fluviale, Dolomiti Contemporanee laboratorio d’arti visive in ambiente, Consorzio BIM Piave Treviso. Con la partecipazione dei comuni di: Sappada, Calalzo di Cadore, Perarolo di Cadore, Castellavazzo, Ponte nelle Alpi, Feltre, Montebelluna, Pieve di Soligo, Sernaglia della Battaglia, Susegana, Ponte di Piave, San Dona di Piave, Eraclea, Jesolo, Noventa di Piave. La Piave è un progetto a cura dell’associazione Verdiacque http://lapiave.org http://www.verdiacque.com

02/06/14 16:14


OPERE_38.indd 16

02/06/14 16:14


OPERE_38.indd 17

02/06/14 16:14


OPERE_38.indd 18

02/06/14 16:16


OPERE_38.indd 19

02/06/14 16:17


OPERE_38.indd 20

02/06/14 16:19


OPERE_38.indd 21

02/06/14 16:20


CASADELLARNO 22

Progetto di informazione-promozione-educazione per una nuova cultura del fiume come significativa risorsa ambientale del territorio

Nel Parco storico delle Cascine di Firenze, all’interno del Centro Visite presso il Piazzale del Re, è stato inaugurato di recente la Casadellarno il progetto di uno spazio espositivo permanente (museo interattivo dell’Arno), per ospitare racconti, progetti, ricerche ed eventi sull’Arno con l’obiettivo di stimolare una nuova ritualità di fruizione e conoscenza del fiume. L’iniziativa, attivata dal Comune di Firenze, da Publiacqua, Autorità Idrica Toscana e sviluppata da DidA-Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, nasce per predisporre uno scenario analitico e propositivo a supporto di una nuova cultura dell’Arno memore del passato, attenta al presente e proiettata nel futuro. Ogni Istituzione, nell’ambito dei propri ruoli e delle proprie competenze, si è adoperata per formulare un contributo da offrire come servizio ai cittadini, alla città e all’ambiente. La scelta dell’ubicazione all’interno del Centro visite del Parco sottolinea la volontà di amplificare il Centro come punto di informazione-educazione, accoglienza e rimando al territorio coordinando le diverse attività ed attrattività culturali, naturalistiche e sportive secondo un approccio integrato per valorizzare sia il parco che il fiume come eccezionali risorse ambientali, storiche e funzionali. Cascine ed Arno diventano in questa lettura sede di nuo-

OPERE_38.indd 22

ve forme di esperienza e di approfondimento culturale e naturalistico attraverso servizi funzionali e spazi per eventi tematici di animazione e promozione territoriale. L’iniziativa sviluppa una ricerca che indaga sul fiume Arno come “risorsa” con diverse declinazioni: il fiume come risorsa urbana, ambientale, sociale, idrica, culturale. L’obiettivo comune, che rilega le diverse accezioni, è quello di predisporre uno scenario propositivo, implementabile nel tempo, a supporto di una nuova cultura dell’Arno in relazione alla città e al territorio. Da questi presupposti deriva l’organizzazione dell’allestimento in quattro aree tematiche in cui è possibile esplorare un proprio racconto del fiume come risorsa culturale, idrica e ambientale. La comunicazione dei contenuti offre differenti modalità di percezione e di approfondimento attraverso elaborati testuali, grafici e video insieme a prodotti multimediali di informazione e promozione. 1. Il fiume e la città è la sezione che inizia il percorso conoscitivo dell’Arno in rapporto al sistema insediavo di Firenze nelle sue molteplici connotazioni. Nel tempo può contenere informazioni di carattere storico, ambientale, scientifico, artistico e culturale configurandosi come installazione sia emozionale che tecnica. L’intento è quello di promuo-

vere l’immagine del fiume Arno, valorizzare nuove forme di fruizione del fiume stesso e una rinnovata cultura dei temi convergenti sul corretto uso delle sue risorse: dai suoi sistemi costitutivi (rivitalizzazione delle sponde, parchi, piste pedonali e ciclabili, altro) alla conoscenza del ruolo del fiume, nel passato e nel presente, come “luogo urbano” e come servizio idrico. In quest’ottica la promozione continua dei diversi tematismi del fiume, tenendo conto della sua storia e delle diverse scale d’intervento, tenta di ricostruire “in progress” un ritratto dell’Arno tra memoria e innovazione da offrire a tutti i cittadini che “abitano” la città in maniera permanente o temporanea. 2. Il fiume e il territorio è la sezione che focalizza l’Arno contestualizzato nella Toscana. Organizzata come un percorso lineare consente una mappatura d’insieme dei contenuti visualizzati geograficamente. L’Arno è il principale corso d’acqua della Toscana e il maggior fiume dell’Italia peninsulare dopo il Tevere. Ha un’estensione di 241 km e un bacino di 8247 km2. Nasce nell’Appennino tosco-romagnolo dal Monte Falterona e sfocia presso Marina di Pisa, nel Mar Ligure, dopo aver attraversato le province di Arezzo, Firenze e Pisa. Per le sue caratteristiche geografiche il fiume diventa “pre-

Antonio Capestro

ziosa risorsa” nel territorio regionale permettendo di analizzare i rapporti di identità e complementarietà del fiume con il territorio che attraversa per evidenziare potenzialità e risorse presenti e future. Casadellarno, allo scopo di favorire una cultura dell’acqua come preziosa risorsa, dedica questa prima esperienza espositiva alla conoscenza del servizio idrico integrato che garantisce acqua di qualità ai cittadini e acqua sicura da restituire all’ambiente. Il corso del fiume costituisce la colonna vertebrale su cui si snodano le principali infrastrutture acquedottistiche esistenti che si sviluppano sul territorio per assicurare questo servizio essenziale. 3. I racconti dell’Arno è la sezione che permette un approfondimento di tipo immersivo nell’esplorazione dei tematismi sull’Arno nel tentativo di utilizzare l’interazione con i nuovi media, in questo caso attraverso video, per costruire suggestioni legate al fiume che, rileggendone il genius loci, lo riproiettino nei desiderata dei cittadini. 4. Acqua preziosa risorsa è la sezione dell’interattività: un touch screen permette di personalizzare le informazioni. Attualmente è dedicata alla conoscenza del Servizio Idrico Integrato in base alle proprie aspettative, curiosità ed interessi con livelli differenziati di approfondimento.

02/06/14 16:20


CREDITI curatore e responsabile scientifico del progetto Antonio Capestro cura testi e contenuti Cinzia Palumbo progetto grafica e installazione Nicola Marmugi Riccardo Monducci modellazione e render Federica Monfardini collaborazione alla grafica Hadish Ansari Lorenzo Gentili Lodovica Pizzetti Allegra Santini Mirko Tilli sistemi interattvi collaborativi Nicola Torpei regia video Giancarlo Torri montaggio video Claudia Usai progetto illuminotecnico Patrizio Travagli montaggio istallazione Rafael Taboada Plasencia

OPERE_38.indd 23

02/06/14 16:20


OPERE_38.indd 24

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 25

02/06/14 16:21


Maurizio Carraresi

Torrente Ombrone, ponte all’Asse lato Est, Poggio a Caiano

PAESAGGI d’ACQUA

OPERE_38.indd 26

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 27

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 28

02/06/14 16:21

Canale scolmatore Ombrone, Castelnuovo


OPERE_38.indd 29

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 30

02/06/14 16:21

↓ © Giulia Efisi > Monte Uliveto


OPERE_38.indd 31

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 32

02/06/14 16:21

Lago di Bilancino, dettaglio, Barberino di Mugello


OPERE_38.indd 33

02/06/14 16:21


34

C

A

S

E

D

A

testo di Ginevra Grasso

---

E a cidade, chamam-lhe Lisboa mas é só um rio que é verdade, só um rio, é a casa de água... (Madredeus, O Tejo) Una poetica canzone dei Madredeus celebra il fascino di Lisbona invocando l’aurora affinché possa svelare con il suo chiarore la parte più autentica della città: il suo fiume. Il Tejo, casa d’acqua, che scorre da millenni in quel luogo in cui solo da pochi anni la voce cantante ha scelto di nascere. In effetti i fiumi scorrono da sempre,

OPERE_38.indd 34

C

Q

U

A

.

da quando scorre il tempo. I fiumi sono l’origine, prima ancora delle città, delle civiltà. In quanto case d’acqua, i fiumi sono vita e insieme morte, risorsa e al contempo minaccia, limite e possibilità. L’uomo li ha sfruttati, navigati, subiti e cantati. L’architetto li ha valicati, arginati, incanalati, spesso sottovalutati. La città li ha celebrati lungo alcuni tratti attraverso nobili monumenti, imponenti waterfront e suggestivi lungofiume, per poi dimenticarli lungo altri, celandoli dietro uno scolorito ventaglio di retri urbani: siti industriali, depuratori, discariche abusive, degradate periferie. Fuori dalla città, quando non sono ricercati in virtù di una loro valenza utilitaristica, i fiumi sono raramente protetti e valorizzati per la loro importanza paesaggistica, più spesso vengono dimenticati, nei casi più fortunati restano “solo” acqua che

scorre, semplice natura. Più di ogni altra cosa però, sia fuori che dentro la città, si trascura (oggi più che mai) la più banale delle possibilità: quella di viverli. Considerare gli spazi fluviali come un luogo alternativo in cui far scorrere il proprio tempo, mentre l’acqua scorre. I progetti presentati di seguito sono solo un parziale campionario di possibilità. Volutamente sono state selezionate proposte a piccola e vasta scala, realizzate o solo pensate, al riparo e all’aria aperta. Progetti semplici e di certo non esaustivi dell’argomento trattato ma che invitano a mantenere viva l’attenzione sul tema e a considerare la possibilità di fermarsi, almeno per un po’, sulla riva di un fiume. Respirando la natura, passeggiando, meditando, leggendo o canticchiando su un sottofondo d’acqua.

02/06/14 16:21


35

3A B a r r eca & La Varra, Y ell o w O f f ice , Nature Mood

testo di Ginevra Grasso

OPERE_38.indd 35

PIACENZA REGGIO EMILIA

Il progetto presentato in queste pagine è risultato vincitore al concorso di idee bandito nel 2008 dalla provincia di Reggio Emilia, allo scopo di riqualificare un tratto del paesaggio fluviale lungo il Po e favorirne lo sviluppo della fruizione ricreativa, turistica e didattica. Il team vincente, costituito da Barreca & La Varra, YellowOffice e Nature Mood1, ha condotto, propedeuticamente al progetto, uno studio sul paesaggio. Il territorio padano è stato considerato come un unico sistema metropolitano segnato essenzialmente da due infrastrutture: l’arteria autostradale A4 e la via d’acqua del fiume Po. Sulla prima

scorrono ogni giorno pendolari, merci e viaggiatori alla velocità richiesta dagli affari e dall’asfalto; la seconda scorre invece al ritmo incessante dell’acqua, lambendo parchi, intersecando affluenti, pavesando oasi e segnando, ora silenziosamente ora più energicamente, il paesaggio emiliano. Considerando quindi il fiume come un autostrada, il gruppo ha pensato di tracciare dei segni lungo il suo corso attraverso dei pontili, idea cardine del progetto. Secondo questo criterio, così come gli svincoli, i caselli e gli autogrill costituiscono i nodi di riferimento dell’autostrada, i pontili andranno invece

02/06/14 16:21


OPERE_38.indd 36

02/06/14 16:21


↑Planimetria generale dell’intervento

37

OPERE_38.indd 37

a marcare (in apposite e ben individuate aree) il corso del Po. Il modello base di questi approdi, la cui progettazione si è fermata al livello embrionale del concorso di idee, è pensato per una fruizione esclusivamente pedonale e si sviluppa in lunghezza, perpendicolarmente all’argine del fiume. Le strutture immaginate sono semplici e a basso costo, realizzate in tubi Innocenti, giunti in acciaio, assi e pannelli in legno prefabbricato. Su queste piattaforme troveranno spazio servizi diversi: ricettivi, commerciali, ludici e culturali. Tutte queste attività però non sono immaginate come preconfezionate, ma come delle possibilità messe a libera disposizione dei fruitori che si troveranno a sostare presso questi autogrill del fiume2. I pontili sono infatti, secondo l’idea del gruppo, dei luoghi da completare. Si potrà infatti decidere di volta in volta, per quanto tempo rimanervi, se campeggiare o pescare, se meditare in solitudine sulle sponde o semplicemente impigrirsi nelle delle vasche riscaldate, dormire nelle camere comuni o lavorare all’interno dell’officina del riciclo, magari dopo aver passeggiato sulle rive e raccolto quanto scovato fra il fango. Sebbene la proposta sia accompagnata da un accorto piano organizzativo ed economico, lo stadio preliminare richiesto dal concorso, lascia comunque delle perplessità sulla gestione degli spazi. Tuttavia il progetto costituisce una risposta ideale ma possibile al crescente bisogno di punti riferimento più autentici, ad una vita alternativa a quella delle vetrine dei centri commerciali, ad una necessità di benessere che non deriva da beni materiali, ma da sensazioni primigenie e reali come sentire il vento fra i capelli o immergere i piedi nella corrente3.

02/06/14 16:21


MATERIALI

servizi comuni servizi comuni

officina del riciclo officina del riciclo

serra serra

cucina comune cucina comune

shop ambulantishop ambulanti

servizi comuni servizi comuni

dorm.x 24

dorm.x 24

servizi comuni servizi comuni

scala 1:250

camera doppia camera doppia

PIANTA PONTILE

gruppo energetico gruppo energetico

scala 1:250

casa del colone casa del colone

PIANTA PONTILE

dorm. x 8

scala 1:250

dorm. x 8

SEZIONE PONTILE

camera doppia camera doppia

scala 1:250

camera tripla camera tripla

SEZIONE PONTILE

ASSEMBLAGGIO

Tubi in acciaio modello Innocenti Giunti girevoli in acciaio Assi in legno Pannelli di legno prefabbricato

PROGRAMMA FUNZIONALE Gruppo energetico Stanze private con servizi

Stanze ‘dormitorio’ Casa del colono

Cucina comune

Shop

Officina del riciclo

Servizi comuni

Serra

OPERE_38.indd 38

02/06/14 16:21


ossigenatore H20 ossigenatore H20 attracco attracco

nuoto controllato nuoto controllato

sauna

sauna

vasche riscaldatevasche riscaldate

OSCILLAZIONI DEL CORSO FLUVIALE E DIMENSIONE DEL PONTILE 20 - 30 mt

portata ordinaria portata stra-ordinaria portata eccezionale

50 - 100 mt

primavera

autunno 30 - 50 mt

estate inverno

30 - 70 mt

max

OPERE_38.indd 39

VARIAZIONI E ADATTAMENTI

necessitĂ energetiche

livello di infrastrutturazione

INFRASTRUTTURAZIONE E ENERGIA

acqua bosco costruito esistente pontile esistente

02/06/14 16:22


✒ Progettazione urbanistica e architettonica: Barreca & La Varra (Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra), YellowOffice (Francesca Benedetto, Dong Sub Bertin, Anna Comi), Nature Mood (Stefano Franco, Cristina Serra). Collaboratori: A. Ferratini, L. Imbriani, D. Kim, F. Feraco 2 Paesaggi liquidi, I pontili del Po, Barreca & La varra, YellowOffice, Nature Mood, aprile 2009, p. 16. 3 Ibidem, pag. 14.

↑Rendering di progetto

↑Rendering di progetto

1

OPERE_38.indd 40

02/06/14 16:22


41

3B Q U I N TO D I TR E V I S O MADE

ass o cia t I

TR E V I S O

testo di Ginevra Grasso

OPERE_38.indd 41

Il tracciato pedonale, progettato dai Made associati1 e attualmente in fase di completamento nel trevigiano, è un progetto semplice ma, al contempo, straordinariamente sensibile e rispettoso. Lo studio si è più volte misurato con la tematica del fiume in generale e del Sile nello specifico2. In questo caso il percorso progettato consente, da un lato il recupero di un’area parzialmente degradata e vicina all’abbandono nonostante la prossimità al centro storico, dall’altro la fruizione piacevole ed educativa di un ambiente naturale autentico

e dimenticato. Il tracciato è stato individuato dopo un’accurata fase di studio e di valutazione del sito e prevede tratti diversi: a terra, a contatto con il canneto, sui ponti (per l’attraversamento del fiume e dei canali minori) e tratti immersi nel bosco. In ogni caso si è mirato a garantire il massimo rispetto dell’ambiente. La passerella ha, infatti, un impatto visivo minimo ed è stata realizzata con resistenti materiali naturali che necessitano di scarsi interventi di manutenzione. Grazie alla canalizzazione del flusso pedonale sulle passerelle si è esclusa,

02/06/14 16:22


42

OPERE_38.indd 42

02/06/14 16:22


passerella tipo 2

passerella passerella tipo 1 a contatto con il canneto passerella tipo 1 a contatto con il bosco passerella tipo 2 sui ponti passerella tipo 3 immersa nel bosco passerella tipo 3

PROGETTO - schemi del percorso passerella tipo 1

43

passerella tipo 1

passerella

passerella passerella tipo passerella 1 tipotipo 1 1

passerella passerella tipo passerella 2 tipotipo 2 2

passerella passerella tipo passerella 3 tipotipo 3 3

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

passerella tipo22 passerella tipo passerella 2 tipo

passerella tipo33 passerella tipo passerella 3 tipo

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

passerella tipo passerella 2 tipo passerella tipo22

passerella tipo passerella 3 tipo passerella tipo33

passerella tipo passerella 1 tipo 1

passerella tipo 2 passerella tipo 2

passerella tipo 3 passerella tipo 3

passerella tipo passerella passerella 2 tipo tipo22

passerella tipo passerella passerella 3 tipo tipo33

passerella tipo 2

passerella tipo 1 a contatto con il canneto passerella tipo 1 a contatto con il bosco

passerella passerella tipo passerella 1 tipotipo 1 1 passerella tipo 2 sui ponti

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

passerella tipo 3 immersa nel bosco passerella tipo 3

passerella tipo11 passerella tipo passerella 1 tipo

PROGETTO - schemi del percorso

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

passerella passerella tipo passerella 1 tipotipo 1 1 passerella tipo passerella 1 tipo 1

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

passerella tipo11 passerella tipo passerella 1 tipo

passerella tipo11 passerella tipo passerella 1 tipo passerella passerella tipo passerella 2 tipotipo 2 2 passerella tipo passerella 1 tipo 1

passerella tipo passerella passerella 1 tipo tipo11

o neto

passerella tipo22 passerella tipo passerella 2 tipo

co

passerella passerella tipo passerella 3 tipotipo 3 3 passerella tipo 2 passerella tipo 2

neto eto

co o

PROGETTO ROGETTO GETTO - schemi - -schemi schemi deldel percorso delpercorso percorso

neto eto

passerella tipo passerella passerella 2 tipo tipo22

o co

co

PROGETTO PROGETTO GETTO - schemi -- schemi schemi del percorso del del percorso percorso PROGETTO PROGETTO GETTO - schemi -- schemi schemi del percorso del del percorso percorso

neto eto

o co

PROGETTO GETTO - schemi - schemi del percorso del percorso

↑Planimetria del percorso

passerella tipo33 passerella tipo passerella 3 tipo

neto

passerella tipo passerella 3 tipo passerella tipo33

passerella tipo passerella 3 tipo 3

passerella tipo passerella passerella 3 tipo tipo33

↑→ Schema del percorso e tipologie di passerelle

passerella tipo passerella 2 tipo passerella tipo22

PROGETTO PROGETTO GETTO - schemi -- schemi schemi del percorso del del percorso percorso OPERE_38.indd 43

02/06/14 16:22


✒ Progetto: Made associati (Michela de Poli, Adriano Marangon) con T.e.r.r.a. srl Collaboratori: F. Faggian. 2 Si vedano a tal proposito gli interventi a Cendon di Silea (Tv) e gli altri a Quinto di Treviso ed in generale all’interno del Parco del Sile. (www.madeassociati.it) 1

↑→ © Made associati > viste del percorso

inoltre, la fruizione dell’area al di fuori dai percorsi stabiliti, in modo da garantire un maggior controllo e limitare il potenziale disturbo alla fauna esistente. Il tracciato costituisce un invito a vivere il “luogo Sile”, camminandovi intorno, affianco, al di sopra. Una passeggiata vicino al centro, lungo il corso, ma non quello dello struscio dei giorni di festa.

OPERE_38.indd 44

02/06/14 16:22


↓ Š Made associati > vista del percorso

45

OPERE_38.indd 45

02/06/14 16:22


46

3C DAP

STUDIO

CASTELLANZA

testo di Ginevra Grasso

OPERE_38.indd 46

Il terzo progetto proposto, quasi sorprendentemente, non ha la scala del paesaggio ma quella dell’edificio. Si tratta del recupero, eseguito da Dap Studio, di un ex-apprettificio sorto, durante gli anni dello sfruttamento industriale del fiume Olona, a Castellanza, nel varesotto. Qui l’amministrazione locale ha avviato da tempo un programma di recupero dell’ex-area industriale e, più in generale, un piano di riqualificazione di tutto il lungofiume. In questa zona, su entrambe le sponde dell’Olona, sorgono già edifici significativi per la vita cittadina:

VARESE

l’università Liuc (progettata da Aldo Rossi), il centro anziani e la sala comunale delle feste. L’intento promotore è quello di riconvertire l’intera area fluviale (recuperando le industrie dismesse e gli spazi adiacenti all’aperto) in un polo attrezzato per attività ludiche e culturali che sia di riferimento per la città. In particolare, data la sua ubicazione, l’ex-apprettificio Tosi, avrebbe l’importante ruolo di cerniera di connessione fra la zona fluviale e il centro di Castellanza. La vecchia fabbrica è stata trasformata in mediateca e spazio espositivo.

02/06/14 16:22


Š Andrea Martiradonna

47

OPERE_38.indd 47

02/06/14 16:22


↑ Sezione trasversale ↑ Sezione longitudinale ↑ Pianta piano terra ↑ Pianta piano primo

Si è intervenuti non solo sull’edificio, ma anche sul terreno circostante che, minacciando segni di cedimento data la vicinanza del fiume, è stato consolidato con iniezioni di resina. Inoltre, si sono rimodellati gli spazi esterni in prossimità della riva, attraverso l’utilizzo di tre materiali: cemento, erba e corten. Il nuovo edificio, non nasconde la sua

OPERE_38.indd 48

vecchia funzione. Si è infatti deciso di conservare in facciata i rivestimenti esistenti e di sottolineare le bucature presenti attraverso dei bowindows. Questi ultimi, oltre ad essere utilizzati come bacheche e schermi per la proiezione di immagini, garantiscono e rafforzano il rapporto visivo fra interno ed esterno. Di notte i bowindows

diventano, infatti, delle lanterne colorate che sembrano galleggiare sul fiume, mentre di giorno, chi siede nelle sale della biblioteca può sentire la presenza confortante dell’acqua che scorre appena fuori. In questo modo c’è un continuo scambio fra il fiume e l’edificio e l’uno si arricchisce della presenza dell’altro.

02/06/14 16:22


OPERE_38.indd 49

02/06/14 16:22

↓↓↘ © Andrea Martiradonna > viste dei prospetti


↑ Š Andrea Martiradonna > vista dalla grande finestra vetrata

50

OPERE_38.indd 50

02/06/14 16:22


OPERE_38.indd 51

02/06/14 16:22


S TOR I E D I P O N T I

Fabio Fabbrizzi

52

Nel 1945, mentre Firenze ormai libera per proprio merito, “taceva assorta nelle sue rovine”, come Umberto Saba scrive nella poesia Teatro degli Artigianelli, attraverso i bandi per la ricostruzione dei ponti e delle aree attorno a Ponte Vecchio, si inizia a profilare un vero e proprio dibattito su come affrontare il progetto della nuova architettura in relazione alle preesistenze storiche e ambientali. Ai sostenitori del dov’era e com’era, si opponeva chi credeva in una rinnovata visione dell’architettura, sempre debitrice nei confronti della storia di molta della propria progettualità attuale, ma dalla stessa storia, volutamente lontana in quanto non capace di esprimere la complessità della condizione contemporanea. Tra queste due polarità, si consuma la vicenda della ricostruzione fiorentina dei ponti, la cui distruzione era iniziata la notte del 4 agosto 1944 con l’abbattimento del Ponte alla Vittoria, il più giovane dei ponti fiorentini, progettato dal genovese Bruno Ferrati nel 1925 in sostituzione del precedente ponte sospeso ottocentesco S. Leopoldo. Le distruzioni del Ponte alla Vittoria, lasciano però in eredità le vecchie pile e gli attacchi delle sue spalle ai lungarni e il concorso indetto dal Comune di Firenze il 15 gennaio 1945, impone come clausola da rispettare il riutilizzo delle parti superstiti. Dei quarantatré progetti partecipanti, solo otto superano il primo grado, ridotti a due nell’ultima fase, tra i quali, infine, si sceglie il progetto contrassegnato dal motto “Il ponte” di Italo Gamberini, Nello Baroni, Lando Bartoli, Carlo Maggiora e Mario Focacci. Naturalmente le polemiche per questa scelta non tardarono a farsi sentire, tanto che alcuni componenti della commissione

OPERE_38.indd 52

giudicatrice si dissociarono attraverso la stampa locale, dichiarando apertamente la netta superiorità del progetto scartato, individuato dal motto “L’uomo sul ponte” di Giuseppe Giorgio Gori, Leonardo Ricci, Leonardo Savioli, Riccardo Gizdulich e l’ingegner Neumann come strutturista. Un progetto incredibilmente innovativo, se si escludono alcune ingenuità linguistiche orientate ad un’adesione banalmente neoclassicheggiante, grazie al quale si arrivava a comprendere come un ponte potesse essere anche qualcosa di più di un semplice elemento per collegare due sponde. Accanto alla quota dedicata al passaggio dei mezzi meccanizzati, veniva concepita una quota ribassata destinata al pedone. Un percorso che si alzava e si abbassava sull’acqua, seguendo il disegno delle arcate e che permetteva di raggiungere il pelo del fiume direttamente dalla base delle pile. Pochi mesi prima, Giovanni Michelucci, macerie ancora fumanti e taccuino alla mano, fermava in schizzi e visioni, la sua idea di ricostruzione. Un’idea nella quale il fiume aveva un ruolo prioritario, non più ferita nel tessuto urbano, ma occasione di vita all’interno della città. Visioni che poi verranno da lui meglio precisate nel dicembre del 1945 nel primo numero della rivista “La nuova città”, nella quale si getteranno le basi di quel costruire l’architettura sulle infinite, variabili e mutevoli relazioni che stanno al suo contorno e che costituirà uno dei nodi principali della progettualità recente di matrice fiorentina. In particolare, questo progetto del gruppo Gori riusciva a tradurre molte di quelle posizioni nascenti su una nuova idea urbanistica e architettonica della città, cercando di aderire anche ad un altro cavallo di battaglia di Michelucci, ovvero,

quello cioè sulla cosiddetta sincerità costruttiva che come ricordiamo, fu proprio uno dei motivi della sua scissione con il Gruppo Toscano per le vicende della Stazione di Santa Maria Novella. Per evitare il senso di rivestimento posticcio che le lastre di pietra applicate a staffa avrebbero avuto, il progetto di Gori propone che il rivestimento in pietra forte funzioni come cassaforma alla struttura in cemento armato del ponte. Ogni dubbio e ogni disquisizione sulla disciplinarietà di certi atteggiamenti, viene troncato dall’urgenza di ricostruire il ponte e i lavori secondo il progetto del gruppo Gamberini vengono iniziati dal luglio del ’45. Man mano che la plasticità della struttura veniva resa evidente dalle fasi avanzate della realizzazione, si riaccese anche per questo progetto, il dibattito sulla necessità di rivestirlo di lastre di pietra forte, ma la polemica fu ben presto anche in questo caso messa a tacere dal Comando Militare Alleato che per ragioni economiche stralciò tutte le opere di completamento, lasciando così il ponte con quel senso di incompiuto che ancora oggi possiamo constatare. Il secondo concorso bandito per la ricostruzione dei ponti fiorentini fu quello per il Ponte alla Carraia. In esso, si richiedeva la formulazione di proposte dotate di disegni comprensibili in modo da effettuarne l’esposizione a Palazzo Vecchio, prima del verdetto della giuria. Tra le ventitré proposte presentate si mettono subito in evidenza “La chiusa” di Michelucci, Santi e Gizdulich e “Ponte di città” di Gori, Savioli, Ricci e Neumann. L’idea di Michelucci era quella che il Ponte alla Carraia segnasse la fine della città murata, e quindi le pile, allungate fino all’altezza delle spallette, dovessero ricordare delle torri. Fin da una prima

02/06/14 16:22


OPERE_38.indd 53

02/06/14 16:22

© Fondo Gori, Biblioteca di Scienze Tecnologiche dellʼUnivesità degli Studi di Firenze (serie 2.47a)


OPERE_38.indd 54

02/06/14 16:22

© Fondo Gori, Biblioteca di Scienze Tecnologiche dellʼUnivesità degli Studi di Firenze (serie 2.5b)

© Fondo Gori, Biblioteca di Scienze Tecnologiche dellʼUnivesità degli Studi di Firenze (serie 2.5a)


55

osservazione, il progetto michelucciano, presenta anche ad un occhio poco attento, una smaccata adesione storicista, rassomigliando vistosamente a detta di alcuni giornalisti e commentatori, ad un antico ponte bavarese. Passi quindi il fatto che il progettista da un punto di vista teorico professasse una filosofia del tutto opposta a quella invece dimostrata nelle forme neomedievali del suo progetto, ma che dovesse rassomigliare ad un ponte tedesco, visto che proprio i tedeschi avevano distrutto quello precedente, non fu proprio digerito da nessuno. Vinse quindi una delle quattro proposte presentate del gruppo Gori, al quale l’Amministrazione Comunale affidò la redazione di un progetto esecutivo che una volta inviato a Roma al Ministero dei Lavori Pubblici, non ottenne, però, nessuna approvazione. In risposta a ciò, Roma emanò un nuovo bando di concorso con la formula dell’appalto, dal quale però, Firenze viene di fatto praticamente esclusa, rimanendo presente solo come osservatore senza capacità di voto. Tra molte polemiche, il nuovo Ponte alla Carraia, inutilmente “gobbo” nei suoi cinque archi rivestiti di pietra forte e costruito secondo il progetto del nuovo vincitore, il veronese Ettore Fagioli con un’impresa di Torino, verrà inaugurato nel giugno del 1952 tra le innumerevoli polemiche, prime fra tutti quelle di Gori, usurpato vincitore del precedente concorso. Nell’esperienza della realizzazione dei ponti fiorentini, il gruppo Gori si dimostra sostanzialmente stabile e in grado di rispondere con un approccio unitario, caratterizzato dalle opportune variazioni che la diversità di ogni collocazione richiede. Anche nel caso del concorso per il Ponte

OPERE_38.indd 55

alle Grazie, bandito nell’agosto del 1945, il progetto denominato “Le piazze”, porta avanti come per il Ponte alla Carraia, l’idea di una struttura a cinque archi con un sistema di scalinate e collegamenti per accedere direttamente all’acqua. Lo stesso gruppo, si presenta però anche con una soluzione alternativa denominata “Le casette”, nella quale l’approccio maggiormente espressionista, porta ad immaginare una flessione delle pile che fuoriescono dal piano di attraversamento stradale, con dei volumetti che avrebbero dovuto interpretare la memoria dei vecchi romitori demoliti già nell’Ottocento. La competizione in questa esperienza, si gioca tutta tra questo progetto del gruppo Gori e quello del gruppo Michelucci. Quest’ultimo raggruppamento, vede inserirsi rispetto alla composizione del gruppo per il concorso del Ponte alla Carraia, la presenza di Edoardo Detti. Tra i ventiquattro progetti presentati a questo concorso, la commissione sceglie quello del gruppo coordinato da Michelucci, contraddistinto dall’allusiva denominazione “L’incontro”, giocando sul doppio significato di un’architettura che sarebbe dovuta essere intesa quale luogo di relazione, ma anche sul fatto che in quel punto la città mette in atto l’incontro tra il suo centro e la sua parte periferica. Notevoli difficoltà burocratiche ed economiche allungarono a dismisura il processo della realizzazione. Bisognerà aspettare il 1957 perché il Cardinale Elia Della Costa, inauguri la struttura a cinque arcate contraddistinta da un elegante bilico tra massa e leggerezza, del nuovo Ponte alle Grazie. Il vecchio Ponte di S. Niccolò era una malandata struttura leopoldina in ferro che il Comando Militare Alleato, alla fine del 1944, decide di ricostruire

provvisoriamente e in tutta fretta in cemento armato su palafitte. Dopo i primi accertamenti, questa possibilità risulta inapplicabile da realizzare e il Comune decide di bandire un concorso pubblico per ricostruire il nuovo ponte con caratteristiche definitive, utilizzando la tecnologia del cemento armato, ma prevedendo una struttura ad un solo arco. Fu questo, un concorso un po’ snobbato dalla compagine dei progettisti fiorentini, impegnata in maniera robusta sul fronte degli altri concorsi dei ponti cittadini — quattro in un anno — che istituivano un rapporto più diretto con la città storica. L’area allora molto periferica sulla quale si sarebbe dovuto progettare il nuovo Ponte S. Niccolò non scoraggiò, tuttavia, il prolifico e collaudato gruppo Gori che produsse due diverse soluzioni. La prima, prevedeva un ponte ad una sola arcata per non andare fuori bando, mentre la seconda alternativa si basava su un ponte a tre arcate, definito dai progettisti come opera moderna inserita con misura nell’ambiente fiorentino. Quest’ultima soluzione si basava sulla compenetrazione del tema del piano del passaggio stradale con quello della struttura che lo sostiene. Tre arcate sintatticamente autonome, si elevavano dall’acqua a sostenere il nastro della trave del piano stradale in modo che questa giustapposizione ne forava completamente le pigne. Alla motivazione idraulica di una minore resistenza, si sommava una motivazione visiva, data dall’alleggerimento della massa che non appariva più concepita in chiave plastica, ma tramite la discretizzazione di tutti i propri singoli componenti. Il concorso appalto fu vinto però da un’impresa romana con il progetto degli ingegneri Giuntoli e Morandi, ma naturalmente, anche questa architettura,

02/06/14 16:22


56

continuità tra il contemporaneo e la storia. L’immagine moderna, quasi autostradale del nuovo ponte, riesce a dialogare con la presenza interpretativa di elementi della Firenze storica. Il leggerissimo piano di passaggio del ponte, poggia su due sole pile cuspidate che nell’alludere a quelle di Ponte Vecchio, attuano con la loro presenza, il gioco tra sforzo e tensione e tra massa e vibrazione. La tecnica impiegata svolge un ruolo fondamentale nella definizione delle misure e dei rapporti tra le parti. Tale leggerezza, infatti, è possibile solo grazie all’invenzione di un telaio con elementi di cemento armato precompresso montati sfalsati che rendono possibile la sgusciatura laterale delle sue sezioni in modo da alleggerire visivamente il bordo esterno del nastro della strada, teso a catenaria rovesciata, sopra le pile.

Il 28 giugno del 1957 il Ponte Vespucci fu inaugurato ed ebbe subito una risonanza internazionale, dovuta oltre che dalla calibrata e riuscita forza dell’idea strutturale — impossibile da separare da quella compositiva — anche ad una raffinatezza del dettaglio costruttivo che a distanza di molti anni, ancora colpisce. La pavimentazione in blocchetti quadrati di porfido, libera allusione a quella comune presente in San Frediano, i parapetti in metallo bronzato, le opere a bassorilievo poste sulle teste, così come l’aiuola verde spartitraffico che lo divide in due corsie di scorrimento, sottolineata dal nastro illuminante che di notte ribadisce con la luce la sagoma del ponte, ne fanno un esempio di grande respiro, inserendolo in quella modernità di interpretazione che in Italia, soprattutto negli anni Cinquanta ha lasciato i suoi esempi migliori.

© Fondo Gori, Biblioteca di Scienze Tecnologiche dellʼUnivesità degli Studi di Firenze (serie 2.55a)

inaugurata nel maggio del 1949, subì le critiche più disparate dei fiorentini che criticavano la pesantezza visiva della struttura in relazione alla tecnologia impiegata. A sfatare la regola non scritta che i concorsi quasi sempre non vengono vinti dai progetti migliori, fu l’esperienza del 1954 del concorso per il Ponte Amerigo Vespucci, creato per un migliore collegamento tra il centro e il quartiere di San Frediano. Vincitore di questo concorso, fu Giuseppe Giorgio Gori, risarcito finalmente dell’impegno speso fino ad allora nella progettazione dei ponti fiorentini. Gori, abbandona però in questo caso, le visioni classicheggianti di Ricci e Savioli e alleato in gruppo con Enzo Gori, Ernesto Nelli e Riccardo Morandi per la parte strutturale, idea un’architettura capace di coniugare l’intuizione della vera

OPERE_38.indd 56

02/06/14 16:22


Ove r t h e Rive r avvertimenti contro l’arte effimera Michele Londino

Ogni città, o paese o villaggio del mondo, ha la sua rive gauche — fosse anche un muretto oltre l’ultima casa: è un posto dove tutti, almeno una volta, siamo tenuti a passare e se dico tutti per dire di me, mi perdoni. È la che si vendono e si rappresentano arte e illusioni, e memorie, però a giusto prezzo, e tra queste io conto i ritratti del Che, canzoni. Poemi, L’elogio del nemico di J.L. Borges, e molte altre avventurose attrazioni. (tratto da: Athos Bigongiali, Avvertimenti contro il mal di terra, Sellerio Editore, Palermo 1990)

57

Le opere di Christo e Jeanne-Claude hanno una vita breve. Per loro stessa intenzione le installazioni sono distrutte dopo due settimane, anche quando queste richiedono molti anni di lavoro e ingenti investimenti economici1. La stessa sorte è prevista per due progetti, ancora non realizzati. Uno è il progetto “Over the River”, sul fiume Arkansas tra Cañon City e Salida nel sud del Colorado e oggetto di quest’articolo. L’altro è il progetto “The Mastaba”2, pensato per l’ambiente arido degli impianti petroliferi di Abu Dhabi. Forse anche per merito dei luoghi in cui sono stati pensati, questi due progetti, meglio di altri, comunicano il significato della transitorietà e aggiungerei dell’impermanenza e il senso della temporaneità della loro arte. Il progetto Over The River nasce nel 1992 e come molti progetti di

1

OPERE_38.indd 57

Christo e di Jeanne-Claude, anche questo, dedicato al fiume Arkansas, ha avuto una lunga preparazione, non senza intoppi e sorprese3. L’idea di Over The River consiste nel coprire otto aree del fiume Arkansas per una lunghezza complessiva di quasi sei miglia in un’area estesa per 67 km, con pannelli in tessuto traslucido che hanno il compito di ridefinire i contorni delle rive del fiume. L’impianto è composto di una struttura di cavi d’acciaio tesi a sostenere i teli e disposti in modo tale da seguire l’andamento topografico e il percorso del fiume stesso. I tratti del fiume, opportunamente scelti per l’allestimento, permetteranno ai visitatori di osservare l’opera da differenti punti di vista come il ciglio della strada che corre parallelamente al fiume o dal treno in corsa, oppure, dall’interno dell’opera

2

02/06/14 16:22


58

stessa. Questo particolare punto di osservazione è dedicato ai tantissimi sportivi che praticano il rafting, sport molto popolare nella zona. Il gesto artistico, apparentemente semplice, di coprire il fiume denota una grande sensibilità degli artisti verso il fiume stesso. Si capisce immediatamente che l’elemento con cui hanno lavorato non è stato un soggetto passivo, ed è proprio la natura mutevole del fiume che ha dettato le regole del progetto. Lo dimostrano i moltissimi disegni preparatori, i quali sembrano presi da una forza che li trattiene all’interno di quel paesaggio che il fiume ha costruito nel tempo. Una gabbia, dunque? No; al contrario, il luogo ricorda la cavea di un teatro naturale in cui ci si sente parte di una rappresentazione scenica che ripete se stessa e quindi difficilmente

si è tentati di uscire. I punti di vista, delle rappresentazioni e degli schizzi, rintracciano continuamente l’azione del fiume e riassumono la drammaticità della forza erosiva e spesso violenta, ancora visibile nelle stratificazioni e accumuli nel paesaggio. I teli ricalcano il fiume, si sovrappongono a esso e a tratti riemerge come da una cavità carsica. I fiumi si muovono seguendo regole immutabili. Sono un concentrato di fenomeni naturali che li descrivono come gli elementi più instabili della natura. L’azione erosiva impone, chi li osserva, chi li monitora, a produrre continuamente nuove cartografie, differenti mappe in rapporto alle mutevoli topografie. Disorienta chi prova a imbrigliare il fiume in regole scritte di tutela. Il suo ambiente geografico, cioè il suo bacino idrografico, è il risultato di

simultanee azioni dinamiche. Anche il paesaggio, intorno, fa fatica a resistere al dinamismo e alla precarietà della sua natura e fa dell’instabilità del fiume e della forma non conclusa, una sua regola compositiva. Il progetto Over The River, interpreta tali aspetti e li traduce in arte con un gesto di sovrapposizione e ricalco e aggiunge come nuovo elemento della rappresentazione la materia fragile e leggera del tessuto che è resa instabile dall’azione continua del vento. È difficile racchiudere il lavoro di Christo e Jeanne-Claude all’interno della categoria della Land Art. Un luogo spesso molto affollato di mode e tendenze. I due artisti, invece, somigliano più a esploratori solitari e nomadi e come tali trasportano la loro arte, anch’essa transitoria, da un luogo all’altro. Nella definizione di Land Art o

3

OPERE_38.indd 58

02/06/14 16:22


1. Christo, The River (project), drawing 1992, 14 x 11” (35.5 x 28 cm), pencil, charcoal, wax crayon, ballpoint pen and cardboard. (Annely Juda Fine Art, © 1992 Christo) 2. Christo, The River (project), collage 1992, 26 1/4 x 30 1/2” (66.7 x 77.5 cm), pencil, fabric, wax crayon and charcoal. (André Grossmann, © 1992 Christo) 3. Christo, The River (project for Arkansas River, State of Colorado), drawing 2010, 13 7/8 x 15 1/4” (35.2 x 38.7 cm), pencil, pastel, charcoal and wax crayon.

(André Grossmann, © 2010 Christo) 4-5. Christo, Over the River (project for Arkansas River, State of Colorado), collage 2010, 17 x 22” (43.2 x 55.9 cm), pencil, enamel paint, wax crayon, photograph by Wolfgang Volz, topographic map, fabric sample and tape National Gallery of Art, Washington, D.C., USA (Gift of the artist). (André Grossmann, © 2010 Christo) 6. Christo, Over the River (project for Arkansas River, State of Colorado), drawing 2010, in two parts 96 x 42” and 96 x

15” (244 x 106.6 cm and 244 x 28 cm), pencil, wax crayon, charcoal, pastel, enamel paint, fabric sample, hand-drawn topographic map, technical data and tape. (André Grossmann, © 2010 Christo)

ancora in quella di Wrapping, cui spesso si fa appartenere l’arte di Christo e Jeanne-Claude, è nascosto il rischio di una semplificazione che tradisce il loro lavoro artistico rispetto a significati forse più complessi. Ancora più insidioso è il rischio nell’uso del termine effimero se non si presta particolare attenzione al suo vero significato. Ecco perché c’è bisogno, come dichiara il sottotitolo di quest’articolo, di avvertimenti contro l’arte effimera. L’aggettivo effimero assume un senso contraddittorio se lo contestualizziamo nel tempo contemporaneo e se riflettiamo sul fatto che oggi la produzione, la trasmissione e la condivisione di opere d’arte, di immagini e idee, avviene nello stesso tempo in cui l’evento si compie. Attraverso i social media, altro strumento evanescente, gli

eventi temporanei diventano duraturi “rimbalzando” continuamente nelle diverse piattaforme digitali come un eco all’infinito. Partendo da queste considerazioni possiamo notare una contraddizione ancora più evidente se il significato del termine effimero inteso come fugace è applicato al lavoro dei due artisti statunitensi e alla loro produzione artistica. Come potremmo allora definire, se mai questo fosse necessario, le loro opere? Credo che la definizione più giusta l’abbiano data loro stessi quando definiscono i loro progetti “opere di un’arte pubblica e transitoria” con l’accortezza però di percepire nel significato del termine transitorio la forza del passaggio e meno la levità dello scorrere. Il transito, infatti, lascia sempre il segno: la traccia del passaggio. Il transito può anche

non essere lieve, anzi spesso non lo è. Pensiamo per esempio alle carovane dei nomadi che attraversano da sempre le piste nel deserto. La permanenza fisica dei nomadi in un luogo è misurata dal sovrapporsi dei passaggi sui segni di altri passaggi. Segni transitori, dunque, non oggetti o manufatti, che ricordano il loro permanere breve in un luogo. La loro permanenza/esistenza si compie attraverso un atto che non prevede alcuna costruzione durevole, ma attraverso la volontà di ricalcare le tracce che continuamente sono cancellate. Il tema della transitorietà nelle opere di Christo e Jeanne-Claude si fonda a mio avviso su questo principio che mette insieme l’esistere senza permanere e si realizza con l’atto di sovrascrivere e sovrapporre l’arte alla natura e ripetere questo gesto. Le loro opere oppongono

4

OPERE_38.indd 59

5

59

6

02/06/14 16:22


7. Christo, Over the River (project for Arkansas River, State of Colorado), collage 2013, 17 x 22” (43.2 x 55.9 cm), pencil, enamel paint, wax crayon, photograph by Wolfgang Volz, topographic map, fabric sample and tape. (André Grossmann, © 2013 Christo)

60

al termine precario o effimero il significato di transitorio. Ed è proprio nel transito e quindi nel ricalcare segni già esistenti e nel non permanere che si perpetua la narrazione della loro opera artistica. La pratica di avvolgere edifici e territori con teli va allora letta con il significato di azioni ripetute di ricalchi e di svelamenti. Fasciare un oggetto o un edificio o un fiume, non significa nascondere, al contrario, manifesta la presenza e risalta i contorni e riporta in evidenza ciò che è nascosto, attraverso il principio del ricalco. L’involucro, dunque, non esclude l’edificio, non copre il fiume e non nasconde neppure il paesaggio, invece, esalta quelle parti che altrimenti sono nascoste proprio perché sempre visibili. L’oggetto, il fiume in questo caso, ridefinito in una nuova matrice e ricomposto da un nuovo involucro,

prende nuova vita anche attraverso una somigliante forma del suo originale. Tutte le somiglianze sono del resto approssimative, incerte, talvolta lontane dal vero, decisamente arbitrarie4 e questa, forse, è una buona definizione dell’arte di Christo e Jeanne-claude.

✒ 1 Obiettivo degli artisti è sempre stato quello di creare opere d’arte senza alcuna sovvenzione pubblica e privata e senza alcuna sponsorizzazione. Allo stesso modo, gli artisti non sponsorizzano aziende, prodotti o movimenti politici. I costi delle loro installazioni sono coperti dal guadagno derivato dalla vendita di opere d’arte originali a collezionisti privati, gallerie e

7

OPERE_38.indd 60

musei. Christo e Jeanne-Claude hanno sempre mantenuto una posizione di totale libertà artistica, senza vincoli imposti. Il contenuto è tratto dal sito ufficiale: http://www.christojeanneclaude. net/press/over-the-river --2 “The Mastaba”, un progetto per Abu Dhabi, è stato concepito nel 1977. Sarà la più grande scultura al mondo, fatto da 410.000 barili multi-colorati per formare un mosaico di colori scintillanti brillanti, riecheggiando architettura islamica. --3 Fra le sorprese, si può citare un aspetto positivo derivato dalla lunga discussione sulla fattibilità del progetto anche riguardo a moltissime tesi contrarie alla realizzazione dell’opera. Molte osservazioni rivolte al (BLM) Bureau of Land Management, puntavano il dito contro una scarsa considerazione del valore intrinseco dell’opera d’arte e del significato culturale di Over The River. In virtù di tali osservazioni, l’ufficio del governo del territorio (BLM) ha ritenuto importante inserire tali analisi nella relazione finale di impatto ambientale, Environmental Impact Statement (EIS). Questa è la prima volta, scrive Christo, che un’opera d’arte ha subito una (EIS), quindi questa è una pietra miliare significativa per gli artisti di tutto il mondo. Per una lettura completa delle procedure e dell’iter burocratico del progetto (ancora in corso) si rimanda al sito: http://www.overtheriverinfo.com/ index.php/about-over-the-river/permittingprocess/environmental-impact-statementprocess/ --4 Tratto da: Caillois R., La scrittura delle pietre, Collana di Saggistica, Casa Editrice Marietti, Genova 1986.

02/06/14 16:22


OPERE_38.indd 61

02/06/14 16:22


62

Q

uan

en

t

r

d a

o

l in

testo di Davide Tommaso Ferrando

--Un’illustrazione in un manuale medico della seconda meta del Seicento, che serviva a chiarire il funzionamento dell’occhio umano, ritrae due signori in una camera oscura intenti a osservare l’immagine capovolta dell’ambiente esterno, proiettata dal fascio di luce che attraversa il piccolo foro dotato di lente dello strumento ottico. Sullo schermo teso sorretto dalle due figure è ben distinguibile una scena tipicamente olandese: dietro a due personaggi apparentemente indaffarati, si scorgono due snelli alberi elevantisi sulla riva di un fiume solcato da una piccola imbarcazione a vela. L’immagine non presenta alcuna storia, monumento o personaggio degni di nota, e la composizione degli elementi sulla superficie proiettata risulta, necessariamente, casuale: eppure le due figure osservano l’immagine capovolta con interesse, per il solo piacere della vista. Accanto all’illustrazione si trova una nota dell’autore, Johan van Beverwyck, che spiega come l’apparecchio raffigurato nel manuale, installato sulla torre della sua casa a Dordrecht, gli servisse per proiettare su una parete o su un foglio

OPERE_38.indd 62

acqua ci

t

t

à

.

di carta l’immagine dei passanti lungo le rive del fiume Waal, e dei battelli che lo attraversavano con le loro bandiere colorate. Se questo aneddoto non ci stupisce, è perché siamo abituati ad attribuire a fiumi e canali un valore estetico quasi archetipico, tale da posizionarli naturalmente nel nostro immaginario tra gli elementi più qualificanti di un paesaggio urbano. Eppure non è sempre stato così. Con l’esclusione di alcune opere anticipatrici — penso ad esempio al Miracolo della Croce di Vittore Carpaccio (1494), al Porto di Anversa di Albrecht Dürer (1520) o alla Vista di Zierikzee di Isaia van de Velde (1618) —, è infatti necessario aspettare proprio fino alla seconda metà del Seicento, perché in Europa comincino a diffondersi rappresentazioni artistiche volte a mettere in luce la particolare bellezza che si produce dall’incontro di uno spazio urbano e un corso d’acqua. Fino alla seconda metà del Xvii Secolo, in altri termini, la cultura occidentale ha quasi sempre pensato (e dunque rappresentato e utilizzato) i fiumi nei loro tratti urbani principalmente come mezzo di trasporto, e solo in seguito come fonte di godimento estetico. Trecentocinquant’anni più tardi, la situazione è ben diversa. Eliminato dai centri urbani il trasporto fluviale

a fini commerciali, la riqualificazione del waterfront è diventata una delle operazioni urbanistiche più comuni tra le città che intendono dotarsi di spazi pubblici all’avanguardia — nonché speculare sull’incremento di valore immobiliare delle aree più prossime all’acqua —, come nel caso delle operazioni Hafencity ad Amburgo, Confluence a Lione e Spina 3 a Torino. In questi e altri casi, al valore paesaggistico legato alla “riscoperta” delle rive del fiume si aggiungono funzioni strategiche dal punto di vista urbanistico, come la pedonalizzazione di ampie fasce di suolo urbano, il potenziamento del network degli spazi pubblici, il collegamento di parti di città in precedenza separate e la creazione di nuovi luoghi per lo sport e il tempo libero. I progetti presentati in questa sezione, seppur in maniera diversa, sono esemplari di tre tipi di strategie progettuali che possono nascere da un confronto critico tra dinamiche urbane (non sempre virtuose) e corsi d’acqua. Semplificando, possiamo parlare di “riappropriazione”, nel caso della scuola galleggiante di Makoko; di “colonizzazione”, nel caso del ponte Jean-Jacques Bosc a Bordeaux; e infine di “accostamento”, nel caso del progetto Madrid Rio.

02/06/14 16:22


63

5A

OMA

FR A N C I A B ORD E A U X

testo di Davide Tommaso Ferrando

OPERE_38.indd 63

Bordeaux-Euratlantique è il nome di un’operazione urbanistica di dimensioni uniche nel panorama francese, nonché di valore strategico per la città di Bordeaux: 738 ettari di terreno prevalentemente industriale situato a poca distanza dal centro storico del capoluogo aquitano, destinato dal 2009 ad attrarre un mix classico di investimenti immobiliari (tra cui un grande business district) gravitanti attorno a una nuova stazione del Tgv, che trasformerà Bordeaux in un importante nodo ferroviario, velocizzandone il collegamento con metropoli quali

Lisbona, Madrid, Parigi e Amsterdam. Uno degli elementi cruciali per il futuro assetto urbanistico dell’area, il nuovo ponte Jean-Jacques Bosc — il cui progetto è stato affidato a Oma nel dicembre del 2013 a seguito della vittoria di un concorso internazionale — supererà la barriera naturale costituita dal fiume Garonna, che attraversa e separa diagonalmente l’intero comprensorio, ricollegando così i limitrofi comuni di Bordeaux, Bègles e Floriac. Come in alcune delle sue proposte più convincenti (si pensi, ad esempio, alle due biblioteche di Jussieu, al Centro

02/06/14 16:22


PONT DE PIERRE

PLACE DE LA BOURSE

PLATE-FORME NEUTRE

64

↑© Oma > la versatilità funzionale del ponte

DIVERSITÉ

Congressi di Cordoba o all’ambasciata dei Paesi Bassi di Berlino), anche in questo caso lo schema progettuale di Oma mette in discussione le premesse del bando di concorso, riconfigurandone il programma fino a produrre una configurazione spaziale inattesa. In un’efficace critica ai virtuosismi formali che caratterizzano buona parte dei ponti progettati e costruiti negli ultimi anni, la proposta di Oma evita di occuparsi dell’apparato figurativo del progetto — il ponte come evento — per concentrarsi sul potenziamento delle attività insediabili al suo interno — il

OPERE_38.indd 64

ponte come contenitore di eventi. Il risultato di tale processo è una grande piattaforma urbana di 545 x 44 metri estendentesi ben oltre le due rive del fiume, la cui (insolitamente ampia) superficie orizzontale è in grado di ospitare, all’occorrenza, eventi tradizionalmente svolti in strade e piazze — quali ad esempio maratone, concerti, festival, mercati etc. Più che un sistema di collegamento tra due parti della città, il Pont JeanJacques progettato da Oma è dunque un generoso spazio urbano: un intervento all’incrocio tra ingegneria, architettura e urbanistica.

02/06/14 16:23


OPERE_38.indd 65

↓© Oma > vista dell’area pedonale, fotocomposizione

↓© Oma > vista a volo d’uccello, fotocomposizione

↓© Oma > modello

65

02/06/14 16:23


OPERE_38.indd 66

02/06/14 16:23


OPERE_38.indd 67

02/06/14 16:23

Š Oma > vista del ponte, fotocomposizione di progetto


OPERE_38.indd 68

02/06/14 16:23

↑Š Oma > vista del ponte, fotocomposizione di progetto


69

5B Burgos & Garrido A r qui t ec t o s A ss o cia d o s

M A DR I D

SPAGNA

testo di Eugenio Pandolfini

OPERE_38.indd 69

Il progetto Madrid Rio, lanciato nel novembre 2005 dalla municipalità della capitale, ha visto in brevissimo tempo una consistente parte di Madrid cambiare radicalmente. I punti cardine del progetto sono stati l’interramento di circa sei chilometri della storica autostrada M30, il recupero e la bonifica del fiume Manzanarre e la riqualificazione delle aree liberate in superficie dal traffico carrabile. Molte sono le città che negli ultimi decenni hanno investito nella mobilità automobilistica sotterranea. In Europa si possono citare Oslo e Dublino, che si sono dotate di strade in galleria

per alleggerire il traffico cittadino, liberando allo stesso tempo spazio in superficie per realizzare parchi e aree attrezzate che attualmente sono fruibili da pedoni, ciclisti e mezzi pubblici. Negli Stati Uniti la città di Boston ha realizzato un tunnel urbano lungo circa dodici chilometri, riqualificando la zona superiore e aprendola alla cittadinanza. A Madrid, la presenza del Manzanarre costituisce il valore aggiunto di questo particolare progetto, sia in termini ambientali che in termini di relazione con il paesaggio urbano e naturale. Una volta interrata l’autostrada — che

02/06/14 16:23


↑→Area d’intervento generale OPERE_38.indd 70

02/06/14 16:23


↓Planimetria del viale dei pini

↓© Jeroen Musch > ponte obliquo

↓© Madrid > vista dell’area d’intervento all’altezza del ponte obliquo

71

dagli anni Settanta correva parallela al fiume rendendone praticamente impossibile la fruizione — si sono rese disponibili una serie di ampie aree collegate tra loro in una zona centrale della città. L’amministrazione comunale, intuendo la possibilità di realizzare un corridoio ambientale a ridosso del centro storico, ha deciso di indire un concorso di idee per la riqualificazione delle aree sovrastanti i tunnel autostradali, e per il recupero della relazione con il fiume, a lungo dimenticato dalla città. Il concorso è stato vinto da un pool di studi di architettura madrileni

OPERE_38.indd 71

(Burgos & Garrido; Porras & La Casta; Rubio & Álvarez-Sala) raggruppatosi per l’occasione con il nome di mrio arquitectos asociados: il progetto, presentato in collaborazione con lo studio di architettura del paesaggio olandese West 8, ha previsto la realizzazione di un parco urbano di oltre centoventi ettari. Al posto del tratto dell’autostrada M30, che tagliava in due la città, è stata realizzata una striscia verde lunga circa dieci chilometri con viali alberati, giardini, pinete, frutteti, piste ciclabili, varie attrezzature ed impianti sportivi, bar e ristoranti, aree gioco per

bambini, vasche e perfino una spiaggia urbana con giochi d’acqua. Grande cura è stata riposta nella selezione delle alberature e delle essenze: il Salòn de Pinos è un nuovo viale pedonale in cui sono stati piantati 8.000 pini, i ciliegi sono i protagonisti dell’Avenida de Portugal, l’Huerta de la Partida reinterpreta il tema mediterraneo del frutteto con alberi di fico, mandorlo, melograno. In totale sono stati piantati più di 30.000 nuovi alberi e quasi 500.000 arbusti, per un assorbimento stimato di circa 60.000 tonnellate di CO2 nei prossimi venti anni.

02/06/14 16:23


↑© Ana Müller > vista di uno dei sentieri del Parco Arganzuela

↑© Madrid > vista del Parco Arganzuela

Anche i ponti sul Manzanarre sono stati oggetto di riflessione: i Ponti de Segovia, de Toledo e de La Reina sono stati ristrutturati, mentre sono stati realizzati alcuni nuovi collegamenti, come per esempio il Ponte ad Y (progettato da West 8) e l’Arganzuela Bridge, il ponte elicoidale in acciaio progettato da Dominique Perrault. Il tema del collegamento — o meglio: della ricucitura — è una delle chiavi per comprendere a fondo l’importanza di questo progetto: il Madrid Rio unisce tra loro zone verdi della città, rende più fruibili strutture esistenti (come per esempio il Centro creativo

OPERE_38.indd 72

contemporaneo Matadero), ricollega le piste ciclabili rispettivamente a nord a sud della città, rendendo di fatto possibile arrivare in bici dalla municipalità di Getafe fino alla Sierra, ma soprattutto ricuce la parte settentrionale di Madrid con quella sud-orientale che la M30 aveva separato, rendendo più fruibile e interconnessa un’ampia zona della città e restituendo allo stesso tempo il Manzanarre ai cittadini. Il progetto è stato concepito dai progettisti come un’approssimazione progressiva al fiume e al waterfront, procedendo dalla scala territoriale

alla scala locale: l’acqua è l’elemento fondamentale nel ridisegno di tutta l’area ed il Manzanarre acquista in quest’ottica la centralità e l’importanza che da tempo gli erano state negate. Alla scala territoriale, sono già stati fissati i parametri per il recupero di tutto il fiume, che scorre dai monti del Guadarrama (a 2.258 m slm) fino al fiume Jarama (a 527 m slm), attraversando paesaggi e biotopi diversissimi tra loro. Sarà quindi presto possibile procedere con la bonifica ed il recupero delle sponde su tutto il corso del Manzanarre, ed alla loro ridefinizione come aree di integrazione

02/06/14 16:23


↓Planimetria dei giardini Virgen del Puerto ↓© Madrid > vista dei giardini Virgen del Puerto

73

tra natura e attività umana. Alla scala metropolitana, grazie alla concezione del progetto come se si trattasse di un’enorme infrastruttura, il parco lungo il fiume è collegato alla Rete sentieristica europea e alla Senda Real (GR 124), una pista ciclabile che collega Madrid con le montagne della Sierra (a circa cinquanta chilometri a nord) e che — grazie ai nuovi collegamenti realizzati nell’ambito del progetto Madrid Rio — può essere percorsa in tutta la sua lunghezza a partire dal centro della città. Alla scala urbana, il progetto integra il fiume e configura una serie di

OPERE_38.indd 73

spazi verdi che ricollegano zone prima separate della città. Il parco definisce nuovi sistemi di mobilità e di accessibilità, e aumenta l’integrazione e la qualità urbana dei quartieri adiacenti, i cui cittadini fino al 2005 si trovavano a vivere a meno di cinque metri da un’autostrada a quattro corsie. Il progetto identifica anche aree potenziali in una zona centrale e strategica per la città, che saranno utilizzate per trasformare ulteriormente Madrid nel lungo periodo. A livello di dettaglio, la proposta progettuale si configura come

un’operazione assolutamente artificiale, ma realizzata a partire esclusivamente da elementi naturali: il progetto è stato realizzato sulla sommità di un tunnel, con tutte le strutture, gli impianti e le tubazioni che vengono realizzate a servizio di tali costruzioni, e che rispondono esclusivamente alla logica sotterranea della galleria. La soluzione adottata ha previsto la creazione di una nuova topografia basata sulla vegetazione come unico elemento costruttivo, che si adagiasse sulla strada sotterranea definendo un nuovo paesaggio urbano e naturale di riconnessione.

02/06/14 16:23


OPERE_38.indd 74

02/06/14 16:23

↑© Ana Müller > vista su Avenida de Portugal


75

5C

NLÉ

A r c h i t ec t s

testo di Davide Tommaso Ferrando

OPERE_38.indd 75

MAKAKO

La precarietà delle condizioni igieniche, gli effetti del cambio climatico e la rapida urbanizzazione di Lagos non sono le uniche minacce che la comunità di Makoko, slum di centomila abitanti interamente costruito sulle acque lagunari della capitale nigeriana, è costretta ad affrontare. Nel luglio del 2012, un manipolo di uomini del governo prese possesso di una zona della baraccopoli e ne distrusse a colpi di machete e sega elettrica le fragili palafitte, costringendo circa tremila persone, da sempre abituate a vivere a stretto contatto con l’acqua, ad abbandonare la propria casa

NIGERIA

e trasferirsi sulla terraferma. Giustificate con l’improbabile miglioramento delle condizioni di vita delle comunità sfrattate, operazioni di questo genere sono ricorrenti in nazioni segnate da un alto tasso di povertà urbana come la Nigeria (basti pensare all’attuale fenomeno di demolizione delle favelas brasiliane in vista dei prossimi Mondiali di calcio), e nascondono il più delle volte fitte trame di interessi privati legati alla speculazione immobiliare. Nel caso di Makoko, già presa d’assalto dai bulldozer governativi nel 1990 e nel 2005, principale obiettivo era — ed è ancora — la riqualificazione del

02/06/14 16:23


↑© Nlé Architects > vista della scuola galleggiante

76

OPERE_38.indd 76

↑Localizzazione planimetrica della scuola

MAKOKO FLOATING SCHOOL

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 77

↓© Nlé Architects > vista della scuola galleggiante

↓© Nlé Architects > prototipo della piattaforma

77

02/06/14 16:24


Increase in sea level

MAKOKO TECHNOLOGY

+

FLOTATION TECHNOLOGY

=

NEW SOLUTION

MAKOKO TECHNOLOGY

+

FLOTATION TECHNOLOGY

=

NEW SOLUTION

↑Diagramma funzionale

Increase in rainfall

Increase in sea level

↑© Nlé Architects > rendering di progetto

78

waterfront di Lagos a fini commerciali, rispetto alla quale la presenza della baraccopoli acquatica costituisce (come scritto in un documento emesso dallo stesso governo nigeriano) un “disturbo ambientale”. Letta in questo contesto, la proposta di costruire con materiali e tecniche locali un prototipo replicabile di architettura galleggiante, i cui spazi siano sufficientemente flessibili da ospitare differenti funzioni tra cui quella abitativa, assume un inaspettato valore politico, dato che offre agli abitanti di Makoko la possibilità di dotarsi autonomamente di un’alternativa allo sfratto non solo dignitosa, ma anche rispettosa delle loro tradizioni. Autore di tale proposta è Kunlé

OPERE_38.indd 78

Adeyemi, architetto di origini nigeriane e fondatore dello studio Nlé Architects, che nel 2011 cominciò a sviluppare un progetto (inizialmente autofinanziato, poi sponsorizzato dalla fondazione Heinrich Boll Stiftung e dall’Africa Adaptation Programme) finalizzato alla realizzazione di una scuola galleggiante per i bambini di Makoko. Il nuovo edificio avrebbe finalmente preso il posto dell’unica scuola elementare in lingua inglese dello slum, strutturalmente precaria e costantemente minacciata dalle frequenti piogge e inondazioni del luogo. L’edificio si imposta su una piattaforma di 10x10 metri, assemblata a partire da sedici sotto-moduli di 2,5x2,5 metri, ciascuno dei quali si appoggia su sedici

barili di plastica che formano, nel loro insieme, il sistema di galleggiamento della struttura lignea. La forma ad “A” del telaio verticale, che raggiunge un’altezza di dieci metri, garantisce stabilità ed equilibrio anche in caso di forti venti, dato che mantiene il baricentro dell’edificio relativamente basso. Il progetto si sviluppa su tre livelli. Al primo piano si trova uno spazio libero per giochi e assemblee, aperto al resto della comunità negli orari extra scolastici. Il secondo piano ospita da due a quattro classi, la cui capienza totale può variare da sessanta a cento studenti. Al terzo piano si trova un’area dedicata ad attività di laboratorio. La maggior parte dei materiali utilizzati per la costruzione della scuola — dai

02/06/14 16:24


↓ → Esploso assonometrico

↓© Nlé Architects > rendering di progetto

barili del sistema di galleggiamento ai tamponamenti in bambù — sono riciclati e/o ottenuti localmente. L’edificio, inoltre, conta con una serie di sistemi per il trattamento delle acque, la produzione di energia rinnovabile e la riduzione dei rifiuti, che fanno di questo progetto un esempio in termini di sostenibilità ambientale, oltre che sociale. Seppur esito di riflessioni pragmatiche, riscontrabili nelle ragioni prettamente strutturali e funzionali della sua forma costruita, la scuola galleggiante di Makoko possiede una straordinaria carica visionaria, esemplificata dal nuovo tipo di paesaggio urbano che avrebbe origine il giorno in cui il prototipo si trasformasse, come

OPERE_38.indd 79

proposto, in modello ripetibile. Da un paio d’anni a questa parte, si parla molto delle architetture costruite nelle realtà più marginali dei paesi in via di sviluppo, e in particolare in Africa, come di un fenomeno da cui imparare. Tale rinnovato interesse per il mondo non (ancora) occidentalizzato deriva, probabilmente, dall’incrocio di due fattori complementari. Da un lato, è facilmente riscontrabile una certa “saturazione” nei confronti di un’architettura (quella prodotta dai diversi movimenti del capitalismo globalizzato) sempre più superficiale, costosa, formalista e slegata dalla società — rispetto alla quale, scelte progettuali dettate da immediate necessità sociali, economiche e materiali

assumono un valore etico che, dalle nostre parti, sembra essersi perso da tempo. D’altro canto, la freschezza di certe opere di Francis Keré, Tyin, Anupama Kundoo, Anna Heringer o Tamassociati, tanto per citare qualche esempio, suggeriscono la presenza di un maggior grado di libertà in termini di regole del costruire, che in un mondo stritolato dalla normativa e dalle soprintendenze non può che risultare affascinante. È dunque possibile che questa nuova “architettura della scarsità” (di cui la scuola galleggiante di Makoko è senza dubbio uno degli esempi più felici) ci offra una delle ultime riserve di senso a partire dalle quali tornare a produrre un’architettura realmente moderna.

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 80

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 81

02/06/14 16:24


nella pagina seguente / locandina di Ossessione / film drammatico di Luchino Visconti / con Clara Calamai, Massimo Girotti, Juan De Landa, Elio Marcuzzo, Vittorio Duse / bianco e nero / durata 112 minuti / Italia 1943.

IL FIUME CHE VEDIAMO M OR I R à 82

Marcello Marchesini

Era il 1943 e Luchino Visconti stava girando il film Ossessione sulle rive del Po e sempre sul Po, a pochi chilometri di distanza, Michelangelo Antonioni stava girando il suo primo documentario. Al film di Visconti la storia del cinema italiano attribuisce la nascita del Neorealismo. Il documentario di Antonioni, un cortometraggio di soli dieci minuti, segna invece l’esordio cinematografico del regista e critico ferrarese. Nell’aprile del 1939, sul numero 68 della rivista “Cinema” appare un articolo: Per un film sul fiume Po firmato Michelangelo Antonioni. L’articolo è corredato da nove immagini, scattate dallo stesso autore. «Il Po di Volano appartiene al paesaggio della mia infanzia, il Po a quello della mia giovinezza. “…” Erano immagini di un mondo del quale prendevo coscienza a poco a poco. Accadeva questo: quel paesaggio che fino ad allora era stato un paesaggio di cose, fermo, solitario, l’acqua fangosa e piena di gorghi, i filari di pioppi che si perdevano nella nebbia, l’Isola Bianca in mezzo a Pontelagoscuro che rompeva la corrente in due, quel paesaggio si muoveva, si popolava di persone e si rinvigoriva. Le stesse cose reclamavano un attenzione diversa, una suggestione diversa. Guardandole in modo nuovo, me ne impadronivo. Cominciando a capire il mondo attraverso l’immagine, capivo l’immagine. La sua forza, il suo mistero. Appena mi fu possibile, tornai in quei luoghi con una macchina da presa. Così è nato Gente del Po. Tutto quello che ho fatto, buono o cattivo che sia, parte da lì». Nelle immagini di Antonioni, il rapporto dell’uomo con il fiume, non è facile, non è un rapporto di amore. È un rapporto di grande conflittualità dove l’uomo non si abbandona poeticamente al fiume, ma anzi cerca sempre di contrastarlo e dominarlo, per non soccombere lui stesso. Gente del Po è un documento che testimonia la reciproca influenza che l’uomo e il fiume subiscono. Entrambi sono organismi viventi capaci di muoversi e spostarsi liberamente nello spazio. Certo l’uomo si sposta più rapidamente e le sue traiettorie sono più facili da seguire mentre il fiume, intendo il suo letto, gestisce il proprio percorso con maggior parsimonia. È però indubbio che entrambi risultano essere influenzati dal contesto in cui vivono. Al di là degli approfondimenti filosofici che potrebbero essere fatti sul fiume inteso come metafora della vita, del suo scorrere, del suo essere fiume, del suo significato come essenza dell’esistenza dell’uomo1, a noi interessa di più il fiume come presenza geografica nel territorio, a noi interessa il suo peso. Non a caso anche il cinema, la letteratura ed i fumetti si interessano da sempre al rapporto tra il fiume e l’uomo. Rapporto spesso morboso e non come in architettura dove l’approccio è essenzialmente di tipo funzionale. E infatti l’uomo costruisce le sue città sul fiume. Ma il fiume ha una vita propria, indipendente dall’uomo e dalle sue azioni. La storia ci ricorda che l’uomo cambia il fiume, ma la vita ci dimostra che il fiume cambia gli uomini. Sottovalutando il carattere impetuoso del fiume, l’uomo ha lavorato nei secoli, credendo di poter addomesticare il fiume, sia attraverso l’esperienza della città che attraverso quella dell’attività agricola. I fiumi legittimano la loro natura autentica, in quei casi in cui si muovono in piena libertà, là dove ancora sia evidente il complesso disegno dei loro meandri abbandonati. Nel nostro territorio non esistono più fiumi in libertà, ma solo fiumi incanalati, frutto di un secolare lavoro di regimazione idraulica, che ha interessato non solo i tratti interni alle città, ma anche il territorio agricolo, ricorrendo spesso ad opere di difesa spondale che, oltre a distruggerne il paesaggio e a limitarne fortemente la valenza di corridoio ecologico, si sono dimostrate dannose proprio dal punto di vista della sicurezza idraulica. Ma è addentrandosi

OPERE_38.indd 82

Eraclito afferma che tutto scorre... panta rei, che tutto è in perenne movimento, e che la staticità è morte. In questa concezione il divenire è la condizione necessaria dell’Essere, è la condizione della vita stessa. Eraclito afferma che è impossibile bagnarsi due volte nello stesso fiume, perché dopo la prima volta, sia il fiume (nel suo perenne scorrere) sia l’uomo (nel suo perenne divenire) non sono più gli stessi. Gli eleati, al contrario di Eraclito non hanno fiducia nei sensi che mostrano il movimento: a chi discende nello stesso fiume sopraggiungono acque sempre nuove. La sensibilità genera l’opinione dei mortali che vivono nell’illusione per cui si crede vera l’esistenza del divenire come una mescolanza di essere e non essere. Ma il non essere non esiste e non può essere pensato. È la stessa cosa pensare, e pensare che è: perché senza l’essere, in ciò che è detto, non troverai il pensare. Pensare ed essere sono dunque la stessa cosa per cui l’essere è, e non può non essere, mentre il non essere non è, e non può essere. 1

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 83

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 84

02/06/14 16:24


OPERE_38.indd 85

02/06/14 16:25


OPERE_38.indd 86

02/06/14 16:25


nelle pagine precedenti / screenshot di Gente del Po / cortometraggio documentario di Michelangelo Antonioni / bianco e nero / durata 10 minuti / Italia 1943.

a pagina 86 / locandina di Frozen River (in italiano Fiumi di Ghiaccio) / film drammatico di Courtney Hunt / con Melissa Leo, Misty Upham, Charlie McDermott, Mark Boone Junior, Michael O’Keefe / drammatico / durata 97 minuti / usa 2008 / Archibald Enterprise Film / uscita nelle sale italiane venerdì 13 marzo 2009.

87

nella città, che il fiume subisce il più drastico dei processi di addomesticamento. Eppure chi subisce il maggior cambiamento, è sempre l’uomo. Come il sole del Mediterraneo che, con la sua temperatura, segna e orienta il ritmo di vita delle persone, così il fiume costringe la gente a doversi adattare alla sua natura. Più che una risorsa il fiume sembra essere una possibilità. Quella legata alla propria sopravvivenza, alla propria conservazione e protezione. E l’uomo, si sa, si distingue dagli animali per la sua capacità di pensare e dimostra quanto è realmente evoluto, in base al suo spirito di adattamento. Ma il fiume riesce anche a sorprendere. In una terra estremamente fredda e ghiacciata, due donne, una bianca e l’altra mohawk vivono entrambe la condizione di madri single in un momento di forte difficoltà economica. Nonostante le loro diversità caratteriali, si ritrovano a pochi giorni da Natale, ad unire le proprie disperazioni nella speranza di trovare un modo per dare un futuro dignitoso ai propri figli. Entrambe decidono di aiutare i clandestini che vogliono entrare illegalmente dal Canada, negli Stati Uniti, e lo fanno attraverso il fiume congelato di St. Lawrence, nel film Frozen River. Il fiume, ghiacciandosi, diventa una strada percorribile... chi può quindi più dire che il fiume divide? Il fiume, toccandole, unisce due sponde. Ma il fiume non è mai uguale a se stesso, il fiume si sposta sempre. I fiumi sono un po’ come le scale di Herry Potter... a loro piace cambiare. «Presso questo fiume voglio restare, pensava Siddharta. “…” Ecco quel che vedeva: quest’acqua correva, correva, sempre correva, eppure era sempre lì, era sempre e in ogni momento la stessa, eppure in ogni istante un’altra!»2. Il fiume pertanto condiziona e, nonostante sia perenne3, si modifica. Partendo da un rilievo montuoso il fiume modella le forme del paesaggio attraverso fasi successive che possono essere raggruppate in tre stadi: giovinezza, maturità e vecchiaia. Terminato questo processo, il rilievo primitivo dovrebbe essere ridotto ad una superficie pressoché pianeggiante, o penepiano. I fiumi che si trovano al terzo stadio sono molto rari, ma sono quelli che si avvicinano inesorabilmente alla morte, non fisica (il fiume che sfocia in mare) ma geografica (il fiume conclude il suo ciclo di erosione). In alcuni casi il fiume può diventare uno stimolatore di immagini e sentimenti. Giuseppe Ungaretti, con la sua poesia I fiumi, ripercorre le fasi più importanti della propria vita, evocando alcune delle immagini a lui più care che associa ad altrettanti fiumi: Isonzo, Serchio, Nilo e Senna. Quattro fiumi, quattro flash back esistenziali della sua vita. Ma il fiume appunto, cambia gli uomini. Cambia il suo modo di vivere, le sue abitudini, i ritmi, le relazioni con gli altri e con il paesaggio intorno. Cambia la percezione delle cose, il senso della realtà, dei fatti, degli avvenimenti. Il fiume cambia la vita e la vita cambia il fiume. In questa reciproca contaminazione, sia l’uomo che il fiume ne escono però entrambi sconfitti a causa della loro incapacità di ascoltarsi veramente. Tutto si articola e tutto succede, in modo apparentemente disordinato e senza un disegno preciso, ma in realtà tutto sottointende ad una logica di tipo deterministico, dove ad ogni azione compiuta, corrisponde una reazione certa che alla fine non potrà che consegnare il fiume alla morte certa. Questa volta né fisica, né geografica, ma assolutamente corporea, reale. La morte vera! È a questo punto che Sanguineti ci viene in aiuto, ricordandoci che c’è qualcosa di più importante della logica: l’immaginazione.

OPERE_38.indd 87

Hermann Hesse, Siddharta, Ed. La Biblioteca di Repubblica, Roma 2002, pg. 87. 3 Un fiume è un corso d’acqua “perenne” alimentato dalle sorgenti, dalle piogge o dallo scioglimento delle nevi e ghiacci, che si raccoglie e scorre nelle parti depresse del suolo e termina, generalmente, nel mare. Si denomina perenne poiché si definiscono fiumi solo quei corsi dove scorre acqua per tutto l’anno. 2

02/06/14 16:25


OPERE_38.indd 88

02/06/14 16:25


IMBARCAZIONI tra architettura e design

Anna Stradella

2

Fin dai tempi più antichi i fiumi navigabili hanno costituito il mezzo di comunicazione più semplice e pratico che la natura mettesse a disposizione, permettendo di favorire i commerci, sfruttare le risorse del territorio e attrezzare difese. Il fiume rappresenta, infatti, fonte di energia, di acqua e costituisce una via di comunicazione per gli scambi commerciali, oltre ad essere fonte di sviluppo turistico per le città. Storicamente ci sono state delle svolte significative che hanno caratterizzato la navigazione delle acque interne. La prima è avvenuta circa nel Xii Secolo, con la costruzione di molti canali navigabili allo scopo di poter utilizzare barche con una maggiore capacità di carico, e quindi dimensionalmente maggiori (in questo caso le imbarcazioni venivano trainate da cavalli che percorrevano le rive dei fiumi). La seconda svolta, nel Xv Secolo, fu l’invenzione delle chiuse che rese molto meno forte la corrente nei canali e rese possibile alle barche di superare dei dislivelli. La terza svolta fu determinata dallo sviluppo delle ferrovie e questa fu una svolta “negativa” per la navigazione fluviale in quanto le ferrovie tolsero una grossa quota di sfruttamento delle via d’acqua interne. Attualmente l’Europa è il continente con una rete di idrovie interne tra le più estese a livello mondiale ed è soggetta, in materia di navigazione, a leggi stipulate nell’ambito della Comunità Europea. Il Codice europeo delle vie di navigazione interna, contiene le disposizioni circa le modalità per la condotta di barche a motore, chiatte, convogli costituiti da un rimorchiatore che spinge o traina delle barche rimorchi, traghetti e altre imbarcazioni sui fiumi, canali ed altre acque interne. La navigazione nelle acque interne si svolge

OPERE_38.indd 89

89

con le medesime modalità previste per le acque marittime, ma la regolamentazione varia a seconda delle caratteristiche delle zone geografiche. Il turismo nautico su acque interne rappresenta per le amministrazioni locali di molte città, un rilevante strumento per lo sviluppo del territorio. Questa consapevolezza, maturata soprattutto negli ultimi anni, deve vedere il passaggio dalla fase di studio e progettazione a quella degli interventi, non sono dal punto di vista del prodotto nautico, bensì da quello urbanistico. In questo ambito, sono gli approdi turistici a essere indicati come destinatari di maggiori interventi per la funzione strategica che svolgono nella promozione della nautica su acque interne nelle città. Per ciò che concerne l’Italia, la navigazione interna ha un’importanza assai minore rispetto a quella di altri paesi. Nel tempo infatti, dimensioni, profondità e larghezza delle idrovie, divennero tali da non poter più assicurare il passaggio di nuove imbarcazioni che, invece, assumevano maggiore potenza e capienza, non più compatibili con l’evoluzione dei corsi d’acqua. In paesi come Francia, Olanda o Germania invece, sia dal punto di vista commerciale, sia sotto l’aspetto ricreativo e turistico, fiumi, laghi ed idrovie costituiscono una fonte di reddito alimentata dagli ingenti investimenti che da sempre sono stati destinati alle vie navigabili. Oggi, a livello nazionale, l’utilizzo della navigazione in acque interne da parte di privati diportisti è, in gran parte legata all’attività della pesca sportiva. Ne deriva che la maggior parte delle barche che vengono utilizzate sono di dimensioni modeste (tra i tre e i sei metri), e che la loro propulsione è costituita

prevalentemente da motori fuoribordo a benzina. Le barche da pesca sono barche in alluminio dove leggerezza, poca manutenzione e manovrabilità ne sono i punti forti. In alternativa potrebbe trattarsi di barche in vetroresina a fondo piatto o a fondo a trimarano. Le barche a fondo piatto permettono di solcare velocemente la superficie. Per la stessa caratteristica soffrono invece le onde, limitandone l’uso ad esempio in grandi laghi caratterizzati da lievi moti ondosi. Le barche a fondo trimarano riescono invece a vincere le onde e a mantenere un ottima stabilità, perdendo di contro in velocità. Le tipologie di imbarcazione in uso per il trasporto passeggeri e il turismo nautico, sono navi e battelli potentemente motorizzati, le cui dimensioni variano col variare delle caratteristiche dell’idrovia. Per le crociere plurigiornaliere si utilizzano attualmente navi di un centinaio di metri di lunghezza con poco meno di cinquecento posti letto di categoria paragonabile ad hotel da tre a cinque stelle. Risulta, invece, ancora non sviluppato, come in Francia e Germania, l’uso di peniche hotel, originali chiatte, imbarcazioni in passato utilizzate per la loro struttura principalmente per il trasporto fluviale di merci e materiali pesanti, che sono state trasformate in piccoli alberghi di lusso galleggianti. Per le crociere giornaliere si utilizzano motoscafi di dimensioni più modeste, solitamente in alluminio, quasi interamente vetrate e dotate di numerosi sedili, strutturate su un unico ponte interamente coperto e senza camminamento esterno o motonavi strutturate su due ponti semi aperti con finestre laterali. Un battello fluviale è per definizione un battello che dispone di una carena dislocante. Gli scafi dislocanti sono relativamente lenti. Sono sostenuti

02/06/14 16:25


90

dal peso dell’acqua che essi spostano (pressione statica dell’acqua). Generalmente il disegno della poppa, così come quello della prua, è appuntito o arrotondato. Si muovono lentamente nell’acqua come le grandi navi oceaniche. Possono essere fabbricati principalmente in alluminio, in legno o in stratificato di fibra di vetro. Il motore di questi battelli può essere entrobordo a diesel oppure fuoribordo, tuttavia, la propulsione elettrica è sempre più utilizzata, visto che in questo genere di imbarcazioni la velocità è meno importante del comfort

sonoro. Esistono sia dei battelli turistici ma anche battelli di proprietà di privati, ovvero dei cabinati abitabili. I cabinati sono la soluzione ideale per la navigazione in acque interne e permettono di effettuare crociere di corta, media e lunga durata. In linea generale, si tratta di imbarcazioni di dimensioni modeste e con pescaggio ridotto. Offrono un buon comfort, superiore alle barche marine, in quanto non devono affrontare mari agitati. Queste imbarcazioni sono, in linea generale, dotate di numerosi oblò e di

sorgenti di luce naturali e hanno ampi spazi esterni sia nel pozzetto che sul flybridge. Il motore dei cabinati fluviali, sia esso elettrico o a combustione, è solitamente poco potente per cui l’imbarcazione è facile da pilotare. Inoltre è da citare ancora un’importante utilizzo della navigabilità dei fiumi, ovvero il noleggio nautico con conducente o senza. Il primo è assimilabile alla crociera giornaliera, il secondo alla navigazione da diporto propriamente detta e, accanto a barche convenzionali di limitate

Carena piatta

Carena a “V”

Scafo trimarano o ad ala di gabbiano

Una “carena piattaˮ può avere angoli squadrati (chiamati spigoli quadrati, vivi o rigidi) o angoli arrotondati (detti angoli smussati). In moto avrà la caratteristica di scivolare sull’acqua in maniera molto agevole in condizioni di mare piatto o poco mosso, mentre comincerà ad avere problemi di assetto con mare formato.

La carena a “V” è la più diffusa perché abbina una buona velocità ad una confortevole navigazione. Volendone aumentarne la velocità massima, a carico del comfort in navigazione, alcuni scafi hanno la parte terminale e centrale della carena piatta.

Sono in genere a carena a “V” con qualche grado aggiunto di scafo esterno, spesso predominante in prossimità della prua. Il risultato è una barca più stabile, particolarmente da ferma. Lo svantaggio è una navigazione meno confortevole in acque agitate.

OPERE_38.indd 90

02/06/14 16:25


91

dimensioni, offre la possibilità di utilizzare per periodi generalmente settimanali le cosiddette house boat. Le house boat sono mezzi galleggianti, con propulsione a motore, impiegati per diverse finalità che consentono la permanenza confortevole a bordo, con il soddisfacimento delle normali esigenze di vita, capaci di ospitare da due a dodici persone. Principalmente utilizzati per finalità diportistiche, legati al turismo nautico in acque interne, le house boat sono anche progettate per utilizzo residenziale.

Le house boat residenziali, sono frutto di un progetto nato ad Oldenburg, e che si è rapidamente diffuso in una grande varietà di forme e di colori. Le caratteristiche alla base del successo di questi “edifici green”, sono appunto l’efficienza energetica e uso di fonti rinnovabili. Dotate di ogni comfort, le house boat, generalmente si sviluppano intorno ad uno spazio centrale adibito a salone con un piccolo angolo cottura, mentre il tetto è sfruttato come solarium. Tutti gli impianti di cui sono dotate sono a voltaggio molto basso, ma sufficienti a favorire il

funzionamento di piccoli elettrodomestici. Per la loro costruzione sono utilizzati legno e bambù, materiali resistenti e soprattutto low cost. Questi edifici permettono un cospicuo risparmio in consumi grazie allo sfruttamento della luce solare per generare energia e ai meccanismi di ventilazione che mitigano l’umidità creata dalla presenza dell’acqua. In molte di queste, è possibile anche trovare dei veri e propri camini di ventilazione, che permettono il passaggio dell’aria anche a finestre chiuse grazie alla presenza di

Carena a tunnel (catamarani)

“V”

a tunnel

Pontoni

Questa forma di carena ha grande successo soprattutto negli ambienti sportivi. Differisce dalla forma “a catamarano” per il fatto che gli angoli interni (fra carena e “tunnel”) sono molto acuti. Questo consente virate ad alta velocità incredibilmente strette ed una navigazione molto confortevole. Alcune tipologie di scafi però hanno difficoltà ad essere manovrati alle basse velocità.

Questo tipo di scafo combina una carena a basso “V” con due tunnel, uno per lato rispetto al “corpo” centrale. Le massime prestazioni di punta sono generalmente superiori a quelle di una carena veramente a “V”, mentre le caratteristiche di manovrabilità in acque mosse sono ridotte.

Sono imbarcazioni che navigano in superficie appoggiandosi su due o tre galleggianti (rotondi o squadrati) per lo più in alluminio. Queste forme presentano una grande disponibilità di spazio. Viaggiano per lo più a moderata velocità ma i galleggianti possono essere studiati in modo da facilitare la planata.

OPERE_38.indd 91

02/06/14 16:25


House boat-2-move prodotta da Brandt-Møller’s Boatyard, DK (© Brandt-Møller’s Boatyard)

92

velette regolari. Per il riscaldamento, si fa ricorso alle pompe di calore, sia per gli ambienti abitati che per l’acqua di consumo. Lo sviluppo delle house boat residenziali, ha portato anche al riutilizzo e refitting di imbarcazioni esistenti. Ad Amsterdam, per esempio, sono principalmente i battelli ad essere trasformati in “case galleggianti”. Legate a tradizionali modelli architettonici, le house boat costituiscono oggi un modo intelligente di fare turismo a basso impatto e, per i designer, un tema progettuale di grande attualità. Sfruttando il moto lento di queste imbarcazioni, si possono ammirare paesaggi e città da un altro punto di vista, apprezzandone ulteriormente le caratteristiche delle architetture disseminate lungo gli argini. La house boat è il terminale di un sistema di relazioni a partire dallo studio ingegneristico e progettuale tipico di un’imbarcazione con i suoi vincoli imprescindibili (galleggiabilità, stabilità, navigabilità) e dall’itinerario, dai servizi, dalle opportunità che si possono creare durante la navigazione con la città circostante. Oggi sono frequenti i tentativi di applicare alla casa galleggiante i criteri tecnici ed estetici del design contemporaneo. Tra crisi energetiche ed emergenze ecologiche, sono sempre più sviluppati progetti capaci di reinventare modi e stili dell’abitare nelle città conciliando comfort e stile contemporaneo con la diminuzione delle risorse disponibili. Tanto in architettura che nella nautica, spesso la cultura di riferimento è quella del design, con un’attenzione rivolta ai costi e ai materiali e una sensibilità per convogliare i gusti e le mode correnti al passo con le nuove tecnologie.

OPERE_38.indd 92

02/06/14 16:25


Floating Boat prodotta da RexWall, D www.rexwall.com (© RexWall)

Type Berlin

93

Mathias Redmann

testo di Anna Stradella Nel maggio del 2004, la prima casa galleggiante ha iniziato a muoversi nel porto di Amburgo. Progettata dall’architetto Mathias Redmann, Type Berlin è una casa galleggiante il cui design richiama l’attenzione con il suo mix di elegante semplicità, combinata con dinamiche di architettura moderna. Una floating home, che può essere trasferita da un quartiere acquatico ad un altro con l’aiuto di un rimorchiatore, differenziandosi dalle tipiche house boat che sono invece capaci di muoversi autonomamente. Una differenza sostanziale nella progettazione sia della parte immersa — a livello di struttura e forma — sia della propulsione e degli spazi interni.

OPERE_38.indd 93

La progettazione strutturale visiva della casa galleggiante è definita attraverso una banda bianca che crea l’effetto di volumi e spazi. Ampie zone di vetro interrompono la facciata per creare il contatto visivo con l’acqua circostante, garantendo una vista panoramica e una grande luminosità al soggiorno e alla zona pranzo. Sul lato verso terra, la casa galleggiante è piuttosto chiusa, limitando le superfici vetrate, per sfuggire allo sguardo dei pedoni ed isolare l’interno dai rumori della strada. La scelta cromatica e dei materiali, la forma dinamica e i dettagli di derivazione navale, come le tavole di legno sul ponte sole, sottolineano il carattere marittimo di

questa house boat. Si viene inoltre a creare un rapporto unico con l’acqua e l’ambiente interno, attraverso due terrazze coperte e un’ampia zona prendisole. Al livello inferiore è posizionato l’ingresso della casa, e da qui si ha l’accesso a tutte le camere ed ai servizi attraverso un corridoio centrale. La grande camera da letto, con accesso alla terrazza inferiore, si trova nella parte posteriore della casa galleggiante. Le attuali case galleggianti hanno ben poco a che vedere con i rifugi improvvisati di una volta, e si differenziano esteticamente dalle case sulla terraferma. Sono inoltre generalmente più economiche, anche quando dotate di molti comfort. Nella maggior parte dei casi si sviluppano su più piani, utilizzano spesso materiali ecologici ed offrono grandi aperture vetrate trasparenti per godersi appieno l’acqua come spazio di libertà. Arredate con mobili semplici ma di grande design, queste case mobili non hanno nulla da invidiare ai consueti edifici di fondamenta e mattoni. L’architettura galleggiante è una chance per riconciliare l’uomo con la natura, lasciando intatto il territorio, ed è una soluzione per il rispetto dell’ambiente, dai pannelli solari, ai sistemi di depurazione delle acque e ai trattamenti dei rifiuti. Uno studio degli spazi tipicamente architettonico con l’attenzione focalizzata al dettaglio del design nautico. Questo genere di case sono ormai entrate a far parte del paesaggio urbano di alcune città, come ad esempio Amburgo. Non solo per la loro singolare bellezza ma anche per la praticità con cui risolvono il problema della massimizzazione degli spazi edificabili. Costruzioni eleganti e intelligenti per nomadi di gran gusto, le case galleggianti sembrano l’abitazione più indicata per tutti coloro che amano mescolare il gusto del sentirsi a casa con un pizzico d’avventura. In vacanza o tutti i giorni, che si tratti di lupi di mare o di pesci d’acqua dolce.

02/06/14 16:25


8

MISCELLANEA

94

--AA.VV., Firenze 1945-1947. I progetti della ricostruzione, Alinea Editrice, Firenze 1995 --AA. VV., Giuseppe Gori l’insegnamento dell’architettura, Edizioni della Meridiana, Firenze 1999 --Adams R., Lungo i Fiumi, Ultreya, Milano 2008 --Borges J.L., L’artefice, Adelphi, Milano 1999 --Carapelli G. (a cura di), Giuseppe Giorgio Gori 1906-1969. Inventario analitico dell’archivio conservato presso la Biblioteca di Scienze Tecnologiche, Edifi Edizioni, Firenze 2010 --Ercolini M. (a cura di), Acqua! Luoghi Paesaggi Territori, Ed. Aracne, Roma 2012 --Fabbrizzi F., Opere e progetti di Scuola Fiorentina 1968-2008, Alinea Editrice, Firenze 2008 --Hesse H., Siddharta, Adelphi, Milano 1975 --Koening G.K., Architettura in Toscana 1931-1968, ERI Edizioni Rai, Verona 1968

OPERE_38.indd 94

C O M P E N D I O L E TT E R A R I O

--lapiave.org --Mo E., Fiumi. Lungo le grandi strade d’acqua del pianeta, Rizzoli, Milano 2006 --Motta G. — Pizzigoni A. — Ravagnati C., L’architettura delle acque e della terra, Franco Angeli, Milano 2006 --Rumiz P., Morimondo, Feltrinelli, Milano 2013 --Sereni E., Storia del paesaggio agrario italiano, Laterza, Bari-Roma 2010 --www.verdiacque.com --Santuari A., La navigazione interna tra fruizione turistica e trasporto pubblico locale, profili giuridici e aspetti istituzionali, Navigli Lombardi, Milano 2010 --www.assonautica.it --www.atenanazionale.it --www.blog.case.it --www.chantier-cnti.com --www.clubdelgommone.it

--www.divaroyal.com --www.energiesensibili.it --www.grupposiluro.it --www.ideare-casa.com --www.nauticaexpo.it --www.rexwall.com --www.rivista-architetturadelpaesaggio. unifi.it

02/06/14 16:25


APPUNTI DI VIAGGI0 9 M OR I M O N DO

Paolo Rumiz

Si dice che nel Po ci siano sere in cui i pesci parlano. Lo giurava il nonno di Giovanni Martinotti, un rivierasco di Terranova che ne aveva raccolto le memorie. “Era un favoliere inimitabile”, diceva di lui, “e sapeva di demoni e falò, di spiriti e streghe”. Narrava di storioni parlanti e misteriose regine delle acque capaci di salvare dallʼannegamento pescatori e battellieri. Ma nella Bassa cʼerano anche le masche, pagane deità che uscivano di notte a spaventar bambini. Per non dire che la notte di San Giovanni, nelle stalle padane, le mucche dovevano passare sulla cenere per scacciare il male della terra, e che nel Parmense i tappi alle bottiglie si mettevano solo di Venerdì santo, perchè era la Luna più antica del mondo. Anche quella sera, sopra il ponte di Valenza, passò la Luna più antica del mondo e nella corrente i pesci parlarono. Seduti a un tavolino sulla terrazza della trattoria Al Ponte, alta sulla prima campata destra, in bilico fra Piemonte e Lombardia, felicemente esausti, bevevamo Bonarda fresca e ascoltavamo le mille voci nelle acque. Per pochi minuti lʼultimo sole arrossò i piloni in cotto piantati nelle rapide azzurro acciaio, poi un treno dallʼunico vagone battè il tempo di una polka sulla traversine. Quanta storia in quel manufatto. Si meritava un romanzo, come il ponte sulla Drina cantato da Ivo Andric. Iniziato da Carlo Alberto nel 1847, fatto saltare dagli austriaci nel 1859, demolito da una piena a fine secolo, aveva visto passare i fanti nei giorni del Piave e i tedeschi in fuga parecchi anni dopo. Anche la trattoria era una di quelle che da sole valevano il viaggio. Incastrata nella muraglia del ponte, lì tra strada, i binari e una garitta di mattoni con la scritta FIUME PO, restava un luogo fuori dal tempo. Banconi, mobili, nulla era cambiato da un secolo. Solo la marca delle bottiglie allineate sul muro denunciava lʼetà

contemporanea. Era giorno di chiusura settimanale, ma Marco il gestore, vedendoci nuotare sotto i piloni e poi arrivare a remi con una bella traversata in diagonale, aveva aperto il locale per noi e sʼera messo a spadellare in cucina. Lʼapprodo di Angelo era stato magistrale, aveva tagliato il fiume un poʼ tirando con la fune dagli isolotti di ghiaia, un poʼ grattando col ramp a mò di leva sul bordo della sua scialuppa, un poʼ spingendo con lʼacqua ai polpacci. “Tranquilli”, ci aveva detto, “sono a casa mia”. Ma i suoi denti aggrappati al toscano spento digrignavano lo stesso. Lì Angelo aveva imparato a conoscere il fiume ed era conosciuto da tutti. Raccontò dei vecchi di Valenza, che avevano speso una vita di caccia e pesca sul fiume.”Ce nʼera uno che faceva spingarde, tramagli, carichi continui di pesce, poi andava a Milano, vendeva il pesce, comprava qualche damigiana di vino, tornava a casa, si ubriacava per una settimana e poi ricominciava. Tutte le sere traversava in barca il fiume e non diceva mai per andare dove. Era gelosissimo dei suoi luoghi. Una sera con un amico lʼho seguito di nascosto fino al suo canale segreto e poi abbiamo aspettato dietro i cespugli che se ne andasse. Abbiamo preso la sua barca e siamo andati a pescare nel suo territorio. Ma lui stava ancora lì, non sʼera mai mosso, non si spostava mai più di un chilometro”. Sulla magnifica altana di Valenza pensai a cosa sʼerano persi i canoisti con quella traversata sul barcè. Valentina esagerò con la Bonarda, evocò il risotto con le rane e le carpe di risaia in padella. Angelo giocò con le volute azzurre del suo sigaro e Alex lesse storie di Giovanni Martinotti, un piemontese di Terranova, villaggio della riva sinistra che ci eravamo lasciati dietro, dopo Casale.”Il nonno favoleggiava di spiriti e di streghe, che per lui erano sempre belle ragazze. Non aveva conosciuto

OPERE_38.indd 95

95

02/06/14 16:25


96

P.S.

Ringrazio pubblicamente Paolo Rumiz per averci acconsentito di usare alcuni brani di “Morimondo” il libro, pubblicato da Feltrinelli, che narra della discesa del Po da lui effettuata assieme ad alcuni compagni nellʼestate del 2012. Paolo aveva ascoltato con tranquillità quando gli chiesi di scrivere per “Opere” un pezzo inedito, “Morimondo” mi aveva già stregato, come ogni cosa tratti di fiumi, ma poi mi rispose dicendo che si era imbarcato nella sua impresa più ardita e che «Non ho il tempo di uscire nemmen di casa». Però mi disse «Usa pure quello che vuoi di Morimondo, basta che poi mi fai avere una copia». (Guido Incerti)

✺ Luigi Ghirri, Comacchio, 1989 (© Eredi Ghirri)

Omero ma lo diventava. Era un gran favoliere. Quando un pescatore cadde nella corrente da unʼaltra barca, mentre cercava di raggiungerlo, vide che una mano emersa dal fondo lo sollevava. Era la mano di una regina. La intravide nella nebbia. E il pescatore fu trovato vivo sullʼargine”. Ascoltavamo in silenzio, soggiogati. Poi, in uno sfrigolio di cannelloni su un letto di pesto e ragù, lʼora volse al desio con grilli, cielo viola e fitte dolceamaro di nostalgia per la bellezza dellʼItalia perduta. Giove era alto sul fiume, emanava una bassa frequenza quasi udibile e sopra di noi si fece sentire la rivoluzione dei pianeti. Geometricamente eravamo al centro del mondo.

OPERE_38.indd 96

02/06/14 16:25


Profile for D'Apostrophe

Opere 38  

Rivers

Opere 38  

Rivers

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded