Page 1

2 1 0 2 o n Autun

n. 3


DruĹžinska fotografija

servizi fotografici per famiglie

2

F

servizi fotografici per otrok bambini otografiranje

servizi fotografici per matrimoni poroÄ?na fotografija

Sposarsi

Sposarsi ... come in una favola

ustvarjalna creativa fotografija fotografia www.

TWINLENS

.si


Indice Giocare all’aperto 9 Dolci fatti in casa 24 Le confetture di frutta fai da te

40

Dolci a base di castagne

44

Si torna a scuola 50 Zucche per tutte le esigenze

52

Vendemmia 74 Stampare con i vegetali 80 Un picnic al parco 82 5 destinazioni per una fuga romantica in Slovenia 90 I colori delle foglie autunnali

108

Le magnifiche forme autunnali

116

I colori in giardino si accendono con l’autunno 118 Ricette

126


anello

gioielli

4


L’autunno è arrivato L’estate rovente e soprattutto la lunga siccità, giorno dopo giorno mi facevano temere che il raccolto di quest’anno non sarebbe stato particolarmente abbondante. Dalla mia finestra la vista si estende su dei lunghi campi, per lo più coltivati a mais. Quest’anno la mietitura è avvenuta con ben quattro settimane d’anticipo rispetto alla consuetudine, fatto che rende bene l’idea di quali conseguenze abbia provocato la siccità. Il numero autunnale del nostro e-magazine ha incominciato a prendere forma quando la primavera doveva ancora lasciar posto all’estate, e già allora avevamo deciso di dedicarla ai prodotti locali. In questo numero abbiamo voluto sottolineare che in futuro si renderà sempre più necessario provvedere di persona alla propria alimentazione, aumentando tra le altre cose anche l’autoproduzione. La frutta e la verdura reperibili con facilità nel proprio orto, sono i protagonisti delle ricette pubblicate in questo numero. Si tratta di ricette semplici, ispirate alla tradizione rurale e curate nell’estetica, in modo da poter essere proposte anche sulla tavola festiva. Siamo felici che il numero dei nostri collaboratori stia aumentando. Voglio esprimere il benvenuto a tutti coloro che hanno contribuito ad arricchire di colori e di idee nuove questo numero, rendenolo ancora più bello e accattivante. Cari lettori, vi auguro una buona lettura e di assaporare l’autunno così come abbiamo fatto noi, componendo, martellando, cuocendo, formando, stampando e fotografando tutti i servizi che troverete in questo numero. Per un autunno che vi porti tutto ciò di cui avete bisogno. Petra Slapar


Petra Slapar L’autunno è abbondanza e raccolto. Un pieno di energia per le lunghe serate che seguiranno. Adoro l’autunno.

Jasna Simoneta L’autunno è un’esplosione di colori, che i raggi dorati del sole accarezzano con delicatezza. La natura, ormai matura, si prepara al suo meritato riposo, offrendoci il suo abbraccio fatto di rifugi accoglienti e di colori avvolgenti.

Klemen Brumec Il rosso e il giallo, intrecciati dall’autunno. E poi bastano le castagne e il vino novello a farci stare bene in compagnia.

Mateja Dobravec L’autunno è la stagione più bella – i suoi colori sono l’ispirazione migliore per la mia creatività.

Karmen Mlinar L’autunno è per me come la zona aurea. Splendido. Lo amo per i suoi colori caldi quasi messi in mostra per essere fotografati. Lo amo per i suoi pomeriggi sempre più brevi che ci inducono a rallentare il passo della frenesia quotidiana.

Tjaša Križnar L’autunno è la stagione in cui riprendo fiato dopo l’estate, mi ricarico e rimetto in moto la creatività, tiro fuori le idee che mi scalderanno durante l’inverno.

6


Maja Licul In autunno mi sento … tornare agli inizi. Posso crescere per diventare qualcosa di nuovo.

Collaboratori

Mojca Popelar Durante l’autunno mi rifugio tra le graminacee, mi conquistano i loro giochi di luce nei velati mattini autunnali. Anja Tomažič in Alja Fir

L’autunno rappresenta particolare palette colori.

una di

Ana Bulat L’autunno è una signora matura, che ci accarezza con i suoi raggi dorati, veste la natura con una stupenda tavolozza di colori e ci offre i suoi frutti. L’autunno sono le prime nebbie del mattino, le lunghe passeggiate tra i boschi, la crostata di mele fatta in casa e il profumo di cannella.

Suzana Šlebir L’autunno … quiete, calore, sfumature dorate, ispirazione. Tjaša Sosič Durante l’autunno mi riservo sempre il tempo per fare delle indimenticabili camminate nella macchia del Carso, disseminata dei più vividi colori dello scotano, e immagino i colori dei miei nuovi progetti creativi.


Regalatevi un sapone naturale creato a mano con igredienti Pozabite na maĹĄÄ?evanje, ter (si) raje podarite nekaj finega. naturali e genuini. milozadrago.blogspot.com facebook.com/MiloZaDrago info.milozadrago@gmail.com

8


Un a q all’ uilone p aper to, er pass a in a lleg re qual c ra c ompa he ora gnia .


L’aquilone fai da te

10


Preparate: • • •

gno due bastoncini di le spago un pezzo di tessuto

Prendiamo due bastoncini di lunghezze diverse (ad esempio 80 e 60 cm) e pratichiamo due incisioni sulle estremità. Leghiamo i due bastoncini, fissando quello più corto ad un terzo della lunghezza di quello più lungo, formando una croce. Con lo spago leghiamo tra di loro le estremità, quindi ritagliamo un rettangolo di tessuto seguendo la sagoma dell’aquilone. Teniamo conto di lasciare un centimetro per l’orlo. Cuciamo o incolliamo gli orli dell’aquilone sullo spago. Leghiamo stretto il tessuto anche sulle estremità dei bastoncini del nostro aquilone. Ora però ci vorrebbe proprio anche una bella coda. Facciamogliene una con dello spago e dei pezzetti di nastro decorativo. Leghiamo lo spago intorno alle estremità dei bastoncini e fissiamole allo spago che useremo per il traino.


12


Lavoretti con i bambini, i gessetti Procuratevi: • un sacchetto di gesso, • colori tempera, • stampini in plastica (ad esempio quelli per i biscotti o i modellini per la plastelina), • oppure dei rotoli di carta igienica, • pellicola.

Miscelate 4 cucchiai circa di gesso in 100 ml d’acqua e aggiungete un po’ di colore tempera. Versate negli stampini. Lasciate asciugare per diverse ore, anche per tutta la notte, in modo che il gesso diventi duro. Se abbiamo degli stampini per i biscotti, facciamo attenzione a non riempirli fino al bordo, in modo da poter estrarli con più facilità.

14


fai da te


http://milozadrago.blogspot.com

L’attaccap an

ni

Preparate l’occorrente: • un’asse di legno, • chiodi, quelli più grandi per gli abiti, e quelli più sottili per la decorazione, • martello, • lana, • la sagoma del motivo scelto. Disponiamo le sagome sull’asse e piantiamo i chiodi ad una distanza regolare. Con questa tecnica possiamo trasferire anche i motivi che stampiamo direttamente dal computer e evitare di commettere errori sul legno.

fai da te

16


Con un metro segnamo i punti in cui pianteremo i chiodi più grossi che faranno da appendini. Tra i chiodi ci deve essere lo spazio sufficente per permettere di appendere agevolemente gli abiti. I chiodi devono avere una leggera inclinazione, in modo da evitare che gli abiti scivolino giù. Possiamo incominciare ad avvolgere la lana dove vogliamo. Innanzitutto facciamo un nodo intorno ad un chiodo. Poi facciamo uno slalom con la lana, passando da un chiodo all’altro, continuando a girare finchè la lana arriva alla testina del chiodo. Se desideriamo un motivo più marcante, premiamo la lana verso il basso, in modo che diventi più fitta.


http://suzana-kii-kii.blogspot.com

Il profumato re a forma d i bustina da the fai da te

18


Procuratevi: • del tessuto di cotone 18 x 10 cm, • colore per tessuto rosso, • un piccolo pennello, • un tappo di sughero, • ago e filo, • un bottoncino, • dello spago, • un addobbo da fissare sullo spago, • delle erbe aromatiche essicate, io ho usato della menta, • una bella coccinella portafortuna. Fermiamo gli orli del tessuto con il punto a zig zag, lo pieghiamo a metà e lo cuciamo sui lati lunghi. Quindi lo apriamo e pieghiamo in modo che la cucitura sia al centro, poi passiamo con il ferro da stiro. Prima di incominciare a colorare con il tappo di sughero, poniamo della carta da cucina tra i due strati di stoffa in modo che il colore non passi anche dall’altra parte. Stendiamo un po’ di colore su un foglio di plastica e intingiamo il tappo senza caricarlo troppo, poi stampiamo i puntini sul tessuto.

Correggiamo i puntini con un pennellino. Aspettiamo che il colore asciughi bene, poi lo passiamo con il ferro da stiro. Cuciamo dei punti in senso orizzontale rispetto all’altezza del sacchetto e precisamente una cucitura a 10 cm dall’orlo superiore e la seconda a 1 cm dalla prima. Riempiamo il sacchetto con la menta essicata, innanzitutto la tasca più piccola. Per evitare che il contenuto fuoriesca, fissiamo un’estremità del sacchetto con uno spillo. Poi ripetiamo questo passo dall’altra parte. Quando abbiamo finito, ci ritroviamo con 2 cm di stoffa con cui possiamo realizzare la pattella che arriverà fino a metà del sacchetto. Pieghiamo la punta verso l’interno e la fissiamo con qualche punto. Sulla parte esterna cuciamo un bottoncino e dello spago. Sull’estremità dello spago possiamo appendere un addobbo interessante, ad esempio un bigliettino su di cui scrivere un messaggio carino.


Foto: Luka Prijatelj

La maglietta con la stamp a fai da te

20


fai da te Preparate: • lucidi, • pennarello indelebile, • righello, • nastro adesivo, • pennello, • colori per il tessuto, • un piano di lavoro su cui poter usare la taglierina, • taglierina, • un pezzo di cartone o di giornale.

Prima di incominciare a disegnare sul lucido, disegnate il motivo su un foglio di carta e poi copiatelo. In questo modo avrete più libertà nel creare forme e fantasie diverse. Quindi ritagliate con la taglierina o con uno scalpello il motivo dal lucido. Vi consigliamo di disegnare ad almeno 3 cm dal bordo del lucido. Fissate lo stampo sulla maglietta con del nastro adesivo. La maglia va lavata prima della colorazione. Non scordatevi di mettere un foglio di carta tra lo strato che state colorando e il retro, in modo da evitare che il colore trasudi dall’altra parte. Quando avrete finito, togliete il lucido e il nastro. Aspettate che il colore asciughi e fissatelo dal retro con il ferro da stiro. La maglietta è pronta, a voi la scelta dei colori!


22


foto Luka Prijatelj http://piratepiska.blogspot.com/


Dolci fatt i in casa

24


26

Crostata di mele


C

stampo n i e l e m di rostatine


Crostatine d i mele in st ampo a cuore

28


occiole n e o l l e on caram c a t t o c Mela


Saccottini d i mele

30


di pere a t a t s o r C


32


e pops k a c i r g e Gli all

ki Ä? l a p a n Kroglice


alle noci o n e c a r a s i d i Involtin

Trecce di me le

34


pere i d a t a t s Cro


Crostata di pere gallett e

36


38

Fichi al for maggio


to in casa t a f e l e m i d o Succ


Le confettur e di frutta fai da te

40


Fimolandija

42


10 % matta 20 % confusa 30 % dipendente dal caffè 40 % variopinta 50 % sognante 60 % brava 70 % allegra 80 % creativa 90 % impegnata

100 % Suzi


Dolci a ba se di castag ne

44


46


48


Nazaj v šo lo

50

L’orario settimanale – scarica la tua copia!


s i t a r g e r a p m a t s Le etichette da


Zucche per t utte le esig enze 52


La zucca i n pigiama

fai da te

Procuriamoci: • una zucca, • una carta decorativa adatta, possono andare bene anche dei tovaglioli di carta, • colla per legno, • pennello, • filo di ferro, • pinze. Strappiamo la carta facendone dei pezzetti non troppo piccoli. All’occorrenza diluiamo la colla in una tazzina con qualche goccia d’acqua e la stendiamo sulla zucca. Attacchiamo i pezzi di carta e man mano li facciamo aderire bene. Stendiamo la colla per sezioni in modo che non secchi troppo e non diventi appiccicosa. Quando abbiamo ricoperto tutta la superficie, facciamo nuovamente aderire bene i bordi e correggiamo le

54


imperfezioni. Tagliamo un pezzo di filo di ferro e lo pieghiamo a spirale ecco il viticcio. Passiamo un capo del filo intorno al gambo della zucca e allunghiamo un po’ la spirale. Prendiamo un altro pezzo di filo di ferro e lo pieghiamo a forma di foglia e di gambo, poi fissiamo il gambo intorno al gambo della zucca.


Le zucche intagliate

Occorrente:: • • • •

delle zucche, , pennarello indelebile f, sgorbie per l’adigra coltello da cucina.

fai da te

Per decorare la zucca utilizzeremo delle sgorbie per l’adigraf - avete presente la linoleografia delle lezioni di disegno a scuola? Per lavorare avremo bisogno anche di un grande coltello per tagliare la sommità della zucca e di un cucchiaio per togliere i semi. Per prima cosa tracciamo sulla zucca uno schizzo che seguiremo con la sgorbia. Per disegnare possiamo utilizzare un pennarello indelebile. Non dimentichiamoci di una fessura sul retro che permetterà all’ossigeno di alimentare la fiamma della candela all’interno della zucca decorata. Alterniamo dei fori e degli intagli meno profondi. Nei punti dove ci limiteremo a togliere solo la buccia esterna, la luce della candela creerà dei particolari effetti d’ombra. A lavoro terminato richiudiamo la zucca decorata col coperchio.

56


DIY


Le zucche glamour

58


fai da te

Procuriamoci: • delle grosse zucche • vernice spray ne • nastro per mascheri

Con del nastro di carta copriamo lo stelo e passiamo alla verniciatura con lo spray. Noi abbiamo scelto un colore abbastanza insolito - un bronzo che alla luce diurna pare quasi dorato. Per rendere la nostra decorazione più vivace, abbiamo deciso di addobbare una zucca con dei grossi pois. Per realizzare i pois stendiamo prima uno strato di un altro colore.

Poi incolliamo delle mascherine adesive a forma di pois e passiamo alla seconda mano di vernice, quella che abbiamo scelto per tutte le zucche. Stacchiamo le mascherine facendo attenzione a non staccare anche la prima mano di colore. Un modo più semplice per ottenere i pois sarebbe quello di ritagliare delle sagome da un tovagliolo di carta, bagnarle un po’ per farle attaccare alla zucca, stendere la seconda mano di vernice e togliere i tovaglioli. In questo modo le sagome non vanno a scrostare la vernice sottostante.


La velluta ta di zucca

60


Risotto di zucca

62


Le zucche vanno a nozz e

64


66


68


Sposarsi

Sposarsi ... come in una favola


Il the all e cinque

70


Cornicette colorate di recupero

72


Erbe aromatiche


Vendemmia

74


76


Pasta fatt a in casa

78


Stampare c on i vegetal i

80


Prendiamo: • btessuto - la scelta migliore sono la tela di cotone o di lino • pennello • piante autunnali con o senza frutti • colori acrilici per stampare su carta fai da • colori per il tessuto • carta da cucina

te

Prepariamo la pianta per la stampa. Se sono presenti dei frutti grossi o delle bacche, come ad esempio la rosa canina, togliamo i frutti e stampiamoli a parte. Vi consiglio di tagliarli a metà, stendere il colore sulla parte tagliata e procedere alla stampa. In questo modo otterremo la sagoma intera. Stendiamo il colore sulla pianta e sulle bacche, appoggiamola con la parte colorata rivolta verso il basso e con l’aiuto di un pezzo di carta di cucina (o di una salvietta, un fazzoletto ...) facciamo pressione in modo da ottenere una bella stampa. Provate ad abbinare tessuti di colori diversi a diversi colori di stampa. Dilettatevi a creare una linea personalizzata di tessuti.


82


Un picnic al parco


84


86


Un banchetto di formaggi sotto il tig lio


88


5 destinazio ni

90

per una fuga romantica in Slovenia


iziano r o g l e n Sorta i e d a t u La ten


92


La casa di pietra a Ple zzo

94


Un sogno sul l’Isonzo – H otel Sanje o b Soči

96


98


DruĹžinska fotografija

F

servizi fotografici per otrok bambini otografiranje

servizi fotografici per matrimoni poroÄ?na fotografija

servizi fotografici per famiglie

fotografia ustvarjalna creativa fotografija www.

TWINLENS

.si


Design Bou tique Hotel Sončna hiša

100


102


Appartamenti Hiša Neža a Kranjska gora

104


106


I colori d ella landa c arsica

108


110


ale n n u t u a a t a i g g e s s a p Una


Un trionfo di colori au tunnali

112


114


Un tripudio di forme autunn ali 116


Gioielli: Maja Licul Foto: Katarina Drpić


I colori in giardino si accendon o con l’autunno

118


120


122


e i h c c e r o e l l a o n n L’autu

KooKooCraft


124


Ricette Dolci alle castagne? E chi andrà a pelare una montagna di castagne per farne l’indispensabile purè di castagne? Ma preparare le castagne per farne dei dolci non è poi così difficile! Mettete a cuocere per bene le castagne finché non diventano tenere, tagliatele a metà e con un cucchiaino raschiatene il contenuto. Poi frullatelo nel robot da cucina e il purè di castagne è pronto! Cakepops

alle castagne

Queste semplici sferette alle castagne sono state il maggior successo della nostra festa: i bambini li hanno presi a ruba. Non è che converrebbe provare a presentare in questo modo anche i broccoli e le carote? Ingredienti: 100 g di biscotti sbriciolati o pan di Spagna spezzettato, 200 g di purè di castagne, 100 g di burro, 200 ml di panna, 50 g di zucchero, 50g di cioccolato glassa di cioccolato. Impastate tutti gli ingredienti e se l’impasto risultasse troppo liquido, aggiungete delle briciole di biscotto, mentre se è troppo denso, aggiungete della panna. Mettete le palline al fresco perché induriscano, successivamente immergetele nella glassa di cioccolato fuso e inserite nei cestini di carta. Muffin al cioccolato con crema alle castagne Per questo dessert possiamo seguire qualunque ricetta di muffin al cioccolato e guarnirli con la crema del rotolo di castagne. Ingredienti: per i muffin: 1/4 tazza di burro, 150 g di cioccolato, 2 uova, 1,5 tazza di zucchero, 2 tazze di farina, 1,5 tazza di latte, 2 cucchiaini di lievito in polvere, 1/2 cuchiaino di sale, zucchero vanigliato;

per la crema: 200 g di purè di castagne, 50 g di zucchero a velo, 200 ml di panna.

Fate fondere il burro e il cioccolato a bagnomaria. Unite le uova con lo zucchero con lo sbattitore e versateci anche il burro al cioccolato. Unite gli ingredienti asciutti e aggiungeteli all’impasto di uova e cioccolato. Mescolate velocemente e riempite gli stampini per i muffin. Mettete in forno a 180°C per 15 minuti. Montate la panna, aggiungete delicatamente il purè di castagne e lo zucchero. Guarnite i muffin utilizzando la sacca con una punta a stella.

126


Muffin alle castagne con crema alla vaniglia I muffin più sexy che potete immaginare! In alternativa ai fichi potete utilizzare come decorazione dei lamponi, una scaglia di cioccolato, una castagna glassata o qualcosa di simile. Questi muffin saranno l’oggetto del desiderio su qualunque tavola! Ingredienti: per l’impasto: 150 g di burro, 240 g di farina, un cucchiaio di lievito in polvere, 150 g di zucchero, 3 uova, 180 ml di latte, un pizzico di sale, 100 g di cioccolato fondente grattuggiato, 80 g di purè di castagne, zucchero vanigliato;

per la crema: preparato per il budino alla vaniglia, 300 ml di latte, 200 g di burro, 150 g di zucchero a velo.

Lavorate il burro e lo zucchero con lo sbattitore, aggiungete le uova e lo zucchero vanigliato. Unite il composto di latte e uova, poco alla volta e sempre sbattendo, alla crema di burro e zucchero. Continuate fino a quando la consistenza risulterà ben liscia, gonfia e omogenea. Miscelate e setacciate in una ciotola la farina e il lievito e uniteli poco alla volta, setacciandoli, al composto, fino a che il tutto risulterà cremoso e senza grumi. Infine aggiungete il cioccolato e le castagne. Mettete l’impasto a cucchiaiate negli stampi da muffin contenenti i pirottini di carta (oppure, se non avete i pirottini, imburrate e infarinate gli stessi stampi) fino a riempirli quasi sino al margine; poneteli in forno a 180°C per circa 20 minuti. A cottura ultimata i muffin dovranno risultare dorati. Lasciateli riposare nel forno spento per 5 minuti a sportello aperto, dopodiché potrete estrarli e lasciarli raffreddare completamente. Per la crema fate il budino secondo le istruzioni, coprite con una pellicola e lasciate raffreddare. Con lo sbattitore unite il burro ammorbidito e lo zucchero a velo, quindi aggiungeteli a cucchiaiate al budino. Quando il composto sarà omogeneo, fate delle guarnizioni con la sacca, utilizzando una punta a stella, sui muffin cotti e raffreddati.

Ajdovč Biscottini al grano saraceno ki Questo è un biscotto molto aromatico e prelibato. Alla ricetta base abbiamo aggiunto della marmellata di ribes acidula per la farcitura e del cioccolato amaro per la glassa. Ingredienti: 160 g di farina bianca o integrale, 120 g di farina di grano saraceno, 180 g di noci tritate, 60 g di cacao, 200 g di burro, 100 g di zucchero a velo, 2 tuorli d’uovo, cannella in polvere e un pizzico di sale, 4 cucchiai di rum, marmellata di ribes, cioccolato amaro. Alle due farine aggiungiamo le noci, il cacao, il burro, i tuorli e le spezie e impastiamo finché otteniamo un impasto morbido. Con le mani formiamo delle palline e le adagiamo su una teglia imburrata. In ogni pallina pratichiamo un buco con il manico di un mestolo. Mettiamo in forno preriscaldato per 10 minuti a 160 - 170°C. Appena tolti dal forno, i biscotti andranno riempiti con la marmellata e infornati per ancora per 5 minuti a 150°C. Lasciamo raffreddare i biscotti su una grata e li immergiamo a metà nel cioccolato fuso. Possiamo decorarli anche con delle noci tritate o delle noccioline.


Pasticcini al rum Questo dolce non è difficile da realizzare e le fettine tagliate con precisione sono molto attraenti, per non parlare poi del profumo! Ingredienti: per l’impasto: 1,25 tazza di farina, 1,5 cucchiaino di lievito in polvere, metà cucchiaino di soda, 100 g cioccolato, 1,5 tazza di zucchero, 0,5 tazza di acqua bollente, 3 uova, per la guarnizione: un cucchiaio di cacao, 220 g burro, 100 g di cioccolato amaro, 0,75 tazza di panna, 100 ml di panna, cucchiaio di rum; 50 g di burro. In una ciotola unite la farina, il lievito in polvere e la soda. A parte fate sciogliere il cioccolato nell’acqua bollente e aggiungete lo zucchero. Lavorate le uova con lo sbattitore, aggiugete il burro, il cioccolato fuso, la panna e il rum, quindi aggiungete la farina con il lievito e la soda. Versate l’impasto nella teglia e mettete in forno a 170°C per circa 30 minuti. Verificate lo stato di cottura con uno stuzzicadenti. Quindi fate sciogliere il burro e il cioccolato e aggiungete la panna. Versate la guarnizione sul pan di Spagna cotto e raffreddato. Aspettate che indurisca e tagliatelo a fettine regolari.

Biscotti al cocco La ricetta di famiglia presa dal vecchio libro di cucina prende vita ogni anno con l’arrivo dell’autunno. Per compensare la dolcezza del biscotto possiamo scegliere una farcitura a base di marmellata acidula. Ingredienti: 250 g di zucchero, un pizzico di sale, 2 uova, vaniglia e scorza di limone, 250 g di burro, 250 g di farina, 250 g di farina di cocco, marmellata. Lavoriamo lo zucchero, le uova, il sale e il burro con lo sbattitore, finché lo zucchero si scioglie completamente. Dunque aggiungiamo prudentemente la farina e il cocco. Con l’impasto facciamo delle palline e le adagiamo su una teglia imburrata. Con il manico di un mestolo pratichiamo dei buchi e farciamo con la marmellata. I biscotti vanno cotti da 10 a 15 minuti a 200°C e all’interno devono risultare ancora teneri. Per un risultato estetico migliore possiamo cuocere i biscotti senza la marmellata, aggiungendola a cottura ultimata. Per facilitare l’operazione conviene scaldare la marmellata a bagnomaria.

128


Pasticcini alla ricotta Questa è una ricetta per gli amanti della ricotta - ma anche chi non la ama, se ne innamorerà dopo uno di questi pasticcini. Sul web sono disponibili diverse varianti, noi ce ne siamo inventati una tutta nostra. Il segreto sta in un baccello di vaniglia. La preparazione del dolce procederà a strati. Ingredienti: 250 g di biscotti integrali tritati, 200 g di burro, 100 g di mandorle tritate. Tritiamo i biscotti e aggiungiamo il burro fuso e le mandorle. A piacere possiamo aggiungere anche due gocce di essenza di mandorle amare. L’impasto risulterà molto denso e andrà steso sulla teglia con una spatola. Mettiamo in forno per 10 minuti a 170°C. Durante la cottura della base, passiamo alla farcitura: Ingredienti: 500 g di ricotta, 4 tuorli, 100 - 150 g zucchero, 2 cucchiai di spremuta d’arancia fresca, 2 cucchiai di spremuta di limone fresca, 4 albumi montati a neve. Con lo sbattitore uniamo ricotta, zucchero, tuorli e le spremute. Alla fine aggiungiamo con delicatezza gli albumi montati a neve. Versiamo la farcitura sulla base cotta e mettiamo in forno per 30 minuti a 170°C. Togliamo dal forno e sulla crema cotta versiamo un’ulteriore crema alla panna. Ingredienti: 375 ml di panna, il contenuto dei baccelli di vaniglia, un cucchiaio raso di zucchero. Cuociamo ancora per 10 minuti a 150 - 160°C. La crema non deve ingiallire, tuttavia deve risultare soda. Dopo averlo sfornato, aspettiamo che il dolce si raffreddi e mettiamo in frigo per una notte. Facciamo dei quadratini e serviamoli con una guarnizione. Noi abbiamo realizzato una salsa di lamponi (potete prendere anche quelli surgelati) e zucchero. Cakepop alle nocciole Ingredienti: 200 g di cioccolato, 100 g di burro, 100 g di nocciole, del pan di Spagna o dei biscotti sbriciolati, cioccolato, nocciole tritate. In un tegamino facciamo fondere a bagnomaria il cioccolato e il burro, quindi aggiungiamo le nocciole e i biscotti o il pan di Spagna sufficienti a rendere sodo l’impasto. Nel caso il dolce non venga servito ai bambini, possiamo aggiungere anche del liquore. Mettiamo in frigo in modo che si raffreddi per bene. Con le mani formiamo delle palline e le infiliamo sui bastoncini, quindi riponiamo nuovamente in frigo per farle indurire. In un tegamino facciamo fondere il cioccolato, immergiamo le palline e le cospargiamo di nocciole tritate. Disponiamo i bastoncini in un bicchiere in modo che il cioccolato indurisca.


Crostata di mele a forma di mela Ingredienti: – pasta sfoglia, – marmellata, – mele, – nocciole, Per realizzare la forma della mela useremo uno stampo a forma di cuore. Innanzitutto rivestiamo l’interno con la pasta sfoglia. Sulla parte inferiore del cuore infiliamo una nocciola con il guscio (o una noce), in modo da ottenere la forma di una mela. Sulla pasta sfoglia spalmiamo la marmellata e stendiamo le mele a fettine, lo zucchero, le spezie e le nocciole tritate. Copriamo con un’altra pasta sfoglia a forma di mela e mettiamo in forno preriscaldato a 200°C, finchè la pasta diventa ben dorata. Saccottini a forma di mela Ingredienti: 250 g di farina, 120 g di burro, metà bustina di lievito in polvere, 1 bustina di zucchero vanigliato o essenza di vaniglia, 2 cucchiai di panna, un pizzico di sale, marmellata. Impastiamo la farina, il burro, lo zucchero vanigliato, la panna e il sale, avvolgiamo l’impasto in una pellicola e mettiamo in frigo. Con un mattarello stendiamo la pasta e con uno stampino ritagliamo dei saccottini a forma di mela. Spalmiamo metà delle mele con la marmellata, coprendole con l’altra mela. Premiamo sui bordi con una forchetta. Mettiamo in forno a 180°C. Per evitare la fuoriuscita della marmellata, possiamo spalmare i bordi con dell’albume prima di comprimerli con la forchetta. Trecce di mele Ingredienti: - pasta sfoglia, – mele grattuggiate, – zucchero e spezie, – un uovo.

Stendiamo la pasta sfoglia e ritagliamo dei rettangoli di 10 cm x 15 cm. Strizziamo le mele grattuggiate, aggiungiamo lo zucchero e le spezie che preferiamo. Mettiamo la farcitura in mezzo al rettangolo e tagliamo i bordi esterni formando delle frange. Quindi intrecciamo le frange formando una treccia. Chiudiamo le estremità, spalmiamo con dell’uovo sbattuto e inforniamo a 200°C.

130


Crostatine alle mele in stampino Ingredienti: 2,5 tazze di farina, una tazza di burro freddo tagliato a cubetti, un cucchiaino di sale, un cucchiaino di zucchero, 4-8 cucchiai d’acqua fredda.

Impastiamo la farina, il burro, lo zucchero e il sale in una ciotola, in modo da ottenere delle briciole di burro. Aggiungiamo quattro cucchiai d’acqua fredda e proviamo a lavorarle per ottenere un impasto liscio. Eventualmente continuiamo ad aggiungere l’acqua fino ad ottenere il risultato desiderato. Avvolgiamo l’impasto in una pellicola e mettiamo in frigo. Prepariamo la farcitura grattuggiando e strizzando le mele, aggiungiamo lo zucchero e le spezie. Eventualmente possiamo aggiungere delle noci o delle nocciole tritate. Stendiamo l’impasto e ritagliamo dei cerchi con cui rivestiamo le formine della teglia per i muffin. Tagliamo via l’impasto in eccesso e riempiamo con la farcitura. Copriamo con un dischetto oppure intrecciamo una rete con le striscie di pasta. Spalmiamo le crostatine con l’uovo sbattuto e mettiamo in forno a 180°C. Lasciamo raffreddare le crostatine e giriamo delicatamente la teglia in modo da farle uscire. Crostate di pere (gallette) Ingredienti: 2,5 tazze di farina, 1 tazza di burro freddo tagliato a cubetti, un cucchiaino di sale, un cucchiaino di zucchero, 4-8 cucchiai d’acqua fredda. Impastiamo la farina, il burro, lo zucchero e il sale in una ciotola, in modo da ottenere delle briciole di burro. Aggiungiamo quattro cucchiai d’acqua fredda e proviamo a lavorarle per ottenere un impasto liscio. Eventualmente continuiamo ad aggiungere l’acqua fino ad ottenere il risultato desiderato. Avvolgiamo l’impasto in una pellicola e mettiamo in frigo. Dividiamo l’impasto in quattro parti, quindi lavoriamo con il mattarello ottenendo quattro dischi. Spalmiamo con la marmellata, farciamo con le pere tagliate a fettine e arrotoliamo i bordi verso l’interno. Mettiamo in forno a 180°C, finchè le crostate diventano di colore giallo. Quindi le cospargiamo di zucchero a velo e le inforniamo finchè lo zucchero caramellizza e i bordi diventano dorati. Pere disidratate Tagliamo le pere e le mettiamo a seccare in forno a 60°C per tre ore. Poniamo su un piatto, cospargiamo di noci e irroriamo con il miele. Come guarnizione possiamo usare del mascarpone.


Involtini di saraceno alle noci

Impasto: 500 g di farina di grano saraceno, 100 g di farina di grano duro, mezzo litro di acqua bollente salata. Farcitura: noci tritate, panna, zucchero, spezie. Mettiamo la farina di saraceno in una ciotola e aggiungiamo dell’acqua bollente, quindi lavoriamo con un mestolo fino ad ottenere un impasto molto sodo. Quando è freddo, lo mettiamo su una superficie infarinata e lo lavoriamo con 100 g di farina di grano fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Uniamo le noci tritate con lo zucchero, le spezie e la panna in modo da ottenere una farcia soda. Stendiamo la pasta con il mattarello, ritagliamo dei dischi e li riempiamo con la farcia. Chiudiamo e premiamo sui bordi con una forchetta e portiamo a cottura in acqua bollente, salata con moderazione. Possiamo servire gli involtini con lo zucchero, del pangrattato che abbiamo dorato sul burro, con la marmellata calda oppure con un purè di mele.

Risotto di zucca Ingredienti: 300 g di purè di zucca (da 700 g ca. di zucca fresca), 2 cucchiai di olio d’oliva, sale, pepe, burro, una piccola cipolla, 200 g di riso, 100 ml di vino bianco, 600 – 700 ml di brodo ristretto, vegetale o di manzo, parmigiano.

Mondiamo la zucca e la tagliamo a cubetti, aggiungiamo dell’olio d’oliva, saliamo e pepiamo. Inforniamo a 190°C per mezz’ora finchè la zucca diventa morbida. Quindi frulliamo la zucca facendone un purè, aggiungendo eventualmente uno o due cucchiai d’acqua nel caso fosse troppo denso. Scaldiamo il brodo e mettiamo da parte. In un tegame facciamo fondere il burro e facciamo soffriggere brevemente la cipolla. Aggiungiamo il riso e lo facciamo saltare finchè diventa ben lucido. Versiamo il vino e facciamo evaporare. Quindi aggiungiamo il brodo man mano che il liquido si riduce. A metà cottura aggiungiamo il purè di zuccca. A due minuti alla fine della cottura aggiungiamo il parmigiano e del burro, amalgamandoli bene. All’occorrenza regoliamo di sale.

132


Vellutata di zucca Ingredienti: polpa di zucca, una o due patate, carote, burro, cipolla, aglio, prezzemolo, una foglia d’alloro, sale e pepe. Tagliamo a cubetti la zucca e le patate, facciamo un soffritto di cipolla e d’aglio e aggiungiamo la zucca e le patate. Versiamo l’acqua, aggiungiamo le spezie che più ci piacciono e portiamo a bollitura. Quando la verdura è ammorbidita, togliamo la foglia d’alloro e lavoriamo con il frullatore a immersione. Possiamo guarnire la vellutata con della panna, dei crostini o della pancetta rosolata sminuzzata. Ravioli fatti in casa: Pasta: 1 uovo ogni 100 g di farina (per due porzioni ca.) e sale Di solito impasto tre uova con 300 g di farina, una quantità che basta per 6 persone. Scegliete della farina di grano duro. Le uova le prendo al mercato del biologico, così la pasta ha un buon profumo ed è bella gialla. Io lascio tutti gli ingredienti sul tavolo per un paio d’ore, in modo siano tutti a temperatura ambiente. Nel frattempo potete andare un po’ a mettere in ordine il giardino, fare la spesa, pulire il bagno o sferruzzare per vostra figlia. Ora procedete a impastare e lavorate l’impasto finchè diventa ben elastico. Lasciate riposare per una mezz’oretta. Ritagliate un pezzo d’impasto e passatelo tra i cilindri della macchina impastatrice, in modo che ne escano delle belle strisce di pasta sottili. Per realizzare i ravioli ritagliate dei rettangoli, al centro dei quali metterete un cucchiaio di ripieno. Quindi piegate il rettangolo a metà e premete sui bordi con una forchetta bagnata. Ripieno: 2 cucchiai di prosciutto crudo sminuzzato, 2 cucchiai di spinaci tritati, 2 cucchiai di ricotta, 2 pomodori secchi, 1 cucchiaino di panna, olio d’oliva, parmigiano. Spesso faccio delle variazioni con il ripieno, ad esempio sostituendo la ricotta con la mozzarella. Il prosciutto lo soffriggo su un po’ d’olio d’oliva, a volte ci aggiungo dell’aglio. Poi è la volta dei pomodori secchi finemente tritati e dei spinaci. Continuo con la cottura per far evaporare il liquido, poi spengo il fuoco e faccio raffreddare. Infine aggiungo la panna e il parmigiano. Per il condimento potete utilizzare della panna oppure il classico ragù. Buon appetito!


Fichi al formaggio

Ingredienti: - fichi, - formaggio spalmabile caprino o mascarpone, - miele, - nocciole tritate, - santoreggia.

Tagliamo i fichi a spicchi, guarniamo con il formaggio spalmabile, cospargiamo di nocciole e santoreggia. Irroriamo con il miele.

134


Ci vediamo il 15 novembre 2012!

Informazioni e pubblicità: info@casaetrend.it M: +386 41 752214 T: +386 1 8310653

136

Autunno 12 Fall 12  

Idee, ricette e fai da te per l'autunno. Fall ideas, DIY, recepies and inspiring photos in Italian.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you