Page 49

-Di

gli uomini in società ;

poiché se 1' uomo avesse potuto nutrirsi come

gli uccelli, non avrebbe certo immaginalo o perfezionato l'arte di col tivar la terra; se il nostro corpo avesse potuto sopportare le intem

perie delle stagioni, sarebbe stalo inutile di fabbricare case ; se ogni umana creatura avesse potuto passarsi de'suoi simili per la sua con

servazione, gli uomini non sarebbero punto riuniti ; isolati ed indi pendenti, avrebbero vissuto nella barbarie, senza avere

alcun' idea

delle arti né delle scienze. D. Quali sono le arti e le scienze che i Massoni hanno insegnato agli uomini? R. L'agricoltura, l'architettura, l'astronomia,

la geometria,

l'aritmetica,

la musica, il governo e la religione.

D. In che modo hanno essi acquistale laute cognizioni ?

R. Il primo uomo istruì i suoi figli intorno alle verità che il cielo gli aveva

^

. dettalo o che egli aveva scoperto per mezzo di molliplici combina zioni ; tale fu 1* origine di quelle tradizioni

che si conoscevano presso

i popoli più fedeli, intorno ali' incominciamento del mondo ed intorno alle arti indispensabili alla vita. La prima città del mondo fu costruita

dal suo primogenito; questa città trae seco l'idea dell'esistenza d'una società. Jubal fu chiamalo il padre di coloro che cantavano e si ser

vivano dell'arpa; Tubalkain fu il primo che seppe maneggiare imetalli. Questi falli sono attcstati dalla storia e ci

,

rivelano 1' esistenza

d' una società tanto anlica quanto gli uomini. I bisogni sempre pres santi costrinsero l'uomo a domandare alla terra gli alimenti necessarii

alla sua esistenza ; e questa madre feconda, corrispondendo al penoso lavoro dell'uomo, spandeva dapcrtutto l'abbondanza

de'suoi doni,

mentre che il gregge e gli armenti, con cura custoditi, gli fornivano un abbondante alimento. Coli' andar de' tempi l' esperienza

rese gli

uomini più civili, più istruiti, più felici;' ma la vera felicità non tro

varono che nel dolce legame che li univa in società. D. Un popolo senza educazione potrebbe esso vivere felice ? R. No, Venerabile Maestro, se nell' uomo tutti i movimenti fossero regolati, se lutto in lui fosse perfetto, l'educazione non sarebbe necessaria per ren

derlo felice ; ma se egli è capace di eccessi, se all'ignoranza aggiunge

delle passioni sempre crescenti ed opposte, chi lo toglierà dalla sua ignoranza ? chi gli apprenderà a sollomellere alla ragione le istintive

sue passioni? Chi gli insegnerà a divenir veramente virtuoso? Potrà egli procurarsi questi beni senza 1' aiuto altrui? No ;

l'educazione è

il solo mezzo indispensabile per procurare all'uomo, e per conseguenza

ad ogni popolo, tutta la felicità possibile.

m^

Rituale pei tre gradi simbolici di rito orientale di memphis del g o d'e 5000 874  

IL GIURAMENTO MASSONICO

Advertisement