Page 1

INFORTUNISTICA STRADALE Mestre - San Donà DOLO - Tel. 041 5101938 www.studio-3a.net

INFORTUNISTICA STRADALE www.dolosport.it ANNO XXXIV

Periodico del Club Biancogranata N. 14 - DOMENICA, 10 OTTOBRE 2010

...difendiamo i Tuoi diritti!!!

TORNIAMO AD INFORMARVI

L’inizio dei campionati di calcio rappresenta per lo sport lo spartiacque fra la vecchia e la nuova stagione. Come ogni anno anche Dolo Sport si adegua a questo ‘calendario sportivo’ e riprende dopo la breve pausa estiva. Una pausa dovuta anche a qualche problema da risolvere. Quello più fastidioso e sgradito è toccato al nostro amato editore Stefano Trovò al quale auguriamo di proseguire nella ‘giusta strada’ che lo riporti in condizioni fisiche ideali per affrontare al meglio il duro impegno che lo attende da qui sino a maggio. C’è stato anche il cambio di ‘tipografia’, più formale che reale, e si sta lavorando per ampliare il giornale e renderlo sempre più ricco e pronto ad accogliere le tante, numerose e gradite, collaborazioni spontanee che giungono in redazione. A parte va anche segnalato che il nostro collaboratore Giancarlo Simionato è diventato... nonno ed ha brindato alla piacevole novità rientrando in sella. E’ ritornato ad essere il direttore sportivo del Casinò di Venezia di Rugby, formazione che disputa il campionato di Eccellenza, massima serie nazionale. Speriamo che l’impegno di altissimo profilo gli consenta di mantenere viva la sua preziosa e qualificata collaborazione con noi. Se il campionato del Dolo RdB e la sua positiva fase d’inizio della stagione saranno argomenti che seguiremo con attenzione, non tralasceremo anche tutto il resto. E per cominciare si darà uno sguardo al recente passato ed al futuro prossimo. In primis VeniceMarathon e Family Run con anticipazioni e programmi per una manifestazione che si preannuncia ancora una volta di grossissimo richiamo e con sorprese notevoli che nelle prossime settimane sveleremo. Il piatto è ricco, gli argomenti sono tanti e lo spazio resta poco, ma siamo felici di questo perché vuol dire che c’è tanto materiale e tanto interesse. Auguriamo a tutti gli sportivi di poter trascorrere un’altra stagione intensa e ricca di soddisfazioni, ringraziamo gli affezionati lettori oltre agli inserzionisti che con la loro passione e disponibilità ci consentono ancora di esistere e di restare una delle più longeve testate sportive. Grazie a tutti. Lino Perini

AUTONOLEGGI NUOVA SEDE Via Riviera del Brenta, 314 FIESSO D’ARTICO / VE

Il Pietro Volante

Fantastica esperienza quella vissuta con i ragazzi di Skydive Salgareda (www.skydive-venice.com), in particolare con Filippo, che il 3 ottobre scorso mi ha fatto provare una delle più grandi e adrenaliniche esperienze della mia vita. Insieme siamo volati “Oltre il muro” di ogni barriera, dimostrando, ancora una volta, che anche con una disabilità si possono fare tante cose! E’ da un po’ che volevo farlo e l’altra domenica il meteo sembrava avverso e invece una splendida giornata e ho rosicato non poco. Questa domenica ho sentito Filippo alla mattina e mi ha detto: “dai vieni, la giornata perfetta non la troverai mai!” Caspita, altro che giornata perfetta... è stato

tutto perfetto dalla compagnia iniziale e cioè tutta la famiglia di mia “moglie” al seguito alle nuove Amicizie trovate li, in primis Filippo e Alessia e tutti i ragazzi di Skydive Salgareda. Iniziamo subito con le spiegazione e con il da farsi, vestizione e via si è già pronti! Miscela adrenalinica di ogni genere che comincia a viaggiare per il corpo, durata poi più giorni e via si parte 15 min di ultra leggero, saliamo fino 4600 metri, si vedeva la laguna di Venezia, il litorale jesolano e le montagne e... “Vai Filippo andiamo “Oltre il muro”... giù via!” Che spettacolo, che meraviglia, che immenso. Bello passare (Martire - a pagina due)

GIOIA IN CASA MAJONI: E’ NATO MATTIA

Da quando Gianni Fagan l’ha lanciato in prima squadra, ormai quasi quindici anni fa, Alessandro Majoni ha giocato tantissime gare con la maglia biancogranata, circa trecentocinquanta. Da anni indossa la fascia di capitano con lo spirito di chi sa di dover dare l’esempio ai compagni ma anche farli rispettare da avversari e direttori di gara. E’ prodigo di consigli verso i più giovani nei quali si immedesima ricordando i suoi inizi. E’ un leader, a volte silenzioso, a volte carismatico. Anche nella vita si è preso le sue belle soddisfazioni, la laurea, una famiglia di origine di sani e profondi principi con il padre Angelo a seguirlo sempre quando può ed a donargli affetto e consigli assieme alla mamma ed al fratello. Nella vita sentimentale si sa, il destino regala e toglie. Ora è felice con Monica. Ma la vita di una coppia non è completa senza un figlio. Ed il 27 settembre anche questo tassello si è completato. Alessandro Majoni e Monica Gionfrida hanno avuto Mattia. L’erede sta bene ed è sicuramente diventato il centro del mondo della famiglia e dei nonni. Alessandro Majoni nella sua lunga carriera, speriamo ancora ricca di altri traguardi, non ha segnato molte reti, crediamo che la nascita di Mattia lo abbia emozionato molto più di uno di quei momenti che nei campi di calcio spesso ti lasciano inebriato. Ad Alessandro, cuore di capitano, alla signora Monica, a tutti i familiari e, naturalmente, a Mattia la redazione di Dolo Sport augura ogni bene. Ad Alessandro, fra un cambio di pannolino e qualche risveglio notturno, diciamo anche di continuare a darsi da fare perché il Dolo RdB ha ancora tanto bisogno di lui. Lino Perini

Noleggio SMART ed AUTOVETTURE FURGONI e PULMINI L’autonoleggio a tuo servizio con CONSEGNA A DOMICILIO

800.039.746 www.edorent.it

n. verde

edo@edorent.it

GRUPPO BANCA CARIGE Andrea Favaro Agente Generale

Via Piave, 3 - DOLO (Ve) Tel. 041 464473 - Fax 041 5131744


OFFERTA CALCETTO SCARPA MIZUNO FORTUNA AS 35,00 EURO

oltre agli orari normali APERTO ANCHE

Lunedì mattina Identikit del tuo piede

Giovedì fino alle 22.00 con specialisti sportivi

Sabato orario continuato con prova scarpe

Entrare al Calamaro è come lasciarsi andare in un viaggio a ritroso nel tempo, come il calamaro che viaggia a ritroso nelle profondità marine. Ad evocare questo viaggio anche il nome dell’Osteria oltre all’arredamento curato fin nei minimi particolari. Grazie alla cucina della signora Marisa ed alla guida di Valter e Luca l’avventore riscoprirà la genuinità dei tempi passati riscoprendo la naturalezza di un saluto cordiale e di quattro chiacchiere fra amici.

Osteria Al Calamaro Via Mazzini, 13 - Dolo (Ve) Tel. 041 464795 - Chiuso il martedì

041 464707

2 • Do l o Sp o r t

SONO OFFERTE DA

PER TUTTI PROVA del piede GRATUITA

Paracadutismo

Il Pietro Volante

(da pagina uno) fra le nuvole e vedere dal vero “Google maps” e atterrare li da dov’ero partito per poi già ripensare alla prossima volta! Enorme successo su facebook ha avuto la mia esperienza e ringrazio tutti per le belle parole e frasi ma ne riporto una su tutte: Grande, sei stato grande! Ieri hai volato come un paracadutista brevettato: le stesse apprensioni prima del volo, lo stesso controllo delle emozioni in aereo, la stessa gioia del volo puro al momento dello stacco... e poi la LIBERTA’ ASSOLUTA e il mondo sotto di te, lontano, quasi irraggiungibile. Da ieri il mondo del volo ha un nuovo amico... Grazie PIETRO! Tony RabalTony Grazie ancora a Voi nuovi Amici di Skydive Salgareda! Pietro Martire

Appuntamento culturale

Verdi… dintorni dolesi

Al Cinema Italia di Dolo il 16 ottobre, con inizio alle ore 20.45, l’Associazione Culturale Dolo Scrive e Dipinge invita tutti alla XI Rassegna di Pittura e Poesia intitolata “Verdi… dintorni” pittura, poesia e arte varia. Parteciperanno alla serata i pittori, i poeti dell’Associazione, il gruppo strumentale New Here ed il Coro Lirico Teatro Verdi di Padova che proporrà un concerto diretto dal Maestro Pietro Perini. Condurrà la serata Marina Bonacina. Ingresso libero.

Inserto pubblicitario

Negozio Tecnico SPORTIVO a CAZZAGO di Pianiga (Venezia) Via Monviso, 3/6 Tel. 041 3032042 unsestoacca@live.it

SPECIALISTI IN CALCIO CALCETTO CORSA CAMMINATA


I Ragazzi dell’Isola Bassa continuano a stupire e convincere

(s.t.) Continua il grande successo del libro di Alberto Coletto, edito da laboratorio.ds, giunto alla sua prima ristampa. Le storie anni cinquanta dei ragazzi dolesi hanno colpito l’immaginazione dei lettori dolesi che non perdono occasione di sottolineare a tutti noi la soddisfazione che queste pagine sanno regalare. I vari Ciuciara, Giaca Curta, Pestenaia e gli altri Ragazzi degli anni ’50 sapranno affascinare molti altri lettori che cercano in un libro che grazie alle storie semplici di un tempo sa raccontare quello che ora siamo e domani saremo. I Ragazzi dell’Isola Bassa per ultimo “parteciperanno” alla Family Run; infatti sarà possibile acquistare il volume autografato dall’autore presso lo stand dell’Associazione Culturale Club Biancogranata. Ricordiamo inoltra che la nostra intera produzione letteraria è acquistabile presso i seguenti punti vendita convenzionati: il 23 ottobre alla Family Run, a Dolo presso la libreria MORELLI di via Matteotti, la fioreria ELITE di via Piave, le edicole VEGO SCOCCO e STRADIOTTo di via Mazzini e MUTA di via Cairoli, il panificio TERRIBILE di via Mazzini e la Tabaccheria ZOTTI di via Garibaldi, a Sambruson presso l’edicola DA PAOLA di via Argine Sx; a Cazzago presso l’edicolibreria di GIUSEPPE di piazza IV Novembre; a Mira la libreria RIVIERA di via Gramsci ed all’edicola di Paluello oppure direttamente dall’editore laboratorio.ds@dolosport.it 3478379992 Buona lettura

Un cellulare lasciato in una campagna assieme a delle foglie da bruciare ed un annuncio in diretta televisiva ricevuto e comunicato da un tinello. Elementi famigliari, il telefono portatile, il campo con le foglie ammucchiate, un televisore ed il tinello della propria abitazione per definire il quadro di una tragedia. Così abbiamo tutti saputo che Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana scomparsa di casa da oltre un mese, Corsivo aveva cessato di vivere per mano di un altro pezzo di Matteo della propria famigliarità: lo zio. Una verità agghiacBellomo ciante e straziante quanto lo sguardo di una madre alla quale la durezza delle situazione ha rubato il diritto di piangere. Credo che sia giusto dedicare, anche da queste colonne, un pensiero a tutti quei “piccoli di casa” scippati alla propria vita, dalla propria età e dai propri famigliari. Ed è proprio in questo concetto di familiarità che, a mio avviso, si nasconde un aspetto ulteriormente aberrante della tragedia di Avetrana. Essere traditi dalle persone più care, quelle della quali ci si fida di più è di per sé scioccante, ma che gli elementi della quotidianità diventino il filo conduttore di una tragedia di tale portata dovrebbe spingerci tutti a riflettere. La televisione mercoledì sera è riuscita a trasmettere la morte in diretta. Quale sarà il passo successivo? L’asticella che segna il limite a quelle altezza (o bassezza) sarà fissata ora che anche l’ultimo tabù è stato superato? Per chi non avesse seguito la vicenda basti sapere come la notizia della morte di Sarah è stata data direttamente dalla madre, raggiunta per telefono dagli inquirenti proprio mentre dal tinello di casa era in corso il collegamento in diretta della nota trasmissione “Chi l’ha visto?” Anche la nota, e spesse volte utile, trasmissione della RAI è stata concettualmente stravolta: solitamente le inchieste condotte e le segnalazioni ricevute dai telespettatori servivano ad informare i parenti delle persone scomparse e gli inquirenti; mercoledì è accaduto il contrario: è stata la seconda vittima della tragedia, la madre, ad informare la Tivù e di conseguenza il Paese. In termini prettamente giornalistico – televisivi si tratta certamente di uno scoop sensazionale. Io, però, mi chiedo se sia giusto così. Il reality show, concettualmente, nasce dalla volontà di trasportare la vita comune, quella di tutti i giorni, in un contesto straordinario come è la televisione. Mercoledì sera è accaduto l’esatto contrario: una condizione di vita comune, per quanto straordinaria nella sua tragicità, è diventata la protagonista di un contenitore televisivo senza filtri, senza tentativi di riprodurre la situazione “in vitro catodico”, in diretta. Forse sarebbe stato più opportuno chiudere il collegamento da quel tinello, lasciare alla madre la possibilità di ricevere senza riflettori addosso quella irricevibile notizia e separare i due mondi: la realtà a piangere la propria tragedia e la finzione televisiva, per quanto giornalistica, che si limita a raccontarla. Così non è stato ed al dolore per questa giovane vita rubata ci aggiungo l’amarezza per questa incapacità di dividere il reale dal virtuale quasi a confondere i piani, l’entità ed i livelli. È giusto immedesimarsi al cinema per una trama di fiction che sia particolarmente coinvolgente ed emozionarsi al punto di piangere o gioire con il protagonista.

La Scuola del Tennis Club Dolo ha fatto… 100

Il 27 settembre scorso, sui campi del Tennis Club Dolo, sono iniziati i corsi collettivi della Scuola Tennis per bambini e ragazzi. Avviata nel 2001 dal Maestro Nazionale Fabio Treu, la Scuola Tennis al suo nono anno di attività vanta un vero e proprio boom di iscrizioni superando la quota 100, grazie ai giovani allievi partecipanti ai corsi. Tra questi spicca il gran numero di iscritti under 6 e under 8. Tutti i pomeriggi, dalle 15 alle 19, i campi del Tennis Club sono animati e occupati dai piccoli tennisti che in ogni momento vengono seguiti dal gruppo tecnico composto dal Maestro Nazionale Fabio Treu; dal prof. Stefano Borgo, docente presso il Liceo Galileo Galilei e Tecnico Nazionale specialista di atletica leggera; dall’Istruttore di Primo Grado Anita Morello, collaboratrice del Maestro Fabio Treu. Anche quest’anno il Campus Estivo, svoltosi nei mesi di giugno e luglio, si è rivelato un vero successo. A confermarlo è stato sicuramente il numero di bambini che hanno preso parte all’iniziativa, ben 85 in 4 settimane, ma anche il buon numero di bambini che hanno poi scelto di iscriversi ai corsi di tennis invernali. Durante queste settimane i ragazzi hanno potuto migliorare il loro tennis, alternando ore di lezione con i tecnici a ore di

FD31G10

gioco libero; hanno praticato l’atletica in pista con il preparatore; hanno nuotato nella piscina scoperta e, grande novità di quest’anno, hanno imparato un nuovo sport: l’arrampicata. Un grazie va agli animatori Enrico, Chiara, Valentina, Nicoletta, Jacopo, Silvia, Giulia e Pietro che hanno saputo coinvolgere i bambini nelle ore di animazione e non solo. Durante l’estate alcuni allievi della Scuola Tennis hanno ottenuto ottimi risultati tennistici disputando un’ottima stagione agonistica. In particolare: Silvia Condon, vincitrice dal Torneo Under 12 femminile disputato all’Oasi 2000 a Padova; Igor Rossi, vincitore dei Campionati Provinciali Under 12 maschili e dei Tornei Under 12 svoltisi a Scorzè, Mirano e Zero Branco; Iuri Rossi, finalista al Master TTK under 14 e atleta capace di ottimi piazzamenti nei Tornei Under 14. Tutti gli allievi della Scuola Tennis, bambini e ragazzi assieme ai genitori, sono invitati domenica 10 ottobre presso il Tennis Club Dolo per il benvenuto di inizio anno. Dalle ore 15 in poi si svolgeranno i tornei di apertura under 1012 femminile e maschile che vedranno impegnati in campo gli allievi dei corsi. Ci saranno poi le premiazioni e nell’occasione verranno consegnati i CD del Campus Estivo ai ragazzi che vi hanno partecipato. Per finire la giornata insieme ci sarà un fantastico rinfresco offerto dal Tennis Club Dolo. Vi aspettiamo numerosi. Anita Morello

Concessionaria servizio CARRELLI STRADALI FERROVIARI a domicilio per le Stazioni di MESTRE - CONEGLIANO SACILE - NOALE

• TRASPORTI ECCEZIONALI • MOVIMENTAZIONE CONTAINERS • TRASBORDI Sede legale: TRASPORTI CHIARENTIN OLINDO snc di Chiarentin Olindo & C. MIRA PORTE (VE) - Via Lanza, 8 Tel. 041.420444 - Tel. e Fax 041.420328 Sedi secondarie scali FS: MESTRE / VE - Via Trento, 7 Tel. 041.926455 - Fax 041.935383 CONEGLIANO / TV - Via Matteotti, 1 - Tel. 0438.411637 - Tel./Fax 0438.21287 - SACILE/PN - Piazza Libertà, 1

OFFICINE CERCATO srl

costruzioni metalliche Attestazione SOA Cert. ISO 9001:2000

Via Riviera del Brenta, 244/A FIESSO D’ARTICO (Venezia) Tel. 041.5160665-5160133 - Fax 041.5160133 officinecercato.officine@tin.it

D o l o S p or t • 3


15 GIORNI ALLA FAMILY RUN

Progettazione costruzione manutenzione

Impianti

Elettrici Civili Industriali Stradali Automazioni - Tecnologici Termoidraulici e Condizionamento Antifurto

S.I.E.L.V. srl - Zona Ind. VIII Strada, 9 FOSSO’ (VE) Tel. 041 5170039 - fax 041 5170507

Eccoci giunti a ridosso della Family Run “2° Trofeo Lorenzo Trovò”. Gli impegni si susseguono freneticamente; lentamente, ma non troppo, stiamo giungendo alla data fatidica il 23 ottobre 2010. Vediamo, ad oggi, quali scuole hanno dato la loro adesione: Liceo Galilei, Istituto Lazzari, Istituto 8 Marzo di Mirano, Scuola media Giuliani di Dolo, scuole elementari di Dolo (Arino, Dolo e Sambruson), Scuole medie di Fiesso, Fossò, Stra e Vigonovo, elementari e materne di Vigonovo, scuole elementari di Fiesso d’Artico, scuole elementari di Stra, Istituto comprensivo di Camponogara (scuole medie, elementari e materne), Circolo didattico Mira 1 e Mira 2, I.C. Giovanni XXIII di Pianiga, Direzione didattica Mirano 1, scuole medie ed elementari di Cazzago; si stanno, inoltre, aggiungendo altre scuole che però conosceremo solo la prossima settimana. La situazione delle scuole è costantemente monitorata dal prof. Borgo che coordinando gli interventi operativi valuta quotidianamente le strategie d’azione. Non abbiamo numeri alla mano, ma la sensazione è che non saremo meno di 5300 persone. Andiamo per ordine. Ivano Sacchetto, referente Venice Marathon, funge da direttore d’orchestra. Suo è il compito di fare da collante fra le varie componenti che stanno per dare vita alla “Grande Corsa”. Proprio quando usciremo con questo numero, preci-

samente sabato 9 ottobre alle ore 10 ci incontreremo, presso gli impianti sportivi dolesi, con tutte le società sportive e le associazioni che daranno vita agli eventi collaterali della Family Run. Una giornata aperta a tutte le associazioni che vorranno proporre la propria attività o che semplicemente vorranno partecipare alla nostra grande festa. Chi volesse partecipare a questo primo momento organizzativo è benvenuto. Per ora hanno dato adesione i seguenti gruppi: Pro Loco di Dolo, Banco San Marco, I podisti Dolesi, il pattinaggio Dolo, I Mulini di Dolo, il Tennis Club Dolo, la palestra di difesa personale di Mario Spillerre (Sambruson), Il basket Dolphin Dolo, il calcio Arino, il calcio Dolo, il volley Dolo, Associazione noi Arino, lo sci club Dolo, il negozio sportivo degli amici Luca ed Alberto 1/6 H di Cazzago, l’atletica leggera Libertas Dolo, Libertas Mira ed atletica Riviera del Brenta, Nuoto Riviera del Brenta Dolo (che oltre a dare contributo operativo offrirà 1200 panini ai bambini), il Pentagramma, l’arrampicata “Le schirate” di Luca Bardelle, il bar

Calcio a 5, serie C2 Al via la prima è col la nuova stagione Perarolo: 4 a 3 al Porto Viro. Cestaro risolve e de Leo c

FD14F10

e t i l E a i r e r Fio

Via Piave, 20 Tel. 041.410322 DOLO (VE)

LA TERMOIDRAULICA Specializzati in impianti di riscaldamento a pavimento impianti idraulici e condizionamento di Zabeo A. & Formenton S. Via A. Fogazzaro, 19 - Tel. e Fax 041.5100488 CAZZAGO di Pianiga (Venezia)

Fra poco avrà inizio una nuova annata sportiva: mi corre obbligo quindi inviare un messaggio a tutti, genitori, atleti, dirigenti, simpatizzanti, allenatori e a tutti coloro che avranno la volontà e la pazienza di leggerci. Come senz’altro saprete (o avrete visto, anche dai giornali), quest’anno l’Associazione ha sostenuto uno sforzo enorme soprattutto dal punto di vista finanziario ed organizzativo: ha infatti rimesso a nuovo segnature, pavimento, luci e (tra pochi giorni) i tabelloni dei canestri. Un impianto rimesso a nuovo e questo senza nessun aiuto pubblico, ma attraverso le donazioni di aziende private - soprattutto Fassa-Bortolo, Veneto Banca, Calcestruzzi Mosole e Biasuzzi che ringraziamo di cuore. Le difficoltà che abbiamo attraversato e stiamo attraversando sono molteplici e complesse, ma le affrontiamo di petto e con entusiasmo, sicuri, come siamo, che tutto questo verrà ripagato dall’impegno e dalla passione di tutti i Dolphins per il nostro sport. E’ per questo che, nell’intraprendere i prossimi campionati a tutti i livelli, dal minibasket agli atleti più “anziani”, auspichiamo ci sia un impegno ulteriore e accresciuto non tanto per traguardi e successi (anche se fanno piacere...), ma soprattutto dal punto di vista etico e comportamentale, a cui teniamo particolarmente. Ci aspettiamo squadre leali, volenterose, impegnate, sia in allenamento che negli spogliatoi, una maggiore disponibilità verso la società tutta ed una maggiore attenzione e tolleranza nei riguardi dei compagni nuovi e vecchi, delle altre squadre e di allenatori e dirigenti; desideriamo vedere genitori gioiosi e comprensivi, con un tifo straordinario ma corretto soprattutto nei riguardi di arbitri ed avversari, una maggiore loro partecipazione alle attività ed iniziative dell’Associazione, che (ricordiamolo) escogita e adotta ogni progetto che porti nuovi e diversificati introiti costantemente tesi al contenimento di quote di iscrizione che altrimenti dovrebbero aumentare in maniera considerevole; allenatori disponibili, comprensivi e rispettosi, fieri di far parte di una società seria e attenta, che in pochi anni ha fatto passi da gigante (anche se con qualche probabile errore). Ma soprattutto ci auguriamo un più costante ed attento legame all’intera Associazione dei Dolphins, in tutte le sue forme, al di sopra di ogni appartenenza di gruppo chiuso e limitato, ma puntando ad un riferimento più allargato rappresentato dalla totalità dell’Associazione e di tutti i suoi soci, di tutte le sue squadre, quindi. Forza Dolphins! Daniele Paolin Presidente Dolphins Dolo

M AC E L L E R I A & R O S T I C C E R I A

DA M A S S I M O

L A Q UA L I T À È LA NO S TR A SP E CI A LI T À

V I A C A N T I E R E, 3 3 - D O L O ( V E) - T EL . 0 4 1 . 4 1 0 5 16

4 • D o l o S p or t

Con gli strav la squadra de via alla stagi che sottoline tismi della sq trazione. Cos ticare però ch Perarolo ripo a 1 inflitto al “nano” Valen de Leo, Scarp Pesce, Barac Tacchetto. Po Aceto, Bell Bartolucci, P de Leo e Cestaro partita. Dop Naccari(P) che raccogliendo un assist millimetrico di Scarp insacca alle spalle di Birolo(PV). 1-0 Giallo a Guarnieri(PV) apparso fin da subito troppo nervoso. servito dal solito Scarpa(P), calcia al volo lasciando di sasso l glia il Porto Viro che colpisce il palo con Rossi(PV). 13’pt Na tata in avanti fa gridare al goal. Il capitano c’è. 27’pt Baracco ca sul pallone che lascia di stucco la difesa ospite ed insacca tutti gli effetti che, con questo 3 a 0 perentorio, chiude il prim Secondo tempo con un Perarolo ormai sazio ed un Porto Viro 5’st Naccari(P) ruba palla su di una punizione calciata male d to ma Bello(PV), ultimo uomo, lo stende. Rosso ineccepibil casa. Inizia il de Leo(P) show che prima para un tiro ravvicina ta una parata da spellarsi le mani per gli applausi. 7’st palo di Scarpa(P). 8’st Bullo(P) salta il portiere ed a port 9’st Bullo(P) e Bartolucci(PV) se le dicono di santa ragione doccia. 10’st il Porto Viro accorcia con Bertolaso (PV). Gli a 12’st tocca a Baracco(P) a divorarsi l’ennesimo goal. 13’st Pavani(PV) si gira alla grande in area di rigore ma il su 16’st Cestaro(P) colpisce Rossi(PV) in piena area. Rigore. Tir La sofferenza è di casa fino a che Cestaro (P) al 17’st si rifà d cia Birolo(PV) anticipandolo sull’angolo basso. 4-2 che da os Di pali e salvataggi sulla linea de Leo(P) diviene l’artista ass sul dai e vai preciso fra Marangoni(PV) e Rossi(PV) che port A caldo il presidente Tacchetto: “Non possiamo rischiare d lasciando che gli avversari ci rimontino con troppa facilità. C ultimi arrivati.” Prossimo appuntamento al centro Antares di

Gioielli Danieli di Marco Danieli CHIMENTO - COMETE - PACIOTTI - BROS WAY D&G - ROSSO AMANTE - TISSOT - CAVALLI FOSSIL - NAUTICA - GUESS - SWEET YEARS

Via Garibaldi, 42 - DOLO / Venezia - Tel. 041 410353


Piccadilly (che offrirà 1200 panini ai più piccoli), l’associazione “Oltre il muro” di Pietro Martire, il gruppo ciclisti Dolesi, La palestra di Fiesso D’ Artico Active e, naturalmente, Dolo Sport e laboratorio.ds. E’ una continua richiesta di partecipazione che ci onora. Un grosso contributo lo stanno dando i comuni di Stra e Fiesso d’Artico, che con i loro assessori allo sport si stanno prodigando per promuovere la giornata in tutto il territorio. Non dimentichiamo il Comune di Dolo. Esso, infatti, fa parte dello staff organizzativo e quindi l’impegno che ci sta mettendo è, al pari di tutti gli organizzatori, enorme. Prima del 23 ottobre abbiamo ancora un’ importante appuntamento. Presso l’Istituto Galilei di Dolo, il giorno mercoledì 20 ottobre, alle ore 11, avrà luogo la conferenza stampa per la presentazione ufficiale della manifestazione. Saranno presenti molte autorità, i testimonial, i dirigenti degli istituti superiori dolesi che fanno parte dell’organizzazione, la stampa, il presidente della Venice Marathon Jacomini e, speriamo, molto pubblico. Siete tutti invitati. In tale occasione Stefano Trovò, Editore di Dolo sport, nonché facente parte del quartetto organizzativo, ufficializzerà la

botto

chiude tutto

volgimenti estivi dovuti al calcio mercato, el nuovo tecnico Daniele Miotto ha dato il ione con un 4 a 3 sul Porto Viro; risultato ea la necessità di puntellare alcuni automasquadra: la difesa e soprattutto la concense guaribili in breve tempo. Da non dimenhe il Porto Viro alla prima uscita, mentre il osava, è stato protagonista di un rotondo 8 all’Annia Serenissima dell’indimenticabile entini. Così in campo. Perarolo di Miotto: rpa, De Cristofaro, Addane Amin, Cestaro, cco, Bullo, Mirci, Naccari (C), Leggio e Porto Viro di Benericetti: Marabini, Garbi, llo, Marchesini, Bertolaso, Guarnirei, Pavani, Marangoni (C), Rossi e Birolo. La po 4 minuti il Perarolo in rete grazie a rpa(P), new entry classe ‘86 dallo Jesolo,

. 6’pt raddoppio da favola di Pesce(P) che, l’incolpevole Birolo(PV). 2-0. 7’pt si sveaccari(P) è un’ira di Dio. Ogni azione poro(P) compie una prodezza con una veronia a porta sguarnita. Golaçooo! Spettacolo a mo tempo. o rivitalizzato. dagli ospiti. Il capitano s’invola indisturbaile e superiorità numerica per i padroni di ato di Guarnieri(PV) e, subito dopo, inven-

ta vuota si mangia l’impossibile. e l’arbitro Doria li spedisce anzitempo in animi non si placano. 3-1

uo sinistro incoccia sul legno. ira Rossi(PV) e palla sotto il montante. 3-2 dell’errore commesso ed in scivolato bruossigeno al Perarolo. ssoluto ma a tempo scaduto non può nulla rta inchioda la partita sul 4 a 3 finale. di buttare al vento il bel gioco espresso Ci sarà da lavorare sodo per integrare gli Spinea contro il Bissuola. Alberto Terribile

donazione, da parte della famiglia Trovò, di un computer portatile per la scuola elementare/materna più numerosa. La corsa fra le scuole è già partita. Il giorno della corsa sapremo chi lo vincerà?! La sera, alle ore 20,30, a Stra, presso Villa Foscarini Rossi, si darà vita al convegno “I giovani e lo sport” (in foto). Tale momento è organizzato dal comune di Stra, Associazione Atletica Riviera del Brenta e gruppo Imprenditori Turistici Riviera del Brenta. E’ inutile sottolineare che l’argomento è di indubbia importanza e quindi è da non perdere… anche per la splendida cornice nella quale si ritrova a svolgersi. Veniamo al testimonial. E qui vi è il lavoro specifico di uno del nostro quartetto; per la precisione il responsabile dei testimonial Simone Cercato. Grazie al suo interessamento diretto avremo con noi il plurimedagliato olimpico Rossano Galtarossa. Un grosso onore, per noi, avere un’ atleta di tale spessore non solo per i risultati ma anche per come si è sempre posto nei confronti dello sport. Un secondo testimonial sarà Paolo Donaggio, campione del mondo di nuoto di endurance. Quest’ anno, all’ età di 70 anni, chiuderà la carriera nuotando, durante la Venicemarathon, lungo tutto il naviglio del Brenta, partendo da Stra. Da vedere! E così siamo giunti proprio a ridosso della corsa. Tutto si sta preparando meticolosamente ed il prossimo numero di Dolo Sport uscirà il giorno manifestazione, a coronare questo importante momento. Arrivederci al 23, allora… e buona corsa a tutti. Stefano Borgo, Simone Cercato, Ivano Sacchetto e Stefano Trovò

Pattinaggio artistico: maglia azzurra per Caterina Contin

Conto alla rovescia per Caterina Contin: pochissimi giorni la separano da un appuntamento che già di per sé può essere considerato un traguardo: convocata dalla nazionale dopo il piazzamento di luglio ai Campionati Italiani di Roccaraso (L’Aquila), il 15-16 e 17 ottobre sarà a Forlì per il trofeo internazionale Coppa Italia, competizione a livello europeo dove per la prima volta indosserà la maglia azzurra. E’ una soddisfazione seguire la carriera dell’atleta dolese, classe 1991: muove i primi passi sui pattini all’età di sei anni e cresce nell’agonismo sotto l’ala della società Pattinaggio Artistico Dolo, arrivando seconda ai campionati regionali e due volte prima ai Provinciali, vincendo il Campionato Italiano PGS e portandosi a casa un bel quarto posto al Campionato Italiano di Roma. Con la Scuola Pattinaggio Artistico di Zelarino, dove nel 2007 ha voluto seguire la sua allenatrice, Marta Colpo, ha vinto il Trofeo Internazionale in Slovenia nel 2009 e il Campionato Italiano Libertas, svoltosi ad Acquapendente (Viterbo) nel dicembre dello stesso anno. Risultati di tutto rispetto e, soprattutto, la maturazione di un’atleta che si distingue per potenza e determinazione, che sta spiccando il volo dal punto di vista tecnico, non solo in senso figurato, visto che il suo punto di forza è lo stacco da terra che riesce a imprimere ai suoi salti. Quando si parla, in generale, dei valori del nostro tempo e della perdita di senso che affligge “la meglio gioventù”, bisognerebbe pensare a Caterina e ai ragazzi come lei: una vita tra scuola e allenamenti quasi quotidiani, compresa la preparazione atletica di supporto; a luglio, dopo la maturità scientifica e i campionati, si è goduta forse il primo mese di riposo dopo anni; adesso che è matricola alla facoltà di ingegneria e, en passant, vuole prendere il diploma di ottica, la attendono nuove acrobazie, non solo sui pattini… Non una nota di rammarico nella voce sicura di Caterina: curiosità, piuttosto, per le nuove sfide dietro l’angolo e tutta l’emozione per la prossima prova, che la vedrà nella squadra italiana (sono quattro le pattinatrici selezionate). Sicuramente questa ragazza è abituata a misurarsi con se stessa: “L’idea della gara ti dà la carica, l’energia per tirare fuori il meglio di te e dare il massimo. A Forlì gareggerò nella specialità “singolo”: so già che non devo fare nessun errore nel programma short, basato su difficoltà obbligatorie, mentre il giorno dopo, nel programma lungo, sarò più libera di esprimermi. E’ proprio nel momento della gara che tutte le ore di lavoro, la fatica, diventano concentrazione e quella tensione positiva che ti permette di mostrare le tue capacità”. Marta Colpo, che allena Caterina Contin e la sorella Ilaria, di campioni se ne intende: il nome della sorella, Chiara Colpo, freschissima di titolo europeo al rientro da Vic (Barcellona), è da tempo nel firmamento del pattinaggio artistico. Di Caterina l’ha sempre colpita la grandissima determinazione: “E’ atipico, per un’atleta della sua età, essere così costante e diligente negli allenamenti! Caterina ha fatto un grande salto di livello, anche dal punto di vista dello stile, che è altrettanto importante della capacità tecnica, dove eccelle per i salti, molto alti, e le bellissime trottole. A Forlì le italiane dovranno misurarsi in particolare con le atlete spagnole e francesi, molto forti, ma devo dire che, al di là del risultato, la vera vittoria è stata la convocazione in nazionale.” Quello che arriverà, allora, sarà tutto guadagnato: in bocca al lupo, Caterina! Piera Lombardo

Via Dauli, 26 - Dolo / Ve Tel. 041411608

Da oggi la Corona offre agli amanti del pesce e non solo specialità tipiche della Riviera ma anche delle pietanze multietniche che spaziano dalla famosa Builla Baisse francese alla Paella e Sangria spagnola, dal vero Sushi e Sashimi alla cucina asiatica e birmana. Vi aspettiamo per soddisfare il vostro palato.

RIVIERA NUOTO DOLO

Via Arino, 9 - Tel. 041.412891 DOLO (Venezia)

Bar Piccadilly COLAZIONI PRANZI VELOCI SNACK tel. 3490802480 Via Arino 1 Dolo (Venezia) FD31G10

D o l o S p o rt • 5


parti col piede giusto

Recuperi

Benvenuti nella nostra rubrica “Parti col piede giusto”; oggi parleremo dei recuperi dagli infortuni o ricuperi che nel nostro significato normale vuol dire tornare in possesso di una cosa perduta o che ci è stata tolta oppure riguadagnare, rimontare uno svantaggio o meglio riportare alla superficie; porre in salvo cose o persone cadute in mare. Ecco questa mi sembra la definizione più forte e ricca di significati, ma forse c’è qualcosa di più. Molti personaggi sportivi tra cui il famoso tennista Thomas Muster o il famoso ciclista Greg Lemond, si sono ripresi da gravi incidenti e sono riusciti ad ottenere successi maggiori di prima. Gli studi effettuati su questi atleti ed altri hanno rivelato che essi avevano le seguenti caratteristiche in comune: - Si impegnavano totalmente al recupero della piena salute con l’atteggiamento di chi vuole diventare migliore di prima. - Avevano affrontato la riabilitazione con il principio di “chi va piano va sano e lontano”, un passo alla volta senza lasciarsi prendere dall’impazienza e dallo sconforto. - Si erano immersi completamente con la mente nel processo di guarigione accettando la responsabilità dei loro progressi e partecipando attivamente ai trattamenti. - Si concentravano sui loro miglioramenti invece di mettersi a confronto con altri su ciò che avrebbero potuto fare che prima non potevano. E’ impressionante quello che la nostra mente può generare: ricordo un calciatore della nazionale italiana Franco Baresi (in foto) che durante il mondiale fu operato al menisco e, nonostante tutto, con tempi di recupero inattesi, riuscì ad essere il migliore in campo nella finale. Chi non ricorda la vera storia di Bruce Lee che rimasto quasi paralizzato con un colpo a tradimento durante un combattimento, recuperò alla grande diventando più forte di prima e precursore di nuovi metodi e tecniche di arti marziali. Se siamo fortemente decisi a guarire fortemente, oltre che alle cure medico specialistiche, possiamo far ricorso al potere della nostra mente. I migliori risultati si ottengono quando il corpo è rilassato. Immaginiamo l’area colpita che si guarisce da sola, dirigiamo su essa il nostro respiro e le nostre energie e guardiamo con gli occhi della mente il nostro piede o il nostro muscolo o la nostra articolazione che guarisce. Infine, visualizziamo l’immagine di noi stessi che torniamo in azione, di nuovo al meglio delle nostre prestazioni. E chi è già sano e privo di infortuni? Come fa a migliorarsi? Forse leggendo in maniera più approfondita le storie di questi campioni ed ispirandosi a loro potrebbero davvero migliorare in qualcosa. Ebbene si, amici ed amiche, non mi resta che salutarvi. Evviva. Luca Damin

Atletica Riviera: risultati da incorniciare per i giovani miresi

CAZZAGO di Pianiga / Ve Via Pionche, 7 Tel. e Fax 041 5100860

6 • Do l o Sp o r t

Ai recenti campionati provinciali su pista riservate alle categorie Cadetti e Cadette, Ragazzi e Ragazze, svoltisi a Mestre in questo fine settimana, l’Atletica Riviera del Brenta si è aggiudicata ben 5 titoli di campione di provinciale, e una serie di piazzamenti di tutto rispetto. Nei 60 metri ragazze da segnalare i piazzamenti di Lando Maristella, Calzavara Eleonora, Mirza Beatrice e Reato Sara. Nei 60 metri ragazzi, buon secondo posto per Scatto Elia. Kazim Williams sale sul terzo gradino del podio, sia negli 80 metri, che nel salto in alto, riservati alla categoria Cadetti. Nei 1000 metri riservati alla categoria Ragazze, brilla il terzo posto di Giulia Molena, che copre la distanza in 3:17.2. Nel salto in alto Cadette, Bozzelli Giada si aggiudica il titolo di Campionessa Provinciale con la misura di 1.40. Montenegro Silvia centra il terzo posto nel salto in alto categoria Ragazze. Nel salto in lungo categoria Cadetti Bellone Michele si piazza al quarto posto. Nel lungo riservato alla categoria Ragazze, Barbiero Stefanì sale sul secondo gradino del podio, Lando Maristella e Reato Sara si classificano al sesto

In Riviera del Brenta la Canoa dei campioni

Oriago di Mira. Il “Canoa Club Oriago” ha organizzato domenica 26 settembre la Gara Regionale di canoa Discesa Sprint, valida ai fini del Campionato Regionale per le categorie Allievi, Cadetti, Ragazzi, Junior, Senior e

Master indetta dalla Federazione Italiana Canoa Kayak. La gara di domenica, giunta alla quinta edizione, è stata organizzata con il patrocinio dal Comune di Mira e dalla Regione Veneto. La gara si è svolta lungo il Naviglio Brenta con partenza dal ponte di Piazza Mercato di Oriago ed arrivo all’altezza della Fioreria Al Molino, sempre in località Oriago. Trattandosi di una gara sprint, il percorso di mt. 400 di lunghezza e si è svolta in due manches, con un tempo medio di percorrenza di circa 2 minuti. Gli atleti sono partiti uno alla volta ad un minuto di distanza l’uno dall’altro, mentre la partenza delle diverse categorie è stata distanziata da circa due minuti. Le premiazioni si sono svolte presso la fioreria “Al Mulino” con il conferimento del “Trofeo Cav. Lucarda” alla Società che ha ottenuto il punteggio migliore. Anima e promotore della manifestazione è il presidente del Canoa Club di Oriago Paolo Zanardi che ci dice: “L’Associazione Sportiva Canoa Club Oriago è presente sul territorio da 16 anni e partecipa regolarmente a tutte le gare indette dalla Federazione Italiana Canoa Kayak, distinguendosi con ottimi risultati sia a livello Nazionale che Internazionale. Nel corso del 2010 e nell’ambito delle circa 30 gare cui abbiamo partecipato ricordiamo: Campionati Italiani di canoa conseguendo il titolo di C2 Junior, Campionati Italiani di canoa conseguendo il titolo di C2 Senior a squadre, Campionati italiani di canoa conseguendo il titolo K1 under 23, Campionati Europei junior svoltisi in Serbia conseguendo una medaglia d’argento nella gara di discesa classica e una di bronzo nella discesa Sprint e un’altra di bronzo nella categoria femminile junior sempre nella gara di discesa classica. E tanti altri podi su gare nazionali, tanto che ad oggi la Società si pone al 3° posto nella classifica nazionale di discesa di 270 società.” Sicuramente un palmares di rilievo per l’associazione sportiva mirese. Lino Perini

posto, e all’ottavo posto. Scatto Elia e Galletta Paolo si classificano decimo e dodicesimo nel lungo categoria Ragazzi. Bozzelli Giada concede il bis e si laurea Campionessa Provinciale nel salto triplo Cadette, saltando 9.56. Nel triplo Cadetti, Agostini Gianmaria si classifica al secondo posto. Il quartetto Barbiero, Calzavara, Montenegro, Reato si piazza al quinto posto nella 4x100 Ragazze. Nel lancio del Vortex categoria Ragazze Calzavara Eleonora, con 34.98 diventa Campionessa Provinciale. Sempre nel Vortex, ma questa volta riservato alla categoria Ragazzi, Masenadore Sandro si aggiudica il secondo posto. Nel lancio del disco kg. 1,500 Cadetti, Solari Daniele diventa Campione Provinciale e contemporaneamente strappa la qualificazione ai prossimi Campionati Italiani, grazie al suo 33.93. Ritroviamo nuovamente Montenegro Silvia, terza nei 60 metri ostacoli. Il quinto titolo di Campione Provinciale arriva grazie a Barbiero Stefanì, nel peso gomma kg. 2,000 Ragazze, con 9.61. Nella stessa gara Zuin Camilla si classifica al quinto posto. A tutti i nostri Atleti vanno i nostri complimenti, nella speranza che questi risultati strepitosi, siano stati solo l’inizio di una lunga serie. Ultimo, ma non meno importante, il grazie ai nostri Tecnici che raccolgono i frutti di tanta passione e di duro lavoro fatto al campo d’allenamento. Luca Gasparato

FD22N09


Calcio d’Eccellenza

ROBERTO TONICELLO: PUNTIAMO AD UNA STAGIONE SERENA

Pasticceria Caffetteria

Due nuovi arrivi il Dolo RdB, Giorgio Chioatto ed Angelo Buccigrossi

Tre giornate sono poche per trarre i L’impegno casalingo contro il primi bilanci ma qualcosa Vittorio Veneto diventa un test molto d’importante si è già visto. Anche significativo. I trevigiani, neo properché oltre al campionato c’è stata mossi, vengono dalla sconfitta interla Coppa Italia. Il Dolo RdB ha na contro l’Ardita dopo due vittorie vinto tutte le gare del primo girone consecutive iniziali che li aveva fatti della manifestazione nazionale ed è balzare da soli al comando della graapprodato alla seconda fase in un duatoria. Sono un complesso affiatatriangolare nel quale c’è anche la to e di valore ed in grado di recitare Camponogarese battuta mercoledì un ruolo di primo piano nel torneo. scorso nella seconda giornata grazie Ma i biancogranata cercano la prima ad un goal di Silvestro al 26’ del vittoria in campionato per scrollarsi dalle posizioni scomode di bassa primo tempo. Ora la possibilità di classifica. A Tonicello chiediamo classificarsi per i quarti passa per la cosa ne pensa della squadra dolese: partita contro il Thermal Abano del Roberto Tonicello con l’Assessore Provinciale “Anche se sembra presto per parlarvulcanico patron Rossetto. allo Sport Raffaele Speranzon ne mi sembra di poter dire che la In campionato la squadra ha colto due preziosi pareggi esterni a Feltre ed a Marostica ma ha rosa allestita quest’anno è superiore a quella della scorceduto malamente in casa contro l’Ardita, forse la forma- sa stagione e sono molto fiducioso che si possa far bene.” zione più sorprendente di questo inizio di campionato. Per Bene quanto? “Il nostro obiettivo è quello di passarci una parlare di calcio Dolo con il direttore sportivo Roberto stagione serena, cioè senza sofferenze. L’ideale sarebbe Tonicello iniziamo proprio dall’unica sconfitta stagionale trovarci presto a metà classifica e restarci sino alla fine, in quel di Fossò, dove si è giocato il match di campiona- con ciò evitando di dover soffrire com’è accaduto nelle to. “Non voglio trovare scuse ma proprio l’aver giocato a ultime due stagioni.” Fossò ci ha penalizzato non poco visto anche lo stato dis- Intanto la società ha operato scelte importanti anche in astroso del terreno. Inoltre - prosegue Tonicello - a con- settori nevralgici. Nuovo responsabile del settore giovanidizionare negativamente il match sono stati gli episodi. le è stato nominato Giorgio Chioatto che per lungo tempo Un errore arbitrale, dopo pochi minuti, ci ha impedito di ebbe questo incarico a Mira negli anni di massimo splentrovarci in vantaggio ed alla prima ocasione loro si sono dore dell’ex società biancoverde e che contribuì a far trovati avanti. Purtroppo doverli attaccare, loro sono diventare uno dei settori giovanile più importanti del bravissimi a difendersi ed a ripartire, ci ha messo nella Veneto e dal quale sono usciti decine di giocatori che situazione peggiore. Infatti siamo stati ulteriormente hanno calcato i campi dilettantistici regionali. Mentre in puniti e recuperare uno 0-2 non è mai facile. Ci eravamo qualità di segretario è stato nominato Angelo Buccigrossi, quasi riusciti con la rete di Niero e subito dopo siamo anch’egli con alle spalle lunghe esperienze in tali compistati ancora colpiti. Peccato ma sono sicuro si sia tratta- ti, svolti prima a Caltana e poi a Campocroce. to di un episodio e potendo tornare a giocare al Walter Lino Perini Martire ne dovremmo trarre sicuramente beneficio.”

Tre giornate di campionato restano poche per dare dei giudizi anche se ci sentiamo di azzardare che il Favaro, ripescato in estate, ora come ora appare la formazione più debole del lotto come lo zero nella classifica dei punti ottenuti fa ben capire. A meno di una robusta iniezione di forze nuove nel mercato di riparazione, la squadra di mister Carpentieri appare come la più seria candidata alla retrocessione diretta. Guardando, invece, la classifica dall’alto al basso non si può fare a meno di scoprire un terzetto inatteso al vertice. Delta 2000, Ardita Moriago e Miranese non godevano, alla vigilia del torneo, alcun favore fra gli addetti ai lavori. Il Delta 2000 è una neopromossa, la Miranese si è salvata solo ai play-out e l’Ardita è formazione che nella scorsa stagione ha navigato nelle zone di bassa classifica. Anche il Vittorio Veneto, che segue il terzetto ad un punto, è squadra neopromossa ma nella circostanza appariva già ben rodata ed in grado di lottare per le prime posizioni. La sua situazione assomiglia a quella del Sottomarina che nello scorso torneo, partendo da neopromossa, ha lottato sino alla fine ed è arrivata seconda. Chi sarà l’Opitergina dello scorso campiona-

IL PUNTO

di Lino Perini to? Per ora è molto difficile individuare una squadra di tale spessore. Potrebbe essere il Liapiave che è partito senza particolari acuti e non sembra ancora aver ingranato mentre il Sottomarina, dopo due sconfitte iniziali, ha rotto il digiuno solo domenica scorsa e lo ha fatto in modo roboante, infliggendo cinque reti ad un’Adriese assai deludente. Fra le squadre che partono sempre con accrediti c’è stata la delusione del Giorgione che nell’ultimo turno ha perso in casa contro il Rossano. In coda, Favaro a parte, troviamo il Dolo e la Marosticense che nell’ultimo turno si sono divise la posta, poco sopra Adriese, Romano, Feltreseprealpi e Sottomarina. Bisognerà attendere almeno un altro mese per capirne di più. Intanto la quarta giornata propone il match più interessante fra Liapiave e Miranese, primo scontro diretto stagionale. Il Delta 2000, miglior attacco con 7 reti e miglior difesa col portiere imbattuto, ospita il Romano e spera di trovarsi sola al comando anche perché l’Ardita Moriago ospita la

Feltreseprealpi che, è vero, non ha mai vinto ma neppure perso avendo sempre pareggiato. Il Vittorio Veneto scende al Walter Martire sperando di ripetere la vittoria esterna di due settimane fa ma troverà l’undici di Francesco Minto deciso a vender cara la pelle e magari a conquistare i primi tre punti del torneo. Il resto del programma propone un suggestivo Adriese-Piovese, due squadre in affanno visto che sono reduci entrambe da una sconfitta con 4 reti di scarto, il derby trevigiano fra Ponzano e Giorgione, quello vicentino fra Rossano e Marosticense e quello veneziano fra Favaro e Sottomarina con i neroverdi ospiti che potrebbero fare un ulteriore balzo in avanti verso posizioni più consone alle loro potenzialità.

Classifica Marcatori, Eccellenza girone B. Con 3 reti: Marangon (Delta 2000), Santagata (Miranese,1) e Sabatini (Sottomarina); con 2 reti: Vianello (Ardita), Santaterra (Delta 2000,1), Mattiazzo (Ponzano) e Pizziol R. (Vittorio Veneto) e con una rete Niero, Ronchin e Silvestro (Dolo RdB)

di RIATO GIOVANNI E SERENELLA Via Mazzini, 132 Tel. 041 410189 - DOLO Specialità Focacce della Riviera

Gioiello

FD06D09

DOLO

Via Mazzini, 54 Tel. 041 410054

Costruzione e montaggio Impianti Tubazioni e Carpenteria in genere Andrea 339 6166849 Riviera Matteotti, 93 - MIRA / VE Tel. 041 422298 - Fax 041 420431

specialità pesce chiuso il mercoledì e domenica sera Via Stradona, 118 SAMBRUSON di Dolo (Ve) Tel. 041.410928 - Fax 041.5101138

A L S E TA C C I O DI BORDIN FIORENZA

A RT I C O L I DA R E G A L O P I E T R E D U R E E B I G I OT T E R I A

V i a M a z z i n i , 7 2 - D O L O / V E - Te l . 3 3 9 3 3 5 2 8 5 4 FD10O10

D ol o S p or t • 7


ANNO XXXIV - n. 14 DOMENICA 10 OTTOBRE 2010 Editore STEFANO TROVÒ Direttore responsabile LINO PERINI Periodico del Club Biancogranata Ass. Culturale Senza Scopo di Lucro Iscritta all’Albo delle Associazione Dolesi n. 103 Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1422 del 22 maggio 2002 via A. Manzoni, 18 - Dolo (Ve) Tel. 041412598

COSTRUZIONI MO NTAGGI C ARPEN TE RIA VIA DEI CAVINELLI, 27 PIANIGA 348 6430870

Una tonnellata di carta riciclata salva la vita a 15 alberi ad alto fusto Salvare la vita agli alberi-essenziali per il nostro benessere, perché assorbono l’anidride carbonica - è possibile: basta separare la carta e il cartone dai rifiuti e conferirli seguendo le indicazioni di Veritas. Per produrre una tonnellata di carta vergine servono infatti 15 alberi ad alto fusto, 440.000 litri d’acqua e 7.600 KWh. Realizzare lo stesso e salvare la vita di 15 alberi, risparmiare il 95% dell’acqua e oltre il 60% dell’energia elettrica. Riciclare la carta vuol anche dire diminuire la quantità di rifiuti da raccogliere e smaltire, e contenere i costi del servizio, che variano a seconda della qualità del materiale raccolto. Ecco perché è importante porre la massima attenzione nel dividere la carta e il cartone dagli altri rifiuti e non conferirli mai insieme ad altri materiali. Ogni anno nel nostro Paese vengono raccolte in maniera differenziata circa 2 milioni di tonnellate di carta. Ogni italiano utilizza in media 80 Kg di imballaggi di cellulosa all’anno, ma ne ricicla solo la metà.

info@Revolution-Tecnologie.com

Cell. 339 4050253 via E. Toti, 59/W - Mira - VE

redazione@dolosport.it - Per la pubblicità su questo periodico 041412598

In Redazione: Matteo Bellomo, Mauro Poletto, Marino Salviato e Stefano Trovò Hanno collaborato: Luca Damin, Alberto Terribile, Piera Lombardo, Pietro Martire, Anita Morello, Daniele Paolin, Luca Gasparato, Stefano Borgo, Simone Cercato e Ivano Sacchetto Stampa GRAFICHE 2 ESSE snc Chiuso in redazione giovedì 7 ottobre 2010

COME DIFFERENZIARE LA CARTA E IL CARTONE

www.Revolution-Tecnologie.com

Per aumentare la differenziata del 15%, basterebbe separare ogni mese dai rifiuti 4 scatole per la pasta, 3 sacchetti di carta, 2 portauova e uno scatolone. Carta e cartone possono vivere praticamente all’infinito. Basta separarli, non gettarli insieme ai rifiuti e rispettare alcune semplici regole: - non inserirli mai nei sacchetti di plastica o legarli con il nastro adesivo, ma con lo spago; - non abbandonare mai carta e cartone fuori dalle campane e dai contenitori per la differenziata ; - rispettare il calendario di raccolta, dove il servizio è porta a porta; - il cartone deve essere sempre ridotto di volume. Dopo la raccolta differenziata, negli impianti di recupero dalla carta e dal cartone vengono eliminati gli elementi non cellulosici (metallo, legno e plastica) che renderebbero impossibile la trasformazione in carta riciclata. Il materiale viene poi pressato, imballato e portato nelle cartiere dove la carta da macero, mescolata a una

Internet & Web Solutions - Consulenza ed Assistenza Tecnica Vendita Hardware & Software su Misura Vendita Notebook e Palmari Posa di Reti Cablate - Creazione CD Rom & Multimedia Corsi di Formazione

piccola quantità di fibre vergini, viene gettata nel pulper (lo spappolatore) una grande caldaia dove l’acqua calda separa le fibre e crea una poltiglia. Filtri e depuratori eliminano ulteriori impurità dalla pasta di carta che poi le macchine pressano, essiccano, avvolgono in grandi bobine, creando così la carta riciclata. E il Tetra Pak? Le moderne tecnologie sono in grado di separare anche le componenti del Tetra Pak (carta, alluminio e plastica), con il quale si producono buona parte dei contenitori alimentari per liquidi (latte, succhi di frutta, vino, passata di pomodoro). Il Tetra Pak finisce nel pulper, dove gli elementi diversi dalla carta (ad esempio plastica o alluminio) galleggiano o affondano e possono essere quindi recuperati. La carta separata dal Tetra Pak diventa Cartafrutta per imballaggi, scatole e sacchetti. Il film di polietilene e alluminio (il 20% dei totale) viene invece lavato e trasformato in Ecoallene, per produrre oggetti per la casa, da ufficio e gadget.

Pagare le bollette di Veritas senza code. Veritas e Lottomatica hanno infatti sottoscritto una convenzione che consente di utilizzare la rete di ricevitorie Lottomatica (440 nella sola provincia di Venezia) e di ridurre quindi i tempi di attesa davanti agli sportelli postali o della banca. Ridurre le code è semplice. Basta presentarsi con il bollettino allegato alla bolletta in una delle ricevitorie Lottomatica che espongono l’adesivo (in foto). Del resto si occuperà il gestore che alla fine dell’operazione rilascerà una ricevuta. Il pagamento è possibile in contanti o con il Bancomat. Il costo dell’operazione è di 1 euro.

8 • D ol o Sp o r t BC14F10

domiciliazione bancaria o postale delle bollette. Per ricevere le fatture via mail è sufficiente compilare uno stampato disponibile agli sportelli del Servizio Clienti Veritas oppure collegarsi al sito www.gruppoveritas.it ed entrare prima nello Sportello fai da te e poi nella sezione Servizi on line. E’ anche possibile ricevere un sms di avviso contemporaneamente alla partenza della mail. La fattura arriverà in tempo reale, nello stesso giorno in cui viene emessa, senza possibilità di smarrimento o ritardi.

Equo12, per evitare bollette troppo salate Ricevere (e quindi pagare) ogni mese le bollette di Tia, Servizio idrico integrato, gas ed energia elettrica (per chi è cliente di Veritas Energia) è facile. Basta chiedere l’attivazione di Equo12, la formula che consente ai cittadini di rateizzare l’importo, evitando quindi di pagare somme - anche importanti - in un’unica soluzione. Equo12 è riservato esclusivamente a chi riceve le bollette di Veritas via mail (le modalità per attivare il servizio sono riportate qui sopra) e può essere applicato a una o più fatture. Chi fosse interessato non deve far altro che presentarsi agli sportelli e compilare un modulo, che può essere anche scaricato dal sito www.gruppoveritas.it oppure richiesto per telefono al numero verde 800466466. Chi attiva Equo12 riceverà via mail una bolletta al mese e pagherà mensilmente una somma costante: il consumo previsto per l’anno diviso per 11. Il dodicesimo mese sarà invece emessa una fattura di conguaglio, calcolata sulla base dei consumi effettivi. E’ quindi importante che i cittadini comunichino periodicamente l’autolettura dei consumi idrici e del gas, telefonando al numero verde 800212742.

tratto da Veritas Notizie e www.gruppoveritas.it

Elimina le code con le ricevitorie LE BOLLETTE DI VERITAS Salva la vita agli alberi, richiedi la fattura via mail. E’ possibile ricevere via mail le bollette di Veritas e Veritas della Lottomatica Energia, rinunciando alla carta e salvando quindi la vita agli alberi. Il servizio è su richiesta, solo per chi ha la

Dolo Sport n.14 del 10 ottobre 2010  

Dolo Sport - anno XXXIV - n. 18 domenica, 10 ottobre 2010 - Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1422 del 22 maggio 2002 Editore STEFA...

Advertisement