Page 1

INFORTUNISTICA STRADALE

INFORTUNISTICA STRADALE www.dolosport.it

Mestre - San Donà DOLO - Tel. 041 5101938 www.studio-3a.net

ANNO XXXV

Periodico del Club Biancogranata

...difendiamo i Tuoi diritti!!!

N. 4 - DOMENICA, 6 MARZO 2011

Manuela Levorato

LA REGINA DEI 60 METRI INDOOR VERSO GLI EUROPEI DI PARIGI

8 MARZO

FESTA DELLE DONNE, VINCENTI IN FAMIGLIA, NELLA VITA, NEL LAVORO E NELLO SPORT

Martedì 8 marzo non è solo l’ultimo giorno di carnevale ma è anche il giorno della Festa della Donna. Anche in questo caso, come nella recente festa degli Innamorati, può sembrare demagogico dedicare una Festa per un qualcosa, anzi per un Essere, che dovrebbe essere considerato e valorizzato di suo. Al di là delle motivazioni storiche che hanno portato a festeggiare l’8 marzo, è giusto ricordare che di fatto la Festa va oltre al semplice effetto commerciale dato dal dono della mimosa e dovrebbe far riflettere sul ruolo della donna nella società d’oggi. Un ruolo ancora fortemente condizionato da stereotipi maschili poco propensi a tenere conto delle capacità e delle doti femminili. La recente manifestazione di protesta di natura apolitica che molte donne hanno fatto a seguito del caso tristemente noto di Ruby, sono un piccolo tassello di volontà di reagire ad una sorta di autodistruzione dell’emisfero femminile. Perché è facile proclamare la parità ma è difficile rispettarla sia da parte dell’uomo che della donna. Sono osservazioni che avevamo già poste negli anni scorsi e che sembrano non trovare soluzione, anzi negli (Perini - a pagina due)

Domenica 20 febbraio ad Ancona l’atleta dolese ha conquistato il settimo titolo italiano della sua splendida carriera. Era dal 2004 che Manuela non saliva sul gradino più alto del podio in una manifestazione tricolore. Dopo aver corso con un buon 7”36 in batteria, la ciampionessa dolese ha vinto la finale con un tempo di 7”44. Gareggiava con il pettorale n.77 quasi una premonizione per questo risultato che le consente dopo sette anni di cogliere un altro alloro nazionale indoor. Ora l’atleta si sta preparando, sotto la guida di Mario del Giudice, per i campionati europei di Parigi che si svolgeranno la prima settimana di marzo. Purtroppo una leggera contrattura le impedisce di allenarsi come vorrebbe ma è ugualmente soddisfatta del suo attuale momento: “Mi sento in forma e nonostante il piccolo problema fisico penso alla gara francese con l’intento di dare il massimo anche se so che ci sono tante atlete forti. Non mi pongo particolari obiettivi se non quello di andare più forte possibile.” Lino Perini

Grandi Eventi

DOLO : I SAPORI

DELL’ALTRO

Dal 6 all’ 11 marzo si terrà a Dolo (Venezia) una manifestazione denominata ‘Dolo: i sapori dell’Altro’, promossa dalla Associazione l’Altratavola, dal progetto InfoRiviera (sotto il Patrocinio del Comune di Dolo) e dalla Associazione Internazionale Azione Borghi Europei del Gusto. Si tratta di una rassegna informativa che mette a confronto giornalisti e comunicatori, rappresentanti delle Istituzioni e delle Associazioni, Aziende del settore agroalimentare e turistico, provenienti da ben 5 Paesi Europei (Austria, Slovenia, Croazia, Ungheria e San Marino) e 6 regioni italiane (Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Campania, Liguria, (a pagina tre)

Nella mia ultra-trentennale carriera podistica, ho partecipato, sempre con grande entusiasmo a numerose staffette podistiche, alcune con motivazioni valide, altre po’ meno. Comunque tutte affascinanti! Soprattutto per lo spirito di gruppo che si crea fra i partecipanti e quanti condividendone lo scopo, si aggregano lungo il percorso. Ho pensato diverse volte di organizzarne una, ma la motivazione non la trovavo. (Baldan - a pagina quattro)

INTE GR AZ IONE , SOC IA LIZ ZA ZIONE E S POR T: PER C HE’ NON PA R LA RNE ? Una proposta da Sambruson

Da qualche anno a questa parte l’ASD Ambrosiana Sambruson accoglie nelle proprie squadre un numero sempre più consistente di atleti extra comunitari. Ciò ha avuto inizio, con chiara evidenza, nella stagione sportiva 2008/09, per consolidarsi in quella successiva ed interessando, in modo particolare, la squadra Juniores e alcune formazioni del Settore Giovanile. Le statistiche F.I.G.C. di quelle due stagioni rivelavano l’Ambrosiana ai primi posti, in ambito provinciale, in quanto a tesserati extra comunitari. Nella stagione in corso il tesseramento di atleti non comunitari, od originari di nazioni non comunitarie, è ugualmente proseguito per il Settore Giovanile e per la Prima Squadra (iscritta al campionato provinciale di 3^ categoria). Per quanto riguarda quest’ultima, si è trattato di qualcosa di più di

AUTONOLEGGI NUOVA SEDE Via Riviera del Brenta, 314 FIESSO D’ARTICO / VE

qualche inserimento, posto che i tesserati extra comunitari in rosa hanno raggiunto il 45%. La scelta della Dirigenza è stata chiara e orientata, oltre che da opportunità sportive, dall’occasione di approfondire il cammino d’integrazione sportivo/culturale che, poi, è anche uno dei punti fermi della nostra Federazione regionale. Per tutto il girone di andata, le due componenti (comunitaria ed extra comunitaria), hanno collaborato positivamente per creare un gruppo solido al di là delle diverse identità culturali. I progressi sono sempre stati graduali e seguiti dalla Dirigenza che, prima di tutto, ha chiesto a tutti correttezza umana, sportiva e collaborazione, per poi dimostrare sul campo il valore del gruppo. (Lazzari - a pagina due)

Noleggio SMART ed AUTOVETTURE FURGONI e PULMINI L’autonoleggio a tuo servizio con CONSEGNA A DOMICILIO

800.039.746 www.edorent.it

n. verde

edo@edorent.it

GRUPPO BANCA CARIGE Andrea Favaro Agente Generale

Via Piave, 3 - DOLO (Ve) Tel. 041 464473 - Fax 041 5131744


Una proposta da Sambruson (da pagina uno)

Un valore, ovviamente, da costruire insieme, integrandosi vicendevolmente. In questo, la collaborazione con Rosario Ragusa è stata positiva e il ringraziamento dell’Ambrosiana è fermo e sincero, nei suoi confronti e nei confronti dei ragazzi che ha portato a Sambruson; ma lo è anche nei confronti degli atleti locali e dei Mister Marco Piron e Giuseppe Baessato, per la loro capacità di mettersi in discussione e di condividere un tratto di cammino sportivo, e di vita, con i loro omologhi: un tratto breve, purtroppo, visto che ora la collaborazione si è interrotta col consenso delle parti; un’esperienza, però, molto positiva ed un laboratorio aperto che ha portato arricchimento personale e strutturale nonostante le difficoltà che, per altro, hanno stimolato una maturazione sociale, sportiva, etica e culturale non sempre presente nelle piccole realtà sportive locali. Non basta, infatti, mettere assieme le proprie capacità e peculiarità atletiche e sportive per essere vincenti; occorre, anche, creare socializzazione, educazione, rispetto umano e comprensione dell’altro e delle sue convinzioni e tradizioni; occorre favorire l’approfondimento della cultura dell’integrazione e dell’accoglienza, anche fra conterranei; occorre capire senza pre-giudicare e senza pretendere di essere capiti. Tutto ciò, però, in misura reciproca perché ci si integra solo se ci si vuole integrare e per farlo è necessario un profondo rispetto della cultura altrui e, soprattutto, avere voglia di capirla. La condivisione, poi, è altra cosa: un passo successivo ancor più nobilitante, ma molto più particolare, che richiede un salto di qualità etico ed intellettuale più generalizzato ma anche più personale. Senza alcuna pretesa o rivendicazione fuori luogo, l’esperienza vissuta (nella sua positività e anche nei suoi aspetti meno positivi) porta l’Ambrosiana a lanciare, dalle colonne di questo giornale sportivo attento ai risvolti sociali e non solo sportivi del nostro territorio, una proposta a tutte le società e associazioni sportine della zona: scambiarsi opinioni ed esperienze circa questo argomento che, forse, è un po’ trascurato per la sua difficoltà intrinseca e, probabilmente, anche per l’inadeguatezza (non nascondiamolo) delle nostre piccole strutture e in questo può esserci d’aiuto la nostra stessa Federazione regionale, con figure di esperienza e sensibilità che hanno già manifestato interesse e disponibilità. I cambiamenti portati dalla globalizzazione sono stimoli importanti che necessitano di preparazione, sì, ma soprattutto di conoscenza e di scambio di idee ed esperienze necessari, ora più che mai, anche alle società e asd minori ed è importantissimo aiutarsi reciprocamente a capire la direzione migliore da intraprendere. Non si tratta di vincere una sfida, ma di farsi carico di un Alberto Lazzari preciso dovere di civiltà.

BUONO CORSA/CAMMINATA 15,00 EURO BUONO CALCIO 15,00 EURO

BUONO CALCETTO 10,00 EURO

non cumulabili con altre offerte oltre agli orari normali APERTO ANCHE

Lunedì mattina Identikit del tuo piede

Giovedì fino alle 22.00 con specialisti sportivi

Sabato orario continuato con prova scarpe

Tabaccheria

  di tutto di più Edicola, Ricevitoria Lotto, Superenalotto, Ricariche, Fotocopie a colori, Fax, Pagamenti bollette di ogni genere, Voucher INPS, Tcs IMOB, Bancomat. Troverete tutto ciò di cui avete bisogno e molto di più.

Tel e Fax 041 5102257 via Argine Sinistro, 135 Sambruson Dolo FD16G11

2 • Do l o Sp o r t

FESTA DELLE DONNE, VINCENTI IN FAMIGLIA, NELLA VITA, NEL LAVORO E NELLO SPORT (da pagina uno) ultimi tempi, purtroppo

complice l’immagine poco consona offerta da alcuni vertici istituzionali, la donna è sembrata a tornare oggetto di mercificazione. Un passo indietro a quella valorizzazione tanto decantata quanto giusta ma mai appieno esercitata. Passando agli aspetti sportivi e congiungendo gli avvenimenti, ci piace evidenziare il grande ritorno di Manuela Levorato che è donna e perciò merita doppiamente di essere valorizzata, ai fasti del passato. Il 20 febbraio l’atleta dolese ha rivinto un titolo nazionale dopo sette anni di attesa ed in questi giorni difende i colori nazionali agli europei indoor di Parigi. Fra dieci giorni compie gli anni e, quindi, tanti auguri a lei. Proprio Manuela Levorato è la copertina del secondo numero di ‘Il Medico in.forma’ la rivista medica curata anche dalla redazione di questo periodico e che dedica questa uscita al mondo dello sport. Sport e salute un binomio che trova proprio in Manuela Levorato il massimo dell’apoteosi. Un ringraziamento va a Manuela anche per averci concesso in esclusiva le splendide foto scattate da Stefano Trovò che la riproducono mentre si allena nella pista padovana dell’Arcella. In questo numero si parla anche di un importante impegno sociale compiuto dall’ASD Ambrosiana di Sambruson. L’integrazione di tanti ragazzi extra comunitari è un fiore all’occhiello di questa società. A parole tutti sono bravi a dimostrare aiuto verso chi è diverso, chi arriva da lontano con tante speranze e scopre tante delusioni, quanto fatto dall’Ambrosiana Sambruson dev’essere uno stimolo, un esempio da seguire e da perpetuare, specialmente considerati i tempi in cui ci troviamo e che potrebbero portare ancora molti altri profughi. E fra poco meno di due settimane si festeggeranno i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ma di questo ce ne occuperemo ampiamente in un numero speciale che uscirà eccezionalmente proprio il 17 marzo. Lino Perini

Dico No al Digital Divide! Nasce il blog di laboratorio.ds

In questi giorni la nostra Associazione Culturale ha pubblicato il suo blog di laboratorio.ds. Questo blog nasce dall’esigenza di mantenere informati i nostri lettori sulla nostra produzione letteraria e, cosa alla quale puntiamo maggiormente, conoscere nuovi scrittori e scrittrici pronte a collaborare alle nostre iniziative culturali future. Il blog è visitabile all’indirizzo laboratoriods.blogspot.com Il blog di fatto inaugura l’operazione lanciata da laboratorio.ds “Dico No al Digital Divide!” che vuol promuove l’accesso al web da parte di associazioni e singoli che abbiano qualcosa da dire e lo vogliano fare del tutto gratuitamente sfruttando le potenzialità del web2.0 Ora anche nel mondo digitale laboratorio.ds vuole dare voce ai numerosi autori che hanno una grande storia da raccontare. In quest’ottica è nato il primo blog di un autore dolese, Francesco Danieletto. Quanti fossero interessati potranno leggere le riflessioni di Francesco all’indirizzo checcus.blogspot.com Invito le associazioni ed i privati che vogliano intraprendere quest’avventura da protagonisti a contattarci all’indirizzo laboratorio.ds@dolosport.it L’iniziativa è del tutto gratuita. Stefano Trovò

PROMOZIONE!!! COPPIA LENTI PROGRESSIVE EURO 160,00 041 464707

8 MARZO

Inserto pubblicitario

Negozio Tecnico SPORTIVO a CAZZAGO di Pianiga (Venezia) Via Monviso, 3/6 Tel. 041 3032042 unsestoacca@live.it

INT EGR A ZIONE , S OCIA LIZ ZA Z IONE E SP ORT : P ER C HE’ NON P A RL AR NE?

SPECIALISTI IN CALCIO CALCETTO CORSA CAMMINATA


Umoristi a Sbizzarrirsi sulla Felicità Grandi Eventi

Dolo. Solo apparentemente semplice il tema che Vincenzo D’Agostino, ideatore e responsabile organizzativo del premio Umorismo e Satira, ha stabilito per la ventitreesima edizione: la felicità. E non sarà facile immaginare in senso ironico uno degli aspetti più piacevoli della vita. Dovranno, perciò, sbizzarrirsi i partecipanti a questa edizione della Rassegna Nazionale di Grafica che vivrà la sua apoteosi il 21 maggio con le premiazioni all’interno dei locali dell’ex macello di via Rizzo al termine della quale si potrà ammirare l’ esposizione delle opere assieme alla personale di Sergio Ippoliti, esposizione che durerà sino all’11 giugno. C’è curiosità ed attesa per vedere chi subentrerà nel palmares della mostra, organizzata dal gruppo Folk Lanterna che pubblica il giornale satirico ‘La Cagnara’, al vincitore della scorsa edizione Achille

BIMBA

DI

SANGUE BLU

Il silenzi della Pietà

Sono tutte affascinanti le storie raccontate dalle nonne perché la nonna ha pazienza, è più incline all’ascolto dei nipoti, ma soprattutto ha molto da dire e da dare a tutti quei bambini che a bocca aperta ascoltano. Le storie che la nonna racconta si imprimono nella memoria dei bambini in modo indelebile, soprattutto le parti più divertenti, tristi, nuove, stupefacenti. Nel tempo i piccoli ascoltatori crescono e rammentano i fatti più salienti perciò qualche pezzo di storia viene perso perché o non lo si ricorda più o non è stato raccontato per mancanza di informazioni. Questo è ciò che è successo a nonna Olga. La sua storia ha sempre affascinato moltissimo le sue nipoti. Volevano ascoltarla e risentirla più e più volte, quasi a voler imprimere nella memoria ogni particolare. Olga desiderava ardentemente ricercare il suo passato a lei sconosciuto, lanciandosi in una coraggiosa ricerca delle sue radici, voleva trovare il tassello mancante che avrebbe completato il puzzle della sua vita. Olga era figlia di ignoti, figlia di N.N. Gloria Svaicherini insegna da vent’anni nella scuola primaria, si è laureata in Pedagogia presso l’Università degli studi di Padova ed è mamma di tre meravigliosi bambini. Ama leggere, ma soprattutto scrivere storie emozionanti partendo dalla realtà per ricamare con la sua immaginazione cose straordinarie e coinvolgenti.

DS30G11

Superbi che aveva vinto l’edizione dedicata alla società multietnica. La giuria composta da Silvana Migliorati, Assunta Toti Buratti, Giuliano Rossetti, Ernesto Cattoni, Franco Donarelli,

Vincenzo D’Agostino e Rinaldo Zabeo, avrà un compito arduo nel scegliere, fra le opere che arriveranno, quella che vincerà il primo premio. Anche perchè l’Albo d’Oro della manifestazione è di primissimo piano con nomi eccellenti come quelli, fra gli altri, di Melanton, vincitore della prima edizione del 1989, Franco Donarelli, quest’anno nella giuria, Bruno Bozzetto, Giuliano, Ernesto Cattoni, pure lui presente nella giuria di quest’anno, Franco Bruna, Giuseppe Coco, Silvana Migliorati, altra giurata, Tullio Altan, Sergio Ippoliti, cui è dedicata la personale, e Roberto Perini. Ricordiamo che le opere dovranno arrivare al periodico ‘La Cagnara’ via Badoere, 42 - Dolo, entro il prossimo 14 aprile e che il concorso mette in palio un primo premio di mille euro ed altri premi in denaro e non. Lino Perini

L A CUCINA EBRAICA A PADOVA Gli ebrei Padovani, dopo aver subito la segregazione e le pesanti leggi imposte dalla Serenissima, con l’avvento dell’illuminismo riuscirono ad affrancarsi acquistando pari dignità e libertà nei confronti degli altri cittadini. Ecco quindi che ottennero posizioni di merito nell’Università, diventarono medici di fama, si distinsero nel commercio e nell’industria, tanto che riuscirono a crearsi uno spazio di quasi “nobiltà”, anche per le molte opere di bene fatte nei confronti dei più bisognosi. La loro cucina, essendo influenzata dalle altre comunità italiane, in special modo quella di Ferrara, rimaneva quella tradizionale che si era tramandata nei secoli, con innesti locali che riuscivano a battere quella “pavana” per fantasia e varietà. A quei tempi in Piazza delle Erbe, sotto il “Salone”, come veniva chiamato affettuosamente dai padovani, c’era un macellaio che si era specializzato nell’uccidere gli animali secondo le prescrizioni del Talmud. Si racconta addirittura che molti suoi clienti, si fossero convinti che la carne dell’animale, completamente dissanguata, fosse migliore di quella tradizionale. Tra le ricette più conosciute, ecco quindi, l’oca nelle sue varianti, il baccalà fatto in due modi, le torte di formaggio, spinaci, carciofi, i rotoli alle verdure fatti con la pasta limpiada, i dolci di pere, mele carote, e le creme da friggere. Diamo di seguito alcune ricette tra le più particolari di questa fantasiosa cucina, che sicuramente si può considerare di casa nostra. Baccalà all’ebraica Dopo aver lasciato a bagno il baccalà per le solite 36 ore,cambiando spesso l’acqua, tagliatelo a pezzi passatelo nella farina e fate rosolare in olio con cipolla e aglio, spruzzare con vino bianco e salarlo con delle acciughe, coprire con molto latte e spolverare di cannella. Dopo un ora abbondante,cospargete con pezzetti di burro, parmigiano grattugiato e prezzemolo tritato, pepare e dopo averlo cosparso con il fondo di cottura, farlo gratinare in forno per dieci minuti. Obbligatoria la polenta. Francesco Danieletto

Grandi Eventi

DOLO : I SAPORI

DELL’ALTRO

(da pagina uno) Calabria), sui temi della valorizzazione e della comunicazione territoriale. “La manifestazione - ha commentato Renzo Lupatin, presidente della Associazione l’Altratavola, - è rigorosamente ad invito,perchè ha un taglio comunicativo e informativo. Non si tratta,infatti, di incontri-dibattito, ma di vere e proprie interviste in diretta, con stage radiotelevisivi e ‘racconti’ per ‘informare chi informa’.Sono, poi, oltre venti i borghi del Veneto che avranno la possibilità di presentarsi. Nel corso della rassegna verranno coinvolti più di 150 soggetti dei diversi territori del gusto invitati “ La rassegna si svolge presso l’ Hotel Casa a Colori di Dolo, che nasce dalla ristrutturazione di un antico monastero del ‘500 e che tutt’oggi rispecchia l’architettura classica delle antiche ‘case rurali’ venete. Casa a Colori fa parte di un Consorzio di Cooperative, Consorzio Villaggio Solidale, e gestita dalla Cooperativa Sociale Città So.La.Re. La filosofia ispiratrice di questo progetto unisce la passione per l’accoglienza ai valori etici di chi prende a cuore importanti iniziative di solidarietà sociale e di promozione del territorio.

Concessionaria servizio CARRELLI STRADALI FERROVIARI a domicilio per le Stazioni di MESTRE - CONEGLIANO SACILE - NOALE

• TRASPORTI ECCEZIONALI • MOVIMENTAZIONE CONTAINERS • TRASBORDI Sede legale: T R A S P O R T I C H I A R E N T I N O L I N D O s n c d i Ch i ar e n ti n O l i n d o & C . M I R A P O R T E ( V E ) - Via Lanza, 8 Tel. 041.420444 - Tel. e Fax 041.420328 Sedi secondarie scali FS: MESTRE / VE - Via Trento, 7 Tel. 041.926455 - Fax 041.935383 CONEGLIANO / TV - Via Matteotti, 1 - Tel. 0438.411637 Tel./Fax 0438.21287 - SACILE/PN - Piazza Libertà, 1

OFFICINE CERCATO srl

costruzioni metalliche Attestazione SOA Cert. ISO 9001:2000

Via Riviera del Brenta, 244/A FIESSO D’ARTICO (Venezia) Tel. 041.5160665-5160133 - Fax 041.5160133 officinecercato.officine@tin.it

D o l o S p or t • 3


Carnevale di Dolo 2011

Progettazione costruzione manutenzione

Impianti

Elettrici Civili Industriali Stradali Automazioni - Tecnologici Termoidraulici e Condizionamento Antifurto

S.I.E.L.V. srl - Zona Ind. VIII Strada, 9 FOSSO’ (VE) Tel. 041 5170039 - fax 041 5170507

FD14F10

e t i l E a i r e r Fio

Via Piave, 20 Tel. 041.410322 DOLO (VE)

LA TERMOIDRAULICA Specializzati in impianti di riscaldamento a pavimento impianti idraulici e condizionamento di Zabeo A. & Formenton S. Via A. Fogazzaro, 19 - Tel. e Fax 041.5100488 CAZZAGO di Pianiga (Venezia)

UNA FESTA DEL PAESE PER IL PAESE Presentato oggi, in conferenza stampa, il programma del Carnevale di Dolo 2011. Le iniziative sono il frutto dell’attività svolta nelle scorse settimane dal Comitato per il Carnevale, costituito dai componenti delle associazioni senza scopo di lucro operanti nel paese e coordinato da Umberto Cogno, vicepresidente dell’Ascom Riviera del Brenta. Tanti gli eventi che ‘coloreranno’ vie e piazze della cittadina nella giornata di domenica 27 marzo 2011, con le strade chiuse al traffico dal pomeriggio e i negozi aperti. I festeggiamenti avranno inizio alle 14.00 e si protrarranno sino alla tarda serata. La prima tranche di eventi è stata studiata specificatamente per il pubblico dei più piccini. La festa si aprirà on the road nel centro cittadino, con più di sessanta moto Harley Davidson seguite da dodici carrozze trainate da cavalli e da un ‘serpentone’ di auto d’epoca. Sfileranno poi la banda e le majorettes, il gruppo degli sbandieratori e dei giullari, per finire con pattinatori e figuranti in abiti d’epoca. Via Matteotti, via Mazzini, Piazza Cantiere, via Guolo, via Municipio, Foro Boario e via Cairoli saranno quindi percorse da gruppi mascherati, da maschere singole, da un nutritissimo gruppo di ballo country e – dulcis in fundo; il corteo si animerà grazie ai Carri Mascherati. Piazza Cantiere sarà un’oasi dedicata soltanto ai bambini: musica, spettacoli teatrali, balletti per i piccoli e con i piccoli, una rappresentazione degli ‘Aristogatti’ sotto lo Squero Monumentale e poi truccatori a disposizione, fritelle e galani a volontà. Il Luna Park occuperà Foro Boario; via Mazzini e via Cairoli saranno punteggiate da bancarelle; i palati degli adulti potranno gustare assaggi di polenta, pesce azzurro e vino nel gazebo di Riva Menacao. Tanta musica fino a sera dal palco di via Mazzini; di fianco alla Chiesa ancora galani offerti all’interno di una capanna medievale. Per gli appassionati del

CARNEVALE A RINESE Arino di Dolo. Quattro giorni di

festa nella sala polivalente del Centro Comunitario di Arino per festeggiare le ultime giornate di carnevale. Organizzato dalla Parrocchia di San Michele Arcangelo. S’inizia sabato 5 marzo alle 16.00 con l’esibizione del Clown Roberto mentre alle 21.00 si svolgerà la proiezione del film Toy Story 3: la grande fuga. Domenica 6 marzo alle 14.00 si svolgerà una sfilata di maschere sul tema Tutti in Viaggio. Seguiranno intrattenimenti ed animazioni curate dai ragazzi dell’ACR. Vi saranno anche giochi gonfiabili. Dalle ore 18.00 sarà in funzione uno stand gastronomico. Lunedì 7 marzo alle ore 20.45 la compagnia amici del teatro di Pianiga presenta la commedia di Carlo Goldoni Donne Volubili ed a seguire estrazione della lotteria. Martedì 8 marzo, alle 19.00 cena di fine carnevale e di festa delle donne. La serata sarà allietata da musica dal vivo. L’ingresso alla sala polivalente è libero, per la cena dell’8 marzo le prenotazioni scadranno giovedì 3 marzo. Lino Perini

M AC E L L E R I A & R O S T I C C E R I A

DA M A S S I M O

L A Q UA L I T À È LA NO S TR A SP E CI A LI T À

V I A C A N T I E R E, 3 3 - D O L O ( V E) - T EL . 0 4 1 . 4 1 0 5 16

4 • D o l o S p or t

bric a brac, via Guolo sarà popolata dai venditori del Mercatino dell’Antiquariato. Chi ama la musica, potrà cimentarsi con il karaoke in piazzetta Aldo Moro. In piazza Municipio ballo country sfrenato e da Piazza dei Storti partiranno le gite in carrozza attraverso il paese. Anche il Naviglio si veste in maschera: approderanno infatti lungo la riva dei Mulini imbarcazioni tipiche veneziane. Sarà anche il Carnevale dei concorsi: quello per la maschera più bella, ovviamente, ma anche quello per la migliore vetrina, per il gruppo più interessante e – importante – per la migliore fotografia scattata. Per chi vorrà tentare la sorte si è organizzata una lotteria. I premi saranno buoni acquisto da spendere nei negozi del paese. Sopra Dolo, nel pomeriggio, le evoluzioni di un aviatore che sorvolerà il cielo dolese per emozionare ancora di più i bambini che vorranno vivere questa giornata di festa. ‘E’ un programma ricco, divertente, studiato apposta per coinvolgere in pieno tutti i nostri concittadini’- commenta il Sindaco Mariamaddalena Gottardo. – ‘E’ davvero commosso il grazie dell’Amministrazione Comunale a tutti i volontari che con il loro lavoro consentiranno a questa giornata di essere veramente speciale. Quello che speravamo’ - conclude il Sindaco – ‘è successo: la voglia di lavorare insieme per regalare al paese la sua festa è andata oltre ogni aspettativa’. Comunicato ufficiale Comune di Dolo, venerdì 25 febbraio 2011

STAFFETTA 150° UNITA’ D’ITALIA

(da pagina uno) Ora però l’occasione è arrivata, ed è alquanto allettante, da non perdere. Una staffetta ciclo-podistica per ricordare i 150 anni dell’unità d’Italia. Ne ho parlato con amici di questa mia idea, ne sono rimasti entusiasti, tanto da formare un piccolo gruppo di lavoro. Partiremo da Reggio Emilia; città che tenne a battesimo il nostro tricolore, attraverseremo i luoghi che furono teatro delle battaglie del nostro Risorgimento: Goito, Custoza Solferino Villafranca solo per citarne alcune. Toccheremo Villa Giusti a Padova, dove fu firmato l’armistizio con l’Austria. Proseguiremo, per Noventa e Sandonà di Piave, luoghi dell’arresto dell’offensiva austriaca e della controffensiva italiana, che portò alla resa degli asburgici. Prima di arrivare a Trieste in Piazza dell’unità d’Italia, transiteremo per il sacrario di Redipuglia per rendere omaggio ai caduti della grande guerra. Lungo il percorso, non dimenticheremo i rappresentanti delle forze dell’ordine che hanno pagato un prezzo altissimo, la loro fedeltà alle istituzioni- ricordiamo, i due carabinieri uccisi dai NAR a Padova, e quelli morti a Peteano vicino a Gorizia. Prenderemo contatto con le amministrazioni e associazioni sensibili all’evento dei luoghi attraversati dal percorso, per partecipare e coinvolgere tutti quelli che si riconoscono in questo progetto. Contiamo di partire Lunedì 20 Giugno. Suddivideremo il percorso di 490 Km in sei frazioni Per velocizzare e coinvolgere più persone contiamo di servirsi anche di ciclisti e podisti locali, che possono affiancarsi e percorrere tratti secondo le loro possibilità. Questa idea per essere realizzata, ha bisogno di essere supportata anche da altre persone, non necessariamente di nostra conoscenza, che condividano questi valori. Siamo certi di trovarne tra i podisti; perche il podismo è anche solidarietà e amicizia, nella condivisione del gesto sportivo- durante qualsiasi manifestazione podistica, ci si può trovare affiancati, in virtù della medesima andatura, da persone sconosciute- non sono antagonisti ma compagni di avventura con i quali sì condivide la fatica per raggiungere il medesimo traguardo. Danilo Baldan

Gioielli Danieli di Marco Danieli CHIMENTO - COMETE - PACIOTTI - BROS WAY D&G - ROSSO AMANTE - TISSOT - CAVALLI FOSSIL - NAUTICA - GUESS - SWEET YEARS

Via Garibaldi, 42 - DOLO / Venezia - Tel. 041 410353


Un amaro periodo di addii...

Nel mondo del basket persone che ci lasciano e persone che lasciano: meglio dire... mollano?

2S30G11

Inserto pubblicitario

Il primo a lasciarci è stato Giuseppe Brumatti, per tutti “Pino”: mio quasi coetaneo, per i ragazzi che non lo hanno visto giocare e non sanno (per motivi di anagrafe) chi fosse diciamo che il famoso n.6 è stato uno dei giocatori simbolo dell’Olimpia Milano negli anni settanta con la quale ha vinto lo scudetto nella stagione 1971-72. Con la nazionale italiana di pallacanestro ha all’attivo 102 presenze e 570 punti. Lo ha seguito Cesare Rubini: un vero e proprio mito, l’unico atleta al mondo inserito nella Hall of Fame di due sport (basket e pallanuoto). Con il Settebello conquistò l’oro alle Olimpiadi di Londra del ’48 e il bronzo a Helsinki ’52. Allenatore-giocatore dell’Olimpia Milano, giocò a lungo in Nazionale. E’ stata la volta poi di Claudio Coccia, presidente onorario FIP. Di lui Meneghin ha detto: “Claudio Coccia è stato un dirigente moderno, uno dei primi. La sua presidenza ha significato la sprovincializzazione della pallacanestro italiana, l’apertura ai giocatori stranieri e l’inizio di quella crescita che ha portato il basket ad essere il secondo sport in Italia. Lo ricordo come presidente federale ad Essen, in Germania, al campionato Europeo del 1971, quando vincemmo il Bronzo. A fine gara saltava in campo per la gioia come tutti noi e più di noi.”Ed infine Benetton: dopo 20 anni lascia basket e volley per puntare solo sul rugby. Tra un anno l’addio. Una delle società di basket più prestigiose uscirà dal basket ad alti livelli. A noi spiace molto. C’è da meditare, comunque, soprattutto sulle motivazioni. Le parole di Gilberto Benetton devono essere prese come un allarme: “La gente è distratta dalla televisione e da mille altre cose. Ha perso la voglia di partecipare, di crescere insieme. Di comunicare. Non c’è più il gusto della sfida, il sapore dell’avventura, dell’impresa. Alla fine anch’io mi sono disamorato. Continuiamo l’impegno sociale con i giovani. Il resto è ormai diventato troppo costoso. E poco sportivo…”. Ai primi tre addii partecipiamo con dolore anche noi, storici appassionati Dolphins. Nel quarto il dolore vero e proprio lascia posto ad una profonda delusione; il caso Benetton deve essere un campanello d’allarme per tutti gli operatori del basket. Per le società che vivono al di sopra dei loro mezzi (parliamo delle piccole, non certo di Benetton), puntando su categorie “alte” spesso a discapito dei settori giovanili, poco curati o sottovalutati. Per tutto il movimento che rischia un calo decisivo di partecipazione se non vengono promosse attività che ne favoriscano lo sviluppo e l’aggregazione, innanzitutto, che risulta essere un fattore decisivo. Per il senso stesso che ha questa disciplina sportiva, sempre più spesso intaccata da eccessiva sete di successo soprattutto personale anche a livello giovanile, che, una volta disattesa (cosa che succede quasi sempre, tranne rari casi), rischia di far crollare la passione, l’entusiasmo e la gioia che trasmette il nostro sport. Daniele Paolin

IL PUNTO D’ECCELLENZA di Lino Perini

Ad otto turni dalla fine del campionato la situazione è sicuramente delineata per quanto attiene la vincente il girone con il Delta 2000 che attende solo di festeggiare e dovrebbe farlo probabilmente con diversi turni d’anticipo, resta invece viva la lotta per il secondo posto con il Sottomarina che sembra avere una marcia in più anche se sette squadre in sei punti rendono incerta questa lotta per la piazza d’onore. Sembra invece restringersi la lotta salvezza all’identificazione della squadra che lascerà subito il torneo mentre per le altre quattro formazioni si dovrebbe lottare solo per acquisire la miglior posizione in vista dei playout. Preoccupante la discesa del Dolo RdB che dopo la vittoria al 93° contro la Marosticense grazie alla rete di Mozzato, ha poi colto solo due punti nelle successive cinque gare segnando appena una rete. E quel che è peggio è riuscita a perdere a Rossano contro una formazione che aveva segnato appena una rete nelle ultime dodici gare e ne ha prese tre in una sola volta. Certamente le assenze pesano ma quando si è emergenza spesso si trovano energie alternative e nello specifico sembra che le uniche energie le trovino i tifosi per contestare società e giocatori. In questo ventitreesimo turno il Dolo RdB è alle prese con l’ultima occasione per cercare di evitare i play-out, affrontando la Piovese che è sest’ultima con sette punti di vantaggio, i ragazzi di Minto hanno la ghiotta occasione per accorciare il distacco dai rivali. Ma sembra un’impresa non facile come ben sa Minto che a Piove ha lavora e giocato. Se il Dolo RdB non dovesse vincere è evidente che dovrà già proiettarsi ai playout e dovrà farlo pensando di mantenere quantomeno una posizione che le consenta di affrontare la rivale degli spareggi in una posizione di vantaggio. Quindi, occhio a chi sta dietro. L’Adriese sembrava in risalita ma perdendo le ultime due gare è ripiombata all’ultimo posto, ed è attesa dalla sfida casalinga contro un Liapiave che cerca punti per allontanarsi definitivamente dai bassifondi della graduatoria. La Marosticense ospita un Vittorio Veneto che alterna buone gare ad altre meno brillanti, il Romano attende la visita di un’Ardita Moriago sempre ostica mentre la trasferta del Rossano a Sottomarina sembra segnata. Per quanto riguarda il resto, la capolista Delta 2000 giocherà a Favaro contro la sorprendente matricola allenata da Carpentieri che sembra ad un passo dalla salvezza diretta. Rimangono due confronti molto intriganti e che valgono per tenere vive le speranze di raggiungere la piazza d’onore: Giorgione-Feltreseprealpi e Miranese-Ponzano. Classifica Marcatori. Con 15 reti Sabatini (Sottomarina,2); con 13 reti Benetton (Liapiave,5); con 10 reti: Santagata (Miranese,4), Finotto (Ardita Moriago) e Ballarini (Sottomarina); con 8 reti: Marangon (Delta 2000), Santaterra (Delta 2000, 2), Mattiazzo (Ponzano,3) e Favaro (Feltrese, 2); con 6 reti Niero (Dolo RdB,2); con 2 reti: Ronchin e Silvestro (Dolo RdB) con una rete: Bellan, Fantin, Frempong, Martignon, Molin, Mozzato, Munaro e Palmieri (Dolo RdB)

Produzione, installazione, manutenzione e gestione impianti elettrici e tecnologici

SALZANO (VE) Via Ponte Grasso, 25 Tel. 041.48.44.96 Fax 041.57.45.007 www.rgimpiantisrl.com segreteria@rgimpiantisrl.191.it

FD07O10

Rivendita Tabacchi n. 3 Pagamenti Utenze Varie

Via Garibaldi, 29 DOLO - VE Tel. / Fax 041 413393

FD07O10

...FATTI TENTARE DAL TUO PECCATO DI GOLA! Via Brusaura, 40 SAMBRUSON DI DOLO per info e prenotazioni Tel. 041 5150201 info.peccatodigola@libero.it

RIVIERA NUOTO DOLO

Via Arino, 9 - Tel. 041.412891 DOLO (Venezia)

Bar Piccadilly COLAZIONI PRANZI VELOCI SNACK tel. 3490802480 Via Arino 1 Dolo (Venezia) FD31G10

D o l o S p o rt • 5


Scherma

DALLE PRIME LAME AI MASTER ATTIVITÀ DEI DIABETICI RIVIERA DEL BRENTA I N O S T R I O RA R I lunedì: CHIUSO martedì: 9.00-12.30 / 15.00-19.30 mercoledì: 9.00-18.00 giovedì: 13.00-21.30 venerdì: 9.00-18.00 sabato: 9.00-18.00

V IA M AZ ZIN I, 1 7 D O LO V EN EZI A TE L . 0 4 1 4 6 4 2 7 0

DELLA

Dolo. Il presidente Giovanni Urso ha presentato il programma delle attività e degli incontri che l’Associazione Diabetici Riviera del Brenta organizzerà nel corso dell’anno 2011. S’inizia l’11 marzo con un incontro serale alle ore 20.30 con la psicologa Luisa de Gasperi che illustrerà gli strumenti per migliorare i rapporti interpersonali. Il 15 aprile il medico Rolando Tasinato parlerà del piede diabetico mentre il 20 maggio altro incontro serale con la psicologa Luisa de Gasperi sul tema aiutarsi e farsi aiutare. Domenica 15 maggio l’associazione promuove una gita guidata a Venezia all’Isola di San Lazzaro degli Armeni (in foto). Dopo la pausa estiva il classico appuntamento con lo stage residenziale di tre giorni, dal 26 al 28 agosto, in provincia di Pordenone. Il 18 settembre classico appuntamento annuale con la Giornata della Salute mentre il 21 ottobre ed il 18 novembre si svolgeranno gli ultimi due incontri serali con operatori del settore. Chiuderà il programma 2011 la cena natalizia che si svolgerà il 16 dicembre. La segreteria dell’associazione si trova presso l’ospedale di Dolo, nell’edificio 6 (ex geriatria) ed è aperta tutti i mercoledì alle 10.00 alle 12.00 ed il secondo venerdì del mese dalle 15.00 alle 16.30. Stefano Trovò

Splendida prova dei nostri piccoli sciabolatori nella gara a loro dedicata, organizzata dalla Gemina Scherma a San Giorgio di Nogaro. Andrea Bettini, Sofia Dalla Vecchia e Anita Liviero hanno portato a casa oltre al secondo, terzo e quinto posto, la soddisfazione e l’applauso del pubblico per il loro esordio che al di là del risultato premia la loro passione sportiva. Netta la vittoria della nostra Claudia Bandieri nella 4 prova del circuito italiano master disputato a Roma, finalmente una gara tirata con la consapevolezza della sua indiscussa supremazia, dimostrando ancora una volta come il lavoro e l’impegno durante gli allenamenti in sala sono sempre ripagati. Giunge poi, nella gara maschile categoria 1, il primo podio per Oliver Emmerich, un terzo posto che finalmente premia, ad un anno dal suo rientro in pedana, la passione e l’agonismo messo in pedana, un terzo posto che poteva sicuramente essere argento o oro se nella semifinale con il forte romano Lanciotti (persa 10 a 9) avesse trovato la giusta determinazione per chiudere un assalto condotto sempre in vantaggio. Buona la prova nella stessa gara per Antonio Bonello, ottavo alla fine. Nella categoria superiore ancora una vittoria per Vittorio Carrara.

Mecenatismo Culturale

A DOLO C’È DANILO TERRIBILE A volte si considera un professionista della panificazione come un esperto solo di farine, dosaggi e lievitazioni naturali. Danilo Terribile a Dolo rappresenta tutto questo e molto molto altro per un’arte di grande emotività e bellezza. Danilo oggi sostiene e porta avanti ogni iniziativa culturale degna di questo nome e, con fervente passione, si dona alle migliori menti musicali venete: dal nostro concittadino Achille Gallo, Maestro pianista ineguagliabile (suo il grande successo con la suggestiva opera Anno Domini 2012 accanto alla violinista Barbara Agostinelli), all’altrettanto concertista internazionale, ma dolese, Pierluigi Piran e, per finire, con la coppia Silvia Celadin e Antonio Maria Tessoni (in foto) promettenti concertisti che hanno raccolto numerosi consensi sia da parte del pubblico che della critica. Un impegno, quello di casa Terribile, che ha avuto inizio nei primi anni ottanta quando un gruppo di “Amici Della Musica” miresi, presieduti dal dott. Alba, hanno saputo divulgare la passione musicale nell’intera Riviera grazie ad eventi straordinari come l’arrivo nel mai abbastanza compianto Teatro Excelsior di Dolo del M° Severino Gazzelloni il “Flauto

d’Oro”. Oggi di tutta questa esperienza Terribile ne fa tesoro riuscendo a supportare le migliori produzioni culturali della zona. Sotto questi auspici è nato il concerto Immagini tra le Note da “E.T. al 2012” andato in scena il 18 febbraio scorso al Cinema Italia di Dolo. Evento a sostegno della Scuola Materna “Immacolata di Lourdes” reso possibile dalla collaborazione di molti sponsor locali coi benevoli consigli del mecenate Danilo. Serata indimenticabile che ha visto il Maestro Achille Gallo e la violinista Barbara Agostinelli esibirsi su temi tratti da celeberrime pellicole cinematografiche. Atmosfera resa ancor più magica dalle invenzioni multimediali di Alessandro Molinari. Un successo prevedibile quando l’esperienza va a braccetto con la sensibilità delStefano Trovò l’animo.

IN RICORDO DI ANTONIO CHIOATTO

CAZZAGO di Pianiga / Ve Via Pionche, 7 Tel. e Fax 041 5100860

6 • Do l o Sp o r t

Domenica 20 febbraio ci ha lasciato Antonio Chioatto, volontario e tra i fondatori della Protezione Civile di Dolo. Sin dall’inizio dell’avventura della Protezione Civile Toni è stato un grande volontario, un amico carissimo e un uomo generoso e sempre attento ai bisogni delle persone, specialmente quelle più in difficoltà. Era diventato anche Capo Squadra e quindi punto di riferimento per molti di noi; ha partecipato a molti degli interventi nel nostro territorio ed è stato uno dei 7 volontari dolesi che sono partiti per l’Abruzzo in soccorso alle popolazioni colpite dal terremoto già il giorno dopo l’evento, il 7 aprile 2009. Noi del Gruppo della Protezione Civile non dimenticheremo Toni e ci porteremo sempre nel cuore il suo sorriso, la sua amicizia e la sua forza, sconfitta solo da una terribile malattia. Più di dieci anni di fatiche, di gioie e di speranze condivise nel volontariato rimarranno per tutti noi ricordo indelebile. Vogliamo far sentire, in questi momenti, forte il nostro affetto e la nostra vicinanza alla moglie Paola, alle figlie ed a tutta la sua bellissima famiglia. Gli amici del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile di Dolo

FD22N10


Calcio dilettanti

Ciclismo Amatoriale

(l.p.) E’ durata meno di tre mesi l’avventura di Michele Salvagnin sulla panchina salese. L’ex tecnico dolese che era subentrato a Simone Ferlin è stato sostituito da Lorenzo Compagno (in foto) promosso dalla squadra Juniores che tanto bene sta facendo e che continuerà a guidare visto che... “Puntiamo a vincere il campionato perchè veniamo da una serie di risultati utili, fra i quali la vittoria in casa della capolista Torre per 2-1 con doppietta di Riccardo Favero, ed il calendario presenta ora degli incontri contro formazioni abbordabili. Sarebbe una grande soddisfazione per una squadra che doveva fare i provinciali ad inizio stagione.” Lorenzo Compagno lavora a Dolo e nel giro di poco tempo ha scalato tutte le categorie giovanili. Esordienti, Giovanissimi, Allievi con lo Stra dove ha colto risultati molto lusinghieri. Quest’anno la chiamata al Graticolato Salese per allenare la squadra Juniores che doveva partecipare al campionato provinciale, poi in estate il ripescaggio nel torneo regionale. Dopo un avvio complicato, a dicembre la svolta. Al centro dell’attenzione per il caso D’Amico, il portiere svincolato dalla società l’ultimo giorno utile e che ha inviato una lettera ai giornali ed alla Federazione per sottolineare il modo e la tempistica, ma della faccenda Compagno era assolutamente estraneo, l’improvvisa chiamata alla prima squadra. Un impegno non da poco visto che deve sostituire un allenatore di assoluta affidabilità e trova una formazione all’ultimo posto della classifica. Chiediamo al neotecnico con quali motivazioni si accinge ad affrontare questa avventura: “Probabilmente la scelta è caduta su di me perchè già conosco la rosa visto che la prima squadra si allena in contemporanea con la Juniores, inoltre ho seguito tutte le partite della squadra, senza dimenticare che con gli allenatore che mi hanno preceduto ho avuto continui contatti per la gestione dei giovani fuori quota. E’ una squadra che sinora è stata ben allenata, è reattiva e dinamica ma bloccata psicologicamente. Ha tutte le potenzialità per salvarsi ed il primo impatto è stato positivo. “ L’esordio a Noventa Padovana, però, non è andato come sperava... “Era uno scontro diretto nel quale speravo di fare risultato ma che abbiamo affrontato in assoluta emergenza senza cinque titolari del calibro di Andreani, Majoni, Milan, Ragazzo e Lazzer ed ho dovuto attingere dalla squadra juniores.” Crede ancora alla salvezza diretta? “Ci servono 35/38 punti. Io ci credo perchè attualmente in fondo classifica ci sono sette squadre in pochi punti. Dobbiamo vincere il più possibile, col rientro degli assenti e con maggiore convinzione credo che non sia un obiettivo impossibile.”

Nel nostro territorio il ciclismo è molto amato e gestito con passione da Associazioni Sportive molto attive e ben organizzae . t L’Associazione Sportiva Garpell dopo un 2010 ricco di soddisfazioni spicca il volo verso un 2011 ricco di appuntamenti. Il primo evento andrà in scena il 6 marzo prossimo a Camponogara (Ve) con la gara ciclistica amatoriale aperta a tutti gli enti della consulta, 21° Gran Premio Impresa Mancin valevole per il Trofeo delle Province. Ritrovo presso “Bar de Pier” e partenza alle ore 13. Un Trofeo delle Province quello di Camponogara che corona degnamente la straordinaria passata stagione con i suoi numerosi successi ottenuti dagli atleti Garpell: Alberto Nalesso, Campione d’Italia Junior a Novara; Gianluca Guggia, impostosi in tre gare importanti, 14 secondi posti, I al trofeo del Piovese, I al Giro della Riviera, I Maglia Bianca Campionato Provinciale; Federico Griggio, I Campionato Provinciale di Categoria, Maglia TV del Giro della Riviera; Ilario Convento, Campione Provinciale; Olindo Rocco, Campione Provinciale, Campione Regionale; Emiliano Rocco, Campione Provinciale. Questa la cavalcata trionfale degli atleti Garpell che hanno partecipato a 60 gare in tutto il territorio regionale, ottenendo: 18 vittorie assolute, 22 secondi posti e 20 terzi posti. Una grande passione che ha fatto grande il ciclismo rivierasco. Stefano Trovò

LORENZO COMPAGNO NUOVO TECNICO DEL GRATICOLATO SALESE

Parti Col Piede Giusto

POTENZIALITÀ

Quando chiesero a Michelangelo come si creasse un’opera d’arte, egli rispose: “L’opera già esiste dentro la pietra. Io mi limito solo a togliere il marmo in eccesso”. Dentro ogni persona esiste già qualcosa di grande bisogna togliere il marmo in eccesso per far si che ogni individuo possa esprimere al meglio le proprie potenzialità. Dopo la partita con il Camerun, Bearzot iniziò a parlare: “Ragazzi, credo di aver messo in campo la squadra migliore. Penso che gli schemi provati e riprovati in allenamento siano i migliori oggi praticabili. Sono anche convinto che nessuno di voi abbia giocato da campione qual è. Nessuno ha saputo tirar fuori quello che ha dentro,le qualità che ha e per cui ho scelto di metterlo in campo come titolare. Siete dei campioni ma non riuscite a dimostrarlo. State giocando undici partite individuali, anziché cercare di giocare una partita sola,tutti insieme. E così facendo nessuno di voi riesce a dare il meglio di sé,e non riesce neanche a stimolare gli altri e fare altrettanto. Per la prossima partita io non farò altri cambiamenti. Sta a voi farli. Sta a voi cercare al vostro interno la capacità di esprimere quello che avete. Sta a voi dimostrare che siete veri campioni. E potete farlo solo giocando

A L S E TA C C I O

LA GARPELL SPICCA IL VOLO

non per voi stessi,ma l’uno per l’altro.” A ricordare questo discorso è Fulvio Collovati, stopper dell’Italia Campione del Mondo. Dopo quelle parole, per tutti i giorni seguenti i giocatori cercarono di sostenersi e incoraggiarsi a vicenda. In pochi giorni si formò uno spirito di squadra senza precedenti, in cui ognuno trovava la carica dandola all’altro. Quando incontrammo il Brasile c’era ormai in tutti noi una voglia irresistibile di spaccare il mondo, di dimostrarci campioni, di ottenere tutti insieme una clamorosa vittoria! Il resto è storia: quel giorno scesero in campo 11 giocatori trasformati. Che poi divennero Campioni del Mondo. Credo che tu ed io e tutti quelli che incontreremo abbiano delle potenzialità innate, di essere eroici, di compiere passi audaci, coraggiosi e nobili per migliorare la propria vita e quella degli altri, perfino quando, nel breve termine, sembra che tutto sia a nostro carico, contro di noi e sulle nostre spalle. Reagire per superare le difficoltà è la prova del fuoco che plasma e dà forma al carattere. Evviva! Luca Damin

Gioiello

FD06D10

DOLO

Via Mazzini, 54 Tel. 041 410054

Costruzione e montaggio Impianti Tubazioni e Carpenteria in genere Andrea 339 6166849 Riviera Matteotti, 93 - MIRA / VE Tel. 041 422298 - Fax 041 420431

specialità pesce chiuso il mercoledì e domenica sera Via Stradona, 118 SAMBRUSON di Dolo (Ve) Tel. 041.410928 - Fax 041.5101138

DI BORDIN FIORENZA

A RT I C O L I DA R E G A L O P I E T R E D U R E E B I G I OT T E R I A

V i a M a z z i n i , 7 2 - D O L O / V E - Te l . 3 3 9 3 3 5 2 8 5 4 FD10O10

D ol o S p or t • 7


ANNO XXXV - n. 4 DOMENICA 6 MARZO 2011 Editore STEFANO TROVÒ Direttore responsabile LINO PERINI

COSTRUZIONI MO NTAGGI C ARPEN TE RIA VIA DEI CAVINELLI, 27 PIANIGA 348 6430870

Periodico del Club Biancogranata Ass. Culturale Senza Scopo di Lucro Iscritta all’Albo delle Associazione Dolesi n. 103 Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1422 del 22 maggio 2002 via A. Manzoni, 18 - Dolo (Ve) Tel. 041412598 In Redazione: Matteo Bellomo, Mauro Poletto, Marino Salviato e Stefano Trovò Hanno collaborato: Danilo Baldan, Luca Damin, Francesco Danieletto, Alberto Lazzari e Daniele Paolin redazione@dolosport.it - Per la pubblicità su questo periodico 041412598

Co l a zi o n i , t r a m ez zi n i , ha pp y h o ur

Chiuso in redazione giovedì 3 marzo 2011

Via Bologna, 12 - Mira - Venezia Contattaci allo 3 3 9 4 0 5 0 2 5 3 preventivi gratuiti per i vostri buffet e rinfreschi

Stampa GRAFICHE 2 ESSE snc - 041 410431

A FUSINA I RIFIUTI DIVENTANO ENERGIA Inaugurata la seconda linea di produzione di cdr, poi trasformato in elettricità Tutti i rifiuti raccolti da Veritas sono riciclati, riutilizzati o trasformati in energia. E’ stata infatti realizzata a Fusina, all’interno del Polo integrato per la gestione dei rifiuti, la seconda linea di produzione di cdr (combustibile derivato dai rifiuti), in grado di trattare fino a 100.000 tonn/anno di rifiuti, portando quindi la capacità complessiva a 250.000 tonn/anno. Questa soluzione garantisce al territorio servito da Veritas la completa autosufficienza nel trattamento dei rifiuti urbani, eliminando in pratica l’utilizzo delle discariche. Già oggi, infatti, finisce in discarica meno del 5% dei rifiuti prodotti: una percentuale che avvicina il nostro territorio a Paesi molto sensibili all’ambiente, ad esempio Olanda e Danimarca. L’impianto trasforma la frazione secca dei rifiuti (quello che resta dopo che i cittadini hanno diviso e differenziato i vari materiali) in un combustibile che poi Enel utilizza insieme al carbone nella centrale termoelettrica Andrea Palladio di Fusina. Questo permette un risparmio di circa 65.000 tonnellate di carbone e la riduzione di anidride carbonica (C02) pari a oltre 93.000 tonn/anno. Infatti, per ogni tonnellata di cdr utilizzato nella centrale termoelettrica, si registra una riduzione di 936 kg di C02. In questo modo i cittadini che abitano o lavorano nel territorio di Veritas ricavano energia elettrica dai loro rifiuti. Due tonnellate di cdr garantiscono i consumi elettrici di una famiglia; 100.000 tonnellate di cdr sono dunque sufficienti per rifornire di elettricità 50.000 famiglie. Per assicurare standard così elevati al nostro sistema di trattamento c’é però bisogno di un ulteriore sforzo per far crescere la raccolta differenziata. E’ necessario infatti che ognuno di noi divida con la massima attenzione i vari materiali, rispetti i giorni, gli orari e le modalità di raccolta (quando il servizio è porta a porta) e non abbandoni mai rifiuti per strada o intorno ai contenitori. Solo in questo modo sarà possibile rispettare l’ambiente e contenere i costi di smaltimento, quindi le tariffe. Differenziata e bolletta sono infatti strettamente collegate: più cresce la differenziata, meno crescono le tariffe.

8 • D ol o Sp o r t BC14F10

MAI CARTA E CARTONE NEI SACCHETTI DI PLASTICA La prima regola da seguire per fare bene la raccolta differenziata della carta e del cartone è semplice: non inserire mai la carta nei sacchetti di plastica o legarla con il nastro adesivo. Carta e plastica sono infatti incompatibili e chi consegna al netturbino la carta nei sacchetti di plastica o la inserisce in una campana impacchettata con il nastro adesivo è come se non avesse fatto la differenziata. La carta, così confezionata, non può essere riciclata. Il modo corretto per conferirla è nei sacchetti di carta o legata con lo spago.

Dolo Sport Dolo Sport n.4 del 6 marzo 2011  

Dolo Sport - anno XXXV - n.4 del 6 marzo 2011 - Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1422 del 22 maggio 2002 Editore STEFANO TROVÒ Dir...