Page 1

a Verona e Provincia N째 01 Febbraio - Marzo 2012

R iqualificazione P assalacqua

Speciale: Verona Futura/1 pag 6-7


“Do Ciacole”: già dal nome speriamo si possa capire le idee e le intenzioni che animano e sostengono questo nuovo progetto editoriale. Cioè di una testata giornalistica, gratuita, di Verona e su Verona: che parli dei più vari temi di interesse per la città e per noi cittadini. Si parlerà quindi di attualità veronese. Do Ciacole nasce come un progetto editoriale di natura culturale ed informativa in cui si vuole dare spazio alle voci del territorio veronese: sia al tessuto economico, con Verona e Provincia come realtà foriere di numerosissime presenze imprenditoriali, professionali ed industriali, sia al tessuto culturale e sociale della città, anch’esso motore fondamentale della nostra Società civile. La testata si caratterizza di una periodicità bimestrale, con nr. 30.000 copie stampate e distribuite gratuitamente nel Comune di Verona, impaginata nel formato Magazine A4 che qui vedete, totalmente a colori e disponibile in formato sia cartaceo sia elettronico. E, ad ulteriore testimonianza del carattere culturale, informativo, apartitico e senza scopo di lucro del nostro nuovo giornale è anche la natura dell’editore e della proprietà: la testata infatti è della nostra Associazione, l’Associazione culturale “EURO Verona”, realtà senza scopo di lucro che già da qualche anno opera nel territorio veronese con l’organizzazione e la partecipazione ad eventi, attività culturali, seminari e mostre, oltre ovviamente alla presente iniziativa. Nella speranza di riscuotere successo, coinvolgimento, interesse e sostegno tali da poter proseguire quest’avventura per molti numeri e molti anni intanto ringraziamo chi avrà la pazienza e la voglia di sfogliare “Do Ciacole”, di farlo vedere agli amici, di parlarne, di contribuire e, magari, di darci una mano a crescere e migliorare. Approfittiamo di questa breve presentazione per invitare chi ha qualcosa da dire, anche articoli o temi da proporre, di farsi avanti e scriverci, liberamente, come e quando volete, e senza impegno. Michele Coratto

INDICE Attualità Verona: Pubblicato il piano degli interventi............................. 3

Cronaca dai Quartieri orgo Venezia..........................................................................................3 B Ca’ di David...............................................................................................8 San Michele...............................................................................................9

Sociale AITSaM........................................................................................................4 ALBA ONLUS........................................................................................4

Intervista Mirco Caliari, l’ingegnere dell’ambiente..................................... 5

Speciale Verona Futura om’è e come sarà..............................................................................6 C Il progetto..................................................................................................7

Sport ealtà sportiva di Ca’ di David: l’ACD Cadidavid................ 8 R Galà per l’inaugurazione della nuova stagione dei Mastini.....1I Atleta dell’anno 2011....................................................................... 14

Economia iù sviluppo con il Pua Quadrante Europa-Area Nord......10 P Lavoro: incentivi alle pmi per l’assunzione di giovani...... 12 Allarme lavoro...................................................................................... 13 Incontro sulla crisi al circolo “Il faro nel porto”................. 14

Cultura “Conosciamo Verona”...................................................................... 11

Brevi da Verona e Provincia S pettacoli................................................................................................. 14 Agenda Eventi....................................................................................... 14 Cucina....................................................................................................... 15 Proverbio................................................................................................. 15 Oroscopo................................................................................................ 15

La tua pubblicità “Do Ciacole”

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Verona, N. 1940 Stampata e distribuita gratuitamente in 30.000 copie nel Comune di Verona Direttore Responsabile Michele Coratto Editore e Proprietario Ass. Culturale EURO Verona Via P. Benedetti 18/A – 37135 Verona Tel 045/4853052 – Fax 045/4853185 E-mail euroverona@gmail.com Stampatore TIPOGRAFIA MILANI srl - VERONA

Grafica ed impaginazione A cura di Daniel Scandola Hanno collaborato Giovanni Ceolini, Laura Dalla Riva, Andrea Festa, Carlo Paglierini ed Elisabetta Panato Si ringrazia Michele Franceschini (Foto ultima di copertina)

Per pubblicità ed informazioni Tel 045/4853052 - info@dociacole.it Copyright Do Ciacole © 2012- Tutti i i diritti riservati I testi e le immagini non specificatamente di proprietà di Do Ciacole appartengono ai rispettivi autori, e non sono utilizzati a scopo di lucro. Siamo a disposizione per qualsiasi segnalazione.

QUI

Pubblicizza Su DO CIACOLE il Tuo

Negozio Bar Ristorante Attività Commerciali, Professionali, Artigianali e Servizi in genere Non hai materiale promozionale? Nessun problema: Ti facciamo anche la grafica!

Chiedi informazioni: Tel 045/4853052 - info@dociacole.it


Attualità/1

Verona: pubblicato il piano degli interventi: dopo quasi

40

anni il

C omune

di

V erona

completa

l a nuova pianificazione urbanis tica dell a città

I

l 14 febbraio è stata pubblicata la delibera del Consiglio Comunale (disponibile anche su www. comune.verona.it) che ha approvato il nuovo Piano degli Interventi del Comune di Verona, primo capoluogo di provincia ad aver completato l’iter previsto dalla legge regionale Veneto n. 11/2004. Soddisfatto il commento del Vicesindaco con delega all’Urbanistica Vito Giacino: «Abbiamo rispettato i tempi promessi grazie all’enorme lavoro svolto in poco più di un mese dagli uffici del Consiglio comunale, che hanno integrato il provvedimento, e dell’Urbanistica, che hanno provveduto alla modifica e aggiornamento degli elaborati. Dopo 40 anni di immobilismo e oltre 300 varianti, da fine febbraio Verona avrà finalmente un nuovo Piano degli Interventi, che manda in soffitta il vecchio Piano regolatore del 1956, aggiornato dalla variante del 1975.

Questo nuovo Piano, che modificherà Verona per i prossimi 20 anni, arriva in uno dei momenti economici più difficili ma, proprio per questo, anche più importanti, perché offrirà davvero la possibilità concreta alle nostre imprese di contribuire a far crescere qualitativamente la nostra città, creando quell’indotto indispensabile per il rilancio dell’economia del territorio». Soddisfazione condivisa anche dal Sindaco Flavio Tosi: «Ringrazio il vicesindaco Giacino e gli Uffici per il grande lavoro fatto anche in questa fase del Piano degli Interventi, con l’esame delle osservazioni pervenute e le modifiche apportate. Anche in questo ultimo passaggio, l’impostazione del provvedimento è quella di ridurre ulteriormente l’impatto del Piano degli Interventi rispetto all’utilizzo di nuove aree e al contenimento degli interventi edilizi». «Il Piano degli Interventi – ag-

FOCUS/I Piano degli Interventi: cos’è Il Piano degli Interventi (PI) è lo strumento che completa il piano regolatore comunale e ne costituisce la parte operativa (L.R. Veneto n. 11/2004). In particolare il PI stabilisce le modalità operative e concrete degli interventi sul territorio. Per farlo deve rapportarsi con il bilancio pluriennale comunale, con il programma triennale delle opere pubbliche e con gli altri strumenti comunali settoriali previsti.

giunge il Sindaco – rappresenta uno strumento che non solo migliorerà la qualità della vita dei quartieri ma, in questo particolare momento, contribuirà a far ripartire l’economia del territorio»

Cronaca Dai Quartieri/1

Borgo Venezia: grande successo del nuovo parco giochi A

meno di un anno dall ’ inaugurazione grande successo del parco di nato da un intervento di riqualificazione

I

l nuovo parco giochi di Borgo Venezia, che si trova in Via Biancolini (vicino al centro ricreativo) registra una forte affluenza di famiglie, bambini ed anziani a poco meno di un anno dalla sua inaugurazione (risalente a giugno 2011, alla presenza del Sindaco Flavio Tosi, del Vicesindaco Vito Giacino e del Presidente della Circoscrizione 6° Mauro Spada). Il parco è stato realizzato con un intervento di riqualificazione su un’area

verde già di proprietà comunale grazie alla monetizzazione degli standard di urbanizzazione di un Piano urbanistico in località Santa Croce. In particolare il parco ospita attrezzatura adatte per i bambini di una fascia di età fino ai 10 anni, con una progettazione concepita anche per garantire ampia accessibilità alle diverse abilità. Nel dettaglio, gli interventi attuati hanno permessola posa di strutture di gioco in legno, la sostituzione di elementi di arredo urbano quali pan3

V ia B iancolini ,

chine, cestini e la fontanella per l’acqua potabile; a posa di un nuovo cancelletto pedonale autonomo. È stata inoltre effettuata la pulizia del sistema di scolo delle acque meteoriche.


Sociale/1

AITSaM

Incontri di aiuto alle famiglie con malati affetti da patologie mentali Il gruppo AMA – familiari (Auto Mutuo Aiuto) di AITSaM Associazione Italiana Tutela Salute Mentale si incontra il I° e il III° venerdì di ogni mese, nella sede in via Bertoni 6 a Verona, dalle ore 15.00 alle 17.30. Il gruppo promuove la salute poiché cerca di alleviare i familiari dal disagio che si viene a creare quando la famiglia viene colpita dal grave problema un malato con patologia mentale. È possibile partecipare (gratuitamente) agli incontri. L’AITSaM è finalizzata alla tutela dei malati di mente, dei loro familiari e cerca di alleviare il disagio che si viene a creare nelle famiglie quando vengono colpite da questo grave problema. Il gruppo AMA propone un approccio caratterizzato da alcune regole fondamentali: il rispetto reciproco, l’assenza di giudizio, l’assoluta discrezione, l’accoglienza di ogni diversità. Per migliorare l’approccio alle difficilissime problematiche affrontate inoltre nel gruppo è presente una persona definita “facilitatore”, la cui competenza deriva dall’esperienza precedentemente maturata nel proprio gruppo e in specifici corsi di formazione, con un solo grande obiettivo: aiutare a trasformare il disagio in risorsa. Cos’è AITSaM

è un’associazione senza scopo di lucro (ONLUS), apolitica, aconfessionale e diffusa a livello nazionale, costituita da malati, familiari, volontari e sostenitori che credono nella presa in carico e in concreti progetti di prevenzione, cura e riabilitazione della malattia e di sostegno e orientamento della famiglia. È attiva dal 1985.

Sociale/2

ALBA ONLUS: Progetto Fibrosi Cistica in Bielorussia Grazie al Progetto di Alba Onlus nuove attrezzature mediche e farmaci in Bielorussia contro la Fibrosi Cistica

L’

associazione Alba Onlus Progetto Fibrosi Cistica in Bielorussia, ha istituito, in accordo con il Ministero della Sanità della Repubblica di Belarus, delle strutture dove la Fibrosi Cistica può essere affrontata adeguatamente da personale specializzato (medici, paramedici, fisioterapisti), in ambienti appositi dotati di servizi igienici autonomi e di tutte le attrezzature necessarie per la terapia e dai controlli ambulatoriali. Attualmente in Bielorussia l’assistenza e la cura per la Fibrosi Cistica, grazie all’Associazione Alba Onlus è completa. Sono stati istituiti: un centro di riferimento nella capitale a Minsk con quattro stanze e un poliambulatorio. Sono stati creati inoltre Centri di Riferimento a Gomel, Vitebsk, Brest, Mogilev e Grodno, dove sono state attrezzate stanze per la cura e la terapia dei malati delle zone. La Fibrosi Cistica è la più frequente tra le malattie genetiche e colpisce indifferentemente sia maschi che femmine. Si stima che ogni tremila nati circa uno ne venga colpito.

Per informazioni

Associazione “ALBA” O.N.L.U.S. Via Berbera, 3 37131 Verona Tel. 045 8106396 Fax 045 8197419 C.F. 93199590238 info@alfibrosicisticavr.com associazionealbafc@gmail.com

Il Presidente di Alba Onlus Pietro Armani con un paziente ricoverato al Centro di Minsk.

È una malattia cronica ma il suo percorso dipende dalla precocità della diagnosi: prima e meglio viene curata, migliore e più lunga sarà la vita del paziente. Ora l’impegno dell’Associazione Alba Onlus è quello di poter dare corso allo screening neonatale per cui però, a seguito di incontri effettuati con il Ministero della Sanità Bielorussa, si è riscontrata una grande difficoltà dovuta agli alti costi dell’iniziativa. Pertanto per realizzare tutti questi importanti progetti di aiuto e solidarietà Alba Onlus è impegnata nella raccolta fondi e si augura che i Veronesi, Veneti e Italiani, possano aiutarla (a lato tutte le informazioni utili).

Per contributi C/C Postale 88164058 intestato ad Ass.ne ALBA ONLUS Progetto Fibrosi Cistica Bonifico Bancario su Banca Popolare di Verona IBAN: IT11E0518811707000000041359 intestato ad Ass.ne ALBA ONLUS Progetto Fibrosi Cistica

CONTATTI

AITSaM ONLUS Associazione Italiana Tutela Salute Mentale via Bertoni, 6 37122 Verona Cell. 348 1083917 Fax 045 4850936 aitsam.verona@tiscali.it http://www.aitsam.it/

Class Immobiliare di Vanin Daniele Via Napoleone n. 22-24 37138 Verona Tel. 045-8104496 - Fax 045-8109511 www.immobiliareclass.it

4


Intervista/1

Mirco Caliari, l’ingegnere dell’ambiente

U

na delle prime fonti energetiche della storia dell’uomo è stata l’acqua. Dal suo fluire è stata ricavata prima la forza meccanica, poi l’energia idroelettrica. Mirco Caliari, ingegnere ambientale, 36 anni, conosce a fondo questo comparto per la significativa esperienza professionale: prima al Consorzio di Bonifica Adige Garda, dal 2001 al 2006, poi all’Azienda Gardesana Servizi spa di Peschiera del Garda dal 2006 al 2010 e infine, dall’autunno 2011 all’Agsm, dove occupa la posizione di vice presidente. IL CONSORZIO DI BONIFICA ADIGE GARDA “È stato un percorso lavorativo molto interessante”, racconta Caliari, “che mi ha permesso di confrontarmi con problematiche strettamente legate allo sviluppo della città della provincia e del territorio scaligero”. Il Consorzio si preoccupa infatti della gestione irrigua nell’area compresa fra Garda e la Valpolicella. AGS. L’esperienza professionale di Caliari si è poi consolidata con l’esperienza all’all’Azienda Gardesana Servizi,dove per anni è coordinatore tecnico delsettore manutenzione

di una vasta area. Nata come realtà preposta alla gestione, raccolta, depurazione e scarico delle acque reflue del bacino del lago di Garda, sponda orientale, Ags è successivamente diventato l’ente responsabile dell’intera gestione del ciclo idrico integrato. AGSM. Queste articolate esperienze hanno permesso a Caliari di arrivare all’ Agsm, la prima multiutiliy di Verona (una delle prime del Triveneto) forte di impianti idroelettrici, centrali di teleriscaldamento e cogenerazione, rete gas e fibre ottiche. “Agsm ricalca la filosofia del settore di pubblico servizio, ma moltiplica la sua azione per un numero vastissimo di servizi”, sottolinea Caliari, giustamente orgoglioso di far parte di un “volano di sviluppo” per estendere la qualità della vita della città anche alla grande provincia veronese. “Qui è impossibile annoiarsi perché si possono sviluppare molti percorsi professionali, uno diverso dall’altro e devo ammettere che individuare e disegnare la giusta direzione dello sviluppo urbano ed extraurbano è entusiasmante”. Una sfida attraente dunque, che vede Caliari in prima fila.

FOCUS/2 Mirco Caliari

Nato a Bussolengo (VR) il 14/09/1975, Ingegnere con specializzazione civile e ambientale, iscritto all’Ordine degli Ingegneri di Verona dal 2003. Ha svolto le più significative esperienze professionali per il Consorzio di Bonifica Adige Garda, dal 2001 al 2006, all’Azienda Gardesana Servizi spa di Peschiera del Garda (AGS) dal 2006 al 2010 e, infine, dall’autunno 2011 all’Agsm con la qualifica di Vice Presidente.

FOCUS/3 AGSM

Il Gruppo AGSM è uno dei principali operatori del settore utility nel Veneto e tra i primi dieci in Italia, con l’obiettivo di fornire servizi primari caratterizzati da elevati livelli di qualità e a condizioni competitive. AGSM opera nella gestione ed erogazione di servizi di pubblica utilità principalmente nei settori dell’elettricità, del gas e del calore ma anche in altre attività di servizio, tra cui l’illuminazione pubblica e artistica, la gestione energetica degli edifici, della rete di telecomunicazione in fibra ottica e della rete di mobilità e traffico.

Lettere a

AUTOTIME

Verona (San Massimo), Via Lugagnano 64 - Tel 0458900349

LA REVISIONE DEL CENTRO

Verona (Zona P.ta Vescovo), Via Giolfino 2/a- Tel 0458415868 5

Scrivici lettere@dociacole.it


Speciale:Verona Futura La più grande riqualificazione a Verona: l’area ex Caserme Santa Marta e Passalacqua Speciale/1 Verona Futura: com’è e come sarà

L

o speciale Verona Futura: com’è e come sarà, inaugurato per questo primo numero, vuole rappresentare un momento di informazione ed approfondimento sui cambiamenti che la nostra Città sta vivendo. Questo perchè in un’epoca di massiccio bombardamento delle più disparate informazioni ci sembra importantissimo poter dar spazio anche a cose concrete e che ci riguardano tutti da vicino. Per questo abbiamo scelto di iniziare dalla più grande e significativa riqualificazione in corso a Verona: cioè quella

delle aree ex Caserme S. Marta e Passalacqua. Inoltre con la riqualificazione di questegrandissime aree, a ridosso del centro storico, il cambiamento è già in atto: lo scorso mese di giugno sono partiti gli interventi. Ed i lavori in corso, come si può ben vedere dalle schede informative e dagli approfondimenti, grazie all’operato dell’amministrazione comunale (con principali attori il Sindaco Flavio Tosi ed Vicesindaco con delega all’Urbanistica Vito Giacino) porteranno Verona ad avere nuove importanti strut-

ture: non solo il parco più grande della città (quasi il doppio del nuovo Parco di S. Giacomo) ma anche il campus universitario, spazi per la vita associativa del quartiere ed alloggi a tariffe agevolate per le famiglie meno abbienti.

I rendering presenti (qui sopra e nella pagina a fianco) rappresentano studi concettuali in progress

6


1 - UN PARCO IMMENSO, PRIMO PASSO PER IL RECUPERO DELLE NOSTRE MURA

Il primo progetto, il “Parco Urbano”, riguarda il parco urbano, parte del parco delle mura, edilizia residenziale e direzionale-commerciale, la piazza di via dell’Università la viabilità interna residenziale , il parcheggio interrato e la piazza antistante il parco urbano. La parte più rilevante sarà quella dedicata ad un parco enorme, da dove partirà il recupero delle Mura Magistrali. Due le parti costitutive del Parco urbano. La prima nel settore occidentale di Campo Marzo – Campo Fiore; la seconda fa capo al fronte monumentale della Provianda e si estende dal bastione di Campo Marzo, alla Porta di Campo Fiore, al bastione delle Maddalene. In tutto, un polmone verde di ca. 183 mila metri quadrati comprendenti il campus universitario integrato in un sistema di parchi, con un’appendice residenziale e numerosi servizi per i quartiere (distretto sanitario, sede della circoscrizione, sala civica e cappella), oltre a 1.700 posti auto interrati. Ma quello che balza più all’occhio è l’iniezione, a due passi dal centro, di verde pubblico: la più importante opera verde dal dopoguerra, dimezzando l’asfalto presente oggi nella zona. Saranno collegati i due chilometri del parco delle mura austriache al verde davanti al “panificio” austriaco, sul modello dei campus americani, ai campi sportivi e al parco urbano, con vegetazione più fitta. La riqualificazione della ex caserma Passalacqua sarà inoltre la miccia che svelerà la “grande sconosciuta”, ovvero la cinta muraria che circonda il centro storico di Verona. L’aspirazione è quella di creare anche una attrazione turistica, riqualificando, alla fine, le mura della città e riportandole alla luce sullo stile di quanto fatto a Lucca, creando poi un circolo virtuoso che inneschi un meccanismo a catena che vada a riqualificare tutta la cinta muraria nell’ambito del parco delle mura che, al momento, esiste solo sulla carta. Il secondo progetto, ossia il “Campus Universitario” riguarda

IL PROGETTO Tre idee-chiave per la grande area tra la Passalacqua e la Santa Marta

Il progetto di riqualificazione si può suddividere in tre grandi progetti, che noi però preferiamo chiamare “i tre punti-chiave del nostro futuro”. Il primo si definisce come “Parco Urbano”, e riguarda l’amplissima area verde e l’edilizia residenziale privata. L’insieme dei parchi coprirà una superficie complessiva di ca 183.000 mq, per rendere l’idea si tratta di circa il doppio del nuovo Parco di San Giacomo. Il secondo prevede la reazione di un grande “Campus Universitario”, come quelli esistenti negli Stati Uniti, e comprende l’ex caserma Santa Marta, il polo sportivo e la residenza universitaria. Il terzo riguarda l’“Housing Sociale”, e comprende il parco delle mura e le aree per l’edilizia convenzionata e sovvenzionata: verranno edificati 92 appartamenti di edilizia residenziale convenzionata, 24 di edilizia locativa agevolata, 28 di edilizia sovvenzionata in particolare per i giovani e alloggi a libero mercato.

2 - UN CAMPUS INTERNAZIONALE: UNA RISORSA PER LA CITTA’ E PER GLI STUDENTI

la parte centrale del comparto e contiene: la ex caserma Santa Marta con gli edifici utilizzati o destinati all’università, i servizi al quartiere, il parco sportivo polifunzionale e la residenza universitaria. Dentro l’immensa area sorgeranno tutta una serie di spazi destinati all’Università, comprese una foresteria ed aule didattiche. Il Piano non comporterà un aumento di volumetria rispetto all’attuale: è vero, invece, il contrario, perché questi prevede la riduzione di ca 85 mila metri cubi di volumetria, passando dagli attuali ca 237 mila ai ca 152 di progetto.

Il parco sarà attraversato da 4 chilometri di piste ciclabili che collegheranno il Polo didattico Zanotto all’ex caserma Santa Marta, con tre piazze, e zone attrezzate con giochi e strutture per lo sport. All’interno dell’area Passalacqua e Santa Marta ci saranno inoltre parcheggi per 1.450 posti auto, l’83% ca. dei quali interrati.

1. Parco Urbano 2. Campus universitario 3. Housing Sociale

7


Cronaca dai quartieri/2

Ca’ di David:

Grazie ai lavori di riqualificazione urbana delle aree anche a Ca’ Di David nuovi spazi pubblici

A

Ca’ di David i lavori di riqualificazione urbana delle aree travia Turazza, via Attendolo e via Carmagnola hanno portato, con tanto di inaugurazione a gennaio dell’anno scorso, presente il Vicesindaco Vito Giacino, alla realizzazione di nuovi spazi ed opere pubbliche, per un importo complessivo di quasi un milio-

ne di euro. In particolare gli interventi hanno consentito di creare un nuovo Parco pubblico dotato di un anfiteatro naturale, un’area giochi ed un Centro civico con spazio per bambini, bar e sala polifunzionale. Grazie agli interventi si sono potuti realizzare inoltre quasi 12.000 mq di aree verdi attrezzate con alberi ed arbu-

sti, percorsi ed arredo urbano, impianti di illuminazione ed irrigazione, collegate alla Scuola media Emilio Salgari ed al centro di Ca’ di David. Questo tramite un nuovo Ponte ciclo-pedonale lungo via Turazza, che attraversa il canale Milani in affiancamento a quello già precedentemente esistente.

Sport/1 Realtà sportive di Ca’ di David: l’ACD Cadidavid

D

al 1932 a oggi:si avvicinano gli 80 anni di storia per l’Associazione Calcio Cadidavid, da sempre un esempio che coniuga l’educazione dei giovani con i risultati sportivi A Verona, il Cadidavid calcio spicca per queste virtù e con lodevole impegno mantiene, pur con grandi sacrifici, la squadra principale in Prima Categoria, brillando per una gestione sportiva di prim’ordine. Dal Cadidavid, fucina di talenti purissimi, sono passati calciatori del calibro di Beniamino Vignola e Alberto Pomini - quest’ultimo ancora in attività e attuale portiere del Sassuolo in serie B - e recentissimamente, un anno fa, militava anche Mattia Facci, trequartista di lusso, oggi al Villafranca ad un passo dal professionismo. La vera forza della squadra è però l’assetto societario: dal giovane e sagace presidentissimo

Dalle Pezze al direttore sportivo Biondani, fino ad arrivare ai responsabili dei settori giovanili Danese e Simoni, tanti sono i tasselli che si inseriscono dispensando solidità e concretezza alla realtà cadidavese. Fiore all’occhiello di una gestione oculata e lungimirante, negli juniores elites risiedono le speranze di continuità del progetto calcistico locale, immettendo, ogni anno, nuova linfa alla prima squadra con innesti di qualità.

8

Oggi il club veleggia in una tranquilla posizione di medio alta classifica e lotta per meritarsi un posto al sole nella griglia dei prossimi play-off: come due anni fa il Cadidavid sogna di ripetere l’impresa e di riprendersi presto quella categoria (Promozione) che il destino beffardo gli ha ingiustamente sottratto alla fine dello scorso campionato con una retrocessione - per come è giunta un po’ inaspettata - che grida ancora vendetta. M.C.


Cronaca dai quartieri/3

San Michele

Con l’edilizia popolare un nuovo complesso per soddisfare le esigenze abitative delle famiglie meno abbienti

A

San Michele, località Frugose, è in in corso di attuazione un complesso residenziale volto a dare risposte concrete alle esigenze abitative delle famiglie meno abbienti mediante il ricorso all’edilizia popolare e a possibilità di agevolazioni e contributi per i soggetti più bisognosi. Il primo stralcio del complesso residenziale, che vede la realizzazione dei primi due edifici, è già stato completato ed inaugurato lo scorso 16 settembre, alla presenza di numeroseautorità pubbliche, tra cui Il Sindaco Flavio Tosi e il Vicesindaco Vito Giacino. Per quanto riguarda gli edifici inaugurati si tratta di 48 alloggi che, grazie all’accordo tra Comune e Regione, saranno messi in vendita a prezzi sensibilmente inferiori a quelli di mercato. Questo con particolari agevolazioni: da un contributo di 675.000 euro per l’abbattimento degli interessi sul mutuo per la prima casa alla possibilità di un contributo, in conto capitale, di 1.400.000 euro per l’acquisto, da parte di investitori e cooperative edilizie, di alloggi da destinare ad affitto sociale. Queste edificazioni infine hanno permesso anche un miglioramento del verde nel quartiere: con la realizzazione del Parco di via Anti su cui affaccia il complesso di edilizia residenziale popolare.

La tua pubblicità

QUI

Pubblicizza Su DO CIACOLE il Tuo

Negozio Bar Ristorante Attività Commerciali, Professionali, Artigianali e Servizi in genere Non hai materiale promozionale? Nessun problema: Ti facciamo anche la grafica!

Chiedi informazioni: Tel 045/4853052 - info@dociacole.it

9


Economia/1

Più sviluppo con il Pua Quadrante Europa-Area Nord: Potrà essere ampliata l’area interportuale fino a 4,2 milioni di mq

S

i è giunti finalmente, in accordo con il Comune di Verona, all’approvazione del PUA (Piano Urbanistico Attuativo) del Quadrante Europa - Area Nord che contribuirà ad ampliare l’area interportuale da 2,5 milioni di mq a 4,2 milioni di metri quadrati. Il perimetro dell’area del PUA Quadrante Europa – Area Nord si sovrappone, con completa congruenza, alla zonizzazione del Piano d’Area Quadrante Europa Variante 2 ed al PAT (Piano di Assetto del Territorio) del Comune di Verona. Intervistiamo in proposito il Presidente del Consorzio ZAI – Quadrante Europa, Matteo Gasparato. è soddisfatto del risultato ottenuto? “Certo – risponde – infatti questo strumento urbanistico per l’area nord del Quadrante Europa è nato proprio dall’esigenza generale di rivedere l’assetto dell’infrastruttura interportuale, in modo tale da adeguarlo all’operati-

vità interna ed allo sviluppo dell’area, con uno strumento unico conforme alla normativa comunale e regionale per l’area stessa.” Ma, in concreto, a cosa servirà questo nuovo piano? “È molto semplice: – risponde il Presidente – l’obiettivo del Piano consiste nell’estendere ed ottimizzare l’uso del territorio ai fini logistici, per attuare la migliore economia insediativa dell’area del Quadrante Europa. Sono previsti, infatti, la realizzazione di ca. 400.000 mq di superficie coperta, sempre nel rispetto totale dell’ambiente e delle esigenze della collettività”. “E – continua – in proposito mi preme sottolineare un dato importantissimo: grazie a questo Piano e alle nuove infrastrutture logistiche previste si potranno creare ulteriori opportunità di lavoro, si calcola per ca. 20.000 persone”.

Nella foto il Vicesindaco Vito Giacino (a sinistra) e il Presidente del Consorzio Zai Matteo Gasparato

FOCUS/4 IL CONSORZIO ZAI

Nato nel 1948 il Consorzio ZAI con la preoccupazione e l’obiettivo di favorire lo sviluppo dell’economia veronese: come ente istituzionale a base territoriale ha compiti di pianificazione urbanistica e di propulsione allo sviluppo globale del territorio e dell’economia. Nel complesso si tratta di un vero e proprio sistema infrastrutturale di 10 milioni di metri quadrati che costituisce un punto di forza economico naturale per la presenza di 1.000 aziende e 40.000 addetti. Presidente del Consiglio Direttivo è il dott. Matteo Gasparato. FOCUS/5 L’INTERPORTO QUADRANTE EUROPA

Posto all’incrocio delle autostrade del Brennero (direttrice nordsud) e Serenissima (direttrice ovest-est), nonchê all’incrocio delle corrispondenti linee ferroviarie, l’Interporto Quadrante Europa si estende su una superficie di 2.500.000 mq, con espansione prevista fino a 4,2 milioni di metri quadrati. Primo in Italia per volumi di traffico combinato, è stato riconosciuto il miglior interporto a livello europeo.

10


Cultura/1

“Conosciamo Verona”

Primo appuntamento: il Parco di Castel San Pietro ed il Parco del Pestrino

C

on la rubrica “Conosciamo Verona” ci siamo posti l’obiettivo di andare alla ricerca di luoghi importanti ma poco conosciuti della nostra Verona: per questo ci occuperemo di parchi naturali e verde, di monumenti e musei ma anche di locali tipici e caratteristici. Per questo primo appuntamento abbiamo scelto due nuovi parchi: il Parco di Castel San Pietro e il Parco del Pestrino.

IL PARCO DI CASTEL SAN PIETRO

Inaugurato nel luglio dell’anno scorso, alla presenza e grazie all’operato del Vicesindaco Vito Giacino, il nuovo parco di Castel San Pietro è formato da una sorta di “cuneo” di verde, di 8.200 mq, posto a metà della scalinata che sale dal Teatro Ro-

Il Parco del Pestrino

mano, lasciato per decenni in stato di abbandono. È un nuovo polmone verde, posto tra la città antica e il terrazzo panoramico di Castel San Pietro, assolutamente consigliato per una camminata nel verde, con una vista bellissima sulla città. Per la sistemazione del parco sono stati realizzati interventi di messa in sicurezza delle mura, percorsi pavimentati e in terra battuta, piantumazione di 3.500 essenze arboree, inserimento di punti luce e panchine nelle zone di sosta.

IL PARCO DEL PESTRINO

Anche questa è una nuova opera, presente da meno di un anno, e che ha trasformato l’area adiacente il Monastero delle Serve di Maria Oblate Sacerdotali in località Pestrino in un parco pubblico di 10.000 mq, completo di alberi e arbusti, arredo urbano, impianto di illuminazione e sistema di irrigazione. L’area verde, attraversata da un percorso pedonale e ciclabile, ed ospita diverse attrezzature: è l’ideale sia per il gioco dei bambini sia, grazie ad una zona appositamente recintata, per portare il proprio cane.

CONOSCIAMO VERONA: LA VOSTRA PROPOSTA Segnalate un luogo o mandate la vostra recensione (preferibilmente con foto) a: info@dociacole.it

Il Parco di Castel San Pietro

Taglio del nastro – Parco Castel San Pietro

11


Economia/3

Lavoro: incentivi alle pmi per l’assunzione di giovani Con AMVA (Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale), programma promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

I

l programma AMVA è attuato da Italia Lavoro (organismo di assistenza tecnica del ministero del Lavoro e delle politiche sociali), con il contributo del Fondo Sociale europeo 2007-2013. Obiettivo fondamentale del programma è incrementare i livelli occupazionali dei giovani nel mercato del lavoro italiano mediante la promozione del contratto di apprendistato. Il programma prevede dispositivi per incentivare il contratto di apprendistato, la creazione delle “botteghe dei mestieri” e contributi per la creazione di nuova impresa. L’azione, sviluppata sull’intero territorio nazionale, coinvolgerà gli attori del mercato del lavoro, i giovani (da 15 a 35 anni) e le aziende dei comparti produttivi ti-

pici della tradizione italiana. Per le aziende che assumeranno giovani con contratto di apprendistato sono previsti: 5.500 euro di contributo per ogni giovane, che abbia compiuto quindici anni e fino al venticinquesimo anno di età, assunto con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (in tutti i settori di attività); 4.700 euro di contributo per ogni giovane di età compresa tra i diciassette e i ventinove anni, assunto con contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere (in tutti i settori di attività). Il programma prevede inoltre la sperimentazione di un modello per formare giovani all’interno di un totale di 110 “Botteghe Dei Mestieri”

12

quali strutture impegnate nei comparti produttivi propri della tradizione italiana, individuate mediante un avviso pubblico, con l’attribuzione di: 2.500 euro mensili per ogni bottega di mestiere in cui 30 giovani disoccupati svolgono un tirocinio semestrale per la formazione on the job e 500 euro mensili per 3.300 giovani ( 30 per le 110 province) inseriti nelle botteghe che beneficeranno di un periodo (6 mesi) di formazione lavoro in azienda. Ulteriori incentivi, infine, sono previsti per la creazione di nuove imprese da parte di giovani: 10.000 euro per 500 giovani interessati a promuovere nuove imprese nei comparti produttivi propri della tradizione italiana.


Economia/2

FOCUS/6 I DATI Elaborazioni Centro ricerche Data giovani (su dati ISTAT):

Allarme lavoro: salgono al 17,7%

i giovani disoccupati nel Veronese

S

tudio Data giovani (elaborazioni sulle cifre rilevate dall’Istat): dal 2006 +8% il tasso di disoccupazione dei giovani tra 15 e 24 anni nel veronese Le elaborazioni (sui dati rilevati dall’Istat) del centro ricerche Data giovani fanno emergere un quadro a tinte sempre più fosche: in particolare è preoccupante la crescita del tasso di disoccupazione dei giovani in cerca di lavoro, passata dal 15% del primo semestre 2011 al 17,7% di oggi. E rispetto al 2006 la differenza

è ancora più netta, con un aumento di ragazzi in cerca di lavoro di circa l’8%. Non migliore la situazione su altri dati: la stabilizzazione degli under 35, cioè con trasformazione del rapporto di lavoro in un contratto a tempo indeterminato, presenta un tasso di circa il 4%, di poco sopra alla media nazionale (3,5%). Inferiore rispetto alla media nazionale è invece la capacità di creare nuovi posti di lavoro: all’11% contro un dato nazionale del 14,9%. IN CRESCITA: si registrano in cre-

17,7%

Tasso disoccupazioni giovani veronesi (tra 15 e 24 anni)

+8%

(rispetto al tasso del 2006) IN CRESCITA

+ 22.000

(le nuove Partite IVA)

+ 5%

(il ricorso al lavoro somministrato)

scita, invece, sia le partite Iva (circa 22 mila nel 2011) sia il ricorso al lavoro somministrato: +5%.

Sport/2

Galà per l’inaugurazione della nuova stagione dei Mastini

Grandi aspettative per il campionato: l’obiettivo dei ragazzi di coach Zamichieli è il salto di categoria

è

stato un venerdì insolito per i ragazzi di coach Zamichieli. Nonostante si trovino più a loro agio sul tappeto verde di gioco bardati con casco e spalliera, a due giorni dall’esordio in campionato contro i Draghi le rocce gialloblù hanno sfilato nell’antica Villa Vecelli Cavriani a Mozzecane tra personalità ed istituzioni per un Galà d’apertura stagionale. Il team è cresciuto molto e ora i Mastini si sentono pronti per cercare il salto di categoria. Michele De Martin, dirigente della franchigia veronese, coadiuvato dal moderatore Alberto Cristani, con orgoglio ha condotto la serata. “Con immensa gratitudine - ha sottolineato - dedichiamo

la nostra attenzione a chi ci sta aiutando e crede nel lavoro e negli obiettivi prefissati. Attraverso l’interessamento del Vice Presidente Mirco Caliari, AGSM sarà main sponsor per il secondo anno consecutivo. È anche grazie ad AGSM se i Mastini sono riusciti ad investire ulteriormente nel progetto e ad implementare, giorno dopo giorno, il sogno della massima serie.” Da ormai qualche anno i gialloblù si sono assestati in serie A2 e da quest’anno sono diventati la prima squadra di Verona. “Gli sforzi - continua De Martin - per catalizzare l’attenzione del mondo imprenditoriale cittadino sono stati enormi ma ora, la gioia di vedere cosa siamo diventati

dopo le asperità e le difficoltà degli esordi è immensa. L’intervento del Vice Sindaco Giacino, da quest’anno ci permette di giocare al centro sportivo Consolini di Basso Acquar, dopo gli esordi dei primi anni nel Comune di Mozzecane.” M.C.

BAR AL RUSTICO

Colazioni, aperitvi e pause pranzo di Gomiero Antonino Dalle 7:00 alle 20:00 continuato Chiuso sabato pomeriggio e domenica. Via Adigetto, 1a 37122 Verona Cell.13340 2174046


Brevi da Verona e Provincia Spettacoli/1 La corale “San Pancrazio” cerca nuove leve La nostra è una corale valida ma non molto numerosa: un ricambio generazionale sarebbe gradito perché l’affiancamento di nuove “leve” darebbero continuità ai nostri sacrifici e alla nostra storia. La porta è sempre aperta a tutti.»: è l’appello di Renato Nezzi, storico componente del gruppo. La Corale “San Pancrazio”, diretta dalla Maestra Daniela Nicolato, è oggi composta da circa 30 elementi divisi in quattro voci per coro (soprani, contralti, tenori e bassi) e partecipa regolarmente a gare e rassegne canore, oltre ad occuparsi di animare le liturgie parrocchiane di Porto San Pancrazio. M.C.

Economia/4:

Sport/3 ATLETA DELL’ANNO 2011: IL VICESINDACO VITO GIACINO PREMIA SERGIO PELLISSIER Anche quest’anno si è svolta a Palazzo Barbieri la cerimonia di premiazione “Atleta dell’anno 2011- 35^ premio Afolfo Consolini”, premio istituito dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport e promosso dal Gruppo Sportivi Veterani Veronesi. Il riconoscimento è stato assegnato dal vicesindaco Vito Giacino e dall’assessore allo Sport Federico Sboarina, che hanno sottolineato l’importanza dell’attività sportiva anche a livello sociale, come strumento educativo oltre che occasione di aggregazione per i giovani. Vincitore del premio “Atleta dell’anno 2011” è il calciatore della squadra di Calcio Chievo Verona e della Nazionale Italiana Sergio Pellissier.

Incontro sulla crisi al circolo “il faro nel porto” Intervento del Prof. Sergio Noto (Facoltà di Economia di Verona) che si è soffermato sulla prevedibilità dell’attuale crisi economicofinanziaria mondiale: «L’imponderabile non esiste. - sostiene - Era tutto prevedibile solamente studiando la storia economica mondiale. Fa strano pensare che gli alti finanzieri internazionali non potessero prevedere la crisi. I cicli storici dovrebbero aver insegnato ad evitare certi comportamenti o, perlomeno, a prevenirli.» M.C.

Il “35^ Premio Adolfo Consolini” è stato assegnato a Johanelis Abreu Herrera, atleta junior della Fondazione Bentegodi, per la disciplina sportiva “corse piane” dell’atletica leggera. Con l’occasione consegnato anche il premio speciale “Atleta Emergente”: vincitore Riccardo Minali del Veloce Club Isolano - Stella 81 nel settore ciclismo.

Agenda Eventi MOSTRA/1 Il Settecento a Verona Tiepolo Cignaroli Rotari: la nobilità della pittura Verona, Piazza Bra, Palazzo della Gran Guardia Orari Lunedì a Domenica 9:30-19:30 Info 0261836444 www.settecentoaverona.it Fino al 9 Aprile FIERA/2 Greenbuilding Mostra e convegno internazionale su efficienza energetica e architettura sostenibile Fiera di Verona, Viale del Lavoro, 8 Verona Orari: dalle 9:30 alle 18:30 Info 045 8298111 www.greenbuildingexpo.eu Dal 9 all’11 maggio

FIERA/1 Classic Music World Fiera Internazionale della Musica Classica: Unica e non Convenzionale Fiera di Verona, Viale del Lavoro, 8 Verona Orari: dalle 10.00 alle 20.00 Info 045 8298111 www.classicalmusicworld.it Dal 19 al 22 aprile MOSTRA/2 Alle origini dell’archeologia: nel Settecento fra scavo e collezione Collezione creata da Jacopo Muselli Regaste Redentore 2, Museo Archeologico del Teatro Romano di Verona Orari: Lunedì dalle 13.30 alle 19.30 dal Martedì alla Domenica dalle 8.30 alle 19.30

Info 0458000360 Fino al 30 Settembre

14

CONVEGNO/1 Sulle Ali dell’Amore Meditazioni sulla Coppia a Verona Conferenza gratuita Sala Barbarani, Via Don Gaspare Bertoni, 4 – Verona Orari: dalle 10.00 alle 20.00 Info 045 8922247 Venerdì 27 aprile 2012

MOSTRA/3 Il mondo di Cecelia Webber Meraviglie dell’arte digitale La meraviglia delle forme e dei colori della natura colti in fiori e farfalle Museo di Storia Naturale, Palazzo Pompei, Lungadige Porta Vittoria 9,Verona Orari: da lunedì a giovedì ore 9.00-17.00. Sabato, domenica e festivi ore 14.00-18.00. Info 045 8079400

Fino al 30 giugno


Cucina/1

Ingredienti

La Ricetta Pasta e Fasoi

Pasta e fasoi

Preparazione: Si comincia col versare in una pentola capiente, meglio se di coccio, 1/2 dl.di olio extravergine d’oliva, da scaldare per qualche minuto ed aggiungere poi il trito di verdure, facendole soffriggere a fuoco lento. Mettere i fagioli Borlotti (precedentemente messi in ammollo per una notte in una terrina d’acqua) e le cotiche, pulite e scottate separatamente in acqua bollente. Versare 2.5 L. d’acqua fredda, che va portata a bollire a fiamma viva, poi abbassare il fuoco e far sobbollire per circa tre ore. A metà cottura insaporire con una presa di sale. Levare le cotiche dalla zuppa, da affettare sottilmente e tenere da parte in caldo. Passare al setaccio metà dei fagioli e

200 gr. di PASTA CORTA 100 gr. di COTICHE 300 gr. di FAGIOLI BORLOTTI SECCHI 150 gr. di CIPOLLA 80 gr. di CAROTE, 50 gr. di SEDANO 1 SPICCHIO D’AGLIO 1 RAMETTO di ROSMARINO LEGATO

riversarli nella minestra. Assaggiare ed aggiungere sale se necessario. Poi mettere in infusione il rametto di rosmarino per venti minuti, con la pentola coperta. Dopo aver tolto il rosmarino aggiungere la pasta corta alla minestra, cuocendola al dente. Servire la pasta e fagioli in ciotole di coccio, da arricchire con del pepe macinato al momento e con un filo

GRANA PADANO DOP GRATTUGIATO 1 dl. D’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA SALE, PEPE

d’olio d’oliva crudo. Accompagnare con grana grattugiato e con cotiche calde: et voilà il piatto è pronto, ricco di gusto e sapore. Una variante: nei mesi caldi la pasta e fasoi può essere mangiata anche fredda.

Il Proverbio “Un colpo l’é da ovi, un colpo l’é da late” Spiegazione: “Una volta è da uova, una volta è da latte”: modo di dire veronese per definire una persona scorbutica e lunatica, che cambia spesso umore) Proponici un proverbio o un modo di dire veronese: info@dociacole.it

Oroscopo Ariete: Previsto periodo problematico, presta attenzione ma non smettere di credere in te

Toro: Forte incremento delle relazioni personali, sia sulla sfera privata sia nel lavoro. Potrai sfruttare al massimo le tue capacità.

Gemelli: Periodo decisamente altalenante, in vista grandi cambiamenti. Non trascurare gli affetti.

Cancro: Positività è la parola chiave per questo segno. Avrai molto ottimismo e buon’umore.

Leone: Continua a perseverare per i tuoi obiettivi. Grazie anche ad una forte vena creativa potrebbe essere il momento giusto.

Vergine: Previste incomprensioni nelle relazioni personali. Potrebbe essere un periodo di confusione, sii molto attento.

Bilancia: In ambito lavorativo non avrai rivali. In campo sentimentale si segnala qualche difficoltà: considera un periodo di riflessione.

Scorpione: Fortuna: questa la tua inseparabile compagna, sfruttala con impegno e passione e potrai raggiungere grandi obiettivi.

Sagittario: Periodo positivo per nuove relazioni affettive. In ambito lavorativo attento ai cambiamenti.

Capricorno: Previste fortune alterne in campo lavorativo. Per metterti al riparo da possibili imprevisti cerca di essere più formica che cicala.

Acquario: La tua proverbiale organizzazione potrà aiutarti in ogni campo. Per i single previsti incontri interessanti.

Pesci Non esitare a chiedere aiuto a chi ti vuole bene: potrai superare alla grande periodi difficili. Un nuovo amore all’orizzone, ma potrebbe essere causa di stress.

stesso

15


La tua pubblicitĂ

QUI

Pubblicizza Su DO CIACOLE il Tuo

Negozio Bar Ristorante AttivitĂ Commerciali, Professionali, Artigianali e Servizi in genere Non hai materiale promozionale? Nessun problema: Ti facciamo anche la grafica! Chiedi informazioni: Tel 045/4853052 info@dociacole.it

Do Ciacole Nr.01  

Primo numero