Issuu on Google+

5°settimana Obiettivo specifico: Il coraggio

Vangelo XXXI domenica Dal Vangelo secondo Luca In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Commento Zaccheo è rispettato, temuto dai suoi concittadini, basta un suo gesto e i soldati romani intervengono. Ma è rimasto solo. E quando ha sentito parlare del Galileo, di colui che la gente crede un guaritore, un profeta, decide di vederlo senza farsi scoprire. E accade l'inatteso: Rabbì Gesù lo stana, lo vede, gli sorride: Scendi, Zaccheo, scendi subito, vengo da te. Zaccheo è interdetto: come fa a conoscere il suo


nome? Cosa vuole da lui? Forse lo ha confuso con qualcun altro? Non importa, Zaccheo scende, di corsa. Perché? Gesù non giudica, né teme il giudizio dei benpensanti di ieri e di oggi: va a casa sua, si ferma, porta salvezza. Gesù non ha posto condizioni, è venuto a casa di un peccatore incallito. Dio precede la nostra conversione, la suscita, ci perdona prima del pentimento, e il suo perdono ci converte. Non importa chi sei, né quanta strada hai fatto o che errori porti nel cuore, non importa se scruti il passaggio del Rabbì per curiosità. Oggi, adesso, Gesù vuole entrare nella tua casa.

storia:

Pre-adolescenti

Le stelle marine

1)Una tempesta terribile si abbatté sul mare. Lame affilate di vento gelido trafiggevano l'acqua e la sollevavano in ondate gigantesche che si abbattevano sulla spiaggia come colpi di maglio, o come vomeri d'acciaio aravano il fondo marino scaraventando le piccole bestiole del fondo, i crostacei e i piccoli molluschi, a decine di metri dal bordo del mare. Quando la tempesta passò, rapida come era arrivata, l'acqua si placò e si ritirò. Ora la spiaggia era una distesa di fango in cui si contorcevano nell'agonia migliaia e migliaia di stelle marine.


Erano tante che la spiaggia sembrava colorata di rosa. Il fenomeno richiamò molta gente da tutte le parti della costa. Arrivarono anche delle troupe televisive per filmare lo strano fenomeno. Le stelle marine erano quasi immobili. Stavano morendo. Tra la gente, tenuto per mano dal papà, c'era anche un bambino che fissava con gli occhi pieni di tristezza le piccole stelle di mare. Tutti stavano a guardare e nessuno faceva niente. All'improvviso, il bambino lasciò la mano del papà, si tolse le scarpe e le calze e corse sulla spiaggia. Si chinò, raccolse con le piccole mani tre piccole stelle marine del mare e, sempre correndo, le portò nell'acqua. Poi tornò indietro è ripeté l'operazione. Dalla balaustra di cemento, un uomo lo chiamò. "Ma che fai, ragazzino?". "Ributto in mare le stelle marine. Altrimenti muoiono tutte sulla spiaggia" rispose il ragazzino senza smettere di correre. "Ma ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia: non puoi certo salvarle tutte. Sono troppe!" gridò l'uomo. "E questo succede su centinaia di altre spiagge lungo la costa! Non puoi certo cambiare le cose!". Il bambino sorrise, si chinò a raccogliere un'altra stella di mare e gettandola in acqua rispose: "Ho cambiato le cose per questa qui". L'uomo rimase un attimo in silenzio, poi si chinò, si tolse scarpe e calze e scese in spiaggia. Cominciò a raccogliere stelle marine e a buttarle in acqua. Un istante dopo scesero due ragazze ed erano in quattro a buttare stelle marine nell'acqua. Qualche minuto dopo erano in cinquanta, poi cento, duecento, migliaia di persone che buttavano stelle di mare nell'acqua. Così furono salvate tutte. (Bruno Ferrero) Topolino-gatto

2)In una notte gelida d’inverno, un lama buddhista trovò sulla soglia della porta un topolino intirizzito e quasi morto di freddo. Il lama raccolse il topolino, lo ristorò e gli chiese di restare a fargli compagnia. Da quel momento la vita del topolino fu piacevole. Ma nonostante questo, la bestiola non aveva l’aria felice. Il lama si preoccupò: “Che hai, piccolo amico?”, gli chiese. “Tu sei molto buono con me. E tutto nella tua casa è molto buono con me. Ma c’è il gatto…”. Il lama sorrise. Non aveva pensato al gatto di casa, un animale troppo saggio e troppo ben pasciuto per degnarsi di dare la caccia ai topi. Il lama esclamò: “Ma quel bel micione non ti vuole certo male, amico mio! Non farebbe mai male a un topolino! Non hai niente da temere, te lo assicuro”. “Ti credo, ma è più forte di me” piagnucolò il topolino. “Ho tanta paura del gatto. Il tuo potere è grande. Trasformami in gatto! Cosi non avrei più paura di quella bestia orribile”. Il lama scosse la testa. Non gli sembrava una buona idea… Ma il topolino lo supplicava e allora disse: “Sia fatto come desideri, piccolo amico!”. E di colpo il topolino fu trasformato in un grosso gatto.


Quando morì la notte e nacque il giorno, un bel gattone uscì dalla camera del lama. Ma appena vide il gatto di casa, il gatto-topolino corse a rifugiarsi nella camera del lama e si infilò sotto il letto. “Che ti succede, piccolo amico?” chiese il lama, sorpreso. “Avrai mica ancora paura del gatto?”. Il topolino-gatto si vergognò moltissimo. E implorò: “Ti prego trasformami in un cane, un grosso cane dalle zanne taglienti, che abbaia forte…”. “Dal momento che lo desideri ti accontento e così sia!”. Quando il giorno morì e si accesero le lampade a olio, un grosso cane nero uscì dalla camera del lama. Il cane andò fin sulla soglia della casa e incontrò il gatto di casa che usciva dalla cucina. Il gattone quasi svenne per la paura alla vista del cane. Ma il cane ebbe ancora più paura. Guaì penosamente e corse a rifugiarsi nella camera del lama. Il saggio guardò il povero cane tremante e disse: “Che ti succede? Hai incontrato un altro cane?”. Il cane-topolino si vergognò da morire. E chiese: “Trasformami in una tigre, ti prego, in una grossa terribile tigre!”. Il lama lo accontentò e, il giorno dopo, una enorme tigre dagli occhi feroci uscì dalla camera del lama. La tigre passeggiò per tutta la casa spaventando tutti, poi uscì nel giardino e là incontrò il gatto che usciva dalla cucina. Appena vide la tigre, il gatto fece un balzo terrorizzato, si arrampicò su un albero e poi chiuse gli occhi, dicendo: “Sono un gatto morto!”. Ma la tigre, vedendo il gatto, miagolò lamentosamente e fuggì ancora più veloce del gatto e corse a rifugiarsi in un angolo della stanza del lama. “Che bestia spaventosa hai incontrato?”, gli chiese il lama. “Io… io ho paura… del… gatto!”, balbettò la tigre, che tremava ancora. Il lama scoppiò in una gran risata. “Adesso capisci, piccolo amico” spiegò. “L’apparenza non è niente! Di fuori hai l’aspetto terribile di una tigre, ma hai paura del gatto perché il tuo cuore è rimasto quello di un topolino”. Bisogna sempre incominciare dal cuore.

Riflessione: Per cambiare il mondo basterebbe che qualcuno, anche piccolo, avesse il coraggio di incominciare.


Adolescenti

“Nella mia carriera ho sbagliato più di 9000 tiri. Ho perso almeno 300 partite. Per 26 volte ho sbagliato il tiro a canestro che avrebbe deciso la partita. In vita mia ho sbagliato un sacco di volte. Ecco perchè ho successo.” (Michael Jordan) Riflessione : Quasi tutte le persone di successo, nel corso della loro vita, hanno visto i loro sogni infranti, le loro esperienze derise, e i loro progetti respinti. Se siamo convinti di voler realizzare i nostri desideri, dobbiamo fronteggiare sconfitte e fallimenti, e scoprirne il valore. Colui che si rassegna si chiede: “Perchè proprio a me? Ora mollo tutto... !”. Il coraggioso, invece, si domanda : “ Cosa posso imparare da questa sconfitta? Come rialzarmi e osare ancora...?” Attività: Pre-adolescenti Realizzare e personalizzare con la creta la propria stella marina. La stella ricorderà a ciascun ragazzo il coraggio del protagonista della storia. Adolescenti Colorare una t-shirt disegnando qualcosa in tema con la propria personalità. Ricordarsi di prestare attenzione soprattutto a quell’ aspetto che aiuta a divenire coraggiosi.


Laboratorio:

Pre-adolescenti Riflettere a piccoli gruppi sulla storia letta e invitare i ragazzi a realizzare su un cartellone un fumetto che rappresenti una prova di coraggio.

Adolescenti Ascoltate la storia e la canzone, i ragazzi divisi in gruppi, illustreranno a fumetti i loro eroi, con l’ aiuto di alcune domande : -

Per quali motivi l’ autore lo apprezza e gli ha dedicato parte del suo CD?

-

Chi è dunque un vero eroe, secondo l’ autore? E secondo te?

-

Cosa ti suggerisce la storia alla luce delle scelte che compi nella tua vita?

-

Hai mai incontrato persone coraggiose? Quali aneddoti ti hanno colpito?

-

Cosa ruberesti loro per diventare coraggioso?

La canzone : “Una vita da mediano” Ligabue

Una vita da mediano a recuperar palloni nato senza i piedi buoni


lavorare sui polmoni una vita da mediano con dei compiti precisi a coprire certe zone a giocare generosi lì sempre lì lì nel mezzo finchè ce n'hai stai lì una vita da mediano da chi segna sempre poco che il pallone devi darlo a chi finalizza il gioco una vita da mediano che natura non ti ha dato né lo spunto della punta né del 10 che peccato lì sempre lì lì nel mezzo finchè ce n'hai stai lì stai lì sempre lì lì nel mezzo finchè ce n'hai finche ce n'hai stai lì una vita da mediano da uno che si brucia presto perché quando hai dato troppo devi andare e fare posto una vita da mediano lavorando come Oriali anni di fatica e botte e vinci casomai i mondiali lì sempre lì lì nel mezzo finchè ce n'hai stai lì stai lì sempre lì lì nel mezzo finchè ce n'hai finchè ce n'hai stai lì


Poesia Ogni guerriero della luce ha avuto paura di affrontare un combattimento. Ogni guerriero della luce ha tradito e mentito in passato. Ogni guerriero della luce ha imboccato un cammino che non era il suo. Ogni guerriero della luce ha sofferto per cose prive di importanza. Ogni guerriero della luce ha pensato di non essere guerriero della luce. Ogni guerriero della luce ha mancato ai suoi doveri spirituali. Ogni guerriero della luce ha detto “sì” quando avrebbe dovuto dire “no”. Ogni guerriero della luce ha ferito qualcuno che amava. Perciò è un guerriero della luce: perché ha passato queste esperienze, e non ha perduto la speranza di essere migliore. (Paulo Coelho)

Preghiera: 1)La vita a volte è come una pesca: ci sono giorni in cui le reti sono piene di pesci, piene di gioia, di vitalità, di fortuna… e giorni in cui le reti sono vuote, in cui è grande il senso dell'inutilità e del fallimento… Proprio in quei momenti in cui le mie reti sono vuote, quando in casa si diventa come estranei, quando un figlio ti delude, quando la tua migliore amica ti tradisce, quando il tuo datore di lavoro ti dice che sei diventato di troppo, quando la tua salute ti abbandona, quando l'ingiustizia e la prepotenza sembrano essere più forti dell'amore, proprio in quei momenti, tu, Signore, non smetti di avere fiducia in me e mi dici che potrò ancora tirare fuori qualcosa di buono da queste mie reti vuote e sfilacciate… Tu, Signore, mi inviti a riprendere il largo verso l'orizzonte più ampio sconfinato, sfidando il rischio e la paura di perdere ancora, provando a fidarmi del mio cuore, improvvisando i miei gesti e le mie azioni, lasciandomi attraversare dal quel brivido


antico e sempre nuovo che si chiama amore. 2)LETTURA DEL BRANO DELLE BEATITUDINI (Matteo 5,2-12) Gesù, aperta la bocca, insegnava loro dicendo: Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli. Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati. Beati i mansueti, perché erediteranno la terra. Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per motivo di giustizia, perché di loro è il regno dei cieli. Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e gioite, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi. 3)BEATI I RAGAZZI Beati i ragazzi che accettano la fatica della verità: si sentiranno liberi ovunque. Beati i ragazzi che sanno pagare il prezzo dell’amicizia: non saranno mai soli Beati i ragazzi che apprezzano quello che sono: faranno cose grandi nella vita Beati i ragazzi capaci di dirsi dei no”: sbaglieranno molto meno Beati i ragazzi che navigano in Internet, ma non si dimenticano di avere una testa Beati i ragazzi che tengono aperta la loro porta a Dio: si sentiranno sempre accolti da un papà Beati i ragazzi con 7 erre: Ridere, riflettere, riconciliarsi, rischiare, ricominciare, ricredersi, riscoprire: diventeranno capaci di ricreare la propria vita.

Impegno :”.....................Osare a dire il proprio pensiero a difesa di sé stesso e degli altri...”


Giochi/SPORT: Gioco nr. 1 IL gruppo dei concorrenti si divide in coppie e ogni coppia riceve in dotazione tre fogli di giornale. Al segnale di partenza un giocatore di ogni coppia posa in terra nella propria corsia i fogli di giornale, in modo che siano distanziati davanti al compagno che effettua il percorso posando i piedi, con un salto, sopra i fogli di carta che gli vengono via via messi davanti. Arrivati in fondo, i due giocatori si scambiano le parti e percorrono il tragitto in senso inverso. Per restare in gara è sufficiente un frammento di carta su cui poggiare il piede. Vince la coppia che per prima taglia il traguardo. Si può giocare con due saltatori che si tengono per mano, due assistenti e 5 giornali. Spazi: una striscia di terreno di circa … … con più corsie Materiale : Fogli di Giornale Gioco nr. 2 Viene delimitato, usando dei birilli, uno spazio che fungerà da corridoio. Si formano due squadre ; uno per volta, i bambini devono passare nel corridoio senza farsi colpire dai palloni lanciati dai componenti della squadra avversaria. Vince la squadra che riuscirà a passare nel corridoio col maggior numero di bambini non colpiti. Spazi :palestra, piazza, aria aperta Materiale: palloni leggeri e materiale per delimitare il corridoio


Together uniti per andare oltre 5 settimana il coraggio