Page 1

Posizioni sessuali: quali sono e come realizzarle- parte prima Non si è mai troppo vecchi per imparare nuovi trucchi ed a letto, ci sono alcune posizioni che funzionano meglio di altre per raggiungere il tanto sospirato orgasmo. Ci sono molte posizioni che, oltre a non essere estremamente complicate, possono far raggiungere il settimo cielo: questa guida è per imparare quali sono, conoscere il kamasutra e praticarlo senza stancarsi troppo. Sono tantissime le posizioni che si possono tentare per rendere più stimolante il rapporto di coppia. Da quelle più classiche a quelle più complicate e spericolate. Vediamo alcune delle più famose posizioni del rapporto sessuale. Chi non conosce la posizione del missionario alzi la mano! E’ sicuramente la posizione più classica e naturale tra tutte quelle che ci sono nel kamasutra. La donna deve mettersi sdraiata di schiena con le cosce aperte, mentre il suo compagno si trova sopra di lei, appoggiato al letto oppure a terra dipende, con le ginocchia o i gomiti per non gravare sulla partner. Considerata da molti troppo monotona e banale è però adatta agli innamorati, visto che favorisce gli sguardi ed i baci appassionati e sicuramente è quella preferita per la classica “prima volta”. Di sicuro non è la posizione preferita dagli amanti del rischio e da quelli che considerano la camera da letto solo un posto per dormire. In questa posizione è l’uomo a trarre il maggior piacere, visto che è lui a controllare il ritmo, il livello di penetrazione e l’inclinazione del pene. La partner può solamente muovere un poco bacino e gambe per cercare una maggior stimolazione del clitoride. Insomma non è la posizione da scegliere se si vuol far godere una donna. Altra posizione piuttosto frequente è quella dell’Andromaca, ovvero la cavalcata, chiamata così proprio perché nei testi di Omero la moglie di Ettore faceva l’amore con lui cavalcandolo. Posizione praticamente inversa a quella del missionario: qui è l’uomo a stare sdraiato di schiena, con la donna a cavalcioni sopra di lui: questa posizione è altamente consigliata per raggiungere l’orgasmo vaginale, visto che in questo caso è la donna a controllare ritmo, grado di penetrazione ed angolazione. L’uomo ha le mani libere, può stimolare capezzoli, natiche o clitoride e questa posizione ritarda di parecchio l’orgasmo maschile e gli esperti ritengono che sia un buon rimedio contro l’eiaculazione precoce. Purtroppo però questa posizione è vista da molti come sottomissione alla donna e non tutti sono disposti a farsi dominare. Altro classico, soprattutto nelle fantasie erotiche dei maschi, è la pecorina: sarà per la connotazione animalesca, per il fatto che la partner femminile si mette a quattro zampe e l’uomo la penetra da dietro, fatto sta che sembra essere la preferita dagli uomini. Questa posizione è forse quella che più di tutte permette la penetrazione più profonda, inoltre anche qui l’uomo può aumentare il piacere della sua partner stimolando il clitoride oppure il seno. Probabilmente è però una delle posizioni meno romantiche e quindi una delle meno preferite dal sesso femminile, visto che non permette di baciarsi e di guardarsi: molte coppie infatti preferiscono altre posizioni per fare l’amore. Da ricordare che se l’uomo ci mette troppa foga, potrebbe procurare dolore nella sua partner. Senza penetrazione, ma sicuramente la posizione del piacere sublime è il 69: la donna è sdraiata sull’uomo con la testa in direzione opposta, la bocca dell’uno è sul sesso dell’altro e i due partner si stimolano i genitali con la bocca e con la lingua. In parole povere lei fa un pompino e lui le lecca la figa: le cose vanno dette per quelle che sono, inutile fare giri di parole. Domani vedremo altre posizioni. Posizioni sessuali: quali sono e come realizzarle- parte prima offerto da Digisesso.com

Posizioni sessuali parte prima  

Non si è mai troppo vecchi per imparare nuovi trucchi ed a letto, ci sono alcune posizioni che funzionano meglio di altre per raggiungere il...