Issuu on Google+

Capitolo VI – Accenni Paesaggistici Nell’affrontare gli aspetti che avvicendano l’individuazione del verde decorativo non si può prescindere da conoscenze climatiche e specifiche del settore botanico. In questa sede, oltre che ad accennare a motivi progettuali che determinano la disposizione del verde, si definiscono alcune delle piante più adatte e comuni di questa zona. VI . I – Le piante locali: arrampicanti e arbustive Vista la già diffusa presenza di alberi da ulivo, nonché da fico presenti nell’area, non ho predisposto alberi nuovi da inserire nel paesaggio. L’effetto-ombra e di raffrescamento di questi alberi è peraltro fondamentale per lo svolgimento di attività legate alla propria destinazione d’uso della struttura. Il ciclo annuale di ricambio del fogliame di queste specie inoltre le rendono autopulenti e da fertilizzante naturale per l’humus. L’utilizzo del pergolato, sia sul piano di campagna che da schermo su terrazzi al secondo piano, richiedono un maggiore approfondimento al riguardo della scelta delle piante arrampicanti da predisporre in progetto. La presenza di più specie arrampicanti sul medesimo pergolato possono donare all’utenza fioriture lungo le diverse stagioni, e possono crescere in simbiosi talvolta creando tessiture che generano uno schermo più efficace a schermare il sole estivo, creando spazi suggestivi che sfuggono da un controllo totale dell’uomo sull’ambiente circostante. Nella predisposizione dei quattro pergolati, alcuni dei quali colleganti verticalmente sui diversi livelli della struttura, si è mirato a creare fitti spazi ombra che generassero delle zone fresche che possano raffrescare l’ambiente esterno sfruttando la ventilazione passante che attraversa il cortile, e in alcuni casi contribuire anche alla resistenza termica della parete muraria creando un ulteriore strato isolante. Questa tecnica può essere anche studiata per creare un muro termico, se si lascia uno spazio di 10 cm circa fra parete e arrampicante, che d’estate può creare correnti ventilate a contatto con la superficie muraria sfruttando l’effetto camino. La perdita delle foglie di alcune piante, durante le stagioni invernali, permette alla superficie muraria di ricevere il calore solare durante le stagioni fredde. [...] 119


Tesi - Capitolo 6a