Page 197

pertanto [questioni aperte]

195

ferenze dunque, di ‘soglia’ e mai semplice somma di parti. Se il paesaggio è immagine scritta sul suolo di una società e di una cultura, è un linguaggio con una sua propria grammatica e una sua propria logica – spazio di incontro, giustapposizione, sovrapposizione, interpretazione, luogo di conflitti e compromessi – il progetto di paesaggio è il dialogo tra questo linguaggio e quello degli interventi che con esso sono messi a reazione. Paesaggio come campo aperto: geografia di risposte ibride, locali e globali, plurali e specifiche, capaci di essere una e molte allo stesso tempo, del luogo e di molti luoghi insieme. Campo di significazione ‘altro’ tra città e territorio, tra ambito urbano e rurale (Colafranceschi, 2007, p. 13).

Nel Novecento si è invece fatta esperienza di banalità architettoniche e paesaggistiche, esprimendo una pronunciata inerzia critica e consolidando una sostanziale incapacità di cambiamento. Penso che oggi ci sia bisogno di provare a scalfire convincimenti e prassi dall’apparenza immutabili, concentrando attenzioni critiche sui possibili fattori primari della banalizzazione dei luoghi e dei paesaggi. Uno di questi che ho richiamato più volte è la specializzazione delle funzioni degli spazi aperti. Una sua concausa, la settorializzazione delle competenze, costituisce probabilmente anche in sé un secondo fattore primario. Essa ha a sua volta una concausa endogena nella specializzazione delle conoscenze, un fattore diretto di apparente semplificazione processuale che ricade indirettamente sui luoghi ed i paesaggi in termini di banalizzazione strutturale e funzionale. Infine agiscono anche la standardizzazione tecnologica e l’omologazione dei linguaggi architettonici delle trasformazioni spaziali, ben oltre i confini locali ed ormai anche quelli nazionali. Nella misura in cui riconosciamo

Profile for DIDA

Progettare trasformazioni dei paesaggi nel mondo che cambia - Gabriele Paolinelli  

La ricerca della sostenibilità può essere considerata un’astratta ‘utopia della fuga’ mentre in realtà è interessante la sua concretezza com...

Progettare trasformazioni dei paesaggi nel mondo che cambia - Gabriele Paolinelli  

La ricerca della sostenibilità può essere considerata un’astratta ‘utopia della fuga’ mentre in realtà è interessante la sua concretezza com...