Page 132

130

gabriele paolinelli

le formazioni vegetali possono esprimere in ragione delle loro composizioni, fino alla separazione dei campi visivi, laddove essa risulti utile. Le relazioni critiche che esigono mediazione o separazione visuale si esprimono per lo più nelle due forme delle aberrazioni di scala dell’immagine dovute alla giustapposizione di entità spaziali incompatibili e dei disturbi d’intervisibilità di spazi che per caratteristiche e/o usi soffrono la promiscuità visiva anche in assenza delle suddette criticità di scala. La mediazione visuale arborea consente d’intervenire anche sulle connotazioni critiche degli spazi aperti pubblici e del paesaggio urbano dovute alla pronunciata eterogeneità tipologica ed irregolarità aggregativa dei tessuti di formazione novecentesca. Si tratta di un’estesa gamma di casi che hanno grande diffusione e presentano significative influenze sulla qualità percepibile degli habitat urbani. Le formazioni arboree possono essere impiegate nel trattamento delle dimensioni degli spazi e delle loro distorsioni ricavandone efficacie difficili da eguagliare (Nadel e Oberlander, 1987). L’albero riesce in genere a risolvere anche relazioni che possono risultare delicate per le dimensioni minute degli spazi aperti collettivi, come accade talvolta, ad esempio, nella città storica europea. I limiti degli spazi che distinguono e proteggono luoghi privati possono essere diaframmi permeabili alla vista. Gli alberi ne mediano le relazioni e focalizzano l’attenzione sia dallo spazio collettivo, che da quello privato. Ciò riduce le relazioni visive dirette tra gli spazi e pertanto l’entità dei possibili disturbi reciproci. Un albero, ma ancor più un gruppo di alberi, consente di mediare i rapporti fra spazi aperti ed edifici, agendo in tal modo anche sulle relazioni tra le loro forme e dimensio-

Profile for DIDA

Progettare trasformazioni dei paesaggi nel mondo che cambia - Gabriele Paolinelli  

La ricerca della sostenibilità può essere considerata un’astratta ‘utopia della fuga’ mentre in realtà è interessante la sua concretezza com...

Progettare trasformazioni dei paesaggi nel mondo che cambia - Gabriele Paolinelli  

La ricerca della sostenibilità può essere considerata un’astratta ‘utopia della fuga’ mentre in realtà è interessante la sua concretezza com...