Page 1


La Ginestra

路 10 路 Collana diretta da Ferruccio Andolfi e Italo Testa


Il volume è stato pubblicato con il contributo della Fondazione Cariparma Si ringraziano Anna Zaniboni e l’Archivio Carlo Mattioli di Parma per la gentile collaborazione

In copertina Ginestre di Carlo Mattioli Individualism, Old and New Traduzioni di Roberto Gronda

ISBN 978 88 8103 776 6

© 2013 Edizioni Diabasis vicolo del Vescovado 12 43121 Parma Italy telefono 0039.0521.207547 commerciale@diabasis.it www.diabasis.it


John Dewey

INDIVIDUALISMO VECCHIO E NUOVO A cura di Rosa Maria Calcaterra

DIABASIS


John Dewey

Individualismo vecchio e nuovo

7

Idee da vivere. Filosofia, scienza e democrazia nel pensiero di John Dewey, Rosa Maria Calcaterra

29

La Casa divisa contro se stessa

37

“America” - In formule

47

Gli Stati Uniti, Spa

57

Lo smarrimento dell’individuo

71

Verso un nuovo individualismo

87

Socialismo capitalistico o socialismo pubblico?

99

La crisi della cultura

115

L’individualità ai nostri giorni

133

Questo volume


La Casa divisa contro se stessa

Sta diventando sempre più un luogo comune affermare che sebbene nel pensiero e nel sentire, o perlomeno nel linguaggio che li esprime, viviamo in un tempo ormai passato, da qualche parte fra il tredicesimo e il diciottesimo secolo, fisicamente ed esteriormente apparteniamo al ventesimo secolo. Tenendo presente questa condizione contraddittoria, non è dunque affatto sorprendente che i resoconti della vita americana, come ad esempio quello contenuto in Middletown, indichino spesso come nostro tratto caratteristico una condizione mentale “perplessa” o “confusa”1. Da un punto di vista antropologico viviamo in una cultura del denaro. Il suo culto e i suoi riti dominano. “Il medium dello scambio basato sul denaro e l’insieme delle attività associate alla sua acquisizione condizionano profondamente le altre attività delle persone”. Naturalmente, tutto ciò è proprio come dovrebbe essere. Le persone non devono forse guadagnarsi da vivere? E per cosa dovrebbero lavorare se non per denaro? E come dovrebbero procurarsi beni e piaceri se non comprandoli con il denaro, permettendo a qualcun altro di guadagnare ancora di più e, in seguito, di aprire negozi e fabbriche così da dare lavoro ad altri ancora. Di conseguenza, quest’ultimi guadagnano una maggiore quantità di denaro e consentono ad altre persone di guadagnare di più vendendo i prodotti – e così via all’infinito. Fino a questo punto tutto va per il meglio nella migliore delle civiltà possibili: il nostro robusto (o forse logoro?) individualismo. E se il modello di sviluppo della nostra civiltà fa sì che la società sia divisa in due classi, il gruppo dei lavoratori e il gruppo degli uomini di affari (inclusi i professionisti), con la

29


30

prima classe grande due e volte e mezzo la seconda, con l’ambizione massima da parte dei genitori appartenenti alla classe dei lavoratori che i loro figli possano salire nella classe degli uomini di affari; tutto questo avviene senza dubbio perché il modo di vita americano offre ad ogni individuo opportunità senza eguali di prosperare secondo i propri meriti. Se pochi operai sanno cosa stanno facendo o conoscono il significato del loro lavoro, e un numero ancora minore sa cosa ne sarà del prodotto delle proprie mani – nella più grande industria di Middletown forse soltanto lo 0,10 per cento della produzione viene consumato sul territorio – questo avviene senza dubbio perché abbiamo talmente perfezionato il nostro sistema di distribuzione che l’intera nazione è ormai una cosa sola. E se la massa dei lavoratori vive nella paura costante di perdere il proprio posto di lavoro, questo avviene senza dubbio perché il nostro entusiasmo per il progresso, che si manifesta nel cambiamento delle mode, nell’invenzione di nuove macchine e nella capacità di sovrapproduzione, mantiene tutto in movimento. La nostra ricompensa dell’operosità e della parsimonia è regolata in modo talmente accurato sulla capacità individuale che è considerato naturale e adeguato che i lavoratori guardino con terrore ai cinquanta o cinquantacinque anni, quando verranno messi da parte perché inutili. Tutto questo lo diamo per scontato – lo trattiamo come un lato inevitabile del nostro sistema sociale. Stigmatizzarne il lato oscuro è come bestemmiare contro la nostra religione della prosperità. Ma si tratta di un sistema che richiede una filosofia difficile e faticosa. Se si guarda ciò che facciamo e ciò che avviene e poi si pensa di trovare una teoria della vita che sia in armonia con la situazione effettiva, si rimarrà scioccati dalle contraddizioni in cui ci si imbatte. Infatti, lo stato di cose richiede di abbracciare un completo determinismo economico. Viviamo come se le forze economiche determinassero lo sviluppo e la caduta delle istituzioni e stabilissero il destino degli individui. Libertà sta diventando un termine


quasi obsoleto: partiamo, ci muoviamo e ci fermiamo al segnale di una grande macchina industriale. Inoltre, il sistema esistente sembrerebbe implicare uno schema di valori distintamente materialista. Il valore è misurato dalla capacità di cavarsela o di primeggiare in una competizione economica. “Nel segreto di case sciatte o ambiziose, il matrimonio, la nascita e la crescita dei bambini, la morte e i drammi personali della vita familiare vanno avanti. Tuttavia, non sono tanto queste urgenze funzionali della vita a determinare quanto favorevole debba essere questa necessità fisica, ma piuttosto la componente estrinseca data dai guadagni del padre”. La filosofia più adatta a una situazione di questo tipo è la lotta per l’esistenza e la sopravvivenza di chi è economicamente adatto. Ci si aspetterebbe che l’attuale teoria della vita, se deve riflettere la situazione concreta, sia il Darwinismo più radicale. E, per concludere, sembrerebbe naturale ritenere che i tratti personali più apprezzati siano la percezione lucida del vantaggio personale e l’ambizione risoluta volta a assicurarselo ad ogni costo. Il sentimento e la simpatia sarebbero tenute in scarsissima considerazione. È superfluo affermare che l’attuale concezione della vita in Middletown, così come in ogni città, non è nulla di questo tipo. Niente dà a noi americani un senso di orrore maggiore che il sentire che un poveretto malaccorto, in un angolo disgraziato della terra, predica ciò che noi mettiamo in pratica – e mettiamo in pratica molto meglio e in modo più efficiente di qualsiasi altro –, cioè il determinismo economico. La nostra intera teoria consiste nel ritenere che l’uomo progetti e usi le macchine per i propri scopi umani e morali, invece di essere condotto là dove la macchina lo porta. Non il materialismo, ma il nostro idealismo è probabilmente la filosofia più “gridata” e praticata che il mondo abbia mai conosciuto. Lodiamo persino i nostri uomini di maggiore successo non per la loro spietata ed egocentrica energia nel primeggiare, ma per il loro amore per i fiori, per i bambini,

31


32

per i cani, o per la loro bontà nei confronti dei parenti anziani. Chiunque esorti in modo schietto a una concezione egoista della vita viene disapprovato da tutti. Nel momento in cui la famiglia sta scomparendo e i divorzi sono aumentati in una sola generazione del seicento per cento, assistiamo alla più ampia e sentimentale esaltazione della sacralità della famiglia e della bellezza dell’amore duraturo che la storia ricordi. Siamo sovraccaricati di altruismo e bruciamo dal desiderio di servire gli altri. Queste sono soltanto alcune delle evidenti contraddizioni che esistono tra le nostre istituzioni e le nostre abitudini, da un lato, e il nostro credo e le nostre teorie, dall’altro – contraddizioni che un’indagine su una qualsiasi fra le nostre Middletown è in grado di rivelare. Non sorprende che gli abitanti di queste città siano sconcertati, inquieti, senza pace, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e di differente, soltanto per trovare, generalmente, le stesse cose in una veste nuova. Si potrebbe forse riassumere quanto detto affermando che in nessun luogo e in nessun tempo la religione è mai stata così tanto rispettabile quanto lo è ora fra noi e, allo stesso tempo, così completamente priva di relazioni con la vita. Ho qualche imbarazzo a soffermarmi su ciò che viene rivelato da questo libro sulla vita religiosa in Middletown. L’esaltazione della religione, che pone il sigillo decisivo di approvazione sul successo economico e fornisce la spinta propulsiva per una lotta più energica per ottenere tale successo, e l’adozione da parte delle chiese dei più recenti stratagemmi del cinema e dell’inserzionista si avvicinano molto all’osceno. L’educazione è sviluppata al punto che un numero di studenti maggiore di quello delle altre nazioni frequenta le scuole superiori; e la metà degli studenti agli ultimi anni della scuola superiore pensa che i primi capitoli delle Sacre Scritture ebraiche offrano una spiegazione dell’origine e dei primordi dell’uomo più accurata di quanto faccia la scienza, e soltanto un quinto dissente con forza. Se l’indagine fosse stata condotta quando


un certo questionario venne distribuito fra i nostri studenti, è probabile che la consueta percentuale di giovani avrebbe registrato la convinzione che Harding fosse il più grande uomo al mondo. In altre parole, l’intera situazione si può riassumere confrontando ciò che sta effettivamente accadendo alla vita familiare e la completa secolarizzazione delle attività quotidiane con ciò che viene detto dal pulpito, ovvero che “le tre parole più importanti della lingua inglese sono madre, casa e paradiso” – un’osservazione che verrebbe senz’altro accolta in qualsiasi uditorio tipicamente americano. Fa poca differenza se si scelgono aspetti importanti oppure di poco conto a proposito della contraddizione fra la nostra vita così come la conduciamo esteriormente e i nostri pensieri e sentimenti – o perlomeno ciò che noi diciamo essere le nostre credenze e i nostri sentimenti. La vera domanda è: qual è la causa di questa divisione e contraddizione? Naturalmente, c’è chi la attribuisce al fatto che, siccome le persone sono in generale imbecilli e fesse, devono recitare la parte che è stata loro assegnata. Questa “spiegazione” non ci porta molto lontano, anche nel caso la si accetti. Le particolari forme di questa presunta stupidità sono lasciate quasi completamente prive di spiegazione. Inoltre, più si conosce la storia, più si è portati a credere che le tradizioni e le istituzioni giochino un ruolo più importante nel render conto delle cose di quanto facciano le capacità o incapacità naturali. È piuttosto evidente che la rapida industrializzazione della nostra civiltà ci ha colti alla sprovvista. Dal momento che siamo impreparati sia mentalmente sia moralmente, le nostre vecchie convinzioni si sono radicate. Più ci allontaniamo da queste convinzioni nei fatti, più le declamiamo a gran voce; di fatto, le trattiamo come se fossero delle formule magiche. Ripetendole abbastanza spesso, speriamo di tenere lontani i mali della nuova situazione, o perlomeno speriamo di impedirci di vederli. Quest’ultima funzione è svolta con grande efficienza dalle credenze che professiamo.

33


34

Pur avendo un enorme controllo dei mezzi e pur padroneggiando una tecnologia affidabile, glorifichiamo il passato, legittimiamo e idealizziamo lo status quo invece di chiederci seriamente come dobbiamo utilizzare i mezzi a nostra disposizione per creare una società equa e stabile. Questa è la nostra grande rinuncia. Spiega come e perché siamo una casa divisa contro se stessa. La nostra tradizione, la nostra eredità è a sua volta duplice. Contiene in sé l’ideale di uguali possibilità e libertà per tutti, senza alcuna distinzione di nascita e classe, come una condizione per l’effettiva realizzazione dell’uguaglianza. Questo ideale e lo sforzo per realizzarlo un tempo costituivano l’essenza dell’americanismo, ciò che veniva apprezzato come il marchio di un nuovo mondo. È l’elemento genuinamente spirituale della nostra tradizione. Nessuno può sinceramente affermare che è completamente scomparso. Tuttavia, la sua promessa di un nuovo punto di vista morale e religioso non è stata mantenuta. Un tale punto di vista non è diventato la sorgente di un nuovo consenso intellettuale; non è (nemmeno inconsciamente) la fonte vitale di alcuna filosofia peculiare e condivisa. Dirige la nostra politica soltanto in modo intermittente e, mentre ha dato vita a numerose scuole, non controlla i loro scopi o i loro metodi. Nel frattempo, le nostre istituzioni incorporano un’altra tradizione, più antica. L’industria e gli affari condotti per il profitto economico non sono niente di nuovo. Non sono il prodotto della nostra epoca e della nostra cultura; giungono a noi da un passato lontano. L’invenzione delle macchine, tuttavia, ha dato loro un potere e un’estensione che non hanno mai avuto nel passato da cui derivano. Il nostro diritto e la nostra politica, i rapporti fra le persone dipendono da una nuova combinazione di macchine e denaro, il cui risultato è la cultura monetaria caratteristica della nostra civiltà. Il fattore spirituale della nostra tradizione, uguali opportunità, libera associazione e libera comunicazione reciproca, è offuscato e messo da parte. Al posto dello sviluppo delle individualità


che quella profetizzava, si assiste alla perversione dell’intero ideale dell’individualismo in modo tale da conformarsi alle pratiche di una cultura economico-monetaria. L’individualismo è diventato la fonte e la giustificazione delle disuguaglianze e delle oppressioni. Da qui derivano i nostri compromessi e i conflitti in cui i fini e i criteri sono confusi al di là di ogni possibile riconoscimento.

35


134


LA GINESTRA Biblioteca per un individualismo solidale

Da due secoli, di fronte alla crisi delle rassicuranti comunità naturali e all’accelerazione dei processi di individualizzazione, filosofi e pensatori sociali si sono posti il compito di costruire teorie nelle quali la coesione della società non confligge ma va di pari passo con la cura di sé di individui emancipati. La collana La ginestra documenta l’esistenza di questa tradizione di individualismo solidale attraverso i testi di autori classici e contemporanei. Titoli pubblicati

Georg Simmel Friedrich Nietzsche filosofo morale

Harry G. Frankfurt Catturati dall’amore

A cura di Ferruccio Andolfi

A cura di Gianfranco Pellegrino

Ralph Waldo Emerson Società e solitudine

Gustav Landauer La rivoluzione

A cura di Nadia Urbinati

A cura di Ferruccio Andolfi

Pierre Leroux Individualismo e socialismo

Theodor W. Adorno La crisi dell’individuo

A cura di Bruno Viard

A cura di Italo Testa

Zygmunt Bauman Individualmente insieme

Friedrich D.E. Schleiermacher Monologhi. Un dono di Capodanno

A cura di Carmen Leccardi

A cura di Ferruccio Andolfi

Ágnes Heller La bellezza della persona buona

John Dewey Individualismo vecchio e nuovo

A cura di Brenda Biagiotti

A cura di Maria Rosa Calcaterra

135


Questo libro di John Dewey decimo della collana La Ginestra nata dall’amicizia e dal lavoro comune individuale e solidale tra l’Associazione omonima e le Edizioni Diabasis viene stampato nel carattere Simoncini Garamond a cura di PDE Spa presso lo stabilimento di L.E.G.O. Spa - Lavis (TN) per conto di Diabasis nel settembre dell’anno duemila tredici

137


Profile for Diabasis Edizioni

Individualismo vecchio e nuovo  

Una società più giusta e più stabile secondo Dewey si fonda su un individualismo capace di sviluppare le personalità individuali. Una distra...

Individualismo vecchio e nuovo  

Una società più giusta e più stabile secondo Dewey si fonda su un individualismo capace di sviluppare le personalità individuali. Una distra...

Advertisement