Page 11

La Voce del NordEst - Numero 67 Dicembre 2016

50° Alluvione 1966

11

Sos da Primiero 1966 – 2016 PRIMIERO VANOI (TRENTO) – Continuano nel Primiero Vanoi le iniziative per ricordare il 50° anniversario dell'alluvione che devastò il territorio. Lo scorso 8 dicembre, al Palazzo delle Miniere di Primiero, radioamatori protagonisti di una importante iniziativa locale, per non dimenticare chi aiutò le popolazioni locali. Durante la giornata, è stata infatti attivata una speciale Stazione Radioamatoriale con collegamenti via radio in Europa e non solo per dire grazie via etere, ai colleghi in onde corte. Nel pomeriggio di giovedì 8 dicembre in Comunità, è stata inaugurata inoltre la Mostra “Primiero e lo spartiacque del 1966”visitabile fino al 6 gennaio. Seguirà l’allestimento della stessa esposizione anche a Mezzano (Centro civico) dal 13 gennaio al 12 feb-

braio e infine all’Ecomuseo del Vanoi dal 13 febbraio 2017 al 1° maggio 2017.

nonché rassicurare parenti e conoscenti che si trovavano all’esterno delle zone colpite.

1966 – 2016 I ricordi “in onda”

Da Feltre giunsero Giovanni Catalano (I1CTL) e Giovanni Canova (I1VIB). Da Trento Federico Luchi (I1AHO) insieme a due radioamatori di Sanremo Attilio Sacco (I1BAY) e Roberto Comboni (I1COB). Antonio “Nino” Torre (I1WBH) di Sanremo rimase a Trento nella sede delle Poste e Telecomunicazioni per ricevere i messaggi lanciati dai colleghi.

La Comunità di Primiero conosce i radioamatori in una circostanza tragica, l’alluvione del 4 novembre 1966. In quei giorni tragici per alcune zone dell’Italia nord-orientale e centrale i radioamatori si attivarono immediatamente per formare una maglia radio per raccogliere e diffondere le informazioni da e per le zone colpite. A Primiero, zona rimasta completamente isolata a causa delle strade di collegamento interrotte da frane e ponti crollati, intervennero alcuni radioamatori che furono in grado, già dai primi giorni, di lanciare messaggi per richiedere aiuti, richiedere materiali e cose necessarie per far fronte alle emergenze,

Fu la prima vera esperienza del “Corpo Emergenza Radioamatori” (C.E.R.) fondato pochi mesi prima, oltre che la prima esperienza di stazioni radioamatoriali “portatili” ovvero operative immediatamente al di fuori dal proprio indirizzo di abitazione senza dover richiedere una apposita autorizzazione al Ministero delle Telecomunicazioni.

Sfoglia i racconti e le foto dei radioamatori di allora, raccolti dall’associazione radioamatori di Primiero su:

www.lavocedelnordest.eu/radioamatori1966

La Voce del NordEst N°67 dicembre 2016  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you