Page 1

RICAMOItaliano

febbraio 2009

L’eleganza del quotidiano

di pagina 78 - 80

La tovaglia rettangolare è stata realizzata a punto Perugino con grifoni e giglio di Firenze, utilizzando anche il punto quadro con tettuccio su sfilatura.

Stella 6 Spiegazioni e schemi per realizzare i lavori pubblicati sul n°52 di Ricamo Italiano Un aiuto in più Per le lettrici che avessero difficolta’ possono chiamare in redazione ai numeri: 030/9771138 oppure 030/9719319 Vi daremo le soluzioni volta per volta personalizzata; oppure inviando una mail dal nostro sito: www.ricamoitalianonline.it


febbraio 2009

RICAMOo an Itali SPIEGAZIONI Tovaglia rettangolare di pagina 78

Media difficoltà Occorrente m. 3,85 di tessuto alto m. 1,80 di lino Nuovo Ricamo della ditta F.lli Graziano, cotone Ancora ritorto Fiorentino n. 8 e 12, ago senza punta n. 24 Punti impiegati Perugino, punto quadro con tettuccio e punto quadro con tettuccio su sfilatura Esecuzione Tagliare la tovaglia m. 1,78 x 2,48 e 12 tovaglioli m. 0,45 x 0,45. TOVAGLIA e TOVAGLIOLI: a cm. 0,8 dal bordo togliere un filo fino in fondo e tutto intorno, questo è il ripiego. SFILATURA TOVAGLIA: togliere il 1° Filo a cm. 7 dal bordo ed a cornice, poi toglierne un altro, lasciarne 4, toglierne 2, lasciarne 12, toglierne 2, lasciarne 4 e toglierne 2. SFILATURA TOVAGLIOLI: togliere il 1° Filo a cm. 5 dal bordo ed a cornice, poi toglierne un altro, lasciarne 4, toglierne 2, lasciarne 12, toglierne 2, lasciarne 4 e toglierne 2. Cucire gli angoli degli orli della tovaglia e dei tovaglioli, ripiegare gli orli, prima sul ripiego, poi portarli a ridosso del 1° filo estratto della sfilatura ed imbastire. Eseguire il riempimento a punto quadro con tettuccio a specchio. Ricamare la tovaglia e i tovaglioli a punto Perugino seguendo gli schemi, tenendo conto che i grifoni sono sulla caduta, il giglio di Firenze più grande negli angoli, quello medio nel centro della tovaglia con raccordi a punto quadro con tettuccio a specchio e il piccolo nei tovaglioli.

A fianco e sopra, gli schemi a simboli per realizzare i motivi a punto Perugino nella tovaglia di pagina 78, ricamati con cotone ritorto fiorentino Coats Cucirini n 8 e 12. oppure seguendo il dritto filo, lavorare il punto indietro (mantenere i punti morbidi) prendendo 4 trame del tessuto.Col secondo giro eseguire il p. pechinese su un lato entrando nei punti indietro del primo passaggio. Girare il lavoro.Col 2 terzo giro ripetere il p. pechinese sull’altro lato entrando sempre nei punti indietro del primo passaggio.Per rendere la banda divisoria più evidente, lavorare il punto erba (filo a sinistra) ai due lati, utilizzando un colore più scuro per creare l’effetto graffito, distanziandosi dal punto indietro centrale di tre trame.Il punto bi-pechinese risulta molto decorativo e duttile e può essere utilizzato su svariati lavori. Eseguito tinta su tinta o con un leggero contrasto ha l’effetto di una passamaneria applicata. da ricamo n. 25 Punti impiegati erba, passato, indietro e diversi retini realizzato a ricamo Estense

Centrino con ricamo Estense di pagina 78

Media difficoltà Occorrente cm. 25 x 25 di tessuto di lino Nuovo Ricamo della ditta F.lli Graziano, cotone Ancora ritorto Fiorentino n. 8 e 12 e cotone

Esecuzione Riportare il disegno in dritto filo sul tessuto. A cm. 1,5 dal bordo eseguire una prima cornice a punto indietro, un’altra eseguirla a10 fili di trama dalla prima e riempirla a punto passato, poi ricamare come mostra la foto gli altri particolari. Il ricamo Estense(è un’elaborazione del punto pechinese).Sul segno del disegno,

Centro rettangolare a punto antico e sfilature di pagina 79

Difficile Occorrente cm. 60 x 80 di tessuto di lino NU0VO RICAMO della ditta F.lli Graziano, cotone Ancora ritorto Fiorentino n. 8 e 12, ago senza punto n. 24


febbraio 2009

RICAMOo an Itali

SPIEGAZIONI

Punti impiegati Punto a giorno, cordoncino avvolto, punto quadro su sfilatura, punto annodato, punto rammendo, punto quadro e punto reale. Esecuzione A cm. 0,8 dal bordo togliere un filo fino in fondo e tutto intorno, questo è il ripiego. Sfilatura: togliere il 1° filo a cm. 5 dal bordo ed a cornice, poi toglierne altri per un’altezza di cm. 0,8, lasciarne 4, poi toglierne per un’altezza di cm. 2,5, lasciarne 4, poi toglierne per un’altezza di cm. 0,8. Cucire gli angoli degli orli, piegandoli prima sul ripiego, poi portarli a ridosso del 1° filo estratto della sfilatura, imbastirli e fissarli a punto giorno. Fissare i mazzetti a punto giorno anche nella parte interna. Eseguire inoltre sui 4 fili lasciati, la copertura a punto quadro scambiando i mazzetti, ricoprirli poi a punto cordoncino avvolto. Riempire la sfilatura centrale fissando i mazzetti a punto annodato e rammendo Eseguire una sfilatura interna come mostra la foto, conteggiando 18 fili tolti e 18 fili lasciati, contornarla a punto cordoncino prendendo 4 trame, contornarla a punto

quadro e ricoprirla a punto annodato e rammendo Intorno alla sfilatura eseguire alcuni particolari a punto antico.

In basso gli schemi a simboli per realizzare lle due tendine P.Caterina De Medici di pagina 80.


febbraio 2009

RICAMOo an Itali SPIEGAZIONI

Ripetere specularmente

4

Tendine a punto Caterina De Medici di pagina 80

Media difficoltà Occorrente per ogni tendina m. 1,65 x 0,70 di tessuto di lino CENCIO della Ditta F.lli Graziano colore greggio, cotone povero Punti impiegati Caterina dè Medici, festone con picot Esecuzione Raffigurano pavoni e capre, disegni tipici di questa tecnica di ricamo.

Eseguire il bordo a cornice a punto Caterina dè Medici lasciando all’esterno del margine di tessuto.Considerando un compenso orlo di cm. 1,5, tagliare il tessuto eccedente, piegarlo a cm. 0,5 e fermarlo a punto festone e picot. Ricamare le tendine con altri particolari da eseguirsi sempre con lo stesso punto, seguendo gli schemi Nappine con nodi: per ogni nappina tagliare il filo lungo cm. 20 circa, farlo passare nell’orlo e annodarlo, su ognuno dei 2 fili e a distanza ravvicinata eseguire altri nodi. Tagliare ancora

il filo lungo cm. 20, piegarlo in due e annodarlo sopra un nodo precedente, eseguire questo per tutti i nodi fatti. Tagliare a misura voluta tutti fili provenienti dai nodi.

In alto lo schema a simboli per realizzare la striscia rettangolare di pagina 80, da ripetere specularmente, fino a lunghezza desiderata. Nella pagina seguente lo schema a simboli per realizzare il cuscino con pavoni.


febbraio 2009

RICAMOo an Itali SPIEGAZIONI

Ripetere specularmente

5

cotone perlè n. 8 Punti impiegati Cordoncino, cordoncino obliquo, nodi scambiati, nodo piatto, pallino.

Asciugamano con bordo in pizzo macramè di pagina 80

Media difficoltà Occorrente tessuto con decoro “donna di coppe” nella tonalità glicine,

Esecuzione Passare con l’uncinetto attraverso il margine della stoffa dal sotto al sopra, agganciare il filo in doppio (nella parte centrale della piegatura), trascinare verso il basso e in questo cappio fare passare i due capi del filo. Montare tanti fili per la larghezza dell’asciugamano tenendo conto che la lavorazione si

sviluppa con un multiplo di 24, poi eseguire le annodature macramè, con le varieta’ di nodi desiderate. Potete avere consigli per l’esecuzione del macramè dal libro: Un Macramè doc di Rosalba Niccoli euro 15,00. Per info 030/9719319 030/9771138 info@edizionidessein.it info@ricamoitalianonline.it


RICAMOItaliano

febbraio 2009

Pronto ricamo Casa Editrice Edizioni Dessein s.r.l. Pubblicazione mensile Direttore responsabile Elio Michelotti

Direzione,Redazione,Amministrazione 25020 Dello Brescia Via Don Guindani 47/D Telefono e fax : 030 97.19.319 E-mail: info@edizionidessein.it

Per le lettrici, che hanno difficolta’ telefonare 030 97.19.319 030 97.71.138 info@edizionidessein.it

Stella 6 Uscita 52  

Stella 6 Uscita 52