Page 1

RICAMOItaliano

marzo 2005

IN UMBRIA SULLE VIE DEL RICAMO di pagina 16 - 21

nato piu’ di cent’anni fa, come perfetta imitazione a crochet del punto irlanda, il merletto di isola maggiore ci incanta con questi centri

Offerta 6 Spiegazioni e schemi per realizzare i lavori pubblicati su Ricamo Italiano n.5


RICAMOItaliano

Fazzoletto da sposa in tulle di pagina 21

marzo 2005

Punti impiegati

cino, riempire le ali a punto filza, a punti lanciati e a retini di fondo, il corpo degli uccelli a punto filza molto fitta, la parte superiore della testa a punto erba e a punto nodini. Il centro dei fiori è ricamato a punto inglese. Le nuvolette a retini di fondo.Terminato il ricamo eseguire il bordo del tulle a punto festone. Terminato il ricamo togliere l’imbastitura, la carta da lucido e quella da pacchi e tagliare con forbici molto affilate il tulle in eccedenza facendo attenzione a non intaccare la costina del punto festone. Stirare il tulle dal rovescio SCHEMA 1 .

Punto festone; retini di fondo; punto nodini; punto filza; punti lanciati; punto erba; punto inglese.

Abitino con inserti a filet di pagina 18

Difficile Occorrente Cm 30x30 di tulle écru in seta o cotone con maglie sottili e morbide, con fori regolari con diametro non superiore a mm 0,5; Cotone Mouliné DMC bianco; carta da lucido o carta robusta leggermente colorata (carta da pacco); ago con punta arrotondata.

Esecuzione Riportare sulla carta da lucido il disegno centrale della coppia di uccelli del Paradiso e del vaso fiorito, e quello esterno di nuvolette a retini e piccoli fiori. Imbastire sul tulle il doppio supporto formato dalla carta oleata e la carta da pacchi in modo che risulti ben teso e senza grinze. Contornare tutti i disegni a punto filza per segnare i contorni delle varie superfici che andranno poi riempite con i vari punti. Riempire le foglie e i fiori a punto filza (passando la filza e il punto lanciato con punti più o meno lunghi, verticali, orizzontali e obliqui per dare più o meno risalto al disegno), punto lanciato, retini di fondo, punto erba. I bordi delle foglie e dei fiori sono ricamati a punto erba o a punto festone a seconda dello spessore della linea. Ricamare l’interno dei petali a retini di fondo, i fiorellini più piccoli a punto filza e a punto nodini. Ricamare i contorni della coppia di uccelli a punto erba e a punto cordon-

Media Difficoltà Occorrente Cm 80 di bisso di lino bianco; Cordonetto DMC n. 50 bianco; Cotone Ricamo DMC n. 25 bianco; rete filet (o in alternativa ago mòdano), nastrino di raso bianco alto cm 0,5.

Punti impiegati Punto tela; punto a giorno con fascetti uniti a due a due; punto cordoncino.

Punti impiegati Preparare gli inserti a pizzo filet: i due della gonna raffiguranti i puttini, e i due del corpetto raffiguranti dei fiorellini. La rete filet si può acquistare già pronta o per le più esperte prepararla. Per iniziare, utilizzando il Cordonetto n. 50 avvolgere il filo sul mòdano, quindi preparare un anello con un cordoncino resistente e puntarlo sul cuscino. All’anello verrà fermato il filo di inizio lavoro e sarà la base su cui eseguire I primi punti. Per eseguire un nodo della rete prende-

re con la sinistra l’asticciola, passare il filo sopra ad essa verso il basso avvolgendo, contemporaneamente, l’indice, il medio e l’anulare. Far risalire il filo dietro l’asticciola e tenerlo fermo con il pollice della stessa mano. Riportare il filo verso il basso, passando sul dietro del lavoro e poi di nuovo sul davanti trattenendolo con il mignolo. Infilare il mòdano con un unico movimento in questo ordine: nell’anello formato sulle dita, dietro l’asticciola, nell’anello d’inizio (o dei giri precedenti) e davanti al filo trattenuto dal pollice. Estrarre il mòdano e, trattenendo il filo solo con il mignolo, far scorrere il filo tirandolo verso l’alto per chiudere la prima parte del nodo che dovrà appoggiarsi sull’asticciola. Togliere il dito mignolo e tirare il filo verso il basso e sul davanti chiudendo completamente il nodo. Dopo aver eseguito il primo nodo estrarre l’asticciola, voltare il lavoro ed eseguire il giro seguente facendo due maglie nella maglia del giro precedente. Continuare l’esecuzione estraendo l’asticciola e girando il lavoro ad ogni giro, lavorando una m. in ogni m. del giro precedente e due maglie nell’ultima maglia. Continuare aumentando una maglia ogni giro fino ad ottenere una maglia in più di quelle previste, poi lavorare un giro senza aumenti; quindi, nei giri seguenti, diminuire una maglia ogni giro (introdurre il mòdano contemporaneamente nelle ultime due maglie di destra, cioè alla fine del giro), fino ad esaurirle tutte. Tagliare il filo. Seguendo lo schema ricamare i quadretti pieni a punto tela utilizzando il Cordonetto n. 50. Tagliare nel tessuto la gonna davanti e dietro (tutto in un pezzo), il corpetto davanti, i due corpetti dietro, le maniche. Eseguire sul davanti della gonna un fondo piega in modo

da raggiungere la larghezza del corpetto davanti.Appoggiare ai lati del fondo piega i due inserti a filet e unirli al tessuto con un fitto punto cordoncino. Sfilare a cm 8,5 dal fondo della gonna 4 fili, lasciare 4 fili, sfilare cm 0,5 di fili, lasciare 4 fili, sfilare 4 fili. Ripiegare un orlo doppio prima di cm 0,5 quindi di cm 4 e fermarlo a punto a giorno da entrambi i lati unendo i fascetti a due a due al centro.Appoggiare i pizzi a filet sul corpetto davanti e unirlo al tessuto con un fitto punto cordoncino. Unire i corpetti dietro al davanti cucendo le spalle, Cucire i fianchi del corpet2 to. Unire il corpetto alla gonna. Sfilare a cm 6,5 dal fondo delle maniche 4 fili, lasciare 4 fili, sfilare cm 0,5 di fili, lasciare 4 fili, sfilare 4 fili. Ripiegare un orlo doppio prima di cm 0,5 quindi di cm 4 e fermarlo a punto a giorno da entrambi i lati unendo i fascetti a due a due al centro. Chiudere e montare le maniche. Inserire Il nastrino di raso lungo la sfilatura delle maniche. Ripiegare lungo lo scollo un orlo di cm 0,5 e fermarlo con piccoli punti. SCHEMA 2

Centro tavola pizzo Orvieto di pagina 19

Difficile Occorrente Cordonetto DMC n. 30; uncinetto n. 0.75; cordoncino; carta talata.

Punti impiegati Catenella; magli bassissima: maglia bassa; maglia alta; mezza maglia alta.

Esecuzione Il centro finito misura cm 67 di diametro. Riportare sulla carta telata il disegno del pizzo e contornare con un0ikmbatitu-


RICAMOItaliano

ra ogni parte piena del disegno e la parte centrale. Al centro del pizzo vi è il fondo detto nebulosa: è composto da esagoni lavorati separatamente e uniti nel corso dell’ultimo giro con l’uncinetto o al termine del lavoro con l’ago. Per ogni esagono avviare 6 cat. e chiuderle ad anello con 1 m. bss. Nell’anello così formato lavorare: 1° giro: *3cat., 1 m. bs.*, rip. da * a * per 6 volte. 2° giro: *3 cat., 1 m. bs., nell’arco seguente, 3 cat., 1 m. bs. nello stesso arco*, rip. da * a * per 6 volte. 3° giro: *3 cat., 1 m. bs., nell’arco seguente, 3 cat., 1 m. bs. nello stesso arco, 3 cat, 1 m. bs. nell’arco seguente*, rip. da * a * per 6 volte. 4° giro: *3 cat., 1 m. bs., nell’arco seguente, 3 cat., 1 m. bs. nello stesso arco, 3 cat, 1 m. bs. nell’arco seguente, 3 cat., 1 m. bs. nell’arco seguente*, rip. da * a * per 6 volte. Proseguire lavorando 1 m. bs., 3 cat., e 1 m. bs. in archetti allineati in modo da avere un esagono con 6 raggi. Ripetere fino al 6° giro. Tagliare e fermare il filo. Controllare sempre le misure e al termine fissare la nebulosa all’imbastitura al centro del disegno. Per i tondini, avvolgere il cordoncino introno al dito; nell’anello lavorare a m. bs. molto fitta, stringere l’anello tirando il cordoncino, qui lavorare un altro giro a m. bs., sempre conducendo il cordoncino per dare volume.Abbandonare il cordoncino e lavorare l’ultimo giro a m. bs. ancorandosi all’imbastitura. Lavorare poi le parti piene iniziando dal centro. Confrontare sempre le misure sul disegno, la difficoltà è data dal fatto che bisogna seguire il disegno e la foto per adeguare il lavoro alle curve delle varie figure. Il centro dei fiori è formato da un tondino e poi ogni petalo separato. Ogni

marzo 2005

elemento è contornato a m. bs. conducendo il cordoncino. Non tutti gli elementi sono lavorati iniziando dal centro, per i rami lavorare la prima riga a m. bs. conducendo il cordoncino, curvare il cordoncino sempre coprendolo con la m. bs. e lav. a m. bs. puntando ogni m. in 1 m. della riga precedente per una o due righe: solo nell’ultima riga condurre di nuovo il cordoncino. Vi sono anche elementi scollati dal fondo e sono anch’essi lavorati a m. bs. conducendo il cordoncino. Eseguire il fondo a rete detta “sbagliata” in quanto la sua caratteristica è l’irregolarità: si inizia il fondo della rete dal giro esterno ancorato all’imbastitura e lav. una cat. lunga uanto il perimetro, poi nel 2° giro, rivolto verso l’interno, lavorare 1 m. alta, 3 cat., salt. 3 cat., per tutto il giro, in modo che il pizzo abbia forma tonda. Proseguire puntando negli archetti delle righe già fatte e sugli elementi pieni man mano che si presentano lavorare 3 cat., 1 m. alta, saltare uno spazio (negli spazi più piccoli sostituire le m. alte con m. bs.) proseguire fino a riempire tutto lo spazio e ancorare il pizzo alla nebulosa centrale. Inserire tutti gli elementi dello zodiaco. Al termine staccare il pizzo tagliando sul rovescio i fili di imbastitura. Lavorare ancora un giro attorno al pizzo conducendo il cordoncino e lavorare *6 m. bs., 1 pippiolino*, rip. da * a * per tutto il giro. Inumidire il lavoro con amido diluito nell’acqua, appuntare il pizzo su una superficie morbida e stirarlo dal rovescio. SCHEMA 3

Centro Tavola rettangolare uncinetto di pagina 18

Media difficoltà Occorrente G 300 di filato di Cordonetto DMC n. 100 écru; uncinetto in acciaio per pizzi n. 0.60; tessuto in lino con trama regolare con 11 fili in cm 1. Punti impiegati Con l’uncinetto: Catenella; maglia bassa; maglia alta, pippiolino. Con l’ago: punto cordoncino.

Esecuzione Il centro è formato da 24 quadrati lavorati a uncinetto e da 15 quadrati in lino. Per il quadrato all’uncinetto lavorare nel seguente modo: avviare una cat. di 6 m., chiuderla ad anello con 1 m. bss. Nell’anello così ottenuto lavorare: 1° giro: *1 m. alta, 3 cat.*, rip. da * a * per 6 volte. 2° giro: in ogni archetto lavorare: 1 m. bs., 5 m. alte, 1 m. bs. 3° giro: puntando l’uncinetto sulle m. alte del 1° giro lavorare *1 m. bs., 5 cat.*, rip. da *a * per 6 volte. 4° giro: in ogni archetto lavorare: 1 m.bs., 6 m. alte, 1 m. bs. 5° giro: puntando l’uncinetto sulle m. bs. del 3° giro lavorare: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a * per 6 volte. 6° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza dei 4 angoli lavorare 1 m. bs. e 6 cat. per due volte. 7° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza dell’archetto dell’angolo lavorare 7 m. alte. 8° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza degli angoli lavorare nel seguente modo: 1 m. bs. sulla 1ª m. delle 7, 6 cat., 1 m. bs. sulla m. centrale del gruppo di 7, 6 cat., 1 m. bs. sull’ultima m. alta. Ripetere sempre il 7° e l’8°

giro per altre due volte. Tagliare e fermare il filo. Unire i quadrati ottenuti per un angolo.Tagliare nel tessuto i quadrati per riempire gli spazi tra i quadrati all’uncinetto e unirli con un fitto punto cordoncino. Lungo tutto il centro eseguire un ciro nel seguente modo: 1° giro: *1 m. alta, 2 cat., saltare 1 m. di base*, rip. da * a * 2° giro: *9 m. bs., 10 cat., saltare 4 m. di base*, rip. da * a *. 3° giro: *3 m. bs., 1 pippiolino, 3 m. bs., 1 pippiolino, 3 m. bs., 1 pippiolino, nell’archetto di 10 cat. lavorare §1 m. alta, 1 pippiolino§, rip. da § a § per 10 volte*, rip. da * a * per tutto il 3 giro.Tagliare e fermare il filo. SCHEMA 4

Centro Tavola rotondo uncinetto di pagina 18

Media difficoltà Occorrente G 300 di filato di Cordonetto DMC n. 100 écru; uncinetto in acciaio per pizzi n. 0.60

Punti impiegati Con l’uncinetto: Catenella; maglia bassa; maglia alta, pippiolino. Con l’ago: punto cordoncino.

Esecuzione Il centro è formato da quadrati lavorati all’uncinetto. Avviare una cat. di 6 m., chiuderla ad anello con 1 m. bss. Nell’anello così ottenuto lavorare: 1° giro: *1 m. alta, 3 cat.*, rip. da * a * per 6 volte. 2° giro: in ogni archetto lavorare: 1 m. bs., 5 m. alte, 1 m. bs. 3° giro: puntando l’uncinetto sulle m. alte del 1° giro lavorare *1 m. bs., 5 cat.*, rip. da *a * per 6 volte. 4° giro: in ogni archetto lavorare: 1 m.bs., 6 m. alte, 1 m. bs. 5° giro: puntando l’uncinetto


RICAMOItaliano

sulle m. bs. del 3° giro lavorare: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a * per 6 volte. 6° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza dei 4 angoli lavorare 1 m. bs. e 6 cat. per due volte. 7° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza dell’archetto dell’angolo lavorare 7 m. alte. 8° giro: *1 m. bs., 6 cat.*, rip. da * a *, in corrispondenza degli angoli lavorare nel seguente modo: 1 m. bs. sulla 1ª m. delle 7, 6 cat., 1 m. bs. sulla m. centrale del gruppo di 7, 6 cat., 1 m. bs. sull’ultima m. alta. 9° giro: al centro di ogni archetto lavorare 4 m. alte, lavorare su tre lati del quadrato, lungo l’ultimo lato lavorare *1 m. bs., 6 cat.*. 10° giro: sui tre lati lavorare *1 m. alta, 1 cat.*, lungo l’ultimo lato lavorare *1 m. bs., 6 cat.* 11° giro: sui tre lati lavorare 1 m. bs. su ogni m. o cat., sull’ultimo lato *1 m. bs., 6 cat.* 12°-13°giro: *1 m. bs., 6 cat.* Tagliare e fermare il filo. Unire i vari quadrati con l’uncinetto

marzo 2005

fin o a raggiungere la dimensione desiderata. Intorno al centro lavorare nel seguente modo: 1° giro: *1 m. alta, 1 cat. saltare 1 m. di base* 2° giro: *1 m. bs., 3 cat., saltare 2 m. di base, §1 m. alta, 1 pippiolino§, rip. da § a § per 3 volte, saltare 2 m. di base, 3 cat., 1 m. bs.*, rip. da * a *. Tagliare e fermare il filo. SCHEMA 5

1

SCHEMA da unire lungo il tratteggio per ottenere meta’ disegno da ingrandire al 200% per realizzare il fazzoletto da sposa

4


RICAMOItaliano

marzo 2005

1

SCHEMA da unire lungo il tratteggio per ottenere meta’ disegno da ingrandire al 200% per realizzare il fazzoletto da sposa

Un aiuto in piu’

5

ALCUNI PASSAGGI Di scuola punti per il Ricamo su Tulle da utilizzare nella lavorazione del fazzoletto da sposa

Punto Filza

Punto Filza doppio

Rete soprammano

Il punto Filza serve per contornare un elemento decorativo ricamato a Punto base “Due” (in diagonale) “due “ o a “ uno “, o a retina, o per Punto cordoncino ricamare tralci, steli o venature delle foglie o dei fiori.

Punto base “Due” (sul dritto filo)

Retina “cerchielli” (sul dritto filo)


RICAMOItaliano 2

SCHEMA per realizzare il motivo del corpino

marzo 2005 2

SCHEMA per realizzare il motivodell’ abitino

6

3A

SCHEMA da ingrandire al 200% e unire lungo il tratteggio

A


RICAMOItaliano

marzo 2005 3B

SCHEMA da ingrandire al 200% e unire lungo il tratteggio

7

B

A B C D

3

SCHEMA figura d’ insieme


RICAMOItaliano

marzo 2005 C

8

3C

SCHEMA da unire lungo il tratteggio


RICAMOItaliano

marzo 2005

D

9

3D

SCHEMA da unire lungo il tratteggio


RICAMOItaliano

marzo 2005

Pronto ricamo Casa Editrice Edizioni Dessein s.r.l. Pubblicazione mensile Direttore responsabile Elio Michelotti

Direzione,Redazione,Amministrazione 25020 Dello Brescia Via Don Guindani 47/D Telefono e fax : 030 97.19.319 E-mail: info@edizionidessein.it

Per le lettrici, che hanno difficolta’ telefonare 030 97.19.319 030 97.71.138 info@edizionidessein.it

stella06_05  

di pagina 16 - 21 Offerta 6 nato piu’ di cent’anni fa, come perfetta imitazione a crochet del punto irlanda, il merletto di isola maggiore c...