Page 1

P OR T F O L I O

d e n i s e - 2016 -

g a l l i


00 INDICE CORRICULUM VITAE ......................................................................................................................... pag. 03 PROGETTO FLAMINIO.

Concorso internazionale di progettazione per il quartiere della città della scienza ........... pag. 06

FRAMMENTAZIONE ........................................................................................................................... pag. 14 ALLESTIMENTO MUSEALE ............................................................................................................. pag. 20 ODEON ................................................................................................................................................. pag. 24 LA CELLA ............................................................................................................................................ pag. 28


cv curriculum vitae

ISTRUZIONE.

WORKSHOP MASTER

2016 - 2017, Master Itinerante, Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia ONLUS: Architettura e Museografia per l’Archeologia. Progettazione strategica e gestione innovativa del patrimonio archeologico.

Giugno 2016: Workshop Internazionale - Sicilia. Selinunte & Segesta. - Prof. Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare a Palermo - Arch. Sergio Aguglia, Direttore del Parco Archeologico di Segesta - Arch. Guido Meli, ex Direttore della Villa del Casale a Piazza Armerina - Prof. Giuseppe Guerrera, dell’Università di Palermo

Luglio 2016, Politecnico di Milano: Laurea Magistrale in Architettura. Laureata a pieni voti con lode.

Titolo tesi: Progetto Flaminio. Concorso internazionale di progettazione per il quartiere della Città della Scienza.

DATI ANAGRAFICI E PERSONALI Denise Galli Data e luogo di nascita: 09-07-1991, Chiari (BS), Lombardia, Italia. Numero di cellulare: +39 3343934168 Email: denise_galli@libero.it Cittadinanza: Italiana

Febbraio 2013, Politecnico di Milano: Laurea di Primo Livello in Architettura Ambientale. Titolo tesi: Robecco sul Naviglio: Passeggiata nel centro e Discesa al fiume. Luglio 2009, Liceo “Maffeo Olivieri”: Diploma Artistico. Diplomata a pieni voti.

Artistico

Titolo tesi: Progetto Flaminio. Concorso internazionale di progettazione per il quartiere della Città della Scienza.

Maggio 2016: Workshop Internazionale Pausilypon - Architettura e Paesaggio Archeologico. - DiARC - Dipartimento di Architettura Università degli Studi di Napoli Federico II Soprintendenza Archeologia della Campania - Aiòn - Rivista internazionale di Architettura - Assessorato alla Cultura - Comune di Napoli - Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Aprile 2016: Workshop Internazionale Designing Archaeology - Berlin Museumsinsel - State Museums of Berlin_Neues Museum - Archäologisches Zentrum Berlin - David Chipperfield Architects Berlin - Prof. Alexander Schwarz - Istituto Italiano di Cultura di Berlino - Politecnico di Milano


COMPETENZE LINGUISTICHE

ESPERIENZE PROFESSIONALI

CONCORSI

Italiano: Madrelingua

Giugno 2015 - Settembre 2015: Tirocinio universitario come assistente ad attività di ricerca nel Dipartimento di Architettura e Studi Urbani con la Prof. Orsina Simona Pierini. Politecnico di Milano

Agosto - Settembre 2015: Premio Piranesi - Prix de Rome XIII Concorso internazionale di museografia di Villa Adriana Tivoli. Menzione Speciale

Inglese: Certificato TOEIC (Test of English for International Communication) 2012 Total score 505 - Livello B1. Scritto: Sufficiente Parlato. Sufficiente Quite Good Working Proficiency

Aprile 2013 - Giugno 2013: Stage presso studio tecnico Salvo Ing. Marco, Massetti Arch. Ivano e Associati a Brescia, Italia. Marzo 2013: Stage presso studio tecnico CA a Chiari (BS), Italia.

Luglio 2013: Concorso di idee per “l’ideazione di un monumento dedicato ai morti sul lavoro” Comune di Castelcovati. Progetto vincitore. Monumento realizzato, Giugno 2014.

Ottobre 2012 - Dicembre 2012: Stage presso studio tecnico CA a Chiari (BS), Italia.

Giugno 2012: 2° Concorso di idee “Tra le Briccole di Venezia” Riva 1920 Industria Mobili S.p.A. di Cantù.

COMPETENZE INFORMATICHE

...AGGIUNTIVE

PUBBLICAZIONI

Sistemi Operativi: Windows Applicativi: Excel - PowerPoint - Word

2013 - Oggi: Cameriere presso Pizzeria da Ninì, di Gozzini P. & C. S.n.C. a Pontoglio (BS)

Settembre 2015: Rivista LAB 2.0 Contaminations Learning Architecture & Building Casa Piranesi Prix de Rome XIII Menzione Speciale - pagina 53. Casa Editrice Publicomm S.r.L.

Software: Adobe Illustrator Adobe Photoshop Autodesk AutoCAD Graphisoft ArchiCAD MAXON CineRender SketchUp

Marzo 2014: RI-FORMARE MILANO. Corso XXII Marzo - Tasselli di Degrado. Esposizione RI-FORMARE MILANO 15.07 - 31.08.2014 alla Triennale Design Museum.


01 progetto flaminio concorso internazionale di progettazione per il quartiere della citta’ della scienza

Tesi di Laurea: CORSO MAGISTRALE IN PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA Relatrice: Orsina simona pierini Correlatore: Alessandro Isastia Anno: 2015 - 2016 Coautori: Nicolò Cornelli, Nicolas baglioni e Luca Mazzucchelli Politecnico di Milano


01 progetto flaminio Il progetto di tesi è stato elaborato sulla traccia del bando di concorso “Progetto Flaminio”. Il bando prevede un mix funzionale con l’obiettivo di rendere eterogeneo questo brano di città che ha come fulcro il polo museale. Integrare il sistema museale con uno nuovo sistema insediativo che contempli diversi modi di abitare e un’area verde pubblica. Il museo della scienza è un sistema composto da tre livelli che si relazionano in modo differente tra di loro, con l’ambiente circostante e con il pubblico: il piano interrato è scandito da spazi regolari attraversati da una strada pedonale, il piano terra che ospita l’area dedicata al giardino botanico ed infine il primo piano composto da padiglioni “sospesi” grazie alla presenza di una struttura in acciaio (travi Vierendeel) e vetro. Lungo la strada pedonale, lungo la quale vengono distribuite le funzioni di carattere pubblico, termina in una piazza che collega il museo della scienza con il museo di arte contemporanea MAXXI.

Sopra: Vista prospettica d’insieme dell’intervento; Pianta piano terra di progetto. Sinistra: Planimetria


Sopra: Esploso assonomterico dei tre livelli di cui è composto il Museo della Scienza Sinistra: Vista prospettica dello spazio verde all’interno dell’area. Sotto: Pianta piano interrato del Museo della Scienza.


Sopra: Sezione trasversale Sinistra: Vista prospettica del giardino botanico

Sotto: Sezione Longitudinale Pianta piano terra


Sopra: Sezione trasversale Destra: Vista prospettica del fronte

Sotto: Prospetto Nord-Ovest Pianta piano primo


Sezione prospettica


Schema del principio strutturale


02 FRAMMENTAZIONE

FRAM MEN TA ZIO NE

Corso: LABORATORIO DI PROGETTAZIONE I Docenti: Orsina Simona Pierini, Alessandro Isastia e Eleonora Salsa Anno: 2013 - 2014 Coautore: Nicolò Cornelli Politecnico di Milano


- Basamento pubblico

- Frammentazione dell’angolo

02 frammentazione

- Fronti ciechi e affacci pubblici

L’area scelta per questo progetto, fa parte delle 12 aree degradate, selezionate da “Ri-formare Milano”: un progetto didattico che vuole permettere agli studenti di confronarsi sul tema della rigenerazione. In questo caso, l’area presa in considerazione è situata all’incrocio di Corso XXII Marzo e via Carlo Foldi. Un lotto all’angolo dell’isolato che si confronta con una pizza antistante occupata da un mercato di quartiere. La commissione Ri-formare Milano vorrebbe integrare, quest’ultima funzione, all’interno del nuovo intervento. La scelta progettuale sviluppata mostra come il piano terra viene destinato ad uso pubblico, per ospitare il mercato e alcuni spazi commerciali stabili, mentre ai piani superiori ospita le residenze.

- Ricomposizione dell’angolo, edificio a corte

0,00 0,00

0,00

-1,00

0,00

-1,00

-1,00

Sopra: Diagrammi Destra: Pianta Piano Terra Sotto: Planimetria Sezione trasversale

+17,46

+14.30

+10,70

+11.30

+7,70

+5,00

+5,00 +4,20

+4,70

0,00 -1,00


Sinistra: Pianta Piano Primo Sopra: Prospettiva Fronte Ovest Sotto: Sezione trasversale

+4,70 +5,30

+5,00

+4,70

+4,70

+4,70

+5,00 +4,20

+5,00

+5,30

+5,00

+5,00

+5,30

+5,00

+5,30

Sopra: Piante Piano tipo arredato Sotto: Prospettiva Fronte Nord

+5,60

+5,70

+5,00 +5,00

+5,00

+5,30

+5,60 +5,00

+5,70

+5,30

+15.00 +14.20

+11.80 +11.00

+8.68

+8.60 +7.80

+5.00

+5.00

0,00 -1.00

+5.00

+5.60


Sopra: Prospetti del Fronte Nord e del Fornte Ovest Sotto: Prospettiva d’insieme


Sotto: Vista Prospettiva della corte interna e Sezioni Prospettiche dei corpi di facciata


03 ALLESTIMENTO MUSEALE

Workshop di master: DESIGNING ARCHAEOLOGY - BERLIN MUSEUMINSEL Docenti: Frederike Seyfried e Alexander Schwartz per David Chipperfield Architects Berlin Anno: Aprile 2016 Coautori: Stefano Ardigo’, Tiziana Conti, Francesca Nagari, Veronica Tria e Nicolas Turotti Accademia Adrianea


03 allestimento museale L’obiettivo del progetto è la realizzazione di un allestimento temporaneo di gioielli egizi all’interno del Neues Museum, nella sala delle Mastabe. Per ricreare un ambiente più raccolto e meno luminoso come quello presente nelle tombe egizie, si è pensato di coprire i reperti delle mastabe con delle coperture che vengono sostenute da tre o più montanti che sostengono le teche in cui sono esposti i gioielli. Le singole teche sono composte da metallo e vetro, e cambiano proporzioni in base alla dimensione dei blocchi in pietra adiacenti. Alcune si appoggiano a terra con una base, mentre altre vengono sostenute dai parapetti che proteggono i reperti dell’esposizione permanente.


Sinistra: Immagine coordinata. Studio comunicativo del packaging e del logo.

Sopra: Assonometria della teca che utilizza il parapetto come sostegno Sotto e a destra: Vista propettiche dell’allestimento nella sala


04 ODEON

Workshop di master: PAUSILYPON - ARCHITETTURA E PAESAGGIO ARCHEOLOGICO Docenti: Renato Capozzi, Gaetano Fusco e Federica Visconti Anno: Maggio 2016 Coautori: Stefano Ardigo’, Ilaria Falcon, Gabriele Feliziani, Francesca Nagari e Ilaria Scapin Accademia Adrianea


04 odeon L’area di progetto si trova nel parco archeologico di Pausilypon. L’intervento si concentra sull’odeon: piccolo teatro composto da una cavea e un palcoscenico attualmente senza una adeguata copertura dagli agenti atmosferici. Il progetto prevede la realizzazione di una copertura reticolare spaziale in legno, sostenuta da setti murari innalzati dall’estrusione di alcune rovine. I reperti interessati vengono protetti con uno strato di sacrificio sul quale poggia la nuova costruzione. La copertura nella porzione sopra il palcoscenico dell’Odeon si piega e forma la quinta teatrale che viene utilizzata per restituire parte dell’ambiente acustico che caratterizzava il piccolo teatro. Per restituire l’unità dell’Odeon e delle stanze vicine viene progettato un pergolato, sul sedime dell’antico porticato che percorre tutto il fronte del complesso. Questo permetterà ai visitatori di percorrerlo come un percorso museale. All’interno delle stanze e del piccolo teatro è stato studiato un allestimento di alcune statue e oggetti ritrovati nel parco archeologico.

Sopra: Sezione e pianta di progetto della copertura per l’Odeon.

Destra: Pianta di progetto dell’Odeon dove i muri evidenziati in rosso sono quelli interessati per il sostegno della copertura. Sinistra: Pianta dell’allestimento all’interno dell’Odeon.


Sopra: Schizzi per lo studio dell’allestimento della sala centrale. Sezione e pianta di progetto per l’allestimento delle statue ritrovate nell’area.

Sopra e Sotto: Viste renderizzate del progetto e dell’allestimento.


05 LA CELLA

Workshop di master: MAGNA GRECIA - SEGESTA E SELINUNTE Docenti: Sebastiano Tusa, Sergio Aguglia, Guido Meli e Pino Guerrera Anno: Giugno 2016 Coautori: Stefano Ardigo’, Marta Grisolia, Martina Lorenzini, Giulia marchesini, Francesca Nagari e Francesca Tozzi Accademia Adrianea


05 la cella Il tempio di Segesta deve la sua fama alla mancanza della cella all’interno del suo perimetro. Il progetto vuole “restituire” un ambiente che possa simulare la presenza della cella. L’installazione consiste nella realizzazione di una struttura in legno che possa sostenere un percorso continuo e crescente, che si sviluppa attorno a un nucleo libero, nel quale si possono allestire esposizioni ed eseguire performance teatrali e musicali. Attraverso un sistema di rampe e piani di sosta il visitatore può salire e scoprire nuovi punti di vista. La struttura viene poi “tamponata” da pannelli in tessuto che scorrono lungo binari. Con il movimento dei pannelli l’aspetto dell’installazione è sempre mutevole, come l’esperienza del visitatore.

In questa pagina: Sopra: Diagrammi funzionali e vista renderizzata del fronte del tempio. Sinistra: Esploso assonometrico che mostra la struttura in legno e il percorso contenuto al suo interno; vista renderizzata lungo una delle rampe. Nella pagina successiva: Sopra: Sezione longitudinale, sezione trasversale e pianta del piano terra da progetto. Al centro: Vista notturna renderizzata del fronte del tempio e dettaglio costruttivo. Sotto: Viste renderizzate lungo il percorso espositivo, mentre nel suo nucleo si svolge un concerto.


P

O

R

T

F

O

L

I

O

-

D

E

N

I

S

E

-

G

A

L

L

I

P

O

R

T

F

O

L

I

O

-

D

E

N

I

S

E

-

G

A

L

L

I

Autorizzo il trattamento dei dati personali riportati nelle pagine precedenti ai sensi del d.lgs. 196/03

Profile for Denise Galli

Architecture Portfolio Denise Galli  

Architecture Portfolio Denise Galli  

Advertisement