Issuu on Google+


2014

PREZZARIO CONDOMINIO & REAL ESTATE a cura di Juan Pedro Grammaldo e Francesco Mazziotti

Sistema QualitĂ  Aziendale certificato ISO 9001:2008


PREZZARIO CONDOMINIO & REAL ESTATE

Direttore Responsabile:

Giuseppe Rufo

Redazione prezzi:

Antonella Buttelli Niccolò Rosselli

Progettazione elettronica:

Clorinda Protti

Elaborazione e realizzazione grafica: Ottavia Menzio Produzione:

Raffaella Scalinci

ISTRUZIONI PER IL DOWNLOAD IL PRESENTE PREZZARIO È DISPONIBILE NELLE VERSIONI . doc, .xls Per effettuare il download dei file, seguire le seguenti indicazioni: - Registrarsi sul sito www.build.it - Cliccare su DOWNLOAD VOLUME - Selezionare Prezzario Condominio e Real Estate - Seguire le successive indicazioni

In copertina: illustrazione di Alberto Pratelli, tratta dal volume Guida alla qualità dell’abitare, ed. Dei Tipografia del Genio Civile, 1995

Copyright © 2014 DEI s.r.l. TIPOGRAFIA DEL GENIO CIVILE Via Nomentana, 16 - 00161 Roma Tel. 06.441.63.71 (r.a.) Fax 06.440.33.07 e-mail dei@build.it URL http://www.build.it I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale con qualsiasi mezzo (compreso i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i Paesi. L’elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze.


INDICE

1.

INTRODUZIONE ...................................................................................... pag.

9

2.

PARTI COMUNI DI UN CONDOMINIO

2.1. 2.1.1. 2.1.2. 2.1.3. 2.1.4. 2.1.5. 2.1.6. 2.1.7.

Opere edilizie Premessa ............................................................................................ Facciate .............................................................................................. Coperture ............................................................................................ Scale ................................................................................................... Intercapedini ....................................................................................... Locali tecnici ....................................................................................... Aree di pertinenza esterna .................................................................

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

16 18 21 23 25 26 28

2.2. 2.2.1. 2.2.2 2.2.3 2.2.4 2.2.5 2.2.6 2.2.7 2.2.8 2.2.9 2.2.10

Impianti Premessa ............................................................................................ Impianti elettrici ................................................................................... Impianti di riscaldamento ................................................................... Impianti di condizionamento ............................................................... Impianto idrico .................................................................................... Impianto di scarico e fognario ............................................................ Impianti di elevazione ......................................................................... Impianti antincendio ........................................................................... Impianto TV ......................................................................................... Altri impianti ........................................................................................

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

31 33 34 37 38 39 41 44 47 48

2.3 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.3.4

Strutture Premessa ............................................................................................ Fondazioni ........................................................................................... Elementi portanti in elevazione ........................................................... Solai ....................................................................................................

pag. pag. pag. pag.

51 52 54 55

3. 3.1 3.1.1 3.1.2 3.1.3

MANUTENZIONI E FACILITY MANAGEMENT Manutenzioni ordinarie comuni Manutenzione ordinaria facciate ........................................................ pag. Manutenzione ordinaria coperture ..................................................... pag. Manutenzione ordinaria terrazzi piani ................................................ pag.

60 61 61


6

INDICE

3.2 3.2.1 3.2.2 3.2.3 3.2.4 3.2.5

Servizi di Facility Management Manutenzione ascensori ..................................................................... Manutenzione impianti di riscaldamento ............................................ Manutenzione del verde ..................................................................... Manutenzione degli estintori ............................................................... Servizio di portierato e pulizie .............................................................

pag. pag. pag. pag. pag.

62 63 64 64 67

4.

CONTRATTO Generalità ............................................................................................ Art. 1. Premesse ............................................................................. Art. 2. Oggetto dell’appalto ............................................................ Art. 3. Importo dell’appalto ............................................................ Art. 4. Documenti contrattuali ........................................................ Art. 5. Obblighi ed oneri dell’Appaltatore ...................................... Art. 6. Obblighi ed oneri del Committente ..................................... Art. 7. Cessione e subappalto ....................................................... Art. 8. Prove e verifiche nel corso dell’esecuzione ........................ Art. 9. Danni per cause non imputabili all’Appaltatore .................. Art. 10. Sospensioni - Riprese - Proroghe dei lavori ........................ Art. 11. Termine per l’esecuzione dei lavori .................................... Art. 12. Penale per ritardo sul termine dei lavori ............................. Art. 13. Pagamenti ............................................................................ Art. 14. Essenzialità delle clausole ..................................................

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

69 72 72 73 73 74 77 78 79 79 80 81 81 81 82

5.

COLLAUDO

5.1

Generalità ........................................................................................... pag.

85

5.2

Inizio e compimento del collaudo ....................................................... pag.

86

5.3

Obblighi dell’Appaltatore e del Committente nelle operazioni di collaudo ................................................................................................... pag.

89

Difetti dell’opera .................................................................................. pag.

90

BIBLIOGRAFIA ........................................................................................ pag.

97

5.4


INDICE

7

PREZZARIO DEL CONDOMINIO 01.

02.

03.

OPERE EDILI ƒ Opere provvisionali .......................................................................... ƒ Recupero di murature, intonaci e tinteggiature ............................... ƒ Murature ............................................................................................ ƒ Intonaci .............................................................................................. ƒ Pitture ................................................................................................ ƒ Opere di sottofondo, Pavimenti e Rivestimenti ................................ ƒ Impermeabilizzazioni e Isolamento termico ..................................... ƒ Coperture ......................................................................................... ƒ Gronde ............................................................................................. ƒ Opere in ferro ................................................................................... ƒ Infissi, Vetri e Portoni ........................................................................ ƒ Bagni ................................................................................................ ƒ Cucine .............................................................................................. ƒ Cassette postali .................................................................................

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

105 108 113 118 121 125 131 143 148 149 151 160 165 166

IMPIANTI ƒ Impianti elettrici ................................................................................ ƒ Impianti citofonici ............................................................................. ƒ Impianti di antenna centralizzata ..................................................... ƒ Impianti idrici ....................................................................................

pag. pag. pag. pag.

169 173 175 178

SERVIZI DI FACILITY ƒ Manutenzione impianti termici .......................................................... ƒ Manutenzione ascensori ................................................................... ƒ Servizio di portierato ......................................................................... ƒ Servizio pulizie................................................................................... ƒ Opere di giardinaggio ....................................................................... ƒ Disinfestazioni e derattizzazioni ........................................................ ƒ Manutenzione estintori ...................................................................... ƒ Manutenzione piscine .......................................................................

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

185 188 192 193 194 196 197 200


8

INDICE

ALLEGATI

ƒ CCNL PER I DIPENDENTI DA PROPRIETARI DI FABBRICATI .................... pag. ƒ CCNL PER I DIPENDENTI DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E

201

SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI - Art. 10. Inquadramento del personale . pag.

218

ƒ DECRETO 13 FEBBRAIO 2014 - Costo medio orario del personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia, disinfestazione, servizi integrati/multiservizi ..................................................................................... pag.

226

ƒ RIPARTIZIONE DELLE SPESE FRA PROPRIETARIO E INQUILINO NELLA TABELLA CONFEDILIZIA-SUNIA-SICET-UNIAT ........................................ pag.

232


CAPITOLO

1

INTRODUZIONE

Una delle figure più complesse di comunione, largamente diffusa nell’edilizia moderna, è quella del Condominio negli edifici, che si verifica quando le unità immobiliari, di cui l’edificio si compone, non spettano alla stessa persona ma a persone diverse. Ciascuna di queste persone, infatti, è proprietaria esclusiva del proprio appartamento, ma alcune parti dell’edificio gli appartengono in comunione con i vari condomini. La singolarità di questa comunione può essere subito avvertita: suolo, muri maestri, scale, fondazioni ecc. sono in tale rapporto di dipendenza con l’unità dell’edificio che la comunione stessa, almeno di regola, non è soggetta a scioglimento. Trattasi, perciò, di comunione forzosa. Il Condominio (dal latino cum-dominium) è dunque quella situazione in cui la titolarità del diritto di proprietà su porzioni di un medesimo edificio è comune a due (cosìdetto condominio minimo – Cass. Sezioni Unite n. 2046/06) o più persone. La legge non fornisce una definizione di condominio, limitandosi a dettarne la disciplina negli articoli 1117 e seguenti del Codice Civile ed in talune leggi speciali, con espresso rimando alle norme sulla comunione. Va precisato a questo punto che il Condominio non è l’edificio in quanto tale, ma nasce in un tempo successivo alla costruzione del fabbricato, se ed in quanto esistono almeno due proprietari, e cioè sorge a seguito del frazionamento della proprietà di un edificio, allorquando si determini una situazione per la quale vige la presunzione legale di comunione pro indiviso per le parti destinate all’uso comune, ovvero per soddisfare le esigenze generali e fondamentali del Condominio stesso. In questa comunione il condomino non può – pur se rinunziando al suo diritto sulle cose comuni – sottrarsi alla partecipazione alle spese per la loro conservazione ed è comunque tenuto a contribuire in proporzione ai millesimi della sua proprietà. Il collegamento strutturale che sorge in virtù della comunione che ciascun singolo proprietario ha unitamente agli altri sulle cosìdette parti comuni, fa sì che sorgano dei vincoli giuridici a cui tutti i condomini devono sottostare. Più semplicemente, non è sufficiente essere proprietari del proprio appartamento per poter godere – ad esempio – dei locali afferenti alla portineria, al pianerottolo, ai cortili come si desidera e senza limitazioni, bensì occorre coordinarsi con le esigenze di tutti gli altri condomini. Nel Condominio si distinguono quindi le parti di proprietà di tutti i condomini (le cosiddette parti comuni) e le parti di proprietà esclusiva del singolo condomino; le due diverse figure soggiacciono a regolamentazioni differenti, per cui per le parti comuni si appli-


10

CAPITOLO 1

cherà la normativa condominiale o, per quanto non espressamente previsto, le norme relative alla comunione (art. 1100 e ss. Codice Civile). Sebbene però le figure di comunione e condominio condividano diverse norme del Codice Civile, si rilevano fra esse profonde differenze: mentre la comunione si caratterizza per il fatto che l’unico diritto spettante a ciascun comunista è quello sulla totale proprietà comune indivisa, il condominio è invece connotato dalla compresenza di due diritti distinti, uno di proprietà esclusiva e uno di proprietà in comunione forzosa avente ad oggetto le parti comuni. Una ulteriore rilevante differenza fra le due figure giuridiche, inoltre, risiede nella predominanza dell’interesse collettivo rispetto a quello individuale dei condomini: nella comunione l’unico criterio applicabile è quello del valore delle quote, nel condominio di edificio – oltre al valore delle quote – risulta essere decisivo il numero dei partecipanti all’Assemblea. L’esigenza del Condominio di regole certe da far rispettare ai suoi partecipanti nasce proprio dal fatto che è necessario amministrare le parti comuni dell’edificio condominiale con chiarezza e professionalità, contenendo i costi a garanzia della migliore fruibilità dei servizi comuni ed a salvaguardia di un comune interesse, impegnando economicamente ciascun condomino in proporzione del valore della sua proprietà. A tal fine si usano le tabelle millesimali, sistema di ripartizione delle spese che individuano il valore di ogni singola unità immobiliare in relazione alle parti comuni dello stabile in misura, definita dalla legge, appunto millesimale. Precisato dunque che tutti, all’interno di un Condominio, devono collaborare e preso atto che nella prassi è molto difficile mettere tutti d’accordo (tant’è che il Condominio è notoriamente fra le principali fonti di controversie giudiziarie), il nuovo dettato dell’art. 1129 Codice Civile statuisce che se il Condominio è formato da più di otto condomini è obbligatoria la nomina di un amministratore, che agisce come se fosse un “mandatario” su indicazione e nell’interesse del Condominio. Allo svolgimento delle sue funzioni ed all’intera attività del Condominio, si applicheranno le norme del Codice Civile che detta la disciplina di riferimento negli articoli dal 1117 al 1139. Le disposizioni generali del Codice Civile sono però integrate da quell’insieme di regole che autonomamente i condomini decidono di darsi per fare fronte alle svariate esigenze che possono insorgere fra di loro. Nei Condomini più numerosi (oltre le dieci unità), infatti, è obbligatoria la formazione di un Regolamento di Condominio (art. 1138 Codice Civile), che contiene le regole circa l’uso delle cose comuni, la ripartizione delle spese, le norme per la tutela del decoro dell’edificio e quelle relative all’amministrazione, senza che con esso si possano però in nessun modo pregiudicare i diritti dei singoli condomini o si possa derogare a norme disposte dalla legge. Poiché non richiede il consenso dei condomini, ma solo l’approvazione della maggioranza di essi, il Regolamento non ha natura di contratto ma di atto collettivo (le dichiarazioni di volontà tendono sì ad un fine comune ma non si fondono, restano distinte) e può essere impugnato davanti al Tribunale competente dai condomini dissenzienti.


INTRODUZIONE

11

È comunque buona norma, prima di sottoscrivere il rogito di acquisto di un’unità immobiliare, leggere attentamente il Regolamento di Condominio per poter verificare, ad esempio, l’esclusione eventuale dalle proprietà comuni. Può capitare infatti che sia un singolo condomino ad essere proprietario esclusivo di parti che viceversa sarebbero comuni. Anche la Giurisprudenza si è più volte espressa in tal senso; infatti la Cassazione civile con sentenza n. 3409/2000 così ha sancito: “La presunzione di comunione tra i condomini di un edificio condominiale delle parti comuni indicate dall’art. 1117 Codice Civile, può essere superata soltanto se il contrario risulta dal titolo, non dalla singola situazione di fatto”. Per tutto ciò che concerne l’uso e l’amministrazione delle cose comuni sono previsti due organi:  Assemblea dei condomini (organo deliberativo);  Amministratore (organo esecutivo). All’Assemblea, che è l’organo supremo, si applicano le regole generali che disciplinano il funzionamento degli organi collegiali:  presupposti per la validità della deliberazione: invito a tutti i condomini a partecipare alla deliberazione e intervento di un numero di essi che rappresenti una parte del valore dell’intero edificio, stabilito dalla legge (quorum);  principio maggioritario: la maggioranza (semplice o qualificata secondo i casi) vincola la minoranza; essa è calcolata in relazione non solo al numero delle persone ma anche al valore della quota. Ciascun condomino ha il potere di impugnare la deliberazione dell’assemblea che risulti in qualsiasi modo viziata. L’Amministratore, invece, esegue le deliberazioni dell’Assemblea e svolge gli altri compiti indicati nel Codice Civile. È importante sottolineare che, nei limiti delle proprie attribuzioni, ha la rappresentanza anche processuale dei condomini. La nomina dell’Amministratore è fatta dalla stessa assemblea dei condomini. Se per qualsiasi motivo l’assemblea non è in grado di nominarlo, perché non si forma una maggioranza, può essere designato dall’autorità giudiziaria, su istanza di uno o più condomini. L’efficacia della nomina non è subordinata all’accettazione da parte del designato; sia la nomina che la cessazione della carica devono essere annotate in un apposito registro. Per quanto riguarda l’osservanza del Regolamento di condominio, l’Amministratore non ha bisogno di alcuna preventiva delibera assembleare per far cessare eventuali violazioni e può irrogare sanzioni pecuniarie ai condomini responsabili delle violazioni del Regolamento, se questo lo prevede. Nei limiti delle sue funzioni, quindi, ha la rappresentanza dei partecipanti, può agire in giudizio sia contro i condomini sia contro terzi e può essere convenuto per qualunque azione concernente le parti comuni dell’edificio. Tutti i provvedimenti presi dall’Amministratore nell’ambito dei suoi poteri sono obbligatori per tutti i condomini, salvo poi la possibilità di ricorrere all’Assemblea condominiale.


12

CAPITOLO 1

L’Amministratore può stipulare anche i contratti per la manutenzione straordinaria delle parti comuni dell’edificio, a seguito di delibera assembleare, con l’unica eccezione per le opere urgenti per le quali può provvedere immediatamente, salvo poi riferire su di esse alla prima adunanza assembleare utile. Rilevante, però, ai fini della trattazione del presente manuale, è soprattutto la circostanza che l’Amministratore possa stipulare i contratti necessari per provvedere sia all’ordinaria manutenzione che alla prestazione dei servizi comuni e che tali contratti siano vincolanti per tutti i condomini. Sono loro infatti i reali fruitori di tutti i servizi messi a diposizione dall’Amministratore tramite i contratti che lui stipula in nome e per conto dei condomini, ad esempio per la pulizia delle scale, per il giardinaggio o ancora per la ordinaria manutenzione dello stabile in cui vivono. Nel Condominio, infatti, ciascun proprietario in via esclusiva della propria unità ha un diritto pienamente autonomo nei confronti della propria quota, che ha un carattere reale e non ideale, e nei confronti della quale le cose comuni hanno carattere di accessorietà e complementarietà. Ogni condomino è proprietario esclusivo di una parte del fabbricato condominiale ed al contempo è comproprietario di più parti distinte del medesimo. Per queste considerazioni, il Condominio è una realtà a parte rispetto alle altre comunioni indivise e chi lo amministra deve far rispettare la destinazione data alla parte comune, ma contemporaneamente deve impedire che la cosa comune venga usata in modo tale da impedire lo stesso uso da parte di tutti. Ecco perché per l’Amministratore è fondamentale conoscere le nuove dinamiche del mercato immobiliare e le problematiche gestionali dell’edilizia residenziale e condominiale. Ciò che occorre ora è una figura rinnovata di Amministratore, con competenze manageriali, che dovrà mirare alla razionalizzazione e valorizzazione delle unità immobiliari da lui gestite, in un mercato che richiede servizi sempre più evoluti e che assume le caratteristiche di un vero e proprio business.


01 Opere Edili


104

PREZZARIO DEL CONDOMINIO

AVVERTENZE Tutti i prezzi delle lavorazioni indicate, riguardano interventi di manutenzione completi con opera consegnata e pronta all’uso; sono da intendersi comprensivi della movimentazione dei materiali, del trasporto alle pubbliche discariche e di tutto quanto occorre a dare il lavoro finito secondo la regola dell'arte. Sono escluse eventuali tasse, O.S.P., spese per compensare prestazioni tecniche ed oneri amministrativi vari per la loro autorizzazione all’esecuzione.


1. PARTI EDILI

105

OPERE PROVVISIONALI M.01.5.001 Opere provvisionali: ponteggio di altezza 3,60 m per messa in sicurezza, mantovana con elementi prefabbricati e piani di metallo installato per periodo necessario alla definizione delle opere di ripristino, valutato per il primo mese di installazione, la voce comprende il montaggio, lo smontaggio e il primo mese di noleggio. Sono escluse le spese per redazione di pratiche di occupazione di suolo pubblico e prestazioni professionali connesse con tali pratiche. Si considera un ponteggio di altezza 3,60 m (due cavalle e mantovana), eseguito con l'impiego di tubi di diametro 48 mm e spessore pari a 2,9 mm, in acciaio zincato o verniciato, compresi progetto e relazione tecnica (quando necessari), pezzi speciali, doppio parapetto, protezioni usuali eseguite secondo le norme di sicurezza vigenti in materia, mantovane, ancoraggi ed ogni altro onere e magistero per dare l'opera finita a perfetta regola d'arte. Valutato a m² di proiezione verticale della facciata La lavorazione comprende: Il montaggio comprensivo di trasporto, approvvigionamento, scarico avvicinamento e tiro in alto dei materiali, per i primi 30 giorni. Il noleggio per il primo mese o frazione di mese (non inferiore a 25 giorni) alla funzionalità operativa, comprendente il controllo degli ancoraggi, la manutenzione ordinaria e quanto altro occorrente per il mantenimento della sicurezza delle opere finite. Lo smontaggio a fine lavoro compreso calo in basso, accantonamento provvisorio, carico e trasporto di allontanamento dal cantiere. Il piano di lavoro per ponteggi costituito da tavole metalliche prefabbricate od in legno di abete, spessore 50 mm, e tavola fermapiede valutato a m² di proiezione verticale della facciata. a) Valutazione a m² di proiezione verticale della facciata ................................................ m² € b) Sovrapprezzo per ogni mese o frazione di mese di noleggio oltre al primo di installazione ......................................................................................................................... m²xmese € M.01.5.002 Opere provvisionali: Ponteggio a tubo giunto con altezza fino a 20 m, realizzazioni di limitata difficoltà con un utilizzo di 1,8 giunti/m² e di 1,8 m di tubo per giunto La lavorazione comprende: Ponteggio prodotto da azienda in possesso di autorizzazione ministeriale ed eseguito con l'impiego di tubi diametro 48 mm e spessore pari a 3,5 mm, in acciaio zincato o verniciato e giunti realizzati in acciaio spessore minimo 4,75 mm, con adeguata protezione contro le corrosioni, compresi i pezzi speciali, doppio parapetto, protezioni usuali eseguite secondo le norme di sicurezza vigenti in materia, mantovane, ancoraggi ed ogni altro onere e magistero occorrente per dare l'opera finita a perfetta regola d'arte con esclusione dei piani di lavoro da contabilizzarsi a parte. Valutato al giunto secondo le seguenti tipologie di ponteggio ed i relativi aspetti operativi: realizzazioni di limitata difficoltà con un utilizzo di 1,8 giunti/m² e di 1,8 m di tubo per giunto. Il montaggio comprensivo di trasporto, approvvigionamento, scarico, avvicinamento e tiro in alto dei materiali, per i primi 30 giorni.

109,10 5,40


1. PARTI EDILI

111

a) in travertino con doppio gocciolatoio e larghezza 30 cm ............................................ m b) in peperino grigio con doppio gocciolatoio e larghezza 30 cm .................................... m

€ €

38,50 41,20

M.01.5.016 Pulizia di copertine soglie, stangoni, lastre e simili, in pietra naturale La lavorazione comprende: Transenne modulari per la delimitazione provvisoria di zone di lavoro pericolose, costituite da struttura principale in tubolare di ferro, diametro 33 mm, e barre verticali in tondino, diametro 8 mm, entrambe zincate a caldo, dotate di ganci e attacchi per il collegamento continuo degli elementi senza vincoli di orientamento: modulo di altezza pari a 1.110 mm e lunghezza pari a 2.000 mm; costo di utilizzo del materiale per un mese; Pulizia di superfici murarie nude senza intonaco per la rimozione di efflorescenze, di parti friabili o sabbiose, con eventuale scarnitura dei corsi di malta marci, eseguita a mano con spazzola; fino a 2,00 m senza l’ausilio di braccio meccanico ........................... m

35,90

M.01.5.017 Ripristino intonaci su pareti umide posti fino a 3,60 m dal piano di lavoro, per mezzo di spicconatura eseguita fino al vivo della struttura, a mano o con mezzi meccanici La lavorazione comprende: Trabattello mobile prefabbricato in tubolare di lega per esecuzione opere interne, completo di piani di lavoro, botole e scale di accesso ai piani, protezioni e quanto altro previsto dalle norme vigenti, compresi gli oneri di montaggio, smontaggio e ritiro a fine lavori, valutato per ogni mese di utilizzo: per altezze fino a 3,6 m; Spicconatura e scrostamento di intonaco a vivo di muro, di spessore fino a 3 cm, compreso l'onere di esecuzione anche a piccole zone e spazzolatura delle superfici; Intonaco traspirante deumidificante ad elevata porosità ( 40%), igroscopicità, traspirabilità e ridotto assorbimento capillare d'acqua per murature in elevazione in mattoni, in pietra e miste soggette ad elevata umidità e risalita capillare, con l'impiego di malta costituita da pura calce idraulica naturale NHL 3.5, pozzolana naturale micronizzata, inerti di sabbia silicea e calcare dolomitico di granulometria 0 ÷ 2,5 mm, con coefficiente di resistenza al vapore acqueo micron  3, conducibilità termica pari a 0,47 W/mK, aria occlusa in fase d'impasto  25%, per uno spessore finito di 20 mm, in due strati: applicato a mano ....................................................................................................................... m²

155,40

M.01.5.018 Ripristino tinteggiature interne per altezze fino a 3,60 m dal piano di lavoro, per mezzo di raschiatura delle vecchie tinte e posa di pittura lavabile La lavorazione comprende: Trabattello mobile prefabbricato in tubolare di lega per esecuzione opere interne, completo di piani di lavoro, botole e scale di accesso ai piani, protezioni e quanto altro previsto dalle norme vigenti, compresi gli oneri di montaggio, smontaggio e ritiro a fine lavori, valutato per ogni mese di utilizzo: per altezze fino a 3,6 m; Raschiatura di vecchie tinteggiature a calce, a tempera o lavabile da pareti e soffitti; Preparazione del fondo di superfici murarie interne a pennello con applicazione di isolante acrilico all'acqua;


1. PARTI EDILI

145

acqueo assoluta, posta su massetto di sottofondo escluso, previa mano di primer bituminoso, con giunti sovrapposti; Massetto isolante in conglomerato cementizio confezionato in cantiere con cemento e materiali naturali o naturali espansi, con 1 m³ di vermiculite e 250 kg di cemento tipo 32,5 per m³ di impasto; Manto impermeabile prefabbricato doppio strato costituito da membrane bitume polimero elastoplastomeriche a base di bitume distillato, elastomeri e copolimeri poliolefinici, armate con tessuto non tessuto di poliestere stabilizzato con fibra di vetro imputrescibile, con faccia superiore rivestita con la finitura plurifunzionale texflamina, applicate a fiamma nella medesima direzione longitudinale ma sfalsate di 50 cm l'una rispetto all'altra, con sovrapposizione dei sormonti di 8 ÷ 10 cm in senso longitudinale e di almeno 15 cm alle testate dei teli: due membrane di spessore 4 mm; Trasporto a discarica controllata di materiali di risulta, provenienti da demolizioni, con motocarro di portata fino a 1 m³, o mezzo di uguali caratteristiche, compresi carico, viaggio di andata e ritorno e scarico con esclusione degli oneri di discarica .................... a corpo € 1.610,90 M.01.5.137 Riparazione di infiltrazione di coperture praticabili mediante stesura di resina armata, FINO A 10 m² DI SUPERFICIE La lavorazione comprende: Massetto sottile di sottofondo in preparazione del piano di posa della impermeabilizzazione, dello spessore di almeno 2 cm, tirata con regolo per la livellazione della superficie: con malta fine di calce e pozzolana; Rivestimento elastomerico continuo composto da miscela di resine poliuretaniche modificate con interposta armatura in tessuto non tessuto di poliestere leggero con finitura ad elevate caratteristiche di resistenza tale da permettere una totale praticabilità della superfici ............................................................................................................................. a corpo €

568,70

M.01.5.138 Riparazione di infiltrazione di coperture non praticabili mediante stesura di resina armata, FINO A 10 m² DI SUPERFICIE La lavorazione comprende: Massetto sottile di sottofondo in preparazione del piano di posa della impermeabilizzazione, dello spessore di almeno 2 cm, tirata con regolo per la livellazione della superficie: con malta fine di calce e pozzolana; Manto continuo realizzato con pasta elastomerica a base di elastomeri acrilici in dispersione acquosa, applicato in tre strati con interposizione di una rete di armatura leggera in tessuto non tessuto di poliestere .................................................................................. a corpo €

893,90

ISOLAMENTO TERMICO DI COPERTURE INCLINATE M.01.5.139 Coibentazione termica con pannelli di materiale isolante in lana di vetro trattata con resine termoindurenti La lavorazione comprende:


02 Impianti


168

PREZZARIO DEL CONDOMINIO

AVVERTENZE Tutti i prezzi delle lavorazioni indicate, riguardano interventi di manutenzione su impianti, dati completi con opera consegnata, pronta all’uso ed opera eseguita da personale abilitato secondo le prescrizioni di cui al DM n. 37/2008; sono da intendersi comprensivi delle opere edili (assistenza muraria) della movimentazione dei materiali, del trasporto alle pubbliche discariche e di tutto quanto occorre a dare il lavoro finito secondo la regola dell'arte. Sono escluse eventuali tasse, O.S.P., spese per compensare prestazioni tecniche di progettazione e conduzione delle opere stesse ed oneri amministrativi vari per la loro autorizzazione all’esecuzione. La quasi totalità delle voci è frutto della composizione ed unione di singole voci tratte dal Prezzario DEI Impianti Elettrici e Tecnologici, talune voci sono tratte dal Prezzario DEI Recupero Ristrutturazione Manutenzione per completarle con le assistenze edili.


2. IMPIANTI

169

IMPIANTI ELETTRICI M.02.5.001 Diritto di chiamata per interventi su impianti elettrici di importo inferiore a 100 € ......... cad

31,00

M.02.5.002 Intervento di manutenzione per la ricerca guasto, di interruzione di corrente, falsi contatti, cortocircuiti e conseguenti riparazioni comprendenti: smontaggio e rimontaggio di quadri elettrici e corpi illuminanti, rimozione e ricollocamento in opera di scatole di derivazione, valvole di ogni tipo e di qualunque altro accessorio comunque ritenuto interessato al danno, riattivazione di limitatori, prova dei circuiti in più tratti per la ricerca e la locazione del danno, compresa ogni opera necessaria per ripristinare il circuito interrotto, esclusa la sola fornitura in opera di nuovi accessori ............................................... cad

103,30

M.02.5.003 Regolazione di cicli orologio con apertura e chiusura del quadro generale ..................... cad

6,70

M.02.5.004 Riattivazione elettroserratura con la sostituzione dei contatti apriporta .......................... cad

41,80

M.02.5.005 Rimozione vecchio quadro elettrico condominiale compreso smaltimento e conferimento a discarica ............................................................................................................... cad

125,00

M.02.5.006 Fornitura e posa in opera di Quadro Elettrico Generale in lamiera di acciaio verniciato a fuoco con trattamento antiruggine, del tipo ad armadio completo di portina con portello trasparente e serratura a chiave, pannelli di chiusura frontali, piastra di fissaggio posteriore, gradi di protezione IP 20, con montate e connesse le seguenti apparecchiature: - n. 1 interruttore automatico magnetotermico 2 x 25 A / 0,03 A a comando crepuscolare (luce scale e ingresso); - n. 1 interruttore automatico magnetotermico 2 x 25 A / 0,03 A a comando crepuscolare (luce aree esterne); - n. 1 interruttore automatico magnetotermico 2 x 25 A / 0,03 A (locali di servizio). Il Q.E. dovrà essere completo di targhette identificative ................................................... cad

350,00

M.02.5.007 Sostituzione interruttore 10/16 A unipolare da incasso Fornitura in opera di interruttore da 10 ÷ 16 A per tensione nominale 250 V: tipo da parete: unipolare 10 A in custodia IP 40 ............................................................................... cad

20,30


3. SERVIZI DI FACILITY

199

M.03.5.034 Collaudo Consiste in una misura di prevenzione atta a verificare, con la frequenza di legge, la stabilitĂ  del serbatoio o della bombola dell'estintore, in quanto facente parte di apparecchi a pressione: a) estintore a biossido di carbonio (C02) e bombole di gas ausiliario ............................. cad b) estintore che non sia giĂ  soggetto a verifiche periodiche secondo la legislazione vigente e costruito in conformitĂ  alla Direttiva 97/23/CE (DLgs n. 93/2000) ................ cad

40,00 16,00


ALLEGATI


DUE DILIGENCE IMMOBILIARE

cat. 0465 euro 28,00 f.to 17x24 EDIZIONE 2012 collana Mercato immobiliare e Stime

La due diligence immobiliare consiste in un'indagine finalizzata alla valutazione complessiva dell'immobile. è quindi una delle attività più importanti per individuare i punti di forza e di debolezza del patrimonio o di un edificio oggetto di una possibile transazione. Il volume analizza tutte le tipologie di due diligence immobiliare: • legale/documentale: verifica della documentazione come atto di provenienza, visure catastali, esame delle trascrizioni pregiudizievoli come ipoteche volontarie e giudiziali, contratti (es. locazioni) • tecnico/progettuale: rispondenza dello stato di fatto alla planimetria depositata (abusi, condoni, sanatorie), consistenza della qualità e dello stato dell'edificio, valutazione dei costi e dei tempi necessari all'adeguamento dell'immobile (riparazioni, rifacimenti, cambio d'uso o riqualificazione) nonché la messa a norma dell'impiantistica

Per informazioni: DEI Tipografia del Genio Civile tel. 064416371 fax 064403307 dei@build.it www.build.it

• economica: valutazione dell'immobile in relazione all'uso attuale e potenziale, alla zona dove è collocato ed all'andamento del mercato di riferimento (residenziale, terziario, commerciale o industriale). Nella valutazione di un patrimonio immobiliare, così come in quella di un singolo bene immobile, capita frequentemente di incorrere in difficoltà di notevole portata circa la disponibilità di informazioni inerenti lo stato di fatto in vista di una potenziale acquisizione. Una tale situazione determina inevitabilmente svantaggi e lungaggini che possono portare a risoluzioni contrattuali. Per tali motivi la due diligence apparirà sempre più indispensabile per impostare e gestire correttamente il processo di valutazione dell'immobile, con l'obiettivo di ottenere tutte le informazioni necessarie a garantire all'acquirente la migliore conclusione possibile delle trattative in essere.


 



ALLEGATI

RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA PROPRIETARI DI FABBRICATI Il giorno 14.03.2013 TRA la FEDERPROPRIETÀ rappresentata dal Presidente Massimo Anderson; l’UPPI rappresentata dal Vicepresidente geom. Angelo De Nicola; la CONFAPPI rappresentata dal Presidente Avv. Silvio Rezzonico; E la FESICA CONFSAL rappresentata dal Segretario Generale Bruno Mariani; la CONFSAL FISALS rappresentata dal Segretario Nazionale Eugenia Scifoni; con l’assistenza della CONFSAL rappresentata dal Segretario Generale Prof. Marco Paolo Nigi. Si è stipulato l’allegato contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti da proprietari di fabbricati,quale rinnovo di quello sottoscritto il giorno 27.6.2003, rinnovato il 10.6.2008 composto da 12 titoli, 67 articoli e 5 tabelle, che viene contestualmente sottoscritto da tutte le organizzazioni suindicate. TITOLO I - PARTE GENERALE Art. 1 - Validità e sfera di applicazione del contratto Il presente Contratto collettivo nazionale di lavoro, stipulato tra FEDERPROPRIETÀ, UPPI, CONFSAL e FESICA-CONFSAL e CONFSAL FISALS disciplina in maniera unitaria e su tutto il territorio nazionale il rapporto di lavoro dei dipendenti da proprietari di fabbricati. La contrattazione è a livello nazionale e potrà aver luogo in sede territoriale o aziendale in 2° livello. Sono comunque fatte salve le condizioni di miglior favore contenute nei contratti individuali in corso.

TITOLO II - RELAZIONI SINDACALI Art. 2 - Osservatorio nazionale Le parti, nella consapevolezza dell’importanza delle relazioni sindacali ed al fine di individuare scelte tese alla soluzione dei problemi economici,sociali e dell’occupazione, convengono, nel rispetto della reciproca autonomia e responsabilità, di costituire l’Osservatorio nazionale i cui componenti sono le parti stipulanti. L’Osservatorio nazionale dovrà: 1. potenziare, verificare e vigilare sulla sicurezza del lavoro; 2. studiare progetti tesi alla valorizzazione professionale delle risorse umane utilizzando formazione e/o riqualificazione del personale; 3. fornire linee di indirizzo per la contrattazione di 2° livello; 4. fornire interpretazioni autentiche delle norme contrattuali. Art. 3 - Ente Bilaterale Entro 90 giorni dalla firma del presente contratto le parti contraenti procederanno alla costituzione dell’Ente bilaterale dipendenti, denominato E.BIL.DI., finalizzato all’attività bilaterale.


204

ALLEGATI

I compiti dell’Ente sono i seguenti: 1. contrattazione e vertenzialità; 2. formazione professionale; 3. costituzione della Portiercassa; 4. tutti i compiti che le parti contraenti gli assegneranno con successivi accordi nell’ambito del concetto di bilateralità. L’ente gestirà vari fondi, con priorità per i seguenti: - fondo per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro; - fondo per la formazione professionale; - fondo integrativo del credito; - tutti gli altri fondi che si riterrà opportuno promuovere. Ai fini dell’esplicazione dell’attività dell’ente e dei vari fondi, finalizzati all’erogazione di prestazioni e servizi ai lavoratori e condomini, si concorda che, per i profili professionali A e C di cui al successivo art. 5, datori di lavoro e lavoratori verseranno all’Ente mensilmente una quota nella misura complessiva dell’1,90 così ripartita: 1. 0,30% a carico di tutti i lavoratori, calcolato sulla retribuzione mensile lorda per 13 mensilità; 2. 0,30% a carico dei datori di lavoro, calcolato sulla retribuzione mensile lorda per 13 mensilità; 3. 1,30% a carico dei datori di lavoro calcolato sulla retribuzione mensile lorda per 13 mensilità. Per i profili B i datori di lavoro e i lavoratori verseranno all’Ente, mensilmente, lo 0,60% della retribuzione mensile lorda, di cui lo 0,30% a carico del datore di lavoro e lo 0,30% a carico del lavoratore. I datori di lavoro provvederanno alla trattenuta delle quote a carico dei propri dipendenti; l’importo complessivo dovrà essere versato all’INPS secondo le modalità stabilite dalla convenzione stipulata tra l’ente bilaterale e l’INPS. Art. 4 - Trattenute sindacali I datori di lavoro provvederanno alla trattenuta delle quote sindacali nei confronti dei dipendenti che ne effettueranno richiesta scritta. Detta quota sarà commisurata ad un ammontare pari all’1% della retribuzione netta di fatto, salvo diversa comunicazione delle strutture sindacali firmatarie del presente contratto. TITOLO III - CLASSIFICAZIONE E MANSIONI DEI LAVORATORI Art. 5 - Classificazione dei lavoratori I lavoratori ai quali si applica il presente contratto sono: A) Portieri. B) Pulitori, manutentori, conduttori di impianti. C) Lavoratori con funzioni amministrative. D) Lavoratori addetti alle mansioni assistenziali o mansioni di ausilio a quelle del portiere. A1) Portieri che prestano la loro opera per la vigilanza e le altre mansioni accessorie degli stabili, senza alloggio o con alloggio compresa custodia. A2) Portieri che prestano la loro opera per la vigilanza, la pulizia,il giardinaggio e le altre mansioni accessorie agli stabili, senza alloggio. A3) Portieri che prestano la loro opera per la vigilanza, la custodia,la pulizia, il giardinaggio e le altre mansioni accessorie degli stabili, fruendo di alloggio. B1) Lavoratori specializzati per la manutenzione degli immobili, degli impianti ed apparecchiature.


PREZZARIO CONDOMINIO & REAL ESTATE