Page 1


Francesco Musci Giuditta D'Amico Giusy Di Pinto

Responsabile Unico del Procedimento

dalla programmazione al collaudo


Francesco Musci, dirigente di I fascia del Ministero delle Infrastrutture, presso il quale ha intrapreso la propria attività dal 1978, si è occupato della gestione di importanti opere pubbliche; ha ricoperto molteplici e prestigiosi incarichi anche presso altre pubbliche Amministrazioni affrontando complesse problematiche nella realizzazione di lavori pubblici; in qualità di Provveditore Regionale alle Opere Pubbliche nel corso degli anni 2001-2004, ha portato, fra l’altro, il Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per la Puglia e la Basilicata ad acquisire la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001 per l’attività di “verifica tecnica e validazione dei progetti”, mentre in qualità di Commissario Straordinario per le Infrastrutture Strategiche in Campania nel corso degli anni 2004-2006 ha acquisito la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001 per l’attività di “Commissario Straordinario per le infrastrutture strategiche in Campania”. Nei primi mesi del 2007 ha ricoperto l’incarico di Commissario Straordinario del Registro Italiano Dighe. Negli anni 2007-2009 ha rivestito l’incarico di Presidente della III Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Dal 2009 svolge il ruolo di Provveditore Interregionale per le Opere Pubbliche in Puglia e Basilicata e componente di diritto del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. È coautore del manuale Avviamento ai Lavori Pubblici, Bari 2004, dei testi La verifica del progetto di opere pubbliche, Roma 2006, L’opera pubblica, I e II edizione, Roma 2007 e 2008, Il collaudo tecnico amministrativo, I e II edizione, Roma 2011 e 2013, nonché di diversi articoli su riviste specializzate nel settore dei lavori pubblici. Giuditta D’Amico, ingegnere libero professionista, ha svolto in convenzione con il Politecnico di Bari un tirocinio presso il Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche di Puglia e Basilicata, durante il quale ha collaborato ad attività di valutazione ed esame di progetti di opere pubbliche e in generale alla gestione di lavori pubblici dalla programmazione al collaudo. Collabora attualmente con il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Bari, svolgendo un incarico di supporto al Responsabile del Procedimento. Giusy Di Pinto, ingegnere libero professionista, ha svolto un tirocinio post-lauream presso il Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche di Puglia e Basilicata durante il quale ha partecipato all’attività di gestione delle opere pubbliche dalla programmazione al collaudo. Dal 2013 è collaboratrice presso il Provveditorato svolgendo l’incarico di supporto al Responsabile del Procedimento. Si ringraziano gli Ingegneri Tommaso Colabufo e Vincenzo Maurizio Nuzzo per la collaborazione prestata nella stesura del presente volume.

Copyright © 2014 DEI s.r.l.

TIPOGRAFIA DEL GENIO CIVILE Via Nomentana, 16 - 00161 Roma Tel. 06.44.16.371 (r.a.) - Fax 06.440.33.07 e-mail dei@build.it - URL http://www.build.it

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservate per tutti i Paesi. L’elaborazione del testo, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze.


Indice

INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.

2.    ! # % & '  3.    !

LE FASI DI REALIZZAZIONE DELL’OPERA PUBBLICA DALLA PROGRAMMAZIONE AL COLLAUDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IL RUP NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA    

               . . . . . . . . . . . . . . .            . . . . . . . . . . . . . . . .     "          . . . . . . . . . . . . . . . . .   $        . . . . . . . . . . . 

       . . . . . . . . . . . . . . . . 



             . . .  (( $

       )*%+,,%-/      )!+00,-   :  )*'+,,'- . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . LE ULTERIORI PROFESSIONALITÀ COINVOLTE NEI RAPPORTI CON IL RUP ;(  * $   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . * 

   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ;< ;=   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ;     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

IL RUOLO DEL RUP NELLE DIVERSE FASI DI REALIZZAZIONE DELLâ&#x20AC;&#x2122;OPERA PUBBLICA ! >    $  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ! >  

$ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.1. Il Documento Preliminare alla Progettazione . . . . . . . . . . . . . . . . .                    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .          . . . . . . . . . . . .          . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ! > (     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .    !"     #    contrarre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9

11

15 16 17 17 18 23 24

25

31 32 34 37

4.

41 44 45 46 #, 59 65 65


INDICE

6

$  !"      . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 %   !" &     . . . . . . . 81 $  !"           lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 !! > $  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86  $'        . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87  $  !"           lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91  (  ) 

 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 *        . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95 + ,    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97 - $) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 /       . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  ,# 0     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  ,' 3"5 &    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114 4.4.11. Danni e sinistri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115 )6   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116 !#   

   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118 !% >    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 5. # # #

LE RESPONSABILITĂ&#x20AC; DEL RUP ;        . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139 ?   $ @

 @   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139     "     A  $$. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  !,

6. % 6.2. 6.3. %!

NOZIONI DI DIRITTO 

$  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Fonti del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 

( (  

 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . +  5       . . . . . . . . . . . . . . . 6.5. Fonti del diritto comunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . %% >  

   $  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ++     ))$ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ++ ! 7     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.6.3. Gli organismi internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

143 143 144 145 145 146 147 147 147 148

MODULISTICA  *       

$   ;

0@    ;

,/

-    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

151


INDICE    !  # %  &  '  0 ,      

B   $   ;

##*,&+,, . . . . . . . . . C

 $   $       ;

,%  *,&+,,    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C

 $   $       ;

,%  *,&+,, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . D      ;

00*'+,,'. . . . . . . . . . . . E         ;

00 * '+,,' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C $$$             ;

 #  * ,&+,, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .     $        ;

'* ,&+,, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C       ;

'*,&+,, . . . . . . . . . . . @

$ ;  $ ;        ;

'*,&+,, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . *   $           ;

'* ,&+,, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E    

     $        :   

     ;    ;

&*,&+,, E            $       $          :  

     ;   ;       . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  ! E    

     $        :    

    ;

&*,&+,, . . . . . . . . . ESEMPI  C(       (      

   :    

  

 "        . .  

 ;   ;(       (   

:  $  @     A  $$ (  

$   @   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  !         (  * $   (       A $ C       $$$   : 

    ;

&'*,&+,, . . . . . . . . . . .  # B $       "   : (    : $      (         $     ;(  * $   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  % E    

     ; $  :   $    ;     



 . . . . . . . . . . . .  & C $$$  @       ; $     ;

    0*%+,,% . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  ' @      ;

#0 ,*,&+,,

7 163 167 168 169 171 172 173 174 175 177 178

', 182

187 193 ,

,

,! ,% ,' ,0


8 0 ,      ! 

INDICE $     

,*,&+,, . . . . . . . .  E   AC/@

    *   $          $ 

      . .  *   $         $ 

       . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . @

     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E       C  G   . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .     C  G     $ 

     ) 

  ( ,     - . . . . . . . . . . . . . . .

, , 222 223 225 226


INTRODUZIONE

Ogni innovazione normativa impone quasi sempre agli interpreti di confrontarsi su problematiche e temi nuovi e, nel contempo, obbliga gli operatori ad acquisire in tempi spesso ristretti nuove competenze. Ciò è apparso particolarmente vero con riguardo alla disciplina sulla nomina del Responsabile del Procedimento introdotta dall’art. 10, comma 1, del DLgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, attesa la sussistenza di profili di assoluta originalità della figura di tale Responsabile Unico. A tacer d’altro, infatti, l’elemento di “unicità” che connota l’attività del Responsabile nominato dalle Amministrazioni aggiudicatrici non è costituito dal procedimento amministrativo allo stesso affidato (come è invece previsto dalla disciplina generale di cui agli articoli 4 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241), bensì dall’intervento che l’Amministrazione intende realizzare mediante la stipula del contratto pubblico, secondo le previsioni del programma triennale dei lavori pubblici. Appare allora evidente che al Responsabile Unico è affidata la gestione del complesso iter di realizzazione di un’opera pubblica che, com’è noto, si articola in una pluralità di fasi successive e connesse tra loro: programmazione, progettazione, scelta del contraente, esecuzione e, infine, collaudazione dell’opera. Dovendo sovraintendere a tutte dette fasi, in definitiva al Responsabile Unico del Procedimento è richiesto di adempiere al delicato e fondamentale ruolo di “project manager” dell’intero processo di realizzazione dell’opera, dovendo egli garantire il perseguimento degli obiettivi di economicità, efficacia, tempestività, correttezza, legittimità e trasparenza dell’azione amministrativa. Il suo è allora un ruolo dinamico, che richiede plurime


10

INTRODUZIONE

competenze: è propositore durante la programmazione dell’opera pubblica, diviene interprete dei bisogni da soddisfare nella fase di progettazione della stessa, rappresenta infine il controllore della corretta esecuzione dell’opera dalla progettazione al collaudo. Svariati sono dunque i poteri di cui dispone (di promozione, di sovrintendenza, di coordinamento, di verifica e sanzionatori), al pari delle correlate responsabilità nei confronti dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell’opera e con i quali il RUP deve di volta in volta rapportarsi e confrontarsi. Anche mediante la puntuale analisi della disciplina introdotta dal Regolamento di attuazione di cui al DPR 5 ottobre 2010, n. 107, il presente manuale delinea con estrema precisione i tratti distintivi, i requisiti, i compiti e le responsabilità del RUP, non mancando di evidenziare analogie e differenze rispetto sia alla figura del Responsabile dei Lavori di cui al DLgs 9 aprile 2008, n. 81, sia a quella del Responsabile del Procedimento di cui alla citata legge 241/1990. Senza trascurare gli aspetti giuridici e teorici dell’istituto e mettendo a frutto la notevole esperienza maturata nel settore dei lavori pubblici, gli autori intendono fornire un utile strumento operativo per il Tecnico chiamato a svolgere l’incarico di Responsabile Unico del Procedimento, attraverso l’analisi approfondita delle molteplici disposizioni e procedure che il Responsabile è tenuto ad osservare in maniera puntuale e coordinata. Il testo elenca ordinatamente le attività di competenza del Responsabile Unico del Procedimento per ciascuna fase e ne chiarisce gli aspetti più complessi fornendo soluzioni quasi sempre confortate e avvalorate dalla Giurisprudenza formatasi in materia, puntualmente richiamata; affronta altresì aspetti apparentemente di dettaglio, ma spesso fondamentali per i tecnici nominati, quali la possibilità di ricoprire ulteriori incarichi, il trattamento economico di competenza, la facoltà di avvalersi del “Supporto al Responsabile del Procedimento”; richiama, inoltre, sinteticamente disciplina e compiti delle ulteriori professionalità coinvolte nei rapporti con il RUP. Particolarmente utile, infine, appare la ricca modulistica, scaricabile anche in formato elettronico dal sito internet www.build.it e di immediato utilizzo, fornita a corredo del testo. In conclusione, il presente manuale appare un indispensabile e prezioso strumento di lavoro per tutti coloro che, in modo responsabile e professionale, vogliono svolgere al meglio l’incarico di Responsabile Unico del Procedimento ed evitare di incorrere in errori spesso fonte di responsabilità personale. Dott. Valter Campanile Avvocato dello Stato

Profile for DEI Tipografia del Genio Civile

Responsabile Unico del Procedimento dalla programmazione al collaudo  

Questo testo elenca le attività di competenza del Responsabile Unico del Procedimento per tutte le fasi attinenti la realizzazione dell'oper...

Responsabile Unico del Procedimento dalla programmazione al collaudo  

Questo testo elenca le attività di competenza del Responsabile Unico del Procedimento per tutte le fasi attinenti la realizzazione dell'oper...

Advertisement