Page 1


La pay-tv è la televisione privata a pagamento. Essa è costituita dal servizio di emissione di programmi televisivi, via etere o via cavo, codificati, che possono essere visti solo da chi paga un canone all’emittente. Nella maggior parte dei paesi la trasmissione ha luogo via etere, e può essere vista solo grazie a un codificatore per il cui uso si paga un canone periodico. In Italia un servizio di questo tipo è fornito da SKY che trasmette 72 canali tematici che spaziano dall'intrattenimento allo sport, dai canali per ragazzi alle notizie, dai documentari scientifici a quelli naturalistici passando per l'attualità, la storia, la cultura e la musica La più importante pay-tv del mondo è anche quella che ha iniziato per prima la sua attività: si tratta della statunitense HBO (Home Box Office), che trasmette film e spettacoli via cavo dal 1972 ed ha 17 milioni di abbonati.

La pay-per-view tv (detta anche televisione interattiva) rappresenta un’evoluzione della pay-tv. Il televisore viene usato come terminale attraverso il quale si possono vedere i programmi trasmessi non in modo passivo, ma richiedendo quelli preferiti, scegliendoli nell’archivio che l’emittente propone. Ogni programma scelto ha un costo, che si sostiene solo se si opera la scelta. Se, per esempio, l’utente vuole vedere un film, lo sceglie, all’ora che più gli aggrada, fra quelli disponibili. Se compie detta scelta, scatta l’addebito su un’apposita carta prepagata, su una carta di credito, o su un conto personale da pagare in genere una volta al mese o ogni due mesi. La pay-per-view ha mosso i primi passi alla fine degli '70 negli Stati Uniti d'America quando la squadra di pallacanestro dei Portland Trail Blazers l'adottò dopo aver vinto il campionato del 1977. Il termine, comunque si diffuse negli anni '90 quando compagnie del calibro di HBO e Showtime iniziarono a vendere eventi e film. In Italia, la pay-per-view, è stata introdotta dalla piattaforma satellitare Tele+; nello stesso periodo, StreamTV, offriva un servizio chiamato Primafila. Nel marzo del 2003 vi è stata la fusione di queste due grandi piattaforme che ha dato vita a SKY. Quest’ultima offre i vari servizi precedentemente offerti dalle altre due piattaforme televisive. DIGITALE TERRESTRE La televisione digitale terrestre è la televisione terrestre rappresentata in forma digitale. Da un punto di vista tecnico infatti, la televisione è un'informazione elettronica e l'informazione elettronica può essere rappresentata in forma analogica o in forma digitale. La televisione analogica terrestre è la forma di televisione più diffusa al mondo. La sua tecnologia è alquanto obsoleta ed è quindi destinata ad essere soppiantata dalla televisione digitale terrestre per gli indubbi vantaggi che quest'ultima offre.


Confronto tra televisione analogica e digitale Con il sistema analogico riceviamo un segnale trasmesso in aria da un trasmettitore che raggiunge l’antenna sul tetto tramite un’onda elettromagnetica. Quest’onda permetterà di trasportare il segnale video in modo da poterlo ricevere e riprodurlo sullo schermo televisivo. Con il sistema digitale, invece, si trasmette sempre un’onda elettromagnetica che però trasporta un flusso di bit che rappresenta istante per istante il segnale video originale. Mentre il segnale analogico può subire deterioramenti durante la trasmissione quello digitale, se il collegamento è adeguato, viene ricevuto perfettamente senza distorsioni. Oltre alle immagini video o ai suoni, nel flusso di dati trasmesso, possono essere incorporati anche altri dati come lettere, programmi software, immagini fisse o comandi. Molti sono i vantaggi della televisione digitale rispetto all’analogica; il principale vantaggio della tecnologia di trasmissione digitale del segnale è la flessibilità. Si può infatti utilizzare la trasmissione delle onde elettromagnetiche per trasmettere segnali in alta qualità e in alta definizione. Il secondo vantaggio, come già detto, è la quasi totale indifferenza di disturbi in ricezione. L’interattività è un altro vantaggio della televisione digitale; l’interattività consiste nel poter dialogare attraverso il ricevitore con l’emittente. Mentre con le trasmissioni analogiche gli impianti funzionano da semplici ricevitori, con le trasmissioni digitali è possibile interagire con l’emittente attraverso un ricevitore che adotta lo standard con patibile con il digitale terrestre. Si potrà partecipare a programmi tv, rispondere a domande e sondaggi eccetera. Ci sono però anche dei piccoli svantaggi per coloro che passano alla televisione digitale terrestre: • Costi aggiuntivi (acquisto di nuovi apparecchi atti alla ricezione del segnale digitale) • Copertura (attualmente la copertura del digitale terrestre non è completa in Italia). Già dagli anni ’70 negli U.S.A. ed U.K. dal 1998 iniziarono le prime prove con le trasmissioni televisive digitali terrestri. IPTV IPTV (Internet Protocol Television) descrive un sistema atto a utilizzare il trasporto IP per veicolare contenuti audiovisivi in formato digitale attraverso connessione internet a banda larga. Per i prossimi anni molti si attendono che l'IPTV avrà una forte diffusione, di pari passo con la disponibilità della banda larga. L'interesse degli utenti finali è ulteriormente spinto dalla sempre maggiore disponibilità di contenuti sia a pagamento che gratuiti. Al momento, le sole alternative all'IPTV sono le distribuzioni televisive tradizionali come la televisione analogica terrestre, il digitale terrestre, il satellite e, nei paesi in cui viene usata, la TV via cavo. L'IPTV solitamente offre 2 tipologie principali di contenuti: contenuti in presa diretta e contenuti di tipo Video-on-Demand, cioè pre-registrati e resi disponibili a ciascun utente che ne faccia richiesta. Alcune IPTV trasmettono alcuni o tutti i programmi utilizzando dei sistemi di protezione digital rights management al fine di evitare la duplicazione dei programmi visionati/acquistati. Ultimamente alle tecnologie di IPTV si sono affiancati sistemi di P2P-TV, ovvero di condivisione dei flussi audiovisivi che, attraverso dei sistemi a cascata simili a quelli di Bittorrent, permettono di replicare i contenuti tra gli utenti e permettere a tutti di ricevere agevolmente il segnale. Bisogna comunque osservare che la problematica inerente i diritti sulla diffusione di contenuti audiovisivi e' stata più volte oggetto di valutazione da parte del Parlamento Europeo, in particolar modo con la recente DIRETTIVA 2007/65/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell’11 dicembre 2007 (DSMA - Direttiva Servizi di Media Audiovisivi) L’IPTV non è Web Tv poiché i contenuti non risiedono sul web, ma su network privati ad accesso condizionato. I vantaggi dell’IPTV sono: • alta qualità del servizio (controllo flussi emissione 24h su 24); • servizi a valore aggiunto (personal video recording, catch up tv, media-center, HD, giochi).


Gli svantaggi sono: • l’offerta è comunque circoscritta e delimitata dagli stessi operatori. Le major sono, inoltre, spesso piuttosto restie ad offrire contenuti on-demand per evitare la cannibalizzazione della windows Home Video (che fornisce introiti maggiori della sala). Ciò causa la scarsità di contenuti premium; • ogni set top box è compatibile esclusivamente con l’offerta IPTV dell’operatore che lo ha fornito.

Altro metodo di distribuzione del segnale video è il peer to peer; questo metodo di distribuzione è differente dalle IPTV. Il termine p2p tv si riferisce ad applicazioni software che permettono di redistribuire il segnale video in tempo reale ad un network peer to peer. I vantaggi della trasmissione in peer to peer sono: • il p2p diminuisce i costi di distribuzione del segnale, poiché ogni utente, essendo simultaneamente fruitore e distributore, concorre ad accrescere la banda complessiva del sistema. • tale architettura di trasmissione dati produce un ritardo nella ricezione del segnale, solitamente circoscrivibile – tuttavia - a pochi minuti rispetto alla diffusione dalla fonte originale. • le reti peer to peer, non richiedendo grandi infrastrutture, permettono la nascita di gruppi di utenti dedicati alla ricerca di contenuti simili.


La Pay tv  

La pay tv, cos'è e funzioni

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you