Issuu on Google+

La raccolta By www.diariodellamiacucina.com


Lista ricette

Burro...fatto in casa Yogurt greco fatto in casa Ricotta fatta in casa Panna di soia Mascarpone fatto in casa Margarina casalinga Dado granulare vegetale Pappardelle al ragù Canestrelli Pan Carrè casalingo Canederli speck e prezzemolo Cordon Bleu Homemade Zucchero a velo vanigliato Taralli Panini Morbidissimi Raffaello Homemade Panini di farro al curry Burric Grissini di lievito madre alle olive Il lievito madre Yogurt Fatto in casa Latte di soia fatta in casa Fragolini, ghiaccioli alla fragola Latte di cocco Cascioni agli spinaci Streghe emiliane Philadelphia homemade Stracchino homemade Mozzarella homemade Sliders Maionese Pane di semola Marmellatine di arance Seitan fatto in casa con patate al forno Pesto alla genovese Sorbetto al limone Gnocchetti all’acqua Bounty pops Mc Lucia

Latte di mandorle e parmigiano vegan Fette biscottate homemade Gnocchi freschi asparagi, pancetta e montasio Ketchup homemade di James Oliver Semi di finocchio macinati Fiordifragola Le camille Marmellata di fragole Cereali croccanti Arancello homemade Merendine alle fragole Kinder cereali Limoncello di Sanremo Pane carasau homemade Ravioli ricotta e menta Nosugarella (crema di nocciole) Vol au vent Gnocchi di patate Pan goccioli Burro con il bimby Bayles Home made Spinacine ripiene al formaggio Insalata messicana Pancarrè semintegrale Calippo Gelato alla pesca con cioccolato bianco Baiocchi alle nocciole Panna acida Filoncini croccanti Marmellata di ciliegie Pesto di pistacchi Ravioli con broccoli e cacciotta Focaccine profumate Piadine al rosmarino Ravioli con orata


Le conserve


Dado granulare vegetale

Ecco ciò che vi serve: Si ottiene utilizzando verdure di stagione fresche, io ho usato carote sedano cipolla e aglio, nel libro è indicato anche il finocchio, ma non ne avevo a disposizione ed era troppa la voglia di provarlo subito, e erbe aromatiche, salvia rosmarino timo ed erba cipollina, tutte appena colte. Sminuzzate tutto finemente con il tritatutto, se preferite o avete tempo, potete fare questa operazione con la mezzaluna. Pesate il battuto e aggiungete sale grosso (io ho usato quello iodato) in quantità pari a 1/3 del peso del battuto stesso. Mescolate bene e lasciate insaporire per qualche giorno, dopodichè trasefrite in vasetti in vetro ben chiusi e conservate il frigo, si mantiene anche un paio di mesi Così dice il libro, e sarebbe anche perfetto così!!


Solo che rimane "umido"..... e quella vera sensazione di granulosità asciutta da "pizzicare" con le mani??? Così non ho potuto fare a meno di metterci del mio come cerco di fare in ogni ricetta che sperimento. E così ho fatto...

Ho versato tutto il battuto sulla placca del forno rivestita di carta forno e ho infornato a 160°C ventilato mescolando di tanto in tanto fino ad asciugare bene tutte le verdure, non so dirvi il tempo preciso perchè non ho calcolato, mi sono regolata tastando leggermente le verdure fino a sentirle belle asciutte e leggermente croccanti. Una volta ottenuto questo risultato (seconda foto in alto) ho lasciato intiepidire leggermente e ho trasferito nuovamente tutto nel mixer. Qualche bella frullata e questo è il risultato (quarta foto in alto) Ecco, ora si che è un vero dado granulare... Ho messo nei barattoli in vetro, lasciato raffreddare mescolando di tanto in tanto con un cucchiaino, chiuso ermeticamente e trasferito in frigo.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/03/dado-granulare-vegetale-fatto-in-casa.html


Finocchio macinato

Occorre: Semi di finocchio Macinino o mortaio Vasetti Procedimento: Macinare i semi di finocchio , conservare e usare all’occorrenza!

Il soffritto

Se avete poco tempo a disposizione ma non volete rinunciare a dei piatti che abbiano una base gustosa potete realizzare questi comodi cubetti da mettere nel congelatore e usare all’occorrenza.

– Pulire e lavare sedano, carota e cipolla (quantità variabile a seconda dei gusti) – Mettere il tutto nel frullatore – Si crea una cremina, metterla nei contenitori dei cubetti di ghiaccio e metterla in freezer – Dopo qualche ora, quando si saranno congelati, togliere i cubetti da lì e metterli in un sacchetto da congelare – Riporre il sacchetto in frigo e usare all’occorrenza Con un filo d’olio sono un’ottima base per sughi, arrosti e risotti

http://www.cucinaamoremio.com/2012/0 5/finocchio-macinato.html

http://blog.giallozafferano.it/gnamgnamplus/u n-consiglio-per-il-soffritto/


Maionese

Ingredienti: 1 uovo (a temperatura ambiente) 1 tuorlo (a temperatura ambiente) 350gr di olio di semi 25/30gr di succo di limone 1/2 cucchiaino di senape dolce sale q.b. Procediemento: Mettere nel frullatore l’uovo e il tuorlo con il sale, aggiungere il limone e la senape ed iniziare a frullare. Versare a filo tutto l’olio e continuare a frullare per alcuni minuti.

http://blog.giallozafferano.it/crisemaxincucina/ maionese-di-katia-2/

Pesto alla genovese

Ingredienti: Foglie di basilico fresco Pinoli Olio evo Aglio Parmigiano Sale

Procedimento: Per le quantità va un pochino ad occhio e un pò a gusto! Nel boccale del frullatore ho inserito le foglie di basilico (saranno state una ventina, belle grandi) lavate ed asciugate, una manciata abbondante di pinoli, un pizzico di sale, due spicchi d'aglio e un paio di cucchiai d'olio d'oliva. Ho azionato il frullatore aggiungendo gradatamente altro olio a filo fino a far ottenere al pesto una consistenza cremosa e un pò liquida. L'ho versato in una ciotolina ermetica (linea Presto - Tescoma) ed ho poi aggiunto del parmigiano grattugiato per addensarlo.

http://peccatidigoladifrancesca.blogspot.it/201 2/05/pesto-alla-genovese.html


Ricetta del Ketchup Homamde di Jamie Olivier Ingredienti: 1 grossa cipolla rossa tritata grossolanamente ½ finocchio tagliato e tritato grossolanamente 1 costa di sedano tagliata e tritata grossolanamente Olio di oliva 2 cm di zenzero fresco, sbucciato e tritate grossolanamente 2 1 spicchi d'aglio pelato e affettato ½ peperoncino rosso fresco, senza semi e tritato finemente un ciuffo di basilico fresco 1 cucchiaio di semi di coriandolo 2 chiodi di garofano 1 cucchiaino di pepe nero macinato fresco sale marino 500g pomodorini + 500 gr di passata di pomodoro 1kg giallo, arancio o verde pomodori, tritato 200 100 ml di aceto di vino rosso 70g 35gr di zucchero di canna

Procedimento: Mettete tutte le verdure in una grande pentola dal fondo pesante (la mia è Berghoff) in un filo di olio evo e lo zenzero, l' aglio, il peperoncino, i gambi di basilico, i semi di coriandolo ed i chiodi di garofano.Condite con il pepe e un buon pizzico di sale. Cuocete delicatamente a fuoco basso per 10 a 15 minuti fino a quando il tutto non si sarà ammorbidito, mescolando ogni tanto. Aggiungete tutti i pomodori e circa 190 ml di acqua fredda. Portare ad ebollizione e fate cuocere finché la salsa non si riduce della metà. Aggiungere le foglie di basilico, poi passate la salsa in un robot da cucina o con un frullatore a immersione e passate il tutto attraverso un setaccio per due volte per renderla liscia e lucida. Mettete la salsa in una pentola pulita e aggiungete l'aceto e lo zucchero. Mettete la salsa sul fuoco e fate sobbollire fino a quando non si riduce fino alla consistenza del classico ketchup. Versate il ketchup attraverso un imbuto in bottiglie sterili, quindi sigillatele ermeticamente e mettere in un luogo fresco e buio o nelfrigorifero fino al momento di servirlo.

http://diariodellemiericette.blogspot.it/2012/05/ketchup-homemade-di-jamie-olivier-stick.html


Pesto di pistacchi

Ingredienti: 125gr di pistacchi salati tostati (250gr con la buccia) 40gr di gherigli di noci tostate 120ml d'olio evo 2 pizzichi di noce moscata in polvere 1 pizzico di pepe nero in polvere Qualche fogliolina di basilico fresco Procedimento: Ho messo tutti gli ingredienti tranne l'olio nel mixere ed ho mandato in funzione le lame per circa 30 secondi, ottenendo uno sminuzzamento grossolano. A questo punto ho riavviato le lame e con esse in movimento ho versato a filo l'olio, ottenendo un crema. Ed ecco il mio pesto di pistacchi è pronto, ci vuole piÚ tempo a preparare e pesare gli ingredienti che preparare la ricetta. Con queste dosi ho riempito 4 contenitori piccoli in plastica che ho poi congelato e che utilizzerò all'occorrenza ( a breve vi posterò un buon primo con questo buon pesto). Per rendervi l'idea ogni contenitore contiene 5 cucchiaini abbondanti di pesto, e basta per 2 persone.

http://lamiacucinaimprovvisata.blogspot.it/2012/06/pesto-di-pistacchi.html


Marmellata di cipolle

Ingredienti: 1 kg di cipolle di Tropea 50 ml di olio evo 250 ml di vino rosso (quello buono!!!) 100ml di aceto di vino bianco 200 gr di zucchero Sale Pepe Procedimento: Mettete i vasetti vuoti in una pentola piena di acqua e fate bollire per 40 minuti per sterilizzarli. Pulite e tagliate a fettine sottili le cipolle. Mettetele in una padella antiaderente a rosolare con l’olio per pochi minuti mescolando bene. Salate e pepate, mescolate aggiungete lo zucchero e fate cuocere a fiamma moderata con il coperchio mescolando spesso per non farla attaccare. Dopo 30 minuti circa, il liquido delle cipolle dovrebbe essere evaporato tutto, altrimenti, togliete il coperchio, alzate la fiamma e continuate a mescolare. Aggiungete il vino e l’aceto, continuate la cottura a fiamma moderata e senza coperchio fino a quando il liquido sarà completamente asciugato. Scolate i vasetti e versate la marmellata quando è ancora bollente. Chiudete bene i tappi e rovesciate i vasetti a testa in giù fino a quando saranno freddi per farli andare sotto vuoto. Si può consumare subito o conservare in luogo fresco e asciutto (classica frase dei vasetti!!) per più di 6 mesi. Ottima per accompagnare i formaggi e dei crostini stuzzicanti! CONSIGLIO: quando il vino e l’aceto saranno evaporati, mescolando potrebbe risalire un pochino di liquido, alzate la fiamma al massimo e continuando a mescolare fate asciugare bene per un minuto scarso. Ps: questa ricetta è collaudatissima.. l’avevo provata anni fa ed è sempre andata bene, l’ho trovata in un libro di conserve, ho variato alcune cose e non cambio mai! http://www.diariodellamiacucina.com/2011/09/marmellata-di-cipollein-una-valle-di.html


Marmellata di fragole

Ingredienti: - 1 kg di fragole - 300 g di zucchero Io ho aggiunto la scorza di un limone

Preparazione: Lavate, asciugate e togliete il picciolo alle fragole. Tagliatele a pezzi e mettete tuttal la frutta in una terrina a macerare con lo zucchero per almeno 12 ore. Ponete sul fuoco e bollite fino a quando la marmellata non ha raggiunto la consistenza desiderata. Invasate e chiudere senza stringere troppo la capsula. Capovolgete i barattoli per almeno 10 minuti dopodichè raddrizzateli e lasciateli raffreddare completamente.

http://dolciricette.blogspot.it/2012/05/marmella ta-di-fragole.html

Cereali croccanti

Ingredienti: 3 tazze di corn flakes (se avete riso soffiato, avena ecc mixate il tutto) Una manciata di nocciole Una manciata di mandorle Qualche noce Una manciata di uvetta Un pezzetto di pera secca Un pezzetto di albicocca secca 100 gr miele 2 cucchiai di olio di semi Procedimento: Ho tritato grossolanamente le nocciole, le mandorle e le noci, ho tagliato a pezzetti la pera e l'albicocca ed ho mescolato il tutto con l'uvetta e i cereali. A parte ho mescolato 100 gr di miele di acacia con due cucchiai di olio di semi e l'ho scaldati qualche secondo al microonde, giusto per renderli più liquidi. Ho versato il miele sui cereali ed ho mescolato tutto quanto, in una teglia coperta di carta da forno, ho steso il composto, formando uno strato sottile ed ho infornato a forno caldo a 170° per mezz'ora, girando di tanto in tanto. Una volta tolti dal forno, vanno fatti freddare, spezzettati con le mani e messi in un contenitore ermetico, altrimenti l'umidità li renderà mosci e appiccicosi. Potete aggiungere la frutta secca.

http://violadicampagna.blogspot.it/2012/05/cerealicroccanti-da-colazione.html


Marmellatine di arance Home-made

Ingredienti 10 arance Zucchero (metà del peso delle arance sbucciate) 1 limone 1 mandarino Procedimento: Lavate bene le arance, sbucciatene 5 e tagliatene a pezzettini piccolissimi le scorzette, mettetele in una pentola, fatele bollire per qualche minuto e scolatele, ripetete questa operazione tre volte, in modo tale da eliminare tutto il sapore amaro. Dopodichè sbucciate tutte le arance rimanenti e tagliatele a pezzettini, aggiungete le scorzette, il mandarino e soltanto il succo del limone, a questo punto pesate il tutto (con 10 arance sarà circa 1kg e mezzo) e aggiungete lo zucchero. Accendete il fuoco e portate ad ebollizione, fate cuocere per circa 15 minuti, frullate rapidamente e per pochi secondi col minipimer e spegnete il fuoco. Riempite i barattoli, chiudeteli e capovolgeteli. Per creare il sottovuoto fate bollire i barattoli in una pentola capiente per 20 minuti, spegnete e attendete che si raffreddino all’interno della pentola stessa.

http://blog.giallozafferano.it/abbinirichi/marmellatine-di-arancehome-made-le-mie-bomboniere-di-laurea/


Nosugarella (crema di nocciole)

Marmellata di ciliegie

Ingredienti: 1 kg di ciliegie snocciolate 350 gr di fruttosio o 500 gr di zucchero 1 bustina di fruttapec 2:1

Ingredienti per 200 g: 100 g di nocciole 100 g di miele 2 porzioni burro di cacao Venchi 25 g di cacao latte q.b. 1 pizzico di sale (100 g di Nosugarella =42,5 g di carboidrati) Preparazione Aprire le nocciole e privarle anche della pellicina (1) e, se necessario, tostarle. Per tritarle molto finemente ho usato un macinacaffè (2). Mettere le nocciole tritate in una ciotola (3), vi accorgerete che le nocciole avranno già ceduto il loro olio naturale. Unire il cacao alle nocciole (4) e mescolare bene (5), poi unire il miele (6). Aggiungere poco alla volta il latte (7) fino ad ottenere la consistenza desiderata (8). Poi mettere sul fuoco e scaldare fino a far sciogliere le due porzioni di burro di cacao Venchi (9). Trasferire la crema in un contenitore e lasciare raffreddare. Si conserva in frigo per diversi giorni. Io l'ho assaggiata subito su un'ottima fetta di pane di semola! http://nsugarplease.blogspot.it/2012/06/nosugarel la.html

Esecuzione: Mettere le ciliegie in una pentola e unire il fruttosio o lo zucchero e il fruttapec e mescolare.Mettere sul fuoco e far bollire per almeno 3 minuti.Frullare la marmellata con un frullatore ad immersione cercando però di lasciare anche qualche frutto intero perchè così ci guadagniamo in gusto e aspetto. Mettere la marmellata ancora bella calda in vasetti di vetro sterilizzati,chiudere e capovolgere fino a che non si sono raffreddati.Si formerà così il sottovuoto necessario affinchè la marmellata si conservi a lungo. Io me la gusto principalmente a colazione,ma ha volte ci scappa anche qualche crostata o dolcetto.

http://passioniecucina.blogspot.it/2012/06/cupcake-e-marmellata.html


I Latticini


Burro...fatto in casa

Ingredienti: (per 200g di burro e 300ml di latticello)- 500 ml di panna da montare (meglio se quella fresca della centrale del latte) Preparazione: Versate la panna, fredda di frigorifero, in una ciotola (meglio se è alta) e iniziate a montarla. Quando la panna è montata, continuate a mescolare, sempre con le fruste. La panna diventerà sempre più densa, finchè "impazzirà" e comincerà a separarsi in due composti; uno più liquido, l'altro molto denso. Continuate finchè il composto più denso assumerà la colorazione e la consistenza tipica del burro. Quando vedrete che i grassi, ovvero il burro, rimarranno attaccati alle fruste, il vostro burro è pronto! Nella ciotola rimarrà un liquido chiamato "latticello". Prendete un panno pulitissimo, bagnatelo in acqua fredda e ponetelo in una vaschetta. Mettete il burro nel panno, strizzate per eliminare il latticello rimasto. Date una forma "a mattoncino" o "a salamino" al burro e lavatelo direttamente nel panno sotto l'acqua fresca. Strizzate bene. Togliete il panno e disponete il burro in una ciotola di vetro o di ceramica, chiudetela e conservate in frigorifero fino al momento di utilizzarlo. Consigli: - Questo burro fatto è ottimo per tutte le preparazioni, ma, per gustarlo al meglio, provatelo spalmato sul pane con la marmellata. - Potete aromatizzarlo con spezie e aromi e congelarlo per averlo sempre pronto. - Il latticello può essere usato nelle paste lievitate (al posto dell'acqua o di parte di essa) e rende le preparazioni particolarmente soffici e molto gustose. Usatelo anche per dolci da colazione ( tipo muffin). - Il latticello si conserva in un vasetto di vetro ben chiuso per 2 o 3 giorni in frigorifero o per 15 giorni nel congelatore.

http://dillo-cucinando.blogspot.it/2012/03/burrofatto-in-casa.html


Margarina casalinga

Ingredienti: 70 gr di olio di semi di mais 20 gr di acqua naturale 10 gr di lecitina di soia granulare Preparazione: Mettete tutti gli ingredienti nel bicchiere del minipimer ,azionate e frullate fino ad ottenere una consistenza simile ad una maionese compatta. Trasferite in un barattolino di vetro con tappo a vite. Ora potete, usarla mantenendo questa consistenza e conservandola in frigorifero, o come ho fatto io, non sapendo il tempo di durata in frigo, metterla nella parte superiore, in congelatore. Dopo 4 ore la consistenza era decisamente più compatta ma comunque spalmabile.

Il burro con il bimby

Ingredienti 500 g di panna fresca 100 g di acqua molto fredda Procedimento Versare la panna fresca nel boccale e montare 4 min vel 4. Versare l’acqua fredda e continuare 1 min. vel.4. Togliere e aiutandosi con le mani formare dei panetti. A questo punto aggiungere il sale se si vuole fare il burro salato oppure le erbette tritate se si vuole il burro aromatizzato da spalmare sui crostini. Mettere in acqua fredda per circa un’ora in frigorifero. Il burro è pronto…

http://blog.giallozafferano.it/cucinanonnavirgi/ 2012/06/burro-fatto-in-

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012 /02/margarina-casalinga.html

casa/?doing_wp_cron=1348158445.635931015 0146484375000


Mascarpone fatto in casa

Il mio Burrìc

Ingredienti: PANNA FRESCA (io ne ho usato quasi 1 litro e mezzo) SUCCO DI LIMONE (chiaramente io ho usato i miei limoni) Procedimento: Mettere in una pentola la panna e scaldarla, il procedimento vorrebbe a bagnomaria, ma io l'ho scaldata direttamente sul fuoco ma bassissimo. Poi bisognerebbe arrivare alla temperatura di 85/90° (però io non ho un termometro da cucina...sig sig purtroppo!) così l'ho portato fino quasi alla bollitura, un attimino prima ed ho iniziato ad aggiungere il succo di limone a gocce, piano piano, continuando a mescolare, fino a che la panna non diventa velata, simile ad una vellutata od una crema inglese. Dopodiché l'ho lasciata raffreddare. Poi ho preso una ciotola vi ho messo dentro un setaccio ricoperto di un canovaccio e vi ho messo il composto. Ho fatto raffreddare del tutto, l'ho ricoperto senza strizzare ed ho messo il tutto in frigorifero per 24 ore. E finalmente stasera ho guardato... ed assaggiato... ed ecco il mascarpone. http://paoladany.blogspot.it/2012/03/mas carpone-fatto-in-casa.html

Ingredienti: 250g di burro 500g di ricotta 250g di latte scremato (solo 100 se non si usa la lecitina) 6,5g di lecitina di soia in granuli biologica Procedimento: Portate tutto a temperatura ambiente. Sciogliere la lecitina nel latte con il frullatore ad immersione frullando fino a che non si è sciolto tutto. Ora unire anche il burro morbido e la ricotta e frullare per un paio di minuti. Dopodichè riempire con questo composto dei barattoli, chiuderli e metterli in frigorifero.

http://www.cucinaamoremio.com/2012/ 05/il-mio-burric.html


Panna Acida o Sour Cream o Crème Fraìche Ingredienti: 125 gr di panna fresca 125 gr di yogurt compatto greco (il Total della Fage) 5 gr di succo di limone Procedimento: -Unire la panna, lo yogurt e il succo di limone -Montarli con le fruste elettriche per 4-5 minuti, a velocità media -La crema sarà più densa di prima, coprirla e lasciarla riposare a temperatura ambiente per 24 ore prima di utilizzarla. Poi conservarla in frigorifero

http://dolcemente-salato.blogspot.it/2012/03/panna-acida-o-sour-cream-o-creme.html


Panna di soia

Ingredienti: 100 ml di latte di soia 200 ml di olio di semi di mais 2 cucchiaini di amido di mais

Sciogliete l'amido nel latte, versate tutto nel bicchiere del minipimer e iniziate a frullare alla massima velocitĂ  aggiungendo a filo l'olio. Continuate a frullare fino ad aver incorporato bene tutto l'olio al latte. A questo punto diverse versioni concludono la preparazione consigliando di lasciar riposare per far prendere consistenza. Personalmente ho preferito versare il tutto in un pentolino e portare su fiamma bassa mescolando con una frusta a mano fino ad ottenere una crema vellutata ma non troppo liquida. Non lasciate sul fuoco senza mescolare o si formeranno dei fastidiosi grumi difficili da eliminare in seguito, rischiando inoltre di farla attaccare al fondo. Una volta ottenuta quindi la giusta consistenza fluida, togliete dal fuoco e mescolate ancora pochi minuti sempre con la frusta, in modo energico. Versate in una ciotola e lasciate intiepidire mescolando di tanto in tanto.


La consistenza a questo punto sarĂ  ancora fluida, liscia ma non compatta.

Quando si è quasi raffreddata del tutto, trasferitela in una tazza... A questo punto lasciate raffreddare completamente in modo che prenda una bella consistenza compatta ma assolutamente morbida e scioglievole.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/02/panna-di-soia.html


Lo stracchino homemade

Ingredienti: 8 cucchiai di latte di soia 2 cucchiai rasi di farina 00 (mia scelta all'opzione dell'originale che indica in alternativa la farina di riso glutinoso) 1 cucchiaio colmo di amido di mais 1 cucchiaio di panna a base vegetale (nell'originale è specificato "panna di soia") 2 cucchiaini di succo di limone filtrato un pizzico di sale 2 cucchiai colmi di yogurt bianco naturale (nell'originale yogurt di soia naturale)

a fiamma bassissima e sempre mescolando velocemente con una frusta (non mollate mai il pentolino) dovete ottenere una crema densa e ben ferma. Ci vorranno pochissimi minuti. Spegnete e fate intiepidire. Unite lo yogurt e mescolate bene con un cucchiaio amalgamando il tutto. Aggiustate di sale, e se necessario aggiungete ancora qualche goccia di limone, ed ecco il vostro stracchino morbidissimo e cremosissimo. Mettete in un contenitore con coperchio e portate a riposo in frigo a raffreddare. Basta una mezz'oretta per poterlo portare orgogliosamente in tavola.

NOTA: Questa versione prevede il latte di soia, ma se provate con il latte vaccino, fatemi sapere il vostro risultato.

Preparazione: Spremete un limone,filtrate il succo ottenuto con un piccolo colino a maglia strettissima. In una casseruolina d'acciaio o in pentolino antiaderente, sciogliete nel latte freddo la farina e l'amido, mescolate bene per eliminare eventuali grumi. Ora, sempre a freddo, aggiungete la panna, un pizzico di sale, e il limone. Amalgamate bene tutto facendo sciogliere gli ingredienti. Portate sul fuoco

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/05/qu alche-ricetta-per-una-raccolta-tutta.html


Mozzarella home made

Ingredienti: 2 cucchiaini abbondanti di fecola 6 cucchiai di latte intero (nell’originale latte di soia) 1 cucchiaio colmo di panna di soia 1 cucchiaino di margarina (nell’originale burro di soia) 3 cucchiai colmi di yogurt bianco intero (nell’originale yogurt di soia) sale qb

Procedimento: Passate l’interno di una ciotolina ( io ne ho usata una in ceramica) con carta da cucina leggermente unta d’olio e tenetela da parte. In un pentolino, fate sciogliere molto bene a freddo la fecola nel latte, attenzione a non lasciare grumi,per questi passaggi e finchè non vi indicherò diversamente, usate una frusta a mano, aggiungete la panna, un pizzico di sale e la margarina. Portate sul fuoco a fiamma bassissima e mescolate molto bene facendo sempre attenzione a non formare grumi. Appena inizia a raggiungere una leggera cremosità, togliete dal fuoco e aggiungete lo yogurt. Mescolate bene, rimettete sul fuoco sempre a fiamma bassa. Da questo momento, mescolate sempre con la frusta per 10-15 minuti finchè il composto non inizierà a diventare filamentoso. A quel punto passate a mescolare con un cucchiaio di legno finchè l’impasto inizierà a staccarsi leggermente dal bordo e dal fondo del pentolino e tenderà a compattarsi. A questo punto, trasferite tutto nella ciotolina precedentemente unta e tenuta da parte, fate raffreddare a temperatura ambiente e successivamente mettete in frigorifero per almeno 6/8 ore. Nelle foto successive potete vedere la consistenza elastica che avrà preso l’impasto.. Trascorso il tempo in frigorifero, tirate fuori la ciotolina, ungetevi leggermente le mani e capovolgendola delicatamente aiutatevi con le dita a staccare la vostra mozzarella dai bordi. Fatela cadere sul palmo della mano e date una forma leggermente tondeggiante. Appoggiatela su di un piattino e ….. pronta!!! http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/05/qualche-ricetta-per-una-raccolta-tutta.html


Philadelphia home-made

Ingredienti: per ottenere 85 gr di philadelphia 250 gr di yogurt bianco naturale intero non dolce (io ho usato Conad) Un cucchiaino da caffè raso scarso di sale Vi serviranno inoltre: Una ciotola alta dove far colare il siero per 24 ore Un pentolino dove mescolare sale e yogurt Un canovaccio pulito e non profumato, a trama non troppo spessa Uno spago o un laccio Si fa così: Rivestite la ciotola alta con il canovaccio, come vedete qui sopra in foto. Versate lo yogurt nel pentolino e unite il sale. Mescolate facendo sciogliere il sale nello yogurt, poi versate tutto nella ciotola alta rivestita precedentemente. Chiudete i lembi e solevate il canovaccio con dentro lo yogurt legandolo come fosse una caciotta. Vedrete che inizierà subito a gocciolare, questo è l’effetto del sale che fa separare il siero dallo yogurt. Fate un bel nodo stretto e un anello, in modo che possiate sollevarlo con un gancio (io ne ho usato uno di metallo) e mantenerlo sospeso senza farlo toccare sul fondo. L’ho messo a riposo per le 24 ore, in un angolo del lavandino, ma sarete voi a trovare il posto migliore nella vostra cucina in base allo spazio che avete a disposizione. Potete anche legare una forchetta o un coltello e appoggiarlo trasversalmente sul bordo della ciotola, ma anche in questo sarete voi a regolarvi per la scelta del metodo di sospensione.Trascorse le 24 ore prendete il vostro canovaccio e strizzatelo molto delicatamente per fargli rilasciare eventuale siero rimasto. Appoggiatelo su un piattino e tagliate lo spago. Aprite e….. voilà, il vostro philadelphia è pronto!! Trasferitelo con un cucchiaino in una ciotolina che abbia anche un tappo di chiusura in modo da mantenerlo freschissimo. La consistenza e il sapore sono identici al philadelphia in commercio. Provatelo assolutamente!!!

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/05/qualche-ricetta-per-una-raccolta-tutta.html


Ricotta fatta in casa

ingredienti xcirca 300 gr: 2 litri di latte (meglio il latte fresco intero,

ma io ho utilizzato UHT scremato ed è venuta bene lo stesso) 4 cucchiai d succo di limone 1 cucchiaino da caffè di sale

Si versano il latte ed il sale in una casseruola e si riscalda fin quasi all'ebollizione, ovvero quando inizia a fremere. Nel frattempo ogni tanto mescolare per evitare che si formi il "velo". Appena il latte è pronto, ovvero raggiunge quasi l'ebollizione, versarvi dentro il succo di limone e mescolare per qualche minuto. In questo modo il latte inizierà a cagliare ed il siero (colore giallo-verdastro limpido) si separerà dai grumi.

Far raffreddare la ricotta fuori dal frigo e lasciarla sgocciolare ancora, indi trasferirla in frigo fino al suo consumo che dev'essere in giornata. Se la si preferisce più morbida

occorre scolarla di meno e conservarla in frigo con un pò del suo siero. Dopo circa 2 ore e mezza (tra preparazione, raffreddamento e riposo) ecco il risultato:

Il risultato di quest'operazione si può osservare nella foto n°1.

A questo punto, con l'aiuto di un mestolo, filtrare il composto in un colino a maglie sottili, schiacciare leggermente con un cucchiaio (ma non troppo per evitare che la ricotta venga troppo secca) per far separare il siero in eccesso (foto n°2), indi versare in una fascella per ricotta (foto n°3).

Io la mangio schiacciata e condita con sale, erba cipollina, poco aglio (in polvere) ed olio evo.

http://lunanerazzurra.blogspot.it/2009/04 /ricotta-fatta-in-casa.html


Yogurt fatto in casa

Ingredienti: per ottenere la consistenza che vedete in queste foto 1/2 litro di latte parzialmente scremato 1/2 litro di latte intero 1 vasetto di yogurt naturale intero da 150 gr Mescolate in una ciotola lo yogurt con il latte, facendolo sciogliere completamente. Io ho eseguito questa operazione con una frusta a mano. Riempite i vasetti della yogurtiera, che devono essere puliti, asciutti e sterilizzati, potete fare questa operazione in lavastoviglie o facendoli bollire. Una volta riempiti, avvitateli e disponeteli nella yogurtiera.

Procedimento: Coprite con il coperchio e accendetela. Lasciate a riposo accesa per 12 ore e in questo lasso di tempo non muovetela o spostatela per non compromettere il risultato finale. Trascorse le 12 ore, spegnete

e togliete il coperchio. Lasciate raffreddare i vasetti e una volta freddi metteteli in frigorifero. La conservazione non dovrebbe durare più di qualche giorno, come la maggior parte delle autoproduzioni la deperibilità è maggiore rispetto a prodotti con conservanti. Potete usare lo yogurt in tutte le vostre ricette, a partire dalla colazione, aggiungendo semplicemente dei cereali o unendolo agli ingredienti delle vostre torte.... Il risparmio economico come vedete è notevole, da un solo yogurt e 1 litro di latte, otterrete 7 vasetti da 150 gr di prodotto. Se volete produrre una quantità minore di yogurt (ad esempio solo 3 vasetti) potete farlo, basta riempire gli altri 4 con semplice acqua e procedere allo stesso modo descritto per la preparazione dei 7 vasetti. Questo è solo il primo esperimento, sono decisissima a continuare per testare altre varianti.... La consistenza la lascio giudicare a voi dalle foto...

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/02/yogurt-fatto-in-casa.html


Yogurt greco fatto in casa

Bello compatto e sodo, proprio come il il più famoso e meno economico yogurt che trovate al supermercato.

La prova cucchiaino non mente mai!!!

Ingredienti: (in questo caso ho usato 3 vasetti da 150 gr di yogurt autoprodotto) yogurt naturale intero (la quantità che volete) Non vi servirà altro ingrediente!!! In una ciotola alta mettete un tovagliolo bianco di cotone non troppo spesso, fermatelo ai bordi con delle mollette da bucato in modo che resti sollevato dal fondo e versate lo yogurt. Legate i quattro angoli del tovagliolo e mette il vostro fagotto sospeso a gocciolare per tutta la notte. Potete sistemarlo con un cucchiaio di legno sospeso sul lavandino, in un colino appoggiato sopra la ciotola, insomma ingegnatevi da sole, l'importante è che il fagotto non tocchi il fondo e resti ben distante dal siero che perderà con il passare delle ore. La mattina dopo aprite i fagotto e con un cucchiaio prelevate il vostro yogurt greco fresco fresco, trasferitelo in un contenitore di vetro a chiusura ermetica.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012 /02/yogurt-greco-me-lo-faccio-incasa.html


Latte al cocco

Come aprire la noce di cocco Procurarsi una noce di cocco facendo attenzione che sia pesante e che scuotendola si senta bene il liquido all'interno, aprirla bucando prima con un cacciavite e qualche colpetto di martello sulle tre fossette che si trovano in una delle estremità, versare il liquido che vi è al suo interno in un in una caraffa millimetrata, filtrandolo e mettendolo da parte. Tenendo la noce ferma, date dei colpetti al centro nella parte più bombata rigirandola su tutti i lati e vedrete che si creperà così da aprirsi. Sollevare la polpa facendo pressione sotto alla stessa. La potete conservare per più giorni tenendola in frigorifero sommersa d'acqua, ma anche se la usate nell'immediato tenetela in ammollo così che la pellicina marrone rimarrà morbida, e potrete toglierla pelandola con un coltello. Ora potrete grattugiare i pezzi pelati, a mano o con un robot che abbia la funzione grattugia. Prendete il liquido messo da parte e aggiungetevi tanta acqua quanta ne serve a raggiungere mezzo litro in tutto, versate in una casseruola e portate a bollore, versatelo bollente nella ciotola dove avete messo precedentemente il cocco grattugiato, coprite e lasciate da parte finchè raffredderà. Prendete poi un panno o un tovagliolo pulito di cotone fino e appoggiatelo in un colino sistemato su un recipiente, scolate il cocco con un mestolo forato e mettetelo nel panno, ora chiudendo strizzatelo ben stretto sopra il recipiente che raccoglierà il latte, ne otterrete poco meno di 500 ml. poi conservatelo in frigo, dove può rimanere per qualche giorno tranquillamente. Dopo qualche ora comunque, lo troverete così, con uno strato solidificato sopra ( che io ho rotto per mostrarvelo) e il liquido sotto, avremo così sia il latte che il burro di cocco che di solito per il loro uso si mescolano insieme. Io ho usato il latte per una ricetta salata e il cocco grattugiato per una dolce.........prossimamente su questi schermi. Mettetevi alla prova, vi divertirete. http://viaggiarecomemangiare.blogspot.it/2012/03/latte-di-cocco-home-made.html


Latte di mandorle e "parmigiano" vegan

Ingredienti: per 500 ml di latte 100 gr di mandorle sgusciate 600 ml di acqua naturale per il "parmigiano" vegan: okara di mandorle sale pepe Procedimento: La sera prima mettete in ammollo le mandorle in una ciotola, coperte di acqua a temperatura ambiente. Il giorno seguente dovrete spellare le mandorle, operazione che risulterĂ  semplicissima. Mettete le mandorle spellate nel bicchiere del minipimer e aggiungete 600 ml di acqua naturale. Accendete il turbo e frullate tutto ottenendo un latte bianchissimo che andrete a filtrare con una garza o un canovaccio pulitissimo, lavato senza detersivi o ammorbidenti profumati, (tenetene uno o due da parte per queste operazioni e per lavarlo fatelo semplicemente bollire in acqua). Ponete la garza o il canovaccio all'interno di un colino a maglie fittissime e versate il latte frullato. Mescolate delicatamente con un cucchiaio lasciando colare tutto il latte all'interno di un contenitore. A questo punto avete ottenuto il vostro naturalissimo latte di mandorle che imbottigliato, si conserverĂ  in frigo per due o tre giorni. Trasferite l'okara in una ciotola, aggiungetevi un cucchiaino di sale e un pizzico di pepe nero, ed ecco dell'ottimo "parmigiano" vegan molto versatile. Perfetto sulla pasta, con le verdure spadellate, nella minestra....

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/05/latte-di-mandorle-e-parmigiano-vegan.html


Latte di soia fatta in casa

Ingredienti: per 2 lt e 1/2 di latte 200 gr di soia gialla Acqua Attrezzatura: Pentola in acciaio alta e capiente Minipimer Bottiglie da litro pulitissime Imbuto Passino a maglie fittissime o colapasta a buchi molto piccoli Telo bianco in tessuto a trama fitta Insalatiere o ciotole capienti Procedimento: La sera prima, mettete in ammollo la soia in 2 litri d'acqua pulitissima. Al mattino scicquare la soia sotto acqua corrente e trasferirla in una pentola alta con poco più di tre litri d'acqua e mettere sul fuoco a far intiepidire. Spegnete la fiamma e frullate tutto direttamente nella pentola, con un frullatore ad immersione fino a ridurla in piccolissime briciole. Rimettete sul fuoco e riaccendete la fiamma portando a bollore. In questa fase fate molta attenzione, mescolando spesso per non far attaccare il fondo. La soia tende a fare schiuma proprio come il latte vaccino quando bolle, quindi fate attenzione che non fuoriesca dalla

pentola, abbassando la fiamma prontamente. Una volta giunta ad ebollizione, quando avrà raggiunto il bordo della pentola, spegnete. A questo punto, colate tutto filtrando in una grande ciotola (o due, se non l'avete abbastanza capiente, come ho fatto io) e lasciatela raffreddare. Versate la poltiglia rimasta (okara) in un telo bianco pulitissimo e strizzate bene bene, poi trasferite l'okara in una ciotola a parte. Una volta fredda, trasferitela nelle bottiglie filtrando nuovamente, in questo modo: Mettete un imbuto nella bottiglia e sopra un colino a maglie fittissime. Versate un mestolo alla volta fino a riempire la bottiglia. Ponete immediatamente in frigorifero, possibilmente nella parte più alta e consumate entro 4 o 5 giorni. Il sapore è decisamente più leggero, diverso dal prodotto acquistato al supermercato, proprio perchè non ci sono aggiunte di zuccheri o altri ingredienti per la conservazione.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/05/qu alche-ricetta-per-una-raccolta-tutta.html


La Panificazione


Il mio lievito madre

Una cosa importante è l’uso della farina, cioè io ho usato la farina 00 perchè sarà quella che poi userò nei miei impasti successivi. La farina da usare deve essere sempre la stessa, e non cambiatela di rinfresco in rinfresco altrimenti il lievito non verrà bene. 1° GIORNO Preparate l’impasto base di partenza impastando 200 gr di farina con 100 ml di acqua ed 1 cucchiaio di miele. Lavorate bene, deve risultare una palla di impasto abbastanza sodo. Mettetelo in un contenitore non troppo largo in modo che la pasta cresca verso l’alto coperto con pellicola trasparente e lasciatelo riposare in un angolo della cucina per 3 giorni senza toccarlo. AL TERMINE DEL 3° GIORNO Durante i tre giorni che dovrà riposare vedrete che inizierà a gonfiare formando all’interno delle leggere alveolature. Questo significa che il processo sta prendendo il via. Naturalmente ancora non è lievito, quindi sentirete un odore acido, non vi preoccupate, è normale, in quanto la pasta dovrà inacidire nei primi passaggi. Prendete 100 gr della pasta acida che avete ottenuto (il resto lo dovrete buttare via) impastate ed ottenete un panetto omogeneo che metterete di nuovo nel contenitore coperto di pellicola. Lasciatelo riposare per 24 ore. DAL 4° GIORNO AL 8° GIORNO Durante questi giorni tutte le sere dovrete fare quello che vi ho descritto al passaggio precedente, cioè prendere 100 gr di lievito, aggiungervi 200 gr di farina e 100 ml di acqua,

impastare, coprire con la pellicola e lasciar riposare per 24 ore. Vedrete che piano piano il vostro lievito prenderà vita! DALL’ 8° GIORNO AL 15° GIORNO Durante questi giorni dovrete aumentare il numero di rinfreschi, infatti lo dovrete rinfrescare sia la mattina che la sera, procedendo sempre nello stesso modo dei giorni precedenti cioè prendendo 100 gr di lievito aggiungete 200 gr di farina e 100 ml di acqua, impastate coprite con la pellicola. In questo modo darete forza al vostro lievito. Vedrete che piano piano l’odore di acido se ne andrà e sentirete l’odore del lievito. In questa fase dovrete arrivare al punto che il lievito riesca a raddoppiare di volume nel giro di 4 – 5 ore. A questo punto il lievito madre è pronto e potete iniziare ad usarlo nella quantità di 250 gr su 1 Kg di farina. Naturalmente poi voi unirete tutti gli ingredienti necessari a preparare ciò che desiderate!! Per conservare il lievito madre dovrete metterlo in un barattolo di vetro abbastanza capiente (visto che con la lievitazione aumenta di volume) e conservarlo in frigo. Una volta a settimana dovrete rinfrescarlo, cioè ne dovrete prendere una parte ed aggiungere la stessa quantità di acqua ed il doppio di farina, ad esempio io rinfresco sempre 250 gr di lievito madre aggiungendo 250 ml di acqua e 500 gr di farina. Lo dovrete rimettere nel barattolo di vedtro ben chiuso e conservarlo in frigo. In questo modo si rinnova tutte le settimane e non vi morirà!! Spero di esservi stata utile e chiara nelle spiegazioni, ma se avete dei dubbi chiedetemi pure senza problemi! Nel caso in cui doveste preparare un impasto in cui è presente una farina diversa dalla 00 usata per fare il lievito 3 – 4 giorni prima dovrete far sì che il lievito si abitui alla novità nel senso che prenderete 100 gr di lievito madre, aggiungerete sempre 100 ml di acqua e 200 di farina, ma questa volta non farina 00 ma quella che dovrete usare nell’impasto. Durante questi giorni continuate a rinfrescare due volte al giorno in questo modo. Alla fine avrete il nuovo lievito a base della nuova farina da poter usare. I batteri così facendo si abituano al cambiamento e la lievitazione del vostro impasto non avrà problemi. http://blog.giallozafferano.it/cucinalaura/il-miolievito-madre/


Filoncini croccanti homemade

Mercoledi ore 09:30 (quindi dopo 16 ore) Riprendere la pasta che a questo punto si presenterà come un blob esteso dalla superficie ricoperta di tantissime bollicine (effetto della fermentazione). Cospargere il piano di lavoro con abbondante semola e lasciar cadere l'impasto con l'aiuto di una spatola. Infarinare per bene le mani, raccogliere un lembo di pasta e portarlo al centro, fare la stessa cosa con gli altri 3 lati dell'impasto. Appoggiarlo su un canovaccio da cucina pulito, cosparso con tantissima semola, poggiarlo con le pieghe sotto. Pennellare l'impasto con olio e un pò di sale grosso. Chiudere il canovaccio a fagotto e lasciar riposare l'impasto per 2 ore. Ore 11:15 Accendere il forno a 250° (modalità statica)

Ingredienti: 455 gr di farina manitoba d'America (ho usato la Molino Spadoni) 350 gr di acqua a temperatura ambiente (12-18°) 1 gr di lievito di birra secco (che corrisponde a 3 gr di lievito fresco) 5 gr di sale fino 3 gr di zucchero Olio extravergine d'oliva Dante Sale grosso Farina di semola Procedimento: Martedi ore 17:30 Sciogliere in una ciotolina il lievito con un filo d'acqua appena scaldata (acqua presa dal totale previsto) e lo zucchero, lasciarlo attivare 2-3 minuti. In una ciotola capiente versare la farina, salare e unire al centro il composto di lievito e l'acqua. Mescolare con un cucchiaio di legno per amalgamare gli ingredienti, basterà un minuto. Il composto risulterà appiccicoso e non uniforme, insomma idratato. Coprire la ciotola con un sacchetto di plastica e mettere a lievitare dentro il forno chiuso e spento. Dimenticarlo fino all'indomani.

Ore 11:30 Aprire il canovaccio ritrovando l'impasto ben lievitato e compatto. Con una spatola dividerlo in 4 parti (meglio 3). Allungare ogni parte tenendo ben ferme le estremità. Adagiarle su una teglia antiaderente leggermente oliata. Pennellare nuovamente olio e sale grosso. Cuocere a 250° per 25 minuti facendo dorare la superficie sotto il grill.

http://dolcementesalato.blogspot.it/2012/01/filoncini-croccantihomemade-il-pane.html


Focaccine profumate

Ingredienti per 12 focaccine 500 gr di farina 00 (io Molino Rosignoli) 12 gr di sale fino 25 gr di lievito di birra fresco 2 bicchieri di acqua tiepida (circa) Salvia Porro Pepe nero Olio evo Parmigiano grattugiato Procedimento: Mescolate la farina con il sale e aggiungete subito 2 cucchiai di olio evo. Iniziate a impastare e versate prima il lievito sciolto in 100 ml di acqua tiepida. Versate altra acqua poco per volta fino a quando l’impasto diventerà liscio. Lasciatelo lievitare per 2 ore in una ciotola di vetro coperta con la pellicola (se l’ambiente è tanto caldo, basta 1 ora e mezza). Prendete una teglia (io ho usato quella per i muffin con il diametro grande), ungete bene il fondo e mettete l’impasto dividendolo in 12 parti uguali. Lasciate lievitare ancora per 1 ora, premete leggermente con le dita e mettete nella superficie di 3 il pepe macinato, in 3 il porro tagliato sottile, in altri 3 la salvia spezzettata e negli ultimi un cucchiaio di parmigiano, condite con un filo di olio e infornate a 190° per 25 minuti (regolatevi sempre in base al vostro forno). Sfornate e servite calde o fredde. http://www.diariodellamiacucina.com/2011/11/focaccine-profumate.html


Grissini di lievito madre alle olive Ingredienti: 300g di farina 0 200g di lievito madre 2 cucchiai di olio evo 1 cucchiaio di sale 1 cucchiaino di aghi di rosmarino olive nere di Gaeta Acqua qb pepe nero

Preparazione: Cominciamo subito dal lievito madre...scioglietelo...anzi ammorbiditelo con un po d'acqua, quindi aggiungete il sale, l'olio e poco per volta la farina e ancora acqua fino ad ottenere un impasto morbido, ma non appiccicoso...a questo punto aggiungete il rosmarino tritato, le olive denocciolate e divise a metà e una generosa macinata di pepe nero, impastate ancora fino ad incorporare bene tutti gli ingredienti. Preriscaldate il forno a 200° e preparate 2 placche coperte di carta forno e spolverate con un po di semola, quindi rovesciate l'impasto sulla spianatoia, dividetelo in pezzi e formate dei grissini lunghi e sottili, adagiateli sulla placca e continuate fino a finire l'impasto. Infornate e cuocete per circa 15 minuti...o fino a che non siano ben cotti e colorati, lasciateli raffreddare completamente prima di mangiarli. Come avete visto dagli ingredienti io non ho messo la quantità delle olive, perchè molto dipende da quanto sono saporite, per questo regolatevi voi, in base al sapore delle olive :) http://gretascorner.blogspot.it/2012/05/grissini-di-lievito-madre-alle-olive.html


Pancarrè semintegrale Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba 200 gr di farina integrale 250 gr di acqua a temperatura ambiente o solo leggermente tiepida 30 gr di olio di semi di mais 2 cucchiaini di miele d'acacia 10 gr di sale fino 1 bustina di lievito di birra secco 2 cucchiaini di zucchero 2 cucchiai di latte di soia Procedimento: Miscelate le due farine con il lievito, lo zucchero e il miele. Versate tutto nel mixer con montati i ganci d'impasto e azionate alla media velocità. Aggiungete gradualmente l'acqua e quando siete a metà impasto anche il sale e l'olio. Unite due cucchiai di latte per ammorbidirlo un pochino e continuate ad impastare per altri 10 minuti. Trasferite tutto su un piano infarinato con la Manitoba e continuate ad impastare con le mani fino ad ottenere una consistenza d'impasto morbida e non appiccicosa. Tutto questo procedimento, può essere fatto naturalmente tutto a mano se non di dispone di un mixer. Formate una palla e mettete a lievitare in una ciotola alta unta d'olio coperto da un canovaccio per circa 1 ora. Versate sul piano leggermente infarinato e sgonfiate l'impasto senza lavorarlo. Stendete con il mattarello un rettangolo e arrotolatelo verso di voi dalla parte più larga, esattamente come nelle foto della ricetta del pancarrè classico. Mettelo nello stampo da plumcake rivestito di carta forno e fate lievitare nuovamente per altri 20 minuti. Nel frattempo accendete il forno e portatelo a 200°C. Infornate statico per 25-30 minuti, poi abbassate a 180°C coprendolo con carta alluminio e continuando la cottura per altri 10 minuti. Sfornate e lasciate raffredare fuori dal forno su una griglia fredda prima di affettare.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/06/pancarre-semintegrale.html


Pane carasau homemade

Ingredienti: 200 gr. Di farina di grano duro 10 gr.di lievito Sale Zucchero Origano Acqua tiepida Procedimento: Versare il lievito al centro della farina e mescolare aggiungere 1 cucchiaino di zucchero (ma la prossima volta non ce lo metto) 1 cucchiaino di sale origano e impastare aggiungendo acqua tiepida fino a formare un bell'impasto. Mettere a lievitare per un'ora. Al termine formare circa 6 palline e stendere ognuna in un impasto sottile sottile. Mettere in forno caldo a 230° nel ripiano al centro e cuocere 3 minuti da una parte ed 1 minuto circa dall'altra.

Pan Carrè casalingo

Ingredienti: 200 g. di farina Manitoba 200 g. di farina 00 240 g. di latte parzialmente scremato ½ cubetto di lievito di birra 50 g. di olio di semi 16 g. di zucchero 8 g. di sale fino Preparazione: Mettere il latte, lo zucchero, l’olio e il lievito sbriciolato nel robot da cucina, inserire le due farine e infine il sale. Lavorare il composto fino a farlo diventare omogeneo, mettere in un contenitore al riparo da correnti e lasciarlo lievitare fino al raddoppio, (mettere l’impasto nel forno spento con la luce accesa crea il clima ideale per la lievitazione…). Travasare l’impasto in uno stampo da plum cake di 30 cm. foderato con carta forno, livellarlo bene e far lievitare ancora per circa un’ora e mezza. Cuocere in forno preriscaldato per circa 30 minuti fino a quando il pan carrè non risulta dorato. Preparazione “macchina del pane”: Inserire prima i liquidi , lo zucchero e il lievito, le farine e infine il sale. Programma : pane classico (dura circa tre ore…) Peso: 500 g. Cottura : media ( a me piace chiaro) Anche in questo caso il nostro pan carrè sarà perfetto!

http://merincucina.blogspot.it/2012/01/profumo -di-pane-gli-ingredienti-200-gr.html

http://blog.giallozafferano.it/apanciapiena/pan-carrecasalingo


Pane di semola

Ingredienti: 600 gr di semola rimacinata di grano duro 1/2 panetto di lievito di birra (circa 13 gr) circa 400 ml d'acqua tiepida 1 cucchiaino di zucchero 10 gr di sale. Procedimento: Mescoliamo farina, sale e zucchero. Sciogliamo il lievito nell'acqua e uniamo poi tutto alla farina. Lavoriamo l'impasto per circa 10 minuti, poi mettiamolo a lievitare per almeno 1 ora e mezzo. Trascorso questo tempo rimanipoliamo la pasta e formiamo due pagnotte che rimetteremo a lievitare su una teglia infarinata finchè non saranno raddoppiate di volume coperte con un canovaccio pulito e asciutto. Intanto accendiamo il forno a 220°C. Quando le nostre pagnotte saranno pronte eseguiamo un taglio longitudinale con un coltello profondo circa 2 cm, poi inforniamo. Dopo 15 minuti abbassiamo la temperatura a 180°C e terminiamo la cottura. Sforniamo e lasciamo intiepidire. Questo tipo di pane si sposa benissimo con il salame o la mortadella. http://roberta-la-mia-cucina.blogspot.it/2012/04/come-fare-pane-se-ci-sono-riuscita-io.html


Panini di farro al curry

Ingredienti: 1 bustina di lievito secco per pane, 350g farina O, 150g farina di farro, 300ml acqua, 10g zucchero, 10g sale, 10ml olio, 1 cucchiaio di curry in polvere Procedimento: Inserire nella macchina del pane il lievito con le farine, l'acqua, zucchero, sale, l'olio e il curry; impostare il programma di solo impasto, della durata di 1 ora e 30 minuti. Prelevare l'impasto e dividerlo in 10 parti di uguale peso. Formare tante palline, pizzicarle nei 4 angoli e porre i panini su na teglia rivestita di cartaforno, distanziati. Mettere a lievitare in forno già caldo a 50°, spento e con lo sportello chiuso, per 40 minuti. Cuocere i panini in forno già caldo a 200° per 15 minuti.

http://atuttacucina.blogspot.it/2012/05/pani ni-di-farro-al-curry.html

Streghe emiliane

Ingredienti: 400 gr di farina Pizza Molini Rosignoli 250 gr di acqua tiepida 20 gr. di lievito di birra 50 gr di strutto 15 gr di sale fino olio extravergine di oliva Dante sale della ditta Tec-Al (sopra) Procedimento: Mettere tutti gli ingredienti nell’impastatrice e lavorarla per circa 10-15 minuti.Chi vuole fare l’impasto a mano lavorare l’impasto come per la pizza e battetela nella spianatoia molte volte .Lasciarla lievitare 50 minuti poi prendete dei piccoli pezzi d’impasto e spianatela sottile con il matterello e tagliatela con la rondellina a rombi.Lasciateli riposare ancora un quarto d’ora nella teglia da forno unta d’olio ,dovete con un pennello ungere sopra i pezzetti di pasta mettendoci poi qualche granello di sale Tecal.Infornare per 10-12 minuti a circa 200 gradi.Vedrete che bel risultato delle belle e gonfi rombetti !!Vi rassicuro però che non tutte le streghine si gonfiano ma sono appetitose ugualmente! http://blog.giallozafferano.it/lauraricette/streghe -laura-in-cucina/


Piadina al rosmarino Ingredienti per 8 piadine -200 gr di farina 00 -100 gr di latte -Un pizzico di sale -1/2 bustina di lievito per torte salate -1 cucchiaio e mezzo di --olio d’oliva -Un rametto di rosmarino

Procedimento: Tritate il rosmarino finemente e mescolatelo in una ciotola con la farina, il sale, il lievito. Aggiungete l’olio e il latte e impastate. Fatelo riposare per mezz’ora, infarinate la spianatoia e dividete l’impasto in 8 parti. Formate delle palline, stendetele con il mattarello ottenendo una sfoglia sottile, scaldate una padella antiaderente e appena e calda mettete una piadina per volta. Appena vedete delle bolle che si formano nella superficie, giratela e fatela cuocere per pochi minuti. Proseguite fino a quando saranno tutte pronte e servitele.

http://www.diariodellamiacucina.com/2012/04/piadina-al-rosmarino.html


Taralli

Ingredienti (per circa 100 taralli): 500 gr di farina 00 dolci e sfoglie Rosignoli Molini 160 ml di vino bianco secco 160 ml di olio extravergine d'oliva 1 cucchiaino di sale fino A piacere potete aromatizzarli con semi di finocchio, pepe, olive, rosmarino... Procedimento: Prendete una ciotola capiente e versatevi la farina a fontana. Unite il vino, l'olio e il sale e iniziate ad impastare dal centro incorporando piano piano la farina dai lati. Quando l'impasto inizia a prendere consistenza trasferitelo su una spianatoia e lavoratelo energicamente per almeno 10/15 minuti. Fate riposare la pasta per almeno un quarto d'ora coprendola con un canovaccio pulito. Create tanti piccoli cilindretti di pasta lunghi circa 8/10 cm e spessi circa 1 cm e chiudeteli a cerchio schiacciando con le dita sul punto di unione. Fate bollire dell'acqua salata e bollite i taralli un pò alla volta, quando vengono a galla (ci mettono pochi minuti) scolateli con una schiumarola e disponeteli ad asciugare su un canovaccio pulito. Scaldate il forno a 200°, disponete i taralli su una teglia rivestita di carta da forno e infornate a forno ventilato per 15 minuti circa, o fino a che i taralli non assumeranno il tipico colore dorato che li caratterizza. Se non avete il forno ventilato la cottura sarà un po' più lunga, 25/30 minuti circa, ma non temete, vengono comunque buonissimi! La cosa più importante è controllare il colore. Sfornateli e fateli raffreddare, dopo di che condivideteli con gli amici ;) http://www.spadellatissima.com/2012/05/taralli.html

Panini morbidissimi

Ingredienti per 10 panini: 500gr di farina oo 250ml di acqua 125gr di stracchino 1 cubetto di lievito di birra 2 cucchiai di olio 2 cucchiaini di sale Procedimento: Fate intiepidire appena l’acqua e sciogliervi il lievito di birra. Aggiungete in una ciotola la farina,l’olio,lo stracchino,il sale e infine il lievito con acqua ed impastate energicamente per 10 minuti. Se occorre, mettete altra farina per rendere l’impasto bello sodo. Copritelo con un canovaccio e lasciatelo lievitare fino al raddoppio(1 oretta). Riprendete l’impasto e dividetelo in panetti da 100gr l’uno. Allungate ogni panetto formando una striscia. Arrotolatela formando un salsicciotto. Coprite i panini e fateli riposare per altri 30 minuti. Riscaldate il forno a 160°..tagliate con un coltello la superficie dei panini..metteteli sulla carta forno e fateli cuocere per 40 minuti.

http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ricettapanini-morbidissimi/


Vol au vent

Per la pasta sfoglia: 500 gr di farina 100 gr di manitoba 8 gr di zucchero – 15 gr di sale 75 gr di margarina 275 gr d’acqua 500 gr di margarina 100 gr di farina Impastare tutti gli ingredienti per circa 15 minuti, finchè non si sarà formata una palla liscia ed omogenea, incartarla nella pellicola e farla riposare 1 ora in frigorifero. Nel frattempo preparare la margarina per fare le pieghe, impastare 500 gr di margarina morbida tagliata a pezzi con 100 gr di farina finchè non si sarà amalgamata bene, mi raccomando non usate il burro perchè la pasta sfoglia prenderebbe un sapore troppo forte di burro, lo dico perchè l’ho fatto, non è buona! Stendere la margarina in un rettangolo di circa 8 mm di altezza, aiutatevi con la farina, non deve risultare appiccicoso. A questo punto prendere l’impasto dal frigorifero, stenderlo in un rettangolo più grande di quello della margarina, anche questo però non troppo fine, sempre 8 mm circa e mettere al centro la margarina. Avvolgere la margarina con l’impasto. Adesso stendere di nuovo l’impasto nel senso orizzontale, se c’è bisogno mettere un po’ di farina sull’impasto. Fare un piega a 3, girare l’impasto di 90°, stenderlo nuovamente e fare una piega a 4. Far riposare l’impasto per 30 minuti e ripetere la piega a 3 e la piega a 4, dopo di che la pasta sfoglia è pronta, prima di usarla farla riposare un paio d’ore. Conservarla in frigorifero avvolta nella pellicola, si mantiene 4-5 giorni, può essere anche congelata. Per i Vol au vent Ingredienti: Pasta sfoglia Pomodori ciliegini Mozzarella Olio, sale e basilico Stendere la pasta sfoglia spessa circa 8 mm, con uno stampino tondo tagliare la pasta e con uno tondo più piccolo fare il buco al centro. Stendere la pasta avanzata spessa circa 3 mm, bucherellarla con una forchetta e ricavarne dei dischetti che saranno la base dei nostri vol au vent. Bagnare i dischetti sul bordo esterno e appoggiare i cerchi. Mettere sulla teglia.Far riposare per 2 ore, poi spennellare la superficie con l’uovo e cuocere in forno a 200° finchè non saranno dorati. A questo punto farcire con pomodori e mozzarella precedentemente fatti a cubetti e conditi con olio, sale e basilico. Ripassare 5 minuti in forno per far sciogliere la mozzarella. http://cucinaconsara.net/2012/05/18/vol-au-vent/


MC Lucia

Per i panini - 200 gr Acqua - 70 gr burro - 2 cucchiaini di sale - 60 gr zucchero - 500 gr Farina 00 (MOLINO CHIAVAZZA) - 6/8 gr lievito di birra - Semi di sesamo q.b. - latte q.b. (per spennellare) Tutto nella MDP e avviare il programma "impasto" della durata di 1 ora e 50 min. L'ho lasciato lievitare nella macchina fino alle 13, quindi impastato ancora a mano per un pò e diviso in 10 parti (ottenendo cosi 10 palline....). Le ho leggermente schiacciate e poste sulla teglia a lievitare nuovamente fino all' ora di cena. Alle 19 ho spennellato con un pò di latte, cosparso di semi di sesamo e infornato per 15 minuti a 220°. Hamburger -250 gr macinato misto -un pò di sale -mezzo bicchiere di latte -un paio di cucchiai di pane grattugiato -2 cucchiaini di curry In una ciotola mettere la carne macinata,il sale, il curry, il latte e il pangrattato. Impastare bene (eventualmente anche con le mani) e quando tutto sarà ben amalgamato, passiamo a dare la classica forma dell' hamburger. Io mi sono aiutata con lo schiaccia patate ma si potrebbe usare anche un coppapasta. Quando tutti gli hamburger (con queste dosi ne sono venuti 4) saranno pronti chiuderli bene col cellophan e mettere in frigo. Mentre i nostri panini cuociono in forno, noi prepariamo gli hamburger spennellandoli con un pochissimo di olio EVO e passarli sulla padella di ghisa caldissima. Basteranno davvero pochi secondi (diciamo un minutino circa... o poco più). Ricordarsi di girarli et voilà. gli hamburger sono pronti! Ora possiamo passare alla preparazione del nostro Mc Lu.C.I.A. Aprire il panino (ancora bello tiepido), una foglia di insalata, l'hamurger, una fettina di mozzarella (o formaggio morbido se si preferisce), un pò di maionese (o ketchup a piacere). Chiudere il panino e.... http://tracucinaepc.blogspot.it/2012/01/wooooww-ho-deciso-di-fare-concorrenza.html


Sliders

INGREDIENTI per un classico hamburger: 500 g di manzo macinato 25 g di fiocchi di patate sottilette lattuga iceberg pomodori cetrioli sottaceto ketchup maionese

Ingredienti(per 16 mini panini) 170 ml di acqua calda 30 g di burro 1 uovo 450 g di farina manitoba 50 g di zucchero 1 cucchiaino di sale 1 bustina di lievito di birra istantaneo semi di sesamo 1 uovo sbattuto diluito con un cucchiaino d'acqua Procedimento: Mescolare tutti gli ingredienti per l'impasto e lavorarlo o a mano o come nel mio caso nella macchina del pane e una volta ottenuto un impasto soffice e liscio lasciarlo lievitare per circa un'ora fino al raddoppio del suo volume. Una volta lievitato dividere l'impasto in sedici parti e formare piccole palline omogenee schiacciandole un pò. Mettere i panini su una teglia ricoperta di carta da forno e lasciarli lievitare per un'altra ora. A questo punto spennellare i panini con un uovo sbattuto diluito con un cucchiaino d'acqua e cospargerli con i semi di sesamo per renderli più carini e al tempo stesso aromatizzati. Cuocerli in forno a 190° per circa 12 minuti o finché risulteranno abbastanza dorati.

Procedimento: Aggiungere alla carne macinata una sorta di purè ottenuto mescolando 25 g di fiocchi di patate con acqua, in questo modo risulterà molto più morbida. A questo punto grazie alla mia pressa ho realizzato tanti piccoli hamburger che ho cotto poi sulla mia bistecchiera AMC ... non ho utilizzato nessun tipo di spezia perché i miei nipoti li amano semplici! A metà cottura ho aggiunto un goccio di salsa worcester e ho lasciato sfumare; ho salato e verso la fine ho coperto gli hamburger con pezzi di sottilette in questo modo si sono ammorbidite. A questo punto ho realizzato i panini che ho riscaldato in precedenza nel forno, procedendo dal basso verso l'alto: pane, maionese, hamburger con formaggio, lattuga, cetrioli, pomodoro, ketchup e per finire la parte superiore del panino.

http://skacciakitchen.blogspot.it/2012/05/sliders .html


La Pasta Fresca


Canederli speck e prezzemolo Ingredienti per una decina di canederli -150 grammi di pane raffermo senza crosta -80 grammi di speck -2 bicchieri di latte intero -2 uova -un pizzico di sale -un pizzico di pepe nero -1 scalogno -4/5 cucchiai di grana grattugiato -1 mazzettino di prezzemolo -farina bianca 00 q.b. -2 litri di brodo di vegetale (carota, zucchina, sedano e qualche granello di sale grosso) -olio extravergine d’oliva

Preparazione: Mettere a bollire il brodo con le verdure indicate sopra, quando saranno belle cotte, frullarle con il mixer ad immersione e poi con un colino, travasare il brodo in una capiente padella. Tagliare a dadini il pane. Scaldare il latte senza farlo bollire, quindi versarlo a tratti sul pane all’interno di una ciotola e con le mani iniziare a lavorare l’impasto impregnandolo bene. Affettare molto sottilmente lo scalogno e lo speck, in una pentola antiaderente unire un filo di olio evo in cui farete sfrigolare scalogno e speck, appena prenderanno colore, unire il pane abbassando la fiamma al minimo. Sbattere le uova con un pizzico di sale e pepe, unirli all’impasto mescolando velocemente per non far rapprendere troppo le uova. Unire il grana grattugiato e il prezzemolo ben lavato, asciugato e tagliuzzato molto finemente. Con le mani bagnate, formare la prima pallina con una porzione d’impasto compattando bene, passarlo nella farina bianca. Continuare fino ad esaurimento dell’impasto, le palline avranno la dimensione di una palla da ping pong. Porre in frigo per almeno otto ore. Scaldare il brodo, porvi a cuocere i canederli facendo attenzione che il brodo non abbia un bollore troppo vivace, per circa una decina di minuti. Servire ben caldi con l’aggiunta di altro grana se gradite e una generosa spolverata di prezzemolo tritato. http://dolcipensieri.wordpress.com/2012/04/22/canederli-speck-e-prezzemolo-di-dolcipensieri/


Cascioni agli spinaci

Ingredienti per 4 persone Per la pasta: 3 uova medie freschissime 300 gr. di farina + semola per la lavorazione un pochino d’acqua una presa di sale fino 1 cucchiaio di olio extravergine Per il ripieno: 600 Gr. di spinaci surgelati burro (1 cucchiaio) 200 gr di pasta di salsiccia 250 gr.di ricotta mista 2 uova 80 gr.di parmigiano grattato noce moscata sale Procedimento: Per la pasta procedete come per le precedenti tagliatelle. Dopo aver bollito gli spinaci li faccio scolare moltissimo cercando di far uscire più acqua possibile prima con una forchetta nello scolapasta poi li faccio ripassare in padella con un pochino di burro asciugando benissimo tutta l’acqua di ebollizione dopo circa 10-12 minuti aggiungo tutti gli altri ingredienti ,non dimenticatevi una spruzzata di noce moscata e assaggio l’impasto se credete aggiungetevi anche un pochino di sale(a piacimento pepe).Comporre poi tante palline della grandezza di una nocciola-noce. Tirate la sfoglia o a mano o con la macchina da sfoglia e posizionare uno alla volta le palline di ripieno adagiatevi sopra un altra sfoglia e chiuderli facendo prima andar via più aria possibile con il tagliapasta(nel nostro caso a fiorellino).Importantissimo e il passaggio di asciugatura se non li volete consumare subito e qui vedrete se gli spinaci erano proprio asciutti o no!! Lasciateli all’aria sopra una tovaglia pulitissima e magari areate bene la stanza ogni tanto ,girateli spessissimo sotto-sopra. Cuocere in acqua bollente o brodo e conditeli con un sugo leggero e tanto parmigiano. sono buonissimi anche solo con burro e parmigiano.

http://blog.giallozafferano.it/lauraricette/tortelloni-agli-spinaci-laura-in-cucina/


Ravioli con ripieno di orata

Ingredienti per 25/30 ravioli Farina 00 per pasta fresca Acqua q.b. 2 orate (peso intero di circa 800 gr) 3 patate medie (pesate prima di pelarle, circa 500 gr) Prezzemolo tritato finemente Sale Pepe Per il sugo: Un barattolo di pomodori Olio extra vergine di oliva Cipolla rossa di Tropea Una tazzina da caffè di vino bianco Sale

Condimento per servirli: Fate rosolare la cipolla tritata con un filo di olio extra vergine d’oliva, sfumate con il vino bianco e aggiungete i pomodorini quando il liquido sarà evaporato. Salate, pepate e fate cuocere per 20/25 minuti a fiamma bassa e mescolando spesso. Fate cuocere i ravioli in abbondante acqua salata, scolateli e metteteli nei piatti versando sopra qualche cucchiaio di sugo e un po’ di prezzemolo fresco tritato finemente.

Procedimento: Impastare la farina con un pizzico di sale e versando l’acqua poco per volta e solo quanto ne serve per ottenere un impasto sodo e compatto. Lasciatelo riposare in una ciotola coperto con un canovaccio umido. Intanto pulite il pesce e lessatelo in acqua leggermente salata. Lessate anche le patate, pelate e schiacciatele. Aggiungete la polpa del pesce facendo attenzione a eliminare tutte le spine e la pelle. Condite con sale, pepe e un filo di olio, mescolate bene e iniziate a fare i ravioli. Con la macchina per la pasta, lavorate l’impasto facendo delle sfoglie sottilissime (nella mia macchina ho usato il numero 6) mettete dei mucchietti d’impasto distanziati tra loro nelle sfoglie e ripiegatela su se stessa coprendo il ripieno. Premete intorno al ripieno e tagliate la pasta in eccesso, sistemate i ravioli nella spianatoia ben infarinata e distanziata tra loro. Se volete congelarli, sistemateli in un vassoio senza sovrapporli e metteteli in freezer, quando saranno congelati, sistemateli nelle bustine da freezer e cuoceteli in abbondante acqua salata senza scongelarli. http://www.diariodellamiacucina.com/2011/11/ravioli-con-ripieno-di-orata.html


Ravioli ricotta e menta

Ingredienti per 4 persone 400 g di semola di grano duro 4 tuorli 1 pizzico di sale 250 g di ricotta acqua q.b (io sono andata ad occhio e a consistenza!) 1 cucchiaino abbondante di menta tritata sale e pepe Preparazione Disponete su un piano la farina a fontana e mettete i tuorli al centro. Aggiungete il sale e cominciate a impastare con una forchetta. Unite poco alla volta l'acqua necessaria per ottenere un impasto omogeneo e non appiccicoso. A questo punto, formate una palla, copritela con della pellicola trasparente e tenetela in frigo per mezz'ora. Intanto in una ciotola mescolate la ricotta, la menta, il sale ed il pepe. Stendete la sfoglia molto sottile (io l'ho fatto a mano, ma potete anche usare la macchinetta apposta), tagliatene delle strisce con la rotellina taglia-pasta e, ad un estremitĂ , disponete un cucchiaio di ripieno. Chiudete la sfoglia e formate il raviolo (potete farlo con a rotellina oppure con un taglia biscotti, a voi la scelta) sigillando bene i bordi. Cuoceteli in acqua bollente salata e scolateli non appena vengono a galla. (Se non li volete far cuocere tutti, disponete quelli che avanzano su un vassoio infarinato e conservateli nel freezer).

http://bricioledidelizie.blogspot.it/2012/05/il-piacere-di-lavorare-mano-ravioli.html


Ravioloni con broccoli e caciotta

Ingredienti per 20 Ravioloni circa: 300 gr di farina 3 uova (io ho usato quelle per la pasta fresca, sono più gialle!) 2 broccoletti 200 gr di caciotta Olio evo Sale Pepe nero Procedimento: Fate lessare i broccoletti tagliati a pezzetti in acqua leggermente salata e scolateli al dente. Saltateli in padella con un filo di olio e basta per far asciugare l’acqua di cottura e fateli raffreddare. Intanto impastate la farina con le uova ottenendo un impasto sodo e liscio, copritelo con un panno umido e tenetelo da parte. Mettete il formaggio nel mixer e frullatelo, aggiungete i broccoletti saltati, otterrete una crema omogenea e soffice, se serve aggiungete un filo di olio. Mescolate bene e mettetelo nel piano da lavoro. Con la macchina della pasta, fate le sfoglie non troppo spesse (3 ml circa). Mettete una cucchiaiata di ripieno al centro della sfoglia distanziando ogni mucchietto l’uno dall’altro. Ripiegate la sfoglia su se stessa

coprendo il ripieno e premete intorno (al ripieno) per chiuderli, fate molta attenzione a quest’operazione perché se non lì “sigillate”bene si apriranno in cottura. Con la rotella per la pasta tagliate la pasta in eccesso, dividendo cosi i ravioli l’uno dall’altro. Proseguite fino a quando finisce l’impasto ricordando di infarinare il piano o la spianatoia dove sistemate i ravioli per evitare che si attacchino. Per conservarli: sistemateli in un vassoio distanziandoli tra di loro, metteteli in freezer, quando saranno congelati, potete metterli in comode bustine da freezer! Per consumarli: fate bollire abbondante acqua salata e tuffateli ancora surgelati, conditeli a piacere, io ho preferito in bianco con burro, salvia e parmigiano.

http://www.diariodellamiacucina.com/2011/11/ravioloni-con-broccoli-e-caciotta.html


Gnocchetti all' acqua

Ingredienti per 4 persone: 500ml.di acqua 300gr.di farina bianca 00 400gr.di pomodorini 1 spicchio d'aglio 2 cucchiai di capperi 2 filetti d'acciuga 2 cucchiai di olive taggiasche Basilico Olio Grana Sale Preparazione: Far bollire l'acqua, con un cucchiaio di olio e sale. Versare la farina in un colpo solo e mescolare fino a quando non si sarà staccata dalle pareti della pentola,spegnere il fuoco e continuare a lavorare con un cucchiaio, far raffreddare il composto e dargli la forma di una palla.Formare i gnocchetti infarinandoli man mano. Preparare il sugo facendo soffriggere l'aglio e le acciughe nel olio, tagliare a metà i pomodorini(io ho usato la polpa di pomodoro) e unirli al soffritto, aggiungere i capperi, le olive ed infine il basilico. Nel frattempo che il sugo sia pronto cuocere gli gnocchi come da normale procedura e condirli con il sughetto. http://lapanciadellupo.blogspot.it/search/label/g nocchetti-all%27-acqua

Gnocchi freschi asparagi, pancetta e montasio

Ingredienti (per 3 persone): 1 kg di patate (l'ideale per gli gnocchi sono le patate vecchie) 250/300 gr circa di farina 00 per Pasta fresca e gnocchi Rosignoli Mulini noce moscata 80 gr di pancetta affumicata a dadini 1 mazzo di asparagi 80 gr di Montasio olio, sale e pepe q.b. Procedimento: Fate bollire le patate in abbondante acqua salata per circa 40 minuti. Scolatele e sbucciatele mentre sono ancora calde così la pelle verrà via più facilmente. Schiacciatele con uno schiacciapatate al centro di una spianatoia, aggiungete un pizzico di sale e di noce moscata e iniziate ad impastare aggiungendo la farina un po' alla volta. Fate dei rotolini con l'impasto, tagliateli a tocchetti e passateli sui rebbi di una forchetta per dargli la consueta forma degli gnocchi. Mondate, sbollentate gli asparagi in acqua salata e tagliateli a rondelle lasciando intere le punte.Fate saltare la pancetta in una padella antiaderente senza aggiungere altro condimento, unite gli asparagi e pepate leggermente. Preparate il Montasio tagliandolo a tocchetti. Fate cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata fino a che verranno a galla. Insaporiteli nella padella con il condimento, spegnete il fuoco e aggiungete un filo d'olio a crudo. http://www.spadellatissima.com/2012/05/gnocchifreschi-asparagi-pancetta-e.html


Gnocchi di patate

Preparazione: 15′ + il tempo di lessare le patate + 20′ circa di riposo – Cottura: 3′ Ingredienti: Per: 4 persone 500 gr di patate pesate con la buccia 150 gr di farina 2 cucchiai di uovo battuto ( circa 1/2 uovo) Sale Procedimento: Quale piano di lavoro: Per l’impasto suggerisco sicuramente il marmo, la plastica o l’allumino, evitate il legno che incolla almeno nella parte delicata dell’assemblaggio ingredienti. Le patate da utilizzare e come bollirle : Quando si parla di Gnocchi di patate tutti consigliano le patate farinose perchè la loro purea è meno ” liquida” e quindi necessitano di minor quantità di farina, minor quantità di farina si traduce in un prodotto migliore che ha il gusto autentico di patate. Quindi se riuscite utilizzate le patate farinose e inserite la farina a poco a poco in questo caso,potrebbero necessitare anche di soli 120 gr. Se invece, come nella maggior parte dei casi, vi trovate in casa patate e non

sapete a che famiglia appertengano, magari sono le nuove appena colte, oppure quelle a pasta gialla… niente paura, una serie di piccoli accorgimenti e i vostri gnocchi di patate riusciranno perfettamente. In primis portate a bollore un pentolino con abbondate acqua fredda e patate con la buccia, direttamente immerse; quando risulteranno morbide alla prova forchetta scolatele e inseritele subito in uno schiaccia patate con tutta buccia e schiacciate piano a vuoto per far uscire fuori l’acqua in eccesso, e vi assicuro che ne uscirà davvero tanta, sia dai fori, sia dalla parte superiore. Ripetete questa operazione fino a quando non sarà uscita via tutta l’acqua in eccesso e dai fori esce solo la purea. (E’ importante quindi che le patate risultino asciutte per quanto possibile, private del maggior liquido possibile per evitare che l’impasto si ammorbidisca troppo e incorra nell’errore di compattarlo aggiungendo altra farina. Non fatelo! Gli gnocchi migliori al gusto sono quelli con meno farina possibile, al massimo se le vostre patate anche dopo averle accuratamente sgocciolate nello schiaccia patate come suggerito sopra dovessero risultare ancora umide e l’impasto troppo molle aggiungete 1 cucchiaino di fecola ma non farina.) Una volta sgocciolate accuratamente le patate, sciacciate la purea sulla farina disposta precedentemente a fontana sul piano di lavoro. aggiungete al centro il sale metà uovo ben sbattuto in modo da porzionare in eguale quantità tuorlo e albume : Come e quanto impastare: Velocemente e molto poco! Una lavorazione lunga renderebbe l’impasto colloso. Gli gnocchi di patate vanno impastati pochissimo, giusto il tempo di assemblaggio ingredienti, possibilmente quando le patate sono ancora belle calde, il calore favorisce l’assemblaggio. Formate quindi rapidamente una palla e assolutamente non aggiungete farina! se avete seguito le indicazioni su come bollire e poi sgocciolare le patate


vedrete che non sarà necessario, otterrete una palla morbida ma compatta. Formazione dei filoncini e degli gnocchi: Innanzi tutto è bene dire che l’impasto va lavorato subito, quindi tagliate una parte di impasto e a questo punto se volete potete lavorare su una spianatoia di legno, infarinate leggermente solo la parte dove andrete a depositare gli gnocchi. Realizzate quindi dei filocini dello spessore di un mignolo : Affettate il filoncino ogni 2 cm, in modo da ottenere dei piccoli cilindri. Servitevi quindi di un arriccia – gnocchi precedentemente infarinato nelle fessure: fate scivolare il vostro gnocchetto sulla parte interna dell’attrezzo (in mancanza dell’arriccia gnocchi potete utilizzare una forchetta) pressando leggermente con il dito indice: Procedete a realizzare i vostri gnocchi in questo modo fino ad esaurimento impasto. Lasciate quindi riposare gli gnocchi all’aria per circa 20′-30′ Perchè il riposo Il riposo è fondamentale affinchè gli gnocchi si assestino, si raffreddino degnamente e si secchino leggermente in superficie, step necessario affinchè mantengano la loro forma rigata anche dopo la cottura. La cottura immediata degli gnocchi di patate in acqua bollente potrebbe provocare la famosa “colla” decisiva per rovinare la pietanza. Al contrario, lasciare all’aria gli gnocchi più di mezz’ora potrebbe rovinare diversamente l’impasto perchè: potrebbe formarsi una crosta eccessiva con un interno troppo molle e o scurirsi l’impasto. I tempi di riposo ideali si aggirano quindi intorno ai 20′- massimo 30′ La cottura Va fatta in una pentola grande e spaziosa con abbondate acqua e sale grosso. Gli gnocchi vanno immersi dopo essere stati leggermente scossi; fate

quindi scivolare via la farina in eccesso qualora dovesse esserci. Non girate troppo in fase di cottura e sopratutto non fatelo velocemente, potrebbero perdere la loro forma. Gli Gnocchi di patate sono pronti quando salgono completamente in superficie: Evitate di scolarli nello scolapasta, rischiereste di ammassarli rovinandone la forma. Scolateli dunque con un mestolo forato inserendoli a mano a mano direttamente nella padella dove avete precedentemente preparato il condimento. Mantecateli a fiamma alta per qualche minuto ancora e servite ben caldi.

http://www.tavolartegusto.it/2012/06/07/gno cchi-di-patate-ricetta-trucchi-e-consigli/


Pappardelle al ragù

riposare ancora un’ora, rivoltandole di tanto in tanto. Arrotolarle adesso su se stesse e con un coltello molto affilato tagliare le strisce di pasta dell’altezza di circa 2 cm. Distribuire le pappardelle così ottenute in un vassoio infarinato, facendo attenzione che non si incollino l’un l’altra. Far bollire una pentola d’acqua, salarla e immergervi le tagliatelle. Cuocere pochissimi minuti, quindi scolarle e condirle con il ragù.

Ingredienti: 4 uova 400 g di farina per pasta fresca e gnocchi dei Molini Rosignoli sale ragù parmigiano grattugiato Procedimento: Per il Bimby: mettere le uova, il sale e la farina nel boccale e impastare 3 min. vel. Spiga.

Per impasto a mano: disporre la farina a fontana e praticare al centro un buco in cui inserire le uova e il sale. Impastare a mano. Formate una palla e copritela con un tovagliolo. Lasciar riposare una mezz’ora. A questo punto prelevare delle porzioni dall’impasto grosse quanto una pallina da ping pong e stenderle con il mattarello o, se preferite, con l’apposito attrezzo chiamato anche Nonna Papera. Disporre ora le strisce di pasta su di una tovaglia. Lasciar

Impiattare e spolverizzare con del buon parmigiano grattugiato!

http://paneepomodoro.wordpress.com/201 2/04/29/pappardelle-al-ragu/


I Secondi


Cordon Bleu Homemade Come adattarlo ad una dieta dissociata -140 /130 gr di petto di pollo o 130 120 gr di petto di tacchino * - 1 zucchina -1\2 fettina di prosciutto cotto -pangrattato qb -30 gr di pane bianco o 40 gr di pane integrale. * 10 gr di in meno così possiamo utilizzare la fettina di affettato ;)

Procedete come prima evitando il formaggio ed utilizzando zucchina grigliata al suo posto! La zucchina grigliatevela tutta e mangiatela per contorno :) Potete anche variare con per es. melanzana e prosciutto crudo :)

Ingredienti per 4 cordon bleu 400 gr di petto di pollo o tacchino 2 belle fette di prosciutto cotto 4 pezzi di formaggio filante (il vostro preferito) Pangrattato qb per impanare

Note personali: - Alla carne possono essere aggiunte spezie a piacere prima di essere tritata. - Potete scegliere di utilizzare i ripieni più svariati come per es. mozzarella e filetti di acciuga. - Potete persino farvi un cordon bleu alla pizzaiola: con pomodoro origano e mozzarella.

Procedimento: Riducete a cubetti il petto e aiutandovi con un mixer tritatelo molto finemente fino ad ottenere quasi una pasta. Aggiustate la carne di sale e dividetela in 4 palline uguali. A questo punto dividete ogni pallina in due parti una leggermente più grande dell'altra. Schiacciate bene la pallina più piccola aiutandovi con le mani e posizionatevi sopra mezza fetta di prosciutto cotto ed il formaggio: facendo attenzione di lasciare i bordi liberi. A questo punto prendete la pallina più grande e schiacciate bene anche questa con le mani, posizionatela sopra quella più piccola e lavorate bene i bordi in modo che si chiudano bene e non fuoriesca il formaggio in cottura. Impanate bene in entrambi i lati, ponete su carta da forno (io riutilizzabile Tescoma) ed infornate a 180°C per circa 15 minuti.

http://diariodellemiericette.blogspot.it/2012/04/cordon-bleu-homemade.html


Seitan fatto in casa con patate al forno

Ingredienti per 3 persone: 1,2 kg di farina 0 Acqua tiepida q.b. 2 cucchiai di salsa di soia Brodo di verdure 4 Patate olio extravergine d’oliva Sale Rosmarino Procedimento: Impastate la farina con l’acqua tiepida fino a formare una palla di pasta della stessa consistenza di quella per la pizza. Lasciate riposare 15 minuti. A questo punto utilizzando uno scolapasta (in modo da non perdere i pezzetti che potrebbero staccarsi) ed una ciotola sciacquate l’impasto sotto l’acqua fino a che questa non diventi più o meno limpida e l’impasto sia gommoso e senza parti bianche. L’impasto diventerà circa un terzo ma avrete solo la parte proteica della farina. É un procedimento abbastanza lungo, non scoraggiatevi! Mettete a bollire il brodo vegetale con 2 cucchiai di salsa di soia e una volta arrivato a bollore cuocetevi il seitan per circa 45 minuti. Ora scolatelo e adagiatelo su un piatto. Ogni tanto strizzatelo facendo pressione con il dorso di una forchetta ed eliminate il brodo in eccesso di cui è intriso.Nel frattempo pelate e tagliate le patate, tenetele un po’ a bagno nell’acqua in modo tale che perdano l’amido e asciugatele con molta cura (io ho usato anche la centrifuga per le insalate in modo che fossero il più asciutte possibili). In una teglia, versate le patate con un’abbondante filo d’olio e del rosmarino. Mescolate più volte così che si insaporiscano e infornatele a 180 gradi per 25 minuti. Una volta trascorsi, fate spazio nella teglia e adagiatevi il seitan (io l’ho lasciato intero ma vi consiglio di tagliarlo a cubetti, si insaporirà sicuramente di più), salate le patate e dategli una mescolata. Portate la temperatura a 200 gradi e infornate per altri 20 minuti dando una mescolata alle patate solo se necessario (cercate di non girarle spesso) prima di sfornare il vostro seitan con patate, fatelo abbrustolire un po’ con 3 minuti di grill. http://blog.giallozafferano.it/abbinirichi/seitan-fatto-in-casa-con-patate-al-forno/


Spinacine ripiene con formaggio

Ingredienti 150 g di spinaci lessati, strizzati e salati 300 g di carne di pollo 40 g di pane ammollato e strizzato pepe nero scamorza a fettine (o provola o qualsiasi formaggio filante) Per impanarli 1 uovo 3 cucchiai di latte Sale Procedimento: Tritare insieme pollo, spinaci, e pane con un pizzico di pepe. Formare delle palline di uguale peso. Con lo stampo per hamburger ben oliato (in modo che la spinacina si stacchi facilmente) mettere una metà della pallina poi la fettina di formaggio e poi l’altra metà della pallina. Passare ogni spinacina così formata nell’uovo sbattuto con il latte ed il sale e poi nel pangrattato. Cuocere in forno oppure friggere o in padella antiaderente.

http://blog.giallozafferano.it/cucinanonnavirgi/2012/05/spinacine-ripiene-con-formaggio/


Insalata messicana

Ingredienti: per le dosi regolatevi in base al numero dei commensali e al gusto  Tonno al naturale  Fagioli rossi Kidney in scatola  Mais  olio extravergine d'oliva  Peperoncino in polvere  sale fino iodato (facoltativo)

Procedimento: Sgocciolate il tonno, i fagioli e il mais e mescolate tutto insieme agli altri ingredienti aggiungendo solo un filo d'olio e del peperoncino in polvere. Aggiustate di sale o se preferite, lasciate al naturale. Accomodatevi in un posto fresco all'ombra e gustatevi la vostra insalata light.

http://lazuccacapricciosa.blogspot.it/2012/06/insalata-messicana.html


I Dolci


Baiocchi alle nocciole Ingredienti per 22 coppie (44 biscottini): 230 gr di farina 00 Rosignoli Molini 100 gr di farina di nocciole Life (o nocciole ridotte in farina) 120 gr di margarina 100 gr di zucchero a velo 1 tuorlo (e parte di albume) Un pizzico di sale Altro: Crema di cioccolato al miele Mirco Della Vecchia

Procedimento: 1) In una ciotola unire la farina, la farina di nocciole, lo zucchero a velo, il sale. Unire il burro morbido tagliato a tocchetti e lavorare la frolla fino ad ottenere delle briciole 2) Unire il tuorlo e lavorare con le punte delle dita, aggiungendo un pò dell'albume se dovesse servire. Amalgamare tutti gli ingredienti fino a formare un panetto 3) Stendere la pasta tra due fogli di carta forno e con un mattarello spianare la frolla 4) Farla riposare in frigo per un'ora o poco meno 5) Riprendere la pasta, adagiarla su una spianatoia leggermente infarinata 6) Portarla ad uno spessore di 3 mm (io ho proprio usato un metro di carta per assicurarmene) 7) Servono due tagliabiscotti circolari, di cui uno di diametro leggermente inferiore all'altro (l'ideale sarebbe 5 mm e 4 mm, i miei erano 1 mm più grandi) 7) Coppare tutta la pasta con il tagliabiscotto più grande 8) Su metà dei dischetti praticare una piccola pressione col coppapasta più piccolo, in modo da creare il "bordo del bottone". L'altra metà lasciarla così com'è 9) Sui dischetti col bordo con l'aiuto di una cannuccia fare fare 4 buchi della stessa distanza, al centro dell'impasto 10) Adagiare i biscotti su una teglia rivestita della carta forno usata precedentemente 11) Cuocere in forno, già caldo, a 180° per 12-13 minuti. Devono appena dorarsi sotto e restare chiari sopra 12) Adagiarli su una griglia e farli raffreddare bene 13) Spalmare al centro di ogni disco semplice un pò di crema di cioccolato al miele 14) Chiudere col biscotto-bottone ed esercitare una leggera pressione affinchè i due biscotti aderiscano bene, e la crema distribuendosi riempi i 4 fori Consiglio: se non avete la farina di nocciole potete tostare in forno le nocciole, spellarle e procedendo a scatti tritarle fino a ridurle in farina

http://dolcemente-salato.blogspot.it/2012/05/baiocchi-alle-nocciole.html


Bounty pops

Ingredienti per 8 pezzi : 100 gr. di panna da cucina, (non da montare) 130 gr. di cioccolato fondente al 70%, 120 gr. di cocco grattugiato fresco e 30 gr. di cocco essiccato, 2 cucchiai di zucchero, 40 gr. di cioccolato bianco. Preparazione: Sciogliete il ciocc. bianco a bagno maria e quando intiepidito aggiungetelo allo zucchero e alla panna, amalgamate bene e versate anche il cocco formando un composto denso. Riempite compattando bene le formine e inseritevi al centro gli stecchini per gelato, ponetele quindi in freezer per almeno un'ora o anche piÚ se lo volete terminare in un secondo momento. Poco prima di estrarle dal freezer fate sciogliere il cioccolato fondente in un recipiente stretto tipo un bicchiere, e una volta sformati i pops tenete a portata di mano due / tre pezzi alla volta, gli altri per sicurezza meglio tenerli in frigorifero. Passateli rotolandoli su sè stessi all'interno del bicchiere cosÏ che siano ben ricoperti, tenete ciascuno in mano per qualche secondo in modo che per effetto del cocco gelato il cioccolato si rapprenda velocemente, cosÏ poi lo potete appoggiare su un piatto senza che si sformi o che il cioccolato appiccichi. Una volta pronti vanno conservati in frigorifero.......tanto non ci staranno per molto.

http://viaggiarecomemangiare.blogspot.it/2012/04/bounty-pops.html


Fette biscottate homemade

Ingredienti: 640 gr: di farina 00 100 gr: di zucchero semolato 75 gr: di burro 2 Uova 250 gr: di latte 1 cubetto di lievito di birra o una bustina secco 5 gr: di sale Procedimento: Lavorare nell'impastatrice la farina, le uova, lo zucchero e il lievito di birra o come ho fatto io una bustina di lievito secco, sciolto nel latte tiepido; quando l'impasto sarà omogeneo aggiungere il sale e poco alla volta il burro ammorbidito; lasciare impastare ancora molto bene fino a ottenere un composto liscio, omogeneo ed elastico. Dividere l’impasto in due parti uguali e disporli in due stampi da plum cake foderati di carta forno o imburrati per bene. Mettere a lievitare in un luogo caldo (circa 28°C, io l’ho messo al sole che oggi era caldino, oppure si può usare il forno spento con la luce accesa) fino a che il volume non sarà raddoppiato. Coprire gli stampi con la carta d’alluminio per evitare che si coloriscono troppo in cottura e infornare in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti facendo comunque prima la prova stecchino. A fine cottura togliere dagli stampi, lasciare raffreddare completamente e tagliare a fettine dello spessore di ½ cm (io le ho fatte la sera e le ho tagliate la mattina dopo). Mettere quindi le fette a tostare in forno a 150°C fino a renderle croccanti per circa 15 minuti. http://sfiziepasticci.blogspot.it/2012/05/fettebiscottate-ma-home-made.html

Kinder cereali home made

Ingredienti: 300g cioccolato a vostra scelta 200g riso soffiato 40g burro 2 cucchiai di miele 2 cucchiai di latte di mandorle A META' DEL LAVORO ... Iniziate con il preparare il contenitore - non tanto grande - e rivestitelo di carta forno. Sciogliete a bagno maria il cioccolato. In un pentolino a parte fate sciogliere, sempre a bagno maria, il burro, con miele e latte. Una volta pronti entrambi, unite e girate delicatamente. Ora non vi resta che aggiungere al cioccolato, il riso soffiato. Amalgamate bene il tutto e versate il composto sulla carta forno, appiattendo con un cucchiaio di legno. CI SI DIVERTE MANGIANDO ... Riponete il contenitore in frigo, fin quando il cioccolato non si sarà solidificato. Se usate il cioccolato a latte o quello bianco, potete anche evitare il latte, il composto potrebbe risultare troppo dolce. Suggerimento num.1: prima di far solidificare il tutto, potete spolverizzare con il cocco in polvere Suggerimento num.2: se non avete il riso soffiato, potete usare i classici cereali da colazione Suggerimento num.3: se usate il cioccolato bianco, scegliete i cereali al cioccolato, così c'è contrasto di colore e sono più belli da presentare! http://torsolo-di-mela.blogspot.it/2012/04/kindercereali-home-made.html


Le mie camille

Ingredienti 2 uova 200 g zucchero 100 ml latte 1 bustina di lievito per dolci 100 ml olio semi di arachide 300 g farina 200 g carote tritate 50 g farina di mandorle 1/2 cucchiaino di sale Procedimento: Sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Versare il latte dove prima si e’ fatto sciogliere la bustina di lievito e incorporare l’olio. Mescolare la farina con il sale all’impasto. Aggiungere per ultime le carote tritate e la farina di mandorle. Versare nelle forme a semisfera (o nella tortiera che preferite) e fate cuocere in forno a 180 C fino a cottura (15-20 mn o 30-40 mn a seconda della forma usata, fate sempre la prova dello stecchino).

http://ildolcedellavita.wordpress.com/2012/05/27/le-mie-camille/


Merendine alle fragole

Ingredienti per 20-25 merendine: 100 g di Farina 00 100 g di Maizena 80 g Zucchero di Canna 70 g do Olio di Arachide 1/3 di Bicchiere di Latte Intero 1 Uovo Mezza Bustina di Lievito per Dolci Un pizzico di Sale 12-15 Fragole Fresche Procedimento: Amalgamare Olio e Zucchero in una ciotola capiente e con una frusta e lavorare per 5 minuti. Unire il tuorlo, mescolare bene e iniziare ad incorporare le Farine setacciandole insieme. Aggiungere il latte e il lievito mescolando con cura perchè non si formino grumi. Sciacquare la Fragole , lasciarle asciugare , eliminare le foglioline e tagliarle a metà o al massimo in quarti se sono particolarmente grandi. Aggiungerle alla preparazione. Quindi montate l'albume a neve con un pizzico di sale, e quando sarà ben fermo aggiungerlo al resto degli ingredienti mescolando delicatamente dal basso verso l'alto. Mettere l'impasto in appositi stampini (quelli di carta o anche direttamente nelle placche fatte apposta per muffins o piccole tortine) facendo attenzione a non metterne troppo perchè in cottura si gonfieranno. Preriscaldare il forno a 160° e infornare per 15-20 minuti o finchè avranno un bel colorito. Io le ho poi spolverate con dello zucchero a velo vanigliato. http://coookingtherapy.blogspot.it/2012/06/merendine-alle-fragole.html


Pangoccioli home made Ingredienti per 10 pangoccioli:

250 Gr di farina con amido 25 Gr di lievito madre 110 Gr di latte 1 uovo 50 Gr di zucchero 30 Gr di olio d'oliva 1 bustina di vanillina Gocce di cioccolato Un pizzico di sale

Procedimento: Unite nel boccale, latte, zucchero ed olio azionate 20 secondi 37° velocità 3, unite la farina, il lievito, il sale, la vanillina,, il tuorlo azionate per 2 minuti spiga, mettete l'impasto a lievitare per almeno 3 ore, nel frattempo mettete le gocce di cioccolato nel congelatore, riprendete l'impasto aggiungete le gocce di cioccolato mescolate per bene, con molta delicatezza formate delle palline, riponetele in una teglia ricoperta da carta da forno e fatele lievitare per un'altra ora. Preriscaldate il forno a 180°, spennellate i pangoccioli con l'albume leggermente montato, cuocete per 20 minuti, sfornate e appena si sono raffreddati servite.

http://www.olioeacetoblog.com/2012/06/pangoccioli-home-made.html


Ricetta canestrelli:

Ingredienti: 150 gr di burro morbido 150 gr di farina 100 gr di fecola zav 75 gr 1/2 limone (solo buccia) 3 tuorli sodi 1/2 bustina di vanillina Procedimento: Per prima cosa rassodare le uova e una volta tiepide passare i tuorli tra le maglie di un colino ,lasciar il burro a temperatura ambiente . Mescolare farina,fecola ,zucchero a velo,vanillina e la buccia grattugiata del limone;aggiungere il burro e i tuorli sodi e ottenere un panetto da avvolgere in pellicola e far riposare 30 m in frigo. Riprendere il panetto e stenderlo all’altezza di 1 cm e ricavare i canestrelli ,infornare a 170 ° x 18-20 m non di più (non devono scurirsi ma solo imbiondire ). Spolverizzare con zucchero a velo una volta freddi.

http://blog.giallozafferano.it/graziaincucina/20 12/04/29/i-canestrelli-miei/

Zucchero a velo vanigliato

Ingredienti: 1 bacca di vaniglia senza i semini 50 g di zucchero semolato 1 cucchiaino di amido di mais Potete variare il peso dello zucchero come volete, ho usato 50 g perché era il quantitativo giusto per il mio piccolo tritatutto. Usi dello zucchero vanigliato: Nella preparazione di torte e creme che richiedono la vaniglia, per esempio vengono richiesti 100 g di zucchero semolato e i semini di 1 bacca di vaniglia, voi usate 75 g di zucchero semolato + 25 g di zucchero vanigliato preparato da voi. …e poi avete sempre la scorta di vaniglia pronta!!!

http://lacucinadellapallina.blogspot.it/2012/04 /zucchero-velo-vanigliato.html


Raffaello homemade

Ingredienti: 200 gr di cioccolato bianco 1 confezione di wafer alla vaniglia (io purtroppo mi sono dovuta accontentare di quelli al cacao) 200 gr di ricotta (o mascarpone se preferite) 150 gr di cocco rapè + un po’ Di Sano 50 gr di mandorle sgusciate Di Sano Una noce di burro Procedimento: Sciogliete 50 gr di cioccolato bianco con una noce di burro, unite le mandorle e amalgamate bene il tutto. Mettete in frigorifero a solidificare. Nel frattempo frullate i wafer. Sciogliete il restante cioccolato con un goccio di latte. Mescolate i wafer alla ricotta, unite il cioccolato bianco sciolto e il cocco. Formate quindi delle palline, mettendo al loro interno una mandorla, che passerete poi nel cocco.

http://kucinadikiara.blogspot.it/2012/05/raffaello-home-made-se.html


Calippo

Ingredienti: Yogurt alle ciliege 10-12 ciliege fresche 3-4 gocce di limone Sciroppo all’amarena Procedimento: In un pentolino con un pochino d’acqua e di sciroppo all’amarena ho fatto cuocere per alcuni minuti le ciliege senza nocciolo e con qualche goccia di limone.Una volta raffreddate le ho inserite con lo yogurt negli stampini ,li ho chiusi con il loro pratico tappino e li ho messi nel congelatore!Una vera dolcezza tutta sana adatta anche per una merenda estiva da bimbi.

http://blog.giallozafferano.it/lauraricette/i-mieisani-calippi-con-silikomart-laura-in-cucina

Gelato alla pesca con cioccolato bianco

Ingredienti: 400 grammi di polpa di pesche (peso netto) 150 grammi di zucchero semolato Il succo di un limone di Sorrento IGP 200 grammi di panna fresca 60 grammi di cioccolato bianco Preparazione: Frullare con il mixer ad immersione le pesche, sbucciate e private del nocciolo. Unire poi lo zucchero e il succo del limone. Versare nel composto la panna, mischiare molto bene con un cucchiaio e versare il tutto nella gelatiera. Azionarla fino a quando il gelato sarà bello corposo, aggiungere il cioccolato tagliato a tocchetti, lasciar lavorare ancora la macchina per un cinque minuti. Servire subito oppure porlo in una ciotola nel freezer fino al suo consumo. http://dolcipensieri.wordpress.com/2012/06/28/ gelato-alla-pesca-con-cioccolato-bianco-didolcipensieri/


Fiordifragola

Ingredienti per 2 ghiaccioli 10 fragole mature 1/2 bicchiere panna fresca 3 cucchiai zucchero Poche gocce di limone Procedimento: Riporre in freezer il quick pop maker per almeno 24 ore alla temperatura più bassa possibile. Lavare le fragole, tagliarle e frullare, aggiungendo poche gocce di limone e un cucchiaio di zucchero. Mescolare la panna agli altri due cucchiai di zucchero. Prendere il quick pop maker, riempire le forme con il frullato di fragola, attendere un paio di minuti poi svuotarle del liquido non ancora congelato all'interno, utilizzando l'apposita pompetta. Infilare i bastoncini e riempire con la panna. Aspettare qualche minuto, ricoprire con altro frullato e non appena anche quest'ultimo si è indurito estrarre il gelato con la manovella in dotazione. Non sempre mi riesce, spesso mi aiuto immergendo il quick pop maker in acqua bollente, ma sono convinta che con la pratica risolverò questi problemi e sarà amore eterno, perchè i risultati sono veramente ottimi, sani e perfetti per i bambini.

http://lamammapasticciona.blogspot.it/2012/05/fiordifragola-e-torno-bambina.html


Fragolini, ghiaccioli alla fragola

Ingredienti: 500 g di fragole 120 - 150 g circa di zucchero di canna bianco o semolato (dipende da quanto sono zuccherine le fragole) 100 g di acqua minerale naturale Scorza e il succo di un limone di Sorrento o Amalfi non trattato Preparazione: Poni, almeno un paio d'ore prima, una vaschetta o una teglia in acciaio in freezer. Metti sul fuoco un pentolino con l'acqua minerale, la scorza di limone e lo zucchero. Cuoci a fuoco dolce fino a quando lo zucchero si sarà sciolto. Lascia raffreddare bene e togli la scorza di limone. Lava delicatamente le fragole con il picciolo per non far entrare l'acqua, quindi toglilo e tagliale a metà. Metti le fragole in un contenitore alto col succo di mezzo limone e frulla con il

mixer a immersione. Unisci lo sciroppo di zucchero alle fragole. Frulla ancora. Assaggia se lo zucchero è sufficiente. Versa il tutto nella vaschetta o teglia in acciaio; se non hai il coperchio usa la pellicola per alimenti. Mettilo in freezer fino a quando si sarà quasi del tutto ghiacciato, poi frullalo di nuovo con il mixer a immersione mettendo di nuovo la frutta ghiacciata nel contenitore alto. Ciò serve a rompere i cristalli che tendono a formarsi. Dividi il composto alle fragole ghiacciate in bicchieri di plastica o vetro, oppure nei vasetti vuoti dello yogurt, o in stampini per ghiaccioli, poi metti gli stecchi per ghiaccioli e poni in freezer a gelare per 3 ore. Togli dal congelatore 1 minuto prima (dipende dalla temperatura) di sformarli dai bicchieri. Nota: Si portebbero preparare "ghiaccioli" con frutta diversa a duo o più strati visto che prima dell'assemblaggio finale le vaschette devono stare per un po' in freezer. Ad esempio: - Fragola - limone oppure fragola limone - fragola -limone - Cedro - mirtilli - Ananas - melone Oppure Ananas aromatizzato allo zenzero.

http://spelucchino.blogspot.it/2012/05/fragolinighiaccioli-alla-fragola.html


Ghiaccioli tricolore

Ingredienti:(x 4 persone) 130 gr di fragole 120 gr di polpa di kiwi 100 gr di polpa di banana 6 cucchiai di zucchero poca acqua Procedimento: Separatamente riducete a purea i 3 frutti. A ognuna aggiungete 2 cucchiai di zucchero ed un pò d’acqua. Versatele in 3 diversi recipienti,ponete sul fuoco e cuocete per cinque minuti. Suddividete negli stampini il composto di kiwi e lasciate in freezer per 2 ore. Ritirate,aggiungete ora il composto di banana e mettete di nuovo in freezer per 2 ore. Ritirate,aggiungete il terzo composto ,quello di fragole ed inserite gli appositi stecchi. Riponete in freezer per altre sei ore….ed avrete questi buonissimi ghiaccioli alla frutta.

http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/g hiaccioli-tricolore

Sorbetto al limone fatto in casa

Ingredienti: 900 ml di acqua, Buccia grattugiata di 3 limoni, 400 ml di succo di limone, 300 grammi di zucchero, 3 albumi. Procedimento: Fare sciogliere lo zucchero nell’acqua calda, unire il succo dei limoni e la scorza e lasciare raffreddare. Mettere nel congelatore per 5 ore. Montare a neve gli albumi con un cucchiaio di zucchero. Dopo cinque ore frullo il sorbetto e unisco gli albumi e rimetto nel congelatore per 3 ore. Dopo 3 ore rifrullo nuovamente e rimetto nel congelatore per altre 3 ore. Servo. Si può prepare alcuni giorni prima e lasciarlo 2 ore a temperatura ambiente prima di consumarlo. Si può’ fare anche utilizzando le arance al posto dei limoni, le dosi rimangono invariate.

http://blog.giallozafferano.it/crisemaxincucina/so rbetto-al-limone-fatto-in-casa/


I Liquori


Arancello homemade

Ingredienti: - 500 ml di alcool puro - 8 arance bio - 2 chiodi di garofano - 1 stecca di vaniglia - 1 stecca di cannella Per lo sciroppo: - 1 litro di acqua - 500 gr di zucchero

Procedimento: Innanzitutto ho lavato le mie arance e col pelapatate ho tagliato tutte le bucce stando attenta a non prendere anche il bianco. Le ho lasciate asciugare su di un canovaccio pulito. Le ho poi tagliate a listarelle più piccole e le ho invasate in un barattolo bormioli. Ho inserito i chiodi di garofano, la cannella e la vaniglia (quest'ultima tagliandola a pezzetti più piccoli). Ho inserito ora 500 ml di alcool e chiuso per bene. Messo ora il barattolo a riposare nel mio mobiletto degli alcolici per un mesetto circa. Trascorso il mese ho preso il mio barattolo ed ho travasato il tutto in un recipiente. Ho coperto con uno strofinaccio pulito ed ho preparato poi lo sciroppo. Ho lasciato freddare lo sciroppo e l'ho aggiunto all'alcool. Mescolo per benino e faccio trascorrere una notte di riposo tra i due composti. Il giorno dopo preparo le mie bottiglie, un bell'imbuto e come colino uso i filtri da caffè americano. Imbottiglio piano piano, strizzo per benino alla fine le bucce nel filtro, chiudo la bottiglia e ripongo nel mio armadietto degli alcolici. Con questa quantità di sciroppo l'arancello avrà circa 30° di alcool. Si consiglia di gustarlo freddo. Ottimo!! http://ideeverdiincolori.blogspot.it/2012/05/arancello-home-made.html


Limoncello di sanremo Ingredienti: -1 litro di alcol etilico(semplicemente alcol a 90°) -10 limoni non trattati -1 litro di acqua -600 gr.di zucchero

N.B. Dato che le piante di limone di mio padre sono cariche di bellissimi limoni,come ogni anno ho fatto il limoncello..amici di foodwall mi raccomando i limoni che utilizzerete non devono essere trattati!!siate accorti.. Precisazione: Il colore che otteniamo è un giallo tenue,pallido non carico perchè a differenza dei prodotti industriali noi non aggiungiamo additivi,aromi chimici o chissà cosa..noi utilizziamo solo la natura!

Preparazione: Per prima cosa lavate e asciugate i limoni,con un coltello o pelapatate togliete la buccia molto sottile ai limoni stando attenti a non prelevare la parte bianca perchè è amara ,solo la buccia gialla! In un'albanella capiente dall'imbocco ampio versate il litro d'alcol,aggiungete le bucce dei limoni,chiudere con il tappo ermeticamente e metterlo in un luogo buio e asciutto per 10 giorni.Trascorso questo tempo prendete una pentola e versate 1 litro di acqua, 600gr. di zucchero e accendete il fuoco sotto la pentola, amalgamare il tutto per 10 minutti circa finchè lo zucchero sarà completamente sciolto.Lasciare raffreddare e a questo punto prendete il barattolo con l'alcol e le bucce di limone e filtratelo.Il liquido ottenuto aggiungetelo allo sciroppo di acqua e zucchero raffreddato e girate con cura.Versate il Limoncello ottenuto nelle bottiglie e lasciatelo riposare in un luogo buio per un mese.. trascorso un mese godetevelo.. cin.. cin a tutti!

http://myfoodwall.blogspot.it/2012/05/limoncello-di-sanremo.html


Bayles home made

Ingredienti: 50 g. di cioccolato fondente, 50 g. di cioccolato bianco, 160/200 g. di zucchero (il peso varia secondo vostro gusto), 500 g. di panna fresca da montare, 2 tuorli d'uovo, 1 bustina di vanillina, 120 g. di whisky. Preparazione: Scaldare la panna e sciogliervi entrambi i cioccolati, unire lo zucchero e i tuorli uno alla volta; togliere dal fuoco e unire la vanillina ed il whisky e mescolare bene con una frusta o con il minipimer e filtrare. Fare freddare e conservare in frigo. Con questi ingredienti ne viene quasi un litro, prima di servire agitare la bottiglia. Per la presenza delle uova credo bisogna consumarlo almeno entro una settimana, ma credetemi non rimane mai cosĂŹ a lungo in frigo.

http://ildolcemondodianna.blogspot.it/2012/06/bayles-home-made.html


Ringrazio tutte le blogger che hanno partecipato con le loro ricette alla realizzazione di questa raccolta!

By Debora

www.diariodellamiacucina.com


I Love Homemade