__MAIN_TEXT__

Page 1

Dal prossimo numero edizione estiva pagine 8

AGENZIA GENERALE VITULAZIO di

28 giugno 2013

Anno VII N. 128

Periodico di Informazione Cultura e Politica c o l l e g a t o a w w w. d e a n o t i z i e . i t d i s t r i b u z i o n e g r a t u i ta

ANALISI DEL LIQUIDO SEMINALE PER DIAGNOSI DI INFERTILITA’

Peppino Pezzulo

Viale Dante 80/B - Vitulazio (CE)

Tel. 0823 990053 - Fax 0823 990090 (All’amico Giovanni Giudicianni)

Grazie Gianni

ANALISI CLINICHE - CHECK - UP D.ssa CARLA DE ROSA & C. s.a.s. Via Luciani (Parco Agorà) Vitulazio (CE) - Telefax 0823 990 286 Si effettuano prelievi domiciliari GRATUITI

"grazie per tutte le porte che hai aperto e che hai lasciato aperte". Ciao

CUCCARO CENTRO REVISIONE Auto - Moto - Mezzi Pesanti S.S.Casilina Km. 192,00 A1 Uscita Capua Località Spartimento PASTORANO (Caserta) Tel. 0823 653184 - www.cuccaroservice.it

EDICOLA De Lucia

Lotto - Ricariche telefoniche Gratta e vinci - Articoli da regalo Pagamento Bollette P.zza Umberto I° - Pignataro Maggiore (CE) Telefono e fax 0823 654708

TERMOIDRAULICA ZAMBARDINO di Antonio Zambardino Via Luciani (a mt. 50 dalla chiesetta) Vitulazio (CE) - Tel. 0823 990462 - Email: termoidraulicazambardino@live.it

vendita caldaie Climatizzatori Accessori da bagno Rubinetteria Radiatori Materiale x impianti idraulici

preventivi e sopralluoghi gratuiti Serietà negli impegni - Professionalità e...RISPARMIO


Pagina 2

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

DEA Notizie Sede legale e Redazione via Regina Elena, 28 81041 Bellona CE Telefax 0823.966794 320 2850938 - 338 3161842

Il punto di riferimento per chi ama gli animali ed il mondo del verde. Si vendono cani, gatti e volatili di ogni razza.

c.c.p. 33785874 - P.I. 02974020618

deasportonlus@gmail.com Periodico di Cultura, informazione e politica Collegato a www.deanotizie.it Aut. Nr. 665/06 del 19.10.2006 Tribunale S. Maria C.V.

Direttore Responsabile Francesco Falco Giornalista

Vice Direttore Franco Valeriani Giornalista

Responsabile Redazione Fabiana Salerno

Se nella nostra vita riuscissimo ad allontanare anche una sola persona dalla droga o dalla delinquenza, non avremmo vissuto invano. (Motto Dea Sport)

Giornalista

Consulente grafico Antonio Scala Grafico

Webmaster Gianfranco Falco Ingegnere Informatico

Via Galatina 235 - S. Maria C.V. (CE) Italy Tel. 0823 841674 - Fax 0823 819686

Vendita e riparazioni macchine per cucire

Necchi Singer Brother www.paginegialle.it/gravano - e-mail: micgrava@tin.it

Giornata della Fraternità Bellona - L'Unitalsi ha organizzato la "Giornata della Fraternità 2013", svoltosi il 16 giugno nella parrocchia "S. Secondino" di Bellona, grazie al parroco Don Antonio Iodice che fortemente ha desiderato tale evento e alla beneficenza di tanti simpatizzanti della Caritas locale e Unitalsiani. Una giornata conviviale con canti e preghiere, in cui i volontari si sono messi al servizio delle necessità del prossimo. Un incontro ricorrente annualmente, ma collocato nell'anno della fede che termina il 24.11.2013 e che sarà ricordato per il calore umano e l'accoglienza riservata dai bellonesi. Erano presenti: amici, dis-

Aperto a pranzo

abili e anziani accompagnati dai volontari, nonchè l'assistente spirituale Don Domenico Piccirillo, che a turno hanno animato i vari momenti della giornata in perfetta simbiosi con i volontari della Caritas. Mena Di Vico, presidente sottosezionale ha affermato: "L'UNITALSI è come un angelo che sotto forma di grande famiglia si prodiga per accompagnare gli ammalati nei vari posti di preghiera e speranza”. Ha altresì evidenziato che un vo-

lontario nell'eseguire il suo servizio non può mai dire "Che cosa mi tocca fare?" ma deve dire “che cosa mi è concesso fare?”.

OSTERIA JAN Gradita la prenotazione

Ampio PARCHEGGIO via Diana, 15 - Pastorano (CE)

Chiuso il Martedì

Porta i bambini a giocare sulle giostrine


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 3

Un convegno (ed un libro) sugli emigranti pignataresi Direttore Pignataro Maggiore - La presentazione del libro sugli emigranti pignataresi e caleni è stato un successo. La sala concerti dell'associazione "Amici della Musica", venerdì, era talmente piena che le persone sono state costrette ad occupare il cortile dell'episcopio. Non solo: c'erano anche numerosi emigranti, tra i quali sei ancora residenti a Rochester in America e che in questi giorni sono arrivati in paese, come Giulio Vito, Antonio Vito e la moglie. Questa è una giornata da ricordare, ha detto il sindaco Raimondo Cuccaro. Numerose le personalità che hanno parlato dell'emigrazione in Terra di Lavoro e del ruolo dell'emigrante nella costruzione della nuova Italia. Hanno partecipato al convegno: il prof. Marco De Angelis storico dell'Università di Cassino, il preside Paolo Mesolella, i docenti del laboratorio di Storia della scuola, proff. Angelo Martino, Giovanna Caimano, Claudia Caimano, Valeria Precipe, il sindaco Raimondo Cuccaro, il presidente degli "Amici della Musi-

ca" prof. Giuseppe Rotoli, il Presidente del Circolo Unione avv. Giovanni Morelli. Durante il convegno è stato presentato il libro curato dal preside Paolo Mesolella "Vieni da me quando vuoi. 150 storie di emigrazione". Il libro contiene documenti e testimonianze inedite sull'emigrazione nell'Agrocaleno: centocinquanta emigranti vi ricordano il tempo della loro emigrazione in Svizzera, in Germania, in Francia, in Inghilterra, in Argentina e in America. Soprattutto in America, dove vive una vivace comunità locale. Una serie ininterrotta di testimonianze come quelle di Francesco Giuliano emigrato in Svizzera nel 1956, Luigi Caimano emigrante a Rotodurn, Teresa Penna emigrata a Losanna, Antonio Messuri e Alfonso Del Vecchio emigrati a Basilea, Pietro Valente emigrato a Parigi, Salvatore Mazzuoccolo a Pletteberg in Germania, Gaetano Formicola a Ber-

Potevano pensarci prima... Salvatore Antropoli - Collaboratrore da Pontelatone Quando Gesù tornò sulla Terra chiese al figlio dell'uomo cosa avesse fatto in tutti quegli anni. Questi gli mostrò le macchine da guerra; fucili, carri armati e molte altre stramberie di distruzione. Gesù ascoltava triste, poi guardò il figlio dell'uomo con i suoi occhi pensierosi e disse: "potevi essere più buono". Oggigiorno ci ritroviamo a cambiare, a modificare, a sospendere qualcosa che prima abbiamo adottato con la massima indifferenza. La mano armata dello Stato contro cittadini inermi che non avevano altra colpa se non quella di essere diventati poveri. E così, in mezzo a tanta crisi, assistiamo a tanto squallore. Cittadini che perdono tutto perchè non ce la fanno a pagare le tasse, imprenditori suicidi per colpa di un fisco opprimente, giovani sbandati alla continua ricerca di un lavoro. Uno spettacolo desolato. Per salvare l'alta finanza hanno affossato le imprese, calpestando i più sacri diritti dei lavoratori. Finalmente, tra suicidi e gesti eclatanti, uno spiraglio di speranza. Forse cambierà qualcosa, e nessuno sarà buttato fuori di casa come è accaduto finora. Ma... non potevano pensarci prima?

Questa rivista è anche su www.deanotizie.it

na. Hanno partecipato all'incontro, dando la loro testimonianza, numerosi pignataresi emigrati a Rochester- New York, come Margherita Vito, Teresa Cavallo, Luciana Zona, Robert Panagrosso, Vincenzo Bovenzi, Giulio Vito e Antonio Vito. Quest'ultimo, in particolare, momentaneamente in paese, ha spiegato: "Sono emigrato in America, a Rochester, il 27 marzo 1966, ed ho lavorato in una sartoria per cinque anni, dopodiché ho lavorato in una centrale elettrica a carbone per altri 26 anni, fino all'età della pensione. Oggi vivo in America con mia moglie, i miei due figli (uno è meccanico, l'altro è assicuratore) e quattro nipoti, ma mi manca tanto Pignataro. Il libro contiene testimonianze su emigranti pignataresi e caleni, ma anche sparanisani, teanesi e gianesi.

L’ABORTO NON TI EVITA LA GRAVIDANZA L’ABORTO TI RENDE MADRE DI UN BIMBO MORTO

Aderisci al movimento www.no194.org ASSOCIAZIONE NO 194 12 ORE DI PREGHIERA PER LA VITA Info: coordinatore provinciale paolo.mesolella@caserta24ore.it

Macelleria Agorà Ferdinando Carusone Da noi trovi le TRE G Garanzia - Genuinità - Gentilezza

Via Luciani - Parco Agorà Vitulazio (CE) Tel. 329 7668004

Kg 1 cosce Kg 1 petto Kg 1 ali

Kg 1 spezzatino

Euro Kg 1 fettine Euro 9,90 Kg 1 macinato 17,50

Kg 1 macinato Euro Pollo allo spiedo con patate in vas- Kg 1 spezzatino 15,50

soio Euro 7,00

Kg 1 hamburger


Pagina 4

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Italiani brava gente… ma non sempre Franco Valeriani - Giornalista - Collaboratore da Bellona

3^ parte

Compagno del generale Rodolfo Graziani, nelle tristi avventure della guerra in Africa, fu il Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio governatore della Cirenaica e Tripolitania. Ma di Badoglio non c'è da glorificare alcun ricordo, se non la sua predisposizione al male. Il 20 giugno 1929 deportò, in tredici lager, 100.000 libici una massa di persone costretta ad una marcia di 1000 Km nel deserto. La fatica, gli stenti, le malattie e l'eccessivo caldo ne uccisero 40.000. Il 30 novembre 1935 Badoglio fu trasferito in Etiopia con 200.000 soldati, 350 aerei, 750 cannoni e 7000 mitragliatrici per combattere contro 215.000 abissini male armati e privi di aerei che, per difendere la loro terra, lanciavano sassi contro gli automezzi italiani ai quali non fu difPignataro Maggiore

Assessore allo Sport e Spettacolo, dott. Daniele Luigi Palumbo (foto a lato), dopo il successo delle precedenti edizioni, organizza la terza edizione di "E… state in biciletta". L'iniziativa prevede una serie di ciclo-passeggiate serali aperte a tutti, grandi e piccini. Queste pedalate al chiaro di luna, oltre ad avere uno sfondo ludico, hanno come finalità principale la sensibilizzazione dei cittadini verso la necessità di mezzi di trasporto più sostenibili, riscoprendo così il piacere di andare in bici e stare insieme per le vie del paese. Ci auguriamo che gli automobilisti che incontreranno le bici con luci accese e campanelli in azione, passeranno da un primo attimo di impazienza per la sosta imprevista a stupore e curiosità fino al punto di voler partecipare la volta suc-

ficile sbaragliare il nemico. E Badoglio, con la voce del conquistatore, annunciò attraverso le onde della radio(allora EIAR) il suo trionfale ingresso in Addis Abeba. Ma, nonostante la supremazia militare, anche Badoglio, come il suo "collega" Graziani, ordinò di utilizzare il mortale gas iprite che anche in Etiopia seminò un'atroce morte L'utilizzo di questo gas, però, si ritorse contro gli stessi italiani quando la sera del 2 dicembre 1943, 105 aerei tedeschi bombardarono le navi ancorate nel porto di Bari. Erano così vicine tra loro che bastarono poche bombe a creare una reazione di esplosioni a catena. Furono affondate 5 navi U.S.A che avevano a bordo il gas iprite, 4 Inglesi, 3 Norvegesi, , 3 italiane e 2 polacche: in tutto 17 navi. Fu la Pearl Harbor italiana e morirono, tra civili e militarti, mille persone. Molti ustionati, altri uccisi dal gas iprite

che si diffuse sulla città di Bari come una grande nube tossica. L'accusa di genocidio fatta dall'Etiopia a Badoglio, dopo la II Guerra Mondiale, fu evitata dal governo italiano che riuscì ad ottenere dagli Alleati, di giudicare i responsabili. L'Etiopia aveva inviato all'ONU un elenco di 10 responsabili italiani per i bombardamenti con gas iprite, per le distruzioni di ospedali, chiese, scuole e case di riposo. Tra i nominativi dei colpevoli risultava anche Pietro Badoglio, il "grande conquistatore dell'Etiopia" che fu definito, dai governanti di allora, "il novello Scipione Africano"!. Quando la commissione italiana avviò i lavori, il nome di Badoglio non risultava e tutte le accuse a suo carico furono archiviate. Fu questo il primo di una lunga serie di vergognosi insabbiamenti del dopoguerra italiano". Conclude amaramente "Zio Michele Sica".

E… state in biciletta cessiva… naturalmente in bicicletta. Inoltre coloro che non posseggono una bici possono recarsi presso uno dei negozianti aperti nelle ore notturne che hanno aderito al progetto city4byke e prenderne una in prestito. Vista la brevità e lo

spirito della pedalata non servono particolari doti fisiche per partecipare quindi, tutti sono i benvenuti, è richiesto solamente un buon impianto elettrico per la bici e il rispetto delle norme del Codice della Strada. La partecipazione è gratuita. Il ritrovo è fissato in Piazza Umberto I alle 21,30 per tutti i lunedì dell'estate, iniziando dal 1 luglio.

SCRIVI RACCONTI? Questa rivista fa per te. Inviaci una foto formato tessera ed il racconto (massimo 2.500 battute, spazi inclusi) all'indirizzo email: deasportonlus@gmail.com Lo pubblicheremo

Antica Caffetteria Au Jardin - Giudicianni Srl Pasticceria - Gelateria - Nostra produzione - Torte personalizzate

Novità

Vendita sigarette elettroniche con liquido ed accessori

Via A. Vinciguerra Bellona (CE) Tel. 0823 965355


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 5

Dichiarazioni di personaggi del risorgimento: Cloaca, Vandali, Oltraggi, Furti, Corruzione, Inganni Prof. Antonio Martone - Collaboratore da Pignataro Maggiore Dopo il florilegio pubblicato sui numeri 125 e 126, riguardante l'invasione del Meridione e la devastazione prodotta dalla "calata" dei nordici piemontesi, vogliamo ora offrirne un altro ai lettori di DEA notizie, in modo che essi possano ascoltare anche la classica "altra campana", oltre a quella, gonfia di retorica, della storiografia ufficiale dei vincitori. Alcune testimonianze sono sommamente interessanti perché sono rese dagli stessi interessati; ma sono state fatte cadere nel dimenticatoio perché poco consone o contrastanti con l'immagine che il popolo italiano, finalmente unito, doveva farsi di certi personaggi!!! 1. Cloaca Cominciamo allora da Garibaldi, il quale una volta così si espresse: "Quando i posteri esamineranno gli atti del governo e del Parlamento italiano durante il Risorgimento, vi troveranno cose da cloaca". Il termine "cloàca" è ben noto; ma ci piace ribadirne il significato: "canale sotterraneo che raccoglie acque sporche di un centro abitato per scaricarle in un fiume o nel mare"; ma bisogna precisare che acque sporche è una espressione decente per indicare tutti gli escrementi umani! E infatti Garibaldi aveva ragione: nel c.d. Risorgimento sono state fatte parecchie cose piene di… lordura (non è possibile usare qui il termine più appropriato). 2. Vandali Interessante ci sembra poi una frase usata da Giacinto de' Sivo: "Napoli che i Vandali mai non vide, vide i Garibaldini". Qui però si comprende chiaramente il malanimo dell'autore che era uno storico borbonico (però comunque non disprezzato da B. Croce). 3. Oltraggi Ben noto ormai è lo stralcio di una lettera indirizzata da Garibaldi ad Adelaide Cairoli nel 1868: "Gli oltraggi subiti dalle popolazioni meridionali sono incommensurabili. Sono convinto di non aver fatto male, nonostante ciò non rifarei oggi la via dell'Italia Meridionale, temendo di esser preso a sassate, essendosi colà cagionato solo squallore e suscitato solo odio." In questo brano sono da sottolineare i termini "oltraggi" (subiti dai

meridionali), "squallore" e "odio" (cagionati dai piemontesi), e le "sassate" che i meridionali lancerebbero all'eroe dei due mondi, se dovesse ritornare a Napoli. 4. Furti Vediamo ora come Garibaldi era stimato da Vittorio Emanuele II; dopo lo storico incontro di Teano, il Re così scriveva al Cavour: "… come avrete visto, ho liquidato rapidamente la sgradevolissima faccenda Garibaldi, sebbene, siatene certo, questo personaggio non è affatto docile, né così onesto come lo si dipinge e come voi stesso ritenete. Il suo talento militare è molto modesto, come prova l'affare di Capua, e il male immenso che è stato commesso qui, ad esempio l'infame furto di tutto il denaro dell'erario è da attribuirsi interamente a lui che s'è circondato di canaglie, ne ha seguito i cattivi consigli, e ha piombato questo infelice paese in una situazione spaventosa". Da notare come i nostri padri della Patria si esercitassero bene nella tecnica dello scaricabarile: da una parte il Vittorione accusava Garibaldi di aver fatto man bassa del danaro lasciato da Francesco II nelle casse dell'erario; dall'altra, dopo alcuni anni, Garibaldi accusava Vottorione di aver reso squallido il Sud. Ma è opportuno sottolineare anche come il Re "Galantuomo" stimasse poco il talento militare dell'eroe dei due mondi. 5. Corruzione C'è ancora una frase di Vittorio Emanuele II che ci ha colpiti profondamente; egli, rivolgendosi al plenipotenziario inglese August Paget, dichiarò esplicitamente: "Ci sono due modi per governare gli italiani: con le baionette o con la corruzione". Quello che appunto usò nella conquista del Meridione. 6. Inganni Chiudiamo questo secondo florilegio con una dichiarazione del Cavour all'ambasciatore

Ruggero Gabaleone: "Come ha potuto, solo per un momento, uno spirito fine come il tuo, credere che noi vogliamo che il Re di Napoli conceda la Costituzione [il 25 giugno 1860 Francesco II decreterà il ripristino della Costituzione del 1848]. Quello che noi vogliamo, e che faremo, è impadronirci dei suoi Stati". Si poteva essere più chiari di così? Una osservazione conclusiva: non si venga a dire che i neoborbonici vogliono mettere in cattiva luce gli eroi del risorgimento; si noti che, tranne la citazione del De Sivo, tutte le altre sono di Garibaldi, di Vittorio Emanuele II e di Cavour; se avete da lamentarvi, prendetevela con loro! (sul prossimo numero il 3° florilegio)

La nostra vicinanza alla famiglia del Professore

Simonpietro Russo per la dipartita della cara suocera

Teresa Palmieri

A N T E A

T E A M

Cerchi un idraulico? Ditta Antonio Sanfelice via Jardino, 35 - Vitulazio (CE) Tel 328 4638424 Istallazione impianti di: Riscaldamento Climatizzazione Condizionamento Refrigerazione Distribuzione e Utilizzazione Gas P.I. - R.I.di CE-03862300617

G I U S E P P E I O R I O


Pagina 6

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Giorgio Perlasca: un uomo giusto 3^ parte

Dr. Domenico Valeriani - Giornalista - Collaboratore da Bellona

Su iniziativa del figlio Franco e grazie all'adesione di autorevoli rappresentanti del mondo politico e culturale italiano, fu costituita la Fondazione Giorgio Perlasca, in memoria dell'opera compiuta da quest'uomo straordinario. La Fondazione Perlasca custodisce e tutela documenti originali, oggetti personali e materiali storici. Si prefigge, inoltre, di promuovere iniziative culturali attraverso l'organizzazione di eventi, convegni, mostre e di incentivare le attività d'informazione e ricerca di altre storie di "Uomini Giusti". Essa si rivolge a tutti i cittadini italiani con il proposito di accrescere il sentimenti di fratellanza tra i popoli, il rispetto delle religioni e la convivenza pacifica. In modo particolare vuole sensibilizzare i giovani sui problemi delle popolazioni soggette a persecuzioni di ogni genere. A Giorgio Perlasca furono concesse numerose onorificenze e riconoscimenti: il 23-09-1989 fu insignito dal governo di Israele con il riconoscimento di "Giusto tra le Nazioni." Al museo Yad Vashem di Gerusalemme, nel vialetto dietro al memoriale dei bambini è stato piantato un albero a lui dedicato. A Budapest, nel cortile della Sinagoga, il suo nome è riportato su una lapide che elenca gli "Uomini Giusti". Giorgio Perlasca morì il 15 agosto 1992, all'età di 82 anni e fu sepolto a Maserà di Padova. Tra le varie onorificenze concessegli ricordiamo: il 2506-1992 Medaglia d'Oro al Merito Civile con la seguente motivazione: "Nel corso del II Conflitto Mondiale, con coraggio non comune e grave rischio personale assumeva la falsa identità di Console Spagnolo per salvare migliaia di persone ingiustamente perseguitate, impedendone la deportazione nei campi di sterminio e riuscendo, poi, a trovar loro una provvisoria sistemazione, malgrado le notevolissime difficoltà. Nobile esempio di elette virtù civiche e di operante umana solidarietà. Budapest 1944 - 1945." A Roma il 02-06-1990 il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, con "Motu Proprio", lo nominò Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il governo ungherese, nel 1989, gli concesse la Stella al Merito; Isabella la Cattolica, Regina di Spagna, nel 1991, gli concesse la Grand Cruz dell'Ordine; il go-

verno degli Stati Uniti d'America, nel 1990, la Medaglia Raoul Wallenberge e quella del Museo dell'Olocausto; il governo israeliano di Gerusalemme, nel 1989, concesse la Medaglia della Knesset (Parlamento Israeliano); infine la Città di Padova concesse, a Giorgio Perlasca, il Sigillo della Città. Nel 1992 le Poste Italiane emisero un francobollo da 0,60 in onore di Perlasca. Recentemente molte Amministrazioni Pubbliche hanno dedicato alla memoria di Perlasca vie, piazze, parchi e plessi scolastici. Per ricordare lo straordinario coraggio e senso di umana giustizia, che animò Giorgio Perlasca, anche la Città di Bellona intitolò una strada in sua memoria. Fine

Imparare dal passato Miranda Di Nuzzo - Collaboratrice da Bellona Ci sono persone che sognano di poter viaggiare nel tempo, ci sono persone che, loro malgrado, sono state catapultate nel passato... Jennifer facendo una semplice passeggiata in montagna si ritrova nel 1700. Disorientata e spaventata incontra gli antenati del marito di cui aveva tanto sentito parlare come uomini d'onore rivelatisi, invece, esseri spregevoli, viziosi e privi di qualsiasi morale. Jennifer dovette affrontare varie peripezie e rischiò di finire al rogo accusata di stregoneria solo per aver curato delle persone, essendo ella un medico, e per avere il marchio del diavolo sul braccio che altro non era se non la piccola cicatrice lasciata dalla vaccinazione contro il vaiolo. Nei primi tempi, la mancanza di comodità cui era abituata, sembrava essere una tragedia, poi però riuscì ad apprezzare la vita semplice, l'assenza di smog e il piacere di vivere a contatto con la natura. Jennifer s'innamorò così tanto di quella "nuova" vita che decise di restare nel passato. Forse tutti dovremmo tornare indietro nel tempo, magari La collaborazione a non nel 1700, almeno nel 1900 e cercare di questa testata rimediare ai danni che consente l’iscrizione abbiamo procurato al all’Albo dei nostro pianeta negli Giornalisti-Pubblicisti ultimi cento anni.

PIZZERIA PANINOTECA ROSTICCERIA Consegna a domicilio Info - 320 111 2121 - Lunedì chiuso

Viale Italia, 8 VITULAZIO (CE)

I nostri prodotti, genuini e controllati, sono cotti in forni alimentati con legna

SUPERMERCATI GIUDICIANNI Srl Bellona Via Matteotti - Tel. 0823 967275 Vitulazio Località Tutuni IV Traversa - Tel. 0823 966092 L’esperienza nell’interesse dei Clienti


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 7

Nei giorni della cometa Prof. Francesco Fraioli - Collaboratore da Napoli Apparso a puntate sul The daily chronicle nei primi anni del '900, In the days of the comet (Nei giorni della cometa) è un romanzo appartenente al genere letterario della science fiction, stilato dallo scrittore britannico Herbert George Wells (foto) che, narrando delle esalazioni smeraldine di un oggetto celeste, ipotizza una metamorfosi eutopica sulla forma mentis dell'intera umanità. Gran parte del telaio narrativo è basato sul tropo dell'analessi: il protagonista, ormai settantaduenne, intraprende una narrazione retrospettiva di eventi del proprio vissuto, il cui contesto è l'inopia di virtù e valori che offusca la speranza dei giorni di là da venire. William Leadford, il personaggio principale, si innamora perdutamente di Nettie Stuart, ma il loro legame è insidiato dal giovane Edward Verral, il quale seduce la fanciulla che sceglie di scappare con lui. Questo episodio armerà la mano di William, che de-

ciderà di eliminare la fedifraga e il suo amante, e successivamente di togliersi la vita. Intanto in cielo un'enorme cometa illumina le notti con la sua chioma: la coda risplende brillantemente rischiarando gli accadimenti della movida. È tarda sera, e William trova i due amanti in idillio al lumeggiare del fenomeno celeste, ma, mentre si appronta a compiere l'insano gesto, il raid di due teutoniche navi da guerra sconvolge la scena lirica: l'assalto induce al totale bailamme e la gente fugge disperata dal terribile bombardamento. In preda all'odio, William deciderà di regolare i conti anche in mezzo alla ressa, ma, in quel mentre, la cometa, entrando nell'atmosfera terrestre, comincia a sublimare, e durante la transizione delle fasi, polveri e gas verde smeraldo si sprigionano nell'ambiente: i fuggitivi vengono proiettati in una dimensione surreale ed onirica ai confini della realtà stessa, che induce al sonno il giovane William e tutti coloro che si erano dati alla fuga.

Dopo un lungo ed irreale torpore di tre ore, il giovane e gli astanti si risvegliano, ma qualcosa ha mutato i loro pensieri, la verde bruma ha modificato i propositi del protagonista, rendendo vani e senza senso i suoi progetti: il creato inumano riscopre sentimenti assopiti come compassione ed armonia, emozioni dormienti come indulgenza e misericordia invadano gli animi. Dopo un pacato confronto esplicativo, William, Nettie ed Edward chiariranno le proprie posizioni arrivando ad una definitiva determinazione. La società migliora dopo il "grande cambiamento": si evincono le inutilità di sovrastrutture umane generate da distopiche società che non hanno rispetto della vita stessa, si intuisce che il conformismo dilagante mortifica la libertà quale manifestazione dell'individuo, si comprende che le idolatrie sociali non hanno nulla di universale, e si intuisce che la forza fisica e la guerra sono aberrazioni e mostruosità del genere umano contro se stesso.

Tu di che coppia sei? Prof. Antonio De Cristofaro - Collaboratore da Corbetta (MI) "Tu di che coppia sei?" E' un divertente ed interessante libro scritto per divertire e divertirsi della giovane autrice Stefania Romito (foto) e disegnato con maestria ed occhio arguto dall'altrettanto giovane e simpatica disegnatrice e vignettista Isabella Ferrante, pubblicato dalla casa editrice "Alcyone". Mi sono divertito molto nel leggere le didascalie riferite alle diverse tipologie di coppie. Ce ne sono di divertenti ed acute. Alcune già note altre leggermente modificate per renderle più confacenti al sentire comune dei giovani d'oggi. Per me il problema più grande è stato quello di superare l'impasse di identificarmi in quasi tutte le tipologie di coppie prese in esame dalla mordace autrice. Sì, perché in ogni coppia descritta io ho trovato qualcosa che si attanagli al mio modo di essere una

parte della coppia insieme alla mia dolce metà, cioè, mia moglie. Alla fine della lettura mi sono sentito di appartenere a tutte e nessuna delle coppie analizzate! Dunque, ho pensato: io e mia moglie siamo una coppia unica! E come tale: siamo indissolubili! Però, quando abbiamo fatto insieme il questionario che si trova alla fine del libro, abbiamo litigato su quasi tutto! Siamo arrivati quasi al punto di riprometterci di andare dall'avvocato per iniziare una causa di separazione, giudiziale , naturalmente! Mandando all'aria l'assunto testé annunciato, cioè: che saremmo una coppia indissolubile! Meno male che dopo un minuto, guardandoci fissi negli occhi siamo scoppiati in una risata liberatoria, che ha imme-

diatamente dissipato il nostro momentaneo dissapore. Questo sta a dimostrare che l'amore ed il rapporto di coppia si costruiscono momento per momento, in una relazione di dare ed avere, nel tentativo consapevole di mettersi sempre anche nelle scarpe dell'altra metà del cielo! Mi vien da dire "brave" a tutte e due le autrici, Stefania per la parte testuale ed Isabella per le vignette umoristiche. E' un libro consigliato per tutti, sia per chi è già in coppia e vuole riflettere sulla sua condizione, sia per chi non è ancora in coppia ma vuole esserlo o si accinge ad esserlo.

A&A PARRUCCHIERI Antonietta Di Stasio & Angelo Palmieri VIA GIUSEPPE GARIBALDI, 7 SPARANISE (CE) - CELL. 320 143 5561


Pagina 8

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

La ricetta di Nietta Collaboratrice da Bellona Gustosi gnocchi alla ricotta Ingredienti per 4 persone: 800 gr. di patate, 150 gr di farina, 200 gr. di ricotta, 1 cucchiaio di formaggio grattugiato, sale, olio EV oliva. Sbucciate le patate e tagliatele a pezzi grossi. Lessatele in abbondante acqua salata. Quando le patate sono tenere, scolatele e lasciatele in attesa per 5 minuti, in modo da lasciarle asciugare. Versate la farina su

un piano di lavoro e schiacciate le patate con l'apposito apparecchio direttamente sopra il tagliere. Impastate rapidamente con le mani, incorporando la farina necessaria. La quantità di farina utile dipende dalle patate. Dovete ottenere un impasto poco appiccicoso e abbastanza sodo, ma non colloso. Formate degli gnocchi della forma che preferite (a palline o a tronchetti) e deponeteli su uno strofinaccio da cucina infarinato. Lessateli in una

grande pentola d'acqua bollente salata. Raccoglieteli quando salgono alla superficie con un "ragno" (la schiumarola usata per i fritti) e lasciateli scolate bene. Trasferite i gnocchi in una pirofila possibilmente in uno solo strato. Diluite la ricotta con un po' di latte fino ad ottenere la consistenza di una besciamella. Condite con sale e versate sugli gnocchi. Cospargete con il formaggio grattugiato e cuocete nel forno finché la superficie sarà dorata.

"Allo specchio" Rubrica a cura di Ada Funaro - Collaboratrice da Formicola Questo periodo è quello in cui si celebrano con maggiore frequenza cerimonie alle quali teniamo particolarmente. Questi eventi oltre all'aspetto religioso danno molto risalto all'estetica delle persona, cosa che si evince chiaramente anche dalle domande pervenuteci in redazione. Eccoci, quindi, nel Centro Estetico Larissa in Sant'Angelo in Formis, dove la nostra fidata estetista risponderà ai vostri quesiti. Lucia si sta preparando per la prima comunione della sua piccola Martina e vorrebbe essere impeccabile; è attratta molto da queste unghie perfette e bellissime che si vedono in strada come sulle riviste, ma teme che la ricostruzione possa rovinare la sua base: potresti darle maggiori spiegazioni su questa tecnica? "La ricostruzione è una tecnica che permette di riparare le unghie rotte o sfaldate; di mascherare difetti come la forma a uncino o a cucchiaio; di ottenere la lunghezza desiderata con l'ausilio delle tips. Il materiale che vanta la maggiore tradizione nel campo della ricostruzione delle unghie è l'acrilico, una miscela molto robusta che garantisce un'ottima tenuta; proprio perché è molto tenace, però, richiede maggiore impegno per toglierlo e quest'operazione può danneggiare l'unghia. Oggi ad essere preferito in questa tecnica è il gel che, essendo più morbi-

Info: 333 3164050

do, è più facile da modellare e meno aggressivo al momento di toglierlo; pur essendo più fragile dell'acrilico ha comunque una buona resistenza. Qualunque sia il materiale scelto, la ricostruzione dura dalle 3 alle 4 settimane, dopo di che si può optare per un ritocco o per una nuova seduta di ricostruzione totale. Inutile sottolineare l'importanza di rivolgersi a personale qualificato per avere la certezza dei risultati senza rischiare danni." Marta ci scrive da Capua: al prossimo matrimonio della sua migliore amica vorrebbe regalarsi uno sguardo più intenso senza l'uso del mascara… "La nostra amica sicuramente ha in mente l'estensione delle ciglia e le assicuro che nel nostro centro il suo desiderio potrà realizzarsi in scarse due ore. La tecnica è da noi eseguita con speciali fibre

sintetiche, disponibili in 2 tipi di curvatura, 10 lunghezze, 4 tipi di spessore e svariati colori: ciò garantisce di ottenere un risultato molto naturale ed intenso che non rende più necessario l'uso del mascara. L'applicazione dura dai 60 ai 90 giorni, periodo durante il quale consiglio ritocchi ogni 3-4 settimane in funzione del ritmo di crescita e caduta delle ciglia naturali".

Il sesto senso urlava dentro che mi sarebbe accaduto qualcosa di orribile. Infatti, incontrai la donna della mia vita. Totò disse: Ti voglio ammazzare perché così ti insegno a vivere. I ministri passano, gli uomini restano

Aperto a pranzo à it Cerimonie in genere v i t t a Specialità alla brace si e d e Ampio parcheggio C

Parco giochi per bambini


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 9

Test etilometro senza avvocato è nullo Dr.ssa Giusy Vastante - Avvocato - Collaboratrice da Bellona Dalla sentenza 1619/13, emessa dalla dottoressa Donatella Banci Buonamici dell'ufficio Gip del Tribunale di Milano emerge che quando un utente della strada viene fermato e sottoposto ad accertamento tramite alcoltest, assume la qualifica di "soggetto sottoposto ad indagini di polizia giudiziaria". E questo perchè in caso "il fermato" abbia un tasso alcolemico superiore allo 0.80 gr/L incorrerà nel rea-

to penale di "guida in stato di ebbrezza". Con l'accertamento compiuto tramite alcoltest al soggetto è contestato un reato penale, ossia: persona sottoposta ad indagini di polizia giudiziaria. Quindi con e tutele previste dal codice di procedura penale. Come sostiene anche la Suprema Corte di Cassazione "è assolutamente pacifico che l'alcoltest costituisce un atto di Polizia Giudiziaria urgente e indifferibile ai sensi dell'art. 354, terzo comma del codice di procedura penale". Da ciò deriva che la polizia giudiziaria prima

del compimento dell'alcoltest deve avvertire la persona che ha diritto di farsi assistere dal difensore di fiducia. Infatti nessun dubbio che lo stesso abbia natura irripetibile poiché gli elementi dell'analisi risultano alterabili, modificabili e presentano una certa tendenza alla dispersione. Inoltre, se un soggetto si trova in stato di ebbrezza, il fatto che venga avvisato della facoltà di essere assistito da un legale gli dà la possibilità di far seguire le operazioni di accertamento da un tecnico terzo.

18 luglio, in scena a Caserta: Aida Lucia Vagliviello - Inviata Il prossimo 18 luglio, alle ore 21.30 in Piazza Matteotti a Caserta, in occasione dell'anno verdiano, bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, sarà rappresentata l'opera lirica Aida. In scena, oltre 150 artisti appartenenti all'Orchestra e Coro della Compagnia di San Pietroburgo, diretta dal maestro Gaetano Soliman, il Corpo di ballo del teatro dell'opera di Odessa con le scenografie e i costumi del teatro dell'opera di Odessa per la regia di Antonio De Lucia. Con il patrocinio del Comune di Caserta Assessorato ai grandi eventi, i solisti di fama internazionale del teatro dell'Opera di Odessa, noti per essersi già esibiti nei più grandi teatri del mondo, calcheranno l'imponente e suggestiva scenografia ideata per l'occasione, paragonabile alla grandiosità del-

l'Arena di Verona e si esibiranno nei quattro atti dell'opera lirica verdiana. L'evento promosso è organizzato dall'agenzia Euro Artists che da tanti anni organizza spettacoli in tutto il mondo e vede quale direttore artistico, il maestro Angelo Taddeo. L'Agenzia Euroartists nasce nel 2001 per opera del maestro Taddeo il quale, con dedizione e professionalità, ha curato gli eventi musicali conquistando la stima e la fiducia degli artisti che con lui continuano a collaborare. In virtù della stima conquistata, la fama raggiunta, la professionalità artistica e morale mostrata nel corso degli anni, proprio l'agenzia Euroartist ha curato nei minimi particolari il cast di professionisti che il prossimo 18 luglio polarizzerà l'attenzione dei tanti appassionati e cultori di musica operistica i quali avranno modo di inebriarsi d'emozioni immergendosi nella più famosa opera lirica che narra la storia di un condottiero egiziano,

Radames interpretato dal tenore Oleksiy Repchinsky, innamorato di una schiava Etiope, Aida che sarà interpretata dal soprano Alyona Kistenyova, la quale, parte per la guerra con il re dell'Etiopia, padre di Aida , Amonasro interpretato dal baritono Oleksandr Striuk che doveva sposare la figlia del Faraone, Amneris, mezzo soprano Cristina Guarino, ma a seguito dell'accusa del tradimento verrà condannato e sepolto vivo mentre la giovane Aida, volontariamente, per amore, dividerà con lui la stessa sorte.

De Crescenzo Café di Antonio De Crescenzo

Superenalotto - Win For Life Pagamento bollette - Ricariche telefoniche Carte Bancarie e Gratta e vinci

P.zza Umberto 2 - Bellona Tel. 0823 966870 I,

L’Idea di Caterina Falco Bomboniere Articoli da regalo Oggettistica Profumi Sconto 20% su tutti gli articoli !!! Sulle bomboniere, inoltre, confezione preparazione confetti e partecipazioni Via Ruggiero Vitulazio CE Elargiamo consigli nel Vostro interesse in omaggio


Pagina 10

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Il volo - Dalle origini ai nostri tempi Terza puntata

Col. (r) Antonio Arzillo - Collaboratore da Vitulazio

Dal dirigibile all'aeroplano. Continuando questa nostra avventura sulla storia del volo, arriviamo agli inizi del XX secolo quando vennero collaudati con successo dirigibili a ossatura rigida; il primo, con una carlinga in alluminio e mosso da due motori Daimler, fu costruito in Germania nel 1900 dal generale tedesco Ferdinand von Zeppelin mentre contemporaneamente, sempre in Germania, l'ingegnere Otto LilienthaI, il più grande fra tutti i pionieri del volo, si occupava intensamente di studi sull'aerodinamica e sul volo degli uccelli. Nel 1891,lo stesso ingegnere iniziò esperimenti con alianti di sua invenzione lanciandosi dall'alto di una collina. Ma nonostante l'impegno profuso dai tedeschi nello sperimentare fisicamente e tecnicamente come si potessero realizzare strumenti per volare in sicurezza, il primo aeroplano fu opera di due inventori statunitensi, i fratelli Wilbur e Orville Wright. Infatti il 17 dicembre 1903 l'apparecchio inventato da questi due fratelli, un aliante con due eliche e un motore a benzina, si sollevò da terra per 12 secondi sulla spiaggia di Kitty Hawk, nel Nord Carolina. L'aeroplano era nato! Mentre il dirigibile era una macchina volante "più leggera dell'aria", riempita di gas leggeri come l'idrogeno e l'elio, l'aeroplano era una macchina volante "più pesante dell'aria". Questi uomini, considerati i precursori degli inventori dell'aeroplano, sono stati, oltre che inge-

ALTIERI S.R.L. Ingrosso e Dettaglio Beverage Sede Legale Viale Dante, 48 Amministratore Unico Pietro Altieri Vitulazio (CE) Tel. 0823 965 336 gneri, anche i primi veri aviatori e quindi vanno annoverati tra i pionieri dell'aviazione. All'inizio del novecento il progresso dell'aeroplano fu rapidissimo; infatti tra il 1909 e il 1911 vennero superate le prime barriere naturali. Durante il primo conflitto mondiale le nazioni in guerra costruirono aeroplani con motori sempre più potenti. Il biplano (due ali sovrapposte) era ancora l'aereo più diffuso, ma comparvero modelli decisamente più avanzati, come il monoplano completamente metallico e gli aerei da bombardamento. Questi ultimi alla fine della guerra, velocemente trasformati, segnarono l'inizio dei servizi degli aerei civili. (continua nel prossimo numero)

Titolazione in memoria del Gen. Uccella Lunedì 01 luglio 2013 ale ore 11,00, il Complesso Penitenziario di S. Maria C. V. sarà intitolato al Generale Franco Uccella (foto) deceduto il 14/01/2001. L’Amministrazione Penitenziaria ha accolto la proposta delle Rappresentanze Sindacali affinchè la suddetta struttura prendesse la denominazione: "Nuovo Complesso Penitenziario Gen. Franco Uccella". Il Dott. Uccella fu Direttore di quell'Istituto del quale curò la prima sistemazione superando le evidenti difficoltà di carattere logistico e di ambientamento. Il "Nuovo Complesso Penitenziario" fu la sua Casa, la sua Famiglia, il posto dove consumò gli ultimi giorni della sua vita in perfetta sintonia con tutti gli opera- Ad una meravigliosa donna tori che lo aiutarono e lo sostennero e che ancora scozzese (Franco Uccella) Non ti conoscevo oggi gli rivolgono un grazie perché con il suo esemed ora siamo insieme. pio ha reso più forte la loro fede nel proprio lavoro. Non ti ho mai visto iI Gen. Uccella fu un infaticabile traghettatore dei ed ora mi appartieni. problemi penitenziari nella sua Regione chiedendo il tuo gesto d'amore attenzione e solidarietà per migliorare i rapporti mi ha ridato la speranza e la fede delle Istituzioni verso il difficile e complesso mondo mai perduta ed ora rafforzata. degli operatori penitenziari e dei detenuti convinto TI porterò lontano da che: "l'uomo che sconta la pena non è necessariachi hai amato e ti ha amato ma io ti amerò e ti ameranno mente lo stesso uomo che ha commesso il delitto". tutti quelli che mi amano. Il suo comportamento spinse il Comitato dei Saggi Non aver paura del buio della notte, dell’Associazione Dea Sport Onlus a conferirgli un Insieme andremo attestato di Benemerenza che gli fu consegnato verso la luce della vita. nell’Aula Consiliare della Città di Bellona.

EURO MARMI di Antonio Siciliano Lavorazione Marmo Granito Pietre Arte Funerarie Camini Scale Pavimenti Cucine Bagno ecc. Via Calvi, 24 - Pignataro M. (CE) Tel. 0823 883453 - 328 5312201

Laurea Gaetano Di Lillo da Vitulazio, ha conseguito, presso la Seconda Università degli studi di Napoli, la Laurea Magistrale in Economia e Management con votazione 110 e lode. Gaetano ha discusso la Tesi in economia dell’impresa dal titolo “I distretti industriali tra crisi e rilancio. Il caso Tarì”. Relatore il Chiarissimo prof. Olivier Butzbach. Gli auguri da mamma Chiara, papà Antonio il fratello Nicola, i tantissimi amici ed una particolare… amica. “Anche tu nella schiera dei dottori? Non ci posso credere. Lo meriti. Finalmente hai visto premiare i tuoi: impegni, sacrifici, tenacia, resistenza. Siamo tutti fieri di te” Tua cugina Marilena.


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 11

Sacrifici vani? Alessia Di Nardo - Laureanda in Lettere Moderne c/o Università “La Sapienza” di Roma Il 23 maggio 1992 alle ore 17.58 una carica di cinque quintali di tritolo fa esplodere il tratto autostradale dell'A29 nei pressi dello svincolo di Capaci. Il telecomando viene azionato da Giovanni Brusca, su ordine del boss di Cosa Nostra Totò Riina. Nell'attentato muoiono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo ed Antonio Montinaro. Il 19 luglio 1992 una Fiat 126 contenente circa 100 kg di esplosivo viene fatta esplodere in via D'Amelio a Palermo. Muoiono il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Componenti del "pool antimafia" di Chinnici, Falcone e Borsellino hanno dedicato una vita intera alla lotta

contro la mafia in una terra, come la definiva lo stesso Borsellino "bellissima e disgraziata". Grazie a loro, il "maxiprocesso" si concluse con 19 ergastoli e 2665 anni di pena. Le figure di Falcone e Borsellino hanno lasciato un grande esempio nella società e nelle istituzioni. A loro sono stati dedicati l'aeroporto di Palermo-Punta Raisi, un'aula del consiglio comunale di Castellammare di Stabia, oltre a varie strade e piazze a Palermo, Scafati, Casaluce, Casalnuovo. Davanti l'ingresso della casa di Falcone in via Notarbartolo vi è "l'albero Falcone" che raccoglie messaggi, regali e fiori dedicati al giudice. Nel 2008 su proposta del sindaco di Roma Walter Veltroni, la località Ponte di Nona è stata rinominata Villaggio Falcone. Tante sono le manifestazioni contro la criminalità organizzata ma non dobbiamo pensare soltanto ai sacrifici come quelli dei

giudici palermitani. Dire "NO ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA" significa contrastarla anche nelle piccole realtà quotidiane perché, come diceva Paolo Borsellino: "Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, sennò diventa un ostacolo che ti impedisce di andare avanti […] Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene"! Giovanni Falcone diceva: "Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". Facciamo sì che le loro idee continuino a camminare con le nostre gambe; abbiamo tutti voglia di giustizia e sappiamo che non è facile cambiare il mondo, ma possiamo provarci. Denunciamo le ingiustizie! Dimostriamo alla mafia, alla camorra, che i sacrifici di Falcone e Borsellino e tanti altri come loro non sono stati vani!

Dillo con un fiore: il Narciso Giannamaria Pezzulo - Collaboratrice da Bellona Fin dall'epoca Vittoriana il linguaggio dei fiori ha avuto una certa importanza nel modo di comunicare. È un espediente per esprimere i propri sentimenti in mancanza di parole, quindi è necessario conoscere bene i vari significati e simbologie per non sbagliare. Molti nomi dei fiori che conosciamo oggi derivano dalla mitologia classica. Narciso, per esempio, nato dalla ninfa Liriope e dal fiume Cefisio, era un giovane dotato di una bellezza straordinaria. Alla sua nascita la madre, preoccupata per il futuro del bambino, si recò dal profeta Tiresia, il quale le predisse che Narciso avrebbe vissuto a lungo, se non avesse mai conosciuto se stesso. La ninfa non comprese tale profezia e con il passare degli anni si dimenticò di essa. Con Narciso cresceva anche la sua bellezza e chiunque (uomo, donna, giovane, vecchio) si innamorava di lui, ma la sua bellezza era pari alla sua crudeltà, perché il

giovane, superbamente, li respingeva tutti. Tanta era la sua vanità che si racconta che, una volta,donò ad un suo ammiratore, Admino, una spada affinché si trafiggesse il cuore. E così fu: Admino, per il forte amore che provava per Narciso, si suicidò. Il fato volle che il giovane incontrasse per la sua via Eco, la ninfa dei boschi, la quale, per una punizione divina, era costretta a ripetere le ultime parole dei discorsi che le si rivolgevano. Un dì, mentre Narciso era intento a cacciare i cervi, la ninfa lo vide e se ne innamorò perdutamente. Ella si limitò a guardarlo, perché non poteva rivolgergli la parola, ma quando il giovane, avendo perso i suoi compagni, chiedeva aiuto, Eco decise di mostrarsi a lui e gli tese le braccia in segno di amore. Narciso, inorridito, la rifiutò. La ninfa, addolorata, morì di consunzione (mal d'amore) e di lei non rimase che la voce. Dinnanzi a tanta crudeltà gli dei decisero di punirlo: il bel Narciso si innamorò della sua stessa immagine riflessa in una pozza d'acqua e, resosi conto dell'impossibilità del suo

amore, si lasciò morire. In quello stesso luogo nacque un fiore, il narciso, simbolo di vanità (amor di sé).

Metamorfosi

Paolo Fasulo Hairdresser Info: 0823.966 698

Ristorante Pizzeria di Renato Terlizzi Specialità tipiche locali Carni alla brace Sala per cerimonie Pizze cotte in forno alimentato a legna Alimenti genuini e controllati

Viale degli Ulivi, 13 - Vitulazio (CE) - Info 333 919 6745 - 328 117 3873


Pagina 12

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

"Quando il ballo diventa arte"… A tu per tu con Gilda De Crescenzo Bellona

Antonietta Falco - Collaboratrice da Vitulazio

Alla domanda: Gilda cosa è per te la danza? Lei si illumina come parlasse di un grande amore e risponde: "La danza è arte, la massima espressività dell'anima attraverso il corpo che diventa tutt'uno con la musica… La danza è la mia vita, ogni ricordo è legato ad essa, in fondo è ovvio che sia così considerando che sono 20 anni che la danza è entrata a far parte nella mia vita, arricchendola e, con grande impegno e tenacia, ho raggiunto traguardi invidiabili”. Stiamo parlando di una ballerina di classe A che con il suo compagno Pasquale Maiello sono Campioni Regionali, finalisti alle varie tappe di coppa Italia, finalisti Campionato Italiano e Campioni Greci. Una bella soddisfazione! Attualmente si sta dedicando con grande soddisfazione, oltre alla dan-

za standard e danza latino, anche all'insegnamento, ultima novità in fatto di moda: la zumba (è una lezione di fitness di gruppo che utilizza i ritmi e i movimenti della musica afro-caraibica, mixati con i movimenti tradizionali dell'aerobica). Insomma una ragazza sprintosa che non si ferma mai… tra corsi, allenamenti e gare… Due "in bocca al lupo" ti arrivano non solo da me ma anche dalla Grande Famiglia di Dea Notizie; il "primo" per la tua esclusiva esibizione di danze standard e danze latino americane che si terrà Venerdì 12 luglio 2013 presso un noto ristorante di Bellona. Il "secondo" è che i tuoi desideri si possano realizzare, come quello di partecipare ai mondiali come ballerina professionista e aprire una mega palestra tutta tua dove, oltre a realizzare un punto di aggregazione per tanti giovani impegnandoli ed allontanandoli dalle insidie della strada, anche per poterti dedicare agli altri, insegnando e trasmettendo l'amore per la danza sportiva.

La serenata. Messaggio d'amore Sandro Di Lello - Appassionato di antiche tradizioni - Collaboratore da Bellona Quando chattare, o mandare sms era ancora al di là da venire, nelle occasioni come onomastico, compleanno, o la sera che precedeva il giorno delle nozze, si usava che l'innamorato per manifestare alla morosa, il proprio sentimento, le dedicava una serenata. Qui a Bellona ci si rivolgeva ad alcune persone, le quali per due o tre fiaschi di vino buono, si "armavano" di strumenti appaltavano un menestrello se lo spasimante non era intonato e si portavano presso la finestra della donna amata, la quale a volte abitava in quei vicoli illuminati solo da una fioca luce di qualche sporadico lampione. Giunti sul posto si esibivano intonando canzoni d'amore, rischiando qualche spiacevole conseguenza. In effetti se la famiglia non sapeva, o fingeva di non sapere, della tresca amorosa tra la figlia e lo sconosciuto, con la serenata, ogni segreto ve-

niva svelato. A questo punto si doveva valutare la situazione per decidere. Se la cosa era positiva, essi, avrebbero concesso alla ragazza di accendere la luce, affacciarsi alla finestra ed ascoltare la serenata. Poi scendere in strada ed invitare ad entrare in casa il suo amoroso e i suonatori, continuando la festa per ufficializzare la cosa. Il guaio era quando ai familiari non piaceva la scelta fatta dalla figlia. In questo caso, senza accendere la luce, forse la finestra veniva comunque aperta da chi in famiglia "contava", ma per lanciare da questa, addosso ai suonatori, qualche catinella d'acqua, se non dell'altro. Tutti questi problemi non c'erano per la serenata che si portava la sera che precedeva il giorno delle nozze, poiché a quel punto tutti sapevano tutto". A quei

tempi però, c'era ancora un altro problema. La quiete pubblica, specie di notte, era "sacra". Per questo le forze dell'ordine, giravano continuamente. Infatti una notte, il suddetto gruppo di suonatori, mentre si esibiva furono individuati. Di conseguenza dovettero scappare. Entrarono in un portone ove nel cortile c'era un forno di campagna in cui andarono ad infilarsi ignari che nella mattinata, era stato riscaldato per cuocere il pane, quindi la sera era ancora molto caldo Purtroppo, essendo braccati, una volta dentro, vi dovettero restare. Stretti come sardine ad una temperatura a limite di sopportazione, Il vino abbondantemente ingerito in precedenza, forse si mise di nuovo a fermentare, con tutte le conseguenze annesse e connesse.

SOLE VISTA OTTICA

Soluzioni per il tuo benessere visivo

Trovi sempre vantaggiose promozioni

P.zza Umberto I° - PIGNA TARO M. (CE) Tel. 0823 654 555 Via Regina Elena - BELLONA (CE) Ingresso negozio Telefax 0823 966 318 di Pignataro M.


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 13

Festa scuola-famiglia Bellona

Paolo Fasulo - Collaboratore da Bellona

Il giorno 13 giugno si è svolta, c/o l'agriturismo "La Rotondola", la festa scuola-famiglia organizzata dalla scuola dell'Infanzia di Bellona. Nell'occasione si è svolto il sorteggio della "Lotteria dei Pikkoli", una simpatica e lodevole iniziativa portata avanti dalle rappresentanti di classe. È noto a tutti purtroppo che, anche a causa della crisi economica, la scuola in ogni suo ordine e grado, abbia subito tagli che ne hanno drasticamente ridotto le risorse economiche. La situazione a Bellona non può certo ritenersi differente tant'è che i genitori degli alunni contribuiscono all'acquisto di materiale vario come: colori, carta igienica, rotoloni, sapone, risme. Di fronte a questa situazione le rappresentanti di classe della scuola dell'Infanzia non si sono perse d'animo ed hanno avuto una semplice ma efficace idea. Supportate da una quindicina di sponsor, hanno messo in palio 15 piccoli premi per una lotteria cui si poteva parteci-

pare con un contributo modestissimo. L'iniziativa, grazie alla tenacia e all'impegno profuso dalle promotrici, ha avuto un grande successo, nonostante non siano mancate critiche e qualche defezione. La somma raccolta di 1.170,00 sarà interamen te destinata all'acquisto del materiale precedentemente menzionato. Di questo eccellente risultato beneficeranno tutti i piccoli alunni della scuola dal prossimo anno scolastico. Ritengo doveroso menzionare queste mamme "speciali": Tiziana Di Nuccio, Rosa Liguori, Elisa Salerno, Rosanna Montella, Raffaella Di Nuzzo, Giusy Vastante, affinché la solerzia, l'intraprendenza e la volontà mostrate siano di esempio per chi preferisce vestire i panni di spettatore. Questi i premi in palio: - 1° Bistec chiera 0884 - 2° Cambio olio 0540 - 3° Buono spesa Decò 1179 - 4° Phon con dif fusore 0373 - 5° Confezione anguria 0313 - 6° Panino x2 0510 - 7° Pizza e bibit a x2 0211 - 8° Pizza e bibit a x2 0971 - 9° Kit la vaggio auto 0254 - 10° Borsone Carro

0427 - 11° Buono Sahara 0620 - 12° Pro secco 1267 - 13° Gioco di società 1091 14° Colazione Pashà 0737 - 15° Sacca costruzioni 0624.

Compleanno Va l e n t i n a Valeriani da Bellona il 18 giugno u.s. ha spento la sua 13^ candelina. Gli auguri da mamma Rosita Di Monaco, papà Domenico, sorella Maria Grazia e da tutti i componenti la famiglia. A Valentina, nostra brava Collaboratrice, gli auguri dalla Redazione di Dea Notizie.

Signorine di virtù Pietro Fucile - Collaboratore da Pignataro Maggiore Le politiche di Protezione Sociale, dette comunemente Welfare, hanno come primo obiettivo quello di ridurre le povertà e come seconda finalità quella di contenere le disuguaglianze. La lista dei rischi e bisogni, definita nel manuale del Sistema Europeo del 1996, comprende: malattia, invalidità, vecchiaia, maternità, famiglia, promozione dell'impiego, disoccupazione, abitazione e povertà. L'Italia destina a questo settore una percentuale rilevante del suo PIL, e del tutto in linea con le percentuali degli altri partner europei. Tuttavia, a differenza degli altri paesi, quelli scandinavi in primis, fallisce clamorosamente l'obiettivo redistributivo e spendendo malissimo, addirittura favorisce l'accentuarsi delle disuguaglianze. Racconta, ad esempio, l'ultimo rapporto di Cittadinanzattiva, che il federalismo che si è voluto applicare alla sanità, ha impoverito il Sistema Sanitario Nazionale a vantaggio del privato e ha stremato i cittadini, creando una differenza Nord-Sud senza precedenti. Un fallimento epocale. Il nostro Welfare

Non può dire d’aver vissuto chi non ha provato la gioia del donare. (F. Falco)

è poi basato sulla tutela di chi comunque chi spiccioli con le sempre reclamizzate un lavoro ce l'ha, non a caso è previsto lo pensioncine dei falsi invalidi. Quanto basta strumento della cassa integrazione le cui per essere messo all'indice dai soi-disent risorse sono destinate in grandissima par- virtuosi. Virtuosi come certe signorine che te a quelle realtà a più alta densità azien- si concedono per necessità e non per piadale, vale a dire alle regioni settentrionali. cer loro. Il tratto caratteristico, eccentricamente "antidistributivo", è confermato e dilatato dal forte sbilanciamento a favore della componente pensionistica, nella quale si annidano generosi trattamenti del tutto scollegati dalle relative contribuzioni. Un calderone che assorbe ben oltre la metà delle risorse disponibili e che ancora sconta la zavorra delle baby pensioni, concentrate per il 70 per cento al Nord. Poco resta per quegli ammortizzatori sociali che realmente potrebbero ricondurre a livello accettabile le disuguaglianze generazionali, di genere e territoriali. In barba alle raccomandazioni comunitarie (del 1992), non abbiamo voluto istituire il Reddito Minimo Garantito, e ci disinteressiamo di famiglia, disoccupazione, alloggi ed esclusione sociale. Ambiti d'intervento che, visibilmente, riguardano più intensamente il Sud, e la cui ASSOCIAZIONE NO 194 messa in opera, invertirebbe il trend 12 ORE DI PREGHIERA PER LA VITA di desertificazione economica, soInfo: coordinatore provinciale ciale ed etica del Mezzogiorno, ove paolo.mesolella@caserta24ore.it è invece concesso rubacchiare po-


Pagina 14

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

OFFERTA SPECIALE MINI FOTOVOLTAICO KIT PER PICCOLI IMPIANTI E CONDOMINI 2Kw - KIT MODULI + INVERTER (*) Euro 3000,00 IVA inclusa 3Kw - KIT MODULI + INVERTER (*) Euro 4000,00 IVA inclusa

COMPLETI DI MONTAGGIO E PRATICHE 2Kw - MODULI + INVERTER (*) Euro 5500,00 IVA inclusa 3Kw - MODULI + INVERTER (*) Euro 5900,00 IVA inclusa

CON DETRAIBILITA' FISCALE DEL 50% 2Kw - KIT MODULI + INVERTER (*) Euro 1500,00 IVA inclusa 3Kw - KIT MODULI + INVERTER (*) Euro 2000,00 IVA inclusa

COMPLETI DI MONTAGGIO E PRATICHE 2Kw - MODULI + INVERTER (*) Euro 2750,00 IVA inclusa 3Kw - MODULI + INVERTER (*) Euro 2950,00 IVA inclusa

OFFERTA FINO AD ESAURIMENTO SCORTE POSSIBILITA' DI FINANZIAMENTO PERSONALIZZATO CON PRIMA RATA DOPO SEI MESI (*) Esclusi eventuali costi comunali e spese allaccio ENEL

Uffici Viale Kennedy, 37 Vitulazio (CE) Telefax 0823 965099 - +39335446793 Email: info@mts-eos.it - Web: www.mts-eos.it Pignataro Maggiore

Nuova struttura sportiva

La giunta comunale nei giorni scorsi, su proposta dell'Assessore con delega ai Lavori Pubblici Cesare Cuccaro (foto) e dell'Assessore con delega allo Sport e Spettacolo Daniele Luigi Palumbo, con delibera n° 32 del 05-06-2013, ha approvato il progetto preliminare per la realizzazione di un campo indoor polivalente. La nuova struttura coperta e destinata ad ospitare le attività sportive, come la pallavolo, il basket e tutte le altre discipline che in questi anni non hanno avuto gli spazi utili per un corretto svolgimento. I due assessori, inoltre, hanno dato impulso all'Ufficio Tecnico Comunale nella persona dell'Ingegnere Girolamo Parente affinché venga pubbli-

cata la gara di appalto per la realizzazione del nuovo campo di calcio a otto. Il progetto, finanziato con circa 200.000 euro, prevede la realizzazione di un manto in erba sintetica e spogliatoi. Successivamente a breve sarà presentato il nuovo progetto di ridefinizione dell'intera aerea che darà vita alla nuova Cittadella dello Sport, l'intero comprensorio si arricchirà in futuro con campi da tennis e di beach volley, per tali progetti si sta provvedendo alla stesura e all'accantonamento delle somme necessarie. L'intero complesso sarà circondato da un percorso podistico che permetterà ai

numerosi amanti del footing di potersi allenare evitando di incorrere nelle insidie della strada. L'azione amministrativa non si fermerà a queste opere , infatti, i due Assessori in stretta sinergia hanno già in cantiere il piano di ammodernamento del vecchio e glorioso campo sportivo di Monteoliveto , che è stato teatro dell'epopea calcistica pignatarese e l'adeguamento della palestra del plesso scolastico Pascoli. Con queste opere si intende colmare il divario strutturale che si è venuto a creare con i paesi limitrofi, i quali sono diventati mete fisse per i nostri sportivi.

ZIO CICCIO ‘O NAPOLETANO - TEAM RISTORANTE E PIZZERIA ALL’AMERICANA Lunedì chiuso ZIO CICCIO www.ziociccioteam.it di Raffaele (Lello) Langella Si accettano Via Matteotti, 28 prenotazioni per BELLONA (CE) 389 9210806

BANCHETTI


Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Pagina 15

Numeri ed indirizzi utili Api Invasioni Donato De Marco 0823 878002 Ambulanza 118 Anziani 800.911.315 contro le truffe Auto clonate 800 400 406. Avis - Bellona 339 7386 235 Bellona Municipio 0823 965180 Bellona Polizia Locale 0823 967293 Carabinieri Vitulazio 0823 967048 Carabinieri Capua 0823 969800 Carabinieri Allievi BN 0824 311 452 Carabinieri Pignataro 0823 871010 Centro antiveleni Na 081 545 3333 Centro Ustioni Roma 06 59 041 Corpo forestale 1515 Droga ed alcool - 800 178 796 Droga Recupero - 081 553 4272 Emergenza Infanzia 114 Guardia Forestale 0823 279 099 Guardia medica Pignataro 0823 654 586 Osp. Santobono Napoli 081 747 5563 Prefettura CE 0823 429 111 Protezione Civile Bellona telefax 0823 966 163 - 320 567 9455 Rifiuti ingombranti (Bellona) 800 519 787 Sangue 339.738 6235 - 339.774 2894 Stalking 0823 445310 Telefono azzurro 081 599 0590 Usura - racket 800.999.000 Vigili del Fuoco 115 - 0823 466 666 Violenza donne 1522 Vitulazio Polizia Locale Tel.0823-967528/29 Ospedali: (P.S.=Pronto Soccorso) Arienzo P.S.- 0823 803 111 Aversa P.S.- 081 500 1111 Caserta - Militare - 0823 469 588 Caserta P.S.- Civile - 0823 231 111 CUP 800 911 818 Marcianise P.S.- 0823 518 1111 NA - Cardarelli P.S. - 081 7471111 CUP - 800 019 774 S. Maria C.V. P.S.- 0823 891111 Prenotaz.: 0823 795 250 Sessa P.S. -0823 934 111 Venafro - 0865 903 974 DITELO AL TG3 - 081 5639994 Farmacie Bellona: Chirico P. Carlo Rosselli, 5 0823 966 684 Camigliano: Di Stasio Piazza Kennedy, 2 - 0823 879003 Capua: Apostolico - via Duomo, 32 0823 961224 Corvino P.zza Dei Giudici - 0823 961902 Costanzo C.so Appio, 67 - 0823 961781 Russo Fuori P. Roma, 101 0823 961162 Tartaglione G. P. di Malta 0823 961 364 Pastorano:Anfora V. Italia - 0823 879104 Pignataro Maggiore Fusco - Masiello, 38 - 0823 871167 Rega - R. Elena, 63 - 0823 871025 S. Maria C.V. Antonone via Lavoro, 141 0823 812260 Beneduce via G. Paolo I 18 - 0823 843701 Bovenzi via Mazzocchi 48 0823 846520 Iodice viale Kennedy, 58 - 0823 589137

Merolla via A. Moro, 43 - 0823 841758 Salsano S. Francesco - 0823 798583 Simonelli via Anfiteatro 78 - 0823 845383 Tafuri via Avezzana, - 0823 589216 Vitulazio: Cioppa Via Ruggiero, 13 - 0823 990038 Capua - Turno festivo e prefestivo 29.06.13 30.06.13 06.07.13 07.07.13 13.07.13 14.07.13 20.07.13 21.07.13

- Corvino - Costanzo - Apostolico - Corvino - Tartaglione - Apostolico - Corvino - Tartaglione

15,59 S. Angelo in F 16,53 na c.le 18,13 S. Angelo in F 19,06 na c.le Napoli - S. Angelo in Formis 07,47 na c.le 08,46 S. Angelo in F 11,50 na c.le 12,48 S. Angelo in F 12,16 na c.le 13,18 S. Angelo in F 14,25 na c.le 15,26 S. Angelo in F 15,10 na c.le 16,14 S. Angelo in F 16,47 na c.le 18,50 S. Angelo in F 19,45 na c.le 20,45 S. Angelo in F I treni delle ore: 13,52 - 14,51 - 18,13 non fermano a Triflisco Per qualsiasi informazione 800 178097

Farmacie - S. Maria C. V. Turno festivo e prefestivo 29.06.13 30.06.13 06.07.13 07.07.13 13.07.13 14.07.13 20.07.13 21.07.13 27.07.13

- Benedice Simonelli - Iodice - Tafuri Salsano - Merolla - Merolla Bovenzi - Salsano - Antonone - Iodice - Simonelli - Simonelli

S. Maria C. V. - Turno notturno 28.06.13 - Tafuri 29.06.13 - Beneduce 30.06.13 - Iodice 01.07.13 - Beneduce 02.07.13 - Tafuri 03.07.13 - Simonelli 04.07.13 - Iodice 05.07.13 - Bovenzi 06.07.13 - Tafuri 07.07.13 - Merolla 08.07.13 - Simonelli 09.07.13 - Antonone 10.07.13 - Iodice 11.07.13 - Beneduce 12.07.13 - Tafuri 13.07.13 - Merolla 14.07.13 - Salsano 15.07.13 - Iodice 16.07.13 - Merolla 17.07.13 - Bovenzi 18.07.13 - Salsano 19.07.13 - Beneduce 20.07.13 - Antonone 21.07.13 - Simonelli 22.07.13 - Salsano 23.07.13 - Beneduce 24.07.13 - Iodice 25.07.13 - Bovenzi

Avis Calendario delle raccolte 2013 Bellona Luglio - 13 e 14, Agosto - 24 e 25 Settembre - 21 e 22, Ottobre - 12 e 13 Novembre - 23 e 24, Dicembre - 21 e 22 Formicola Ottobre 06 Liberi Luglio 07, Ottobre 27 Orario feriale dei treni S. Angelo in Formis - Napoli VALIDO FINO AL 14.12.2013 06,32 S. Angelo in F. 07,30 na c.le 07,03 S. Angelo in F 08,07 na c.le 09,16 S. Angelo in F 10,15 na c.le 12,24 S. Angelo in F 13,18 na c.le 13,52 S. Angelo in F 14,48 na c.le 14,51 S. Angelo in F 15,48 na c.le

All’interno della nostra Associazione stiamo allestendo una biblioteca. Vuoi donare uno scaffate oppure un libro anche usato? - Grazie.

Le inserzioni su questa rivista resteranno per sempre su www.deanotizie.it

Costo pubblicità a pubblicazione Pagine interne mm. 44x180 Euro 50 mm. 44x87 euro 25 mm. 44x119 euro 30 Prima di copertina mm. 44x180 Euro 100 mm. 44x87 euro 50 Ultima di copertina mm. 44x180 Euro 80 mm. 44x87 euro 40 Auguri euro 25 Necrologi euro 40 I prezzi indicati sono IVA inclusa e comprendono: servizio fotografico e realizzazione banner. La pubblicità è OMAGGIO ai soci e sostenitori Per alcuni contenuti ci siamo avvalsi della collaborazione di GOVERNO INFORMA e ricerche su Internet. Ciò per offrire notizie più esaurienti ai lettori

Ritorneremo in edicola 26 Luglio 2013


Pagina 16

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618 - A te non costa nulla per noi è tanto

Anno VII Nr. 128 28.06.2013

Vuoi dimagrire davvero?

Centro Estetico Larissa

Il nostro Centro è specializzato in trattamenti dimagranti e rimodellamento corporeo. Tratta viso e corpo con le migliori aziende cosmetiche ed opera con macchinari all’avanguardia: Cavitazione Ultrasound, QQN System, Sauna, Electroscultura/rimodellamento corpo, Radiofrequenza/tonificare viso corpo, Pressoterapia, Elettrostimolazione, Infrarosso DOC MEDICA Vieni a trovarmi per una visita gratuita senza impegno Via IV Novembre, 55 - S. Angelo in Formis 0823 960967 - 380 7189769 - www.centroesteticolarissa.com

Caseificio ELITE di Ugo Missana Mozzarella formaggi e salumi Via N. Sauro, 208 - BELLONA (CE) Tel. 0823.967 000 I Nostri prodotti sono controllati e garantiti Nuovo Punto Vendita Via Appia Km. 187,600

Ex Caseificio La Perla SPARANISE (CE) Info: 339 147 1516

Ogni mese il punto vendita Fusco Store pubblicizza le offerte con un depliant. Richiedetelo in sede

Strada Provinciale 333 Km. 31 Loc. Ferranzano Bellona - Caserta Tel. 0823-965052

FUSCO Srl Fax 0823-967800 Produzione e commercio email - info@mangimifusco.it mangimi - cereali web - www.mangimifusco.it concimi - semi

PUNTO VENDITA FUSCO STORE Zootecnia - Pet Food Agricoltura - Giardinaggio Fitofarmacia - Spazio casa

Piante Fiori Addobbi vari La Gardenia di Maria Papa

Piazza Giovanni XXIII, 15 - Bellona (CE) Tel. 0823 965159 per urgenze 0823 965445

Il nostro successo: Cortesia Serietà Professionalità Info 333 775 2912

da

Peppino

Quarantasette anni di esperienza Via Torre Tommasi

VITULAZIO - (CE)

Profile for Dea Sport ONLUS

Dea Notizie 128  

Dea Notizie 128

Dea Notizie 128  

Dea Notizie 128

Advertisement