Page 1

)33.sn!n0n%n '""0n)TALYONLY n" Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Milano

HOSPITALITY CONTRACT

38

HOTEL DESIGN DIFFUSION

Huzhou Sheraton Hotel Londra Cafè Royal Toronto Momofoku Sydney QT Hotel Products/Outdoor


A.D. NATALIA CORBETTA / FOTOGRAFIA MARIO CIAMPI

“made in italy”

F L E X F O R M S PA INDUSTRIA PER L’ARREDAMENTO 20821 MEDA (MB) I TA L I A VIA EINAUDI 23.25

TEL. 0362 3991 FA X 0 3 6 2 3 9 9 2 2 8 w w w. f l e x f o r m . i t EVERGREEN ANTONIO CITTERIO


giugno/luglio/agosto - june/july/august 2013

38 Direttore responsabile/Editor in chief Carlo Ludovico Russo

Editoriale

5

News

6 Books 8 Art

Direttore/Editor Franco Mirenzi

12 Exhibition 14 Award

Consulente di redazione Editorial consultant Luisa Castiglioni

16 Fairs 18 Design

Progetto grafico e consulenza artistica Graphic layout & art consultant Franco Mirenzi Realizzazione grafica/Graphic designer Elisabetta Maffina Fabio Riccobono Contributi/Contributors Barbara Basile Marta Bernasconi Maria Catena Caliri Arianna Callocchia Francesca De Ponti Elviro Di Meo Claudio Moltani Ester Pirotta Antonietta Redaelli Paolo Rinaldi Sara Schifano Francesca Tagliabue Daniela Zenone

Franco Mirenzi

22 Hotel 26 Project Products

38 Outdoor

Report p

50

Londra

56 Cafè Royal

Arianna Callocchia

Toronto

62 Caos ordinato/Organized chaos

Elviro Di Meo

Londra

72 Perfetto aplomb britannico/Perfect british aplomb

Francesca Tagliabue

y Sidney

78 Eccentriche atmosfere/Eccentric atmospheres

Luisa Castiglioni

g Parigi

82 Addio al minimalismo/Farewell to minimalism

Francesca Tagliabue

Huzhou

86 Natura e artificio/The man-made reflected by nature

Francesca Tagliabue

Vaxholm

90 Island lodge

Arianna Callocchia

Bad Ems

96 Fuga dalla città/Escape from the city

Francesca Tagliabue

Maria Catena Caliri

Barcellona

102 La dolce vita. Versione spagnola/Spanish style

Sara Schifano

Torino

108 Dalla A alla Z/From A to Z

Francesca Tagliabue

Vienna

114 Se i cani corressero liberi…/If dogs run free…

Francesca Tagliabue

DHD Architecture in USA Bradley Wheeler

g Längenfeld

118 Aqua Dome

Luisa Castiglioni

Schwäbisch Hall

124 Hotel reloaded

Francesca Tagliabue

Ufficio traffico/Traffic department Daniela D’Avanzo

q Pisco Elqui

130 Astronomical hotel

Ester Pirotta

y Akureyri

134 Cafè botanical

Marta Bernasconi

g Grossglockner

138 Gradonna

Daniela Zenone

g Parigi

144 All’insegna dei peccati capitali/Experience the seven deadly sins

Paolo Rinaldi

Milano

150 Raffinata semplicità/Elegant simplicity

Antonietta Redaelli

Tel Aviv

154 Street food for a cool restaurant

Marta Bernasconi

Vienna

158 Sans souci

Daniela Zenone

On demand

166 Sleepingg around

Barbara Basile

Copertina/Cover: Sheraton Huzhou

g Kong g Hong

170 Di tutto… un po’/Just a little… of everything y g

Francesca Tagliabue g

Design Diffusion World srl Redazioni/Editorial Offices Direzione, amministrazione, pubblicità Management, Administration, Advertising Via Lucano 3 20135 Milano Tel. 02/5516109 – Fax 02/5456803 www.designdiffusion.com

Ufficio abbonamenti Numero Verde 800/318216 Tel. 02/5516109 – Fax 02/5456803

Ufficio abbonamenti/Subscription office Francesca Casale Traduzioni/Translations Fiona Johnston

Pubblicità/Advertising DDA Design Diffusion Advertising srl Via Lucano 3, 20135 Milano Tel. 02/5453009 – Fax 02/5456803

Editorial Office, Chicago Judith Jacobs P.O. Box 3342 Merchandise Mart 60654, 0342 Chicago IL – USA Tel. 001/3128361005 – Fax 3128361006

Agenti/Agents Paolo Bruni, Teo Casale, Roberto Gallo

Editorial Office, Osaka Intermedia TS Bldg. 3-1-2 Tenma Kita-ku Osaka, Japan Tel. 00816/3571525 Fax 3571529

Amministrazione/Administration Norberto Mellini

Trimestrale/Quarterly magazine Prezzo/Price Euro 10,00

Stampa/Printer Color Art Via Industriale 24/26 25050 Rodengo Saiano (BS) Tel. 030/6810155 Fotolito Bitgraph, Via Vittorio Veneto 8 20060 Cassina de’ Pecchi (MI) Tel.02/92278515 Spedizione in abbonamento postale – D.L. 353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Milano Reg. Tribunale Milano n./Milan Court Reg.No. 245 del 13 Aprile 2004 Printed in Italy )33. s Distribuzione all’estero Sole agent for distribution Abroad A.I.E. – Agenzia Italiana di Esportazione spa Via Manzoni, 12 – 20089 Rozzano (Mi) Tel. 02/5753911 Fax 02/57512606 e-mail: info@aie-mag.com www.aie-mag.com

Distribuzione in libreria/Bookshop distribution Joo Distribuzione È vietata la riproduzione anche parziale All rights reserved Testi, disegni e materiale fotografico non si restituiscono Texts, drawings and photographs will not be returned

Design Diffusion World comprende le testate/includes the heads: DDN Design Diffusion News, OFARCH, Cucine International, DDB Design Diffusion Bagno, D Lux, Avant Garde Design Selection Köln, Italian Design Selection Milano, DDN guide, Casa Di

3


Anche nel settore dei servizi dedicato all’ospitalità, declinato nelle varie funzioni, è da tempo in corso un rinnovamento delle offerte in linea con le esigenze contemporanee di chi lavora e anche di chi utilizza gli alberghi e i ristoranti per turismo. Si tratta di un adeguamento obbligato che può sembrare una rivoluzione, dati i tempi velocissimi con i quali la tecnologia dell’informazione si sta sviluppando. Il coinvolgimento è totale, investe tutto: l’ambiente con la domotica, le persone con l’informatica, la telematica e tutti gli altri sistemi oggi utilizzati per rendere più efficiente la gestione e la vita degli ospiti. L’ambiente architettonico si deve adeguare a queste nuove necessità; vanno ripensati gli spazi abitativi e quelli tecnici, alcuni elementi di arredo e di illuminazione che assecondino i comportamenti indotti dall’uso di strumenti, che consentono di razionalizzare i movimenti delle persone o il comando a distanza di svariate operazioni. Tutto questo è ormai conosciuto e obbligatorio per chi opera nella contemporaneità e pretende quell’efficienza diffusa che in molti desideriamo. DHD vuole mettere in evidenza gli aspetti progettuali e le tipologie architettoniche, raccogliendo in tutto il mondo gli esempi che rappresentano le tendenze culturali dei progettisti, il contenuto tecnologico delle realizzazioni e il rispetto dell’ambiente circostante. Un buon progetto architettonico stimola l’entusiasmo e la curiosità degli ospiti, produce risparmi energetici, ottimizza i tempi di gestione e partecipa a quel rinnovamento sociale in cui siamo tutti coinvolti.

Immagine tratta da/image taken from Peter Eisenman. Contropiede, Skira Editore.

The hospitality sector, with all of the various services and amenities, is being subjected to a generalized renewal process to suit the modern-day requirements for the business traveler and the tourists who use hotel and restaurant facilities. The hospitality professionals had no choice but to toe the line; and some might feel there is a revolution underway, given the speed with which communication technology is developing. The changes are affecting every aspect of the trade: the environment with domotics, people with computer technology, telematic communication and all of the other devices and systems employed to improve the management efficiency and make the guests’ experience a better one. The architecture has to adapt to these new requirements; the living and technical spaces have to be redefined, furniture has to be redesigned and illumination redeveloped to suit how the devices are used; these modifications allow rationalization of how people move about and permit the remote control of the various operations. The changes are mandatory for everyone operating in the modern world and who expect high standards of efficiency. In this edition, DHD wishes to highlight aspects of design and the different types of architectural projects by presenting examples that epitomize the cultural trends expressed by the designers, the technological contents of their creations and their respect for the surroundings. Good architectonic projects stimulate enthusiasm and the curiosity of the guests; they produce energy saving, optimize the management times and make an important contribution to the social renewal that affects everyone of us. Franco Mirenzi

5


BOOKS

Questo il segreto del successo. S. Ehmann, S. Borges, Brand Spaces. Branded Architecture and the Future of Retail Design, Gestalten, www.gestalten.com (F. T.)

THEATRES AND CONCERT HALLS. DREAM AND REALITY

6

Teatri e sale da concerto sono tra le principali risposte a un’ambiziosa pianificazione urbana. Alcuni di essi emergono come nuovi punti di riferimento emblematici della città in cui sono stati costruiti. Si tratta di una tipologia architettonica che lascia libero sfogo all’immaginazione del progettista, pur richiedendo precise e puntuali competenze tecniche. Il nuovo volume della serie Construction and Design Manual ne introduce le tipologie edilizie. A un breve riassunto della storia dell’architettura dedicata ai teatri in Europa, segue una panoramica degli interni del teatro e della scenografia in generale. In primo piano vi sono 32 progetti contemporanei, ciascuno illustrato con fotografie a colori, disegni in scala e schizzi, accompagnati da note esplicative. Tra i progetti presi in esame, opere di Zaha Hadid, Herzog & de Meuron, Gottfried Böhm, Christian de Portzamparc, UN Studio, Dominique Perrault e Santiago Calatrava. Birgit Schmolke, Theatres and Concert Halls. Dream and Reality, Dom Publishers, www.dom-publishers.com (L. C.)

Theatres and Concert Halls are the key issues in an ambitious urban program. Some of them emerge as new emblematic reference points for the city in which they are constructed. This is a type of architecture that unleashes the designer’s imagination, without compromising mandatory precise technical ability. The new volume of the series ‘Construction and Design Manual’ introduces the various building construction types. The short summary on the history of architecture dedicated to theatres across Europe is followed by an overview of theatres and stage settings in general. Focus is placed on 32 contemporary projects, each one illustrated with color photographs, scale designs and sketches, accompanied by explanatory descriptions. The projects analyzed include works by Zaha Hadid, Herzog & de Meuron, Gottfried Böhm, Christian de Portzamparc, UN Studio, Dominique Perrault and Santiago Calatrava. Birgit Schmolke, Theatres and Concert Halls. Dream and Reality, Dom Publishers, www.dom-publishers.com (L. C.)

Communication is behind the success of major brands. It is not just a question of slogans, advertising and brand images; famous global brands create a strong recognizable image through the organization of events, pop-up store and sales points, all with focus on the overall finish. ‘Apple’ is immediately recognized for its top quality electronic products and the ‘bitten apple’ logo. However, the glass cubes used to decorate the store also contribute to impressing the brand indelibly in the public’s mind. For years, the Spanish footwear brand, ‘Camper, has commissioned the design for its stores to a number of different designers and architects, with a brief to create showrooms with original and eye-catching decor. Brand Spaces Branded Architecture and the Future of Retail Design gathers some key examples of showrooms and flagship stores. Some of the showrooms were designed by some leading architects, others are now so famous that they have been listed in the tourist guides for the most important cities in the world. The projects create emotions, and the showrooms have been designed precisely, not following the established market regulations but creating many new ones. This is the key to success. S. Ehmann, S. Borges, Brand Spaces. Branded Architecture and the Future of Retail Design, Gestalten, www.gestalten.com (F. T.)

BRAND SPACES La comunicazione è alla base del successo dei grandi marchi. Non solo slogan, pubblicità e brand images, le più celebri aziende del mondo devono pensare anche a crearsi un’immagine fortemente riconoscibile per mezzo di eventi speciali, pop-up store e punti vendita curati nei minimi dettagli. Apple è, certo, conosciuta per i prodotti elettronici di ottima qualità e il logo della “mela morsicata”… Ma certamente anche i cubi di vetro dei suoi store contribuiscono a posizionare il marchio nell’immaginario collettivo. Camper, marchio di calzature spagnolo, da anni affida i progetti dei suoi negozi a designer e architetti diversi, in modo da creare spazi sempre differenti e dal carattere originale. Brand Spaces raccoglie alcuni esempi magistrali di negozi e flagship store. Alcuni showroom sono disegnati da vere e proprie archistar, altri diventano così famosi da venire inclusi anche nelle guide turistiche delle più importanti città del mondo. Progetti che emozionano, spazi curati in ogni dettaglio che non seguono canoni predefiniti ma ne creano di nuovi.

ALVARO SIZA Una monografia dettagliata, corredata da saggi e fotografie di grande formato, per scoprire l’opera di uno degli architetti contemporanei più importanti. Álvaro Siza. Premio Pritzker nel 1992 e Leone d’Oro alla Carriera alla Biennale di Venezia 2012, Siza è tra i principali esponenti dell’architettura portoghese. I suoi lavori, caratterizzati da volumi geometrici semplici e presenza di richiami a diversi stili architettonici, sono sempre studiati in modo da inserirsi nel miglior modo possibile all’interno di brani di città o di spazi naturali. Tra le sue opere principali ricordiamo gli edifici del complesso per L’Expo Universale di Lisbona del 1998 e il Centro Culturale e auditorium della

Fondazione Ibere Camargo a Porto Alegre (Brasile). Il libro è stato realizzato in stretta collaborazione con l’architetto Siza e comprende un catalogo completo di tutti i suoi progetti, anche quelli ancora in fase di realizzazione. Philip Jodidio, Álvaro Siza. Complete Works 1952-2013, Taschen, www.taschen.com (F. T.)

A detailed monography, complete with articles and large photographs, to describe the works by one of the world’s most important contemporary architects - Álvaro Siza. Pritzker Prizewinner in 1992 and the Leone d’Oro for his career was presented at the 2012 Edition of the Venice Biennial, Siza is the most important representative of Portuguese architecture. His projects are recognizable by the simple geometric shapes and the references to a variety of architectonic styles, designed specifically to become integral parts of the cities or the countryside. Among his more important projects are the buildings for the complex Universal Expo that was hosted in Lisbon in 1998, and the Cultural Center and Auditorium in the Ibere Camargo Foundation in Porto Alegre (Brazil). The book was published in close collaboration with Architect Siza and includes a complete catalogue of all of his projects, even those that are work-in-progress. Philip Jodidio, Álvaro Siza. Complete Works 1952-2013, Taschen, www. taschen.com (F. T.)


ART JULIAN SCHNABEL

8

Il CIAC (Centro Italiano Arte Contemporanea) di Foligno rende omaggio a Julian Schnabel con una importante mostra, a cura di Italo Tomassoni, in programma fino al 23 giugno. In esposizione: 14 lavori dell’artista/regista americano per cui i critici hanno coniato il termine neoespressionista. Quadri di grandi dimensioni – appartenenti in parte al gallerista Gian Enzo Sperone e in parte a un collezionista milanese – che documentano il lavoro di Schnabel tra il 1985 e il 2008. Testimonianze di una creatività “selvaggia e gestuale”, abituata a inglobare anche oggetti rinvenuti qua e là; usati, ‘corrotti’ dalle intemperie, in qualche modo ancora ‘vivi’ e pieni di memoria. Così come a espandersi su tela cerata, fondi di teatro giapponese, rivestimenti di pavimenti… Secondo un’idea di pittura che, come sottolinea lo stesso Speroni, “picchia duro, su telacce d’accatto, formati vertiginosi, colore non steso, ma spalmato con le mani”. E si completa con “scritte insolenti, a volte ovvie a volte fulminanti, mai tremolanti”. Tra le opere esposte, il capolavoro JMB realizzato dopo il tragico suicidio dell’amico Jean Michel Basquiat. (F. D. P.)

CIAC (The Italian Center for Contemporary Art) in Foligno pays tribute to Julian Schnabel with an important exhibition, organized by Italo Tomassoni, and scheduled to run until June 23rd. On display, 14 works by the American artist/film-maker described by his critics as a ‘Neo-Expressionist’. Large paintings – some from the collection of gallery-owner Gian Enzo Sperone and some belonging to a Milanese collector – document Schnabel’s creativity between 1985 and 2008. The exhibition bears witness to the ‘wild and brutal’ creativity, that incorporates articles that were sourced casually here and there; pieces that are second-hand, weathered by the climate, and in some ways, still alive and heavy with memories. So like something that spreads over a waxed canvas, the backdrops of Japanese theater, floor coverings… According to Speroni himself: this idea of painting ‘hits hard, on the beggar’s mat, dizzy shapes, color that has not been brushed, but spread by hand”. And it is complete with ‘insolent writing, sometimes obvious and some incredible, but never faltering”. Among the works displayed, the masterpiece ‘JMB’ that was created following the tragic suicide of his friend, Jean Michel Basquiat. (F. D. P.)


CATTELAN @ BEYELER FOUNDATION Difficile ingabbiare Maurizio Cattelan in precise definizioni e correnti artistiche. Provocatorio, a volte al limite dello scorretto, il creativo italiano classe 1960 ama far parlare di sé e stimolare il dibattito. Artista a tutto tondo, trae ispirazione dalle proprie esperienze personali che rielabora e dà in pasto all’osservatore. Le sue ultime fatiche? Il celebre dito medio di Milano – l’enorme scultura L.O.V.E. (acronimo di libertà, odio, vendetta, eternità) posizionato in Piazza degli Affari davanti alla sede della Borsa – e il progetto fotografico-editoriale della rivista Toilet Paper. Il suo talento è stato celebrato nell’inverno 2011/2012 dal Solomon R. Guggenheim Museum di New York da un’ampia retrospettiva. In quell’occasione, Cattelan annunciò persino il suo ritiro dalla scena artistica. Forse si trattava di una delle sue sfide. Per questo c’è grande curiosità per il nuovo progetto espositivo della Fondazione Beyeler di Basilea, il cui vernissage è previsto per il 26 maggio e sarà visitabile fino a settembre. Il clima di attesa è alimentato dalle scarse informazioni che trapelano dalla fondazione elvetica. Si tratterà solo di una mostra di opere ormai storicizzate o sarà presentato qualche nuovo lavoro? Quanti e quali temi saranno affrontati da Cattelan? Ancora poche settimane e tutte le domande avranno risposta. (F. T.; ph: Attilio Maranzano)

It is not easy to categorize Maurizio Cattelan with precise definitions or in artistic styles. Provocative, on occasion, bordering on rude, this Italian creative (born in 1960) loves to be at the center of attention and stimulate debate. A complete artist, he is inspired by his own personal experiences that he adapts and feeds to the observers. His latest projects? The famous middle finger installed in Milan – the sculpture L.O.V.E. [acronym for Libertà (freedom), Odio (hate), Vendetta (vendetta), Eternità (eternity)] located in Piazza degli Affari in front of the city’s Stock Exchange – and the photographiceditorial project of the journal Toilet Paper. His talent was celebrated during the Winter season 2011/2012 by the Solomon R. Guggenheim Museum in New York with a comprehensive retrospective exhibition. On that occasion, Cattelan announced his retirement from the artistic scene. Maybe it

was just one of his personal challenges. For this reason, there is enormous curiosity for the new exhibition in the Beyeler Foundation in Basle. The event will be inaugurated on May 26th and will be open to the public until September. The feeling of anticipation is heightened by the lack of information from the Swiss organization. Will it be a collection of his historical pieces or will he present some new creations? How many themes will Cattelan examine and what will these be? Well, we will just have to wait a few more weeks to find out the answers to those questions. (F. T.; ph: Attilio Maranzano)

ragione); Now is Better (Adesso è meglio, nel senso di non procrastinare ma anche non indugiare nel ricordo del passato o nell’ansia per il futuro); Feel Others Feel (Senti come sentono gli altri, e vivi meglio con chi è diverso da te). Cinque video e un’installazione, tutti realizzati con gusto eccellente, sei spunti su cui riflettere anche se Sagmeister non ha inventato nulla se non una straordinaria capacità di veicolare in pochi minuti ciò che dovreste imparare da voi stessi nel corso di una vita. Più rapido, bello ed efficace di qualsiasi manuale di auto aiuto. (S. S.)

IL SEGRETO DELLA FELICITÀ SECONDO SAGMEISTER

SAGMEISTER’S SECRET RECIPE FOR HAPPINESS

Il dilemma della vita contemporanea è, senza ombra di dubbio, la ricerca della felicità. Il raggiungimento della pace interiore con uno stile di vita che non rinunci all’appagamento in ogni campo: successo sul lavoro, salute e felicità in amore. Non è un caso che la nostra sia l’epoca della letteratura dell’auto aiuto, dell’egoismo e dell’autoindulgenza. Ognuno è al centro del proprio piccolo universo e pur di raggiungere ciò di cui ha bisogno non è disposto a fare alcun sacrificio gratuito. Eppure la vita insegna ogni giorno che questa forma mentis non funziona. Il risultato è una generazione di annoiati, insoddisfatti e infelici. Il concetto di felicità qualcosa di inafferrabile, troppo spesso legato al consumo di qualcosa più che alla sua preservazione. Ma che c’entra tutto questo col design? Tanto, se uno come Stefan Sagmeister presenta una mostra intitolata ‘Six Things’ al Jewish Museum di New York (fino al 4 agosto). Le sei cose a cui si riferisce il designer grafico austriaco sono piccole regole per essere felici. Negli ultimi dieci anni Sagmeister ha conciliato la sua attività di rockstar della comunicazione (ha lavorato con David Byrne e Lou Reed per fare due nomi) con una personale ricerca dello stato d’animo a cui tutti anelano. Certo, avere una carriera appagante come quella che Sagmeister ha sperimentato sin da giovane aiuta, eppure questo guru della contemporaneità è convinto che la mente possa essere allenata allo stesso identico modo del corpo. In mostra vengono illustrate dunque le sei regole da seguire per essere felici: If I Don’t Ask I Won’t Get (Se non chiedo non ottengo, e qui Sagmeister racconta di come il suo amico – e fondatore di TED – Richard Saul Wurman l’abbia convinto a lavorare gratis per lui); Keeping a Diary Supports Personal Development (Tenere un diario supporta lo sviluppo personale e Sagmeister lo tiene da anni, ci torna e scopre cose di se che altrimenti avrebbe dimenticato); Be More Flexible (Essere più flessibile, ovvero non bloccarsi sulla prima idea che risulta sensata); It Is Pretty Much Impossible to Please Everyone (È praticamente impossibile accontentare tutti, quindi fatevene una

People in the modern world undoubtedly are faced with the dilemma associated with the quest for happiness – namely, how to achieve inner piece with a life-style that will not compromise success in all fields: in the workplace, with health and in relationships. It is no coincidence modern living is, for the most part, based on self-help reading, selfishness and self-indulgence. Each person sits passively at the heart of his/her own little universe and to achieve the goals, will not make any gratuitous sacrifice. However, as everyday events unfold, we learn that this forma mentis does not work. And the result is a generation of bored, dissatisfied and unhappy people. The concept of happiness is something untouchable, and too often it is associated with consumerism as opposed to protecting the resources.. But what has design to do with all of this? Quite a lot it seems, given that Stefan Sagmeister has presented an exhibition called ‘Six Things’ at the Jewish Museum in New York (open until August 4th). The Austrian Graphic designer has listed the six things he feels are important contributions to achieving happiness. Over the last ten years, Sagmeister has combined his activity of rockstar communication (he has worked with David Byrne and Lou Reed to mention a couple of names) with a personal investigation into the moods that everyone desires. Of course, anyone would benefit from the successful career pathway that started in Sagmeister’s youth; yet this guru of contemporary living is convinced that we can train our minds just as we train our bodies. The exhibition illustrates the six rules to follow in order to be happy: If I Don’t Ask I Won’t Get (at this point, Sagmeister tells the story that his friend and founder of TED – Richard Saul Wurman convinced him to work for free); Keeping a Diary Supports Personal Development (Sagmeister has kept a diary for years and when he refers to it, he is reminded of things that he would have otherwise forgotten); Be More Flexible (do not stop withthe

first sensible idea that comes to mind); It Is Pretty Much Impossible to Please Everyone (so accept that this is and always will be the case); Now is Better (do not procrastinate, but do not live in the past or be anxious about the future); Feel [how] Others Feel (and live better alongside people who are different to yourself). Five videos and an installation, all tastefully produced, illustrate six ideas to be considered. This despite the fact that Sagmeister has not invented anything other than an extraordinary ability to express in just a few minutes what we can learn about ourselves in a lifetime. And this is faster, more beautiful and more effective than any self-help manual (S. S.)

9


ART GRAMSCI MONUMENT Gli Stati Uniti sono la nazione che fa della libertà di parola una divisa d’orgoglio, eppure ci sono termini che in questo nuovo mondo sono ancora tabù. Uno di questi è senz’altro “comunismo”, un concetto che – per gli americani – non solo è incomprensibile ma è anche imbarazzante da discutere. L’accezione legata a questo termine è dubbiosa e negativa, fatto che per chi viene dall’Europa è sia divertente che frustrante. Per questo motivo sarà curioso osservare come il pubblico americano reagirà al progetto che l’artista svizzero Thomas Hirschhorn presenta a New York dal 1

10

luglio al 15 settembre grazie al supporto della DIA Foundation. Hirschhorn, tra gli artisti più apprezzati della nostra epoca, non è nuovo a provocazioni di questo genere, in primis nei confronti del mondo dell’arte che però – forse proprio per questo – accetta ogni suo progetto con ammirato stupore. Lontano dalle gallerie patinate di Chelsea, Hischhorn presenta il ‘Gramsci Monument’, un padiglione multifunzionale installato all’interno delle Forest Houses nel Bronx. Sarà divertente osservare il mondo dell’arte arrivare in questi ‘projects’ (le nostre case popolari) e gridare al genio o indignarsi. Il progetto, quarto episodio di una serie che Hirschhorn ha dedicato a quattro filosofi (Spinoza, Deleuze e Bataille i primi tre) prevede la costruzione di un luogo da parte degli abitanti delle Forest Houses, un esperimento sociale che conterrà una biblioteca (dove scoprire tutto su Gramsci), un teatro, una serie di workshop, una lounge, un punto internet e anche il Gramsci Bar, sempre gestito dagli abitanti locali. Un luogo di aggregazione i cui obiettivi sono stabilire un nuovo concetto di monumento; provocare incontri; creare un evento; pensare Gramsci oggi. Il motivo che spinge Hirschhorn a cimentarsi in tale progetto è il suo “amore per il pubblico non-esclusivo” e per tutto ciò che sorpassa i limiti dell’ordinarietà.

‘Gramsci Monument’ sarà dotato anche di una stazione radio, di un quotidiano e di un programma di seminari e conferenze, inoltre per seguire il progetto anche da lontano è attivo il sito internet temporaneo www.gramsci-monument.com. “La mia decisione di realizzare il Gramsci Monument non viene da una conoscenza del filosofo, ma piuttosto dalla mia conoscenza dell’arte e dalla mia convinzione che l’arte possa trasformare”. Bilanciandosi sapientemente tra ricerca e mistero, Hirschhorn comunica che la sua scelta di Gramsci sia dovuta semplicemente alla sua ammirazione in tutto e per tutto del filosofo italiano. La scelta di presentarla nel tempio del capitalismo, New York, è intensa. La partecipazione in prima persona (Hirschhorn vivrà nel Bronx per tutta la durata del progetto) e l’invito obbligato al mondo dell’arte a uscire dai propri confini è geniale. È tuttavia curioso che il termine “comunista” non compaia per nulla nel comunicato stampa. (S. S.)

The United States of America is a nation that is proud of its freedom of speech; yet there are words that are still considered to be taboo. One of these is ‘Communism’ – a concept that – for the Americans – is not only incomprehensible but causes embarrassment when a subject for discussion. This word conjures up suspicion and negative implications; people who come across the pond from Europe find it extremely funny and highly frustrating. For this reason,it will be interesting to observe how the American public will react to the project that the Swiss artist Thomas Hirschhorn presents in New York between July 1st and September 15th, supported by the DIA Foundation. Hirschhorn is one of the most acclaimed artists of our times and is no stranger to controversy of this type, in primis with the art world that – possibly for this reason – welcomes each of his projects with admiration and astonishment. Light years from the polished galleries of Chelsea, Hirschhorn presents the ‘Gramsci Monument’, a multifunctional pavilion installed inside the Forest Houses complex in the New York district of the Bronx. It will be interesting to watch the art world arrive in these ‘projects’ (our social housing) to proclaim his genius or to turn their noses up in indignation. The project, the fourth episode in a

series that Hirschhorn has dedicated to four philosophers (Spinoza, Deleuze and Bataille were the first three), involves constructions built by the inhabitants of the Forest Houses, a social experiment that will house a library (where they will find out everything they need to know about Gramsci), a theater, a series of workshops, a lounge, an Internet point and even a Gramsci Bar, managed by the local inhabitants. It is a place for social aggregation designed to define a new concept of a monument: facilitate meetings; create an event; think of Gramsci today. What drives Hirschhorn to embark on such a project is his ‘love for the non-exclusive public’ and for everything that surpasses the limits of what is ordinary. The ‘Gramsci Monument’ will also have its own radio station, a newspaper and a program of seminars and conferences; and people will also be able to follow the development of the project on-line by logging-onto www.gramsci-monument.com . “My decision to create the Gramsci Monument did not emerge from my knowledge of the philosopher, but my knowledge of art and my belief that art can transform.” By skilfully balancing research and mystery, Hirschhorn based the exhibition simply on his admiration for the Italian philosopher. The emotional decision to present the exhibition in the inner sanctum of Capitalism, New York, was intense. Important information is that Hirschhorn will personally preside over the exhibition (he will be living in the Bronx for the duration of the project) and the invitation asking the art world to step outside of their box was pure genius. And it should be pointed out, strange as it may seem, that the word ‘Communist’ does not appear anywhere in the press release.


Arredi per chi ama il vino /D 9L 9 WŠ Š q qO¶O¶O¶HO HOHP HO HPHQ HP HQWR HQ WR GD DF FXL QDVF QD VFH VF H WXW XWWD WD D OD FR FROOOOOH] H]LR LRQH LR Q QH GH5( GH 5( ( (¶X (¶ XQD VF V XO X WX XUD LQ Q IX XVL VLRQ RQH RQ H G¶DO G¶ DOOX DO OXPL OX PLLQL QLR R D FH FHUD UD D SH SHUV UVD UV D LQ FXL FXL O¶O¶HO HOHP HO HPHQ HP HQ QWR RU RUJD J QL JD QLFR FFR R GD FX FXLL QDVF QD VFH VF H LO YLQ YLQ QR VL VL WUD WUD UDVI VIRU RUPD PD SH SHUU UXRO UX ROR RO R H PD PDWH WHUL WH ULD UL D LQ LQ XQ RJJ JJHW HWWR WR G¶DU G¶ DUUH DU UHGR UH GR R

YLD YL D 3RU 3RU RUGH GH HQR RQH       7DP 7DP D DL D GL %U %UXJ XJQH QHUD UD D 3 1

WHOO  WH 

           LQIR LQ IR#I IR #IUD #I UDQF UD QFRG QF R HU RG HUH HLWLW ZZZ ZZ ZIU Z IUDQ IU DQ QFR FRGH G UH GH UHLLWW


EXHIBITION I PAESAGGI VISIONARI DI LE CORBUSIER

12

Il più grande errore della maggior parte delle mostre dedicate all’architettura è quello di ridurre il tema a una sequenza di disegni tecnici, schizzi e plastici spiegati ai visitatori attraverso prolisse spiegazioni storiche. Questo metodo non solo allontana i profani da un tema che dovrebbe invece divenire familiare (visto che vissuto tutti i giorni) ma avvilisce l’architettura, trasformandola in qualcosa di inanimato. È vero, le costruzioni architettoniche sono entità statiche, ma la storia insegna quanto il logorio del tempo, l’epoca che le attraversa e le migliaia di fruitori che le usano possano cambiarle, rendendole vive. Forse, la mostra dedicata a Le Corbusier che si tiene al MoMA di New York dal 15 giugno al 23 settembre 2013 riuscirà a evitare l’inconveniente della mostra d’architettura impenetrabile. Certamente, la grande retrospettiva – la prima dedicata al maestro svizzero nel museo americano – presenta una grande quantità di materiali documentari come il modello di Ville Savoye e gli schizzi della Chapelle NotreDame du Haut ma l’obiettivo della mostra è ricreare, davanti agli occhi dei visitatori, l’idea del paesaggio di Le Corbusier nella maniera più esaustiva possibile. Le quattro sezioni della mostra sono orientate

verso diverse sfumature: il paesaggio degli oggetti trovati; il paesaggio domestico; il paesaggio architettonico della città moderna e quello dei vasti territori. Accanto a materiali classici viene esplorato un Le Corbusier più artista con gli acquarelli realizzati nei suoi viaggi nel Mediterraneo, diversi video e registrazioni audio realizzate da Le Corbusier stesso negli anni Trenta, ma è la sezione dedicata al paesaggio domestico che promette di offrire un’esperienza più intima e vivace con la visione di Le Corbusier. Qui, cinque interni sono stati ricostruiti con il mobilio originale, restaurati e ripresentati secondo l’esatta visione dell’architetto grazie a un attento lavoro di ricerca e ricostruzione che nelle originale Unité d’Habitation di Marsiglia si è persa/trasformata attraverso l’azione quotidiana dei suoi abitanti. Utopica e geniale fino al punto di diventare controversa, l’opera di Le Corbusier dovrebbe essere compresa da chiunque voglia capire qualcosa del modo in cui viviamo l’architettura e il design nella sua visione più completa, ovvero, come la intendeva Le Corbusier, paesaggistica. (S. S.)

LE CORBUSIER’S VISION OF THE LANDSCAPE ON DISPLAY One of the biggest mistakes observed in exhibitions dedicated to architecture is that the core theme is reduced to a sequence of technical designs, sketches and models explained to visitors through long-winded historical explanations. This format

frequently discourages any interest from laymen who should be attracted to these familiar topics; however, it also humiliates the architecture of the building, transforming it into an inanimate lifeless facility. By definition, architectonic buildings are static; however, history has shown us that the passage of time, the period of construction and the thousands of users can transform it and inject vitality and life. And it is possible that the exhibition dedicated to Le Corbusier in the MoMA Gallery in New York from June 15 to September 23, 2013 may avoid the problems associated with an impenetrable exhibition of the architecture. This major retrospective exhibition – the first the American museum has dedicated to the Swiss

Maestro – contains a large quantity of documentation, such as the model of the Ville Savoye and the sketches of Chapelle Notre-Dame du Haut. However, the exhibition aims to detail Le Corbusier’s idea of the landscape. The four sections of the exhibition are oriented to different aspects: the landscape of objects; the domestic landscape, the architectonic landscape of the modern city and the landscapes of vast territories. Alongside the classical pieces, the exhibition explores the more artistic face of Le Corbusier through the watercolors painted during his trips to the Mediterranean, and a number of silent videos and sound tracks recorded by Le Corbusier in the Thirties. However, the section dedicated to the domestic

landscape promises to offer a more intimate dynamic experience through Le Corbusier’s vision. The exhibition presents five interiors reconstructed with original pieces of furniture, restored and represented according to the exact vision of the architect following a detailed process of research and reconstruction of the original Unité d’Habitation in Marseille, features that had been lost/transformed through the routine activities of its inhabitants. Le Corbusier’s vision can be described as utopic, ingenious, verging on the controversial and should be easily comprehended by anyone who wishes to understand about how we experience the myriad facets of architecture and design – just how Le Corbusier interpreted the landscape. (S. S.)


oildynamic

hinges

2)),&,$/

',675,%8725


AWARD 14

analizza un luogo che contiene patrimoni di memoria e natura di particolare densità e si presenta significativo per la sperimentazione di metodi e strumenti per la conoscenza e il buon governo dei beni culturali. “Skrudur è in sé un presidio e un crogiuolo: il suo recinto – spiega la commissione di studio – descrive una condizione che cerca un punto di contatto tra due mondi, quello della confidenza e della fiducia nel coltivare la terra, e quello dello sguardo cosciente sulla vastità di luoghi che accompagnano la stessa esperienza umana”. [E. D. M.; ph: Hervé Brunon-Fondazione Benetton Studi Ricerche. Immagini storiche tratte da Sigtryggur Guðlaugsson, Skrúður á Núpi. Græðsla og gróður í fjörutíu ár (1909-1949)]

IL GIARDINO BOTANICO DI SKRUDUR

THE BOTANIC GARDENS OF SKRUDUR

Un lembo di terra recintato in uno spazio brullo e inospitale. Un piccolo grumo di vegetazione adagiato su uno dei fiordi che solcano la regione nord-occidentale dell’Islanda, a pochi chilometri dal circolo polare artico. Skrudur è un giardino botanico, circondato alle spalle da un’imponente cortina di montagne e a valle da un terreno solitario che scende verso la riva del fiordo. Con la scuola, la chiesa e la fattoria di Núpur, l’orto forma un luogo fisico e culturale che si presenta come sfida alle condizioni ambientali estreme e alle istanze di miglioramento sociale. Skrudur si sviluppa agli inizi del Novecento, grazie all’opera di Sigtryggur Guðlaugsson: lo stesso, che pochi anni prima, insieme al fratello Kristinn, aveva inaugurato un programma di educazione rivolto al riscatto dalle condizioni agricole arretrate. Ed è a questo luogo e alla sua comunità, che tuttora lo cura e lo preserva dai segni del tempo e dalle forze devastanti della natura, che la giuria del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, ha conferito, per il 2013, l’importante riconoscimento. Il premio, giunto alla ventiquattresima edizione, è promosso e organizzato dalla Fondazione Benetton Studi e Ricerche; la quale, ogni anno,

A slither of land surrounded by a barren, inhospitable territory. A small clump of vegetation that lies alongside one of the fjords that slice the North-Western district of Iceland, a few miles away from the Arctic polar circle. Skrudur is a natural botanic garden, with a majestic mountain range at the back and downstream, land that sweeps down to the banks of the fjord. With the school, the church and the Núpur farm, the botanic garden is a physical and cultural location that can be described as a challenge to extreme environmental conditions and the basis for social improvement. Skrudur developed at the beginning of the 20th-century, thanks to the work of Sigtryggur Guðlaugsson. Some years earlier, brothers Sigtryggur and Kristinn initiated an educational program to improve the primitive farming conditions. The location and its community still preserve the signs of time and the devastating power of nature, this merited the prestigious Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino (The Carlo Scarpa International Prize for the Garden) that was presented to the area in 2013. This is the 24th edition of the prize, promoted and organized by the

Benetton Research and Development Foundation. Each year, the Foundation analyzes a location that preserves the important legacy of the past and nature and is described as an important facility for the experimentation of methods and instruments for the protection and good management of a country’s national heritage. “Skrudur is simultaneously a garrison and an arena; according to the development commission: its boundaries describe a condition that aims to identify a point of contact between two worlds – one being the confidence and faith in land cultivation, and the other being the conscious examination into the vastness of the locations that accompany Man’s experience itself”. [E. D. M.; ph: Hervé BrunonFondazione Benetton Studi Ricerche. Historical pictures taken from Sigtryggur Guðlaugsson, Skrúður á Núpi. Græðsla og gróður í fjörutíu ár (1909-1949)]


PREMIO PIDA Evidenziare con occhio critico il ruolo e la responsabilità che l’architettura e l’architetto assumono nel processo di trasformazione del paesaggio e di costruzione delle politiche di sviluppo. Un processo dal quale la società può trarre grandi benefici ambientali, sociali, economici ma che negli ultimi decenni invece ha prodotto in Italia degrado ambientale ed impoverimento culturale. I feroci abusi perpetrati a danno dell’ambiente naturale richiedono all’architettura un’inversione di tendenza, u che parta dall’equilibrio tra ambiente naturale e ambiente costruito. Essendo l’Italia un paese che vive di turismo, una buona parte dell’architettura che si realizza ne nostro paese è dedicata a questo settore, ed è per tale motivo che intervenendo su questa tematica si può incidere sulla qualità di vita della società civile. Il Premio Internazionale Ischia di Architettura, organizzato dall’associazione PIDA con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti di Napoli e HSDesign, vuole essere uno strumento propositivo e di critica per chi opera in questo settore. Il tema del concorso è la qualità dell’ospitare. Il PIDA viene assegnato alle opere di architettura ultimate e documentabili per la sezione “premio PIDA”, e riferite alla sola progettazione di esse per la sezione “premio PIDA Concept”, riferite alle due macro sezioni del premio: alberghi (hotel, agriturismi, pensioni, ) o SPA (Centri Termali, Parchi Termali, Beauty Farm, Centri Estetici). Le opere possono riguardare la realizzazione di nuova architettura o il recupero, la riqualificazione, l’ampliamento di edifici esistenti purché sia chiaramente leggibile un esplicito ed autonomo dialogo con la contemporaneità. La kermesse si pone l’obiettivo di esportare l’identità italiana attraverso la cultura e l’imprenditoria, mettendo a confronto le architetture del mondo del turismo italiane con quelle estere. La premiazione della VI edizione è in programma a Ischia dal 8 al 13 luglio 2013, insieme a mostre, workshop, dibattiti, conferenze, kermesse musicali, e stand fieristici. www.pida.it

THE PIDA AWARD A critical eye has been directed to highlight the role and the responsibility of architecture and the architect in the transformation process that affects the landscape and the development of the development policies. This is a process that can be translated into enormous environmental, social and economic benefits for society; however in recent years, in Italy it has led to blights on the countryside and widespread cultural impoverishment. This ferocious abuse of the natural surroundings must be tackled with architecture that can reverse these trends, starting from the equilibrium between the natural and constructed ambiences. It is no secret that Italy is a country with an economy largely based on tourism; consequently, a large part of the architecture is dedicated to this sector, and for this reason any intervention in this field may influence the quality of life in a civil society. The International Ischia Award for Architecture (PIDA) , organized by the PIDA association, in collaboration with the Architects’ Guild of Naples and HS Design, aims to be a driving and critical tool for people involved in this sector. The core theme of the competition is the quality of the

hospitality. The PIDA prize is assigned for the architectonic projects that have been completed and submitted for the section ‘PIDA Prize’. These projects refer exclusively to the design for the ‘PIDA Concept prize’, specific for the two macro sections of the prize: accommodation (hotels, farmhouses, guest houses, ) and SPA centers (Spa centers or parks, Beauty Farms, Wellness centers). The constructions may be new builds or refurbished buildings,

makeovers or extensions to existing facilities, as long as they can be clearly interpreted in the autonomous dialogue with modern day living. The event aims to export the identity of Italy through culture and business, comparing the architecture in the Italian tourism sector with that of its foreign counterparts. The prize-giving for the 6th edition has been scheduled in Ischia between July 8-13 2013, along with an exciting calendar of exhibitions, workshops, debates, conferences, music shows and stands. www.pida.it

15


FAIRS HOST 2013

16

Cinque giorni di mostra e una lavorazione sotto traccia di 24 mesi. Questa è la filosofia di Host 2013, il Salone internazionale dell’ospitalità professionale, leader mondiale nel settore Ho.Re.Ca. e Retail, che si tiene alla fiera di Milano a Rho da venerdì 18 a martedì 22 ottobre 2013. Perché grazie a un costante lavoro di analisi dei mercati e di supporto agli operatori, Host 2013 va molto al di là dei cinque giorni di manifestazione per diventare un vero osservatorio delle tendenze e delle evoluzioni del mercato e una piattaforma di business globale, attiva tutto l’anno. Cuore di questa filosofia, la capacità di coniugare una visione di ampio orizzonte sui mercati internazionali con un’idea a tutto tondo dell’innovazione. Host è un punto di riferimento confermato e testimoniato dalle stesse aziende: a ottobre gli hosted buyer provenienti da tutti i mercati saranno oltre 1.500 e gli espositori saranno oltre 1.600 da 50 Paesi. In particolare, il 40% degli espositori è rappresentato da aziende estere, a rafforzare il trend di sempre maggiore internazionalizzazione che caratterizza Host. In linea con un concept pensato per valorizzare le prossimità di filiera, il percorso espositivo di Host 2013 sarà organizzato su 12 padiglioni e in tre macro-aree: Ristorazione Professionale

insieme a Pane-Pasta-Pizza; Bar e Macchine Caffè in sinergia con Caffè-Tè e Gelato-Pasticceria; Arredo e Tavola. A completare l’offerta di Host 2013, un ricco palinsesto di momenti di formazione e informazione, dimostrazioni e gare, show-cooking e tasting che, grazie alle partnership con le più autorevoli associazioni di categoria e con le più importanti realtà della consulenza e delle analisi di mercato, forniranno sia spunti pratici, sia indicazioni per nuove strategie di marketing e vendita e analisi di scenario a più ampio raggio. EXIHS – Excellent Italian Hospitality Services – è una grande scatola trasparente di 500 mq, un “acquario del bello” che ospiterà il design proposto da aziende italiane. Format innovativi, che sposano le esigenze del mercato con la bellezza in progetti funzionali e business-oriented, sono ospitati in una lounge con un focus su 4 aree tematiche: Lavoro, Mente, Corpo e Relax. Innovativo è anche il concetto che mixa wellness e food. A Host 2013 lo esprime Cloud & Lounge, installazione ideata da Alberto Apostoli Architecture & Design: la filosofia progettuale valorizza il dialogo con il green, per riproporre un sito in funzione ‘customizzata’. Un ristorante “Km 0” con terrazzi o orti pensili e visibili alla clientela, o una gelateria bio che offre anche servizi di cura per il corpo, si animano di tessuti ecologici per la biancheria e materiali naturali e alternativi come pietra, legno, bambù e cocco per stoviglie, posateria e ménage. Il progetto Bar 24, in collaborazione con Il Sole 24 Ore, mette in scena due format, rispettivamente di Silvio De Ponte Architect / DPSA+D e Paolo Bulletti + Lombardini22, che presentano il bar dell’hotel come luogo innovativo. iBarConcept è un nuovo modello di servizio al cliente, in dialogo continuo con i device mobili, ma vive anche come semplice servizio bar e caffetteria “sempre aperto”. Il trasformismo è invece la chiave di Smart Bar: le luci cambiano secondo i momenti della giornata, mentre superfici interattive consentono lo scambio di informazioni e l’entertainment. Sviluppare nuovi format di design, originali e innovativi, è la sfida che Host e POLI.design lanciano ai designer di tutto il mondo con HOSThinking – a design award: il riconoscimento, con il patrocinio di ADI - Associazione Italiana per il Disegno Industriale, premierà i progetti che esprimeranno al meglio, con proposte inedite e distintive, l’evoluzione dei nuovi spazi ibridi, con particolare attenzione al coinvolgimento del cliente nel concept. Una giuria individuerà una short-list di finalisti che saranno esposti a Host 2013, tra i quali verranno individuati i 3 vincitori, premiati durante la manifestazione. A oggi, 175 le candidature ricevute dai 5 continenti. Tecnologie protagoniste con Smart L

bel, Host e Fiera Milano con POLI.design premiano le proposte più innovative in termini di funzionalità, tecnologie, sostenibilità ambientale, risvolti etici e sociali per prodotti e aziende, presenti a Host 2013. Fino a maggio 2013, le aziende potranno inviare la candidatura di un prodotto o progetto in realizzazione: una commissione di docenti del Politecnico di Milano ed esperti di settore valuterà le candidature e attribuirà il riconoscimento ai prodotti con i requisiti necessari. www.host.fieramilano.it

Five days of exhibition and preparatory organization of 24 months. This is the philosophy behind Host 2013, the international salon of professional hospitality, the world leader in the Ho.Re. Ca. and Retail sectors. The event will be held in the exhibition headquarters of Rho-Milan between Friday 18th and Tuesday 22nd October 2013. Thanks to its ongoing market analysis and the constant support provided to the operators, Host 2013 reaches far beyond the five days of the event and can be classed as a true observatory of the trends and the evolutionary progression of the market, as well as being a platform for global business, active all year round. The core theme of this philosophy is the company’s ability to combine the far-reaching vision of the international markets with the full-circle interpretation of innovation. Host is an important reference point for the companies: in October, the event will welcome more than 1500 invited buyers from all over the world in addition to more than 1600 exhibitors from 50 countries. Almost half (40%) of the exhibitors will be from abroad and this figure reiterates and reinforces the international personality of Host. With a concept devised to enhance the proximity of the production facilities, the exhibition pathway for Host 2013 will be contained in 12 pavilions split into three macro-areas: Professional Catering along with Pane(Bread)-PastaPizza; Bars and Coffee machines in synergy with Coffee-Tea and Ice-CreamConfectionary; Furnishing and Tableware. The program of events on offer at Host 2013 will include training and information workshops, demonstrations and competitions, show-cooking and tasting; thanks to the partnership with the most influential trade associations and with the most important realities of consulting and market analysis, these events will provide practical tips and indications for new marketing and sales strategies and a broader analysis of the current scenarios. EXIHS – Excellent Italian Hospitality Services – is a large transparent box of 500 sq.m., an aquarium for observing what is beautiful that will contain the designs proposed by Italian companies. Innovative formats that respond to the market requirements with beauty visible through functional and business-oriented projects are presented to the visiting public in a lounge devised to focus on 4 theme areas: Work, Mind, Body and Relaxation.

The concept that mixes wellness and food is also innovative. The perfect expression at Host 2013 was Cloud & Lounge, an installation created by Alberto Apostoli Architecture & Design: the design philosophy encourages the creation of an ecological interface with vegetation, to produce a custom location. A restaurant based on ‘0 Km supplies’ with terraces and hanging gardens for the delight of the customers, or an organic ice-cream parlor that also offers body-care treatments – these are enhanced by with eco-friendly fabrics and natural, alternative materials such as stone, wood, bamboo and coconut for crockery, cutlery and other pieces of tableware. The project Bar 24, in collaboration with Il Sole 24 Ore, presents two formats – by Silvio De Ponte Architect / DPSA+D and Paolo Bulletti + Lombardini22 respectively; the idea is the hotel bar spiced with innovation. The iBarConcept is a new model at the service of the client; it has an ongoing dialogue the surroundings yet also operates as a 24/7 coffee bar and lounge. Transformism is the keyword for Smart Bar: the lighting changes throughout the day, while interactive surfaces allow the exchange of information and provide entertainment. When a product is the foundation stone in a company’s history, it will be the undisputed protagonist. The development of new original and innovative design formats is the challenge that Host and POLI.design have thrown down to designers across the world with HOSThinking - a design award: this prize will be presented under the patronage of ADI – the Italian Association for Industrial Design, for the projects that best express the evolution of new hybrid spaces, through original and distinctive proposals, with special attention paid to ensure that the client has hands-on involvement in the definition of the concept. A panel of experts will draw-up a short-list of finalists and all of the projects will be displayed during Host 2013. The three winning projects will be selected from those on show and the awards will be presented during the event. At the time of writing, 175 projects have been submitted from 5 continents. Technology takes centerstage with Smart Label. Host and Fiera Milano with POLI.design will reward the most innovative proposals presented during Host 2013, basing the decision on performance, technology, environmental sustainability, ethical and social factors for products and companies. Until the end of May 2013, companies can submit a product or a project (work-in-progress); a panel of lecturers from the Milan Polytech joined by a group of experts will examine the proposals and select the winning products with the necessary requisites. www.host.fieramilano.it


AD: EIKON / DELLA CHIARA

A CASA COME IN HOTEL. LE PORTE CHE COMUNICANO CON CLASSE.

O CASA. PORTA MÌMESI - DEMETRA. LACCATO GRIGIO UMBRO. F.LLI PIETRELLI SRL - VIA XXI STRADA, 18 - 61032 FANO (PU) - TEL. +39 0721 854495

O HOTEL. PORTA 421 - FILOMURO ESTERNO. LACCATO BIANCO. EI 60 - 42 db. WWW.PIETRELLIPORTE.IT


DESIGN

UN LAMPADARIO CHE SUONA?

DOMITALIA

18

Da sempre specializzata nella produzione di sedute, tavoli e complementi d’arredo, per uso residenziale e contract, Domitalia propone modelli innovativi e dal look originale, prodotti poliedrici in grado di combinare funzionalità ed estetica. Il made in Italy come missione e un design che fa della pulizia e della comodità i suoi punti fermi, sono tra i suoi valori principali. Dal gennaio 2013 la coppia Folco Orlandini e Andrea Radice è responsabile della direzione artistica dell’azienda, la quale ha deciso di intensificare il rapporto di collaborazione con i due designer, già autori di modelli di successo come la poltrona Babà. Il mercato contract realizza circa il 15% del fatturato totale dell’azienda, che include anche Health Care, una speciale collezione destinata alle comunità di anziani e persone con problemi di deambulazione. Da sottolineare la vocazione internazionale di Domitalia, dimostrata da una quota export pari al 70% e dalla presenza in oltre 70 Paesi con Scandinavia, Francia, Russia e Stati Uniti come principali mercati. Nelle immagini, Bouchon, l’originale famiglia di sedute realizzata in sughero rigenerato, materiale dalla particolare elasticità, resistenza e impermeabilità; e la poltrona Coquille. www.domitalia.it (L. C.I

The company has always been specialized in the production of seating, tables and accessories, for use in the residential and contract sectors. Domitalia has always presented innovative models with an original appearance, polyhedral items that combine high performance with esthetics. The mission is clearly under the ‘Made in Italy’ banner and the design is based on clean comfortable lines. From January 2013, the designers Folco Orlandini and Andrea Radice have been in charge of the companies art direction. The company decided to intensify the partnership with the two designers – who had previously created successful models such as the armchair Babà. The contract market accounts for approximately 15% of the company’s total turnover; this includes Health Care, a special collection for the elderly in care homes and people with mobility problems. Domitalia’s international vocation is indicated by its 70% exports and the company’s presence in more than 70 countries with Scandinavia, France, Russia and USA being the main markets. The picture shows, Bouchon, an unusual family of seating produced in regenerated cork, a material with unusual elasticity, resistance and waterproof properties; and the armchair, Coquille. www.domitalia.it (L. C.)

Fabio Fornasier e LU Murano rappresentano un binomio dal quale nascono prodotti spesso sorprendenti: è il caso di iLUsion, un lampadario che, oltre a svolgere il suo “ruolo naturale”, è in grado anche da fungere da impianto stereo wi-fi. Possibile? Lo abbiamo visto e… ascoltato. A Venezia 36 luci, dimmerabili, 125 kg di peso, tutto in vetro specchiato, 2x2,20 le dimensioni, 90.000 euro il costo, un anno di lavoro dall’idea alla realizzazione dei due prototipi esposti nella cornice dell’Hotel Liassidi Palace di Venezia, dove saranno visibili fino alla fine del mese di settembre. Parliamo di un lampadario, muranese, creato da Fabio Fornasier con l’aiuto di un tecnico quale Stefano Busetto, esperto di progettazione di sistemi audio complessi. Durante la presentazione alla stampa, all’inizio non tutti hanno capito che la musica diffusa nella sala dell’hotel proveniva proprio dagli altoparlanti inseriti nel lampadario. Lampadario a cui, giustamente, è stato dato il nome di ilLUsion, come a sottolinearne il carattere un po’ magico. Un anno di lavoro tra vibrazioni, risonanze, frequenze, pressioni sonore… tutto da scoprire e sperimentare, e a questo proposito sono stati provati coni in kevlar, in cartone per poi arrivare alla scelta finale della fibra di vetro, e poi testati e opportunamente modificati filtri crossover, fino a trovare il giusto taglio di incrocio delle frequenze di lavoro fra gli altroparlanti (rigorosamente di serie) midwoofer e tweeter. E poi, gli spessori e le forme del vetro, lavorati fino a ottenere un sistema privo di risonanze. Il risultato sono stati questi due lampadari, identici ma ruotati di 180° l’uno rispetto all’altro, che hanno prodotto la diffusione della stereofonia a 360°. Dopo la presentazione, a Euroluce, dei modelli in fibra di carbonio, LU Murano ha voluto stupire un’altra volta, riuscendoci, con un prodotto inusuale ma perfettamente inseribile in ogni contesto contract. (C. M.)


+ 100% RECYCLED MATERIAL

assistance of Stefano Busetto, an expert designer of complex sound systems. During the press conference, not everyone present was aware that the music piped in the Hotel room was being emitted from the loud-speakers installed in the light fittings. The clever name given to the chandelier was ilLUsion, to underline its somewhat magical personality. A year of careful investigation into the vibrations, resonance, frequencies, sound pressures… all important features to be discovered and experimented. The designers tested sound-diffusion cones in Kevlar, in cardboard with the final choice falling on glass fiber, then special crossover filters, to achieve the appropriate frequency crossover between the midwoofer and tweeter loudspeakers (supplied as standard). The thickness and the shape of the glass components were tried and tested to achieve a system free from resonance. The two chandeliers are identical but rotated through 180°, producing 360°stereophonic sound diffusion. Following the presentation at Euroluce of the models in carbon fiber, LU Murano wished to astonish us once again with an unusual product that would be the perfect addition to any contract context – and it’s no surprise that its efforts hit the mark! (C. M.)

A CHANDELIER WITH SOUND? Fabio Fornasier and LU Murano is a partnership that often produces astonishing products: and illusion is no exception! Would you believe that they have created a chandelier that emits light but is also a stereo Wi-Fi system? Well, it’s true! Our eyes and ears didn’t lie when it was previewed in Venice… The fitting is equipped with 36 light sources that can be dimmed. The ensemble weighs 125 kg, has been produced in mirrored glass, measures 2x2.20 m and costs 90,000 euros. The design team took one year to complete the two prototypes (from planning to finish) that are now on display in the Hotel Liassidi Palace, Venice, where they will stay until the end of September. This Murano chandelier was designed by Fabio Fornasier, with the technical

Si chiama Milca Series. È una nuova collezione di arredi in cartone riciclato al 100% progettata da Toshiyuki Kita per Bolda. Ne fanno parte, per ora, un tavolo, una sedia e uno sgabello leggeri e facili da assemblare, caratterizzati da divertenti texture d’ispirazione naturale e altamente personalizzabili mediante la stampa. Presentati presso gli spazi di MAD, allestiti da Design Diffusion World presso le Officine del Volo di Via Mecenate durante il Salone del Mobile 2013, hanno subito catturato l’attenzione per il contenuto d’innovazione sotteso al progetto, che ha già ricevuto la certificazione FSC®, destinata ai prodotti ecofriendly. (F. D. P.)

The Milca Series is a new collection of furniture in 100% recycled cardboard, designed by Toshiyuki Kita for Bolda. The collection includes a table, a chair and a stool; all of the pieces are light and easy to assembly; they have a delightful texture of natural inspiration and are easy to personalize with printing. The collection was presented during MAD in a display organized by Design Diffusion World in the Officine del Volo facilities in Via Mecenate, during the 2013 International Furniture Salon in Milan. The collection attracted enormous attention for the innovative features of its design. It has already been awarded the FSC® certification for eco-friendly products. (F. D. P.)

19

Dhd 38 light  

Rivista internazionale sulla diffusione del design e dell'ospitalità

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you