Page 1

&

copiagratuita Read&fly

read&fly

SALONE DEL MOBILE una Milano non da bere ma da vivere

NUOVO IPAD una rivoluzione targata Apple

PHOTOTRIP A VERONA un viaggio fotografico nella città scaligera

Dubai

Mille e una...

alla scoperta della città di domani che convive col passato 1

Anno 1 - Aprile 2012 Copia 2


Read&fly

gastronomia

La società si occupa della ricerca e della gestione di comparse, figuranti speciali, attori e attrici, da inserire all’interno dei cast di programmi televisivi, fiction, televendite, spot pubblicitari, rappresentazioni teatrali, ecc. Essa gestisce un elevato numero di figure professionali, selezionate accuratamente attraverso appositi casting, fondamentali nel mondo del cinema, della televisione e della pubblicità. Recentemente Pragma ha ampliato il proprio perimetro di attività offrendo servizi altamente specializzati di trucco, parrucco, sartoria e arredamento nel campo televisivo e cinematografico.

2

Pragma Services S.r.l. - Via Trieste 9, 20096 Pioltello (MI) T 02.89367085 - F 02.89367063 - info@pragmaitalia.tv


EDITORIALE

Read&fly

editoriale

Aprile è un mese da non perdere! E’ il mese del grande ed attesissimo Salone del Mobile (articolo all’interno da pagina 4 a pagina 6) che si terrà dal 17 al 22 Aprile presso la fiera di Milano Rho, è il mese del “Librocielo” e del “Design Dance”… Non avete voglia delle innumerevoli possibilità che vi offre Milano e la Lombardia? Bene! Allora vi portiamo a Dubai, una delle città con maggiore crescita nel cuore del Golfo Persico, dove la temperatura non scende mai sotto i 15°, oppure a Verona, la città degli innamorati, di Romeo e Giulietta e dell’arena o ancora sulle mete innevate di tutta Italia. Questo mese vi suggeriamo inoltre due ricette per stupire i vostri amici ed un modo originale di cucinare i vostri piatti (scommetto che non avete mai sentito

parlare di cucina in lavastoviglie!!!). E c’è spazio anche per tutti coloro che guardano al futuro, alle nuove tecnologie e ai gadget all’ultimo grido: questo mese Read&Fly vi parla del nuovo iPad di Apple, delle innovative schede di memoria Eye-Fi e della guerra senza fine tra iPhone e Android (con il recente arrivo sul mercato del nuovo sistema operativo Windows 7). A proposito! Questo mese debutta Volotea (articolo all’interno nella sezione Airnews), compagnia aerea spagnola con sede a Barcellona che comincerà a volare operando dall’aeroporto Marco Polo di Venezia inaugurando un nuovo modello di business basato su aeromobili da 125 posti. Siete pronti? Mettetevi comodi, Il secondo numero di Read&Fly è pronto per voi e per soddisfare tutta la vostra curiosità! Buona lettura!

redazione Anno I - Numero 2 Iscritto al N. 01/2012 del registro periodici del Tribunale di Busto Arsizio, il 02/02/2012.

Editore: Read&fly s.r.l. - Via XXV Aprile 39, Bresso (MI)

&

Progetto grafico, impaginazione: Sara Biunno Stampa: Roto 2000 s.p.a. Pubblicità: adv@readandfly.com

Direttore responsabile: Antonio Franco

In questo numero hanno collaborato: Sabrina Barbante, Roselena Turo, Selena Norcini, Valentina Gorla, Shutterstock.com

Responsabile di redazione: Gaetanocosimo Massari

Tutti i loghi riportati in questo numero appartengono ai rispettivi proprietari.

Art director: Davide Calabresi

Foto in copertina di Rahhal/Shutterstock.com

1


Read&fly

gastronomia

Read&fly 4 8 14 18 22 30

40 42 44 50 52 64

VIAGGI Mille e una...Dubai

GASTRONOMIA A tutto ginger Green cooking

TENDENZE Rosso...spread

PHOTOTRIP Verona: un viaggio fotografico attraverso la città scaligera

CURIOSITA’ Golosità veronesi: la Millefoglie Strachin L’Italia...come uno stivale (da sci) Serie TV: Friends e Happy Endings

HIGH TECH E’ arrivato il nuovo Ipad: risoluzionario! Nokia: è guerra per riconquistare il mercato? Iphone contro tutti

OLTRE LA TERRA 21 Dicembre 2012: una data da ricordare?

AIR NEWS COMPAGNIE AEREE Nasce Volotea: nuova low-cost con base a Venezia Brevi dal mondo delle compagnie aeree

AEROPORTI Aeroporti dal mondo: i migliori del 2011

TOURIST INFORMATION TRAVEL TIPS Certosa di Pavia

SOMMARIO

36

DA NON PERDERE Salone del mobile: una Milano non da bere ma da vivere


& SOMMARIO

aprile Read&fly

2012

3


Read&fly

da non perdere

Salone del Mobile

una Milano non da bere ma da vivere

di s. barbante

Per una persona che si trova

a Milano di passaggio, per turismo o per una momentanea parentesi della vita, uno dei tratti della città che resteranno maggiormente impressi è di sicuro la meneghina capacità di rendere una fiera o una rassegna un vento unico, al quale si è felici di avere avuto la possibilità di assistere e partecipare. 282.483, 154, 5.967. Questi sono alcuni dei numeri vincenti di uno dei più importanti eventi di settore in Italia e nel mondo. Si tratta del numero di visitatori, dei paesi partecipanti e degli operatori della comunicazione che hanno reso la scorsa edizione del Salone del Mobile di Milano un evento unico nel suo genere e di enorme importanza economica. Anche quest’anno l’evento ripeterà il suo successo, mobilitando tutta Milano e rendendola teatro degno dei migliori attori del mondo del design. L’appuntamento è dal 17 al 22 Aprile in “tutta” Milano. Sono poche al mondo le altre manifestazioni di settore (definirla fiera sarebbe alquanto riduttivo), che riescono a mobilitare a farsi vivere in aree così ampie di un tessuto urbano. I Saloni, accanto all’offerta commerciale, offrono infatti da sempre anche eventi culturali diffondendo in tutto il mondo la cultura italiana dell’arredo e del progetto. Tutto questo rende il salone del Mobile un evento di interesse generale e catalizzatore dell’attenzione non solo degli addetti al settore ma anche degli amanti dell’arte del teatro e del bello in senso lato. Passiamo in rassegna i principali eventi culturali legati a questa cinque giorni di spettacolo in città.

4

Anche quest’anno mantiene un ruolo di primaria importanza lo spazio per la creatività under 35. Il SaloneSatellite è il posto ideale per far sì che i giovani talenti entrino in contatto con le impresse del settore, progettisti e cercatori di talenti. Molti dei prototipi presentati nelle scorse edizioni sono stati messi in produzione e molti dei designer che vi hanno partecipato sono ora nomi importanti. Ulteriori ospiti in quest’area giovane, 17 scuole di design da svariati Paesi dagli USA, dagli Emirati Arabi, dal Messico, dal Brasile, dalla Colombia, dal Giappone e da diverse aree d’Europa. (in alto, foto di Alessandro Russotti) Dove e quando?

17 - 22 Aprile 2012 Fiera Milano, Rho - pad.22-24 Aperto al pubblico dalle ore 9.30 alle ore 18.30


da non perdere

Design Dance Se l’arredamento e il design, come la moda, sono un forma di arte, l’espressione dello specifico artistico teatrale è tutt’altro che stridente nell’ambito del Salone del mobile. La lingua trasversale del teatro parla anche quest’anno di design, e diventa parte integrante dell’esposizione. Per tutto il periodo espositivo, il Teatro dell’Arte, negli spazi della Triennale, ospita “Design Dance” – un progetto di Michela Marelli e Francesca Molteni, che fa parlare le opere dei principali protagonisti del design. Come ogni opera dell’ingegno umano, gli oggetti raccontano le emozioni che li hanno fatti nascere. Oggetti di oggi e di ieri, classici e moderni, ma anche progetti “avverati”, perché diventati prodotti. Dove e quando Triennale di Milanno, Viale Alemagna 6, Milano Orari spettacolo: 17-20 Aprile 20.30 21 e 22 Aprile 16.00 e 20.30

Foto di Luciano Pascali

Read&fly

LIBROCIELO Le origini della città di Milano vengono invece rievocate attraverso l’installazione multimediale “Librocielo”, ideata da Attilio Stocchi, firma ormai nota al panorama dell’eccellenza del Salone. Nucleo tematico di questa narrazione, la straordinaria quantità di testi raccolti nella Biblioteca Ambrosiana che ha contribuito alla nostra crescita e al nostro “sapere universale”; “Librocielo” è un evento-percorso all’interno dell’Ambrosiana. In questo tragitto i visitatori potranno vedere e udire “dialogare i libri fra loro”. Il cortile d’ingresso in piazza San Sepolcro sarà l’inizio del percorso, con la statua del cardinal Federico Borromeo a far da “padrone di casa”. Lo spettatore durante questo percorso si confronterà con un nuovo visionario mondo assistendo a immaginifici dialoghi di libri parlanti. Sarà uno spettacolo e un percorso di luci che aiuteranno a comprendere le relazioni e i rapporti che si verranno a instaurare fra gli antichi volumi. Dove e quando

17-22 Aprile 2012 Biblioteca Pinacoteca Accademia Ambrosiana Ingresso da Piazza San Sepolcro, Milano Orari: dalle 19.00 alle 23.00

5


Read&fly

da non perdere

Fuorisalone Ma se si parla del Salone del Mobile non è possibile non parlare anche del Fuorisalone, come non si può parlare dello Yin senza lo Yang. Il Fuorisalone è un insieme di eventi legati alla progettazione, al design e all’arredamento, che si sviluppano nelle strade di Milano, in particolare nell’area di via Tortona, Brera, Porta Romana e Lambrate. Happy hour, musica dal vivo, negozi (di ogni tipo di merce, dall’abbigliamento agli accessori, dalle suppellettili alla bigiotteria) che restano aperti e danno movimento alla città. Solo lo scorso anno sono stati 772 gli eventi segnalati e pubblicizzati in occasione del Fuorisalone. Un’occasione per scoprire nuove tendenze ma anche per incontrarsi, godersi la città come se fosse un salotto a cielo aperto. Una Milano non da bere, ma da odorare, guardare, ascoltare, vivere. www.fuorisalone.it

Foto di Alessandro Russotti

Torna per il quinto anno anche la FTK (Technology For the Kitchen) l’evento dedicato alla ricerca che presenta proposte d’avanguardia in merito ad elettrodomestici da incasso e cappe d’arredo. Nel giro di poche edizioni FTK è diventata il punto di riferimento del settore e vetrina per eccellenza della ricerca con prodotti innovativi, studi sulle tendenze dei prossimi anni e su quelli che saranno gli elettrodomestici del futuro. Alla base dei prodotti innovativi la componente design è interpretata con vari linguaggi. Riflesso del delicato momento globale, l’elettrodomestico da incasso si veste innanzitutto di concretezza, ovvero perfettamente integrato nell’ambiente cucina. (in alto, foto di Saverio Lombardi Vallauri) Dove e quando? 17-22 Aprile Fiera Milano, Rho - Pad. 9-11 Orari: 9.30 - 18.30 Ingresso riservato agli operatori di settore, aperto al pubblico sabato 21 e domenica 22 Ingresso con biglietto di entrata ai Saloni Info sul Salone del Mobile: www.cosmit.it

6


Read&fly

La società si occupa della ricerca e della gestione di comparse, figuranti speciali, attori e attrici, da inserire all’interno dei cast di programmi televisivi, fiction, televendite, spot pubblicitari, rappresentazioni teatrali, ecc. Essa gestisce un elevato numero di figure professionali, selezionate accuratamente attraverso appositi casting, fondamentali nel mondo del cinema, della televisione e della pubblicità. Recentemente Pragma ha ampliato il proprio perimetro di attività offrendo servizi altamente specializzati di trucco, parrucco, sartoria e arredamento nel campo televisivo e cinematografico. Pragma Services S.r.l. - Via Trieste 9, 20096 Pioltello (MI) T 02.89367085 - F 02.89367063 - info@pragmaitalia.tv

7


Read&fly

viaggi

Dubai

mille e una...

di S. BARBANTE

8


viaggi

Read&fly

Facile farsi togliere il fiato da Dubai. Non solo per il clima caldissimo praticamente tutto l’anno (la temperatura media nel mese di Aprile è di circa 25° C e durante tutto l’anno difficilmente scende al di sotto dei 15° di minima). Città dai mille volti sita a sud del Golfo persico, nella Penisola araba, è uno dei sette Emirati Arabi Uniti. È uno dei paesi al mondo in cui il mercato immobiliare ha maggior valore, non a caso accoglie i migliori architetti e ingegneri del mondo. Questo anche per via delle strategie economiche locali che hanno puntato molto sui servizi turistici e sulle costruzioni su larga scala rendendo Dubai una delle città a maggiore sviluppo urbanistico del mondo. Eppure non è nemmeno la lapalissiana ricchezza urbanistica a togliere il fiato. Ma allora cosa è quel quid che rende questo autentico “fiore nel deserto” così irresistibile? Proviamo a fare un razionale excursus dei motivi per cui i visitatori non dimenticano questo luogo. Se guardassimo la città da una panoramica ripresa aerea, o come se fosse un bel quadro paesaggistico, le dicotomie e i contrasti di colori sarebbero l’elemento di rilievo. La città è infatti in grado di offrire un contorto e affascinante intreccio tra modernità ed antichità, tra cultura islamica e lussuosi centri commerciali ed alberghi, tra spiagge da sogno e caotico centro cittadino. L’audacia di chi governa la città è ignota nella nostra Europa, figlia anche della tutela spasmodica del territorio. Non ci sono più coste per costruire nuovi hotel? Costruiamo isole artificiali con 120 km di nuova costa. Un occhio non abituato a tutta questa bulimia architettonica potrebbe a primo impatto non apprezzare. Ma come ogni bel quadro, Dubai va analizzata nell’insieme, poi nel dettaglio e poi, di nuovo, nel complesso. Dubai è soprattutto nota al turismo di massa per i suoi alberghi ed i numerosi centri commerciali che sono disposti, gli uni e gli altri, in tutta la zona urbana soprattutto lungo la costa. Tra le costruzioni commerciali di lusso, una delle più famose è la catena alberghiera Jumeirah di cui fa parte il famosissimo Burj al-Arab, (Torre degli Arabi), lussuoso hotel a forma di vela che si erge nel mare… sopra un’isola artificiale. Fu costruita tra il 1994 e il 1999 ed è il secondo albergo più alto al mondo (il primo è il Rose Tower, sempre a Dubai, più alta di 12 metri). I suoi interni sono mozzafiato quanto e più dell’impatto visivo esterno e le sue suite non vanno al di sotto dei 170 mq, e i prezzi non scendono al di sotto dei 600 euro a notte (e arrivano anche vicini a 10000 euro a notte). Proibitivo a dir poco (a meno che tu non sia Naomi Campbell e non ti faccia venire in mente di prenotare 90 suite per festeggiare il tuo compleanno come fece nel 2006). Per più informazioni: www.jumeirah.com

© Philip Lange / Shutterstock.com

9


Read&fly

viaggi

©Subbotina Anna/Shutterstock.com

Dubai era un tempo una tranquilla città fatta di case con cortili in gesso e corallo costruite dai commercianti persiani e capanne in foglia di palma, rifugio per pescatori beduini e cercatori di perle. Uscendo fuori dal tracciato degli scintillanti e imponenti grattacieli moderni, è ancora possibile trovare i tesori di questo esotico passato. Osservando questi percorsi di storia e civiltà si viene attirati dal riflesso delle moschee che ancora si dichiarano padrone morali della vecchia e della nuova Dubai. La zona più caratteristica per architettura tipica e tradizione storica è Bastakiy, vicinissima al mare. Qui si trova inoltre la moschea Jumeirah, una tra le poche visitabili anche ai non musulmani. Questo edificio rappresenta un raffinato esempio di architettura islamica moderna, a cui il tramonto regala indimenticabili sfumature di colore. È possibile accedervi solo il giovedì e la domenica alle 10 del mattino, previa autorizzazione e prenotazione in gruppo con guida. È ovviamente richiesto un abbigliamento conforme al costume locale, non audace, con pantaloni lunghi e spalle coperte. Passaggio obbligato se si percorrono le strade della città vecchia, Bastakiya è la fortezza al-Fahidi, costruita alla fine del 1700 a protezione della città. Al suo interno troviamo, come custodita in uno scrigno, il Museo di Dubai le cui sale testimoniano la vita e le abitudini della popolazione locale nel corso della storia. Si trovano anche ambienti con ricostruzioni di mercati, moschee ed abitazioni delle epoche passate.

A partire da (e anche grazie a) questo capolavoro di architettura moderna, la città è un vero e proprio baluardo internazionale dello shopping e dello svago. Lo stesso concetto di “centro commerciale” in questa città si differenzia dal nostro almeno quanto il concetto di lusso. Il centro commerciale qui infatti non è solo un luogo dove si compra ma dove si possono anche fare attività di ogni tipo e trovare ciò che in Europa non ci sogneremmo neanche di cercare in un banale supermercato. Di fatto questi centri sono sorti per essere le principali attrazioni del turismo di massa. Negli ultimi venti anni a Dubai sono sorti centri commerciali come un tempo si edificavano cattedrali; non solo per un ruolo funzionale ed economico ma anche per ratificare davanti agli occhi del mondo una crescente e indiscussa ricchezza. All’interno delle sue catene di alberghi e nei centri commerciali è possibile praticare le attività sportive che caratterizzano i principali vezzi della città. Ma queste immense scenografie, come in un faraonico teatro dell’assurdo, nascondono gli aspetti della città più modesti, piccoli, semplici. Affascinanti. E si ha l’impressione che questi mastodontici colossi post-moderni siano posti per voler fare ombra, proteggere e tutelare gli anfratti più delicati di una città che ha anche molta storia da offrire.

10

A fare da arbitro nella lotta tra l’antico e il nuovo dei quartieri di Dubai, l’omonimo fiume (Dubai Creek), navigando il quale si può giungere al Mall of the Emirates, il più grande centro commerciale del Medio Oriente con i suoi 600 mq, che comunque verrà ben presto superato dal Mall of Arabia, attualmente in costruzione. All’interno del Mall, in maniera conforme alla “filosofia” dei centri commerciali a Dubai, non ci sono solo negozi delle più importanti firme del mondo, ma anche parchi a tema come il Children City, Magic Planet e Encounter Zone e molto altro per il divertimento di adulti, bambini, amanti del 3D e dei videogiochi. Qui si può inoltre trovare e una delle piste da sci al coperto più grandi del pianeta. Singolare se si pensa alla temperatura media annua! Il metodo più divertente ed economico per navigare il Creek è con il water taxi, piccole imbarcazioni di legno che collegano le varie stazioni fluviali. Tramite essi è possibile arrivare ai souk dell’oro nel quartiere Deira. I souk sono dei caratteristici negozi locali. Il Souk Madinat ne è una ricostruzione di come erano nella tradizione più antica. I souk specializzati in vendita dell’oro sono quanto di più affine alla tradizione commerciale del luogo dal momento che la lavorazione di questo materiale ha qui origini antiche. I monili che si ammirano in queste vetrine hanno un colore particolare e intenso, che gli dona quel tocco in più di pregiatezza ed esoticità.


viaggi Tra i punti critici di questo posto, oltre ad un clima difficile da sopportare se non si è nel periodo che va da Ottobre a metà Aprile, c’è l’impossibilità di trovare una connessione internet disponibile. Gli internet point sono rari, molte zone wi-fi nei luoghi pubblici sono a pagamento, con tessere molto complicate da usare e non riusabili. È difficile spostarsi se non in auto, perché le distanze sono davvero grandi e i mezzi pubblici esigui. Sconsigliati gli spostamenti a piedi da una zona all’altra della città anche per gli amanti delle passeggiate epiche. Ma non saranno certo queste inezie a togliere l’entusiasmo al viaggiatore. D’altronde a Dubai, se si viene per rilassarsi e non per lavoro, leggere la posta sarà l’ultima delle preoccupazioni, ed è il caso di farsi cullare dall’amore di questa città per il lusso e farsi traghettare nell’illusione di essere Sceicco per una (o per mille e una) notte.

Read&fly

Golosità di Dubai. Tra alberghi e centri commerciali ma anche lungo i viali della città è possibile trovare un’ampissima gamma di ristoranti locali (oltre che di fast food, café, sale da tè). Sarebbe un peccato non farsi tentare dal gusto esotico dei piatti tipici mediorientali. Dalle regioni adiacenti provengono gli squisiti tagine, piatto marocchino nelle caratteristiche scodelle colorate, i mezze libanesi dal Libano o gli spiedini persiani. Tra le tante specialità locali invece spiccano i Foul mesdames, fagioli scuri cucinati a fuoco lento con aglio. Questo piatto è spesso presente nei buffet della colazione. Consigliamo anche l’ Hummus, una delicata crema di ceci e semi di sesamo. Il Tabbouleh, (grano essiccato, menta e prezzemolo tritati), il Moutabal (una purea di melanzane arrostite) e la tahina (crema ottenuta dal sesamo tostato), sottolineano come i piatti della dieta locale siano leggeri, saporiti e adatti anche a vegetariani e vegani. Per assaggiare della buona carne invece si consiglia la scelta dei Wara enab, involtini di foglie di vite farciti di riso e carne macinata. I più golosi saranno soddisfatti da dolci squisiti come l’Esh asaraya o ekmek kadayif (pane del palazzo), pane dorato imbevuto di miele e sciroppo, sormontato da panna montata e granella di pistacchi e il Muhallabia, un budino di latte fatto con acqua di rose e cosparso di pistacchi. B’saura! (buon appetito).

11


Read&fly

viaggi

©Subbotina Anna / Shutterstock.com

Arabian nights in Dubai It’s easy to visit Dubai and remain breathless. This is not just because of the hot weather. In March, the average temperature is about 25° C and during the year it rarely drops below 15° C. The multifaceted city is located in the South of the Persian Gulf in the Arabian Peninsula and it is one of the seven countries in the United Arab Emirates. It is one of the countries in the world where the real estate market is still buoyant and because of this it attracts the world’s best architects and engineers. The local economic strategies have focused on tourism services and on largescale constructions, so Dubai is to become one of the greatest urban development cities in the world. And yet the self-evident town planning treasures are not the reason of your breathlessness. So what makes this “desert flower” irresistible? Let’s try to outline the reasons why visitors don’t forget this place... If we looked at the city from an aerial view, as if it were a beautiful landscape picture, the dichotomies and color contrasts would be the major factor. The city is able to offer a convoluted (o twisted) and fascinating mix of modernity and antiquity, of Islamic culture and luxury shopping centers and hotels, of dream beaches and chaotic downtown. The city leader’s audacity is unknown in our Europe, a creature of the spasmodic protection of the territory. Have we run out of coasts for building new hotels? Then what about creating artificial islands with a new 120-kms’ coastline? Whoever isn’t used to all this architecture, at first glance, may not appreciate it. Like any good painting, Dubai should be analyzed by and large, then in detail and then, again, by and large. Dubai is especially known to mass tourism for its hotels and numerous shopping centers localized in the urban area, especially along the coast. Among the luxury commercial buildings, one of the most famous is the hotel chain Jumeirah which the famous Burj al-Arab (Arab Tower) is part of, a sail-shaped luxury hotel that rises above an artificial island in the sea. It was built between 1994 and 1999 and it is the second tallest hotel in the world (the first is the Rose Tower, also in Dubai, 12 meters higher). Its interior is more stunning than the outdoor visual impact and its suites are not large less than 170 sq meters and prices do not fall below 600 euros a night (they reach 10.000 euros a night). Prohibitive is hardly the word (unless you’re Naomi Campbell, and you book 90 suites to celebrate your birthday as she did in 2006).www.jumeirah.com From, and also thanks to this modern architectural masterpiece, the city is an out-and-out international bulwark for shopping and entertainment. The concept itself of “shopping mall” in this city is different from ours at least as far as the concept of luxury. In fact, here the shopping mall is not only a place where you can buy something, but where you can also make many different activities and find what in Europe we would not even dream to seek in an ordinary supermarket. Point is that these centers have risen for being the main attractions for mass tourism. In the last twenty years, in Dubai a great number of commercial malls have risen as once cathedrals used to; not only has this happened for a functional and economic role but also to ratify an increasing and undisputed wealth in front of the world’s eyes. Inside these hotel chains and in commercial malls you can practice sport activities that characterize the main charms of the city. Like in a pharaonic theater of the absurd, these immense stages

12


viaggi

conceal the most humble, smallest and simplest aspects of the city. Fascinating. And one gets the impression that these colossal post-modern giants are placed to want to shade, protect and preserve the most delicate recesses of a city that also has a rich history to offer. Once, Dubai was a quiet city with houses made of coral and gypsum courtyard built by Persian merchants and palm-leaf huts, refuges for Bedouins fishermen and pearl seekers. Getting out of the path of glittering and impressive modern skyscrapers, you can still find the treasures of this exotic past. Observing these paths of history and civilization, the attention is caught by the reflection of the mosques which still declare themselves moral keeper of the old and the new Dubai. Very close to the sea is Bastakiy, the most characteristic neighborhood for its typical architecture and historic tradition. There you could see the Jumeirah Mosque, one of the few open to non-Muslims that can also visit it. This building is a fine example of modern Islamic architecture, in which the sunset offers unforgettable shades of color. It can be visited only on Thursday and Sunday, and only at 10.00 in the morning with the authorization and reservation in a guided group tour. Obviously, they require clothes complying with the local customs, not provocative, long pants and covered shoulders. Bastakiya, Al-Fahidi fort, is an obliged passage if going through the old town streets. It was built at the end of 1700 to protect the city. As preserved in a casket, inside we find the Dubai Museum whose chambers testify life and habits of the local population in the course of history. There are also chambers with reconstructed environments with markets, mosques and homes of the past age. The homonymous river (Dubai Creek) acts as mediator in the struggle between the old and the new in Dubai neighborhoods. Sailing this river, you can reach the Mall of the Emirates, the largest shopping mall in the Middle East with its 600 sq meters. However it will soon be topped by Mallo of Arabia, cur-

Read&fly

rently under construction. Inside the Mall, in accordance with the Dubai’s shopping malls “philosophy”, there are shops of the most famous brands in the world, and also theme parks such as the Children City, Magic Planet and Encounter Zone and much more for the adults’ fun, children, 3D and video-games lovers. Here there is one of the largest ski slopes in the world. Considering the average annual temperature it’s pretty peculiar, isn’t it? The Creek is sailed in a funny and cheap way with water taxis, small wooden boats that connect the various river stations. By them you can get to the gold souk in the Deira district. The souk are characteristic local shops. The Souk Madinat is a reconstruction of the way they were in the ancient tradition. The souk specialized in gold sale are typical of the local commercial tradition since the processing of this materials has ancient origins in this place. In their windows you can admire jewelries with a particular and intense color, which gives them an extra special touch of quality and exoticism. Among the critical points of this place, besides a climate difficult to stand if you’re not in the time of the year from October to mid-April, there’s the impossibility to find an available internet connection. The internet point are rare, many wi-fi areas in public places are fee-paying, with card difficult to use and not reusable. Only by car is it easy to move, because distances are very big and public transportation is poor. Walking from one area of the city to another is not recommended even for those who are fund of huge walks. But these trifles won’t certainly turn down the traveler’s enthusiasm. On the other hand if you are in Dubai to relax and not for work, read the mail will be the least of your concerns. Being rocked by the love of this city for the luxury and surrendering to the illusion of being Sheikh for one (or for a thousand and one) Arabian nights in Dubai.

...and

on top of that... Dubai treats.

Among hotels and shopping malls and also along the avenues of Dubai city, you can find a huge range of local restaurants (in addition to fast food restaurants, cafe, tea-rooms). It would be a shame not to taste the exotic Middle-Eastern typical dishes. From closed regions the delicious tagines come, moroccan dish features in colorful bowls, the lebanese mezze from Lebanon or Persian kebabs. Among the many local specialties stand out the Foul mesdames, brown beans cooked with garlic on a low flame. This dish is often present in the breakfast buffet. We also recommend the Hummus, a delicate cream of chickpeas and sesame seeds. The Tabbouleh, (dried wheat, chopped mint and parsley), the Moutabal (a roasted aubergines puree) and Tahina (cream obtained from toasted sesame) highlight the flavour and lightness of the local dishes. They are also suitable for vegetarians and vegans. For tasting good meat, we recommend the Wara enab, stuffed vine leaves with rice and ground beef. If you have a sweet tooth there are delicious desserts such as Esh asaraya orekmek kadayif (palce bread), golden bread soaked in honey and syrup, whipped cream and chopped pistachios covered, and Muhallabia, a milk pudding made with rose water and sprinkled with pistachios. B the saura! (enjoy your meal!).

13


Read&fly

gastronomia

A tutto ginger di R. Turo Con il suo profumo intenso e penetrante, lo zenzero, originario dell’India e dei paesi del sudest asiatico, è tra le spezie più utilizzate al mondo.

Conosciuto da millenni come elisir di lunga vita e giovinezza, questo rizoma rappresenta ancora oggi nelle culture orientali, il fascino e l’intraprendenza. Per la medicina ayurvedica è considerato un rimedio universale e, per la medicina cinese, è un importante tonico yang, che stimola il calore e l’energia della vitalità e del fuoco. Le sue proprietà afrodisiache, note agli aztechi e agli antichi romani, furono testimoniate anche durante il Rinascimento dalla Scuola Medica Salernitana che prescriveva “Mangia zenzero e amerai e sarai amato come in gioventù”. Così anche per la tradizione araba questo rizoma veniva utilizzato negli harem per risvegliare il desiderio maschile e accendere i sensi femminili. Nei paesi occidentali lo zenzero è riconosciuto quale toccasana per capelli, pelle, gola, stomaco e intestino. 14

Privo di grassi e ricco di magnesio, potassio, rame, manganese e vitamina B6 e C, è efficace contro il mal d’auto, la nausea della gravidanza e i reumatismi. Inoltre combatte febbre e raffreddore, mal di testa, gastrite, ulcera ed è un ottimo ricostituente. Recenti studi hanno dimostrato, oltre alle già citate proprietà benefiche, anche il suo potere antiossidante e di antibiotico naturale. Fresco da grattugiare o secco in polvere, lo zenzero non è solo utilizzato in erboristeria, ma assapora e aromatizza anche molti piatti in tavola e alcune bibite, come il famoso soft-drink ‘gingerino’. Base del curry, il ginger ha molteplici declinazioni culinarie. E’ ottimo in infusi digestivi, corroboranti e stimolanti, ed è da provare grattugiato fresco nella pasta con aglio e olio al posto del peperoncino, o come condimento per insalate, zuppe o carne e confetture. Macerando la radice di zenzero in


gastronomia

acqua per 2 ore, si ottiene un’ottima bevanda da servire fredda con limone, zucchero e menta. E’ consigliato anche spolverizzato fresco sul purè di patate, con riso basmati e semi di sesamo (per un gusto più orientale) e sulle mele al forno. Unito a metà cottura ai ceci e alle lenticchie ne favorisce la digeribilità e ne esalta il sapore. Il ginger è da evitare invece nei cibi molto salati, come acciughe e insaccati..perchè questi contrastano con il suo aroma. Lo zenzero è preferibile fresco perché l’aroma di quello in polvere tende a svanire più velocemente; si consiglia di conservare la radice in un cesto pieno di mele per meglio mantenerlo. I più intraprendenti possono conservarlo in sabbia pulita, come fanno i tailandesi e i vietnamiti. Nei paesi nordici viene utilizzato per la preparazione di birre o di dolci come il profumato pan di zenzero. Questo pane speziato, tipico dei paesi nordici è a forma di omini e decora l’albero di Natale durante le feste. Al di là dei suoi antichi e moderni utilizzi culinari e salutistici, questa spezia, con il suo aroma dalle note

Read&fly

agrumate di limone, richiama alla mente brio e vivacità. Proprio per questo motivo il suo nome è stato scelto da personaggi famosi di grande fascino come l’attrice e ballerina, Ginger Rogers. Recentemente è stato attribuito alla più provocante delle Spice Girls: Ginger Spice. Ha ispirato inoltre anche alcuni libri come “Il gusto proibito dello zenzero” di Jamie Ford, e film come quello del regista Tassos Boulmetis “Un tocco di zenzero” e anche canzoni come quella del 2004 di Elio e le storie tese “Natale allo zenzero”. E perché non ricordare la casetta in pan di zenzero di Hansel e Gretel? Questo mese le nostre ricette sono dedicate proprio all’antica e affascinante radice dal sapore leggermente pungente e dal colore del sole.. giallo, come giallo è il sole della primavera che è alle porte. Lasciamoci dunque conquistare dal sapore dello zenzero e dal suo profumo penetrante per farci trovare dalla nuova stagione pieni di grinta ed energia. E allora? …a tutto ginger!

15


Read&fly

gastronomia

iofi Trofie gamberetti carc e zenzero Ingredienti

do lce

Tiramisù con zenzero

e pere

Ingredienti:

- 4 pere, - 120 gr di zucchero,  - 50 gr di miele, iardi,  - una confezione di savo , - 300 gr di mascarpone - zenzero fresco, - 2 arance, 1 limone - ½ bicchiere di vino - 1 bicchiere di acqua (facoltativo) - 1 bicchierino di brandy pere (facoltativo) di - 1 bicchierino di nettare

Preparazione

16

le a tocchetti, e fatele do an gli ta , re pe le te Sbuccia iere ntolino con mezzo bicch cuocere coperte in un pe vino, il miele e 2 fettine e di di acqua, mezzo bicchier a fiamma bassa per re di zenzero. Fate anda le pere son morbide e il do an qu circa 10 minuti, poi nete (ma non disfatto) speg o composto amalgamato e conservate il liquid re pe le te ola sc a, mm di la fia t’ultimo mezzo bicchiere di cottura. Unite a ques ia e del limone, riportate nc acqua, le scorze dell’ara lasciate raffreddare. A ti e ad ebollizione per 5 minu montando i tuorli con lo a parte preparate la crem quando saranno spumosi oa zucchero, sbattendoli fin giungete il mascarpone , ag e, al composto ottenuto ero fresco grattugiato, zenz e 2 cm abbondanti di tto. amalgamando bene il tu ttura delle pere ormai co Prendete il liquido della orze e unite il succo delle sc raffreddato, eliminate le Se desiderate aggiungete i. arance e del limone filtrat o del brandy. e/ un po’ di nettare di pera uido e disponeteli sul liq l ne di iar vo sa i e di Bagnat ponete sopra uno strato fondo della pirofila, dis ciolate, un altro strato di oc crema, poi le pere ben sg ro strato abbondante di alt savoiardi inzuppati e un o in polvere o con scaglie ca ca n crema. Decorate co ccolato bianco. di cacao fondente e/o cio

- 400 gr di trofie - 4 o 5 carciofi - 2 scalogni ) (freschi o code surgelate - 300 gr di gamberetti - 1 spicchio d’aglio - zenzero fresco o bianco sale, pepe - mezzo bicchiere di vin - olio

Preparazione

le foglie più esterne e la o nd na mi eli i, iof rc ca i e Pulit per eteli in acqua e farina peluria interna e immerg da parte anche i gambi re non farli annerire. Tene gliandoli a rondelle sottili. ta più teneri, sbucciandoli e ine e fateli imbiondire in fett Tagliate gli scalogni a to e l’aglio per qualche minu una padella con l’olio e iofi. Dopo qualche minuto rc aggiungete i gambi dei ca ttine ed insaporite con fe a unite i carciofi tagliati zenzero a rondelle. Fate di sale, pepe e 3 fettine ca a tegame coperto per cir cuocere a fuoco medio io. ar ss un po’ d’acqua se nece e do en tt me ti, nu mi 5 -1 10 ti ti (se freschi sguscia Aggiungete i gamberet zate le code surgelate utiliz n ben lavati, mentre se scongelare), sfumate co aggiungerle senza farle chè i gameberetti non e fin il vino bianco e cucinat nte e salata lessate la lle bo di siano cotti. In acqua rte un po’ di liquido pa da do en nd te a st pa ltare in padella con il sa la te fa e la te ola Sc cottura. ero ante spolverata di zenz nd bo ’ab un e to en im nd co un necessario aggiungendo fresco grattugiato e se ttare irrorando con un Impia po’ d’acqua di cottura. filo di olio crudo.

salato


gastronomia

Read&fly

GREEN COOKING Avreste mai pensato di poter utilizzare per cucinare gli spazi vuoti della vostra lavastoviglie mentre lava i piatti?? Questo nuovo metodo di cucina ecologica nasce proprio dall’idea di sfruttare il vapore che si sviluppa dentro l’elettrodomestico durante il suo funzionamento, realizzando così una vera e propria cottura a vapore. A proporlo è l’eco-food blogger Lisa Casali, impegnata attivamente da tempo nella riduzione degli sprechi e dell’impatto ambientale ai fornelli. Nel suo libro, “Cucinare in lavastoviglie” (stampato rigorosamente su carta riciclata), illustra così come preparare in modo eco-friendly ottimi piatti, con tanto di differenze per i vari programmi di lavaggio prescelti! Ad esempio il lavaggio rapido utilizzato per piatti poco sporchi sarà più indicato per i pesci sfilettati o di ridotte dimensioni, mentre il lavaggio ‘eco’ è particolarmente adatto per la carne. Sicuramente è un insolito modo di cucinare, ma è a costo e a impatto quasi zero perchè sfrutta l’energia prodotta dall’elettrodomestico per lavare i piatti. E’ in tal modo che si ottiene un netto risparmio di gas, di acqua e di grassi aggiunti, altrimenti necessari per preparare le pietanze sui fornelli. E tutto questo non certo a svantaggio del gusto! Proprio come fanno i migliori chef di alta cucina, la cottura avviene infatti a basse e costanti temperature e i cibi riescono in questo modo a mantenere tutto il loro profumo e tutte le caratteristiche organolettiche. Non è certo peraltro una novità che i cibi cotti a vapore sono più digeribili e, conservando intatte le loro proprietà, rimangono più saporiti e gustosi al palato. Basterà utilizzare i barattoli tipici delle conserve o i sacchetti sottovuoto adatti alla cottura tra bicchieri e i piatti sporchi. Unica precauzione richiesta: chiuderli bene ermeticamente e non ci sarà nessuna paura per le contaminazioni dei cibi con il detersivo. Le ripetute analisi svolte in fase di sperimentazione su vari campioni, hanno dimostrato la sicurezza del metodo. Successivamente però per non annullare l’intento della ‘cucina sostenibile’ amica dell’ambiente, i vasetti e i sacchetti non vanno buttati, ma andranno lavati e utilizzati più volte. La cottura in lavastoviglie può essere utilizzata solo per cucinare quei cibi adatti per una cottura a vapore: non va bene ad esempio per cucinare legumi, riso o pasta che richiedono cotture più lunghe e a temperature più alte. Ma non solo Green Cooking… basti pensare anche al tempo risparmiato vicino i fornelli e alla cucina che non si riempirà più di odori. I cibi potranno inoltre rimanere in frigo fino a tre giorni prima di essere serviti. Allora perché non provare a realizzare il pranzo di domani sfruttando il lavoro notturno della vostra lavastoviglie?

17


Read&fly

tendenze

Rosso...spread di R.TURO

… E son sempre le donne che con la loro sensibilità, anche ai tempi dello spread, diventano speranza di ripresa, sicurezza e determinazione per illuminare, con un tocco di colore, le giornate di questa nostra crisi.

Se la recessione degli anni ’30, il boom economico degli anni ’60 e la crisi del petrolio degli anni ’70 sembrano aver dato conferma alla teoria americana “Hemline Theory”, ossia “Teoria dell’orlo”, secondo cui, più la gonna è corta e più l’economia è fiorente, anche il rossetto finisce per diventare un indicatore economico tutto squisitamente femminile. Tutte le case cosmetiche, durante la grande depressione, durante i primi anni della ricostruzione ed anche negli anni ’70, hanno registrato un aumento significativo nelle vendite di rossetto e, in particolare, del rossetto rosso vivo, seguito sempre da quelle di smalto dello stesso colore. E fu proprio durante gli anni ’30 che uno dei fondatori di casa Revlon diede vita ai primi smalti rossi, usando pigmenti al posto delle classiche vernici, colorando con la sensuale gestualità femminile il grigiore della grande depressione. Ma perché colorare solo le unghie e non dare un tocco di eleganza in più anche alle labbra con lo stesso colore rosso? Qualche anno dopo, divenuto simbolo di femminilità e raffinatezza, il coordinato labbra-unghie rosso divenne un successo, rimanendo ancora oggi un dettaglio glam e riproposto frequentemente dalle varie maison cosmetiche. Sopra ogni tempo, il rossetto rosso, nelle sue molteplici sfumature, abbinato ad uno smalto dello stesso colore, dona un look sofisticato, rendendo chic anche gli outfit più semplici. Il rosso fuoco, un sensuale antidoto contro il buio di questi tempi, sembrerebbe dare luce alla vita quotidiana con un tocco di frivola allegria e di calore, elementi che aiutano a rendere le donne più sensuali e sicure di sè. Ne dà conferma lo stesso ex-chairman della Estée Lauder che ha parlato di “Indice lipstick” dopo il triste 11 settembre, vista l’impennata delle vendite di ‘red lipstick’. Il rossetto e lo smalto sono lussi che la donna può sempre concedersi, anche in momenti di difficoltà. Difatti questi piccoli accessori, pur non costando come una borsa di Gucci o

18


come le scarpe di Jimmy Choo, con il loro colore rosso squillante diventano espressione della forza e della grinta femminile che sempre contraddistingue la donna nei momenti di difficoltà. Dal rosso fuoco, al corallo, al rosso mattone, le nuance delle varie case cosmetiche sfilano anticipando il desiderio femminile di riscaldare la vita in un momento di difficoltà e grande incertezza sul futuro. E per chi il rosso proprio non lo ama?? Potrà sempre sostituirlo sulle unghie con un tonalità più tenue e sulle labbra pensare che il rosso pian piano sfumerà in rosa, quel rosa che potrebbe colorare la vita.…

RED...SPREAD … With their sensitivity, in high spread times, women have become the hope of recovery, security and determination and they light up days of crisis with a touch of colour. The 30’s recession, the 60’s economic boom and the 70’s oil crisis, confirm the American ‘ Hemline Theory ‘, which states that the shorter skirts become, the more economy thrives; even lipstick becomes an exquisitely female economic indicator. All cosmetic firms during the first years of reconstruction after the Great Depression, and also in the 70’s, recorded a significant increase in lipstick sales and, particularly, in brightred lipsticks, always followed by the sales of nail polish in the same shade. During the 30’s, one of Revlon’s founders created the first red nail polishes using pigments for the first time, so the Great Depression’s greyness

became colored by sensual femininity. But why not colour even the lips with the same red shade for a more elegance touch? A few years later, the same red shade of lip and nail became the symbol of elegance and femininity and it is still now considered a glamorous detail, presented time and time again by cosmetic companies. Beyond time, dramatically red lipstick (with its various shades), matched with the same color of nail polish, gives a sophisticated look and makes even the simplest outfit become chic. The fiery red is a sensual antidote to the darkness of these times and gives light to daily life with a touch of frivolous fun and warmth; it makes women sexier and more self-confident. These ideas are confirmed by Estée Lauder’s ex-chairman, who spoke of “Lipstick Index” after the September

11th tragedy, seeing red lipsticks sales skyrocket. Lipstick and nail polish are a luxury that women can always afford, even in hard times. In fact, these small accessories, not as expensive as a Gucci bag or Jimmy Choo’ shoes, with their red shiny colour, become an expression of strength and female punch that always characterize woman in hard times. From fiery red to coral to brick red, the shades created by cosmetic firms parade as an anticipation of female desire, warming up life even in difficult times and great uncertainty about the future. And what about women that don’t like red? They may think of replacing it with soft reddish nuances on the nails and, in this way, that red on the lips could slowly become pink, that pink that could paint your life…

19


Read&fly

gastronomia

Rossetti 1) ELIZABETH ARDEN - CERAMIDE ULTRA LIPSTICK - ROUGE Rossetto lussuoso dal colore intenso e brillante e dalla texture morbida e cremosa, garantisce comfort a lunga tenuta. Vero e proprio trattamento di bellezza per le labbra è arricchito da Volulip, una formula che dona volume, e dal triplice complesso alle ceramidi che ristruttura e trattiene l’idratazione. Prezzo consigliato: 28,00 €

20

1)Yves Saint Laurent - LA LAQUE YSL - N.1 ROUGE SUBLIME Smalto per unghie di nuova generazione, a tenuta rafforzata e di eccezionale brillantezza. Il flacone è pratico ed elegante, la laque si stende con grande facilità e si asciuga rapidamente, garantendo unghie belle e protette. Prezzo consigliato: 22,00€ 2) Zoya Nail Polish – Carmen Rosso puro, extra lucido e cremoso. Colore estremo e passionale dalla facile stesura. Appartiene alla nuova generazione di smalti Eco-friendly e cruelty free con innovativa formulazione 4-free. E’ completamente privo di formaldeide, toluene, DBP e canfora, tanto da poter essere anche utilizzato in gravidanza. Si trova nei migliori saloni, SPA ed istituti di bellezza, dove potrete sbizzarrirvi tra le stupende 50 sfumature di rosso. Avrete l’imbarazzo della scelta. Prezzo consigliato: 14,00 €

2)LANCOME – Rouge in Love – n.185 ROUGE VALENTINE Brillante, effetto seconda pelle è il nuovissimo rossetto Lancome dedicato all’amore. Concentrato di colore dalla texture evanescente, grazie alla sua formula, crea un film sottile cattura pigmenti, garantendo idratazione e tenuta per 6 ore. La stessa quantità di rossetto di un lipstick normale è contenuta in una preziosissima confezione più piccola per poter meglio scivolare in borsetta. Prezzo consigliato: 30,00 €

3) COLLISTAR - Smalto Unghie Perfette - n.13 ROSSO FIAMMA Formula con vitamine A ed E per rafforzare le unghie, ultra-resistente dall’applicazione precisa grazie allo speciale pennello che consente di modulare il colore. Asciuga rapidamente ed è coprente già dalla prima passata. Prezzo consigliato: 12,50 €

3) CLARINS - JOLI ROUGE CLARINS - N.716 CLARINS RED Tenuta impeccabile e confortevole, colore intenso a lunga durata. Il suo complesso MaxiLip© ridensifica, ripara e leviga stimolando la sintesi del collagene, mentre il burro di mango ammorbidisce e protegge. Giorno dopo giorno le labbra diventano morbide, levigate e rimpolpate. Leggera profumazione di ribes e liquirizia. Prezzo consigliato: 21,00 €

4) ORLY - EMBERSTONE Rosso aranciato dai metallici bagliori luccicanti dorati e color porpora. Appartiene alla collezione Mineral FX, che oltre ad essere 3-free (senza DBP, formaldeide e toulene), è arricchita di un ricco complesso minerale fortificante. E’ di facile applicazione grazie al pluripremiato tappo e al suo pennello che garantisce ottima precisione nella stesura. Prezzo consigliato 16,00 €

4) SHISEIDO - Shimmering Rouge - RD718 SUGARPLUM Rosso tenue tendente al grigio dai caldi tocchi ramati per la nuova collezione P/E Make-up Shiseido. Adatto a chi non ama il rosso vivace, ma ama un colore che si fonde sulle labbra, esaltandone il volume. Applicazione scorrevole per labbra idratate dal risultato impeccabile. Prezzo consigliato: 27,00 €

5) MAVALA – VERTICO RED 173 MINICOLOUR Rosso perla tendente al bordeaux per la collezione Paradoxe di Mavala. Tonalità glamour e smalto di lunga durata, lucido e dalla facile rimozione per unghie sane e curate. Comodissimo flacone da 5 ml per evitare sprechi, per portare in viaggio e per poter provare tanti diverse tonalità. Prezzo consigliato: 5,90 €

5) L’Oréal Paris - ORO COLOR RICHE N.382 RIFLESSI DORATI Rossetto che impreziosisce le labbra di bagliori dorati e di pura lucentezza per l’aggiunta di madreperla “Topy Gold” . Il colore diventa preziosamente intenso, brillante e a lunga tenuta. Formula ricca di Omega3 e Vitamina E, antiradicali liberi per una bocca morbida, idratata e protetta a lungo Prezzo consigliato: 16,20€

smalti


Read&fly

21


Read&fly

gastronomia phototrip

Camminare per le vie di questa città è

respirare il profumo di un passato lontano in cui si sente l’orgoglio romano, la gloria scaligera, l’eleganza veneziana e la fierezza austriaca. Verona, situata allo sbocco della valle dell’Adige ai piedi dei monti Lessini, fu fiorente colonia dell’impero romano, la cui importanza è testimoniata dai tanti monumenti d’epoca. Ebbe notevole incremento quando fu sede della Signoria degli Scaligeri che ne fece uno dei più potenti e splendidi centri italiani del tempo. Agli inizi del ‘400 passò sotto il dominio di Venezia, a cui fu sempre fedele fino al 1796. Durante questo tempo Verona visse un lungo periodo di pace e di floridezza economica e culturale. Successivamente fu occupata dai francesi e dagli austriaci finchè, nel 1866, fu unita al nuovo Regno d’Italia. Pur integrando gli elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti in 2.000 anni, la città si è sviluppata in una struttura urbana e architettonica tale da permetterle di diventare patrimonio dell’UNESCO. Vivace intellettualmente, Verona è una città ricca di appuntamenti culturali, quali il Festival Lirico Areniano, l’estate teatrale veronese, le varie rappresentazioni del festival Shakespeariano, la Fiera cavallo e da qualche anno il Palio del drappo verde, la cui istituzione risale circa a 800 anni fa. La sua attività economica è prospera, grazie alla fiorente agricoltura, alle varie industrie, ai mercati ortofrutticoli e alle diverse fiere, tra cui ricordiamo il famoso evento internazionale del Vinitaly.

Deliziosa Verona! Con i suoi bei palazzi e l’incantevole campagna… Charles Dickens 22


phototrip

Read&fly

Verona

PHOTOTRIP a

Un viaggio fotografico attraverso la cittĂ scaligera di R.TURO

Seguiteci nel nostro servizio fotografico e scoprirete che Verona incanta non solo per la storia d’amore di Giulietta e Romeo, ma anche per la sua animazione cittadina, per la sua Arena, per tutti i suoi tesori artistici, per il maestoso Adige e per le colline che le fanno da sfondo.

23


Read&fly

gastronomia phototrip

A far da quinta all’amatissimo ritrovo di Piazza Bra, c’è l’anfiteatro romano meglio conosciuto al mondo come l’ARENA, simbolo della città. Eretta in eta’ flavia (I sec. d.C.) e’ il segno evidente dell’importanza di Verona durante il periodo romano ed è il terzo anfiteatro antico per dimensioni dopo il Colosseo e l’anfiteatro di Capua. Il suo nome deriva dal toponimo latino perché la platea era originariamente ricoperta di sabbia, per coprire il sangue dei combattenti. Nel tempo ha accolto lotte di gladiatori, tornei, giostre equestri, balletti e duelli. Nel 1913 l’Aida di Verdi inaugurò, proprio durante il centenario della nascita del musicista, la più prestigiosa stagione lirica all’aperto del mondo, che ancora oggi richiama i turisti. La sua particolare forma ellittica favorisce un’acustica perfetta: la musica, la voce dei cantanti d’opera si propagano perfettamente all’interno.

PONTE PETRA Immagine notturna dell’imponente ponte pietra sull’Adige, il più antico monumento romano presente a Verona. Purtroppo l’originale struttura fu distrutta dalla furia del fiume e da quella dei nazisti durante la guerra mondiale. L’ultima ricostruzione è stata fatta raccogliendo e recuperando le pietre stesse cadute nel fiume. Il ponte durante la sera diventa particolarmente suggestivo grazie all’accurata illuminazione e al silenzio che si alterna alla risacca dell’acqua, diventando così uno dei luoghi più romantici e frequentato dagli innamorati della città.

24


phototrip

Read&fly

Piazza Bra che, con il suo marciapiede in pietra rosa del ‘700, detto Liston, è sempre affollata da turisti e veronesi. Centro del quotidiano passeggio cittadino, è qui che si fa salotto e si scambiano le ultime ‘ciacole’ tra numerosi bar e ristoranti. Non lontano da qui troviamo via Mazzini, la via dello shopping per eccellenza perché ospita eleganti negozi delle maggiori griffe italiane ed internazionali.

Nella foto sotto: il particolare dell’Arena di Verona detto l’Ala. Solo 4 arcate a tre ordini in pietra bianca e rosa è quello che oggi resta della cinta esterna dopo i terremoti del 1117 e del 1183.

25


Read&fly

phototrip gastronomia

CASTELVECCHIO Proseguendo da Piazza Bra su via Roma, troviamo l’Adige, che con la sua maestosa presenza, avvolge Verona in un duplice abbraccio, donandole un’aria romantica e affascinante. Ed è proprio lungo il fiume che si protende Castelvecchio, fortezza fiabesca tutta merlata di torri e torrette, residenza di Cangrande della Scala. In parte distrutto durante la seconda guerra mondiale, dopo un lungo restauro è diventato sede del Museo Civico e ospita opere di artisti celeberrimi quali Tiziano, Rubens, e altri. Il castello ha una propaggine nel pittoresco Ponte Scaligero sull’Adige che rappresenta un magnifico esempio di ingegneria militare trecentesca con le sue tre arcate fortificate e la merlatura ghibellina.

Percorrendo Corso Cavour, una delle più belle vie cittadine fiancheggiate da nobili palazzi, raggiungiamo Piazza delle Erbe. Antico Foro romano, questa piazza è da sempre il vero centro storico e commerciale della città. Ricca di diversi elementi architettonici e circondata da torri e antichi palazzi di epoche diverse, è sede di un pittoresco e colorato mercato che si svolge ogni giorno sin dal lontano medioevo. Tra i caratteristici ombrelloni delle bancarelle, che vendono verdura e frutta, souvenir ed altri prodotti, spicca la fontana di Madonna Verona. Qui pare venissero buttati i rei di bestemmia fino a quando non dichiaravano il loro pentimento. Dettaglio di Piazza delle Erbe: ARCO DELLA COSTA. Il quattrocentesco Arco della Costa unisce Piazza delle Erbe a Piazza dei Signori. Sotto l’arco è appesa una costola ricurva che ha dato il nome allo stesso arco. Secondo la tradizione l’osso sarebbe quello di un antico drago, in realtà si tratta di una costola di balena.

26

In fondo alla piazza, posto sulla Colonna di San Marco, c’è il Leone Marciano. Simbolo della Serenissima Repubblica, ricorda il florido dominio di Venezia sulla città durato ben quattro secoli.


phototrip

Read&fly

Nella foto: a sinistra Piazza Erbe, a destra Piazza dei Signori

La popolare Piazza delle Erbe confina con l’elegante Piazza dei Signori. Armoniosa e aristocratica, questa piazza è il vero salotto della città, dove si trova l’antica reggia degli Scaligeri e la Loggia del Consiglio, leggiadra creazione del primo Rinascimento veneto. Al centro della piazza si erge solenne la statua di Dante per ricordare la presenza del sommo poeta a Verona, durante il suo esilio. Per questo motivo Piazza de Signori viene anche chiamata Piazza Dante. Nel periodo intorno alla giornata di San Valentino, si tiene Verona in Love, evento dedicato all’amore con un ricco calendario di manifestazioni: tutte le strade del centro si tingono di rosa con addobbi di cuori rossi. Piazza dei Signori ospita per l’occasione uno scenografico e grande cuore con intorno stand di vendita e degustazione di prodotti tipici. Vicino la Loggia del Consiglio, c’è un arco sovrastato dalla statua di Fracastoro, famoso medico del ‘500. Questi regge tra le mani una sfera che rappresenta il mondo, ribattezzata dai veronesi ‘la bala de Fracastoro’. Per la tradizione la statua farà cadere ‘la bala’ su una persona onesta che passerà. Attenzione se passate da queste parti… non si sa mai!

Dettaglio di Piazza dei Signori: Scala della Ragione

27


Read&fly

phototrip gastronomia

Non c’è mondo per me…aldilà delle mura di Verona… bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo. W. Shakespeare, Giulietta e Romeo.

Molti conoscono Verona come città degli innamorati, in cui Shakespeare ambientò il più famoso dramma romantico, GIULIETTA E ROMEO, ispirandosi ad un’antica leggenda. Vera o non vera, questa storia di amanti probabilmente mai esistiti, non finisce mai di suggestionare. Chi si reca in questa città non può non sognare, immaginando questi due innamorati che lottano per il loro tormentato amore. Nei pressi dell’elegante Piazza dei Signori, in via Cappello c’è proprio la casa di Giulietta. Nel cortile di questo edificio duecentesco è stato ricostruito il famoso balcone da cui Giulietta si affacciava, scambiando con Romeo promesse d’amore. Son ben oltre un milione i turisti che qui si radunano, assecondando la tradizione di sfiorare il seno destro della statua di Giulietta per propiziarsi una vita feconda e fortunata in amore. Le pareti del cortile sono completamente piene di scritte, graffiti e bigliettini incollati dagli innamorati che desiderano lasciare così incisi i loro nomi nei luoghi dell’amore eterno. Dal cortile della casa di Giulietta, tramite una scalinata, si accede alla Terrazza degli Innamorati, che fa parte dell’edificio storico del Teatro Stabile di Verona. In questo luogo romantico chi vuole che il proprio amore rimanga impresso per l’eternità, può far incidere un messaggio su una delle 60.000 Lovestone di marmo veronese presenti sul pavimento della Terrazza.

28

Spicca nella foto il bel Duomo di Verona con il suo alto campanile e l’armonica facciata romantica, Eretto su una basilica paleocristiana, di cui conserva resti di mosaici pavimentali romani, conserva all’interno opere di grande pregio tra cui il bellissimo quadro dell’Assunta dipinto dal Tiziano. Poco distante vediamo San Giorgio in Braida che, con la possente cupola del Sammicheli, domina l’ansa dell’Adige. L’interno è adorno di pregevoli dipinti tra cui lo stupendo quadro del ‘Martirio di San Giorgio’, capolavoro di Paolo Caliari, detto il Veronese. Quasi a proteggere le due chiese, sorge sulla collina alle spalle il santuario della Madonna di Lourdes, che si raggiunge seguendo la strada panoramica di viale dei Colli. Da qui si può godere di un magnifico panorama della città.


Read&fly

Corona Hotel E Restaurant QualitĂ ed esperienza! Ristorante - Pizzeria con giardino e ampio parcheggio interno Via Felice Cavallotti, 72 20093 Cologno Monzese (MI) TEL 02.27395534 FAX 02.2535533 email: info@hotelcoronacologno.it www.hotelcoronacologno.it

29


Read&fly

CURIOSITA’ gastronomia

Golosità veronesi:

la Millefoglie Strachin

O ltre al celeberrimo Pandoro, vi è un altro dolce

che non si può assolutamente perdere quando si visita la città di Verona: la Millefoglie Strachin della pasticceria Perbellini. L’inimitabile dolce di Perbellini è farcito di “Crema Strachin”, ma non bisogna confondersi: di formaggio stracchino non ve n’è traccia. Questo dolce è stato inventato negli anni 50’ da Ernesto Perbellini in persona, ed è ormai divenuto un’istituzione in città, che addirittura merita una visita dedicata presso il negozio di Bovolone o di Isola Rizza, per portarsene a casa una fetta. Meglio ancora sarebbe mangiarla subito: viene sfornata una nuova forma di Millefoglie ogni mezz’ora e deve essere mangiata in tempi record per assaporarne appieno la consistenza leggera e spumosa. Perché poi, pian piano, la crema inizia ad afflosciarsi, o, per meglio dire usando il dialetto veneto: “la se straca”, si stanca, termine da cui deriva il nome

di V.Gorla

“Strachin”. La particolarità di questa crema è l’assenza di panna o mascarpone, per questo è molto più spumosa e leggera delle classiche farce della torta millefoglie. Tuttavia la ricetta di questa crema è segretissima e custodita con estrema cura dalla famiglia. Basti pensare che la crema del dolce servito in ristorante viene cucinata al momento dell’ordinazione del cliente al tavolo, mentre si tira la sfoglia e la si pone a cuocere in forno, l’addetto alla pasticceria monta la crema. Il segreto della crema, proviene da un mitico e anonimo vasetto contenente una sorta di “polvere magica” i cui ingredienti sono nascosti ai più: il contenitore è totalmente anonimo e viene riempito alla bisogna in orari non accessibili ai dipendenti generici della pasticceria, quindi nessuno al di fuori dei Perbellini sa cosa contiene. Non resta dunque che assaggiarla!

Millefoglie Strachin cake - Here you can find the famous and delicious Pandoro, of course, but it seems that the city of Verona has another wonderful dessert you must taste if you come to town: the Millefoglie Strachin of Perbellini’s bakery. This unique dessert is essentially made with “Strachin Cream”, but has nothing to share with the Italian famous stracchino cheese. The Millefoglie was created by Ernesto Perbellin himself in the fifties, and now is one of the most famous desserts in town, it deserves an exclusive trip to town. The best way to taste a slice of Millefoglie Strachin is to eat it immediately, right in the bakery: in this way you can fully taste the delicious texture; shortly after the baking process, in fact, the cream starts to flow, to become straca, as the name suggests. This cream is made with no sour cream or mascarpone cheese, so is always soft and light. The recipe is a total secret, strictly preserved by Perbellini family. The dessert served in the restaurant is backed right at the moment of the order at the table; and, in the bakery, the secret of the cream is preserved in an anonymous jar, whose ingredients are refilled exclusively by a member of the family, far from curious eyes. The only thing left to say is: taste it as soon as possible!

30


curiosità

L’ITALIA...

come uno stivale (da sci)

Nel

Read&fly

di S.Barbante

Paese del sole e del mare, sappiamo decisamente cosa farcene anche della neve, soprattutto in un inverno che ha saputo distribuire la sua dose di gelo naturale un po’ su tutta la penisola. Partendo da Nord sino al profondo Sud, non c’è che l’imbarazzo della scelta tra le mete sciistiche. Ne selezioniamo alcune tra le più in voga quest’anno per un velocissimo viaggio tra le vette innevate. Partendo dal Trentino passiamo da Madonna di Campiglio, località storica dello sci italiano. Situata a 1522 metri di altezza, fra le Dolomiti del Brenta e il gruppo dell’Adamello, annovera piste amate dagli habitué come la celebre 3-Tre nella quale vengono disputate gare di slalom speciale della Coppa del Mondo di sci alpino. APT: tel 0465 447501 - www.campiglio.to Interessanti offerte anche nella rinomata località sciistica di Sestriere (Torino). Sul sito del comune www.comune. sestriere.to.it è possibile scaricare offerte decisamente vantaggiose (skipass e 4 notti in hotel a partire da 228 euro). Un’occasione da non perdere, se si considera l’efficienza e bellezza delle strutture ricettive, le 214 piste di discesa e i 23 km di piste di fondo. APT: tel 0122 89202 Al confine tra Trentino e Lombardia troviamo invece il Passo del Tonale (BS), valico alpino che mette in comunicazione la Val di Sole con l’Alta Valle Camonica. 100 km di piste servite da veloci e moderni impianti di risalita offrono la possibilità di sciare quasi tutto l’anno ai piedi del ghiacciaio Presena. Le oltre 20 piste di discesa sono servite da 18 impianti di risalita. Per gli esperti di arte dello sci, la Nera del Paradiso è l’irrinunciabile pista nera più famosa delle Alpi. APT: Tel. 0364 92097 www.passotonale.it Anche il Centro Italia vanta località sciistiche di pregio, come Comprensorio del Cimone (MO), il più vasto dell’Emilia Romagna. Sestola, Fanano, Riolunato e Montecreto sono il miglior punto di partenza per gli impianti che portano alle vette di Monte Cimone e Cimoncino, rispettivamente 2165 e 2000 metri. Ma sono anche località ricche di storia e tradizione. Monte Cimone è inoltre in Italia una delle mete preferite dagli snowboarder, per via della vasta disponibilità di percorsi fuori pista. APT: Tel. 0536 68803 www.cimonesci.it Il Centro Sud conta su località come quella di Campo Imperatore e Roccaraso (AQ) e La Sellata-Pierfaone (PZ). Le prime due vantano Corno Grande e il comprensorio dell’Alto Sangro, rispettivamente la vetta più elevata e il maggiore comprensorio di tutto l’Appennino. In zona sono installate due sciovie, dette Pierfaone, lunghe in totale 1500 metri, che servono piste impegnative. A quota più elevata si sviluppa una pista di fondo. www.ilgransasso.it, APT Basilicata : tel 0971 507611 Scendiamo sino alla Calabria e troviamo Camigliatello Silano (CS) situata a pochi km dal lago Cecita e dal Parco Nazionale della Calabria. È una delle stazioni sciistiche più suggestive dell’Italia meridionale. Gli sciatori vi hanno a disposizione due piste, una rossa e una blu, lunghe ciascuna circa 2 km, dotate di innevamento programmato. Ufficio Turistico: tel 0984 578031 - 0984 578159 Anche la Sicilia, mediterranea e soleggiata nell’immaginario comune, offre in località quali Etna (CT) due comprensori sciistici: Nicolosi (ETNA SUD) e Piano Provenzana-Linguaglossa nel (ETNA NORD). Al di là delle piste e alle splendide strutture ricettive, non c’è dubbio, sciare di fronte al mare è una suggestione unica qui sull’Etna, che oltre ad essere un vulcano attivo è anche la quinta vetta più alta in Italia. APT: Tel. 095 914488 - INFORMAZIONI: www.etnasci.it

31

31


Read&fly

gastronomia curiosità

serie tv:

Friends

di V.Gorla i V.Gorla d andler,

be, Ch nti di Joey, Phoe caratteri irrivere

e Rachel. chiuso i Monica, e Ross a ufficialmente bi ab e ri se rafico, sono ti la e er Nonostant asi otto anni, restano tutt’oggi aps tra Oltre al già citato progetto cinematavogviati alcuni ed page battenti da qu mente elaborati ti dedicati e fan ta si re i, nc no os co rp do e co ve ati i e e st m , to e ch dibattiti ampi carattere serial i e tesi di laurea di gg ti sa en no m ri vo ri i. pe sc or es att le più attive, si stri beneamati e. otagonisti i no tt pr do i on zi si ui disq aggio 2004 vede de ries finale del m che Friends go to n se il no po se do re di to da Subi “Joey”, incentra C ’è molto poco hé è il prodotto vero e proprio, rc off pe a in m sp fa c, lo a an rn ce Bl pite la lu gio di Matt Le successo e godrà di sem onimo personag : è il primo vero to om ia ll’ iz su in e, è are un attore ch o tt ni tu io da cui Angeles divent e. 10 stag s al ri Lo a se si re to ltu ri fe cu p ione, proprio tras planetario di po o dopo una stag storia. Storici ott rr la o te tt in fa o; o at nn m , ha affer nno inale era troppo in poche parole a del Joey orig protagonisti ha i gi i: al st or no fimo se att i la gl hé de nsi perc dollari itativamente in di al e qu on a ili er anche i compe m o un ott di , un assegno di forte (ed il prod della scrittura ne. ricevuto, infatti elligenza arguta ll’ultima stagio nt de l’i o al rs to co ta o or er la rapp nt attro anni dopo a puntata per l’i o di tempo, qu od ri e Friends). pr pe m o rt se , ce si rimento Per un te l’ipote re in a at nt purtroppo, espe ve o, pa r a ov pe at nu st ri è un vo e e, la i rie di qualità sua fin viare Poi venn te fosse una se an l desiderio di av st de r , no pe ta i no : lia ic re ag am tt ta agli , è possibile più de fallimen rispetto a Joey film da dedicare re un , lio di ig to m bi ne io su te i uz en as qu o 60 on la prod decisam etto è decaduto agione di “Studi og st pr i ca Il gl . ni e ia ’u ch as un m nti di NBC, che orbita antono godere ta in onda sulla a dei cachet es da us an te ca , a en p” o ri ri am St op ov et pr ow televisivo forse stire nu the Suns chiesto per rive quinte di uno sh ri le o er ro et bb di re il av i ta a far capire attor raccon ng è sufficiente isti della serie. tti on se ag ot na pr re i L’a de i a. i pann esta serie, in dirett one ci sia in qu nds riesce a si ie vi Fr le te po ado et ta m passionati y crea quanta dinamica in (noto agli ap Nessuna comed rk lla So da on to ia ar sc  A la da l solco ideata dere e prescindere da cità di compren pa ca lla da i e, da intelligent ate geniali e esto, dalle trov costruire il cont

32


Read&fly

g), r The West Win soprattutto pe onista Matthew e l’attore protag r). Perry (Chandle e successo serial Infine, l’unico a ett Friends sp per gli attori di Monica, dopo x: a Courtney Co sta dirigere una rivi aver provato a o la at ov tr “Dirt”, ha scandalistica in ica m co te e totalmen sua dimension om tc si a piccola in una fortunat r Town”, di cui ga ou chiamata “C la terza in produzione attualmente è stagione. o, una volta all’ann E’ terapeutico, e (s tto dei dvd riaprire il cofane one speciale possibile l’edizi ia costruita a fogg re commemorativa re or rc afico), e ripe di album fotogr e: em ni di vita insi questi dieci an dai ltima puntata, dalla prima all’u a, ic alto di Mon maglioni a collo i er, passando da dl ai baffi di Chan ai do el e approdan capelli di Rach lle di Ross. pantaloni di pe re le a comprende Un esercizio uti zioni numerevoli cita e cogliere le in bili meno apprezza e omaggi, più o chiarati, delle e più o meno di . Un a generazione” sitcom “di nuov uta, in seconda batt esercizio utile, alla si si abbandonar se si è desidero volosi anni ’90. nostalgia dei fa dal 5 Ottobre Fox Tv – in onda gno 2007 2004 al 13 Giu

tes, forum s ago, but deba ar ye t gh ei t os alm Friends closed still exist. s ge pa n fa d an e thoughts of d present in th an e iv al ted be s ay oducts that crea Friends will alw cause it’s the pr be r e ve ad lo s m rie at every TV se : 10 seasons th serial addiction the basics of a history. e actors: a the caches of th by en ev e ad m The history was e last season. ch episode of th ea r lla do n io ill m out the ted to think ab end people star e aracters th ch er e aft th t of gh Ri d on the life se ba ie tors ov m a th : maybe e ac creation of oject didn’t last pr Monica, is es th tr t ea bu th s, in of Friend play even to ey on m h uc m pretended too and Ross. , Chandler, Joey Rachel, Phoebe Friends can after the end of rn bo s ie ey ed m : in ten years th None of the co by the creators ft it and le w , ol us ho ni sc ge e forget th machine of ct rfe pe a g in ild succeeded in bu irony. nt ge lli te in e th serials, with d the power of te en d rim pe ex rs off, “Joey”, base The main acto st, the real spin Los fir to at s: ed es ov cc m su Blanc, who fluctuating Le att M by of ed r play season on the characte Joey had just a e a movie star. m o vivid, and co to ll be sti to s as le w Ange gia of Friends al st no e inal series. th ig g: red to the or broadcastin pa m co or po ly real y the product was as, without an if the quality w 60 en o ev di il: tu fa “S w Then a ne a season of hew can have just att e w M , er ith tt w be BC t, doub dcasted on N oa br ”, rip St on the Sunset r). the Perry (Chandle Monica, after Courtney Cox: d is un se fo ca r y, ne ed in olent com The only w on ”, a dark and vi as irt se “D ird of th t e en th experim gar Town”, ension in “Cou her comic dim uction. actually in prod pen the box with a while, to re-o in ce it on d, te nds and watch Can be sugges Seasons of Frie e th eaters d sw an a s ic de on M all the episo e end; from th to g in cise nn gi e be pants. An exer again, from th Ross’s leather by ew ng “n e pi th op st of omages to Rachel’ hair, quotes and the to e ul th ef nd us ta so rs al de useful to un se that can be ci er ex An s. ie med generation” co t 90es. ember our swee m re d an e lg indu .com

utterstock Featureflash/Sh utterstock.com Featureflash/Sh

e D.Schwimmer

M.Le Blanc

x e J.Aniston L.Kudrow, C.Co

33


s g n i d n E y p p a H : v t ie r se gastronomia curiosità

ck.com DFree/Shuttersto

i V.Gorla d orla n ha al suo attivo altre produzioni di V.Gch e, e no eguenze a da David Casp racconta le cons

Elisha Cuthbert

a quelle cindibili, ma tr es pr im y ed m co Endings ll’Olimpo delle migliore: Happy la io bb du Non rientra ne di a atori con una ia è senza ombr rendere gli spett di seconda fasc rp so di alchimia ce pa ca ellino azie all’ottima gr ti, en lg vo si rivela un gioi in parte e co ute divertenti si sente dunque e or at ett sp pioggia di batt lo ti: zione tra i protagonis tere d’identifica po un ad ie che si instaura az e, gr gruppo amical integrante del ssimo. spiccato e forti co l’immagine ecchiato un po sv er av di ito cita addosso la io il mer brava avere cu m Ha senza dubb se , 24 a poco. po do rt, che, r”. E non è mic ue Ba ck Ja di di Elisha Cuthbe iosa etta di “figlia no scomoda etich gno di vivere e risponde al biso s ng di ti. Ma il valore En py ap H sereni e diverti i, ill qu Riassumendo, an tr e i qualunque minuti genuin simo, fuori da is ov nu o trascorrere 20 gi ag ll’ottimo e in un person interpretato da e al su es principale risied os om : Max, l’amico cliché di genere Adam Pally.

34

on Zachary Knight

ut Helga Esteb /Sh

a, la serie e Alex, la ori della cronac on li ag e at minuto di Dave  lz o ba m lti l’u al to si e a dire naufraga nate a coccolar or gi del matrimonio a ss pa e perfetta ch he cose. classica coppia le stesse identic te en am ne ta ul sim entrambi ci sono rita al cuore di fe a la re uti att aspirante donn cocci e ad a, formata dall’ at os A raccogliere i sp no ia do pp iu co . Ch vita: una ragazzino Brad gli amici di una lex) e l’eterno A di gay meno la il , el ax or M  (s o  prattutt so a m in carriera Jane y, nn Pe sterebbero le a e paffuta  imo definirlo, ba ss ve il cerchio la visp do Se e. s”, ossia “un lla television who likes dude de du ht stereotipato de ig ra st a amici: “just parole dei suoi gazzi”. i piacciono i ra cu a e al su es eteros lo narrativo re, anzi, a livel ne ge al o ov nu storie sono unto nulla di ice e lineare: le pl m se Non viene aggi to ol m nuovi e in maniera rcamenano tra ba si e la serie proced ch e on itori delle nture di pers l passato e terr de i rd le classiche avve co ri ti, da segnalare appuntamen sugli hipster è io od is lavori, storie ed ep (l’ p n di cultura po ), sulla carta no nuove tendenze lo del surreale or ll’ te su en m ità ic ra m te s, in di co come esempio o clone di Friend im delle es he ic nn m l’e e na di ch tro gi e sulle ag on rs pe sembrerebbe al i de ratterizzazione giocato sulla ca loro relazioni.

terstock.com

Ideat

ck.com DFree/Shuttersto

Read&fly

Adam Pally

In onda x su Fo Tv ogni .50 Giovedì alle 21


Read&fly

e story of e series tells th th e, sp Ca id av nd, Alex. They Created by D r by his girlfrie ta al e th by ft le i now they Dave, a man maggioranza de er couple, but de nd an te t gr ec ra rf st pe la c el N nship, helped te were the classi w kind of relatio gi dichiaratamen ne ag le on ho rs w pe a i , h si it ca Brad; and a me have to deal w uple, Jane and paiono in tv co co ap i ed al ri su ar m es a os t innovative om by their friends: d Max, the mos eccessivamente an e, d tt ie lle ch ca rl ac gi m by ti delle aracter we funny and chub describe his ch ndo i più sbaglia to co se ve ti ha za e iz w er If o tt . cara diam ht dude who gay in television re. Di solito li ve s: “just a straig se ne ra ge ph di i n tip ow s eo hi ster troppo can use one of i e decisamente frustrati, lagnos . s” te de about likes du sere facilmen the story line is e: nr ge femminili per es om ce tc si ve g new in py Endings in group of young There is nothin tollerati; in Hap eryday life of a ev o of zz ga on love life ra ati un tu : ax volving family, e classic si in th s m le incontriamo M , ob pr lta everyday n la barba inco friends, facing sovrappeso, co sia to da an as tr e stito and jobs. d effective sempre mal ve on a strong an nel concepire e ild e bu ch i e, rs on po cl s di i iend tions. a nei mod It can seem a Fr rs and their rela nza. E’ insomm te te is ac es ar a ch su n ai la em condurre lamata description of th y, but without eda ad una conc amental comed n, un ragazzo in pr nd Pa fu r a te t Pe no is da s e and funny half ndrom Happy Ending n spend a happy ed incurabile si co i to os ay or w st am be sti e tremely funny suoi gu any doubt th e viewer with ex h che definisce i th ug s n to he e tc lik ca “I es a: chemy betwee battut hour: this seri to the great al ono una felicissima ks ci an rcle ac ci th pi e i s, th ke “M of jo ”, ber h…men and involving becomes a mem ly girls. Real toug al i re m er … ew re vi Molto du the actors; the le donne dure. . i” in m uo i of friends. character, piacciono gl es is set in Max ri se e th of es n valu One of the mai t Adam Pally. ea gr a ABC e played by da to ni nfi l’i al Rimandata ays painted in , è stata exuals are alw to a fine aprile os us gi om H sa es m as tr and spoiled r una o del rasoio pe edies like noisy fil m l co su a tv at ov e nn on ri is different: ragi ne completa. La n icons, but Max io io ag sh st fa a nd co se has a t overweight, he dei dubbi della bi se a is ba la he al te stan lla and seems t well dressed nnovo risiede ne liata no ri d, al i ar tiv be la re ABC ag rome. He , che è stata trav Peter Pan synd ne er ff io su az m to m ra prog solo è al preferences nti di vista: non defines his sexu i gl the a sotto tutti i pu m , ta da ke, that explains te riman jo en is th am h nu it w nti co stata ordine lf very well: “I ati trasmessi in character himse episodi sono st Real tough … casuale. like tough girls. assolutamente men”.

35


Read&fly

high tecH gastronomia

E’ arrivato il Nuovo iPad: RISOLUZIONARIO! di G. MASSARI

Risoluzionario! Si legge così sulla homepage della Apple sul Nuovo iPad.

A

prima vista non sembra molto differente dal modello precedente: stesse dimensioni (solo lo spessore passa da 8.8 a 9.4mm), stesso formato 4:3 da 9.7 pollici, stessi materiali. In realtà la differenza è tutta nel display, che ha ora una risoluzione da 3,1 megapixel con una densità pari a 264 punti per pollice: il risultato sono colori più vivi e più brillanti, grafica ancor più definita. Per gestire un display così performante il vecchio processore non va più bene. Ecco allora che Apple presenta l’A5X, processore 2 volte più potente dell’A5 montato sull’iPad2 e ben 4 volte più potente del Nvidia Tegra 3. Interessante l’evoluzione della fotocamera posteriore passata ora a 5 megapixel, con una lente uguale a quella montata su iPhone 4S. Sarà ora possibile scattare foto e girare filmati in HD (1080p) nettamente migliori rispetto a quello che si poteva fare con l’iPad2: rimane il problema delle dimensioni… scattare una foto o fare un filmato con un iPad risulta abbastanza imbarazzante e goffo… Per quanto riguarda la connettività Apple ha equipaggiato la “tavoletta” con un chip 4G in grado di sfruttare le reti LTE e scaricare dati fino a 78mbps (senza trascurare la piena compatibilità con le reti HSPA e 3G): aprire le pagine internet sarà davvero un piacere, visualizzare un video su youtube o video chiamare non sarà più un problema.

36


high tecH

Su iPad sarà montato il sistema operativo iOS 5.1 (supporta Siri in lingua giapponese e non in italiano per ora) e sarà installato iTunes 10.6. E il prezzo? Lo stesso! 499 dollari per la la versione 16GB WiFi, 599 e 699 dollari per la versione rispettivamente da 32 e 64GB; 629, 729 e 829 dollari per gli stessi modelli dotati di chip LTE. Il nuovo iPad arriverà prima sul mercato americano mentre in Italia sarà commercializzato a partire dal 23 marzo.

IPad2: confrontiamolo con i diretti concorrenti Per poter apprezzare al meglio il nuovo iPad di Apple la cosa più immediata è quello di confrontarlo con i diretti concorrenti. Il confronto diretto più interessante è quello con il colosso Samsung e con il suo Galaxy Tab 2. Le versioni messe a confronto sono solo quelle Wi-Fi e si è preso come riferimento soltanto le caratteristiche ufficiali annunciate dai rispettivi costruttori.

Nuovo iPad

Produttore Apple Disponibilità Marzo 2012 Schermo 9.7” Risoluzione 2048×1536 Dimensioni 185,7×241,2×9,4 mm Peso 652 gr SO iOS 5.1 Processore A5X dual core 1.4 Ghz (GPU quad-core) RAM 1GB Memoria 16/32/64 GB Fotocamera VGA / 5MP

Galaxy Tab 2 10.1 Samsung Marzo 2012 10.1” 1280×800 175,3×256,8×9,7 mm 588 gr Android 4.0 Exinos dual-core 1 Ghz 1GB 16/32 GB + microSD VGA / 3MP

Interessante notare come il Galaxy Tab pesi meno del nuovo iPad (588gr contro i 652gr) nonostante un display più grande. Ciò nonostante la risoluzione di iPad è nettamente superiore a quella del concorrente. Inoltre, mentre il Galaxy Tab si avvia a montare il nuovo Android 4.0 Ice Cream Sandwich, Apple monterà la nuova versione del suo iOs (la 5.1). Le rimanenti caratteristiche rimangono simili, come ad esempio il processore dual core (ormai si va verso processori più performanti e quad-core, un tempo privilegio esclusivo dei computer desktop) e la memoria interna.

Read&fly

Eye-Fi… e la memory card si fa wireless Quante volte avreste voluto scattare una foto con la vostra macchinetta fotografica e pubblicarla subito dopo su internet per condividerla con i vostri amici? Quante volte avete sognato di trasferire le foto dalla vostra macchina fotografica al vostro smartphone senza fili e senza preoccupazioni? ORA SI PUO’! L’oggetto magico si chiama Eye-Fi ed è una memory card wireless o, all’italiana, una scheda di memoria senza fili. In questo modo possiamo trasferire automaticamente le fotografie dalla fotocamera digitale al computer di casa, all’iPad, al nostro iPhone o al cellulare Android, senza bisogno di collegare cavi o avviare strani software di pairing. La scheda in questione è a dir poco rivoluzionaria. All’interno della piccola schedina di memoria vi è un apparato di comunicazione Wi-Fi capace di funzionare molto ma molto semplicemente. Una volta inserita la schedina all’interno della fotocamera le foto scattate verranno memorizzate sulla memory card. Però, non appena si rientra in casa, la scheda comincia in automatico ad inviare le foto al nostro PC tramite wi-fi (WEP 40/104/128, WPA-PSK, WPA2-PSK) una volta riaccesa la macchina fotografica. Ancora più interessante il servizio di download immediato. Ora, grazie ad una app per android e iOs si possono inviare le foto dalla macchinetta fotografica al nostro dispositivo mobile ovunque siamo, dall’Himalaya al deserto del Sarah, da New York al cuore di Roma… e tutto grazie ad Eye-Fi… ed ad un App… Semplice no? Più che altro… RIVOLUZIONARIO! La card si può acquistare direttamente dal sito del produttore a partire da 50 sterline per la versione da 4 Gb.

37


Read&fly

high tecH gastronomia

Il

produttore finlandese Nokia ha dichiarato guerra a tutto campo sul settore della telefonia mobile dopo aver svelato il suo ultimo dispositivo di punta, il Lumia 900. Il device in questione è il primo telefono capace di collegarsi all’LTE 4G, ossia la rete ad alta velocità wireless che soppianterà l’attuale 3G. Il Lumia 900 adotta non più Symbian, sistema operativo dichiarato praticamente morto dalla casa finlandese, ma Windows Phone. Nokia è l’unico grande produttore a scommettere completamente sulla piattaforma sviluppata dall’americana Microsoft (gli altri produttori come HTC e Samsung affiancano Windows Phone ad Android). “Crediamo che la guerra tra i vari costruttori si sia spostata da una battaglia di dispositivi ad una guerra di ecosistemi”, ha detto il CEO di Nokia Stephen Elop in una conferenza stampa tenuta a Las

selezionabili dallo stesso device (vedi l’App Store di Apple o il Market di Android) Così Nokia e Microsoft hanno perso terreno e, soprattutto, clienti. Terreno che vuole essere recuperato proprio grazie al Lumia 900, cellulare su cui le due società puntano a rafforzare il numero di dispositivi Windows Phone presenti sul mercato e, soprattutto, rafforzare il numero delle applicazioni presenti nel marketplace. Attualmente il marketplace di Windows Phone ospita oltre 50.000 applicazioni in continua crescita. A differenza del Lumia 710, un dispositivo relativamente a buon mercato, il 900 sarà il top di gamma per Nokia e, proprio grazie all’adozione delle reti 4G, si potranno fruire contenuti, giochi e video ad un livello mai conosciuto prima. Il dado è tratto. La partita è accesa. E per Nokia e Microsoft

Nokia: è guerra per riconquistare il primato? Vegas. L’obiettivo di Nokia è quello di riappropriarsi del mercato grazie proprio alla stretta sinergia con Microsoft, partendo prima dall’Europa e passando agli Stati Uniti e, perché no, al resto del mondo. Lo stesso Ballmer, CEO di Microsoft, ha affermato molto chiaramente che Windows Phone vuole diventare sempre più il terzo sistema operativo di riferimento presente sul mercato e che lo vuole diventare “con un punto di vista molto differenziato”. Nokia, pochi anni fa re di tutti i dispositivi mobili, ha cominciato un lento declino dopo che la sua piattaforma di punta, Symbian, è stata pian piano superata dai recenti sistemi operativi mobili quali iOS prima (con il lancio di iPhone nel 2007) e Android poi. Nello stesso periodo di tempo anche Microsoft ha sofferto dell’avvento dei nuovi sistemi. Il colosso americano infatti, seppur presente da tempo sul mercato con il suo Windows Mobile, ha subito un tracollo non appena sono apparsi sul mercato sistemi molto più leggeri, più performanti e, soprattutto, ricchi di applicazioni direttamente scaricabili e

38

il guanto della sfida ai concorrenti è finalmente lanciato. DATI TECNICI NOKIA LUMIA 900 DIMENSIONI Altezza Larghezza Spessore PESO SISTEMA OPERATIVO Nome Versione PROCESSORE Produttore MHz MEMORIA Interna BATTERIA Tipo Autonomia Conversazione (Minuti) Autonomia Standby (Ore) SIM CARD Costo: circa 480 euro

116,5 mm 61,2 mm 12,1 mm 142 grammi Windows Phone 7.5 Qualcomm 1433 16384 MB Litio 780 minuti 265 ore Mini


high tecH

iPhone contro tutti? E’ un buon momento per essere un produttore di smartphone. O meglio… è un buon momento se il tuo nome è “Apple”. Negli ultimi mesi lo slancio finanziario della società è incredibile. La casa della mela morsicata ha di gran lunga superato ogni aspettativa di Wall Street, battendo ogni tipo di record di vendita e raddoppiando i profitti aziendali rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. In un trimestre fiscale, Apple è riuscita a vendere oltre 37 milioni di iPhone , il maggior numero di unità vendute nella storia dell’azienda nello stesso periodo. Al momento i concorrenti brancolano nel buio, tutti in cerca di una strategia praticabile per sfidare Apple. Motorola, un tempo considerato il concorrente principale di Apple nel mercato della telefonia mobile, ha dichiarato perdite per oltre 80 milioni dollari nel quarto trimestre dello scorso anno, vendendo solo 5,3 milioni di smartphone nello stesso periodo. Motorola ha però dichiarato che le vendite di smartphone sono sostenute dal rilancio del proprio marchio Razr. Ad essere onesti, i 5,3 milioni di smartphone sono aumentati dai 4,9 milioni di unità di un anno fa. Motorola è riuscita a vendere 18,7 milioni di smartphone in tutto il 2011, solo poco più della metà di ciò che Apple ha venduto in un trimestre soltanto. Nokia, ridimensionata anch’essa da Apple, sta investendo milioni di dollari per “reinventare” il telefonino. Il gigante finlandese ha registrato perdite di 1,2 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre, con vendite di smartphone pari a 19,6 milioni di dispositivi. Questo numero, seppur molto alto, nasconde un forte calo di device venduti pari al 31 per cento dal trimestre dell’anno scorso. Samsung sembra attualmente il più forte concorrente, annunciando ottime vendite dei suoi smartphone basati soprattutto sulla piattaforma Android. La casa ha dichiarato a Bloomberg che la sua serie Galaxy S ha venduto oltre 300 milioni di telefoni nel 2011. Motorola spera di sfruttare il successo del suo brand Razr, continuando ad introdurre nuove versioni del suo dispositivo di punta. Il Razr Maxx è l’ultimo della famiglia e, ad esempio, vanta una batteria più grande per un tempo di conversazione più lungo. Anche Nokia sta gradualmente abbandonando la sua piattaforma Symbian, e punta a rilanciarsi tramite Microsoft Windows Phone. E c’è anche un raggio di sole nella relazione trimestrale di Nokia: l’azienda ha venduto oltre 1 milione di Windows Phone Lumia nel corso del trimestre, battendo le attese degli analisti e da un chiaro segnale che il futuro dell’azienda è promettente. Per ora Apple domina il mercato e il suo gioco è solo a perdere. L’azienda guadagna così tanto che praticamente regala i dispositivi ai propri dipendenti . Tutti gli occhi si concentrano sul nuovo CEO Tim Cook, per vedere se la società più famosa di Cupertino è in grado di combattere i suoi rivali mobili con successo - senza Steve Jobs al timone.

Read&fly

IPhone against all? It ‘a good time to be a smartphones producer. Or better... it is a good time if your name is “Apple”. The company is going so good now! Apple has exceeded all the Wall Street expectations, beating each type of record sales and doubling corporate profits over the same quarter last year. In a fiscal quarter, Apple has sold over 37 million iPhones, the largest number of units sold in the history of the company at the same time period.

What’s happening to all the other competitors? Motorola, once considered the main competitor to Apple in the mobile market, lost more than $ 80 million in the fourth quarter of last year, selling only 5.3 million of smartphones in the same period. But Motorola says that sales of smartphones are supported by the relaunch of its brand Razr. To be honest, last year the 5.3 million smartphones were 4.9 million. Motorola has sold 18.7 million smartphones around 2011, just over half of what Apple has sold in one quarter only. Nokia is also passed by Apple, and now is investing millions of dollars to “reinvent” the mobile phone. The Finnish giant has lost $ 1.2 billion last quarter, with sales per 19.6 million smartphone devices. Samsung seems to be, at the moment, the strongest competitor, announcing strong sales of its handsets based primarily on the Android platform. The Galaxy S has sold over 300 million phones in 2011. Motorola hopes to rebuild the success with its Razr brand, continuing to introduce new versions of its flagship device. The Razr Maxx is the brand new device of the family with a longer battery for longer talks. Even Nokia is gradually leaving its Symbian platform, and aims to relaunch his brand through Microsoft Windows Phone. And there is also a ray of sunshine in the quarterly report from Nokia: the company has sold over 1 million Windows Phone Lumia during the quarter, beating analysts’ expectations and it is a clear signal that the company’s future is promising . For now, Apple dominates the market and his game is just to lose. The company earns so much that gives devices to their employees. All eyes are focused on new CEO Tim Cook, to see if the company is able to fight his rivals successfully - without Steve Jobs as king.

39


Read&fly

oltre la terra gastronomia

21 Dicembre 2012: una data da ricordare? di G. MASSARI

21 Dicembre 2012: l’interesse per questa data nasce dallo studio dei calendari perpetui Maya, terminanti tutti questo giorno. Ricordiamo che i Maya, scomparsi oltre 500 anni fa, furono un popolo altamente sviluppato nell’astronomia e nell’osservazione delle stelle e dei pianeti e, fin ora, tutte le loro previsioni su eclissi lunari, solari e allineamenti dei pianeti si sono sempre dimostrate veritiere. Su questa data è cominciata una speculazione mediatica non indifferente. In questo articolo proviamo a raccogliere e classificare le varie ipotesi lanciate da “studiosi” e non, provando poi a dare una interpretazione scientifica.

Ipotesi n°1: inversione dei poli magnetici L’inversione dei poli magnetici è un evento che sulla nostra Terra è capitato già decine di volte: il fenomeno consiste in un cambiamento del polo nord con il polo sud e viceversa. Il fenomeno, nella sua fase transitoria, porta ad un’assenza totale del campo magnetico. Le conseguenze sarebbero gravi: raggi cosmici arriverebbero nella biosfera uccidendo gli esseri viventi e alterando il DNA di piante ed animali. L’ultima volta che il fenomeno è accaduto è stato ben 780 mila anni fa. Gli studi condotti sul magnetismo terrestre hanno dimostrato che il campo magnetico si è ridotto del 10% negli ultimi 100 anni: ciò nonostante lo scienziato Gary A Glatzmaier ha affermato che la diminuzione del campo magnetico terrestre non comporta necessariamente una successiva inversione, anzi al momento il campo magnetico è quasi il doppio rispetto alla media dell’ultimo milione di anni. Una inversione dei poli è quindi al momento altamente improbabile.

40


oltre la terra

Ipotesi n°2: arrivo del pianeta X Alcuni astronomi affermano che intorno al Sole non ruotano 9 pianeti, bensì 10. Quest’ultimo, in realtà, è una stella nana bruna con un’orbita fortemente ellittica che interseca il nostro sistema solare (che sarebbe quindi un sistema stellare binario…). L’avvicinamento del pianeta X comporterebbe enormi scompensi gravitazionali quali tsunami e maremoti a livello globale in grado di spazzar via centinaia di milioni di persone: unica soluzione? Rifugiarsi sulle montagne. Tutto vero? Ci sono foto di un ipotetico pianeta X (e di un presunto satellite che si dice sia abitato da una civiltà evoluta), ma se ciò fosse vero perché tanto silenzio sul fenomeno?

Ipotesi n°3: contatto alieno Ufologi di tutto il mondo affermano: gli UFO sono in contatto con i governi di tutto il mondo ed addirittura il mese scorso si è tenuta una riunione segreta ONU per discutere del primo contatto tra uomini ed alieni (anche se poi non si capisce quale “razza” di alieni) che si terrà… NEL DICEMBRE DEL 2012! Inutile commentare… a meno che questi alieni siano gli stessi che abitano sul pianeta orbitante intorno al pianeta X…

Ipotesi n°4: ingresso in una nuova era astrologica Secondo alcuni astrologi l’ingresso della Terra nell’Acquario (guarda caso a fine 2012) comporterebbe un influsso positivo su animali ed esseri intelligenti. L’uomo diventerà un essere dotato di una nuova dimensione spirituale e più rispettoso dell’ambiente e del prossimo.

Read fly Read&fl y

Il nostro Sole alterna continuamente cicli di intensa attività e cicli di bassa attività. Talvolta durante i cicli di forte attività solare si registrano espulsioni di massa coronale. La nube formatasi può raggiungere il nostro pianeta disturbando la magnetosfera. Quando ciò avviene sulla nostra Terra si assiste a incredibili aurore boreali (le cosiddette Luci del Nord nell’emisfero boreale e Luci del Sud nell’emisfero australe). Le espulsioni di massa della corona possono però disturbare le trasmissioni radio, creare interruzioni di energia, danneggiare i satelliti e le linee di trasmissione elettriche. Per la nostra civiltà, fortemente dipendete dalla tecnologia e dall’elettronica, sarebbe un disastro immane: appari elettrici bruciati, trasformatori non funzionanti, pompe ferme, ripetitori inutilizzabili… il mondo si troverebbe catapultato nel medioevo nell’arco di poche ore. E tutto ciò è già accaduto in passato: nel 1859 Richard Christopher Carrington osservò la più grande perturbazione geomagnetica conosciuta… si narra che i telegrafi di allora potevano funzionare senza batterie e il cielo del nord Europa era illuminato a giorno. All’epoca il mondo non era molto sviluppato e la tempesta solare non fece particolari danni… ma ora?

Cosa succederà allora? Nessuno lo può dire ma come disse Giovanni Paolo II poco prima dell’inizio della XV Giornata della Gioventù, “chi vivrà vedrà”.

Credere ad una tesi del genere vuol dire credere agli oroscopi… e se veramente succedesse una cosa del genere? MAGARI!

Ipotesi n°5: espulsione corona solare

41


Read&fly

42

gastronomia

ai rnews


Read&fly

44 47 50

NASCE VOLOTEA: NUOVA LOW-COST CON BASE A VENEZIA BREVI DAL MONDO DELLE COMPAGNIE AEREE AEROPORTI DAL MONDO: I MIGLIORI DEL 2011

43


Read fly Read&fl y

gastronomia compagnie aeree

Nasce Volotea: la nuova low-cost con base a Venezia di G.MASSARI

P

er una compagnia che muore un’altra ne nasce. Nel mese di aprile la compagnia aerea spagnola Volotea (con sede a Barcellona dove era basata la Spanair) comincerà a volare operando inizialmente dall’aeroporto Marco Polo di Venezia utilizzando una flotta di tre Boeing 717 da 125 posti. Le destinazioni spagnole includeranno inizialmente Bilbao, La Coruña, Granada e altri luoghi ancora non specificati. Volotea è stata fondata da Carlos Muñoz e Lázaro Ros, CEO e Direttore Generale dell’azienda, già fondatori di Vueling, terza compagnia low cost europea. La società è posseduta per il 26% dai due fondatori, per il 25% da due gruppi di investimento spagnoli (Sinaer Inversiones e Axis Participaciones Empresariales), e per il restante 49% da un fondo di investimento americano (CCMP Capital Advisors). Carlos Munoz, CEO di Volotea, ha affermato che si sta “scommettendo su un buon servizio e prezzi bassi per crescere in un mercato che è ancora da sfruttare.” Volotea opererà in Italia, Francia e Spagna con un modello di gestione e di sviluppo simile a quello della compagnia britannica Flybe Group Plc, la più grande compagnia aerea d’Europa sulle tratte regionali con aerei da meno di 100 posti. 

44

Volotea si concentrerà su aeroporti di medie e piccole dimensioni in aree con 2 o 3 milioni di abitanti, a detta di Munoz un mercato con più di 70 città e 500 rotte potenziali. Pertanto, il numero di 40 dipendenti che hanno firmato il contratto con la compagnia, si espanderà fino a 250 dipendenti in estate, di cui 20 probabilmente proverranno da Spanair. L’azienda che prende il nome da una poesia di Pablo Neruda, creerà oltre 100 posti di lavoro in ogni base creata e non utilizzerà gli slot lasciati liberi da Spanair. Enrico Marchi, Presidente di Save, ha dichiarato: “accogliamo con entusiasmo l’arrivo a Venezia di Volotea, il cui progetto industriale coincide con la strategia di SAVE di proporre un’offerta di voli che comprenda tutti i segmenti di traffico” … “con Volotea e i suoi tre aeromobili basati a Venezia, implementiamo un network di collegamenti a medio raggio che consolida la vocazione internazionale dell’aeroporto Marco Polo”.


compagnie aeree

Read Read&fly

Welcome Volotea: the new low-cost based in Venice For a company that dies another one comes up. In April, the Spanish airline Volotea (based in Barcelona where Spanair was based) will start operating flying from the airport of “Venezia Marco Polo” with three Boeing 717 in 125 seats configuration. The Spanish destinations will initially include Bilbao, La Coruña, Granada and other places not yet specified.

Boeing 717 Lunghezza: 37,80 m (124 ft 0 in) Apertura alare: 28,44 m (93 ft 3 in) Altezza: 8,87 m (29 ft 1 in) Superficie alare: 93,0 m² (1 001 ft²) Peso a vuoto: 31 674 kg (69 830 lb) Peso max al decollo: 49 940 kg (110 100 lb) Passeggeri: fino ad un massimo di 106 Il Boeing 717 è un velivolo bimotore a corridoio singolo sviluppato per il mercato dei jet da 100 posti. L’aereo è stato progettato e commercializzato dalla McDonnell Douglas con il nome di MD-95, evoluzione del famoso DC-9. Capace di accogliere fino a 117 passeggeri, il Boeing 717 può effettuare voli fino a 3.820 km. Il velivolo è spinto da due motori turbo fan Rolls-Royce BR715 da circa 8400 kg di spinta l’uno. Il primo ordine è stato firmato nel mese di ottobre del 1995 mentre i primi aerei sono entrati in servizio nel 1999 con il nome di Boeing 717 (nel frattempo l’azienda era stata acquisita dal gigante americano). La produzione è cessata nel maggio 2006 dopo che sono stati prodotti 156 velivoli.

Volotea was founded by Carlos Muñoz and Lázaro Ros, CEO and General Manager of the company, in the past founders of Vueling, the third European low cost airline. The company is owned 26% by the two founders, 25% from two investment groups, Spanish (SINAER Inversiones and Axis Participaciones Empresariales), and the remaining 49% from an American investment fund (CCMP Capital Advisors). Volotea will fly in Italy, France and Spain with a management model similar to the British company Flybe Group Plc, the largest airline in Europe specialized on regional routes with airplanes with less than 100 seats. Volotea will focus on small and medium sized airports in areas with 2 or 3 million people, a market of 70 cities and 500 potential routes. Therefore, the number of 40 employees who signed the contract with the company, will expand to 250 employees in summer, 20 of which probably will come from Spanair. Enrico Marchi, Chairman of SAVE, said: “we welcome with enthusiasm the arrival of Volotea in Venice, whose industrial project coincides with the SAVE strategy to propose an offer of flights including all market segments”.

45


& Read&fly

gastronomia

Read&fly

Enjoy your travel with us...Stay tuned! www.readandfly.com

Follow Us

46

adv@readandfly.com


compagnie aeree

Read Read&fly

Brevi dal mondo delle compagnie aeree di G.MASSARI

Alitalia: accordo con Lottomatica Alitalia e Lottomatica Italia Servizi hanno sottoscritto un accordo che prevede la possibilità di acquistare i biglietti Alitalia nelle ricevitorie Lottomatica e ottenere biglietti scontati attraverso la nuova formula “Evento + Volo”. I clienti Alitalia possono ora acquistare comodamente i biglietti aerei già prenotati tramite il Customer Center al numero 89.20.10 oppure tramite il sito www.alitalia.it. Il servizio è disponibile per pagamenti inferiori ai mille euro, compresa la commissione di 1,55 euro applicata dalle ricevitorie Lottomatica. Inoltre fino al 31 dicembre 2012 i clienti che acquisteranno un biglietto per un evento presso un punto vendita Listicket oppure attraverso il sito www.listicket. it, beneficeranno di uno sconto del 25% sul prezzo del biglietto aereo Alitalia per raggiungere il luogo dell’evento (lo sconto non si applica su tasse e supplementi).

Qatar Airways: al via nuove rotte Qatar Airways annuncia nuove rotte verso l’Africa, l’Europa e l’Australia e si prepara ad un anno di forte crescita. Si parte con l’inaugurazione del volo per Kigali, capitale del Ruanda, il 21 marzo. L’offerta si amplia con i collegamenti verso Zagabria a partire dal 9 maggio, e verso Perth in Australia dal 3 luglio. La rotta su Perth sarà operata con un Boeing 777, in un allestimento a 259 posti in due classi: 42 posti in Business Class e 217 posti in classe Economy. Nel corso dell’anno (le date non sono ancora state confermate) saranno poi

inaugurati i nuovi voli per Zanzibar (Tanzania), Gassim (Arabia Saudita), Mombasa (Kenya) e Helsinki (Finlandia).

Compagnie aeree: coalizione contro la “carbon tax” Si parla di Carbon Tax, l’odiata tassa per fare del bene all’Europa in termini ambientali. Ora, per lottare contro un balzello a loro dire “ingiustificato” le principali compagnie aeree di trenta paesi si sono coalizzate tra di loro. Queste si sono riunite a Mosca per discutere le contromisure da adottare nei confronti del sistema di scambio di emissioni europeo (ETS): più che una guerra in favore dell’ambiente si sta tentando di aprire una vera e propria guerra commerciale. L’iniziativa è stata criticata da Connie Hedegaard, responsabile del clima dell’Unione Europea, la quale ha ribadito che l’iniziativa non è nata per sfavorire le compagnie extraeuropee nei confronti di quelle interne perché se queste abbassassero le proprie emissioni, il problema sarebbe risolto (ricordiamo che Cina e Stati Uniti sono i maggiori inquinatori mondiali). Ad ogni modo, facendo due calcoli, l’incremento in termini di costo del biglietto sarà pari a 5 - 10 euro a passeggero, e le compagnie sono autorizzate a scaricare questo costo proprio sui clienti. Si capisce perché le compagnie siano a dir poco adirate contro una tassa che le sfavorirebbe rispetto alle compagnie aeree locali.

Airfrance-KLM: ecco il piano per l’estate 2012 47


Read&fly

compagnie aeree gastronomia

Per il periodo estivo 2012 (25 marzo - 28 ottobre) il gruppo Air France-KLM stima un incremento di capacità limitato allo 0,6%, di cui 0,8% sul segmento dei voli di lungo raggio e 0,2% sul segmento del corto/medio raggio (ad esclusione delle basi regionali di Marsiglia, Tolosa e Nizza, dove l'aumento sarà dell'1,4%). Per Air France durante l'orario estivo la capacità sarà pressoché stabile nel breve e medio raggio. Nel settore di lungo raggio la compagnia incrementerà la capacità verso l'America Latina (+9,7%), l'Asia (+6,3%) e l'Africa (+4,9) e ridurrà la capacità dei voli verso il Nord America, il Medio Oriente, i Caraibi e l'Oceano Indiano. Tra le novità, dal 28 maggio la compagnia francese offrirà un volo giornaliero per Los Angeles e riattiverà il volo quotidiano con l’A380 verso Tokyo. Il superjumbo volerà inoltre tre volte a settimana verso Shanghai.

Easyjet: al via nuove rotte da Malpensa EasyJet amplia le sue rotte con l'introduzione di un collegamento da Malpensa ad Alghero. I nuovi voli saranno operativi con quattro frequenze settimanali a partire dal 23 giugno fino al primo settembre 2012. Per Frances Ouseley, direttore Easyjet per l'Italia "i nostri passeggeri apprezzeranno il nuovo volo, grazie al quale avranno la possibilità di visitare la Riviera del Corallo e altre rinomate destinazioni sarde". "L'arrivo di EasyJet e il nuovo collegamento rappresentano un'ulteriore opportunità per lo sviluppo e la diversificazione del network offerto sull'aeroporto di Alghero", afferma Mario Peralda, direttore generale della Società di Gestione algherese, "e incrementa le possibilità di sviluppo turistico ed economico a favore del territorio".

Blu-Panorama: un anno da record Il 2011 è stato un ottimo anno per Blue Panorama

48

Airlines. Lo ha confermato il direttore generale, Giancarlo Zeni. "Durante questo periodo di critica congiuntura economica stiamo proseguendo sulla strada della diversificazione del nostro portfolio destinazioni attraverso un percorso di crescita costante. I dati a consuntivo indicano per Blue Panorama Airlines il consolidamento delle quote di mercato come vettore leader sulle migliori destinazioni leisure con 700.000 passeggeri trasportati nel 2011. Blu-express.com presenta una crescita del 30% sia in termini di ricavi che di passeggeri trasportati".

Thai Airways: nuove sorprese per i viaggiatori Il vettore di bandiera thailandese propone ai propri passeggeri promozioni e offerte per sperimentare il comfort e l’eleganza della Compagnia dell’Orchidea in ogni classe di viaggio. Fino al 30 aprile 2012 si può volare a Bali a partire da 757 euro, Jakarta da 728 euro, Kuala Lumpur da 689 euro e Singapore da 690 euro. Le promozioni sono valide per viaggi di andata e ritorno in classe Economy da Roma e Milano (via Bangkok) fino al 6 luglio 2012, con validità massima del viaggio di 21 giorni. Anche i passeggeri Premium potranno godere del servizio di bordo della Compagnia dell’Orchidea a tariffe invoglianti: prolungate fino al 6 luglio 2012 le promozioni per volare in Royal First Class e Royal Silk Class. I passeggeri che volano nelle classi Premium hanno accesso alle prestigiose Royal Orchid Lounges di Thai Airways, che garantiscono servizi esclusivi nelle maggiori destinazioni servite dalla Compagnia. Tutte le tariffe si intendono tasse e supplementi inclusi e possono subire variazioni dovute al cambio e ad eventuali variazioni del supplemento carburante. Tariffe soggette a disponibilità di posti al momento della prenotazione.


Gli specialisti della fotografia aeronautica

Read&fly

49


Read fly Re ad&fl y

gastronomia AEROPORTI

Aeroporti dal mondo: i migliori del 2011 di M.GAZZETTI

L’ aeroporto non è un luogo di semplice “passaggio”. Talvolta capita, per diversi motivi, di dover sostare

per molto tempo all’interno dei terminal. Per chi viaggia è pertanto fondamentale sapere cosa può offrire l’aeroporto in cui si arriva o da cui si deve prendere l’aereo. Ed allora… quali sono i migliori aeroporti del mondo? La risposta la da Skytrax, agenzia di ricerca britannica specializzata nel campo dell’aviazione, che come ogni anno pubblica la classifica dei migliori 10 aeroporti al mondo. Tale ricerca è effettuata grazie alle migliaia di commenti e opinioni ricevuti da passeggeri di tutto il mondo, i quali hanno eletto come migliore aeroporto del 2011 quello di Hong Kong, facendo scendere al secondo posto il mitico Changi di Singapore. Rispetto al 2010 la top ten rimane pressoché invariata, cambia solamente la posizione in classifica. L’unica new entry è l’aeroporto di Copenhagen che, posizionandosi al decimo posto, fa uscire dalla classifica quello di Bangkok. In classifica purtroppo nessun aeroporto italiano, siamo ancora lontani dagli standard dei concorrenti asiatici.

1

HONG KONG INTERNATIONAL CHEK LAP KOK È stato aperto nel 1998 dopo la chiusura del vecchio aeroporto di Hong Kong Kai Tak, considerato troppo pericoloso. Prende il suo nome dall’isola artificiale su cui è stato costruito, a causa della sua posizione strategica è un importante polo di smistamento dei passeggeri diretti in Asia orientale e nel sud-est asiatico.

2

3

4

50

SINGAPORE CHANGI AIRPORT Miglior aeroporto nel 2010, il “Changi” di Singapore è uno dei preferiti dai viaggiatori di tutto il mondo. Situato a circa 20 chilometri dalla città Stato è dotato di ben 5 terminal, e fin dalla sua apertura nel 1981 è stato sempre un punto di riferimento per eccellenza del servizio vincendo ben 380 premi. A causa dell’età di costruzione è in continuo rinnovo per migliorare sempre più il livello di servizio al passeggero.

SEOUL-INCHEON INTERNATIONAL AIRPORT E’ il più grande aeroporto della Corea del Sud, uno degli aeroporti più grandi e frequentati del mondo. Per sette anni consecutivi (2005-2012) è stato valutato il migliore aeroporto del mondo da Airports Council International e ha ricevuto 5 stelle da Skytrax , un riconoscimento condiviso solo dall’Hong Kong International Airport e dal Singapore Changi Airport. L’aeroporto dispone di un campo da golf, di un centro benessere, di camere da letto private, pista di pattinaggio, un casinò, giardini interni e un Museo della cultura coreana.

MUNICH AIRPORT L’aeroporto si trova sul territorio di quattro comuni diversi: Oberding, Hallbergmoos, Freising e Marzling. Tra il 1995 e il 2006, il numero di passeggeri è raddoppiato, passando da meno di 15 milioni di passeggeri all’anno ad oltre 30 milioni. L’Aeroporto di Monaco è il secondo aeroporto più trafficato in Germania in termini di traffico passeggeri dietro l’aeroporto di Francoforte, settimo in Europa, gestendo 34,721,605 passeggeri (dato del 2010). L’Aeroporto ha già vinto il titolo di “Miglior aeroporto d’Europa” nel 2010.


AEROPORTI

5

Read&fly

BEJING CAPITAL INTERNATIONAL AIRPORT Si trova a 32 km dal centro di Pechino. L’aeroporto è rapidamente salito nella classifica degli aeroporti più trafficati del mondo negli ultimi dieci anni. Attualmente è il secondo aeroporto più trafficato al mondo in termini di transito passeggeri dietro l’Hartsfield-Jackson Atlanta International Airport. Il Beijing Capital International Airport è il principale hub per Air China, la compagnia di bandiera della Repubblica popolare cinese, che vola in circa 120 destinazioni da Pechino.

6

AMSTERDAM SCHIPOL AIRPORT Schiphol è classificato come il quarto aeroporto più trafficato in Europa e dodicesimo al mondo. Si colloca anche come il sesto aeroporto più trafficato del mondo per traffico internazionale di passeggeri. 45,3 milioni di passeggeri sono passati attraverso l’aeroporto nel 2010, un aumento del 4% rispetto al 2009. Schiphol ha come principali concorrenti Londra Heathrow, Francoforte, Parigi-Charles de Gaulle e Madrid-Barajas. (foto di Brendan Howard / Shutterstock.com)

7

8

ZURICH AIRPORT L’aeroporto più grande della Svizzera è stato eletto nel 2009 il miglior aeroporto in Europa da SkyTrax, quarto al mondo. Nel 2010 l’aeroporto ha vinto per la settima volta consecutiva il World Travel Award nella categoria “scalo principale d’Europa”. L’aeroporto si trova a 13 chilometri verso nord del centro della città di Zurigo nel comune di Kloten. L’aeroporto funge da hub per SWISS Air, Lufthansa e Air Berlin ed è la sede della compagnia aerea svizzera Belair, Edelweiss Air e della Helvetic Airways nonché sede del soccorso aereo svizzero (REGA).

AUCKLAND INTERNATIONAL AIRPORT E’ il più grande ed importante aeroporto in Nuova Zelanda. Si trova alla periferia di Auckland. L’aeroporto è l’hub della compagnia aerea Air New Zealand. L’aeroporto gestisce oltre 11 milioni di passeggeri di cui 6 milioni sono diretti verso destinazioni internazionali, con 160 000 movimenti di aeromobili.

9

10

KUALA LUMPUR INTERNATIONAL AIRPORT Kuala Lumpur International Airport è in grado di gestire oltre 35 milioni di passeggeri l’anno e 1,2 milioni di tonnellate di merci l’anno. E’ stato classificato come il diciottesimo aeroporto più trafficato al mondo per traffico di passeggeri, ed è il settimo aeroporto internazionale più trafficato in Asia. Gli ultimi risultati della agenzia di stampa Bernama mostrano una crescita per i primi sei mesi del 2011 da 16,2 milioni a 18,3 milione di passeggeri (quasi il 13%).

COPENHAGEN AIRPORT E‘ il più grande aeroporto dei paesi nordici, uno dei più antichi aeroporti internazionali in Europa. L’ aeroporto è hub per Scandinavian Airlines, per Cimber Sterling, Thomas Cook Airlines Scandinavia e Norwegian Air Shuttle. Il Copenhagen Airport gestisce 60 compagnie aeree di linea e serve più di 62.000 passeggeri al giorno, 22,7 milioni di passeggeri l’anno. A differenza di altri aeroporti scandinavi, una quota considerevole di passeggeri è diretto verso destinazioni internazionali. La parte dei passeggeri che vola verso mete nazionali è inferiore al 10%.

51


Read&fly

52

gastronomia

touristinf o


Read&fly

54 56 60 62 63

SITI D’INTERESSE IN LOMBARDIA MAPPA DEL CENTRO DI MILANO CON SITI D’INTERESSE RETE METROPOLITANA E TRATTE FERROVIARIE URBANE MAPPA DEI COLLEGAMENTI FERROVIARI ALL’AEROPORTO DI MILANO MALPENSA MAPPA DEI COLLEGAMENTI STRADALI ED AUTOSTRADALI AGLI AEREOPORTI DI MILANO MALPENSA E LINATE

53


Tourist

information

gastronomia

Read&fly

Siti d’interesse in Lombardia - Sites of interest in Lombardy

3 Sondrio

7

8

Varese

12

2

Como

Lecco

1 Bergamo

Monza

MXP

Brescia MILANO

10

4

LIN

11 Lodi

Pavia

LOMBARDIA Stato: Italia Capoluogo: Milano Istituzione: 1970 Superficie: 23 860,62 km² Abitanti: 9 967 485 Densità: 417,74 ab./km² Province: 12 Comuni: 1.544 PIL (PPA): 248.119,8 mln € PIL procapite (PPA): 33.500 € LOMBARDY / Country: Italy /Capital: Milan / Constitution: 1970 / Area: 23 860,62 km² / Population: 9 967 485 / Density: 417,74 ab./km² / Provinces: 12 Cities: 1.544 / GDP nominal: 248.119,8 mln € / GDP procapita: 33.500 €

54

9

Cremona

6

Mantova

5

TN

MXP

AO

MI

VE LIN

TO GE

BO

FI

PG


Tourist

1. Bergamo - Piazza Duomo in città alta. E’ indubbiamente il luogo principale della città. Nella piazza sono concentrati tutti i monumenti più importanti tra cui il Duomo, Santa Maria Maggiore, la Cappella Colleoni e il Battistero a pianta ottagonale. - Piazza Duomo is the main place of the town. In the square there are all the most important monuments including the Duomo, Santa Maria Maggiore, the Colleoni Chapel and the octagonal Baptistery. 2. Como - Il duomo. Situato sull’area dell’antica Basilica romanica di Santa Maria Maggiore la costruzione ebbe inizio nel 1396 e fu terminata nel 1740. La chiesa è sormontata da una cupola del 1740 e presenta una facciata in stile tardo gotico. - Located on the site of the Romanesque Basilica of St. Mary Major, the construction began in 1396 and was completed in 1740. The church is surmounted by a dome of the 1740. 3. Parco Nazionale dello Stelvio. Il Parco offre un’atmosfera rilassante in un ambiente ricco di odori e emozioni sensoriali. Passeggiando nel parco non è raro imbattersi in caprioli, camosci e stambecchi. - The park offers a relaxing atmosphere in an environment rich in flavours and emotions. In the park is not uncommon to find deer, chamois and ibex. 4. Pavia - Ponte Coperto. La struttura è stata inaugurata nel 1951 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi ed è la ricostruzione di un preesistente ponte medievale gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale. - The structure was inaugurated in 1951 by the President Luigi Einaudi and it is the reconstruction of an earlier medieval bridge badly damaged during the Second World War. 5. Mantova - Palazzo del Podestà. Nell’edificio ebbe sede il governo comunale di Mantova. Sul lato principale si trova una nicchia con una statua del poeta Virgilio in cattedra. - The building was the seat of the municipal government of Mantua. On the primary side there’s a statue of the poet Virgilio. 6. Cremona - Battistero. La costruzione ebbe inizio nel 1167 e rappresenta il numero otto, ossia l’ottavo giorno di resurrezione. La costruzione originale fu modificata nel XVI secolo con rivestimenti marmorei ai lati dell’edificio. - The construction began in 1167 and represents the number eight, which is the eighth day of resurrection. The original building was modified in the sixteenth century with marble facing on both sides of the building. 7. Varese - Sacro Monte. Il Sacro Monte, luogo di devozione del Seicento, è situato a 8 km dal centro di Varese. Il luogo è costituito da quattordici cappelle che corrispondono ai misteri del Rosario. - The Sacro Monte, a place of worship of the seventeenth century, is located 8 km from the center of Varese. The site consists of fourteen chapels, which correspond to the mysteries of the Rosary.

information

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Read&fly

8. Angera - Rocca. Si tratta di una costruzione fortificata affacciata sul lago Maggiore, dalla quale si gode di un meraviglioso panorama. - It’s a fortified castle over the Maggiore lake, from which you can admire an amazing landscape. 9. Sirmione - Grotte di Catullo. E’ la piu importante villa romana del nord Italia, situata all’interno della bellissima cittadina lacustre di Sirmione. - It’s the most important roman private edifice of northern Italy, it’s located into Sirmione, a beautiful lake town. 10. Vigevano - Piazza Ducale. Una delle più belle piazze d´Italia fu ideata dal Bramante e fatta costruire dal duca Ludovico il Moro. La piazza è circondata da portici ad arcate sorretti da 84 colonne tutti differenti fra loro. - One of the most beautiful squares of Italy was designed by Bramante and built by Duke Ludovico il Moro. The square is surrounded by arcades supported by 84 columns, all different each other. TS

11. Lodi - Duomo. Il Duomo di stile romanico si affaccia su Piazza Maggiore, cuore della città. All’interno sono conservate opere dei secoli XV e XVII tra cui un affresco tardo gotico che raffigura il Giudizio Universale. - The Romanesque Cathedral overlooking Piazza Maggiore, the heart of the city. Inside there are works of the fifteenth and seventeenth centuries, including a late Gothic fresco regarding the Last Judgement. 12. Lecco - Itinerari Manzioniani. Per gli amanti dei “Promessi Sposi”. Nell’itinerario si possono ammirare la casa di Lucia e la chiesa di Don Abbondio; sul colle dello Zucco si trova il castello di Don Rodrigo mentre più sopra Chiuso si trova quello dell’Innominato. - For who likes “The Betrothed”. In the itinerary people can admire Lucy’s house and the church of Don Abbondio; on the Zucco hill there is the castle of Don Rodrigo.

AN

55


Tourist

information

gastronomia

Read&fly

ia vez

e El Vial

P.zza Mappa del centro di Milano con siti d’interesse - Milan city Sempione center map with sites of interest

Parco Sempione

Lanza

8

Cadorna

zo

P.zza Conciliazione

P.ta Ve rcellin a

L.go Cairoli

Via Boccaccio

Vi a

5

enta

10

.Vitt ore

P.zza Affari Co

P.zza S.Ambrogio

Vi a

S.M

Vi a

in

pa Fop a i V

Parco Solari

S.Agostino

ian

56

S Via

o

Am

ici

o so C.

lari

de

i ent r r Co Via

G

s

a ov n e

12

e

Vi al

11

.so di P.ta Tic.s

Vi a

Ol on a

S.Ambrogio

eP ap

D

C.so Mag

Via S

Viale d i

Via C im

P.zza Castello

Cadorna

Via d’Ar ez

arosa

Pagano

3

Stazione FNM Cadorna

Via Ar io

Vi

sto

no

a ag P a

au

P.zza S.Giorgio

Via S

.Vi

Via M o

to

lino

Parco delle Basiliche


Ba

la Mo

s Read&fly

P.ta Venezia

sti

scova

information

on

oB ue no

Via de l

Tourist

C.s

Repubblica

Moscova

id

iP .ta

Ve n

n Via Solferi

ez

ia

Turati

P.ta Venezia

Giardini I.Montanelli

o an M Vi a

in

o

P.zza Diaz

a

ne odro

Largo Augusto

C.so di Pt.a Vittoria

P.zza Missori Missori

Underground Line 1

Giardino Guastalla

Metropolitana Linea 2 Ma

Underground Line 2

Reg ina

za

Metropolitana Linea 3

Via S

fo r

Underground Line 3

o de

P.zza S.Eufemia

lle ar

mi

Linea Ferroviaria Railway

a Sofi

a armor

.

S Via

m Via La

1

Via le

P.zza Velasca

rgh e

Metropolitana Linea 1

Numero corrispondente ad un sito d’interesse, descritto nella pagina successiva

Interest site’s number, explained in the next page

talia

Crocetta

C.

so

di

P.t a

Cald ara .Ne ro

o

rita

Vi a

To r

V. di M

P.zza Fontana

Via U .

P.zza Duomo

V.

II

aria

2

C.so

ele

nu Ema

Viale Premuda

1 Duomo 13

ur

P.zza S.Babila

S.Babila

M Viale Bianca

9 ordusio

oV en

ne

eo

ol

nt e

illo

C.s

zo n

i

o at

ap

.N

M

4

Da

Palestro

Viale Piave

en

7

a Vi

o Via Dell’Ors

Viale Maino

aS Vi

Montenapoleone

ezi

6

P.zza S.Marco

Via le

Laz 57 io


Read&fly

Tourist

information

gastronomia

1

6

2

3

4

5

7

8

ŠSimone Simone/Shutterstock.com

11

13

58

Špruciatti/Shutterstock.com

9

12

10


Tourist

information

Read&fly

1. Galleria Vittorio Emanuele. E’ indubbiamente il luogo principale della città. Nella piazza sono concentrati tutti i monumenti più importanti tra cui il Duomo, Santa Maria Maggiore, la Cappella Colleoni e il Battistero a pianta ottagonale. - Piazza Duomo is the main place of the town. In the square there are all the most important monuments including the Duomo, Santa Maria Maggiore, the Colleoni Chapel and the octagonal Baptistery. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M3 Duomo 2. Duomo. Con una superficie di 11.500 mq. (largo 93 metri e lungo 158), è il simbolo della città di Milano, edificio gotico interamente rivestito di marmo bianco rosato. All’esterno sono presenti circa 3400 statue, mentre all’interno 52 pilastri costituiscono l’ossatura portante dell’edificio. Numerose guglie sormontano l’edificio; la più elevata, su cui si erge la Madonnina, è alta 109 metri. - With an area of 11,500 square meters. (93 meters long and 158 large), The Dome of Milan is the symbol of the town. Outside there are about 3400 statues, while 52 pillars inside constitute the main structure of the building. Numerous pinnacles surmount the building; the highest, on which stands the Madonna, is 109 meters high. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M3 Duomo 3. Castello Sforzesco. Situato al di fuori delle mura medievali, il Castello Sforzesco fu fondato dai Visconti nel 1300. La facciata è dominata dalla torre del Filarete. All’interno vi è Piazza d’Armi, custode dei resti di antiche costruzioni ormai non più presenti. Sullo sfondo si erge la torre di Bona di Savoia, a sinistra la Rocchetta, luogo di salvezza per i castellani in pericolo. - Located outside the medieval walls, the Sforza Castle was founded by the Viscontis’ in the 1300. The facade is dominated by the tower of Philaret. Inside there is the Piazza d’Armi, in the background the tower of Bona of Savoy, on the left the Rocchetta. In the Rocchetta there’s the treasure room and the famous “Argus” of Bramante. Fermata Metro/Subway Stop: M1 Cairoli 4. Teatro “La Scala”. La Scala è considerato uno dei teatri migliori nel mondo. Può contenere 2,200 persone incluso 678 membri di orchestra, 409 posti a sedere nelle prime e seconde gallerie, ed altri 155 disposti su quattro livelli. - La Scala is one of the best theaters in the world. It can hold 2.200 people including 678 members of the orchestra, 409 seats in the first and second galleries, and other 155 arranged on four levels. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M3 Duomo 5. Cenacolo vinciano. Uno dei più grandi capolavori di Leonardo da Vinci è conservato nel refettorio della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Dipinto tra il 1494 ed il 1497, rappresenta l’Ultima Cena di Gesù Cristo, dove Gesù annuncia il tradimento di Giuda. - One of the greatest masterpieces of Leonardo da Vinci is preserved in the refectory of the church of Santa Maria delle Grazie. Painted between 1494 and 1497, represents the Last Supper of Jesus Christ, where Jesus announces the betrayal of Judas. Fermata Metro/Subway Stop: M1 Conciliazione 6. Pinacoteca di Brera. La Pinacoteca è una delle Gallerie di arte antica e moderna più famosa al mondo, locata in Via Brera 28. Nel museo vi è una delle più celebri raccolte di pittura, specialmente veneta e lombarda. Grazie alle donazioni di privati cittadini la pinacoteca offre un percorso espositivo che spazia dalla preistoria all’arte contemporanea. - It’s one of the most famous Art Gallery (antique and modern) in the world, located at Via Brera 28. The museum is one of the most famous collections of paintings, especially from Veneto and Lombardy. Thanks to donations from private citizens, the art museum offers an exhibition from prehistory to the contemporary art. Fermata Metro/Subway Stop: M2 Lanza 7. Via Montenapoleone. E’ una delle vie più eleganti e costose di Milano. E’ la strada più importante del quartiere milanese della moda, meglio note come il Quadrilatero della moda, dove molti famosi stilisti hanno le loro boutique d’alta moda e dove sono presenti i maggiori negozi di design di tutte le marche di fama mondiale. - Is one of the most elegant and expensive streets of Milan. It is the most important street of Milan’s fashion district, the “Quadrilatero della Moda”, where many famous designers have their boutiques, and where there are many important design shops. Fermata Metro/Subway Stop: M3 Montenapoleone 8. Triennale Design Museum. Nato nel 2007, il Triennale Design Museum è il primo museo dedicato esclusivamente al design italiano. È un museo dinamico, mai uguale a se stesso. Il leit-motiv della Triennale è infatti il rinnovamento continuo, l’offrire continuamente al visitatore nuovi punti di vista, nuove atmosfere, nuove emozioni. - Born in 2007, the Triennale Design Museum is the first museum dedicated exclusively to the Italian design. It is a dynamic museum, never equal to itself. The leitmotif of the Triennale is in fact the ongoing renovation, the always beandnew perspectives, atmospheres and emotions. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M2 Cadorna 9. Piazza Mercanti. E’ una piazza centrale della città, cuore della Milano medioevale. Si trova tra Piazza del Duomo e Piazza Cordusio. E’ nota come “Piazza del Broletto”, nomignolo nato dopo la costruzione del “Broletto Nuovo”, luogo in cui si svolgevano le assemblee cittadine e l’amministrazione della giustizia. - It is a central square in the centre of the town, the heart of medieval Milan. It is located between Piazza del Duomo and Piazza Cordusio. It is called also “Square Broletto”, nickname given after the construction of the “New Broletto”, place where there was the administrative headquarters of the city. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M3 Duomo 10. Basilica di S.Ambrogio. Una delle chiese più antiche di Milano, costruita da S. Ambrogio nel periodo tra il 379 e il 386, in una zona dove numerosi martiri delle persecuzioni romane erano stati sepolti. Proprio per questo il primo nome della chiesa era appunto Basilica dei Martiri. One of the most ancient churches in Milan, it was built by St. Ambrose in the period between the 379-386, in an area where numerous martyrs of the Roman persecutions were killed. The first name of the church was in fact Basilica Martyrum. Fermata Metro/Subway Stop: M2 S.Ambrogio 11. Basilica di S.Lorenzo. La sua costruzione risale all’Editto di Costantino e risente ancora dello stile romano, con sale per le terme e aule e spazi per la preghiera e la celebrazione. Compongono la Basilica anche il matroneo, la cappella ottagonale di S. Ippolito, la cappella di S. Aquilino e quella di S. Sisto, ultimata agli inizi del VI secolo. - It was built during the Edict of Constantine. The Basilica is “full” of Roman style, with rooms for the spa and spaces for prayers and celebrations. The Basilica is made also by the also make the “matroneo”, the octagonal chapel of S. Hippolytus, the chapel of St. Aquilino and S. Sisto, completed in the early sixth century. Fermata Metro/Subway Stop: M2 S.Ambrogio 12. Naviglio Grande. Fu costruito dal 1177 al 1257 e sorge dal Ticino. Lungo circa 50 km, serviva come sistema di trasporto fluviale dal Lago Maggiore e dalla Svizzera e fu essenziale per trasportare i marmi utilizzati per la costruzione del Duomo. Il Naviglio Grande è uno dei luoghi di ritrovo più famosi della movida milanese. - It was built from 1177 to 1257 and rises from Ticino. About 50 km long, was used as a system of river transport from Lake Maggiore and from Switzerland and it was essential to transport the marble used for the construction of the Cathedral. The Naviglio Grande is one of the most famous place of Milan nightlife. Fermata Metro/Subway Stop: M2 Porta Genova 13. Palazzo Reale. Sede del governo della città per molti secoli, oggi è un importante centro culturale, sede di esposizioni e mostre. Il palazzo si trova alla destra della facciata del Duomo nella posizione opposta rispetto alla Galleria Vittorio Emanuele II. - The place of city government for many centuries, today it is an important cultural center for exhibitions. The building is located to the right of the facade of the Duomo in the opposite position of the Galleria Vittorio Emanuele II. Fermata Metro/Subway Stop: M1, M3 Duomo

59


Read&fly

60

Tourist

information

gastronomia


Tourist

Read&Fly ringrazia ATM S.p.a. per la gentile concessione dello schema metro di Milano.

information

Read&fly

61


O

SS

A8

T

VES

VES

EO

IAL

NZ

GE

TAN EO

IAL

NZ

GE

TAN

T

MILANO MILANO

MILANO CADORNA MILANO CADORNA

SP14 MILANO P.GARIBALDI MILANO P.GARIBALDI

MILANO CENTRALE MILANO CENTRALE

AEROPORT AEROPORTO LINATE LINATE

SP14

DZIALE NORD LE NOERN ZIA TANGENZIA TANG NEZIA A4 VENE A 4 VE

Più Info - More info: www.trenitalia.it; www.trenord.it; www.malpensaexpress.it; www.sbb.ch

MILANO BOVISA MILANO BOVISA

A9 COMO-CHIASSO

SS11

A8

SARONNO

A9 COMO-CHIASSO

SS11

33 SARONNO

TILO S30 Bellinzona-Malpensa TILO S30 Bellinzona-Malpensa

Malpensa Express Malpensa Express Malpensa Express Malpensa Express

33

SS

O ORIN A4 TORIN A4 T

AEROPORTO AEROPORTO T1/T2 MALPENSAMALPENSA T1/T2

SS336

GALLARATE

A8 A8 VA VBUSTO AR ARSIZIOBUSTO RE ARSIZIO FNM FNM 6 3 SE 3 E SS SE

GALLARATE

Mappa dei collegamenti ferroviari all’aeroporto di Milano Malpensa - Railway links to Milan Malpensa Airport

A7

BESNATE

VA

BESNATE

A7

BELLINZONA

LE EST

TANGENZIA

BELLINZONA

VA

information

GEN O

gastronomia

GEN O

LE EST

62

Tourist

TANGENZIA

Read&fly

A

A1 B

A1

N OG L O A

B N OG L O


Legnano

33

SS

Magenta

33

SS

SS11

A8 Rho

A9 COMO-CHIASSO

A8

TAN

LE

ORozzano VES T

Monza

SP14 AEROPORTO LINATE AEROPO LINATE

S.Giuliano M.se

S.Donato M.se S.Giuliano M.se

S.Donato M.se

SP14

A1

Rozzano

Sesto S.Giovanni

Sesto S.Giovanni

Monza IA VENEZ 4 A D LE NOR TANGENZIA NEZIA A4 VE

ORD GENZIALE N

MILANO MILANO IAL TEAN OV GEEST NZ IA

NZ

GE

TAN

Trezzano sul Naviglio

Trezzano sul Naviglio

Rho

Saronno

A9 COMO-CHIASSO

SS11

Saronno Legnano

information

Strada Provinciale

Autostrada Strada Statale/Superstrada Autostrada Strada Provinciale Strada Statale/Superstrada

INO A4 TORMagenta

A4 TORIN

O

MALPENSA T1/T2

E SS336 Busto Arsizio SE AEROPORTO Busto Arsizio MALPENSA T1/T2 AEROPORTO

Pi첫 Info - More info: www.autostrade.it; www.milanomalpensa1.eu

A

ESEA8 VA R

OVA

VA R

7G EN

SS336

A

A8

LE EST TANGENZIA

Gallarate

OVA

LE EST TANGENZIA

Gallarate

Mappa dei collegamenti stradali ed autostradali agli aeroporti di Milano Malpensa e Linate - Motorway system map to Milan Malpensa and Linate airports

7G EN

Tourist Read&fly

A

A1 B GN O OL

A

B GN O OL

63


Read&fly

ips

gastronomia

ravel

Certosa di Pavia (PV) “un complesso monumentale di rara bellezza del tardo gotico lombardo, a due passi da Milano� 64 64

Sopra: veduta del complesso monasteriale


Read&fly

MoviGroup è un consorzio di società che operano nel settore dei servizi. Il suo principale e specifico impegno si concretizza nell’attività di promozione e sviluppo dei servizi offerti dalle consorziate MoviCoop e MoviTechno. La nostra forza è quella di lavorare nella consapevolezza di mettere a disposizione dei clienti il know-how acquisito e costantemente innovato dalla ricerca di nuovi metodi e tecnologie, per garantire la gestione ottimale di ogni singolo servizio.

L’esperienza acquisita nell’erogazione di servizi ai maggiori network televisivi e la flessibilità operativa overtime, attribuiscono a MoviCoop un ruolo competitivo nel settore specialistico della movimentazione, montaggio e smontaggio di scenografie ed allestimento palchi. MoviCoop è anche specializzata nella logistica e nella gestione di magazzini conto proprio e conto terzi, trasporti nazionali ed internazionali, trasporti speciali, traslochi in ogni settore. Il parco veicoli, i mezzi speciali e il personale altamente specializzato assicurano un servizio in grado di coprire tutte le esigenze del cliente.

MoviTechno è la società che fornisce interventi nel settore tecnico audio, luci e video, avvalendosi della collaborazione dei più preparati professionisti. Tramite l’operato della propria struttura, noleggia e gestisce impianti illuminotecnici, gruppi elettrogeni per i set interni ed esterni delle produzioni televisive e cinematografiche. MoviTechno ha propri laboratori per la realizzazione di scenografie per il settore televisivo e teatrale, ambientazioni per eventi (moda e spettacolo), stand fieristici, allestimenti, ecc.

65


Read&fly

66

gastronomia

Read&Fly - Copia 2 - Aprile 2012  

Read&Fly is a lifestyle free magazine released in Milan Malpensa and Linate airports.

Advertisement