Page 1

Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:50 Pagina 1 n.1 febbraio 2009

settimanale di basket people e sport.

Siena taglia Sato per Vade Campionato di serie A impossibile da perdere! Siena taglia Sato per Vade

PerchĂŠ Blizzard non gioca?


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:50 Pagina 2

n.1 febbraio 2009


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:50 Pagina 3

BASKETVILLE n.1 febbraio 2009


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:50 Pagina 4

#2A

Settimanale di basket e sport anno I - 2009

Direttore responsabile che il Quadrato fosse un'inve In redazione l 1868 uno scavo archeologico tra le rovine dell'antica città romana di Corinium (oggi Cirencester, nel Gloucestershire, in Inghilterra) Hanno collaborato oggi conservato al museo archeologico della stessa città, il Quadrato appare nella sua versione speculare, che inizia con la parola ROTAS (fig. 1).Si cominciò allora a diffondere la convinzione che esso rappresentava un Progetto grafico rché tutti i ritrovamenti fino ad alloramodo adottato dai primi Cristiani, la cui fede religio Concessionaria di pubblicità a era ancora contrastata e vietata dai Romani, per adorare la croce in forma dissimulata: le due parole TENET, infatti, disegnano al centro del quadrato un croce perfetta, centrata sull'unica. L'ipotesi si rafforzò allorché Felix Grossner, pastore evangelista di Chemnitz, scoprì dopo numerose prove che le 25 lettere del quadrato potevano essere disposte in modo da formare le parole PATERNOSTER incrociate e poste tra le lettere A ed O, corrispondenti, in questa interpretazione, alle lettere Alfa ed Omega dell'alfabeto greco, il principio e la fine di tutte le cose.A rinforzare ulteriormente la tesi cristiana contribuì un'ulteriore scoperta, avvenuta nella città siriana di Dura-Europos,

editoriale Gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 miguar mano due competizioni iverse da un campionato di Serie A mpossibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el 2009 rigu dcdsachghadsardano due competizioni erse da unampionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali l 2009 riguardano due competizioni erse da un campionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el 2009 riguardano due competizioniiverse da un campionato di Serie A mpossibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali 2009 riguardano due competizioni erse da un mpionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. Gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 miguar mano due competizioni iverse da un campionato di Serie A mpossibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el 2009 rigu dcdsachghadsardano due competizioni erse da unampionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali l 2009 riguardano due competizioni erse da un campionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el 2009 riguardano due competizioniiverse da un campionato di Serie A mpossibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali 2009 riguardano due competizioni erse da un mpionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi.


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:50 Pagina 6

n.1 febbraio 2009

3

Serie A A Bologna la Milano più confusa di sempre. di Nome Cognome

7

Legadue Perché Blizzard non gioca? di Nome Cognome

13

Minors Siena taglia Sato per Vade di Nome Cognome

25

Donne A Bologna la Milano più confusa di sempre. di Nome Cognome

30

Europa Perché Blizzard non gioca? di Nome Cognome

37

Nba Siena taglia Sato per Vade di Nome Cognome

39

Ncaa A Bologna la Milano più confusa di sempre. di Nome Cognome

43

Nazionale A Bologna la Milano più confusa di sempre. di Nome Cognome

Blog in Palla con estro Il mastino di Basketville Lo spifferaio magico Pixel Goldplay

]

6

3 7 25 30 37 39

[

7


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:51 Pagina 8

Serie A

A Bologna, la Milano più confusa di sempre Gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per Montepaschi.

di Nome Cognome - foto di Nome Cognome

entrambi i sensi, come ve ne sono tante altre. La sua singolare caratteristica, però, è che, essendo formata da cinque parole di cinque lettere ciascuna, è possibile iscrivere la stessa frase in un quadrato di 5 x 5 caselle all'interno del quale la frase può essere letta in quattro

]

8

direzioni possibili: da sinistra verso destra, e viceversa, oppure dall'alto verso il basso, e viceversa. Inizialmente si credette che il Quadrato fosse un'invenzione medievale, perché tutti i ritrovamenti fino ad allora effettuati non erano databili prima del IX secolo. Ma nel 1868 uno scavo archeologico tra le rovine dell'antica città romana di Corinium (oggi Cirencester, nel Gloucestershire, in Inghilterra) rivelò la curiosa iscrizione sull'intonaco di una casa databile al III sec. d.C.. In tale frammento, oggi conservato al museo archeologico della stessa città, il Quadrato appare nella sua versione speculare, che inizia con la parola ROTAS (fig. 1).Si cominciò allora a diffondere la convinzione che esso rappresentava un modo adottato dai

primi Cristiani, la cui fede religiosa era ancora contrastata e vietata dai Romani, per adorare la croce in forma dissimulata: le due parole TENET, infatti, disegnano al centro del quadrato un croce perfetta, centrata sull'unica. L'ipotesi si rafforzò allorché Felix Grossner, pastore evangelista di Chemnitz, scoprì dopo numerose prove che le 25 lettere del quadrato potevano essere disposte in modo da formare le parole PATERNOSTER incrociate e poste tra le lettere A ed O, corrispondenti, in questa interpretazione, alle lettere Alfa ed Omega dell'alfabeto greco, il principio e la fine di tutte le cose.A rinforzare ulteriormente la tesi cristiana contribuì un'ulteriore scoperta, avvenuta nella città siriana di Dura-Europos,

sull'Eufrate, antica colonia romana (300256 a.C.). In essa furono ritrovato quattro esemplari del Quadrato Magico, tutti nella versione speculare, databili attorno al 200-220 dell'era Cristiana. Non mancarono, però, gli oppositori a questa tesi. La maggior parte delle critiche mosse a questa interpretazione nascevano dal fatto che essa, comunque, non spiegava nulla circa il significato letterale del quadrato (maggiori dettagli saranno spiegati più avanti). Il problema principale era quello di spiegare la parola AREPO, inesistente nel vocabolario latino, e che molti critici si rifiutavano di accettare come nome proprio di persona (Arepo, onis, Arepone). Questo ostacolo venne presto superato: venne scoperto che nell'antica Gallia, al tempo della.

FUORICAMPO > SATOR è la più famosa struttura palindroma che da secoli ha attratto gli studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, in una frase in lingua latina (SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS) che può essere letta. studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, in una frase in lingua latina (SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS) che può essere letta.studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, in una frase in lingua latina (SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS) che può essere letta.studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, in una fraetta.studiosi a causa del.

G.B.

>

v

ince la Virtus e vince la Virtus. Il quadrato magico del SATOR è la più famosa struttura palindroma che da secoli ha attratto gli studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, in una frase in lingua latina (SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS) che può essere letta.

[

9


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:51 Pagina 10

blog in Sicuri che Siena abbia già vinto lo scudetto?

Per Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per la Montepaschi. Dopo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari ancora più forti: la tradizione negativa in Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la

]

10

corazzata senese è stata, per ragioni diverse, battuta alimentando appunto la leggenda metropolitana di essere condizionata in negativo nelle gare “dentro o fuori”. Piccolo o grande neo, handicap psicologico vero o falso, certamente subìto nella Final Eight che assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto

Italia

Siena taglia Sato per Vade Gli interrogativi e gli obiettivi principali riguardano due competizioni.

a cura di Franco Montorno

meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gran parte del merito va a Ferdinando Minucci, presidente della sezione pallacanestro della

di Nome Cognome foto di Nome Cognome

Mens Sana, da tempo “deus ex machina” non solo del club ma dell'intera attività politica della Lega Basket, dove peraltro ha convenienza a svolgere solo compiti di gestione degli equilibri anziché essere forza propositiva: all stato attuale delle cose, infatti, Siena è talmente più forte della concorrenza da potersene sotto sotto infischiare dei confronti e degli scontri con la Federazione in materia di tesseramenti e regolamenti: finché la Montepaschi resta nettamente più forte delle consorelle se ne cura il giusto. (franco montorro)

B

opo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari ancora più forti: la tradizione negativa in Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la corazzata . Piccolo o grande neo, handicap psicologico vero o falso, certamente subìto nella Final Eight che assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come

confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gran parte del merito va a Ferdinando Minucci, presidente della sezione pallacanestro della Mens Sana, da tempo “deus ex machina” non solo del club ma dell'intera attività politica della Lega Basket, dove peraltro ha convenienza a svolgere solo compiti di gestione degli equilibri anziché essere forza propositiva: all stato attuale delle cose, infatti, Siena è talmente più forte della concorrenza da potersene sotto sotto infischiare dei confronti e degli scontri con la Federazione in materia di tesseramenti e regolamenti: finché la Montepaschi resta nettamente più forte delle consorelle se ne cura il giusto. Quello toscano non è il club più ricco,

non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gran parte del merito va a Ferdinando Minucci, presidente della sezione pallacanestro della Mens Sana, da tempo “deus ex machina” non solo del club ma dell'intera attività politica della Lega Per Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibil.

[

11


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:51 Pagina 12

Italia

Perché Blizzard non gioca? Gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per Montepaschi. di Nome Cognome - foto di Nome Cognome

D

opo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari ancora più forti: la tradizione negativa in Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la corazzata . Piccolo o grande neo, handicap psicologico vero o falso, certamente subìto nella Final Eight che assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più

]

12

stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gran parte del merito va a Ferdinando Minucci, presidente della sezione pallacanestro della Mens Sana, da tempo “deus ex machina” non solo del club ma dell'intera attività politica della Lega Basket, dove peraltro ha convenienza a svolgere solo compiti di gestione degli equilibri anziché essere forza propositiva: all stato attuale delle cose, infatti, Siena è talmente più forte della concorrenza da potersene sotto sotto infischiare dei confronti e degli scontri con la Federazione in materia di tesseramenti e regolamenti: finché la Montepaschi resta nettamente più forte delle consorelle se ne cura il giusto.

Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gran parte del merito va a Ferdinando Minucci, presidente della sezione pallacanestro della Mens Sana, da tempo “deus ex machina” non solo del club ma dell'intera attività politica della Lega Per Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse.

[

13


Basketville_progetto:Layout 1 04/02/09 18:51 Pagina 14

news Chi gioca a Liverpool?

Per Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per la Montepaschi. Dopo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari ancora più forti: la

Niente palla per il campione. Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la corazzata senese è stata, per ragioni diverse, battuta alimentando appunto la leggenda metropolitana di essere condizionata in negativo nelle gare “dentro o fuori”. Piccolo o grande

Niente palla per il campione assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei

]

14

Niente palla per il campione

più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure

Appuntament o a Berlino per il 2010. sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui g Per Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per

GLI INTERROGATIVI DEL 2009 Mmiguar mano due competizioni iverse da un campionato di Serie A mpossibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el 2009 rigu dcdsachghadsardano due competizioni erse da unampionato di Serie A possibile da perdere, per Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali l 2009 riguardano due competizioni erse da un campionato di Serie A possibile da perdere, per Gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 miguar mano due competizioni ivers mcampionato di Serie A mpossibile perdere, Montepaschi. li interrogativi e gli obiettivi principali el.

la Montepaschi. Dopo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari

ancora più forti: la tradizione negativa in Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la corazzata senese è stata, per ragioni diverse, battuta

essere condizionata in negativo nelle gare “dentro o fuori”. Piccolo o grande neo, handicap psicologico vero o falso, certamente subìto nella Final Eight che assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince

Niente palla per il campione l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente

quello che gode delle simpatie più ricorrenti da parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui gPer Siena gli interrogativi e gli obiettivi principali del 2009 riguardano due

Appuntament o a Berlino per il 2010. competizioni diverse da un campionato di Serie A impossibile da perdere, per la Montepaschi. Dopo la larga vittoria contro la Virtus Bologna, con già dieci punti di vantaggio in classifica su inseguitrici senza speranza anche nella lotteria dei playoff, i presenti e futuri campioni d'Italia hanno solo due tipologie di avversari ancora più forti: la tradizione negativa in Coppa Italia e l'asticella a misure da record in Eurolega. Non a caso, competizioni con conclusioni in gare secche, le uniche finora nelle quali la corazzata senese è stata, per ragioni diverse, battuta alimentando appunto la leggenda metropolitana di essere condizionata in negativo nelle gare “dentro o fuori”. Piccolo o grande neo, handicap psicologico vero o falso, certamente

subìto nella Final Eight che assegna la Coppa Italia e che nelle ultime edizioni ha fatto la felicità degli scommettitori che hanno puntato su una sconfitta dei più forti. A Bologna a metà febbraio, un'altra conferma del destino beffardo o il superamento del tabù. In Europa, la questione è molto meno affidata alle suggestioni. Una squadra italiana non vince l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione

Niente palla per il campione

dell'Eurolega in corso. Appuntamento a Berlino in maggio, si spera, contro greci, spagnoli e il Cska di Ettore Messina. Quello toscano non è il club più ricco, non è quello che ha più tifosi, non è certamente quello che gode delle simpatie più ricorrenti da

nella prima frazione dell'Eurolega in corso all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche nella prima frazione dell'Eurolega in corso.

parte di media sempre un po' troppo sbilanciati verso le metropoli o verso Bologna Basket City. Però è certamente il meglio organizzato e qui g

Niente palla per il campione l'Eurolega dal 2001 e negli ultimi anni proprio solo Siena è riuscita ad arrivare all'atto conclusivo della Final Four. Mai da favorita, mai in finale eppure sempre più stabilmente nel'élite continentale, come confermato anche

[

15

Basketville  

Settimanale di basket, people e sport

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you