Issuu on Google+

Guggenheim MUSEUM


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI CORSO DI LAUREA PROGETTAZIONE DI SISTEMI ESPOSITIVI E MUSEALI anno accademico 2009 / 10

COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE COLLEZIONI MUSEALI allieva Chiara Davì Prof. Cinzia Ferrara


Museo Guggenheim Un museo d’arte di fama internazionale e una delle icone più significative dell’architettura del XX secolo, il Museo Guggenheim è al tempo stesso un centro di vita culturale, un istituto educativo e il cuore di una rete internazionale di musei. I visitatori possono sperimentare mostre d’arte moderna e contemporanea, lezioni tenute da artisti e critici, spettacoli e proiezioni di film, corsi per ragazzi e adulti e gite giornaliere alle gallerie guidate da docenti esperti. Fondato per esporre una raccolta dei primi capolavori moderni, il Museo Guggenheim è un’istituzione sempre di più dedicata all’arte del XX secolo e oltre. Dal suo avvio nel 1937, il Solomon R. Guggenheim Foundation è stato un ente preminente per la raccolta, la conservazione, e la ricerca d’arte moderna e contemporanea. Alla rete globale che ha avuto inizio nel 1970 con il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, si è aggiunta la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, che è stata ampliata nel 1997, e contestualmente ha visto la nascita del Museo Guggenheim di Bilbao e il Deutsche Guggenheim di Berlino. Ogni museo unisce l’architettura a grandi opere, una tradizione che è diventata un marchio di garanzia Guggenheim. Guardando al futuro, la Fondazione Guggenheim continua a stringere rapporti di cooperazione internazionale per lo sviluppo di nuovi musei in Medio Oriente, America Latina e Asia. Grazie alla sua celebre collezione, alle mostre speciali, agli sforzi di conservazione, alle iniziative educative e alle borse di studio, il Guggenheim è internazionalmente riconosciuto come un pioniere e pietra di paragone per tutte le istituzioni culturali.


STORIA La Solomon R. Guggenheim Foundation è nata nel 1937, e aprì il Museo di Pittura Non-Objective nel 1939, la sua prima sede a New York, per l’esposizione d’arte. L’insolita galleria progettata da Lewis Muschenheim per volere di Hilla Rebay, il curatore della fondazione e direttore del museo - è stata costruita in un salone automobilistico sulla East ex Fifty - fourth Street a Manhattan. Con le mostre di collezioni d’arte un pò eccentriche del Solomon Guggenheim, il Museo di Pittura Non-Objective fornì grandi opere, da Vasily Kandinsky, come il Quadrato nero (giugno 1923), nonché opere dei suoi seguaci, tra cui Rudolf Bauer, Alice Mason, Otto Nebel, Rolph e Rossella. La necessità di un edificio permanente per la casa d’arte della collezione Guggenheim Solomon è stata evidente negli inizi del 1940; entro tale data, l’anziano Solomon aveva accumulato un gran numero di dipinti di avanguardia. Hilla Rebay ha commissionato la costruzione del museo a Frank Lloyd Wright nel 1943. Nel corso dei dodici anni successivi Wright avrebbe creato sette disegni per il museo che è stato aperto il 21 ottobre 1959, diversi mesi dopo la morte di Wright e dieci anni dopo quella di Solomon. Il Solomon R. Guggenheim Museum è stato pronto a crescere ben oltre l’intenzione originale dei suoi fondatori. Il principio spesso attribuito a Hilla Rebay era quello di raccogliere i più importanti esempi di arte non oggettiva disponibili, compreso la Composizione 8 di Kandinsky (luglio 1923), il contrasto delle Forme di Fernand Léger (1913), e la Simultaneous Windows di Robert Delaunay (2 ° Motif, 1 ª parte)(1912). Nel 1948, la collezione della Guggenheim Foundation si ampliò di 730 oggetti con l’acquisto di tutta la tenuta di Karl Nierendorf, un rivenditore d’arte di New York specializzato in dipinti tedeschi. La collezione Guggenheim ora include una ricca gamma di opere di grandi espressionisti e


surrealisti con dipinti di Marc Chagall, Paul Klee, Oskar Kokoschka, e di Joan Miró. Ma nel 1953 la collezione della fondazione si estese ulteriormente grazie al suo nuovo direttore, James Johnson Sweeney, che respinse il licenziamento di Rebay ed acquistò Adamo ed Eva (1921 di Constantin Brancusi), aprendo così la strada per l’acquisizione di opere di altri grandi scultori modernisti, tra cui Jean Arp, Alexander Calder, Alberto Giacometti, e David Smith. Sweeney abbandonò anche il principio che la collezione Guggenheim doveva essere limitata all’arte del XX secolo, con l’acquisizione nel 1954 di Paul Cézanne “Uomo con le braccia incrociate” (ca. 1899). Il successivo salto in avanti si è verificato nel 1963, quando Thomas M. Messer, che era succeduto a Sweeney due anni prima come direttore, acquisto’ un ampio gruppo di opere dalla collezione privata del gallerista Justin K. Thannhauser, capolavori di postimpressionisti ed impressionisti, tra cui importanti opere di Paul Gauguin, Edouard Manet, Camille Pissarro, e Vincent van Gogh, così come 32 opere di Pablo Picasso. Con la collezione Thannhauser, che ora consta di 73 opere, la raccolta della Fondazione Guggenheim acquista profondità storica significativa. Tale risultato del 1970 convinse Peggy Guggenheim a donare il Palazzo Venier dei Leoni e l’intera collezione di oltre 300 importanti opere astratte e surrealiste. La Collezione Peggy Guggenheim comprende capolavori di Marcel Duchamp, Max Ernst, un raro quadro d’arte suprematista di Kazimir Malevich, diversi capolavori di Picasso, e forse più importanti, 11 opere di Jackson Pollock. Quando Peggy Guggenheim morì nel 1978, la Fondazione Guggenheim ha iniziato ad operare in più di una sede nello stesso tempo, e questa espansione è diventata una parte importante dell’identità della fondazione. La Collezione Peggy Guggenheim si trova a Venezia sul Canal Grande, aperta al pubblico nel 1985; lo stesso anno gli Stati Uniti commissionarono alla


Fondazione di operare e mantenere il Padiglione USA della Biennale di Venezia, che è oggi di proprietà della fondazione. L’ampliamento successivo si è verificato nel 1991, con l’aggiunta della Collezione Panza. Queste opere degli anni 1960 e 1970 sono state acquisite dalla vasta collezione assemblata dal conte Giuseppe di Biumo in collaborazione con la moglie, Giovanna Panza. La Collezione Panza è stato il primo acquisto importante di Thomas Krens, che divenne direttore nel 1988, e la sua enfasi sulla scultura e pittura astratta è stata una scelta naturale all’interno dei parametri storici di opere acquisite dalla Fondazione. La Collezione Panza include molti esempi di sculture minimaliste di artisti come Carl Andre, Dan Flavin e Donald Judd; forti esempi di dipinti altrettanto minimalisti, di Robert Mangold, Brice Marden, e Robert Ryman, e una ricca gamma di opere PostMinimal, concettualiste e percettive di Robert Morris, Richard Serra, James Turrell, Lawrence Weiner, tra i tanti. Nel corso degli anni ‘90, Krens ha assistito ad un aumento superiore del 50 per cento della raccolta complessiva della Guggenheim Foundation. Forse più importante della quantità degli acquisti è stato l’ampliamento del campo di applicazione della collezione nell’includere fotografia contemporanea, che era stata quasi ignorata dalla Fondazione, e l’arte multimediale. Senza perdere di vista il profondo impegno di ampliare la collezione permanente, una delle iniziative più significative era quella di costruire un’immagine internazionale distintiva dell’istituzione. Il governo basco di Bilbao ha proposto come sito per un terzo Guggenheim Museum, nel 1991, la California, e l’architetto Frank Gehry è stato scelto per progettare l’edificio. Quando ha aperto nel 1997, il Guggenheim Museum di Bilbao, una spettacolare struttura in titanio, vetro e pietra calcarea, è stato accolto con molto fervore dalla critica di tutto il mondo. Avendo appena passato


il suo decimo anniversario, il Museo Guggenheim di Bilbao ha presentato oltre 90 mostre a oltre dieci milioni di visitatori. Oltre a evidenziare la sua collezione permanente che comprende opere di artisti moderni e contemporanei baschi e spagnoli come Eduardo Chillida, Juan Munoz, e Antonio Sauro, così come le opere della Fondazione Guggenheim, il Museo Guggenheim di Bilbao ha organizzato molteplici mostre speciali e mostre curate dal Guggenheim Museum di New York. Questi eventi hanno incluso mostre monografiche di artisti come Anselm Kiefer e Nam June Paik, e indagini storiche approfondite come la Cina, 5000 anni e la Russia!: Novecento anni di capolavori e collezioni. Dopo l’apertura del Museo Guggenheim di Bilbao, la Fondazione Guggenheim ha ulteriormente ampliato la sua portata grazie alla collaborazione con la Deutsche Bank in uno spazio espositivo di Berlino. Fin dalla sua istituzione nel 1997, il Deutsche Guggenheim ha presentato un calendario annuale dinamico di quattro mostre, integrato da programmi educativi. Forse l’aspetto più singolare della loro programmazione è che la Deutsche Guggenheim commissiona annualmente una, o occasionalmente due nuove opere di una serie di artisti contemporanei, che hanno debuttato in mostre organizzate in collaborazione con gli artisti selezionati e uno o più curatori del Guggenheim Museum. Nel 2001 la Fondazione Guggenheim e il Museo di Stato dell’Hermitage di San Pietroburgo insieme hanno aperto il Guggenheim Hermitage Museum presso l’Hotel Venetian Resort-Casino a Las Vegas. Questo piccolo museo, progettato dall’architetto di fama internazionale Rem Koolhaas, è incentrato sulla presentazione di capolavori provenienti dalle collezioni permanenti dei musei collegati. La mostra inaugurale, Capolavori e Collezionist: Impressionisti e primi dipinti moderni dal Museo dell’Ermitage e Musei Guggenheim, espone una selezione di 42 opere chiave evidenziando i complementari ma distinti punti di forza di queste due


collezioni di fama mondiale. Nel maggio del 2008 il Guggenheim Hermitage Museo, conosciuto come il “Jewel Box”, ha concluso il suo incarico di sette anni a Venezia, che attrae oltre 1,1 milioni di visitatori con dieci mostre di capolavori di importanti artisti degli ultimi sei secoli, da Van Eyck, Tiziano, Velázquez a Van Gogh, Picasso e Pollock. Attualmente, la Fondazione, in collaborazione con il Museo Statale Hermitage, sta conducendo uno studio per un nuovo museo a Vilnius. Durante la gestione dei musei esistenti e l’esplorazione di nuove iniziative, la Fondazione Guggenheim sposta regolarmente e coorganizza mostre con altri musei, al fine di condividere le proprie competenze e rafforzare la sensibilizzazione del pubblico. Di tanto in tanto la fondazione riceve richieste per la programmazione culturale internazionale su una scala più ampia, offrendo l’opportunità di organizzare una mostra globale delle sue collezioni che è specificamente pensata per un’altra sede internazionale. L’obiettivo di questo programma è quello di educare il pubblico all’arte moderna e contemporanea attraverso la celebrata collezione Guggenheim. Oggi il Guggenheim gestisce quattro musei nel mondo, New York, Venezia, Bilbao, e Berlino,e pianifica di aprirne un quinto ad Abu Dhabi. Progettato dall’architetto Frank Gehry, il Guggenheim Abu Dhabi Museum, un museo di arte moderna e contemporanea, sarà costruito su Saadiyat Island, adiacente alla principale isola di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti. Il Guggenheim si unisce al Louvre e ad altre istituzioni di primo piano nella creazione senza precedenti, di un distretto culturale vivace in Medio Oriente. Con quasi tre milioni di visitatori annuali a livello mondiale, il Guggenheim e la sua rete di musei è una delle istituzioni culturali più visitate al mondo.


L’EDIFICIO ARCHITETTONICO La costruzione di Wright, dice Goldberger, “ha reso socialmente e culturalmente accettabile, per un architetto il progettare un museo altamente espressivo, intensamente personale. In questo senso, quasi tutti i musei del nostro tempo sono figli del Guggenheim “. Nel loro insieme, i musei di Wright e Gehry sono giunti a rappresentare il carattere unico del Guggenheim nella memoria collettiva. Ciò ha portato alcuni osservatori a parlare di un marchio Guggenheim che è indissolubilmente legato all’architettura, non solo all’arte.

Nel 1969, Peggy Guggenheim decise di lasciare in eredità la sua collezione d’arte e il palazzo sul Canal Grande alla fondazione, istituita dallo zio trentadue anni prima; morì dieci anni dopo, e il Guggenheim fu immediatamente trasformato dalla sola sede di New York in una entità binazionale che sarebbe ancora cresciuta.


GUGGENHEIM OF NEW YORK Nel 1943, Frank Lloyd Wright è stato incaricato di progettare un edificio per ospitare il Museo di Pittura Non-obiettiva, che era stato istituito dalla Fondazione Solomon R. Guggenheim nel 1939. In una lettera del 1 giugno del 1943, Hilla Rebay, curatore della Fondazione e direttore del museo, incaricò Wright: "voglio un tempio dello spirito, un monumento!". Il progetto di una ziggurat invertita di Wright non è stato costruito fino al 1959. Numerosi fattori hanno contribuito a questi sedici anni di ritardo: modifiche al design (l'architetto produsse sei gruppi distinti di piani e 749 disegni), l'acquisizione di beni complementari, e l'aumento dei costi dei materiali da costruzione a seguito della seconda guerra mondiale. La morte del benefattore del museo, Solomon R. Guggenheim, nel 1949, ritardò ulteriormente la realizzazione del progetto. Fu solo nel 1956 che


la costruzione del museo, ribattezzato in memoria di Guggenheim, finalmente cominciò. Il capolavoro di Frank Lloyd Wright fu aperto al pubblico il 21 ottobre 1959, sei mesi dopo la sua morte, e fu subito riconosciuto come un punto di riferimento architettonico. Il Solomon R. Guggenheim Museum è senza dubbio l'edificio più importante delle opere tarde di Wright. Un monumento al modernismo, l'unica architettura dello spazio, con la sua rampa a spirale intorno ad un lucernario a cupola. Nelle parole di Paul Goldberger, "l’edificio di Wright ha reso socialmente e culturalmente accettabile, per un architetto di progettare un museo altamente espressivo ed intensamente personale".

SOLOMON R. GUGGENHEIM MUSEUM I piani originali di Frank Lloyd Wright per il Solomon R. Guggenheim Museum richiedevano una torre di dieci piani, con gallerie, uffici, laboratori, stoccaggio e appartamenti di studio privati. In gran parte per motivi finanziari, la torre proposta di Wright non venne realizzata. Gwathmey Siegel & Associates Architects hanno rivisto il piano torre con relativo allegato di otto piani, comprendente il fondamento e la definizione di uno più piccolo annesso progettato nel 1968 dal genero di Frank Lloyd Wright, William Wesley Peters. Nel 1990, l’edificio di Wright è stato chiuso al pubblico per consentire l’espansione e un importante restauro interno, che è stato curato dalla ditta. Il restauro ha aperto l’intero edificio di Wright al pubblico per la prima volta, convertendo gli spazi che erano stati utilizzati per lo stoccaggio e gli uffici in gallerie. Il restaurato e ampliato Solomon R. Guggenheim Museum riaprì nel


1992, e il progetto è diventato una delle opere più celebri e premiate dalla critica dell’impresa. Contiene 4.750 metri quadrati di spazi nuovi e ristrutturati per la galleria, 130 metri quadrati di nuovi uffici, un ristorante restaurato, e spazi di stoccaggio. L’intervento di Gwathmey Siegel & Associates ha notevolmente migliorato la capacità espositiva del museo senza pregiudicare il disegno originale di Wright. La semplice facciata della torre e la griglia evidenziano il design unico a spirale di Wright che serve da sfondo al paesaggio urbano nascente dietro al museo.


LE ATTIVITÀ E LE COLLEZIONI PERMANENTI E TEMPORANEE La collezione permanente della Fondazione Guggenheim incarna la storia distintiva dell’istituzione, che ha intersecato e catalizzato lo sviluppo dell’arte del XX e XXI secolo. La storia della collezione Guggenheim è essenzialmente la storia di varie collezioni private che sono state portate insieme. Aumentate attraverso numerose acquisizioni sotto la guida degli amministratori della Fondazione, curatori e partner internazionali, queste collezioni formano un’unica, collezione condivisa a livello mondiale che riflette la traiettoria ricca d'arte dalla metà del XIX secolo, attraverso il presente.

COLLEZIONI PERMANENTI

La metamorfosi da collezione privata a museo pubblico è un passaggio straordinario. Per il Guggenheim, questo si è verificato nel 1937, quando Solomon R. Guggenheim ha istituito una fondazione abilitata a gestire un museo che avrebbe pubblicamente esposto e preservato le sue opere di arte non oggettiva. Oggi il Guggenheim è un museo in più sedi con la possibilità di condividere le collezioni. Tuttavia, è la collezione permanente che costituisce il nucleo dell’istituzione, per quanto possano essere d’ampia portata le attività della fondazione. La collezione è stata incrementata negli ultimi due decenni da donazioni rilevanti da parte della The Robert Mapplethorpe Foundation e dalla Fondazione Bohen, nonché dalla serie continua di commissioni d’arte contemporanea rese possibili dalla straordinaria collaborazione della Guggenheim con Deutsche Bank per il Deutsche Guggenheim, e attraverso il programma di acquisizioni del Museo Guggenheim di Bilbao.


THANNHAUSER COLLECTION Justin K. Thannhauser (1892-1976) era il figlio del mercante d’arte Heinrich Thannhauser (1859-1935), che fondò la Galerie Moderne di Monaco di Baviera nel 1909. Fin dalla tenera età, Thannhauser ha lavorato a fianco del padre nella fiorente galleria ed ha contribuito a costruire un versatile programma espositivo e imponente che comprendeva gli impressionisti e post-impressionisti francesi, i futuristi italiani, e artisti contemporanei tedeschi. La Galerie Moderne ha presentato la premier mostra della Nuova associazione Artisti di Monaco di Baviera (München Neue Künstlervereinigung) e Il cavaliere azzurro (Der Blaue Reiter), rispettivamente nel 1901 e 1911, entrambi includono Vasily Kandinsky. Kandinsky ha poi descritto le stanze della Galleria, come “forse il più bello spazio espositivo in tutta Monaco.” La Galerie Moderne ha montato anche la prima grande retrospettiva di Pablo Picasso nel 1913, avviando così la stretta relazione tra Justin K. Thannhauser e Picasso, che durò fino alla morte dell’artista nel 1973. Un imprenditore ambizioso, Thannhauser ha aperto una seconda galleria a Lucerna nel 1919 con il cugino Siegfried Rosengart (1894-1985). Otto anni dopo, il grande successo della Thannhauser Gallerie ha testato le acque a Berlino con una grande mostra prima di trasferire in modo permanente la sua galleria di Monaco di Baviera in questo fiorente centro d’arte. Le operazioni commerciali furono tuttavia ostacolate per tutto il decennio successivo a causa del crescente antisemitismo in Germania e un governo nazionalsocialista (nazista) piegato sull’eliminazione dell’“arte degenerata” dell’avanguardia. La Thannhauser Gallerie ha ufficialmente chiuso nel 1937, poco dopo che Thannhauser e la sua famiglia emigrarono a Parigi. Thannhauser alla fine si stabilì a New York nel 1940 e, insieme con la seconda moglie, Hilde (1919-1991), si


affermò come un mercante d’arte privato. L’impegno della Thannhausers di promuovere il progresso artistico fu parallelo alla visione di Solomon R. Guggenheim. Nella valutazione di questo spirito comune, e nella memoria della prima moglie e dei due figli- che avrebbero potuto continuare il commercio d’arte della famiglia se non fossero morti tragicamente in giovane età - Thannhauser ha dato una parte significativa della sua collezione d’arte, tra cui più di 30 opere di Picasso, alla Fondazione Solomon R. Guggenheim nel 1963. Dal 1965 fino alla morte di Thannhauser nel 1976 (quando la sua collezione è ufficialmente entrata nella Guggenheim Foundation), la Collezione Thannhauser era in prestito a lungo termine al museo. Un lascito di 10 opere complementari ricevute dopo la morte di Hilde Thannhauser nel 1991 rafforzò l’eredità di questa famiglia di importanti mercanti d’arte.


COLLEZIONI TEMPORANEE HAUNTED: FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA / VIDEO / PERFORMANCE 26 MARZO - 6 settembre, 2010 Tratto principalmente dalla collezione del Museo Guggenheim, Haunted sarà caratterizzato da recenti acquisizioni, molte delle quali saranno esposte dal Museo per la prima volta. Sarà incluso nella mostra il lavoro di artisti come Marina Abramovic, Bernd e Hilla Becher, Sophie Calle, Tacita Dean, Douglas Stan, Felix Gonzalez-Torres, Roni Horn, Leonard Zoe, Robert Rauschenberg, Cindy Sherman, Hiroshi Sugimoto, Jeff Wall e Andy Warhol. Una parte significativa della mostra sarà dedicata al lavoro realizzato dal 2001 da artisti più giovani. La mostra è curata da Jennifer Blessing, curatore di Fotografia, e Nat Trotman, Associate Curator. La mostra è resa possibile dal Direttore Internazionale del Consiglio del Solomon R. Guggenheim Museum. Aggiuntivo sostegno è fornito da sovvenzioni dal Robert Mapplethorpe Foundation e dalla Fondazione Guglielmo Talbott Hillman.


MALEVICH IN FOCUS: 1912-1922 19 Febbraio - 30 giugno, 2010 Questa presentazione intima di sei dipinti in un periodo di dieci anni illustra il percorso di Malevic verso un modo veramente originale di espressione artistica. Inoltre, la percentuale di lavori mostra una storia unica: ogni opera è stata inclusa nella mostra retrospettiva del lavoro di Malevich in Polonia e in Germania nel 1927 e le opere non sono state esposte insieme da allora. Kazimir Malevich (n. 1878, vicino a Kiev, Ucraina, m. 1935, Leningrado), uno degli artisti russi più celebrati della sua generazione, è riconosciuto per le sue innovazioni nel Suprematismo, uno stile astratto che ha cercato di catturare l’essenza del colore e della forma. Prima di arrivare a questo punto attorno al 1914, tuttavia, ha sperimentato vari stili come il realismo e l’impressionismo, così come più attuali sviluppi nel campo dell’arte contemporanea. Era particolarmente influenzato dal cubismo, caratterizzato dalla scomposizione della forma e dello spazio, e dal futurismo italiano, che ha cercato di trasmettere contemporaneamente spostando le forme e il dinamismo della città moderna. Malevich aveva incontrato questi movimenti modernisti attraverso il suo impegno attivo con l’avanguardia russa.


HILLA REBAY: ART EDUCATOR 29 gennaio - 22 agosto, 2010 Quando si pensa ad Hilla Rebay, le parole artista, curatore, fondatore e direttore del Museo Guggenheim, spesso vengono alla mente. Ma i suoi interessi e le iniziative come arte ed educatore museale sono rimaste in gran parte non riconosciute. I dipinti in mostra sono state volutamente appesi vicino al pavimento e accompagnati da comodi posti a sedere e musica per favorire a sostare, per una visione contemplativa delle opere. I libri-commento nelle gallerie permettono ai visitatori di condividere le loro risposte. Studio-stampe e poster sono stati inviati a persone e a scuole a titolo gratuito, opere nonoggettive presentate agli uffici della fondazione sono state restituite insieme con una critica scritta, e Rebay a volte annota le sue “correzioni” direttamente sulla tela o carta, nella tradizione dell’Omega European Masters. Pittori promettenti si sono aggiudicati borse di studio e finanziamenti per l’approvvigionamento d’arte. A testimonianza della sua lungimiranza, spirito innovativo, intuitivo e sensibilità educativa, sessantacinque anni dopo, molte delle iniziative di Rebay esistono oggi come pratica standard d’educazione dei musei d’arte.


PARIGI E LE AVANGUARDIE: MODERN MASTERS DALLA COLLEZIONE GUGGENHEIM 23 Gennaio - 12 Maggio, 2010 Nei primi decenni del XX secolo, numerosi pittori e scultori migrarono a Parigi, luogo internazionale per l’arte d’avanguardia. Portando con sé le loro abitudini diverse, questi artisti hanno assorbito e hanno contribuito agli ultimi sviluppi creativi, spesso fondendo nuovi elementi formali con gli aspetti delle loro rispettive tradizioni locali. Una trentina di dipinti della Collezione Guggenheim di artisti come Georges Braque, Marc Chagall, Robert Delaunay, Albert Gleizes, Juan Gris, Pablo Picasso, Fernand Léger, Joan Miró e Yves Tanguy, tra gli altri, oltre ad un gruppo significativo di scultura di Constantin Brancusi e Alexander Calder. La mostra è curata da Tracey Bashkoff, Curatore delle collezioni e mostre, Megan Fontanella, Assistente Curatore. La mostra è sostenuta da una sovvenzione da parte di Giuseppe e Sylvia Slifka Foundation.


A PROPOSITO DI CONSERVAZIONE GUGGENHEIM La collezione permanente del Museo Guggenheim è conservata nella fiducia nel pubblico, con la speranza che sarà esposta, studiata, e goduta per generazioni a venire. Al fine di garantire che tutte le opere siano conservate, esposte, e trasportate secondo gli standard museali internazionali, il museum’s conservation staff gioca un ruolo di vitale importanza nella prevenzione della conservazione, ricerca e trattamento della raccolta. Composto di restauratori specializzati in pitture, carta, e gli oggetti dal XIX secolo ad oggi, il Dipartimento di conservazione del Guggenheim è fondamentale per la missione del museo come custode di beni culturali.I conservatori impostano i criteri e le procedure per la manutenzione e la conservazione a lungo termine della raccolta, e stabiliscono le migliori prassi per lo stoccaggio, il trasporto e la movimentazione. Inoltre, i conservatori del Guggenheim dirigono l’installazione sicura dei prestiti e delle mostre a New York e all’estero. Poiché la portata della raccolta e delle mostre è cresciuta, lo è anche la responsabilità dei suoi conservatori. La collezione del Museo Guggenheim era incentrata principalmente sui dipinti e opere d’arte su carta. Tuttavia, nel 1950 il museo ha cominciato a raccogliere sculture moderne e, più recentemente, il museo ha ampliato il suo campo di raccolta includendo l’arte contemporanea eseguita in una vasta gamma di materiali, creando nuove sfide e aree di esplorazione per il reparto. Al fine di tutelare sia l’integrità fisica sia estetica della collezione, il team di conservatori svolge attività di ricerca scientifica, nel tentativo di comprendere meglio i materiali e le tecniche utilizzate per creare opere d’arte,


rivelando il processo di lavoro dell’artista, per studiare i meccanismi di degrado, e provare metodi di trattamento. I conservatori lavorano a stretto contatto con curatori, studiosi, e spesso gli stessi artisti nella ricerca a fondo del contesto storico dell’opera e la sua presentazione appropriata. L’arte contemporanea presenta sfide che spesso richiedono soluzioni che divergono dal trattamento dei materiali più tradizionali. Il Guggenheim si impegna a raccogliere opere di artisti contemporanei, in modo da comprendere le nuove acquisizioni, spesso impianti di grandi dimensioni che possono essere fabbricati industrialmente, o basati su media digitali. Un’attenta valutazione dei materiali attraverso sofisticati metodi scientifici, pertanto, deve essere accoppiata con discussioni collaborative e interdisciplinari. Nel tentativo di individuare strategie per la conservazione delle opere non convenzionali, un gruppo interdisciplinare di curatori, conservatori, e tecnici ha sviluppato il Variable Media Initiative nel 1999. L’approccio è stato un nuovo paradigma che ha incoraggiato gli artisti, che lavorano in formati più effimeri, di definire il loro lavoro in modo indipendente da un materiale in modo che il lavoro possa essere conservato per i posteri una volta che il materiale attuale diventi obsoleto. Da allora, questi concetti sono stati sviluppati e applicati a molte opere d’arte della collezione. Il Guggenheim Conservation Department sta lavorando con un consorzio di musei e altre istituzioni culturali per migliorare e diffondere informazioni circa la natura delle opere che sfidano le categorie tradizionali.


ACCESSORI E ABBIGLIAMENTO T SHIRT


SCIARPE


ACCESSORI PERSONALI


CRAVATTE


PRODOTTI CARTACEI POSTERS


GUGGENHEIM MUSEUM SKETCHBOOK Questo quaderno formato tascabile è ideale per disegni e note. Ăˆ dotato di una semplice illustrazione dell'edificio Guggenheim sul fronte, una protezione laterale per le pagine, e di una chiusura ad elastico. 160 pagine di carta millimetrata. 5 3 / 8 x 3 1 / 2 pollici Prezzo $ 9,00


COLLEZIONE DI STAMPE D'ARCHIVIO Questa esclusiva collezione di stampe d’archivio offre una panoramica delle opere ospitate all’interno del Museo Guggenheim.

GUGGENHEIM MUSEUM BOX NOTECARD


MOUSEPAD

IDEE REGALO


SCULTURE


ARTBOOK

Il Guggenheim offre la possibilità di acquistare libri d’arte, design e architettura attraverso il DAP / Distributed Art Publishers.


KIDS Giocattoli ludici e creativi, oggetti bizzarri per il giovane collezionista.


IL PROGETTO D’ALLESTIMENTO


THE SACKLER CENTER OF ARTS EDUCATION

Aperto al pubblico nell’autunno del 2001, il Sackler Center of Arts Education serve come un centro dinamico d’istruzione del XXI secolo e di laboratorio di apprendimento che offre innovativi programmi pubblici nel visivo oltre che dello spettacolo e delle arti letterarie. L’esplorazione e la sperimentazione di nuove tecnologie è segno distintivo del centro, che amplia e arricchisce i programmi per i giovani, adulti e famiglie. Artisti come pure le istituzioni culturali e accademiche sono partner preziosi di collaborazione. Gli 8.200 metri quadrati d’impianto d’istruzione comprendono Studio Art, Computer, e laboratori multimediali, la New Media Theater, una galleria espositiva, il Centro risorse, la sala conferenze e uffici scolastici. Esso include anche l’attuale Peter B. Lewis Theater, una parte dell’originale progetto architettonico di Frank Lloyd Wright per la costruzione. Attività formative sono rese possibili da The Edith e


Frances Mulhall Achille Memorial Fund, La Rosa M. Badgeley Residuary Charitable Trust, la Fondazione Engelberg, William Randolph Hearst Foundation, la Fondazione Peter Jay Sharp, Esther Simon Charitable Trust, e del museo Education Committee. Il Centro Sackler per l’Educazione all’Arte è un dono della famiglia Sackler.

SCUOLA E INSEGNANTI Scuola e programmi di educazione usano le opere d’arte della collezione permanente del Guggenheim e le mostre speciali come base per l’apprendimento. Una varietà di programmi, sia al museo sia in classe, offrono opportunità per insegnanti e studenti a partecipare a: -Tour basati sulla ricerca e laboratori -Multi-sessione di visita e di programmi di sensibilizzazione -Laboratori di sviluppo professionale. Programmi e risorse inoltre si concentrano su settori tra cui curriculum scolastico arte, arti in lingua inglese, studi sociali, e la tecnologia.


WORKS & PROCESS Works & Process è stato un pioniere nella creazione di programmi innovativi che forniscono accesso senza precedenti ad artisti, coreografi, compositori, scrittori, registi, e poeti. Ogni programma fonde in modo univoco le prestazioni, la dimostrazione, e la discussione tra i collaboratori creativi ed esplora il processo creativo. All’interno del teatro (progettato con 285 posti del teatro) di Frank Lloyd Wright, spesso con performance sold-out, si svolgono ricevimenti per il pubblico e per gli artisti. Descritto dal New York Times come “una popolare serie dedicata a far luce sul processo creativo,” dal Village Voice come “rivelazione”, e dal New Yorker come “eccezionali”, Works & Process è diventato molto rispettato da artisti e pubblico.


PROGETTO D’IMMAGINE COORDINATA

RDA/Real Design Associates ha creato un programma strategico di comunicazione, sviluppo, mostre ed eventi che riguardano differenti culture, lingue e media. Dagli uffici di New York e Berlino, RDA lavora per clientele internazionali, inclusi il Museo Guggenheim, la Samsung, le Nazioni Unite e il Parlamento Tedesco. L’agenzia ha vinto numerosi premi e competizioni, inclusi “American Center for Design’s 100 Show, the AIGA Annual Exhibition, the Mohawk Award, the Utopia Award, and the Graphis and Communication Arts Design Annuals. RDA ha creato il progetto di immagine coordinata per il Guggenheim Museum di New York divenendo il marchio per la famiglia globale Guggenheim.


Il programma d’identità spazia dalla stampa alle mostre, e include un sistema di segnalitica completamente riconcettualizzato per la costruzione di Frank Lloyd Wright.

Per molti anni Abbott Miller ha lavorato con il Guggenheim per vari progetti di identità e pubblicazioni. Recentemente gli è stato richiesto di progettare una nuova identità e un nuovo sito web per la Guggenheim Foundation che include il carattere tipografico che originariamente commissionò per il giornale Guggenheim nel 1996. Basato sul lettering disegnato da Frank Lloyd Wright, per la facciata del Guggenheim, la font Verlag di Jonathan Hoefler è adesso la “lingua franca” del globale Guggenheim. ID Society produsse il sito basato sul


progetto di Pentagram. Il nuovo sito del Guggenheim è stato definito il miglior sito d’istituzione culturale negli Webby Awards di quest’anno. Miller all’inizio cominciò a lavorare per il Guggenheim nel 1996, quando progettò il giornale per il museo. Miller guardò l’originale lettera decorata sulla facciata della costruzione del Guggenheim di Frank Lloyd Wright.

Vi lavorò con il type designer Jonathan Hoefler per creare il custom font che fu basato sulla forma di queste lettere, sviluppando vari pesi e versioni italic e bold. Nel corso degli anni il carattere tipografico è diventato il marchio di fatto per il museo, soprattutto da quando è utilizzato come logo per il Museo Guggenheim di New York.


JONATHAN HOEFLER Jonathan Hoefler è un designer di caratteri. Considerato uno dei 40 più influenti designer in America dal I.D. Magazine; i suoi clienti istituzionali vanno dal Solomon R. Guggenheim Museum alla rock band They Might Be Giants. Forse il suo lavoro migliore e più conosciuto è la famiglia di caratteri Hoefler Text, progettata per la Apple Computer che adesso appare ovunque come parte del sistema operativo della Macintosh. I lavodi di Hoefler furono esibiti a scala internazionale, e furono inclusi nella collezione permanente del Museo Cooper-Hewitt National Design (Smithsonian Institution) a New York. Nel 2002, The Association Typographique Internationale (ATypI) presentò Hoefler con il suo premio più prestigioso, il Prix Charles Peignot.


VERLAG Verlag, the affable Modernist. Dei 6 tipi di carattere progettati per il Guggenheim Museum c’è il Verlag, una famiglia di 30 sans serifs. Originariamente previsto come icona decorativa per il Guggenheim, il Verlag si sviluppò nella sua propria famiglia di caratteri versatili con lo scopo di suggerire il bisogno di un programma d’identità. Dato che le font dovrebbero rappresentare in ultimo un range di voci artistiche individuali — da Cézanne a Kandinsky a Matthew Barney — Verlag fu pianificato in modo che la sua spiccata personalità, sarebbe stata controllata da un senso di obiettività. Dal progetto della scuola del Bauhaus, come il Futura (1927) e l’Erbar (1929), il Verlag prende la sua freschezza e la sua pianificazione meticolosa. Il Verlag include cinque pesi, ognuno in 3 larghezze diverse, ciascuna comprendente il corsivo.


SITO WEB Il Foundation website che Miller ha progettato è un sistema che agisce come una porta d’ingresso ai cinque musei. Un semplice menu della barra nella parte alta del sito permette di navigare fra i siti e la Fondazione stessa.


CANCELLERIA Non sembra esserci un modulo standard per l’intestazione del logo e marchio nelle buste,biglietti da visita e carta da lettera.


I colori utilizzati sono: - Nero per la Fondazione Guggenheim - Rosso per il Guggenheim di New York - Blu per il Guggenheim di Berlino - Giallo per il Guggenheim di Venezia - Grigio per il Guggenheim di Bilbao - Oro per il Guggenheim di Abu Dhabi


Per il Cafè e lo Store, viene usato il logo del Guggenheim in bianco, accompagnato dalle specifiche del negozio in grigio, tutto all’interno di una circonferenza, anch’essa grigia.


CANCELLERIA & PACKAGING



Guggenheim