Issuu on Google+

TRAVEL Darwin e Baboo: siglato l’accordo finale Darwin and Baboo: signed the final agreement Roma, calamita di cultura Rome, a cultural magnet LOCAL Finanza: il nuovo corso Finance: the new course EVENTS Ginevra: il Salone della riscossa Geneva: the Salon of the rescue

darwin airline magazine

Febbraio/Marzo - February/March 2011

n. 17

Bienvenue à Genève

A PI CO TA UI AT GR


Fabio Parini, CEO di Darwin Airline

Benvenuti a Ginevra, Il 2011 è iniziato sotto i migliori auspici per la nostra compagnia aerea. Siamo infatti orgogliosi di poter ufficializzare l’accordo tra Darwin Airline SA e Flybaboo SA, annunciato a novembre 2010. In base all’accordo stipulato, da fine marzo Darwin riprenderà ufficialmente le rotte operate da Baboo dando così il via a una espansione significativa con l’obiettivo di affermare ulteriormente la propria leadership come compagnia aerea regionale svizzera. Questo accordo è il risultato di un consolidamento a cui abbiamo lavorato negli ultimi tre anni. Esso ci consentirà di intensificare le nostre attività e di aprire nuovi collegamenti che permetteranno di aumentare a oltre 20 destinazioni la rete dei nostri collegamenti. Grazie a questa operazione, prevediamo inoltre di aumentare la cifra di affari annuale dell’80% e di trasportare più di 500.000 passeggeri all'anno, grazie all’impiego di una flotta costituita da 6 aeromobili SAAB 2000 e 2 Bombardier DASH Q400. Naturalmente il personale Darwin sarà adeguatamente incrementato a oltre 200 collaboratori, con un’espansione sia del settore operativo che commerciale ed amministrativo. Per quanto riguarda la nostra presenza sul territorio, avremo una nuova base operativa a Ginevra per la gestione dei collegamenti da e per l’aeroporto di Cointrin in aggiunta alla base principale di Lugano dove rimarranno insediate la Direzione Generale e la maggior parte dei collaboratori. Nel 2011 punteremo in maniera importante proprio sullo scalo di Ginevra, che, oltre a rappresentare uno snodo aereo strategico, vanta anche luoghi di attrazione turistica e destinazioni business di grande rilievo: dalle stazioni sciistiche di Crans Montana, Verbier e Gstaad ad appuntamenti di riferimento con il Salone dell’Auto e dell’Alta Orologeria, senza dimenticare la presenza di importanti organizzazioni internazionali quali l’ONU o il CERN, solo per citare le più famose. Darwin continuerà ad operare i suoi storici collegamenti Lugano-Ginevra e Lugano-Roma Fiumicino, Rimini-Roma e Foggia-Milano Malpensa, Foggia-Torino e Foggia-Palermo attivi tutto l’anno e le rotte stagionali Lugano-Olbia e Lugano-Cagliari, Lugano-Pantelleria e Lugano-Lampedusa, Lugano-Rimini. Ad essi si aggiungeranno le nuove rotte annuali da Ginevra con collegamenti anche da Lugano: Nizza, Roma, Firenze e Venezia, mentre da maggio a settembre partiranno i collegamenti da Ginevra per: St.Tropez, Biarritz, Valencia, Ibiza e Nizza-Atene (anch’essi collegati con Lugano). Permettetemi di rivolgere uno speciale benvenuto a tutti i nuovi passeggeri (ginevrini, italiani, francesi, spagnoli, …) che sceglieranno di volare con noi. A tutti voi un anno ricco di novità e di viaggi in nostra compagnia!

Bienvenue à Genève, L’année 2011 a commencé sous les meilleurs auspices pour notre compagnie aérienne. Nous sommes en effet fiers d’officialiser l’accord entre Darwin Airline SA et Flybaboo SA, annoncé en novembre 2010. Selon l’accord conclu, à partir de la fin du mois de mars 2011, Darwin reprendra officiellement les lignes aériennes opérées par Baboo, permettant ainsi une expansion considérable qui lui consentira de s’affirmer encore plus comme la compagnie aérienne Suisse leader dans le secteur régional. Cet accord est le résultat d’une phase de consolidation à laquelle nous avons travaillé intensément au cours des trois dernières années. Il nous permettra d’intensifier nos activités et de desservir de nouvelles destinations. Le réseau Darwin comptera ainsi plus de 20 destinations européennes. Grâce à cette opération nous prévoyons d’augmenter également notre chiffre d’affaires annuel de 80% et de transporter plus de 500'000 passagers par an, grâce à notre flotte composée de 6 avions SAAB 2000 et 2 Bombardier DASH Q400. Bien entendu, le personnel Darwin sera proportionnellement augmenté à plus de 200 collaborateurs, avec une expansion aussi bien dans le secteur opérationnel que dans les secteurs commercial et administratif. En ce qui concerne notre présence sur le territoire, nous aurons une nouvelle base opérationnelle à Genève pour la gestion des liaisons de et vers l’aéroport de Genève-Cointrin, en plus de la base principale de Lugano où demeureront la Direction Générale et la majorité des collaborateurs. En 2011, nous miserons fortement sur l’escale de Genève qui outre à représenter une jonction aérienne stratégique, vante aussi bon nombre d’attractions touristiques et destinations business de grande importance parmi lesquelles nous pouvons citer par exemple le célèbre Salon de l’Auto ou celui de la Haute Horlogerie ou bien encore les stations de ski voisines de Crans-Montana, Verbier ou Gstaad, sans oublier bien sûr la présence d’importantes organisations internationales comme l’ONU ou le CERN. Darwin continuera naturellement à opérer ses vols traditionnels: Lugano-Genève et Lugano-Rome Fiumicino, ainsi que Rimini-Rome et Foggia-Milan Malpensa, Foggia-Turin et Foggia-Palerme durant toute l’année. En ce qui concerne la période estivale Darwin confirme d’ores et déjà les vols Lugano-Olbia et Lugano-Cagliari, Lugano-Pantelleria et Lugano-Lampedusa ainsi que Lugano-Rimini, auxquelles seront ajoutées les nouvelles liaisons annuelles au départ de Genève avec possibilité de liaisons aussi à partir de Lugano: Nice, Rome, Florence et Venise tandis que de mai à septembre partiront les vols de Genève à: St. Tropez, Biarritz, Valence, Ibiza ainsi que Nice-Athènes (également disponible au départ de Lugano). Permettez-moi de souhaiter un spécial bienvenu à tous les nouveaux passagers (genevois, italiens, français et espagnols, …) qui choisiront de voler avec nous. À vous tous une année pleine de nouveautés et de voyages avec notre compagnie!

Welcome to Geneva, For our airline company the year 2011 has begun under the best of auspices. We are actually proud to be in a position to officialize the agreement concluded between Darwin Airline SA and Flybaboo SA, which was announced in November 2010. Under this agreement Darwin officially continues the routes operated by Baboo as from April 1, 2011, starting thus a significant expansion with the purpose to further confirm its leadership as Swiss regional airline. The agreement is the result of a consolidation we have been working for during the past three years. It will permit us to intensify our activities and to open new connections that will enable you to reach even more destinations on board of our planes. Thanks to this operation, apart from assuring further destinations, we anticipate an increase in turnover of 80%. We expect to carry over 500.000 passengers per year owing to the over 20 effective destinations primarily in Switzerland, Italy and France as well as to the use of a fleet comprising 6 SAAB 2000 aircrafts and 2 Bombardier DASH Q400. Of course we foresee to increase also the Darwin personnel to over 200 employees with a growth of the operating division (where we plan to insert about 40 new colleagues) as well as of the commercial and administrative sector (where we plan to insert about 20 colleagues). As to our presence on the territory, we will have a new operating base in Geneva from where to manage the connections previously operated by Baboo in addition to the headquarters in Lugano where the general management and the main part of the staff will be based. It is obvious that in 2011 we are going to stake particularly on the airport of Geneva. Besides representing a strategic airplane junction, it also boasts attractive tourist places and prominent business destinations, such as the skiing resorts of Crans Montana, Verbier and Gstaad or venues of reference such as the International Motor Show and the Salon de la Haute Horlogerie, not to forget the presence of important international organizations such as the UN or the CERN, European Organization for Nuclear Research, to name just a few. Darwin will keep operating its historic connections Lugano-Geneva and Lugano-Rome Fiumicino, Rimini-Rome and Foggia-Milan Malpensa, Foggia-Turin and Foggia-Palermo annually as well as the seasonal routes Lugano-Olbia and Lugano-Cagliari, Lugano-Pantelleria and Lugano-Lampedusa, Lugano-Rimini. In addition new annual routes will leave from Geneva with connections from Lugano: Nice, Rome, Florence and Venice, while the routes from Geneva to St. Tropez, Biarritz, Valencia, Ibiza and Nice-Athens are operated seasonally from May till September (always connected to Lugano). Let me give a special welcome to all new passengers (from Geneva, Italy, France, Spain…) who will choose to fly with us. To all our passengers my best wishes for a New Year rich in novelties and new trips in our company!


INDEX 6-10

54-55

© Edizioni White Star

6-10 Al Salone della riscossa The Salon of the rescue 12-16 La regione del sole A land of sun *In copertina - Cantone Ginevra – GINEVRA Il Quai Gustave Ador costeggia il porto, con il jet d’eau, e mette in comunicazione il Jardin Anglais con il Parc des Eaux-Vives, noto per il suo magnifico roseto *On the cover - Canton Geneva – GENEVA The Quai Gustave Ador running along the harbour, with the Jet d’eau, and connecting the Jardin Anglais with the Parc des Eaux vives, famous for its marvellous rosegarden

18-20 Roma, calamita di cultura Rome, a cultural magnet 22-25 Venezia celebra il suo Carnevale Venice celebrates Carnival 26-29 Esplorare l’Etruria Exploring Etruria 12-16

PUBLISHER Darwin Airline SA Via Campagna Centro Nord Sud Stabile 2 CH-6934 Bioggio www.darwinairline.com

30-31 Fatevi dare del ... buon salame Speaking of ... good ’salame’ 32-35 Foggia, delicato risveglio di primavera Foggia, gentle spring awakening

56-57 Libri Books 58-60 Mostre Exhibitions

EDITOR-IN-CHIEF Elisabetta Calegari escalegari@ticinomanagement.ch COMMUNICATION MANAGER Massimo Boni massimo.boni@darwinairline.com CONTRIBUTIONS Sara Argentesi, Giorgio Carrion, Roberto Clemen, Marzio Molinari, Alberto Pattono, Alessandro Pesce, Marco Valeriani, Claus Winterhalter

24-27

38-41 Ticino: arriva il Carnevale! Ticino: carnival is coming!

DESIGN krea di Manuela Steinmann LAYOUT Lavinia Cardi Cigoli impaginazione@ticinomanagement.ch CIRCULATION & DISTRIBUTION 10’000 copies: all Darwin Airline flights, Swiss and Italian airports, 4- and 5-star hotels, associations, boards and institutions

4

62 Destinazioni Destinations 64-66 Darwin Airline e Flybaboo: siglato l’accordo finale Darwin Airline et Flybaboo: signature de l’accord final

42-43 L’allegro e dolce sapore del Carnevale The cheerful and sweet taste of Carnival

TRANSLATION Ines Montali Zürcher EDITING AND ADVERTISING Valerio De Giorgi Ticino Management Via Vergiò 8 CH - 6932 Breganzona Tel. +41(0)91 / 610 29 29 Fax +41(0)91 / 610 29 10 pubblicita@ticinomanagement.ch

36-37 L’opera grafica di Piranesi al m.a.x. Museo di Chiasso Piranesi’s graphic works at the Max Museo at Chiasso

44-49 Finanza: il nuovo corso Finance: the new course

38-41

50 Fox Town Factory Stores. Il paradiso dello shopping Fox Town Factory Stores. Shopping paradise 52-53 Ascona Music Festival Ascona Music Festival 54-55 2011 Sotto il segno dello sport 2011 Under the sign of sport

*La foto di copertina è stata fornita da Edizioni White Star – Via C. Sassone 22/24 - 13100 Vercelli, Italia - www.whitestar.it *Cover picture by courtesy of Edizioni White Star – Via C. Sassone 22/24 – 13100 Vercelli, Italy – www.whitestar.it

18-22


Il Salone The Salon della riscossa of the rescue Ritorna l’appuntamento europeo più prestigioso nel mondo dei motori

Dal 3 al 13 marzo Ginevra ospita l’81° edizione della rassegna dell’auto: un appuntamento all’insegna dell’ottimismo e delle novità dove, come afferma il direttore, Rolf Studer, “ci saranno fuochi d’artificio” di Claus Winterhalter e Roberto Clemen

L'annuale salone dell’auto di Ginevra è senza dubbio, insieme a quelli di Francoforte e Parigi (che però sono biennali e si presentano ad anni alterni), l’evento europeo più importante per l’intero mondo dei motori, direttamente in competizione con quello americano di Detroit che si svolge in gennaio. Il salone di Detroit 2011 ha indubbiamente suscitato grande interesse, soprattutto per la sensazione di moderato ottimismo diffuso dalle case produttrici USA. Ma l’appuntamento svizzero è quello più atteso in Europa e nel mondo, per il numero e la qualità dei nuovi modelli annunciati e perché da sempre rappresenta il barometro 6

The most prestigious european event in the motor world is back

From March 3 to 13 Geneva hosts its 81st International Motor Show: an appointment under the sign of optimism and of innovations, as the manager Rolf Studer states, "there will be fireworks!" by Claus Winterhalter and Roberto Clemen

The International Motorshow in Geneva is without doubt the most important European event for the motor world after the Frankfurt Show. The event is competing directly with the American one in Detroit that takes place in January. The event that has reached its 81st anniversary, will take place from March 3 to 13. Like every year it intends to speak to the automotive world launching clear messages about the future of the four wheels. "For some years already, the Geneva Motor Show has not had a leading theme," its manager Rolf Studer explains. "Having said this, 'green' cars, alternative fuels, environ-


Audi RS3

Audi A6

A sinistra, AUDI RS3 Sportback in anteprima mondiale, con motore 2.5 TFSI da 340 cavalli a trazione integrale quattro e cambio DSG a doppia frizione a 7 rapporti A destra, AUDI A6 in anteprima svizzera con motori benzina e diesel da 177 a 300 cavalli Left, AUDI RS3 Sportback as a world preview, with a 2.5TFSI engine, 340 hp, four wheel drive and 7 speed double clutch DSG gearbox Right, AUDI A6, a Swiss preview featuring petrol and Diesel engines, from 177 to 300 hp

del mercato mondiale dell’automobile. L’evento, giunto alla sua 81esima edizione, si svolgerà dal 3 al 13 marzo, e come ogni anno intende parlare al mondo del mondo dell’automobile, lanciando messaggi chiari sul futuro della quattro ruote. Il primo segnale di un pacato ritorno all’ottimismo è già nel poster pubblicitario. La scelta per il 2011 è legata al piacere dell'auto, rappresentato da una giovane signora alla guida di un'auto scoperta. Una sciarpa verde svolazzante attorno al collo della modella (disegnata) sta a ricordare i temi ecologici e l’attenzione al rapporto tra uomo e automobile. Al centro del messaggio del Salone di Ginevra 2011, comodamente raggiungibile da Lugano come ormai consueto con i voli Darwin Airline, c’è infatti questo binomio inscindibile uomo-macchina: l’auto, insomma, non deve essere solo utile, funzionale, economica, ecologica, ma deve sollecitare emozioni, rispondere a bisogni che non sono solo quelli della mobilità ma anche dello ‘spirito’, visto il posto che occupa nella vita di ciascun automobilista ogni giorno per gran parte della vita di ciascuno. Temi al centro dell’attenzione, dunque, saranno il piacere della guida, la libertà che deriva dall’autonomia del movimento, il gusto del design. Ecco perché i responsabili del Salone hanno optato per una donna al volante di una cabriolet per il manifesto ufficiale dell’81esima edizione, un soggetto all’insegna della leggerezza e del buon umore. Anche la tecnologia più innovativa rischia di passare inosservata se l’essere umano non è al centro dell’attenzione. Una vettura dovrebbe assicurare una mobilità individuale ed esprimere lo stile di vita individuale. Deve essere sicura e facile da usare per provare piacere di guida senza troppe preoccupazioni e le tecnologie devono avere il ruolo di salvaguardare la vita umana, anzitutto. Il Salone si presenta, come sempre, con un biglietto da visita di tutto rispetto: 250 espositori, 900 marche e circa 50 antepri-

mental technologies are certainly core issues of the Salon. Generally the Motorshow is a showcase for the entire world automotive industry in all its splendour. It will be a true firework of innovations." The first signal of a calm return to optimism already shows on the poster. The theme chosen for 2011 is linked to the pleasure of the car, represented by a young woman behind the wheel of an open convertible. A green scarf floating around the model's neck (a drawing) is meant to recall the environmental issues and the care for the relationship between humans and cars. The core message of the 2011 Geneva Motor Show, easily achievable from Lugano with Darwin Airline flights, actually regards the inseparable pair man-and-car: the car must not only be useful, functional, economical and ecological, but it must also stir emotions, meet needs that do not just concern mobility but also the 'spirit', while considering the place a car has in the life of any driver every day for almost a lifetime. Core issues will thus be the pleasure of driving, the freedom owed to the autonomy of movement and the style of the design. This is why those in charge of the show have opted for a woman behind the wheel of a convertible for the official poster of the 81st edition, a subject that symbolizes lightness and a good mood. Even the most innovative technology is likely to go unnoticed if the human being is not at the centre of the attention. A car ought to provide individual mobility and to express an individualistic lifestyle. It must be safe and easy to use for pleasant driving without too many preoccupations. The technologies, therefore, must have the role of safeguarding human life, first and foremost. The Motor Show introduces itself, as always, with a highly respectable business card: 250 exhibitors, 900 brands and about 50 previews of new models worldwide, on a show floor of 119 thousand square metres, 80 of which are at disposal of the cars and the visitors. At a European level,


BMW 1 M Coupé

BMW serie 6 convertibile

Anteprima mondiale per la BMW Serie 1 M Coupé da ben 340 cavalli e le splendide BMW 640i e 650i Convertible 2+2 che propongono livello di comfort e chicche tecnologiche ai massimi livelli World preview of BMW series 1 M Coupé 340 hp and the gorgeous BMW 640i and 650i Convertible 2 + 2 offering top level comfort and technological gems.

me di modelli nuovi a livello mondiale, su una superficie espositiva di 119mila metri quadrati, di cui 80mila a disposizione delle auto e del pubblico. Un vero successo se si pensa che la manifestazione negli ultimi vent'anni ha triplicato superficie d'esposizione, numero di espositori e provenienza degli stessi. Se inizialmente il Salone era europeo e americano ora è anche giapponese, coreano, cinese e indiano. A livello europeo Ginevra è l’unico appuntamento annuale, a parte il Motorshow di Bologna. L’anno scorso furono ben 692.000 i visitatori. Un record di affluenza che il Salone, quest’anno particolarmente ricco di novità, punta a superare. Oltre 100 le novità in arrivo nel 2011 tra cui numerosi nuovi modelli ecologici con propulsori innovativi e a costruzione efficiente co-

Geneva is the only annual event besides the Motorshow in Bologna. Last year there were 692.000 visitors; a record breaking attendance, which the Exhibition aims at surpassing this year with its great abundance of innovative breakthroughs. "The many novelties", Studer continues, "prove the capacity of adapting to the market demands and to the research of know-how in the automotive industry, a sector that wants to get out of the crisis rapidly." Over 100 new entries are due in 2011 among which a great number of new ecological models with innovative engines and a efficient manufacture such as Honda Jazz Hybrid, Infiniti M35h, Lexus CT 200H, Peugeot 3008 Hybrid4, Porsche Panamera Hybrid e Diesel, Skoda Octavia Greenline. Many great names are going to


Mercedes Benz New SLK

Seat New Alhambra 4x4

Sopra, anteprima svizzera per la terza generazione di Mercedes SLK e anteprima mondiale per la Seat Alhambra 2.0 TDI 4x4 Above, Swiss preview of Mercedes SLK third generation and world preview of Seat Alhambra 2.0 TD 4x4

me Honda Jazz Hybrid, Infitini M35h, Lexus CT 200H, Peugeot 3008 Hybrid4, Porsche Panamera Hybrid e Diesel, Skoda Octavia Greenline. Molte grandi marchi presenteranno vetture giĂ  ben note nei listini ma oggetto di completo o parziale rinnovamento. Ăˆ il caso di Audi Q3, Chevrolet Orlando e Captiva, Ford Focus nuova generazione, Kia Picanto e Rio, Lancia Delta, Musa e Grand Voyager, Mercedes Classe B, Opel Zafira, Peugeot 508, Renault Laguna, Seat Alhambra 4x4, Subaru Trezia e Forester, Suzuki Swift 4x4, Toyota Yaris e Verso S, Volkswagen Jetta e Passat, ma anche di sportive e berline prestigiose come le nuove Audi A6 e Audi RS3, BMW Serie 6 Cabrio, Serie 1M e Serie M5, Bentley Continental W12, Ferrari 458 Italia Spi-

present already well known cars that have been completely or partly renewed. This goes for Audi Q3, Chevrolet Orlando and Captiva, Ford Focus new generation, Kia Picanto and Rio, Lancia Delta, Musa and Grand Voyager, Mercedes B Class, Opel Zafira, Peugeot 508, Renault Laguna, Seat Alhambra 4x4, Subaru Trezia and Forester, Suzuki Swift 4x4, Toyota Yaris and Verso S, Volkswagen Jetta and Passat, but also for sport cars and prestigious sedans like the new Audi A6 and Audi RS3, BMW Series 6 Cabrio, Series 1M and Series M5, Bentley Continental W12, Ferrari 458 Italia Spider and 612 Scaglietti, Lamborghini Aventador and Gallardo 570-4 Spyder Performante, Maserati Gran Turismo MC Stradale, Mercedes CLS e SLK, Nissan GT-R, Porsche Cayman R and 911 re-


Volvo V60 Diesel ibrida plug-in

Toyota Concept car FT-86

A sinistra, anteprima mondiale per la Volvo V60 Diesel ibrida plug-in, pronta per la produzione con emissioni di CO2 inferiori a 50 g/km che in termini di consumo di carburante si traducono in 1.9 l/100 km A destra, anteprima mondiale della recente evoluzione del prototipo di automobile sportiva FT-86 con indicazioni sul design del prossimo modello sportivo di Toyota. Forte di una tradizione di oltre mezzo secolo nella realizzazione di seducenti automobili sportive, questa nuova concept di Toyota incarna la rinata passione della marca per le auto sportive Left, world preview of Volvo V60 Diesel Hybrid plug-in, ready for production with carbon emissions below 50g/km corresponding to a fuel consumption of 1.9l/100 km. Right, world preview of the recent evolution of the sports car prototype FT-86 with details as to the design of the next sporting model by Toyota. Owing to a tradition of over fifty years in producing glamorous sports cars, this new Toyota concept embodies the renewed passion of the brand for sporting cars

der e 612 Scaglietti, Lamborghini Aventador e Gallardo 570-4 Spyder Performante, Maserati Gran Turismo MC Stradale, Mercedes CLS e SLK, Nissan GT-R, Porsche Cayman R e 911 rivista, Range Rover Evoque, Volkswagen Golf Cabrio e Eos nuova generazione. Sono proprie le vetture di segmento superiore a sottolineare con la loro presenza il ritorno di un certo ottimismo negli operatori. La rassegna svizzera prova che lo stato di salute del settore auto sta migliorando e che punta ad uscere dalla crisi presentando un’offensiva di modelli mai vista negli ultimi anni: che siano compatte City Car dal design accattivante, cabriolet mozzafiato o auto estremamente sportive e da capogiro per lusso e innovazione tecnologica. Nel 2011, infatti, sono previsti oltre 100 nuovi modelli, tra cui numerose novità che le case non avevano messo in commercio per timore della crisi economica. Da segnalare anche numerose concept car destinate ad evolversi in nuovi modelli nel prossimo futuro, a conferma che le case automobilistiche credono in nuovi investimenti tecnologici e in sfide nuove, perché sentono provenire dal mercato sollecitazioni a nuove sfide commerciali. Protagoniste saranno anche le auto elettriche. La maggioranza dei grandi gruppi automobilistici si è lanciata in questa competizione dagli esiti, al momento, ancora molto incerti. Gli investimenti, tuttavia, sono molto importanti e tutti mostrano di avere fiducia nella mobilità elettrica. Molte case hanno già in listino modelli ibridi, altre hanno scelto di proporre nel volgere di pochi anni gamme complete di vetture totalmente elettriche (è il caso di Renault). D’altra parte, i progettisti riescono a ottenere sempre più potenza da piccole cilindrate con consumi e inquinamento ridotti.

Anteprima svizzera per la rivoluzionaria Range Rover Evoque Coupé e 5 porte, la Range Rover più compatta, più leggera e più ecologica mai proposta, inoltre con un design davvero molto dinamico. Anteprime svizzere pure per i modelli speciali e limitati di Freelander 2.2 TD4/SD4 Sport, Discovery SDV6 Black & White e Range Rover Sport SDV6 Silverstone Swiss preview of the revolutionary Range Rover Evoque Coupé and 5 doors, the lightest, most compact and most eco-friendly Range Rover ever presented, with a really very dynamic design. Further Swiss previews are the special and limited models of the Freelander 2.2TD/SD4 Sport, the Discovery SDV6 Black & White and the Range Rover Sport SD V6 Silverstone

10

Range Rover Evoque

viewed, Range Rover Evoque, Volkswagen Golf Cabrio and Eos new generation. It is the cars of superior range that emphasize with their presence the come back of a certain optimism among operators. The 'Salon' shows that the state of health within the car industry is improving. The sector aims at coming out of the crisis through a market offensive never seen during the past years launching new models from compact City Cars with an attractive design to breathtaking convertibles or extreme sports cars of overwhelming luxury and technological innovation. Over 100 new models are actually expected this year, and among them a great number of innovations, which companies concerned about the economical crisis, had not yet put on the market. Thus numerous concept cars intended to evolve into new models in a near future are showing up. This demonstrates that the car manufacturers believe in new technological investments and new challenges; as they are sensing fresh commercial urges from the market. Further protagonists are the electric cars. Most of the big automotive groups have embarked into this competition, but at present with still uncertain results. The investments are quite significant and everybody is showing to believe in electric mobility. Many brands already have hybrid models on their price list; others have chosen to propose a complete array of totally electric cars within few years (e.g. Renault). "In a near future we will certainly assist to various solutions for eco-friendly engines. The internal combustion engine in the meantime is getting more and more economical and ecological and still has a long life in front. The cars will be ever more comfortable, economical, safe and eco-friendly" as the manager points out.

Land Rover Freelander 2.2 TD4/SD4 Sport

Land Rover Discovery SDV6 Black & White


Sotto, Portes du Soleil, il più grande comprensorio sciistico internazionale

Portes du Soleil, the largest international skiing area

La regione del sole

A land of sun

A cavallo tra Svizzera e Francia, ‘Portes du Soleil’ è tra le più vaste regioni montane d’Europa; vanta diversi primati turistici, in una cornice naturale di grande pregio e varietà

Astraddle between Switzerland and France, 'Portes du Soleil', the Sun gate, is among Europe's most extensive mountain areas; it boasts several touristic records in a natural setting of great value and variety

di Roberto Clemen

by Roberto Clemen

Portes du Soleil è il maggiore comprensorio sciistico e turistico transfrontaliero d’Europa. Compreso tra i territori di Svizzera e Francia, vanta oltre 650 chilometri di piste ampie e ben tracciate, in mezzo a splendidi boschi di conifere. Nel corso degli ultimi vent’anni, complice una saggia politica d’investimenti da parte delle società di gestione degli impianti e delle due regioni confinanti, Portes du Soleil è divenuta meta di centinaia di migliaia di turisti. Paradiso dello sci d’inverno, nessuna pista supera comunque i 2500 metri di quota, è apprezzatissima anche d’estate per le innumerevoli possibilità turistiche che offre, in una cornice ambientale di altissimo pregio. Basti dire che con 385 km di sentieri battuti da percorrere a piedi o in racchette essa rappresenta una vera e propria meraviglia naturale al centro dell’Europa. I paesi che fanno parte di questo comprensorio sono Abondance, Avoriaz, La Chapelle-d'Abondance, Châtel, Les Gets, Montriond, Morzine, Saint-Jean-d'Aulps per quanto riguarda il territorio francese. Nel territorio svizzero aderiscono al comprensorio Champéry, Morgins, Torgon, Val-d'Illiez, Les Crosets, Champoussin. Una ‘corona’ di paesi che costituiscono, però, un tutt’uno in quanto a qualità dell’ospitalità, condizioni ambientali, servizi e trasporti. Per gli sport invernali, lo sci anzitutto, Portes du Soleil offre una grande varietà di Snowpark, così come innumerevoli piste da slitta. Ma anche in estate la località sa farsi apprezzare: riposo e benessere sono garan-

Portes du Soleil is the biggest cross-border skiing and tourist region in Europe. Between the territories of Switzerland and France, it features over 650 kilometres of wide, well groomed runs amid lovely coniferous woods. Over the last twenty years, Portes du Soleil has become the destination of thousands of tourists thanks to a wise investment policy of the companies managing the ski-tows of the neighbouring regions. A ski paradise in winter where no slope is above 2500 metres, it is also very popular in summer, for its great choice of tourist activities set in an outstanding environmental setting. Suffice to say that with its 385 km of well beaten walking and snow shoe trails it is a true marvel of nature in the heart of Europe. The villages belonging to this area are Abondance, Avoriaz, La Chapelle-d'Abondance, Châtel, Les Gets, Montriond, Morzine, SaintJean-d'Aulps on French Territory. Part of the territory in Switzerland are Champéry, Morgins, Torgon, Val-d'Illiez, Les Crosets and, Champoussin. A 'crown' of villages which form an oneness as to the quality of hospitality, environmental conditions, services and transportation. As for winter sports, first of all skiing, Portes du Soleil offers a great variety of Snow parks as well as numerous sledge slopes, while during summer, too, the place can be enjoyed: relaxation and wellbeing are guaranteed within the quietness of the alpine pastures, on the

12


titi nella tranquillità degli alpeggi, in riva ai lashores of the little mountain lakes (Taney, ghetti di montagna (Taney, Salanfe, Lac Vert, Salanfe, Lac Vert, Lac d'Antème), during Lac d'Antème), nelle escursioni a piedi delle outings at the feet of the Dents-du-Midi or Dents-du-Midi o delle Dents Blanches, o the Dents Blanches, or at the thermal presso i bagni termali di Val d'Illiez e di Laveysprings of Val d'Illiez or Lavey-les-Bains. The les-Bains. La regione riesce ad incantare picarea charms children and grown-ups alike coli e grandi con i suoi parchi, divertimenti, with its parks, amusements, didactic trails sentieri didattici e parchi animalisti, ma anche and animal parks, but the area also offers a per un’efficace programmazione culturale: rich cultural schedule: events for history and appuntamento per gli appassionati di storia e culture lovers at St-Maurice; Monthey for di cultura a St-Maurice; a Monthey per andatheatre or shopping; Bouveret and St-Ginre a teatro o per fare shopping; al Bouveret e golph for lakeside holidays, a cruise on Lake St-Gingolph per vacanze balneari, per una Geneva or for tasting the cookery specialties Sopra, Champoussin, Dents du Midi crociera sul Lago di Ginevra o per assaporare of the lake. Sotto, cartina del comprensorio Porte du Soleil specialità culinarie del lago. At easy reach also from Lugano by a Darwin Above, Champoussin, Dents du Midi Facilmente raggiungibile anche da Lugano Airlines flight to Geneva, Portes du Soleil is a Below, map of the Portes du Soleil area con un volo Darwin Airline su Ginevra, Portes unique model of collaboration between two du Soleil è un esempio unico di collaborazione fra due paesi che si countries promoting themselves on the tourist market with one promuovono sul mercato turistico con un solo marchio. brand. Il nome viene da un colle, Col de Portes du Soleil, che si trova in terriThe name was taken from the Col des Portes du Soleil, a mountain torio svizzero, assunto a simbolo del marchio. E proprio dal versante pass on Swiss soil, adopted as symbol of the brand. An ideal point svizzero un ottimo punto di partenza è Champery, regione dello Chaof departure on the Swiss side is Champéry in the Chablais region in blais, cantone Vallese, una delle località sciistiche più interessanti del the Valais, one of the most appealing ski resorts in the area. From comprensorio. Da questa base di partenza, gli sciatori e gli snowboarthis starting base skiers and snowboarders reach 14 skiing areas – 6 der dispongono di 14 comprensori sciistici - 6 in Svizzera e 8 in Franin Switzerland and 8 in France while a snow park is reserved just for cia. Uno snowpark è riservato al free-style. Inoltre, i patiti dell’avventufree-stylers. The adventure fans can try to climb ice-falls, outings ra potranno tentare la scalata sul ghiaccio, le uscite con le racchette with snow-shoes or excursions on ski. They can have fun on the sled da neve o le escursioni sugli sci, divertirsi sulle piste per slittino o dediruns or give para-gliding a try. The resort has also an all-year open carsi al parapendio. La stazione possiede anche una pista di pattinagindoor ice rink and curling sheet. gio indoor aperta tutto l’anno e una pista da curling. For the bold skiers there is the run of the Pas de Chavanette, often Per gli sciatori più temerari, c’è la pista del Pas de Chavanette, spesso just called "le Mur Suisse" (Swiss wall), one of the world's steepest chiamata semplicemente ”Le Mur Suisse”, una delle più ripide del slopes. With a length of only 1 km, the descent has a drop of almondo. Pur essendo lunga solo 1 km, la discesa presenta un dislivello most 400 metres with an angle reaching 50 degrees at times! di quasi 400 m con una pendenza che arriva anche a 50 gradi! The typical mountain village with wooden chalets embellished with Tipico villaggio di montagna, con chalet in legno abbelliti dai balconi balconies abounding with flowers hosts an interesting open-air muricchi di fiori, ospita un interessante museo all’aria aperta, una serie di seum. A series of posters illustrated like cartoons by Cosey and Fabpannelli illustrati a fumetti, di Cosey e Fabrice Clement, installati lungo rice Clément, installed along the street, describe the village history la strada, che descrivono la storia del paese dalle origine ai giorni nofrom its origins to present day. From here it is possible to head tostri. È da qui che si può partire alla scoperta dei sentieri tematici, come wards the discovery of theme trails such as the smugglers' trail who

13


La gastronomia Vallesana in Alta Quota Tutta la regione di Portes du Soleil, a tavola, risente della nobile tradizione gastronomica franco-svizzera. Dare indicazione dei ristoranti significherebbe far torto sicuramente a qualche bravo chef. La tradizione vallesana si avverte in ogni piatto, dal più semplice al più elaborato. Va poi detto che tutta la regione transalpina francosvizzera vanta una tradizione agricola di prodotti di qualità. Già gli antenati di molti vallesani, che nelle isolate valli alpine dovevano provvedere al sostentamento delle loro grandi famiglie, si dedicavano alla coltivazione. Non era raro imbattersi in file di albicocchi, peri, meli e peschi. Il pane di segale veniva cotto in casa, la verdura proveniva dall’orto. Latte, formaggio e a volte anche la carne erano gli alimenti principali con cui si preparavano ottimi pasti conditi d’amore e fantasia. Questi buoni prodotti tradizionali sono ancora alla base della cucina locale. Le migliori ricette vallesane nei menù dei ristoranti di Portes du Soleil si devono alla tradizione contadina. Così ancora oggi si portano in tavola antichi piatti tradizionali: crostoni ai funghi, minestrone vallesano con porro, sedano, carote e cipolle, o ancora zuppa di fagioli, risotto allo zafferano di Mund, la “Cholera” del Goms (torta di patate, porri, mele, cipolle e formaggio), polenta della nonna, il “Gsottus” (bollito), la “brisolée” (castagnata) o la torta ai porri di Savièse. Nelle cantine della regione, ovviamente, si trovano i migliori vini vallesani e francesi. L’assortimento dei vini del Vallese comprende il classico Fendant (leggero, fruttato e secco), lo Johannisberg (pieno, morbido e con note fiorite), il Dôle (strutturato, di corpo ed equilibrato) e il potente Pinot nero, ma anche squisite specialità che si trovano solo in questo territorio. Tra le altre interessanti varietà, ricordiamo la Petite Arvine, l’Amigne o l’Humagne blanche.

The high altitude gastronomy of the Valais The entire region of the Portes du Soleil is influenced, at table, by the noble French-Swiss gastronomic tradition. Therefore, to recommend some restaurants would mean to wrong certainly some good chef. The tradition of the Valais is felt in each dish, from the simplest to the most elaborate ones. It must be said that the whole transalpine French-Swiss area boasts an agricultural tradition of quality products. Already the forefathers of many Valaisans, who had to maintain their large families in the remote alpine valleys, dedicated themselves to farming. Quite often one could come across rows of apricot, pear, apple and peach trees. The rye bread was baked at home and the vegetables came form the garden. Milk, cheese and sometimes even meat were the main food for preparing tasty meals seasoned with love and fancy. These good traditional products are still the basics in local kitchens. The best Valais recipes in the menus of the restaurants of Portes du Soleil are owed to peasant tradition. Thus ancient traditional dishes are still served at table today: mushroom toasts, Valais vegetable soup with leeks, celery, carrots and onions. Or bean soup, risotto with saffron from Mund, the "Cholera" from the Goms (a pie with potatoes, leeks, apples, onions and cheese), the polenta alla nonna (grandma's way), the "Gsottus" (boiled meat), the "brisolée" (a sweet with chestnuts) and the leek-tart of Savièse. The caves of the region, obviously, only accept the best wines from Valais and France. The selection of wines from Valais comprises the classic Fendant (light, fruity and dry), the Johannisberg (rich, smooth and with flowery notes), the Dôle (structured, medium body and balanced) and the strong Pinot noir besides exquisite specialties that can be found only in this territory. Among others, noteworthy varieties such as the Petite Arvine, the Amigne or the Humagne Blanche.

Sopra, la “Cholera” del Goms, antico piatto tradizionale del Vallese Sotto, i bagni termali di Lavey les Bains

Above, “Cholera”, an ancient traditional dish of the Valais Below, the thermal spa of Lavey les Bains

quello dei contrabbandieri, che passavano proprio lungo questa zona di confine, o il sentiero Défago, costruito negli anni ’60 dentro la roccia davanti a Champery e da cui si ha un colpo d’occhio fino a valle. Nel comprensorio sono inoltre presenti per grandi e piccini parchi di divertimento come il Point Sud a Champoussin, un percorso fra gli alberi su liane e ponti sospesi, naturalmente in tutta sicurezza; oppure l’Acqua Park di Bouveret, il più grande parco acquatico in Svizzera. La zona è un paradiso per chi ama le passeggiate, ma anche la mountain bike, con sentieri ben segnalati. Anche il turismo termale e salutista trova spazio a Portes du Soleil. Chablais, altra località di riferimento della regione, offre due stabilimenti termali all’avanguardia, quelli di Val d’Illiez e a Lavey-les-Bains. Da non perdere le specialità gastronomiche della zona, puntando ai locali segnalati da Chablais Gourmand, un marchio di garanzia dei prodotti locali nato nel luglio del 2003 e riunito in una guida. Ottima per provare le specialità della zona, oltre al formaggio e l’ottimo vino! Altro ‘snodo’ fondamentale del comprensorio, ma in territorio francese, è Avioraz, stazione invernale del dipartimento dell'Alta Savoia, appartiene al comune di Morzine. Avoriaz ha una storia recente: nata dal progetto di Jean Vuarnet, campione di sci e fondatore della nota casa produttrice di occhiali, è stata inaugurata nel 1966, è quindi una località molto moderna e innovativa, molto amata anche dai turisti con ‘anima

passed along this border region, or the Défago trail in front of Champéry that was cut into the rock in the sixties and from where the glance sweeps over the entire valley. There are also amusement parks for children and grown-ups in the area like the Point Sud at Champoussin, whith a course between the trees on bush ropes and hanging bridges, in complete safety of course; or the Aqua Park at Bouveret, Switzerland's biggest water park. Thanks to well marked trails it is also a paradise for the passionate walkers as well as for mountain-bikers. Even thermal and health tourism has its place at Portes du Soleil. Chablais, another point of reference for the area, offers two vanguard thermal spas, in the Val d'Illiez and at Lavey-les-Bains. The local gastronomic specialties must not be forgotten and choosing the locations as indicated by the Chablais Gourmand, a seal of quality of the local products created in 2003 and collected in a guide, offers recommendations for tasting the local specialties including cheese and excellent wines. Another essential 'junction', but on the French side, is Avoriaz, a winter spa of the department of Haute Savoie, belonging to the municipality of Morzine. Avoriaz has a recent history as it originates from the project of Jean Vuarnet, a ski champion and founder of the well known factory of glasses. Avoriaz was established in 1966 and is a very modern and innovative place that is much loved by the tourists with a

14


Abondance

Avoriaz

verde’. All'interno del paese, infatti, non si può circolare con le automobili. Questa particolarità rende caratteristico il paese, che nasce sulle piste da sci. La cittadina è molto frequentata nel periodo invernale, essendo uno snodo importante del comprensorio sciistico delle Portes du Soleil. D'estate, invece, c'è la possibilità di giocare a golf su un campo di 9 buche, oppure effettuare qualche escursione tra gli alberi, a piedi o in mountain bike. Avoriaz è una stazione-faro dall'architettura audace e senza eguali in questo comprensorio sciistico che è il più grande d'Europa. È una località per tutte le età e tutti i gusti, pedonale per eccellenza: qui è possibile circolare ovunque con gli sci ai piedi, in tutta sicurezza. Stazione dal carattere familiare e conviviale, Avoriaz riserva un posto particolare ai bambini. Infatti, un intero villaggio è stato creato appositamente per loro, dove i bambini dai tre anni in avanti hanno la possibilità di apprendere i rudimenti dello sci sotto gli occhi vigili di esperti istruttori, mentre i più piccoli possono essere affidati al nido d'infanzia, che li accoglie a partire dall'età di 3 mesi. Ad Avoriaz si esce di casa con gli sci ai piedi per diri-

Les Gets

Montriond

gersi verso i 150 km di piste del comprensorio, tra foreste di straordinaria bellezza e 18 cannoni da neve. Una seggiovia collega la località di Broceaux, in Francia, alla cima di Mossette, in Svizzera. In partenza dalle piste di Avoriaz, la seggiovia a 6 posti del "Tour”, unica in Europa, ha una portata di 3000 persone all'ora. Per lo sci di fondo, infine, ci sono 5 itinerari diversi su 45 km di piste segnalate nel cuore di un vastissimo parco naturale. Tornando nel versante svizzero di Portes du Soleil, fuori dal ‘clamore’ dello sci e degli sport, il turista potrà apprezzare il piccolo villaggio di Morgins, soleggiato e orientato a sud-ovest; in estate è un’apprezzata destinazione per gli escursionisti. Morgins si trova a circa 1300 metri di altitudine nella valle omonima, una valle laterale della Val d'Illiez nel Basso Vallese, nelle immediate vicinanze della frontiera francese. Da Monthey, nella Valle del Rodano, la strada conduce attraverso la Val d'Illiez fino a Troistorrents e da qui si giunge all’alta valle di Morgins (15 km da Monthey) percorrendo numerosi tornanti. Il passo di frontiera Pas de Morgins, una piccola conca con un delizioso lago di montagna, conduce nella francese Val d'Abondance. A far concorrenza a Morgins è Champoussin, un altro piccolo villaggio vallesano in stile tradizionale della regione del Val d'Illiez, che incanta per la sua autenticità montanara. Champoussin si trova a 1600 metri di altitudine e la maestosa catena delle Dents-du-Midi domina la stazione. Estate come inverno, la stazione offre a tutti, giovani e meno, una grande varietà di attività: la scuola svizzera di sport invernali propone corsi per tutti i gusti; inoltre la scuola di parapendio offre formazione e brevetti per i voli biposto e una lunga pista per slitta di 4 km è aperta permanentemente. St Jean d’Aulps 16

Chatel

'green soul'. As a matter of fact within the village no cars are permitted. This peculiarity is typical for a place born on the ski slopes. The town is very frequented in winter as an important junction of the Portes du Soleil ski area. In summer it is possible to play golf on a 9-hole course or to take some excursions among the trees, on foot or by mountain bike. Avoriaz is a beacon of bold, peerless architecture within this ski area, that is the largest in Europe. It is a place for all ages and all tastes, a pedestrian place par excellence. Here it is possible to circulate safely without taking off the skis. A convivial family place, Avoriaz reserves a special place for children. As a matter of fact, an entire village has been created just for children above age three, where they have the opportunity of learning the rudiments of skiing in complete safety, while the younger ones can be left in the care of the nursery where they are welcome from the age of three months. At Avoriaz you leave your home on your skis to head towards 150 km of runs between woods of extraordinary beauty and 18 snow cannons.

Morzine

A chairlift connects the place of Broceaux in France with the top of Mossette in Switzerland. Leaving from the slopes of Avoriaz, the 6-seated chairlift of the "Tour", unique in Europe, has a capacity of 3000 people per hour. For cross-country skiing there are 5 different itineraries on 45 marked trails in the heart of a very extended natural park. Returning to the Swiss side of Portes du Soleil, away from the 'roar' of ski and sports, the tourists will appreciate the small, sunny village of Morgins, south-west facing; in summer it is a valued destination for hikers. Morgins lies at about 1300 metres of altitude in the valley of the same name, a side valley of the Val d'Illiez in the Lower Valais, close to the French border. From Monthey in the Rhone valley the road moves along the Val d'Illiez till Troistorrents, where it reaches the upper valley of Morgins (15, km from Monthey) passing by many hairpin bends. The little border pass Pas de Morgins, a small hollow with a lovely mountain lake, leads to the French Val d'Abondance. A competitor of Morgins is Champoussin, another small village of the Valais in the traditional style of the Val d'Illiez region and charming for its mountain place genuineness. Champoussin lies at 1600 metres of altitude, dominated by the magnificent chain of the Dents-du-Midi. In summer and winter the resort offers everybody, the young and the less young, a rich variety of activities: the Swiss winter sports school proposes courses for all tastes; a paragliding school offers formation and certificates for tandem flights, while a 4 km sled track is open permanently.


Sotto, il Vittoriano, che ospita, dall’11 marzo al 3 luglio, la mostra ”Tamara de Lempicka. La regina del moderno”

Roma, calamita di cultura Centinaia di mostre ed eventi, concerti e rassegne. L’offerta culturale dell’Urbe per l’anno in corso riserva grandi sorprese per tutti i gusti

Below, the Vittoriano, which hosts the exhibition “Tamara de Lempicka. The queen of the modern” from March 11 to July 3

Rome, a cultural magnet Hundreds of exhibitions, events, concerts and shows: This year the cultural offer of the Urbe has great surprises for all tastes in store

di Giorgio Carrion

by Giorgio Carrion

La ricchezza culturale di Roma non si valuta solo nel suo smisurato patrimonio storico-architettonico, negli edifici e nei monumenti che da duemila anni ne fanno una delle città più belle e visitate del mondo. Roma ha una vitalità culturale straordinaria. Nell’anno appena iniziato il Comune di Roma ha censito come già programmati ben 1427 eventi e spettacoli, tra cui 110 mostre artistiche, 493 concerti, 88 manifestazioni di vario genere, 547 spettacoli teatrali, e così via. In una giornata qualsiasi della settimana, nelle sale cinematografiche della capitale italiana si possono vedere oltre ottanta film diversi. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Questa ricca offerta consente a chiunque abbia specifici interessi culturali o artistici di trovare ‘qualcosa da fare’. Evoluzioni propone una selezione di quelli che si annunciano come alcuni degli eventi ‘clou’ della Roma-2011, annunciati fino alla primavera prossima. Si comincia dalle grandi mostre di pittura. “Roma e l’antico. Realtà e Visione nel ‘700”, in corso fino al 6 marzo 2011 al Museo del Corso, propone una ricca rassegna di quadri e altre opere d’arte. Roma nel ‘700 fu un crocevia di artisti provenienti da ogni parte d’Europa, interessati al contatto diretto con l’arte antica. Questa mostra, insieme artistica ed archeologica, illustra come monumenti antichi, scavi, musei ed

Rome's cultural wealth is not only measured by its immense historic-architectural heritage, by the buildings and monuments from two thousand years ago, that have made it one of the most beautiful and most visited cities worldwide, but Rome has an outstanding cultural energy. In the beginning of this year the municipality of Rome has already registered 1427 scheduled events and shows comprising of 110 art exhibitions, 493 concerts, 88 events of various kinds, and 547 theatre performances and the list continues. On any one day of the week more than eight different movies are shown in the cinemas of the Italian capital. It is just an embarrassment of riches. Whoever has specific cultural or artistic interests can pick out 'something to do' from this plentiful offer. Evoluzioni recommends a selection of events likely to become the highlights of Roma-2011, scheduled until this coming spring. To begin with, the big exhibition of paintings, "Roma e l'antico. Realtà e Visione nel '700" (Rome and antiquity. Reality and vision in the 18th century) continuing until March 6, 2011 at the Museo del Corso, displays a rich survey of paintings and other art pieces. In the '700, Rome had crossroads of artists coming from all over Europe who were attracted by the direct contact with the ancient art. This artistic and archaeological exhibition

18


Da sinistra, la locandina della mostra “Roma e l’antico. Realtà e visione nel ‘700”, allestita al Museo del Corso; Gaspar van Wittel, Veduta di Castel Sant’Angelo dai Prati di Castello, 1710 ca. (per cortesia dell’ufficio stampa di Artemisia Group, partner nell’organizzazione della mostra, promossa dalla Fondazione Roma). Sotto, Caravaggio, Testa di Medusa, 15901600 e l’Ara Pacis, dove la mostra “Chagall. Il mondo sottosopra” è allestita fino al 27 marzo From left, poster of the exhibition “Roma e l’antico. Realtà e visione nel ‘700”at the Museo del Corso; Gaspar van Wittel, a view of Castel Sant’Angel from the Prati di Castello, abt. 1710 (by courtesy of the press office of Artemisia Group, organizing partner of the exhibition promoted by the Fondazione Roma). Below, Caravaggio, Head of Medusa, 1590-1600 and the Ara Pacis, location of the exhibition “Chagall, the world upside down”

istituzioni artistiche furono in grado di alimentare le arti e l’erudizione divulgando in tutta Europa la passione per l’arte classica, divenuta nel ‘700 modello imprescindibile, secondo una costante strategia perseguita nel corso del Settecento sia dai pontefici che dalle autorità civiche. Nella primavera del 2011 (in attesa di una calendarizzazione precisa) si svolgerà a Palazzo Venezia la mostra “Merisi e i Caravaggeschi”. Nel quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, Roma propone un viaggio nel mondo del Caravaggio e del caravaggismo internazionale, presentando oltre 100 capolavori, una sorta di excursus alla scoperta delle novità artistiche dei primi decenni del ‘600, legate al naturalismo e alla rappresentazione della realtà quotidiana, resa attraverso i mezzi pittorici. Sempre tra marzo e giugno, alle splendide Scuderie del Quirinale, rassegna di ‘Lorenzo Lotto’, grande pittore veneziano, uno dei maggiori protagonisti del Rinascimento, l’artista che riuscì a interpretare in modo impareggiabile la pietas e il sentimentalismo della devozione popolare coniugandoli con elementi stilistici moderni, anticipatori del Manierismo e del Barocco. Uscendo dall’arte classica, Roma propone al Palazzo delle Esposizioni fino al 28 febbraio “Teotihuacan. La città degli Dei”. Per la prima volta è presentata in mostra una delle civiltà precolombiane più prestigiose, misteriose ed affascinanti del Centro America, che dominò l'intera area mesoamericana prima degli Aztechi. Oltre 300 capolavori fra sculture monumentali, rilievi in onice e pitture murali, che riproducono credenze religiose e racconti mitici. Fino al 27 marzo, inoltre, è possibile ammirare presso l’Ara Pacis la mostra del grande Chagall, il pittore ‘visionario’ per eccellenza. La mostra illustra, attraverso una selezione di circa 130 opere tra dipinti e disegni realizzati tra il 1917 e il 1982, la sua straordinaria e personalissima rappresentazione del mondo, un mondo ”sottosopra”, in cui Chagall mette in atto un capovolgimento dell’ordinamento classico, sfidando nelle sue opere le leggi di gravità e creando una forte affinità con l’universo pittorico proposto dai Surrealisti. La mostra più attesa dell’anno appena iniziato, però, è certamente quella intitolata ”Tamara de Lempicka. La regina del moderno” che dall’11 marzo al 3 luglio 2011 sarà ospitata al Vittoriano. Tamara de Lempicka, l’artista più nota e amata del periodo Déco, simbolo delle istanze moderniste degli anni Venti e Trenta, viene presentata per la prima volta in questa mostra attraverso un confronto diretto tra le sue opere e quelle dei suoi contemporanei. In ambito culturale merita una segnalazione l’iniziativa “Cafè-philo 20102011” presso la Sala Santa Rita. Nove date - dal 20 ottobre 2010 al 24 giugno 2011 – per esaminare il multiforme rapporto fra filosofia e vita: questo è il ricco programma di incontri di scambio e di dialogo, per promuovere una nuova forma di dibattito pubblico sulla com-

shows how ancient monuments, excavations, museums and art institutions were able to nourish arts and erudition. They divulged all over Europe the passion for the classical art, which in the 18th century had become an essential model owing to a constant strategy pursued during the settecento by the pontiffs, as well as, by the public authorities. In Spring 2011 (date still to be determined) Palazzo Venezia will be hosting the exhibition "Merisi and the Caravaggeschi". Remembering the forth centenary of the death of Michelangelo Merisi, the Caravaggio, Rome proposes a journey into the world of Caravaggio and the international caravagism. Over 100 masterpieces are on display, a kind of journey at the discovery of the novelties from the first decades of the 17th century that are linked to naturalism and to the representation of the daily reality, and conveyed through pictorial means. Between March and June, an exhibition of Lorenzo Lotto the great Venetian painter will be held at the marvellous Mews of the Quirinale. One of the greatest protagonists of the Renaissance, the artist was capable to render unparalleled interpretations of the pietas and to draw sentimentalism from folk devotion to combine them with modern stylistic elements, bcoming a forerunner of Mannerism and Baroque. Leaving behind classical art, Rome presents the exhibit "Teotihuacan, the Town of the Gods" at the Palazzo delle Esposizioni until February 28. It is the first exhibition of one of Central America's most prestigious, mysterious and fascinating preColumbian civilizations that dominated the whole Mesoamerican area prior to the Aztecs. Over 300 masterpieces between monumental sculptures, onyx reliefs and wall paintings reproduce religious creeds and mythic tales. The exhibition of the great Chagall, the 'visionary' painter par excellence, can be admired at the Ara Pacis until March 27. A selection of 130 works - paintings and drawings achieved between 1917 and 1982 – illustrates the artist's peculiar and very personal representation of the world, an 'upside down' world where Chagall overturns the classical order, defying in his works the laws of gravity and creating a strong affinity with the pictorial universe shown by the surrealists. This year's most aniticipated exhibition is "Tamara de Lempicka. The queen of the modern" held at the Vittoriano from March 11 to July 3, 2011. Tamara de Lempicka, is the best known and loved artist from the Art Deco period and is a symbol of the modernist mouvements of the twenties and thirties. It is the first time that her works are shown in direct comparison with those of her contemporaries. Within the area of culture, a special mention is due to the initiative "Café-philo 20102011" at the Sala Santa Rita. Nine dates – from October 20, 2010 to June 24, 2011 – to investigate the many-sided relationship between philosophy and life constitute the rich programme. Nine events offer the opportunity to exchange ideas and to dialogue in order to promote new kinds of public de-

19


Da sinistra, al Palazzo delle Esposizioni fino al 28 febbraio si terrà la mostra “Teotihuacan la città degli Dei” con reperti della prestigiosa civiltà precolombiana. Marc Chagall, Il grande Sole, 1958, esposto alla mostra “Chagall. Il mondo sottosopra” From left, at Palazzo delle Esposizioni the exhibition “Teotihuacan the Town of the Gods” is on until Februray 28, with relics of the prestigious pre-Columbian civilization. Marc Chagall, the Big Sun, 1958 displayed at the exhibition “Chagall, the world upside down”

plessità delle esperienze umane e sui grandi interrogativi dell'esistenza. Un viaggio tra poesia civile, romantica, libretti d'opera, versi di paesi lontani e culture diverse, beat generation, accompagnate dalle performance degli autori attraverso delle "autopresentazioni" è la ricca proposta di "La poesia è di casa", una iniziativa policentrica in diversi luoghi della città che propone, in abbinamento alla lettura delle poesie, proiezioni video e musica per illustrare il contesto specifico nel quale ogni componimento, dal libretto d'opera alla canzone d'autore, dalla poesia di impegno civile a quella romantica, è nato e si è sviluppato. Per gli amanti dell’architettura, un appuntamento da non perdere è la visita al Palazzo Farnese. L’edificio, sede dell’Ambasciata di Francia, sarà eccezionalmente aperto al pubblico fino al 27 aprile 2011. È considerato tuno dei più bei palazzi di Roma e, quindi, del mondo. Di grande interesse per le correnti culturali contemporanee è la rassegna “Europunk. La cultura visiva punk in Europa, 19761980”, presso l’Accademia di Francia a Roma, Villa Medici, Viale Trinità dei Monti. È la prima mostra a respiro internazionale che presenterà la produzione alternativa nel campo delle arti visive nella seconda metà degli anni ‘70, in particolare quella realizzata nel Regno Unito e in Francia, ma anche in Germania, Svizzera, Italia e Olanda. Sarà esposta l'abbondante produzione di questo movimento rimasta anonima per molto tempo e scovata attraverso l'Europa. Verranno riuniti per la prima volta più di 550 oggetti, alcuni dei quali ben noti, altri inediti quali abiti, fanzine, poster, volantini, disegni e collages, copertine di dischi, filmati, ecc. provenienti da collezioni private e pubbliche. La complessità dell’offerta resa dalla città può essere visionata su diversi siti. Evoluzioni ne segnala due: www.funweek.it e www.culturaroma.it, quest’ultimo gestito dal Comune di Roma. Da notare che la città offre diversi canali di comunicazione per conoscere la programmazione culturale. Sin dall’arrivo a Roma, sia nelle stazioni che negli aeroporti, vi sono corner dell’Ufficio turistico in grado di fornire ogni informazione utile. Nei taxi, in genere, si trovano pubblicazioni che annunciano le manifestazioni culturali, e così anche negli alberghi. Il modo migliore per districarsi nell’imponente offerta, tuttavia, è navigare in internet attraverso i siti citati. Roma è anche sede di convegni ed eventi scientifici internazionali. Da segnalare, per esempio, la Festa del Cinema, che in pochi anni si è candidata a competere con il blasonato Festival del cinema di Venezia. A destra, il punk sbarca all’Accademia di Francia a Roma da gennaio. Più di 550 oggetti saranno in mostra a Villa Medici in occasione di “Europunk - La cultura visiva punk in Europa, 1976-1980″

20

bates on the complexity of human experience and on the great existential questions. A journey between civil and romantic poetry, opera librettos, verses from faraway countries and different cultures, and beat generation, accompanied by the authors performing 'self-presentations', is part of the plentiful programme of "La poesia è di casa" (poetry lives here). The performances happen in several places around town, where the poems lectures are combined with video projections and music in order to illustrate the context where each composition originates from and has developed: from the libretto to the songwriter songs, from the poetry of civil involvement to romantic poems. For the architecture lovers a visit to Palazzo Farnese is a must. The building, which is the seat of the French Embassy, is open to the public on exception until April 27, 2011. It is considered one of the most beautiful palazzi in Rome and therefore worldwide. A show of great interest for contemporary trends is "Europunk, the visual punk culture in Europe, 1976-1980" located at the Académie Française in Rome – Villa Medici, Viale Trinità dei Monti. It is the first international exhibition presenting the alternative scene in the field of visual art during the second half of the seventies, particularly works from Great Britain and France, but also from Germany, Switzerland, Italy and the Netherlands. It is a survey of this movement's ample production that was anonymous for a long time. Over 550 objects will be gathered for the first time, some of them well known others still inedited,vincluding dresses, fanzines, posters, flyers, drawings and collages, sleeves of records, films, a.s.o. coming from private and public collections. The elaborateness of the programmes offered by the city can be viewed at various websites. Evoluzioni points out just two of them: www.funweek.it and www.culturaroma.it, the latter is managed by the Municipality of Rome. Be aware of the town's several communication channels in order to get to know the cultural programming. Upon arrival in Rome, at the main stations, as well as at the airports, visitors will find Tourist Office corners where to get all relevant information. Publications announcing the cultural events generally can be found in cabs and hotels. The best way to get to the bottom of this huge offer is to surf through the mentioned internet sites. Rome has also become a base for international conventions and scientific events; for instance the International Rome Film Festival that has become a competitor of the Venice International Film Festival within the last few years to name just one success. Left, Punk invades the Académie Française in Rome from January. Over 550 items will be displayed at Villa Medici on the occasion of “Europunk - La cultura visiva punk in Europa, 1976-1980”


Venezia Venice celebra il suo celebrates Carnevale Carnival

Un’elaborata maschera fa bella mostra di sé in Piazza San Marco

An elaborate mask shows off in Piazza San Marco

Sarà l’Ottocento il tema della grande festa nella splendida città lagunare. In un tripudio di maschere, balli e suoni, si rinnova una tradizione ormai millenaria

The 'Ottocento' will be the leading theme of the big festival in the wonderful lagoon city. In a blaze of masks, dances and sounds, a by now millenary tradition renews itself

di Giorgio Carrion

by Giorgio Carrion

Il Carnevale di Venezia, se non il più grandioso, è sicuramente il più conosciuto per il fascino che esercita e il mistero che continua a possedere, anche adesso che sono trascorsi 900 anni dal primo documento che fa riferimento a questa famosissima festa. Il Carnevale dei nostri giorni è un magnifico happening che coinvolge grossi sponsor, reti televisive, Fondazioni culturali e che richiama folle di curiosi da tutto il mondo con migliaia di maschere in festa e con una pacifica e sgargiante occupazione della Laguna.

The Carnival of Venice is perhaps not the most grandiose, but it is certainly the best known for the fascination it exerts and the mystery it is still shrouded in, after 900 years from the first documentation of this very famous festival. Today's Carnival is a wonderful happening involving big sponsors such as TV channels, and cultural Foundations. It draws crowds of bystanders from all over the world with thousands of joyful maskers in a peaceful and flaring occupation of the Lagoon.

22


In senso orario, grande affollamento in Piazza San Marco nel pieno dei festeggiamenti; il benvenuto alla folla festante dato dal balcone di uno dei palazzi storici; sontuose maschere Clockwise, big crowds amidst the ongoing festivities on Piazza San Marco; the joyful crowd welcomed from the balcony of a historical palazzo; sumptuous masks

L’edizione 2011 si svolgerà dal 19 febbraio all’8 marzo attraverso una miriade di iniziative che ‘invadono’ letteralmente la città lagunare. Venezia riscopre quest’anno l'anima "a tema" del suo gran Carnevale. Combattuto tra suggestioni romantiche e fermenti risorgimentali, elegante in redingote e cilindro o in bustino e crinoline, è l’"Ottocento" il motivo guida del Carnevale 2011. Nel centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia, Venezia insegue la sua seducente femminilità nei richiami alle grandi eroine post-romantiche ottocentesche cui è dedicato il Carnevale, sdrammatizza in chiave popolare e giocosa gli scontri tra gli ufficiali austriaci e gli italianissimi dei Comitati per l'Unità del Regno d'Italia, si sposa di nuovo con i Veneziani, nei teatri e nei musei cittadini, in un tête-à-tête fatto di concerti, spettacoli teatrali, rappresentazioni storiche, gran balli e proiezioni cinematografiche. Tra le calli si svolge una continua rappresentazione di teatrale allegria e giocosità, tutti in maschera a celebrare il fascino di un mondo fatto di balli, scherzi, galà esclusivi e romantici incontri. Si hanno ricordi delle festività del Carnevale fin dal 1094, sotto il dogato di Vitale Falier, in un documento che parla dei divertimenti pubblici nei giorni che precedevano la Quaresima. Il documento ufficiale che dichiara il Carnevale una festa pubblica è del 1296, quando il Senato della Repubblica dichiarò festivo l’ultimo giorno della Quaresima. Tuttavia il Carnevale ha tradizioni molto più antiche che rimandano ai culti ancestrali di passaggio dall’inverno alla primavera, culti presenti in quasi tutte le società, basti pensare ai Saturnalia latini o ai culti dionisiaci nei quali il motto era “Semel in anno licet insanire” (“Una volta all’anno è lecito fare pazzie”) ed è simile lo spirito che anima le oligarchie veneziane e le classi dirigenti latine con la concessione e l’illusione ai ceti più umili di diventare, per un breve periodo dell’anno, simili ai potenti, concedendo loro di potersi burlare pubblicamente dei ricchi indossando una maschera sul volto. Una utile valvola di sfogo per tenere sotto controllo le tensioni sociali sull’esempio del “Panem et Circenses” latino. Se un tempo il Carnevale era molto più lungo e cominciava addirittura la prima domenica di ottobre per intensificarsi il giorno dopo l’Epifania e culminare nei giorni che precedevano la Quaresima, oggi esso ha la durata di circa dieci giorni in coincidenza del periodo pre-pasquale, ma la febbre del Carnevale comincia molto tempo prima anzi, forse non è scorretto dire che, a Venezia, essa non cessa mai durante l’anno. Una sottile euforia si insinua tra le calli della città più bella del mondo e cre-

The 2011 event will take place from February 19 to March 6 through myriads of ventures that literally invade the lagoon city. This year, Venice rediscovers the 'thematic' soul of its great carnival. The 'Ottocento' (19th century) is the leitmotiv of the Carnival 2011, torn between romantic suggestions and fervours of the Risorgimento, elegantly dressed in redingote and top hat, or in bustier and crinoline. On the hundred and fiftiest anniversary of the unification of Italy, Venice celebrates its seducing femininity through recalling its post-romantic heroines of the Ottocento whom the Carnival is dedicated to. It downplays, from a popular, playful slant, the fights between the Austrian officers and the very Italian Committees for the Unification to the Kingdom of Italy, and re-marries the Venetians in the city's theatres and museums in a factual tête-à-tête of concerts, theatre performances, historical representations, great dances and movie screenings. Among the lanes there are continuous performancex of theatrical mirth and playfulness, all are disguised in order to celebrate the charm of a world made of dances, jokes, exclusive magnificence and romantic encounters. Carnival festivities date back to 1094 under the dogate of Vitale Falier, a document recounting the public amusements on the days prior to the Lent season. The official document declaring carnival a public festivity dates back to 1296 when the Senate of the Republic proclaimed the last day of Lent a holiday. However, the carnival has much older traditions that refer to ancestral cults of passage from winter to spring, worships existing in almost all societies, just think of the Latin Saturnalia or of the Dionysian cults under the motto "Semel in anno licet insavire" (once a year it is allowed to run riot). A similar spirit animates the Venetian oligarchies and the Latin leading classes to grant the most humble classes the illusion to become, for a short period of the year, as powerful by allowing them to make fun of the rich while wearing a mask on their faces. It was a useful safety valve in order to keep under control the social tensions following the example of the Latin "Panem and Circenses" (bread and games). Formerly the carnival lasted much longer and started already on the Sunday of October, intensifying on the day after Twelfth Night to reach its peak on the days before Lent. Today carnival goes on for about ten days coinciding with the period before Easter, but the fever begins much earlier, ond one might even say that in Venice it never ends all year long. A subtle euphoria fills the alleys of the world's most beautiful city, growing imperceptibly it rises with the same naturalness of the wa23


Il volo d’angelo di Bianca Brandolini D’Adda aveva aperto il Carnevale di Venezia 2010; sotto, non c’è limite alla ricercatezza e allo splendore delle maschere che si incontrano in città

sce impercettibilmente, sale con la stessa naturalezza dell’acqua, sfuma i contorni della cose, suggerisce misteri e atmosfere di tempi andati. Un tempo il Carnevale consentiva ai Veneziani di lasciar da parte le occupazioni per dedicarsi totalmente ai divertimenti, si costruivano palchi nei campi principali, lungo la Riva degli Schiavoni, in Piazzetta e in Piazza San Marco. La gente accorreva per ammirare le attrazioni più varie: i giocolieri, i saltimbanchi, gli animali danzanti, gli acrobati; trombe, pifferi e tamburi venivano quasi consumati dall’uso, i venditori ambulanti vendevano frutta secca, castagne, frìtole (le frittelle) e dolci di ogni tipo, ben attenti a far notare la provenienza delle loro mercanzie da paesi lontani. La città di Venezia, grande città commerciale, ha sempre avuto un legame privilegiato con i paesi esotici, con l’Oriente in particolare, cui non manca, in ogni edizione del Carnevale, un riferimento, un Filo Rosso che continua a legare la festa più nota della Serenissima al leggendario Viaggio del veneziano Marco Polo verso la Cina alla corte di Qubilai Khan dove visse per circa venticinque anni. Un Filo Rosso che si snoda lungo l’antica e famigerata via della Seta. Alcuni Carnevali sono passati alla storia: quello del 1571, in occasione della grande battaglia delle forze cristiane a Lepanto quando, la domenica di Carnevale, venne allestita una sfilata di carri allegorici: la Fede troneggiava col piede sopra un drago incatenato ed era seguita dalle Virtù teologali, la Vittoria sovrastava i vinti ed infine la Morte con la falce in mano per significare che in quella vittoria anche lei aveva trionfato. Nel 1664, in occasione delle nozze in casa Cornaro a San Polo, si organizzò una grandiosa e divertente mascherata a cui parteciparono molti giovani patrizi. Una sfarzosa sfilata attraversò Venezia e fece tappa in due dei più famosi monasteri della città: quello di San Lorenzo e quello di San Zaccaria, dove risiedevano le

24

The angel’s flight of Bianca Brandolini D’Adda opened the Venice Carnival 2010; below, there are no limits to the elegance of the masks to be met around townx

ter, shades the outlines of the houses while suggesting mysteries and atmospheres of bygone times. In the past the carnival allowed the Venetians to leave behind their occupations in order to devote themselves entirely to amusement; tribunes were built on the main squares, along the Riva degli Schiavoni, in Piazzetta and Piazza San Marco. People rushed to admire the most varied attractions: the jugglers, tumblers, dancing animals, acrobats; trumpets, fifes and drums were used almost to consumption, while the pedlars sold dried fruits, chestnuts, frìtole (fritters) and sweets of any kind, well aware to show that their merchandise arrived from far countries. The city of Venice, an important business centre, has always had privileged relations with faraway countries, especially the Orient, which never misses to be hinted at every year. A central theme that always links the best known festival of the Serenissima to the legendary journey of the Venetian Marco Polo towards China to the court of Qubilai Khan where he lived for about twenty-five years. This central theme stretches along the notorious Silk Road. Some Carnivals went down in history: In 1571, on the occasion of the big battle of the Christian Forces at Lepanto, on the Carnival Sunday was mounted a parade of carnival floats: the Faith was sitting in state, one foot resting on a chained dragon, followed by the theological Virtues, the Victory towered over the defeated and the Death, eventually, holding the scythe to show that she, too, had triumphed in this battle. In 1664, on the occasion of the wedding at the Cornaro place at San Polo a grandiose and amusing masquerade was organized, in which many young patricians took part. A sumptuous parade went through Venice and stopped at two of the most famous monasteries of the city, the San Lorenzo and the San Zaccaria where the nuns of noble


I principali appuntamenti del Carnevale di Venezia 2011

The main appointments of the 2011 Carnival of Venice

Il Comune di Venezia, il Teatro La Fenice, l’azienda provinciale di soggiorno e la Biennale hanno preparato un programma di 11 giorni lasciando spazio all’improvvisazione e alla spontaneità senza dimenticare un supporto logistico con mense e alloggi a prezzi accessibili.

The Municipality of Venice, the Teatro la Fenice, the Provincial Tourist Board and the Biennale prepared an eleven days programme leaving much room to improvisation and spontaneity without forgetting a logistic support with canteens and lodgings at affordable prices.

GRAN BRINDISI A VENEZIA Sabato 19 febbraio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00 Piazzetta San Marco FESTA VENEZIANA Domenica 20 febbraio, dalle ore 10.00 Canal Grande e Sestiere di Cannaregio FESTA DELLE MARIE Sabato 26 febbraio, dalle 14.00 (partenza da San Pietro di Castello), arrivo in Piazza San Marco alle 16.00 circa IL VOLO DELL'ANGELO Domenica 27 febbraio, ore 12.00 Piazza San Marco LE RIEVOCAZIONI STORICHE Sabato 26 febbraio dalle ore 14.00 Domenica 27 febbraio dalle ore 12.00 Domenica 6 marzo dalle ore 14.00 Piazza San Marco LA MASCHERA PIÙ BELLA Le selezioni: Giovedì 3 marzo, dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 17.00 Venerdì 4 marzo, dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 17.00 Sabato 5 marzo, dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 17.00 La finale: Domenica 6 marzo, dalle ore 15.00 Piazza San Marco

GRAN BRINDISI A VENEZIA Saturday February 19, from 19:00 to 20:00 Piazzetta San Marco FESTA VENEZIANA Sunday, February 20, from 10:.00 Canal Grande e Sestiere di Cannaregio FESTA DELLE MARIE Saturday, February 26, 14:00 departure from San Pietro di Castello, arrival at Piazza San Marco, 16:00 IL VOLO DELL'ANGELO (the flight of the angel) Sunday, February 27, 12:00 Piazza San Marco LE RIEVOCAZIONI STORICHE (historical evocations) Saturday, February 26, from 14:00 Sunday, February 27, from 12:00 Sunday, March 6, from 14:00 Piazza San Marco LA MASCHERA PIÙ BELLA (the most beautiful mask) Selections: Thursday, March 3, from 12:00 to 14:00 and from 16:00 to 17:00 Friday, March 4, from 12:00 to 14:00 and from 16:00 to 17:00 Saturday, March 5, from 12:00 to 14:00 and from 16:00 to 17:00 Finals: Sunday, March 6, from 15:00 Piazza San Marco

Per il programma aggiornato consultare il sito www.carnevale.venezia.it

For the updated programme, refer to the website www.carnevale.venezia.it

monache di nobile stirpe. Il 27 febbraio 1679 il Duca di Mantova sfilò con un seguito di indiani, neri, turchi e tartari che lungo il percorso sfidarono e combatterono sei mostri; dopo averli uccisi si cominciò a danzare. Per il Carnevale del 1706 giovani patrizi si mascherarono da Persiani e attraversarono la città per poi esibirsi nelle corti e nei parlatoi dei principali monasteri di monache (San Zaccaria e San Lorenzo). Venezia divenne l’alta scuola europea del piacere e del gioco, della maschera e dell’irresponsabilità. Venezia si fece grande virtuosa delle metamorfosi e il Carnevale fu (ed è ancora) il suo exploit. Per molti giorni all’anno, il mondo sembrava non opporre più resistenza, i desideri diventavano realizzabili e non c’era pensiero o atto che non fosse possibile. Questa era Venezia nel Settecento, il secolo che, più di ogni altro, la rese luogo dalle infinite suggestioni e patrimonio della fantasia del mondo. Venezia era allora il mondo di Giacomo Casanova, un mondo superficiale, festante, decorativo e galante, il mondo di pittori come Boucher e Fragonard, Longhi, Rosalba Carriera e Giambattista Tiepolo. Nel XIX secolo, invece, Venezia e il suo Carnevale incarnarono il mito romantico internazionale e la città della Laguna, con le sue brume e l’aspetto paludoso, diventò meta di artisti, scrittori, musicisti, avventurieri e bellissime dame di tutto il mondo: Sissi d’Austria, Wagner, Byron, George Sand, Ugo Foscolo. Il Carnevale ebbe un momento di stasi dopo la caduta della Repubblica di Venezia perché malvisto dalla temporanea occupazione di austriaci e francesi. La tradizione si conservò nelle isole, Burano, Murano, dove si continuò a festeggiare. Solo alla fine degli anni Settanta del XX secolo alcuni cittadini e associazioni civiche si impegnarono per far risorgere il Carnevale che venne inaugurato nel 1979.

radiance lived.On February 27, 1679, the Duke of Mantova paraded with a train of Indians, black people, Turks and Tartars who, along the route, challenged and fought six monsters, and after their killing the dances commenced. For the 1706 Carnival young patricians masqueraded as Persians and crossed the city in order to perform at the courts and in the parlours of the main nunneries (San Zaccaria and San Lorenzo). Venice became the European High School of pleasure and play, of masquerade and recklessness. Venice turned into a great virtuoso of metamorphosis and the Carnival was (and still is) its exploit. For many days during the year, the world seemed no longer to put up resistance, desires seemed to become feasible and there was no thought or act that was not possible. This was Venice during the 'Settecento' (18th Century), a century that more than any other made it a place of infinite suggestions and a heritage of the world's imagination. Venice was then the world of Giacomo Casanova, superficial, jubilant, ornamental and gallant, a world of painters like Boucher and Fragonard, Longhi, Tosalba Carriera and Giambattista Tiepolo.In the 19th century Venice and its Carnival embraced the international romantic myth and the city on the lagoon with its haze and swampy look became the destination of artists, writers, musicians, adventurers and beautiful ladies of the entire world: Sissi of Austria, Wagner, Byron, George Sand, Ugo Foscolo.Carnival had a moment of stagnation after the fall of the Republic of Venice because it was unpopular with the temporary Austrian and French occupying forces. The tradition was kept up on the islands, Burano and Murano, where the revelries could continue. Only at the end of the nineteen-seventies some citizens and civic associations made it their business to revive the Carnival that was inaugurated in 1979. 25


Esplorare l’Etruria

Exploring Etruria

Tra archeologia e storia, un tuffo nell’antichità ma anche nelle tradizioni di una terra fortunata, dove natura, gastronomia, agricoltura e turismo convivono in perfetto equilibrio

Between archaeology and history, a plunge into antiquity as well as into the traditions of a lucky land, where nature, gastronomy, agriculture and tourism live together in perfect harmony.

di Roberto Clemen

by Roberto Clemen

Pisa, Lungarno Ponte di mezzo, forse il più antico della città e teatro, in giugno, del Gioco del Ponte, vivace torneo popolare di origine quattrocentesca Pisa, Lungarno Ponte di mezzo, perhaps the oldest in town and, in June, stage of the ‘Gioco del Ponte’, a folk tournament dating back to the 15th century

At the crossroads between Latium Umbria and Tuscany, the Tuscia Crocevia tra Lazio, Umbria e Toscana, la Tuscia - terra degli Etru– land of the Etrurians or Tusci as the Latins used to call them – lies schi o Tusci, come li chiamavano i Latini - è una regione dalle a multi-faceted region where history, tradition and the artistic presmolteplici sfaccettature dove la storia, le tradizioni e le presenze ence of over three millenniums merge with sceneries of unparalartistiche di oltre tre millenni si fondono con scenari d'incompaleled beauty and varied untainted nature. Starting at the Tyrrhenic rabile bellezza e con una natura varia ed assolutamente incontacoast and moving towards the inland the environment of the minata. Partendo dal litorale tirrenico e spostandosi verso l'enMaremma and the Mediterranean maquis, typical of Tuscany's and troterra, l'ambiente maremmano e la macchia mediterranea, tipiLatium's flat coastal areas, yield to the gentle slopes of the hills. ci delle aree pianeggianti delle coste tosco-laziali, lasciano il pasHere, between the iridescent colours of the ground and seasonal so ai dolci pendii delle colline. Qui, tra i colori cangianti della tercultures, the vine and the olive dominate as the precious and genra e delle colture stagionali, troneggiano la vite e l'olivo, da semerous sources of life, that are today bearing products of certified pre preziose e generose fonti di vita, oggi più che mai contraddiquality. Continuing towards the inland, the rounded woody bulks stinte da prodotti di certificata qualità. Procedendo ancora verso of the Volsini, Cimini and Sabatini mountains embrace the lovely l'interno, le moli tondeggianti e boscose dei monti Volsini, Cimiwaters of the Bolsena, Vico and Bracciano lakes. Today they sit as ni e Sabatini racchiudono gli incantevoli specchi d'acqua dei lamemories, like the many thermal springs in this ghi di Bolsena, Vico e Bracciano, testimo- Volterra, uno degli angoli più pregiati della Toscana area, of the volcanic activity, that now has been nianze, così come le numerose fonti terVolterra, one of Tuscany’s most precious spots sleeping for hundreds of thousands of years. mali della zona, di un'attività vulcanica soWonderful during summer, Etruria is at the peak of pita ormai da centinaia di millenni. its attraction in spring and is, therefore, an ideal Splendida in estate, l’Etruria è soprattutto candidate for an out-of-season holiday. A paradise in primavera che esprime il massimo della for archaeology lovers, Etruria promises absolutely sua attrattiva e si candida perciò ad essere precious and unique itineraries and visits. meta di una vacanza ‘fuori stagione’. The famous 'tombs', many of which can be visited, Paradiso per gli appassionati di archeoloexude unparalled fascination as well as the specific gia, l’Etruria promette itinerari e visite di museums collecting objects, jewels, statues and assoluto valore ed unicità. other archaeological finds. The Etruscan culture is Le celebri ‘tombe’, molte delle quali visione of major cultural depth in Italy and the entire tabili, rappresentano un’attrazione unica, 26


A sinistra, Vetulonia (Castiglione della Pescaia), Tomba della Pietrera Sotto, veduta di Chianciano e, a destra, le celebri terme, note già agli Etruschi e ai Romani Left, Vetulonia (Castiglione della Pescaia), Tomb of the Pietrera Below, view of Chianciano; right the thermal springs, already known to Etrurians and Romans

così come i musei dedicati che raccolgono oggetti, monili, staMediterranean basin. Starting from the region named after them, tue e altri reperti. i.e. from the territories between the Arno and Tiber rivers, the La civiltà etrusca rappresenta una delle culture di maggior spesEtrurians affirmed their supremacy in other regions of the peninsusore in Italia e nell'intero bacino mediterraneo. Partiti dalla rela, too. From the Po Valley to Emilia, Liguria, Umbria, Latium and gione che da essi prende il nome, ovvero dai territori frapposti Campania, they interweaved tight commercial relations with all tra Arno e Tevere, gli Etruschi affermarono il proprio predomiMediterranean populations, but it is in Tuscany where they left the nio anche in altre zone della penisola, dalla Pianura Padana, alstrongest marks of their refined culture and civilization. l'Emilia, alla Liguria, all'Umbria, al Lazio, alla Campania, intesThanks to the many excavation campaigns and to archaeological sendo fitti rapporti commerciali con tutte le popolazioni del research the relics of necropolis, settlements, workshop areas and Mediterraneo. Ma è in Toscana che hanno lasciato le tracce crafted materials could be unearthed. Among these, potteries and della loro raffinata cultura e civiltà. metals stand out. They provided an inside view on the usages, cusGrazie alle campagne di scavo e alle ricerche archeologiche, si toms, day-to-day life, commercial relations and the history of this è potuto riportare alla luce le vestigia delle necropoli, degli inpopulation. The remains of a sanctuary dating back to the VI censediamenti, delle zone artigianali e dei materiali lavorati. Tra tury BC, found near the leaning tower of Pisa and an imposing questi spiccano la ceramica e i metalli, che ci hanno aperto uno burial mound from the VII-VI century BC dug out nearby have despaccato sugli usi, i costumi, la vita quotidiana, i rapporti combunked the old hypothesis that the Etruscan expansion had not merciali e la storia di questo popolo. Se i resti di un santuario crossed the Pisan Arno, as it is certain that the largest areas of del VI sec. a.C., rinvenuto presso la Torre Pendente di Pisa, ed Etrurian interest are located below the line of this river. un'imponente tomba a tumulo del VII-VI sec. a.C., scavata nelSettlements and sites of undoubted depth and meaning flourish la sua immediata periferia, hanno sfatato la vecchia ipotesi che all over the region: Volterra, whose splendid urns, carved sarl'espansione etrusca non avesse oltrepassato l'Arno pisano, di cophagi, artistic gold work and bronzes are worth a visit; Populocerto sotto la linea di questo fiume si collocano le maggiori nia once a rich metallurgic centre, already of great importance in aree di interesse etrusco. the Villanoviano period (IX-VIII century BC), of which today remain Da Volterra (dove si visitano le splendide urne, i sarcofagi lavorathe necropolis with the main typologies of burials, shaft, mound, ti, le oreficerie ed i bronzi), a Populonia, importante già nel Villaaedicule and rock graves, and the ruins of the acropolis; but also noviano (IX-VIII sec. a.C.) e ricco centro metallurgico di cui oggi Vetulonia, Roselle, Poggio Buco, Marsiliana, Sovana, Saturnia, Orrestano le necropoli (con le principali tipologie di sepoltura: a betello and Cosa. The sites of the Siena area and the Valdichiana pozzetto, a tumulo, a edicola, rupestri) e i ruderi dell'acropoli, a must not be forgotten either; first of all Chianciano Terme, which Vetulonia, Roselle, Poggio Buco, Marsiliana, Sovana, Saturnia, boasts the remains of the fronton of the Temple of Fucoli and othOrbetello, Cosa, è tutto un fiorire di centri e di siti di indubbio er countless relics at the Museo Archeologico delle Acque, and spessore e significato. Né si potranno trascurare i centri del SeneChiusi with one of the best known painted tombs and the wonse e della Valdichiana: su tutti Chianciano Terme (con i resti del derful canopi. frontone del Tempio di Fucoli ed altri innumerevoli reperti al MuArezzo, home of the splendid "Chimera" one of the best known seo Archeologico delle Acque) e Chiusi (con alcune tra le più noEtruscan bronzes, as well as Cortona where a famous candelabra te tombe dipinte, e gli was found or Fiesole or PraArezzo, Giostra del Saracino. La 121ma edizione si terrà sabato 18 giugno 2011 splendidi cánopi). to as well as some sites in Arezzo, Giostra del Saracino. The 121st edition will be held on Saturday, June 18, 2011 Ma anche Arezzo (patria the Chianti area offer many della splendida "Chimeoccasions to get to know ra", uno dei bronzi etruthis as unique as mysterious schi più noti), Cortona civilisation. (dove fu rinvenuto un faExploring Etruria means dismoso candelabro), la stescovering ancient traditions sa Fiesole, Prato ed alcune such as millenarian gastronolocalità del Chianti offromy. But what did the ancient no numerose occasioni Etrurians eat? In the former per conoscere una civiltà times soups cereals and pulsunica quanto misteriosa. es were a frequent dish, for Esplorare l’Etruria vuol diinstance the tasty vegetable re scoprire anche antiche soups. A great reminiscence tradizioni: come una milis the superb acquacotta, a lenaria gastronomia. Ma dish of Viterbo's cooking tracosa si mangiava nell'antidition. Cereal meals were ca Etruria? Nei tempi più used for fritters and focaccia antichi erano frequenti le breads, while meats were 27


Sopra, veduta di Cortona A destra, Fiesole, che sorge su una collina a 300 metri s.l.m., a circa 6 km da Firenze; Livorno, Fosso Reale, un fossato che originariamente seguiva il perimetro della città fortificata Above, view of Cortona Right, Fiesole on a hill at 300 metres a/s.l., at about 6 km from Florence; Livorno, Fosso Reale, a moat that formerly followed the boundary of the fortified town

minestre di cereali e legumi, come le gustose zuppe di verdura: ne è un ricordo eccezionale l'acquacotta, uno dei piatti della tradizione culinaria viterbese. Le sfarinate di cereali erano utilizzate per fare frittelle e focacce. La carne era bollita ed arrostita: sono frequenti nei corredi delle tombe gli alari, gli spiedi e le pinze per maneggiare i tizzoni di brace. Condimento ideale per ogni cibo era l'olio d'oliva, di qualità eccellente, esportato in tutto il Mediterraneo, come testimonia il rinvenimento di anfore etrusche: anche oggi la qualità dell'olio viterbese lo denota come prodotto tipico, così come il vino. La mancanza di una letteratura specifica non ci aiuta nella conoscenza di ricette e preparazioni tipiche, lontane dalla raffinata, cosmopolita e forse confusionaria cucina d'età romana: ma non è difficile immaginare che i piatti più tipici della tradizione gastronomica toscana e viterbese, così legati alla sana e semplice cultura contadina, siano il perpetuarsi della cucina etrusca. Molta di questa tradizione gastronomica è rimasta. Ristoranti, trattorie e centinaia di agriturismi (una delle formule più utilizzate dai turisti in visita in questa regione) offrono ancora i piatti dell’antica tradizione. Anche il vino godeva e gode di grande considerazione. La Strada del Vino dell’Etruria è un itinerario dei sensi e dell'anima. In questa regione nascono vini eccellenti, che sono il frutto della natura generosa, del clima, della fantasia e dell'ingegno degli uomini. I mitici Sassicaia e Ornellaia sono vini di assoluto prestigio internazionale e la punta di diamante di una ricca produzione di qualità. "L'eldorado del vino italiano", come è stato definito, propone grandi vini caratterizzati da diverse tipologie: rosso, bianco, rosato, vinsanto, che dimostrano la ricchezza e la versatilità di questa produzione. Lungo il percorso che unisce le zone del vino D.O.C. della Costa degli Etruschi (Bibbona, Montescudaio, Bolgheri e la Val di Cornia) si incontrano cantine, borghi e paesi, pievi e castelli, trattorie caratteristiche, dove poter gustare anche i salumi locali, i formaggi, il miele, i dolci tipici e i prodotti dell'agricoltura biologica. L'olio extravergine di oliva, profumato e dal sapore intenso ma non aggressivo, che qui viene prodotto, bene accompagna le specialità dei luoghi. Una formula alternativa di turismo che ha assunto grande popolarità, poi, è il turismo a cavallo. La novità dell'Etruria consiste nell'organizzare escursioni a cavallo con partenza dall'agriturismo e visita ai vicini siti e parchi etruschi. Attraverso le escursioni

28

boiled or grilled. Firedogs, spits, tongs for handling embers were frequently found in the tombs among the burial objects. A perfect seasoning for any food was olive oil of superb quality, which was exported to the entire Mediterranean area as the findings of Etruscan amphorae demonstrate. Still today, the quality of the Viterbese oil stands for a typical, superior product, and the same goes for the local wine. The lack of literature does not make it easy to learn more about typical recipes and preparations, quite different from the refined, cosmopolitan and perhaps messy kitchen of the Roman times. It is not difficult to imagine that Etrurian cooking is perpetuated in the most emblematic dishes of Tuscany's and Viterbo's gastronomic tradition, with its ties to the healthy and simple peasant culture. Much of this gastronomic tradition has survived. Restaurants, trattorias and hundreds of agriturismo (farmhouse inns, accommodation privileged by tourists visiting this area) still offer dishes of the ancient tradition. The wine, too, enjoyed and still enjoys great consideration. Etruria's Strada del Vino (Wine route) is an itinerary for the senses and the soul. This region is home to excellent wines, which are a fruit of the generous nature and climate, as well as of the imagination and ingenuity of man. The mythic Sassicaia and Ornellaia are wines of absolute international prestige and the jewel in the crown of a rich quality production. "The Eldorado of Italian wine", as it was called, proposes great wines characterized by different typologies: red, white, rosé, vinsanto (a sweet white dessert wine) give evidence of the abundance and versatility of this production. Along the route linking the areas of the DOC wines of the "Costa degli Etruschi (Bibbona, Montescudaio, Bolgheri and the Cornia Valley), there are wineries, villages and towns, parishes and castles, as well as typical trattorias, where one can taste local ham and sausages, cheeses, honey, typical sweets and organically grown products. The extra virgin olive oil, fragrant and with an intense, but not pungent taste is produced locally and pairs well with the regional specialties. An alternative formula of tourism that has become very popular is tourism on horseback. In Etruria outings on horseback are a new option leaving from the various agriturismo for visits to near Etruscan sites and parks. These excursions are an opportunity to get to know historic places, to be in the valleys and the parks among


A sinistra, il Porto Antico di Piombino Sotto, una veduta panoramica di una delle baie di San Vincenzo In basso a sinistra, spatole in volo in una delle oasi toscane del WWF In basso a destra, la bianca spiaggia di Castiglioncello Left, the ancient harbour of Piombino Below, a panoramic view of one of the bays of San Vincenzo At the bottom left, flying spoonbills in one of the Tuscan WWF Sanctuaries At the bottom right, the white beach of Castiglioncello

si avrà modo di conoscere luoghi di altri tempi, trovarsi nelle valli del parco tra tombe etrusche percorrendo il fiume e visitando boschi in percorsi sconosciuti al turista. L'escursione può concludersi con un pranzo alla brace a fine percorso organizzato con i partecipanti (salsicce, bruschetta, ecc.). Etruria dell’entroterra, ed Etruria marina. Un mare limpido, dai colori che sfumano dal verde smeraldo al blu intenso, premiato con le Bandiere Blu dell'Unione Europea insieme alle località della costa per la qualità delle acque e dei servizi, bagna ininterrottamente per oltre 90 km questa terra. Da Livorno a Piombino si susseguono sul mare splendide località: Castiglioncello, Quercianella, Rosignano,Vada, Cecina, Bibbona, Marina di Castagneto, San Vincenzo. Spiagge di sabbia chiara come quelle di San Vincenzo e Baratti si alternano agli arenili più scuri di Marina di Castagneto, Bibbona e Cecina e a scogliere intagliate dal vento dove i fondali sono profondi e pescosi. Grandi opportunità ha la nautica da diporto, grazie ai numerosi porti turistici attrezzati. Oltre il 20% del territorio della Costa degli Etruschi è organizzato in Parchi, aree protette, oasi naturalistiche e rifugi faunistici. La natura non è solo una cornice, ma l'essenza stessa di questa terra dove sono presenti folte pinete, boschi ed una campagna ricca di colori e di profumi. Spiccano l'Oasi WWF di Bolgheri, zona umida di importanza internazionale, il Parco della Magona che ospita un'oasi biogenetica, il Parco delle Colline livornesi, di notevole interesse storiconaturalistico, l'oasi florofaunistica del Parco di Rimigliano, l'oasi di Orti-Bottagone ed i Parchi della Sterpaia e di Montioni. Per maggiori approfondimenti è possibile visitare il sito internet http://www.etruriaturismo.it/

Etruscan tombs and to ride along the river to visit woods by trails unknown to tourists. The outing usually ends with a grill party organized for all riders to enjoy eating local sausages, bruschetta and much more. Inland Etruria, but also Etruria of the sea: Etruria's clear sea, colours shading from emerald green to dark blue, which together with the seaside resorts, was awarded the Blue Flag of the European Union for the quality of its water and services laps these coasts for 90 km without interruption. From Livorno to Piombino, beautiful seaside resorts along the coast, one after the other: Castiglioncello, Quercianella, Rosignano, Vada, Cecina, Bibbona, Marina di Castagneto, San Vincenzo. Beaches with bright sand like the ones of San Vincenzo and Baratti alternate with the darker shores of Marina di Castgneto, Bibbona and Cecina, but also cliffs cut by the wind where the seabed is deep and full of fish. There are also great opportunities for yachting thanks to the many equipped marinas. Over 20% of the territory of Costa degli Etruschi is organized as national or regional parks with protected areas, naturalist reserves and wildlife sanctuaries. Yet the nature is not just a frame, but the essence of this land with its thick pinewoods and leafy forests and a countryside abounding with colours and fragrances. There are outstanding parks such as the WWF Sanctuary of Bolgheri, a humid area of international importance; the Parco della Magona home of a biogenetic reserve; the Parco delle Colline livornesi of remarkable historic-naturalistic significance; the plant and wildlife sanctuary of the Parco di Rimigliano, the reserve of Orti-Bottagone; and the parks of the Sterpaia and of Montioni. For further information please consult the internet site http://www.etruriaturismo.it

29


Fatevi dare del... buon salame

Speaking of... good ‘salame’

Ora che Rimini è diventata più ‘vicina’ grazie ai collegamenti Darwin tra Lugano, Roma e la città marittima romagnola, vale ancora più di prima la regola d’oro: fatevi “dare del salame”

Now that Rimini has come closer thanks to the connections by Darwin between Lugano, Rome and the seaside town in Romagna, be aware of a golden rule: never refuse a good 'salame' - not the one that, in Italian can also mean fool - but the glorious sausage that reconciles mankind

di Marco Valeriani

by Marco Valeriani

Bontà di gusto e piacere visivo per un affettato saporito e conviviale

A delicious taste and delightful look for a savoury meat platter

Mai in senso figurato - e nemmeno con tono canzonatorio – bensì come atto vero e proprio in onore dell’insaccato che riappacifica al mondo. In onore del buon salame – quello preparato da sapienti artigiani e scrupolosi amatori – a Casa Zanni, a Villa Verucchio (nella bassa Valle del Marecchia) trova rifugio la Congrega nata oltre 10 anni fa allo spuntar del maggio. Loris Fantini ne è il Primicerio, oltre a raccogliere attorno al sodalizio una robusta conoscenza dell’enogastronomia non soltanto emiliano-romagnola. L’idea della Congrega si delineò come “antivirale” al progressivo impoverimento di una terra. Quindi dalla ne-

In honour of the good 'salame', prepared by skilful artisans and meticulous amateurs, the "Congrega", a congregation born over ten years ago at the beginning of May, has found its sanctuary at Casa Zanni of Villa Verucchio (in the lower Marecchia Valley). Loris Fantini is its 'Primicerio', the head who also gathers around the fellowship a sound food and wine connoisseurship and not just of the Emilia Romagna region. The idea of the Congrega was brought forth as an "antiviral" against the growing impoverishment of this land, due to the need of 'reshuffling the cards of specificities' in order

30


A sinistra e sotto, alcuni ‘assaggi’ dell’ottimo salame romagnolo In basso, il maiale razza Mora romagnola, ottima per farne salami Left and below, tasting some delicious salame of Romagna Below, Mora pigs, an excellent breed for producing salami

cessità di mettere mano “al mazzo di carte” delle specificità così da ricollocare ogni tessera e ogni valore al proprio posto. Dal recupero della Mora romagnola, razza all’epoca ritrovata nell’area faentina (Brisighella) ed oggi non senza fatica reintrodotta in altre zone - vedi Rimini e Saludecio -, è maturata l’idea, ben accreditata allo stato attuale, della comparazione, tramite il meccanismo del concorso-trofeo, dei salami lavorati da artigiani-norcini o più semplici estimatori-norcini. «Certo, è necessaria una preselezione», sottolinea Fantini, «allorché all’assaggio venga sottratto quanto d’indecente si possa concepire. La media di partecipazione oscilla tra le 15 presenze in fatto d’artigiani e altrettante per gli amatori». Fedelissimo del trofeo è un riccionese, Primo Badiali: uomo di sorprendenti capacità, spesso e volentieri sotto le luci dei riflettori nella categoria amatoriale. «Il trofeo organizzato dalla Congrega del Buon Salame (visti i tempi d’incertezza propositiva meriterebbe maggior attenzione da parte delle istituzioni locali, ndr)», spiega Fantini, «in qualche occasione, San Patrignano protagonista, ha messo in luce una netta evoluzione espressiva. Ovvero ha cancellato la convinzione che fra il prodotto preparato dagli artigiani e quello proposto dagli amatori si potessero riscontrare differenze quasi abissali». Così, la prova dei fatti sta a testimoniarlo, non è. Sullo sfondo del trofeo è invece ben delineato, seppur non platealmente ammesso, il potenziale conflitto con chi sfruttando razze non autentiche (Mora, Cinta, Borghigiana sono assolutamente autentiche) ha investito, e continua ad investire, su maiali White Large. Maiali “estranei” ad una cultura e ad una tradizione meno industriale qual è la romagnola. Diviene dunque auspicabile, sollecitando forse un po’ il dibattito assopito nelle dispute da cellophane, che l’esempio della Congrega innesti un miracoloso effetto moltiplicatore su altri prodotti. Ad iniziare, perdonino gli abitanti delle colline, da un’invitante e saporita Congrega del Buon Pesce Azzurro. Il tutto condito dal seguente avviso: quanti cullano il sogno della taroccata rimangano pure al riparo delle loro stalle. È sufficiente l’esame del Dna ricavato da una setola dei maialini per smascherare allevatori di Mora fraudolenti.

to replace each piece and each value properly. A by now well affirmed idea arose from the recovery of the Mora of Romagna - a breed that was retrieved in the Faenza region (Brisighella) and today has been, not without difficulties, reintroduced in other areas such as Rimini and Saludecio: a contest with the Salame prepared by artisans or amateurs from Norcia (in Umbria), the Norcini, as a means of comparison. "Certainly it needs a pre-selection," Fantini says, "in order to eliminate whatever improper might be detected while tasting. There is an average participation of 15 artisans and as many amateurs." An aficionado of the trophy is Primo Badiali from Rimini: a man of surprising skills, as often as not in the spotlight of the category of amateurs. "The trophy, organized by the "Congrega del Buon Salame (Brotherhood of the Good Salami)", explains Fantini "on some occasions has emphasized a true expressive evolution, of which San Patrignano is a protagonist. It has actually erased the belief that abysmal differences could be found between a product made by artisans and one proposed by amateurs. (In view of the present lack of positive propositions the contest might deserve more attention from the local institutions, note of the editor.)" But this is not how it is, as the facts demonstrate. Behind the trophy a potential conflict shows neatly, though not openly admitted: the conflict with those who exploiting non authentic breeds (Mora, Cinta, and Borgigiana are absolutely authentic) have invested and are still investing in pigs 'White Large', which are "alien" to a culture and a less industrial tradition like Romagna's. It is thus desirable that the example of the Congrega triggers a miraculous multiplying effect on other products – maybe by rousing somehow the debate slumbering wrapped in cellophane disputes. To begin with, and the hill dwellers may forgive us, an enticing and tasty "Congrega del Buon Pesce Azzurro" (of the Good White Fish), seasoned with the notice: whoever cherishes the dream of a fake take refuge in the pigsties. Be aware, just through the analysis of the DNA obtained from a pig bristle, fraudulent Mora breeders will be unmasked. 31


Foggia, Foggia, delicato risveglio gentle spring di primavera awakening Una città fondata sul potere ideologico e spirituale di una reliquia. Intorno, borghi e paesini in cui rivive il ricordo di una civiltà lontana, dove gli scorci antichi sulla campagna si risvegliano a primavera di odori e colori che raggiungono la loro apoteosi nella lingua verde del Gargano che si insinua nel blu dell’Adriatico di Sara Argentesi

A city founded on the ideological and spiritual power of a relic. Towns and villages where the memory of an ancient civilization still survives. The soft patch of the countryside comes alive in spring with its smells and colours melting right into the blue of the Adriatic Sea by Sara Argentesi

Testo e traduzione di Text and translation by

Sopra, lo stemma di Foggia A sinistra, la chiesa della Beata Maria Vergine Assunta in Cielo, più comunemente detta la Cattedrale di Foggia Above, Foggia’s coat of arms Left, the church of Our Lady of Assumption, known as the Cathedral

Con le sue infinite distese di grano su cui l'occhio si posa senza scorgere alcun rilievo fino all'orizzonte, Foggia è il punto di partenza ideale per un itinerario alla scoperta del Tavoliere che meglio si apprezza con i primi tepori di primavera, quando è possibile abbandonarsi in tranquille passeggiate nelle riserve naturali e concedersi pause di benessere nei centri termali lungo la costa del Gargano, non ancora affollata dal turismo estivo. 32

With its boundless plain of wheat, Foggia is the ideal starting point for a journey through the Tavoliere, more appreciable with the first spring warmth when one can indulge in quiet walks into nature reserves and enjoy wellness breaks in the spa resorts along the Gargano coast, not yet crowded with summer tourists. Foggia’s old town welcomes the visitor in his beating heart settled in via Arpi, the beautiful area around which Frederick II wanted to build his lavish residence. Only a bow


A darci il benvenuto è il centro storico di Fogand the Sveva fountain remind today of the gia con il cuore pulsante in via Arpi, la bella former glory of the dynasty, replaced by a area intorno alla quale Federico II volle codense network of narrow streets, overlooked struita la sua sontuosa residenza. Oggi solo by churches and palaces. An intricate net of un arco e la fontana Sveva rimangono a ricorunderground caves still run below the ground, dare gli antichi fasti della dinastia, sostituiti da once used to cross quickly the city without beun fitto intreccio di vicoli, su cui si affacciano ing noticed by prying eyes during the Norman chiese e palazzi signorili. Al di sotto corre intimes. Experienced guides can drive tourists tatta la rete intricata di cunicoli ipogei che ai along the path to get to know its history and tempi della dominazione normanna erano the ancient origins up to a charming Norman usati per attraversare la città velocemente church, showing up most unexpected. senza essere notati da sguardi indiscreti. AcThe queen, undisputed symbol of the city, is compagnati da una guida esperta è possibile the Cathedral, built in the eleventh century in percorrerli per conoscerne la storia e le origini order to preserve and glorify the Byzantine Sopra, il Museo Civico di Foggia, con una sezione archeologica, una lontane, sbucando poi inaspettatamente alla icon to which Foggia owes its birth. It was in una dedicata alla storia della città e una Pinacoteca luce, all’interno di una chiesa dal sapore Nor- etnografica, one of the many swamps located in the area Above, Foggia’s city museum and its picture-gallery manno. La regina tra tutte, simbolo indiscusbefore Norman rehabilitation, that some shepso della città, è la Cattedrale, costruita nell’XI secolo per conservare e herds in transhumance on Tavoliere sighted the Iconavetere. The also onorare l’icona bizantineggiante alla quale Foggia deve la sua nascita. called Our Lady of the Seven Veils was floating on a wooden table, Fu in uno degli acquitrini, numerosi in zona prima della bonifica norcovered with a cloth. Right in the place of this retrival, after the manna, che i pastori in transumanza sul Tavoliere avvistarono l’Iconadrainage of the unhealthy water, was built the crypt of the Cathedral, vetere, la Madonna dei sette veli galleggiante su una tavola di legno, which still retains the ancient icon. The second core was built later accoperta da un telo. Lì dove fu trovata, dopo il prosciugamento dell’according to Romanesque style, but only the Frontone survived the folqua malsana, fu costruita la cripta della Cattedrale che tutt’oggi conlowing rebuilding in baroque style. In the oldest centre of the city, serva l’antica Icona. Il secondo nucleo fu edificato un secolo dopo in once teeming with inns and taverns where pilgrims stopped off on stile romanico; di esso solo il frontone è sopravvissuto al rifacimento their way to the Holy Land, we meet L’Chacaito reviewed by Slow successivo in stile barocco. Nel centro più antico della città, un tempo Food. Here you can taste the best of the traditional regional cuisine, pullulante di osterie dove facevano tappa i pellegrini in partenza per la including the troccoli alla Foggiana, a special pasta served with gravy, Terrasanta, incontriamo la trattoria/enoteca L’Chacaito segnalata da eggs and delicious asparagus tips, a gastronomic must not to be Slow Food, dove degustare il meglio della cucina regionale tradizionamissed. On a full stomach we can come back to discover the old Fogle, tra cui gli imperdibili troccoli alla foggiana, pasta all’uovo dalla forgia. Where once stood the marvellous palace of Frederick the II, we ma tipica servita con sugo, uova e prelibate punte tenere di asparago. visit the Museum and Art Gallery of Foggia. The paintings, the sculpA pancia piena si può ritornare sulle tracce della Foggia antica e là dotures and the drawings dating back from fifteenth century to contemve un tempo sorgeva il palazzo di Federico II, dedicarsi alla visita del porary times, are overlooked by the stories told by the famous Stele Museo Civico e Pinacoteca di Foggia. I dipinti, le sculture e i disegni Daunia. Mysterious entities covered by dense scenes engraved on the che vanno dal XV secolo alla contemporaneità circondano i racconti stone, show the peculiarity of the ancient civilization of the Dauni that narrati dalle celebri Stele Daunie. Misteriose entità ricoperte da fitte once inhabited these lands, rich, opulent, superstitious and warlike. scene incise sulla pietra, testimonianza dell’antica civiltà Daunia che Our discovery of these archaeological finds get us ready, with proper abitò queste terre, ricca, opulenta, superstiziosa e guerriera. enthusiasm, for the exploration of the Sub Appennino Dauno, a borLa scoperta di questi antichi reperti predispone il giusto entusiasmo der land, which used to be a cultural frontier between Hellenism and per la scoperta del Subappennino dauno, una terra di confine, frontieRomanism. Hilly and fabulous landscapes, strokes of yellow and green ra tra ellenismo e romanità. Paesaggi collinari incantevoli, pennellati di during spring, and charming views worthy of a bucolic dream delightgiallo e verde a primavera e scorci suggestivi degni di un sogno bucoliing the visitor and his sight. We are in the perfect place for a picnic co appagano la vista del visitatore. Siamo nel luogo ideale per una and a packed lunch, while heading to the picturesque towns and vil-

A sinistra, il paesaggio collinare tipico del subappennino Dauno Sotto, le saline di Margherita di Savoia Left, landscape with the typical hills of the lower Appennine Dauno Below, the salt-works of Margherita di Savoia

33


Sopra, e a destra, due vedute dell’antico borgo medievale di Bovino, che fa parte del club "I borghi più belli d'Italia" promosso dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani Above and right, two sights of the ancient Medieval town of Bovino that belongs to the club “I borghi più belli d’Italia” (the most beautiful towns of Italy) promoted by the National Association of Italian Municipalities

scampagnata e un pranzo al sacco, senza tralasciare però la visita dei suggestivi borghi e paesini della Daunia, primo fra tutti Lucera. Sulla sommità del colle di Monte Albano campeggia l’antico palazzo imperiale di Federico II che Carlo I d'Angiò trasformò in una fortificazione, inglobandola all'interno di una spessa cinta muraria. Il Duomo dalla vocazione gotica e i resti dell’anfiteatro romano fanno da cornice al centro storico, vera perla dell’antica città della Daunia, che Federico II volle modellato a immagine di una casbah araba. L’antico borgo medioevale di Bovino ci incanta con i suoi scorci di casette bianche e in pietra, stretti viottoli e scalinate ripide. Alle bellissime corti dei palazzi signorili fa da sfondo la campagna circostante che ammiriamo dalla sommità di uno dei colli dove si erge maestoso il Castello ducale con la torre normanna, trasformato in seguito in palazzo gentilizio dai duchi di Guevara. Il nostro itinerario ci porta verso Oriente, ai piedi del promontorio del Gargano. Lungo la linea costiera che collega Bari al Gargano incontriamo le saline di Margherita di Savoia. Ai tempi di Federico II si trattava del lago di Sapi, ambiente lagunare e paludoso in cui il sovrano amava dedicarsi alla caccia col falco. Un’opera di bonifica iniziata con i Borboni ha trasformato l’ambiente naturale nelle saline che conosciamo oggi. Gli argini racchiudono le grandi vasche e una lama d’acqua si perde all’orizzonte. Dal lato opposto gli enormi cumuli bianchi di sale restituiscono il forte odore di salmastro che accompagna la visita guidata all’ecosistema artificiale, scelto come luogo di sosta invernale e nidificazione da una ricca avifauna. Un percorso di circa otto chilometri all’interno della Riserva ci permette di conoscere gru, cigni, falchi di palude, l’airone bianco e quello cinerino. Ma il vero spettacolo delle saline, oasi dedicata, nel contesto di una strategia internazionale, alla conservazione della specie, sono gli affascinanti fenicotteri rosa. Con un po’ di fortuna non è difficile imbattersi in una visione indimenticabile: uno stormo di fenicotteri rosa in formazione volano davanti al sole infuocato che si riflette nello stagno, rosa contro rosa. Il mondo del sale ci regala un’altra pausa di piacere con le Terme di Margherita di Savoia, un modernissimo stabilimento termale, il più completo e attrezzato del Sud Italia. I fanghi e le acque madri contenute nei bacini per l'estrazione del sale diventano gli ingredienti principali di trattamenti di bellezza e benessere, oltre che vincenti alleati nel combattere reumatismi, dermatiti e altre patologie specifiche. La fango-balneo-terapia nell’ambiente esclusivo e lussuoso delle terme a due passi dal mare ci regala il perfetto mix tra piacere e relax, per di34

lages of the Daunia, first of all Lucera. On the top of the hill of Monte Albano stands the ancient imperial palace of Frederick the II that Charles of Anjou turned into a fortress, enclosing it into the massive walls. The Gothic Cathedral and the remains of the Roman encircle are the beautiful frame in which shine the old town, the true pearl of Lucera, which Frederick II wanted to be modelled on the image of an Arabian casbah. The medieval town of Bovino enchants us with its glimpses of white stone houses, narrow alleys and steep staircases. The beautiful courtyards of palaces are the background of the surrounding countryside which we admire from the top of the hill where stands the impressive Ducal Palace with its Norman tower, turned into a noble residence by the Dukes of Guevara. Our route takes us to the East, at the feet of Gargano promontory. Along the coastline connecting Bari to Gargano, we meet the saline of Margherita di Savoia. At the time of Frederick II, it was the lake of Sapi, a marshy lagoon in which the king loved to hunt with a falcon. Drainage work began with the Bourbons transforming the natural environment into the saline we are used to know today. The banks contain the large pools and a blade of calm water flow up to the horizon. On the opposite side the enormous piles of white salt return the strong smell of brackish that accompanies a tour into the artificial ecosystem. It was chosen by a very rich avifauna as a resting and breeding place. Eight kilometers of trails inside the reserve allow us to watch cranes, swans, hawks and herons. But the real spectacle of the saline are the charming pink flamingos, that find here an oasis dedicated to the conservation of the endangered specie. Being lucky enough we might enjoy an unforgettable scene: the sight of a flock of pink flamingos flying in formation in front of the blazing sun reflected in the pond, pink against pink. The world of salt gives us another chance for a leisure break at the Terme di Margherita di Savoia, a modern spa, the most complete and equipped in Southern Italy. The sludge and the waters contained in the pools for the extraction of salt become the main ingredients of beauty treatments and wellness, as well as effective therapies for rheumatism, dermatitis and other specific diseases. The mud bath therapy in the exclusive luxury of the spa, settled at a short walk from the sea, is the perfect mix of pleasure and relaxation, to properly regenerate and get ready to continue discovering the province of Foggia and the wonders of Gargano. Starting from the southernmost area of the promontory we explore the rugged coast from Mattinata to Ischitella, to proceed then towards the inland part where a large variety of tours will make


rigerci poi, carichi di nuove energie, alla scoperta della provincia di Foggia e delle meraviglie del Gargano. Partendo dalla zona più meridionale del promontorio ne esploriamo la costa frastagliata da Mattinata a Ischitella per dirigerci poi verso l’interno, dove una grande varietà di escursioni A sinistra, i troccoli, rustici tagliolini a sezione ovale di grana ruvida tipici della tradizione culinaria foggiana In alto, uno degli incantevoli scenari che offre la penisola del Gargano contribuiranno a rendere indimenticabile un sogLeft, the ‘troccoli’, rustic , oval shaped, coarse grained noodles of Foggia’s typical cooking tradition giorno all’insegna del relax, con l’emozione delAbove, one of the lovely sceneries along the Gargano peninsula l’avventura e i benefici tonificanti di una vacanza attiva. A Mattinata alle case bianche a picco sulla baia fa da contrappunto la bella e immensa spiaggia alle cui spalle si unforgettable a relaxing vacation combined to the thrill of adventure estendono uliveti, mandorleti e agrumeti. and the bracing benefits of an active holiday. In Mattinata the white Situato sotto il leggendario Monte Saraceno, immerso in un incantehouses overlooking the bay are the perfect counterpoint to the beautivole piana di ulivi secolari dolcemente declinanti verso il mare, c’è ful and vast beach, behind which extends olive, almond and orange l’Agriturismo Giorgio, un’oasi di tranquillità, ospitata all’interno di trees. Situated beneath the legendary Monte Saraceno, the Agriturisun’azienda olearia che fa dei metodi tradizionali e della ricerca della mo Giorgio lies in a beautiful plain of olive trees, sloping gently togenuinità il suo principale vanto. wards the sea. An oasis of relax, housed inside an oil farm which Da qui l’accesso alla vicina Foresta Umbra è agevole. 14 sentieri attramakes of traditional methods and search for genuineness its main versano il cuore verde del Parco Nazionale del Gargano, conducendo il boast. From here the access to the nearby Forest Umbra is easy. Fourvisitatore tra faggeti e folti boschi, dove fermarsi ad ascoltare il suono teen paths running through the green heart of Gargano National Park, della natura e dei suoi selvatici abitanti. leading the visitors into beech forests and woods, where enjoy the stay Dopo Punta Agnuli, incontriamo la spiaggia di Mattinatella, intima e listening to the suggestive sounds of nature and its wild dwellers. Afriparata, dove l’estate non tarda ad arrivare, frequentata dai bagnanti ter Punta Agnula, we find the Mattinatella beach, intimate and secludsin dalla primavera. Superati i suggestivi faraglioni verticali che froned, where summer comes early and swimmers can be found already in teggiano la Baia delle Zagare con la roccia a picco sul mare, gli uliveti spring. Past the impressive vertical cliffs that face the Bay of Zagare lasciano il passo alla tipica vegetazione mediterranea, dove il profilo with the rock overlooking the sea, the olive trees give way to the typicaratteristico dei pini si alterna alla flora di arbusti e cespugli. cal Mediterranean vegetation, where the characteristic profile of the Gli appassionati di speleologia, anche quelli poco esperti, troveranno pines alternates to the flora of shrubs and bushes. Enthusiasts speleolpane per i loro denti nella zona che prosegue fino a Vignanotica: un ogist and even those who are less experienced, will find a true paranumero impressionante di grotte, scavate dalla mano paziente della dise in the area that leads to Vignanotica with its impressive number of natura nella roccia calcarea a strapiombo sul mare. caves, carved by the patient hand of nature into the limestone cliff facNella Grotta Campana, nota anche come il Pantheon Garganico, la luing the sea. In the Bell Cave, also known as the Pantheon Garganico, ce riflessa dal mare sulle pareti levigate dal tempo crea effetti di luce, the light reflected from the sea on the walls smoothed by time creates un susseguirsi di sfumature e colori evocativi. A 200 metri di distanza lighting effects, with a series of evocative colours and shades. 200 mec’è la Grotta Tavolozza, così chiamata perché la gamma di colori intenters away there is the Tavolozza cave, so called because of the comsi e vivaci che si riflette per effetto della rifrazione solare sulle pareti e il plete palette of rich and vivid colours that reflects on the cave walls. soffitto della grotta è completa. The exit leads straight to the cove of Vignanotica, one of the most L’uscita della grotta conduce direttamente nella cala di Vignanotica, beautiful of the whole promontory. A Peschici the Agriturismo La una delle più belle dell'intero promontorio. A Peschici l’Agriturismo La Chiusa delle More, housed in an old mansion in the heart of Gargano Chiusa delle More, ospitato in un‘antica dimora nel cuore del Gargagives us another opportunity for refined relaxation before landing at no, ci offre un’altra occasione di raffinato relax prima di approdare alla the nearby Vieste, one of the most popular destinations of Gargano. vicina Vieste, una delle mete più frequentate del Gargano. Ne apprezWe appreciate the calm and tranquility of the beautiful sunny spring ziamo la suggestiva calma e tranquillità degli assolati pomeriggi primaafternoons, before the big arrival of summer tourists. Further north, verili, prima dell’arrivo dei turisti che numerosi l’affollano in estate. Più nature and wellbeing meet in Ischitella. The Agriturismo Valletta is not a Nord, a Ischitella, natura e benessere si incontrano nel piacevole sogonly a traditional farm but also a beautiful spa, where the food, made giorno alla Valletta, agriturismo e centro benessere, dove ai benefici according to tradition and authenticity adds its benefits to the ones of del wellness si associano quelli della buona tavola, nel pieno rispetto care and wellness treatments. The farm organizes excursions on horsedella tradizione foggiana e della genuinità. L’agriturismo organizza back, either individual or in team to discover the Gargano National escursioni a cavallo, individuali o in gruppo, per scoprire in piena sintoPark in full harmony with nature. At a short distance from Ischitella, nia con la natura il Parco Nazionale del Gargano. A breve distanza da lies Lake Varano, interesting to circumnavigate riding a mountain bike, Ischitella c’è il Lago di Varano, da costeggiare in mountain bike o a hiking or also canoeing, taking advantage of the rental services and fapiedi o, perché no, da traversare a bordo di una canoa a noleggio. cilities to be found along the lakeside. 35


Piranesi Piranesi at the al m.a.x. Museo m.a.x. Museum di Chiasso at Chiasso All’interno del filone relativo alWithin the tradition of the “hisla “grafica storica”, il m.a.x. toric graphic art”, the m.a.x. museo di Chiasso, dal 17 febMuseum at Chiasso presents a braio al 1 maggio 2011, propoSwiss première from February ne una prima svizzera: l’esposi17, to May 1, 2011: an exhibizione dedicata alle incisioni di tion dedicated to the engravings Giovanni Battista Piranesi by Giovanni Battista Piranesi (1720-1778) accompagnate (1720-1778) along with their dalle matrici in rame che le copperplates. From Piranesi’s hanno generate. Fra l’immensa enormous chalcographic proproduzione calcografica piraneduction the exhibition presents siana, sono proposte in mostra the pictures, which represent le rappresentazioni che costitui- Sopra, la moderna sede del m.a.x. museo di Chiasso; sotto, un’incisione di Piranesi dal titolo Antichità Romane the most dramatic innovation scono la più radicale innovazio- Above, the modern base of m.a.x. Museum in Chiasso; below, Ancient Rome, engraving by Piranesi relating to the values of utopia ne volta ai valori dell’utopia e and modernity. There are actualdella modernità. Sono infatti esposte le stampe che nel Settecento ly prints on display, which in the Settecento showed an unknown mostrarono un mondo sconosciuto e non immaginabile, e che grazie and unthinkable world, and which thanks to their fascination – of alla loro suggestione - di inaudita potenza -, hanno saputo esercitare an unprecedented power – were able to become a very important un importantissimo riferimento artistico nella cultura contemporanea. artistic point of reference for the contemporary culture. The exhibiIn mostra sono presentate una sessantina d’incisioni, da una prima setion presents some sixty engravings from a first selections of the lezione delle invenzioni originali di Architetture e Prospettive (1743-50) original inventions of Architectures and Perspectives (1743-1750) e Fantasie architettoniche (1749), alla raccolta dei Grotteschi (1747and Architectural Fantasies (1749) to the collection of the Grotesque 49), delle Carceri (1745-60) e dei Trofei (1743), per terminare con una (1747-1749), the Prisons (1745-1760) and the Trophies (1743) and scelta fra le più significative rappresentazioni delle Vedute di Roma eventually a choice of the most representative pictures of the Views (1748 e segg.) e Antichità Romane (1756). Accompagnano l’esposiof Rome (from 1746 on) and Roman Antiques (1756). The exhibition zione cinque matrici incise, poste a raffronto dell’opera a stampa; “racomes along with five engraved matrixes, confronted with the printmi” che permettono di comprendere la grande abilità esercitata a bued works. These “coppers” help to appreciate the great skills of the lino dal maestro del primo neoclassicismo. Mai prima di allora la lastra master of the first neoclassicism at applying the bulin. Never before calcografica aveva prodotto immagini con una resa degli effetti così the chalcographic plate had produced images rendering such rich ricca ed espressiva, e con una capacità di variazione del chiaroscuro in and expressive effects, and capable of varying the chiaroscuro to Gianbattista Piranesi, parte di ampio magnifico Porto, Tav.2 in Opere Varie (Fantasie architettoniche), 1749-1750, matrice su rame (a sinistra) e acquaforte (sotto) Left, Gianbattista Piranesi, large part of the magnificent Harbour, Tab. 2, in Various Works (Architectural fantasies), 1749-1750, copper matrix (left) and etching (below)

36


Giovanni Battista Piranesi, Capriccio Grottesco, Tav.I, 1747-1749, acquaforte (a sinistra) e matrice su rame (sopra) Giovanni Battista Piranesi, Capriccio Grottesco, Tab.1, 1747-49, etching (left) and copper matrix (above)

grado di “trasformarsi in un’equivalenza del colore”. L’esposizione delle “matrici piranesiane” è possibile grazie alla collaborazione e al prestito concesso dall’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma, unica istituzione a possederle e a detenere in esclusiva il diritto di riproduzione delle incisioni di Giovanni Battista Piranesi, e dalla Fondazione Antonio Mazzotta di Milano che possiede le “editio princeps”. La mostra è curata da Luigi Ficacci, uno dei maggiori studiosi italiani di Piranesi che ha dato alle stampe l’opera completa della produzione piranesiana, e da Nicoletta Ossanna Cavadini direttrice del m.a.x. museo. Accompagna l’esposizione un catalogo, curato da Luigi Ficacci e Nicoletta Ossanna Cavadini, pubblicato dalla casa editrice Mazzotta di Milano. Nel catalogo sono riprodotte tutte le opere esposte in mostra e vi sono le prefazioni di Maria Antonella Fusco, Direttrice dell’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma, e di Gabriele Mazzotta per la Fondazione Antonio Mazzotta; seguono i contributi di Luigi Ficacci, Nicoletta Ossanna Cavadini, Augusta Monferini e Ginevra Mariani. Tutta la manifestazione è stata realizzata con il sostegno del Dipartimento Cultura Educazione e Sport del Cantone Ticino, della Banca Stato e dell’AGE. A corollario dell’esposizione, in collaborazione con il Circolo cultura insieme di Chiasso, è proposto un ciclo di tre conferenze serali dal titolo Giovanni Battista Piranesi: un grande maestro dell’acquaforte, ove sono relatori studiosi di chiara fama. Le conferenze si terranno il 18 e il 22 febbraio e il 1 marzo; per l’occasione, venerdì 18 febbraio e martedì 22 febbraio il m.a.x. museo rimarrà aperto dalle 21.30 alle 23.30. In collaborazione con la Direzione artistica del Cinema Teatro il museo propone, sempre come evento collaterale, un concerto intitolato “Dal Rococò al Classicismo” in cui il passaggio epocale fra gli stilemi ridondanti del Barocco e Rococò vengono a mutare con la visione di riferimento classicista fino a creare un nuovo clima culturale, definito appunto Neoclassicismo. Il repertorio musicale del concerto, programmato per il 6 aprile al Cinema-Teatro, comprende le musiche di J.S.Bach fino ad arrivare alle alla nuove “Haydiane” di F.J.Haydn.

m.a.x. museo Via Dante Alighieri n.6 CH- 6830 Chiasso Tel. +4191 682 56 56 info@maxmuseo.ch www.maxmuseo.ch GIOVANNI BATTISTA PIRANESI Opera grafica 17 febbraio - 1 maggio 2011 Orari: martedì - domenica 10.00-12.00 / 15.00-18.00 Entrata alla mostra: Fr. 10.- Euro 8.- (riduzione per gruppi superiori alle 15 persone Fr. 5.- Euro 4.-). Ridotto Fr.7.-

such an extent as to “turn into an equivalence of colour”. The exhibition of “Piranesi’s matrixes” is possible thanks to the collaboration and the loan granted by the Istituto Nazionale per la Grafica di Roma (National Graphic Institute in Rome), the only institution owning the plates as well as the exclusive right to reproduce the engravings by Giovanni Battista Piranesi, and by the Fondazione Antonio Mazzotta of Milan owner of the “editio princeps”. The exhibition is curated by Luigi Ficacci, one of the main Italian Piranesi scholars who has put into print the works by Piranesi, and by Nicoletta Ossanna Cavadini, director of the m.a.x. Museo. The exhibition comes with a catalogue edited by Luigi Ficacci and Nicoletta Ossanna Cavadini, published by the publishing house Mazzotta of Milan. All the exhibited works are reproduced in the catalogue with prefaces by Maria Antonella Fusco, director of the Istituto Nazionale per la Grafica of Rome and by Gabriele Mazzotta on behalf of the Fondazione Mazzotta, followed by contributions by Luigi Ficacci, Nicoletta Osanna Cavadini, Augusta Monferini and Ginevra Mariani. The event has been realized with the support of the Department of Culture, Education and Sports of the Canton Ticino, of the Banca Stato and of AGE. Furthermore, three evening conferences with the title ‘Giovanni Battista Piranesi, a great master of etching’ are held by illustrious scholars in collaboration with the ‘Circolo cultura insieme’ of Chiasso. The conferences will take place on February 18 and 22 and on March 1, while on Friday, February 18 and Tuesday, February 22, the m.a.x. Museum will be open from 21.30 till 23.30. In collaboration with the artistic direction of the Cinema Teatro the museum proposes, as a further side event, a concert with the title “From Rococo to Classicism” where the epochal shift from the luxurious stylistic features of Baroque and Rococo are yielding to the vision related to classicism so as to create a new cultural climate, defined precisely Neoclassicism. The musical repertory of the concert, scheduled for April 6, at the Cinema-Teatro, covers music ranging from J.S. Bach to the new “Haydiane” by F.J.Haydn.

m.a.x. museo Via Dante Alighieri n.6 CH- 6830 Chiasso Tel. +4191 682 56 56 info@maxmuseo.ch www.maxmuseo.ch Giovanni Battista Piranesi Graphic Works febbruary 17 - may 1, 2011 Opening hours: tuesday - sunday 10.00-12.00 / 15.00-18.00 Ticket: Fr. 10.- Euro 8.- (reductions for groups of over 15 people Fr. 5.- Euro 4.-), concessions Fr.7.-

37


Sotto, una schiera di Spiderman anima un momento del Carnevale di Bellinzona

Below, a group of spidermen animates a moment of Bellinzona’s Carnival

Ticino: arriva Ticino: carnival il Carnevale! is coming! Una tradizione che in Ticino muove migliaia di persone in una poderosa mobilitazione di festa, allegria e divertimento

A tradition in Ticino that rallies thousands of people in large groups of joy and fun

di Roberto Clemen

by Roberto Clemen

Si perde nei secoli la tradizione di festeggiare il Carnevale nel Canton Ticino. Tra le più sentite feste ‘popolari’, agisce come una potente ed eccitante leva in vasti strati della popolazione, garantendo allegria, festa e sani schiamazzi, cortei variopinti di carri allegorici, kermesse e manifestazioni locali. Preceduto da una mobilitazione organizzativa che definire ‘grandiosa’ non è esagerato, il Carnevale rappresenta uno degli appuntamenti più giocosi della vita sociale cantonale, perché libera l’espressione e la creatività che si riversa in cortei mascherati di grande efficacia, corredati di carri allegorici che mettono ‘sotto tiro’ temi politici, economici, sociali e culturali, senza timori reverenziali per nessuno. Festa sacra dissacrata, la definì qualcuno, non senza qualche ragione. Una delle peculiarità del Carnevale ticinese, come rito di origine religiosa, è l'inizio della Quaresima, che non parte dal mercoledì delle

The tradition of celebrating carnival in Ticino is lost in the mists of time. One of the most appreciated 'folk' festivals, it acts as a powerful and exciting force over the population that promises fun, joyfulness, sound rumpus, gaily coloured parades of carnival floats, kermes and many local events. Preceded by an organizing call-up that may be called 'grand' without exaggerating, the carnival is one of the most playful events in the Canton's social life. It frees expression and floods creativity in forceful disguise parades, accompanied with carnival floats that put political, economic, social and cultural issues ‘undr fire’ without reverential awe for anybody. Ticino's carnival orginates from a ritual of religious history where the beginning of the Lent season is not on Ash Wednesday, but on the immediately following Sunday. This gives rise (e.g. at Tesserete and Biasca) to the distinction between '"new" carnival (Roman)

38


Ceneri, ma dalla domenica immediatamente successiva. Ciò dà luogo (ad esempio a Tesserete e Biasca) alla distinzione tra carnevale "nuovo" (quello romano) che termina con il martedì grasso, e carnevale "vecchio" (quello ambrosiano) che si conclude, invece, alcuni giorni dopo. La differenza tra il carnevale ambrosiano e quello del resto del mondo è dovuto proprio al diverso modo di calcolare le date di inizio e fine della Quaresima: nel rito romano infatti le domeniche non sono calcolate come giorno di penitenza, e quindi la quaresima è più lunga e comincia prima. Stabilita la distinzione storico religiosa, resta la grande festa, ricca di cortei mascherati e feste di vario genere che animano un po’ tutti i comuni del Cantone. Il più celebre dei carnevali locali è certamente quello di Bellinzona, denominato ‘Rabadan’ (di seguito il programma). La tradizione vuole che la nascita del carnevale bellinzonese risalga al 1862, mentre nel 1874 appare il nome Rabadan. È un termine, in dialetto piemontese, a doppio significato. Indica, per prima cosa, baccano, fracasso. L'origine risale al tempo delle Crociate, allorquando i Piemontesi, recandosi nei paesi arabi, appresero che i Musulmani, nel periodo del Ramadan, di giorno digiuna-

ending on Pancake Day, and "old" (Ambrosian) carnival ending some days later. The difference between the Roman and the Ambrosian carnival is actually due to the way of calculating the dates of the beginning and the end of the Lent season: in the Roman rite Sundays are not counted as days of penance and therefore Lent lasts longer and begins earlier. Once the historic and religious differences were settled, all that remained, is the great festival filled with costume parades and with many kinds of kermes animating quite all of the Canton's communities. The most famous of the local carnivals is the one in Bellinzona, called 'Rabadan' (see the programme below). The tradition goes that the beginning of Bellinzona's Carnival dates back to 1862, while the name 'Rabadan' appears in 1874. It is a dialect term from Piedmont and holds a double meaning. First, it indicates racket and noise. Its origins go back to the times of the crusades, when the Piedmontese, travelling to the Arab countries, learnt that the Moslems during the Ramadan fasted and prayed during the daytime, but at night abandoned themselves to songs, parties and bacchanals. Considering only the evening part of this day, the Pied-

Sopra, momenti della sfilata Qui a fianco, anche la torre nera del Castel Grande partecipa alla mascherata Above, moments of the parade Left, the black tower of the Castel Grande takes part in the masquerade as well

39


Il programma del “Rabadan” 2011 di Bellinzona

Programme of the “Rabadan” 2011 in Bellinzona

Giovedì 3 marzo 2011 12:00 Carnevale del Cuore, organizzato dall'Associazione dei Regnanti della Svizzera Italiana, Espocentro 20.30 Corteo d'apertura, Viale Stazione 20.45 Cerimonia e spettacolo d’apertura, Piazza Collegiata 21.30 Aperitivo offerto in Città, Piazza Indipendenza Festa fino alle 04.00

Thursday, March 3, 2011 12:00 Carnevale del Cuore, organized by the 'Association of the Governors of Italian speaking Switzerland', Espocentro 20.30 Opening parade, Viale Stazione 20.45 Opening ceremony and event, Piazza Collegiata 21.30 Aperitif offered in town, Piazza Indipendenza Party until 04.00

Venerdì 4 marzo 2011 Importante: i buoni per il pranzo degli anziani di Rabadan che avrà luogo all'Espocentro si potranno ritirare all'Ente turistico 11.30 Pranzo per anziani, Espocentro 14.30 Corteo dei bambini, partenza da Piazza Indipendenza e sfilata sul Viale Stazione 19.00 Apertura della Città del Carnevale Notte libera, musica fino alle 05.00

Friday, March 4, 2011 Important: vouchers for the Rabadan lunch for senior citizens to be held at the Espocentro can be collected at Tourist Office 11.30 Lunch for senior citizens, Espocentro 14.30 Children parade, Leaving from Piazza Indipendenza and marching through Viale Stazione 19.00 Opening of the 'Città del Carnevale' Open night, music until 05.00

Sabato 5 marzo 2011 11:00 Visita della Corte, Mercato 14.30 Corteo delle Guggen, Viale Stazione 17.30 Aperitivo offerto in Città, Piazza Indipendenza 18.30 Apertura della Città del Carnevale 20.00 Concerto a concorso delle Guggen, Piazza Collegiata Notte libera, musica fino alle 05.00

Saturday, March 5, 2011 11:00 Visit to the Court, street market 14.30 Parade of the Guggen (carnival marching bands), Viale Stazione 17.30 Aperitif offered in town, Piazza Indipendenza 18.30 Opening of the 'Città del Carnevale' 20.00 Concert contest of the Guggen, Piazza Collegiata Open night, music until 05.00

Domenica 6 marzo 2011 Importante: per chi non è in possesso della tessera Rabadan 2010, l'entrata al corteo è di 10 franchi, gratis per i ragazzi fino a 12 anni. 13.30 Corteo mascherato, Viale Stazione 18.30 Proclamazione dei risultati e premiazioni, Piazza Collegiata Festa fino alle 01.00

Sunday, March 6, 2011 Important: for those without Rabadan pin, the entrance fee to the Rabadan 2011 is 10 Francs, free for children under 12 years 13.30 Costume parade, Viale Stazione 18.30 Declaration of the winners and prize-giving, Piazza Collegiata Party until 01.00

Lunedì 7 marzo 2011 14.00 Città dei bambini, Piazza Governo 19.00 Apertura della Città del Carnevale 21.00 Tiro alla fune, Piazza Collegiata Festa fino alle 03.00

Monday, March 7, 2011 14.00 Città dei bambini, Piazza Governo 19.00 Opening of the Città del Carnevale 21.00 Tug-of-war, Piazza Collegiata Party until 03.00

Martedì 8 marzo 2011 11.30 Risotto e luganighe offerti e intrattenimento musicale, Espocentro 19.00 Apertura della Città del Carnevale 23.00 Esibizione delle Guggen, Piazza Collegiata 24.00 Cerimonia e spettacolo di chiusura / Distribuzione del brodino, Piazza Collegiata Notte libera, musica fino alle 05.00

Tuesday, March 8, 2011 11.30 Risotto and sausages for free and musical entertainment, Espocentro 19.00 Opening of the Città del Carnevale 23.00 Performance of the Guggen, Piazza Collegiata 24.00 Closing ceremony and show / Distribution of the consommé, Piazza Collegiata Open night, music until 05.00

vano e pregavano ma di notte si abbandonavano a canti, feste e baccanali. Questi, considerando di quel giorno solo la parte serale, chiamarono rabadan (da Ramadan) il baccano, la baldoria. Rabadan indica però anche un uomo mal ridotto, ricordando, sempre dalla stessa fonte, l'arabo di giorno, quando digiuna. Vero è che una città tanto profondamente legata al suo carnevale non si è improvvisata tale in pochi decenni. Molto probabilmente lo spirito carnevalesco dei Bellinzonesi va a perdersi nella storia dei suoi castelli. L'ultracentenaria vita della società Rabadan ne ha consolidato la struttura, rendendola una macchina organizzativa di notevoli proporzioni e di grande vitalità. Negli ultimi decenni si è ramificata e ingrandita, dandosi una complessa struttura che va ben oltre la semplice organizzazione di una risottata o di un capannone delle feste. 40

montese called clamours and noise ‘rabadan’ (from Ramadan). But Rabadan means also 'battered man' referring to the Arab who fasts during the day according to the same source. The truth is that a town with such strong ties to carnival cannot have this event just like that. Much of the carnival spirit of the Bellinzonesi is lost in the history of its Castles. The over centenarian life of the Rabadan association has consolidated its structures making it an organizational machine of remarkable dimensions and of great vitality. During the last decades it has ramified and grown to take on a more complex structure that exceeds a simple risotto-feed or a festival tent. In 1946 the great development began with two important events: the disguise parade on Sunday and the distribution of


Sopra, un momento del Carnevale “Or Penagin”di Tesserete A destra, la sfilata di Nebiopoli, a Chiasso Above, at the Carnival “Or Penagin" of Tesserete Right, the parade of “Nebiopoli” at Chiasso

Nel 1946 ha inizio il grande sviluppo con due significative manifestazioni: il corteo mascherato della domenica e il risotto in piazza, il martedì. A partire dagli anni '70 il Carnevale abbraccia tutta la settimana, con spazi sempre più grandi e i frequentatissimi e "peccaminosi" veglioni al Foyer Forum. Nel 1983 i veglioni sono spostati in un gran capannone in piazza del Sole. Dal 1990 il Carnevale si estende nelle strade e nelle piazze del centro con la partecipazione di decine di migliaia di persone. Alle manifestazione del sabato e della domenica si contano oltre 30'000 partecipanti. Nel 1996 viene introdotto il concetto di "Città del Carnevale" completamente chiusa al traffico, alla quale si può accedere acquistando uno dei pin (opera di artisti della regione) quale identificazione di "Cittadino della Città del Carnevale", e che dà diritto di muoversi liberamente tutta la settimana e a frequentare ogni suo ritrovo o manifestazione. Il 2000 ha segnato una tappa importante per la società organizzatrice di Bellinzona, con il ritorno in piazza del Sole, che diventerà il vero cuore della manifestazione. Rabadan ha inoltre introdotto inoltre alcuni cambiamenti e novità, quali una scatenata Rabaparade il venerdì sera, un torneo di calcetto umano e nuove sorprendenti manifestazioni per i più giovani; per non dimenticare l'imponente mascherone che rende maliziosa la tetra torre nera del Castel Grande. Ogni Comune si impegna a svolgere il suo carnevale con un proprio, caratteristico nome. Celebre, per esempio, quello di Chiasso, la città del confine italo svizzero che ha voluto denominare “Nebiopoli” la sua kermesse. Di rito romano, è l'unico carnevale ticinese a non avere un re. Durante i giorni di carnevale il governo viene assunto dal Primo ministro, e il paese si trasforma in Libera Repubblica Nebiopoli. Dal 1960 il percorso del corteo si svolge a circuito chiuso ma le origine del Carnevale Nebiopoli sono ben più antiche. Molto gettonato anche il Carnevale di Tesserete, denominato “Or Penagin”. La manifestazione inizia il 10 e si conclude il 12. Di comune in comune, dal Sottoceneri al Sopraceneri, ecco la lista dei Carnevali più gettonati, oltre a quelli già citati: Roveredo “Lingera” (22-27 febbraio); Biasca “Ne Naregna” (9-12 marzo); Locarno “La Stranociada” (4-5 marzo, data provvisoria); S. Antonino “Carnevaa di Goss” (10-13 febbraio); Lugano “Ul Sbroja” (da definire); Claro “Re Cherof” (da definire); Soazza “Carnevà di Boden (25-29 gennaio). Questo l’elenco dei Cortei mascherati: • 26.02.2011: Lingera, Roveredo • 06.03.2011: Rabadan, Bellinzona • 08.03.2011: Nebiopoli, Chiasso • 12.03.2011: Or Penagin, Tesserete • 12.03.2011: Re Naregna, Biasca Per maggiori informazioni è utile consultare il sito di ciascun comune del Canton Ticino dove sono contenute le informazioni sui programmi locali e il rinvio, in genere, ai siti delle organizzazioni carnevalesche.

risotto on the streets. From the seventies the carnival embraces an entire week, with ever larger spaces and with the highly popular and "sinful" parties at the Foyer Forum. In 1983 the dances were moved to a big shed on piazza del Sole. Since 1990 the carnival has spread over the downtown streets and squares with tens of thousands participant people. Over 30.000 attendants were counted at the events of Saturday and Sunday. In 1996 the concept of "Carnival town" completely closed to traffic was introduced; access is only possible by purchasing one of the identity pins (made by local artists) that qualifies the bearer as "Citizen of the Carnival Town" granting right to move without limitation the whole week and to frequent all hangouts and events. The year 2000 marked an important stage for Bellinzona's organizing society with the return to piazza del Sole that has become the true heart of the event. Rabadan has also introduced some changes and novelties such as a wild Rabaparade on Friday night, a tournament of human table-football and other new surprising events for the youth. Yet do not forget the impressive giant mask that makes the gloomy black tower of Castel Grande look mischievous. Each municipality commits itself to organize its carnival under their own, traditional name. A famous one, for instance, is "Nebiopoli" the name given by the Italian-Swiss border town Chiasso to its ker-

mes. It is ritually Roman and the only carnival in Ticino without a king. During the carnival the government is taken over by the Prime Minister and the town turns into the "Libera Repubblica Nebiopoli" (Free Republic of Nebiopoli). Since 1960 the route of the parade is a closed circuit, but the origins of the Nebiopoli carnival are much older. Another very popular kermes is the Carnival of Tesserete called "Or Penagin". The event begins on the 10th and ends on the 12th of March. The following is a list of the most popular carnivals, besides the ones already mentioned, town by town, South and North of the Monte Ceneri: Roveredo “Lingera” (February 22-27); Biasca “Ne Naregna” (March 9-12); Locarno “La Stranociada” (March 4-5, tentative date); S.Antonino “Carnevaa di Goss” (February 10-13); Lugano “Ul Sbroja” (date to be fixed); Claro “Re Cherof” (date to be fixed); Soazza “Carnevà di Boden (January 25-29). List of the costume parades: • 26.02.2011: Lingera, Roveredo • 06.03.2011: Rabadan, Bellinzona • 08.03.2011: Nebiopoli, Chiasso • 12.03.2011: Or Penagin, Tesserete • 12.03.2011: Re Naregna, Biasca For further information please refer to the website of each town of the Canton Ticino, where all information on the local programmes is quoted as well as, in general, the links to the websites of the carnival organisations. 41


L’allegro e The cheerful dolce sapore and sweet taste del carnevale of carnival Usanze e tradizioni della Svizzera Italiana tra tortelli, ravioli e frittelle

Customs and traditions of Italian speaking Switzerland between tortelli, ravioli and fritters

di Alessandro Pesce

by Alessandro Pesce

Schiamazzi, balli, musica, maschere, festa e divertimento. Tutti ingredienti tipici del carnevale, tempo di baldoria e di eccessi, anche dal punto di vista gastronomico. Sì, perché i cibi tipici di questo periodo, specie una volta, dovevano essere grassi, dolci e abbondanti; arrivata la Quaresima, infatti, i vizi dovevano lasciare il posto alle virtù, a una vita morigerata anche a tavola. In effetti l'etimologia del termine "carnevale" deriva con tutta probabilità dal latino “carnem levare” (togliere la carne), espressione con la quale nel Medioevo si indicava la prescrizione ecclesiastica di non mangiare carne dal primo giorno di Quaresima al "Giovedì Santo". Ancora oggi, ovunque si festeggi il carnevale, i piatti proposti entro e fuori casa, sono robusti e calorici (risotto e luganighe, trippa, polenta e mortadella, castagne e panna, ecc.) con i dolci che chiudono degnamente queste allegre abbuffate. Non fa eccezione il Ticino, che vanta antiche tradizioni carnevalesche, ben descritte da Giovanna Ceccarelli nel volume “Carnevale”, edito nella collana “Voci” dal Centro di dialettologia della Svizzera italiana. In questo piacevolissimo e curato estratto del “Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana”, scopriamo i ravioli di carnevale; i raviöö sono ripieni di marmellata di prugne e fatti friggere nel burro, olio o strutto, e sono una specialità del Luganese, in particolare del circolo di Agno e Capriasca.

Clamours, dances, music, masks, amusement and a festive air are all typical ingredients of carnival, a time of merrymaking and binges also gastronomically speaking. Since in former times of course the classic food of this period had to be fat, sweet and plentiful. Once Lent arrived, the vices had to yield to the virtues and to a sober life at table as well. In fact, the etymology of the term "carnival" most probably comes from Latin "carnem levare" (take away the meet), an expression indicating in the Middle Ages the ecclesiastical prescription not to eat meat from the first day of Lent until Maundy Thursday. Still today wherever carnival is celebrated the dishes prepared at home and outside, are robust and full of calories (risotto, sausages, tripe, polenta and liver sausage, chestnuts and whipped cream, a.s.o.), with the sweets closing these merry feasts in a dignified way. Ticino is no exception, boasting ancient carnival traditions that are well described by Giovanna Ceccarelli in the volume "Carnival", edited in the series "Voice" by the Centro di dialettologia (Centre of dialectology) of Italian speaking Switzerland. In this enjoyable and neat excerpt of the "Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana" (Vocabulary of the dialects of Italian speaking Switzerland), we discover all the types of carnival ravioli; the raviöö are stuffed with prune jam and fried in butter, oil or

Ricetta dei tortelli: 1a fase: si fa sciogliere il burro in acqua Recipe of the tortelli: 1st step, melt the butter in water

42

2a fase: si aggiungono gli altri ingredienti mescolando 2nd step, add the remaining ingredients while stirring

3a fase: si infornano i tortelli 3rd step, put the tortelli in the oven


Nell'alta Valle di Muggio, invece, il ripieno è silard, and are a speciality of the Lugano area, mile all'impasto della torta di pane, ma con particularly around Agno and the Capriasca. In un'aggiunta di formaggio. Spostandoci a Pazzalthe upper Valley of Muggio, instead, the stufflo, invece, la sera della prima domenica di Quaing is similar to bread cake but with extra resima si preparavano i tortelli di sola farina di cheese. In Pazzallo, on the other hand, the frumento, mentre a San Vittore si mangiavano i tortelli that are made only of wheat flour are padlònis o padlònes, frittelle cotte nell’olio, di prepared on the evening before the first Sunday forma irregolare. Altri dolci oggi commercializof Lent, while at San Vittore they used to eat zati ovunque, sono le frittelle di carnevale, di the padlònis or padlònes, oil-fried fritters of irpasta leggera (ciaciar nel Luganese, ciaciar dala regular shape. Other sweets, which today are nóna nel Mendrisiotto). Poi ci sono i dolci senza sold everywhere, are the carnival fritters of light ripieno, serviti in generale con panna montata: il dough (ciaciar in Lugano, ciaciar dala nóna in borlètt, dolce casalingo a base di farina, uova, Mendrisio; 'ciaciar', Italian 'chiacchiere' actually zucchero e burro e fatto friggere nello strutto means 'gossip'). Then there are the unstuffed (Biasca); i cróstri, tortelli di pasta sfoglia, a forsweets, generally served with whipped cream: ma di raviolo, cotti nel burro e cosparsi di zucthe Berlet, a home made sweet of flour, eggs, chero a velo (Leventina); il turtéll, tipo di dolce sugar and butter fried in lard (Biasca); the Sopra, il giornalista Alessandro Pesce che veniva mangiato la sera dopo il falò (Primacróstri, puff-pastry, ravioli shaped sweets, that Above, the journalist Alessandro Pesce dengo); i tortelitt, pezzetti di pasta spianata a are cooked in butter and sprinkled with icing forma di rombo (Curio); i taschett, frittelle di pasta sottile a forsugar (Leventina); the turtéll, a kind of sweet eaten in the ma di bastoncino o farfalla, cotte nell’olio o nello strutto e coevening after the bonfire (Primadengo); the tortelitt, pieces of sparse di zucchero a velo (Poschiavo); i pétt da móniga, dolci a diamond-shaped dough (Curio): the taschett, sticks or butterfly forma di nastro ripiegato (Locarno, Poschiavino). shaped fritters of a thin dough cooked in oil and sprinkled with Ma tra i dolci più comuni sono i classici tortelli di carnevale, biicing sugar (Poschiavo); the Pétt da móniga (nuns' breasts), gné ripieni di crema allo zabaione o alla vaniglia: preparati e bow shaped sweets (Locarno, Poschiavo). messi in vendita per la prima volta nel 1932 da una pasticceria Yet, the most common sweets are the classical tortelli di di Bellinzona, sono oggi proposti da molti pasticceri ticinesi che carnevale, cream puffs with 'zabaione' or vanilla: prepared and li vendono nei mercati e anche per strada durante i giorni di sold for the first time in 1932 by a cake shop in Bellinzona, tocarnevale. C‘era chi, come il mastro pasticcere Angelo Feletti day they are offered by many pastry cooks who sell them at ne preparava addirittura 50-60mila alla pasticceria Carmine markets and also on the streets during carnival. Some made dell’Hotel Internazionale. La sua ricetta era davvero tra le mi50-60 thousand like the confectioner Angelo Feletti at the gliori e ve la proponiamo per 40-50 tortelli. In una bacinella si patisserie Carmine of the Hotel Internazionale. His recipe is one mettono 2 dl d’acqua, 75 gr di burro, mezzo cucchiaino di saof the best and we are recommending it for 40-50 tortelli. Put le, una buccia di limone grattugiata; si mescola il tutto e quan2 dl of water, 75 gr of butter, half a teaspoon of salt, grated do si giunge a bollitura si aggiunge la farina mescolando così rind of half a lemon in a pan; stir well and when it begins boilda non formare grumi. Si passa quindi l’impasto in un’altra baing add the flour while stirring to avoid lumps. Pour the batter cinella e quando è tiepido, si aggiungono 4 uova, mescolando in another bowl, let it cool to luke-warm, add 4 eggs and stir fino a ottenere una pasta tenera. Messa la pasta in una tasca to obtain a smooth dough. Put the dough in a piping bag, da pasticcere, si ricavano piccole palline su una teglia imburraform little balls on a buttered pastry sheet and cook them in ta e si inforna lasciando cuocere per circa 20 minuti a una temthe oven at 230-250° C. Once they have cooled down, pierce peratura di 230-250 gradi. Una volta raffreddati, si bucano i the tortelli and stuff them with pastry cream or zabaione. tortelli e si riempiono di crema pasticcera o allo zabaione. Si Eventually sprinkle them with icing sugar and enjoy them in spolverano quindi di zucchero a velo e si gustano in allegria. good spirits. 4a fase: si riempioni i tortelli di crema pasticcera 4th step, stuff the tortelli with pastry cream

5a fase: si spolverano i tortelli di zucchero a velo 5th step, sprinkle icing sugar over the tortelli

Ecco i tortelli pronti per essere gustati in compagnia! There they are, the tortelli to be enjoyed in good company

43


Finanza: il nuovo corso

Finance: the new course

di Alberto Pattono

by Alberto Pattono

La pressione politica sul private banking svizzero è cresciuta negli ultimi mesi insieme all'attività sul fronte regolatorio ed è destinata a crescere, e, come scrive un recente studio di PriceWaterhouseCoopers Svizzera, ‘Heading for new horizons’, "molti operatori ritengono che la profittabilità del business sia in diminuzione". Inoltre "la pressione sul settore del private banking off-shore svizzero continuerà, potrebbe addirittura aumentare", si scrive nello studio. Eppure il mondo finanziario svizzero e in particolare la piazza bancaria ticinese sembra sotto un incantesimo. Non si notano chiusure, sono pochi i licenziamenti. Tutto sembra fermo, nonostante una crisi finanziaria importante e poi una pressione europea senza precedenti sulla piazza svizzera, in particolare sul Ticino dove all'offensiva diplomatica si è affiancato il terzo scudo in dieci anni. A questo si aggiunge la redditività ancora ridotta dei capitali in gestione.

Over the past months the political pressure on Swiss private banking has increased along with activities on the regulating front and it is bound to grow. As the recent study of PriceWaterhouseCoopers Switzerland, 'Heading for New Horizons', states "many operators reckon that profitability is decreasing." Furthermore, according to the study, "a pressure on the sector of the Swiss off-shore private banking will continue, it might even increase." Nevertheless, the Swiss financial world and particularly the Ticinese banking place seem under a spell. No closedowns to be noticed, only few redundancies are occurring. Everything seems firm despite a considerable financial crisis and, on top of it, an unprecedented European pressure on the Swiss market, in particular on Ticino where the third tax shelter of the last ten years has gone along with the diplomatic offensive.

Masse in gestione: Ticino maglia nera Dal 2003 al 2007 tutte le istituzioni operanti nel private banking in Svizzera hanno visto una crescita importante degli asset in gestione. Nel 2008 nonostante un afflusso di new money, le perdite dei mercati (-35/-40% dall'inizio alla fine dell'anno) avevano ridotto di un quinto le masse gestite dal private banking svizzero. In Ticino la performance negativa è stata inferiore e l'afflusso di denaro doppio rispetto alle altre piazze. Nel 2009 le private bank svizzere hanno visto aumentare il flusso di capitali netto (+4,5%), mentre nell'area di lingua italiana lo 'scudo fiscale' ha provocato un calo del 14,3%. Insomma dopo aver cavalcato meglio di altre piazze gli anni

Managed assets: Ticino, bottom of the league From 2003 to 2007 all the active institutes in private banking in Switzerland have experienced an important growth of managed assets. In 2008, despite the inflow of new money market losses (-35%/-40% over the whole year) had reduced by one fifth the capitals managed by Swiss private banking. In Ticino, the negative performance was less and the inflows of new money doubled compared to the other markets. In 2009 Swiss private banks have seen net capital flow increase (+4.5%), while in the Italian speaking area, the 'tax shelter' has caused a 14.3 % drop. In a word, after having traversed the good years better than other markets and after having got over the crisis of 2008 with fewer

Nella pagina a fianco in alto, Claudio Generali, presidente dell’Associazione Bancaria Ticinese A destra, una panoramica della città di Lugano con il monte San Salvatore

44


buoni e aver superato con meno danni la crisi del 2008, la piazza ticinese è stata colpita dallo scudo fiscale, il terzo in dieci anni. “Stando al nostro campione la piazza ticinese ha chiuso il 2009 con una contrazione del 14,3% esattamente un settimo degli asset in gestione”, afferma Martin Schilling, uno degli autori dello studio di PriceWaterhouseCoopers.«A conti fatti possiamo dire che un terzo della clientela ha fatto uso dello scudo e due terzi ha adottato la formula del rimpatrio giuridico, il che consente, utilizzando alcune forme, di far capo in ultima analisi agli stessi gestori e consulenti», conferma Claudio Generali, presidente dell’Associazione Bancaria Ticinese.

damages, Ticino's market has been hit again by the tax shelter, the third one within ten years. "According to our sample, the Ticinese market closed the year 2009 with a contraction of 14.3%, exactly one seventh of the managed assets", one of the authors of the PriceWaterhouseCoopers survey Martin Schilling states. «All things considered, we may say that one third of the clients have made use of the tax shelter and that two thirds of these have chosen to return legal tax shelter that, in the end, allows referring to the same managers and consultants after applying different formulas», Claudio Generali, president of Ticino Bankers Association explains.

Il 2010 Cosa troveremo nel rapporto PriceWaterhouseCoopers edizione 2011 alla voce 2010? Probabilmente non ci saranno variazioni significative. I flussi in uscita sono continuati anche se su scala molto minore, mentre di new money almeno dall'Italia non sembra esserci traccia. Non tanto per colpa dell'offensiva del fisco italiano quanto per la Occidente. «La new money oggi arriva soprattutto dai paesi non occidentali: Asia, Est Europa, Paesi Arabi e altri emergenti e la clientela di questi Paesi se si esclude una certa presenza nell'America Latina, non fa riferimento al Ticino quanto a Zurigo o Ginevra», nota Alessandro Cavadini, responsabile della consulenza economica di PricewaterhouseCoopers a Lugano.

The year 2010 What will we find in the 2011 PriceWaterhouseCoopers annual report under the item 2010? Probably there will be no remarkable variations: The outgoing flows continued although on a much lower scale, while there seems no trace of new money at least from Italy. Which is not so much due to the offensive by the Italian tax authorities as to the very slow growth of Western economy. "Today the new money arrives mainly from the non Western countries: Asia, Eastern Europe, Arab countries and other emerging countries, and the clientele of these countries, except a certain presence in Latin America, does not refer as much to Ticino as to Zurich or Geneva," as stated by Alessandro Cavadini, manager of PriceWaterhouseCoopers in Lugano.

Il franco forte è un 'quarto scudo' A dire il vero un elemento che probabilmente farà strage nei bilanci delle private bank nel 2010 esiste, ma non è certo causato dalle banche. Il balzo del franco svizzero. «Il private banking off shore elvetico è a tutti gli effetti un’industria di esportazione», commenta Cavadini, «i suoi costi sono tutti in franchi svizzeri, mentre i fatturati sono in valuta estera. Per via del cambio le banche perderanno probabilmente il 25% dei ricavi». «Ma que-

The strong Swiss Franc is a 'forth tax shelter' To be honest, an element that probably is going to carry out a massacre in the balances of the private banks in 2010 exists, but it is certainly not caused by the banks: the leap of the Swiss Franc. "The Swiss offshore private banking is in every respect an 'export industry'," Cavadini comments," its costs are all in Swiss Francs, while the turnovers are in foreign currencies. Because of the exchange rate the banks will

Above, Claudio Generali, President of Ticino Banker Association Left, a view of the city of Lugano with the mount San Salvatore

45


A destra, Alessandro Cavadini, responsabile della consulenza economica di PricewaterhouseCoopers a Lugano Sotto, lo studio ‘Heading for new horizons’ realizzato da PricewaterhouseCoopers Svizzera Right, Alessandro Cavadini, Head of the economic consultancy at PriceWaterhouse Coopers, Lugano; below the survey ‘Heading for new horizons’ carried out by PriceWaterhouse Coopers Switzerland

sta è l'altra faccia di una bella medaglia», segnala il presidente della Associazione Bancaria Ticinese, che è stato al vertice di Banca del Gottardo e della Associazione delle banche estere in Svizzera, «Il franco svizzero è tornato a essere visto come un bene rifugio, nel cuore della crisi del debito sovrano abbiamo avuto flussi in entrata molto significativi». A parere di tutti gli intervistati quella che oggi si chiama Swissness è destinata a essere sempre di più un punto di forza anche nell'offerta della piazza bancaria. «La Svizzera è l'unico stato di qualche dimensione in Europa che potrebbe aderire ai parametri di Maastricht, la buona condizione dei nostri bilanci pubblici genera una 'aura' di sicurezza per così dire intrinseca», afferma Patrick Vicat-Cole, direttore della Banque Cic (Suisse) in Ticino, uno degli autori dello studio di PricewaterhouseCoopers. «Nel 2009, anno in cui tutti i governi occidentali hanno fatto debiti, la Svizzera ha chiuso con un avanzo di 2,4 miliardi, quest'anno si parla di 2 miliardi, non pochi su un budget di 60 miliardi: questo è oggi il nostri principale biglietto da visita», conferma Claudio Generali. Un business meno redditizio Tornando alle statistiche degli asset in gestione nel 2009 e 2010 è interessante notare un aspetto. Nel 2008 un crollo del 40% nei mercati azionari aveva portato una perdita del 23% nei portafogli gestiti dal private banking svizzero. L'anno dopo un aumento molto più significativo (in alcuni casi 80-100%) delle borse si è tradotto in un misero +7,5%. Il messaggio più forte che emerge dal rapporto ‘Heading for new horizons’ è sostanzialmente "attenzione: il private banking svizzero sta diventando di anno in anno meno redditizio". Nonostante l'arrivo di new money e una performance del 7,5% nel 2009 le banche medie non sono riuscite ad aumentare la redditività, il margine lor46

presumably lose 25% of the profits." "But this is the other side of a beautiful coin," the president of the Ticino Banker Association, who was at the top of Banca del Gottardo and of the Association of foreign Banks in Switzerland, points out. "The Swiss Franc has again become a safe investment; in the heart of the crisis of the sovereign debts we have registered very significant incoming flows." According to all those interviewed, what today is called Swissness is bound to be ever more a strong point referring to the offer of the banking place as well. "Switzerland is the only nation of a certain dimension in Europe that could adhere to the Maastricht parameters; the good condition of our public balance creates a so-to-say intrinsic 'aura' of safeness." Patrick Vicat-Cole, manager of Banque Cic (Suisse), one of the authors of the PriceWaterhouseCoopers survey, states. "In 2009, the year when all Western governments made debts, Switzerland has closed with a surplus of 2.4 billions, this year we are speaking of 2 billions not a trifle with a budget of 60 billions: this, today, is our main business card," Claudio Generali confirms. A less profitable business Going back to the statistics of the managed assets in 2009 and 2010 it is interesting to notice one aspect: In 2008 the 40% slump on the stock markets had led to a 23% loss in the portfolios managed by Swiss private banking. The following year, a much more important rise (in some cases 80-100%) of the stock exchange resulted in a poor +7.5%. The strongest message emerging from the survey 'Heading for new horizons' is basically: "attention, Swiss private banking is becoming less profitable year by year." Despite the incoming new money and a 7.5% performance in 2009, the average banks have not succeeded in increasing the profitability, while the gross margin is un-


do è rimasto eguale e quello netto è sceso di 4 punti base. «Ci stiamo avvicinando alla marginalità media che il private banking ha nel resto d'Europa che è mediamente dello 0,92% sul capitale gestito», afferma Cavadini.

changed and the net margin has dropped by 4 basic points. "We are approaching the medial marginality of the private banking in the rest of Europe which is on average 0.92% on the managed capital" Cavadini says.

Un consolidamento che non si consolida Inoltre bisogna fare i conti col mancato o, meglio, rimandato consolidamento della piazza. "Da tempo si prevede una fase di consolidamento massiccio del settore che finora però non si è ancora materializzata", ammette Martin Schilling. Un po’ di movimento c'è stato: negli ultimi 5 anni e mezzo sono avvenute 29 vendite con fusione soprattutto fra banche estere e sono stato aperte 18 nuove banche. Ma è ancora poco: il consolidamento non c'è stato non perché manchino le banche in vendita, ma perché latitano i compratori. «Le valutazioni degli asset bancari hanno subìto una contrazione importante», segnala Alfredo Gysi, presidente della direzione generale della BSI e dell'Associazione banche estere in Svizzera. «Si è creata una incertezza intorno alla base di clientela estera. Vedremo un poco di movimento solo quando ci sarà più chiarezza sul futuro e i valori si saranno ripresi».

A consolidation that does not consolidate Moreover there must be taken in account the lost or rather postponed consolidation of the market. "A period of massive consolidation of the sector has been forecast for a certain time, but, until now, has never materialized," Martin Schilling admits. There has been some movement: during the past 5 and a half years 29 sales with mergers have taken place especially between foreign banks and 18 new banks have opened, but it is still not much. There was no consolidation, and not because there are no banks on sale, but because the buyers are missing. "The evaluations of the banking assets have dropped heavily," Alfredo Gysi, CEO of BSI and president of the Association of Foreign Banks in Switzerland remarks. "Some uncertainty has arisen around the basis of foreign clients. We will assist to some movement only when the future has gained more clarity and the values have recovered."

Vie di uscita per le singole banche Ways-out for the single banks Stando al rapporto della PriceWaterhouseCoopers, per qualAccording to the PriceWaterhouseCoopers survey, for some che operatore non ci sono alternative valide alla cessione. Per operators there are no strong alternatives but to sell. For othaltri invece la soluzione sta nell'identificare i 'value driver', i ers instead, the solution lies in identifying the 'value driver', fattori chiave della propria offerta concentrandosi su questi e the key elements of their offer and in focusing on them. If se necessario abbandonare la pretesa necessary, it means to give up the di fare tutto per tutti in modo da imclaim to content everybody in order postare una strategia di crescita sosteto set up a sustainable growth nibile. In questo processo, «Il primo strategy. " The first objective today obiettivo oggi è mantenere la clientela is to maintain the existing clientele, esistente, di new money non se ne it is not about new money nor parla e nemmeno di 'rubare' clientela about 'stealing' customers from ad altre banche», spiega Cavadini, che other banks," according to Cavadialle piccole banche raccomanda di ni, who advises small banks to spespecializzarsi, «acquisire l'eccellenza in cialize, "to acquire excellence in a una componente dell'offerta: l'eccelpart of their offer: the excellence in lenza del servizio, la capacità di seguiservice, the capacity of following re determinate tipologie di clienti, ad certain kinds of clients, e.g. the esempio i family office, o di prodotti family offices, or of products, e.g. ad esempio gli hedge funds… insomthe hedge funds... in short to know ma sapersi differenziare mettendo a how to distinguish themselves by profitto la loro maggiore flessibilità e taking advantage of their greater velocità nel cambiamento». Per le meflexibility and speed when changes die banche, che dall'analisi di PriceWa- Sopra, Alfredo Gysi, presidente della Direzione Generale di BSI e come up." For the medium banks, dell’Associazione banche estere in Svizzera terhouseCoopers escono per alcuni who come out as losers, as to some Above, Alfredo Gysi, President of the General Management of BSI and of parametri perdenti, la situazione è diparameters from the PriceWaterthe Association of foreign banks in Switzerland versa. Una banca media avrebbe le rihouseCoopers survey, the situation sorse, ad esempio, per creare una preis different. A medium bank might senza on shore in Italia. «Ma qui si pone il problema delle have the means to establish an onshore presence in Italy, for prestazioni e dei servizi che una banca svizzera può erogare in instance. "But here arises the problem of performances and Italia», ammette Generali. services a Swiss bank can provide in Italy," Generali admits. Futuro della piazza Più in generale il futuro della piazza ipotizza due scenari non in antitesi fra di loro. Il primo scenario è quello già disegnato per il private banking off shore svizzero in generale dalle trattative sull’imposta liberatoria. La proposta si compone di due elementi: da una parte una sorta di 'condono' per il pregresso a fronte di una imposta una tantum, dall'altra l'impegno della Confederazione ad assoggettare i capitali detenuti in Svizzera da residenti nel paese firmatario allo stesso trattamento fiscale cui questi capitali sarebbero soggetti se fossero on shore e quindi tassazione su cedole, dividendi, capital gain e quant'altro. Il tutto salvaguardando l'anonimato del cliente, fatte salve le tradizionali collaborazioni giudiziarie. Claudio Generali è ottimista sui tempi dell'operazione: «Si di-

The future of the place More generally speaking the future of the market draws two scenarios not in contrast to each other. The first scenario is the one already sketched out for Swiss offshore private banking in general by the negotiations on the releasing tax. The scheme consists in two elements: on one hand a kind of 'amnesty' for the past in front of an una tantum tax, on the other hand, the commitment of the Confederation to subject the capitals held in Switzerland by residents in the signatory countries to the same taxes these capitals were subject to if they were onshore, and therefore taxes levied on coupons, dividends, capital gain, and whatever else. All this by safeguarding the anonymity of the customers except of the traditional judiciary collaborations. Claudio Generali is optimistic 47


ce che entro il I semestre del 2011 si about the timing of the operation. "It is potrà già firmare l'accordo con la Gersaid that within the 1st semester of mania sull’imposta liberatoria alla fonte. 2011 the treaty with Germany on the reAnche il dialogo con gli inglesi è bene lease tax at source can be signed. The impostato e mi risulta che ci siano collodialogue with the Britons, too, is well qui iniziali anche con il governo franceoutlined and, as far as I know, there are se». opening talks with the French governLa posizione italiana è differente perché ment as well." da una parte ha raggiunto degli obiettiThe Italian position is different because vi con lo scudo fiscale, anche se paraon one side it has reached some objecdossalmente l'imposta liberatoria si protives with the tax shelter, even if on the fila come più remunerativa per i governi other side, for the governments who are che la formeranno di quanto non sia going to apply it, the release tax parastato lo scudo. doxically appears to be more profitable Ad ogni modo, come la Germania e il than the tax shelter has been. Regno Unito anche l'Italia potrebbe esLike Germany and the UK, Italy might sere attirata dalla prospettiva di una enhowever be attracted by the prospect of trata significativa e non prevista a bilana new and significant, unforeseen balcio: si parla di molte decine di miliardi ance entry that might amount to tens of di euro una tantum e di un flusso imbillions of Euro una tantum and an importante negli anni a seguire. portant flow during the following years. Certo ci si muove con circospezione Of course, it is necessary to act cautiousperché la posizione di Bruxelles rimane ly since the position of Brussels is firm. Sopra, Patrick Vicat-Cole, direttore di Banque Cic (Suisse) in Ticino ferma. «Secondo Bruxelles, la Svizzera "According to Brussels, Switzerland Above, Patrick Vicat-Cole, Director of Banque Cic (Suisse) in Ticino dovrebbe consentire lo scambio autoshould permit the automatic exchange matico d’informazioni. A me pare di caof information. In fact, it seems to me pire che anche fra paesi ad alta tassazione questo scambio nei that also for the high tax countries this exchange is not so fatti non sia poi così automatico», nota Generali. automatic," Generali remarks. In realtà - principi a parte - sarebbe abbastanza irrazionale riPrinciples apart – it would actually be quite irrational to refiutare l'offerta svizzera e non solo per l'entrata una tantum fuse the Swiss offer, not only for the una tantum entry from 'liberatoria' e in fondo nemmeno solo per il flusso di entrate the 'release', but after all, not only for the flow of tax entries dalla tassazione. Se la Svizzera, per assurdo, aderisse allo either. If Switzerland, by some remote chance, agreed to the scambio automatico di dati, "buona parte dei capitali off shoautomatic exchange of data, "a great part of the undeclared re non dichiarati si trasferirebbe su altre piazze, per esempio offshore capitals would be transferred to other markets of del Medio Oriente o dell'Asia. Così facendo i governi eurothe Middle East or Asia, for instance," Patrick Vicat-Cole pei", fa notare Patrick Vicat-Cole, “non solo perderanno points out. "In this case the European governments would quell'1 o 2% all'anno di imposta. Ma perderanno anche il renot only loose this 1 or 2% of taxes per year, but they would stante 98%. Prevedibilmente un gestore asiatico proporrà al also loose the remaining 98%. Presumably an Asiatic consultcliente europeo di investire nei prodotti finanziari dell'Asia e ant will suggest to their European client to invest in Asian finon gli si può dare nemmeno torto. Al contrario i capitali genancial products and he cannot be blamed. On the contrary, stiti in Svizzera sono investiti direi nella stragrande maggiothe capitals managed in Switzerland are mainly invested on ranza sulle piazze europee o americane. Non stiamo parlando the European or American markets, I would say, and we are di pochi soldi». not speaking about little money." Sotto, una veduta d’insieme di Piazza Riforma a Lugano

48

Below, a general view of Piazza Riforma in Lugano


Julius Baer amplia la propria presenza in Italia aprendo un ufficio a Roma

Julius Baer expands its presence in Italy opening an office in Rome

Julius Baer, il più importante Gruppo svizzero di private banking, apre un nuovo ufficio a Roma nella centrale via Ludovisi. Questo passo segue l’apertura degli uffici di Milano e rafforza ulteriormente la presenza del Gruppo Julius Baer in Italia. L’ufficio è guidato da Andrea Torlonia e si focalizza, come già avviene per la sede milanese, sull’offerta di servizi di investimento e gestione patrimoniale. Il nuovo ufficio permette di intensificare il legame di Julius Baer con la capitale italiana e di essere più vicini agli investitori del Centro-Sud. L’apertura della sede di Roma segna un ulteriore importante passo nella strategia di crescita di Julius Baer e riflette il fermo impegno del Gruppo nei confronti del mercato italiano.

Julius Baer, the most important Swiss Private Banking Group opens a new office in Rome at the central via Ludovisi. This step follows the opening of the Milan offices and consolidates the presence of the Julius Baer Group in Italy. The office is managed by Andrea Torlonia and focuses, similar to the Milan branch, on providing services of investment and wealth management. The new office permits Julius Baer to intensify its bonds with the Italian capital and to be closer to its investors of Italy's Centre-South. The opening of the Rome branch marks a further step in Julius Baer's growth strategy and reflects the Group's firm commitment to the Italian market.

Sopra a sinistra, Andrea Torlonia, responsabile dell’ufficio romano di Julius Baer; a destra, Giovanni Flury, membro della Direzione Generale di Julius Baer e nuovo Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione di Julius Baer SIM S.p.A.

Above left, Andrea Torlonia, Head of the Roman Office of Julius Baer; right, Giovanni Flury, member of the General Management of Julius Baer and new Vice-President of the Board of Directors of Julius Baer SIM S.p.A.

L'imposta liberatoria metterebbe la piazza svizzera su solide basi giuridiche consentendo ai suoi operatori la libera prestazione di servizi in Europa e definendo una giusta barriera fra riservatezza ed evasione fiscale.

The release tax would give Switzerland a solid juridical basis allowing its operators to perform their services in Europe without restrictions and to determine a fair barrier between privacy and tax evasion.

Una piazza diversa La seconda strada è quella di trasformare il Ticino in un cantiere-laboratorio-rampa di lancio per nuove iniziative non solo finanziarie. «Una piazza che lavora con capitali dichiarati deve essere una piazza diversa, molto meno una piazza di gestione e molto più un contesto nel quale l'azienda italiana può trovare venture capital esperti di M&A, tecnici e ricercatori di alto livello può installare attività ad alto valore aggiunto, start up e centri di ricerca», propone Cavadini. «Questo significa entrare in concorrenza anche fiscale, ma non solo, con altri Cantoni e con tutto il mondo, facendo pesare la qualità dell'offerta complessiva anche sotto il profilo dei valori intangibili ma importanti che compongono la qualità della vita». Un sogno che però in diversi casi si è trasformato in una realtà. «Le banche però possono fare poco per andare in questa direzione. Ci vuole uno sforzo corale». In compenso questa strada pone il futuro del Ticino nelle sue mani e non lo fa dipendere dai risultati di accordi diplomatici.

A different market The second way is the possibility to turn Ticino into a pipeline-laboratory-launching pad for new, not only financial ventures. "A market working with declared capitals must be different, much less a managing place than a growing background where the Italian company can find venture capital, M&A experts, top technicians and researchers, where it can establish activities with high added value, start ups and research centres", Cavadini suggests. "This means to enter into tax competition not only with other cantons but with the entire world, lending weight to the quality of the overall offer as well as to the inviolable, but important values making up the quality of life." A dream which in some cases has become true. "But the banks cannot do much to take this direction. It requires a unanimous effort." In return, this way puts Ticino's future in its own hands and does not make Ticino depend on diplomatic treaties.

49


FoxTown Factory Stores

FoxTown Factory Stores

Il paradiso dello shopping

Shopping paradise

Tre chilometri di vetrine ospitate nel tempio dell’eleganza e del lusso dove 160 store delle firme più prestigiose dell’abbigliamento uomo, donna, bambino e sport, ma pure di casalinghi ed accessori sono riunite sotto lo stesso tetto. Un felice incontro tra qualità e convenienza dove le aziende, che controllano direttamente i propri punti vendita, propongono le eccedenze ed i capi della stagione precedente a prezzi scontati dal 30% al 70% tutto l’anno e dove il fascino dello shopping raffinato, discreto e vantaggioso diventa realtà. Milleduecento parcheggi, il Casinò Admiral, i 7 punti di ristoro, un’area relax e le gelaterie contribuiscono a trasformare piacevoli momenti di shopping in una giornata indimenticabile. FoxTown Mendrisio, il paradiso della qualità, delle griffe e del risparmio si trova a soli 20 chilometri dall’aeroporto di LuganoAgno, a soli 50 minuti dall’aeroporto di Milano-Malpensa e a soli 7 chilometri dal confine italo-svizzero, in corrispondenza dell’uscita autostradale A2 - Mendrisio. www.foxtown.com - info@foxtown.ch Aperto 7 giorni su 7, dalle 11 alle 19, festivi compresi Via A. Maspoli 18 - 6850 Mendrisio - Svizzera Tel. +41 (0) 848.828.888

50

Three kilometres of shop windows in a temple of luxury and elegance where 160 stores of the most prestigious brands for men’s, women’s and children’s clothing, sport articles, household goods and accessories are under the same roof. A successful combination of quality and low prices where manufacturers offer their surplus merchandise and garments from the previous season at prices discounted from 30% to 70%, and where dreams of high-class, discreet, smart shopping come true. Twleve-hundred parking places, the Casino Admiral, seven areas for relaxing and an ice-cream parlour help turn a shopping spree into an unforgettable day. FoxTown Mendrisio, a paradise of quality, wide assortment and savings, is just 20 km from Lugano-Agno airport and 50 minutes from the Milano-Malpensa airport, just off the Mendrisio exit of the A2 motorway. www.foxtown.com - info@foxtown.ch Open 7 days a week from 11am to 7pm, incl. public holidays Via A. Maspoli 18, 6850 Mendrisio - Switzerland Tel. +41 (0) 848 828 888


Ascona Ascona Music Festival Music Festival

July 9 - August 27, 2011

9 Luglio - 27 agosto 2011 L’Ascona Music Festival nasce sotto gli auspici della bellezza allo stesso tempo esaltante e austera di Ascona, inserita in una natura fiorita tra i monti e il Lago Maggiore; l’ambiente ideale coniugato all’apporto dell’esperienza musicale del noto pianista Daniel Levy, che partecipa sia come interprete che nella direzione artistica del Festival. Un Festival di Musica nel XXI secolo dovrebbe essere una celebrazione della Bellezza e della Poesia, una vera delicata cerimonia di ascolto per nutrirci e crescere in consapevolezza, grazie alle meraviglie che ci hanno lasciato i grandi geni dell’arte. Essi ci raccontano chiaramente sia dell’intimo sentimento, che dell’universalità dell’essere umano. Dopo il successo del primo anno, per il 2011 un programma che penetra nel cuore, del più elevato repertorio cameristico. Un Ciclo Beethoven, di cinque concerti, che mette in rilievo le relazioni umane musicali, in un dialogo tra il pianoforte e gli archi. Gli stessi dialoghi tra amici, che cercano concordanza e concordia nella gioia che la musica d’insieme genera e trasmette, anche nei quartetti col pianoforte di Mozart, Mahler e Brahms, nel quartetto d’archi di Schubert e nel quintetto per pianoforte ed archi di Dvorak. Questo filo conduttore estetico e di rapporti che la grande musica fa trasparire, unisce nel medesimo ciclo musicisti della levatura di Yehezkel Yerushalmi, Franco Maggio Ormezowski, Robert Zimansky, Daniel Levy, l’Harmonia Piano Quartet e il Quartetto Carmina in una celebrazione della musica d’insieme. A Ronco sopra Ascona la musica di Daniel Levy si suona in piazza con un concerto dove l’imponente presenza del Lago e del paesaggio circostante si accordano con la musica. Infine il concerto straordinario e insolito: La Lira di Orfeo, dove il noto musicista spagnolo Luis Paniagua presenterà un affresco del mito di Orfeo, attraverso la sua voce e suonando la lira di sette corde, come non si faceva dai tempi del fiorentino Massilio Ficino. Un invito ad essere presenti per questa 52

The Ascona Music Festival arises under the auspices of Ascona's as inspiring as austere beauty, set in a flowering nature between the mountains and the Lago Maggiore. An environment, that benefits from the perfect combination with the musical experience of the well known pianist Daniel Levy, who takes part as performer as well as artistic director of the Festival. In the 21st century a Music Festival should be a celebration of Beauty and Poetry, a truly gentle ceremony of listening, which nourishes and makes us grow more conscious thanks to the marvels that the great artistic geniuses left us, lucid accounts of intimate sentiments and of universality of mankind. After the success of the first year, for 2011 a programme has been chosen, which penetrates the heart of the most elevated chamber repertoire. A Beethoven Cycle of five concerts highlights musical human relations in a dialogue between piano and strings. The same dialogues between friends, who seek concordance and harmony in the joy generated and transmitted by ensemble music, also shine through the Mozart, Mahler and Brahms piano quartets, the Schubert string quartets and the Dvorak quintet for piano and strings. This aesthetic main theme of relationships that great music betrays in this cycle brings together musicians of the stature of Yehezkel Yerushalmi, Franco Maggio Ormezowski, Robert Zimansky, Daniel Levy, the Harmonia Piano Quartet and the Carmina Quartet while celebrating ensemble music. At Ronco sopra Ascona Daniel Levy takes his music on the streets in a concert where the impressive presence of the Lake and the surrounding landscape harmonize with the music. Eventually, the remarkable and unusual concert, The Lyre of Orpheus, where the famous Spanish musician Luis Paniagua presents a panorama of the Orpheus myth through his voice and the seven string lyre he plays, as it had not been done since the time of the Florentine Massilio Ficino.

In alto, veduta del Music Festival di Ascona; sopra, il Quartetto Carmina On top, view of the Ascona Music Festival; above the Carmina Quartet


Programma - Ciclo Beethoven

Programme - Beethoven Cicle

I TRII PER PIANOFORTE, VIOLINO E VIOLONCELLO: I. Sabato 9 Luglio – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio Ascona

THE TRIOS FOR PIANO, VIOLIN AND CELLO: I. Saturaday, July 9 – 20:30 Church of the Collegio Papio Ascona

DANIEL LEVY – pianoforte YEHEZKEL YERUSHALMI – violino FRANCO MAGGIO ORMEZOWSKI – violoncello

DANIEL LEVY – piano YEHEZKEL YERUSHALMI – violin FRANCO MAGGIO ORMEZOWSKI – cello

II. Sabato 16 Luglio – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio Ascona

II. Saturday, July 16 – 20:30 Church of the Collegio Papio Ascona

DANIEL LEVY – pianoforte YEHEZKEL YERUSHALMI – violino FRANCO MAGGIO ORMEZOWSKI – violoncello

DANIEL LEVY – piano YEHEZKEL YERUSHALMI – violin FRANCO MAGGIO ORMEZOWSKI – cello

LE 10 SONATE PER VIOLINO E PIANOFORTE: I. Sabato 23 Luglio – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio Ascona ROBERT ZIMANSKY – violino DANIEL LEVY – pianoforte

THE 10 SONATAS FOR VIOLIN AND PIANO: I. Saturday, July 23 – 20:30 Church of the Collegio Papio Ascona ROBERT ZIMANSKY – violin DANIEL LEVY – piano

II. Sabato 30 Luglio – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio, Ascona

II. Saturday, July 30 – 20:30 Church of the Collegio Papio, Ascona

ROBERT ZIMANSKY – violino DANIEL LEVY – pianoforte

ROBERT ZIMANSKY – violin DANIEL LEVY – piano

III. Sabato 6 Agosto – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio, Ascona

III. Saturday, August 6 – 20:30 Church of the Collegio Papio, Ascona

ROBERT ZIMANSKY – violino DANIEL LEVY – pianoforte

ROBERT ZIMANSKY – violin DANIEL LEVY – piano

Venerdì 5 Agosto – ore 20.30 Chiesa SS. Pietro e Paolo Ascona

Friday, August 5 – 20:30 Church of SS. Pietro e Paolo Ascona

LA LIRA DI ORFEO LUIS PANIAGUA – voce e lira

THE LYRE OF ORPHEUS LUIS PANIAGUA – voice and lyre

Sabato 13 Agosto – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio, Ascona

Saturday, August 13 – 20:30 Church of the Collegio Papio, Ascona

HARMONIA PIANO QUARTET Daniel Levy (pianoforte), Robert Zimansky (violino), Alin Velian (viola), Franco Maggio Ormezowski (violoncello)

HARMONIA PIANO QUARTET Daniel Levy (piano), Robert Zimansky (violin), Alin Velian (viola), Franco Maggio Ormezowski (cello)

Sabato 20 Agosto – ore 20 .30 Piazza della Madonna, Ronco sopra Ascona

Saturday, August 20 – 20:30 Piazza della Madonna, Ronco sopra Ascona

RECITAL DI PIANOFORTE: In collaborazione con il Municipio di Ronco sopra Ascona

PIANO RECITAL In collaboration with the municipality of Ronco sopra Ascona

DANIEL LEVY – pianoforte Musiche di Beethoven, Schumann e Liszt

DANIEL LEVY – piano Music by Beethoven, Schumann and Liszt

Sabato 27 Agosto – ore 20.30 Chiesa del Collegio Papio, Ascona

Saturday, August 27 – 20:30 Church of the Collegio Papio, Ascona

QUARTETTO CARMINA Matthias Enderle (violino), Susanne Frank (violino), Wendy Champney (viola), Stephan Goerner (violoncello)

CARMINA QUARTET Matthias Enderle (violin), Susanne Frank (violin), Wendy Champney (viola), Stephan Goerner (cello)

DANIEL LEVY – pianoforte

DANIEL LEVY – piano

esperienza di ascolto e di vita. Ascona Music Festival Per ogni info dettagliata: http://www.academyofeuphony.com/festival Acquisto biglietti: Ente Turistico Lago Maggiore www.academyofeuphony.com

An invitation to assist to this experience of listening and life. Ascona Music Festival For further details: http://www.academyofeuphony.com/festival Tickets on sale at: Ente Turistico Lago Maggiore www.academyofeuphony.com 53


2011 2011 sotto il segno under the dello sport sign of sport Con Giorgio Rocca per Darwin Airline

With Giorgio Rocca for Darwin Airline

di Massimo Boni

by Massimo Boni

Anno nuovo, vita nuova? Questo è di certo, un po’ per tutti, il più usuale dei propositi che anche Darwin Airline ha deciso di realizzare grazie a una serie di entusiasmanti proposte all’insegna dello sport. Infatti, da gennaio a fine marzo 2011, basterà sottoscrivere un abbonamento Darwin Airline per 10 o 20 tratte ‘Lugano-Roma’ e ‘Lugano-Ginevra’ o ‘Roma-Lugano’ e ‘Ginevra-Lugano’, per poter ricevere un pass giornaliero grazie al quale trascorrere un’intera giornata di emozioni allo stato puro, fra le piste innevate di San Bernardino, regalandosi l’esperienza di 2 ore di sci ad altissimi livelli con il campione di sci Giorgio Rocca. Non a caso, Darwin Airline ha dato il via ad un accordo con lo sciatore italo-svizzero che ha alle spalle un palmarès di grande rilievo con 22 podii conquistati da vincitore. Nato in Svizzera (Coira) da padre italiano e madre elvetica, Giorgio Rocca ha vissuto a Livigno, sulle cui nevi ha imparato ad apprezzare il fascino della montagna e a scoprire tutta la magia dello sci. È il 1996 quando fa il suo esordio in Coppa del Mondo a Flachau, per poi entrare nel 2002 nel primo gruppo di merito dello slalom speciale e arrivando così a collezionare ben undici vittorie

New Year, new life? Somehow, this is certainly one of the most usual and quite common resolutions, which Darwin Airline has decided to realize thanks to a series of exciting proposals under the sign of sport. As a matter of fact, from January to the end of March 2011, if you buy a travel-card for 10 or 20 sections 'Lugano-Rome' and 'Lugano-Geneva' or 'Rome-Lugano and 'Rome Geneva' you receive a day-pass granting you a whole day of pure joy, spent on the snow covered slopes of San Bernardino, and the gift of two hours of top level skiing with champion Giorgio Rocca. It is not without reason that Darwin has entered into an agreement with the Italo-Swiss skier, who is looking back on an outstanding list of honours of 22 podiums mounted as a winner. Born in Switzerland (Chur) from an Italian father and a Swiss mother, Giorgio Rocca used to live in Livigno where, surrounded by snow, he learnt to love the fascinating mountain world and he discovered the spell of skiing. In 1996 he started out in the World Cup at Flachau and in 2002 he entered the first group of merit in slalom where he managed to col-

54


Nelle foto, alcuni momenti della giornata sciistica di Giorgio Rocca

Some pictures of Giorgio Rocca’s skiing day

che sin dall’inizio ne hanno messo in luce la classe e la grinta da campione. Da quel momento la carriera dell’atleta è stata un crescendo: ai Mondiali 2003 di St. Moritz ha conquistato la medaglia di bronzo in slalom; nell'edizione 2005, a Bormio, è stato scelto come portabandiera dell'Italia per la cerimonia di apertura, e altre due medaglie di bronzo non hanno tardato ad arrivare sulla pista dello Stelvio, prima nella combinata e poi nello slalom speciale. Momento di grande intensità nella carriera dell’atleta valtellinese è stato di certo il 10 febbraio 2006, quando ha pronunciato, alla cerimonia di apertura dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino, il giuramento olimpico a nome di tutti gli atleti partecipanti. Sempre nel 2006, Rocca si è aggiudicato la Coppa del Mondo di slalom speciale, raggiungendo un traguardo importantissimo. Tuttavia, dal 2006 si sono susseguite stagioni poco fortunate a causa di incidenti fisici che il 23 gennaio 2010 hanno portano il campione al ritiro definitivo dalle attività agonistiche. Nonostante ciò, si è fatta subito avanti la figura di un uomo poliedrico che non ha smesso di essere un vincente e di dar voce al proprio amore per lo sci, tanto che Rocca ha partecipato alle Olimpiadi di Vancouver 2010 come commentatore tecnico per la rete televisiva Sky Sport e nello stesso anno ha aperto una scuola di sci in Engadina, nella prestigiosa cornice di Saint Moritz, Elevensnow (www.elevensnow.com), ha superato il corso da allenatore federale di sci alpino di secondo livello e ha iniziato a collaborare con diverse realtà svizzere, fra cui istituti bancari e assicurativi. Quanto a Darwin Airline, l’obiettivo dell’operazione condotta con lo sciatore è duplice: incentivare la vendita dei propri abbonamenti, facendo leva sulla possibilità di accedere a lezioni di sci tenute dal famoso campione, e al tempo stesso offrire un ulteriore plus ai più fedeli passeggeri di Darwin, in particolar modo manager che acquistano abbonamenti per destinazioni business servite dalla compagnia, come Roma e Ginevra per l’appunto. Con il 2011 Darwin Airline si avvicina considerevolmente allo sport, inteso non solo come mezzo di aggregazione ma anche come strumento di team building capace di stimolare le performance di business da parte dei collaboratori in Darwin Airline. Rientra in quest’ottica, infatti, anche l’Annual Sales Meeting che la Compagnia ha organizzato per la propria forza vendita dal 10 all’11 febbraio sulle piste di San Bernardino, a sud delle Alpi Svizzere, dove l’atleta Giorgio Rocca sarà pronto a svelare i segreti dell’arte dello sci in un’intera giornata di lezioni e … adrenalina.

lect as many as eleven victories, which right from the beginning highlighted the class and the drive of a champion. From then on the Athlete's carreer was a crescendo. At the World Championship of St. Moritz in 2003 he won the slalom bronze medal; in the 2005 edition at Bormio he was chosen as flag-bearer for Italy at the opening ceremony, and two more bronze medals soon were won on the Stelvio run, first in the combination and then in slalom. A very meaningful moment for the athlete from Valtellina was certainly on February 10, 2006 when he pronounced the Olympic oath in the name of all participating athletes at the opening ceremony of the 20th Olympic Winter Games in Turin. Again in 2006 Rocca won the Slalom World Cup attaining a very important goal. Nevertheless, following 2006 were not very lucky seasons due to physical accidents forcing the champion to retire definitely from the competitive sport on January 23, 2010. Notwithstanding, he showed himself to be a resouceful, dynamic person who never ceased to be a winner and to lend voice to his love for skiing. In fact, Rocca participated at the Vancouver Olympics in 2010 as a technical commentator for the TV channel Sky Sport. That same year he opened a ski school in the Engadine, within the prestigious setting of St. Moritz, Elevensnow (www.elevensnow.com). He completed the course as a second level federal coach of alpine skiing; and took up collaboration with different Swiss institutions, among them banks and insurances. For Darwin Airlines, the objective of the cooperation with the skier is twofold: to stimulate the sales of our travel cards by offering the chance to win skiing lessons held by the famous champion, and at the same time to offer a further asset to Darwin's most faithful passengers, in particular to managers who buy travelcards for business destinations served by the company such as Rome and Geneva. With the year 2011 Darwin Airline is getting closer to sport, intended not only as a means of social gathering, but also as an instrument for team building that can stimulate the business performances of Darwin Airline personnel. Our Annual Sales Meeting, at San Bernardino on the south side of the Swiss Alps, betwen February 10-11, which is organized by the Company for the sales team, is to be seen in this perspective. The athlete Giorgio.Rocca will be happy to reveal the secrets of the art of skiing on the slopes during a whole day of lessons and ... adrenalin. 55


Libri

Books

Ecco per i nostri passeggeri alcuni consigli di lettura della Libreria Casagrande di Bellinzona (www.casagrande-online.ch), accuratamente selezionati dalla sua gamma di generi letterari, destinati ad un’ampia varietà di lettori. Desideriamo citare anche opere di autori ticinesi, per promuovere e rafforzare il legame con il nostro territorio

Here are some reading ideas from Casagrande Bookstore in Bellinzona (www.casagrandeonline.ch), carefully picked from its vast selection to suit a wide range of tastes. We also reccommend some authors from Ticino to promote and keep in touch with local culture

Saggio

Essay

Il carnevale in età moderna. 30 anni di carnevale a Venezia 1980-2010, edizione italiana e inglese, edito da Studio LT2 di Alessandro Bressanello

Carnival in modern times. 30 years of carnival in Venice 1980-2010, Italian and English edition, published by da Studio LT2 by Bressanello Alessandro

Nel 1797 si tiene l'ultimo Carnevale "storico" di Venezia, pochi mesi dopo cade la Repubblica per mano di Napoleone, la successiva cessione di Venezia all'Austria decreta la fine dell'indipendenza della città durata più di mille anni. Da quel momento il Carnevale viene, come altre usanze, abolito. Per quasi due secoli non ne rimane che un ricordo. Per capire la rinascita del Carnevale di Venezia, che viene solitamente datata nel 1980, bisogna inquadrarla nel contesto di qeugli anni intesi a coinvolgere i veneziani in iniziative cittadine per far rivivere le antiche tradizioni.

In 1797 the last 'historical' Carnival of Venice takes place; few months later the Republic falls into Napoleon's hands; the following handover of Venice to Austria decrees the end of the city's independence that had lasted over thousand years. From then on the Carnival, like other traditions, is abolished. For almost two centuries it remains just a memory. In order to understand the revival of the Carnival of Venice, which is normally dated 1980, it must be set in the context of those years meant to involve the Venetians in city ventures in order to revive ancient traditions.

Saggio

Essay

Il biscione mascherato, Edizioni Salvioni di Grossi Plinio

The masked Biscione, Edizioni Salvioni by Grossi Plinio

In questo libro non si trova solo la storia del Carnevale di Bellinzona e del suo Rabadan, ma anche la storia, volutamente raccontata come cronaca, di una città che si diverte nei suoi ritrovi, con i suoi personaggi, nelle sue scelte singole e sociali. Un libro per coloro che fanno carnevale e per coloro che, pur non direttamente partecipandovi, vogliono sapere come si divertiva e come si diverte una città che dimostra una gran voglia di vivere e di divertirsi.

This little book is the transcription of a public meeting between Arundhati Roy, a wonderful Indian writer and activist, and John Berger, an amazing European artist and fiction writer, mediated and transcribed by the journalist Maria Nadotti. It outlines an appointment, an invitation and a suggestion. While it invites those who were not there, it suggests to read carefully and passionately, not to just consume words and thoughts, but to turn them into patient, humble acts of change.

Saggio

Essay

Lo chalet e altri miti svizzeri, Gabriele Capelli Editore di Oliver Scharpf

The chalet and other Swiss myths, Gabriele Capelli Editore by Oliver Scharpf

Un viaggio in Svizzera iniziato in parte dal famoso "Miti d'oggi" di Roland Barthes e dalla Svizzera come paese, oltre che dai miti fondatori come Guglielmo Tell e dai più recenti come l'Ovomaltina. Si arriva al 1972 con la mucca Milka, anche se il vero epilogo è il potenziale mito elvetico del Cordon-Bleu. Nel tragitto incontrano soggetti classici: lo chalet, l’orologio, il formaggio, Heidi, il San Bernardo, il Birchermüesli, il segreto bancario, ma anche i più inconsueti ed esotici: la palma ticinese, Ursula Andress che esce dal mare in bikini... e altro ancora.

A journey through Switzerland starting, partly, from the famous "Myths of today" by Roland Barthes and from Switzerland as a country not only of the founding myths like William Tell but also of the most recent ones like Ovomaltine. In 1972 appears the Milka cow, even if the real epilogue is the potential Swiss myth of the CordonBleu. Along the trip classical subjects are met such as the chalet, the watches, the cheese, Heidi, the Saint Bernard dog, the Birchermüesli, the bank secrecy, but also the unusual and exotic ones like Ticino's palm trees, Ursula Andress rising from the sea in a white bikini and many more.

56


Saggio

Essay

Barocco. Alla scoperta di alcuni piccoli capolavori in territorio ticinese di Edoardo Agustoni e Peter Keller

Baroque. The discovery of some small masterpieces on Ticino's territory by Edoardo Agustoni and Peter Keller

Il territorio ticinese è costellato di piccoli capolavori artistici risalenti all'epoca compresa tra il Barocco e il Rococò. Questo libro ne spiega l'origine e ci invita a osservarli e a comprenderli meglio, anche grazie all'ausilio di nuovi e sofisticati procedimenti fotografici che spingono lo sguardo dove l'occhio non potrebbe giungere da solo. La lettura delle immagini di Peter Keller e dei testi di Edoardo Agustoni si trasforma così nell'emozionante percorso di scoperta di numerosi tesori artistici nascosti.

Ticino's territory is studded with small artistic masterpieces dating back to the epoch between Baroque and Rococo. This book explains their origins and invites to observe them for a better understanding, also by means of new, sophisticated photographic procedures taking the gaze beyond the range of simply the eye. The reading of Peter Keller's images and Edoardo Agostini's texts thus becomes the exciting voyage of discovery towards many hidden artistic treasures.

Guida

Guide

Suisse, Schweiz, Svizzera 2011 La guida rossa, edizione multilingue, Michelin Italia

Suisse, Schweiz, Svizzera 2011 The red guide, multilingual edition, Michelin Italy

La guida rossa Michelin propone anche quest'anno una accurata scelta di alberghi e ristoranti, per viaggiare con tranquillità in Svizzera e scegliere il locale giusto per una sosta o una vacanza. L'introduzione di un breve testo descrittivo, chiaro e conciso, completa le informazioni già fornite dai simboli e permette al lettore di scegliere un locale anche in base all'ambiente, alla posizione, alle caratteristiche della struttura. In lingua tedesca, francese, italiana e inglese.

The 2011 red Michelin guide again offers a careful choice of hotels and restaurants helping to travel comfortably in Switzerland and to choose the right place for a break or a holiday. The introduction of a short, clearly and concisely descriptive text completes the information already provided by the symbols. The reader can thus decide on a place also according to its environment, its position and the features of the structure. In German, French, Italian and English.

Giallo

Crime

Il commissario Hunkeler e l'amuleto di Hansjörg Schneider

Detective Inspector Hunkeler and the amulet by Hansjörg Schneider

"Quel che interessava a Hunkeler non erano le impronte digitali e le tracce di polvere da sparo, ma le persone. E si era accorto subito che qui non si era trattato di potere e soldi, bensì di gelosia, amore e onore". Basilea, città di confine, crocevia di traffici internazionali, legali e illegali. In un vecchio appartamento giace il cadavere di una donna turca con il volto sfigurato. Al collo, un amuleto. Il marito viene arrestato, per la polizia il colpevole è lui, ma non per il commissario Hunkeler!

"What DI Hunkeler was interested in were not the fingerprints nor the traces of gunpowder, but the people. And he was soon aware that this was not about power and money, but about jealousy, love and honour." Basel, a border city, crossroads of legal and illegal international trades. In an old flat lies the corpse of a Turkish woman with a disfigured face. Her husband is arrested, for the police he is guilty, but not for DI Hunkeler!

Poesia

Poetry

In una notte fortunata di Matteo Campagnoli

On a lucky night by Matteo Campagnoli

La lingua chiara e robusta di Campagnoli riesce a mettere in tensione, nell'arco di un verso o di una strofa rimata, espressioni letterarie e colloquiali, spezzature e metafore ricercate, battute di spirito e figure classiche che si presentano assolutamente contemporanee; come una Milano paralizzata dal freddo di gennaio o dal sole d'agosto che "sotto l'epidermide d'intonaco scrostato, / brucia la carne viva del mattone" o la Grecia vista dai tentacoli "di una medusa pietrificatasi in penisola".

Campangoli's clear and robust language can, within a verse or rhymed strophe, put in tension literary expressions and colloquialisms, sophisticated metaphors and nonchalance, witticisms and classical figures, which here appear absolutely contemporary; such as Milan paralyzed by the cold of January or by the August sun that "under the skin of flaked plaster / burns the flesh of the brick," or Greece seen from the tentacle"of a jellyfish petrified to a peninsula."

57


IL GIORNALE DELLE MOSTRE EUROPA

THE EXHIBITION JOURNAL EUROPE

Una selezione di esposizioni d’arte in Europa, aperte da dicembre 2010 a giugno 2011

A selection of art exhibits in Europe from December 2010 to June 2011

Martigny

58

Martigny

Da Renoir a Sam Szafran, percorso di un collezionista Fondation Gianadda, dicembre 2010 - 12 giugno 2011

From Renoir to Sam Szafran, a collector's way Fondation Gianadda, December 2010 - June 12, 2011

In più occasioni la Fondation Pierre Gianadda ha presentato al suo pubblico grandi collezioni. Questa è la volta della straordinaria collezione di Sam Szafran, all’interno della quale sono stati selezionati 120 capolavori, dipinti e disegni, per raccontare l’evoluzione della pittura da Jean-Baptiste Corot e Eugène Boudin fino ai nostri giorni. Il collezionista appare molto sensibile al fascino del colore in generale, sia esso frutto di una osservazione attenta della natura o di un pensiero artistico puramente astratto, una panoramica che traccia una breve storia della pittura lungo gli ultimi centovent’anni.

On several occasions the Fondation Pierre Gianadda presented great collections to its public. This is the moment of Sam Szafaran's extraordinary collection, which 120 masterpieces, paintings and drawings, have been selected from to tell the evolution of painting from Jean-Baptiste Corot and Eugène Boudin up to our days. The collector seems very susceptible to the charms of the colour in general, be it a result of an attentive observation of nature or of a merely abstract artistic reflection; a survey tracing a short story of painting over the last hundred and twenty years.

Venezia

Venice

L’avventura del vetro. Un millennio d’arte veneziana Museo Correr, dicembre 2010 - 25 aprile 2011

The adventure of glass. A millennium of Venetian art Museum Correr, December 2010 - April 25, 2011

Organizzata cronologicamente in quattro sezioni - vetri archeologici; dal XV al XVIII secolo; XIX secolo, XX secolo - e con oltre trecento opere esposte, la grande rassegna al Correr ripercorre tutte le tappe della straordinaria “avventura del vetro” a Venezia, dall’arrivo in laguna, in età classica, di vetri provenienti da aree anche lontane, fino al connubio sempre più stretto tra vetro e design che rappresenta il presente e il futuro della produzione vetraria muranese. L’avventura del vetro è un’ampia ed esaustiva rassegna sul tema e conferma l’importanza di questo materiale nella vita artistica veneziana.

Set up chronologically in four sections – archaeology; from the 15th to the 18th century; the 19th century; the 20th century – over 300 objects are displayed; the great survey at the Correr retraces all stages of the extraordinary "adventure of glass" in Venice, from the arrival at the lagoon of glassware of the classical era coming even from far regions to the marriage of glass and design representing the present and the future of Murano's glassware production. The adventure of glass is a wide and exhaustive topical survey and confirms the importance of this material in Venetian artistic life.

Roma

Rome

Chagall. Il mondo sottosopra Ara Pacis, dicembre 2010 - 27 marzo 2011

Chagall. The world upside down Ara Pacis, December 2010 – March 27, 2011

Osservando le opere di Chagall si può cogliere la peculiarità che contraddistingue l’universo dell’artista: i personaggi, gli animali, gli oggetti che popolano paesaggi complessi spesso sfidano la legge di gravità. Il mondo che Chagall raffigura è, nel vero senso del termine, un mondo “sottosopra” in cui «il tempo non ha sponde», per riprendere il titolo di un quadro degli anni Trenta, nel quale fidanzati, sposi, rabbini, musicisti, orologi a pendolo, carretti, asini, galli e il pittore stesso - che si è ritratto tante volte nelle sue tele - si abbandonano ad audaci acrobazie come i circensi, altro soggetto che l’artista raffigura tanto volentieri.

Observing Chagall's works one becomes aware of the peculiarity distinguishing the artist's universe: the characters and the animals populating complex landscapes often defy the laws of gravity. The world Chagall shows is – in the true sense of the term - an "upside down world" where "time has no banks", from the title of a painting of the thirties, where fiancés, brides and grooms, rabbis, musicians, pendulum-clocks, carts, donkeys, cocks and the painter himself – who portrayed himself many times on his paintings – abandon themselves to bold acrobatics like the circus-people, another subject the artists loves so much to depict.


Losanna

Lausanne

El Modernismo. Da Sorolla a Picasso, 1880-1918 Fondazione Hermitage, 28 gennaio - 29 Maggio 2011

El Modernismo. From Sorolla to Picasso, 1880-1918 Hermitage Foundation, January 28 - May 29, 2011

Straordinariamente ricca e varia, la produzione artistica in Spagna all'inizio del XX secolo resta ancora poco conosciuta fuori dal suo paese di origine. Incentrata sui pittori della "generazione del 1898" reduci dall’estrema turbolenza attraversata dalla Spagna nel corso del XIX secolo, la mostra illustra l'evoluzione vissuta da questi artisti. Attraverso questa mostra, la Fondation de l'Hermitage offre ai suoi visitatori la scoperta di alcuni tesori nascosti della Spagna, molti dei quali sono presentati per la prima volta in Svizzera. La mostra, con un centinaio di dipinti, unisce i più importanti artisti di questo periodo (Anglada, Beruete, Casas, Mir, Picasso, Pinazo, Regoyos, Rusiñol, Sorolla, Zuloaga).

Although it is extraordinarily rich and varied, Spanish art at the dawning of the 20th century is still relatively little known outside Spain. Focused on the painters of the "generation 1898", survivors of the extreme turbulence Spain went through during the 19th century, the exhibition illustrates the evolution experienced by these artists. With this exhibition, the Fondation de l’Hermitage is offering its visitors the opportunity of discovering some of Spain’s hidden treasures, many of which will be seen in Switzerland for the first time. With some one hundred paintings, the event will be bringing together the most significant artists of the period (Anglada, Beruete, Casas, Mir, Picasso, Pinazo, Regoyos, Rusiñol, Sorolla, Zuloaga).

Vienna

Vienna Roy Lichtenstein Accademia Albertina, 28 gennaio - 15 maggio 2011

Roy Liechtenstein Albertina, January 28 - May 15, 2011

L’esposizione, sottotitolata “Black & White”, presenta dipinti e bozze realizzati dall’artista negli anni che vanno dal 1961 al 1968, periodo che funge da spartiacque nella carriera di Roy, il quale abbandona le opere dedicate alla storia dell’America, per consacrarsi maestro della pittura in bianco e nero, ispiratasi ai fumetti. L’Albertina di Vienna riunisce 70 tavole, alcune delle quali mai esposte sino ad ora.

The exhibition, with the title "Black & White", displays paintings and sketches drawn by the artist between 1961 and 1968, a period acting as divide in Roy's carrier, who gives up the works dedicated to America's history to declare himself master of the black and white painting, drawing his inspiration from comic-strips. The Albertina in Vienna brings together 70 paintings some of which never shown before.

Amsterdam

Amsterdam

Picasso a Parigi Museo Van Gogh, 18 febbraio - 29 maggio 2011

Picasso in Paris Van Gogh Museum, February 18 - May 29, 2011

Questa mostra si concentra sul Pablo Picasso alle prime armi, con l’esposizione di dipinti precubisti sconosciuti al grande pubblico. 19001907: il periodo in cui il maestro si ispira alle opere di Gauguin, Toulouse-Lautrec e Van Gogh, imponendosi come importante figura dell’avant-garde e annunciando, così, l’inizio del Cubismo.

This exhibition focuses on fledgling Pablo Picasso, with a display of pre-cubist paintings unknown to the public at large. 1900-1907: a period when the master draws his inspiration from the works of Gauguin, Toulouse-Lautrec and Van Gogh; when he asserted himself as a prominent figure of the avant-garde, forecasting, thus, the beginning of Cubism.

Zurigo

Zurich

Alberto Giacometti. La vista nell’opera Kunsthaus 11 marzo - 22 maggio 2011

Alberto Giacometti. The Art of Seeing Kunsthaus, March 11 - May 22, 2011

La vista è la base di ogni arte figurativa. Nessun artista pone il processo visivo tanto al centro della propria ricerca artistica quanto Alberto Giacometti (1901 1966). La vista stessa è evidentemente invisibile, ma egli è riuscito a materializzare nelle sue opere il processo psichico della visione. Il fatto che la vitalità nasca soprattutto dal processo della vista, che la vita traspaia attraverso l’occhio, si manifesta in un movimento circolare incessante dello sguardo che l’artista inscrive nelle sue opere e che l’osservatore riproduce guardandole. Le sue riflessioni ed i suoi metodi vengono richiamati alla mente tramite lavori risalenti ad ogni fase.

Seeing is the basis of all visual art, and no artist has focused so centrally on the process of seeing as Alberto Giacometti (1901–1966). And although seeing is itself of course invisible, yet by reflecting and experimenting Giacometti was able to render its psychic presence palpable in his work. The proposition that being alive is mainly a matter of seeing, that life is manifest in the eyes, is demonstrated by the ceaselessly circling regard inscribed by Giacometti on his art and reproduced by the observer's contemplation.

60


CHECK OLISTICO DELLA SALUTE IN DUE GIORNI Invito alle ‘Giornate della Salute’ presso la Clinica al Ronc Paracelsus con la Dott.ssa Petra Wiechel e il suo team

Paracelsus Clinica al Ronc 6540 Castaneda in Val Calanca (GR) Tel. 091 8204040 . Fax 091 8204041 . info@alronc.ch . www.alronc.ch

L’uomo è parte della natura e sottostà alle leggi naturali. Ogni qual volta che violiamo queste leggi, il corpo risponde con dei sintomi, detti anche „segnali“. Dobbiamo imparare ad osservare questi segnali e a capirli, dopodiché il nostro corpo ci gratificherà con una sana stabilità. Grazie a ciò, egli baserà il 99% della nostra felicità. Tra la costituzione individuale di un essere umano e i problemi che lo aggravano, si situa l’equilibrio tra restare sani e ammalarsi. Purtroppo come medico ho constatato sovente che l’essere umano ha fiducia solamente in ciò che è visibile: „Ho dei buoni valori del sangue, secondo costatazione del mio medico ho un intestino sano, dunque sono sano“. Ma tutto ciò basta per considerarsi sani? Quanto veramente sono sani o meno sani gli organi interni di un paziente? Una visita che si riduce ad esaminare solamente 20% degli organi, è o non è un punto di vista superficiale e unilaterale? Non si dovrebbe dare più attenzione al sistema nervoso vegetativo sovraccaricato che riesce a malapena a rigenerarsi? E che ne è della debolezza della propria capacità digestiva e del derivante sovraccarico del fegato che si sviluppa da esso? Non si dovrebbe considerare ulteriormente il rapporto tra un dente del giudizio incuneato ed il mal di schiena cronico? Un dato di fatto: ammalarsi è un processo che si sviluppa sull’ arco degli anni e si fonda su moltepliche cause. Tuttavia ci domandiamo quanto tempo possa durare la forza di compensazione e la regolazione del corpo, per far fronte a tutto ciò che é causa die malanni degli esseri umani. Purtroppo il nostro corpo è esposto giornalmente a carichi nocivi: alcuni cibi che noi percepiamo come buoni, lo stress, i metalli pesanti dannosi che troviamo ad esempio nella nostra bocca, oppure il campo geopatico che è anch’esso un fattore di disturbo. In qualità di medico ci tengo a vedere oltre la facciata. Il Check Olistico è rivolto agli ammalati e vorrei dare un sano consiglio su come mantenere, anche in futuro, la propria fiducia nel pensiero del rimanere sani“. Il check olistico si rivolge alle persona sane, affinché con l’aiuto dei miei consigli possano continuare a coltivare la fiducia in un pensiero positivo di mantenimento della propria sana costituzione. Alle persone invece che già si trovano in uno stato di malattia, vorrei invece dare l’opportunità di potersi confrontare attivamente con la propria malattia. Solamente con le nozioni sulle causa della malattia, il trattamento potrà essere efficace e avere successo. In questo senso il paziente viene a conoscenza della medicina biologica e del lavoro di noi medici che come tali pensiamo all’ essere umano in modo olistico. Adottiamo dei metodi di diagnostica come la CRT (Diagnostica Regolativa con l’aiuto del computer), BTA (Bioterrain-Analyse) oppure la microscopia in campo oscuro. Il tutto viene completato anche con la Diagnostica dell’Iride e della Faccia, alla Diagnostica dei Meridiani e alle Diagnostiche di laboratorio. Alla fine, dal Check della Salute, ci risulta un quadro alquanto ampio e personalizzato della persona esaminata. Gli esiti scritti degli esami (nel giro di due settimane circa) come anche i consigli terapeutici da seguire, concluderanno il Check Olistico. Vi attendiamo con piacere. Dr.med. Petra Wiechel

63


Gli angeli cheesorvegliano gli aerei Darwin Airline Darwin Airline et Flybaboo: siglato Flybaboo: signature l’accordo finale de l’accord final Attivo dal 1 aprile 2011 il nuovo operativo voli da Ginevra con nuovi collegamenti dall’aeroporto di Lugano

Les nouveaux vols depuis Genève et les nouvelles liaisons avec l’aéroport de Lugano entreront en vigueur le 1er avril 2011

Lugano, 27 gennaio 2011 – In virtù dell’accordo stipulato nel novembre 2010 fra le due compagnie aeree regionali svizzere Darwin Airline SA ("Darwin") e Flybaboo SA ("Baboo"), Darwin riprende ufficialmente le rotte operate da Baboo dal 1 aprile 2011, dopo averne acquistato parte degli “attivi” operativi. Darwin dà così il via ad una propria significativa e importante espansione con l’obiettivo di affermarsi ulteriormente come compagnia aerea svizzera nel settore “Regional”. Durante i primi mesi Darwin commercializzerà i propri prodotti sia sotto il marchio Darwin Airline che sotto il marchio Baboo.

Lugano, le 27 janvier 2011 – En vertu de l’accord signé pendant le mois de novembre 2010 entre les deux compagnies aériennes régionales suisses Darwin Airline SA (“Darwin”) et Flybaboo SA (“Baboo”), Darwin reprend officiellement les lignes aériennes exploitées par Baboo, à partir du 1er avril 2011, suite à l’acquisition d’une partie de ses “actifs d’exploitation”. Darwin se lance ainsi dans une importante et considérable phase d’expansion dans le but de s’affirmer encore plus comme la compagnie aérienne suisse dans le secteur “Regional”. Durant les premiers mois Darwin commercialisera ses propres produits aussi bien sous la marque Darwin Airline que sous la marque Baboo.

Grazie a tale operazione, si prevede un aumento del giro d’affari annuale da 40 a oltre 70 milioni di franchi svizzeri e il trasporto di oltre 500.000 passeggeri all'anno, con l’attuazione di una serie di importanti attività e servizi fra cui: • Oltre 20 destinazioni attive, principalmente in Svizzera, Italia e Francia • Impiego di una flotta di 6 aeromobili SAAB 2000 e 2 Bombardier DASH Q400 • Aumento del personale Darwin a oltre 200 colllaboratori, con un’espansione sia del settore operativo (circa 40 nuovi collaboratori) che commerciale ed amministrativo (circa 20 nuovi collaboratori). Darwin ha già avviato il processo di selezione del personale. • Apertura di una nuova base operativa a Ginevra per la gestione dei collegamenti precedentemente operati da Baboo, in aggiunta alla base principale di Lugano dove rimarranno insediate la direzione generale e la maggior parte dei collaboratori.

Cette opération permettra une augmentation du chiffre d’affaire annuel de 40 à plus de 70 millions de francs et le transport de plus de 500'000 passagers par an, grâce à une série d’importantes activités et services: • Plus de 20 destinations actives, principalement en Suisse, Italie et France • Utilisation d’une flotte de 6 avions SAAB 2000 et 2 Bombardier DASH Q400 • Augmentation du personnel Darwin à plus de 200 collaborateurs, avec une expansion aussi bien dans le secteur opérationnel (environ 40 nouveaux collaborateurs) que dans le secteur commercial et administratif (environ 20 nouveaux collaborateurs). Darwin a déjà commencé le processus de sélection du personnel. • Ouverture d’une nouvelle base opérationnelle à Genève pour la gestion des liaisons opérées précédemment par Baboo, en plus de la base principale de Lugano où demeureront la direction générale et la majorité des collaborateurs.

Tra le rotte più importanti, che andranno ad ampliare l’offerta di Darwin, si inseriscono: Destinazioni annuali • Ginevra – Nizza: 3 voli giornalieri con collegamenti in giornata in 2 ore e 40 minuti anche da Lugano • Ginevra – Roma: 2 voli giornalieri, 1 al mattino e 1 la sera • Ginevra – Firenze: 1 volo giornaliero a centro giornata nei giorni 1,3,5,7* • Ginevra – Venezia: 1 volo giornaliero a centro giornata nei giorni 1,3,5,7* • Nizza – Venezia: si tratta questo di un nuovo collegamento giornaliero nei giorni 2,4,7*

Les principales lignes aériennes qui iront amplifier l’offre de Darwin sont les suivantes: Destinations annuelles • Genève – Nice: 3 vols journaliers avec liaisons en journée (2 heures et 40 minutes) depuis Lugano • Genève – Rome: 2 vols journaliers, un le matin et un le soir • Genève – Florence: 1 vol journalier en milieu de journée durant les jours 1,3,5,7* • Genève – Venise: 1 vol journalier en milieu de journée durant les jours 1,3,5,7* • Nice – Venise: nouveau vol journalier durant les jours 2,4,7*

Al via, invece, per la stagione estiva 2011 (maggio – settembre): Destinazioni stagionali • Ginevra - St. Tropez: 1 volo giornaliero con collegamento anche da Lugano nei giorni 1 e 5* • Ginevra – Biarritz: 1 volo giornaliero con collegamento anche da Lugano nei giorni 5 e 7*

64

Outre ces vols de lignes, Darwin proposera des vols saisonniers pour l’été 2011 (mai – septembre): Destinations saisonnières • Genève – St.-Tropez: 1 vol journalier avec liaison depuis Lugano durant les jours 1 et 5* • Genève – Biarritz: 1 vol journalier avec liaison depuis Lugano durant les jours 5 et 7*


La prestigiosa gioielleria Charly Zenger dal 23 dicembre 2010 anche a Lugano La gioielleria Charly Zenger rivive lo splendore del gioiello grazie alla grande passione per i diamanti e le pietre rare di colore del suo proprietario Alfredo Paganetti. Grazie a questo interesse dal 23 dicembre 2010 la gioielleria Charly Zenger ha aperto le sue porte anche nel cuore di Lugano in Via Pessina 8. Mantenendo ad Ascona e a Locarno le grandi marche di orologi come Rolex, Cartier, Tudor, Panerai, Ferrari, Breitling, Bentley, e Chanel, arriva a Lugano con i suoi gioielli e due brand quali Fope e Dodo. Gli orologi Montblanc, Lamborghini e la collezione Charly Zenger Watches arricchiscono l’offerta disponibile a Lugano. I gioielli che si trovano a Lugano rappresentano soprattutto un assortimento di diamanti e gemme di colore adeguate a diversi tipi di clientela e di prezzo. La Charly Zenger presenta i suoi diamanti con le relative caratteristiche: purezza, carati, colore e taglio e, in riferimento a queste caratteristiche, i relativi prezzi, propone in poche parole una sorta di guida alla qualità e al valore del diamante. Comprando le pietre direttamente alla fonte, il prezzo finale risulta molto competitivo e vantaggioso verso cliente. Per quello che riguarda le pietre di colore la missione è di combinare il più alto grado di bellezza, durezza e durevolezza e rarità al fine di realizzare gioielli unici a prezzi imbattibili; nella collezione personale vengono infatti proposti preziosi zaffiri della leggendaria valle birmana di Mogok, rubelliti, rubini, smeraldi e tormaline molto rare. L’assistenza e la garanzie delle pietre è attribuita alla dottoressa in scienze della comunicazione Sibilla Rezzonico, gemmologa dell’Istituto Gemmologico Americano (GIA) e Jewelry Designer GIA. Questa competenza a 360 gradi ha permesso di introdurre in gioielleria un laboratorio dotato di microscopi, rifrattometri e altri moderni

sistemi di indagine per l’identificazione e la certificazione di diamanti e gemme di colore. Oltre alla certificazioni delle pietre (per i diamanti sopra 0.30 carati viene comunque sempre consegnato un certificato ufficiale GIA), offre anche un servizio su commissione sia per pietre sciolte che montate, design di gioielli su desiderio del cliente e anche un attento servizio di stima e valutazione di gioielli con pietre. Con questi strumenti si offre la possibilità di mostrare al cliente l’interno della pietra e fotografarla, rendendo così quest’ultimo partecipe di ciò che si è analizzato, così che termini tecnici quali inclusioni,piume o abrasioni possano essere meglio percepite. Con questa tecnica è possibile quindi offrire anche al cliente un servizio di stima e analisi o perizie assicurative. Un atelier di design rende possibile anche il servizio di creazione di gioielli ad hoc secondo il gusto e l’esigenza del cliente. Inizialmente viene disegnato il gioiello a mano in 3 D, dove il design accompagna comunque la parte di garanzia e protezione per le pietre, quindi un lavoro dinamico tra design e orafo e, una volta che la scelta viene confermata dal cliente, si passa alla vera e propria realizzazione del gioiello. Per quanto riguarda gli orologi, a Lugano si trova l’intera gamma di orologi Charly Zenger che a partire da 690.-CHF offrono un cassa di 44 mm in acciaio con vetro zaffiro bombato antiriflesso, movimento meccanico automatico visibile sul fondo attraverso un vetro zaffiro e bracciale in pelle. Gli orologi sono ottenibili in vari colori e sono tutti Swiss made. Inoltre è presente anche tutto l’assortimento dei famosi orologi Montblanc, compresa la prestigiosa manifattura della linea Rieussec. La marca Tonino Lamborghini in esclusiva per il Ticino completa l’assortimento.


• Ginevra – Valencia: 1 volo giornaliero con collegamento anche da Lugano nei giorni 4 e 6* • Ginevra – Ibiza: 1 volo giornaliero con collegamento anche da Lugano nei giorni 5, 6 e 7* • Nizza – Atene: 1 volo giornaliero con collegamento anche da Ginevra il giorno 6*

• Genève – Valence: 1 vol journalier avec liaison depuis Lugano durant les jours 4 et 6* • Genève – Ibiza: 1 vol journalier avec liaison depuis Lugano durant les jours 5, 6 et 7* • Nice – Athènes: 1 vol journalier avec liaison depuis Genève, durant le jour 6

*1 lunedì, 2 martedì, 3 mercoledì, 4 giovedì, 5 venerdì, 6 sabato, 7 domenica

* 1 lundi, 2 mardi, 3 mercredi, 4 jeudi, 5 vendredi, 6 samedi, 7 dimanche

Grazie a questa importante operazione, Darwin offrirà al pubblico ticinese e del Nord Italia una nuova scelta di interessanti destinazioni con partenza da Lugano Airport. La nuova rete di collegamenti, permetterà ad esempio ai passeggeri in partenza da Lugano, di volare su Nizza via Ginevra con ritorno in giornata. Si potrà raggiungere Firenze da Lugano via Ginevra o, per le proprie vacanze estive, sempre via Ginevra, raggiungere da Lugano destinazioni affascinanti quali St. Tropez, Biarritz, Valencia o Ibiza. Il nuovo network offrirà inoltre la possibilità ai passeggeri in partenza da Firenze di raggiungere Nizza via Ginevra come pure ai passeggeri veneziani di raggiungere la costa azzurra (Nizza) con un volo diretto.

Grâce à cette importante opération, Darwin offrira au public tessinois et du Nord de l’Italie un nouveau choix de destinations intéressantes au départ de l’aéroport de Lugano. Le nouveau réseau aérien, permettra par exemple aux passagers au départ de Lugano de rendre à Nice via Genève avec un retour en journée. Il sera possible également de se rendre à Florence via Genève depuis Lugano ou bien durant l’été, toujours via Genève, vers de fascinantes destinations comme St.-Tropez, Biarritz, Valence ou Ibiza. En outre le nouveau réseau aérien offrira aux passagers italiens au départ de Florence la possibilité de se rendre à Nice via Genève ou aux passagers au départ de Venise de rejoindre Nice avec un vol direct.

L’attuale rete di collegamenti di Darwin sarà inoltre confermata con alcune importanti novità.

Le réseau aérien actuel de Darwin sera confirmé avec quelques nouveautés importantes.

Destinazioni annuali • Lugano - Ginevra: 2 voli giornalieri permetteranno il collegamento con le nuove destinazioni in partenza da Ginevra (Nizza, Firenze, St.Tropez, Biarritz, Valencia e Ibiza). • Lugano – Roma Fiumicino: 2 voli giornalieri in code-share con Alitalia che permettono il collegamento con alcune importanti destinazioni internazionali in partenza da Roma Fiumicino. • Rimini – Roma: fino a 3 collegamenti giornalieri in code-share con Alitalia. • Foggia – Milano Malpensa, Torino e Palermo: collegamenti giornalieri in code-share con Alitalia su Milano Malpensa, 4 volte a settimana su Torino e 5 su Palermo.

Destinations annuelles • Lugano – Genève: 2 vols journaliers qui permettront les liaisons avec les nouvelles destinations au départ de Genève (Nice, Florence, St.-Tropez, Biarritz, Valence et Ibiza). • Lugano – Rome Fiumicino: 2 vols journaliers en code-share avec Alitalia qui permettront les liaisons avec d’importantes destinations internationales au départ de Rome Fiumicino. • Rimini – Roma: jusqu’à 3 vols journaliers en code-share avec Alitalia. • Foggia – Milan Malpensa, Turin et Palerme: vols journaliers en code-share avec Alitalia vers Milan-Malpensa, 4 fois par semaine vers Turin et 5 par semaine vers Palerme.

Destinazioni stagionali • Lugano – Olbia e Cagliari: fino a 3 voli settimanali da maggio a settembre. • Lugano – Pantelleria e Lampedusa: 1 volo settimanale da giugno a settembre. • Lugano – Rimini: 1 volo settimanale nei mesi di luglio e agosto.

Destinations saisonnières • Lugano – Olbia et Cagliari: jusqu’à 3 vols par semaine entre mai et septembre. • Lugano – Pantelleria et Lampedusa: 1 vol par semaine entre juin et septembre. • Lugano – Rimini: 1 vol par semaine durant les mois de juillet et août.

Massimo Boni Direttore Comunicazione e Marketing Darwin Airline SA Tel. +41 (0)91 6124525 E-mail: massimo.boni@darwinairline.com

Massimo Boni Communication & Marketing Director Darwin Airline SA Tel. +41 (0)91 6124525 E-mail: massimo.boni@darwinairline.com

AIGO Comunicazione Ufficio Stampa Darwin Airline SA per l’Italia Francesca Toschi/ Anna Fosso Tel. +39 02 66 99 27 211-251-203 Fax. +39 02 66 92 648 E-mail: f.toschi@aigo.it /a.fosso@aigo.it

AIGO Comunicazione Ufficio Stampa Darwin Airline SA per l’Italia Francesca Toschi/ Anna Fosso Tel. +39 02 66 99 27 211-251-203 Fax. +39 02 66 92 648 E-mail: f.toschi@aigo.it /a.fosso@aigo.it

66



Evoluzioni n.17 February/March 2011