Page 1

40

Conegliano

LA TRIBUNA SABATO 26 GENNAIO 2013

di Salima Barzanti

«Il tavolo senza gambe»

◗ CONEGLIANO

«la vita È dada» al dina orsi

Un appartamento arredato con la creatività e l'ingegno di chi sa riutilizzare con stile ogni materiale, anche quello che la produzione o che l'attività quotidiana scarta. Tutto questo è visitabile nel foyer del Dina Orsi di Parè, realizzato nell'ambito del progetto Riciclati e del manifesto «Conegliano per l'Ambiente», che coinvolge Comune, scuole, aziende, cittadini di Conegliano. Ieri la presentazione della mostra “La vita è DaDa” visitabile oggi e domani, con ingres-

L’abitazione creata con materiale riciclato so libero, dalle 9 alle 19. I visitatori potranno ammirare una parete divisoria "a cuori" in cartone ignifugo di 3 metri per 2 metri scarto delle lavorazioni per allestimenti vetrinistici, il "portavolo", ovvero un tavolo realizzato recuperando il portone d'ingresso di una casa colonica dei primi del '900, due gomme e una lamiera che diventano una sedia a dondo-

lo e una poltrona "per 2" realizzata con una struttura in listelli di legno scarto di falegnameria e rivestita con ecopelle scarto di tappezzeria. Complementi d'arredo che rappresentano una proposta concreta e accattivante per un modello dell'abitare ecosostenibile e piacevole, che fa e diventa di moda, soprattutto se ispirato al modello di vita e di pensiero

dadaista. Gli oggetti sono opera degli artisti di Macs e Orsi Morsi, Debora Basei e Stefano Cattai. «Quando creiamo, mettiamo al mondo una parte di noi siamo tutti mamma di ciò a cui diamo vita», dicono gli artisti, «il mettere nell’universo una creatura è dare, continuare, trasferire, far crescere e vedere una parte di se stesso prendere forma. Noi artisti ab-

biamo un altro modo di vedere le situazioni rispetto alla visione comune. Per noi far “rinascere” un materiale è dare vita. Una nuova vita». Nato come progetto sociale, “Riciclati” non si è fermato e ha messo piede nel mondo imprenditoriale. Gli oggetti non sono solo in mostra, ma sono in vendita per essere usati. Perchè il riciclo è soprattutto un modo d'essere e di vivere, un rinascere quotidiano, degli oggetti, ma anche dell'anima. GUARDA LA FOTOGALLERY E COMMENTA WWW.TRIBUNATREVISO.IT

Amianto nelle scuole, caos in consiglio Bocciata la mozione del Pd per il censimento dell’eternit, opposizione furibonda: «È un pericolo per i nostri studenti» di Renza Zanin

in breve

◗ CONEGLIANO

Scoppia il caso amianto in città: bocciata dalla maggioranza la mozione presentata dal Pd per chiedere il censimento della presenza di eternit negli edifici pubblici, ma a oggi il Comune non ha ancora eseguito le analisi sullo stato di conservazione della copertura della palestra Stadio, frequentata da associazioni sportive e da centinaia di studenti. All’appello mancano anche le verifiche sulla palestra di arti marziali in via Lanceri di Firenze, ma anche sui materiali in amianto presenti nel cimitero degli ebrei all’interno di quello di San Giuseppe. Nonostante ciò la richiesta del Pd è stata ritenuta superata dalla maggioranza che ha rimarcato le parole dell’assessore all’ecologia Claudio Toppan secondo cui la mappatura delle strutture pubbliche è già stata avviata e si concluderà entro 6 mesi. Per l’opposizione è inaccettabile soprattutto il fatto che non si sia ancora proceduto a verificare le condizioni del tetto in eternit della palestra stadio, da anni al centro delle preoccupazioni anche degli studenti del Marco Fanno che vi accedono nelle ore di educazione fisica. Un caso approdato in passato anche sulla scrivania del presidente della Provincia Leonardo Muraro con un’interrogazione di Sel. «L’assessore ci ha fatto credere che il censimento dell’amianto presente negli edifici pubblici fosse in corso da tempo mentre dagli uffici mi era stato detto che solo tre scuole erano state controllate», dice il capogruppo del Pd Paolo Giandon, «ed è ancora

GODEGA SANT'URBANO

Tranquillo weekend al Palaingresso ■■ Questa sera al Palaingresso vicino all'area fiera secondo appuntamento con Godega a teatro. Alle 21 La compagnia «La Ringhiera» di Vicenza metterà in scena la commedia Un tranquillo week end di follia di Alan Bond. SANTA LUCIA DI PIAVE

Cambio degli orari per il servizio bus

È polemica sulle coperture in amianto di alcuni edifici pubblici di Conegliano

scoperta una tettoia pericolosa di 8 metri

Copertura «sospetta» anche all’ex Spisal

più grave che, nonostante da più di un anno sia stata segnalata la presenza di amianto alla palestra Stadio, ancora non sia stata eseguito il controllo sulla pericolosità dovuta allo stato di manutenzione». Top-

Sembra un paradosso: Tra le strutture del Comune con una presenza di eternit su cui non sono mai state fatte analisi da parte dell’ente c’è anche l’ex sede dello Spisal, in via Armellini. Qui, sotto gli ex uffici di coloro che si occupano della prevenzione igiene e sicurezza negli ambienti

di lavoro si trova, stando a quanto riferito in consiglio comunale, una tettoia in amianto di 8 metri quadri. Il Comune dovrà verificarne lo stato di conservazione. La rimuoverà l’istituto musicale B. Michelangeli a cui è stato dato in concessione l’edificio. (r.z.)

pan assicura che si procederà al più presto e che i ritardi sono dovuti alle ipotesi avanzate in passato e poi arenatesi di rifare completamente quell’edificio. L’assessore all’ecologia osserva come in alcuni casi si

sia già andati oltre il censimento passando alle analisi. I risultati però non sono dei migliori. Ne è emerso che le situazioni più critiche riguardano le scuole elementari Pascoli e Rodari. Il punteggio asse-

gnato durante le valutazioni effettuate il 5 dicembre del 2011 è pari a 40. In base alla normativa vigente lo stato è considerato «scadente» e deve essere verificato annualmente e la bonifica deve avvenire entro massimo tre anni (quindi entro il 2014). I lavori alla Rodari rientrano tra quelli finanziati dal Cipe. Ancora aperta invece la questione per le Pascoli, dopo che è saltata l’ipotesi di finanziare l’operazione attraverso un accordo con il Cit per l’installazione di un impianto fotovoltaico. Anche l’edificio che ospita l’anagrafe (di proprietà privata) ha copertura in amianto che dovrà essere rimossa. Per l’opposizione è necessario intervenire il prima possibile.

■■ Dall'1 febbraio cambieranno gli orari del servizio d'autobus con Conegliano. Le corse rimarranno sei con partenza dalla stazione delle corriere di Conegliano alle ore 8, 9, 10, 15, 16, 18, arrivo in piazza del municipio a Santa Lucia dopo 20 minuti e ritorno. all’isiss da collo

Gran Prix di scacchi Via alle sfide ■■ Quindicesimo Gran Prix del Veneto di Scacchi. Le gare si terranno dalle 20,30 di oggi fino alle 20 di domani nella palestra Isiss Da Collo. Ad organizzare l'evento il Circolo Scacchistico Conegliano Asd. Ingresso libero. al dina orsi

La compagnia Oberon all’auditorium ■■ La Compagnia Oberon presenta “Il mistero dell'assassino misterioso” questa sera, sabato, alle 21, all'auditorium Dina Orsi. il caso per l’enpa

il 730 in municipio

entra bortoluzzi

Il BLITZ

Trasparenza per i redditi ma la sanzione sarà minima

Il consiglio saluta l’ultima di Feltre «Avversario ostico»

Pesce scaduto e fuorilegge Maxi multa da 100mila euro

◗ CONEGLIANO

◗ CONEGLIANO

Attestazioni di stima bipartisan in consiglio comunale per Carlo Feltre, dimessosi dal suo ruolo di consigliere dopo 17 anni al servizio della città. Maggioranza e opposizione, e in primo luogo il sindaco Zambon, ne hanno riconosciuto l’impegno, il senso delle istituzioni e il valore. «Un avversario veramente ostico», così lo ha definito il vicesindaco Basciano che ne ha lodato la preparazione. «Un verbale da conservare», ha commentato Feltre. A sostituirlo è il segretario del Pd Alessandro Bortoluzzi. (r.z.)

Celle frigorifere e banchi riempiti di pesce senza etichette, scaduto, privo di qualunque indicazione di provenienza. È quanto hanno trovato gli ispettori della capitaneria di Porto di Venezia e gli agenti della polizia locale dopo un controllo in due negozi di prodotti ittici di Conegliano. I titolari dei negozi, due extracomunitari, non hanno saputo dare le opportune spiegazioni. I prodotti ittici erano tutti importati dall’oriente ma mancando di qualunque documento era impossibile ricostruire l’intera

◗ CONEGLIANO

Obbligo di presentazione dei redditi per i consiglieri comunali: approvata la sanzione minima per coloro che non la rendono pubblica. Con la legge 213 del 2012, il governo ha reso obbligatorie le pubblicazioni di questi atti prevendendo l’applicazione di sanzioni che potevano variare dai 2 ai 20 mila euro. Nel regolamento comunale approvato giovedì in consiglio si è scelto però di applicare il minimo, ovvero 2 mila euro, per coloro che non rispetteranno questo obbligo o non lo faranno in

modo adeguato. E dal Movimento 5 Stelle scoppiano le polemiche: «Questo regolamento è stato fato per gli amministratori o per coloro che hanno una carica pubblica, per evitare arricchimenti non leciti», dice il consigliere Roberto Borsoi, «La sanzione doveva essere più alta, o si doveva addirittura prevedere l’allontanamento dalla carica». Annotazioni alla norma prevista dal governo sono giunte invece dal sindaco secondo cui questo obbligo doveva valere anche per i comuni con meno di 15 mila abitanti, cosa non contemplata attualmente. (r.z.)

filiera oltre che capire da quanto la merce fosse ormai scaduta. In tutto sono state contestate sanzioni amministrative per un totale di circa 100.000 euro (50.000 euro a ciascuno dei due negozianti) ed è stata sequestrata quasi mezza tonnellata di prodotto ittico. «Doveroso intervenire con simili controlli» dicono dalla Capitaneria di Porto, «in particolare in un momento di forte crisi economica, quando l’acquirente è attratto dal’acquisto di prodotti ittici immessi sul mercato a prezzi concorrenziali, ma spesso pericolosi per la salute».

Polemica del M5S contro la giunta ■■ L’attacco è per gli animali: «La giunta si rimangia, a distanza di pochi mesi, le promesse, o meglio le delibere, fatte all'Enpa sulla possibilità di poter costruire un gattile/canile nell'area verde tra la Zoppas Arena e lo stadio del baseball». stazione ferroviaria

«Il teatro degli orrori» e l’incubo Auschwitz ■■ Domani dalle 10.30 alle 18.30, in occasione della Giornata della Memoria, nella stazione ferroviaria (spazio Int Art), apre la mostra fotografica “Il teatro degli orrori” del fotografo veneziano Alvise Busetto. (Ingresso libero).

La Tribuna di Treviso 26.01.2013  

«la vita È dada» al dina orsi L’abitazione creata con materiale riciclato