Page 1


Vi ni Abr a xa s . . . . i obe v oP a nt e l l e r i a ! . . . i s uoi r os s i !

a br a xa s v i ni . c om


4/5

CHECK-OUT 41

Sommario Contents

41

20 15

64

56

Erik Johansson

Il Museo Egizio di Torino Egyptian Museum of Turin

L’acquario di Genova

Ironia digitale Digital irony

The Aquarium of Genoa

60 Una vacanza dell’altro mondo An “Out of this World” vacation

68 L’aereo del futuro The aircraft of the future

Mekong

Un fiume di storia A River of History Tra Laos e Cambogia lungo le rive del fiume che ha modellato una civiltà From Laos to Cambodia: along the banks of the river which has shaped a civilization


6/7

»RubricheRegulars

Anno VI - numero 41 DICEMBRE 2011 - GENNAIO 2012 Periodico bimestrale di bordo

Wind Jet News

10

Agenda degli Eventi Calendar of Events & Exhibitions

12

Editore: DAMA s.r.l. - Piazza Corsica 19 95127 CATANIA - info@damamedia.it www.damamedia.it Registrazione al Tribunale di Catania Nr. 28 del 5.11.2004 Direttore Responsabile: Giuseppe Zangaro Direzione Generale Marco Lanzafame marcolanzafame@check-out.it

Presi nella rete Fishing the Net

18

Product News

30

In Valigia Suitcase Essentials

36

Redazione: Beppe Morri, Vincenzo Viviani, Beniamino Tucheri, Leone Fink, Carlo De Giovanni, Edoardo Spinoza, Stefano Miatto, Alfio Garozzo, Marco Sferra, Dario Costanzo redazione@check-out.it Ufficio Marketing Wind Jet: marketing@volawindjet.it Progetto grafico: Stefano Miatto - Marco Lanzafame

Mai più senza The Curiosity Shop

41

Piste & Pistoni Pit-Stop & Pistons

51

Vanity Air

58

Ahi!Tech

71

Illustrazioni: Flavio Tibaldi Stampa: Tipolitografia Priulla - Palermo Hanno collaborato a questo numero: Beppe Morri, Lucio Scolaro, Gaetano Verri, Gino Molteni, Eleonora Pappalardo, Carlo Rossati, Brenda Milton, Serena Soffici, Eugenio Spadaro, Davide Dal Santo, Gianni Oluni Traduzioni: Veronica Gavin veronicagavin@check-out.it Pubblicità: Dama Srl Via Pierre De Coubertin 21 - 95126 Catania tel. +39 095 0931636 - +39 347 5245356 fax +39 095 0931573 pubblicita@check-out.it Concessionaria per la Lombardia: Euroquest Srl tel. +39 030 2459027 mobile : 335 5904457 segreteria@euroquest.it

CHECK-OUT ONLINE: www.check-out.it

76 Volare alto Flying High

Agente per il Triveneto: Nerio Zaccaria tel +39 335 6326333 neriozaccaria@check-out.it Agente per l’Emilia Romagna: Sandra Senni tel +39 331 7590751 sandra.senni@check-out.it

www.facebook.com/check-out.magazine

http://twitter.com/#!/_checkout_

Pubblicità inferiore al 45% Riproduzione, anche parziale, vietata senza autorizzazione scritta dall’Editore. L’elaborazione dei testi, benchè scrupolosamente esaminata dalla redazione, non può comportare responsabilità specifiche per eventuali errori o inesattezze. Ogni articolo firmato esprime esclusivamente le opinioni dell’autore e lo investe della responsabilità personale di quanto scritto. Pertanto le opinioni e, più in generale, quanto espresso dai singoli autori non comporta responsabilità alcuna per l’Editore.


8/9

CHECK-OUT 41

Network

Wind Jet Destinations

Flotta

Fleet

Attualmente la flotta Wind Jet è composta da 7 moderni Airbus 320 da 180 posti e da 5 Airbus 319 da 142 posti a bordo dei quali potete trovare il massimo della sicurezza e del comfort.

The Wind Jet fleet is today made up of 7 new Airbus 320 with 180 seats and 5 Airbus 319 with 142 seats offering maximum safety and comfort. Efficiency and safety is our top priority.

AIRBUS

A320

A319

Lunghezza - Length

mt 37,60

mt 33,57

Altezza - Height

mt 11,80

mt 11,76

Apertura alare - Wingspan

mt 34,10

mt 34,10

Peso massimo al decollo - Max. weight at take-off

kg 77000

kg 64000

Numero posti - Number of seats

180

142

Autonomia - Full Tank Capability

km 5460

Km 5556

VelocitĂ di crociera - Cruising speed

km/h 830

km/h 830


Wind Jet News WIND JET qualificata alle finali del World Aviation Tournament WIND JET qualifies for the finals of the World Aviation Tournament a squadra di calcio outdoor 7-7 di Wind Jet ha conquistato a Portimao (Portogallo) il 3° posto alle finali del World Aviation Tournament svoltosi a Marzo 2011. Si tratta di una competizione a livello mondiale cui partecipano la gran parte delle compagnie aeree di tutto il Mondo. Windjet, unica rappresentativa italiana, ha acquisito di diritto la qualificazione alle fasi finali della prossima edizione che si terrà sempre in Portogallo nel 2012. La squadra Windjet ha battuto nella fase a gironi l’Air Canada (3-1), la Malev Hungarian Airlines (2-1) e l’ Air India (80) e ha pareggiato con US Airways (2-2) e Lufthansa (4-4). Battuta in semifinale dalla Malev Hungarian Airlines (1-2), ha conquistato il 3° posto nel torneo di qualificazione finale, battendo l’ Us Airways ( 3-0).

he soccer team Wind Jet 7-7 won 3rd place in the finals of the World Aviation Tournament at Portimao (Portugal) held in March 2011. This is a world competition involving the majority of airlines around the world. Wind Jet, the only Italian representative, has acquired the right to qualification for the finals of the next edition to be held once again in Portugal in 2012. The Wind Jet team beat Air Canada (3-1), the Malev Hungarian Airlines (2-1) and Air India (8-0) and drew with U.S. Airways (2-2) and Lufthansa (4-4) in the group stage. Beaten in the semifinals by Malev Hungarian Airlines (1-2), Windjet won 3rd place in the qualifying tournament finals by beating U.S. Airways (3-0).

Siracusa d’inverno

Siracusa Winter

al mese di Gennaio a Marzo 2012 Siracusa Turismo, in collaborazione con Wind Jet, sosterrà e attiverà una serie di iniziative volte a promuovere lo sviluppo del turismo e la valorizzazione del territorio siracusano. Siracusa Turismo è una società consortile costituita dalla Camera di Commercio di Siracusa e dalle Associazioni di categoria territoriali. L’iniziativa denominata “Siracusa d’Inverno” mira a valorizzare la provincia di Siracusa mettendo in risalto le bellezze naturalistiche e archeologiche della zona aretusea, puntando sulla qualità della ricettività e sulla convenienza e semplicità dei collegamenti con Siracusa, che con il suo clima mite, la sua offerta di arte, storia e cultura, è il luogo ideale per trascorrere una vacanza in inverno. Ulteriori informazioni su www.siracusadinverno.it

rom January to March 2012 Siracusa Tourism, in collaboration with Wind Jet, will activate and support a series of initiatives to promote tourism development and enhancement of the Siracusa area. Siracusa Tourism is a consortium founded on the initiative of the Chamber of Commerce of Siracusa and made up of associations in this category. The objective of the initiative is to highlight the natural beauty and Aretusea archaeology of the area, focusing on the quality of accommodation and the convenience and simplicity of connections with Siracusa. Siracusa, with its mild climate, its range of artistic, historical and cultural interests, is the ideal place to spend a winter vacation. For further informations visit: www.siracusadinverno.it


CHECK-OUT 41

10/11

Educational Tour a Berlino per il turismo scolastico

School Educational Tour to Berlin

Si è svolto a Berlino dal 17 al 20 novembre 2011 un Educational Tour organizzato dai Tour Operator Romano Viaggi di Catania e Giaguaro di Palermo in partnership con Wind Jet. L’evento, che ha visto la partecipazione di 90 dirigenti scolastici provenienti da tutta la Sicilia, è stato occasione per visitare la storica capitale tedesca, nonché un’opportunità importante per presentare le nuove destinazioni in programmazione per il 2012 rivolte al Turismo Scolastico. Un esempio di collaborazione proficua tra imprenditori Siciliani di eccellenza disposti ad investire per supportare e rilanciare il settore turismo nel mondo della scuola. I due tour operators gestiscono un flusso complessivo di circa 45.000 studenti l’anno.

An Educational Tour organized by the Tour Operators Roman Travel Agents, Catania and GiaguaroTravel Agents, Palermo in partnership with Wind Jet was held in Berlin from November 17 to 20, 2011. The event, which saw the participation of 90 school executives from across Sicily, was an opportunity to visit the historic German capital as well as an important opportunity to showcase the new destinations for the 2012 program, aimed at School Tourism. An great example of successful cooperation between Sicilians entrepreneurs par excellence who ae willing to invest, to support and to revitalize the tourism sector in schools. The two tour operators handle approx. 45,000 students a year.

AVIS autonoleggio

Avis Car rental

Avis offre ai passeggeri Wind Jet speciali sconti per il noleggio auto in Italia e all’estero con tariffe a chilometraggio illimitato. Consulta il sito Wind Jet e scopri le migliori offerte Avis sempre aggiornate. Che aspetti...il fly&drive non è mai stato così conveniente!

Avis offers special discounts to Windjet passengers for car rental rates in Italy and abroad with unlimited mileage. See the Wind Jet website and find the best up-to-date deals from Avis. What are you waiting for? ... fly &drive has never been so convenient!


12

Agenda degli Eventi Calendar of Events, Concerts, & Exhibitions

concerti di dicembre÷concerts in december 10-11 DICEMBRE/DECEMBER 2011

16 DICEMBRE/DECEMBER 2011

DRED HOT CHILI PEPPERS

DVERDENA + BUGO

Roma, Atlantico Live

Finalmente arriva anche in Italia con le due date di Torino e Milano l’atteso tour dei Red Hot Chili Peppers che portano sui palchi, oltre alle vecchie hit, l’ultimo album uscito a fine agosto “I’m with you”. Finally, the long awaited tour has arrived in Italy with two dates in Turin and Milan, show-casing all their old hits plus their latest album “I’m with you” released in August.

10/12 Torino, Isozaky 11/12 Milano, Assago

18 DICEMBRE/DECEMBER 2011

22 DICEMBRE/DECEMBER 2011 DUOCHI TOKI

Preparatevi a farvi travolgere dal flusso di parole in libertà degli unici veri interpreti del “rap futuristico” italiano. Prepare to be blown away by the flow of words from the only real Italian interpreters of “futuristic rap”.

DBUD SPENCER BLUES

Torino, Blah-blah

EXPLOSION Corallo di Scandiano (RE)

16 DICEMBRE/DECEMBER 2011 DTHE MOONS Milano, Lo-fi

concerti di gennaio÷concerts in january 4 GENNAIO/JANUARY 2012

6 GENNAIO/JANUARY 2012

7 GENNAIO/JANUARY 2012

D...A TOYS ORCHESTRA

DTHE PEAWEES

DTOUGH

Un tour (il 6 saranno a Catania) a base di pop, rock n’ blues e psichedelia di lotta per festeggiare i 15 anni di attività della band indie-pop italiana. Pop, rock n’ blues, and psychedelic sounds are the music bases for this Italian indie-pop band whose tour celebrates 15 years in the business.

Palermo, Candelai

Stavolta la band ligure porta sul palco una godibilissima miscela di attitudine punk applicata allo stile soul e r’n b’. This time the band brings on stage a glorious mixture of punk applied to Soul, and R n’B.

Riva del Garda (TN), Lochness

L’atteso ritorno in scena dell’irresistibile sound della band pop-punk siculopiacentina. The long awaited return for the irresistible pop-punk sound of this band.

Parma, Onirica


CHECK-OUT 41

concerti di gennaio÷concerts in january 12 GENNAIO/JANUARY 2012

30 GENNAIO/JANUARY 2012

31 GENNAIO/JANUARY 2012

DMARRACASH

DBLACK KEYS

DARTIC MONKEYS

Milano, Alcatraz

23 GENNAIO/JANUARY 2012 DFAR EAST MOVEMENT

Milano, Magazzini Generali

26 GENNAIO/JANUARY 2012 DLAURYN HILL

Berlino, Tempodrom

Il gruppo composto da Daniel Auerbach e Patrick Carney, e che vanta fra i suoi fans Thom Yorke, Robert Plant e ZZ TOP torna in Italia per un’unica, imperdibile data. Returning for a one date “not to be missed” gig are Daniel Auerbach and Patrick Carney, who can boast of having Thom Yorke, Robert Plant and ZZ Top among their fans.

Imperdibile la tappa parigina della tournée del gruppo che ha sottratto il primato del brit pop agli Oasis. For the band who replaced Oasis in the Brit pop scene, this Parisian stop-over is a must-see!

Parigi, Casino de Paris

Milano, Alcatraz

mostre÷shows and exhibitions

FINO AL/UNTIL 12 FEB/FEB 2012 DDA BACON AI BEATLES NUOVE

FINO AL/UNTIL 23 DIC/DEC 2011

FINO AL/UNTIL 18 MAR/MAR 2012

DTANCREDI: NATURA E SPAZIO

DSALVADOR DALÌ - THE DALÌ UNIVERSE

Milano , Matteo Lampertico Arte

FINO AL/UNTIL 23 DIC/DEC 2011 DKEITH HARING - IL MURALE DI MILWAUKEE”

L’iconografia di keith haring è esemplificativa di un vocabolario d’immagini che celebra la vita. Keith Haring’s iconographical examples of an immaginary vocabulary which celebrates life.

Mostra interamente dedicata al maestro del surrealismo, con più di 100 capolavori che hanno fatto del maestro catalano uno dei piu’ grandi geni artistici del xx secolo. An exhibitation entirely dedicated to the master of the surreal, with more than 100 works from one of the 20th century’s greatest artist.

Venezia, Museo Sant’Apollonia

IMMAGINI IN EUROPA NEGLI ANNI DEL ROCK

In bilico tra pop art e informale per rievocare la magica atmosfera di fermento culturale che segnò gli anni sessanta. Balance between pop art and abstract expressionism to relive the magical cultural atmosphere which were the 70s.

Milano, Piazza del Duomo 12

FINO AL/UNTIL 19 FEB/FEB 2012 DZORAN MUSIC - SE QUESTO È UN UOMO

Settanta opere ripercorrono la carriera di uno dei maestri del novecento, i cui lavori hanno caratterizzato il panorama creativo italiano e internazionale. 70 works covering the career of one of the 20th century’s masters and which characterized both the Italian and international creative scene.

Chieti, Museo Archeologico

FINO AL/UNTIL 26 FEB/FEB 2012 DAVANGUARDIA RUSSA.

ESPERIENZE DI UN MONDO NUOVO

Uno sguardo inedito ad uno dei più importanti movimenti artistici del secolo scorso. An inedited look at one of the most important artistic movements from the last century.

Torino, Castello di Rivoli

Legnano (MI), Palazzo Da Perego


CHECK-OUT 41

fiere & rassegne÷fairs 20-22 GENNAIO/JANUARY 2012 DMOTORBIKE EXPO La piu’ grande Fiera Italiana dedicata alle moto speciali, alle custom ed agli accessori. The biggest Italian fair dedicated to special engines, customised bikes and accessories .

Milano, Fiera Milano

26-29 GENNAIO/JANUARY 2012 DMACEF - INTERNATIONAL HOME SHOW

Per l’appuntamento semestrale con Macef si prevedono anche quest’anno i successi già raggiunti nelle precedenti edizioni, che hanno fatto dell’evento un’occasione di riferimento per i mercati nazionali ed internazionali dei complementi d’arredo e dell’oggettistica per la casa. The twice yearly appointment with Macef predicts the sucess of past editions which has made Macef a national and international reference point for interior design.

Milano, Fiera di Milano

20-29 GENNAIO/JANUARY 2012 DINTERNATIONALE GRÜNE WOCHE L’evento dedicato interamente ad alimentazione, agricoltura e orticoltura che nel 2012 festeggia il 77esimo anniversario. Tra le novità, la vendita diretta dai produttori ai consumatori. An event entirely dedicated to food, agriculture and horticulture which celebrates its 77th anniversary in 2012. Products will be available from the producers directly to the public0.

Berlino, Messeglände Berlin


CHECK-OUT 41

14/15

Ironia digitale La realtà come tu la vuoi a solo 25 anni il giovane

ne” nella Piazza Sergels Torg di Stoccolma,

paio d’anni ha iniziato a

stesso anche perché, come ricorda Erik, il

fotomanipolatore svedese Erik Johansson che da un

stupire il mondo grazie alla

particolare capacità di elaborare immagini e che

in breve è divenuto uno fra i photoshop artist più amati dalla rete.

Da un rapido sguardo al suo lavoro emerge subito uno spirito da tardo surrealista digitale, di quelli

che hanno ben chiaro come l’intellettualizzazione alienante di un’immagine iperrealistica possa

giocare un ruolo fondamentale nel processo di at-

tribuzione di significati diversi da quelli originari da parte di chi guarda.

Tale processo infatti non è separabile dalla rifles-

sione etica, estetica e funzionale sulla stessa realtà rappresentata e poiché ciascuno di noi esprime questi giudizi di valore sulla base delle proprie credenze ed esperienze, paradossalmente più

l’immagine è realistica, più saranno i significati che possono esserle attribuiti da parte di chi la vede. L’opera di Johansson, che oltre al digitale comprende anche la realizzazione di illusioni

ottiche a grandezza naturale (come la “voragi-

in Svezia), tutto vuol essere tranne che un virtuosismo da tavoletta grafica fine a se

realismo puro non esiste neanche alla massima risoluzione possibile. L’uomo, quando

rappresenta la realtà, la mischia sempre ad un po’ di sé stesso.

Non a caso spesso le sue opere sono autobiografiche, lavori in cui ci consegna sé stesso come colui che “smantella” letteralmente

una strada, o che si stira addosso dei vestiti; oppure, fresco come della verdura appena

acquistata al supermercato, come colui che ci mostra il “ta-

glio” della sua personalità versata

anche in disegno architettonico,

in classicismo, in

puro surrealismo

Digital Irony Reality like you want it

storico, come la

In the past couple of years, the 25 year old Swedish photo

che ci sia.

most admired photoshop artist on the net.

cosa più spontanea e più complicata

manipulator, Erik Johansson, has impressed the world with his particular ability to process images and has became one of the


16/17

CHECK-OUT 41

A quick look at his work shows a late

surrealist digital spirit which clearly understands how the intellectual

alienating of a hyper-realistic image can

play a key role in the process of conveying a different meaning to that of the original one for the observer.

This process is not separable from

the ethical, aesthetic and functional

reflection represented by the same reality and since each of us expresses these

valid judgments on the basis of our own

beliefs and experiences paradoxically, the more realistic the image is the greater

the meaning can be awarded to it by the observer.

Johansson’s work, in addition to

his digital work, also includes the

development of life-size optical illusions (like the “chasm” in Sergels Torg

square in Stockholm, Sweden) which

inspire to be anything but graphic desk virtuosity because, as Erik points out,

pure realism does not exist even at the

highest resolution possible. Man, when

representing reality, always includes a bit of himself.

It is therefore no coincidence that his

work is often autobiographical in which he protrays himself as one who literally “dismantles” the road, or irons the

clothes while wearing them, or fresh

like vegetables bought at the grocers, like one who also shows the “cut” of

his personality in architectural design, in classicism, or in pure historical

surrealism, as the most spontaneous and most complicated thing there could be.


18

Presi nella rete

Fishing the Net

I PIRATI SPAGNOLI AMICI DEL MERCATO

Demolita una delle tesi più abusate dall’industria: impossibile quantificare un mancato guadagno visto che gli sharers non comprerebbero comunque materiale originale È una vecchia storia figlia dell’economia a somma zero quella secondo cui la circolazione di contenuti pirata comporterebbe perdite economiche in termini di mancate vendite. Ma dove sta scritto che chi scarica un mp3 dalla rete, se non disponesse della tecnologia che gli consente di farlo, lo acquisterebbe nei circuiti legali? Questo è il dubbio sollevato da un giudice di Logroño, città della comunità autonoma di La Rioja. Come si fa a monetizzare i presunti danni economici subiti dall’industria per un fatto che semplicemente non è avvenuto? Si può, infatti, parlare di una perdita qualora il possessore di un determinato bene lo dovesse cedere contro la sua volontà, ma se quel bene non viene di fatto ceduto come si dimostra la perdita? Secondo il giudice iberico, chi scarica materiale dalla rete decide già prima di non acquistare materiale originale. E ciò per svariati motivi, uno tra dei quali, la volontà di verificare anticipatamente la qualità dei contenuti (il che smentirebbe il fatto che i “pirati” siano nient’altro che beceri mercificatori di cultura). Ma la cosa che più ha destato scalpore tra le argomentazioni del magistrato iberico è stato l’aver affermato come, semmai, la distribuzione di materiale pirata favorisca il mercato legale dal momento che consumatore potrebbe acquistare un contenuto dopo averlo provato gratuitamente in rete. Apriti cielo. A dire il vero la corte di Logroño non fa che affermare cioè che la stessa comunità di sharers sostiene da tempo e che l’ex manager di EMI Douglas Merrill ebbe infine a riconoscere: gli utenti del P2P sono in realtà abituali acquirenti sui circuiti legali.

LA PASSWORD DELL’AMORE

SPANISH PIRATES MARKET FRIENDS One of the most abused thesisby the industry is demolished. To quantify the loss of earnings is impossible since the sharers would not buy the original material It’s the old story of the zero-sum economy where the circulation of pirated contents would result in economic losses, in terms of lost sales. But where is it written that people who download an mp3 from the net, would acquire it through legal channels? This is the doubt raised by a court in Logroño, a city in the community of La Rioja. How do you monetize the alleged economic harm suffered by the industry for something that simply did not happen? You could speak of a loss if the holder of a particular item was forced to give it away against their will, but if the asset is not, in reality, sold how can the loss be demonstrated? According to the Iberian judge, people who download material from the network have already decided not to purchase the original material. And so for several reasons, one of which is the willingness to first verify the quality of content (which belies the fact that “pirates” are nothing but vulgar commodificators of culture). But the thing that has caused the greatest sensation was the argument by the judge that. if anything, the distribution of pirated material favoured the legal market since the consumer could then purchase the content after trying it for free on the net. And the skies opened up! The truth is that the court of Logroño has only confirmed what the sharers’ community has long sustained and for which former EMI manager, Douglas Merrill, had to finally acknowledge: P2P users are actually regular buyers on legal channels.

Coppia americana obbligata a consegnare le password personali per l’accesso a Facebook. Nella causa di divorzio si rivelerebbero cruciali per comprendere i dettagli del rapporto Che i social network fossero diventati fondamentali nelle cause legali per acquisire dati su un indagato è cosa nota, che potessero rivelare informazioni indispensabili per decifrare i termine di una relazione fra due persone è però cosa del tutto nuova. Eppure, Stephen e Courtney Gallion, sono stati entrambi costretti a consegnare all’aula che stava valutando la propria causa di divorzio le password d’accesso ad alcune piattaforme online. Secondo il giudice, le credenziali d’accesso saranno utili nella causa di divorzio intentata dalla coppia al fine di decidere al meglio sulla custodia dei due figli.


CHECK-OUT 41

Stephen Gallion aveva infatti accusato la moglie di svariati “crimini matrimoniali”, come ad esempio una scarsa attitudine alla cura della famiglia e della casa. Sospetti maturati proprio attraverso Facebook, il cui accesso avveniva attraverso un computer condiviso dalla stessa coppia. Il giudice ha quindi stabilito che su Facebook possono essere contenute rivelazioni fondamentali sull’umore e le intenzioni della donna. Il giudice ha poi obbligato i due a non depistare le indagini postando messaggi fasulli che fingono di essere l’altro.

L’OCCHIO DELLA CIA SUI SOCIAL NETWORK

All’Open Source Center si passerebbero ore a monitorare milioni di cinguettii su Twitter e messaggi su Facebook. Il tutto per tastare il polso a popoli e governi, in previsione di rivolte politiche Un gruppo di analisti della CIA all’opera in gran segreto in una tranquilla cittadina del Nord della Virginia passerebbe ore davanti ai computer per svolgere operazioni di tracciamento su larga scala di quelle che sono ormai le più popolate piattaforme sociali del web. Questi vendicativi bibliotecari, come sono stati definiti, sarebbero stati assoldati dalle stesse autorità di Washington con il preciso scopo di passare intere giornate a monitorare milioni di cinguettii su Twitter, controllando con estrema attenzione gli aggiornamenti e le discussioni sul gigantesco social network Facebook. Ma la task force non avrebbe preso di mira solo i più vasti social network, bensì anche fonti di informazione non istituzionale come blog, chat, forum etc. Il tutto per comprendere gli andamenti della politica internazionale, per tastare il polso dei popoli e nel caso prevedere rivolte o rovesciamenti di governi (ovviamente governi amici, quelli antipatici possono pure capitolare). È lo stesso Presidente Barack Obama a ricevere aggiornamenti continui dal grande occhio puntato sulla Rete.

THE PASSWORD OF LOVE An American couple are forced to hand over their Facebook access passwords. In a divorce caes, this would prove crucial to understanding the details of thire relationship That social networks have become fundamental to collecting data on a suspect in lawsuits is well known, but that it could reveal information needed to decipher the end of a relationship between two people is, however, something completely new. Yet Stephen and Courtney Gallion were both forced to hand over to the divorce court their passwords to certain online platforms. According to the judge, the access credentials would be useful in the divorce case filed by the couple in order to help make a better decision over the custody of their two children. Stephen Gallion had, in fact, accused his wife of several “matrimonial crimes”, such as a poor attitude towards the care of their home and family. These suspicions were published on Facebook, using a computer shared by the couple. The judge ruled that Facebook may contain revelations fundamental to establishing the moods and intentions of the woman. The judge also obliged the two not to interfer in the investigation, like pretending to be one another and post fake messages.

THE CIA KEEPING AN EYE ON SOCIAL NETWORKS At the Open Source Centre, hours are spent monitoring millions of tweets on Twitter and messages on Facebook. All this in order to “test the water” of people and governments and anticipate political revolts A group of CIA analysts are working in great secret in a quiet town in northern Virginia, spending hours in front of their computers on large scale tracking operations of what are now the most populated social web platforms. These so called vengeful librarians have been hired by the Washington authorities with the express purpose of spending the entire day monitoring millions of tweets on Twitter and carefully checking for updates and discussions on the social networking giant, Facebook. But this task force not only targets the largest social network, but also non-institutional sources of information such as blogs, chat, forum, etc. This is to understand the trends of international politics, to “test the water” and if needed, foresee possible riots or attempts to overthrow governments (friendly governments obviously; non-friendly ones can fall). And it is President Barack Obama himself who receives continuous updates from the “Big Eye” focused on the Net.


20/21

CHECK-OUT 41

Un’anziana venditrice indossa il tipico copricapo della propria tribÚ. Laos settentrionale, villaggio di una popolazione di etnia Hakka. An old woman wearing the traditional headgear of her tribe. Northern Laos, a village of the ethnic Hakka people.


Eleonora Pappalardo Ph. Simone Bianco

Mekong Un fiume di storia A river of history

Il

Il dodicesimo fiume del mondo nasce sugli altipiani del Tibet per sfociare nel Mar della Cina. Il Mekong si snoda nel suo lungo tragitto lambendo diverse culture e attraversando ben sei nazioni (Laos, Cambogia, Birmania, Tailandia, Cina e Vietnam), di ognuna delle quali costituisce fondamentale parte integrante. Nel suo percorso di oltre 4.180 km, il Lancangjiang o “Fiume Turbolento” (così lo chiamano nella Provincia di Yuannan) disegna e definisce confini nazionali. Ma quelli dell’Indocina sono confini spesso non netti, difficili da delineare, tra paludi, lagune, isole e acquitrini. Confini incerti tra popoli millenari, i cui gesti e le cui abitudini si tramandano da nonno a nipote in una rete di esperienze consolidate, le cui maglie esistono solo in relazione le une alle altre. Questi popoli vivono in eterna simbiosi col fiume traendo da esso cibo, acqua, e tutto ciò che costituisce la base fondante della loro economia. Per i viaggiatori di ieri e di oggi il Mekong si offre come il percorso predefinito per esplorare realtà policrome e multiformi, paesaggi disegnati sulla carta di riso e culture le cui origini si perdono nel tempo. Le sue correnti conducono in un viaggio nella difficile storia dei popoli del sud-est asiatico, dove la vita quotidiana fatta di risaie, case galleggianti e paludi si mescola con disarmante naturalezza alle meraviglie dei paesaggi e alla complessità di un’arte e di un’architettura tanto lontane per concezione ed estetica da quelle occidentali. Nella regione del Laos, il Mekong si snoda spesso impetuoso attraverso lussureggianti foreste, lambendo l’antica capitale spirituale Luang Prabang e la nuova, Vientiane, e divenendo l’unico mezzo di trasporto per la popolazione ed i suoi prodotti.

The twelfth longest river in the world rises in the highlands of Tibet and flows into the South China Sea. The Mekong’s long journey meanders through six different cultures and countries (Laos, Cambodia, Burma, Thailand, China and Vietnam), each of which constitutes the essential part of it. On its journey of over 4,180km, the Lancangjiang or “turbulent river” (as it’s called in the Yuannan Province) defines and designs national borders. But the banks of the Indochina is often not so easily defined because of its swamps, lagoons, islands and marshes. Uncertain boundaries between peoples thousands of years, whose actions and traditions are passed down from grandfather to grandson. These people live in eternal harmony with the river, drawing from it food, water, and everything that makes up the foundation of their economy. The Mekong River has offered travellers of yesteryear and today, locations for exploring multicoloured, multiform realities, with landscapes designed on rice paper and cultures whose origins have been lost in time. Its currents lead you on a journey through the turbulent history of the peoples of Southeast Asia, whose daily lives consist of rice paddies, houseboats and swamps inter-mixed with a disarming naturalness with the wonderful landscape and the complexity of art, architectural design and aesthetics for so distant from that of the West. In the region of Laos, the Mekong River rushes through lush forests, passing both the ancient spiritual capital of Luang Prabang and the new one, Vientiane, becoming the only means of transport for its population and their products.


22/23

CHECK-OUT 41

A chi si addentra in questa regione si offre, stagliandosi nella ricca vegetazione, lo scenario mozzafiato di oltre quaranta templi coperti dai caratteristici tetti spioventi a pagoda, con porte intarsiate in oro e splendide statue di Buddha. I monaci se ne prendono cura, coprendole con le tipiche stoffe rosso/arancio e venerandole col medesimo rispetto che a loro stessi è rivolto dalla popolazione. Delle statue del Buddha, in particolare, le poco distanti grotte di Pak Ou ospitano migliaia di esemplari. Si narra che nel XVI sec., il re Setthatirath volle proteggere la sua personale e ricchissima collezione dall’incombente invasione birmana, affidandola così al ventre della terra di questa regione. Già nella barca che conduce alla zona delle grotte si resta spiazzati alla vista dell’imponente parete di roccia verticale dove è ricavata l’apertura principale; si scorge subito la bianca scalinata in pietra in cima alla quale, sul parapetto, sono posate le prime delle innumerevoli statue conservate all’interno. Nella migliore tradizione dell’arte buddhista, gli occhi amigdaloidi dai contorni netti, il sorriso cristallizzato e riproposto uguale a se stesso su ogni esemplare, la superficie levigata del volto e il contrasto con la chioma riccia e chiaroscurale caratterizzano ogni singolo pezzo.

Il Buddha è presente nell’ombra e nella leggera nebbia dell’interno delle grotte, una, cento e mille volte, protetto dalla roccia e immerso in un’atmosfera mistica e silenziosa.

Whoever enters this region is offered the breathtaking scenery, protruding through the lush vegetation, of more than forty temples covered with the characteristic pagoda roofs, doors inlaid with gold, and beautiful statues of Buddha. The monks, who look after them, are dressed in the typical red/orange swaddling cloth and are venerated with the same respect that they bestow on the population. Regarding the statues of the Buddha, in the not too distant Pak Ou caves, you will find the home to thousands of specimens. It is said that in the sixteenth century, King Setthatirath wanted to protect his personal, rich collection from the impending invasion of Burma, and so entrusted it to the belly of the earth in this region. While in the boat leading to the caves, you will be awed by the sight of the impressive vertical rock cliff where the main opening is. Here, you are faced with a white stone staircase and at its top, on the parapet, are positioned the first of countless statues kept there. In the best tradition of Buddhist art, the almond-shaped eyes and the crystallized smile are reproduced exactly on each piece with the smooth surface of the face and the contrasting dark curly hair characterizing each individual piece.

Buddha among the shadows and light fog in the interior of the caves, one, a hundred and a thousand times, protected by the rocks and immersed in a mystical silence.

Sull’uscio di casa per una breve pausa tra una faccenda e l’altra.

At the doorway of the house for a short break between one task and another.

Così, da secoli. Don Det, una delle isole del Mekong nella parte meridionale del Laos, in prossimità del confine con la Cambogia.

So, for centuriesDon Det, one of the islands of the Mekong in southern Laos, near the border with Cambodia.

Questua del monaci. Alle 6 di ogni mattina i bonzi dei diversi monasteri della città percorrono le vie raccogliendo le offerte della popolazione. Fra le rinunce alle quali i monaci non possono derogare c’è anche quella di non potere svolgere alcuna professione, dipendendo quindi dalla generosità dei credenti. Luang Prabang.

Begging monks. At 6 o’clock every morning the monks of various monasteries in the city walk through the streets collecting offerings of the population. Among the sacrifices which the monks may not derogate is that they cannot engage in any profession, so they depend totally on the generosity of the believers. Luang Prabang.


24/25

CHECK-OUT 41

Sono svariati i villaggi che costellano la regione del Laos. Malgrado le diverse etnie, le abitudini e la vita quotidiana non differiscono tra loro in modo sostanziale: le donne si recano quotidianamente presso la riva e prendere l’acqua per cucinare; alcune indossano il tradizionale copricapo Hakka, dalle vivide cromie, in armonia col rosso/ arancio, colore sacro dell’Asia. Quando il fiume abbandona il Laos e penetra in Cambogia, attraverso vortici e cateratte (le Khone Falls) da vita ad uno dei luoghi più sorprendenti della regione, soprattutto nel punto in cui le acque si placano e si allargano a dismisura, parte integrante del nuovo paesaggio. La Cambogia è una monumentale pianura acquatica, che indossa un abito di risaie e di foreste umide di vapori, ma anche di orti, pagode e templi con profili di draghi e di dei, incarnazioni del Buddha onnipresente. Una vaga nebbiolina fumosa rende ovattata la visione delle sponde e stimola l’immaginazione su ciò che si cela all’interno. La morfologia delle coste muta continuamente, alberi e pareti rocciose si susseguono formando un onirico paesaggio di quinte cinesi. La capitale, Phnom Penh, è un centro in evidente crescita. A differenza che nel Laos, qui è possibile trovare qualche grande magazzino e ricchi mercati. Vi si trova una delle testimonianze tangibili della sofferenza che il regime degli Khmer Rossi inflisse alla popolazione cambogiana: Choeung Ek, un ex campo di sterminio, si trova a circa 15 km dalla capitale. Un museo ed un memoriale offrono al visitatore l’agghiacciante testimonianza dell’immane massacro perpetrato dal regime. In particolare, il centro S-21, il luogo in cui i prigionieri venivano interrogati e torturati prima di essere deportati al Choeung Ek. Ma la Cambogia è anche Angkor. A pochi chilometri dalla moderna città di Siem Reap, fu capitale dell’impero Khmer per più di cinque secoli.

There are several villages that dot the region of Laos. Although there are many different ethnic groups, customs and daily life do not differ much: every day, women go to the shore and get water for cooking, some wearing the traditional Hakka headgear whose vivid colours are in harmony with the sacred red/orange colour of Asia. When the river leaves Laos and enters Cambodia through whirlpools and waterfalls (the Khone Falls), it gives rise to one of the most striking locations in the region, especially at the point where the waters subside and dramatically widen to form the new the landscape. Cambodia is a monumental water plane, dressed in rice fields and humid forests, but also gardens, pagodas and temples with profiles of dragons, gods, and incarnations of the omnipresent Buddha. A smoky haze shrouds the river banks and stimulates the imagination of what may lie inside. The morphology of the coastline is constantly changing: trees and rock faces form a dreamlike landscape of a Chinese stage. The capital, Phnom Penh, is in obvious growth. Unlike Laos, here you can find large department stores and markets. Here too, is the tangible evidence of the suffering inflicted by the Khmer Rouge regime on the Cambodian people: Choeung Ek, a former death camp, located about 15 km from the capital. A museum and memorial centre offers visitors the chilling testimony of the terrible massacre perpetrated by the regime. Of note is the S-21centre, the place where prisoners were interrogated and tortured before being deported to Choeung Ek. But Cambodia is also Angkor. Located a few kilometers from the modern town of Siem Reap, it was the capital of the Khmer empire for more than five centuries. Its ruins extend over a vast area, making it impossible to visit it all.

Immersi nello studio. Luang Prabang.

Immersed in studies. Luang Prabang.

Wat Si Saket, il più antico ed importante tempio di Vientiane.

Wat Si Saket, the oldest and most important temple in Vientiane.

Con tutto il necessario per recarsi al fiume. Laos settentrionale, villaggio di una popolazione di etnia Hakka.

With everything you need to go to the river. Northern Laos, a village of the ethnic Hakka people.

La signora del gatti.

The cat lady.

Al riparo dal sole.

Sheltering from the sun.


26/27

CHECK-OUT 41

I suoi resti si estendono per una superficie vastissima, tanto da renderne impossibile la visita completa. Le rovine dell’antico centro si sono letteralmente fuse col paesaggio circostante, divenendo esse stesse sostegno di alberi e mangrovie, habitat di muschi e piccola vegetazione. Le architetture sacre sono le uniche rimaste, poiché quelle secolari, compresi gli edifici reali, erano costruite in legno. I Templi, più di cento, sono essi stessi monumentali sculture. Osservando gli edifici di Angkor sembra che nulla nei progetti fosse lasciato al caso. Le sculture a bassorilievo e quelle più aggettanti, quasi a tuttotondo, sposano le forme e le dimensioni delle pareti, secondo logiche strutturali simili a quelle alla base della tessitura dei tappeti: supporto e decorazione sono concepiti e crescono insieme, imprescindibili l’uno dall’altra. Su alcune pareti si affollano figure femminili seminude, dalle forme generose e dai sorrisi accattivanti, su altre, invece, campeggiano immagini singole, volti dalle espressioni fisse e dal significato apotropaico. Ankor Wat è il maggiore dei complessi templari, simbolo della grandiosità della dinastia Khmer e massima espressione della sua concezione artistica . Qui, come in altri edifici, il confine tra l’elemento architettonico e l’opera scultorea è evanescente.

The ruins of the ancient centre are literally fused with the surrounding landscape, becoming supports for trees and mangroves, mosses and vegetation. The sacred temple buildings only remain as all other buildings, including the royal buildings, had been built of wood. The Temples (more than a hundred) are themselves monumental sculptures. Observing the buildings of Angkor, it seems that nothing was left to chance. The bas-relief and the most protruding sculptures combine shapes and wall dimentions according to a logical structure similar to those weaved into a carpet: support and decoration are conceived and grow together, binding one to the other. Some walls are crowded with seminude female figures with generous shapes and appealing smiles while on others, are individual images with fixed, apotropaic expressions. Ankor Wat is the biggest temple complex, the symbol of the grandeur of the Khmer dynasty and the maximum expression of its artistic conception (14). Here, as in other buildings, the boundary between architectural elements and the sculptural work is elusive.

Tempio Phinemakas. Angkor.

Phinemakas Temple. Angkor.


L’albero di Tomb Raider. Tempio Ta Phrohm, Angkor.

The Tomb Raider tree. Ta Phrohm Temple, Angkor.

Cumuli di orrore. Ossario del Memoriale delle vittime dello sterminio del regime degli Khmer Rossi. Choeung Ek Memorial, Phnom Penh.

Memorial Heap of Ossuary horror of the victims of the Khmer Rouge regime. Choeung Ek Memorial, Phnom Penh.

Statua di Buddha all’interno del tempio Baphuon. Angkor.

Buddha statue inside the Baphuon Temple. Angkor.

Interno del famigerato S-21, l’ex scuola diventata centro di tortura sotto il regime degli Khmer Rossi.

Inside the notorious S-21, the former school became the torture centre under the regime of the Khmer Rouge.


28/29

CHECK-OUT 41

La pietra è impiegata indistintamente per assolvere la funzione strutturale e quella ornamentale. Il connubio raggiunge livelli di equilibrio e perfezione assoluti. In Vietnam, sul finire della sua corsa, il Mekong diventa Cuu Long, “Nove Draghi” originando una serie di fiumi minori che danno forma al Delta, prima che esso incontri le acque tropicali del Mare Cinese del Sud. Non esiste una regione preferenziale dalla quale osservare il Mekong. Esso è sempre parte del paesaggio che attraversa. Per i milioni di individui che da sempre vivono presso le acque del Mae Nam Khong (Fiume Madre), dalle quali dipendono intimamente, il grande fiume rappresenta la vita. Barche di svariate forme e dimensioni sono in realtà case galleggianti che spesso ospitano famiglie molto numerose. Il Mekong è soprattutto storia. È l’ultimo testimone silenzioso della fine della grande dinastia cambogiana di Angkor, delle recenti guerre combattute in cielo, dei massacri operati dagli Khmer Rossi, dello sfruttamento di una popolazione sempre troppo debole e troppo vittima di logiche molto lontane dalle proprie tradizioni. Se si è disposti a lasciarsi guidare dal suo corso, il fiume accompagna in un viaggio in cui passato e presente si mescolano fino a confondersi, fino a far perdere la percezione dei confini tra natura e civiltà, tra terreno e divino, tra realtà e sogno. Nel viaggio, a volte, i “figli” del Mekong sembrano fondersi col paesaggio, macchioline colorate in movimento, sfocate, indistinte sullo sfondo di un territorio lussureggiante, caldo e saturo di umidità. Poi, però, si guarda meglio; i contorni diventano netti, emergono i vividi colori della stoffa e della pelle. Le macchioline diventano individui, tanti, tutti diversi. È il popolo del Mekong, dell’Indocina. Ognuno una storia, una tradizione, un fardello di ricordi.

The stone is used interchangeably to act both structurally and ornamentally. This union reaches levels of absolute perfection and balance. In Vietnam, at the end of its course, the Mekong becomes Cuu Long, “Nine Dragons” giving rise to a series of smaller rivers which shape the Delta before encountering the tropical waters of the South China Sea. There is no preferential region from which to observe the Mekong. It is always part of the landscape it crosses. For the millions of people who live near the waters of the Mae Nam Khong (the Mother River),and on which they depend intimately, the great river represents life. Boats of various shapes and sizes are actually floating houses, often containing very large families. The Mekong represents above all history. It was the silent witness of the end of the last great Cambodian dynasty of Angkor, the recent wars fought in the sky, the massacres by the Khmer Rouge, and the exploitation of a ever weaken population, victims of a logic far removed from its own traditions. If you are willing to be guided by its course, the river will take you on a journey where the past and present are interwined, where the perception of boundaries between nature and civilization, land and the divine, reality and dreams are all lost. During the journey, its “children” seem to blend with the landscape of the Mekong, becoming coloured, blurry, indistinct moving dots on a background of a lush, and warm land, full of moisture. But then if you look closer, the contours become sharper, vivid colours of cloth and skin emerge. The dots become many individuals, all different. It is the people of the Mekong, of Indochina. Each of them a story, a tradition, a burden of memories.

La lune brillait d’un éclat extraordinaire, argentant la surface de cette charmante rivière, que bordent de hautes montagnes comme un immense et sombre rempart. Le cri des grillons troublait seul le calme et le silence dans lesquels mon petit cottage était plongé… Henri Mouhot, 1858-1861


Palazzo Reale. Phnom Penh.

Royal Palace. Phnom Penh.

Cullato dal fiume. Kratie.

Lulled by the river. Kratie.

Statua di Buddha all’interno del complesso di Angkor Wat. Angkor.

Buddha statue inside the complex of Angkor Wat. Angkor.

Meditazione al Tempio di Wat Bakong. Angkor

Meditation at the Wat Bakong Temple. Angkor


30

Product News

UGG Australia Sono dei veri e propri classici del casual i modelli della linea winter boots di UGG Australia, proposti nelle varianti hannen, chukka, capulin, classic moc e wabasha.

Motorola MOTOACTV

True casual classics, the UGG Australia winter boot models are proposed in variations of Hannen, Chukka, Capulin, Classic Moc and Wabasha.

L’interminabile guerra tra Android e iOS cambia campo di battaglia e si sposta sui lettori mp3. Con il nuovo dispositivo Motorola -che come il rivale può essere montato sul bracciale di un orologio -, infatti, il primato detenuto da iPod nano potrebbe avere i giorni contati.

nordstrom.com

The endless war between Android and iOS have change battlefields and move on to mp3 players. With the new Motorola device, like that of its opponent, can be mounted on the wristband of a watch: the record held by the iPod nano could soon be numbered.

motorola.com

Brembo Helmets

Filson Lined Goatskin Gloves Intramontabili i guanti da lavoro Filson Co., riproposti in morbidissima pelle di capretto nell’inconfondibile giallo e foderati in lana merino per assicurare il massimo del calore.

filson.com

Timeless work gloves from Filson Co., presented in soft kidskin in unmistakable yellow and lined with merino wool to ensure maximum warmth.

Proof Wood Sunglasses

Li realizza la nota azienda produttrice di freni e alcuni componenti provengono da Sabelt, altro famoso brand nel settore delle cinture di sicurezza nonché delle calzature per automobilismo. Una bella garanzia di affidabilità e comfort, che unita ad un design retrofuturistico ne fanno un prodotto decisamente interessante.

Realizzati in legno proveniente da coltivazioni sostenibili, gli occhiali Proof presentano silhouette piuttosto classiche e per questo intramontabili. Buona la qualità delle lenti ed interessante anche la politica di riciclaggio dei vecchi occhiali nonché il fatto che parte del costo viene devoluto in beneficenza.

Made by the well-known manufacturer of brake and some components from Sabelt, another famous brand in the field of safety belts and motoring footwear. A guarantee of reliability and comfort, combined with a retro-futuristic design makes it a very interesting product.

Made of wood from sustainable crops, Proof glasses have a rather classic and therefore timeless silhouette. Good quality lenses, an interesting policy of recycling old glasses and the fact that part of the cost is donated to charity.

brembohelmets.com

iwantproof.com


Maximum attention to detail for the Alan Devis custom fit, buttondown shirt. This sporty, over-check patterned garment is made of pure cotton with blue piping inserts inside the collar, contrasting buttons and double buttons on the wrist.


32/33

CHECK-OUT 41

Power Shave Collection By Art of Shaving Il pennello in pura setola di tasso è studiato affinché con il movimento della mano si creino delle oscillazioni in grado non solo di produrre una schiuma di giusta densità, ma anche di sollevare i peli in modo che il successivo passaggio con l’affilatissimo e bilanciato rasoio risulti estremamente facile ed efficace.

PUMA CELL FUSION 2 Golf Shoes Effettivamente era ora di finirla con quelle noiosissime (e, ammettiamolo, orrende) scarpe da golf.

The pure bristle brush is designed so that the movement of the hand can create not only foam of the right density, but also to lift the hairs so that the next step with a sharp and balanced razor is extremely easy and effective.

puma.com

TENDENCE Gulliver Square Watch

artofshaving.com

Con la sua forma poco ortodossa si distingue nettamente dai comuni orologi da polso a cassa circolare. Realizzato interamente in acciaio inossidabile e policarbonato, resiste all’acqua fino a 100 mt, ha funzioni di cronografo e datario e con le cifre in rilievo smaltate di arancione guadagna un look aggressivo e originale che, siamo certi, verrà apprezzato da molti maschietti.

tendencewatches.com

Outlier

Liberated Wool Peacoat

C’è una cosa che rende particolarmente detestabile l’inverno ed è il fatto che con i comuni giacconi e cappotti anche i movimenti più semplici sono fortemente limitati. Outlier Liberated Wool Peacoat supera il problema combinando tessuto in lana softshell all’esterno, membrana in poliuretano resistente a vento ed acqua nel mezzo, micropile all’interno e un taglio appositamente studiato per consentire il massimo della mobilità.

crabcycles.ch

It’s about time, too! The end to boring (and, admittedly, awful) golf shoes

One thing that makes winter particularly abhorrent is the fact that common jackets and coats severely limit even the simplest of movements. Outliers Liberated Wool Peacoat overcomes this problem by combining softshell wool fabric on the outside, a polyurethane wind and water resistant membrane in the middle, a microfleece on the inside and a specially designed cut to allow maximum mobility.

With its unorthodox shape, it’s very different from ordinary circular cased wristwatches. Made entirely of stainless steel and polycarbonate, it’s waterresistant to 100 metres, has a stopwatch and calendar functions with numbers in relief and an orange polish, earning it an aggressive and original look. To be appreciated by many wild boys.


Maratona di Palermo

Per... correre l’Arte

G

randi numeri per la XVII edizione della maratona internazionale di Palermo – Banco di Sicilia UniCredit , andata in scena il 20 novembre. Record d’iscritti per le manifestazioni competitive (1700 atleti tra maratona e mezza maratona), e piena soddisfazione per tutti i 3.500 partecipanti (1800 ragazzi hanno preso parte alla passeggiata non competitiva Sigma). Amatori provenienti da 35 Nazioni con un’unica voglia: a Palermo “per…correre l’Arte”, come recita il claim della manifestazione sostenuta anche quest’anno dal Banco di Sicilia UniCredit. “Siamo orgogliosi di avere portato splendidamente in porto una manifestazione comRoberto Bertola plessa, che cresce nei numeri e nelle ambiResponsabile di Territorio zioni, e che, grazie anche al clima, è riuscita a Area Sicilia di UniCredit regalare un week end eccezionale a migliaia di turisti – sostiene con orgoglio Salvatore Gebbia, presidente del comitato organizzatore - in una giornata baciata dal sole. Il pubblico, sempre più numeroso lungo il percorso, ha potuto ammirare i

campioni etiopi e keniani, ma anche tanti turisti del nord Europa, e di mezzo mondo, il sorriso dei bambini che corrono con i genitori, e per il Parlamento della Legalità, oltre alle splendide cartoline che la nostra città sa offrire. E se tutto è andato bene il merito è soprattutto dei nostri partner, la Regione Siciliana e il Banco di Sicilia UniCredit su tutti, e delle forze dell’ordine, che anche quest’anno sono state impeccabili nel garantire l’ordine e la viabilità”. “Sono contento che anche quest’anno è arrivato il momento di condividere una giornata di sport con gli amici della Maratona internazionale Città di Palermo. Il Banco di Sicilia UniCredit è già da quattro anni al fianco di questa manifestazione, che rappresenta una vetrina importante per Palermo e la Sicilia, dal punto di vista dell’immagine e dell’economia - ci spiega Roberto Bertola, Responsabile di Territorio Area Sicilia di UniCredit - Da sempre noi di UniCredit diciamo che essere al fianco di una grande competizione


CHECK-OUT 41

sportiva come la maratona rappresenta un modo per veicolare anche i nostri valori di equità, di onestà e di rispetto che costituiscono gli elementi distintivi del nostro modo di essere banca. Nello sport il percorso all’eccellenza porta a saper utilizzare le proprie capacità nel modo giusto, gestire lo stress, rispettare i ruoli e i meccanismi organizzativi, a misurare rapidamente i Vincenzo Alaimo risultati, come anche nel mondo del laResponsabile Marketing Maratona di Palermo voro. La maratona poi è oggi una disciplina sportiva che sentiamo vicina al nostro lavoro bancario perché sviluppa doti di grande resistenza così come di caparbietà nel conseguimento dei risultati; è poi uno sport “pulito” specie se raffrontato ad altre discipline segnate purtroppo dal fenomeno del doping o da stratosferici interessi economici (e voglio ricordare quanto il nostro Gruppo punti sui valori dell’etica e della integrità); in terzo luogo, è uno sport di massa, popolare, certamente economico che può essere vissuto individualmente o insieme con altri: uno sport che spesso porta le famiglie – i genitori con i figli – a vivere insieme un momento sereno di relax e di salute. DA TORINO A PALERMO, DUE GRANDI MARATONE UNICREDIT PER UN VIAGGIO AL CONTRARIO CHE CHIUDE LE CELEBRAZIONI DEL 150° ANNIVERSARIO DELL’UNITÀ D’ITALIA. “Mi fa piacere constatare la costante crescita della Maratona palermitana – ha detto Roberto Bertola, Responsabile di Territorio Area Sicilia di UniCredit - Sono piemontese, di Saluzzo, e ho imparato in questi anni ad apprezzare e amare questa città. Il mondo dello sport rappresenta per noi un insieme di valori positivi ed è caratterizzato da un potente spirito di fratellanza. E la maratona è un momento di aggregazione eccezionale. Crediamo nelle sponsorizzazioni di eventi legati ad azioni di sistema che possano contribuire a far crescere i flussi turistici in Sicilia, in altre parole a importare turismo. È dimostrato che il 30% delle persone che vengono in Sicilia per qualsiasi evento, poi tornano con le famiglie per godersi la vacanza. E questo crea economia”. UNA MARATONA CHE ANCHE QUEST’ANNO CONFERMA LE SUE ENORMI POTENZIALITÀ, METTENDO A SEGNO IL NUOVO RECORD DI ISCRITTI E GRANDE ATTENZIONE DALLA CITTADINANZA E DAI MEDIA. “Anno dopo anno la maratona ci permette di dare visibilità alle parti migliori che la nostra città sa offrire, frutto del lavoro profuso per un intero anno con l’obiettivo di migliorarci sempre – ha sottolineato Vincenzo Alaimo, responsabile marketing della maratona di

34/35

Palermo - Nella inimitabile cornice della nostra amata Palermo, gli atleti che sfilano lungo un percorso unico nel suo genere, rimangono sovente estasiati dall’ arte, la storia e la cultura che esso rappresenta, sempre più protagonista nella promozione del nostro Territorio. La manifestazione agonistica con i contenuti tecnici, la promozione della Salvatore Gebbia nostra città e della Sicilia tutta, lo spiriPresidente Comitato Organizzatore to di aggregazione ed i nobili valori che lo sport trasmette, sono gli ingredienti assai appetitosi che permettono alla Maratona di Palermo - Banco di Sicilia UniCredit quella crescita costante che l’ha caratterizzata nelle ultime stagioni.

Da sempre puntiamo sull’aspetto turistico della manifestazione, e proprio in quest’ambito quest’anno abbiamo lanciato interessanti convenzioni con PalermHotels, cooperativa Taxi Trinacria e CitySightseeing, in modo da offrire ai turisti una serie di servizi che rendano ancora più allettante una vacanza a Palermo nel periodo della maratona. Per questi motivi crediamo che la Maratona Città di Palermo Banco di Sicilia UniCredit anno dopo anno si conferma un importante vetrina per il territorio e un momento di crescita per la nostra città”.


CHECK-OUT 41

36

In Valigia

Suitcase Essentials

TOPO KLETTERSACK Spesso non c’è nessun bisogno di una borsa con una miriade di tasche e scomparti interni, basta una borsa che tenga la vostra roba al sicuro e all’asciutto. Una borsa come la Klettersack Topo realizzata in Cordura 1000D con uno scomparto interno rivestito interamente in tessuto, dotata di robuste cinghie e chiusura a coulisse interna.

There is often no need for a bag with a myriad of pockets and compartments, just one that keeps your things safe and dry. Like the Klettersack Topo bag made from 1000D Cordura for the exterior and coated pack cloth for an entirely lined inner compartment, with sturdy straps and inner drawstring closure. topodesigns.com

WHIPPING POST GUITAR BAGS Trasportate la vostra chitarra in una sacca degna del suo contenuto Carry your guitar in a bag worthy of its contents Whipping Post Guitar Bags sono realizzate in pelle e cucite a mano utilizzando spago marino che assicura durata e resistenza delle giunture. Un’imbottitura in schiuma ad alta densità protegge lo strumento dagli urti, e un’anima in acciaio inossidabile assicura che la sacca rimanga sempre in forma. Comode cinghie consentono di portarla a tracolla oppure a zaino. whippingpostleather.com

Whipping Post Guitar Bags are made of leather, and are hand sewn using marine rope for durability and joint strength. High-density foam padding protects the instrument from impacts, and a stainless steel hardware ensures that the bag stays in shape. Convenient straps allow you to carry it over your shoulder or as a backpack.

GRID-IT La griglia portatutto The Portable Travel Hammock Un intreccio di elastici per contenere gadget elettronici ed effetti personali saldamente in posizione. svpply.com

A weave of rubberized elastic bands to hold gadgets and personal objects firmly in place.

06 305X2 mm

WIRELESS MOBILE ROUTER 150N WL-361

Il router da viaggio Sta comodamente in una tasca e vi consente di avere una rete internet wireless a banda larga ovunque vi trovate. Ha una batteria ricaricabile integrata con la quale si può lavorare fino a un massimo di 6 ore senza la necessità di una presa! Se la connessione non è disponibile, è possibile collegare un modem 3G a una porta USB integrata.

The travel router Fits comfortably in your pocket and gives you wireless broadband internet wherever you are. It has a built-in rechargeable battery allowing you up to 6 hoursmax of work without the need for an outlet! If no connection is available, you can connect a 3G modem to a USB port. sitecom.com


CasaCrea: la casa evoluta e sostenibile

Risparmio di tempo e di denaro

120 giorni dal progetto alla conse-

gna, chiavi in mano, e nessun imprevisto di cantiere. In altre parole, tempi e costi certi, stabiliti una volta per tutte già in fase di progettazione. Ma anche e soprattutto risultati certi: CasaCrea® viene preassemblata e testata in azienda, prima di essere portata in cantiere. Risparmiare in costi di cantiere e manodopera, significa poter trasferire sulla CasaCrea® un conte-

Risparmio energetico nuto di tecnologia superiore, con l’utilizzo di materie prime e componenti di alta qualità che conferiscono alla casa prestazioni elevate, a cominciare dalla struttura portante, realizzata con pannelli di legno massiccio a strati incrociati X-LAM. In soli 23 cm di spessore, si ottengono prestazioni termiche e meccaniche che con l’edilizia convenzionale possono essere equiparate con oltre 50 cm di spessore e costi decisamente superiori.

Per essere evoluta e sostenibile, una casa deve consumare molto poco e dare molto di più. Il risparmio energetico ha un valore ambientale ma anche e soprattutto economico. Nel territorio catanese, abbiamo messo a confronto una CasaCrea® di 140 mq con un rustico di 160 mq ristrutturato nel 2001. Monitorando i costi per il riscaldamento durante tutta la stagione invernale 2010-2011, il risultato è stato il seguente:

CasaCrea® è un progetto chiavi in mano, in soli 120 giorni. Costo a mq: da 1.200 a 1.500 Euro (in base alle finiture scelte), progetto architettonico incluso.


Rustico di 160 mq = 1.850 Euro (caldaia a gas, termosifoni/radiatori convenzionali) con termostato impostato a 19°C; CasaCrea di 140 mq = 110 Euro (caldaia a gasolio, termosifoni/radiatori convenzionali) con termostato impostato a 20°C. Com’è possibile risparmiare così tanto? La maggior parte degli edifici realizzati in calcestruzzo sono soggetti a dispersioni di calore. In alcuni casi, oltre il 50% dell’energia prodotta per il riscaldamento si disperde ogni giorno attraverso infissi, pareti, soffitti e pavimento. CasaCrea® è progettata e costruita per garantire un grande risparmio energetico, grazie ai materiali utilizzati e alle innovative tecniche di costruzione. Dal progetto dell’involucro alla struttura delle pareti, dagli infissi al soffitto, tutto è pensato per mantenere costante la temperatura interna. In pieno inverno, dopo aver spento i riscaldamenti, abbiamo registrato un calo di appena 3°C in 12 ore. È il risultato concreto del lavoro di Ricerca e Sviluppo che TorrisiCrea ha portato avanti nel campo della bioedilizia applicata ai climi della fascia mediterranea.

Sicurezza Grazie alla maggiore flessibilità, una casa in legno assorbe molto di più i movimenti tellurici rispetto ad una struttura rigida in calcestruzzo. In un test su un edificio di sette piani, interamente in legno, è stato riprodotto un sisma di magnitudo 7,2 sulla scala Richter (la stessa intensità di uno dei più distruttivi accaduti in Giappone); l’edificio non soltanto ha resistito alle sollecitazioni, ma dopo il test è risultato perfettamente agibile (vedi su youtube: progetto SOFIE). Anche le prove di resistenza al fuoco hanno dato risultati indiscutibili sulle strutture con pannelli x-lam. A d i f fe re n za di quanto accade con le pareti in mattoni o calcestruzzo, l’incendio si propaga molto più lentamente, rimanendo persino circoscritto alla stanza in cui ha avuto origine. Un edificio in legno, oltre a garantire prestazioni energetiche superiori ed un elevato comfort abitativo, garantisce una superiore sicurezza contro i sismi ed il fuoco.

Il valore aggiunto della progettazione CasaCrea® è un prodotto chiavi in mano, dalla progettazione fino alla consegna. TorrisiCrea ha infatti al suo interno uno staff di progettazione per supportare il cliente in tutte le fasi, inclusa la direzione lavori. Questo permette anche e soprattuto di allineare le idee progettuali agli aspetti funzionali, così da garantire non soltanto la fattibilità ma anche le elevate prestazioni energetiche, strutturali e di comfort abitativo che sono parte integrante del sistema CasaCrea®.

Impatto zero. Una struttura progettata e realizzata nel totale rispetto dell’ambiente, a Portopalo, in un’area protetta e sottoposta a vincoli. Uno dei grandi vantaggi della bioedilizia offerti da CasaCrea®.

Perché scegliere CasaCrea®: » tempi di realizzazione predefiniti (120 giorni) » casa “chiavi in mano”, progettazione inclusa » prezzi competitivi e certi » notevole risparmio energetico » elevato comfort abitativo » totale assenza di umidità e condensa » sostenibile ed ecocompatibile » libertà totale di progettazione (sistema costruttivo non modulare) » investimento sicuro per le generazioni future » grande resistenza sismica » elevati standard qualitativi » contributi governativi per le case in classe A e B

Zona Industriale Piano Tavola Belpasso - CATANIA

Tel. 095 7131894

www.torrisicrea.it torrisicrea@live.it

in collaborazione con:

COPERTURE E FACCIATE VENTILATE


CHECK-OUT 41

Mai più senza

41

The Curiosity Shop

Vintage sì, ma da asporto Vintage, yes, but on the move Un conto è essere un semplice cultore dell’oggettistica vintage e custodire il proprio tesoro in casa, dove nessun altro può vederlo. Ben altra cosa è poter sfoggiare i propri cimeli ovunque. Nel caso specifico, grazie a Crosley Traveler CR89 Turntable, poter ascoltare il caldo suono di un vinile mentre si cammina guardando con aria snob quelli con l’iPod.

It’s one thing to be a simple vintage lover and jealously guard your treasures at home, quite another to show off your memorabilia to any Tom Dick or Harry. Now, thanks to the Crosley Traveler CR89 Turntable, you can walk and listen to the hot sounds of vinyl while looking down your nose at all those poor iPod users. crosleyradio.com

L’ideale per le tue feste più affollate Perfect for your over-crowded parties

Tutto sta nel saper attendere The trick is knowing how to wait Doveva uscire alla fine del 2010, ma probabilmente il primo esemplare non spiccherà il volo prima dell’anno prossimo. Varrà comunque la pena di attendere, visto che la nuova serie di superleggeri Icon 100 A5 sarà caratterizzata da una livrea bianco perla metallizzato, con accenti di rosso, nero e argento, da un carrello retrattile per decollare sia dall’acqua che da terra, da un abitacolo in fibra di carbonio e da ali pieghevoli. It should have come out in 2010, but the first one probably won’t fly until next year. Still it’ll be worth the wait, seeing that the new super lightweight 100 Icon A5 series will feature a metallic pearl white livery, with accents of red, black and silver, a retractable landing gear to take off from both land and water, a carbon fibre cockpit and folding wings. iconaircraft.com

Make Lego, Not War Gli hippy amano i Lego? Non ne siamo certi, ma se così fosse, ci aspetta di vedere un’ondata di capelli lunghi e camicie a fiori invadere i negozi di giocattoli, alla ricerca del Lego VW Camper Van, una scrupolosa riproduzione del Camper T1 del 1962 – famoso anche come “il furgone hippie”. Il set include dettagli come il motore quattro cilindri boxer VW, il tettuccio e le porte che si aprono, nonché un interno adibito a camper con lettini, lavandino, dinette, armadi etc. Do hippies love Lego? We’re not so sure, but if they did we’d expect to see a wave of flowery shirts and long hair invade toy stores in search of Lego’s VW Camper Van, a scrupulous reproduction of the 1962 T1 Camper better known as a “hippie van”. The set includes such details as the VW boxer four-cylinder engine, sun roof, doors that open and an interior set out as a camper with beds, sink, dinette set and cabinets. shop.lego.com

Che siate cuochi professionisti ambulanti o che abbiate un qualunque motivo per preparare quantità irragionevoli di cibo grigliato o affumicato, fareste bene a dare un occhio a Rolltisserie, il carrello appendice tutto in acciaio inox, che combina bruciatori a gas e affumicatori a legno, entrambi controllati da un pratico sistema digitale. Può preparare fino a 200 kg di alimenti contemporaneamente. Whether you are professional chef or not but you have a reason to prepare unbelievable amounts of smoked or grilled food, you’d better take a look at the Rolltisserie. This stainless steel cooking trolly combines both a gas burner and a wood-smokes controlled by a practical digital system. It can prepare up to 200kg of food at the same time. rolltisserie.com

Un bagno retro-futuristico

A retro-futuristic bathroom Lefroy Brooks Belle Aire Faucet è un rubinetto che evoca sia le forme sinuose del periodo d’oro dell’Art Decò, sia il design anni ’60 in odor di fantascienza. Disponibile in varie finiture è un complemento fondamentale per ravvivare l’austerità del vostro bagno. lefroybrooks.com

Lefroy Brooks Belle Aire Faucet is a tap that evokes the sinuous forms of both the golden era of Art Deco, and the ‘60s science fiction design. Available in various finishes, ti is an essential must have to revive the austerity of your bathroom.


Quando il gioco si fa duro When they say a flying finish Bullet Chess Set è una scacchiera le cui pedine sono ottenute esclusivamente da proiettili tagliati e rimodellati in forme insolite ma ugualmente riconducibili ai rispettivi pezzi.

Bullet Chess Set is a board game whose pieces are produced exclusively from bullets which are cut and reshaped into unusual forms. But don’t worry, it’s still easy to recgonise the classical chess pieces.

Pilota il tuo elicottero con l’iPhone Pilot your helicopter with an iPhone Non siamo certo immuni al fascino degli elicotteri indoor, ma a trattenerci dall’acquisto sono stati finora i loro telecomandi, francamente un po’ troppo pacchiani, oltreché, spesso, alquanto imprecisi. Griffin Helo TC supera questo limite grazie ad un sistema ad infrarossi attivabile con un app per iPhone, iPod e iPad.

oldeworldcollectibles.com

We are not immune to the charms of indoor helicopters, but holding us back from purchasing one to-date has been their remote controls, which frankly, are a little too tacky, as well as often being quite inaccurate. Griffin Helo TC has overcome this limitation with an infrared activated app system for iPhones, iPods and iPads. griffintechnology.com

La super cannuccia The super straw Non c’è molto da dire in verità su una cannuccia realizzata in titanio che non si possa dedurre dal nome, se non che sicuramente non si fora mentre bevete e che vi darà l’aria di uno che sa il fatto suo, in fatto di cannucce. In truth, there’s not much to say about a straw made of titanium that can’t be inferred from the name, except that it won’t break while you’re drinking but it will give you the air of one who knows his stuff, in terms of straws that is.

thinkgeek.com

Per un maggiore realismo

La vera Guerra Fredda The real Cold War Inutile dirlo, ma anche se si tratta di una semplice battaglia di palle di neve, il giusto equipaggiamento fa sempre la differenza. Ecco perché una balestra spara palle di neve può rivelarsi un attrezzo fondamentale, specie se durante le vostre settimane bianche avete avuto modo di dimostrare di non essere esattamente dei campioni di slalom. Needless to say that the right equipment always makes a difference, even if it is only a simple snowball fight. And that’s why a snowball shooting crossbow is a vital tool, especially if you’ve shown that, during your skiing holidays, you’re not exactly a world class slalom champion. sharperimage.com

Fondamentale per la scuola Fundamental for school Electric Paper Airplane Conversion Kit è esattamente quello che sembra, un propulsore in fibra di carbonio per i vostri aerei di carta che può prolungarne il volo fino a 90 secondi. Si ricarica in soli 20 secondi. Electric Paper Airplane Conversion Kit is exactly what it says, a carbon fibre propeller for your paper airplanes. It can prolong flight for up to 90 seconds. Recharges in just 20 seconds. thinkgeek.com

Non importa se è la prima o la venticinquesima volta che vi accingete a vedere Dark of The Moon, l’importante è non tradire il vostro animo fanciullesco indossando Transformers 3D Helmet, il casco disponibile sia nella versione Optimus Prime che Bumblebee, dotato degli stessi occhialini 3d che vi fornirebbero in sala.

For greater realism It doesn’t matter if it’s the first or the twentyfifth time that you go to see the “Dark of the Moon”, what’s important is not to betray your childlike soul. The Transformers 3D Helmet is available in Optimus Prime and Bumblebee versions and has the same 3D glasses that you would get in the cinema theatre. hasbro.com


46/47

CHECK-OUT 41

Il primo hotel in Europa ad impatto zero:

THE

The first zero environmental impact hotel in Europe:

CRYSTAL HOTEL

Il primo hotel d’Europa a 2.000 m di quota alimentato totalmente con energia alternativa. Ecologia, design e vacanza sulla neve.

The first hotel in Europe at an altitude of 2.000m, supplied entirely by alternative energy. Ecology, design and

Sono questi i tre elementi che caratterizzano l’ambizioso progetto alberghiero sulle Alpi, realizzato lo scorso anno nella rinomata località sciistica austriaca di Obergurgl in Ötztal a pochi passi da Innsbruck e dal confine italiano. Al centro dell’attenzione c’è l’aspetto ambientale per garantire una vacanza proiettata verso il futuro. Non più petrolio o fonti inquinanti, bensì energia geotermica e solare. Questa rivoluzione energetica permette così di salvaguardare la natura alpina circostante e il pianeta.

a holiday in the snow are the three elements that characterise this ambitious hotel project in the Alps which was created last year in the famous Austrian ski resort of Obergurgl in Ötztal, a short distance from Innsbruck and close to the Italian border. What strikes you is the environmental aspect of the hotel which guarantees a holiday of the future. Petrol and other polluting sources are replaced by geo-thermal and solar energy, an energy revolution that ensures the protection of the surrounding Alpine landscape and, ultimately, of the planet itself.


Architettura minimale cubica, luce cristallina e complementi di design La natura e le piste da sci entrano direttamente in hotel, attraverso le gigantesche vetrate che caratterizzano la struttura alberghiera, esternamente cubica e asciutta. All’interno materiali naturali quali pietra, legno e ferro si mescolano agli arredi delle stanze, delle suites e degli spazi comuni, arricchiti da complementi e lampade di designer internazionali.

Minimalistic architecture, crystalline lights and designer accessories Nature and the ski slopes are integrative part of the hotel, by means of the giant windows which characterise the hotel’s externally cubic and serene structure. Inside, natural materials such as stone, wood and iron are used in a beautiful mix with the furnishings of the rooms, suites and communal spaces. Accessories and lighting by internationally renowned designers further enriched these spaces.

Wellness SPA di oltre 2.000 m² e Private Suite SPA Il vero gioiello del The Crystal, associato alla prestigiosa catena Lifestyle Hotels, è l’area benessere, dotata di 3 piscine con vista sui ghiacciai e di diverse saune, fitness center, sale relax con camino a vista. Assolutamente esclusiva la Private Suite Spa, pensata per le coppie e dotata di sauna finlandese, bagno a vapore, idromassaggio e zona massaggi.

Wellness SPA of over 2.000 m² and Private Suite SPA A member of the prestigious Lifestyle Hotels chain, the real jewel in the crown of The Crystal must surely the wellness area, equipped with 3 swimming pools with views of the mountains, a number of saunas to choose from, a fitness centre, and a lounge area where you can relax before an open fireplace. The Private Suite Spa, exclusive and specifically designed for couples is equipped with a Finish sauna, vapour bath, hydro-massage and a massage area.

eco-design e lusso alpino a quota 2.000 eco-design and alpine luxury at 2.000 metres


48/49

CHECK-OUT 41

THE

CRYSTAL HOTEL Garanzia neve con esclusivi collegamenti sciistici fino a 3.080 metri di quota e vacanza ecologica. Obergurgl si trova a 2.000 m e qui la neve inizia dove per le altre stazioni sciistiche finisce. Un’altitudine che garantisce a questa località di alta montagna, che può vantare numerosi certificati di qualità riconosciuti a livello internazionale, neve sicura durante tutto l’inverno. Inoltre è considerata una delle zone sciistiche più sicure delle Alpi per il fattore neve: oltre il 90 % dei 110 km di piste è infatti dotato di innevamento programmato. L’area sciistica è servita da 24 impianti di risalita e raggiunge i 3.080 metri di quota. E

nel rispetto dell’ecologia e della sensibilità che dimostra questa località, a Obergurgl, riposa anche la macchina! Arrivati a destinazione, l’autovettura non serve più in quanto tutte le strutture alberghiere, The Crystal compreso, sono collegate direttamente alle piste e agli impianti di risalita, oppure tramite brevi tratti di skibus-navetta gratuita. E per tutta la notte, vige il divieto assoluto di transito delle auto in tutta l’intera località, per garantire il massimo riposo agli ospiti e per mantenere il proprio impegno ecologico. La stagione invernale termina all’inizio di maggio.

Snow guaranteed, with exclusive skiing connections up to an altitude of 3,080 metres, in an exclusive ecological holiday. Obergurgl is located at 2,000mt above sea level and here begins the snow when other ski resorts have none. The altitude of this ski resort high up in the mountains, which has received numerous international quality certificates, guarantees snow throughout the entire winter. Furthermore, the resort is considered to be one of the safest in the Alps due to its snow factor: over 90% of the 110km of slopes is, in fact, equipped with programmed snow. The skiing area has 24 ski lifts, reaching an altitude of 3,080 metres. And to demonstrate respect for the environment, this resort in Obergurgl, allows even the cars to take a rest! Once you have arrived at your destination, cars are no longer needed as all hotel structures, The Crystal included, are directly connected to the slopes and the ski-lifts or you can use the free ski-buses provided to transport you over short distances. To maintain our commitment to the environment, the use of cars in the entire locality is prohibited during the night so that guests are guaranteed maximum relaxation. The winter season continues up to the beginning of May.

Per informazioni For further information: The Crystal Tel. +43 (0) 5256 6454 info@thecrystal.at www.thecrystal.at Ufficio Stampa - Press office: Pizzinini Scolari Comunicazione www.pizziniscolari.com Pizzinini Christian cell. 338 85 43 309 christian.pizzinini@pizzininiscolari.com Antonio Scolari cell. 338 40 33 738 antonio.scolari@pizzininiscolari.com Ötztal Tourismus Information Obergurgl-Hochgurgl A-6456 Obergurgl T +43 (0) 57200 100 info@obergurgl.com www.obergurgl.com www.oetztal.com


CHECK-OUT 41

Piste&Pistoni

51

Pit-Stop & Pistons

CATERHAM Superlight R500 difatti la Caterham

Superlight R500 racchiude ben 263 CV in un abitacolo

di soli 500 kg, dove tutto, dalle parti in carbonio e kevalr dei sedili e del

cruscotto, all’ampio utilizzo di allu-

minio, è pensato per contribuire alla

riduzione del peso (anche del prezzo). Cabina aperta, cinture a quatto punti, i cerchi da 13 pollici con posteriore rialzato conferiscono il

giusto look ad un

mostriciattolo che

strappa uno 0/100 km/h a 2,88s e

una velocità mas-

sima di 240 km/h.

Quando tutto ciò che vuoi è la velocità, il lusso diventa superfluo

When all you want is speed, luxury becomes superfluous And in fact, the Caterham Superlight R500 263 hp holds up well in a compartment of only 500 kg where everything, from the carbon fibre parts and kevalr seats, to the dashboard and extensive use of aluminum, has been carefully thought through to reduce weight (and also the price). An open cab, four point harness, 3 inch wheels with a raised rear gives it the right look of a little monster ripping from 0 to 100 km/h in 2.88secs with a maximum speed of 240 km/h.


52/53

CHECK-OUT 41

BMW, addio al volante? Allo studio nei laboratori bavaresi un paio di tecnologie per aumentare il comfort di guida che vedremo implementate nelle vetture del prossimo futuro La prima tecnologia si chiama Gesture ed in sostanza si tratta di radar dotati di infrarossi e sensori che captano i movimenti della mano in uno spazio limitato. Ne sono previsti tre: sinistradestra per il passaggio da un menu ad un altro, alto-basso per scorrere i menu e avanti-indietro per selezionare. L’altra tecnologia è un sistema in grado di fornire consigli di guida, diversamente da quelli attuali però, basato sulla comunicazione fra mezzi dotati dello stesso strumento e non sui sistemi satel-

litari. Ciò chiaramente comporterà una messa a regime più lunga ma i risultati attesi sono davvero promettenti, con la possibilità di programmare percorsi in base al prezzo della benzina e di elaborare oltre 100 soluzioni alternative in meno di un secondo. Per aumentare la precisione delle segnalazioni sulla vettura è montata una telecamera, posta sul retro dello specchietto retrovisore, in grado di riconoscere le forme degli oggetti che inquadra e inviare le informazioni al sistema.

BMW, good-bye to the steering-wheel? From the Bavarian laboratories, some new technology to increase driving comfort will be implemented into cars in the near future The first is called Gesture, an infrared radar equipped with sensors which detect hand movements in a confined space. The three movements are: left-right to switch from one menu to another, up-down to scroll menus, and back and forth for selection. The other technology is a system that can provide driving tips which, unlike the current one, is based on communication between vehicles with the same instrumentation and not on satellite systems. This will clearly lead

Volkswagon Buggy Up

CALIFORNIA DREAMING Basata sulla Up, nuovo modello di city car VW e ispirato ai buggies che solcavano le spiagge di San Francisco Bay negli anni ‘60, Buggy Up presenta un sottoscocca rinforzato, carrozzeria esterna senza tetto né portiere, sedili rivestiti in neoprene, interno completamente impermeabile e un sistema audio compatibile con iPod che si estrae e funziona da radio portatile. Purtroppo è ancora un concept, e non si hanno notizie di quando potrebbe uscire.

Based on the new VW city car model Up and inspired by the ‘60s San Francisco beaches buggies, Buggy Up has a reinforced underbody, an external body with no roof or doors, neoprene seat covers, a completely waterproof interior and removable iPod-compatible audio system that works like a portable radio. Unfortunately, it is still only a concept, and so far no news of when it might come out.

to an longer optimization period but the expected results are very promising, with the possibility of planning routes based on petrol prices or processing over 100 alternative solutions in less than a second. To increase signalling accuracy, the car is fitted with a camera fixed onto the back of the rearview mirror, capable of recognizing shapes of framed objects and sends the information to the system.


54/55

L’auto studia da star Si ispirano a tre film immaginari i tre prototipi presentati da Honda, Hyundai e Subaru contest Design Challenge svoltosi presso il salone di Los Angeles Horizon, la proposta di Subaru, è un mezzo utile ad esplorare le zone inaccessibili del pianeta, così come ce le presenta la pellicola immaginaria “Divided”, nella cui trama il mondo è stato diviso in due e mancano le risorse energetiche. Hyundai ha creato invece Stratus Sprinter, il veicolo con cui una donna vampiro viaggia su qualunque tipo terreno, invisibile durante il giorno e dotato di una base di collegamento volante, nel film “Countess of Siberia”. Honda, infine, immagina un mondo stravolto dall’impatto di una cometa, dove i pochi scienziati rimasti realizzano un mezzo in grado di viaggiare gli terreni impervi di “High Noon”. Honda IH (Intelligent Horse), questo il nome del mezzo, combina doti fisiche dei cavalli delle praterie, nanotecnologia e intelligenza artificiale.

CHECK-OUT 41

The car becomes a film star They inspired three imaginary films, the three prototypes presented by Honda, Hyundai and Subaru at the Design Challenge contest held in a Los Angeles salon Horizon, Subaru’s proposal, is useful to explore remote areas of the planet, like the imaginary film “Divided”, whose plot has the world divided into two, suffering from a shortage of energy resources. Hyundai has created Sprinter Stratus, a vehicle in which a female vampire travels over any terrain type, invisible during the day and has a steering-wheel connection base in the film “Countess of Siberia.” Finally, Honda imagines a world distorted by the impact of a comet, where the few remaining scientists produce a vehicle capable of travelling over rough terrain in “High Noon”. Honda’s IH (Intelligent Horse) combines the physical qualities of a prairy horse with nanotechnology and artificial intelligence.

L’AUTO SENZA CONDUCENTE COINVOLTA IN UN INCIDENTE, MA A CAUSARLO È STATO UN AUTOMOBILISTA UMANO È quanto ha raccontato Sergey Brin, co-fondatore di Google, al recente meeting Web 2.0. Le “driveless car” hanno già accumulato oltre 1.000 miglia di marcia in totale autonomia, tuttavia i vari muletti hanno viaggiato per un totale di 160.000 miglia e marceranno fino a raggiungere il milione di miglia, obiettivo reso noto dallo stesso Brin durante la conferenza. L’imprenditore ha poi precisato che lungo parte delle 160.000 miglia finora percorse era presente un tecnico di supporto e che uno di questi ha addirittura procurato un incidente, da cui la Google Car è uscita incolpevole.

I nuovi Maharaja The new Maharaja Cresce giorno per giorno il numero di nuovi milionari in India; e con esso aumenta anche la richiesta di auto di lusso e supercar

Day by day the number of new millionaires in India is growing and with it also the demand for luxury cars and supercars

Lamborghini entro fine anno inaugurerà una seconda concessionaria nel paese asiatico, mentre Ferrari ne vuole aprire altre 4 entro fine 2012. La casa del cavallino ha aperto il suo primo dealer in quel paese a maggio di quest’anno. Ad incrementare il numero di concessionarie in India potrebbero arrivare presto anche molti altri costruttori di auto esclusive: entro il 2015 infatti il numero di milionari in India è destinato a raddoppiarsi.

Later this year, Lamborghini will launch a second dealership in the Asian country, while Ferrari wants to open 4 more by the end of 2012. The rearing horse opened its first dealership in the country in May of this year. Increasing the number of dealers in India will be the arrival of other manufacturers of exclusive cars: in fact, by 2015 the number of millionaires in India is expected to double.

THE DRIVERLESS CAR GETS INVOLVED IN AN ACCIDENT CAUSED BY A HUMAN DRIVER So said Sergey Brin, co-founder of Google, at a recent Web 2.0 meeting The “driveless car” has already accumulated more than 1,000 miles of driving in total autonomy, but the various forklifts have travelled a total of 160,000 miles and will march on up to the one million-mile goal, announced Brin during the conference. The entrepreneur also stated that of the 160,000 miles travelled todate, a technical support team was present for the greater part and one of them even caused an accident in which the Google Car was judged blameless.


informazione pubblicitaria

Abitare con Arredotre. All’interno dello showroom di Arredotre si può creare l’armonia giusta per la vostra casa. Gli spazi sono sapientemente organizzati da un team di professionisti del settore dell’arredamento. Arredotre vi supporta nello sviluppo progettuale dei vostri spazi, proponendo e facendovi toccare con mano la qualità delle migliori marche: Flou, Snaidero, Presotto, Morelato, Falegnameria e tanti altri. 3.000 mq di esposizione con la massima qualità dell’arredamento Italiano, per realizzare in casa vostra ambienti unici ed esclusivi.

parete attrezzata Presotto

Offerta Arredotre “AnnoNuovo-CasaNuova” arredamento completo 4 ambienti

a 25.000 Euro Zona notte composta da: - trittico Falegnameria - letto matrimoniale Flou - cabina armadio Homè Decor Zona giorno composta da: - parete attrezzata Presotto - divano in pelle Nicoletti - madia Miniform con sistema stereo integrato (in dotazione diffusione, amplificatore e ipad) - Tavolo e sedie Bontempi Cucina: - cucina angolare Stosa

letto matrimoniale Flou

cucina Stosa

1 sopralluogo e progettazione gratuita 2 finanziamenti 3 consegna e montaggio gratuiti

Mobili Arredotre dei F.lli Coco S.r.l.

Corso Marco Polo, s.n. - 95039 Trecastagni (CT)

Corso Alcide De Gasperi, 5 - 95039 Trecastagni (CT) tel. +39 095 7804354 - 7801483

www.arredotre.it - arredotre@arredotre.it


56/57

CHECK-OUT 41

Acquario di Genova

Un universo sommerso L’Acquario di Genova, che oggi rappresenta uno dei punti di riferimento della città e quasi un suo “monumento storico”, è nato in occasione di “Expo ‘92”, iniziativa che celebrava il quinto anniversario della scoperta del Nuovo Mondo da parte di Cristoforo Colombo progetto, che comprendeva la riqualificazione dell’intera area dell’Antico Porto, fu realizzato dall’architetto genovese Renzo Piano mentre l’architettura interna è opera dell’architetto americano Peter Chermayeff. L’Acquario, che conta un milione e duecentomila visitatori l’anno (oltre venti milioni dall’apertura a oggi), è quello che presenta, in Europa, il maggior numero di ecosistemi. Il suo primato e il suo prestigio, però, non stanno solo nei numeri, ma anche nella qualità dei servizi offerti, nel continuo rinnovamento e nelle numerose iniziative promosse a favore dell’educazione ambientale, sia presso i vari visitatori sia presso le scolaresche che arrivano numerose in visita.

Iniziative di sensibilizzazione, di informazione, di coinvolgimento diretto, come il metodo di “edutainment” che è stato adottato e che riscuote notevole interesse; si tratta di coniugare l’informazione ambientale al gioco, al divertimento, stimolando nel visitatore la voglia di partecipare e di avvicinarsi nel modi più corretto all’ambiente circostante e ai suoi abitanti. Oltre a questo vi è un’intensa attività di ricerca, svolta in collaborazione con vari enti e istituzioni: per citare solo una fra le tante iniziative, il progetto Delfini Metropolitani prevede uno studio delle abitudini dei delfini costieri e dei loro rapporti con le attività umane. Fra le novità da segnalare, l’Acquario di Genova presenta l’installazione interattiva “Abissi Luci nel buio”, una immersione virtuale fino

a 4.500 metri di profondità per conoscere le specie che vivono da quelle parti. Attraverso filmati reali e dispositivi luminosi a raggi infrarossi, il visitatore ha l’impressione di calarsi negli abissi e di interagire con l’ambiente circostante. C’è poi la “Notte con gli squali”, dedicata ai ragazzi fra i 7 e i 13 anni: un’esperienza notturna unica,

Serena Soffici

durante le quali i giovani, dopo aver cenato insieme, hanno la possibilità di addormentarsi davanti alla vasca degli squali. Queste ed altre iniziative, sempre nuove e sempre piuttosto interessanti, conferiscono all’Acquario di Genova un carattere speciale, di vera e propria rappresentazione “dal vivo” del mare e dei suoi abitanti.


The Aquarium of Genoa A world underwater The Aquarium of Genoa, which today represents one of the city’s almost “historical” landmarks was created for “Expo ‘92”, an initiative celebrating the fifth anniversary of Christopher Columbus’ discovery of the New World The project, which included the redevelopment of the entire historical port area was designed by architect Renzo Piano while the interior architecture was the work of American architect Peter Chermayeff. The Aquarium, which boasts more than a million visitors a year (twenty million to-date since its opening), has the largest number of ecosystems in all of Europe. Its primacy and prestige is not confined only to numbers but to the quality of services offered and the continuous renewal of numerous initiatives to promote environmental education, both among various visitors and the many visiting school groups. By raising awareness, providing information and using direct involvement as the adopted method of “edutainment”, this has helped increase interest and combines environmental information with play and fun, encouraging the visitor’s participation and helps them approach this environment and its inhabitants in a responsible way. In addition, extensive research is being carried out in collaboration with various organizations and institutions like the Metropolitan Dolphins project, to name just one, which involves studying the habits of coastal dolphins and the influence of human activities on them.

Among the many actives organised by the Aquarium is an interactive installation “Abyss Lights in the Dark”, a virtual dive down to 4,500 feet to encounter the species which live there. By using real life movies and infrared lighting, the visitor gets to experience the sensation of diving into the abyss and personally interacting with its environment. Then there is the “Night with the Sharks” dedicated to children between 7 and 13: a unique night time experience in which the children can bed-down for the night in front of the shark’s tank after dinner. These and other new, interesting initiatives give a special feel to the Aquarium of Genoa, a true live representation of the sea and its inhabitants.


CHECK-OUT 41

58

Vanity Air

di Brenda Milton

infflight beauty, glamour & fashion

La scarpa più sexy del mondo The sexiest shoe in the world

I classici diventano moderni accessori di stile The classics become modern stylish accessories Stile classico ma reinterpretato con rispettosa ironia unito all’inconfondibile glamour di Miu Miu, per la nuova collezione di bijoux presentata dalla maison italiana.

miu-miu.com

Classic style but reinterpreted with respectful irony combined with the unmistakeable glamor of Miu Miu, presenting the new jewellery collection from the Italian fashion house.

Le borse gioiello più amate delle celebrità Jewelled bags loved by celebrities

Sono quelle create da Judith Leiber che si ispirano alla Russia più aristocratica e opulenta. Un’ispirazione scintillante che si rifà alla tradizione tessile tipica della steppa fatta dei pizzi, broccati ed arazzi che si trovavano nei palazzi degli Zar.

judithleiber.com

Created by Judith Leiber and inspired by the aristocratical and wealthy Russia. Sparkling inspiration draws on the typical textile tradition of the steppes, made of lace, brocades and tapestries that were found in the Czar’s palaces.

Karleidoscope Karl Lagerfeld ha deciso di affidare al maestro profumiere Christophe Raynaud la creazione di un’essenza che rispecchiasse a pieno la sua idea di donna. Una fragranza talcata, con note di violetta e iris che si fondono con neroli e patchouli dando vita ad un avvolgente mix molto femminile. Karl Lagerfeld has decided to entrust the master perfumer Christophe Raynaud to create an essence that fully reflect his idea of a woman. A fragrant talc, with hints of violet and iris that blend with neroli and patchouli, creating a fascinating and very feminine mix.

karllagerfeld.com

La meravigliosa décollété peeptoe di Valentino, impreziosita da pizzo nero, che vedete nella foto al Sexiest Shoes organizzato da Footwear News è stata decretata come la calzatura femminile più sexy del mondo, sbaragliando la concorrenza di sovrani della scarpa come Louboutin e Jimmy Choo.

The gorgeous Peep-toe of Valentino, embellished with black lace, which you see in the Sexiest Shoes picture, organized by Footwear News, has been decreed the world’s sexiest woman’s shoes, beating off competition from the sovereigns of the shoe such as Louboutin and Jimmy Choo.

Gli anni 70 non passano mai The ‘70s will never end C’è poco da fare, sono proprio gli anni 70 il decennio che influenza di più la moda contemporanea. Sarà l’inquietudine che li caratterizza, fatto sta che i codici evocativi di protesta, impegno e sogni infranti, oggi riproposti nella nuova collezione Pepe Jeans e coniugati in chiave glamuour, fanno sempre il loro effetto.

pepejeans.com

target.com

There’s not much you can do, The 70s have had the main influence on contemporary fashion. It may be the anxiety that characterizes the 70s, its codes which evoke protest, commitment and broken dreams. All these are now replicated and combined with glamour in the new Pepe Jeans collection. Always effective!


60/61

CHECK-OUT 41

Una vacanza dell’altro mondo Vacanze nello spazio? Tra non molto passeranno dalle trame della narrazione fantascientifica alla concreta realtà ncora una volta Russia e Stati Uniti sono impegnati in una battaglia per guadagnare lo spazio, stavolta però l’obiettivo non è la luna, bensì il lancio della prima stazione spaziale ad utilizzo privato. Proprio così, le compagnie russe Orbital Technologies e RSC Energia che lanceranno la prima stazione spaziale ad uso commerciale entro il 2015 o, al massimo, 2016. Ciò chiaramente entra in diretta competizione con quanto annunciato qualche tempo fa dalla Bigelow Aerospace di Las Vegas, che nei suoi piani conta di raggiungere l’obiettivo entro il 2015. Una volta lanciata, la stazione costruita da Orbital e RSC (l’agenzia spaziale della Federazione Russa) volerà a circa 100 km dalla Stazione Spaziale Internazionale e a circa

350 km dalla Terra mentre il razzo sovietico Soyuz trasporterà avanti e indietro i gruppi di persone che decideranno di passare questa insolita vacanza. A bordo, gli space trotters troveranno alloggi dotati di ogni comfort compresi cibi da gourmet, connessioni web, audio e video con la Terra, letti orizzontali e verticali, docce a prova di gravità e fotocamere dotate di teleobiettivi professionali per immortalare lo spazio ad altissima risoluzione. I prezzi per questi esclusivi soggiorni ovviamente non sono alla portata di tutti, ma proprio per questo parte degli utili verrà reinvestita in attività di ricerca sullo sviluppo delle possibili attività fuori orbita. Ad ogni modo, pare che le prenotazioni per viaggi a puro scopo turistico non manchino, tuttavia già diverse società private operanti nel

settore della ricerca medica e della cristallizzazione delle proteine, nonché società impegnate nella mappatura geografica nonché nel testing sulla durata dei materiali hanno già fatto pervenire segnali di interessamento verso l’operazione. Quale, fra i due paesi, si aggiudiche-

rà il primato per aver lanciato il primo hotel spaziale non è dato sapersi e, in definitiva, non è nemmeno importante. Lo spazio, nello spazio, non manca e se oltre a queste due verranno lanciate anche altre stazioni il tutto andrà a vantaggio dei turisti di prossima generazione.


An “Out of this World” vacation Holidays in space? In the not so distant future we’ll be passing from the machinations of narrative fiction to concrete reality

Once again, Russia and the United States are engaged in a battle to gain space, but this time the goal is not the moon, but the launch of the first space station for private use. That’s right! Two Russian companies, Orbital Technologies and RSC Energia, will launch the first commercial space station by 2015 or, at the least, by 2016. This is clearly direct competition to the announcement made by Bigelow Aerospace of Las Vegas some time ago; to reach the same target by 2015. Once launched, the station built by Orbital and RSC (the Russian Federation space agency) will fly about 100km from the International Space Station and about 350km from the Earth while the Soviet Soyuz rocket will carry groups of people who have decided to take this unusual holiday back and forth. On board, the space trotters will have accommodation with all the comforts: gourmet foods, web, audio and video connections to Earth, horizontal and vertical beds, gravity

resistant showers, and professional, high-resolution lens cameras to immortalise the panorama of space. Prices for these exclusive rooms are obviously not for everyone, and for this reason part of the profits will be reinvested into development research on other possible space activities. Even though it would seems that bookings for tourism purposes only are not lacking, several private companies already operating in the field of medical research and the crystallization of proteins as well as other companies engaged in geographical mapping and testing the durability of the materials have already shown signs of interest. Which of these two countries will win the record for having launched the first space hotel is not yet known and, in the end, is not important. The space in space is huge. If other space hotels are launched in the future (in addition to these two stations) it can only benefit the next generation of tourists.


Un luogo antico e modernissimo Viaggio nel Museo Egizio di Torino

asterebbero alcuni numeri a dare il senso dell’importanza del Museo Egizio di Torino: 2° museo al mondo, dopo quello del Cairo, interamente dedicato alla cultura egizia; 576.000 visitatori nel corso dell’anno 2010; oltre 30.000 reperti custoditi nelle sale e nei depositi. Ma c’è di più, molto di più: insieme al Museo, nato nel 1824 con il nome di Regio Museo delle Antichità Egizie, nacque anche la Biblioteca del Museo, una raccolta di documenti che nel tempo si è arricchita di reperti importanti e rarissimi, un vero tempio per gli studiosi, e anche per i curiosi di ogni età. E poi, la sede che ospita il Museo, già prestigiosa di suo, è il Palazzo dell’Accademia delle Scienze, un

magnifico edificio del ‘600. A questo punto, non resta che entrare nel Museo ed ammirarne i tesori. All’ingresso si può consultare una mappa che ci permette di seguire un percorso ragionato, attraverso il quale entreremo con più facilità nella civiltà egizia, un mondo ricco di sorprese e anche di misteri. Le sale permettono di apprezzare, al di là della bellezza e del valore documentario dei reperti, il senso della civiltà egizia, le espressioni artistiche, la struttura sociale e la vita quotidiana di quel popolo. A questo fine, cioè per conoscere meglio ogni aspetto, è stata creata all’interno del Museo una serie di percorsi particolari che tengono conto dei diversi interessi e delle diverse età dei visitatori. Si può quindi approfondire la conoscenza


CHECK-OUT 41

64/65

A modern and ancient site A journey inside the Egyptian Museum of Turin

Just a few numbers are enough to give a sense of the importance of the Egyptian Museum in Turin. It is the second most important museum after that of Cairo, which is entirely dedicated to Egyptian culture; it had 576,000 visitors during 2010 and possesses more than 30,000 artifacts housed in its halls and deposits. But there’s more, much more! Together with the antiquities museum, founded in 1824 as the Royal Museum of Egyptian Antiquities, the museum’s library was also established, containing a collection of documents that, over time, has been enriched with rare and important finds. A true temple for scholars and the curious of all ages. Then there is the seat of the museum, the Palace of the Academy of Sciences, a magnificent 1600s prestigious building in its own right. At this point, there is nothing to do but go in and visit the museum’s treasures. At the entrance, a map allows

you to follow a well thought-out path to help you immerse yourself in the world of surprises and mysteries that was ancient Egyptian civilization, The halls allow you to appreciate not only the beauty and documentary value of the exhibits but also the sense of the Egyptian society, its artistic expression and social structure and also the daily life of its people. So, to learn about every aspect of Egyptian life, the museum was created in a number of specific routes that take into account the different interests and different ages of its visitors. You can learn more about hieroglyphics, their eating habits, rituals and their gods. And for children in particular, there is a reconstruction of their homes and domestic lives. From this you can understand how a visit to the Egyptian Museum of Turin is far from a serious or solemn experience. Instead it is a stimulating and fun journey that is suitable for

everyone. In the spirit of renewal and improvement, the Museum continues its journey to new heights: the staging by the architect and set designer Dante Ferretti and the opening of the museum shop are only the two first steps of a project that will be completed by 2015. This will increase the exhibition space from 6,400 square meters to over 12,000 square meters, with new exhibition arrangements and new routes. Throughout the execution of this work, the Museum will remain open and all its related activities will not be disrupted. Over the years, the dynamism of the Egyptian Museum of Turin has expressed and continues to amply demonstrates how culture, even when it firmly maintains its roots in ancient times, may very well be reconciled with modernity and is indeed an important factor in development and modernization.


66/67

CHECK-OUT 41

dei geroglifici, quella delle abitudini alimentari, di riti e divinità e, in particolare per i più piccoli, una ricostruzione della casa e della vita domestica. Da tutto questo si può comprendere come una visita al Museo Egizio di Torino sia tutt’altro che un’esperienza seriosa e solenne, e sia invece un percorso stimolante e anche divertente, adatto a tutti.

Il Museo, sempre nello spirito del rinnovamento e del miglioramento, continua il suo cammino verso nuovi traguardi: l’allestimento dell’architetto e scenografo Dante Ferretti e l’apertura del MuseumShop sono solo i due primi passi di un progetto che si concluderà nel 2015. Si passerà dagli attuali 6.400 mq ad una superficie di oltre 12.000 mq di spazio espositivo, con nuovi allestimenti e nuovi percorsi. Durante tutta la realizzazione dei lavori, naturalmente, il Museo resterà aperto e anche le sue attività collaterali non subiranno interruzioni. Il dinamismo che il Museo Egizio di Torino ha espresso in passato e continua oggi ad esprimere, dimostra come la cultura, anche quando mantiene salde le sue radici nei tempi più antichi, possa conciliarsi con la modernità e sia anzi un fattore di sviluppo e di modernizzazione.


Buone Feste

www.volawindjet.it

89.2020 Da rete fissa ₏ 0,96 al minuto (iva inclusa) alla risposta ₏ 0,12 (iva inclusa). I costi della chiamata da rete mobile variano secondo l’operatore utilizzato.


In volo verso il futuro

Presentato all’Air Show di Parigi da Airbus un concept che anticipa come voleremo nel futuro. Tra ologrammi, realtà virtuale e sedili che massaggiano i passeggeri

ome voleremo tra 50

anni? Airbus ha provato a immaginarlo e ciò

che ne è uscito ricorda molto l’Enterprise di Star Trek. La

fusoliera dell’aereo del futuro

sarà ricoperta da una struttura

ultraresistente basata sullo studio dello scheletro degli uccelli rivestita con un biopolimero

capace di regolare intensità lu-

minosa, temperatura e umidità interna del velivolo.

Basterà il tocco della mano per

massaggianti e aromaterapia;

l’ingombro del bagaglio a mano,

consentendo ai passeggeri di

aree per l’ascolto della musica,

collocato esattamente al posto

rendere questo rivestimento completamente trasparente godere del panorama senza

doversi accalcare sugli oblò.

Scomparirà anche la tradizionale suddivisione in prima classe, business ed economy al posto

delle quali verranno introdotte delle aree personalizzate: in

punta si potrebbero avere delle zone in cui rilassarsi con sedili

al centro, una zona interattiva con connessioni internet,

proiezione di film e ologrammi iperrealistici che aiuteranno a rendere i lunghi viaggi meno

noiosi; in coda, invece, una zona in cui sarà possibile lavorare

con postazioni attrezzate per

trasferire momentaneamente il vostro ufficio ad alta quota.

Sarà possibile sistemarsi senza

che verrà prelevato durante le operazioni di imbarco e

del passeggero. I sedili ricicle-

ranno il calore del corpo umano convertendolo in energia per

alimentare i circuiti del velivolo. Infine, gli arredi saranno auto-

pulenti e realizzati in materiale biodegradabile al 100%.


CHECK-OUT 41

68/69

Flying towards the future At the Paris Air Show, Airbus presented their concept of the future flying experience. Holograms, virtual reality and massage seats for passengers What will flying be like in 50

with aromatherapy and mas-

years? Airbus has tried to imag-

sage seats; the centre will be an

ine it and has come up with some-

interactive zone with Internet

thing very reminiscent of the Star

connections, music, films and

Trek Enterprise. The fuselage

hyper-realistic holograms that

of the plane of the future will be

will help make long journeys

covered with a ultra-resistant

less boring; the tail will be

structure based on bird skel-

a work area with worksta-

eton studies and coated with a

tions equipped to temporarily

biopolymer capable of regulating

transfer your office to higher

light intensity, temperature and

altitudes.

humidity inside the aircraft.

It will also be possible to set-

With just the touch of your hand,

tle down in your seat without

this coating becomes completely

hand baggage as this will be

transparent, allowing passengers

taken from you during loading

to enjoy the panorama without

and placed exactly above your

crowding around the windows.

passenger seat. The seats will

The traditional division between

recycle heat from the human

first class, business and economy

body and convert it into energy

will also have disappeared to

to power the aircraft’s circuits.

be substituted with customized

Finally, the self-cleaning furni-

areas: the tip of the plane will be

ture will be made from 100%

dedicated to rest and relaxation

biodegradable material.


CHECK-OUT 41

Ahi!Tech

71

News for technology addicted people

NEST LEARNING Il termostato in stile iPod

The iPod-styled thermostat

In genere non si è portati a pensare che il termostato sia una grande invenzione tecnologica, finché uno non si accorge che grazie ad esso si può abbattere del 50% il costo del consumo di energia. Nest Learning, il piccolo dispositivo ideato dallo stesso team che ha creato l’iPod, è infatti in grado di autoimpostarsi in base alle nostre abitudini di vita, calcolando il bisogno effettivo di energia anche in base al numero di persone presenti in casa.

Generally no one thinks of the thermostat as a great technological invention. That was until someone realized it could cut the cost of energy consumption by 50%. Nest Learning, a small device designed by the same team who created the iPod, is capable of self-regulation according to our daily habits, calculating the actual energy needed based also on the number of people in the house.

nest.com

LYTRO LIGHT FIELD CAMERA

La rivoluzione della fotografia: prima scatti poi metti a fuoco

LOGITECH MINI BOOMBOX Scatena l’audio e portalo con te

Unleash the audio and take it with you Si collega facilmente a smartphone, tablet o altri dispositivi Bluetooth compatibili e grazie ad una camera acustica appositamente progettata offre un suono straordinario dai potenti bassi. Incorpora anche funzione di vivavoce e microfono, ideali per telefonate e chat video. logitech.com

It easily connects to your smartphone, tablet or other Bluetooth compatible devices and, thanks to a specially designed acoustic chamber, provides outstanding powerful bass sound. A hands-free device and microphone is also incorporated, ideal for phone calls and video chats.

Grazie ad un particolare sistema, cattura tutto lo spettro di luce visibile dell’immagine permettendo di modificare la profondità di campo e il punto di fuoco in fase di post produzione. In altre parole, si scatta “a caso” e solo successivamente si sceglie cosa mettere a fuoco e dove mettere il piano di fuoco.

The revolution of photography: first shoot, then focus Thanks to a particular system which captures the image’s entire spectrum of visible light, this camera allows you to change the depth of field and focus point in post production. In other words, you take “random” shots and only then focus on what you want and where the plane of focus should be.

lytro.com


CHECK-OUT 41

72/73

APP-PARADE Dropbox Per gestire l’archiviazione di documenti, foto, video, audio sul cloud. Consente anche il salvataggio degli allegati alle email e la modifica dei documenti da remoto.

Android / iOS / BlackBerry

A free app to manage the storage of documents, photos, videos, and audio on Cloud. It can also remotely save email attachments and edited documents.

KeePass

SONY 3D HEAD MOUNTED DISPLAY La TV del futuro

The TV of the future

C’è stato un momento, verso la fine degli anni ’70, in cui i pundits premonizzarono che l’intrattenimento del futuro sarebbe avvenuto attraverso schermi 3D olografici da indossare come occhiali. Bene, quel momento si chiama Sony 3D Head Mounted Display ed è arrivato, consentendovi di provare un’esperienza audiovisiva senza pari.

There was a time in the late ‘70s, when the pundits predicted that future entertainment would be seen through 3D holographic screens worn like glasses. Well, that moment has arrived. Called the Sony 3D Head Mounted Display, it allows you to have an audiovisual experience without comparison. sony.com

Per immagazzinare tutte le password in un file criptato al quale accedere attraverso una password master. Così facendo ne dovrete ricordare solo una e non decine.

Android / iOS / BlackBerry / Windows

Allows you to store all your passwords on an encrypted file to be accessed by a master password. This way, you only have to remember one instead of dozens.

Spy Mixology Tutte le ricette con relativi procedimenti per preparare i drink amati da James Bond in maniera impeccabile.

iOS

All the recipes to impeccably prepare drinks loved by James Bond.

Send to computer Per inviare le pagine web che navigate con lo smartphone ad un computer fisso, in modo da consentirvi di consultarle più agevolmente.

Android

Allows you to send the web pages you navigated on your smartphone to a fixed computer in order to read them more easily.

RockPlayer Lettore multimediale che supporta i tutti i più diffusi codec, risparmiandovi noiose conversioni quando passate i file da un device all’altro.

Android

A multimedia player that supports all popular codecs, saving tedious conversions when passing files from one device to another.

Moleskine App

DOXIE DO

Lo scanner portatile The portable scanner È compatibile con mac e pc, ios e android, e inoltre è wireless, il che vi consente di fare la scansione di una foto e archiviarla su Google Docs, Flickr o altro social media ovunque vi troviate. La ricarica della batteria e la memoria consentono la scansione di 600 pagine a 600dpi.

Compatible with Mac and PCs, iOS and Android, and is also wireless, this scanner allows you to scan a photo and store it on Google Docs, Flickr or other social media where-ever you are. The battery and memory can scan 600 pages at 600dpi. getdoxie.com

Per chi è passato dall’agenda all’iPad per cause di forza maggiore ma sente di doversi riappropriare della propria natura.

iOS

For those of you who have moved from the agenda to the iPad by an act of nature, but still feel the need to regain control.

Stitcher Radio Cambia il paradigma dell’utilizzo dei podcast, variando il principio da download a streaming. Ciò comporta ovviamente una maggior ricchezza di contenuti, ma occhio al vostro piano tariffario.

Wordpress Per gestire i contenuti di un sito su Wordpress anche quando vi trovate lontano dal computer. L’applicazione infatti replica il pannello di amministrazione della piattaforma open-source.

Android / iOS

Change the paradigm of podcast use by altering the principle from downloading to streaming. This obviously means a greater wealth of content, but keep an eye on your traffic rates. Android / iOS / BlackBerry / Windows

Manage site contents on Wordpress even when you’re far from your computer. The application replicates the administration panel of the open-source platform.


76/77

CHECK-OUT 41

VOLARE ALTO G

uardare gli altri dall’alto in basso, volare sopra le piccole cose di tutti i giorni… Sì, quelle che lei aveva usato per rinfacciargli anni di insoddisfazione repressa erano facili metafore, roba da rubrica di psicologia di un rotocalco me-

diocre. Eppure, a pensarci bene, lui stesso ci si ritrovava un po’ in quel ritratto così naif: un pilota d’aereo con una buona carriera e un ruolo abbastanza importante, ma sempre insoddisfatto e critico verso tutti, intimamente convinto di avere a che fare con degli incompetenti, sia sul lavoro sia nella vita privata. Ma l’incompetenza sul lavoro la si può dimostrare, esistono dei parametri, pur opinabili, di riferimento; l’incompetenza nei sentimenti, invece, è cosa difficile da individuare, e ancor più da dimostrare. Stava volando verso Berlino e per distogliersi un po’ da quei pensieri che rischiavano di diventare molesti rivolse una battuta al collega accanto a lui: chissà come sarà il cielo sopra Berlino, tu l’hai visto? La faccia perplessa del co-pilota gli fece capire che il film di Wenders non l’aveva visto, e non sapeva a cosa si riferisse. E allora, meglio tornare ai pensieri molesti, ché se li scacci quelli tornano nei momenti meno opportuni. Al centro di questi pensieri lei, ricercatrice in un istituto di biologia molecolare, una abituata a guardare la realtà al microscopio. Ed era proprio questo che non andava, lui aveva una visione più aerea, più sovrastante delle cose, un orizzonte più ampio e aperto. Come le oche, che nelle loro migrazioni raggiungono anche gli 8.000 metri di quota. Beh, forse le oche, per la loro immagine, non erano proprio l’esempio giusto, ma ci sarà stato pure un altro volatile… Perché loro due, così diversi, stavano insieme da 5 anni? Paura della solitudine? No, non per lui almeno, lui queste cose le aveva superate da un pezzo. E l’amore? Beh, su quello lui se la cavava dicendo che è un fenomeno irrazionale, o c’è o non c’è. Già, ma in questo caso c’era o non c’era? Mentre Berlino si avvicinava, quell’uomo competente e preparato sentiva vacillare le sue certezze, e soprattutto accusava una specie di vuoto d’aria interiore. Ma presto la manovra d’atterraggio avrebbe richiesto la massima concentrazione e il comandante non poteva permettersi distrazioni. Una volta a terra le avrebbe comprato un regalino e al ritorno, come tutti i banali mortali, sarebbe stato carino con lei, l’avrebbe portata a cena e così via. Ma poi, al primo incarico, sarebbe tornato alla sua dimensione, al suo sguardo aereo sul mondo, sarebbe tornato a volare alto. Come le oche.

Flying High She never neglected anything in her life, everything had its place, each piece put in its own box. This was not maniac order. No, the fact was that empty spaces irritated and sometimes frightened her,. Like the space created by a missing volume in a long column of books in the library, or a missing tooth that her friend Renata had put off replacing. Nothing serious, mind you, just one of those quirks that accompany our daily lives which we peacefully live with. Or almost. It had nothing to do with working (albeit in a modest position) in high fashion, a world in which a lot of attention is paid to the smallest detail. “God is in the details” said Mies van der Rohe, the architect (a different trade yes but anyway..). That day she returned home from work by bicycle as was her habit in summer and after parked it in the building storage area, she stopped to pick up her mail from her mailbox which was unlike any other: a crafted wrought iron piece from the ‘40s found in a flea market. Not having her key with her, she reached out and grabbed the envelopes through the slot, scissors-like, with her index and middle finger, grabbing all but one which did not want to be caught. Tired, she gave up trying, it was probably only a supermarket or estate agent’s advertisement. A detail that could be left for tomorrow. But no, early the following morning, she would be leaving for

a 15 day vacation with friends and so would not have opened that letter on time, that letter from a notary’s office in Sydney informing her that her long forgotten Aunt Rebecca had willed her a large fortune on one condition: she had to be present at the cremation ceremony, scheduled within a week. America aunts are strange, but Australian aunts do not joke around either. She packed her suitcase carefully, as was her habit, not leaving anything out, not even her eye drops or anti-mosquito spray. Everything was ready. The cat was already at the neighbours who would be looking after it and finally she could get some sleep. Tomorrow would be a long day. But she could not sleep? But why? Was there still something to be done? But what? The gas to turn off or the laundry to be taken in from the balcony? No, that wasn’t it! She thought for a long time and then it came to her: that letter left in the mailbox, something insignificant but something needing to be done and done now. Smiling, she climbed the stairs with the letter unopened in her hand, even though it was two in the morning and set the alarm clock for six. She smiled because she was pleased with herself because that was how she was and she liked it so: she never overlooked any detail, even the most (seemingly) stupid and insignificant ones.

Beppe Morri

Illustrator: Flavio Tibaldi


Check-Out Dicembre Gennaio 2011-2012  

Check-Out inflight magazine