Issuu on Google+

ANNO 1 , NUMERO 8

-

Periodico GRATUITO

-

DICEMBRE

2012

THE WALL una Poesia di Pensieri:

BABBO NATALE ESISTE DAVVERO! Il Natale è alle porte e i primi a godere di questo momento fatto di magia pura, di trepidante attesa ed euforia sono i bambini. Babbo Natale, infatti, è senza dubbio il personaggio che più di tutti incarna il Natale con il ruolo del babbo buono, che tutto può e che è capace di rendere ogni bambino unico, tra molti. Purtroppo però arriva il momento in cui i bambini si domandano quale sia la vera identità di Babbo Natale. Esiste davvero?? Come fa a portare i regali a tutti i bambini del mondo in una notte sola?? Ebbene la risposta vi stupirà! Babbo Natale esiste e riesce a fare tutto e ve lo dimostrerò. Bisogna partire dal principio base della fisica quantistica, secondo il quale la massima velocità raggiungibile è la velocità della luce. Questa è circa 300 mila km al secondo. Il nostro allegro nonnetto barbuto sa fare bene il suo lavoro e sfrutta al massimo i fusi orari in modo che, partendo all’imbrunire e finendo le

ultime consegne all’alba, riesce ad avere a disposizione circa 32 ore (spostandosi da Est a Ovest), così da terminare il suo lungo viaggio in tempo. Sembra impossibile eppure Babbo Natale calcola ogni millesimo di tempo in modo da avere tutto il tempo per parcheggiare, saltare fuori dalla slitta, scendere giù per il camino, infilare i doni sotto l’albero balzare nuovamente sulla slitta e dirigersi alla casa successiva; in fondo sono solo 90 milioni di fermate o poco più! I regali poi. non stanno tutti su una slitta altrimenti sommati al peso di Babbo Natale si sbilancerebbe. Gli elfi che lavorano per lui e che spiano i bambini durante l’anno (per vedere se si sono comportati bene), utilizzano un algoritmo simile a quello di Google Search, che li aiuta a scoprire i regali desiderati e li sistemano in posti segreti in ogni città; in modo tale da evitare problemi di sovraccarico durante il volo. Questo permette loro di viaggiare a quella velocità di cui parlavamo. Questo meccanismo è quasi perfetto, ha un margine di errore del 2% ed è per queste che a volte non arriva il regalo che volevamo! Dunque come potete ben vedere nulla è impossibile soprattutto nella notte del 24 dicembre, la notte in cui tutti i desideri possono diventare realtà, basta soltanto crederci!! EMANUELA IIRITANO

1


DICEMBRE 2012 - THE WALL

LA LISTA DEI DESIDERI Direttamente da Pontegrande e Jano’

2


DICEMBRE 2012 - THE WALL

Segui cosa hanno da dirci ancora, bambini e adulti del nostro quartiere.

continua a Pagina 6 3


CHE SIA UNA FESTA ECO-SOSTENIBILE E’ TUTTO A NOSTRO VANTAGGIO! Tra tutti i buoni propositi, ce n’è uno che non dovrebbe mancare. Dovremmo averlo sempre presente, ma in un periodo di festa lo si mette da parte più del dovuto. Si tratta del rispetto per l’ambiente attraverso il metodo più disastroso con il quale l’uomo potesse avere a che fare; i rifiuti solidi Urbani. Ogni anno, in Italia, si producono ben 29 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani, 80 milioni di tonnel-

4


late di rifiuti speciali e 4 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi. Tali quantità possono diventare altrettante preziose risorse di energia e materia prima, ma occorre costruire un sistema integrato di recupero e trattamento, invece che proseguire sulla politica di stoccaggio in Discariche. Ecco alcune semplici regole per la RACCOLTA DIFFERENZIATA, l’unica via percorribile per un rispetto verso se stessi e verso le generazioni future.

5


DICEMBRE 2012 - Riceviamo e Pubblichiamo

ABBIAMO VOLUTAMENTE CHIESTO AD AMICI, PARENTI E CONOSCENTI, QUALE FOSSE IL LORO DESIDERIO PER QUESTO NATALE. Leggendoli, ognuno vivrà stati d’animo differenti. Sarà un sorriso o un’espressione riflessiva, pensate però che anche la frase più ovvia, certamente nasconde, a livello interiore, molto più di quanto appare!

Dopo i messaggi apparsi a pagina 2 e pagina 3 eccone altri.

Vorrei che la gente buttasse la maschera della cattiveria, vorrei che la gente fosse più sincera nelle proprie azioni e nei pensieri; vorrei vedere più sorrisi che lacrime; vorrei vedere trionfare il benessere nel mondo; vorrei sfamare i bambini del terzo mondo; vorrei guarire le pene che sono racchiuse nei cuori; vorrei sapere, tutti i detenuti ingiusti, fuori in libertà; sono consapevole che non sarà possibile tutto questo!

Vorrei passare le vacanze di Natale su Marte.

Vorrei un pupazzo di neve.

Vorrei andare a Tokyo

Vorrei una Toyota Supra.

Vorrei una Yamaha R6

Vorrei che il mondo diventasse più serio

Per questo Natale vorrei essere davvero felice.

Vorrei evitare tutte queste feste dedite al consumismo.

Vorrei che Babbo Natale portasse qualche soldino  in più per non sentire più la crisi.

Vorrei smetterla di desiderare il desiderio sbagliato che mi porto dietro da più di tre anni.

Vorrei che ci fosse un lavoro per tutti i disoccupati e se è possibile per me un po’ di serenità.

“TUTTO E’ COMPIUTO” - II edizione Se ancora devi ricevere la tua copia contattaci al: tel 1: 329 6068661 tel 2: 338 6262439 tel 3: 334 7917117 Giovani, momenti di riflessione:

HO PAURA ... “La paura è solo un sentimento, non può ucciderti.”

paura di morire. Sono tanti e molto diversi gli accostamenti che possono affiancare la paura e a volte riescono persino e rovinare un’intera esistenza. Infondo però la paura non è altro che un sentimento e se imparassimo a governarla potremmo vivere con più tranquillità. Ho sentito dire: “quella donna è morta di paura”. Se si fa caso a questa frase il senso sfugge scavalcato dalla parola paura che è solo una giustificazione a quel qualcosa di sconosciuto che ha causato la morte. Un animo impaurito non potrà mai essere felice. Non lasciamo che sia la paura a vivere per noi.

La paura… Unico sentimento che riesce a rendere vulnerabile anche l’uomo più duro sulla faccia della terra. Avere paura è molto comune ai giorni nostri come lo era nel passato e come lo sarà nel futuro. Non credo esista essere umano che mai una volta nella vita non abbia provato questo sen- “quando sei padrone della paura nulla può farti timento. Paura del futuro, paura di essere rifiutati, del male.” paura di perdere qualcuno a noi caro o persino

Per riceve le diverse uscite di The Wall a colori e in digitale, inviaci una mail a:

thewall.info@ymail.com (in questo modo contribuirai a diminuire lo spreco di carta) 6


DICEMBRE 2012 - THE WALL

RIPROPONIAMO un ricordo apparso sulle nostre pagine, qualche mese fa

Il 23 dicembre, ricorre IL 51° ANNIVERSARIO della STRAGE SULLA FIUMARELLA Da tanti anni, nelle feste natalizie porto un fiore ed una preghiera sotto il triste ponte della tragedia della fiumarella, dove una lontana mattina del 23 dicembre 1961 alle ore 7:55 un vagone rimorchio delle ferrovie Calabro Lucane, per la rottura del gancio di traino, dopo aver scarrellato, cadde giù dal ponte col suo grande carico di vite umane, nell’impatto col greto del fiume, perirono 71 persone di cui la maggior parte erano studenti.

riconobbi il viso di una ragazza, con mio grande stupore era colei, che nel sogno, mi indico il ponte. Il viso, i capelli raccolti ed il vestito erano gli stessi, ma quello che mi colpi particolarmente fu la didascalia della foto; aveva la mia stessa data di nascita.

Per me quegli angeli sono ancora con noi, proprio quest’anno nel 2011 ho dedicato loro un presepe, proprio quel presepe che in quel lontano natale loro non Quel trenino composto da una motrice (littorina) ed un hanno potuto vedere. vagone a rimorchio era l’unica speranza per tutti, viagBISANTIS GIOVANNI giare su quel treno per avere un domani migliore perché altro non c’era; se non tanta miseria e abbandono. Quello era il sud del 1961. Ma Dio quel giorno volle un qualcosa che noi mortali non possiamo capire… ”ma Dio mio credimi, c’è cosi poco da capire e accettare”. Io posso dire solo una cosa, quegli angeli, io li ho visti in un sogno. Nel sogno vedevo vari gruppi di ragazze che camminavano per una stradina fiancheggiata da un ruscello ed illuminata dal sole, dissi ad una di loro (l’unica col viso nitido) “dove andate? tra poco il sole tramonterà!” lei gira il capo guardando un ponte, capendo che quello era il luogo della tragedia mi svegliai bruscamente. A distanza di molto tempo dal sogno, vidi su un giornale, fra i tanti articoli dedicati alla ricorrenza dei 50 anni dalla tragedia, fra le tante foto degli studenti deceduti,

QUOTA DI PARTECIPAZIONE E COSTI PAINTBALL CATANZARO A PERSONA : Per chi viene la prima volta 15€ (comprende tessera e partita). Da lunedi a venerdi dalle 8:00 alle 19:00 € 10; dalle 20:00 alle 7:00 € 15. Sabato e festivi dalle 8:00 alle 19:00 € 15; dalle 20:00 alle 7:00 € 20. Carica extra: 100 paintballs € 3; una carica completa € 5; 1 sacchetto da 500 paintballs € 15. I COSTI COMPRENDONO: L’UTILIZZO DEL CAMPO PER 2 ORE,MARCATORE CON UNA CARICA COMPLETA,ARIA COMPRESSA ILLIMITATA,MASCHERA,CORPETTO E PARACOLLO. È consigliato prenotare telefonicamente.

7


E’ dalla redazione di The Wall che vi arriva uno speciale augurio. Speriamo per tutti in un felice Natale, ricco di gioia e di pace e perch é no anche in un Natale indimenticabile. Nei precedenti numeri abbiamo sempre dato la “ voce” a chi la aveva richiesta, questa volta con i vostri desideri e pensieri sul natale avete reso questo numero davvero speciale. Il nostro desiderio di Natale è che tutta la comunità possa conoscere il nostro lavoro perché davvero ci mettiamo il cuore e che anche voi collabboraste alle prossime realizzazioni, alle prossime attività, come avete fatto con questo; così da rendere il nostro The Wall una “ poesia” di pensieri. Buon Natale cari lettori. 8


numero 8