Page 1

P

O

R

T

F

O

L

I

O Daniele Demattè Architetto

2009 / 2016

1


2016 / DANIELE DEMATTE’ 2


LETTERA DI PRESENTAZIONE Buongiorno,

sono un giovane architetto, appassionato di modellistica e design, laureato alla Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano nel 2015 e da poco abilitato alla professione ed iscritto all’ordine degli architetti di Trento. Dopo una prima esperienza lavorativa, ancora in corso, sono alla ricerca di nuove opportunità o collaborazioni per mettere alla prova le mie conoscenze e capacità Gli ambienti in cui ho avuto modo di sperimentarmi e di crescere hanno spinto il mio interesse verso tutto quel che è “pensiero di architettura”, ma anche la sua comunicazione ed il modo in cui essa riesco a passare dalla carta alla materia. Credo che questo arricchisca il mio modo di essere architetto, di avvicinarmi al progetto e a quello che può raccontare senza usare parole. Attualmente seguo gli studienti del Laboratorio di Progettazione 2 al secondo anno di laurea magistrale in Architettura delle Costruzioni, e svolgo il ruolo di architetto collaboratore presso uno studio milanese. .

3


INDICE

4


2

6

10

Lettera di presentazione

Curriculum Informazioni personali. Formazione ed esperienze di stage curricolare. Esperienza lavorativa ed Insegnamento

CapacitĂ Grafiche Disegno automatizzato, 3D making e rendering, impaginazione, immagini e video.

.

.

.

11 12 13 Model Making Competenze Competenze Modellistica in legno, Tecniche Strutturali gesso, cemento, Progettazione di Progettazione materiali plastici, detaglio, progetta- strutturale e calcolo cartone. zione impiantistica, informatizzato. teconolgie sostenibli.

.

.

.

14 30 36 Progetto di tesi Collaborazioni Lavori Personali Ampliamento del Lavori sviluppati Progetti universitari, campus dell Co- presso studi di achiconcorsi lumbia University a tettura come stagista Manhattanville - New e poi come architetto York City

5


CURRICULUM

Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Viale dei Mille 33, Milano dematte.daniele@gmail.com 340 3634883

Interessi: Sono un giovane lauerato in architettura che nutre particolare interesse per il design in ogni suo aspetto, dal graphic design alla progettazione di oggetti in legno ed alla loro prototipazione

Capacita’ relazionali: Sono una persona fortemente motivata, orientata al raggiungimento dell’obiettivo, capace di lavorare in gruppo e sotto condizione di stress.

Informazioni personali Nato

a, il

Trento 21/11/1990

Cittadinanza Italiana

Domicilio

Sesso

Milano, viale dei Mille 33

Maschile

Residente

a

Vigolo Vattaro, Trento

Patente B


CV Formazione e esperienze di stage 5

Abilitazione alla professione di architetto presso la sede esaminatrice di Milano Politecnico, iscrizione all’Albo deli architetti di Trento.

4

Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni (110 e lode/110) presso la Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano, con la tesi “Manhattanville Urban Campus”. Candidata per il Premio miglior tesi dell’ordine degli architetti 2015 e per il Premio Mantero 2015

3

Programma di scambio Erasmus presso l’Ecole Nationale Superieure d’Architecture et de Paysage de Bordeaux.

2

Laurea di primo livello (108/110) presso in Architettura delle Costruzioni, presso la Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano.

1

Diploma di Maturità scientifica (72/100) presso il liceo scientifico G. Galilei di Trento

D

2015 - Workshop Camposaz “Transilvania calling”, Brasov (RO)

C

2014 - Internship presso lo studio Piovenefabi, partecipando al progetto: Durana - Progetto urbanistico lungo la tratta stradale da Tirana a Durazzo (Albania) - Progetto vincitore

B

2014 - Modellista presso lo studio ITCH, partecipando ai progetti: Asilo e scuola elementare a Orsonnens (CH) Asilo e scuola elementare a Granges Paccot (CH)

A

2012 - Internship presso lo studio HN Architetti associati, partecipando al progetto Biofattoria sociale “i Sabbioni”

7


CV Esperienza lavorativa A

OTTOBRE 2015 - ATTUALMENTE Architetto junior presso lo studio Laboratorio Permanente di Nicola Russi e Angelica Sylos Labini partecipando a diversi progetti: A1 HONG KONG LUXURY FOOD MARKET Progetto e riorganizzazione degli interni di un luxury food market situato nel basamento di un grattacielo di nuova costruzione nella città di Hong Kong. Progettazione di interni, Realizzazione di immagini fotorealistche, Progetto di dettaglio. A2 UFFUCI IMS HEALTH - CONCORSO Progetto e riorganizzazione degli interni del nuovo edificio di IMS Healt a Milano, il progetto consiste nella progettazione degli interni di quattro piani di uffici e di sale svago per i dipendenti. Progettazione di interni, Realizzazione di immagini fotorealistche,

Insegnamento 1

OTTOBRE 2015 - ATTUALMENTE Assistente alla docenza nel Laboratorio di Progettazione dell’Architettura 2 tenuto dai professori F. Battisti, E. Battisti e R. Contrino , al secondo anno del corso di laurea magistrale in Architettura delle Costruzioni.

2

NOVEMBRE 2015 Tutor nel Workshop didattico riguardante l’espansione della Harvard University, tenuto dai professori F. Battisti e R. Contrino. Il workshop, svoltosi tra Boston e Milano ha impegnato gli studenti nell’analisi di alcuni edifici casi studio visti a Boston e nella produzione di mappe analitiche a livello urbano dell’area di Allston in Boston in cui l’università di Harvard intende ampliarsi.

8


CV Pubblicazioni ed esposizioni A

GIU - SETT 2015 Zio Paperone e i segreti del deposito, Storia e statica del simbolo di Paperopoli Nell’ambito dell’integrazione di Strutture del laboratorio di progettazione architettonica 2, curata dal professor. Luca Sgambi si è studiata la statica del deposito, progetto poi esposto a WOW Spazio Fumetto, Milano.

B

MARZO 2013 Guinnes on Liffey, Multiple scenarios for Guinnes Factory area regeneration Esposizione temporanea presso la School of Architecture dell’ UCD (University College Dublin) di disegni elaborati dagli studenti del Laboratorio di Urbanistica tenuto dai proff. Nicola Russi e Cesare Macchi Cassia, corso di laurea in “Architettura delle Costruzioni” della Scuola Civile – Bovisa del Politecnico di Milano, dell’anno accademico 2011-2012.

C

GENNAIO 2012 Milano Dencity Lab, Case basse ad alta densità Esposizione temporanea presso l’Urban Center di modelli e disegni elaborati dagli studenti del Laboratorio di Progettazione Architettonica tenuto dalla Prof. Francesca Di Gennaro, corso di laurea in “Architettura delle Costruzioni” della Scuola Civile – Bovisa del Politecnico di Milano, dell’anno accademico 2010-2011.

Progetti e Concorsi 1

DIC - FEB 2015 Partecipazione al concorso YAC: Rome Community Ring Partecipazione al concorso con gli arch. Michela Palmisano e Manuel Clasadonte

Lingue Inglese

8 anni di studio

Tedesco

Francese

1 anno Erasmus a Bordeaux

Italiano

10 anni di studio, B2

Madrelingua

9


CAPACITA’ GRAFICHE Utilizzo di programmi per il disegno automatizzato, modelli tridimensionali, postproduzione e video

W

Disegno automatizzato

3D Making e rendering

immagini, testi e video

Autocad

Rhinocers

Photoshop

Illustrator

Sketchup

Indesign

Vectorworks

Revit

Premiere pro

Archicad

Autocad 3d

Pacchetto Office (Certificazione ECDL1)

Rhinoceros + VRay

Word

Excel

Per la realizzazione di disegni automatizzati mi avalgo, normalmente dell’uso di diversi programmi. Mi ritengo molto abile e rapido nell’uso di Autocad per il disegno in due dimensioni, mentre per la postproduzione dei disegni tecnici utilizzo molto spesso Illustrator. Conosco i comandi base di Revit, Vectorworks e Archicad. Per la realizzazione di modelli 3D mi avvalgo sempre del programma Rhinocers, di cui sono un ottimo conoscitore, sono in grado di utilizzare anche Sketchup (progrmma che uti-

lizzavo prima di Rhinoceros) e Autocad 3D. Per la realizzazione di rendering fotorealistici ho a volte utilizzato Cinema 4D con Vray. Sono abile nell’uso di Adobe Photoshop con cui ho realizzato gran parte delle viste materiche estrapolate dal 3D e di Adobe Indesign, con cui ho impaginato questo book, la mia tesi e quasi tutte le tavole che ho realizzato per i corsi universitari. Conosco molto bene il pacchetto Office di cui ho conseguito la certificazione nel 2005.


MODELLISTICA Modellistica in legno, gesso, cemento, materiali plastici, cartone. GESSO E CEMENTO LEGNO E IMPIALLACCIATI MATERIALI PLASTICI

Quartiere

Dettaglio

e assem glio bl Ta ag re gi a o m

inari per cch r ma io lase o agl Us l t i

Edificio

Pensare e p ro gr a m

CARTA E CARTONE

Lungo tutti i 5 anni mi sono sempre occupato della realizzazione del plastico di ogni progetto, in quanto ritengo di avere una buona capacità manuale per la realizzazione di modelli di dettaglio e modelli urbani. Possiedo una buona capacità nell’uso del taglierino, sono in grado di utilizzare il seghetto elettrico (ho potuto perfezionarne l’uso

Pad r uso on de an l

Fin dal primo anno del corso di studi in architettura delle costruzioni ho sviluppato la passione per la modellistica in scala di edifici ed oggeti di design.

D i3 nt a

Scala

St am p

ll’ ne o za ss e g

N

durante la realizzazione del modello di tesi ) e possiedo una buona capacità nell’utilizzo di macchine per il taglio laser e la stampa tridimensionale. Inoltre possiedo una passione per la realizzazione di modelli in gesso e cemento per colatura. Durante due dei periodi di tirocinio che ho svolto mi sono stati assegnati dei modelli da completare, tra cui un modello di concorso definitivo in gesso. Sono anche un grande appassionato di stampa 3D applicata alla realizzazione di modelli architettonici.


COMPETENZE TECNICHE Progetto e disegno di soluzioni tecnologico-costruttive

Progettazione impiantistica

1:5

D i se Im gn pi a

lio ag tt de

1:1

1:20

o

Disegno det costrut tag tiv li i

piantiscti co o im tt ge o Pr

Progetto di dettaglio

i costrutt ion iv e Sez

Tecnologie sostenibili

Cosa mi interessa?

Costruzione in legno

Cosa so fare?

i zion lu he so tic s ti n

Prog et to

d i

La progettazione di dettaglio mi ha sempre interessato molto, trovo che nella correlazione tra dettaglio costruttivo e soluzione tecnologica si formalizzi la distinzione tra un’architettura eccelente ed una buona architettura. La progettazione, il dialogo con le aziente produttrici e il labor limae con cui i professionisti si avvicinano ad una soluzione comune mi interessano moltissimo. Durante la carriera universitaria ho disegnato svariate sezione costruttive

su varei scale, dal dettaglio costruttivo 1:20 fino all’applicazione del particolare tecnologico in scala 1:5. Sono molto interessazto alla tecnologia costruttiva in legno, per questo ho svolto un tirocinio presso HNarchitetti associati, studio molto interessato in questa tematica. A luglio 2015 ho anche partecipato al workshop Camposaz in cui abbiamo realizzato una struttura in legno in scala 1:1, esperienza che mi ha permesso di approfondire ulteriormente la tecnologia in legno.


COMPETENZE STRUTTURALI Progetto e disegno e calcolo di soluzioni strutturali

0

Di se g n

e al nu a

o e revisione ett ale og ttur Pr tru S

Programmi SA Adin P2 a9 00 00

i di carpen egn te Dis ri a

Strutture in acciaio

Strutture in legno Esperienza aumentata durante il workshop Cmposaz. Link http://www.camposaz.com/ Strutture in calcestruzzo

i

gli tta de di

Cal co lo

m

Programmi di calcolo automatizzato Adina900

Calcolo e progetto di strutture bidimensionali in legno, acciaio e calcestruzzo.

Sap2000

Calcolo e progetto di strutture tridimensionali in legno, acciaio e calcestruzzo.

Durante i cinque anni di studio ho potuto approfondire la capacità di progettare e di calcolare in modo preliminare strutture in legno, calcestruzzo e acciaio. Sono in grado di calcolare manualemente strutture di diverse tipologie e in materiali diversi. Negli ultimi anni ho portuto approfondire l’analisi delle strutture grazie all’uso di alcuni programmi di calcolo come Adina900 e Sap2000 che permettono di camcolare strutture tridimensionali complesse.

Nell-ultimo periodo ho potuto migliorare la mia esperienza nella concezione e nella realizzazione di strutture in legno al workshop Camposaz Romania 2015, dove abbiamo realizzato una piccola struttura con giunti in legno avvitati . Grazie alla mia capacità di calcolare e di ragionare sulle strutture posso lavorare in gruppi di lavoro composti da diverse figure professionali.


TESI MAGISTRALE AMPLIAMENTO DEL CAMPUS DELLA COLUMBIA UNIVERSITY A MANHATTANVILLE


Tesi Magistrale Candidato per il premio delle migliori tesi dell’ordine degli architetti di milano 2015 Candidato per il premio mantero delle migliori tesi della scuola di architettura civile 2015

Curriculum e competenze

15

Daniele Dematté

La tesi che ho svolto si occupa dell’ampliamento del campus della Columbia University nel quarteiere di Harmel a Manhattanville. Il progetto, attualmente in corso su masterplan di Renzo Piano, prevede di realizzare 280.000 metri quadri di edificato in 20 anni. L’idea fondante del masterplan è stata quella di creare un tessuto omogeneo per la didattica e di sottolineare la 125th strada, anomalia della griglia, con tre emergenze. Tutto è tenuto assieme da un suolo continuo che, attraverso piani trangolari, riesce a raccordare le diverse altezze del sito. In particolare mi sono occupato di approfondire l’università di Business, tassello del tessuto. Il concept si fonda sulla dicotomia tra tettonica e steriometria: l’edificio leggero sta sospeso a 9 metri dal suolo che fluisce al di sotto come una superficie sfaccettata e percorribile. e scavata ad accogliere gli spazi più intimi.


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Il masterplan

Verso

il

New Jersey

Vista dalla 125th strada, dove si contrappone il tessuto accademico e il sistema delle torri residenziali lungo la 125th strada 16


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Il masterplan

UN TERRENO ABITATO Pianta del piano terreno e sezione prospettica del masterplan, spazio aperto e chiuso si mischiano con le curve di livello 17


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Il masterplan

LA 125TH STRADA Assonometria aperta della 125th strada, diversi personaggi si fronteggiano lungo la 125th strada creando un nuovo paesaggio urbano 18


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Il masterplan

MODELLO DEL SOUTH/WEST CORNER Le diverse giaciture generano un edificio che segue la maglia di Manhattan ma allo stesso tempo si confronta al piano terra con altre geometrie e orografie 19


Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

TRA CIELO

20


Tesi Magistrale - Approfondimento

Daniele DemattĂŠ

IELO E TERRA

21


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

IL TERRENO Assonometria del piano terra, costruito da un suolo a piano triangolari soto cui si scavano gli spazi piĂš intimi 22


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

LA COSTRUZIONE Il suolo rivestito in mattoni, come le vecchie strade di Manhattan, viene indagato plasmando il cotto in geometrie complesse. 23


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

IL TERRENO E LO SCAVO Viste della piazza di ingresso e degli spazi scavati nel sottosuolo. 24


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

LA STREET E LA STREET COPERTA Lungo le street le anse del terreno creano spazi di sosta e ingressi. All’interno sotto la copertura vetrata la street diventa un grande mall. 25


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

I VOLUMI SOSPESI Sezione costruttiva dei volumi che ospitano la parte di didattica e ricerca, gli spazi in continuo rimando tra loro creano una sezione dimanica. 26


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

SETTI E PONTI I corpi scala sono gli unici elementi strutturali che arrivanoa terra e permettono di distribuire liberamente la pianta del piano. 27


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

NEL CIELO Viste del mondo leggero e sospeso degli edifici per la didattica e del mall interno. 28


Daniele DemattĂŠ

Curriculum e competenze

Tesi Magistrale - Approfondimento

LA FACCIATA La facciata si compone di lamelle in vetro satinato che, applicate sul serramento, contribuiscono ad alleggerire il volume. 29


colLaboratorio Permenente

Ottobre 2015 - Adesso - Architetto

laCamposaz Workshop

Luglio 2015 - Partecipant

boPiovenefabi

Ottobre-Dicembre 2014 - Intern

raItCh societĂ di architettura Gennaio 2014 - Modellista

zioHN Architetti Associati

Dicembre 2012 -Maggio 2013 -Intern

ni 30


Collaborazioni - Architetto

Collaborazioni

Daniele DemattĂŠ

LABORATORIO PERMANENTE

Concorso IMS Health, progetto vincitore. Come collaboratore mi sono occupato della progettazione e realizzazione delle immagini per il concorso di progettazione di interni degli uffici di IMS Health italia attualmente in realizzazione.

31


Collaborazioni - Architetto

Collaborazioni

Daniele DemattĂŠ

LABORATORIO PERMANENTE

La Maison, Centro commerciale, Hong Kong Confidential Project

32


Collaborazioni - Architetto

Collaborazioni

Daniele DemattĂŠ

LABORATORIO PERMANENTE

Resort e Spa, Palesi, Puglia (IT) Come collaboratore mi sono occupato della progettazione, della rappresentazione del progetto in corso per un resort nel comune di Martinafranca.

33


Collaborazioni - Workshop

Collaborazioni

Daniele DemattĂŠ

CAMPOSAZ WORKSHOP

Tampa installation, Brasov, Romania Come partecipante mi sono occupato progettazione e la costruzione durante la settimana del workshop internazionale.

34


F-3 The lake as a playground

Collaborazioni - stage

Collaborazioni

Daniele DemattĂŠ

PIOVENEFABI

Concorso Durana, Albania, progetto vincitore. Stage di 3 mesi durante il corso di laurea magistrale in architettura delle costruzioni, ho affrontato questo progetto di scala territoriale e dei progetti di scala piĂš ridotta.

PIOVENEFABI, YellowOffice, ArchiSpace Studio, Vladimir Myrtezai, Stefano Graziani, MIC

35


lA-

Forte Portuense Scavo e riuso per ricucire la memoria dove la città è arrivata da poco - Concorso Rome Community Ring

38/39

voWelcome in! All’apparenza una città che continua, all’interno un mondo diverso in cui la sorpresa la fa da padrona.

40/41

ri 42/43 Archetipi simbiotici Piccola casa/studio per un artista.

36


per44/45

so-

Orizzonte Alla ricerca di una sensazione per riscoprire un monumento abbandonato tra cielo e acqua.

nali

Oltre il limite Ricucire un quartiere rendendo abitate le barriere della cittĂ .

37

46/47


FORTE PORTUENSE Scavo e riuso per ricucire la memoria dove la città è arrivata da poco - Concorso Rome Community Ring

Lavori personali

Daniele Dematté

Il progetto prevede di usare l’avvammalento esistente per scavare degli spazi che si possano aprire alla città al di sotto e far diventare il fossato del forte un nuovo spazio pubblico per la città.

Il concorso riguarda il recupero del Forte Portuenze nella periferia Romana. Il sistema dei forti viene reintrepretato come dei baluardi della città che possando diventare dei ricettacoli per la vita dei quartieri più periferici.

38


Forte portuense

Lavori personali

Daniele DemattĂŠ

Ambito di sviluppo

Localizzazione, mese, anno

Concorso personale Con Michela Palmisano, Manuel Clasadonte

Roma, Italia Febbraio 2015

39


WELCOME IN! All’apparenza una città che continua, all’interno un mondo diverso in cui la sorpresa la fa da padrona.

Lavori personali

Daniele Dematté

de edificio della Guinnes disegna gli spazi ogni volta inaspettati: da un tortuoso mercato dalle spazialità esotiche,ad un mondo sotterraneo infinito, fino ad una torre che sfida il dislivello introducendo una nuova verticalità.

Scopo del progetto è di trovare uno spazio pubblico alternativo alla strada da offrire alla città, per questo nasce un nuovo sistema: la corte, che mantiene il rapporto con la città, al suo interno custodisce uno spazio segreto offerto alla città. Ogni interno è disegnato partendo dal vuoto, una griglia che parte dal gran-

Benvenuti nella Dublino a sorpresa!

40


Welcome in!

Lavori personali

Daniele DemattĂŠ

Ambito di sviluppo

Localizzazione, mese, anno

Laboratorio di progettazione urbanistica. Proff. Nicola Russi, Cesare Macchi Cassia.

Dublino, Irlanda Giugno 2012

41


ARCHETIPI SIMBIOTICI Piccola casa studio in legno per un artista

Lavori personali

Daniele Dematté

cercando il sole, il volume opaco si posiziona secondo la giacitura dell’edificio esistente. i due volumi scmbiano calore l’uno con l’altro fino a lavorare assieme per garantire il miglior comfort durante qualunque stagione.

Un piccolo studio per un architetto o un artista che vuole cercare di rispondere alle esigenze di flessibilità e del vivere effimero della contemporaneità scavando nell’archetipo. due volumi identici per forma ma diversi per rivestimento lavorano simbioticamento: la serra si oriena

42


Archetipi simbiotici 15 X 15 (portante)

15 X 15 (portante) 15 X 15 (portante)

5 X 15 (portante)

5 X 15 (portante) 5 (portante) X 15 (portante) 5 X 10

5 X 10 (portante)

3 X 5 5 X 10 (portante) 4 X 53 X 5

3X5 4X5

6 X 34 X 5 5 X 56 X 3 5X 5

6X3 5X 5

colmo in tegola, uscita della facciata ventilata

7,3 M

TETTO A FALDA INCLINATA DI 34° tegola liscia (30 x 27 cm) montante in legno (3 x 5 cm) montate in legno (4 x 5 cm) guaina bituminosa impermeabilizzante isolante rigido in sughero (6 cm) struttura in legno (montanti 15 x 7 cm) isolante in lana di legno (16 cm) barriera al vapore rivestimento in legno di abete

lucernario con serramenti in legno, uscita per la ventilazione naturale

34°

F

scossalina in zinco verniciato scuro

5,2 M

stanza da letto

SOLAIO INTERPIANO

D

Daniele Dematté

Lavori personali

TETTO A FALDA INCLINATA DI 34° policarbonato doppio strato (2 x 120 x 60 cm) montante in legno (4 x 3 cm) trave in legno (15 x 7 cm)

4,8 M

finitura in parquet di abete colla per parquet montanti in legno (3 x 4 cm) trave in legno (7 x 15 cm) finitura in cartongesso intonaco per interni

34° dettaglio della canalina analizzato in scala 1:10 nella tavola 3

pluviale in alluminio verniciato bianco 3,3 M

15 x 15 porta finestra scorrevole in alluminio e policarbonato

15 x 7

aumentato da 4 a 8 cm

tegola liscia (30 x 27 cm) montante in legno (3 x 5 cm) montate in legno, facciata ventilata (4 x 5 cm) isolante rigido in sughero (6 cm) struttura in legno (montanti 15 x 7 cm) isolante in lana di legno (16 cm) barriera al vapore

riscaldamento radiante a parete pannello isolante lucido

interstizio per la ventilazione della parete

atelier primaverile

atelier

SOLAIO CONTROTERRA finitura in cemento spazzolato paraffina in scatole di alluminio (10 x 2,7 cm) massetto in calcetruzzo (2 cm) rete elettrosaldata guaina impermeabilizzante isolante rigido (6 cm) struttura in legno (montanti 15 x 7 cm) isolante in lana di legno (16 cm) 0,5 M

dettaglio montante a L per sorreggere la porta scorrevole montante fisso in acciaio

0,2 M

0,0 M (+12 M)

E

Sezione 11', S 1.20

na o o bianco

scossalina alluminio verniciato bianco

3 x 5 cm

ghiaia drenante tetto esistente

cassette contenenti paraffina, accumulo inerziale

trave HE in acciaio

3 x 5 cm

1,5 cm 1,5 cm

doppio vetro

1,5 cm

doppio vetro

1,5 cm

2 x 120 x 60 cm cm

Policarbonato alveolare

canalina in zinco verniciato scuro 15 X 15

10 x 2,7 cm

serramento in legno d'abete

10 x 2,7 cm

15 X 15

doppio vetro

doppio vetro

canalina in zinco verniciato scuro

paraffina in cassette di alluminio

6 cm 6 x 12 cm

serramento in legno d'abete

7 X 15 7 X 15

paraffina in cassette di alluminio

6 x 12 cm

lucernario in legno di abete velux

lucernario in legno di abete velux

6 cm isolante in sughero

isolante in sughero

6 cm 6 cm

isolamento in sughero

isolamento in sughero

30x27 cm 30x27 cm

15 X 15

15 X 15

trave in legno struttura platform frame

7 X 15

15 X 15

7 X 15

15 cm 15 cm

3 x 5 cm

isolante in lana di legno

3 x 5 cm

isolante in lana di legno

0,25 cm 0,25 cm

bulloni di fissaggio in acciaio

bulloni di fissaggio in acciaio

4 cm d

6 x 5 cm

trave HE in acciaio

serramento in legno d'abete

barriera al vapore

trave HE in acciaio ghiaia drenante

scossali zinco 15 X 15

bullone acciaio

15 X 15 ghiaia drenante

15 cm

15 cm lana di legno

lana di legno 1 cm 1 cm rivestimento in legno d'abete

1,5 cm 1,5 cm

0,5 cm scossalina in barriera al vapore zinco

0,5 cm

4 cm d 6 x 5 cm bullone acciaio

serramento in legno d'abete

tegola liscia

tegola liscia

15 X 15

7 x 15 7 x 15 trave in legno struttura platform frame

doppio vetro

rivestimento in legno d'abete

doppio vetro

ommità serra e attaccon in testa serra-edificio, S 1:10

D Sommità serra e attaccon in testa serra-edificio, S 1:10 E Attaccoo a terra e collegamento serra-edificio, S 1:10

E Attaccoo a terra e collegamento serra-edificio, S 1:10 F dettaglio lucernario e scossalina, S 1:10

Ambito di sviluppo

F dettaglio lucernario e scossalina, S 1:10

Localizzazione, mese, anno

Corso di tecnologie per il risparmio energetico Prof. Gianluca Brunetti

Milano, Italia Febbraio 2014

43


ORIZZONTE Alla ricerca di una sensazione per riscoprire un monumento abbandonato tra cielo e acqua.

Lavori personali

Daniele Dematté

Qui si andrà a insediare la nuova scuola di architettura, che non vuole essere un edificio, bensì un percorso. Salendo sulla passerella e ci si trova di fronte ad uno spazio fluido che guarda verso l’orizzonte, in cui sono immersi dei volumi, a ritmarlo come su uno spartito musicale.

La passerelle Eiffel, un monumento all’industria ferroviaria francese ormai caduto in disuso, si pone come un segno al limitare della citt’, tagliato ai bordi e scollegato dai binari, sue appendici naturali il ponte diventa un orizzonte che non tocca mai terra, uno spazio sospeso. Un orizzonte tra il fiume e il cielo.

44


Orizzonte

Lavori personali

Daniele DemattĂŠ

Ambito di sviluppo

Localizzazione, mese, anno

Ecole Nationale Superieure d’Architecture et de Paysage de Bordeaux, Prof. Xavier Leibar

Bordeaux, Italia Giugno 2013

45


OLTRE IL LIMITE Ricucire un quartiere rendendo abitate le barriere della città.

Lavori personali

Daniele Dematté

sione, un limite netto e invalicabile. La scelta è stata quella di non costruire direttamente sul sito di progetto ma di utilizzare l’edificato come un ponte abitato, al di sopra della ferrovia, per lasciare invece sull’area un parco che possa diventare la valvola di sfogo per i due quartieri: la Bovisa storica e la goccia della Bovisa.

La ferrovia, un taglio, una ferita ancora da rimarginare, come le rotaie del signor Rail, che correvano e correvano dritte dritte per centinaia di metri ignare di dove passassero e di cosa incontrassero sulla loro strada; ciò che è stato il primo mezzo per mettere in connessione nazioni intere diventa, tra i due quartieri, una divi-

46


Oltre il limite

Lavori personali

Daniele DemattĂŠ

Ambito di sviluppo

Localizzazione, mese, anno

Laboratorio di progettazione 3 Prof. Stefano Guidarini

Milano, Italia Giugno 2012

47


48


49

Daniele Demattè - Curriculum e Tesi magistrale in architettura  
Daniele Demattè - Curriculum e Tesi magistrale in architettura  
Advertisement