Page 1

Parrocchia San Castrese

NUMERO 2 DICEMBRE 2011

Notizie di rilievo: Auguri alla comunità dai nostri sacerdoti Da questo numero è presente una sezione dedicata agli appuntamenti parrocchiali

Sommario: Buon Natale

1

E’ Natale, faccia- 1 mo festa insieme Una castagna per 2 il futuro Noi Giovani pos- 2 siamo fare la differenza Presentazione 3 programma della pastorale giovanile diocesana Calendario eventi 3 Area giochi

4

Info e orari

4

Con questo augurio, vi invito fratelli a prendere con me domicilio a Betlemme, dove non ci sono luci che riempiano le vie e le vetrine, dove non ci sono luoghi di divertimento dove escono musiche che vorrebbero essere invito alla gioia, dove non si prenota in qualche albergo ad una o più stelle per il cenone o una stanza lussuosa dove partire per andare a sciare. Gesù ha scelto la povertà,

l’umiltà, il freddo, il gelo… però ricco del calore delle braccia di Maria. Come sarebbe bello se a Natale, invece di riempire le case di cose inutili, le svuotassimo per condividere con chi non ha, p e r f a r e l’esperienza meravigliosa del dono, per vivere insieme a Ge-

sù. Questo sarebbe il regalo più bello di Natale! Cambiaci il cuore, o Gesù, affinché noi diventiamo Betlemme e gustiamo la gioia del tuo Natale con Maria e Giuseppe e i pastori… Buon Natale a tutti… ora sapete di quale Natale intendo parlare.

Fratelli carissimi, ci siamo quasi, manca ben poco… Natale è vicino e tutti pensieri sono orientati verso le lettere da scrivere per le feste natalizie e di fine anno, i regali da fare, le cene e i pranzi da preparare…. Ma in un tempo in cui ormai non c’è più spazio alla preghiera e alla riflessione ma solo e troppo spazio purtroppo al chiasso e alla fretta, è opportuno fermarci e riflettere per riscoprire il senso e il valore cristiano della festa di Natale. Poniamoci la vera domanda: che senso ha per noi, cristiani d'oggi, celebrare il Natale del Signore? Oggi cerchiamo ancora di vivere un Natale cristiano secondo lo spirito del vangelo? In parrocchia, anche quest’anno, abbiamo voluto dare spazio ai bambini che preparano la prima comunione. Con loro abbiamo pensato e realizzato, in gran parte, il presepe allestito in chiesa. Perché un presepe pensato dai bambini? Perché Natale è la festa di Dio che si fa Bambino. Certo, ce lo ripetiamo tutti gli anni, ma questa verità si fa sempre nuova in ogni Natale, “Dio

si è fatto Bambino in Gesù”, fragile come ogni bambino che nasce, abbandonato alle cure degli uomini, riconosciuto come Dio non dai sapienti e dai dottori della legge ma dai pastori che nella società di allora appartenevano alle classi più emarginate e disprezzate e Gesù è stato deposto nella mangiatoia. Il nostro presepe è speciale, sicuramente! Vi troviamo un sentiero che attraversa il deserto, una siringa, una catena, una sigaretta, dei gioielli, uno specchio (trucco), un soldato, una bibbia, una capanna e tanti altri segni. Perché la siringa? la sigaretta? lo specchio? i soldini? i gioielli? il soldato? La seconda cosa che mi piace condividere con voi in questa occasione è proprio la motivazione dell’incarnazione di Dio. Perché il Signore nostro Dio si è fatto uomo? Dio si è fatto uomo per liberare l’umanità dalla schiavitù. “ … egli libererà il povero che grida e il misero che non trova aiuto, avrà pietà del debole e del povero e salverà la vita dei suoi miseri” Ps 71 Ma di quale schiavitù si tratta ai giorni

di oggi? Come non leggere nel presepe dei bambini i segni della schiavitù moderna e attuale di cui il Signore viene a liberarci! Oggi essa ha un nome e si chiama droga, bellezza, soldi, violenza, velocità, internet…. In Africa, al centro di ogni villaggio oppure in un angolo del villaggio c’è sempre un albero folleggiante. E’ il luogo dove i notabili si riuniscono attorno al capo per trattare le diverse questioni che riguardano la vita della comunità oppure procedere alla riconciliazione di persone in caso di conflitto. Ciò ci fa dire che anche l’albero di Natale inserito nel suo contesto religioso è certamente segno di pace e speranza. Cogliamo allora questa occasione per farvi i nostri migliori auguri ma anche invitarvi a contenere la spesa natalizia, a liberarci dalla schiavitù moderna e sperimentare la vera pace in famiglia ed aprire il vostro cuore alla gratitudine per il regalo che Dio ci fa in Gesù. Buon Natale! Don Felix Ngolo

Don Giuliano Paloni parroco


Tutto è nato da un idea e tanta voglia di fare! Un venerdì sera il gruppo giovani, come di consueto, si era riunito in parrocchia per proseguire il cammino formativo, questa volta però era presente una Guest Star, ovvero il nostro nuovo parroco Don Giuliano che con la sua allegra e coinvolgente presenza ci ha aiutati e spronati a fare qualcosa in più per la parrocchia. Da quella riunione ne sono uscite tante di idee, alcune delle quali sono state già attuate, come la stesura del giornalino parrocchiale e questa bella impresa che vi vado a raccontare: Nel mese di Ottobre, noi ragazzi del Gruppo Giò , con la frizzante partecipazione di Don Giuliano , abbiamo trascorso una piacevole giornata immersi nella natura , respirando l'aria fresca di un'insolita giornata mite d'autunno a Pietrastornina in provincia di Avellino. Tra una passeggiata e due chiacchiere

«Né indignati, né rassegnati: questo suggeriva qualche confratello Vescovo spagnolo ai giovani della sua nazione, ed è quello che anche noi suggeriamo ai giovani del nostro Paese... ...perché si pone in questa direzione il passo efficace per contribuire a superare la crisi che pure ci coinvolge, e farlo in modo creativo e non distruttivo. Crescere senza ideali e senza limiti, in balia di un falso concetto di libertà, significa ritrovarsi insicuri (…)». L’ha detto il Card. Bagnasco nella Prolusione del Consiglio permanente della CEI di fine settembre, parole che hanno colpito i giovani e li hanno indotti alla riflessione: «Se vogliamo costruire un Paese forte, non possiamo fondarlo sulla sabbia dell’egoismo, dell’inimicizia, della disonestà e della spudoratezza ma dobbiamo edificarlo sulla roccia di valori Pagina 2

abbiamo trascorso il tempo raccogliendo tante deliziose castagne , destinate poi al banchetto di beneficenza al quale hanno partecipato tanti fratelli generosi. In questa esperienza, a dir poco “Gagliarda” , abbiamo colto l'occasione per apprezzare la bellezza nascosta in questo autunno freddo e apparentemente spoglio, scoprendo una dolce specialità unica nel suo genere, ovvero la marmellata di castagne. Una nostra parrocchiana, madre di una nostra compagna di avventure, ci ha insegnato la ricetta di questa particolare leccornia, aiutandoci anche a preparane grandi quantità allo scopo di venderla. Questa iniziativa è stata presa in carico per esprimere la forza immensa dello spirito Cristiano , abbiamo devoluto questo piccolo contributo al futuro della nostra comunità , con la speranza che i nostri successori possano giovare dei sacrifici offerti restando uniti nella fede , nella fratellanza e sopratutto agendo in nome del più bel dono che Dio

possa averci concesso, l 'Amore ! E’ bastata un idea e la voglia di incominciare a inseguirla, per il resto ci ha pensato la provvidenza di Nostro Signore che ci ha assistito in ogni momento. Il tempo è stato favorevole, un signore ci ha fatto entrare nel proprio castagneto, una mamma ci ha risolto il problema di come sfruttare al meglio le castagne raccolte e, per finire, tutti i fedeli hanno generosamente partecipato alla raccolta di fondi, ed è stato un successo!

di 21 anni, e aggiunge: «Noi giovani possiamo fare la differenza: il futuro si gioca nel presente, dipende dalle nostre scelte. Per primi dobbiamo vivere nella quotidianità quei valori che vorremmo fossero la roccia su cui costruire l’oggi a partire da un cambiamento profondo, da una piena conversione». Martina accoglie l’invito a non essere “né indignata, né rassegnata”: «L’indignazione e la rassegnazione indicano una staticità che non può caratterizzare quella gioventù che alla GMG ha gridato al mondo la voglia di una vita piena. Questo è il nostro tempo ed è oggi che dobbiamo rendere la nostra vita un capolavoro e un dono per gli altri». Diverse frasi del Cardinale vengono

postate su Facebook e non mancano i commenti come quello di Eleonora: «C’è da purificare l’aria come dice Bagnasco, perché le nuove generazioni, crescendo, non restino avvelenate. Penso che debba partire proprio da noi stessi il desiderio di voler far cambiare aria al nostro Paese». Parole schiette col sapore di un impegno e ricche di speranza, commenti non scontati e proprio per questo da non sottovalutare. Sì, perché i giovani non vanno sottovalutati e questo la Chiesa lo sa bene, il Papa crede in loro e nella loro forza, una forza “più grande della pioggia”, una vita che è d’esempio per gli adulti. Di Marco Pappalardo Dal Forum Oratorio Italiani Camminiamo Insieme


CON CRISTO PIETRE VIVE… È il tema che questo anno accompagnerà il cammino della Pastorale giovanile della nostra diocesi. Esso esprime il desiderio di metterci in cammino con Lui, porci alla sua sequela per cercare insieme di recuperare o scoprire un rapporto intimo e personale con Lui! In quest’anno proveremo insieme ad interrogarci sul nostro discepolato, lo faremo attraverso corsi sull’affettività, laboratori della fede, la via crucis diocesana e la giornata diocesana della gioventù. Tutto ci aiuterà a comprendere che il discepolo è colui che prende senso, luce, identità dal Maestro! È colui che mette i suoi piedi nelle orme del Maestro! È colui che si consegna con fiducia nelle mani del Maestro! È colui che dice “si” sempre, dice “amen”, dice “accetto”, qualsiasi cosa succede! È colui che dice “sarà come sarà”, non fa calcoli, dice “mi voglio fidare, decidi tu della mia vita” . E’ stato così per Giovanni, il discepolo

che egli amava, un vero cercatore di Dio: è andato dal Battista, ma quando il Battista indica Gesù come L’Agnello di Dio, non esita a lasciarlo per andare da Gesù. La domanda: “Maestro, dove abiti?”, dice il desiderio di restare con lui. Giovanni ha capito che seguire Gesù è trovare la vera dimora della propria vita e la risposta di Gesù diventa un invito a fidarsi, a credere senza vedere: “Venite e vedrete”. Prima si viene, poi si vede! E per Giovanni è talmente grande

24 Dicembre 2011 - ore 23:30

25 Dicembre 2011 - ore 01:00

SANTA MESSA DI NATALE Condividiamo con la comunità parrocchiale il grande evento della discesa di Gesù Cristo sulla terra per la redenzione dell’umanità

l’impressione di quell’incontro, che segnerà per sempre la sua vita ricordandone l’ora precisa:

“erano circa le quattro del pomeriggio”.

AMORE E CONDIVISIONE Insieme al parroco partiremo dalla parrocchia per andare a far visita ai nostri fratelli più bisognosi portando loro coperte, cioccolata calda, panettoni e soprattutto un po’ di compagnia e affetto

28 e 29 Dicembre 2011 -

5 Gennaio 2012 - ore 16:00

10:00-12:00 e 17:00-19:00

VENUTA DEI RE MAGI

CONSEGNA PRESEPI I presepi consegnati verranno poi esposti al pubblico

Momento di intrattenimento organizzato dalle comunità dei neocatecumenale per i bambini del catechismo

9 Gennaio 2012 - ore 20:00 ADORAZIONE EUCARISTICA Nutriamo la nostra spiritualità pregando insieme a Nostro Signore, con l’animazione del gruppo Maria RNS

NUMERO 2

La vocazione alla fede è l’incontro con Qualcuno, non qualcosa, ed è un voler seguire Gesù per stare con Lui e vivere di Lui. In fine, a coronamento di questo nostro cammino, ci recheremo in pellegrinaggio in Terra Santa, guidati dal nostro vescovo lì dove le pietre parlano di Lui e sarà per noi un tornare alle origini, alle radici della nostra fede per essere CON CRISTO PIETRE VIVE!

26 Dicembre 2011 - ore 19:30 CONCERTO NATALIZIO Evento musicale natalizio per riunire l’intera comunità parrocchiale e trascorrere un po’ di tempo insieme

8 Gennaio 2012 - ore 10:30 PREMIAZIONE I presepi esposti precedentemente verranno premiati

Per promuovere un evento e pubblicarlo su queste pagine scriveteci all’indirizzo di posta elettronica:

CAMMINIAMO INSIEME

redazione-s.castrese@libero.it

Domenica 15 Gennaio

Prossima uscita del giornalino

Pagina 3


ORIZZONTALI 1. Il tempio milanese della lirica - 5. Articolo per scolaro - 7. Renato della nostra canzone - 10. La percepisce l'operaio - 11. Come gli uomini troppo grassi - 13. Cuculidi rampicanti - 14. Segni esteriori di riconoscimento - 16. Latina per l'ACI - 17. Lo sono anche tutti i Romani - 18. Simbolo dell'Osmio - 19. Lo è la musica di Verdi, ma anche quella di Rossini - 22. Affila le lame 23. Il poeta che nacque a Sorrento l'11 marzo 1544 (iniziali) - 24. Asta degli archibugieri - 26. Madame... donna popolare della Rivoluzione Francese - 28. Soldati valorosi - 29. Impegna il ciclista. VERTICALI 1. Squadra ferrarese - 2. Se è del cigno è l'ultimo lavoro di un grande scrittore - 3. Rendono bella la vita - 4. La nota del corista - 5. Maestro dei gladiatori - 6. Abbelliti con fronzoli - 7. Persona molto incivile - 8. Sei nei prefissi - 9. Cerimonia religiosa - 11. Preparati... per capelli - 12. Avvallamento a forma d'imbuto 14. Non si debbono porre dinanzi ai buoi - 15. L'eroina di Wagner che ama Tristano - 17. Sporchi da far schifo! - 20. L'isola greca nota per il marmo - 21. Filamenti dei funghi - 23. Cifra da stabilire - 25. Ha composto Belfagor [1922] (iniziali) - 27. Il compositore pesarese di Semiramide (iniziali).

Portatori di Luce Porta la luce della candela in ogni angolo del percorso, e prova ad immaginarti un portatore di luce, cioè di bontà e di gioia, in ogni posto (casa, scuola, oratorio, amici)

ORARIO PARROCCHIALE

Parrocchia San Castrese Tel: 0818769645

S. MESSE

Feriali: 9.00 –18.00 ( 19.00 estivo ) Festivo: 9.00–10.30-12.00-18.00 (19.00 estivo )

ADORAZIONE

Giovedì tutto il giorno dalle 10.00-18.00

DIVINA MISERICORDIA

Non c'è speranza senza paura, né paura senza speranza. Papa Giovanni Paolo II

Da Lunedì a Sabato ore 15.00 Venerdì ore 19:00

GRUPPO GIOVANI

Venerdì ore 20:00

RINNOVAMENTO

Martedì e Giovedì ore 19:30

GRUPPO GUADALUPE

Lunedì ore 17.15

MINISTRANTI Domenica ore 10.00 Per qualsiasi critica , articolo , attività, sviluppo e consiglio scriveteci all’indirizzo di posta elettronica: redazione-s.castrese@libero.it Pagina 4

CAMMINO NEOCATECUMENALE

1° Comunità 2° Comunità 3° Comunità 4° Comunità

Martedì 20.30 Giovedì 21.00 Mercoledì 20.30 Coming Soon Camminiamo Insieme

Dicembre 2011  

Giornalino Dicembre 2011 Gruppo Giovani

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you