Page 1

23 1991 - 2014

2

4

2 2014

Normativa GAP

ComunitĂ Terremoto

MultiproblematicitĂ

Iniziative Speciali

Findings/Cochrane/SITAC


EDITORIALE

1

IL VERSO CHE NON CAMBIA Direttore Responsabile Direttore Scientifico Comitato di Redazione Luigi Bartoletti Emanuele Bignamini Paola Burroni Giovanni Cappello Augusto Consoli Mauro Croce Angela De Bernardis Giuseppe Faro Nadia Ferrero Lorena Fortin

Marina Gentile Angelo Giglio Paolo Jarre Chiara Magrini Gaetano Manna Maria Grazia Martin Antonio Martinotti Rocco Mercuri Maurizio Ruschena Carlo Zarmati

Comitato Scientifico e Consultivo e per le Iniziative Speciali Laura Amato Mauro Ceccanti Maurizio Coletti

Gian Paolo Guelfi Sandro Libianchi Luigi Stella

Hanno collaborato a questo numero Chiara Barolo Onofrio Casciani Fina Casciaro Pietro Casella Ornella De Luca Enrico De Vivo Ezio Farinetti

Marilù Foti Ciro Garuti Luciana Gaudino Angela La Gioia Manuela Mellano Roberta Marò

Iscrizione R.O.C. N. 1708

ISSN 2281/9169

Pubblicazione Registrata presso il Tribunale di Cuneo al n.451 del 20/03/91 Periodico quadrimestrale La rivista esce in marzo, giugno, settembre. In dicembre è in uscita il Numero Speciale annuale Direzione, Redazione, Amministrazione e Pubblicità Via Roma, 22 - 12100 Cuneo Tel. 0171/67224 Fax 0171/648077 dalfarealdire@publieditweb.it Stampa: TIPOLITOEUROPA - Cuneo

Associato all’U.S.P.I.

E' TEMPO PER UNA NUOVA LEGISLAZIONE?

3

LA DROGA, LE PAROLE, LA DIAGNOSI

5

L'ALTERNATIVA ALLA DETENZIONE COME OCCASIONE DI CURA L’esperienza del Progetto Europeo “Alternative”

8

IL PUNTO SU

15

I PAZIENTI TOSSICODIPENDENTI MULTIPROBLEMATICI

Dall’approccio intuitivo alla definizione dei criteri scientifici ESPERIENZE

UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA

26

IL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DA GIOCO D'AZZARDO

Una esperienza di terapia integrata ad orientamento cognitivo-comportamentale RICERCHE

37

conseguenze psicologiche dopo il terremoto in emilia romagna in un gruppo di utenti alcol-tossicodipendenti

INIZIATIVE SPECIALI LE INIZIATIVE SPECIALI DI DAL FARE AL DIRE Dalla Ricerca alla Clinica

FINDINGS.ORG.UK

Editore PUBLIEDIT Edizioni e Pubblicazioni s.a.s.

Dal Fare al Dire

APPROFONDIMENTI NORMATIVA/2

43

Drug and Alcohol Findings

45

COCHRANE COLLABORATION

48

SITAC

51

ORIZZONTINTEGRATI

54

L'APPRODO: Soc. Coop. Sociale O.N.L.U.S. Asti INSERTO

56

La sperimentazione di nuove tipologie di servizi da parte del privato sociale in Piemonte CONVEGNI E CONGRESSI

62

NOVITA’ EDITORIALI

64


LA SITAC (SOCIETA' ITALIANA PER IL TRATTAMENTO DELL'ALCOLISMO E LE SUE COMPLICANZE) PER UN APPROCCIO EBM IN ALCOLOGIA

INIZIATIVE SPECIALI

INIZIATIVE SPECIALI

A cura di

MAURO CECCANTI Presidente SITAC, Docente di Medicina Interna presso il Dipartimento

di Medicina Clinica della Facoltà di Medicina dell’Università la Sapienza di Roma e Direttore Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio (Roma)

INTRODUZIONE La SITAC è una organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus), iscritta al Registro Regionale delle organizzazioni di volontariato della Regione Lazio e ha per scopo l’assistenza sociale e socio-sanitaria nei confronti dei soggetti in condizioni di svantaggio psico-sociale nonchè l’assistenza sanitaria nei campi delle Problematiche e Patologie Alcol-Correlate (PPAC), delle Malattie dell’Apparato Digerente e delle Patologie Psichiatriche correlate e concomitanti con l’alcolismo, con particolare riguardo agli aspetti preventivi, diagnostici e riabilitativi. E’ convenzionata con l’Azienda Policlinico “Umberto I”, Dipartimento di Medicina Clinica di Roma. Presiede il sodalizio il Professor Mauro Ceccanti che è Docente di Medicina Interna presso il Dipartimento di Medicina Clinica della Facoltà di Medicina dell’Università la Sapienza di Roma e Direttore del Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio.

INTERVISTA

Intervista a MAURO CECCANTI (a cura di Giuseppe Reale) - Prof. Ceccanti in che modo la SITAC realizza i suoi obiettivi? Realizziamo iniziative di educazione sanitaria, incontri formativi per gli operatori di sensibilizzazione sui problemi della nutrizione per un corretto uso delle bevande alcoliche. Inoltre promuoviamo studi, progetti e ricerche in campo alcologico. Poi, ovviamente, organizzazione di convegni, manifestazioni di sensibilizzazione e promozione di iniziative editoriali e culturali a mezzo stampa nei settori sopra indicati presso i Medici di Famiglia e operatori sanitari di tutti i comparti. L’Associazione svolge un’attività di supporto al Day Hospital presso il Policlinico Umberto I con i propri volontari che si occupano di rispondere al telefono e partecipano alle attività di supporto ai familiari nelle sessioni di auto-aiuto durante gli incontri generali che si svolgono sotto una conduzione psicologica. I volontari si occupano di supportare l’attività di segreteria. Dal 2014 la SITAC si avvale anche dell’aiuto di un volontario del Servizio Civile DAL FARE AL DIRE 2/2014

51


INIZIATIVE SPECIALI

Nazionale che supporta le attività di segreteria del DH con il progetto “Bianca & Bernie: Umanizzare le cure” insieme al CESV Lazio. Dal 2009, svolge attività di implementazione del sito www.alcolweb.it aggiornandolo costantemente con tutte le informazioni delle funzioni svolte dal CRARL nella Regione Lazio e pubblicizzando le azioni: convegni, incontri pubblici, congressi, conferenze nazionali ed internazionali. Il sito ha avuto la costante presenza di visitatori arrivando al dato statistico di circa 17.000 visite con ben 50.000 pagine consultate. - Quali sono gli obiettivi attuali e per il futuro? La SITAC ha sempre svolto attività di aggiornamento degli operatori dei servizi pubblici e privati convenzionati e del privato sociale riconosciuto nel campo della alcologia presenti nella Regione Lazio. Il nostro impegno è concentrato attualmente nell’estendere in ambito nazionale questo lavoro per rispondere alla necessità di offrire linee guida univoche per il trattamento dell’alcolismo a tutti i servizi che sono chiamati ad occuparsi di questa problematica. Considerando la multifattorialità e multidisciplinarietà propri della Sindrome Alcolica, è necessario uniformare le procedure atte a individuare, valutare e curare le problematiche alcol correlate. Il miglioramento delle conoscenze e una buona efficienza organizzativa richiedono un’adeguata formazione rispetto alle conoscenze attuali della Sindrome Alcolica. Purtroppo nel settore ancora oggi è presente un approccio molto empirico e disomogeneo non fondato su solide basi scientifiche; noi vorremmo lavorare per diffondere formazione scientifica, clinica ed organizzativa strutturata secondo le migliori pratiche e la letteratura scientifica internazionale. - Come si puo’ diffondere un approccio Evidence Based in alcologia? Attraverso il coinvolgimento diretto del personale in eventi formativi specialistici, con riconoscimento E.C.M. e conseguente firma di Protocolli di Intesa che stringono in fattive collaborazioni scientifiche e operative le istituzioni pubbliche e private. Abbiamo avviato dallo scorso anno un format didattico che vede due fasi: una prima modalità formativa tradizionale (insegnamento frontale) e successivamente un’altra (insegnamento pratico) volta a far acquisire una pratica clinica ai partecipanti. Abbiamo realizzato lo scorso anno un primo progetto pilota che ha visto partecipare medici e psicologi provenienti da tutta Italia sia alla prima fase che alla seconda, che si è tenuta presso il CRARL. Il progetto è di rendere itinerante queste iniziative replicando il modulo in diverse realtà ma mantenendo inalterati i contenuti didattici e scientifici e in parte anche i docenti. La parte teorica della formazione si svolgerà in sedi diversificate nell’ambito nazionale mentre la parte pratica si svolgerà, inizialmente, presso il Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio e, successivamente, in altri centri che abbiano una sufficiente utenza da dedicare alla formazione pratica. È intuitiva l’importanza della partecipazione a questi corsi per integrarsi in un percorso comune identificato nel progetto generale. In autunno abbiamo programmato 3 eventi a Roma, Ascoli e Rieti a cui seguirà la parte pratica.

52

- Ci sono altri obiettivi su cui SITAC è impegnata? Tra i primi ci siamo impegnati per sensibilizzare sia il pubblico che gli specialisti su una patologia poco conosciuta in Italia, la sindrome alcolico fetale (Fetal alcohol sindrome, Fas) che è la più grave delle patologie del feto indotte dal consumo di alcol durante la gravidanza. Nella letteratura medica moderna le prime segnalazioni degli effetti nocivi del consumo di alcol in gravidanza risalgono alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso. Per molto tempo, infatti, si è ritenuto che le anomalie dello sviluppo dei neonati fossero imputabili alla cattiva qualità degli spermatozoi, a fattori ereditari o ambientali. Il riconoscimento delle alterazioni provocate dall’alcol sullo sviluppo intrauterino è avvenuto solo recentemente: la prima descrizione clinica di sintomi chiaramente riconducibili ai danni pre e postnatali DAL FARE AL DIRE 2/2014


INIZIATIVE SPECIALI

dell’alcol è stata pubblicata in Francia nel 1968 e, pochi anni dopo, negli Usa. Da allora studi sempre più numerosi, condotti in tutto il mondo, hanno permesso di definire meglio la gamma dei diversi disturbi del feto correlati all’esposizione all’alcol, denominata “spettro dei disordini feto-alcolici” (Fasd) e la loro diffusione nei diversi Paesi. In questo senso stiamo sviluppando con gli ordini professionali una sinergia operativa: Assistenti Sociali, Medici di Base, Ostetriche, Psicologi. In vista del Congresso EUFASD che si terrà a Roma dal 20 al 22 ottobre, nell’autunno prossimo, proseguiremo la Campagna Informativa iniziata con la Regione Lazio, ex lege L.R. 29/93, presso i Consultori, con la stampa e divulgazione dei pieghevoli e manifesti, ridistribuendo agli operatori anche i DVD con il filmato divulgativo sulla FAS in più lingue. Vorremmo poi provvedere alla ristampa delle Linee Guida e alla promozione per iniziative varie di sensibilizzazione. - Come si diventa soci SITAC? Possono essere soci SITAC tutti i professionisti italiani del settore. Questo consente di avere vari benefici tra i quali accedere alle varie iniziative con condizioni agevolate. Vorremmo che l’adesione alla SITAC fosse attiva e costruttiva da parte di tutti per estendere il nostro impegno in tutte le regioni italiane.

Tabella - INIZIATIVE SITAC AUTUNNO 2014 Luogo

Data

FAS

Argomento

Elementi per la prevenzione e diagnosi della FAS

Titolo

Roma

19 Settembre 2014

EBM

Il trattamento della dipendenza da alcol: dalla teoria alla pratica clinica

Roma

16 Ottobre 2014

FAS

III Congr. Europeo EUFASD - Fetal Alcohol Spectrum Disorders

Roma

20-22 Ottobre 2014

EBM

Il trattamento della dipendenza da alcol: dalla teoria alla pratica clinica

Ascoli

24 Ottobre 2014

EBM

Il trattamento della dipendenza da alcol: dalla teoria alla pratica clinica

Rieti

28 Novembre 2014

INFORMAZIONI E contatti

PER INFORMAZIONI SUGLI EVENTI FORMATIVI

SITAC (Società Italiana per il Trattamento dell’Alcolismo e le sue Complicanze) web: www.alcolweb.it

Agenzia Publiedit s.a.s. Via Roma, n°22 12100 Cuneo Via dei Correr, n°13 00164 Roma tel 017167224 fax 0171648077 email: info@publieditweb.it web: www.publieditweb.it

COME ASSOCIARSI ALLA SITAC Effettuare bonifico bancario di importo 20,00 € sul conto corrente intestato a SITAC SOCIETÀ ITALIANA PER IL TRATTAMENTO DELL ALCOLISMO, numero IBAN: IT 95 X 02008 05335 000401020621 inserendo nella causale “Quota associativa SITAC 2014” DAL FARE AL DIRE 2/2014

53

La SITAC - Iniziative Speciali  

In collaborazione con la SITAC (Società Italiana per il Trattamento dell'Alcolismo e le sue Complicanze)

La SITAC - Iniziative Speciali  

In collaborazione con la SITAC (Società Italiana per il Trattamento dell'Alcolismo e le sue Complicanze)

Advertisement