Page 1

64

OUTLOOK IN MOSTRA AL T HOTEL, A CAGLIARI VESTITI! Ancora una volta il T Hotel si propone come scenario affascinante di eventi, mostre ed esposizioni artistiche per i suoi ospiti ed il pubblico cagliaritano che, negli ultimi anni, dimostrano di apprezzare le iniziative dove l’arte è l’esclusiva protagonista. “Vestirsi non è più un’imposizione ma un piacere interiore, una narrazione che diventa 3D, che rende ciascuno di noi irripetibile. La meraviglia di un attimo e in quell’attimo c’è tutto il nostro mondo. Giovanni Ottonello “Ordine, Disordine e C aos”, sottotitolo della mostra, è il pensiero di Giovanni Ottonello, curatore di VestiTi! esposizione collettiva inaugurata il 7 dicembre e in programmazione sino al 30 gennaio 2011, presso gli spazi espositivi del T Hotel di C agliari, con ingresso libero.

In collaborazione con Tramare e T Art, VestiTi! offre agli appassionati del mondo della moda pezzi unici e ricercati, confezionati per l’occasione da designers, creativi, professionisti del costume e geniali artigiani, italiani e non, che (re)interpretano l’idea dell’accessorio come must del corpo e dello stile. Le cento e più opere (disponibili per la vendita, direttamente al T Hotel) in questo appuntamento di festa, si prestano a diventare doni natalizi non convenzionali e di sicuro successo. La sensibilità creativa e le sperimentazioni nei tessuti e colori, si coniugano alle esperienze personali degli stessi autori contaminando l’arte del vestirsi con un’espressione visiva elegante e originale. Lana, cotone, cuoio, seta, tessuti da recupero, linguette di lattine e carta, danno corpo all’ispirazione e alla rielaborazione del gusto vintage e futuristico pro-

mossi nei modelli di gioielli, borse, cappelli, bustini e scarpe che arricchiscono le collezioni da ammirare lungo le passeggiate comuni della hall. Dall’arte ecologica di Coracol alla tessitura a mano di Silvia Beccaria, dai merletti antichi dei cappellini fatti a mano di Pierawithlove alle calzature innovative di Elia Maurizi, sino al mantello da guerriero con burqa di Dalaleo. Questi sono solo

alcuni dei prestigiosi artisti che regaleranno ai curiosi visitatori un’interessante e piacevole cornice espositiva. Valore aggiunto e indelebile della mostra sarà il catalogo bilingue, corredato delle immagini e del background artistico di ogni partecipante, che ogni visitatore potrà richiedere per conservare il ricordo dell’evento. VestiTi! si candida ad essere un altro appuntamento dal respiro raffinato e avvolgente caratteristico del T Hotel che da cinque anni si conferma scelta privilegiata per turisti, vacanzieri e viaggiatori che si fermano nella città cagliaritana. La costante attenzione al design e all’arte in divenire sposa il carattere in progress di questo suggestivo albergo. T Hotel Via dei Giudicati, 66 09131 C agliari www.thotel.it Tel + 39 070 47400 - tart@thotel.it

AN EXHIBITION AT THE T HOTEL, CAGLIARI VESTITI! Once again the T Hotel is the charming setting for events, exhibitions and displays of art for its guests and the people of Cagliari who, in recent years, have demonstrated their appreciation of initiatives in which art is the exclusive protagonist.

“Dressing is no longer an imposition but an intimate pleasure, a narrative that becomes 3D, that makes each one of us unrepeatable. The marvel of a moment that encompasses our entire world.” Giovanni Ottonello “Order, Disorder and Chaos” is the subtitle of the exhibition devised by Giovanni Ottonello, the curator of the VestiTi! collective exhibition inaugurated on 7 December and open until 30 January 2011 at the exhibition area in the T Hotel, Cagliari. Entrance is free. In collaboration with Tramare and T Art, VestiTi! offers fashion lovers unique and sought-after items created for the occasion by designers, creatives,

costume professionals and ingenious artisans from Italy and abroad who (re) interpret the idea of an accessory as a must for the body and style. The one hundred and more works (on sale at the T Hotel) in this festive appointment aim to be unconventional Christmas gifts of assured success. Creative sensitivity, experimenting with unconventional fabrics, materials and colours are combined with the personal experience of their creators in a cross-contamination of the art of dressing and elegantly original visual expressions. Wool, cotton, leather, silk, recycled fabrics, can tabs and paper are the embodiment of the vintageand futuristic-inspired re-elaboration of jewellery, handbags, hats, sachets and shoes that enrich the collections on display in the public areas of the hall. From ecological art by Coracol to hand weaves by Silvia Beccaria, from handmade antique lace hats by Pierawithlove to innovative footwear by Elia Maurizi, and the warriors cape with burqa by Dalaleo. These are just a few

of the prestigious artists who provide an interesting and pleasant display for curious visitors. The added and permanent value of the exhibition will be the two-language catalogue with the participants’ photographs and artistic profiles, which visitors can request as a souvenir of the event. VestiTi! is destined to be one of the refined and engaging appointments that are a characteristic of the T Hotel,

Borsa DALALEO Ph S. Oliverio

which for five years has been confirmed as the favourite choice of the tourists, holidaymakers and travellers who come to Cagliari. Constant attention to design and emerging art combine with the in progress character of this charming hotel. T Hotel Via dei Giudicati, 66 - 09131 Cagliari www.thotel.it Tel + 39 070 47400tart@thotel.it


12 edelnews Bijoux & Co. Lady Pomponette

Adrienne Scherrer est une artiste plasticienne, passionnée de parades nuptiales et de miniatures. Du coup, cette diplômée de la Haute Ecole d’art et de design de Genève a créé son propre label, La Pomponette. Des bijoux et accessoires produits en pièces uniques et créés à base de pompons, mais aussi de matières textiles, perles de verre ou de nacre, dans un univers inspiré à la fois par le monde onirique d’Alice au pays des merveilles et par la finesse de la culture japonaise. A.J. Infos et points de vente sur www.pomponette.ch

Après un ultime défilé de printemps en octobre prochain, Jean Paul Gaultier quittera la direction artistique d’Hermès, où il avait relayé Martin Margiela en 2004 et où il sera remplacé par Christophe Lemaire... Rodé auprès de Thierry Mugler, Yves Saint Laurent et Christian Lacroix, ce dernier quittera pour ce faire le label Lacoste, qu’il aura contribué à remettre sur la carte de la mode depuis son arrivée à la direction artistique en 2000... A la satisfaction des fans endeuillés, c’est la principale collaboratrice d’Alexander McQueen depuis 1996, Sarah Burton, qui reprend la direction artistique de la griffe... Olivier Theyskens, viré de Nina Ricci avec un certain fracas l’année dernière (et célébré aujourd’hui par un somptueux livre d’images, Olivier Theyskens – The Other Side of The Picture, Ed. Assouline), redonne des signes de vie en dessinant une collection capsule pour le label new-yorkais Theory... Repéré chez Bottega Veneta et chez Jean-Charles de Castelbajac avant de se bâtir une solide réputation sous son propre nom, l’Anglais Giles Deacon reprend la direction artistique de la maison Emanuel Ungaro, un rien discréditée depuis le passage de la consultante Lindsay Lohan... Alessandro Dell’Acqua, qui a perdu le droit légal de donner son nom à une griffe de mode, sera le directeur artistique du label italien Brioni. Spécialisé dans l’homme en général et dans James Bond en particulier, ce dernier renforcera son département Femme... On n’a pas exactement compris pourquoi (une histoire de dividendes, pensions et ingérence gouvernementale), mais Mohammed Al Fayed (le père du dernier amoureux de la princesse Diana, oui) a vendu Harrods, le légendaire grand magasin de luxe londonien, qu’il possédait depuis vingt-six ans, pour un petit milliard et demi de livres au groupe Qatar Holdings. N.U.

Après les sacs en bâches de camion, en contenants de nourriture à poissons ou en chambres à air, le dernier-né dans la catégorie des sacs recyclés s’annonce métallique. Il s’agit en effet de sacs en languettes de cannettes d’alu. Ces petites merveilles argentées sont proposées en Europe sous le label Dalaleo, créé par l’Italienne Luisa Leonardi Scomazzoni, tombée littéralement amoureuse de ces objets lors d’un voyage au Brésil. Dalaleo propose depuis toute une gamme d’accessoires réalisés dans les bidonvilles de Salvador de Bahia, entre les mains agiles de jeunes femmes qui lavent et aplatissent les languettes avant de les crocheter, pour un résultat visuellement impressionnant et tout léger, juste parfait pour l’été! Laure Paschoud www.dalaleo.it

12

C

M

Y

K

Olga Fabrizio

Chaises musicales Arrivées et départs dans les griffes de la mode

La rubrique éthique Dalaleo


Leur histoire 4 filles, 4 façons de voyager

Partir en beauté les produits qu’il nous faut

Moment de solitude

nos pires hontes

Mode

osez les fautes de goût

Horoscope de l’été: l’amour chaud bouillant magazine féminin audacieux *LeJuillet-août 2010 — 6 fr.

C

M

Y

K

1


Elle 3363ok_Elle New 27.05.10 17:37 PageXVI

DALALEO A gagner

par tirage au sort, 9 sacs et 4 ceintures de la marque trendy Dalaleo Après des études financières, la créatrice italienne Luisa Leonardi Scomazzoni, que tout le monde appelle Leo, commence à travailler dans l’entreprise familiale avant de changer complètement de voie en ouvrant, il y a douze ans, Dalaleo, un showroom avant-gardiste présentant des accessoires design, de style ethno recherché. Au Brésil, elle a été fascinée par l’utilisation des languettes en aluminium des canettes de boissons. C’est ainsi que sont nés les accessoires Dalaleo: des sacs, des pochettes et des ceintures à la fois glamour et éthiques, chaque languette utilisée étant recyclée.

1

2

3

Infos: sur les distributeurs en Suisse. www.dalaleo.it

Pour gagner peut-être un sac ou une ceinture Dalaleo, il suffit de remplir le bulletin-réponse et de le retourner avant le 19 juin 2010 à:

Promoédition SA, Concours Elle Suisse – Dalaleo, – CP 5615, 1211 Genève 11 Aucune correspondance ne sera échangée au sujet du concours.

✂ BULLETIN-REPONSE A RETOURNER avant le 19 juin 2010 à: Promoédition SA, Concours Elle Suisse – Dalaleo, CP 5615, 1211 Genève 11 Nom: Prénom: Adresse: Si je gagne, je préfère une ceinture / un sac (photo N° ……...) (Entourer ce qui convient.)

XVI

4


Cultura e Società

12 sabato 10 aprile 2010

REPORTAGE

Dal Brasile al Garda

Una catena produttiva composta da donne trasforma le linguette delle lattine di birra in oggetti da atelier esportati nel mondo

l'Adige

L’arte del riciclaggio per la moda etnochic L’intuizione è di Luisa Leonardi che oggi dalla sede di Riva coordina oltre 40 collaboratrici impegnate nelle prime fasi della raffinata lavorazione Le placche di alluminio arrivano poi in Trentino dove si crea il prodotto finale dalle borse alle cinture dai gilet a vari accessori

MAURILIO BAROZZI

C’

è un che di tantrico nella vita della linguetta delle lattine di birra vuote raccolte come rifiuti a Salvador de Bahia, in Brasile. Un mana che passa e che la fa rinascere. E l’atto palingenetico origina a Riva del Garda. In realtà, Riva del Garda più che essere il talamo del ri-concepimento è il volano che le fa viaggiare in tutto il mondo. Reincarnate in borse, cinture, collari, gilet e ornamenti vari, queste linguette di alluminio sono vendute in moltissime boutique del mondo. «Ora abbiamo oltre 250 punti vendita dalla Finlandia al Sudafrica, dal Giappone agli Stati Uniti, anche se il mercato maggiore è nel cuore dell’Europa: Italia, Francia, Spagna», racconta Luisa Leonardi Scomazzoni, la ragazza di Riva del Garda che ha dato lustro a questa seconda vita delle linguette, portandole dal misero lastricato della favela di Cabula in Salvador, agli scintillanti palcoscenici delle fiere di Parigi, Milano, Berlino. «In realtà si è trattato di una circostanza fortunata, anch’io mi sono sorpresa dell’enorme successo di questo commercio. D’improvviso, mi sono trovata a dover fare migliaia di pezzi», spiega. Tutto comincia dalla favela di Cabula. O meglio: questa storia inizia dal Mercato Modelo, il mercatino che nei pressi del porto di Bahia attrae turisti da tutto il mondo per comperare oggetti di artigianato brasiliano. È qui che Luisa Leonardi - «la Leo», come si fa chiamare – ha incontrato per la prima volta Ivonete. Lei, brasiliana, vendeva borse fatte riciclando le linguette di alluminio delle lattine.

L

a Leo ne ha comperata una. «Era l’ultimo giorno della mia vacanza a Salvador. L’ho presa e dopo cinque metri sono subito tornata indietro: mi sono detta, ne porto un poche in Italia, per farle vedere. Potrei magari anche venderne qualcuna nel mio negozio. Ne ho comperate dieci e tre ore dopo, all’aeroporto, ne avevo già rivendute due. Ho capito che questo oggetto aveva un potenziale». In realtà la Leo tale potenziale lo ha compreso nella sua pienezza solo in seguito. Già perché oltre al significato economico, questi manufatti trasmettono anche un valore sociale. Un progetto di liberazione che consente a una quarantina di donne brasiliane di essere autosufficienti. E a Ivonete –

che nel racconto avevamo lasciata al Mercato Modelo a vendere borse ai turisti, ma che nel frattempo è divenuta coordinatrice delle lavoratrici per la Leo – di essere in qualche modo benestante. Tanto da esaudire i suoi più grandi desideri. «Con quello che ha guadagnato con questo lavoro si è comprata un paio di appartamenti e, dopo anni che lo sognava, si è fatta una operazione di liposuzione e ora pesa quaranta chili in meno. Dice di essere felice. E il suo essere felice è uno degli stimoli più forti per farmi continuare su questa strada. Ora, qui in Italia lavora con me anche la figlia di Ivonete, Edijane», racconta la Leo. Queste linguette hanno diverse vite. Due ma forse anche tre. La prima sulle lattine di birra brasiliane. Poi, una volta buttate, i primi a dar loro la possibilità di rivivere, sono i catadores de lata, raccoglitori di lattine, che in Brasile sono in ogni dove con i loro sacchetti: spiagge, luoghi turistici, carnevale, feste patronali. Ovunque ci siano bevitori di birra, lì ci sono anche i raccoglitori di lattine: giovanotti, vecchi, donne, marginali che racimolano qualche cosa rivendendole poi alla fabbriche di riciclaggio. Anche se, ultimamente, pure le imprese di riciclaggio hanno stretto i cordoni: fino a qualche

anno fa pagavano 3,50 reais per ogni chilo di lattine, oggi ne pagano solo 2. Così, se fino al 2006 in una buona giornata di carnevale, un catador poteva intascare anche una sessantina di reais al giorno, oggi con la stessa quantità di lattine conferite ne porta a casa 35, al cambio attuale circa 15 euro.

A

i punti di raccolta, trascinate in logori sacchi, le linguette arrivano mischiate a ogni tipo di porcheria. È così necessario separarle dalle erbacce, sassi, materie varie. E a quel punto vengono vendute sciolte. «A noi le linguette costano 12 reais al chilo», spiega la Leo. Ma poi è necessario un lavoro di rilavatura e selezione. Dopodiché sono pronte per essere lavorate e cucite assieme dalle donne, sotto la supervisione di Ivonete. «Loro – spiega la Leo – cuciono soltanto le linguette, producendo delle placche quadrate o rettangolari. Ivonete assembla la borsa ma poi il prodotto finale, il modello con gli accessori, lo faccio qui, a Riva del Garda. È un sistema per tutelarmi dalla possibilità che questi prodotti siano venduti per canali fuori controllo». Le donne, a Salvador, lavorano per

Originali La penultima fase della lavorazione di linguette delle lattine a Salvador de Bahia: il materiale preassemblato in Brasile diventa poi prodotto finito a Riva del Garda

Le stiliste di Bahia

L’emancipazione femminile che nasce dentro la boutique

P

er le donne bahiane, la moda è uno dei pochi ambiti in cui possono davvero realizzarsi. Dai punti più alti (la top model Adriana Lima, per esempio) a quelli intermedi, a quelli di più larga diffusione. Tutte, o quantomeno molte, sono accomunate da una grande creatività accompagnata alla capacità manuale di dare forma alle loro idee. Si va da Jamile, artigiana del metallo che, sulla spiaggia, in pochi minuti con una pinzetta e un filo di metallo crea degli ornamenti personalizzati di pregevole fattura che rivende ai turisti. Si arriva a Ana che cuce ornamenti per asciugamani, lenzuola e cuscini. I suoi lavori sono rivenduti poi nei negozi specializzati in matrimoni. «Inizialmente - racconta - ero io che andavo a proporli. Ora i negozianti mi danno le commesse e stabiliscono i tempi di consegna. Io lavoro sola, così per me è facile sapere se posso o non posso portare a termine il lavoro. E dunque decidere se accettarlo o meno. Non si guadagna moltissimo, ma è abbastanza

per mantenermi». Il suo pezzo forte spiega essere il bordato in seta con il ponto de laranjas, così chiamato perché molto usato per il corredo della prima notte di nozze. Infine c’è Jeanne. Anche lei ha cominciato come sarta, lavorando in proprio, su commessa. Ora ha un atelier (in Brasile sono chiamati così tutti i negozi di moda) che guarda sul mare a Rio Vermelho, quartiere emergente di Salvador de Bahia. «All’inizio partecipavo alle sfilate usando mia cugina o qualche amico come modelli. Poi gli indumenti hanno cominciato a piacere e a vendersi. Ho realizzato abiti per cantanti famose. In verità con loro non ho guadagnato molto, ma mi sono fatta conoscere e da allora le cose sono sempre andate migliorando», ricorda sorridendo Jeanne, che propone una linea molto colorata e di stampo afro. Ha comunque potuto permettersi il divorzio, ha potuto mantenere la figlia per diversi anni, fino a che ha ritrovato un altro uomo con cui ha avuto un secondo figlio. Ma. Bar.

conto proprio nella favela di Cabula. Tra calcinacci, mattoni scoperti, cavi elettrici in vista, pavimenti grezzi, grida, puzza d’urina, gente che si fa di crack, loro sono capaci di produrre quello che poi diventerà un articolo di alta moda. Ognuna con un compito settorializzato. «Avevo proposto a Ivonete di comperare un piccolo stabile dove farle lavorare assieme, con una zona apposita per far giocare i bambini. Mi hanno detto che non se ne parla neanche: i mariti non devono sapere che stanno lavorando, altrimenti sarebbero botte», dice La Leo. Ed a quanto pare è questo il problema più grave con cui deve fare i conti: l’insopprimibile desiderio di dominio che i maschi delle favelas hanno nei confronti delle loro donne. «Alcune devono addirittura lavorare di notte, alla luce dei lampioni mentre i mariti sono a ubriacarsi in qualche bettola.

G

li uomini escono e staccano l’elettricità in casa per impedir loro di lavorare. Così le donne se ne vanno fuori, per strada alla luce dei lampioni a cucire le linguette. Spesso, quando ci raduniamo, mi dicono: “Facciamo in fretta che se mio marito scopre che sono qui, poi me ne dà una rata”. I mariti le preferiscono povere e sottomesse. Purtroppo, per cambiare questo stato di cose io non posso fare nulla». Sta di fatto che, mariti o non mariti, queste signore del cucito sono sempre riuscite a conferire i pezzi richiesti nei tempi stabiliti, in modo che Ivonete possa mandarle in Italia. «Mi spedisce tutto via posta, sempre. E a volte chiedo loro anche più di mille pezzi, che sempre mi inviano lavati di nuovo dopo essere stati assemblati e ricontrollati nella loro qualità. Ormai si sono abituate a verificare tutto nei dettagli: pur non sapendo come io lavorerò quelle placche, sanno benissimo che il loro prodotto finirà in boutique di lusso, dove la qualità è fondamentale», aggiunge la Leo. E a questo punto la rinascita è completa. Il mana dell’oggetto trapassa e quelle semplici linguette di alluminio, spostandosi di mano in mano, generano a ogni passaggio piccoli guadagni e acquisiscono valore. Fino ad arrivare all’oggetto finale, il pezzo da boutique, lo scintillante accessorio che si potrà trovare anche alla British Museum Company di Londra, da Fred Segal a Santa Monica (California) e in Giappone, da Tomorrowland/Mitsubishi. A quel punto una borsa – nata dalle lattine raccattate per le strade di Bahia – costa in negozio anche cinque, seicento euro.


Φυτικό άρωµα LE PRINCE JARDINIER

Μπλούζα COLLAGE SOCIAL

Εσώρουχο TRUE LOVE

Παντελόνι NOLITA

Βελούδινη φόρµα LE COQ SPORTIF

Μποτάκι RAS

Βραδινό φόρεµα RA-RE

Φόρεµα CUSTO BARCELONA

Φουλάρι ABIRATO

Σακάκι FILIPPA K

Μενταγιόν ZOE & MORGAN

Μπλούζα RELIGION

Σκουλαρίκια DAVID AUBREY

Καπέλο GOORIN BROS

Παντελόνι PEOPLE’S MARKET

Μπλούζα OBEY

Φόρεµα DESIGNERS REMIX

Παλτό COLLAGE SOCIAL

Φόρεµα MISS SIXTY

Ζιβάγκο RA-RE

Πέδιλο STRUTT

Οµπρέλα GUY DE JEAN

Τσάντα DALALEO

Ζακέτα OLGA DE POLGA

Dalaleo Press 2010  

Ecofashion World, Dalaleo Press 2008. For more info visit www.dalaleo.com o contact press@dalaleo.com

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you