Page 1

Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

LA CITTÀ DEL FUTURO

pag3

LA CITTÀ DEI DIRITTI

pag 4

LA CITTÀ DELLA CULTURA

pag 10

LA CITTÀ DELLE REGOLE

pag 14

LA CITTÀ DEL LAVORO

pag 24

LA CITTÀ SOSTENIBILE

pag 34

2


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

LA CITTÀ DEL FUTURO In questo momento, caratterizzato dalla delusione e dal timore per il futuro, noi intendiamo dare una risposta di cambiamento, d’innovazione, di coinvolgimento, di fiducia per dare speranza e dignità alla nostra Città. Il compito è difficile, ma non impossibile: insieme possiamo portare Apricena ad essere il fiore all’occhiello della Provincia di Foggia. La nostra lista parte da lontano: dall’unione di forze politiche di diversa estrazione in favore del bene comune, dall’esigenza di molti cittadini che si vogliono vedere rappresentati da persone che trattano tutti alla pari; dai giovani, che continuano ad emigrare per cercare uno sbocco occupazionale, per loro abbiamo elaborato politiche efficaci che restituiscano loro il desiderio di costruire il proprio futuro vicino le persone care. La prossima amministrazione dovrà avere poche, ma essenziali qualità: la stabilità politica, il senso civico e del dovere, la capacità di sapersi relazionare con i cittadini e con le rappresentanze dei comuni limitrofi e degli enti sovracomunali (Provincia, Regione, Governo Nazionale ed Europeo). Il confronto con i comuni limitrofi sarà un punto di forza per le future opportunità del nostro territorio, soprattutto per i finanziamenti: più si è uniti più il territorio ha opportunità di crescere. Ci troveremo a condividere progetti ambientali con i comuni del Parco Nazionale del Gargano come Sannicandro e San Marco in Lamis; le idee sul settore estrattivo con Lesina e Poggio Imperiale; sull'agricoltura con grossi centri come San Severo e Torremaggiore. Per questo ci spenderemo per attivare l'unione tra i comuni per i servizi essenziali e ridurre al minimo le spese. Abbiamo espresso un'idea per ogni necessità di Apricena, attraverso un programma partecipato, condiviso, concreto per la città del futuro.

3


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

LA CITTÀ DEI DIRITTI Politiche sociali, cittadinanza attiva, partecipazione democratica e trasparenza amministrativa Pensiamo ad Apricena come città dei diritti ove non vengano ridotte di un euro le somme a disposizione per aiutare i cittadini più deboli. Una città, in cui, il centro diurno giornaliero per diversamente abili La ninfea sarà potenziato nelle sue funzioni prevedendo una programmazione mirata al raggiungimento dell’alta qualità del servizio. Una città, in cui, il servizio ludoteca per i bambini della nostra comunità dovrà essere immediatamente ripristinato e migliorato. Una città dei diritti, dove, oltre ai buoni lavoro per l’inserimento sociale (voucher), promuoveremo il microcredito per le famiglie in difficoltà, sulla scia di quello ideato dal Premio Nobel Muhammad Yunus. Così, all’assistenzialismo puro alla fasce deboli, sostituiremo un prestito a tasso zero di fondi comunali, recuperati dalla riduzione delle indennità di giunta, utile per creare sviluppo economico e sociale. La città dei diritti, dove, ogni cittadino avrà la possibilità di valorizzare le proprie competenze ed esprimere in libertà il proprio pensiero, partecipando attivamente alla vita amministrativa di Apricena. Le politiche sociali mireranno all’integrazione, alla solidarietà e alla coesione sociale in un quadro di sviluppo economico inclusivo e sostenibile. Tali obiettivi sono raggiungibili grazie alla rete di infrastrutture sociali di avanguardia ed ai servizi diretti alla persona, che interessano tutte le fasce della popolazione.

4


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Area anziani • È attivo il centro diurno Sandro Pertini, costruito con fondi regionali e comunali. Al suo interno sarà attivata un’equipe sociale che accompagni la vita dei nostri anziani con corsi di medicina, azioni formative e ricreative. • È attivo il servizio di assistenza domiciliare (SAD). Ci impegniamo ad ampliare la platea degli attuali beneficiari e ad attivare, di concerto con la ASL FG, l’assistenza domiciliare Integrata (ADI) dedicata a cittadini anziani che soffrono patologie gravi. • Confermeremo il servizio di prevenzione delle cure termali semi-residenziali e la mensa a domicilio per cittadini anziani e famiglie a basso reddito. Area diversamente Abili È stato attivato in regione il piano triennale dei servizi sociali con un impegno di spesa notevole, un’amministrazione di qualità ed attenta alle fasce deboli, deve essere presente, con autorevolezza, laddove si decide la destinazione ed essere attenta alla progettualità specifica finanziata dalla Regione e noi lo saremo. • • •

È attivo il centro diurno giornaliero per diversamente abili La Ninfea. Potenziare la sua funzione prevedendo una programmazione mirata a soggetti con maggiori problematiche Sosterremo l’inserimento scolastico degli studenti diversabili, delle scuole dell’obbligo, con le figure di assistenti scolastiche specialistiche che affianchino le insegnanti di sostegno. È attiva l’assistenza domiciliare a cittadini diversabili con gravi patologie, che amplieremo con l’incremento del fondo di assistenza.

5


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Renderemo operativa la struttura residenziale per diversabili Dopo di noi. Nel centro troveranno cura e attenzione i cittadini, con disabilità fisiche e mentali, rimasti soli, ai quali saranno destinati servizi programmati e gestiti coinvolgendo le organizzazioni del volontariato. Nell’imminente futuro dovrà prevedersi un ampliamento della struttura per dare la possibilità anche ai genitori dei dibersabili di condividere la residenzialità all’interno del centro.

Area Infanzia ed adolescenza • Ripristinare il servizio ludoteca, attivo anche nel pomeriggio e nei giorni festivi. Realizzare un parco giochi per bambini nelle aree verdi della nuova area mercatale e garantire il servizio di ludoteca durante lo svolgimento del mercato. • Rendere nuovamente operativo l’asilo nido comunale Don Tonino Bello, costruito con l’intento di offrire alle donne un’opportunità di conciliazione dei tempi di cura e lavoro. Ci impegniamo a reperire i fondi necessari a garantirne l’operatività oltre il primo biennio. • Amplieremo la possibilità di utilizzo delle palestre comunali, per consentire una maggiore frequentazione dei ragazzi delle varie competenze sportive già attive: calcio, pallavolo, basket, tennis tavolo, tecniche orientali di autodifesa. Politiche per la famiglia È opportuno e doveroso raccogliere l’invito del forum associazioni familiari Puglia e ci impegniamo ad attuare interventi di sostegno effettivo ai nuclei familiari numerosi ed economicamente deboli.  Famiglia e IMU

6


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Ci impegniamo ad applicare tutte le detrazioni nella misura massima prevista dalla legge istitutiva dell’ IMU per ogni figlio a carico, garantendo il risparmio di 400 euro l’anno alle famiglie con 4 figli. Famiglia e tariffe. Il costo dei servizi a domanda individuale e della mensa scolastica, al pari delle aliquote di calcolo della TARES e dell’addizionale comunale sull’Irpef saranno calcolati sulla base del “quoziente familiare”, prevedendo detrazioni in favore delle famiglie monoreddito e di quelle numerose. Famiglie con figli minori Particolare attenzione porremo per il contrasto alle povertà estreme rendendo i servizi a favore dei figli minori gratuiti ed inclusivi. Famiglie e povertà Introdurremo il Quoziente Apricena: un fondo comunale destinato a sostenere le famiglie in crisi a causa della perdita di reddito, dovuta a cassa integrazione e licenziamenti, che sarà gestito con le agenzie caritatevoli della città. Famiglie fragili e occupazione. Continueremo sulla strada dei “buoni lavoro” (voucher), in collaborazione con le organizzazioni caritatevoli e sindacali, per completare il programma di contrasto alle povertà realizzato con i contributi ordinari e straordinari previsti dal Piano Sociale di Zona. Le graduatorie saranno distinte per le competenze degli interessati. Famiglie e casa.

7


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Per le giovani coppie e le famiglie in difficoltà esiste il problema di cercare casa. Andremo incontro alle loro richieste, recuperando le abitazioni del centro storico, tramite fondi comunali, e chiedendo in cambio un patto sociale tra amministrazione e proprietari che garantisca canoni di affitto 1equi per rispondere all’esigenza casa. Famiglie e sostegno al reddito. Sul progetto sperimentato dalla Caritas Italiana, attiveremo un fondo per sostenere il credito al consumo delle famiglie bisognose, sostenendole in momenti di difficoltà creditizia accertata. Il fondo verrà gestito da una commissione indipendente nominata dall’intero consiglio comunale.

Protezione Civile locale Continueremo a sostenere, nel rispetto dell’autonomia, di ogni singola organizzazione le esperienze di protezione civile già in atto. Attiveremo un coordinamento unico con sede presso la Casa comunale, con responsabilità in dirigenti comunali individuati dalla legge. Sosterremo ogni forma di formazione alla Protezione Civile rivolta a ragazzi e giovani per evitare la loro dispersione ed educarli al senso civico. Sicurezza e Legalità I mezzi per proteggere il cittadino sono tanti: l’installazione di una capillare videosorveglianza, garantita da fondi statali; la definizione di un protocollo d'intesa con gli istituti ed i consorzi di vigilanza; l'installazione di autovelox nei punti critici, urbani ed extraur-

8


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

bani, che garantirebbe anche di ricavare somme da reinvestire. Crediamo, tuttavia, che la forma migliore di protezione sia l'educazione alla legalità, da promuovere attraverso incontri tematici (Educazione stradale, conoscenza e uso delle droghe, bullismo, femminicidio, etc.). Partecipazione Democratica • Educazione alla partecipazione attiva e alla convivenza civile, in collaborazione con l'Istituto Comprensivo Scolastico e con comitati di quartiere. • Continuare il percorso del Consiglio Comunale dei ragazzi progettato ed attuato in accordo con la scuola secondaria di primo grado A. Fioritti. • Consigliere giovane aggiunto: gli studenti dell'Istituto Secondario di secondo grado potranno eleggere tra i loro rappresentanti un membro che andrà far parte del Consiglio Comunale. Questo godrà degli stessi diritti e doveri di un consigliere comunale (proporre punti all’O.d.G., fare interrogazioni, potere di intervento), ad eccezione del diritto di voto. A tal fine sarà necessario introdurre questa figura attraverso una modifica dello statuto comunale e del regolamento di consiglio. • Destineremo porzioni di bilancio con il metodo del bilancio partecipativo. Questo è uno strumento per promuovere la partecipazione dei cittadini alle politiche pubbliche locali, e in particolare, al bilancio preventivo dell’Ente cioè alla previsione di spesa e agli investimenti pianificati dall’amministrazione.

9


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

LA CITTÀ DELLA CULTURA Cultura e valorizzazione delle bellezze naturali, storiche e paesaggistiche Pensiamo ad Apricena come città della cultura. La cultura dà pane. La cultura paga in termini di sviluppo del Paese. Paga la cultura scientifica, dell’innovazione, della tecnologia: la qualità dei nostri manufatti dipende dallo studio che c’è a monte. Paga la “cultura umanistica” che è cruciale in un Paese che è patria della maggior parte dei siti “Patrimonio dell’Umanità”. Noi, promuoveremo anche la trasmissione del saper fare italiano, creando corsi di arti e mestieri.

Apricenesità La nostra città deve promuovere 5 eventi di rilievo tipici dell’apricenesità nei quali avere la capacità di sfruttare l’occasione per promuovere il nostro territorio in tutte le sue sfaccettature.     

Festa patronale Suoni in cava Federiciana Saperi e sapori Fiera di Santa Maria

Festa patronale È il momento in cui si manifesta la tradizione della nostra comunità di devozione religiosa. Durante la sua celebrazione, la nostra città è letteralmente “invasa” dagli abitanti dei comuni limitrofi. È l’occasione migliore per valorizzare, manifestare, mettere in vetrina le produzioni locali e le ricchezze culturali. 10


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Suoni in cava Promuoveremo il marchio culturale Suoni in cava. La manifestazione non deve essere più solo musicale, ma diventare un evento culturale capace di promuovere l’apricenesità, termine che racchiude non solo l’immagine, ma soprattutto la sostanza dei nostri luoghi e le sue ricchezze culturali. Un evento capace di coinvolgere tutta la città, il cui obiettivo sarà non solo affascinare il visitatore, proveniente da molte parti della nostra Regione e oltre, per il sublime scenario circostante, ma anche portarlo a conoscenza della nostra storia remota (l’uomo di Apricena) e che quello è il luogo di fatica ed estrazione di un materiale di qualità. Promuovere Apricena con il marchio culturale Storie di uomini e di pietre e con un master di formazione e specializzazione dedicato. Apricena città federiciana La nostra città è culla della cultura federiciana, un’identità per troppo tempo sottovalutata e ripresa solo con le ultime iniziative di ricerca e promozione. Attivare un filone di promozione culturale e di sistema con le altre città (es. gemellaggi come con Altavilla Vicentina), in cui è simbolico il legame tra cultura-tradizioni-sviluppo economico. In questo schema si inserisce la rivalutazione, il recupero e la fruizione di alcuni luoghi strategici del territorio (Castel Pagano, Selva della Rocca, Pozzo Salso) e del centro storico. Palazzo Paolicelli (Biblioteca, museo, mediateca), già nostro polo culturale, sarà un incubatore di ricerca e luogo di approfondimento per la Scuola. Esso diventerà il luogo simbolo della nostra rivoluzione culturale.

11


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Saperi e Sapori La cultura legata ai prodotti tipici locali è da sempre un binomio vincente. Tramite saperi e sapori, con l’impegno attivo dei produttori agricoli, si può raggiungere la connessione ideale tra agricoltura e cultura, riscoprendo i metodi di produzione tradizionali ed odierni del settore da parte dei più piccoli (semina, mungitura, transumanza, etc.). Fiera di Santa Maria La Fiera di S.Maria è legata alla tradizione apricenese da più di 500 anni. L’obiettivo da raggiungere è quello di riconoscerne le reali potenzialità, non solo come evento commerciale, ma anche come luogo di iniziative e convegni legati alla produttività artigianale e commerciale del nostro territorio.

Apricena Bandiera arancione Bandiera arancione è il marchio di qualità turistico - ambientale del Touring Club Italiano rivolto alle piccole località (al di sotto dei 15000 abitanti) dell’entroterra che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità. Il programma territoriale bandiere arancioni promuove la conoscenza di luoghi poco conosciuti e di grande pregio che stimola il viaggiatore a visitare questi luoghi assaporandoli, ma al tempo stesso avendone cura proprio perché preziosi. Noi sponsorizziamo Apricena come delle qualità e della cultura con la bandiera arancione. In questo percorso culturale devono ricoprire una importanza rilevante il ricordo di Matteo Salvatore, attraverso il sostegno di un meeting Folk che già da tempo ne promuove l’immagine e la cul-

12


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

tura musicale, e quello a Marcello Pirro ed alle sue opere con un simposio di scultura, pittura e poesia. Altri eventi religiosi e tradizionali, quali sagre, i tuselli, il falò della Concetta, devono essere valorizzati. All’interno della promozione del territorio dovranno ricoprire il ruolo di attori principali i nostri commercianti con i quali organizzare eventi e definire il cartellone della storica kermesse estiva Procinestate. All’interno della quale promuovere la notte bianca della cultura. La promozione della cultura sarà veicolata anche attraverso progetti didattici con la collaborazione degli istituti scolastici (Atena per la Scuola). L'obiettivo sarà quello di costruire una rete di relazioni che porti il nostro territorio ad offrire una ricettività turistica di tipo didattico sfruttando al massimo le potenzialità offerte dalla nostra presenza all'interno del Parco Nazionale del Gargano, le nostre cave ed i siti archeologici del nostro territorio. La sfida da intraprendere sarà quella di coltivare la cultura del cinema, del teatro e della musica. Da qui la necessità di operare valorizzando i programmi già attivati e realizzati per costruire e promuovere la filiera economica ed ambientale del turismo sostenibile, realizzando sinergie tra cittadinanza attiva, associazionismo locale e amministrazione comunale. Nel prossimo quinquennio bisogna proseguire il lavoro fin qui svolto puntando a: valorizzare le risorse locali, sviluppare la cultura dell’accoglienza, stimolare l’artigianato e le produzioni tipiche, rafforzare l’identità locale.

13


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

LA CITTÀ DELLE REGOLE Urbanistica Non si può pensare ad una città senza regole chiare che la sostengano. Il programma urbanistico ruota intorno a due importanti pianificazioni – il Piano Urbanistico Generale ed il Piano Particolareggiato delle Attività Estrattive – che hanno raggiunto un avanzato, se non completo stato di definizione, tale da consentirne l’approvazione nei primi mesi del nuovo quinquennio così da renderli operativi nell’intero mandato amministrativo. Al di là di questi due importanti pianificazioni ci sono i Piani di Lottizzazione del Piano Regolatore Generale, da rendere operativi in tempi stretti con una parte di proventi provenienti dall’ ICI sulle aree edificabili. Gli investimenti in questo settore debbono produrre lavoro per le piccole e medie imprese artigiane e far sviluppare nella nostra Città un'edilizia di elevata efficienza energetica. Altro nodo da districare sarà quello dello snellimento e la velocizzazione delle pratiche e l'attivazione di procedure telematiche per gli uffici.

Il Piano Urbanistico Generale Oltre che mezzo di pianificazione e regolamentazione dell’uso del territorio, l’urbanistica col PUG può e deve diventare strumento di sviluppo e sostegno di iniziative pubbliche e private governate con trasparenza.

14


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Con questo strumento di pianificazione, l’amministrazione comunale ha compiuto uno storico sforzo ricognitivo dei contesti urbani ed extraurbani della nostra città, che non prevede un solo metro quadrato in più di aree edificabili rispetto al PRG vigente, che prospetta un uso più razionale degli spazi, nuovi e da ristrutturare, destinati ai servizi. Uno strumento fondato sul recupero e la riqualificazione del tessuto urbano esistente, da realizzarsi seguendo regole orientate al raggiungimento di obiettivi di qualità:  rispondere ai nuovi e specifici fabbisogni abitativi avanzati, ad esempio, da giovani coppie e single o da chi punta ad elevati standard di qualità abitativa;  offrire attenzione all’edilizia sociale che nasce dalle istanze di anziani, diversabili e famiglie allargate o che si radica in nuovi bisogni e forme dell’abitare;  incentivare ed assecondare il ritorno alla residenza, rurale, basata sulla ristrutturazione delle vecchie masserie e sulla nuova edificazione sostenibile;  promuovere l’edilizia ecosostenibile con l’uso di bioedilizia e sistemi di risparmio energetico;  attivare la riqualificazione di contesti urbani, a partire dal centro storico, incentrata sul ritorno alla residenza, e ad un uso leggero del commercio attivando piccole botteghe di prodotti tipici ed istituendo appuntamenti periodici di vendita dei prodotti tipici. L’appuntamento annuale di Saperi e Sapori verrà esteso con iniziative mensili.  Promuovere, al fianco della Regione, l’anello di connessione stradale tra la zona produttiva e quella industriale, circonvallazione ovest, affinché la fase di esproprio in fase di conclusione, in tempi brevi, porti alla realizzazione della stessa.

15


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

con l’approvazione del DPP si possono, prima ancora dell’approvazione del PUG, presentare i piani esecutivi, tra cui quello del recupero del centro storico.

In questo contesto di pianificazione sarà attuato anche il programma di rigenerazione urbana per il centro storico (piazza campo dei fiori, largo Sant'Antonio) per il completamento funzionale di Palazzo Paolicelli (museo dell'uomo di Apricena) e la pista ciclopedonale ai margini del canale Vallone, già approvato e finanziato dalla Regione Puglia, che anticipa e mette in pratica molti dei principi e delle azioni descritte.

Arredo urbano L’arredo urbano è uno degli elementi che meglio e con maggiore immediatezza traccia e determina l’immagine di una città e nei prossimi anni vogliamo riqualificare gli ambiti urbani per realizzare una più diffusa sintonia tra Apricena e i suoi cittadini. La progettazione dell’arredo urbano, dunque, punterà all’integrazione tra aspetti estetici e funzionali alluso della Città per migliorare la qualità degli spazi pubblici. Tra le iniziative più importanti, quella di promuovere un prezziario specifico sulla lavorazione ed applicazione della P pietra di Apricena e la definizione di un manuale della pietra, di corretta posa in opera e che ne specifichi le qualità.

16


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Il piano di bacino delle attività estrattive La zona estrattiva è un’area del nostro territorio che, anche se relativamente ristretta ha un rilevante impatto sull’ambiente. La Regione, ormai da anni, ha investito delle risorse per la definizione di un piano delle attività estrattive regionale e nello specifico di un piano particolareggiato per il nostro territorio. Purtroppo negli ultimi tempi questo piano si è arenato. Già definito nelle sue linee strutturali, rappresenta l’altro fondamento della futura pianificazione per la regolamentazione dell’uso del nostro territorio. Avremo: 

Regole certe e specifiche per l’attività estrattiva e quelle ad essa connesse (ridurre al minimo l'impatto delle polveri Frantoi), così da preservare la sicurezza e consentire un intelligente e pieno sfruttamento del bacino; Aree disponibili e regole per le attività di servizio connesse all’estrazione così da mitigare o annullare le interferenze con il centro abitato; Procedure autorizzative certe e più celeri per i nostri operatori, anche grazie all’attivazione di uffici territoriali dedicati al nostro bacino ed alla velocizzazione delle procedure regionali; Infrastrutture specifiche del bacino a partire dalla viabilità interna, per superare le interferenze con la rete stradale ordinaria, e dalle opere di mitigazione degli impatti ambientali, per migliorare la qualità dell’ecosistema urbano e la sicurezza nei luoghi di lavoro; Progetti seri e sicuri di recupero delle attività dismesse basati sulla rinaturalizzazione ed il riuso, per scongiurarne l’abbandono. 17


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Molti di questi obbiettivi saranno raggiunti grazie al gettito del contributo sull’estrazione istituito e previsto dalla Regione Puglia, che ha ottenuto il reinvestimento della gran parte del gettito in servizi al settore e progetti ambientali per il territorio. All’interno di questo piano proponiamo un progetto lungimirante, ma realizzabile in tempi brevi, il piazzale di scissione. Lo stesso avrà la funzione di sopperire le attuali necessità dei cavatori di rimuovere in tempi brevi, e con spese ridotte, il materiale cosiddetto di “scarto”, il quale, piuttosto che essere accumulato deve imporsi sul mercato come materia prima per lavori oggi strettamente necessari, quali il dissesto idrogeologico, la sistemazione delle foci dei fiumi ed il recupero delle coste soggette ad erosione. Questi lavori necessitano di un investimento, in Italia, di circa 40 miliardi di euro e quello di Apricena è l'unico comparto estrattivo che può garantire le quantità richieste, ma ad oggi non è ancora organizzato, il ruolo del piazzale di scissione sarà appunto questo: ottimizzare le risorse di risulta e da loro creare nuovo lavoro.

18


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Lavori pubblici Sui lavori pubblici bisogna ragionare su due diverse tipologie: lavori di piccola taglia (definendo un piano delle piccole opere) e lavori strategici per la Città. Le opere strategiche per la nostra comunità sono le seguenti:      

 

Rigenerazione urbana nelle aree prospicienti il torrente vallone Completamento infrastrutturazione dell’area industriale Completamento delle opere idrauliche di mitigazione del rischio idrogeologico Nuovo tratto canale scolmatore Partenariato pubblico-privato per la gestione, l’implementazione e l’ampliamento delle strutture sportive Mobilità sostenibile (pianificazione di una rete urbana ed extraurbana di piste ciclabili). Realizzazione di un percorso ciclo pedonale, di aree verdi attrezzate e di parcheggi per i luoghi pubblici, scuole, area mercato, uffici pubblici, chiese, piazzale della villa. Riuso del patrimonio immobiliare comunale, (Tribunale, Convento, ex Carcere, plesso di via Modena); Loculi cimiteriali. La carenza e la relativa situazione di emergenza fanno si che si predisponga, in tempi stretti, un progetto per la realizzazione dei loculi in corrispondenza del perimetro cimiteriale. Valorizzazione urbanistica dei terreni comunali, anche con progetti di finanza preliminarmente governati con procedure aperte e trasparenti; Casa di riposo per anziani;

19


UN NUOVO INIZIO

    

Programma amministrativo

Ponte pedonale sul canale vallone. In continuità con via Luigi Galasso ed in corrispondenza con uno degli accessi dell'area mercatale. Rifacimento in basolato di alcune strade. Completamento di quelle del Centro Storico e dei quartieri adiacenti; Riqualificazione delle vie di accesso alla città; Manutenzione ordinaria e straordinaria della rete viaria urbana; Manutenzione della viabilità rurale con partenariato pubblico-privato. Infrastrutturazione del percorso del canale vallone. Quest’opera strategica prevede la realizzazione di un percorso viario e ciclopedonale in adiacenza del canale Vallone. L’intento è quello di decongestionare il traffico cittadino dalle strade ad intenso passaggio di mezzi, e cioè via Melissa, via Duca D’Aosta e via F. Ferrucci e quindi spostare, di poche decine di metri il transito degli autobus.

20


Lista DemocraticaMente

 

 

Michele Lacci Sindaco

Il progetto di questa infrastruttura è diventato argomento di tesi di un laureando apricenese. Realizzazione della circonvallazione ovest. Questa infrastruttura risponde alla necessità di collegare, senza attraversare il centro urbano, il comparto produttivo con la Zona Industriale. Uno degli obiettivi che ci siamo posti è quello di connettere questa strada con la restante circonvallazione (a nord di Apricena) non a valle (prima del Santuario della Madonna dell’Incoronata), ma a monte, dove si dovrà realizzare una rotatoria e rendere sicuro l'incrocio antistante il Ristorante dell'Incoronata. Efficienza energetica e basso impatto ambientale. Questi sono gli obiettivi per l’illuminazione della Città. In prim’ordine la sostituzione dell’attuale illuminazione pubblica interamente con illuminazione LED; in secondo, il completamento dell’illuminazione del centro storico. Realizzazione di nuove aree mercatali. Rotatorie extraurbane. Le rotatorie extraurbane necessarie alla sicurezza degli automobilisti sono soprattutto tre: Ingresso da San Severo; Ingresso da via San Marco; Incrocio tra la strada Apricena-Poggio Imperiale e la cir convallazione nord di Apricena nei pressi del ristorante “dell’Incoronata”. Rotatorie urbane e dissuasori. Apricena ha già da tempo un piano del traffico che va messo in atto per ottimizzare i percorsi della nostra Città. Il piano in questione va meglio definito e reso operativo.

21


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Oltre le opere di importanza strategica per la Città bisognerà definire un piano delle piccole opere necessarie a riattivare la piccola impresa artigianale e a rendere più vivibile la nostra Comunità: 

Un piano di riqualificazione dei marciapiedi è utile sia per riattivare l’economia locale della trasformazione della Pietra che per garantire a tutti i cittadini, anche e soprattutto coloro con limitate capacità motorie, la possibilità di percorrere gli spazi riservati ai pedoni attraverso la realizzazione di rampe per disabili ed ulteriori accorgimenti per l’eliminazione di tutte le barriere architettoniche. Il piano sarà attivato in concerto con i privati. Aree giochi per bambini. L’aspetto ludico-ricreativo va incentivato e legato alle attività didattiche e di crescita della persona. L’area giochi esistente nella villa comunale va recuperata e resa sicura, mentre bisogna creare una nuova area ludica all’interno della nuova area mercatale. Una piazzetta per S. Francesco. L’idea prevede il recupero di un’area, ai margini di via Giannone, con un progetto moderno in Pietra di Apricena. Recupero ed allestimento delle aree verdi del quartiere 167. Molte aree verdi necessitano di essere recuperate e rese funzionali ed al servizio dei cittadini. In particolar modo intendiamo recuperare le due isole verdi di via Allende e via Allegato. Il progetto dovrà prevedere la sostituzione degli alberi esistenti, troppo ingombranti ed anche dannosi per la salubrità dei luoghi, con altri di dimensioni ridotte e la realizzazione di marciapiedi. Attraversamento Pedonale della S.S. 89 per raggiungere la nuova stazione ferroviaria.

22


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Recupero area Pozzo Salso.

Immobili comunali da recuperare L’obiettivo nei prossimi anni non sarà quello di creare nuove strutture pubbliche, ma dare una nuova funzione a quelle esistenti ed abbandonate: 

Ex carcere da rivalutare quale incubatore di impresa. Il comune darà gratuitamente degli spazi per coloro che vorranno intraprendere una nuova attività, al fine di garantire uno start up iniziale. L’immobile si presta bene per quelle attività di artigianato di bottega e per le attività di recupero e riuso dei materiali. Scuola via Modena. Affittare l’immobile, o concedere parti dello stesso a scuole di formazione e con le stesse stipulare convenzioni per i cittadini di Apricena, al fine di aumentare la qualità formativa nella nostra comunità. Ex convento in villa comunale. Far utilizzare l’immobile per le associazioni di volontariato (Croce Rossa, AVIS, guardie ecologiche...), come in parte già avviene. Ex tribunale. L’idea su questo immobile è quello di estendere il servizio asl e trasferire qui il pronto soccorso. Istituire un servizio di medicina del lavoro concedendolo all’ASL, in comodato d’uso gratuito. 23


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

LA CITTÀ DEL LAVORO Economia e lavoro Il piano straordinario del lavoro é uno strumento con una duplice funzione, la prima é quella di tamponare l'emergenza occupazionale attraverso l’utilizzo dei voucher e buoni lavoro, la seconda e più importante è realizzare una programmazione territoriale per dare ad Apricena uno sviluppo concreto e duraturo nel tempo, pensiamo al settore lapideo (estrazione e lavorazione), all’agricoltura attraverso la promozione di marchi di qualità, all’artigianato realizzando una rete di servizi di qualità. Il piano del lavoro non toglierà risorse economiche ad altri capitolati del bilancio comunale ma verrà finanziato interamente con risorse aggiuntive provenienti dalla ottimizzazione dei canoni e dall’affranco dei terreni demaniali.

Pietra di Apricena Il mercato internazionale fa da traino e non va osteggiato, ma accompagnato nella sua crescita, anche con rapporti di relazioni culturali, gemellaggi e borse di studio.

24


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Superando la facile e vuota retorica sullo sviluppo della trasformazione e la valorizzazione commerciale della Pietra di Apricena, ci proponiamo di individuare concrete e specifiche azioni risolutive dei problemi tuttora esistenti. La loro attuazione avverrà nel contesto delle nuove regole (legge sull’attività estrattiva) e degli istituti di programmazione (distretto), sarà sostenuta finanziariamente dalla efficace ed efficiente spesa dei fondi specifici destinati agli attori pubblici e privati di questo comparto, promuoverà un nuovo modello di cultura d’impresa, ricostruendo un moderno know how, fondato sulla collaborazione tra le aziende e la valorizzazione delle risorse immateriali e delle competenze dei nostri giovani:  proponiamo un nuovo Istituto Tecnico Superiore dedicato al settore lapideo pugliese da localizzare ad Apricena, così da attivare corsi di formazione post diploma specifica per coprire e qualificare i ruoli lavorativi all’interno delle aziende; con questo obiettivo costituiremo una Fondazione pubblico-privata che ispiri e sostenga l’attività dell’ ITS e che possa svolgere un ruolo formativo più ampio;  sosterremo programmi occupazionali destinati all’inno-vazione del ciclo produttivo e della produzione stessa, partendo con l’assunzione di 10 giovani laureati;  riproporremo la stipula di una convenzione tra comune e consorzi esistenti per la fornitura, a prezzi vantaggiosi, di prodotti lapidei da utilizzare nella realizzazione di opere pubbliche.

25


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Queste iniziative e le altre che saranno auspicalmente attivate dal distretto (centro direzionale, laboratorio di testaggio materiali) possono e devono avere sede operativa nel centro realizzato del CONSIAT, già da tempo messo a disposizione dal consorzio stesso.

Artigianato e industria L’obiettivo politico e programmatico di sistema è lo sviluppo della cultura dell’associazionismo di categoria e d’impresa: fattore di integrazione e valorizzazione delle tipicità e delle competenze territoriali, ancor più utile nell’attuale fase critica dell’economia ad ogni livello. Accompagneremo le imprese per l'apertura al credito ad alle pratiche per il mediocredito. Sotto il profilo strutturale, abbiamo individuato alcune priorità ed altrettanti obiettivi possibili:  Realizzare nuove aree artigianali e di servizio con l’espansione dell’area PIP esistente.  Disegnare una variante della zona industriale, da infrastrutturare ulteriormente dopo aver abbattuto i potenziali oneri di urbanizzazione; che ne modifichi l’assetto rispetto all’eccessiva estensione della stessa, risolvendo anche la questione ICI-IMU aree edificabili.  Destinare i proventi delle alienazioni di beni comunali all’acquisto di aree industriali da offrire a prezzi calmierati a chi investe, con evidenti e garantiti risvolti occupazionali, nel nostro territorio.

26


Lista DemocraticaMente

   

Michele Lacci Sindaco

Creare un centro di formazione ed orientamento al lavoro, nell’ambito del progetto Bollenti Spiriti, per accompagnare e sostenere giovani e meno giovani nelle la ricerca dell’occupa-zione. Stimolare le ristrutturazioni edilizie e incentivare l’edilizia eco-sostenibile (risparmio energetico e materiali naturali) con: aumento cubatura, abbattimento costi di urbanizzazione, eliminazione costi di urbanizzazione nel centro storico. Non proponiamo altre espansioni edilizie ma di concentrarci su quelle esistenti per migliorarle. Favorire la vendita di alcuni immobili comunali abbandonati per nuove lottizzazioni e destinare le risorse alla manutenzione del patrimonio comunale e alla riqualificazione del centro storico. Incentivare l’utilizzo della Pietra di Apricena nelle opere pubbliche e private (con espressa previsione nella regolamentazione del PUG). Consentire nel nuovo PUG attività artigiane di bottega anche in ambito urbano. Incentivare i giovani imprenditori con riduzione delle tasse locali. Contrastare il lavoro nero e sommerso con azioni coordinate tra organi di vigilanza e associazione di categoria. Applicare con maggiore trasparenza l’albo delle imprese di fiducia per tutti i lavori di modesta entità. Sostenere una seria programmazione delle iniziative promozionale della pietra di Apricena che coinvolga le PMI, le associazioni, il distretto lapideo e i tecnici specializzati. Istituzione di uno sportello di mediocredito.

27


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Commercio L’obiettivo primario da conseguire e quello di rendere sempre più agevole e conveniente sia ai cittadini che operatori, la possibilità di arricchire l’economia commerciale della nostra città. Crisi dei consumi, calo demografico e costante impoverimento della popolazione residente, sono tutti fattori che richiedono un' attenzione particolare da parte della politica per questo fondamentale settore della vita economica. Le funzioni pianificatorie del Comune sono state quasi totalmente annullate. Unica eccezione è la previsione delle aree urbanisticamente compatibili per le medie strutture. Questo è il compito sostanziale del piano commerciale che bisogna ripristinare. L’azione di sviluppo che intendiamo attivare in questo settore prevede anche un intervento sui consumatori per orientare le loro abitudini di acquisto verso le attività locali, attraverso campagne di pubblicità e promozione con i commercianti locali. Limitare per quanto possibile l’apertura indiscriminata di grandissime strutture cercando di dare ristoro e beneficio ai negozi della nostra città ben capendo che la riapertura delle saracinesche nelle strade del centro o della periferia può comportare una evoluzione positiva non solo in campo occupazionale ma anche e soprattutto nei rapporti sociali che inevitabilmente vengono a mancare con le luci spente di un’attività commerciale. Anche in questo settore bisogna mettere in campo un’edilizia commerciale convenzionata, un istituto simile a quella abitativa che garantisca a fronte di una ristrutturazione o di una agevolazione per i proprietari, canoni calmierati per la durata dei 28


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

contratti. Dare incentivi ai commercianti, sugli esempi già adottati in altre grosse realtà, favorendo le nuove attività commerciali non facendo pagare alcune tasse comunali e concedere buoni sconto alle fasce più deboli della popolazione da spendere in negozi convenzionati. Rivedere la tassazione sugli spazi pubblici occupati dagli esercizi commerciali anche e soprattutto in considerazione della già precaria situazione economica di tante di queste attività che non possono e non devono essere lasciate sole al loro destino. Garantire la legalità deve diventare un obbligo morale. Contrastare l’abusivismo commerciale deve essere un'azione naturale in forte contrapposizione a chi occupa spazi senza licenza o senza partita iva e magari senza il rispetto delle più elementari norme igienico sanitarie. Molti sono gli investimenti che, male indirizzati, portano all'apertura di attività che non rispondo appieno alla domanda di servizio della nostra comunità. L'amministrazione ha il compito di indirizzare i propri cittadini verso investimenti che garantiscano dei risultati, per questo motivo sarà necessario fare uno screening sulla domanda dei servizi carenti all'interno della nostra comunità.

Agricoltura L’irruzione nel mercato globale di nuovi Paesi produttori e i mutati stili di vita sollecitano un ripensamento della nostra struttura produttiva per garantire la concorrenzialità delle nostre aziende e il rafforzamento dello sviluppo economico della nostra comunità.

29


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

L’amministrazione comunale sarà coprotagonista di questa sfida impegnativa e per questo profonderemo le nostre migliori energie per raggiungere i risultati concertati con la comunità delle imprese e dei lavoratori. Nel nostro territorio insistono importanti realtà produttive e cooperativistiche della filiera del frumento duro. La filiera è, però, ancora monca di alcune importanti fasi del ciclo di lavorazione. L’amministrazione comunale contribuirà al superamento della frammentazione del mondo produttivo promuovendo la costituzione di un’organizzazione dei produttori cerealicoli, con cui programmare le azioni necessarie a favorire lo sviluppo dell’industria di trasformazione dei derivati cerealicoli. Per tale motivo bisogna dedicare ad Apricena un riconoscimento che è quello di Apricena Città del grano. Apricena Città dell'olio. Dopo l'ingresso nel consorzio per la valorizzazione dell'oliva peranzana, il prossimo obiettivo sarà quello di aderire all'associazione Città dell'olio. L’agricoltura deve ancor più e meglio integrarsi con gli altri comparti produttivi del territorio. 

Agricoltura e turismo: l’amministrazione comunale favorirà lo sviluppo della ricezione diffusa favorendo la nascita e la valorizzazione di agriturismi.

30


Lista DemocraticaMente

   

Michele Lacci Sindaco

Agricoltura ed ambiente: la produzione agricola sarà sempre più sostenibile, anche al fine di incentivare l’uso delle risorse naturali a fini turistici, e con questo obiettivo saranno attivate sinergie operative con la Facoltà di Agraria dell’Università di Foggia, l’Istituto Tecnico Agrario di San Severo e i centri di ricerca locali per la sperimentazione di innovative tecniche di coltivazioni e la progettazione di azioni integrate con il marketing territoriale. Agricoltura e fattorie sociali: l’amministrazione favorirà progetti di inclusione sociale e occupazionale dei soggetti provenienti da percorsi diversi di riabilitazione. Agricoltura e fattorie didattiche: l’amministrazione promuoverà la costruzione di masserie didattiche all’interno delle aziende agricole con lo scopo di avvicinare le nuove generazioni alla conoscenza dei legami tra uomo, ambiente e città, del mondo rurale e della produzione agricola. Agricoltura ed economia: un’agricoltura fortemente integrata nelle sue componenti e con i comparti produttivi, particolarmente quello della pietra, diverrà il principale veicolo di promozione delle economie diffuse sul nostro territorio nei mercati nazionali ed internazionali. Grazie all’impegno diffuso, non solo istituzionale, bisogna portare avanti l’idea di colture di qualità, come ad esempio il distretto del pomodorino. Impianto di triturazione vegetali di scarto. Pesa pubblica. Innovazione del prodotto congiunto con le Università del Territorio Analizzare i terreni e le falde acquifere Organizzare i rifiuti agricoli con un’area di stoccaggio.

31


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Le crisi economiche e i provvedimenti fiscali del governo hanno pesantemente inciso sul già precario risultato economico delle aziende agricole. L’amministrazione comunale si impegna ad applicare la più bassa aliquota agli agricoltori che dimostreranno la prevalenza del reddito derivante da attività agricola e la corretta gestione dei rapporti di lavoro. L’Europa rappresenta il principale mercato delle nostre produzioni e la sede primaria della legiferazione del settore agricolo. L’amministrazione comunale istituirà un ufficio europeo (in uno staff gratuito che si preoccupi di tutti i fondi messi a disposizione delle amministrazioni) al fine di cogliere i segnali che anticipano gli orientamenti della commissione UE, partecipare al dibattito e formulare le giuste osservazioni sui diversi punti di vista. L’ufficio europeo avrà anche il compito di connettere il tessuto economico con le opportunità finanziarie che l’Europa destina ai suoi territori e ai suoi protagonisti. Gli uomini e le donne impegnate e impiegate nel settore agroalimentare sono i protagonisti principali della nostra agricoltura. L’amministrazione comunale costituirà un tavolo di confronto permanente delle cooperative, delle organizzazioni dei produttori, delle eccellenze produttive, delle organizzazioni datoriali e dei lavoratori al fine di aggiornare continuamente l’agenda dei lavori della nostra operatività concreta. La nostra idea di agricoltura sarà tanto più forte se intreccerà feconde contaminazioni con i territori circostanti raggiungendo il traguardo di una dimensione sovracomunale omogenea: le filiere non conoscono confini amministrativi e la competizione per la conquista dei mercati nazionali e internazionali è ormai a livello di macroterritori e non di singole realtà produttive.

32


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

Sarà promosso il patto permanente di consultazione tra i sindaci dell’Alto Tavoliere per valorizzare le tante sinergie ancora inespresse. Brand Italy Qatar Brand Italy è la prima esposizione del made in Italy in Qatar. Dall'eccellenza dell'arte culinaria, al design degli arredi e delle costruzioni, alle bellezze turistiche: lo stile italiano come stile di vita. L'esposizione si terrà nella Città di Doha nel Novembre prossimo e sarà la vetrina per quei prodotti, food e no-food, che verrano immediatamente impiegati per la realizzazione di due città ed oltre 700 alberghi. Abbiamo immediatamente messo in relazione i nostri imprenditori, del settore lapideo e di quello agroalimentare, con una società che promuove questa iniziativa. La riteniamo una occasione da non perdere per fare in modo che gli imprenditori locali possano esportare il prodotto finito (con maggiori profitti per il territorio ed i cittadini) e non vendere semplicemente il blocco grezzo .

33


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

LA CITTÀ SOSTENIBILE Ambiente L’ambiente rappresenta una sfida tra le più serie alle capacità di un’amministrazione comunale. La tutela dell’ambiente, la salvaguardia dell’ecosistema, il rispetto per la natura ed i suoi ritmi sono indispensabili per realizzare uno sviluppo equilibrato ed armonioso della nostra città. Nel prossimo quinquennio saranno rafforzate tutte le iniziative già avviate attivando progetti innovativi capaci di promuovere, con i fatti, una vera e sostenibile cultura ambientalista fondata sul vincolo delle risorse ambientali e sulla qualità operativa. 

Controllo ambientale e bonifica delle zone interessate da sversamenti abusivi di sostante dannose per l'uomo e per l'ambiente.

L’amministrazione comunale continuerà a perseguire l’obiettivo dell’abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera, in linea col piano dell’Unione Europea inteso a contrastare i cambiamenti climatici, e della forestazione del territorio nella parte montana e in alcune aree periurbane, con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria e della vita dei cittadini. Recupero e gestione privata delle aree verdi Sarà predisposto il PEC, Piano Energetico Comunale, per programmare le azioni di efficienza e autoproduzione energetica (fotovoltaico sui tetti e di impianti solari termici), nonché le manutenzioni straordinarie degli impianti di illuminazione pubblica. Il tutto con innegabili e notevoli risparmi

 

34


Lista DemocraticaMente

 

Michele Lacci Sindaco

Sarà redatto il regolamento per l’edilizia sostenibile. La valorizzazione e promozione turistica dell’area compresa nei confini del Parco Nazionale del Gargano sarà realizzata anche con l’ampliamento delle aree SIC (Siti di Interesse Comunitario) e ZPS (Zone di Protezione Speciale), così da raggiungere gli standard europei e accedere ai finanziamenti specifici. Un marchio di qualità per i prodotti della nostra terra sarà creato in collaborazione con il GAL Daunia rurale, con l’obiettivo di promuovere aggregazioni di microimprese per l’attivazione di circuiti di distribuzione locale favorendo, quindi, il commercio di prodotti tradizionali e tipici del territorio, incentivando anche gli agriturismo e le fattorie didattiche. Saranno completati gli interventi di difesa idraulica dei versanti montani dal rischio idrogeologico, realizzati con le tecniche dell’ingegneria naturalistica e finanziati con i fondi europei. Una rete di itinerari e sentieri pedonali storico-naturalistici attrezzati sarà realizzata per promuovere l’attività escursionistica anche dei cittadini diversamente abili. Favorire la biodiversità dei nostri boschi ed esaltare l’efficienza ecologica degli ecosistemi forestali consentirà anche la predisposizione di aree attrezzate per attività ricreative (parco avventura, percorso ginnico, percorso naturalistico). Completeremo gli interventi per lo sviluppo di percorsi che favoriscano la connessione ecosostenibile delle aree urbane con il territorio rurale. Provvedere al censimento degli alberi monumentali. Istituire micrositi di tutela delle specie rarissime presenti nel nostro territorio (orchidee, peonie etc…) 35


UN NUOVO INIZIO

 

Programma amministrativo

Dopo aver piantato circa 11mila nuovi alberi, con un abbattimento delle emissioni di CO2 di circa 90 tonnellate medie all’anno, nei prossimi anni si dovrà raggiungere l’obiettivo ambizioso di mettere a dimora oltre 30.000 piante. Il Comune sarà impegnato a promuovere iniziative con le scuole elementari e medie per la realizzazione di corsi di educazione ambientale con forte orientamento alla raccolta differenziata, all’utilizzo delle energie rinnovabili e sull’uso razionale dell’acqua. Sarà adottato il regolamento delle aree boscate, anche per difendere i boschi dal rischio di incendio. Sarà incrementata la creazione di parchi verdi - urbani e periurbani - e l’estensione delle aree a verde nella zona PEEP, coniugando l’interesse ornamentale e la valorizzazione dei siti prescelti con la riduzione al minimo dei consumi idrici. Sarà adottato il regolamento comunale del verde pubblico e privato con l’obiettivo di migliorare l’ambiente e arricchire la biodiversità sul territorio comunale. Sarà istituita la consulta per l’ambiente – luogo di confronto e collaborazione tra i rappresentati di enti, associazioni e gruppi di cittadini impegnati sulle tematiche ambientali – il cui scopo è: promuovere la cultura della difesa del territorio e delle risorse naturali della città; supportare l’amministrazione comunale nella programmazione ambientale. Gli uffici pubblici saranno sollecitati a utilizzare materiali ottenuti da prodotti riciclati e/o a basso impatto ambientale. Elaborare un progetto urbanistico di recupero e restauro dell’esistente privilegiando soluzioni che tengano conto dei miglioramenti alle aree verdi e alle zone pedonali. 36


Lista DemocraticaMente

  

Michele Lacci Sindaco

Trasporto pubblico sostenibile. Incentivare l’uso della navetta cittadina, migliorandone i percorsi, e sostituire l'attuale mezzo con altri elettrici. Piano di gestione del calore e del contenimento energetico delle opere pubbliche e sull’illuminazione pubblica. Riqualificazione energetica degli edifici pubblici. Utilizzo delle reti immateriali. Informatizzazione dei servizi al cittadino.

Gestione integrata dei rifiuti Dopo aver raggiunto il 56% nel 2012 di raccolta differenziata, grazie al sistema porta a porta, che le è valso il premio Start up di Legambiente per aver raggiunto e superato, in pochi mesi, l l’obiettivo del 65% di riduzione del conferimento in discarica (19,5% agosto 2010 / 66,2% - settembre 2011), la città è ritornata ai minimi storici con l l’ultima amministrazione (25%). Una riduzione che ha inciso non solo sull’ambiente, ma anche nelle tasche dei nostri cittadini, visto che essa è costata all’intera comunità circa 200.000 euro in più in un solo anno (incidendo del 10% circa sulla TARSU). Il prossimo obiettivo sarà il passaggio dalla semplice raccolta differenziata alla più complessa attività di riciclo e riuso (Rifiuti Zero), con i conseguenti benefici economici ed occupazionali, andando oltre il 65% di raccolta differenziata Proponiamo un centro di compostaggio (previsto dal piano regionale dei rifiuti) ed il RAEE parking.

37


UN NUOVO INIZIO

Programma amministrativo

Sarà istituita la sezione ecologica, con dipendenti del Comune e volontari della Protezione civile, a cui attribuire funzioni di monitoraggio del territorio contro le discariche abusive, al fine anche di definire una impronta ambientale della nostra città. L’attivazione del mercato contadino favorirà la vendita di prodotti locali e lo sviluppo dei gruppi di acquisto solidale, riducendo l’acquisto di merci usa e getta che producono maggiori quantità di rifiuti. Per promuovere il riuso e lo scambio sarà realizzato un luogo di raccolta di oggetti usati e ancora utilizzabili, da rendere disponibili a chi ne abbia bisogno. Attiveremo il programma Frutterà. L’amministrazione Comunale donerà alle scuole dell'infanzia e alle scuole primarie arbusti da frutto, al fine di educare le nuove generazioni alla cura dell’ambiente, alla comprensione del ciclo biologico ed allo stimolo sul consumo consapevole.

Sport e salute     

Sostegno alle associazioni sportive per l’organizzazione di eventi e seminari sulla cultura dello sport e della salute. Realizzazione progetti per la corretta alimentazione. Evitare, anche grazie alle attività sportive, la dispersione scolastica. Istituire un registro tumori e malattie di altro genere nel nostro territorio. Promuoveremo gli esami preventivi su specifiche malattie per i ragazzi in età scolare.

38


Lista DemocraticaMente

Michele Lacci Sindaco

39


Programma Elettorale DemocraticaMente  
Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you