Page 1

Spazio autogestito dalla Associazione Italiana Genitori di Fasano (BR)

AgeStampaFasano Anno I – maggio 2010 - numero 1

Perché l’associazione genitori

Figura 1 Accordo tra il Presidente nazionale della Associazione Italiana Genitori Davide Gualnieri e Pietro Trisciuzzi, Presidente A.Ge. Fasano.

Fino a qualche mese fa era solo un’idea nata nell’ambito di un progetto del Piano Sociale di Zona. È impressionante come in pochissimo tempo quell’idea si sia materializzata progressivamente in realtà, a dimostrazione di una profonda spinta emotiva sollecitata da un bisogno più o meno esplicito dei genitori di Fasano. Dopo numerosi incontri e un faticoso lavoro per costruire le basi di questa grande casa che vogliamo costruire per accogliere genitori volenterosi e sensibili alla vita sociale e protesi a difendere il futuro dei figli, oggi Fasano si arricchisce di una nuova associazione che si pone obiettivi ambiziosi, quanto necessari, per dare una svolta alla traiettoria spesso involutiva della nostra società. L’Associazione Italiana Genitori di Fasano (A.Ge. Fasano) che qui rappresento, porterà avanti, in sintonia e sinergia con l’A.Ge. nazionale, numerose iniziative, una delle quali avrà come obiettivo quello di coinvolgere volontari attraverso la valorizzazione delle risorse di ognuno e trovare fondi per poter allestire una sede sociale in cui fare sorgere un luogo operativo e di ritrovo dei soci. In particolare la sede sociale sarà un importante punto di riferimento per tutti i genitori di Fasano che si pongono sia come portatori di esperienza da mettere a disposizione degli altri sia

come coloro che vivono momenti difficili esprimendo un bisogno di sostegno e aiuto. Per la sede sociale confidiamo molto nella volontà e nella vicinanza delle Istituzioni. Attualmente l’essere genitori, o aspirare ad esserlo, implica una responsabilità che merita di essere sostenuta e incoraggiata in un contesto sociale caratterizzato da contraddizioni e da una complessità disorientante che mettono in serio pericolo la nostra serenità, la nostra vita, il nostro futuro e quello dei nostri figli. Lo stillicidio delle notizie di cronaca proiettano nella nostra anima una angoscia che mette in allarme, inducendo insicurezza e sfiducia, una sfiducia che spesso viene proiettata sulle Istituzioni e sulla politica, quasi a voler attribuire ad esse tutti i mali del mondo; dimenticando che le stesse altro non sono che lo specchio di noi stessi. Spesso, i genitori, presi dalle preoccupazioni e dalla frenesia della vita quotidiana, dai bisogni impellenti di riuscire a mantenere il proprio reddito e il proprio status sociale, sopraffatti dall’angoscia per il futuro, assumono inconsapevolmente atteggiamenti iperprotettivi nei confronti dei figli, non dando spazio ai processi naturali di crescita ed autonomia; oppure ancora con più frequenza può accadere che non hanno più tempo sufficiente per fermarsi a riflettere sul proprio ruolo di educatori, non hanno più tempo sufficiente da dedicare all’educazione dei propri figli, delegandola spesso alle Istituzioni. Queste, a loro volta, sentendosi schiacciate da un simile peso e responsabilità e ritrovandosi impreparate a pensare a se stesse in maniera nuova, non riescono più ad orientare le proprie strategie educative, delegando, pertanto, la responsabilità alla politica. I politici stessi, in seguito anche alla caduta delle ideologie, alla disintegrazione dei partiti “mamma”, dei partiti “chioccia”, si ritrovano a vivere un forte senso di disorientamento. Mai come in questo momento storico la collettività tutta si trova in un profondo stato confusionale. In una tale e diffusa confusione a pagare maggiormente il prezzo sono i più deboli, i più giovani, i quali sono disposti a tutto per venire fuori da questo profondo senso di vuoto, per avere un qualche straccio di leader da seguire, una


Figura 2 Alcuni membri del Consiglio Direttivo di A.Ge. Fasano

qualsiasi idea a cui uniformarsi. E, spesso, lì dove mancano riferimenti positivi e costruttivi sono le propagande o la televisione a stimolare bisogni o a proporre modelli impossibili da perseguire, studiati e pensati a tavolino a supporto del mercato. Nella peggiore delle ipotesi sono le organizzazioni criminali a farla da padrone, divenendo il faro che acceca e illude, promuovendo e rinforzando nei giovani stili di vita facili ed effimeri, ma strettamente in sintonia con il mercato e con quanto propagandato attraverso i mezzi di comunicazione di massa: pochi valori ridotti al minimo essenziale, poche responsabilità, spingendo, invece, al massimo l’idea del divertimento e dei guadagni facili, creando tensione verso modelli impossibili, adottando comportamenti spesso confusionali, ansiogeni e inappaganti che potremmo definire una sorta di “inerzia affaccendata”. Il disorientamento generale compisce anche la politica che non riesce più ad intercettare i bisogni confusi della gente. Oggi si parla di “Casta”, della corruzione dei politici che pensano a se stessi e alla loro cerchia di amici, ma è anche vero che mai come in questo momento la politica e i politici si ritrovano ad avere bisogno dei cittadini, di tutti noi. A partire da questa serie di considerazioni e dalla responsabilità di preparare un futuro migliore per i nostri figli, un gruppo di genitori di Fasano, prendendo consapevolezza di quanto sia importante il proprio ruolo genitoriale per l’educazione dei figli e per il benessere della collettività, ha deciso di non rimanere ad assolvere il ruolo di chi assiste inerte ai fatti, manifestando insofferenza attraverso il lamento e atteggiamenti

di sfiducia, ma di assolvere ad un ruolo attivo e di protagonismo, fondando una associazione di genitori, l’A.Ge. Fasano. Per questo, in qualità di legale rappresentante della associazione, ruolo che mi onora e mi impegna nei confronti di chi mi ha affidato questa responsabilità, sento il dovere di rivolgere un invito a tutti i soci e sostenitori della associazione e alla comunità fasanese perché vengano fuori da un simile stato di torpore e di sonno, per rendersi conto di quello che sta veramente accadendo e capire quanto possa essere importante il singolo contributo. Noi vorremmo che la nostra idea fosse pensata, modificata e realizzata attraverso l’interesse e la partecipazione di tutti, di quanti, e sono sicuro che sono in tanti, conservano nel proprio mondo interiore quel senso di responsabilità che ci permetterà di contribuire a cambiare la traiettoria involutiva che tanto ci angoscia. Deviare una simile traiettoria dovrebbe essere il nostro obiettivo attraverso l’impegno di costruire in modo attivo e consapevole il nostro presente e il nostro futuro per acquisire maggiore fiducia e un maggior senso di soddisfazione personale e collettiva. Quello che intendiamo promuovere, e vorremmo farlo insieme a tutte le altre realtà del nostro territorio, è solo un piccolissimo passo verso la costruzione di una società più giusta, consapevole e responsabile. Mi piacerebbe moltissimo che tale invito fosse accolto con fiducia e speranza e che ognuno nel suo piccolo possa manifestare il proprio interesse in favore di tale iniziativa e dare il proprio contributo al fine di sentirsi partecipe di una cosa nuova che sta iniziando. Invito tutti, giovani, genitori, professionisti, insegnanti, religiosi, politici ecc. a seguire tutti la stessa direzione, stringendoci intorno alla Associazione Italiana Genitori di Fasano che mi pregio di rappresentare e ai progetti che questa associazione ha elaborato ed elaborerà che saranno oggetto di approfondimento nei successivi numeri di AgeStampaFasano. Un sincero ringraziamento rivolgo al giornale “Graffio” che ha accolto la nostra richiesta dando spazio alle nostre idee e alle nostre iniziative, affinché questa associazione possa divenire una realtà concreta che racconti le cose della nostra città per il bene dei figli e dei genitori, una realtà peraltro unica nel suo genere. Pietro Trisciuzzi Presidente A.Ge. Fasano


Progetto Insieme per Crescere Con la primavera genitori e bambini a contatto con la natura

Concretizzare in esperienze tangibili i principi che animano l’Associazione Italiana Genitori di Fasano, rappresenta una delle sfide principali di chi è impegnato attivamente nell’organizzazione di attività ed eventi nell’ambito di un progetto denominato “Insieme per Crescere” che si rivolge in primo luogo ai bambini più piccoli. Nell’ottica di promuovere momenti di aggregazione tra bambini e genitori, situazioni di confronto, scambio e crescita tra adulti, e nell’ottica di favorire opportunità formative che vedano coinvolti grandi e piccini, i membri del Consiglio Direttivo della associazione, in collaborazione con tutti gli altri soci, hanno cercato di approntare una serie di iniziative di tipo socioricreativo volte principalmente a favorire aggregazione, confronto e a promuovere situazioni di divertimento e gioco, in particolare rivolgendo lo sguardo ai bambini, per i quali sarebbe opportuno ricordare che il gioco rappresenta oltre che un diritto fondamentale anche una significativa opportunità di crescita e sviluppo cognitivo e relazionale. In questa prospettiva l’A.Ge. Fasano, tra le numerose iniziative, organizza per tutti i soci che vogliano aderire delle uscite, programmando le attività in un’ottica pedagogia e didattica. Un’interessante proposta formativa è relativa alla visita guidata presso una fattoria didattica del nostro territorio (nelle vicinanze di Alberobello di cui RAI 3 ha parlato nei giorni scorsi in un documentario) che si terrà nella mattinata di domenica 23 maggio 2010. La scelta di recarsi presso una di queste fattorie didattiche va nella direzione di consentire ai bambini, e anche agli adulti, di trascorrere una giornata a stretto contatto con la natura, sempre mantenendo lo sguardo

all’educativo. Infatti, presso questa struttura i bambini avranno la possibilità di partecipare a uno dei laboratori didattici (laboratorio del pane, della lavorazione dei cestini di vimini, lombrichi e animali operosi), arrivando a produrre essi stessi delle cose sotto l’esperta supervisione di persone che si occupano di organizzare e monitorare tali attività. L’immersione nel mondo della natura con i suoi colori, profumi, con gli animali (in questo posto sono state rilevate orme di dinosauri), a promuovere una sorta di scoperta guidata dei mestieri tradizionali, consente per tutti, ed in particolar modo per i più piccoli, di vivere delle esperienze di armonia e benessere oltre che respirare aria pulita e salubre. La possibilità per i bambini di lavorare anche accompagnati dai propri genitori consente, inoltre, di sperimentare vicinanza affettiva e sostegno da parte di chi rappresenta per loro importanti punti di riferimento. Troppo spesso noi adulti siamo presi da ritmi frenetici che scandiscono inesorabilmente le nostre giornate, sempre più raramente si riesce a ritagliarsi delle parentesi di confronto e gioco o semplicemente di contatto emotivo con i nostri bimbi. Dunque, ben vengano iniziative di questo tipo che hanno, peraltro, il pregio di avvicinare e aggregare le famiglie nell’ottica di promuovere una significativa rete sociale e di solidarietà. L’invito, quindi, è rivolto a tutti quelli che vogliano immergersi per una giornata nel mondo della natura insieme a coloro che rappresentano quanto di più importante ci possa essere: i nostri figli. Per informazioni e per prenotazioni rivolgersi entro il 18/05/2010 al seguente recapito cell. 333-6394630. Rendiamo noto che il numero massimo dei partecipanti tra adulti e bambini che la struttura può ospitare è di 50 posti. Per dare maggiore spazio ai bambini, una parte del gruppo dei genitori potrà decidere di organizzare una passeggiata all’aperto in uno dei paesi limitrofi. La giornata proseguirà con il pranzo sociale (facoltativo) presso una delle strutture del territorio.

Cinzia Caroli Coordinatrice gruppo di lavoro AgeStampaFasano

Age Fasano  

New age Fasano

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you