Page 1

SUPPLEMENTO SETTIMANALE GRATUITO AL NUMERO ODIERNO DE “IL CITTADINO OGGI - CORRIERE NAZIONALE”

WWW

06

Tel. 075 927 80 12 - Fax 075 9277947 - email: info@quigubbio.it

quigubbio.it PIANO REGOLATORE La Commissione vara le modifiche

giovedì 17 febbraio 2011 POLIZIA MUNICIPALE Tutti i numeri degli incidenti

UNITÀ D’ITALIA Iniziative del Comitato “Angelico Fabbri”

Prg, la revisione va in consiglio Via Leonardo da Vinci maglia nera

L’apporto dei nostri alla causa

Sarà discussa in consiglio comunale la relazione della Commissione per la verifica e la revisione del Prg presieduta da Massimo Ceccarelli.

La strada con il maggior numero di incidenti è via Leonardo da Vinci che detiene il non auspicabile primato con undici sinistri. Il bilancio della polizia municipale.

Nuovo incontro del Comitato “Angelico Fabbri” in occasione delle celebrazioni per il 150esimo dell’Unità d’Italia. Sotto la lente l'apporto dato dagli eugubini alla causa italiana.

Alle pagine 8 e 9

A pagina 7

A pagina 6

POLITICA I Democratici per Gubbio rivendicano il loro ruolo e annunciano: “Una pietra sul passato e coalizione ampia con Prc”

“Siamo noi il vero Pd” PERSONAGGI A Terni frecce vincenti

Il ritorno di Ubaldo Cecilioni Un oro e un argento per l’atleta della Compagnia Arcieri Eugubini a Terni. Le frecce di Ubaldo Cecilioni hanno superato il campione italiano Peruffo agli assoluti indoor ParaArchery. A pagina 11

DAL MONDO La città negli Usa

A ruba le statue di San Francesco Novità dagli Stati Uniti. San Francesco e il lupo tornano più protagonisti che mai con nuove statue in vendita in un sito internet americano: www.saintfrancisgarden. com. Alle pagine 12 e 13

CALCIODomenica trasferta a Monza

Che numeri per la capolista Dopo il 2-1 sull’Alessandria, il Gubbio diventa la squadra con il maggior numero di vittorie tra le prime tre serie professionistiche del calcio italiano. Intanto il gruppo si prepara per Monza. Alle pagine 22 e 23 Alle pagine 4 e 5


Politica L’EDITORIALE di Luca Mercadini

Dal disperato tentativo per Lucio Lupini alle “grane” PdCi e Idv

Il candidato e la coalizione di sinistra i problemi del Partito democratico ell’ultima riunione po- della coalizione di cui il N litica del fine settima- Partito democratico si fa na il Pd ha tentato (proba- capofila. Due, a oggi, i prinbilmente) l’ultima carta. Probabilmente, perché non si sa mai (l’esperienza suggerisce massima prudenza). Fatto sta che il Pd (inteso come vertici eugubini) ha parlato con Lucio Lupini proponendogli (sempre) il passaggio nella coalizione di centro sinistra, ma questa volta con la “formula” delle primarie. Per il candidato del centrodestra (ha incassato l’appoggio ufficiale del Pdl) un’eventuale adesione sarebbe stata un gioco al massacro, non avendo alle spalle la macchina organizzativa del partito. Un gioco al massacro anche perché la precedente proposta lo vedeva candidato unico a seguito del passo indietro chiesto a Diego Guerrini. Semplice, quindi, il diniego di Lupini. Ma in casa Pd i dubbi non finiscono qui. Oltre alla persistente incertezza sul candidato da sposare, c’è da chiarire pure la reale consistenza

cipali interrogativi: i Comunisti italiani fanno parte dell’alleanza o no? Smacchi non ha dubbi e annuncia una coalizione con la loro presenza, poi arriva un comunicato del PdCi a firma di tutti i vertici del partito e la risposta alla domanda va tutta in un’altra direzione, ossia quella dell’appoggio a Rifondazione e alla candidatura di Maria Cristina Ercoli in vista “della coalizione più ampia possibile”. Che, tradotto, significa per l’appunto volontà di alleanza con il Prc. Quella volontà da sempre avversata in casa Pd, anche se nell’ultima riunione Smacchi (lui nega, ma alcuni presenti confermano) avrebbe detto di pensare a un accordo con la Ercoli. Una frase buttata là, probabilmente, come tentativo disperato per convincere Lucio Lupini a lasciare il centrodestra facendo leva sulla forza di una ipotetica super coalizione a sinistra. L’altro quesito riguarda invece l’Idv. Nell’incontro al Beniamino Ubaldi ha ribadito il no all’incenerimento dei rifiuti. Cosa che, invece, piacerebbe al Pd...

giovedì 17 febbraio 2011

03

ELEZIONI L’esponente dei Democratici per Gubbio sulle strategie delle ultime ore

Ubaldo Casoli: “Noi siamo il Pd” E annuncia la coalizione con Prc P

rimarie di partito e una coalizione che ricomponga il centrosinistra. Permangono questi gli obiettivi dei Democratici per Gubbio, area politica interna al Partito democratico, che da mesi chiede le primarie per la scelta del candidato a sindaco. Primarie disattese e sostituite dalle contestatissime consultazioni degli iscritti di gennaio scorso con la scelta di Diego Guerrini. "Noi manteniamo la stessa posizione - spiega Ubaldo Casoli tra i firmatari del documento dei Democratici chiediamo le primarie di partito per scegliere un candidato che abbia autorevolezza e sia in grado di seguire un processo di governo della città e una proposta di coalizione che abbia come obiettivo di ricomporre la sinistra". Includendo anche Rifondazione? "Non si può non guardare ad una forza che rappresenta un eugubino su quattro e che ha governato per 10 anni. D'altro canto con l'elezione dell'ex sindaco Orfeo Goracci nel consiglio regionale, deve considerarsi conclusa un'esperienza. Sarebbe sciocco pensare di riproporla. Bisogna ragionare per un nuovo inizio e trovare un' ampia base di consenso per il governo cittadino. La frammentazione non serve alla città, serve invece un governo forte, autorevole e libero. Facendo un paragone la città è come una squadra di calcio, se lo spogliatoio, i giocatori, la politica quindi, litigano non si vince il campionato. E invece Gubbio ha bisogno di affrontare sfide tanto interne quanto esterne. A questo percorso non c'è al-

Il palazzo comunale. Nel riquadro Ubaldo Casoli

ternativa, è ora di abbandonare i risentimenti personali e la voglia di rivincita". Dunque partire dalle forze del centrosinistra di opposizione per aprirsi ad una coalizione che includa Rifondazione. "Come Democratici abbiamo fatto una serie di incontri con tutte le forze di centrosinistra e sottoposto ai partiti il nostro progetto e le modalità di elezione trovando una sostanziale condivisione, tranne nel caso dei Socialisti, per i quali ha risposto al nostro invito solo il capogruppo in consiglio comunale Gabriele Tognoloni". Proprio in queste ore scade il termine per la presentazione dei candidati per le primarie per le quali Pd, Socialisti, Idv, Sel e Comunisti Italiani in una conferenza comune avevano dato la propria disponibilità fissando la data al 27 febbraio. I Democratici rispondendo avevano posto dei paletti, la loro parteci-

pazione ci sarebbe stata a patto di confrontare le differenti linee politiche e che le primarie non si rivelassero una mera farsa. Altra condizione fondamentale posta dai Democratici era la convocazione del coordinamento comunale del Pd. Coordinamento che va al confronto proprio mentre andiamo in stampa. Su questo Casoli afferma. "Non si tratta di un a riunione interlocutoria, ma di un'ultima occasione per trovare una strada positiva. Noi manteniamo le richieste già note. Personalmente voglio lavorare per il progetto di una ampia coalizione, non mi presterò a progetti ristretti o agitatori di odio". Come vi comporterete allora per le eventuali primarie del 27? "Indette da chi e con quali regole?" controbatte Casoli. Ma se fosse rottura con il Pd come Democratici vi presenterete con una lista civica, appoggerete altri partiti?

"Esprimeremo un candidato in ogni caso. Ma voglio ribadire che noi siamo il Pd e come tali dal Pd non abbiamo nessuna intenzione di uscire. Anzi, siamo ancora in attesa di una risposta dagli organismi di garanzia ai quali ci si siamo rivolti proprio per la questione delle primarie di partito, aperte a tutti i cittadini e che, a norma di Statuto, avevamo richiesto a settembre. Aspettiamo che gli organismi di garanzia si pronuncino sul rispetto delle regole e attendiamo ancora l'esito del ricorso". Intanto sempre in queste ore si è fatta sentire la Federazione della Sinistra, Rifondazione comunista e Comunisti italiani, che rilancia il progetto comune. Per Gubbio, in vista delle amministrative la Federazione vuole costituire un ampio schieramento che abbracci un arco che comprenda Pd, Socialisti, Idv, SelVerdi e Federazione della Sinistra. Ribadendo la candidatura di Maria Cristina Ercoli la Federazione chiama tutti i partiti del centro sinistra per un incontro alla sede del Prc lunedì 21. Se non si troverà un accordo su un candidato condiviso la proposta, già anticipano, sarà quella delle primarie di coalizione. Parteciperete al tavolo? "Abbiamo tutti i titoli per farlo". Anna Maria Minelli


04 Sette giorni sotto la lente

giovedì 17 febbraio 2011

Politica

Il consigliere Smacchi: “Sono con noi”. La Federazione della Sinistra sostiene però il Prc e c

IlPdannuncialacoalizione coniComunistiitaliani ma il PdCi va con Rifondazione

U

n’altra settimana turbolenta e, se volete, pure confusa nel panorama della vita politica cittadina. A sinistra, in particolare, regna ancora la massima incertezza, mentre a destra sembra la volta buona per l’investitura ufficiale di Lucio Lupini. Sembra, perchè nel Pd c’è chi ancora non si dà per vinto... Parla Rifondazione “Il Prc circolo di Gubbio - dice il segretario Katia Mariani - ritiene che non ci sia una chiara scelta di campo del Partito democratico eugubino che continua a cercare una risposta positiva dal candidato appoggiato da tutto il centro destra, Lucio Lupini e quindi finge di riprendere a cercare interlocuzioni con il Prc”. Ragion per cui “non sussistono i presupposti per l'incontro Pd-Prc che ci è stato proposto”. Comunisti italiani e Rifondazione insieme Le delegazioni delle segreterie provinciali del Prc e del PdCi, alla presenza del segretario regionale del PdCi Giuseppe Mascio, del segre-

tario provinciale del Prc Enrico Flamini, del segretario provinciale Pdci Andrea Ceccarelli, dei capigruppo in Provincia del Prc e del PdCi Luca Baldelli e Giampiero Fugnanesi, nonché del consigliere del Comune di Perugia Pierluigi Neri, si sono riunite per confermare il progetto della Federazione della Sinistra i cui obiettivi e percorsi sono ormai definiti a livello nazionale. A Gubbio, l'importanza della prossima scadenza elettorale è tale per cui la Federazione della Sinistra ritiene indilazionabile la verifica della sussistenza delle condizioni politiche, per costituire un ampio schieramento progressista che abbracci un arco che comprenda Pd-Ps-Idv-Sel-Verdi-Federazione della Sinistra. Per parte sua, la Federazione della Sinistra conferma che Maria Cristina Ercoli. D'altro canto, le altre formazioni politiche di centrosinistra hanno titolo legittimo ad esprimere candidature. Ovviamente, da parte nostra, non possono esserci esclusioni aprioristiche rispetto a possibili altre candi-

dature, né altri soggetti possono a noi imporre candidature secche. Qualora non sia possibile definire accordi sul candidato e sui punti programmatici, il metodo che proponiamo è quello di andare a primarie di coalizione. Data l'urgenza che si impone nella definizione di programmi e candidature, la Federazione della Sinistra si fa carico di invitare tutti i soggetti politici del centrosinistra eugubino ad un incontro presso il circolo del Prc per lunedì 21 febbraio”. Dal canto suo, Maria Cristina Ercoli ringrazie per la fiducia e annuncia: “No all’incenerimento dei rifiuti nel nostro territorio. Questo è elemento non discutibile e non contrattabile. Su tutto il resto siamo aperti al massimo confronto". Il Pd e il Prc “Il Pd pronto a dire sì a Rifondazione. I democratici, guidati dal consigliere regionale Andrea Smacchi - dice Girlanda del Pdl - disposti a sostenere la candidatura a sindaco di Maria Cristina Ercoli dopo oltre dieci anni di

guerra in consiglio comunale. Incredibile ma vero. Tra accordi dichiarati e intese sospese, arriva a sorpresa l’ultima ipotesi del partito di piazza Oderisi durante una riunione con la presenza di rappresentanti della coalizione”. E il centrodestra sorride. “L’unica risposta concreta e sostenibile ai problemi della città


Politica

candida Maria Cristina Ercoli. Ancora bagarre a sinistra A pochi mesi dalle consultazioni elettorali situazione ingarbugliata a sinistra Nelle prossime ore le decisioni definitive Nella foto un’immagine di repertorio

di Gubbio risponde al nome di Lucio Lupini e del vero, grande, innovativo, progetto civico che è stato in grado di realizzare e al quale stanno aderendo tante forze moderate che hanno a cuore il futuro della città”. Smacchi risponde Il consigliere regionale del Pd, Andrea Smac-

chi non ci sta e nega di aver mai sostenuto la candidatura dell’attuale prosindaco Ercoli, ribadendo la sua attività politica volta a garantire la più ampia coalizione di sinistra possibile: “Partendo dal già costituito accordo fra PdIdv-Sel-PdCi-Ps, che non è in discussione conclude Smacchi - sarebbe pertanto auspicabile che tutti i partiti del centrosinistra manifestassero una disponibilità concreta rispetto alle primarie di coalizione al fine di mettere a disposizione della città il miglior candidato possibile”. In casa Sel Giorgia Gaggiotti lascia il PdCi: “La mia esperienza col PdCi si è conclusa in seguito a quella che io chiamo un'eccessiva dispersione di buoni propositi. Ho deciso quindi di sposare il progetto vendoliano di Sel, dove ho trovato subito tanta voglia di fare, disponibilità e capacità organizzativa”. Quanto a Gubbio dice: “Non so se il candidato del Pd resta Guerrini, non so se il candidato viene addirittura dall’area di centro-destra. Dico una cosa: come può Guerrini essere un candidato condiviso, quando non ha nemmeno l'appoggio di una fetta politicamente rilevante del suo partito? Resta ancora da verificare, quindi, se esistono percorsi condivisi nella creazione di un programma per costruire una coalizione forte e coesa in grado di garantire un futuro con un'alta e qualificata progettualità sociale, ambientale ed economica”.

La data

Continuano a circolare voci sulle giornate delle consultazioni elettorali

Nessuna eccezione per la nostra città Eugubini alle urne il 15 e 16 maggio Si continua a parlare e si rincorrono le voci circa la data che chiamerà molti cittadini italiani alle urne per rinnovare le rispettive amministrazioni comunali. Nesssuna eccezione per Gubbio: si vota il 15 maggio. È questa la data fissata per le elezioni amministrative. Non ci sono quindi date ad hoc per la nostra città: si

era parlato di posticiparle di una settimana, ovvero domenica 22 maggio, ma la scelta di domenica 15 e lunedì 16 maggio come data per le consultazioni elettorali è stata confermata dal ministro Roberto Maroni. Gubbio, quindi, come gli altri Comuni della Penisola chiamati al voto. La concomitanza con la Corsa dei

Ceri non sarà evitata, anche se qualcuno è convinto che in pochi andranno alle urne in quello che per molti, se non per tutti, è considerato il giorno più importante dell'anno. Lunedì 16, sebbene giorno della ricorrenza del santo, si trasformerà automaticamente nella giornata clou per le votazioni.

giovedì 17 febbraio 2011

05

LA POLEMICA La giunta risponde all’ex assessore Renzo Menichetti

Sul complesso di San Benedetto è pronto un progetto dettagliato hiediamo ospitalità a "Qui Gubbio" perché nello scorso numero l'ex assessore Renzo Menichetti ha comunicato il suo pensiero di ex amministratore incompreso, talentuoso genio che non ha potuto dispiegare il suo sapere perché circondato da poveri, gretti, inveterati ignoranti. Siamo gente ben disposta verso tutti... e quindi vorremmo sinceramente aiutare Menichetti a uscire dal tunnel nel quale si trova ormai evidentemente da mesi. Non è cosa semplice, anche perché Menichetti picchia duro. Che il Comune di Gubbio abbia ottenuto un finanziamento di oltre quattrocentomila euro per intervenire sul complesso di San Benedetto è cosa utile e quanto mai ben accolta. Con quei soldi però si fa poco e comunque non tutto ciò che serve. E' per questo che gli amministratori del Comune di Gubbio hanno predisposto nell'estate 2010 un ulteriore e più dettagliato progetto sull'utilizzo del complesso che possa far diventare l'idea un po' astratta e generica di un altro polo museale, una realizzazione concreta e, soprattutto, sostenibile nella successiva gestione. Siamo in attesa di risposte da parte dell'ente cui abbiamo fatto riferimento e, nel caso di auspicabile e probabile esito positivo, presenteremo l'intero progetto alla città. Noi amministriamo così, senza personalismi e con una modalità che punta sulla collegialità e sulla condivisione delle scelte, dei programmi e dei progetti. In questo percorso nessuno, nonostante la limitatezza di ciascuno di noi, si è opposto all'iniziativa proposta dal settore cultura, né ci sono state difficoltà a comporre un gruppo di lavoro intersettoriale di tecnici che hanno collaborato serenamente nel fare il proprio lavoro. Le difficoltà incontrate in passato dall'ex assessore ci risulta siano da attribuire alla sua personalissima capacità di creare scontri con chiunque si trovasse a incrociare la sua "perseveranza" che, in base alla nostra esperienza, sarebbe più opportuno definire "prepotenza", atteggiamento che non comprende il confronto ed esclude l'ascolto, né tanto meno rispetta le altrui opinioni. In fondo è semplicemente questo che ha reso insostenibile il suo ruolo in giunta. La nostra incapacità, però, secondo Menichetti è tale che non sappiamo cogliere le opportunità, soprattutto quelle di tipo economico. A breve faremo un bilancio di

C

Il complesso di San Benedetto

fine mandato con riscontri e cifre alla mano che documenteranno dettagliatamente la capacità di spesa, personalissima, dell'ex assessore. Sulle opportunità culturali non siamo ben riusciti a capire dove si orientasse la sua "trasversalità", se non alla costruzione di relazioni molto personali, oltre all'interessamento costante delle assunzioni del personale nel corpo dei vigili urbani, all'urbanistica, per curare pratiche di interesse particolare, alla viabilità, per meglio orientare il traffico in prossimità di attività commerciali di amici e familiari. Timoroso e supino è sempre stato Menichetti allorquando l'azione amministrativa e politica andava a cozzare con i poteri forti della città, uno, il più grosso, in particolare. Magari avrà pensato di mettere la sua rivendicata trasversalità a servizio di un candidato a sindaco , tanto trasversale egli stesso da poter risultare per qualche settimana candidato "sostenibile" sia per il centro destra che per una parte del centro sinistra, ma alla luce delle ultime notizie sembra che anche questo progetto stia per naufragare. Auguri comunque a chi saprà mettere nell'utilità della città di Gubbio il sapere e le attitudini naturali dell'ex assessore. Infine un passaggio sul riferimento alle asfaltature, che continuiamo a credere utilissime per centinaia di famiglie che vivono in aree territoriali con poche agiatezze. Lo "sfaldo" non era disprezzato neanche da Menichetti, almeno quello che doveva arrivare davanti a una casa di campagna, di proprietà di famiglia... Così va il mondo… cari lettori di "Qui Gubbio". La giunta comunale


06

giovedì 17 febbraio 2011

l'Intervento

150˚ UNITÀ D’ITALIA Proseguono le iniziative del Comitato “Angelico Fabbri”

I

l Comitato "Angelico Fabbri", dopo l'opaco primo incontro, ha dato un nuovo impulso organizzativo: sono stati affissi manifesti per le vie della città e spediti inviti per il secondo appuntamento, tenuto dignitosamente in Comune. Erano presenti il sindaco Maria Cristina Ercoli, Enrico Viola in rappresentanza del Comitato. Il loro discorso è stato incentrato sul significato educativo dell'importante ricorrenza e sull'apporto dato dagli eugubini alla causa italiana. Il primo relatore, dottor Giuseppe Severini di Perugia, ha ricordato le gesta gloriose dei 'Cacciatori del Tevere', sulla traccia lasciata dal podestà Lamberto Marchetti che aveva nel '38 dato alle stampe una lodevole pubblicazione, ristampata in occasione del 150esimo dell'Unità d'Italia e gentilmente distribuita ai convenuti all'inizio della conferenza. Severini ha ricordato quel fatidico 7 settembre 1860, quando Vittorio Emanuele II ordinò alle truppe piemontesi d'invadere le Marche e l'Umbria per prevenire le intenzioni malaccorte di Garibaldi che proprio il 7 era entrato applaudito a Napoli. Dai repubblicani, accorsi nella città partenopea, il dittatore era spinto a puntare con i suoi volontari su Roma. Egli, valutata la situazione, rinunciò al progetto per non sollevare le ire dell' imperatore Napoleone III, il quale aveva promesso a Pio IX la difesa a oltranza di Roma. Lo stesso giorno, nell'alta valle del Tevere, comincia-

Medaglia d’argento al valore militare al bersagliere Soler e al fante Pieri

rono ad affluire volontari al comando del colonnello Luigi Masi. L'11 settembre il conte Cavour aveva fatto recapitare un ultimatum al cardinale Antonelli per chiedere l'evacuazione delle truppe mercenarie che avevano represso "con la violenza l'espressione dei sentimenti delle popolazioni delle Marche dell'Umbria". Napoleone III accettò l'invasione, purché i militari piemontesi non sconfinassero nel 'Patrimonio della Chiesa', cioè nel Lazio. Questi erano stati gli accordi tra l'imperatore Napoleone III e il conte Cavour. Le truppe, guidate dal generale Cialdini marciarono su tre direttrici: 1)

Pesaro, Senigallia, Ancona. 2) Cesena - Città di Castello - Perugia - Foligno. 3) Fano - Urbino - Gubbio - Foligno. I 'Cacciatori del Tevere', liberata Perugia il 14 settembre, penetrarono in profondità e occuparono Orvieto, Viterbo, Civita Castellana. "Ma la marcia vittoriosa dei Cacciatori - scrive Marchetti - fu arrestata dall'aperto intervento della Francia, la quale aveva insistito che le armi fossero tenute lontane da Roma". I volontari furono pertanto costretti a ripiegare su Orvieto, città esterna al 'Patrimonio di San Pietro' Finì così l'avventura del colonnello

Masi, medaglia d'oro, deputato al Parlamento il 18 giugno 1870. Si spense due anni dopo a Palermo, ma le sue spoglie furono riportate nell' amata Umbria. Lo studioso Fabrizio Cece, secondo relatore, ha riferito dei volontari eugubini. Dopo aver ricordato i moti del '31,durante i quali fu esposta per la prima volta la bandiera italiana sul palazzo pretorio, opera della baronessa inglese Matilde Hobhouse, moglie del marchese Francesco Ranghiasci. La restaurazione fu squassata dalla prima guerra d'Indipendenza. Molti volontari partirono da ogni regione. A Gubbio si mobilitarono un centinaio di giovani che raggiunsero Treviso. Ma l'allocuzione di Pio IX del 29 aprile 1848 pose fine a ogni speranza. Arrivarono, numerose e ben equipaggiate le truppe austriache che sopraffecero i piemontesi e i volontari. Ma una sessantina di eugubini, provenienti dal ceto popolare, continuarono la lotta in difesa della Repubblica Romana. Il 2 luglio, quando non c'era più la possibilità di difendere Roma dagli attacchi francesi, Garibaldi lasciò la città seguito da 4-5000 volontari. La ritirata fu difficile e perigliosa. Quando arrivò a San Marino lasciò liberi i suoi seguaci. Soltanto 200 circa proseguirono

il viaggio per Cesenatico tra i quali due diciottenni eugubini Adamo Tinti e Eugenio Bruni (tamburino). Il 2 agosto si imbarcarono sui bragozzi (pescherecci), ma diversi furono avvistati catturati dalla vedetta austriaca Oreste. Soltanto Garibaldi e Anita Garibaldi con un pugno di fedelissimi sbarcarono e continuarono il viaggio con l'intento di raggiungere Venezia che ancora resisteva all' assedio austriaco. Durante la cavalcata dei Mille che da Marsala risalì la penisola, una trentina di giovani eugubini si arruolò nell'esercito piemontese; fra questi si distinsero il bersagliere Antonio Soler e il fante Teofilo Pieri che si meritarono la medaglia d'argento al valor militare. Nel 1866, allo scoppio della terza guerra d'indipendenza, Angelico Fabbri partecipò con il grado di maggiore al 6 reggimento volontari che si fece onore nel duro scontro avvenuto a Bezzecca nel Trentino. Per il coraggio dimostrato sul campo di battaglia si meritò la medaglia d'argento, assieme al muratore Domenico Capobianchi. Il relatore non ha dimenticato gli ultimi garibaldini che il 3 novembre 1867 parteciparono alla sfortunata battaglia di Mentana. Tra i numerosi intrepidi sono stati ricordati Luigi Rogari, Luigi Mazzacrelli e Cesare Migliarini. Al termine della conferenza il pubblico ha manifestato con un prolungato applauso i due pregevoli interventi. Adolfo Barbi


Cronache

giovedì 17 febbraio 2011

07

POLIZIA MUNICIPALE Strade pericolose per i pedoni, tra le statali la più a rischio è l’Eugubina

A via Leonardo da Vinci la maglia nera per gli incidenti Il pronto intervento della stradale traccia il bilancio

Tutti i numeri del 2010, sono stati 142 gli incidenti più del 2009 con 137

L

a strada con il maggior numero di incidenti? É via leonardo da Vinci che detiene il non auspicabile primato con 11 incidenti, seguita da via Perugina con 9, via Paruccini con 5 e via Campo di Marte 4. Sono i numeri del 2010 che emergono dal reparto pronto intervento della polizia stradale, del quale è responsabile il tenente Massimo Pannacci. Se via Leonardo da Vinci si aggiudica la maglia nera in città, per le strade statali è l’Eugubina, la 298, quella con il maggior numero di scontri se ne contano 25, sulla 219 Pian d’Assino sono stati 22 e sulla 452 strada della Contessa 2. Sale il numero degli incidenti che passano dai 137 del 2009 ai 142 del 2010. La maggior parte sono stati scontri frontali-laterali 36 in tutto, 26 invece i tamponamenti, 24 i veicoli

finiti contro un ostacolo, mentre 23 gli automobilisti che sono usciti dalla sede stradale, 7 i frontali. Ben 8 gli investimenti di pedoni, uno in meno rispetto all’anno precedente ma sempre un numero elevato che conferma la pericolosità delle

strade per chi cammina a piedi. In 81 casi non ci sono stati feriti, mentre si contano 58 incidenti con consegunze alle persone, 248 coloro che sono usciti illesi, 80 i feriti, 2 purtroppo i morti e 1 ferito in prognosi riservata. Sono stati 244 i

conducenti coinvolti, 78 i passeggeri. Passando alla nazionalità sono stati in 288 gli italiani, 9 coloro che provengono sia dal Marocco che dalla Romania, 4 da Albania, Nigeria, e Russia, 3 da Francia, Germania, 2 da Belgio e Brasile e poi le

restanti nazioni. Sono stati gli uomini ad essere maggiormente coinvolti 205 in tutto, 126 le donne, mentre l’età più a rischio è quella tra i 31 e i 50 anni con 114, seguita da 104 per gli ultra cinquanenni, 87 da 18 a 30 anni e 26 sino ai 18. In totale 216 le macchine coinvolte, 19 tra autocarri e autotreni, 13 i ciclomotori 10 i motoveicoli, 3 i velocipedi. Tra le sanzioni 37 hanno interessato la mancata precendeza, 36 la velocità inadeguata, 3 la mancata precedenza ai pedoni, il sorpasso irregolare e l’inosservanza della segnaletica orizzontale, 2 per non aver tenuto la distanza di sicurezza e 1 per guida sotto l’effetto di stupefacenti. É stato dicembre il mese più tartassato con 16 incidenti, seguito da marzo con15 e ottobre con 14, il mese con il numero più basso di scontri è stato

invece gennaio con 5. Giovedì il giorno peggiore con 27 sinistri, seguito a ruota dal giovedì con 26, sabato 23, venerdì 22, martedì 18, lunedì 14 e infine domenica 12. L’orario peggiore per mettersi in auto sono state le 18, con 16 incidenti, seguite dalle 10 del mattino e le 15 con 15 impatti, alle 15 se ne contano 14, 1 incidente alle 3 e tre e 1 alle 19 i numeri più bassi. E non è detto che il tempo metereologico ci metta lo zampino perchè la maggior parte degli incidenti si sono verificati con il tempo sereno 81, 35 con il tempo nuvoloso, 24 in caso di pioggia, 1 con la grandine e 1 con la neve. In 94 casi il fondo stradale era asciutto in 42 bagnato. Se sono stati 134 gli incidenti sulle strade asfaltate, se ne contano 4 sulle strade sterrate. Anche nell’anno passato ci sono state operazioni congiunte don le altre forse di polizia, 16 in tutto. Particolare attenzione anche per l’educazione stradale con 52 ore dedicate agli studenti. Anna Maria Minelli

IL CASO E’ accaduto durante la distribuzione dell’ostia in una messa celebrata presso la cappella delle monache cappuccine

Due giovani fedeli rimproverate per essersi comunicate come insegna il Papa

R

improverate davanti a tutti perché fanno la Comunione come insegna il Papa. Sembra assurdo, ma in questi tempi di crisi del mondo cattolico, ci capita di vedere anche questo. Il tutto è avvenuto lunedì 7 febbraio, alle 8 di mattina, presso la cappella delle monache cappuccine. Due giovani ragazze, prima di andare al lavoro, decidono di iniziare la settimana andando a messa. La celebrazione vede una discreta partecipazione di fedeli. Tutto fila liscio come l'olio fino al momento della Comunione. Le due giovani commettono un errore a quanto pare imperdonabile, visto il comportamento tenuto dal frate francescano celebrante. Al momento di ricevere l'ostia consacrata, forse "condizionate" dal modo in cui il Santo Padre Benedetto XVI distribuisce la Comunione da più di tre anni, osano inginocchiarsi di fronte a Gesù Cristo. Il sacerdote non può tollerare una cosa simile. Davanti a tutti, interrompe la distribuzione e si rivolge alla prima ragazza dicendole testualmente: "Su, avanti, in piedi! Chi ti credi di

essere? Fai la Comunione come tutti". La giovane non si lascia intimidire e, ben consapevole dei suoi diritti di fedele, si limita a scuotere la testa. Il frate continua: "Avanti, in piedi. Ma perché fai così?". La ragazza, sempre in ginocchio, riesce solo a dire: "Perché è Gesù!". I fedeli si accorgono che sta succedendo qualcosa e iniziano a mormorare. Il sacerdote finalmente si decide a desistere e dà l'ostia alla ragazza. Secondo round. Subito dopo anche l'altra giovane si inginocchia. Il frate, sempre più smarrito, prova ad opporre resistenza anche con lei dicendo: "Ho appena dovuto litigare con un'altra persona. Avanti, si metta in piedi!". Niente da fare. La ragazza dice un perentorio: "E' permesso dal Santo Padre". Knock Out del sacerdote, che si vede costretto ad obbedire e dare l'ostia anche alla seconda ragazza. Questo il fatto. C'è da rimanere trasecolati. In primo luogo, bisognerebbe ricordare al frate in questione che Benedetto XVI ormai da anni distribuisce la Comunione ai fedeli solo in ginocchio. Inoltre, un sacerdote non do-

vrebbe ignorare le disposizioni in materia date dalla Sede Apostolica. In un documento del 2004, la Redemptionis sacramentum, si legge al numero 90: "I fedeli si comunicano in ginocchio o in piedi, come stabilito dalla Conferenza dei Vescovi",e confermato da parte della Sede Apostolica. "Quando però si comunicano stando in piedi, si raccomanda che, prima di ricevere il Sacramento, facciano la debita riverenza". Viene da chiedersi se il sacerdote abbia mai ripreso pubblicamente tutte le persone che, comunicandosi in piedi, non fanno la "debita riverenza" stabilita dalla Chiesa! Poco più avanti, nello stesso documento, si leggono le seguenti inequivocabili parole: "Non è lecito negare a un fedele la santa Comunione, per la semplice ragione, ad esempio, che egli vuole ricevere l'Eucaristia in ginocchio oppure in piedi". Parlavamo di tempi di crisi del mondo cattolico. Anche questo ne è un esempio. Sembra infatti che in questa nostra chiesa si possa fare di tutto, tranne quello che si è fatto per secoli. Può capitare di vedere persone che vanno a

fare la Comunione con il "cagnolino" in braccio, chiese ridotte a teatrini per gli spettacoli, cattedrali trasformate in sale da pranzo per i "poveri", ma guai a provare a fare la Comunione in ginocchio o chiedere una chiesa per celebrare la messa secondo il rito di San Pio V. Solo in questi casi si corre il rischio di venire bacchettati pubblicamente. D'altra parte ci ritroviamo con sacerdoti che spesso e volentieri hanno studiato molto più a

lungo le opere di Freud che non quelle di san Tommaso D'Aquino. Ma forse può far riflettere almeno una delle frasi più censurate di uno dei più grandi testimoni di amore e fede del XX secolo: madre Teresa di Calcutta. Diceva infatti la religiosa: "Dovunque vado nel mondo intero, la cosa che mi rende più triste è guardare la gente ricevere la Comunione sulla mano". Luigi Girlanda e Lamberto Padeletti


08

Focus

giovedì 17 febbraio 2011

La relazione della Commissione per la verifica e revisione del Piano regolatore generale, presieduta I passaggi per approvare le varianti

Coinvolti associazioni e cittadini Novità per la superficie urbana calpestabile

E

ntriamo nel dettaglio delle proposte. La Commissione ha rilevato che in molti casi sono state segnalate difficoltà di proprietari di aree ricadenti nelle schede norma, nel riunire la proprietà di tutte le aree facenti parte delle stesse schede. In molti casi, alcuni proprietari che non hanno alcun interesse a edificare e non sono in grado di sostenere gli oneri di urbanizzazione connessi, non aderiscono all'iniziativa degli altri proprietari che invece sono interessati a far approvare i relativi piani attuativi. Ciò provoca uno stallo dell'iniziativa poiché il piano attuativo deve "essere esteso all'intero ambito di attuazione indiretta individuato dal Prg parte operativa". Nel caso di inerzia di una proprietà compresa nella scheda norma, la soluzione che la Commissione propone al consiglio comunale è quella di prevedere l'attuazione delle schede norma, tramite piano attuativo, anche per stralci funzionali. Significherebbe che una quota delle proprietà che hanno interesse ad attuare la scheda norma, possono proporre un piano attuativo che abbia tutte le caratteristiche necessarie per essere funzionale e approvabile; quindi con strade, verde, parcheggi e quanto altro previsto dal Prg. In tal senso va scritto con che le schede norma non hanno valore prescrittivo, ma solo valore indicativo e che quindi possono venire modificate con semplice delibera di con-

Sarà in discussione in consiglio comunale la relazione della Commissione per la verifica e revisione del Prg. La commissione presieduta da Massimo Ceccarelli ha lavorato seguendo le linee del documento programmatico approvato dal consiglio comunale a settembre scorso. Sono stati ascoltati numerosi soggetti tra associazioni e privati cittadini che hanno fornito un quadro delle esigenze e delle aspettative ed è stata analizzata la relazione dell'ingegner Luigi Casagrande, dirigente dell'ufficio tecnico comunale, settore Territorio ed Edilizia, che gestisce l'attuazione del Prg. L'Associazione Tecnici Eugubini, rappresentata in delegazione, ha fornito tutta una serie di indicazioni provenienti dall'attività professionale. “Da tale lavoro sono emerse una serie di indicazioni tutte accomunate dalla possibilità di una rapida attuazione, trattandosi di modifiche che attengono alla parte operativa del Prg e che quindi possono essere attuate con semplice deliberazione del consiglio comunale, previa verifica e parere non vincolante dell'ufficio tecnico comunale. Per tutte quelle altre modifiche che invece comportano una variante alla parte strutturale del Prg, la Commissione ha svolto comunque un lavoro di analisi che sottopone al consiglio comunale, il quale deciderà sul come affrontare le tematiche proposte, considerando comunque che anche tale aspetto potrebbe essere agevolmente affrontato anche perché già sono state redatte e approvate nove varianti al Prg, parte strutturale, e tre varianti al Prg, parte operativa”, hanno fatto sapere dalla Commissione.

Prg, ecco cosa cam siglio comunale. Riqualificazione Nuove indicazioni riguardano anche la difficoltà di attuazione degli ambiti di riqualificazione urbana (aree ove ricadono fabbricati non più congrui

col tessuto edilizio circostante). La difficoltà maggiore nell'attuazione degli ambiti di riqualificazione consiste nel fatto che molto spesso il perimetro dell'ambito di riqualificazione previsto dal Prg ri-

comprende al suo interno anche aree o edifici che non necessitano di riorganizzazione ma che sono finiti in tale classificazione per un mero disegno geometrico. Anche qui la soluzione è quella di specifica-

re che il perimetro che individua gli ambiti di riqualificazione ha valore indicativo e non prescrittivo, per cui i proprietari delle aree da riorganizzare, con dimensione significativa rispetto alle aree di altro ti-

po, possono comunque presentare al Comune il "preliminare di programma urbanistico" prescindendo dalla adesione degli altri proprietari, per le quali aree vanno comunque date indicazioni di siste-


Focus

a da Massimo Ceccarelli, sarà discussa in consiglio comunale Alcune immagini della città Nel riquadro Massimo Ceccarelli presidente della Commissione

Problema sentito la declassificazione di aree su richiesta dei proprietari che non hanno intenzione di edificarle

mbia mazione complessiva nel successivo piano attuativo, che però non implichino l'obbligatorietà della partecipazione all'iniziativa. I proprietari delle aree da riqualificare possono così procedere alle loro ini-

ziative con un piano attuativo che indichi soltanto cosa possono fare i proprietari delle aree che non necessitano di riqualificazione, prescindendo dal loro coinvolgimento nel piano attuativo. Nuove norme All'interno della relazione saranno presentate anche indicazioni relative all'adeguamento del Piano alle nuove normative regionali, stabilite dopo l'approvazione del Piano stesso. Tra questi interventi urbanistici ed edilizi, centri storici, criteri per l'attività edilizia. E altre norme a valenza nazionale quali le linee guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi d'interesse culturale elaborato dal Ministero per i Beni e le attività culturali, secondo la quale è ormai un obbligo perseguire l'accessibilità come valorizzazione del bene. Nelle linee guida, è riportato un quadro delle dispozioni normative inerenti le barriere architettoniche e i principali riferimenti normativi specifici per i luoghi d'interesse culturale. Declassificazione Un altro problema molto sentito è quello della declassificazione di aree su richiesta dei proprietari che non hanno intenzione di edificarle poiché, o non sono edificabili di fatto per motivi di impossibilità di rispettare le distanze, per impossibilità di collocare la superficie urbana capestabile disponibile per presenze di altri fabbricati, o più semplice-

mente perché tali aree sono utilizzate come verde privato che non intendono modificare né edificare. Va dunque concessa ai cittadini la possibilità di chiedere la declassificazione delle aree laddove ci sia un'esplicita richiesta di declassificazione. Urbanisticamente possono essere riclassificate come "verde privato", ovviamente non edificabile. La superficie urbana capestabile recuperata può essere destinata, su aree di proprietà comunale o su quelle acquisite con la perequazione urbanistica, a edilizia economico-popolare, potendo così realizzare alloggi a basso costo, senza l'onere dell'acquisto della superficie urbana capestabile e delle aree. Altra questione la possibilità di consentire modesti incrementi di superficie urbana capestabile dell’ordine del 20-25% dell'esistente e variazioni di destinazioni d'uso per edifici esistenti in ambiti la cui attivazione sia possibile solo tramite piani attuativi. La richiesta nasce dal fatto che in molti casi è presente la necessità di utilizzare la superficie urbana capestabile prevista dal piano o anche variazioni di destinazioni d'uso, compatibili con l'area nella quale l'immobile ricade, anche per consentire procedure di sanatorie che in molti casi sono necessarie in edifici costruiti decenni fa e nei quali è frequente riscontrare difformità che sarebbero altrimenti insanabili. Guido Giovagnoli

giovedì 17 febbraio 2011

09

Accolte alcune indicazioni dell’Associazione Tecnici Eugubini

Disposizioni per impianti sportivi, nuove costruzioni, edilizia rurale e interventi nella città storica alla Commissione sono state tenute in D conto anche le indicazioni pervenute dall'Associazione tecnici eugubini, parte integrante del documento che sarà sottoposto alla massima assise cittadina. Sotto la nostra lente alcuni aspetti partendo dalla disciplina degli impianti sportivi. Nello spazio rurale è consentita la realizzazione di impianti sportivi privati, non coperti, quali piscine, campi da tennis, campi da bocce, eccetera alle seguenti condizioni: nell'area di pertinenza di un edificio a uso abitativo, sia esistente che di nuova realizzazione, possono essere realizzati impianti sportivi per una superficie massima di 300 mq; nell'area di pertinenza di strutture, costituite da uno o più edifici, per attività ricettiva, agrituristica e similari, sia esistenti che di nuova realizzazione, possono essere realizzati impianti sportivi per una superficie massima di 1.000 mq. La realizzazione degli impianti sportivi nello spazio rurale prevede che devono essere realizzati a una distanza non superiore a 30 metri dagli edifici. La norma è contraddittoria laddove consente impianti sportivi per 300 o 1000 mq. ma da realizzare a una distanza non superiore a 30 metri dagli edifici; un semplice campo da tennis non può essere contenuto entro la fascia di 30 metri dagli edifici. Va eliminata la parola "non". Così gli impianti sportivi devono essere realizzati a una distanza superiore a 30 metri dagli edifici. Disciplina delle nuove costruzioni. Si tratta di una tabella in cui sono riportati i parametri per l'edificazione in area agricola; l'altezza degli annessi nelle aree agricole di particolare valore paesaggistico è di 2,40 metri. Con tale altezza gli annessi non sono utilizzabili né come fienili né come rimesse attrezzi, dovendo contenere mezzi o attrezzature con altezze superiori. Disciplina dell’edilizia rurale a uso abitativo e delle aree di pertinenza. Detto che gli interventi devono essere realizzati nel rispetto delle tradizionali caratteristiche tipologiche e costruttive dell'edilizia rurale del territorio comunale, tra le altre cose devono essere ubicati nel centro aziendale, a una distanza non superiore a 100 metri dalla principale struttura aziendale. In caso di impedimento conseguente all'applicazione di altre norme, gli edifici devono essere ubicati al limite esterno della fascia di maggior distanza;

Il palazzo comunale

la tipologia costruttiva deve essere a pianta rettangolare, articolata su non più di due piani, tetto a capanna con pendenza non inferiore al 20% e non superiore al 35%. E ancora è vietata la realizzazione di coperture piane, di balconi e terrazze, di portici e altri corpi aggettanti; possono essere realizzate scale esterne, lungo il lato più lungo dell'edificio, con la rampa scoperta e la loggetta coperta. La copertura della loggetta deve essere a falda unica. Le aree di pertinenza degli edifici possono essere realizzate in terra battuta o breccia. E' vietato l'asfalto, tranne che per le superfici impermeabili.Interventi nella città storica. Ecco alcune proposte. Gli interventi nella città storica relativi alla realizzazione di nuove unità immobiliari a uso abitativo devono correlarsi al minimo di superficie stabilito da norme statali e va eliminato l'obbligo del locale accessorio. Ciò è utile per agevolare l'insediamento di anziani o giovani coppie nel centro storico che soffre di un costante lento spopolamento e la reperibilità di nuovi alloggi con costi inferiori data la minore superficie. Per poter realizzare nuovi edifici tali devono avere la superficie minima stabilita dalle norme nazionali per le abitazioni. gui. gio.


il Personaggio

giovedì 17 febbraio 2011

11 Nella foto piccola Ubaldo Cecilioni con il vescovo Ceccobelli

A

Terni le frecce di Ubaldo Cecilioni, non vedente dal 1997 a causa di un incidente stradale, tornano a fare centro e come dice lui, senza allenamento. L'arciere eugubino qualche giorno fa è tornato agli onori della cronaca aggiudicandosi l'oro nel titolo di classe e l'argento negli assoluti Visually Impaired Maschile valevoli per il campionato italiano indoor Para-Archery. E pensare che questa passione per l'arco e le frecce è nata quasi per gioco… "Sì, è proprio così. Circa dieci anni fa mi trovavo a Firenze per studio. Ovviamente era una scuola di tiro per non vedenti - racconta Cecilioni - l'anno dopo sono ritornato a Gubbio e ho iniziato con gli Arcieri Eugubini. Ho praticato i corsi base, successivamente sono stato seguito da un maestro d'armi con 35 anni di esperienza che ha affinato la mia tecnica fino a farmi arrivare alle gare". Da quel momento, il nostro atleta, ha vissuto momenti di grandi soddisfazioni conquistando tante vitto-

L’atleta degli Arcieri Eugubini è anche ottimo judoka ALLA RIBALTA Non vedente dal 1997 è tornato protagonista dopo i successi del 2007

Le frecce di Ubaldo Cecilioni conquistano Terni “E pensare che gareggio senza allenamento...” rie. "I migliori risultati - riprende Ubaldo - li ho avuti soprattutto nel 2007, vincendo l'assoluto indoor e l'assoluto open. Inoltre, a Gubbio ho conquistato il meeting internazionale. L'unico rammarico è stato di dover dire

addio ai mondiali in Corea a causa di un collirio da me utilizzato a scopo curativo che purtroppo rientrava nella categoria delle sostanze dopanti". Qual è il segreto delle sue vittorie? "Nessun segreto. E' dal 2009 che non mi al-

leno più con l'arco. Posso dire che la mia arma è la spensieratezza con cui affronto gli incontri". Senza allenamento, i risultati continuano ad arrivare. Gli ultimi a Terni: "Dopo 40 minuti di tiri di prova, è

iniziata la gara. Nella prima metà ho totalizzato 147 punti e nella seconda 167 per un totale di 314 che mi hanno valso l'oro. Per me è stata una sorpresa quando ho saputo che avevo vinto, non avevo visionato la classifica e

non ero a conoscenza dei risultati. La soddisfazione è stata quella di battere il campione italiano Claudio Peruffo per un punto. Il giorno seguente, invece ho conquistato l'argento in questo caso proprio dietro allo stesso Peruffo. Dopo queste vittorie, vorrei ringraziare mio fratello, mia madre, la compagnia Asd Arcieri Eugubini (per la quale gareggia oggi ndr) e in particolare il cavaliere Emanuele Francesco presidente regionale del Comitato Italiano Paraolimpico e Paolo Taddei presidente regionale Fitarco che ha fatto in modo che questi campionati si svolgessero in Umbria". Obiettivi futuri? "I campionati italiani che si svolgeranno a giugno in Sardegna e i mondiali di Torino a luglio". Ma Cecilioni è atleta polivalente. Non solo tiro con l'arco ma anche judo nelle attività praticate dall'atleta eugubino. Di recente è stato protagonista in Lituania in un torneo internazionale con risultati lusinghieri. Insomma, due discipline che gli consentono di prepararsi al meglio dal punto di vista fisico e mentale. E le sfide continuano. Emanuele Giacometti


12

PAGINA

QUI

Tra i pezzi in vendita anche una ricostruzione della fontana del Bargello

tanto assomigliare a quella del Bargello. Appare chiaro che chi ha fatto queste statuette ha visitato la città. Nell'introduzione infatti ai tre lavori viene specificato quanto segue: "Non solo Francesco salva il villaggio e il lupo ma ancora adesso nella piazza centrale di Gubbio si trova una statua

raffigurante il santo con il lupo, a ricordarci di questo piccolo miracolo. C'è un angolo per la redenzione in ogni cuore". Il sito ricorda anche perché San Francesco è così tanto copiosamente rappresentato e il perché della scelta del poverello d'Assisi. San Francesco è riconosciu-

to come santo patrono degli animali e dell'ambiente. Ben presto sebbene fosse nato in una famiglia ricca e benestante di Assisi si disillude e comprende quanti e quali possano essere le trappole di questo mondo. Decide così di percorrere un cammino devozionale basato sul voto preciso del-

A New York in vendita statue di San Francesco la povertà. La famglia Kennedy Sono molti negli Stati Uniti che stanno utilizzando la bellissima bandiera d'amore eretta da Francesco con la sua esistenza e il sito cita un esempio prestigioso che chiama in causa la famiglia Kennedy: il caso del senatore Robert F.Kennedy e suo

Spettacoli e Cultura

Il messaggio del poverello anche in casa Kennedy

giovedì 17 febbraio 2011

an Francesco e il lupo tornano più protagonisti che mai con nuove statue in vendita in un sito internet americano: www.saintfrancisgarden. com costola del più importante www.christmasnightinc.com. La ditta con sede ad Amsterdam, non la città olandese, ma realtà dello stato di New York, spiega con un lungo e articolato racconto tratto da uno storyteller americano il perché della scelta caduta proprio sul santo di Assisi. La storia di Francesco rivive attraverso tre magnifici pezzi: il lupo, l'incontro significativo e chiarificatore con questo da parte del santo e per concludere la serie, c'è una fontana che pare

S

La nostra città su un sito americano

Dal mondo

Gubbio

figlio Robert F.Kennedy Jr. La storia è presto detta: quando Robert F.Kennedy Jr. cresceva a Georgetown nel loro giardino avevano una statua religiosa del santo. Il giovane rimase impresso da Francesco e riempì la sua stanza con dipinti e foto tratte dalla vita del santo. I genitori del bambino ama-

vano leggergli le storie tratte dai fioretti narrandogli inoltre la leggenda del famelico lupo di Gubbio. Una volta cresciuto Robert F.Kennedy Jr. ha continuato ad ispirarsi ai precetti francescani. A casa quest' uomo ha due statue del santo nel suo giardino a Mount Kisco, molti libri sulla sua

storia e ogni notte quando va a letto, la famiglia di Robert Kennedy Jr. recita preghiere assieme ai suoi figli leggendogli le storie e le avventure vissute dal poverello di Assisi. Come se non bastasse, la connessione di Kennedy con Francesco si è addirittura estesa al suo lavoro. Tutto è iniziato quando è stato assunto dalla Hudson Riverkeepers come loro avvocato. E' stato quindi coinvolto con la lotta per la protezione dell'acqua nella città di New York. E' presidente della Waterkeeper Alliance, la quale raggruppa più di 100 gruppi ambientalisti. Kennedy Jr. è un professore e un avvocato supervisore all'Enviromental Litigation Clinic alla Pace University School of Law e parla di protezione dell'ambiente non solo per noi stessi, ma anche per i nostri figli e le generazioni future. Anna Maria Polidori

La statua di San Francesco e il lupo di Gubbio sul sito internet www.saintfrancisgarden.com

É

stata inaugurata venerdì 11 febbraio “Archeologia a Gubbio. Collezioni e scavi dal primo Novecento ad oggi” nelle sale del Voltone di Palazzo Ducale. Nata dalla volontà di non oscurare la sezione archeologica del museo civico di Palazzo dei Consoli, con la sala dell’Arengo occupata sino ad aprile dalla mostra sui Dinosauri, l’esposizione visitabile sino a settembre 2011, ha consentito anche di ripensare la collezione ed alla sua fruibilità futura. Lo ha spiegato l’assessore Lucio Panfili durante l’inaugurazione dell’evento, affermando che proprio la risistemazione della mostra ha consentito di uscire dagli assetti e dalla rigidità della esposizione permanente e fatto ripensare anche ad un nuovo allestimento museale. Concetto ribadito dall’assessore regionale Fabrizio Bracco che ha sottolineato l’importanza di valorizzare il patrimonio artistico locale, come segno della nostra stessa identità, ma capace anche di essere elemento attrattivo dal punto di vista turistico. Saranno esposti sino al 30 settembre i materiali provenienti dagli scavi di piazza Quaranta Martiri, dalla necropoli della Madonna del Prato e dall’area degli Ortacci, che hanno visto il coinvolgimento di archeologi del ca-

libro di Alessandro Della Seta ed Enrico Stefani. Della Seta, tra il 1912 e il 1913 si occupò della redazione del primo inventario dei materiali archeologici presenti nel museo civico di Palazzo dei Consoli, inaugurato nel 1909. Il documento, rinvenuto nell’Archivio Storico Comunale, ha fornito nuove informazioni sulla provenienza di alcuni oggetti. In mostra ci sono inoltre i reperti trovati nel 1928 nell’area degli Ortacci, consegnati nel ‘41 all’uffico Economato del Comune e mai esposti prima, per lo più monete, una testa femminile in terraccotta e frammenti di tazze e vasi

A Palazzo Ducale spunta la sezione archeologica

COLLEZIONI Si pensa a una nuova collocazione per i reperti

13

PAGINA

Gubbio

decorati. É possibile inoltre ammirare i risultati delle campagne di scavo che da 10 anni si svolgono nell’area della Guastuglia, seguite dall’Università di Perugia su concessione della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria. Ad intervenire per la Soprintendenza per i Beni archeologici Luana Cenciaioli e per i Beni culturali dell’Umbria Tiziana Biganti. Entrambe hanno sottolineato la sinergia tra i vari enti essenziale per l’allestimento della mostra. L’iniziativa è stata resa possibile grazie al contributo Carisp. Anna Maria Minelli

Inaugurata la mostra nelle sale del Voltone Si chiuderà a settembre

giovedì 17 febbraio 2011

QUI


14

giovedì 17 febbraio 2011

gli Scatti della Settimana

inviateci i vostri scatti saranno pubblicati in questa rubrica info@quigubbio.it

Lions Club Piazza Grande, un “burraco” di solidarietà Il Lions Club Piazza Grande ha riproposto con successo l’annuale torneo di burraco al Park Hotel ai Cappuccini. Undicesima edizione con oltre cento partecipanti provenienti non solo da Gubbio ma anche da Spoleto, Todi, Marsciano, Bastia, Perugia, Sansepolcro, Sassoferrato, Fabriano e Fossato di Vico. La presidente del Lions Giuseppina Volpi Olivieri ha ringraziato i partecipanti sottolineando che il torneo si propone ogni anno nel raccogliere fondi per realizzare opere di beneficenza destinate al territorio eugubino. Quest’anno il Lions Club Piazza Grande destinerà il ricavato per l’acquisto di materiale per i percorsi riabilitativi della prima infanzia per il Centro dell’età evolutiva dell’Asl di Gubbio. Per la cronaca hanno vinto il girone 1 la coppia Fabbri-Fabbri di Fossato di Vico, il girone 2 Giancarlo Brugnoni-Lucio Vinciotti, il girone 3 Maria Purgatorio-Anna Rita Mariani di Fabriano.

Piccoli arcieri crescono

San Valentino, Qui Gubbio incorona Lucia e Stefano alla Taverna del Lupo Un San Valentino speciale per Lucia e Stefano. Hanno festeggiato la vittoria nel concorso indetto dal nostro settimanale al ristorante “La Taverna del Lupo”. Una cena romatica a lume di candela come premio al miglior messaggio di Stefano dedicato alla moglie Lucia. Alla coppia, gli auguri e i complimenti della nostra redazione.

Va in archivio con successo la gara indoor (18 metri) organizzata dalla Compagnia Arcieri Eugubini alla palestra del Liceo “Mazzatinti” domenica 13 febbraio. Nella categoria Juniores Arco Olimpico, Alessio Donati ha conquistato il primo posto ed Edoardo Pannacci il terzo. Nello scatto una foto di repertorio.

La Targa Umbra parla eugubino Bella vittoria per il Circolo Tennis Gubbio, che domenica 13 febbraio ad Umbertide si è aggiudicato la Targa Umbra (1˚ serie maschile) battendo in finale Terni 2-1. Ottime le prestazioni degli atleti eugubini con i due singolari vincenti di Capannelli su Brunetti (7/6 6/3) e Garade su Iacoboni (6/2 6/2). Buoni anche i risultati della squadra Giovani, battuta solamente in finale 2-1.

Risultati positivi per il corso sperimentale di stimolazione cognitiva Sono stati presentati nel primo pomeriggio di sabato 12 febbraio i risultati del corso di stimolazione cognitiva per anziani sani "Invecchiare attiva-mente", organizzato dal Comitato 1 in collaborazione con amministrazione comunale, Centro Sociale San Pietro e cooperativa sociale "Il Sicomoro". Ottimi i risultati, illustrati dalla dottoressa Fanucci che ha tenuto il corso.

Nozze d’oro E’ festa in casa di Vittoria e Alfio Torta e gran festa in casa di Vittoria Angeletti e Alfio Barbi che il 4 febbraio hanno festeggiato le nozze d’oro. I migliori auguri arrivano dai familiari ai quali si aggiungono anche quelli della nostra redazione.


16

giovedì 17 febbraio 2011

Rubriche

Auguri a...

LO SAPEVATE CHE... IL VITELLO D’ORO E’ stato eletto il direttivo dell’associazione “Gubbio fa centro”

Sara Uccellani

Torna dal lavoro in macchina guidando seminudo!

auguri a Sara Uccellani che il 16 febbraio compie un anno dai nonni Mario e Gelsomina, dalla zia Chiara, da mamma Busha e papà Daniele

nonna Iole auguri a una nonna speciale che il 9 febbraio ha festeggiato il compleanno Con affetto Martina, Matteo, Valentina e Silvia Si è insediato il nuovo consiglio della neo costituita associazione "Gubbio fa Centro". Nella sua prima riunione il consiglio ha eletto i vertici dell'associazione che riunisce operatori commerciali, artigianali, turistici, liberi professionisti e quanti svolgono la propria attività all'interno delle mura urbiche. E' stato eletto presidente Ivo Lucci, vicepresidente Mario Rossi, segretaria Cecilia Paciotti. “Le nomine sono il primo importante

atto di una associazione che nasce con l'obiettivo di rivitalizzare il centro storico. Da questo punto di vista appare strategica e funzionale all' obiettivo la scelta del Maggio Eugubino quale sede”, hanno spiegato dal direttivo: “Ora l'obiettivo è di allargare il primo nucleo formato da oltre 60 iscritti. Da qui risulta imprescindibile un rapporto costruttivo con i residenti e le varie istituzioni, in primis l'amministrazione comunale”.

Parola di...

Motivazione: qualche settimana fa un addetto alla manutenzione di una nota ditta eugubina, finito il suo turno di lavoro, alle ore 22,00, si reca come sempre negli spogliatoi per farsi la doccia. Finito di lavarsi, torna nel suo armadietto pronto a infilarsi i vestiti puliti ma con stupore si accorge che non ci sono indumenti. Qualche scherzo dei colleghi? Una propria dimenticanza? Sta di fatto che comincia una lunga serie di imprecazioni prima di decidere di tornare a casa in boxer e maglietta intima, calzettoni e scarpe ginniche. Le uniche cose che aveva. I colleghi cercano di dissuaderlo suggerendogli anche di rimettere la tuta da lavoro. Niente da fare. Il personaggio in questione si avvia in mutande verso la macchina nonostante temperature polari... E fortuna vuole che, a notte fonda, non incontra nessuno. In quelle condizioni non sarebbe passato inosservato!

Sulla vicenda della bonifica del torrente Saonda: “La sindaco Maria Cristina Ercoli, l’assessore Marino Cernicchi e il consigliere regionale Andrea Smacchi ‘palleggiano’ la meritocrazia del finanziamento per la bonifica della Saonda”.

Gratta e Vinci “Mega Miliardario”

Maria Anna Di Toro II

Sempre sulla questione torrente Saonda: “Le diatribe e questi atteggiamenti non servono assolutamente. In questo caso servono i fatti perché gli abitanti della frazione di Ponte d’Assi hanno ‘l’acqua alla gola’”.

Bel gesto

Paolo Lepori

Il vice questore sul possibile trasferimento del coordinamento distrettuale della Forestale a Gualdo Tadino: “Con ogni probabilità rimarrà a Gubbio, verranno razionalizzate le risorse economiche mentre il numero degli agenti resterà invariato”.

Terzo tempo rossoblù

Paolo Lepori II

Sulla riorganizzazione delle sedi della Forestale: “Il piano nazionale prevede solo la trasformazione dell'attuale coordinamento distrettuale in nucleo operativo. Saremo più presenti sul territorio occupandoci di tutela alimentare, ambiente e incendi”.

Salva cagnolino

Ercoli Cernicchi

Sulla sistemazione del parcheggio adiacente allo stadio comunale: “I lavori sono stati eseguiti dalla ditta vincitrice dell'appalto la Edilstrade di Gubbio per un importo complessivo di circa 34.500 euro su una superficie di 1.200 metri quadrati”.

Artico, attaccante Alessandria

que piovane nell'area interessata. Tutto ciò nonostante le difficoltà di bilancio e le risorse sempre più esigue di cui l'amministrazione dispone”.

auguroni alla piccola Celeste Bellucci che il 26 gennaio ha compiuto 2 mesi Un bacione dal fratellino Martino, dalla mamma Lucia e dal babbo Giorgio

zia Adriana tanti auguri alla cara zia Adriana per i suoi “stupendi” 80 anni circondata dall’affetto di figli, nipoti, pronipote, parenti e amici

CHI SALE & CHI SCENDE

Maria Anna Di Toro

Ercoli Sull’argomento: “Oltre al livellamento all’asfaltatura, sono stati eseguiti Cernicchi II eanche lavori per la raccolta delle ac-

Celeste Bellucci

Signora vince 10mila euro nella Tabaccheria di Stefano Petrelli in via Tifernate giocando col Gratta e Vinci “Mega Miliardario” da 10 euro. Con la tabaccheria collabora “Zia Dede” nota per i suoi consigli sul Lotto.

nonna Gina che il 15 febbraio ha acceso 83 candeline Con affetto e stima tutti i familiari Un bacione dal piccolo Lorenzo

Perde l’orologio del fidanzamento e mette un annuncio sul nostro settimanale. Dopo poche ore dalla circolazione di Qui Gubbio alla signora squilla il telefonino. Era il tizio che aveva ritrovato l’orologio, poi restituito.

Ancora una prova di maturità della tifoseria rossoblù che anche contro l’Alessandria ha regalato a fine a gara uno splendido terzo tempo. Penne, birra e festeggiamenti per tutti.

Maria Chiara Barilari benvenuta piccola Maria Chiara Un augurio speciale dal babbo Michele, dalla mamma Cristina, dai nonni, dagli zii, dai cugini e dalla bisnonna

Un cittadino di Gubbio ritrova un cagnolino ferito ai piedi della Contessa con ogni probabilità “urtato” da qualche mezzo che transitava. Lo prende e lo porta dal veterinario per le cure. Il cagnolino è salvo.

Certi gesti, anche alla luce di quello che era accaduto ad Alessandria, poteva risparmiarseli. A fine gara l’attaccante ha applaudito ironicamente i tifosi della gradinata che lo beccavano. Dal più esperto in campo...

Sporcizia lungo l’Assino Ci segnalano i tanti rifiuti (cartacce, bottiglie e altro) che si trovano in alcuni punti lungo le rive del fiume Assino. “Non è un bel vedere - hanno detto - basterebbe un pizzico di educazione per rispettare l’ambiente”.

Sofia Martelli è arrivata la piccola Sofia per la gioia dei genitori Roberto e Pamela Un bacio anche da nonni, zii e cugini inviaci i tuoi auguri a: info@quigubbio.it


Appuntamenti IL LIBRO Sabato 19 febbraio Il disegno euclideo dei Ceri Sabato 19 febbraio, presso la sala Trecentesca del Palazzo del Comune alle ore 16,00, avrà luogo la presentazione del libro "Divinae proportiones. Il disegno euclideo dei Ceri di Gubbio", a cura di Paolo Belardi ed edito da EFFEFabrizio Fabbri Editore di Perugia. Dopo i saluti delle autorità tra le quali Maria Cristina Ercoli sindaco del Comune di Gubbio, monsignor Mario Ceccobelli vescovo di Gubbio, Orfeo Goracci vicepresidente del consiglio regionale dell'Umbria, i contenuti del libro saranno illustrati diffusamente dall'autore Belardi, docente di "Rilievo dell'architettura" nella facoltà di Ingegneria di Perugia, mentre il commento critico sarà affidato a Vittoria Garibaldi soprintendente per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici dell'Umbria. Eleggendo la conoscenza dei metodi di rappresentazione a prova documentaria e liquidando l'ipotesi che li ritiene opera dell'artigianato locale, il libro (che vanta la prefazione di Carlo Bertelli e che compendia gli esiti dell'attività di ricerca di una nutrita équipe interdisciplinare) ipotizza l'esistenza di un progetto razionale a monte della realizzazione della forma dei Ceri di Gubbio e, attraverso una serie di indizi costituiti da prove indirette e affinità figurative, arriva a chiamare in causa il contributo ideativo della corte feltresca.

MUSICA Venerdì 18 febbraio Concerto dal vivo L'Itis "Maria Letizia Cassata" venerdì 18 febbraio alle ore 17,00 ospita presso l'aula magna un concerto dal vivo, quarto incontro del progetto "Fiorisce la musica classica" nato da una collaborazione tra Itis "Maria Letizia Cassata" e la scuola comunale di musica. Il tema del concerto sarà "romanza da salotto alla canzone italiana" e prevede la partecipazione del soprano Lucia Casagrande Raffi, del tenore Gianluca Paganelli e

al pianoforte il professor Fausto Paffi. Si esibiranno inoltre tre giovani studenti di canto lirico, alunni della professoressa Lucia Casagrande Raffi: soprano Sara Saldi, soprano Valeria Fratini, tenore Loris Righi. Scopo del progetto infatti, è anche quello di valorizzare giovani talenti del nostro territorio nel campo della lirica. .

LABORATORI Tutte le settimane Tradizional-mente Dopo il successo di "Segamo la vecchia", il gruppo Tradizional-mente sta svolgendo le prove dello spettacolo "Briganti in terra di Santi" che verrà messo in scena per la prima volta il 28 maggio a Fossato di Vico, in occasione della festa di primavera. Si accolgono con entusiasmo nuovi partecipanti. Gli incontri si tengono il martedì e il giovedì pomeriggio dalle ore 17,00 alle ore 19,00 al Centro accoglienza diurno in via Tifenate. All'interno della struttura sono in corso nuovi laboratori: itinerando (martedì dalle 15,00 alle 17,00), sartoria (lunedì 17,00-19,00), saperi e sapori (venerdì 15,00-17,00 - salvo diverse occasione per informazioni Valentina Piccotti 3465015881), musicale (venerdì 15,00-17,00), immagine (giovedì 15,00-17,00) e progettazione scenica (mercoledì 15,00-17,00).

ASSOCIAZIONI Tesseramento Crisalide Comincia il tesseramento per il 2011 con il quale l'associazione Crisalide si finanzia per svolgere le proprie attività che interessano il campo del disagio psichico, della malattia mentale, del pregiudizio. L'associazione invoca un piccolo sforzo sia per rinnovare le tessere sia per le nuove iscrizioni. Le modalità: recandosi alla sede situata nel sottopassaggio del seminario al numero 12 ogni venerdì dalle ore 16,00 alle 17,30, rivolgendosi a Pagani (3485314571) oppure a Uccellani (3394932477), con un bonifico scrivendo nome, cognome,

giovedì 17 febbraio 2011

indicando telefono e causale a IBAN IT48R0100538480000000001198.

BOXE

17

Sott’occhio Dal 23 al 27 febbraio “Fiore ’l Bombatore”

Semo’nteatro compie 25 anni

Venerdì 25 febbraio Grassellini Il campione di pugilato Giammario Grasselini torna sul ring per le qualificazioni al titolo W.B.C. di categoria, questa volta si confronterà con Csaba Batta. L'incontro in calendario venerdì 25 febbraio a partire dalle ore 20,30 si terrà all'interno della palestra polivalente, prevista una massiccia affluenza di pubblico. È grande infatti l'attesa in città per il ritorno sul ring del pluridecorato Giammario Grassellini, attualmente gestore di una scuola per pugili situata nella zona industriale di Padule. Il match Grassellini-Batta sarà anticipato da altri incontri di sottoclou, per la prima volta saliranno sul ring giovani pugili provenienti dalle fila della scuderia Grassellini: si tratta di Alessandro Poggi, Michele Spaziani e Ilenia Pappafava, ragazzi dotati di grande talento. Una grande serata all'insegna della boxe, che promette spettacolo ed emozioni.

L'INIZIATIVA Venerdì 18 febbraio M'illumino di meno In occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell'Unità d'Italia, venerdì 18 febbraio sarà una giornata dedicata al risparmio energetico con l'iniziativa "M' illumino di meno, spegni la luce e accendi il tricolore". Alle ore 9, 00, all'interno dei nuovo locali della biblioteca Sperelliana, si terrà un incontro con le scuole elementari. A seguire, alle ore 12,00 la professoressa Lucia Mangoni di Aerobic Studio's impartirà una lezione di pilates a tutti coloro che vorranno prendervi parte. Alle ore 17,00 invece è in programma un incontro con gli esperti Karl Ludwig Schibel, Gianni Drisaldi e Raffaele Santini, sul tema "Gubbio, energia e ambiente". A concludere, alle ore 21,00, il concerto acustico con Thegeneration e American Folk Project.

Ritorna sulla scenza il gruppo teatrale "Semo'nteatro" che quest’anno compie 25 anni. "Fiore 'l Bombatore" è il titolo della commedia dialettale in due atti proposta e riadattata da Stefano Tosti e Serena Bellucci col supporto di Marino Cernicchi, liberamente tratta da "Roberto Galliani bombatore" di Giorgio Alberati e Pietro Acinura. La Gubbio degli inizi anni '70 ci porta nell'officina di Fiore, carrozziere di professione e donnaiolo patentato. Con lui lavora un operaio interpretato da Mauro Mancini. Fiore, segretario del locale circolo del Pc, ha moglie che trascura e due figli, un maschio e una femmina. E un giorno capita che il figlio decide di farsi prete... Cinque le giornate in calendario. Da mercoledì 23 a sabato 26 febbraio. La commedia verrà proposta al cinema teatro Astra alle ore 21,00, domenica 27 doppio spettacolo alle ore 16,00 e alle ore 21,00. Prevendita al centro servizi Santo Spirito (telefonare al numero 0759220066). Nella serata di sabato 26 febbraio verrà assegnato il sesto premio "Ylenia Cernicchi", quest’anno assegnato alla famiglia dei sangiorgiari. Il premio viene assegnato a persone o associazioni che nel corso dell'anno si sono particolarmente distinte nei settori dove Ylenia era attiva e appassionata, lo sport, il giornalismo e in generale la vita associativa.

L’oroscopo della settimana Supplemento settimanale al numero 40 del

DIRETTORE RESPONSABILE DUCCIO RUGANI EDITORE EDITRICE GRAFIC COOP S.C.P.A. di giornalisti ISCRITTA ALBO SOCIETÀ COOPERATIVE N˚ A131424 SEZ. MUTUALITÀ PREVALENTE SEDE LEGALE Via dei Termini, 20 - 53100 Siena mail: info@graficoop.it SEDE AMMINISTRATIVA Via P. Soriano,63 - 06132 PERUGIA - Tel. 075.5272310 - Fax 075.5279097 REDAZIONI SIENA - Via dei Termini, 20 PERUGIA - Via P. Soriano, 63 - Tel. 075.5280069 - Fax 075.5298050 GUBBIO - Via Perugina (Centro Maddalena) e-mail: info@quigubbio.it CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ PUBLIKOMPASS S.p.A. GUBBIO - Via Perugina (Centro Maddalena) Tel. 075.9222140 PERUGIA - Via Pievaiola, 166F Tel. 075.5288741-2-3 FOLIGNO - Via Oberdan, 16 Tel. 0742.356667 TERNI - Piazza del Mercato, 8 Tel. 0744.426826 AREZZO - Via Petrarca, 4 Tel. 0575.28388 STAMPA Galeati Industrie Grafiche s.r.l. - Imola - Via Salice 187-9 Galeati Perugia Industrie Grafiche s.r.l. - Perugia - Via Pievaiola 166 F-2 Registrazione Tribunale di Siena n. 574 del 29.01.1993 Iscrizione Registro Operatori di Comunicazione (ROC) n. 4635

L'unico astro che vi contrasta è Venere, che vi rende scostanti e poco amorevoli con chi amate. Se vivete un rapporto difficile, probabile peggioramento. Anche i single saranno un po' in crisi.

Il cuore batte fortissimo con il sostegno di Venere. Sarete fascinosi e irresistibili, e vivrete momenti felici di complice tenerezza con la persona amata. Incontri molto ravvicinati per i single

Stuzzicati da Marte, la passione, vivrete giorni eccitanti sul versante sessuale con la persona del cuore. L'accordo migliorerà anche in quelle coppie un po' in crisi. Per i single si prevedono novità.

Avrete la tendenza a chiudervi in voi stessi, nel vostro mondo privato, lontano dai problemi. Eppure, la persona amata è lì, disponibile ad ascoltarvi e prendervi tra le braccia. Siate più accoglienti.

Prosegue il periodo di sentimenti contrastanti verso la persona amata. Eppure, qualcosa sta cambiando e molti di voi si sentiranno di nuovo disponibili all'amore, con generosità e slancio passionale.

Avete intenzioni serie nei confronti di una storia nata da poco. Manifestate i vostri sentimenti senza remore. Il fine settimana sarà particolarmente romantico per tutte le coppie, vecchie e nuove.

E' il momento di mettere ordine nella vita affettiva e di avere il coraggio di prendere decisioni che riguardano il vostro legame. Marte amico, comunque, facilita l'incontro sul piano erotico.

Molti di voi vivranno momenti emozionanti grazie a Venere in ottimo aspetto. Se, però siete della terza decade, astri contrari vi rendono molto irritabili e litigiosi con la persona del cuore. Calma!

Parecchi di voi otterranno dal rapporto di coppia soddisfazioni inattese e potranno realizzare alcuni desideri. L'intimità con la persona amata si arricchirà di fantasia e sensualità. Single in pista!

La persona amata sarà un po' come il vostro porto sicuro. Esprimete i vostri sentimenti con trasporto e profondità: sarete ricompensati con mille attenzioni e vivrete momenti eccitanti e appaganti.

Periodo molto eccitante anche sul versante amoroso. Chi ha una storia di coppia vivrà momenti indimenticabili e ricchi di romanticismo. I single, invece, saranno fascinosi e disponibili all'incontro.

"Venere vi sostiene e vi invita a dare maggior spazio alle emozioni. Se siete in coppia avrete la fantasia necessaria per inventare nuovi giochi erotici eccitanti. ""Avance"" da un pretendente se siete single."


18

giovedì 17 febbraio 2011

VIABILITÀ

Via Perugina, il senso di marcia va bene così Con riferimento riconducibile all'articolo sul senso di marcia di via Perugina apparso su questo giornale, gli abitanti di via Bruno Buozzi sottolineano quanto segue: il senso di marcia della via è fruibile e perciò deve rimanere così come è adesso, in quanto il provvisorio cambiamento fatto dal 2003 al 2007 portò dei notevoli disagi agli abitanti della zona. L'unica via d'uscita era con l'incrocio di via Matteotti con obbligo di svolta solo a destra e conseguente semaforo obbligatorio! Dato l'alto traffico di via Matteotti, per gli abitanti di via Bruno Buozzi, e di coloro che percorrevano la stessa via provenendo da via Perugina e da altre vie limitrofe, era difficoltoso (e talvolta praticamente impossibile) immettersi: tutto ciò provocava file di auto che a volte si estendevano per centinaia di metri fino a raggiungere il "Bar Rossi" o addirittura fino davanti alle cosiddette "Case Popolari". Ricordiamo che il traffico di via Bruno Buozzi è stato orientato sempre in direzione sud e che, dopo l'esperimento 2003-2007, il ritorno alla originale direzione da nord verso sud fu fatto perchè si era capito che in questa via si può transitare solo in tale direzione e che era piuttosto "innaturale" il senso di marcia verso nord. Evidenziamo inoltre che, per quanto riguarda via Perugina, in ogni città italiana la via principale deve portare all'ingresso del centro storico e non viceversa. Da precisare infine che gli abitanti di via Bruno Buozzi si improvvisarono spesso guide per i turisti che non si sapevano orientare come accedere al centro storico della città. A nostro parere una soluzione per snellire il traffico in via Perugina può essere la realizzazione di una rotonda (al posto del semaforo), dato che il disagio è dovuto alle code di auto ferme e non dipende di certo dal senso di marcia. Giancarlo Sollevanti e Luciana Minelli Tomassoli

L’APPELLO

Piazza Bernini senza indicazioni Devono proprio essere ridotte agli estremi le casse comunali, se non si trovano pochi euro per acquistare un cartello indicatore. È stato

Lettere al Direttore

proprio per l'assenza di questo cartello che il pacco che aspettavo con ansia da almeno quindici giorni è stato rispedito al mittente. Indirizzo sconosciuto, questa l'inappellabile sentenza delle Poste Italiane. Per chi arriva in piazza Gian Lorenzo Bernini e cerca l'apposito cartello recante il nome dell'illustre artista, si tratta di imbarcarsi in un'impresa disperata. Le ricerche portano inevitabilmente ad un'unica conclusione: il famigerato cartello non c'è. E se non esiste il cartello, non esiste nemmeno piazza Bernini, questa almeno la conclusione delle Poste Italiane. Eppure gli abitanti di piazza Bernini esistono, e come! Dopo oltre venti anni, finalmente, possono apprezzare lo sforzo dell'amministrazione comunale che ha provveduto a dare una sistemazione quasi definitiva alla piazza, ma si è dimenticata un semplice ma non trascurabile dettaglio: apporre il cartello con il nome. Aprire una sottoscrizione pubblica per l'acquisto del cartello, oppure fingere che la piazza non esista e ignorare le pressanti richieste di pagamento di tasse e bollette varie? Questo è il dilemma. Speriamo solo che quanto prima un solerte addetto provveda a colmare la lacuna. Intanto, per dimostrare di esistere, abbiamo aperto un contenzioso con le Poste Italiane. Sergio Tardetti

LA PROTESTA

I danni provocati da mucche e cavalli Riceviamo e pubblichiamo la protesta degli abitanti di Morena nei confronti di Claudio Clementi allevatore del buranese. Caro Claudio, nonostante il corpo forestale dello Stato sia intervenuto tempestivamente per accertare lo sconfinamento del bestiame e la verifica dei danni, ciononostante continua ad andare avanti questa storia delle vacche prima e dei cavalli adesso lasciati allo stato brado nelle nostre proprietà. Danneggiano colture, tartufaie e quanto possano incontrare sulla loro strada. Ci rivolgiamo a te, per arrivare a una soluzione pacifica di questi incresciosi eventi che ci perseguitano da anni e che hanno causato danni a rimboschimenti, campi, tartufaie. Abbiamo trascorso un'infinità di tempo a rintracciarti, allontanando nel frattempo i capi di bestiame dalle nostre abitazioni, dai nostri campi, dai nostri terreni. Nonostante le tue rassicurazioni non se ne è venuto a capo. L'appello: speriamo che questa situazione abbia a terminare il prima possibile. Siccome ci avviamo verso la

primavera ti diffidiamo con l'arrivo della bella stagione a rilasciare in libertà le vacche sui nostri campi. Ti preghiamo inoltre di mettere negli appositi recinti i tuoi cavalli! Irene Brunelli, Elio Radicchi, Francesco Martinelli, Marco Polidori, Alvaro Martinelli

AMARCORD

Farneti, un grande uomo Ho letto con attenzione i due articoli sulla scomparsa del maestro Pietrangelo Farneti. Ho apprezzato l'affetto con il quali sono stati scritti. Ma se permettete mi è sembrato un po' riduttivo ricondurre l'operato del maestro solo al suo amore per Gubbio e alle sue tradizioni. Ho conosciuto il maestro quando il mio primo figlio ha iniziato la prima elementare alla mitica scuola di Madonna del Ponte (mitica perché era il suo dominio). E per me, nel 1979, allora giovane mamma tornata dall'estero pochi anni prima, il maestro ha rappresentato il vero maestro di scuola italiano, maestro in tutto. Perché per me, che nulla conoscevo della scuola italiana, abituata all'estero, sin dai miei primi anni dell'asilo infantile a frequentare le scuole statali estere, era difficile capire l'andazzo delle scuole italiane. Il maestro Farneti non solo mi ha mostrato empatia, ma mi ha incoraggiata, capita e sostenuta nel mio modo diverso di vedere le cose. Ed è questo che ha fatto di lui il grande uomo che è stato: la sua assoluta imparzialità e, permettetemelo di dire, grande affetto e tenerezza verso un bambino, figlio di un papà eugubino e di una mamma italiana ma non eugubina con una cultura di lingua francese. Ma non solo, figlio di genitori cristiani ma non cattolici. Primo bambino eugubino in questo senso "diverso" nelle scuole eugubine. Ne ha capito l'intelligenza; lo ha amato, sostenuto, incoraggiato e capito e assecondato per tutti i cinque anni che è stato suo alunno e nel passaggi alle secondarie. Non solo, si è anche interessato del suo fratellino che non era nella sua classe. Sì, Pietrangelo Farneti era un grande uomo, grande nel suo amore per la sua città ma anche grande per il suo amore verso i suoi alunni, verso i loro genitori senza parzialità. Grande perché, benché con le sue legittime idee ben precise, amava e mostrava rispetto per le idee degli altri. Certo, tutti sentiamo il vuoto lasciato dal maestro Farneti, ma lo sentirà ancora di più chi non l'ha conosciuto perché non troveranno facilmente qualcuno come lui, qualcuno imparziale, sia nei giudizi che negli affetti. Addio caro Maestro, che Dio si ricordi di te, in bene. Annunziata

La vicenda

Sirio Ecologica Tornati in libertà i nove indagati

T

utti liberi i nove indagati nell’ambito dell’inchiesta sui crac di Sirio ecologica e Compagnia dell’ambiente, a seguito delle revoche degli arresti che erano stati disposti dal gip Claudia Matteini su richiesta del pm Manuela Comodi. Il Tribunale del riesame ha infatti accolto le istanze di revoca delle misure cautelari disposte nei confronti di Claudio Rocchini (difeso dall’avvocto Maria Bruna Pesci), Valentino Pierotti (difeso da Rita Urbani e Fernando Mucci), Antonio Bei (difeso dall’avvocato Luca Maori), Stefano Capaccioli (difeso da Luciano Ghirga), Flaminio Flamini (difeso da Claudio Caparvi) e Luigino Silvestrucci (difeso da Francesco Sardegna). Era stato Mariano Spigarelli il primo a vedersi revocati gli arresti domiciliari (già dopo l’interrogatorio di garanzia), tra gli indagati nell’ambito dell’inchiesta che ipotizza la bancarotta fraudolenta dietro i crac della Sirio Ecologica e della controllata Compagnia dell’ambiente. I domiciliari poi, la scorsa settimana, sono stati revocati dal Riesame anche per Franco Giacometti (difeso da Marco Angelini) e Paolo Rocchi (difeso da Mario Monacelli). Si aspetta, ovviamente, la lettura delle motivazioni, ma le difese per il momento esprimono soddisfazione. Così si è espresso sempre la scorsa settimana l’avvocato Maori a proposito di Bei: “Abbiamo ora dimostrato che nella società il nostro assistito ha sempre e solo svolto il ruolo di socio prestatore d’opera. Si è quindi occupato solo della parte operativa e non contabile delle aziende”. Ale. Bor.

Balestrieri

Eletto il nuovo direttivo, Orlandi confermato presidente La Società dei Balestrieri ha ratificato il nuovo consiglio direttivo per il prossimo triennio 2011/2013. Alla presidenza è stato confermato Ubaldo Orlandi, presidente onorario è Filippo Meli e vice presidente è Marcello Cerbella. Per quanto riguarda le altre cariche poi, Alessandro Fiorucci è il segretario, Claudio Mancini l’economo, Alessandro Mancini consigliere responsabile balestrieri, Francesco Morelli consigliere responsabile balipedio, Marcello Pasquini consigliere responsabile balipedio, Francesco Mencarelli consigliere responsabile attrezzature, Giampiero Bicchielli consigliere maestro d’arme emerito e Rodolfo Radicchi maestro d’arme. Rinnovate le cariche ufficiali quindi, l’attenzione si sposta già verso l’appuntamento del

Palio della Balestra con Sansepolcro previsto per l’ultima domenica di maggio, una giornata ricca di significati storici vissuta con l’obiettivo di tramandare questa tradizione antichissima che non ha eguali in Italia. La Società Balestrieri di Gubbio infatti è la continuazione della congrega di armati che tutt’oggi rispetta le stesse regole codificate più di 500 anni fa e le pone alla base della vita societaria. Proprio a questo proposito, agli inizi di questo nuovo secolo e millennio, il consiglio direttivo ha sentito l’esigenza di riaffermare con forza tutto quel passato ricco di memorie e di civiltà, che da sempre caratterizza la città di Gubbio essendo la balestra uno dei simboli per eccellenza del nostro patrimonio culturale.

Consegnato a palazzo Pretorio il premio Bandiera a Bernabei e Colaiacovo Il premio “Bandiera di Gubbio 2010”, durante una cerimonia presso la sala Trecentesca di palazzo Pretorio, è stato consegnato a Ettore Bernabei (presidente onorario “Lux Vide”), con relatore Pippo Corigliano, e a Carlo Colaiacovo (presidente Carisp), con relatore Orfeo Goracci, vice presidente del consiglio regionale. Il tradizionale riconoscimento è promosso dal Comune e dagli “Sbandieratori”. A fare gli onori di casa la sindaco Ercoli e il presidente degli Sbandieratori Sebastiani. Il premio “Bandiera di Gubbio” simboleggia la gratitudine verso le origini, verso l’antica terra degli umbri che ispira l’arte espressa dalle mani dei ‘bandieranti’.

Per le lettere e gli auguri scrivete a: Qui Gubbio - 06024 Gubbio (PG) - via Perugina, sn e-mail: info@quigubbio.it


20

giovedì 17 febbraio 2011

AUTOMOBILI VENDO Toyota Yaris 1.4 D4D Sol 5 porte, colore blu, anno 2006, cerchi in lega, tagliandata, km 130.000. euro 6500. Tel. 335 138 36 6 6 VENDO Punto classic anno 2007, colore nero, km 33.000 aria condizionata. Euro 6200 trattabili. Tel. 075 925 51 35 ore serali VENDE Opel zafira seminuova serie "cosmo 1.9 tdi" anno 2006 full optional, 65.000 km, tagliandi originali. vetri scuri, tettino skyflex, cerchi da 17"euro 13.500 Tel. 320 850 80 38 VENDESI citroen c3 puriell, anno 2003, km 84000, grigia accessoriata, benzina cilindrata 1.4. euro 4500 trattabili.Tel 328 684 31 11 VENDO Audi A3 1.6 benzina, 3 porte -2001 con Km 84.000 Grigio metallizzato in ottime condizioni, revisionata di recente euro 6000.Tel. 329 650 84 61 VENDESI roulotte Skerkman anno 2006, 4 posti bianca super accessoriata boiler stufa con serbatoi acque chiare e scure ottima per viaggio senza sosta nei campeggi . Tel 331 329 53 38 ore dopo 20.30 euro 7000 trattabili

MOTO VENDO Scooter Aprilia SR 50 i.e. causa inutilizzo immatricolato anno 2005, Km 11500.Sempre tenuto in garage, revisionato da poco, raffreddamento a liquido e sottosella ampio.Omologato per due passeggeri. Parabrezza originale.Euro 1100.Tel. 377 173 80 31

AFFITTASI GUBBIO P.azza San Martino. Affittasi monolocali, completamente arredati . Tel. 335 589 62 83

AFFITTASI casa via Largo del Bargello ammobiliata circa 130 mq . Tel. 338 846 12 12 AFFITTASI appartamento di mq. 90: 3 camere, cucina, salone, servizi , non arredato. Localita' Torre Calzolari Gubbio.Tel. 334 832 54 10 AFFITTASI appartamento al 1˚ piano composto da: cucina/soggiorno, sala, 3 camere, bagno, 3 balconi, posto auto, ingresso autonomo (Fraz. Semonte, Gubbio). Tel. 075 927 51 49oppure. 347 588 20 47 AFFITTASI appartamento di 100mq Zona S. Donato con angolo cottura e garage. Tel. 339 349 21 75 oppure 339693 24 48 AFFITTASI appartamento immediata periferia di Gubbio composto da:2camere, cucina, salotto con camino, bagno e ripostiglio. Tel 333 221 84 43

VARIE VENDO 2 divani in vera pella, nuovi, 3 posti. Ottimo prezzo. Tel. 075 914 50 36 SI VENDE centralina per sblocco della visione del dvd e/o sintonizatore tv originali con auto in movimento compatibile per audi bmw, per informazioni. Tel. 392 282 56 34 VENDO olio extravergine d'oliva novello. Tel. 075 925 8018 ore pasti VENDO tavolo in noce intagliato stile antico con sei sedie e mobile abbinato più libreria per studio. Il tutto in buono stato e ad ottime condizioni.Tel. 347 485 04 57 VENDO arredamento per taverna, credenza con tavolo e 6 sedie. Euro 600 trattabili. Tel. 329 788 33 43 VENDO tom tom nuovo causa doppione. euro 100 .

Annunci economici Tel. 329 788 33 43 VENDO causa inutilizzo router "zyxel" p-660hw series nuovo x collegamento internet senza canone nella bolletta telefonica.Garanzia valida fino al 18/12/2011 prezzo 70 euro. Tel. 338 359 33 27 VENDO stufa a legna con forno syderos mod. karina praticamente nuova Tel. 333 506 35 32 VENDESI bellissimo tavolo per sei persone in cristallo con zampe cromate.nuovissimo,mai utilizzato. Affarone! Tel.340 217 36 88 VENDESI bellissimo arredamento camera della falegnami; composto da letto matrimoniale in pelle pieno fiore bianca,armadio, comodini e cassettiera in rovere. nuovissimo,mai utilizzato. affarone! Tel.348 652 64 17 GUBBIO vendesi terreno agricolo nella piana di gubbio loc. S.Martino in Colle a 2km dal centro, da 2 a 7 ha. Tel. 328 032 70 65 CREDENZA antica a due corpi e grande tavolo a 6 piedi torniti lungo 3 m di fine ottocento,privato vende in buone condizioni. Tel. 339 157 03 28 VENDESI autoradio originale con lettore cd per Fiat Panda 100 euro. Tel 338 640 19 36

APPARTAMENTI

cina piu bagno 58.000 euro. Tel. 340 057 04 49

prezzo

Tel.349 182 77 77 Riccardo

OFFRO LAVORO

COME FARE UN ANNUNCIO

VENDESI casa da rifinire 4 camere, bagno, cucina, soggiorno e garage più oliveto con novanta piante. Posizione collinare con vista. Località Roveto Gualdo Tadino (PG). Euro 150.000 (Trattabili). Tel. 329 855 14 46, 347 176 78 33

PER APERTURA nel centro di Gubbio (sala da the - caffe') cerchiamo ragazza con minimo di esperienza e ottima conoscenza della lingua inglese inviare curriculum a: gabriele@martintempo.it

Inviando il testo dell’annuncio ad annunci@quigubbio.it massimo 30 parole

GUBBIO centro storico vendesi negozio di mq 30 ristrutturato con possibilità di bagno.Tel. 328 032 70 65

SIGNORA italiana 47 anni, automunita cerca lavoro per assistenza anziani, pulizia case, disponibile per pomeriggi massima disponibilita' e serieta.Tel 335 627 62 88

FOSSATO di Vico centro storico alto, vendesi cielo terra di 70mq di appartamento più 30 di fondo da rivedere internamente.Euro 47000 anche con possibilità di mutuo.Tel. 328 032 70 65 VENDESI/affittasi, zona Crocefisso, Gubbio, appartamento con :3 camere, 2 bagni, soggiorno con angolo cottura, garage, cantina, verde e ingresso indipendente. Tel. 075 922 11 94 VENDESI casa bifamiliare o appartamenti singoli in località Torre Calzolari , con ampio garage, soffitta, corte annessa e terreno adiacente di circa 1 ha. Tel. 3203419455 o. p.

CERCO VARIE CERCASI locale per adibire a club, località Casamorcia, Semonte e pressi. Tel. 336 634 513oppure 346 303 34 78.

GUBBIO P.azza San Martino.Vendesi appartamento di 250mq. sviluppato su due piani.Ristrutturato nel 2000, molto luminoso, posizione centrale di Gubbio.Tel.335 589 62 83

IMPRESA boschiva compra lotti di bosco minimo 1 ettaro per il taglio di legna da ardere pagamenti in contanti al raggiungimento del contratto.Tel. 339 401 69 45

VENDESI a Gubbio per motivo di viaggio mansarda di 40 mq in via della piaggiola composta di 2 camare cu-

CERCO Alfa Romeo 33 anche se ferma o mal funzionante ritiro anche a domicilio a mie spese

NUMERI UTILI Canile Carabinieri Cimitero civico Comune Croce Rossa Emergenza sanitaria Enpa Enel (guasti) Gas (dispersioni) Guardia forestale Guardia medica Gubbio Soccorso Ospedale Taxi Vigili del Fuoco Vigili Urbani Misericordia (Serv. ambulanza)

075 9274963 075 9235700 075 9237690 075 92371 075 9273500 118 347 9831270 800 900 800 800 900 999 075 9272585 075 9239468 075 9277779 075 9270801 075 9273800 075 9273722 075 9273770 333 3218372

CERCO LAVORO

SIGNORA di Gubbio offresi per lavori di ufficio c/o studi commerciali o tecnici per 2 o 3 pomeriggi alla settimana , anche sostituzioni per maternità o ferie. Tel. 340 271 19 65 46 ENNE rumena referenziatissima , disponibile lavoro part time, baby sitter, assistenza anziani anche notturna Tel. 328 763 06 81 RAGAZZO rumeno,serio, responsabile ,patentato,cerco lavoro domestico,o qualsiasi tipo di lavoro fisso. Tel. 328 603 68 79 SIGNORAeugubina,automun ita,con esperienza,cerca lavoro come donna delle pulizie e assistenza anziani. Tel. 349 609 29 94 MURATORE 50enne con esperienza,con patente B cerca lavoro in regola a Gubbio o nelle località limitrofe. Massima serietà e Disponibilità immediata. Tel. 340 578 46 97 SI IMPARTISCONO lezioni di Burraco Tel. 329 333 03 03 RIPETIZIONI di inglese. Tel. 328 391 63 65 RAGAZZA ucraina 33enne

E-MAIL

POSTA Inviando a QUI GUBBIO via Perugina, sn 06024 GUBBIO (PG) massimo 30 parole

GLI ANNUNCI PER TELEFONO, FAX E IN REDAZIONE NON SARANNO ACCETTATI Gli annunci gratuiti sono riservati ai soli inserzionisti privati e devono pervenire entro le ore 12 del Lunedì per Qui Gubbio del Giovedì. La validità dell’annucio è per una sola uscita

cerca lavoro come badante ad ore, diurna, notturna, ospedaliera, pulizie, stiro, domestica, lavapiatti zona Gubbio e dintorni, Perugia. Tel. 331 775 14 89 RAGAZZA 29 enne italiana. offresi per pulizie domestiche e uffici.Massima serietà. Tel. 328 477 79 61 RAGAZZA 23 eugubina cerca lavoro come aiuto domestico o qualsiasi altro lavoro massima serietà Tel. 075 927 47 06 RAGAZZA diplomata cerca lavoro come segretaria, commessa, babysister o per ripetizioni ai bambini scuola elementare automunita, max serietà Tel. 338 807 86 75 INSEGNANTE di musica, impartisce lezioni di pianoforte, solfeggio e tastiera. Tel. 338 493 67 77

ANIMALI PERSONA amante degli animali cerca cane pechinese di pochi mesi per info si prega di mandare una e-mail al seguente indirizzo cipri.mari@libero.it


CALCIO 1ª DIVISIONE

Sport

IL PUNTO di Luca Mercadini

STATISTICHE Sedici vittorie e primato consolidato

La bella favola di Gegè Lamanna cosa possa aver penGegè Lamanna quando al 20’ N onsatosappiamo del primo tempo Artico ha messo la pal-

Nessunoin Italia come i rossoblù

la sul dischetto cercando il gol dell’1-1. Ma di certo quella parata vale più di qualsiasi cosa. Va al di là del gesto sportivo, assume significati profondi. In quell’intervento da campione non c’è il senso della vendetta. C’è la consapevolezza che la vita toglie, ma poi sa anche restituire. E per una volta anche lui si è lasciato andare. Quel saluto verso la tifoseria, quel gesto col pugno chiuso dopo aver ipnotizzato Artico sono uno sfogo a mesi di sofferenza. E quel bacio al papà dalla rete della gradinata a fine gara è stato un gesto liberatorio per entrambi. Per Cosma Lamanna che seguiva la partita con la trepidizione del genitore che teme per il figlio, per il portierone rossoblù che altro non chiedeva se non di poter festeggiare al 90˚ con una vittoria. Ma Eugenio e Cosma non erano soli, con loro domenica c’era una città intera. Che aveva tremendamente sofferto in quel maledetto pomeriggio del 26 settembre. Che non aveva dimenticato nei giorni successivi dimostrando in ogni occasione solidarietà e sostegno al numero uno rossoblù e alla sua famiglia. Da qui la festa finale e una bella pagina di sport. Ne avevamo bisogno. Finalmente.

S

ul tetto d’Italia e tra le migliori d’Europa. Il Gubbio di Torrente continua a vincere, consolidando un primo posto in classifica che fa sognare una città intera: tra le prime tre serie professionistiche del calcio nazionale nessuno è riuscito a vincere 16 partite a questo punto della stagione. A quota 15 troviamo Nocerina (Prima Divisione girone B), Milan e Napoli (serie A) e anche l'Atalanta (serie B), più indietro invece si attestano il Novara con 14 vittorie (battuto 1-0 il Torino nel posticipo) e tutte le altre con 13 successi. Numeri da vertigini, che confermano una volta di più il campionato straordinario che la truppa di Torrente sta vivendo, potendo vantare anche la miglior percentuale di vittorie in base alle partite fin qui disputate. Con quella di domenica scorsa le vittorie sono diventate addirittura 11 nelle ultime 12 partite, intervalla-

te soltanto dal passo falso di Ravenna, per un totale di ben 33 punti conquistati

sui 36 a disposizione, ed eloquente è anche il dato relativo alle gare casalin-


KARATE CLUB GUBBIO Al top in vista dei campionati italiani

Due ori e un argento a Foggia ue primi e un secondo posto: meglio di così non si D poteva concludere per i portacolori del Karate Club Gubbio il trofeo interregionale Ken Kyo Kai organizzato ad Apricena (vicino Foggia) domenica 6 febbraio dal comitato regionale della Puglia. A causa di infortuni e impegni lavorativi infatti, la società eugubina ha potuto prendere parte alla gara soltanto con tre atleti. Per il combattimento libero categoria oltre 75 chilogrammi cinture nere, vince il campione italiano in carica Nicola Bei in una finale tutta eugubina con Antonio Tendini: i due si sono sbarazzati di tutti gli avversari a dimostrazione dell’ottimo livello di preparazione raggiunto. Sulla sponda femminile invece, nel combattimento libero cinture nere categoria “Speranze” sotto 60 chilogrammi, è stata la vice campionessa italiana in carica Giulia Fiorucci a farla da padrone: la sempre più forte eugubina infatti, al termine di una gara perfetta, è salita sul gradino più alto del podio con pieno merito. Risultati importanti quindi per il Karate Club Gubbio, che sicuramente daranno una ulteriore carica agli atleti in vista dei campionati italiani in programma il 12 e 13 marzo prossimi, un altro appuntamento di grande rilievo al quale i protacolori eugubini si presenteranno con ottime aspettative. lor. bil.

QUì

Gubbio

IL TOP 11 DELLA SETTIMANA Allenatore

ghe: il Gubbio è secondo soltanto al Siena di Antonio Conte (11 vittorie su 13 partite, miglior bottino della cadetteria) grazie all'invidiabile ruolino di marcia di 10 vittorie in 12 partite (83,3 per cento). Fuori casa invece, meglio dei rossoblù hanno fatto soltanto Milan e Napoli in serie A e Nocerina e Atletico Roma nel girone B di Prima Divisione, tutte con 7 successi , uno in più di quelli ottenuti da Sandreani e compagni. Allargando poi lo zoom sull’Europa, grazie ai tre punti con l'Alessandria, il Gubbio entra nel gruppetto di squadre che hanno ottenuto 16 vittorie tra le prime tre divisioni professionistiche dei cinque maggiori campionati europei (Italia, Inghilterra, Spagna, Germania e Francia), dietro a Barcellona (20), Real Madrid (18) e al gruppetto a quota 17 composto da Borussia Dortmund (Bundesliga), dalle due dominatrici della 3 Liga (terza divisione tedesca) Eintracht Braunschweig e Hansa Rostock (quest’ultima con una partita in meno) e dal Bastia capolista del National (terza divisione francese). Lorenzo Billi

23

PAGINA

giovedì 17 febbraio 2011

PIFAROTTI GAGGIOTTI ERCOLI [San Sisto]

MENICHETTI

PARADISI

[Nocera]

Sauro Pugnitopo (Nocera)

BEI

[Real Montecchio] GAGGIOTTI

[Ponte D’Assi]

[Carbonesca] PIEROTTI

CICCI

[Pietralunghese] ROSSI

[Gualdo]

[Real Padule] [Ponte D’Assi]

PERI [Pietralunghese]

ARBITRO Andrea TITTARELLI (Pietralunghese-Ponte della Pietra)

[San Marco]

il top 11 prende in considerazione i migliori giocatori e arbitri eugubini di tutti i campionati dilettantistici

in collaborazione con il


Qui Gubbio numero 84  

Qui Gubbio numero 84

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you