Issuu on Google+

Manuale dell’utente di WebIntelligence

Versione 2.7


WEBINTELLIGENCE ® Versione 2.7 Manuale dell'utente di WebIntelligence La riproduzione e la trasmissione, anche solo parziale, del software o del presente documento sono vietate in qualsiasi forma o mezzo elettronico o meccanico, compresa la fotocopia, la registrazione e altre forme di archiviazione delle informazioni senza l’autorizzazione scritta di Business Objects. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso. In caso di anomalie nel presente documento, comunicarle a Business Objects scrivendo al seguente indirizzo e-mail: documentation@businessobjects.com. Business Objects non garantisce l'assenza di errori nel presente documento.

Copyright © Business Objects 2002.Tutti i diritti riservati. Parti © Copyright 1996, Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Parti copyright 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 1999, 2000 di Cold Spring Harbor Laboratory. Finanziato mediante la sovvenzione P41-RR02188 da National Institutes of Health. Parti copyright 1996, 1997, 1998, 1999, 2000 di Boutell.Com, Inc. Parti relative al formato GD2 copyright1999, 2000 Philip Warner. Parti relative a PNG copyright 1999, 2000 Greg Roelofs. Parti relative a libttf copyright 1999, 2000 John Ellson (ellson@lucent.com). Parti relative a JPEG copyright 2000, Doug Becker e copyright (C) 1994-1998, Thomas G. Lane. Questo software è in parte basato sul lavoro dell’Independent JPEG Group. Parti relative a WBMP copyright 2000 Maurice Szmurlo e Johan Van den Brande Stampato in Francia Marchi commerciali: Il logo Business Objects, WebIntelligence, BusinessQuery e BusinessMiner sono marchi o marchi registrati di Business Objects S.A. negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Il motto Business Objects, Broadcast Agent, BusinessObjects, Personal Trainer, Rapid Deployment Templates e Set Analyzer sono marchi registrati d Business Objects S.A. negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Microsoft, Windows, Windows NT, Access, Microsoft VBA e altri nomi di prodotti Microsoft citati nel presente documento sono marchi o marchi registrati della Microsoft Corporation. Oracle è un marchio registrato della Oracle Corporation. Tutti gli altri nomi di prodotti Oracle citati nel presente documento sono marchi o marchi registrati della Oracle Corporation. Tutti gli altri nomi di prodotti e società citati nel presente documento appartengono ai rispettivi proprietari. Numero dei brevetti negli U.S.A.: 5 555 403 e 6 247 008 N. della parte: 353-10-260-07 Edizione: 8


Indice Elenco degli esempi

vii

Ricerca delle informazioni necessarie

ix

Informazioni sulla documentazione ........................................................................... x Informazioni sul manuale .........................................................................................xvi Capitolo 1

Presentazione di WebIntelligence

17

Definizione di WebIntelligence ................................................................................. 18 Operazioni possibili con WebIntelligence ................................................................. 23 Accesso e condivisione dei documenti con InfoView ............................................ 25 Creazione di documenti con WebIntelligence ........................................................ 26 Drill sui dati ................................................................................................................. 29 Tecnologia comune a WebIntelligence e a BusinessObjects ................................. 30 Capitolo 2

Avvio ed esecuzione

31

Verifica della configurazione del browser ............................................................... 32 Connessione a WebIntelligence ................................................................................. 34 La pagina iniziale ........................................................................................................ 36 Aspetto delle pagine WebIntelligence ...................................................................... 37 Personalizzazione dell’account WebIntelligence .................................................. 41 La guida ........................................................................................................................ 47 Uscita da WebIntelligence ......................................................................................... 50 Capitolo 3

Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

51

Presentazione del Pannello Web ............................................................................... 52 Il processo di creazione di un documento ............................................................... 63 Esecuzione delle query ............................................................................................... 69 Modifica di un documento WebIntelligence esistente ........................................... 73

Manuale dell’utente di WebIntelligence iii


Indice

Capitolo 4

Operazioni sui tipi di blocchi

75

Selezione dei tipi di blocchi ........................................................................................77 Tipi di blocchi ...............................................................................................................81 Capitolo 5

Operazioni sui dati di un documento

131

Presentazione .............................................................................................................132 Definizione dei filtri e delle condizioni ..................................................................133 Visualizzazione dei prompt .....................................................................................146 Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento ..................................................147 Capitolo 6

Formattazione dei documenti

153

Ordinamento dei dati ................................................................................................155 Interruzioni in un documento ..................................................................................157 Uso della scheda Impostazioni ................................................................................166 Impostazioni del documento ...................................................................................169 Impostazioni etichetta ...............................................................................................173 Impostazioni del blocco del titolo ...........................................................................176 Impostazioni della cella del titolo ...........................................................................179 Impostazioni della sezione .......................................................................................182 Impostazioni della cella dell'indice .........................................................................186 Impostazioni dell'indice ............................................................................................188 Impostazioni della cella della sezione ....................................................................190 Impostazioni del blocco ............................................................................................193 Impostazioni della cella ............................................................................................200 Impostazioni dell'asse ...............................................................................................204

iv Manuale dell’utente di WebIntelligence


Indice

Capitolo 7

Operazioni in modalitĂ  drill

207

Definizione della modalitĂ  drill .............................................................................. 208 Come rendere possibile il drill su un documento ................................................ 213 Pianificazione del livello dell'analisi ...................................................................... 214 Definizione del cubo di dati ..................................................................................... 218 Drill su un documento .............................................................................................. 220 Capitolo 8

Risoluzione dei problemi

223

Consigli generali ........................................................................................................ 225 Problemi comuni ....................................................................................................... 226 Indice analitico

Manuale dell’utente di WebIntelligence v


Indice

vi Manuale dell’utente di WebIntelligence


Elenco degli esempi Creazione di una sezione trascinando un oggetto nel riquadro Sezione ....................... 68 Risoluzione di un contesto di una query ............................................................................ 70 Risoluzione di un prompt di una condizione .................................................................... 71 Uso di una condizione ......................................................................................................... 134 Uso di un filtro ...................................................................................................................... 134 Creazione di un nuovo blocco di dati relativo ad ogni localitĂ  di soggiorno ............. 158 Il motivo di risultati insoliti ................................................................................................ 208 La gerarchia LocalitĂ  di soggiorno nell'universo Vacanze da sogno ........................... 211 Modifica del livello dell'analisi in un documento ........................................................... 215 Drill all'esterno del cubo per dati aggiuntivi ................................................................... 218

Manuale dell’utente di WebIntelligence vii


Elenco degli esempi

viii Manuale dell’utente di WebIntelligence


Ricerca delle informazioni necessarie .................................................................................

Sommario

Informazioni sulla documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x Documentazione sul Web x Multimedia xi Manuali in linea xiii Guida in linea xv Per ulteriori informazioni xv

Informazioni sul manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .xvi A chi si rivolge il manuale xvi Convenzioni tipografiche xvi

Manuale dell’utente di WebIntelligence ix


Ricerca delle informazioni necessarie

Informazioni sulla documentazione La documentazione di Business Objects fornisce informazioni aggiornate ed approfondite sui prodotti. Non si tratta solo di spiegazioni sulle funzioni dei prodotti, ma di preziose informazioni sotto forma di suggerimenti, esempi e istruzioni per la risoluzione dei problemi. Per maggiore comodità degli utenti, la documentazione di tutti i prodotti è disponibile in numerosi formati, tra cui file di guida in linea di Windows, HTML, Acrobat (PDF), su supporto cartaceo e multimediale. È possibile inoltre consultarla in qualsiasi momento a partire dal prodotto in cui si lavora. La documentazione è stata creata tenendo conto delle esigenze degli utenti in materia di rapidità di accesso e di semplicità d'uso. Tutte le informazioni necessarie sono disponibili facendo semplicemente clic con il mouse. Le seguenti sezioni contengono una descrizione delle principali caratteristiche della documentazione.

Documentazione sul Web Dal menu ? di tutti i prodotti è possibile accedere alla pagina Tips and Tricks, il servizio di documentazione su Internet di Business Objects che propone gli ultimi aggiornamenti, suggerimenti, esempi e istruzioni per la risoluzione dei problemi. È possibile accedervi digitando nel browser il seguente URL: http://www.businessobjects.com/services/infocenter Da questa pagina il personale registrato del supporto tecnico può visualizzare la versione elettronica completa di tutta la documentazione Business Objects. Sono disponibili informazioni dettagliate su tutti i prodotti Business Objects, aggiornamenti, informazioni per la risoluzione dei problemi, suggerimenti e molto altro. Inoltre, gli utenti registrati di DEVELOPER SUITE possono scaricare la nuova documentazione ed esempi di codice.

x Manuale dell’utente di WebIntelligence


Informazioni sulla documentazione

Multimedia La documentazione multimediale di Business Objects è costituita da BUSINESSOBJECTS Quick Tour, INFOVIEW Quick Tour e l'esercitazione BUSINESSMINER, che presentano le caratteristiche essenziali di questi prodotti.

BusinessObjects Quick Tour BUSINESSOBJECTS Quick Tour è una presentazione multimediale che descrive le principali caratteristiche di BUSINESSOBJECTS. La sua impostazione didattica è perfetta per gli utenti che utilizzano il prodotto per la prima volta. È possibile utilizzare questa presentazione come complemento al manuale Introduzione a BusinessObjects.

Una finestra di BusinessObjects Quick Tour

Manuale dell’utente di WebIntelligence xi


Ricerca delle informazioni necessarie

InfoView Quick Tour INFOVIEW Quick Tour è una presentazione multimediale che descrive le funzioni principali di INFOVIEW. Creata principalmente per gli utenti principianti, contiene una presentazione generale di tutte le funzioni necessarie alla gestione e alla distribuzione di documenti. INFOVIEW Quick Tour può essere utilizzato come complemento al manuale Introduzione a WebIntelligence.

Una finestra di InfoView Quick Tour

Esercitazione BusinessMiner Questo manuale multimediale permette agli utenti principianti di familiarizzarsi con il potente software di datamining BUSINESSMINER. Ogni lezione del tutorial contiene una presentazione con narrazione ed animazioni che mostra agli utenti come risolvere un problema concreto mediante BUSINESSMINER. Gli utenti possono quindi fare pratica sulle operazioni presentate nel manuale d’accompagnamento.

xii Manuale dell’utente di WebIntelligence


Informazioni sulla documentazione

Manuali in linea Manuali dell'utente Tutti i manuali dell’utente sono disponibili in formato PDF (Portable Document Format) di Acrobat. Ideati per la consultazione in linea, i file PDF consentono di visualizzare, percorrere e stampare il contenuto della documentazione. L’elenco completo dei manuali di Business Objects è disponibile nel Manuale della distribuzione in rete. Da un prodotto Business Objects, è possibile aprire un manuale servendosi dei comandi del menu ?.

Il menu ? di BusinessObjects contiene comandi per visualizzare la documentazione. Durante l’installazione, il programma di installazione di BUSINESSOBJECTS copia automaticamente i file in: • Per le macchine Windows: Business Objects\BusinessObjects 5.0\Online Guides\It • Per le macchine UNIX: <directory di installazione di WebI>/ Server/WebIntelligence2.5/http-server/OnlineGuides/IT Per aprire un documento, è possibile selezionarlo dal menu ? a condizione che Adobe Acrobat Reader, versione 3.0 o successiva, sia installato sul computer. Questo programma è disponibile sul CD-ROM di Business Objects. È possibile anche scaricarlo gratuitamente dal sito Web di Adobe Corporation.

Manuale dell’utente di WebIntelligence xiii


Ricerca delle informazioni necessarie

Manuale per la risoluzione dei problemi Il Manuale per la risoluzione dei problemi è una compilazione dei messaggi d’errore che possono apparire durante l’uso quotidiano dei prodotti Business Objects. In questo manuale sono disponibili informazioni dettagliate per la risoluzione dei problemi in modo da consentire agli utenti di determinare in modo rapido i motivi dell’errore e la relativa risoluzione. È possibile cercare i messaggi di errore utilizzando i relativi codici. Assieme a ogni messaggio di errore sono riportate le possibili cause e gli interventi consigliati. Per aprire questo manuale in linea da qualsiasi prodotto Business Objects, selezionare il comando Manuale per la risoluzione dei problemi nel menu ?. Da INFOVIEW, fare clic su Messaggi d'errore nella barra di navigazione. Fare clic su un messaggio di errore per passare alla relativa spiegazione nel manuale.

Fare clic sulla voce Elenco dei messaggi d’errore per visualizzare i messaggi d’errore in base al relativo codice.

Il Manuale per la risoluzione dei problemi in formato PDF.

xiv Manuale dell’utente di WebIntelligence


Informazioni sulla documentazione

Guida in linea Per i prodotti desktop Windows di Business Objects la guida in linea è disponibile sotto forma di file .hlp e .cnt conformi agli standard Microsoft Windows. A partire da Business Objects Services Administrator, è disponibile la guida in linea in formato HTML. A partire da INFOVIEW,è disponibile la guida in linea HTML di INFOVIEW e WEBINTELLIGENCE.

Per ulteriori informazioni Se non si è in grado di trovare le informazioni desiderate, BusinessObjects è lieta di ricevere le segnalazioni degli utenti. I lettori potranno inviare richieste, suggerimenti o commenti relativi alla presente documentazione o a quella di altri prodotti Business Objects. È possibile anche inviare un messaggio elettronico all'indirizzo: documentation@businessobjects.com Per informazioni sui prodotti e i servizi Business Objects, visitare il sito Web: http://www.businessobjects.com

Manuale dell’utente di WebIntelligence xv


Ricerca delle informazioni necessarie

Informazioni sul manuale Il manuale descrive i diversi concetti, task e procedure necessari per l’amministrazione del sistema WEBINTELLIGENCE. Contiene una presentazione del funzionamento del sistema e le procedure di utilizzo degli strumenti e del sistema.

A chi si rivolge il manuale Questo manuale si rivolge agli amministratori di sistema e ai webmaster incaricati dell’installazione e della gestione del sistema WEBINTELLIGENCE.

Convenzioni tipografiche Nella seguente tabella sono descritte le convenzioni tipografiche utilizzate nel manuale. Convenzione

Uso

MAIUSCOLETTO

I nomi di tutti i prodotti come BUSINESSOBJECTS, WEBINTELLIGENCE, SUPERVISOR, DESIGNER.

Font AvantGarde

I nomi di classi, oggetti e condizioni BUSINESSOBJECTS. Per esempio Clienti, Vendite, Fatturato e Servizio.

Font Courier

Codice, sintassi SQL, programmi informatici. Ad esempio: @Select(Paese\Id paese)

(...)

Posto al termine di una riga di codice, il simbolo (...) indica che la riga successiva deve essere immessa di seguito senza andare a capo.

xvi Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione di WebIntelligence

Capitolo 1

................................................................................. Sommario

Definizione di WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

Operazioni possibili con WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 Diritti utente di cui si dispone 23 Differenze tra InfoView e WebIntelligence 24

Accesso e condivisione dei documenti con InfoView . . . . . . . . . . 25

Creazione di documenti con WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . Universi Query Il Pannello Web

Drill sui dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29

Tecnologia comune a WebIntelligence e a BusinessObjects . . . . 30

26 26 27 28

Manuale dell’utente di WebIntelligence 17


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

Definizione di WebIntelligence Con WEBINTELLIGENCE è possibile accedere ai dati dei database aziendali o ai datawarehouse dall'ufficio, da casa o da tutto il mondo, tramite l'intranet aziendale, l'extranet o il Web. WEBINTELLIGENCE facilita l'accesso ai dati, in quanto consente all'utente di esprimersi con termini aziendali a lui noti. Non sono necessarie conoscenze sulla struttura né sulla tecnologia dei database. Non è necessario caricare nessun software WEBINTELLIGENCE sul proprio computer. In effetti, per utilizzare WEBINTELLIGENCE basta installare un browser Internet. Dopo avere effettuato delle query su un database con WEBINTELLIGENCE, i dati ottenuti possono essere trasformati in documenti semplici come delle tabelle.

18 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione di WebIntelligence

...o complessi come i documenti dinamici che contengono grafici su cui eseguire il drill.

Si possono salvare i documenti per un uso personale, inviarli ad altri utenti, o pubblicarli sul repository aziendale per una circolazione ancora piĂš estesa.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 19


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

WEBINTELLIGENCE consente di analizzare e presentare i dati in diversi modi: • Con WEBINTELLIGENCE si possono creare e distribuire documenti su cui è possibile effettuare un “drill”: per visualizzare livelli di dati più dettagliati, basta che altri utenti facciano un semplice clic sulle voci del documento, così come conviene loro, senza dover rieseguire la query da capo.

Per eseguire un drill up di un livello su Linee, fare clic sul collegamento ipertestuale

Per eseguire un drill up di un livello su Città, fare clic sulla freccia

Per eseguire un drill up di un livello su Anno, fare clic sul collegamento ipertestuale

È possibile definire un documento in modo da includere calcoli di base sui dati che vengono aggiornati automaticamente con le ultimissime informazioni del database.

Calcoli

• Poiché si utilizza un browser Web, si possono includere immagini con collegamento ipertestuale e oggetti video o audio. Ad esempio, basta fare clic sul nome di un modello in un catalogo di automobili importate, e ottenere un video con una vista a 360° della macchina e del suo interno.

20 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione di WebIntelligence

â&#x20AC;˘ Si possono anche creare indici in collegamento ipertestuale per percorrere velocemente le sezioni di un documento.

â&#x20AC;˘ Nei documenti si possono inserire i prompt di condizione che consentano di ottenere con precisione le informazioni desiderate, filtrando il resto.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 21


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

â&#x20AC;˘ I dati possono essere rappresentati utilizzando un'ampia gamma di formati di grafici.

Se si ritiene che un formato di grafico diverso favorisca la comprensione dei dati, con due semplici clic del mouse è possibile cambiare il formato:

22 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Operazioni possibili con WebIntelligence

Operazioni possibili con WebIntelligence Gli utenti di WEBINTELLIGENCE possono consultare e visualizzare documenti WEBINTELLIGENCE mediante un portale INFOVIEW di e-business intelligence. È possibile personalizzare INFOVIEW perché visualizzi le informazioni in funzione di esigenze di lavoro specifiche. Si utilizza quindi WEBINTELLIGENCE per eseguire analisi, modificare i documenti WEBINTELLIGENCE e creare nuovi documenti. Le analisi che si possono eseguire con WEBINTELLIGENCE dipendono dai diritti utente accordati dal supervisore BUSINESSOBJECTS.

Diritti utente di cui si dispone I diritti utente sono assegnati dal supervisore BUSINESSOBJECTS. Il supervisore definisce: • Gli elementi dell’interfaccia di WEBINTELLIGENCE a cui si può accedere. Indipendentemente dalla licenza posseduta, il supervisore può limitare l'accesso ad alcune funzioni di base di WEBINTELLIGENCE, quali l'accesso a determinati elenchi di documenti o al Pannello Web, ecc. • Le connessioni al database • Gli universi a cui si può accedere per creare e modificare le query I diritti accordati ad ogni utente definiscono il profilo dell’utente. Ed è precisamente questo sistema di sicurezza basato sul profilo che consente la distribuzione di un singolo documento a molti utenti. Gli utenti finali hanno accesso solo alle informazioni che sono autorizzati a vedere.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 23


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

Differenze tra InfoView e WebIntelligence INFOVIEW fornisce una panoramica istantanea di tutti i documenti a cui si ha accesso nel database aziendale e permette di leggerli, aggiornarli e condividerli. È necessario disporre di INFOVIEW per utilizzare WEBINTELLIGENCE. Consultare “Accesso e condivisione dei documenti con InfoView" a pagina 25. In qualità di utente WEBINTELLIGENCE, si può accedere alla totalità o a parte delle seguenti funzioni: • Creazione di nuovi documenti WEBINTELLIGENCE e modifica di quelli già esistenti. Consultare “Creazione di documenti con WebIntelligence" a pagina 26. •

Esplorazione di livelli più dettagliati di dati nei documenti WEBINTELLIGENCE in cui è possibile eseguire il drill. Consultare “Drill sui dati" a pagina 29.

24 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Accesso e condivisione dei documenti con InfoView

Accesso e condivisione dei documenti con InfoView INFOVIEW è la principale interfaccia di amministrazione che si ottiene quando si utilizza WEBINTELLIGENCE. INFOVIEW visualizza diversi elenchi di documenti che offrono una presentazione immediata di tutti i documenti a cui si può accedere.

INFOVIEW comprende fino a tre elenchi di documenti: • La pagina Documenti dell’azienda è un catalogo di tutti i documenti ai quali si può accedere nel repository dell’azienda. Se si ha il diritto di visualizzare anche un solo documento aziendale, INFOVIEW contiene tale elenco. • La pagina Documenti personali elenca i documenti salvati per un uso personale. • La pagina Posta in arrivo contiene i documenti ricevuti da altri utenti. Questi elenchi non solo indicano agli utenti quali sono i documenti di un certo impatto sul proprio lavoro, ma forniscono anche i mezzi per visualizzare, distribuire e fare copie personalizzate degli stessi. INFOVIEW consente di utilizzare un meccanismo di filtro detto categorie in grado di trasformare elenchi di documenti a gestione complessa in sottoinsiemi di documenti più facili da gestire. Per ulteriori informazioni sull'uso di INFOVIEW, consultare il documento Manuale dell'utente di InfoView, o la Guida dell'utente in linea di INFOVIEW. Manuale dell’utente di WebIntelligence 25


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

Creazione di documenti con WebIntelligence Con WEBINTELLIGENCE si possono creare i propri documenti WEBINTELLIGENCE o modificare quelli già esistenti. I due principali meccanismi su cui WEBINTELLIGENCE si basa per generare documenti sono: • Gli universi utilizzati per creare le query • Le query utilizzate per recuperare le informazioni dalla memoria dei dati.

Universi Gli universi costituiscono uno strato semantico intellegibile per l’utente che consente di fare astrazione dei problemi tecnici relativi al database. Gli universi mappano i termini di uso corrente che descrivono il proprio ambiente aziendale sui dati di un database. Gli universi sono costituiti da classi e oggetti. • Gli oggetti sono elementi che puntano a una serie di dati da un database relazionale in termini inerenti alla propria situazione aziendale. Questi oggetti consentono di recuperare i dati dai propri documenti. Ad esempio, gli oggetti di un universo per una catena di negozi possono contenere la Regione, lo Stato e il nome del Negozio.

26 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Creazione di documenti con WebIntelligence

• Le classi sono raggruppamenti logici di oggetti. Ad esempio, gli oggetti elencati sopra possono appartenere a una classe detta Negozio.

Nella propria azienda o organizzazione, gli universi vengono creati dal designer dell’universo, con DESIGNER. Una volta creati gli universi, il designer li mette a disposizione degli utenti in modo che possano accedere ai dati di cui hanno bisogno tramite un'interfaccia intuitiva e conviviale.

Oggetti dimensione, oggetti indicatore e oggetti dettaglio Quando creano gli universi, i designer di universi definiscono e qualificano gli oggetti. La qualifica di un oggetto definisce in che modo lo si può utilizzare nell'analisi dei documenti. Un oggetto può avere una delle seguenti qualifiche: dimensione, dettaglio o indicatore. Ogni tipo di oggetto viene utilizzato ad un fine particolare: • Gli oggetti dimensione recuperano i dati che servono da base per l'analisi del documento. Di solito si tratta di dati di tipo carattere (nomi di clienti, di località, ecc.), o date (anni, trimestri, date di fatture, ecc.). • Un oggetto dettaglio è sempre associato a un oggetto dimensione, di cui fornisce informazioni complementari. Ad esempio, Indirizzo è un oggetto dettaglio associato a Cliente. Indirizzo fornisce dati supplementari sui clienti, in questo caso i rispettivi indirizzi. • Gli oggetti indicatore recuperano dati numerci che sono il risultato di calcoli effettuati sui dati del database. Si tratta di oggetti semanticamente dinamici: i valori restituiti dipendono dagli oggetti con cui vengono utilizzati. Ad esempio, se in una query si include Località di soggiorno e Fatturato, verrà calcolato il fatturato per località di soggiorno. Se si inserisce Cliente e Fatturato, verrà calcolato il fatturato per cliente. Si tratta del contesto di un oggetto.

Query Le query consentono di recuperare effettivamente i dati che si vogliono includere in un documento.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 27


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

Le query vengono create in un editor di documenti detto Pannello Web, aggiungendo e organizzando gli oggetti da un universo. Quando si esegue una query, WEBINTELLIGENCE si collega al database, recupera i dati mappati sugli oggetti selezionati, quindi genera il documento HTML designato e contenente i dati. Quindi visualizza il documento nella pagina Risultati del documento del browser.

Il Pannello Web Il Pannello Web è un applet Java o un controllo ActiveX che viene eseguito sul browser. Fornisce l'interfaccia della query da utilizzare necessaria per creare e modificare i documenti WEBINTELLIGENCE. Nella pagina Opzioni, è possibile definire quale forma del Pannello Web si desidera utilizzare. Consultare “Selezione dell'editor dei documenti" a pagina 44. Il Pannello Web è simile all’editor di documenti di BUSINESSOBJECTS. Comprende anche elementi del Pannello delle query di BUSINESSOBJECTS e del pannello Slice and dice.

28 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Drill sui dati

Il Pannello Web contiene tre schede: • La scheda Risultati consente di aggiungere oggetti alla query, ordinarne l'aspetto, aggiungere interruzioni, ordinamenti e condizioni e specificare il tipo di documento (ad esempio, tabella a campi incrociati o grafico a dispersione). • La scheda Condizioni consente di impostare le regole e le condizioni che servono a cercare solo alcuni tipi di dati o a restituire valori. Ad esempio, si può specificare il fatturato per un anno o per un paese specifici. Consultare “Definizione dei filtri e delle condizioni" a pagina 133. • La scheda Impostazioni permette di formattare il documento immettendo un titolo, modificando i caratteri, la larghezza delle celle, i colori e i contorni, e definendo il modo in cui verranno visualizzati i dati (ad esempio, includendo dei prompt). Consultare “Uso della scheda Impostazioni" a pagina 166.

Drill sui dati WEBINTELLIGENCE consente di eseguire un'analisi “drill down” sui documenti sui quali è stato eseguito un drill, utilizzando la cache multidimensionale memorizzata sul server WEBINTELLIGENCE. Se si desiderano informazioni che non siano già visibili, si può eseguire un drill in modo trasparente sul documento e sul database stesso. Per ampliare il raggio d'azione oltre i database aziendali o sull'intero Web, WEBINTELLIGENCE contiene “hyperdrill,” che consente di eseguire un collegamento ipertestuale sulle celle o sul contenuto di un grafico in modo da poter effettuare un “drill out” da un documento in una fonte dati basata su Internet.

Ad esempio, utilizzando un hyperdrill, un account che riceve un documento può comprendere un collegamento ipertestuale per ogni cliente. Quando si fa clic, ogni collegamento attiva un servizio di credito per ottenere un report di credito corrente relativo al cliente.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 29


Capitolo 1 Presentazione di WebIntelligence

Tecnologia comune a WebIntelligence e a BusinessObjects WEBINTELLIGENCE utilizza lo strato semantico e la tecnologia delle query di BUSINESSOBJECTS per fornire una rappresentazione aziendale dei dati operando in concomitanza con la versione full client di BUSINESSOBJECTS. In tal modo, si è sicuri di ottenere il più alto livello di interoperabilità tra i due prodotti, come: ��� La condivisione dei diritti utente Ad esempio, in qualità di utente si ha accesso alle stesse aree di storage aziendali, che si utilizzi WEBINTELLIGENCE o BUSINESSOBJECTS. • La condivisione dei documenti Con WEBINTELLIGENCE gli utenti possono visualizzare e aggiornare i documenti creati e ad essi inviati utilizzando BUSINESSOBJECTS. Potranno inoltre inviare documenti creati in WEBINTELLIGENCE agli utenti BUSINESSOBJECTS, o pubblicarli nel repository aziendale. • La condivisione di INFOVIEW che consente di ottenere elenchi di documenti già generati con WEBINTELLIGENCE o BUSINESSOBJECTS, o i documenti che sono stati caricati sul database. INFOVIEW è il punto d'ingresso comune per visualizzare, gestire e distribuire documenti.

30 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Avvio ed esecuzione

Capitolo 2

................................................................................. Sommario

Verifica della configurazione del browser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

Connessione a WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

La pagina iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

Aspetto delle pagine WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il contenuto della pagina La barra superiore (barra degli strumenti) La barra di navigazione

37 37 39 39

Personalizzazione dell’account WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . Impostazioni dell'universo Selezione dell'editor dei documenti Modifica della password

41 42 44 46

La guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 La guida contestuale 47 La guida in linea dell’utente 48

Uscita da WebIntelligence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

Manuale dell’utente di WebIntelligence 31


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Verifica della configurazione del browser Affinché WEBINTELLIGENCE funzioni correttamente, occorre accertarsi che la configurazione del browser sia adatta all’uso con WEBINTELLIGENCE. Ad esempio, il browser deve essere abilitato per i cookie. Di conseguenza, si deve eseguire una verifica automatica per eventuali problemi di configurazione prima di collegarsi a WEBINTELLIGENCE per la prima volta. Per verificare il browser: 1. Dalla pagina di connessione a WEBINTELLIGENCE, fare clic sul collegamento di configurazione Verifica browser. Appare la pagina Verifica rapida del browser.

2. Fare clic sul pulsante Verifica browser a sinistra. Dopo qualche secondo, WEBINTELLIGENCE visualizza le informazioni relative al browser attualmente in uso nella parte inferiore della pagina.

32 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Verifica della configurazione del browser

Se la schermata non visualizza tali informazioni per intero, utilizzare la barra di scorrimento per percorrere la pagina. Nei campi di questa pagina, vengono visualizzati i problemi fatali in grassetto e in rosso. Le avvertenze vengono evidenziate in blu chiaro.

Nota: Se si desidera creare documenti con Netscape, il browser deve essere abilitato Java. Se si desidera creare documenti con Microsoft Internet Explorer, il browser deve essere abilitato Java o ActiveX.

3. Per una soluzione possibile a qualsiasi problema o avvertenza, fare semplicemente clic su di esso. 4. Per ottenere l'elenco dei browser, dei sistemi operativi client, dei linguaggi e delle macchine virtuali Java, fare clic su Browser supportati. 5. Per chiudere la pagina e tornare alla pagina di connessione di WEBINTELLIGENCE, fare clic sul pulsante Pagina iniziale.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 33


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Connessione a WebIntelligence Per connettersi al sistema WEBINTELLIGENCE, occorre che l’amministratore del sistema WEBINTELLIGENCE fornisca i seguenti elementi: • Il nome utente e la password Se si è un utente BUSINESSOBJECTS, si può utilizzare l’ID utente e la password di BUSINESSOBJECTS per accedere a INFOVIEW. • L’URL o un segnalibro che consenta di accedere a WEBINTELLIGENCE.

Nota: Secondo il modo in cui l’amministratore di WEBINTELLIGENCE ha definito l’account, le pagine che danno accesso a WEBINTELLIGENCE potrebbero essere diverse da quelle visualizzate oltre. Potrebbe non essere richiesto di inserire un nome utente e la password. Per ottenere un aiuto nell’avviare WEBINTELLIGENCE, rivolgersi all’amministratore del sistema.

Per collegarsi: 1. Avviare il browser Internet. 2. Puntare il browser su WEBINTELLIGENCE utilizzando sia il segnalibro, sia l’URL assegnato dall’amministratore del sistema WEBINTELLIGENCE. Si apre la pagina di connessione di WEBINTELLIGENCE.

34 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Connessione a WebIntelligence

• Fare clic sul pulsante Connessione. Viene visualizzata la finestra di dialogo relativa alla connessione.

3. Immettere il nome utente e la password nelle caselle di testo e fare clic su OK. La pagina iniziale di WEBINTELLIGENCE viene caricata e si può iniziare a lavorare su WEBINTELLIGENCE.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 35


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

La pagina iniziale A meno che l'amministratore del sistema abbia impostato una pagina iniziale predefinita diversa, la pagina di benvenuto di WEBINTELLIGENCE è la prima pagina ad aprirsi all'avvio di WEBINTELLIGENCE. La pagina Benvenuti è la principale interfaccia per visualizzare, gestire e distribuire tutti i documenti del repository aziendale, inclusi i documenti WEBINTELLIGENCE e BUSINESSOBJECTS. Essa contiene brevi descrizioni delle funzioni di WEBINTELLIGENCE e INFOVIEW e fornisce i collegamenti che consentono un accesso immediato.

Si può tornare a questa pagina in qualsiasi momento facendo clic su Benvenuti dalla barra di navigazione. Si può definire una pagina iniziale diversa, o personalizzare la propria pagina Mio InfoView, selezionandola nella sezione Pagina iniziale della pagina Opzioni. Per istruzioni, consultare “Personalizzazione di InfoView - Definizione della pagina iniziale” nel Capitolo 2 del Manuale dell'utente di InfoView.

36 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Aspetto delle pagine WebIntelligence

Aspetto delle pagine WebIntelligence Le pagine WEBINTELLIGENCE sono costituite da tre parti: • Il contenuto della pagina • La barra superiore • La barra di navigazione

Il contenuto della pagina Il contenuto della pagina occupa la parte più vasta della finestra del browser. Si tratta della parte che cambia maggiormente quando ci si sposta da una pagina all’altra. contenuto di una pagina

Manuale dell’utente di WebIntelligence 37


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Il contenuto della pagina è costituito dal corpo della pagina, compreso l'elenco dei documenti INFOVIEW, la pagina Universi disponibili di WEBINTELLIGENCE e il Pannello Web, oltre a tutte le interfacce che consentono di visualizzare e di modificare i documenti. Per visualizzare l'elenco dei documenti in INFOVIEW, si hanno due opzioni. • Compatto: visualizza il nome del documento, il nome della persona che lo ha creato, la data di creazione del documento e le rispettive dimensioni. • Esteso: oltre alle informazioni disponibili in modalità compatta, visualizza i collegamenti alle opzioni seguenti: Carica nel foglio di calcolo, Salva, Invia agli utenti e Modifica. La modalità estesa consente inoltre di visualizzare le proprietà e la descrizione del documento (ossia, nome, descrizione, categorie e parole chiave).

38 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Aspetto delle pagine WebIntelligence

La barra superiore (barra degli strumenti) La barra superiore che si trova nella parte superiore della pagina cambia a seconda del contenuto della pagina: • Se la pagina visualizza un elenco di documenti o di universi, la barra superiore contiene collegamenti che consentono di caricare documenti da altre fonti, di cercare documenti o universi, di eliminare documenti, di aggiornare l'elenco e visualizzare l'elenco in modalità estesa.

• Se la pagina contiene un documento aperto che viene visualizzato con INFOVIEW, la barra superiore contiene i collegamenti che consentono di agire su un documento aperto.

• Sulle pagine Trova, Opzioni e Chiudi sessione, la barra superiore diventa un'intestazione di grafico.

La barra di navigazione La barra di navigazione sul lato sinistro della pagina WEBINTELLIGENCE rimane invariata, indipendentemente dalla pagina aperta. I collegamenti che essa contiene dipendono dal profilo dell’utente. È possibile inserire un’immagine nella parte superiore della barra. Per istruzioni, consultare “Definizione di un’immagine” nel Capitolo 2 del Manuale dell'utente di InfoView. A seconda dei diritti di accesso accordati dal supervisore, la barra di navigazione consente di accedere a tre cataloghi diversi di documenti INFOVIEW: • La pagina Documenti dell’azienda • La pagina Documenti personali • La pagina Posta in arrivo.

Nota: Per informazioni complete su una delle funzioni di INFOVIEW, consultare il

Manuale dell'utente di InfoView.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 39


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Se si dispone dei diritti di accesso adeguati in WEBINTELLIGENCE, per aprire la pagina Universi disponibili basta fare clic su Crea documenti nella barra di navigazione. In questa pagina si può selezionare un universo e creare un nuovo documento utilizzando gli oggetti di dati degli universi. Se si ha accesso ad un unico universo, l'elenco conterrà soltanto tale universo. Se si è impostato un universo predefinito, il collegamento Crea documenti apre automaticamente il Pannello Web con l'universo già caricato. La barra di navigazione fornisce inoltre l’accesso ad altre pagine di WEBINTELLIGENCE ed INFOVIEW: • La schermata di Benvenuto • L'elenco dei documenti dell’azienda • L'elenco dei documenti personali • L'elenco dei documenti programmati Questo collegamento è visibile solo se si hanno i diritti necessari per programmare documenti. • La pagina Trova • La pagina Opzioni • La pagina Chiudi sessione • La pagina Guida

40 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Personalizzazione dell’account WebIntelligence

Personalizzazione dell’account WebIntelligence È possibile personalizzare il proprio account WEBINTELLIGENCE affinché visualizzi le informazioni nel modo più efficiente ed utile per l'utente. Tutte le opzioni per la personalizzazione di INFOVIEW e di WEBINTELLIGENCE si trovano nelle diverse sezioni della pagina Opzioni. La pagina contiene cinque sezioni, che consentono di scegliere il modo in cui visualizzare e gestire i documenti con il portale INFOVIEW e come creare e modificare i documenti con WEBINTELLIGENCE e BUSINESSOBJECTS. Le sezioni inerenti alla creazione dei documenti sono: • Universo Consente di: • Decidere se l'elenco degli universi disponibili viene visualizzato in formato Compatto o Esteso. • Specificare un universo predefinito che viene caricato automaticamente quando si apre il Pannello Web. • Specificare se si desidera aggiornare l'elenco degli universi disponibili. • Password Consente di modificare la password di WEBINTELLIGENCE/INFOVIEW/ BUSINESSOBJECTS. • Crea documenti Consente di scegliere il tipo di documento che si desidera creare, WEBINTELLIGENCE o BUSINESSOBJECTS e che tipo di forma di Pannello Web si vuole utilizzare per creare e modificare i documenti WEBINTELLIGENCE. Le sezioni restanti della pagina di opzioni concernono la gestione e la visualizzazione dei documenti con il portale INFOVIEW: • Pagina iniziale Consente di specificare la pagina iniziale di INFOVIEW ed inserire un’immagine nell’angolo superiore sinistro della pagina. • Elenchi di documenti consente di: • Impostare il tipo di visualizzazione degli elenchi dei documenti: Compatto o Esteso. • Specificare una categoria di documenti da utilizzare come criterio di filtro predefinito. • Specificare quando aggiornare l'elenco (unicamente gli elenchi dei

Manuale dell’utente di WebIntelligence 41


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Documenti dell'azienda e della Posta in arrivo). • Visualizza documenti Consente di specificare il formato di visualizzazione dei documenti BUSINESSOBJECTS.

Suggerimento: Per informazioni sulle opzioni di INFOVIEW, consultare il Manuale

dell'utente di InfoView.

Impostazioni dell'universo La visualizzazione dell'elenco dell'universo può essere impostata nella pagina Universi disponibili in formato Esteso o Compatto. La versione estesa comprende una breve descrizione dell'universo. Si può definire anche quando aggiornare l'elenco degli universi disponibili. Si può ignorare del tutto l'elenco degli universi disponibili specificando un universo predefinito. Ciò è utile se ci si rende conto che i documenti vengono creati spesso utilizzando lo stesso universo. Quando viene definito un universo predefinito, facendo clic su Crea documenti dalla barra di navigazione, il Pannello Web si apre direttamente con le classi e gli oggetti dell'universo predefinito caricate. Per impostare la visualizzazione dell'elenco degli universi e/o definire un universo predefinito: 1. Fare clic su Opzioni dalla barra di navigazione per aprire la pagina Opzioni. 2. Fare clic su Universo.

3. Per ottenere l'apertura di un elenco di universi quando si fa clic su Crea documenti dalla barra di navigazione, selezionare il formato di visualizzazione dell'elenco: Compatto o Esteso. Passare al punto 5.

42 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Personalizzazione dell’account WebIntelligence

4. Se per creare nuovi report si utilizza spesso uno stesso universo, è possibile impostarlo come universo predefinito, in modo tale che il Pannello Web si apra direttamente con tale universo già caricato. Per impostare un universo predefinito: • Selezionare l'universo predefinito. • Fare clic sul pulsante Seleziona universo. L'elenco degli universi disponibili si apre nella modalità Estesa per fornire il maggior numero di informazioni possibili.

• Selezionare l'universo che si desidera utilizzare e fare clic sul pulsante Applica. Le scelte vengono salvate. • Fare clic sul pulsante Torna alle opzioni. Si torna alla pagina Opzioni. Il nome dell'universo selezionato viene visualizzato nel campo universo predefinito. • Passare al punto 6. 5. Se non è stato specificato un universo predefinito, indicare se si desidera aggiornare automaticamente l'elenco una volta ad ogni sessione utente o solo manualmente. 6. Una volta terminato, fare clic sul pulsante Applica modifiche.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 43


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Selezione dell'editor dei documenti Si può specificare lo strumento che si desidera utilizzare per la creazione e la modifica dei documenti. Per creare documenti WEBINTELLIGENCE è possibile scegliere fra quattro opzioni di Pannello Web. • Applet Java completo • Applet Java Light • Controllo ActiveX (solo per browser Microsoft Internet Explorer 4.0) • In funzione del browser Se i diritti utente lo consentono, si dispone anche dell'opzione per la creazione e la modifica dei documenti in BUSINESSOBJECTS. Se non si è sicuri di disporre di tali diritti, rivolgersi all'amministratore del sistema. Per informazioni sull'installazione di BUSINESSOBJECTS tramite il portale INFOVIEW, consultare il Manuale dell'utente di InfoView. Per istruzioni sulla creazione e la modifica dei documenti in BUSINESSOBJECTS, consultare il Manuale dell'utente di BusinessObjects. Se si opta per l'applet Java, si consiglia la versione completa. Per una descrizione delle differenze tra le versioni completa e light, consultare pagina 56. Se invece si utilizza WEBINTELLIGENCE su una piattaforma client diversa da Windows, si deve scegliere un Pannello Web con l'applet Java. Se si utilizza Microsoft Internet Explorer 4.0 (o versione superiore) su una piattaforma Windows, le informazioni riportate qui di seguito aiutano nella scelta delle opzioni applet Java o controllo ActiveX: Perché scegliere un applet Java

Perché scegliere un controllo ActiveX

La tecnologia Java è molto più affidabile di ActiveX, più integrata a dispositivi e risorse locali, quali stampanti e altre applicazioni.

La tecnologia ActiveX fornisce una migliore integrazione alle applicazioni locali o alla stampa in un ambiente Microsoft standard. Il Pannello Web ActiveX si apre molto più rapidamente di un applet Java.

44 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Personalizzazione dell’account WebIntelligence

Se si seleziona l'opzione In funzione del browser: WEBINTELLIGENCE attiva...

Con il seguente browser installato sulla macchina...

Pannello Web ActiveX

Microsoft Internet Explorer 5.0 o 4.0.1 SP2 (o versione superiore).

Applet Java completo

Tutti gli altri browser supportati.

Per selezionare un editor di documenti: 1. Fare clic su Opzioni dalla barra di navigazione. Si apre la pagina Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Crea documenti.

3. Selezionare WEBINTELLIGENCE. 4. Per l'editor di documenti WEBINTELLIGENCE, selezionare una delle quattro opzioni e fare clic su Applica tutte le modifiche. La volta seguente che si apre il Pannello Web, WEBINTELLIGENCE avvia la versione selezionata.

Nota: Se questo tipo di Pannello Web non è mai stato utilizzato, appare una finestra di dialogo che chiede se si desidera scaricare l'applet Java o il controllo ActiveX. Consultare “Apertura del Pannello Web per la prima volta" a pagina 64.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 45


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Modifica della password La password iniziale di WEBINTELLIGENCE viene creata dal supervisore di BUSINESSOBJECTS che ha definito il profilo utente. Quando ci si collega a WEBINTELLIGENCE per la prima volta, si può modificare la password con una di propria scelta. Quando si modifica la password, questa cambia anche per BUSINESSOBJECTS. Per modificare la password: 1. Fare clic su Opzioni dalla barra di navigazione. Si apre la pagina Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Password.

3. Procedere come segue: • Immettere la password attuale nella casella Vecchia password. • Immettere la nuova password nella casella Nuova password. Viene fatta la differenza tra le maiuscole e le minuscole. • Confermare la nuova password digitandola di nuovo nella casella Conferma nuova password. 4. Fare clic su Modifica della password. Alla successiva connessione a WEBINTELLIGENCE, occorre utilizzare la nuova password.

46 Manuale dell’utente di WebIntelligence


La guida

La guida WEBINTELLIGENCE contiene due tipi di guida in linea: • La guida contestuale • La guida in linea dell’utente

La guida contestuale La guida contestuale è la guida ad ogni pagina e finestra di dialogo dell’interfaccia INFOVIEW/WEBINTELLIGENCE. Quando si usa INFOVIEW e WEBINTELLIGENCE, si può ottenere una guida contestuale su qualsiasi elemento dell'interfaccia che si sta utilizzando. Basta fare clic su Guida dalla barra di navigazione. Si apre una nuova finestra del browser con una barra di navigazione e una barra degli strumenti modificata, oltre a una descrizione dell’elemento dell’interfaccia in uso nell’area del contenuto della pagina.

La finestra contiene anche collegamenti ipertestuali che consentono di accedere a importanti sezioni della Guida in linea dell'utente. Da questa pagina, è possibile: • Passare ad altri argomenti della guida contestuale facendo clic sui collegamenti nella barra di navigazione. • Accedere alla Guida in linea dell'utente facendo clic su Guida in linea dell'utente nella barra degli strumenti. Manuale dell’utente di WebIntelligence 47


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Per tornare a WEBINTELLIGENCE, chiudere il browser contenente la finestra di guida o fare clic sulla finestra del browser che esegue WEBINTELLIGENCE.

La guida in linea dell’utente La Guida in linea dell'utente contiene una descrizione dettagliata di WEBINTELLIGENCE e di INFOVIEW e delle relative procedure utente, nonché informazioni generali sulla documentazione Business Objects in linea. A partire da questa pagina si possono scaricare versioni PDF della documentazione relativa ai prodotti Business Objects. Per accedere alla guida in linea per l'utente: 1. Procedere come segue: • Nella pagina di connessione a WEBINTELLIGENCE, fare clic sul pulsante Guida utente. • Nella schermata Benvenuti, fare clic su Guida dalla barra di navigazione. • Dalla guida contestuale di InfoView, fare clic su Guida in linea dell’utente dalla barra degli strumenti. Appare la pagina Guida in linea dell’utente di INFOVIEW/WEBINTELLIGENCE.

48 Manuale dell’utente di WebIntelligence


La guida

La barra di navigazione si trasforma e visualizza i collegamenti ai principali argomenti della guida, rendendo possibile l’accesso alla guida in linea di WEBINTELLIGENCE e di INFOVIEW, alla versione PDF del Manuale dei messaggi di errore, e alla pagina More tips and samples. Per accedere ad argomenti specifici, basta aprire le cartelle WEBINTELLIGENCE e INFOVIEW nella barra di navigazione e fare clic sugli argomenti di guida voluti.

Suggerimento: È possibile espandere o ridurre i collegamenti nella barra di navigazione facendo semplicemente clic ancora una volta sui collegamenti sottolineati WEBINTELLIGENCE e INFOVIEW.

Per tornare a WEBINTELLIGENCE, chiudere il browser contenente la finestra di guida o fare clic sulla finestra del browser che esegue WEBINTELLIGENCE.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 49


Capitolo 2 Avvio ed esecuzione

Uscita da WebIntelligence Per uscire da WEBINTELLIGENCE, non è sufficiente chiudere il browser, ma è necessario chiudere la sessione del prodotto. In tal modo gli amministratori del sistema WEBINTELLIGENCE conservano una traccia degli utenti collegati al sistema e attivi a un dato momento. Essi necessitano di tali informazioni per configurare il sistema affinché tratti i carichi delle transazioni in modo più efficiente. La disconnessione è semplice. Se si è inattivi più a lungo del tempo massimo definito dall’amministratore, WEBINTELLIGENCE disconnette l’utente automaticamente. Si può uscire dal programma in modo attivo in qualsiasi momento. Per disconnettersi da WEBINTELLIGENCE: 1. Fare clic su Chiudi sessione dalla barra di navigazione. Si apre la finestra di dialogo Chiudere la sessione.

2. Fare clic su Sì. Se si decide di non volersi più disconnettere, procedere come segue: • Fare clic su No. • Tornare alla pagina HTML visualizzata precedentemente facendo clic sul pulsante Precedente o Indietro del browser. • Passare ad un componente di INFOVIEW or WEBINTELLIGENCE facendo clic su un collegamento della barra di navigazione.

50 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Capitolo 3

................................................................................. Sommario

Presentazione del Pannello Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Pannello Web Java Differenze tra gli applet Pannello Web Java completo e light Il Pannello Web Active X Uso del Pannello Web Active X

Il processo di creazione di un documento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63 Apertura del Pannello Web per creare un documento 63 Inserimento degli oggetti in una query 65

Esecuzione delle query . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Salvataggio della definizione di una query Risoluzione dei contesti Risoluzione dei prompt di condizione

Modifica di un documento WebIntelligence esistente . . . . . . . . . 73

52 52 56 57 62

69 70 70 71

Manuale dell’utente di WebIntelligence 51


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Presentazione del Pannello Web Il Pannello Web è il punto in cui si creano, si modificano e si visualizzano le definizioni del documento utilizzato per generare i documenti WEBINTELLIGENCE. Tra queste definizioni troviamo le query da utilizzare per recuperare i dati del documento e la formattazione del documento. Il Pannello Web è disponibile in tre formati: • applet Java completo • applet Java Light • controllo ActiveX Sebbene gli applet Java completo e light siano abbastanza simili, vi sono comunque alcune differenze. Per ulteriori informazioni, consultare la pagina 56, . Per una descrizione completa del Pannello Web utilizzato, consultare: • “Il Pannello Web Java" a pagina 52 • “Il Pannello Web Active X" a pagina 57

Il Pannello Web Java Il Pannello Web Java presenta il seguente aspetto: Barra degli strumenti del Pannello Web

Riquadro Classi e oggetti

Riquadri Sezione e Blocco

L'area di guida presenta le descrizioni disponibili degli oggetti selezionati.

52 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione del Pannello Web

Contiene quattro sezioni: • Il riquadro Classi e oggetti a sinistra visualizza gli oggetti di dati che appartengono all'universo selezionato nell'elenco degli universi disponibili. • I riquadri Sezione e Blocco (nell'immagine in alto, intitolata Tabella per riflettere il tipo di blocco predefinito) a destra contengono gli oggetti che sono stati aggiunti alla query dal riquadro Classi e oggetti. Tali oggetti definiscono i dati che la query recupera dal database e in che modo essi vengono disposti nel documento. Consultare “Inserimento degli oggetti in una query" a pagina 65 . • L'area di guida sulla sinistra in fondo allo schermo visualizza le descrizioni che il designer dell'universo ha fornito su un oggetto nel riquadro Classi e oggetti. • La barra degli strumenti in alto fornisce un accesso immediato a una serie di funzioni di formattazione e di creazione delle query con un clic del mouse.

Il riquadro Classi e oggetti Il riquadro Classi e oggetti contiene un elenco delle classi e oggetti tratti dall'universo selezionato che può essere utilizzato per creare una query. Le classi e gli oggetti sono disposti in ordine gerarchico. Ad esempio, un universo può contenere queste classi e questi oggetti:

Manuale dell’utente di WebIntelligence 53


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Si osservi l'ordine: la classe Cliente contiene oggetti quali Paese di origine e Regione, ma contiene anche la sottoclasse Sponsor, che a sua volta contiene oggetti. Inoltre, le sottoclassi quali Cliente e Sponsor contengono gli oggetti dettaglio. Questo ordine diventa particolarmente importante se si rende possibile il drill sul documento e si utilizza la funzione Livello dell'analisi (consultare “Come rendere possibile il drill su un documento" a pagina 213 e “Pianificazione del livello dell'analisi" a pagina 214).

Nota: Per informazioni sugli oggetti di dati che può contenere un universo,

consultare pagina 27.

Per impostazione predefinita, il riquadro Classi e oggetti viene impostato su Tutti gli oggetti. Per modificare la visualizzazione, fare clic sulla freccia verso il basso: • Tutti gli oggetti Visualizza tutte le classi e gli oggetti dell'universo. A meno che non si visualizzi un documento in modalità cubo, si tratta dell'impostazione predefinita. • Oggetti Gerarchie Visualizza solo le cartelle contenenti gli oggetti dimensione, oltre agli oggetti stessi. Quando si seleziona un Livello dell'analisi, il riquadro Classi e oggetti cambia e diventa automaticamente la visualizzazione Gerarchie. • Oggetti della query Visualizza solo gli oggetti utilizzati per generare il documento. Se si dispone solo dei diritti in modalità cubo e si modifica un documento, si tratta dell'impostazione predefinita e non la si può cambiare.

Nota: Se si crea o si modifica il proprio documento, si hanno tutti i diritti per modificare la query (ad esempio, modificare i dati da recuperare dal database e inclusi nel documento. Se si modifica un documento creato da un altro utente, potrebbe essere possibile non visualizzare la gerarchia nel riquadro Classi e oggetti. Si può invece visualizzare un elenco degli oggetti dimensione reali utilizzati per creare la query. Il che significa che si può lavorare solo con i dati del documento e che non è possibile modificare la query.

54 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione del Pannello Web

La barra degli strumenti del Pannello Web Java

Barra Formato

Barra Tipo di blocco

Barra Funzioni

Questa barra degli strumenti è suddivisa in tre barre: • La barra Formato riguarda tanto il formato del documento quanto la presentazione del Pannello Web. Da sinistra a destra: • Visualizza sezione e blocco Consente di passare dall'area di lavoro Sezione e Blocco a quella solo blocco e viceversa. • Livello dell'analisi Aggiunge un'area Livello dell'analisi al Pannello Web. • Impostazione del documento Porta la scheda Impostazioni in primo piano sul Pannello Web con le impostazioni del documento visualizzate, in modo da poter specificare parametri quali il titolo, o che si possa eseguire o meno il drill sul documento. • Impostazioni del blocco Porta la scheda Impostazioni in avanti sul Pannello Web con le impostazioni del blocco visualizzate. • Visualizza SQL Visualizza la struttura SQL per la query, se si dispone dei diritti utente adeguati. • La barra Tipo di blocco contiene le opzioni di creazione dei vari tipi di blocco. Da sinistra a destra: • Tabelle • Istogrammi • Grafici a linee • Grafici ad area • Grafici a torta • Grafici radar Per informazioni sui diversi formati di documento e su come crearli, consultare il capitolo “Operazioni sui tipi di blocchi" a pagina 75. • La barra delle Funzioni consente di modificare la presentazione dei dati e di limitare i risultati della query. Da sinistra a destra: Manuale dell’utente di WebIntelligence 55


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

• Inserisci ordine crescente Ordina i dati in ordine crescente. • Inserisci ordine decrescente Ordina i dati in ordine decrescente. • Inserisci interruzione Suddivide i dati in blocchi separati. • Inserisci calcolo Aggiunge una funzione di calcolo a un oggetto. • Inserisci condizione Aggiunge una condizione all'oggetto, limitando ulteriormente i dati recuperati.

Differenze tra gli applet Pannello Web Java completo e light Sebbene gli applet del Pannello Java completo e light siano abbastanza simili, vi sono comunque alcune differenze: • La barra degli strumenti dell'applet light contiene un collegamento Guida che apre e chiude le descrizioni degli oggetti selezionati nel riquadro Classi e oggetti. • Non vi è un collegamento alla modalità Drill sul fondo dei riquadri Sezione/ Dettagli nell'applet Light. • Nell'applet Light non è possibile specificare uno, due o tre livelli di profondità per il livello dell’analisi. Occorre definire un livello personalizzato di analisi trascinando oggetti dall’elenco Gerarchie e rilasciandoli nella sezione Personalizza il livello dell’analisi. • Nell'applet Light non vi sono i pulsanti Sposta a destra e Sposta a sinistra nella barra degli strumenti per la combinazione delle condizioni. Si possono ancora combinare delle condizioni trascinandole da destra a sinistra. • Se si utilizza una presentazione del grafico per i blocchi di dati di un documento: • L'aspetto di alcuni grafici può cambiare tra l'applet Java light e completo. • Nell'applet light vi è solo un pulsante della barra degli strumenti per scegliere un formato di grafico. In tal modo viene aperta una finestra di dialogo da cui si può scegliere il tipo di presentazione che si desidera per i blocchi di dati del proprio documento.

56 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione del Pannello Web

• Nell'applet completo, quando si modifica un grafico, gli oggetti del grafico sono rimossi se non si adattano più alla nuova presentazione. Nell'applet light, gli oggetti inadeguati si spostano altrove nella definizione della query. • Nell'applet completo si può rimuovere un oggetto trascinandolo dai riquadri Sezione/Dettaglio e lasciandolo nuovamente nel riquadro Classi e oggetti. Nell'applet light si può rimuovere un oggetto trascinandolo all'esterno della finestra del browser.

Il Pannello Web Active X Il Pannello Web Active X è simile al seguente: Barra degli strumenti del Pannello Web

Riquadri Sezione e Blocco

Riquadro Classi e oggetti

L'area di guida visualizza le descrizioni disponibili sugli oggetti selezionati

Contiene quattro sezioni: • Il riquadro Classi e oggetti a sinistra visualizza gli oggetti di dati che appartengono all'universo selezionato nell'elenco degli universi disponibili. • I riquadri Sezione e Blocco (nell'immagine in alto, intitolata Tabella per riflettere il tipo di blocco predefinito) a destra contengono gli oggetti che sono stati aggiunti alla query dal riquadro Classi e oggetti. Tali oggetti definiscono i dati che la query recupera dal database e il modo in cui vengono disposti nel

Manuale dell’utente di WebIntelligence 57


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

documento. Consultare “Inserimento degli oggetti in una query" a pagina 65. • L'area di Guida sulla sinistra in fondo allo schermo visualizza le descrizioni che il designer dell'universo ha fornito su un oggetto nel riquadro Classi e oggetti. Si può disattivare o riattivare questa schermata utilizzando il pulsante Mostra/Nascondi guida dalla barra degli strumenti. • La barra degli strumenti in alto fornisce un accesso immediato a una serie di funzioni di formattazione e di creazione delle query con un clic del mouse.

Nota: Il Pannello Web ActiveX contiene alcune funzioni pratiche che non esistono

nella versione Java. Consultare pagina 62.

Il riquadro Classi e oggetti Il riquadro Classi e oggetti contiene un elenco delle classi e oggetti tratti dall'universo selezionato che può essere utilizzato per creare una query. Le classi e gli oggetti sono disposti in ordine gerarchico. Ad esempio, un universo può contenere queste classi e questi oggetti:

58 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione del Pannello Web

Si osservi l'ordine: la classe Cliente contiene gli oggetti quali Paese di origine e Regione, ma contiene anche la sottoclasse Sponsor, che a sua volta contiene oggetti. Inoltre, le sottoclassi quali Cliente e Sponsor contengono gli oggetti dettaglio. Quest'ordine diventa particolarmente importante se si rende possibile il drill sul documento e si utilizza la funzione Livello dell'analisi (consultare “Come rendere possibile il drill su un documento" a pagina 213 e “Pianificazione del livello dell'analisi" a pagina 214). Nota: Per informazioni sugli oggetti di dati che può contenere un universo,

consultare pagina 27. Per impostazione predefinita, il riquadro Classi e oggetti viene impostato su Tutti gli oggetti. Per modificare la visualizzazione, fare clic sulla freccia verso il basso accanto al pulsante Mostra/Nascondi nel riquadro di sinistra della barra degli strumenti e fare clic su una delle seguenti opzioni: • Tutti gli oggetti Visualizza tutte le classi e gli oggetti dell'universo. A meno che non si visualizzi un documento in modalità cubo, si tratta dell'impostazione predefinita. • Oggetti gerarchie Visualizza solo le cartelle contenenti gli oggetti dimensione, oltre agli oggetti stessi. Quando si seleziona un Livello dell'analisi, il riquadro Classi e oggetti cambia e si trasforma automaticamente in riquadro delle Gerarchie. • Oggetti della query Visualizza solo gli oggetti utilizzati per generare il documento. Se si dispone solo dei diritti in modalità cubo e si modifica un documento, si tratta dell'impostazione predefinita e non la si può cambiare.

Nota: Se si crea o si modifica il proprio documento, si hanno tutti i diritti per modificare la query (ad esempio, modificare i dati da recuperare dal database e inclusi nel documento. Se si modifica un documento creato da un altro utente, potrebbe essere possibile non visualizzare la gerarchia nel riquadro Classi e oggetti. Si può invece visualizzare un elenco degli oggetti dimensione reali utilizzati per creare la query. Il che significa che si può lavorare solo con i dati del documento e che non si può modificare la query.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 59


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

La barra degli strumenti del pannello Web ActiveX.

Questa barra degli strumenti dinamica indica immediatamente quali sono le funzioni attivate nel documento attuale o nella sessione del Pannello Web: Tipo di pulsante

Esempio

Comportamento

Il pulsante funge da pulsante bistabile attivazione/ disattivazione

Mostra guida

• Quando questa funzione è attivata, il pulsante viene evidenziato in blu chiaro (si veda il primo pulsante nell'immagine sopra). • Se la funzione è disattivata, lo sfondo del pulsante è dello stesso colore dello sfondo della barra degli strumenti (si veda l'ultimo pulsante dell'immagine sopra).

Il pulsante offre la scelta fra più azioni

Livello dell'analisi

L'icona corrispondente alla selezione viene visualizzata al posto del pulsante originale della barra degli strumenti. Ad esempio, se si sceglie Un livello nell'elenco associato a Livello dell'analisi, invece del pulsante predefinito (si veda il quarto pulsante in basso da sinistra), viene visualizzzato un pulsante con il numero 1.

Il pulsante Tipo di blocco

Tipo di blocco

Resta identico indipendentemente dalla scelta del tipo di blocco.

60 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Presentazione del Pannello Web

Da sinistra a destra, contiene i seguenti pulsanti: • Mostra/Nascondi riquadro sinistro Fare clic sulla freccia a destra per scegliere i tipi di oggetti visualizzati nel riquadro Classi e oggetti, se ve ne sono. • Mostra/Nascondi guida Attiva e disattiva le descrizioni degli oggetti selezionati ne riquadro Classi e oggetti. • Mostra/Nascondi sezione Consente di passare dall'area di lavoro Sezione e Blocco a quella solo blocco e viceversa. • Livello dell'analisi Aggiunge un'area Livello dell'analisi al Pannello Web. • Modifica tipo di blocco Consente di cambiare il formato dei blocchi di dati del documento. Per informazioni sui diversi formati di documento e su come crearli, consultare “Operazioni sui tipi di blocchi" a pagina 75. • Inserisci ordine crescente Ordina i dati in ordine crescente. • Inserisci ordine decrescente Ordina i dati in ordine decrescente. • Inserisci interruzione Suddivide i dati in blocchi separati. • Inserisci calcolo Aggiunge una funzione di calcolo a un oggetto. • Inserisci condizione Aggiunge una condizione all'oggetto, limitando ulteriormente i dati recuperati. • Visualizza SQL della query Visualizza la struttura SQL della query in una finestra di piccole dimensioni in cima al browser, se si dispone dei diritti utente adeguati. • Informazioni sul Pannello Web di WebIntelligence Visualizza le informazioni sulla versione del Pannello Web Active X di WebIntelligence.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 61


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Uso del Pannello Web Active X Il Pannello Web ActiveX contiene le seguenti funzioni pratiche: • Ridimensionamento della finestra del Pannello Web a schermo. Questa funzione è molto pratica quando si lavora su più finestre contemporaneamente. • Il pannello Web ActiveX presenta una barra degli strumenti dinamica che indica quali sono le opzioni attualmente applicate al documento o all’interfaccia del Pannello Web. Consultare pagina 60. • È possibile selezionare più oggetti nella finestra Dettagli contemporaneamente, tramite le tecniche standard di Windows. Questa funzione è particolarmente utile se si desidera applicare lo stesso attributo a più oggetti, come, per esempio, l’ordine crescente. • Menu contestuale con clic destro su una parte qualsiasi delle finestre Sezione o Dettagli o sugli oggetti in esse contenuti. Tra le altre azioni possibili, questo menu contiene i comandi standard di Taglia e Copia di Windows. • Quando si utilizza la scheda Impostazioni, l’area di visualizzazione del documento a destra presenta un’anteprima più precisa del documento finale rispetto alla versione Java. Inoltre, è possibile definire intestazioni e pié di pagina a sinistra, al centro e a destra.

62 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Il processo di creazione di un documento

Il processo di creazione di un documento Per creare un nuovo documento WEBINTELLIGENCE, seguire i punti di base (che sono descritti più in dettaglio più oltre nel presente capitolo): 1. Selezionare un universo e aprire il Pannello Web. 2. Creare la query del documento utilizzando gli oggetti dell'universo. 3. Eseguire la query facendo clic sul pulsante Esegui. Il sistema WEBINTELLIGENCE elabora la richiesta e visualizza il documento conseguente sulla pagina Risultati del documento.

Nota: Se si desidera salvare la query definita senza eseguirla, fare clic su Salva e chiudi. Il report viene salvato senza dati. È possibile recuperare i dati ed eseguire la query mediante il comando Aggiorna.

Apertura del Pannello Web per creare un documento Si apre il Pannello Web per creare un nuovo documento facendo clic sul collegamento Crea documenti nella barra di navigazione: • Se si dispone dei diritti per accedere a più di un universo, si apre la pagina Universi disponibili. Essa riporta tutti gli universi a cui si ha il diritto di accedere. Selezionare l'universo su cui si desidera basare il nuovo documento. Il Pannello Web si apre con gli oggetti dell'universo caricati nella finestra Classi e oggetti. • Se si è impostato un universo predefinito, il Pannello Web si apre automaticamente con gli oggetti di tale universo già caricati.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 63


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Apertura del Pannello Web per la prima volta La prima volta che si apre il Pannello Web ed ogni volta che si utilizza una forma diversa del Pannello Web per la prima volta, viene visualizzata questa finestra di dialogo:

Il tipo di Pannello Web che si apre viene indicato come collegamento ipertestuale nel primo paragrafo. Fare clic su Sì affinché WEBINTELLIGENCE installi il Pannello Web specificato (applet o controllo ActiveX) sulla macchina. Se non si vuole utilizzare questo tipo di Pannello Web, fare clic su No, quindi specificare un altro tipo nella pagina Opzioni.

Ricerca degli universi Se si riscontrano problemi nel trovare un particolare universo, utilizzare la casella Trova dalla barra degli strumenti. Per eseguire una ricerca rapida: 1. Immettere tutto o parte del nome dell'universo nella casella di testo. 2. Premere Invio. Viene visualizzato l’elenco degli universi che corrispondono al criterio di ricerca indicato. Per tornare alla pagina Universi disponibili, fare clic sul pulsante Precedente del browser.

64 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Il processo di creazione di un documento

Inserimento degli oggetti in una query L'immagine sottostante visualizza tre oggetti che sono stati aggiunti al riquadro Blocco. Ciascuno di essi rappresenta i dati che WEBINTELLIGENCE recupera dal database per eseguire la query.

Con l'esecuzione della query di esempio illustrata qui sopra si ottiene una tabella semplice:

Si osservi che le colonne del documento generato vengono visualizzate nello stesso ordine degli oggetti con lo stesso nome nel Pannello Web. PoichÊ l'ordine degli oggetti dei riquadri Sezione e Blocco influenza l'ordine in una tabella o in un grafico, a volte può essere necessario disporre nuovamente gli oggetti o inserire un oggetto fra due altri oggetti.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 65


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

La seguente tabella descrive in che modo aggiungere oggetti, rimuoverli e ridisporli nelle query: Azioni sulle query

Per aggiungere un oggetto

Fare doppio clic sull'oggetto nel riquadro Classi e oggetti. L'oggetto viene aggiunto al riquadro Dettagli. (Può essere necessario trascinarlo nella posizione desiderata). Nota: Se si trascina e si rilascia una classe o una sottoclasse, si possono inserire tutti i relativi oggetti Trascinare l'oggetto sulla posizione desiderata nei riquadri Sezione/Dettaglio. Nota: Se si trascina e si rilascia una classe o una sottoclasse nel riquadro Dettagli, si possono inserire tutti i relativi oggetti

Per rimuovere un oggetto

Trascinare nuovamente l'oggetto nel riquadro Classi e oggetti Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto e selezionare Elimina nel menu contestuale (solo Pannello Web Active X). Selezionare l'oggetto dal riquadro Sezione/Dettaglio e premere il tasto Canc.

Per inserire un oggetto fra due altri oggetti

Fare clic e trascinare l'oggetto finché il cursore non si trova direttamente su uno degli oggetti che si trovano già nel riquadro Dettagli. Il nuovo oggetto verrà inserito a sinistra di tale oggetto.

Per spostare un oggetto

Trascinare l'oggetto nella posizione desiderata.

66 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Il processo di creazione di un documento

In caso di aggiunta di un oggetto al riquadro Sezione o Blocco Basta utilizzare il riquadro Blocco e creare nuovi documenti. Questi documenti possono contenere tabelle standard o tabelle a campi incrociati più complesse per visualizzare le informazioni volute, come segue: Figura 3.1: Formato Tabella

...........................................................

Figura 3.2: Formato Tabella a campi incrociati

...........................................................

Nota: Per ulteriori informazioni sulla creazione dei documenti con uno di questi

formati, consultare “Tabelle" a pagina 81 o “Tabelle a campi incrociati" a pagina 87. In alcuni casi, una semplice tabella può non essere sufficiente. WEBINTELLIGENCE offre pertanto una gamma di tabelle e grafici da utilizzare per visualizzare le informazioni. Consultare “Operazioni sui tipi di blocchi" a pagina 75.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 67


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Quando si trascina un oggetto nel riquadro Sezione, si aggiunge una dimensione completamente nuova interrompendo il documento in piĂš parti o sezioni. Esempio

Creazione di una sezione trascinando un oggetto nel riquadro Sezione

...........................................................

Si desidera creare un documento sotto forma di tabella semplice contenente i dati relativi al fatturato per le vendite di una serie di negozi. Si desidera ottenere un blocco di dati separato, per ogni trimestre. A tale scopo, si dispongono gli oggetti relativi ai dati interessanti nei riquadri Sezione e Blocco nel modo seguente:

Il documento che ne risulta contiene sezioni simili alla seguente:

Sezione

Tabella all'interno di una sezione

Per ulteriori informazioni, consultare â&#x20AC;&#x153;Interruzioni in un documento" a pagina 157.

68 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Esecuzione delle query

Esecuzione delle query Una volta effettuata l'aggiunta, la modifica e/o la disposizione degli oggetti corrispondenti ai dati da inserire nel documento, eseguire la query facendo clic sul pulsante Esegui. Se si utilizza l'applet Java completo o il Pannello Web del controllo Active X, in qualsiasi momento è possibile annullare la query facendo clic sul pulsante Annulla query in basso a destra nel Pannello. Quando si esegue una query, il Pannello Web sottopone la query al server WEBINTELLIGENCE, che la elabora, recupera i dati dal database e crea il documento. Il browser recupera il documento che ne risulta dal server e lo visualizza nella pagina Risultati del documento.

Nota: Se si decide di modificare il documento successivamente e si apportano modifiche riguardanti unicamente la formattazione, fare clic sul pulsante Applica formato. Il pulsante applica le modifiche relative alla formattazione utilizzando i dati già esistenti. Se in seguito vengono modificati alcuni dei dati necessari al documento, il pulsante Applica formato non è più disponibile nel Pannello Web e occorre fare nuovamente clic sul pulsante Esegui.

Se si tenta di eseguire una query, il Pannello Web non sottopone immediatamente il documento al server WEBINTELLIGENCE, potrebbe esserci un contesto ambiguo o una condizione che richiede l'inserimento di informazioni. Per saperne di più su come trattare questo tipo di circostanze, consultare “Risoluzione dei contesti" a pagina 70 e “Risoluzione dei prompt di condizione" a pagina 71.

Nota: Se si desidera salvare la query definita senza eseguirla, fare clic su Salva e chiudi. Il report viene salvato senza dati. È possibile recuperare i dati ed eseguire la query mediante il comando Aggiorna.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 69


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

Salvataggio della definizione di una query È possibile creare una query senza eseguirla immediatamente. La funzione Salva e chiudi consente di: • Salvare una query in modo da poterne terminare la definizione in un secondo momento. • Salvare una query di cui si è terminata la definizione, ma che non si desidera eseguire subito, ad esempio perché si sa che la rete è ingombrata. Per creare una query e salvarne la definizione: 1. Creare una query spostando oggetti nei riquadri Oggetti risultato e Condizioni del Pannello delle query. 2. Fare clic su Salva e chiudi. Viene visualizzato il seguente messaggio: “Il report è stato salvato senza dati. Fare clic su Aggiorna per recuperare i dati.” 3. Per visualizzare i dati del report, fare clic su Aggiorna.

Risoluzione dei contesti WEBINTELLIGENCE può non essere in grado di interpretare le informazioni da estrarre dagli oggetti trascinati nei riquadri Sezione e Blocco. Le relazioni che intercorrono tra un oggetto e l'altro non sempre sono chiare, ovvero il contesto è ambiguo. Quando si verifica un'ambiguità di questo tipo, il Pannello Web consente di specificare in che modo si desidera interpretare il rapporto. Esempio

Risoluzione di un contesto di una query

...........................................................

Il riquadro Blocco contiene gli oggetti Cliente e Paese.

Si osservi che l'oggetto Paese non rappresenta il paese in cui vive il cliente (che in realtà è rappresentato da un altro oggetto, Paese di origine). Paese rappresenta invece il paese che contiene la località sponsorizzata dal cliente.

70 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Esecuzione delle query

WEBINTELLIGENCE non sa quali sono le informazioni richieste. I clienti e i paesi in cui partono in vacanza? Oppure i clienti e i paesi da cui sono state fatte le prenotazioni? Entrambe le possibilità sono valide, poiché i clienti hanno due stati: i clienti esistenti, che sono già stati in una località e i clienti futuri che hanno prenotato. Quando si tenta di ottenere i risultati dalla query, il Pannello Web appare con la seguente finestra di dialogo:

Adesso si deve decidere se si desiderano informazioni su clienti già esistenti o su clienti futuri. Basta selezionare il contesto che si desidera utilizzare, in questo caso prenotazioni o vendite, e fare clic su OK. WEBINTELLIGENCE completa la query e, come al solito, restituisce i risultati nella pagina Risultati del documento.

...........................................................

Risoluzione dei prompt di condizione I prompt forniscono un modo per chiedere informazioni agli utenti quando eseguono le query. I prompt possono essere il risultato delle condizioni definite dall'utente, delle condizioni predefinite, oppure la definizione data all'oggetto dal designer dell'universo. Per informazioni su come creare i prompt della condizione, consultare il punto 2 di “Condizioni e filtri definiti dall'utente" a pagina 137. Questo prompt chiede informazioni che vengono poi utilizzate nella condizione nel momento in cui la query viene sottoposta. Esempio

Risoluzione di un prompt di una condizione

...........................................................

Si ha una query complessa e si vuole poterla eseguire in qualsiasi momento. Ma si desidera anche potervi apportare delle modifiche, per ottenere i dati del documento per i clienti di diversa cittadinanza. Si può inoltre aggiungere una

Manuale dell’utente di WebIntelligence 71


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

condizione al documento che limita la cittadinanza del cliente, ma invece di definire una lista di opzioni di condizione specifiche, si può definire un prompt. In questo caso, l'oggetto stesso della condizione somiglia al seguente:

Quando si fa clic sul pulsante Esegui, appare la seguente finestra di dialogo:

Immettere il valore desiderato (deve corrispondere ai dati del database), quindi fare clic su OK.

...........................................................

72 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Modifica di un documento WebIntelligence esistente

Modifica di un documento WebIntelligence esistente Nota: Non è possibile modificare un documento BUSINESSOBJECTS da

WEBINTELLIGENCE.

La modifica di un documento WEBINTELLIGENCE già esistente significa aprirlo dal Pannello Web, quindi aggiungere o rimuovere oggetti, modificare la formattazione, la disposizione dei dati o le condizioni. È possibile modificare i propri documenti WEBINTELLIGENCE oppure quelli inviati da altri utenti, a condizione che si disponga del diritto di effettuare la query sull'universo utilizzato per creare il documento. Se si modifica un documento aziendale già esistente e lo si pubblica, WEBINTELLIGENCE lo salva con un nuovo ID nel repository dell'azienda e tanto questo documento quanto l'originale vengono visualizzati nella pagina Documenti dell'azienda. Per modificare un documento esistente: 1. Aprire il documento alla pagina Risultati del documento facendo clic sul nome corrispondente in un elenco di documenti InfoView. 2. Fare clic su Modifica nella barra degli strumenti. WEBINTELLIGENCE apre la definizione del documento nel Pannello Web in cui è possibile modificarlo. 3. Al termine delle modifiche al documento: • Se sono stati aggiunti degli oggetti alla query, fare clic sul pulsante Ottieni risultati che esegue la query modificata. • Se sono state eseguite solo modifiche inerenti alla formattazione, fare clic sul pulsante Applica formato. Invece di rieseguire la query, vengono apportate semplicemente le modifiche di formattazione al documento. WEBINTELLIGENCE rigenera il documento e lo visualizza nella pagina Risultati del documento.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 73


Capitolo 3 Creazione e modifica dei documenti WebIntelligence

74 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Operazioni sui tipi di blocchi

Capitolo 4

................................................................................. Sommario

Selezione dei tipi di blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web Java completo Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web Java Light Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web ActiveX Modifica del tipo di blocco dalla pagina Risultati del documento

Tipi di blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81 Tabelle 81 Tabelle finanziarie 83 Moduli 85 Tabelle a campi incrociati 87 Istogrammi non in pila 89 Linee e istogrammi 91 Istogtrammi in pila 93 Istogrammi %100 95 Istogrammi 3D 97 Grafici a linee miste 99 Grafici a linee in pila 101 Grafici a linee %100 103 Grafici a linee 3D 105 Grafici a superficie 3D 107

77 77 78 79 80

Manuale dell’utente di WebIntelligence 75


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Grafici ad area Grafici ad area in pila Grafici ad area %100 Grafici ad area 3D Grafici a volume 3D Grafici a torta Grafici ad anello Grafici a linee radar Grafici ad area radar in pila Grafici polari Grafici a dispersione semplice

76 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence

109 111 113 115 117 119 121 123 125 127 129


Selezione dei tipi di blocchi

Selezione dei tipi di blocchi Per impostazione predefinita, i blocchi di dati dei documenti generati sono visualizzati sotto forma di semplici tabelle. Le modifiche del formato dei blocchi nel documento dipendono dal fatto che si utilizzi Java o il Pannello Web ActiveX. La seguente sezione spiega come procedere. Si può inoltre modificare il tipo di blocco di un documento già esistente direttamente dalla pagina Risultati del documento.

Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web Java completo Per selezionare un tipo di blocco dal Pannello Web Java: 1. Dalla sezione Tipo di blocco della barra degli strumenti, fare clic sul pulsante che rappresenta il tipo di blocco che si desidera creare. Pere esempio, se si desidera creare un istogramma, fare clic sul pulsante Istogramma della barra degli strumenti: PulsanteIstogramma Barra Tipo di blocco

Viene visualizzata la finestra di dialogo Tipo di blocco. L'area di visualizzazione contiene le immagini dei tipi di blocco istogramma. La barra degli strumenti del Pannello Web viene visualizzata anche come parte della finestra di dialogo Tipo di blocco. L'area di visualizzazione Tipo di blocco visualizza i blocchi disponibili all'interno di un gruppo. In questo caso è stato selezionato il pulsante Tabella, in modo da visualizzare tutti i tipi di tabelle disponibili. Il tipo di blocco attualmente selezionato viene visualizzato nella parte inferiore della finestra di dialogo Tipo di blocco.

2. Fare clic su OK.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 77


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Il riquadro Blocco cambia, in modo da riflettere il tipo di blocco selezionato. Le istruzioni vengono visualizzate nel riquadro Blocco per facilitare la disposizione degli oggetti. Il riquadro Blocco visualizza delle istruzioni per facilitare la disposizione degli oggetti.

Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web Java Light Per selezionare un tipo di blocco dal Pannello Web Java Light: 1. Dalla barra degli strumenti, fare clic sul pulsante Modifica tipo di blocco. Si apre la finestra di dialogo Tipo di blocco.

2. Fare clic sul pulsante che rappresenta il gruppo del blocco desiderato. L'area di visualizzazione viene modificata e visualizza i tipi di blocco o i sottotipi di quel gruppo. 3. Fare clic sull'immagine corrispondente al blocco da creare. Il nome del tipo di blocco viene visualizzato nella parte inferiore della finestra. 4. Fare clic su OK.

78 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Selezione dei tipi di blocchi

Il riquadro Blocco cambia in modo da riflettere il tipo di blocco selezionato. Le istruzioni vengono visualizzate nel riquadro Blocco per facilitare la disposizione degli oggetti.

Selezione di un tipo di blocco dal Pannello Web ActiveX Per selezionare un tipo di blocco dal Pannello Web ActiveX: 1. Dalla barra degli strumenti, fare clic sul pulsante Modifica tipo di blocco o sulla freccia rivolta verso il basso accanto ad esso. Appare un menu con i gruppi di blocchi. 2. Fare clic sul gruppo che comprende il tipo di blocco desiderato. Si apre un altro menu, contenente tutti i tipi di blocchi di quel gruppo e che illustra ciascun tipo tramite un'icona. 3. Fare clic sul tipo di blocco desiderato. Il riquadro Blocco cambia per riflettere il tipo di blocco desiderato e il nome del blocco viene visualizzato nella barra del titolo del riquadro Dettagli. Le istruzioni vengono visualizzate nel riquadro Dettagli per facilitare la disposizione degli oggetti. Il riquadro Dettagli visualizza delle istruzioni per facilitare la disposizione degli oggetti.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 79


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Modifica del tipo di blocco dalla pagina Risultati del documento Quando un blocco viene creato e visualizzato nella pagina Risultati del documento, si può cambiare il tipo di blocco senza tornare al Pannello Web. Basta invece fare clic su uno dei pulsanti di tipo di blocco a destra sulla pagina Risultati del documento. Se questi pulsanti non sono ancora visualizzati, fare clic sulla freccia nell'angolo in alto a destra della pagina Risultati del documento.

Per visualizzare i pulsanti dei vari tipi di blocco, fare clic sulla freccia.

I tipi di blocco disponibili dipendono dal blocco originale selezionato. Ad esempio, se si crea un blocco solo con gli assi X e Y, non si può selezionare un tipo di blocco che utilizza gli assi X, Y e Z a meno che non si torni al Pannello Web e si modifichi la query. Nelle pagine seguenti sono illustrati i tipi di blocchi disponibili. La seguente presentazione faciliterà la scelta del formato più efficace per i propri dati.

80 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Tipi di blocchi Tabelle

Tabella

Uno o piĂš oggetti possono essere aggiunti qui per creare intestazioni di sezione (facoltativo)

Uno o piĂš oggetti possono essere posti qui per formare il corpo della tabella.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare una tabella

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 81


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Una tabella è un elenco sequenziale bidimensionale. Ma ciò non significa che i dati di una tabella siano semplici o privi di complessità in quanto in essa possono essere presentati un gran numero di dati. La disposizione delle colonne all'interno di una tabella dipende dalla disposizione degli oggetti nel riquadro Blocco. WEBINTELLIGENCE pone le celle della tabella nello stesso ordine in cui sono state visualizzate nel riquadro Blocco.

Uso Presentazione dei dati in un elenco tabulare e bidimensionale.

Informazioni utili • Disporre gli oggetti nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati nel blocco. Ad esempio, se si desidera che ogni riga contenga il nome, l'indirizzo e il fatturato relativo alle vendite di un addetto alle vendite, nell'ordine indicato, disporre gli oggetti relativi a nome, indirizzo e fatturato in una singola riga e nell'ordine nel riquadro Blocco. • Che il documento comprenda o meno sezioni, si dispone comunque il corpo della tabella nel riquadro Blocco.

82 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Tabelle finanziarie

Tabella finanziaria Uno o piĂš oggetti possono essere aggiunti qui per creare intestazioni di sezione (facoltativo).

Uno o piĂš oggetti possono essere posti qui per formare il corpo della tabella finanziaria.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare una tabella finanziaria

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 83


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Una tabella finanziaria è simile a una tabella di base, ma l'intestazione e le informazioni vengono visualizzate in modo verticale e non orizzontale. Quando si definisce il tipo di blocco come finanziario, la finestra corrispondente ha lo stesso aspetto della finestra del blocco della tabella. Ma se si fa doppio clic sugli oggetti (invece di trascinarli e rilasciarli nel riquadro Blocco), gli oggetti vengono disposti in righe verticali e non orizzontali.

Uso Presentazione dei dati in formato verticale.

Informazioni utili • Disporre gli oggetti nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati nel blocco. • Che il documento comprenda o meno sezioni, comunque si dispone il corpo della tabella nel riquadro Blocco.

84 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Moduli

Modulo

Gli oggetti vengono posti nell'ordine in cui si desidera visualizzarli nel Modulo.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un modulo

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 85


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un modulo è un progetto in cui ogni elemento presenta molteplici righe. Ad esempio, si desidera che ogni voce nel blocco abbia quattro righe: • La prima contiene il nome del cliente. • La seconda contiene indirizzo e numero di telefono (ovvero due oggetti dettaglio separati dalla classe Cliente) • La terza contiene la cittadinanza del cliente. • La quarta contiene la fascia di età a cui appartiene il cliente.

Uso Presentazione dei dati su più righe.

Informazioni utili • Disporre gli oggetti nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati nel blocco. Ad esempio, se si desidera che ogni riga contenga il nome, l'indirizzo e il fatturato relativo alle vendite di un addetto alle vendite, nell'ordine indicato, disporre gli oggetti relativi a nome, indirizzo e fatturato in una singola riga e nell'ordine nel riquadro Blocco. • Si possono creare moduli in modalità Sezione/Blocco o in modalità Blocco. In entrambi i casi, si dispone il corpo del modulo nel riquadro Blocco.

86 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Tabelle a campi incrociati Intestazioni colonne

Il corpo

Intestazioni riga

Tabella a campi incrociati

Gli oggetti vengono posti nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati nella tabella a campi incrociati.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare una tabella a campi incrociati

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 87


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione In una tabella a campi incrociati, i dati vengono visualizzati in colonne e righe come nelle tabelle. Ma contrariamente a queste ultime, ogni colonna e ogni riga presenta almeno un'intestazione di riga. I dati corrispondenti vengono visualizzati all'intersezione delle intestazioni di colonna e di riga: questa sezione viene detta “corpo”. La tabella a campi incrociati riportata nell'esempio visualizza il fatturato per servizio e per trimestre. Le etichette del servizio sono le intestazioni della riga, le etichette del trimestre sono intestazioni della colonna. Il fatturato per ogni servizio e per ogni trimestre viene visualizzato nel corpo. Per capire come sono presentati gli elementi, disegnare la tabella a campi incrociati come blocco finito. Gli oggetti posti nel quadrante inferiore sinistro contengono i dati delle intestazioni della riga, quelli posti nel quadrante superiore destro contengono le intestazioni della colonna, mentre quelli nel quadrante inferiore destro contengono i dati del corpo. Nessun oggetto può essere posto nel quadrante superiore sinistro.

Uso Presentazione delle informazioni in formato colonna/riga multidimensionale in cui un dato elemento è associato ad un altro. Ad esempio, un tipo di servizio può essere associato a una data località di soggiorno.

Informazioni utili • Disporre gli oggetti nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati nel blocco. • Che il documento comprenda o meno sezioni, si dispone comunque il corpo della tabella nel riquadro Blocco. • Gli oggetti indicatore non possono essere utilizzati nelle intestazioni verticale e orizzontale, ma solo nel corpo delle tabelle a campi incrociati. • Si può utilizzare più di un oggetto nel corpo della tabella a campi incrociati. • Si può utilizzare più di un oggetto nelle intestazioni verticale e orizzontale. Ad esempio, si possono utilizzare gli oggetti Tipo di servizio e Servizio in un'intestazione, in modo che vengano visualizzati nella tabella a campi incrociati. • Gli oggetti non devono appartenere alla stessa classe. Ad esempio, si può utilizzare Tipo di servizio e Località di soggiorno per visualizzare le informazioni per tipo di servizio e per località di soggiorno.

88 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Istogrammi non in pila

Istogramma non in pila con legenda verticale

Uno o piĂš oggetti indicatore sono posti qui per formare l'asse Y.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un istogramma non in pila

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 89


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un istogramma non in pila visualizza i dati sotto forma di barre.

Uso Il confronto fra i gruppi di dati, in particolare quando si desidera confrontare un periodo di tempo ad un altro (ad esempio, si può utilizzare un istogramma per confrontare le vendite del trimestre): un istogramma non in pila è anche una buona alternativa grafica a un blocco tabella a campi incrociati.

Informazioni utili • Quando si crea una query, l'oggetto indicatore è sempre posto nell'area dell'asse Y (asse verticale). • Se si pongono degli oggetti nell'area del sottogruppo del riquadro Blocco, si può utilizzare solo un oggetto indicatore dell’istogramma.

Suggerimenti sugli istogrammi non in pila Si può attribuire al grafico un aspetto 3D.

90 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Linee e istogrammi

Linee e istogramma con legenda orizzontale

Gli oggetti indicatore per l'asse Y sinistro vanno aggiunti in quest'area.

Gli oggetti indicatore per l'asse Y destro vanno aggiunti in quest'area.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee e istogramma Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 91


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Questo grafico consente di combinare linee e barre. I punti dei dati della linea sono tracciati lungo l'asse Y destro, mentre quelli dei dati a barre lungo l'asse Y sinistro.

Uso • Il confronto delle tendenze tra due gruppi di dati diversi, di cui uno rappresentato da una linea, mentre l'altro è rappresentato da barre. • Il confronto dei dati di grandezze diverse. Ad esempio, si può confrontare il fatturato totale con quello medio. • Il confronto di gruppi di dati che utilizzano una scala e unità di misura diverse.

Informazioni utili Limitare i gruppi di dati. Utilizzare un solo oggetto indicatore per l'asse Y (per un totale di due oggetti indicatori) e utilizzare un solo oggetto dimensione per l'asse X.

Suggerimenti sui grafici a linee e istogramma • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale.

92 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Istogtrammi in pila

Istogramma in pila con legenda verticale

Gli oggetti indicatore dell'asse Y vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per la pila.

L'oggetto dimensione dell'asse Y va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un istogramma in pila

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 93


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un istogramma in pila riporta i gruppi di dati correlati, uno sull'altro. In questo esempio, Trimestre forma l'asse X e Fatturato l'asse Y. Il fatturato per trimestre e per tipo di servizio viene posto in pila.

Uso L’istogramma in pila viene utilizzato quando si dispone di più gruppi di dati correlati e si desidera visualizzare il contributo di ciascuno al totale.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sugli istogrammi in pila • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

94 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Istogrammi %100

Istogramma %100 con legenda verticale

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per le barre percentuali.

L'oggetto dimensione dell'asse Y va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un istogramma %100

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 95


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un istogramma %100 è simile a quello in pila, tranne per il fatto che visualizza valori percentuali, mentre il precedente visualizza valori assoluti. Nell'esempio, il grafico riporta i contributi in percentuale dei vari servizi (Vitto e alloggio e Attività ricreative) al fatturato trimestrale della località di soggiorno French Riviera.

Uso Visualizzazione del contributo percentuale di ogni gruppo a un tutto.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sugli istogrammi %100 • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

96 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Istogrammi 3D

Istogramma 3D

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse Z.

L'oggetto dimensione dell'asse Z va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un istogramma 3D

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 97


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un istogramma 3D visualizza i dati in formato tridimensionale. Ciò è utile per confrontare visivamente le barre. Quando si crea una query, l'oggetto indicatore è sempre posto nell'area dell'asse Y.

Nota: Quando si esegue un drill down sulla barra di un istogramma 3D, lo si esegue su due oggetti contemporaneamente. Ad esempio, nel grafico riportato sopra, il drill down sulla barra porta da Trimestre e Località di soggiorno a Mese e Tipo di servizio.

Uso Il confronto fra i gruppi di dati, in particolare quando si desidera confrontare un periodo di tempo ad un altro (ad esempio, si può utilizzare un istogramma per confrontare le vendite del trimestre): Un'alternativa per presentare le informazioni in formato tabella a campi incrociati.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sugli istogrammi 3D • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

98 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a linee miste

Grafico a linee miste

Uno o piĂš oggetti indicatore sono posti qui per formare l'asse Y.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee miste

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 99


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico a linee miste presenta i gruppi di dati come linee di tipo diverso.

Uso Visualizzazione delle tendenze o delle modifiche dei dati nel tempo. Ciò è particolarmente utile quando si dispone di più punti dati su uno o più gruppi di dati.

Suggerimenti sui grafici a linee miste • È possibile attribuire al grafico un aspetto 3D. • È possibile far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

100 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a linee in pila

Grafico a linee in pila Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per la pila.

L'oggetto dimensione dell'asse Y va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee in pila

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 101


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico a linee in pila riporta i gruppi di dati correlati, uno sull'altro. Nell'esempio, il Tipo di servizio forma i dati dell'asse X, e Servizio è compreso come sottogruppo. Il risultato è un grafico che riporta in che modo i vari servizi (Attività, Bungalow, Escursione, etc.) contribuiscono al fatturato totale per Vitto e alloggio ed Attività ricreative.

Uso Il grafico a linee in pila viene utilizzato quando si dispone di più gruppi di dati correlati e si desidera visualizzare il contributo di ciascuno al totale.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scale, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a linee in pila • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

102 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a linee %100

Grafico a linee %100 Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato.

L'oggetto dimensione dell'asse Y va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee %100

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 103


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico a linee %100 è simile a quello in pila, tranne per il fatto che visualizza le percentuali di un totale, mentre quello in pila visualizza delle proporzioni. Nell'esempio, il Tipo di servizio forma i dati dell'asse X, e Servizio è compreso come sottogruppo. Il risultato è un grafico che visualizza in che percentuale i vari servizi (Attività, Bungalow, Escursione, etc.) contribuiscono al fatturato totale per Vitto e alloggio ed Attività ricreative.

Uso Visualizzazione del contributo in percentuale di ogni gruppo al totale.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a linee %100 • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

104 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a linee 3D

Grafico a linee 3D Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse Z.

L'oggetto dimensione dell'asse Z va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee 3D

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 105


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico a linee 3D consente di visualizzare le linee tracciate con una prospettiva tridimensionale.

Uso Attribuire un aspetto 3D al grafico a linee. Un grafico a linee 3D è particolarmente utile per il confronto e la visualizzazione delle tendenze.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a linee 3D • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

106 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a superficie 3D

Grafici a superficie 3D Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse Z.

L'oggetto dimensione dell'asse Z va qui. L'oggetto dimensione utilizzato determina i valori restituiti dall'oggetto indicatore.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a superficie 3D

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 107


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico tridimensionale che visualizza i dati tracciati su una superficie.

Uso Confronto tra due gruppi di combinazioni di dati.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scale, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a superficie 3D • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

108 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad area

Grafici ad area Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad area

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 109


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico ad area è lo stesso che un grafico a linee, ma l’area compresa tra le linee e l'asse è piena.

Uso Questo grafico è utile quando si vuole mettere in evidenza la dimensione dei dati totali, non le modifiche. Il grafico ad area può non essere utilizzato se si hanno contrasti eccessivi tra i punti di dati.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y, a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici ad area • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

110 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad area in pila

Grafico ad area in pila

L'oggetto indicatore va qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad area in pila

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 111


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico ad area in pila riporta i gruppi di dati correlati, uno sull'altro. Nell'esempio, Località forma i dati dell'asse X, e Anno fa parte del sottogruppo. Il risultato è un grafico che mostra in che modo ogni località ha contribuito al fatturato totale di ogni anno.

Uso Il grafico ad area in pila viene utilizzato quando si dispone di più gruppi di dati correlati e si desidera visualizzare il contributo di ciascuno al totale.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scale, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici ad area • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scale, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

112 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad area %100

Grafico ad area %100

L'oggetto indicatore va qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad area %100

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 113


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico ad area %100 è simile a un grafico ad area in pila, tranne per il fatto che visualizza le percentuali di un tutto, mentre quello in pila visualizza delle proporzioni. Nell'esempio, Trimestre forma i dati dell'asse X, e Nome del negozio è incluso come sottogruppo. Il risultato è un grafico che mostra in che modo ogni negozio ha contribuito al fatturato totale di ogni trimestre.

Uso Visualizzazione del contributo in percentuale di ogni gruppo al totale.

Informazioni utili Se si pongono degli oggetti nell'area del sottogruppo, si può utilizzare solo un oggetto indicatore nel grafico ad area.

Suggerimenti sui grafici ad area %100 • Si può attribuire al grafico un aspetto 3D. • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

114 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad area 3D

Grafico ad area 3D

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad area 3D

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 115


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico ad area 3D consente di visualizzare i dati lato per lato.

Uso Confronto della grandezza tra diverse serie di dati. Ad esempio, si possono confrontare quattro trimestri di vendite e vedere in un batter d'occhio quelli simili per grandezza.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y, a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici ad area 3D • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

116 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a volume 3D

Grafico a volume 3D

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a volume 3D

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 117


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico volume 3D visualizza le tendenze dei valori su due dimensioni in una linea continua.

Uso Confronto delle tendenze all'interno di una serie di dati. Ad esempio, il grafico precedente confronta il fatturato delle vendite su quattro trimestri.

Informazioni utili Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scala, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a volume 3D • Si possono far ruotare gli assi verticale e orizzontale. • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

118 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a torta

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a torta

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a torta

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 119


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione I dati determinano le dimensioni di ogni segmento della torta.

Uso Visualizzazione del rapporto delle parti rispetto al tutto.

Informazioni utili Si può utilizzare un solo oggetto indicatore nella query. Se occorre utilizzare due o più oggetti indicatore, scegliere un tipo di grafico diverso, come un istogramma o istogramma 3D.

Suggerimenti sui grafici a torta • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

120 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad anello

Grafico ad anello

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad anello

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 121


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico ad anello è simile ad un grafico a torta.

Uso Visualizzazione del contributo percentuale di ogni gruppo a un tutto.

Informazioni utili Si può utilizzare un solo oggetto indicatore nella query. Se occorre utilizzare due o più oggetti indicatore, scegliere un tipo di grafico diverso, come un istogramma o istogramma 3D.

Suggerimenti sui grafici ad anello • Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

122 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a linee radar

Grafico a linee radar

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo)

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a linee radar

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 123


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Gli assi X e Y convergono al centro del grafico. I punti di dati di ogni serie sono collegati tra loro da una linea.

Uso Confronto tra serie di dati.

Informazioni utili Si può utilizzare un solo oggetto indicatore nella query.

Suggerimenti sui grafici a linee radar Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

124 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici ad area radar in pila

Grafico ad area radar in pila Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato per l'asse X.

Per creare i sottogruppi dell'asse X, aggiungere uno o piĂš oggetti qui (facoltativo).

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico ad area radar in pila

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 125


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Gli assi X e Y convergono al centro del grafico. Le serie di dati sono rappresentate sotto forma di grafico ad area in pila.

Uso Confronto tra serie di dati.

Informazioni utili Si può utilizzare un solo oggetto indicatore nella query.

Suggerimenti sui grafici ad area radar Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

126 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici polari

Grafico polare

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico polare

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 127


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Grafico circolare che consente di tracciare le coordinate polari.

Uso Tracciato di coordinate polari.

Informazioni utili Sono necessari due oggetti indicatore per un grafico polare.

Suggerimenti sui grafici polari Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

128 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Tipi di blocchi

Grafici a dispersione semplice

Grafico a dispersione

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato.

Gli oggetti dimensione di quest'area formano l'asse X.

Gli oggetti indicatore vanno qui. I valori restituiti dipendono dall'oggetto dimensione utilizzato.

Disposizione degli oggetti utilizzati per creare un grafico a dispersione

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 129


Capitolo 4 Operazioni sui tipi di blocchi

Descrizione Un grafico a dispersione è simile ad un grafico a linee. I punti dei dati vengono tracciati senza che venga disegnata una linea che li collega.

Uso Visualizzazione del modo in cui si confrontano tra loro i punti di dati.

Informazioni utili • Occorrono due oggetti indicatore per le query (uno per l'asse X e uno per l'asse Y). • Si può utilizzare più di un oggetto indicatore per l'asse Y a condizione che gli oggetti siano dello stesso tipo e scale, come Numero di ospiti e Ospiti futuri.

Suggerimenti sui grafici a dispersione Per ottenere i migliori risultati, non caricare l'asse X con troppi oggetti dimensione.

130 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Operazioni sui dati di un documento

Capitolo 5

................................................................................. Sommario

Presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132

Definizione dei filtri e delle condizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Differenze tra filtri e condizioni Condizioni o filtri su un oggetto Eliminazione di una condizione Combinazione delle condizioni

Visualizzazione dei prompt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146

Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento . . . . . . . . . . . . . Aggiunta di un calcolo Le funzioni di un calcolo Formattazione dei risultati di un calcolo Eliminazione di un calcolo

133 134 135 143 143

147 147 148 151 151

Manuale dell’utente di WebIntelligence 131


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Presentazione Volendo, è possibile limitare la quantità di dati visualizzati in un documento, o eseguire i calcoli sui dati. Queste opzioni guidano nell'analisi dei dati e consentono di vederli da punti di vista diversi. Con WEBINTELLIGENCE è possibile: • Usare le condizioni predefinite o definite dall'utente per limitare il tipo di dati recuperati dal database. • Includere prompt al documento, in modo che il lettore possa preselezionare un valore di una condizione. • Eseguire calcoli sui dati del documento ed includerli come parte di un grafico o di una tabella.

132 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Definizione dei filtri e delle condizioni Nota: Sebbene si aggiungano condizioni e filtri a un documento nello stesso modo, vi sono differenze nel modo in cui limitano i dati del documento. Consultare “Differenze tra filtri e condizioni" a pagina 134.

Si può decidere di non includere tutti i dati nel documento. Se si applicano le condizioni o i filtri alle query, si includono solo i dati desiderati. Le illustrazioni seguenti mostrano il funzionamento di una condizione o di un filtro. Si può applicare una condizione a Paese selezionando uno dei suoi valori: US.

Vengono visualizzati solo i dati del valore.

Una condizione o un filtro possono inoltre influenzare i calcoli. Ad esempio, il numero totale di ospiti di tutte le località cambia quando si applica una condizione all'oggetto Località di soggiorno. Per ulteriori informazioni sull'uso delle condizioni, consultare: • “Condizioni o filtri su un oggetto" a pagina 135 • “Eliminazione di una condizione" a pagina 143 • “Combinazione delle condizioni" a pagina 143

Manuale dell’utente di WebIntelligence 133


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Differenze tra filtri e condizioni La scheda Condizioni è suddivisa in due sezioni: Condizioni della query e Filtri del documento.

Nota: Se queste due sezioni non sono visibili quando si apre la scheda Condizioni

nel Pannello Web ActiveX, fare doppio clic sull'intestazione della sezione che è visibile. L'altra viene immediatamente visualizzata. Quando entrambe sono visibili, si può comprimere o espandere una delle due sezioni facendo doppio clic su di essa.

La differenza principale tra le condizioni della query e i filtri del documento è che una condizione si applica alla query e limita i dati recuperati dal database, mentre il filtro si applica ai dati del documento per nascondere o visualizzare i dati voluti. Esempio

Uso di una condizione

...........................................................

Si crea una query contenente i seguenti oggetti: • Località di soggiorno • Tipo di servizio • Fatturato Inoltre, si applica una condizione Hawaiian resort predefinita e si esegue la query. La tabella che ne risulta contiene il fatturato per tutti i tipi di servizio relativi solo alla località Hawaiian. Non viene recuperato nessun dato per le altre località. Adesso si supponga di inviare il documento ad un altro utente e che questo non disponga dei diritti necessari per eseguire la query sul database. Il destinatario potrà solo modificare i dati recuperati dall'utente dal database. Non potrà eseguire il drill sul documento per accedere a dati più dettagliati e neanche il drill up per visualizzare le cifre di vendita delle altre località di soggiorno nel database.

...........................................................

Esempio

Uso di un filtro

...........................................................

Si è ricevuto un documento da un altro utente, ma non si dispone dei diritti di accesso necessari per poter eseguire la query sul database. Quindi, si è limitati a lavorare con i dati recuperati in origine dal database.

134 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Il documento ricevuto visualizza i prompt per Località di soggiorno, Tipo di servizio e Trimestre. Per visualizzare il fatturato relativo solo all'alloggio, si percorre l'elenco di prompt Tipo di servizio e si seleziona Alloggio. Nel documento viene visualizzata una nuova tabella che riporta il fatturato relativo all'alloggio generato per la località di soggiorno Hawaiian. Se si torna alla scheda Condizioni del Pannello Web, si può notare che è stato aggiunto automaticamente un filtro per il Tipo di servizio. I dati relativi ai tipi di servizio sono stati filtrati, ma sono ancora memorizzati come parte del documento.

...........................................................

Condizioni o filtri su un oggetto Ad un oggetto di una query si possono applicare due diversi tipi di condizioni o filtri: • Predefinite • Definite dall’utente

Le condizioni predefinite Le condizioni predefinite costituiscono un modo semplice per distribuire le funzioni personalizzate che possono essere necessarie all'uso dei dati senza forzare l'utente ad imparare in che modo creare le condizioni oppure ad inserire dati complessi. Questo tipo di condizione è definito dal designer BUSINESSOBJECTS che ha creato l'universo. • Ad esempio, l'universo permette agli utenti di eseguire indagini sui fatturati di una catena di località di soggiorno per le vacanze. Le cifre relative alle vendite possono essere raggruppate per anno. Per facilitare la restrizione delle informazioni relative al reddito ad anni specifici, si può utilizzare una condizione predefinita che filtra tutti i risultati tranne una serie particolare relativa agli anni in questione.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 135


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Si possono trovare oggetti di una condizione predefinita facendo clic sulla scheda Condizioni e cercando nel riquadro Classi e oggetti.

Condizioni predefinite

Si osservi che gli oggetti della condizione hanno la stessa icona del pulsante Condizione della barra degli strumenti della scheda Risultati. Per aggiungere una condizione predefinita al documento: 1. Se necessario, fare clic su Modifica per tornare al Pannello Web. 2. Fare clic sul pulsante Condizioni per aprire la scheda corrispondente. 3. Trascinare la condizione che si desidera utilizzare dal riquadro Classi e oggetti al riquadro Condizioni della query, o fare semplicemente doppio clic sulla condizione. La condizione diventa effettiva la volta successiva che si esegue la query. La conseguenza della condizione dipende dalle funzionalitĂ  create nell'oggetto. Queste dovrebbero essere documentate dai designer dell'oggetto.

136 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Condizioni e filtri definiti dall'utente Le condizioni e i filtri definiti dall'utente consentono di impostare le condizioni predefinite personali da utilizzare nel documento. Eseguono la stessa funzione delle condizioni predefinite, ma consentono anche di personalizzare i risultati del documento finale. Ad esempio, si può generare un documento contenente le informazioni sui clienti di un dato paese, invece di tutti i clienti del database. Si crea una condizione definita dall'utente nella scheda Condizioni del Pannello Web. Ciascuna condizione viene nominata dopo l'oggetto a cui si applica la condizione. Vi sono due altre parti possibili che possono essere applicate alla condizione: • Un operatore, che specifica in che modo WEBINTELLIGENCE deve verificare i dati. • Un operando, che specifica rispetto a quali valori vanno verificati i dati.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 137


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

La seguente tabella contiene gli operatori di condizione disponibili e specifica il tipo di operando richiesto da ciascuno di essi: Condizione

Operatore

Operando

Uguale a

Sono uguali a

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Diverso da

Sono diversi da

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Maggiore di

Sono maggiori di

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Maggiore di o uguale a

Sono maggiori di o uguali a

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Minore di

Sono minori di

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Minore di o uguale a

Sono minori di o uguali a

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Tra

Sono compresi tra

Due valori alfanumerici o stringa; tra cui i parametri — ovvero, WEBINTELLIGENCE considera i parametri stessi compresi tra due parametri

Non tra

Non sono compresi tra

Due valori alfanumerici o stringa; il che esclude i parametri — ovvero, WEBINTELLIGENCE considera i parametri stessi compresi tra due parametri e non restituisce i valori contenenti i parametri, se presenti

In elenco

Sono nell'elenco che comprende

Uno o più valori stringa o alfanumerici

138 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Condizione

Operatore

Operando

Non in elenco

Non si trovano nell'elenco

Due o più valori stringa o alfanumerici

È vuoto

Sono nulli

Nessun parametro

Non è vuoto

Non sono nulli

Nessun parametro

Corrisponde ai criteri di ricerca

Contiene un criterio specificato da

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Non corrisponde ai criteri di ricerca

Non contiene un criterio specificato da

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Entrambi

Sono entrambi

Due valori stringa o alfanumerici

Tranne

Sono tutti i valori tranne

Un valore stringa o alfanumerico singolo

Per aggiungere una condizione definita dall'utente ad un oggetto: 1. Si può applicare una condizione a un oggetto facendo quanto segue: • Trascinare l'oggetto dal riquadro Classi e oggetti al riquadro Blocco. Quando l'oggetto è ancora selezionato, fare clic sul pulsante Condizione dalla barra degli strumenti. Il Pannello Web porta automaticamente alla scheda Condizioni. • Andare alla scheda Condizioni del Pannello Web. Trascinare l'oggetto a cui si desidera applicare la condizione nella scheda Condizioni.

Nota: Quando è stata aggiunta almeno una condizione alla scheda Condizioni,

l'icona Condizioni viene visualizzata nella scheda corrispondente insieme all'oggetto.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 139


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

• Selezionare l'operatore della condizione dall'elenco nel mezzo dell’oggetto:

2. Specificare un operando richiesto facendo clic sul lato a destra della condizione e tenendo premuto il pulsante del mouse finché non viene visualizzato un altro elenco:

3. Selezionare uno dei seguenti elementi dall'elenco: • Immetti una costante Visualizza una casella di testo in cui si può digitare un valore per un operando da utilizzare nella condizione.

Nota: Se nessun dato del database corrisponde a questo valore, si riceve il messaggio “Non è stato estratto nessun dato”. Quando si fa clic su OK, viene nuovamente visualizzata la casella di testo dell'operando. Immettere un valore valido e fare clic su OK.

140 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

• Mostra elenco dei valori Interroga il database e restituisce un elenco di valori da cui selezionarne uno o più di uno. Il numero di valori selezionabili dipende dall'operatore definito per la condizione. Ad esempio, se viene specificato l'operatore “Uguale a”, può essere selezionato un solo valore di operando. • Richiedi elenco dei valori Consente di creare un prompt utente per la selezione di un operando dall'elenco di valori predefiniti. Quando si seleziona questa opzione, viene visualizzata una casella di testo contenente il nome dell’oggetto di dati. Si tratta dell'etichetta del prompt. L'etichetta predefinita è l'impostazione consigliata. Quando si esegue una query o ogni volta che l'utente tenta di aggiornare il documento, viene visualizzata una finestra di dialogo che chiede di selezionare un valore di un elenco predefinito per la condizione:

Selezionare un operando dall'elenco prima di eseguire la query o di aggiornare il documento.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 141


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

• Immetti un prompt. Consente di creare un prompt utente per la definizione del valore del nuovo operando. Quando si fa clic su questa opzione, viene visualizzata una casella di testo contenente il nome dell’oggetto di dati. Si tratta dell'etichetta del prompt dell'operando. L'etichetta predefinita è l'impostazione consigliata. Quando si esegue una query o ogni volta che l'utente tenta di aggiornare il documento, viene visualizzata una finestra di dialogo che chiede di selezionare un valore per un operando.

Inserire un valore prima di eseguire la query o di aggiornare il documento.

Nota: Se nessun dato del database corrisponde all'operando, si riceve il messaggio “Non è stato estratto nessun dato”. Quando si fa clic su OK, viene nuovamente visualizzata la casella di testo dell'operando. Immettere un operando valido e fare clic su OK.

Quando sono stati aggiunti tutti gli oggetti e le condizioni, si può eseguire la query facendo clic sul pulsante Esegui. Si ottiene il documento generato contenente i risultati della query. Per informazioni sulla formattazione del documento, consultare pagina 153.

142 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Eliminazione di una condizione Vi sono vari modi per eliminare una condizione applicata dai riquadri Sezione / Dettagli della scheda Risultati, oppure dal riquadro Condizioni, scheda Condizioni: • Se si utilizza la versione applet Java completa del Pannello Web o il Pannello Web ActiveX, gli oggetti condizioni possono essere eliminati in due modi: Selezionando l’oggetto condizione e premendo il tasto Canc della tastiera, o trascinando nuovamente l'oggetto condizione nel riquadro Classi e oggetti. • Se si utilizza la versione Java Light del Pannello Web, si può trascinare la condizione nuovamente nel riquadro Classi e oggetti.

Combinazione delle condizioni Per aumentare il controllo sui dati contenuti in un documento, è possibile combinare le condizioni. La combinazione delle condizioni consente di recuperare i dati che, ad esempio, contengono le stringhe Smith o Johnson, o riguardano i clienti americani con un reddito compreso tra $50.000 e $100.000. Ogni volta che si dispone di più di una condizione in un documento, WEBINTELLIGENCE le combina automaticamente con “AND”. In realtà l'utente per combinare le condizioni deve solo aggiungerle agli oggetti della query.

Una volta combinate le condizioni, si può determinare in che modo operano mettendole tra parentesi mettendole e modificando gli operatori logici che specificano in che modo sono state combinate.

Operatori logici Gli operatori logici consentono di specificare in che modo si desiderano combinare le condizioni. Ciò consente di creare una serie di condizioni che, ad esempio, restituiscono tutti gli elementi le cui vendite totali hanno superato $10.000 E sono state vendute ai clienti francesi. Le condizioni di WEBINTELLIGENCE autorizzano solo due tipi di operatori: • L'operatore logico AND combina due condizioni in una più limitata. Un elemento di dati deve soddisfare la prima condizione e la seconda per rispondere ai requisiti della condizione. • L'operatore logico OR combina due condizioni in una più ampia. Un elemento

Manuale dell’utente di WebIntelligence 143


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

di dati deve soddisfare la prima condizione o la seconda per rispondere ai requisiti della condizione. Per passare dall'operatore AND all'operatore OR, fare doppio clic sull'oggetto operatore della scheda Condizioni.

Nota: Quando si cambia un operatore, tutti gli altri con lo stesso livello di identità cambiano anch'essi. Per informazioni su come indentare le condizioni, consultare la seguente sezione.

Condizioni tra parentesi Se l'utente ha combinato almeno tre condizioni della query, è possibile metterne alcune tra parentesi per associarle. Questa funzione viene utilizzata allo stesso modo in cui si utilizzano le parentesi per modificare il valore a nelle seguenti equazioni aritmetiche: a= 36 * (6 +12)

in opposizione a

a = (36 * 6) + 12

Ad esempio, si desiderano informazioni relative alle preferenze sui servizi dei clienti americani nelle località Bahamas e Hawaiian Club nel 1995. La query somiglierà alla seguente:

Sono state trascinate le seguenti condizioni nella scheda Condizioni:

144 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione dei filtri e delle condizioni

Si desidera ottenere i dati per la localitĂ  Hawaiian o Bahamas dal 1995 in poi per i clienti americani. Per ottenere tali dati, occorre definire gli operatori necessari e indentare alcune condizioni per sfruttarle in ordine gerarchico: (Hawaiian OR Bahamas) AND 1995 AND clienti americani:

Nella scheda Condizioni si possono utilizzare tutte le parentesi autorizzate dalle condizioni. Per porre tra parentesi le condizioni, 1. Dalla scheda Condizioni del Pannello Web, accertarsi che siano state aggiunte almeno tre condizioni. 2. Fare clic sull'operatore AND o OR che unisce le due condizioni che si desidera porre tra parentesi, quindi fare clic sul pulsante Sposta a destra della barra degli strumenti. WEBINTELLIGENCE indenta le condizioni a destra e le mette tra parentesi. 3. Per annullare una parentesi, basta fare clic sul pulsante Sposta a sinistra dalla barra degli strumenti.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 145


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Visualizzazione dei prompt Se si desidera che il valore del prompt che ha condizionato l'informazione nel documento venga visualizzato automaticamente all'apertura del documento, attivare l'opzione Visualizza i prompt della scheda Impostazioni del documento. Segue un esempio del risultato:

In tal modo è possibile selezionare un valore diverso direttamente dalla pagina Risultati del documento. Per modificare un valore del prompt: 1. Fare clic sulla freccia verso il basso accanto al prompt. 2. Selezionare il valore del nuovo prompt dall’elenco. 3. Fare clic su Aggiorna elenco per aggiornare l’elenco dei valori. 4. Selezionare un valore dall’elenco. 5. Fare clic su Esegui. WEBINTELLIGENCE esegue una nuova query e il documento aggiornato si apre nella pagina Risultati del documento.

146 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento

Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento WEBINTELLIGENCE include le funzioni standard (somma, conteggio, media, minimo, massimo e percentuale) che consentono di eseguire calcoli rapidi sui dati di un documento. Ad esempio, in un documento che visualizza il fatturato per località e per paese, si può calcolare e visualizzare il fatturato totale di tutte le località e per paese. Si può eseguire un certo numero di calcoli sui dati, compreso: • Somma totale di una riga o colonna • Numero di elementi restituiti • Valore medio degli elementi restituiti • Valore minimo restituito • Valore massimo restituito • Percentuale Questa sezione presenta un certo numero di modi per aggiungere i calcoli ai propri documenti, compreso: • Aggiunta di un calcolo • Le funzioni di un calcolo • Formattazione dei risultati di un calcolo.

Aggiunta di un calcolo Vi sono due modi per applicare un calcolo a un oggetto di un documento: • Trascinare il pulsante Calcolo dalla barra degli strumenti all'oggetto nel riquadro Blocco. • Selezionare l'oggetto e fare clic sul pulsante Calcolo dalla barra degli strumenti.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 147


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Nota: Non è possibile eseguire i calcoli sugli oggetti nel riquadro Sezioni del

Pannello Web.

Un’icona Calcolo viene visualizzata accanto all'oggetto.

Se è stato allegato un calcolo a un oggetto di dati numerici, per impostazione predefinita esso restituisce la somma dei valori dell’oggetto nel documento generato. Se l'oggetto è non numerico, come Cliente, Tipo di servizio o Località, il calcolo restituisce il numero di valori restituiti per l'oggetto. Per eseguire un calcolo diverso o per aggiungere altre funzioni al calcolo, consultare la sezione.

Le funzioni di un calcolo Quando è stato aggiunto un calcolo ad un oggetto di una query, occorre definire il tipo di operazione numerica che verrà eseguita sull'oggetto. L'elenco delle funzioni di calcolo da cui si opera la scelta dipende dal tipo di oggetto a cui si applica il calcolo. Figura 5.1: Funzioni di calcolo per i valori numerici

...........................................................

Questa finestra di dialogo contiene le funzioni relative a un oggetto numerico quale Fatturato. La funzione Somma è attivata per impostazione predefinita.

148 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento

Figura 5.2: Funzioni di calcolo per i valori non numerici

...........................................................

La scelta delle funzioni per un oggetto come Località di soggiorno comprende solo: • Conteggio In tal caso, il numero di valori restituiti viene totalizzato. Ad esempio, il numero di località di soggiorno.

Nota: La funzione Conteggio restituisce sempre il numero di valori distinti

contenuti in un elenco. Ad esempio, se la località Bahamas Beach figura più volte in un elenco di località, verrà contata solo una volta.

• Minimo Per i dati non numerici, il valore minimo viene determinato in ordine alfabetico. • Massimo Per i dati non numerici, il valore massimo viene determinato in ordine alfabetico. La funzione Conteggio è attivata per impostazione predefinita. Per definire il tipo di calcolo: 1. Fare doppio clic sull'icona Calcolo dell'oggetto. Si apre la finestra di dialogo Calcoli. 2. Attivare la funzione o le funzioni che si desidera utilizzare. 3. Una volta terminata l’operazione, fare clic su OK.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 149


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

Nel documento generato, i risultati dei calcoli, che riportano il tipo di funzione utilizzata, vengono visualizzati sotto il valore dell'oggetto.

Funzione

150 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence

Risultato del calcolo


Esecuzione dei calcoli sui dati di un documento

Formattazione dei risultati di un calcolo È possibile modificare il formato dei risultati di un calcolo. Se si desidera, ad esempio, applicare formati in percentuali o in Euro. Per definire il formato: 1. Fare clic su Modifica nella barra degli strumenti e selezionare la scheda Impostazioni. 2. Selezionare la cella con il calcolo da formattare. Appare il menu Impostazioni della cella. 3. Fare clic sulla freccia del menu a discesa Formato per consultare l'elenco delle opzioni di formato.

4. Selezionare il formato voluto e fare clic sul pulsante Formatta per applicare il nuovo formato al documento.

Eliminazione di un calcolo Per eliminare un calcolo da un oggetto, procedere come segue: • Se si utilizza il Pannello Web Java, selezionare l'icona Calcolo inserita con l'oggetto e premere il tasto Canc della tastiera. • Se si utilizza il Pannello Web ActiveX, fare clic sull'icona Calcolo con il pulsante destro del mouse. Nel menu popup così visualizzato scegliere Calcoli e poi, nel secondo menu popup che si apre, scegliere Nessuno. Manuale dell’utente di WebIntelligence 151


Capitolo 5 Operazioni sui dati di un documento

152 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Formattazione dei documenti

Capitolo 6

................................................................................. Sommario

Ordinamento dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155 Ordinamento di un oggetto 155 Rimozione di un ordinamento da un oggetto 156

Interruzioni in un documento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Applicazione di un'interruzione Definizione degli attributi di un'interruzione Eliminazione di un'interruzione Separazione di un documento in sezioni Separazione di un documento in sezioni, sottosezioni e blocchi

Uso della scheda Impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166 Definizione delle impostazioni del Pannello Web ActiveX 167

Impostazioni del documento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169

Impostazioni etichetta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173

Impostazioni del blocco del titolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176

157 158 159 162 162 165

Manuale dell’utente di WebIntelligence 153


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni della cella del titolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179

Impostazioni della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

Impostazioni della cella dell'indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186

Impostazioni dell'indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188

Impostazioni della cella della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190

Impostazioni del blocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193 Impostazioni del blocco per documenti tabulari 197 Impostazioni del blocco per documenti di tipo grafico 198

Impostazioni della cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200

Impostazioni dell'asse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204

154 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Ordinamento dei dati

Ordinamento dei dati Per controllare l’ordine in cui vengono visualizzati i dati, si possono utilizzare gli ordinamenti. Gli ordinamenti possono essere applicati a qualsiasi oggetto. Gli ordinamenti gestiscono il tipo di visualizzazione dei dati, in ordine crescente o decrescente, nel documento generato. La seguente tabella riassume il significato di "crescente" e di "decrescente" per ogni tipo di dati. Pulsante della barra degli strumenti

Testo

Numeri

Date

Ordine crescente

A-Z

dal più basso al più alto

dal passato al presente

Ordine decrescente

Z-A

dal più alto al più basso

dal presente al passato

L'ordine di visualizzazione predefinito per tutti i tipi di dati è quello crescente.

Ordinamento di un oggetto Per applicare un ordinamento, utilizzare i pulsanti di ordinamento dalla barra degli strumenti del Pannello Web.

a.

b.

a. Ordinamento crescente b. Ordinamento decrescente

Manuale dell’utente di WebIntelligence 155


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Quando la definizione del documento è aperta nel Pannello Web, trascinare l'apposito pulsante di ordinamento dalla barra degli strumenti verso l'oggetto che rappresenta i dati da ordinare. L'immagine pulsante viene aggiunta all'oggetto.

Nel precedente ordinamento, i nomi delle località di soggiorno sono elencati in ordine alfabetico nel documento generato.

Rimozione di un ordinamento da un oggetto Si tratta di un'operazione semplice: • Se si utilizza il Pannello Web Java, selezionare l'icona Ordinamento allegata all'oggetto, quindi premere il tasto Canc della tastiera. • Se si utilizza il Pannello Web ActiveX, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto. Appare un menu popup. Fare clic su Ordina. Appare un altro menu. Fare clic su Nessuno. • In entrambi i pannelli, trascinare l'icona della condizione fuori dal riquadro Sezione/Blocco

156 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Interruzioni in un documento

Interruzioni in un documento Le tabelle e le tabelle a campi incrociati visualizzano i valori restituiti dagli oggetti in un blocco singolo. Ad esempio, la tabella seguente visualizza il fatturato per località di soggiorno e per trimestre in un blocco indissociabile, ripetendo il nome della località per il fatturato di ogni trimestre. Figura 6.1: Tabella semplice senza interruzioni

.............................................................

È possibile rendere più intelligibile un documento interrompendolo in più parti. A tale scopo, basta applicare un'interruzione all'oggetto Dettaglio su cui si desidera applicare l'interruzione.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 157


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Esempio

Creazione di un nuovo blocco di dati relativo ad ogni località di soggiorno

............................................................

Ad esempio, se si applica un'interruzione all'oggetto Località di soggiorno della tabella precedente, si otterrà il risultato seguente:

I dati di ogni località di soggiorno sono interrotti in blocchi separati.

............................................................

Applicazione di un'interruzione Per applicare un'interruzione, trascinare il pulsante Interruzione dalla barra degli strumenti del Pannello Web nell’oggetto su cui si desidera applicare l'interruzione.

Nota: È impossibile applicare un'interruzione a un oggetto del riquadro Sezione.

L'icona Interruzione viene visualizzata accanto all'oggetto nel riquadro Blocco.

158 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Interruzioni in un documento

Se si applicano più interruzioni a un documento, ogni icona Interruzione visualizza un numero (la prima interruzione è il numero 1, la seconda il numero 2 e così via). Per impostazione predefinita, un'interruzione inserisce: • Un'intestazione che comporta titoli di righe e colonne all’inizio di ogni blocco di tabella o di tabella a campi incrociati creata. • Una riga o una colonna vuota alla fine di ogni tabella semplice o a campi incrociati. Se l’interruzione deve operare altrimenti, consultare la sezione seguente.

Definizione degli attributi di un'interruzione Quando si inserisce un'interruzione, si possono definire varie impostazioni ad essa relative. Per alcune di esse, il risultato cambia a seconda che si formatti un documento tabella semplice o a campi incrociati. • L'opzione Intestazione interruzione inserisce intestazioni di righe e/o colonne per ogni blocco di tabella o di tabella a campi incrociati creati dall'interruzione. Per impostazione predefinita viene attivata quando si applica un’interruzione a un oggetto. Se si tratta del solo attributo attivato, il risultato è simile al seguente: Figura 6.2: Azione dell'opzione Intestazione interruzione su una tabella

.............................................................

Manuale dell’utente di WebIntelligence 159


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Figura 6.3: Azione dell'opzione Intestazione interruzione su una tabella a campi incrociati

............................................................

• Il pié di pagina inserisce una riga o una colonna vuota alla fine di ogni blocco di tabella semplice o a campi incrociati creato dall'interruzione. Per impostazione predefinita viene attivata quando si applica un’interruzione a un oggetto. Se si tratta del solo attributo attivato, il risultato è simile al seguente: Figura 6.4: Azione dell'opzione Piè di pagina sui blocchi di una tabella

............................................................

160 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Interruzioni in un documento

Figura 6.5: Azione dell'opzione Piè di pagina sui blocchi di una tabella a campi incrociati

.............................................................

• L'opzione Elimina i duplicati elimina tutti i valori doppi dai dati per i quali si applica l’interruzione, in modo che ogni valore venga visualizzato una sola volta. Questo attributo viene attivato per impostazione predefinita quando si applica un’interruzione a un oggetto. • Se la tabella, semplice o a campi incrociati, supera le dimensioni di una pagina, attivare Intestazione su nuova pagina se si desidera che l'intestazione dell'interruzione venga ripetuta su ogni nuova pagina. Il modo in cui si definiscono gli attributi di interruzione varia a seconda del Pannello Web utilizzato.

Definizione degli attributi di interruzione dal Pannello Web Java 1. Fare doppio clic sull'icona Interruzione accanto all'oggetto nel riquadro Sezione/ Blocco. Si apre la finestra di dialogo Opzioni di interruzione.

2. Attivare le opzioni da applicare all'interruzione e fare clic su OK.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 161


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Definizione degli attributi di interruzione dal Pannello Web ActiveX 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona Interruzione relativa all'oggetto. Appare un menu popup. 2. Scegliere Interruzione. Si apre un menu con le opzioni dell'interruzione. 3. Attivare le opzioni da applicare all'interruzione e fare clic su OK.

Eliminazione di un'interruzione Per rimuovere un'interruzione: • Se si utilizza il Pannello Web Java, selezionare l'icona Interruzione relativa all'oggetto e premere il tasto Canc della tastiera. • Se si utilizza il Pannello Web ActiveX, fare clic sull'icona Interruzione relativa all'oggetto con il pulsante destro del mouse. Scegliere Interruzione dal menu popup. Si apre un menu con le opzioni dell'interruzione. Scegliere Nessuna. • In entrambi i pannelli, trascinare l’interruzione fuori dal riquadro Sezione/ Blocco

Separazione di un documento in sezioni La separazione di un documento in sezioni è un modo per suddividere i grossi blocchi di dati in parti più piccole e più comprensibili. Ogni sezione contiene almeno un blocco e almeno una cella di sezione, come illustrato qui di seguito. Per creare una sezione, inserire un oggetto nel riquadro Sezione del Pannello Web. Figura 6.6: Query per una tabella con un blocco semplice

............................................................

162 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Interruzioni in un documento

Figura 6.7: Gli stessi oggetti riorganizzati in Sezioni e Blocchi

.............................................................

Le figure seguenti riportano i risultati di entrambe le query. Figura 6.8: Documento Tabella risultante

.............................................................

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 163


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Figura 6.9: Documento Sezione/Blocco risultante

............................................................

Nel documento Sezione/Blocco di cui sopra: • Per ciascun valore della sezione Trimestre, viene creata una sezione a parte. • Un valore di una sezione viene visualizzato in una cella all'interno di ogni sezione. In questa sezione, il valore della sezione è “Q1.” • I dati reali possono essere visualizzati sotto forma di blocchi di tabelle o di tabelle a campi incrociati. Essi visualizzano i dati relativi all'oggetto della sezione. In questo documento, i dati vengono visualizzati in una tabella che contiene il fatturato per località di soggiorno. Per impostare un documento Sezione/Blocco: 1. Se non lo è già, impostare il Pannello Web su modalità Sezione/Blocco facendo clic sul pulsante Visualizza/Nascondi sezioni dalla barra degli strumenti. 2. Trascinare uno o più oggetti nel riquadro Sezione. Per ogni oggetto, si crea una sezione a parte. Un valore di una sezione viene visualizzato in una cella all'interno di ogni sezione. 3. Trascinare gli altri oggetti nel riquadro Blocco. Questo blocco visualizza i dati relativi all'oggetto della sezione. 164 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Interruzioni in un documento

4. Per generare il documento, fare clic sul pulsante Esegui.

Separazione di un documento in sezioni, sottosezioni e blocchi Un documento sezione/sezione/blocco contiene una sezione primaria, poi una sezione secondaria, oppure sezioni all'interno di sezioni. Tale struttura permette di visualizzare i dati su due livelli di dettaglio. Per creare questo tipo di documento, trascinare più di un oggetto nel riquadro Sezione della query. La seguente illustrazione riporta parte di un documento sezione/sezione/blocco. L'oggetto Anno è la sezione primaria e l'oggetto Trimestre è la sezione secondaria. Il documento visualizza la sezione FY98 e il fatturato per località di soggiorno e per trimestre nella sottosezione.

Sezione

Sottosezione

Blocco contenente i dati recuperati per gli oggetti dettaglio

Manuale dell’utente di WebIntelligence 165


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Uso della scheda Impostazioni La terza scheda del Pannello Web è Impostazioni. Essa contiene varie opzioni per formattare il documento. Le opzioni visualizzate variano a seconda della parte del documento selezionata.

Nota: Il modo in cui vengono utilizzate tali impostazioni varia sensibilmente secondo che si utilizzi il Pannello Web Java o ActiveX. La descrizione per ciascun gruppo di impostazioni in questa sezione si riferisce al Pannello Web Java completo. Tutte le impostazioni relative alla proprietĂ  e alla formattazione del documento sono disponibili in due versioni, ma il modo in cui vengono presentate e il modo in cui vi si accede possono variare. Il Pannello Web ActiveX contiene anche funzioni aggiuntive. Se si utilizza questo Pannello Web, consultare la seguente sezione.

166 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Uso della scheda Impostazioni

Definizione delle impostazioni del Pannello Web ActiveX La scheda Impostazioni del Pannello Web ActiveX differisce considerevolmente dallo stesso in versione Java. La maggior parte delle differenze costituiscono grandi vantaggi: • L'area anteprima del documento, a destra, presenta un'anteprima molto più precisa della versione Java del documento finale, in quanto è già basato HTML. Ad esempio, si vede un'intestazione della pagina sulla pagina, invece di doverla creare nell'area Impostazioni a sinistra e poi aspettare finché il documento non viene generato per vederne l'aspetto. Diventa anche più facile vedere l'aspetto dello sfondo pagina, con intestazioni e pié di pagina, ritorno a capo delle parole nelle celle ed altro ancora. • In cima all'area Impostazioni, a sinistra, un elenco a discesa, Elementi del documento, visualizza la struttura del documento. Comprende nomi di elementi generici quali documento e titolo, o nomi reali degli oggetti della query. Per definire gli attributi di uno qualsiasi di questi elementi basta fare clic su di esso nell'elenco. L'elemento viene selezionato immediatamente nell'area di anteprima a destra e le impostazioni relative all'elemento vengono visualizzate a sinistra. • Per chiudere completamente l'area Impostazioni, si può utilizzare il pulsante Mostra/Nascondi riquadro sinistro dalla barra degli strumenti, in modo da poter vedere l'anteprima del documento senza doverlo percorrere. • Si possono inserire sei etichette di documenti (sinistra, centro e destra in cima e in fondo alla pagina), mentre la scheda Impostazioni Java contiene solo tre opzioni.

Presentazione delle impostazioni Contrariamente al Pannello Web Java, le opzioni della scheda Impostazioni ActiveX non sono organizzate in serie separate, quali Impostazioni del documento, Impostazioni della sezione, ecc. Quando si fa clic su un elemento nell'area di anteprima documento, a destra, tutte le impostazioni relative a quell'elemento vengono automaticamente visualizzate nell'area Impostazioni, a sinistra.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 167


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Tali impostazioni contestuali sono presentate su due colonne:

Per espandere o raggruppare un gruppo di impostazione, fare doppio clic sul titolo del gruppo (ad esempio, Documento nell'immagine precedente). Per modificare un'impostazione predefinita, fare clic accanto ad essa nella colonna di destra: • Se si deve rispondere Sì o No, il valore cambia ogni volta che si fa clic. • Se si deve inserire del testo, si apre una casella di testo. • Se si deve inserire un colore, si apre la tavolozza corrispondente. • Se si deve inserire un numero, viene visualizzata una casella di riepilogo. Tutte le impostazioni disponibili nella scheda Impostazioni in Java, lo sono anche nella scheda corrispondente in ActiveX. Cambia la presentazione e la disposizione nella pagina. Ad esempio, nella versione Java della scheda Impostazioni, un'etichetta pagina si crea in Impostazioni del documento. Nella versione ActiveX, un'etichetta pagina si crea facendo clic in una qualsiasi delle sei zone previste per intestazioni e pié di pagina dell'anteprima del documento e poi digitando il testo corrispondente nell'impostazione Etichetta tra le impostazioni visualizzate a sinistra.

168 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Impostazioni del documento

Impostazioni del documento Facendo clic sulla scheda Impostazioni, per impostazione predefinita vengono visualizzate le impostazioni del documento a sinistra della scheda. Se si passa a un altro gruppo di impostazioni, si può sempre tornare al precedente facendo clic sull'area esterna ad altri elementi nell'area di anteprima.

Per tornare alle impostazioni del documento, fare clic su quest'area.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 169


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

La seguente tabella descrive le impostazioni utilizzate per formattare i documenti utilizzando le impostazioni del documento. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Immagine

Descrizione

Si può utilizzare un'immagine come sfondo del documento. A tale scopo, immettere un URL valido nella casella di testo Immagine. Si può inserire un'immagine sul server HTTP a cui ci si collega per l'esecuzione di WEBINTELLIGENCE e poi utilizzare l'URL di quel server. Ma può essere più semplice ottenere un file immagine sul proprio computer e utilizzare un URL nel seguente formato: file://C:\<percorsonomefile> Ad esempio, un URL valido può essere file://C:\Windows\Mestesso.gif

Aggiungi etichetta

Se vi si fa clic, si può immettere un'informazione aggiuntiva che viene visualizzata nell'angolo superiore sinistro del documento. Ciò è ideale per l'aggiunta di date o di altre informazioni utili al documento. Facendo clic su questa opzione, si passa alle impostazioni etichetta pagina.

Colore

Sfondo

Selezionare o modificare il colore di sfondo di tutto il documento.

Collegam. ipertestuale

Se si utilizza l'opzione Indice nel gruppo Impostazioni della sezione, quest'opzione consente di selezionare il colore di sfondo per la colonna di testo collegamento ipertestuale.

170 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Impostazioni del documento

Gruppo d'impostazioni

Documento

Limiti

Impostazione

Descrizione

Modalità drill

Attivare l'opzione per poter eseguire il drill sul documento. Il che significa che un utente può eseguire un “drill down” sul documento per visualizzare informazioni aggiuntive senza creare una nuova query. Consultare “Operazioni in modalità drill" a pagina 207.

Visualizza i prompt nel report

Attivare l'opzione per attivare tutti i prompt nella finestra in cima al documento.

Recupera le righe duplicate

Il database utilizzato per generare il documento può contenere record con valori doppi. Per accertarsi che il documento non contenga righe di dati doppie, attivare quest'opzione.

Evita le righe duplicate

Il database utilizzato per generare il documento può contenere record con valori doppi. Per accertarsi che il documento non contenga righe di dati doppie, attivare quest'opzione. Utilizzare queste impostazioni per limitare la quantità di dati recuperati o visualizzati e la quantità di tempo utilizzata per recuperare i dati.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 171


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Descrizione

Num. max righe

Per limitare il numero massimo di righe da recuperare, attivare l'opzione quindi impostare il numero utilizzando l'apposita casella. Ad esempio, se Num. max righe = 1 verrà recuperata solo una riga del report. Il valore predefinito di questo parametro è 0. Se il valore viene impostato a 0, vengono recuperati tutti i dati disponibili. Se il designer degli universi o il supervisore hanno impostato una limitazione del numero di righe, essa verrà applicata.

Durata max

Per limitare il numero di secondi massimo utilizzato per recuperare i dati, attivare l'opzione, quindi impostare il numero utilizzando l'apposita casella.

Num. righe/ pagina

Cambiare il numero di righe di dati per pagina di documento utilizzando l'apposita casella. L'impostazione predefinita è di 200 righe per pagina.

172 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Impostazioni etichetta

Impostazioni etichetta Quando si crea un'etichetta nelle impostazioni del Pannello Web Java, esse vengono visualizzate automaticamente. Si possono aprire tali impostazioni dal Pannello Web facendo clic sulle etichette nell'area di anteprima del documento. Questo gruppo di opzioni consente di definire l'allineamento dell'etichetta, il tipo di carattere e il colore dello sfondo.

Per visualizzare le impostazioni dell'etichetta, fare clic su una di queste aree.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 173


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare per formattare i documenti utilizzando le impostazioni di etichetta. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Testo

Descrizione

Utilizzare questa casella per inserire il testo che si desidera utilizzare come etichetta. Per rimuovere un'etichetta: â&#x20AC;˘ Nella scheda Impostazioni Java, fare clic sul pulsante Rimuovi etichetta â&#x20AC;˘ Nella scheda Impostazioni ActiveX, fare clic sull'etichetta dell'area di anteprima del documento. Nelle impostazioni visualizzate a sinistra, fare clic sul testo corrispondente all'etichetta nel gruppo Varie. Eliminare il testo dell'etichetta, evidenziato nella casella di testo. Fare clic in un punto qualsiasi nella scheda Impostazioni.

Colore

Aggiungi etichetta

Se si seleziona questa opzione, l'etichetta viene eliminata e si torna alle impostazioni del documento.

Sfondo

Selezionare o modificare il colore dello sfondo per l'etichetta della pagina.

Testo

Selezionare o modificare il colore del testo per l'etichetta della pagina. Le opzioni di allineamento della cella titolo influenzano l'allineamento dell'etichetta all'interno della cella.

Allineamento

Verticale

Utilizzare questa opzione per regolare l'allineamento verticale all'interno della cella.

Orizzontale

Utilizzare questa opzione per regolare l'allineamento orizzontale all'interno della cella.

174 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni etichetta

Gruppo d'impostazioni

Carattere

Impostazione

Descrizione

Testo a capo

Attivare quest'opzione se si desidera che l'etichetta superi la larghezza della cella definita per passare automaticamente alla nuova riga

Dim. auto

Attivare quest'opzione se si desidera che la cella etichetta si adatti automaticamente alle dimensioni del testo.

Larghezza cella

Impostare qui la larghezza della cella se l'opzione Dim. auto non è attivata.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 175


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni del blocco del titolo Facendo clic all'interno della casella Titolo nell'area di anteprima, le impostazioni diventano impostazioni del blocco del titolo. Questo gruppo di opzioni consente di formattare la posizione del titolo nella pagina del documento ed il colore dello sfondo. Si può inoltre aggiungere un bordo al titolo. Per accedere alle impostazioni del blocco del titolo, fare clic sull'area del titolo (non sul titolo).

176 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni del blocco del titolo

La seguente tabella descrive le impostazioni utilizzate per formattare i titoli utilizzando le impostazioni del blocco del titolo. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Per conferire un titolo al documento, immetterlo nella casella corrispondente. Quando si immette il titolo, esso appare nell'area di anteprima del Titolo, a destra.

Titolo

Colore

Descrizione

Sfondo

Utilizzare questa opzione per selezionare o modificare il colore dello sfondo per l'area del titolo.

Bordo

Se si utilizza un bordo con il titolo, quest'opzione consente di selezionarne il colore. Essa funziona solo se il titolo presenta un bordo. Queste opzioni consentono di controllare il posizionamento del titolo sulla pagina del documento.

Allineamento

Rientro

Utilizzare la casella di controllo per impostare il rientro del titolo.

Orizzontale

Controlla il posizionamento orizzontale del titolo.

Tabella

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 177


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Bordo

Descrizione

Si può aggiungere un bordo al titolo. Per definire lo spessore del bordo, utilizzare l'apposita casella. Quando si aggiunge un bordo al titolo, in realtà, viene aggiunto un bordo esterno e uno interno. Se l'opzione Spaziatura viene lasciata a 0, il bordo viene visualizzato come linea singola. Tuttavia, se si aumenta la spaziatura, il bordo si divide in due: uno più sottile interno e uno più spesso esterno.

Riempimento

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra il testo e il bordo del titolo.

Spaziatura

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra il titolo e il bordo.

178 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella del titolo

Impostazioni della cella del titolo Fare clic sul titolo nell'area di anteprima di visualizzazione per modificare le opzioni di Impostazioni della cella del titolo. Si tratta delle impostazioni da utilizzare per formattare il titolo (tipo di carattere, allineamento all'interno della cella, sfondo del titolo). Per accedere alle impostazioni della cella del titolo, fare clic sul titolo.

Suggerimento: Si può tornare alle impostazioni del blocco titolo facendo clic

sull'area del titolo.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 179


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

La seguente tabella descrive le impostazioni utilizzate per formattare le celle del titolo utilizzando le impostazioni cella del titolo. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Questa casella contiene il titolo del documento. Volendo, lo si può modificare.

Titolo Colore

Sfondo

Cambiare il colore dello sfondo del titolo. Quando si seleziona un colore per lo sfondo del titolo, esso riguarda solo il colore di sfondo della cella del titolo.

Testo

Cambiare il colore del testo del titolo. Le opzioni di allineamento della cella del titolo riguardano l'allineamento del titolo all'interno della cella.

Allineamento

Carattere

Descrizione

Verticale

Utilizzare questa opzione per regolare l'allineamento verticale all'interno della cella.

Orizzontale

Controllare l'allineamento orizzontale del titolo all'interno della cella.

Testo a capo

Attivare questa opzione se si desidera che il titolo superi la larghezza della cella definita per passare automaticamente alla nuova riga.

Dim. auto

Attivare questa opzione se si desidera che la cella del titolo si adatti automaticamente alle dimensioni del testo.

Larghezza cella

Impostare qui la larghezza della cella se l'opzione Dim. non è attivata.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

180 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella del titolo

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Descrizione

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup. L'impostazione predefinita è Normale.

Barrato

Attivare questa opzione se si vuole che il testo del titolo sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa casella se si vuole che il testo del titolo sia sottolineato.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 181


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni della sezione Fare clic all'interno dell'area di anteprima di visualizzazione della sezione (ma non sul titolo) per far passare le opzioni da Impostazioni a Impostazioni sezione. Questo gruppo di opzioni consente di formattare la posizione dell'intestazione nella pagina del documento ed il colore dello sfondo. Si può inoltre aggiungere un bordo all'intestazione della sezione.. Per accedere alle impostazioni della sezione, fare clic all'interno dell'area della sezione (non sul titolo).

182 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della sezione

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare per formattare le sezioni del documento utilizzando le impostazioni della sezione. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Visualizza sotto forma di indice

Descrizione

Quando si spunta questa casella, le intestazioni della sezione vengono visualizzate come indice in ipertesto a sinistra del blocco. Per visualizzare i risultati di un'altra sezione, fare clic sul collegamento ipertestuale. Ad esempio, nella tabella seguente, l'oggetto Paese è stato aggiunto all'area Sezione e quindi è stato selezionato Visualizza sotto forma di indice. Quando vengono visualizzati i risultati, viene visualizzata solo la tabella relativa a Francia e i collegamenti ipertestuali per gli Stati Uniti e per la Francia vengono visualizzati come indici. Per visualizzare i risultati relativi agli Stati Uniti, fare clic sul collegamento ipertestuale o sulla freccia della barra degli strumenti del documento. Passare alla tabella degli Stati Uniti facendo clic sulla freccia della pagina o sul corrispondente collegamento ipertestuale.

Ripeti ad ogni pagina

Selezionare questa opzione per visualizzare il titolo dell’intestazione della sezione su ogni pagina.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 183


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Colore

Impostazione

Sfondo

Utilizzare questa opzione per selezionare o modificare il colore dello sfondo per l'intestazione della sezione. Quando si modifica il colore dello sfondo, esso viene visualizzzato sotto forma di striscia sottile di colore che si allunga orizzontalmente lungo l'intestazione della sezione.

Bordo

Se si utilizza un bordo con l'intestazione della sezione, quest'opzione consente di selezionarne il colore. Essa funziona solo se il titolo presenta un bordo. Queste opzioni consentono di gestire la posizione dell'intestazione della sezione nella pagina del documento.

Allineamento

Tabella

Descrizione

Rientro

Utilizzare la casella di riepilogo per impostare il rientro dell'intestazione della sezione.

Orizzontale

Controlla il posizionamento orizzontale dell'intestazione della sezione. L'impostazione predefinta è a sinistra.

Bordo

Si può aggiungere un bordo all'intestazione della sezione. Per definire lo spessore del bordo, utilizzare l'apposita casella. Quando si aggiunge un bordo all'intestazione, in realtà, viene aggiunto un bordo esterno e uno interno. Se l'opzione Spaziatura viene lasciata a 0, il bordo viene visualizzato come linea singola. Tuttavia, se si aumenta la spaziatura, il bordo si divide in due: uno più sottile interno e uno più spesso esterno.

Riempimento

184 Manuale dell’utente di WebIntelligence

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra il testo dell'intestazione e il bordo.


Impostazioni della sezione

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Spaziatura

Descrizione

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra le linee del bordo interno e del bordo esterno. Queste opzioni consentono di gestire le intestazioni della sezione utilizzate.

Sezione Nuova pagina per ogni sezione

Spuntando questa opzione, ogni sezione viene visualizzata in una pagina a sé stante. Le frecce che si trovano nell'angolo sinistro della barra di navigazione del documento consentono di spostarsi tra i blocchi della sezione.

Crea calcoli di pié di pagina

Attivando questa opzione, viene aggiunto un piè di pagina in basso alla tabella.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 185


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni della cella dell'indice Se le impostazioni della sezione sono state impostate in modo che vengano visualizzate come indice in ipertesto, è possibile gestire i colori utilizzati per il carattere, il collegamento ipertestuale e l'indice. Per accedere alle impostazioni della cella dell'indice, fare clic sulla rappresentazione Indice dell'area di anteprima del documento. Fare clic su quest'area per accedere alle impostazioni della cella.

186 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella dell'indice

La seguente tabella descrive le impostazioni utilizzate per formattare lâ&#x20AC;&#x2122;indice di un documento. Gruppo d'impostazioni

Colore

Carattere

Impostazione

Descrizione

Visualizza sotto forma di indice

Quando si spunta questa casella, le intestazioni della sezione vengono visualizzate come indice in ipertesto a sinistra del blocco. Per visualizzare i risultati di un'altra sezione fare clic sul collegamento ipertestuale.

Ripeti ad ogni pagina

Selezionando questa opzione, il titolo dell'intestazione della sezione viene ripetuto su ogni pagina.

Sfondo

Cambia il colore dello sfondo per ogni cella dell'indice.

Testo

Imposta il colore per il testo del collegamento ipertestuale.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup.

Barrato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo del titolo sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo del titolo sia sottolineato.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 187


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni dell'indice Se le impostazioni della sezione sono state impostate in modo che vengano visualizzate come un indice in ipertesto, è possibile gestire i colori utilizzati per il carattere, il collegamento ipertestuale e l'indice. Per accedere alle impostazioni dell'indice, fare clic sulla rappresentazione Indice dell'area di anteprima visualizzazione delle Impostazioni.

Fare clic su quest'area per accedere alle impostazioni dell'indice.

188 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni dell'indice

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare per formattare lâ&#x20AC;&#x2122;indice del documento utilizzando le impostazioni dell'indice. Gruppo d'impostazioni

Colore

Carattere

Impostazione

Descrizione

Visualizza sotto forma di indice

Quando si spunta questa casella, le intestazioni della sezione vengono visualizzate come indice in ipertesto a sinistra del blocco. Per visualizzare i risultati di un'altra sezione fare clic sul collegamento ipertestuale.

Ripeti ad ogni pagina

Selezionando questa opzione, il titolo dell'intestazione della sezione viene ripetuto su ogni pagina.

Sfondo

Modifica il colore dello sfondo per tutto l'indice.

Testo

Imposta il colore per il testo del collegamento ipertestuale.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup.

Barrato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo del titolo sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo del titolo sia sottolineato.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 189


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni della cella della sezione Fare clic sull'intestazione della sezione (il nome dellâ&#x20AC;&#x2122;oggetto racchiuso tra <>) nell'area di anteprima visualizzazione per passare alle opzioni della cella della sezione. Si tratta delle impostazioni da utilizzare per formattare l'intestazione della sezione (carattere, allineamento del titolo all'interno della cella e sfondo dell'intestazione della sezione). Fare clic sull'intestazione della sezione per accedere alle impostazioni della cella della sezione.

Nota: Ă&#x2C6; possibile applicare varie opzioni di formattazione e singole impostazioni

di sezione.

190 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella della sezione

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare per formattare le celle della sezione del documento utilizzando le impostazioni della cella della sezione. Gruppo d'impostazioni

Colore

Impostazione

Descrizione

Visualizza sotto forma di indice

Quando si spunta questa casella, le intestazioni della sezione vengono visualizzate come indice in ipertesto a sinistra del blocco. Per visualizzare i risultati di un'altra sezione fare clic sul collegamento ipertestuale.

Ripeti ad ogni pagina

Selezionando questa opzione, il titolo dell'intestazione della sezione viene ripetuto su ogni pagina.

Sfondo

Quando si seleziona un colore per lo sfondo dell'intestazione della sezione, esso riguarda solo il colore di sfondo della cella ad esso relativa.

Testo

Per cambiare il colore del testo dell'intestazione, fare clic sull'area inferiore e scegliere un colore dall'elenco. Queste opzioni riguardano l'allineamento dell'intestazione della sezione all'interno della cella.

Allineamento

Verticale

Consente di controllare l'allineamento verticale dell'intestazione della sezione all'interno della cella.

Orizzontale

Consente di controllare l'allineamento orizzontale dell'intestazione della sezione all'interno della cella.

Testo a capo

Attivare questa opzione se si desidera che le righe di dati che superano la larghezza definita per la cella passino automaticamente a una nuova riga.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 191


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Carattere

Impostazione

Descrizione

Dim. auto

Attivare questa opzione se si desidera che la larghezza della cella dell'intestazione della sezione si adatti automaticamente alle dimensioni del testo.

Larghezza cella

Impostare qui la larghezza della cella se l'opzione Dim. non è attivata.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup. L'impostazione predefinta è Normale.

Barrato

Attivare quest'opzione se si vuole che il testo del titolo sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa opzione se si vuole che il testo del titolo sia sottolineato.

192 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni del blocco

Impostazioni del blocco Nota: Molte opzioni di Impostazioni del blocco dipendono dal tipo di documento che viene formattato Pertanto, non si vedranno tutte le opzioni descritte in questa sezione contemporaneamente. Ad esempio, se si formatta una tabella, l'area di visualizzazione viene etichettata Tabella e la finestra Impostazioni del blocco contiene le opzioni di intestazione della Tabella. Tuttavia, se si sta formattando un grafico a barre 3D, la finestra Impostazioni del blocco conterrà le opzioni di visualizzazione delle pareti o della base con le barre.

Fare clic all'interno dell'area di visualizzazione Tabella per passare alle Impostazioni del blocco o del grafico. (Il nome dipende dal tipo di documento che si sta formattando. Ad esempio, se si sta formattando una tabella, l'area di visualizzazione viene etichettata come tabella; se si sta formattando un istogramma non in pila, l'area di visualizzazione viene etichettata come Istogramma non in pila.) Questo gruppo di opzioni consente di formattare la posizione del corpo di dati (che può essere una tabella o un grafico) nella pagina del documento e il colore dello sfondo. È inoltre possibile aggiungere un bordo.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 193


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Figura 6.10: Impostazioni del blocco per una tabella

............................................................

(I nomi visualizzati dipendono dal tipo di documento selezionato.)

Fare clic su quest'area per accedere alle Impostazioni del blocco.

Per ulteriori informazioni sulle opzioni delle Impostazioni del blocco, consultare pagina 197.

194 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni del blocco

Figura 6.11: Impostazioni del grafico per un istogramma non in pila.

............................................................. (Il nome visualizzato dipende dal tipo di documento selezionato.)

Fare clic su quest'area per accedere alle impostazioni del grafico.

Per ulteriori informazioni sulle opzioni delle impostazioni del grafico, consultare pagina 198.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 195


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

La tabella seguente descrive le impostazioni di colore e allineamento utilizzabili per formattare i blocchi del documento, che si tratti di tabelle o di grafici: Gruppo d'impostazioni

Colore

Impostazione

Descrizione

Sfondo

Utilizzare questa opzione per selezionare o cambiare il colore dello sfondo per il blocco di dati (ad esempio, colore dello sfondo per la tabella o il grafico).

Bordo/Parete del grafico

Se si utilizza un bordo con il blocco di dati, l'opzione Bordo (o l'opzione Parete del grafico, se si sta formattando un grafico) consente di selezionare il colore del bordo. Essa funziona solo se il blocco di dati presenta un bordo. Queste opzioni consentono di gestire la posizione del blocco dei dati sulla pagina del documento.

Allineamento

Rientro

Utilizzare la casella di selezione per impostare il rientro del blocco.

Orizzontale

Controlla il posizionamento orizzontale del blocco.

196 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni del blocco

Impostazioni del blocco per documenti tabulari Nota: Questa sezione si riferisce solo ai documenti di tipo tabella, tabella finanziaria,

modulo e tabella a campi incrociati.

Oltre alle Impostazioni del blocco Colore e Allineamento, è disponibile il seguente gruppo di opzioni Impostazioni del blocco quando il documento selezionato è Tabella, Tabella finanziaria, Modulo o Tabella a campi incrociati. Gruppo d'impostazioni

Tabella

Impostazione

Bordo

Descrizione

Si può aggiungere un bordo al blocco. Per definire lo spessore del bordo, utilizzare l'apposita casella. Quando si aggiunge un bordo, in realtà se ne aggiunge uno esterno e uno interno. Se l'opzione Spaziatura viene lasciata a 0, il bordo viene visualizzato come linea singola. Tuttavia, se si aumenta la spaziatura, il bordo si divide in due: uno più sottile interno e uno più spesso esterno.

Intestazione

Riempimento

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra il testo e il bordo del blocco.

Spaziatura

Utilizzare questa casella per aumentare o ridurre la spaziatura tra il blocco e il bordo. Queste opzioni non sono disponibili per i documenti di tipo Modulo.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 197


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Descrizione

Ogni nuovo blocco

Spuntare questa opzione per visualizzare l'intestazione solo in cima ad ogni nuovo blocco.

Ogni nuova pagina

Spuntare questa opzione per visualizzare l'intestazione solo all'inizio di ogni pagina.

Ogni riga

Nota: Questa opzione non è disponibile per i documenti di tipo Tabella a campi incrociati. Spuntare questa opzione se si desidera che l'intestazione venga visualizzata sopra ogni riga di dati del documento.

Impostazioni del blocco per documenti di tipo grafico Nota: Questa sezione si riferisce solo ai documenti di tipo grafico, ad esempio,

istogrammi non in pila, grafici a torta, a dispersione, ecc. Oltre alle Impostazioni del blocco Colore e Allineamento, è disponibile il seguente gruppo di opzioni Impostazioni del blocco quando il documento selezionato è un grafico. Gruppo d'impostazioni

Dimensione

Impostazione

Descrizione

Larghezza

Utilizzare questa casella per cambiare la larghezza del grafico.

Altezza

Utilizzare questa casella per cambiare l'altezza del grafico.

Grafico

Le seguenti opzioni sono disponibili solo per i grafici non tridimensionali. Effetto 3D

198 Manuale dell’utente di WebIntelligence

Attivare questa opzione per conferire al grafico un aspetto tridimensionale.


Impostazioni del blocco

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Asse di origine zero

Descrizione

Nota: Questa opzione non è disponibile per i grafici ad anello, a torta, polare e a dispersione. Forza gli assi ad iniziare da zero.

Inverti orizzontale/ verticale

Nota: Questa opzione non è disponibile per i grafici ad anello, a torta, polare e a dispersione. Inverte gli assi orizzontali e verticali.

Legenda asse

Le seguenti opzioni sono disponibili solo per i grafici tridimensionali.

Visualizza base

Fare clic su questa opzione per visualizzare la base del grafico. Questa opzione viene attivata per impostazione predefinita.

Parete sinistra

Fare clic su questa opzione per visualizzare una parete sinistra con il grafico. Questa opzione viene attivata per impostazione predefinita.

Parete destra

Fare clic su questa opzione per visualizzare una parete destra con il grafico. Questa opzione viene attivata per impostazione predefinita.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 199


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni della cella Facendo clic all'interno di una cella di intestazione dei dati, si accede alle Impostazioni della cella ad essa relative Facendo clic all'interno di una cella di dati, si accede alle Impostazioni della cella per quel gruppo di celle di dati. Fare clic qui per accedere alle impostazioni della cella relative all'intestazione LocalitĂ  di soggiorno.

Fare clic qui per accedere alle impostazioni della cella relative ai dati LocalitĂ  di soggiorno.

200 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella

Ad esempio, se si fa clic nella cella dell'intestazione relativa a LocalitĂ  di soggiorno, la scheda Impostazioni passa a Impostazioni della cella. Tutte le modifiche effettuate riguarderanno unicamente l'intestazione. La casella Intestazione appare solo se viene selezionata la Cella dell'intestazione. Altrimenti, le impostazioni della cella dell'intestazione sono le stesse di quelle delle impostazioni della cella dei dati.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 201


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare per formattare le celle del documento utilizzando le impostazioni della cella. Gruppo d'impostazioni

Intestazione

Colore

Impostazione

Descrizione

Intestazione

La casella appare solo se viene selezionata una cella di intestazione. Ă&#x2C6; possibile digitare un nuovo nome nella casella Intestazione per cambiare l'intestazione esistente.

A sinistra/In alto

Spuntare A sinistra per visualizzare l'intestazione a sinistra della colonna di dati. Selezionare In alto per visualizzare l'intestazione sulla colonna di dati. Ă&#x2C6; possibile selezionare entrambe le opzioni.

Sfondo

Per impostare il colore dello sfondo della cella, selezionarlo nell'elenco popup.

Testo

Per cambiare il colore del testo della cella, selezionare un colore dall'elenco. Queste opzioni consentono di gestire la posizione del blocco dei dati sulla pagina del documento.

Allineamento

Rientro

Utilizzare la casella di selezione per impostare il rientro del blocco.

Orizzontale

Controlla il posizionamento orizzontale del blocco.

Testo a capo

Attivare questa opzione se si desidera che le righe di dati che superano la larghezza definita per la cella passino automaticamente a una nuova riga.

Dim. auto

Attivare questa opzione se si desidera che la larghezza della cella dell'intestazione della sezione si adatti automaticamente alle dimensioni del testo.

202 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni della cella

Gruppo d'impostazioni

Carattere

Impostazione

Descrizione

Larghezza cella

Impostare qui la larghezza della cella se l'opzione Dim. non è attivata.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup. L'impostazione predefinta è Normale.

Barrato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo dell'etichetta dell'asse sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo dell'etichetta dell'asse sia sottolineato.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 203


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Impostazioni dell'asse Facendo clic sull'etichetta dell'asse del grafico nell'area di anteprima di visualizzazione Impostazioni, appaiono le impostazioni per l'asse. Queste opzioni consentono la formattazione dell'asse e della relativa etichetta. Fare clic su una linea dell'asse per accedere alle impostazioni dell'asse.

204 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Impostazioni dell'asse

La seguente tabella descrive le impostazioni da utilizzare nelle impostazioni dell'asse. Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Descrizione

Etichetta

Per impostazione predefinita, l'etichetta dell'asse è la stessa dell’oggetto a cui corrisponde. È possibile rinominarla, digitando una nuova etichetta nella finestra Etichetta.

Formato

Selezionare il formato relativo ai numeri visualizzati lungo la linea dell'asse dall'elenco popup. Esso comprende i formati di numeri, ore, date ed espressioni booleane. Ad esempio, 0,00 significa che i numeri visualizzati utilizzano le virgole dei decimali. Per ulteriori informazioni su questa funzione, consultare “Formattazione dei risultati di un calcolo" a pagina 151.

Colore

Asse

Carattere

Colore dati

Selezionare il colore dei dati dall'elenco popup.

Testo

Selezionare il colore del testo dall'elenco popup.

Scala logaritmica

Fare clic su questa opzione per utilizzare una scala logaritmica (potenza dieci) lungo la linea dell'asse. La scala logaritmica è utile se i dati coprono una vasta gamma di valori.

Griglia

Spuntare questa opzione per includere le griglie lungo l'asse.

Visualizza i valori

Spuntare questa opzione per visualizzare i valori dei dati lungo la linea dell'asse.

Nome

Selezionare il tipo di carattere dall'elenco popup.

Dimensione

Selezionare le dimensioni del carattere dall'elenco popup.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 205


Capitolo 6 Formattazione dei documenti

Gruppo d'impostazioni

Impostazione

Descrizione

Stile

Selezionare lo stile del carattere dall'elenco popup.

Barrato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo dell'etichetta dell'asse sia barrato.

Sottolineato

Attivare questa opzione se si desidera che il testo dell'etichetta dell'asse sia sottolineato.

206 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Operazioni in modalità drill

Capitolo 7

................................................................................. Sommario

Definizione della modalità drill . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208 Gerarchie e dimensioni 211

Come rendere possibile il drill su un documento . . . . . . . . . . . . . 213

Pianificazione del livello dell'analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello dell'analisi personalizzato Uno, due o tre livelli di analisi Definizione del livello dell'analisi

Definizione del cubo di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218

Drill su un documento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220

214 214 215 216

Manuale dell’utente di WebIntelligence 207


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Definizione della modalità drill La modalità drill è un modo per analizzare i dati di un documento tramite un'interruzione e per visualizzarli da punti di vista e a livelli di dettaglio diversi per segnalare il fattore determinante di un risultato, positivo o negativo. In modalità drill, si analizzano i dati a livelli di dettaglio diverso, analizzando i dati recuperati dal database o eseguendo una nuova query per ottenere altri dati. Per informazioni su come funziona la modalità drill, consultare “Gerarchie e dimensioni" a pagina 211. Esempio

Il motivo di risultati insoliti

...........................................................

Si supponga che il documento contenga una tabella che visualizza il fatturato per località di soggiorno. Il fatturato in una località è particolarmente basso. Se è possibile eseguire un drill sul documento, si può scendere di un livello e visualizzare le linee di servizio individuali (alloggio, vitto, ecc.). Se i dati non rispondono alla domanda (“Perché il fatturato è così basso in quella località?”), si può eseguire un nuovo drill down e visualizzare i dati relativi a quel dato servizio di quella data linea di servizio.

208 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione della modalità drill

Quando si opera in modalità drill, l'utente è guidato nell'esecuzione delle procedure necessarie da funzioni dinamiche (si vedano le legende del grafico e le indicazioni della riga di stato).

La barra di stato e la descrizione comandi indicano se il cursore si trova su un'area drill.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 209


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Figura 7.1: Presentazione delle operazioni drill

...........................................................

La gerarchia predefinita

3. Il risultato della query

Due oggetti della gerarchia Località sono inclusi nella query. Il cubo di dati contiene informazioni relative a Località di soggiorno e Tipo di servizio, ma non servizio né Paese.

4. Fare clic sulla freccia su per eseguire un drill up di un livello su Paese. Poiché Paese è all'esterno del “cubo” di dati generato dalla query, viene eseguita una nuova query. Per maggiori informazioni, consultare pagina 218.

Fare clic sul collegamento ipertestuale per eseguire un drill down di un livello sui dati Tipo di servizio. Poiché tali dati sono già stati memorizzati nel cubo di dati, non è necessaria nessuna query.

* L'utente può aggiungere nuovi oggetti al cubo di dati espandendo il livello dell'analisi del documento. Per informazioni, consultare pagina 216.

210 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione della modalità drill

Gerarchie e dimensioni La persona che crea l'universo organizza le proprie classi e oggetti in una gerarchia, con gli oggetti più generali nella classe in alto e quelli più dettagliati in basso. Gli oggetti sono raggruppati in questo modo per facilitare la ricerca. Essi sono classificati all'interno di gruppi in modo che, se si desidera ottenere un report di livello superiore, si sa che occorre inserire gli oggetti in cima alla lista nella query e che se si desidera un report più dettagliato, si devono scegliere gli oggetti in basso. Questo ordinamento degli oggetti viene detto gerarchia. Gli oggetti sono organizzati in tal modo per poter eseguire il drill. Quando si analizzano i dati in modalità drill, si utilizzano le gerarchie. Le classi dell'universo sono le gerarchie predefinite che vengono utilizzate per eseguire il drill, ma il designer dell'universo può anche definire gerarchie personalizzate. Si possono inoltre creare e modificare le gerarchie nei report. Le gerarchie del drill contengono solo gli oggetti dimensione. In modalità drill, si esegue un drill down sulle dimensioni, ad esempio, da Anno a Trimestre a Mese. Ad ogni livello, gli indicatori, quali Fatturato o Margine di profitto, vengono ricalcolati. Esempio

La gerarchia Località di soggiorno nell'universo Vacanze da sogno

...........................................................

L'ordine della gerarchia di Località di soggiorno visualizzata nella pagina 210 è: • Paese • Località di soggiorno • Tipo di servizio • Servizio

Se l'oggetto Località di soggiorno viene utilizzato nella query, quando si esegue un drill down di un livello, vengono visualizzati i dati Tipo di servizio. Se si esegue un drill up di un livello, vengono invece visualizzati i dati di Paese.

...........................................................

Manuale dell’utente di WebIntelligence 211


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Gli argomenti classici su cui un designer o un utente esperto crea le gerarchie sono: geografia, ora e prodotto. Nell'universo di demo Vacanze da sogno, vi sono quattro gerarchie: • Località di soggiorno (Paese, Località di soggiorno, Tipo di servizio, Servizio). • Vendite (Anno, Trimestre, Mese, Settimana, Data fattura). • Cliente (Paese di origine, Regione, Città, Cliente). • Prenotazioni (Anno della prenotazione, Trimestre della prenotazione, Mese della prenotazione, Settimana della prenotazione, Data della prenotazione). Quando si definisce un documento su cui eseguire un drill, si inseriscono gli oggetti di livello superiore per visualizzarli in una tabella o in un grafico, ma si inseriscono oggetti più dettagliati nel livello dell'analisi. WEBINTELLIGENCE recupera tali oggetti dal database e li memorizza nel documento in modo che un utente che abbia bisogno di dati che non vengono visualizzati immediatamente nel documento possa trovarli. Prima di poter analizzare i dati in modalità drill, occorre impostare quelli retrostanti. Per informazioni, consultare “Pianificazione del livello dell'analisi" a pagina 214.

212 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Come rendere possibile il drill su un documento

Come rendere possibile il drill su un documento Dal Pannello Web, è possibile eseguire un drill sui documenti WEBINTELLIGENCE. Prima di creare un documento su cui è possibile eseguire il drill, occorre tener presente il pubblico a cui si rivolge. Non tutti coloro che ricevono il documento avranno accesso al database o alla sorgente su cui si basa il documento. In tal caso il destinatario potrà eseguire il drill solo sulle informazioni disponibili nel documento. Per poter recuperare nuovi dati si deve disporre dell'accesso alla sorgente dei dati. Ad esempio, se si pensa che altri utenti potrebbero in futuro eseguire un drill down da Trimestre a Mese, o un drill up da Trimestre a Anno, si deve utilizzare il Livello dell'analisi per includere tali oggetti nella query.

Per rendere possibile il drill su un documento: 1. Con la definizione del documento aperta nel Pannello Web, fare quanto segue: • Nella scheda Risultati, attivare la modalità drill (in basso a destra della scheda), o fare clic su Drill dalla barra degli strumenti. • Dalle opzioni Impostazioni del documento della scheda Impostazioni, selezionare Modalità drill. 2. Fare clic su Esegui La modalità drill sul documento viene visualizzata nella pagina Risultati del documento. Un volta abilitata la modalità drill ed eseguita la query, nel documento hanno luogo le seguenti modifiche. •

Le informazioni su cui eseguire il drill sulle tabelle del documento sono sottolineate e rappresentano collegamenti ipertestuali ad altri livelli.

• Alcune intestazioni possono contenere una freccia verso l'alto ed indicare che si può eseguire un drill up di un livello. Gli utenti che hanno accesso al documento possono eseguire un drill sui dati tramite WEBINTELLIGENCE.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 213


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Pianificazione del livello dell'analisi Ci si può rendere conto che una dimensione necessaria all'analisi non è disponibile nel documento. Quando si esegue il drill, si ottengono dati originariamente non inclusi nell'analisi, sia estendendo il livello dell'analisi nella sezione Livello dell'analisi del Pannello Web, sia modificando la query per ottenere più dati dal database. WEBINTELLIGENCE fornisce all'utente i seguenti livelli dell'analisi: • Livello dell'analisi personalizzato • Un livello di analisi • Due livelli di analisi • Tre livelli di analisi Per definire il livello di analisi da utilizzare, consultare “Definizione del livello dell'analisi" a pagina 216.

Livello dell'analisi personalizzato Quando si seleziona un livello di analisi personalizzato, si completa manualmente la gerarchia.

214 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Pianificazione del livello dell'analisi

Nell'esempio precedente, l'oggetto Trimestre presenta i dati dell'asse X per il grafico, ma Anno è stato aggiunto al livello dell'analisi personalizzato. Quando la query viene nuovamente generata, il cubo conterrà i dati relativi a Anno e a Trimestre. L'utente può eseguire un drill up da Trimestre a Anno senza generare un'altra query.

Nota: Solo gli oggetti inclusi nella query sono utilizzati per creare il cubo. Se si utilizza un livello dell'analisi personalizzato, fare attenzione a non lasciare inavvertitamente dei vuoti nella gerarchia. Ad esempio, se si crea una query che contenga i dati di Tipo di servizio e poi si aggiunge Paese al livello di analisi personalizzato, i dati di Località di soggiorno non fanno parte del cubo. Non è possibile eseguire un drill up da Tipo di servizio a Località di soggiorno senza un drill all'esterno del cubo.

Uno, due o tre livelli di analisi Quando si seleziona uno, due o tre livelli di analisi, i livelli gerarchici sotto gli oggetti della query vengono automaticamente aggiunti. Esempio

Modifica del livello dell'analisi in un documento

...........................................................

Ad esempio, la gerarchia della Località di soggiorno Island Markets sarà simile alla seguente:

Se si aggiunge Paese nel riquadro Blocco: • Un livello di analisi aggiunge Località di soggiorno al livello dell'analisi. • Due livelli di analisi aggiunge Località di soggiorno e Tipo di servizio al livello dell'analisi.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 215


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

• Tre livelli di analisi aggiunge Località di soggiorno, Tipo di servizio e Servizio al livello dell'analisi.

Nota: Dopo aver aggiunto i livelli dell'analisi si può comunque passare al Livello

dell'analisi personalizzato e aggiungere i livelli gerarchici all'oggetto della query.

Definizione del livello dell'analisi I livelli dell'analisi vengono impostati in modo leggermente diverso a seconda che si utilizzi il Pannello Web Java o ActiveX.

Uso del Pannello Web Java Per definire il livello dell'analisi con il Pannello Web Java: 1. Fare clic sul pulsante Livello dell'analisi dalla barra degli strumenti. Si apre la sezione Livello dell'analisi nel Pannello Web. Per impostazione predefinita la finestra Sezione viene impostata su Livello dell'analisi personalizzato. Tutti gli oggetti aggiunti al riquadro Blocco vengono sottolineati in grigio nella sezione Livello dell'analisi. 2. Per modificare il livello dell'analisi, fare clic e tenere premuta la freccia giù. Dall'elenco popup, selezionare il livello dell'analisi desiderato. Il nome della sezione cambia e riflette il livello dell'analisi selezionato. 3. Se si seleziona Livello dell'analisi personalizzato, completare la gerarchia trascinando l'oggetto dall'elenco Gerarchia alla sezione Livello dell'analisi personalizzato.

Nota: Nell’applet light, non è possibile specificare uno, due o tre livelli di analisi. Occorre definire un livello personalizzato di analisi trascinando oggetti dall’elenco Gerarchie e rilasciandoli nella sezione Personalizza il livello dell’analisi.

Uso del Pannello Web Active X Per definire il livello dell'analisi con il Pannello Web ActiveX:

216 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Pianificazione del livello dell'analisi

1. Fare clic sul pulsante Livello dell'analisi dalla barra degli strumenti. Il colore del pulsante diventa piÚ chiaro, indicando che il livello dell'analisi è stato attivato e l'intestazione Livello dell'analisi viene visualizzata in fondo al riquadro Sezione/Dettaglio. Quando si fa doppio clic su questa sezione, si visualizzano gli oggetti inclusi nel livello dell'analisi.

Tutti gli oggetti aggiunti al riquadro Blocco vengono sottolineati in grigio nella sezione Livello dell'analisi. Gli altri oggetti rappresentano i vari livelli che si possono inserire nei livelli dell'analisi corrispondenti. Nella precedente immagine, il livello dell'analisi per l'oggetto Anno può estendersi a Trimestre e Mese. 2. Per modificare il livello dell'analisi, fare clic e tenere premuta la freccia giÚ. Dall'elenco popup, selezionare il livello dell'analisi desiderato. Il pulsante della barra degli strumenti cambia e riflette il livello dell'analisi selezionato. 3. Se si seleziona Livello dell'analisi personalizzato, completare la gerarchia trascinando l'oggetto dall'elenco Gerarchia alla sezione Livello dell'analisi personalizzato.

Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence 217


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Definizione del cubo di dati Quando si esegue una query, i dati vengono recuperati dal database e memorizzati come parte del documento. Le informazioni memorizzate vengono dette a “cubo.” Per eseguire il drill tra i vari livelli di dati nel cubo, si utilizza la modalità drill. Quando si esegue un drill up o down di un documento, tutte le informazioni del cubo sono disponibili, il che significa che quando si esegue il drill, WEBINTELLIGENCE recupera i dati del cubo e non interroga il database. Tuttavia, se si hanno i diritti di accesso dell'universo, si può eseguire un drill all'esterno del cubo per recuperare i nuovi dati. In questo caso, WEBINTELLIGENCE recupera automaticamente i dati aggiuntivi dal database. Esempio

Drill all'esterno del cubo per dati aggiuntivi

...........................................................

Si supponga di creare la seguente query:

Si desidera poter eseguire un drill down di un livello della gerarchia, cosicché si aggiunge un livello al livello dell'analisi:

Inserimento di un livello d'analisi significa poter eseguire un drill down sui dati di Servizio e Mese senza modificare e rieseguire la query.

218 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Definizione del cubo di dati

Dopo aver abilitato la modalità drill ed eseguito la query, si ottiene la seguente tabella:

Se si pone il cursore su uno dei collegamenti ipertestuali, la descrizione comando indica che si può eseguire il drill down su Servizio o Mese. Se si desiderano maggiori informazioni sul fatturato generato dai servizi di alloggio specifici, si fa un drill down di un livello:

A questo punto, si desidera vedere il fatturato annuo generato dai tipi di servizio. Quando si pone il cursore sulla freccia accanto a Trimestre, si osservi che il messaggio del browser è: Drill Up su Anno (Nuova query). Ciò è dovuto al fatto che si esegue il drill per le informazioni non contenute nel cubo, o all'esterno di esso, e di conseguenza WEBINTELLIGENCE deve recuperare più dati dal database. Manuale dell’utente di WebIntelligence 219


Capitolo 7 Operazioni in modalità drill

Drill su un documento Una volta generato il cubo di dati, e dopo averlo visualizzato nella pagina Risultati del documento, si è pronti ad eseguire il drill.

Come sapere se è possibile eseguire il drill su un documento? Se non si è creato il documento, si può dire che si può eseguire il drill su un documento aperto quando accanto alle intestazioni, o ai titoli degli assi, o alle legende dei grafici, vi sono delle frecce rivolte verso l'alto o verso il basso. I dati collegati con un collegamento ipertestuale possono indicare lo stesso stato. Per eseguire il drill, basta posizionare il cursore su un collegamento ipertestuale, un titolo o una freccia e fare clic.

Uso delle descrizioni comando e delle barre di stato per individuare i dati su cui eseguire i drill. A seconda del browser utilizzato, una descrizione comandi può indicare che il cursore si trova su un'area su cui eseguire il drill. Può inoltre indicare a che livello viene eseguito il drill. Anche la barra di stato del browser visualizza queste informazioni. La descrizione comandi e la barra di stato del browser indicano inoltre quando il drill provoca una nuova query.

Drill up o down di una tabella Per eseguire un drill down di una tabella, fare clic sul testo del collegamento. Per eseguire un drill up, fare clic sulla freccia rivolta verso l'alto. Per eseguire un drill up di un livello su Città, fare clic sulla freccia. Per eseguire un drill up di un livello su Linee, fare clic sul collegamento ipertestuale o le frecce verso l'alto. Per eseguire un drill down al livello precedente, fare clic sul collegamento ipertestuale.

220 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Drill su un documento

Drill up o down su un grafico Per eseguire un drill down di un livello, fare clic sui dati: ad esempio, un grafico a barre, a curve, a torta. ad area o un titolo. Si può anche fare clic sulla rappresentazione dei dati nella legenda. Utilizzare la descrizione comandi o la barra di stato del browser per facilitare l'individuazione dei dati su cui eseguire il drill. Per eseguire un drill up, fare clic sulla freccia rivolta verso l'alto. Per un nuovo drill down, fare clic sul valore dell'oggetto nel grafico. Per eseguire un drill up su Città, fare clic sulle frecce.

Fare clic su un numero qualsiasi per eseguire un drill down su Settimana.

Fare clic sul numero per eseguire un drill down su Settimana.

Nota: Non si possono eseguire drill trasversali su oggetti dimensione che

appaiono in più di una gerarchia.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 221


Capitolo 7 Operazioni in modalitĂ  drill

222 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Risoluzione dei problemi

Capitolo 8

................................................................................. Sommario

Consigli generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225

Problemi comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226 Quando si tenta di collegarsi, viene visualizzato un messaggio di errore. 227 Appare un messaggio di errore quando si fa clic su Crea documento. 227 Non succede niente dopo la selezione di un universo. 228 Si apre un Pannello Web vuoto alla selezione di un universo. 228 Appare il messaggio “Non si è autorizzati ad accedere all'universo o a modificare il documento”. 228 Appare il messaggio “Il report modificato è stato eliminato.” 229 All’esecuzione di una query non succede niente. 229 Si esegue una query, ma si riceve un timeout prima che questa sia giunta al termine. 229 All’esecuzione di una query si ottiene un prompt di condizioni incomplete. 230 Alla selezione di condizioni di una query da un elenco, appare il messaggio “Sono stati selezionati troppi valori!” 230 All’esecuzione di una query, appare il messaggio “Non è stato trovato nessun dato!” 231 All’esecuzione di una query, appare il messaggio “La tabella a campi incrociati è incompleta!” 231

Manuale dell’utente di WebIntelligence 223


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

Si verificano dei problemi quando si tenta di caricare i dati di un documento in un foglio elettronico. Quando si tenta di intraprendere un’azione su un documento, viene visualizzato il messaggio di errore: “Il documento non contiene dati”. Appare il messaggio “Questo nome esiste già: usare un nome diverso o sovrascrivere.” Appare il messaggio “Il servizio richiesto non è disponibile.” La finestra Invia o Pubblica viene visualizzata solo parzialmente

224 Manuale dell’utente di WebIntelligence

232

233 233 233 234


Consigli generali

Consigli generali Per collegarsi a WEBINTELLIGENCE, il browser deve essere abilitato per i cookie. Se si usa WEBINTELLIGENCE Reporter, il browser deve essere abilitato ad eseguire sia Java che JavaScript. Se non è il caso, alcune parti di WEBINTELLIGENCE potrebbero non funzionare. È possibile verificarlo nelle opzioni del browser.

Importante: In caso di problemi di questo tipo, eseguire la verifica della configurazione del browser facendo clic sul collegamento nella pagina di connessione di WEBINTELLIGENCE.

Ricordarsi di svuotare regolarmente la cache della memoria del browser. L’allocazione di buona parte del disco alla cache può rallentare il funzionamento del computer (specialmente se c’è già poco spazio disponibile). Per istruzioni, consultare la guida in linea del browser. Si dovrebbe inoltre impostare il browser in modo da cercare le versioni più recenti della pagina memorizzata ogni volta che si va a tale pagina. Per istruzioni, consultare la guida in linea del browser.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 225


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

Problemi comuni Segue un elenco di problemi che possono verificarsi usando un client WEBINTELLIGENCE Reporter o Explorer, con le possibili soluzioni. Se tali soluzioni non risolvono il problema, rivolgersi all’amministratore del sistema WEBINTELLIGENCE per ottenere assistenza. • Quando si tenta di collegarsi, viene visualizzato un messaggio di errore. • Appare un messaggio di errore quando si fa clic su Crea documento. • Non succede niente dopo la selezione di un universo. • Si apre un Pannello Web vuoto alla selezione di un universo. • Appare il messaggio “Non si è autorizzati ad accedere all'universo o a modificare il documento”. • Appare il messaggio “Il report modificato è stato eliminato.” • All’esecuzione di una query non succede niente. • Si esegue una query, ma si riceve un timeout prima che questa sia giunta al termine. • All’esecuzione di una query si ottiene un prompt di condizioni incomplete. • Alla selezione di condizioni di una query da un elenco, appare il messaggio “Sono stati selezionati troppi valori!” • All’esecuzione di una query, appare il messaggio “Non è stato trovato nessun dato!” • All’esecuzione di una query, appare il messaggio “La tabella a campi incrociati è incompleta!” • Si verificano dei problemi quando si tenta di caricare i dati di un documento in un foglio elettronico. • Quando si tenta di intraprendere un’azione su un documento, viene visualizzato il messaggio di errore: “Il documento non contiene dati”. • Appare il messaggio “Questo nome esiste già: usare un nome diverso o sovrascrivere.” • Appare il messaggio “Il servizio richiesto non è disponibile.” • La finestra Invia o Pubblica viene visualizzata solo parzialmente

226 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Problemi comuni

Quando si tenta di collegarsi, viene visualizzato un messaggio di errore. Dopo avere inserito un nome utente e un ID nella pagina di collegamento di WEBINTELLIGENCE, si ottiene un messaggio di errore anziché InfoView.

Possibilità offerte • Le informazioni relative al collegamento possono essere inesatte. In tal caso, rivolgersi all’amministratore WEBINTELLIGENCE o al supervisore BUSINESSOBJECTS che ha creato il profilo utente. • Se si utilizza Microsoft Internet Explorer 2, non sarà possibile eseguire il collegamento WEBINTELLIGENCE richiede un cookie con le informazioni relative al collegamento e un ID della sessione per collegarsi al sistema WEBINTELLIGENCE. Internet Explorer non riconosce i cookie. In tal caso occorre cambiare il browser e utilizzarne uno supportato da WEBINTELLIGENCE. • Eseguire una verifica rapida facendo clic sul collegamento della pagina iniziale di WEBINTELLIGENCE. In tal modo ci si accerta che il browser utilizzato è supportato e che è abilitato cookie.

Appare un messaggio di errore quando si fa clic su Crea documento. Si desidera visualizzare l’elenco degli universi o creare un documento, ma la pagina degli Universi disponibili non appare.

Possibilità offerte • Se un messaggio di errore di WebIntelligence lampeggia sullo schermo o viene visualizzata una pagina bianca, fare clic sul pulsante del browser Aggiorna o Ricarica. • Se si ottiene un messaggio di errore del browser, il server Web potrebbe non funzionare. In questo caso, contattare l’amministratore del sistema WEBINTELLIGENCE.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 227


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

Non succede niente dopo la selezione di un universo. Si è selezionato un universo nella pagina degli Universi disponibili per creare un documento e WEBINTELLIGENCE non ha aperto il Pannello Web con l’universo selezionato visualizzato nel riquadro Classi e oggetti. Le versioni dei file .dll della Virtual Machine (VM) sulla macchina possono non essere compatibili con la versione del browser Web. Ciò può accadere, ad esempio, quando l’installazione di aggiornamento di Microsoft Internet Explorer 3.01 o 3.02 non copia correttamente i file .dll aggiornati.

Possibilità offerte Contattare l’amministratore del sistema.

Si apre un Pannello Web vuoto alla selezione di un universo. Si è selezionato un universo nella pagina Universi disponibili per creare un documento, ma il Pannello Web si apre senza visualizzare le classi e gli oggetti dell’universo.

Possibilità offerte Contattare l’amministratore del sistema.

Appare il messaggio “Non si è autorizzati ad accedere all'universo o a modificare il documento”. Si è cercato di modificare un documento esistente, ma invece dell’apertura delle definizioni di documento e dell’universo nel Pannello Web, appare questo messaggio.

Possibilità offerte Innanzitutto, cercare di ricaricare la pagina nel browser. Se il problema persiste, è possibile che il supervisore di BUSINESSOBJECTS non abbia accordato all’utente i diritti di accesso all’universo su cui il documento si basa. Ciò significa che è possibile visualizzare il documento, ma non è possibile modificarlo. Se si desidera modificare il documento, chiedere al supervisore di modificare i diritti di accesso.

228 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Problemi comuni

Appare il messaggio “Il report modificato è stato eliminato.” Un documento esistente è stato aperto nella pagina Risultati del documento. Durante questa sessione di WEBINTELLIGENCE, l’utente è stato inattivo tanto tempo che Session Manager l’ha sconnesso automaticamente. Si è riconnesso e ha fatto clic sul pulsante Modifica per modificare la definizione del documento. Ma quando WEBINTELLIGENCE ha aperto il Pannello Web, invece di visualizzare le definizioni dell’universo e dei documenti, ha fatto apparire questo messaggio.

Possibilità offerte Questa definizione di documento è stata cancellata dalla cache di archiviazione temporanea del sistema WEBINTELLIGENCE per questa sessione. Scollegarsi da WEBINTELLIGENCE, ricollegarsi e aprire immediatamente la definizione del documento nel Pannello Web.

All’esecuzione di una query non succede niente. Si è completata la modifica della query e si è fatto clic sul pulsante Ottieni risultati del Pannello Web. Il documento contenente i risultati della query, tuttavia, non appare.

Possibilità offerte Fare clic sul pulsante Aggiorna o Ricarica del browser. Se ciò non funziona, scollegarsi da WEBINTELLIGENCE, ricollegarsi ed eseguire nuovamente la query.

Si esegue una query, ma si riceve un timeout prima che questa sia giunta al termine. Ciò accade a volte se si utilizza un browser Microsoft Internet Explorer 5.5 o 6.0. Di solito, il timeout si ottiene dopo 5 o 10 minuti.

Possibilità offerte Occorre modificare il parametro di timeout e modificare il registro per Internet Explorer. A tale scopo: 1. Installare Internet Explorer 5.5 o 6.0 (ottenibili dal sito Web Microsoft). 2. Aggiungere il valore ReceiveTimeout DWORD al valore di dati di <numero di secondi>*1000 nella seguente chiave del registro: HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVers ion\InternetSettings Manuale dell’utente di WebIntelligence 229


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

Ad esempio, se si desidera che la durata del timout sia di 8 minuti, impostare il valore dei dati ReceiveTimeout data a 480000 (<480>*1000).

All’esecuzione di una query si ottiene un prompt di condizioni incomplete. Prima di inviare realmente una query, il Pannello Web verifica tutte le condizioni eventualmente presenti nel documento. Se una condizione è incompleta, il Pannello Web fa apparire una finestra di dialogo che informa l’utente che almeno una condizione è incompleta.

Possibilità offerte Le condizioni incomplete possono essere dovute a due motivi principali: • Operazioni non specificate • Parametri non specificati Quando si aggiunge una condizione a un documento, si deve specificare un’operazione per la condizione. È possibile sapere se una condizione è completa o meno a seconda dell’aspetto della sezione dell'operazione della condizione relativa all’oggetto della condizione. Se non si è selezionato un'operazione, la sezione dell'operazione della condizione appare in grigio, come l’elenco a discesa quando si sceglie l’operazione della condizione. Se si è selezionato un'operazione, la sezione dell’operazione si mescola all’oggetto della condizione, con lo stesso colore e senza aspetto in rilievo. Nel caso di parametri, verificare se la o le caselle di immissione dell’oggetto della condizione contengono valori validi. Se la casella non contiene alcun valore o virgolette doppie, immettervi un valore adeguato.

Alla selezione di condizioni di una query da un elenco, appare il messaggio “Sono stati selezionati troppi valori!” Sono stati selezionati più di 200 valori di operandi della condizione da applicare a un oggetto nella definizione di un documento.

Possibilità offerte Ridurre il numero di valori a 200 o meno, quindi rieseguire la query.

230 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Problemi comuni

All’esecuzione di una query, appare il messaggio “Non è stato trovato nessun dato!” WEBINTELLIGENCE non ha trovato dati del database che corrispondono alla query.

Possibilità offerte Assicurarsi che le condizioni applicate agli oggetti nella definizione del documento siano valide: devono corrispondere ai termini del database. Ad esempio, è possibile applicare la condizione 1996 all’oggetto Fatturato per ottenere i risultati del fatturato di quell’anno, ma se l’anno in questione figura come FY96 nel database, WEBINTELLIGENCE non sarà in grado di estrarre questa informazione. È possibile risolvere questo problema facilmente scegliendo la condizione da un elenco se un elenco è disponibile. Se il problema non è una condizione non valida, ricreare la definizione del documento usando gli oggetti che corrispondono meglio ai dati del database.

All’esecuzione di una query, appare il messaggio “La tabella a campi incrociati è incompleta!” Si è finito di modificare una definizione di documento nel Pannello Web. Quando si cerca di eseguire la query facendo clic sul pulsante Ottieni risultati, tuttavia, appare questo messaggio sullo schermo.

Possibilità offerte Si è creata una definizione di documento come tabella a campi incrociati, ma non si sono forniti tutti gli elementi necessari. Un documento di tipo tabella a campi incrociati contiene le seguenti parti: • Un’intestazione orizzontale di tabella a campi incrociati • Un’intestazione verticale di tabella a campi incrociati • Il corpo della tabella, che contiene i risultati della query

Manuale dell’utente di WebIntelligence 231


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

Se si è selezionato Tabella a campi incrociati dal menu Tipo di blocco, o si comincia a porre gli oggetti nel riquadro Blocco del Pannello Web in formato tabella a campi incrociati, il riquadro Blocco visualizza chiaramente ognuno di questi elementi.

Assicurarsi che ogni sezione tabella a campi incrociati e il corpo della tabella contenga almeno un oggetto dell’universo, quindi eseguire di nuovo la query.

Si verificano dei problemi quando si tenta di caricare i dati di un documento in un foglio elettronico. Possibilità offerte Quando si caricano i dati da un documento in un foglio elettronico, occorre definire l’applicazione che si desidera utilizzare. I dati importati in un foglio elettronico sono importati come testo. Ciò significa che le impostazioni numeriche del computer influiscono sul modo in cui viene elaborato il testo. Se il testo del documento WEBINTELLIGENCE usa una virgola come separatore decimale, il computer dovrebbe fare lo stesso, altrimenti i numeri non saranno riconosciuti come tali. L’utente non potrà formattarli ed eseguire i calcoli. Di solito, ciò si verifica se le impostazioni internazionali sono quelle relative ai paesi europei, quali la Francia e la Germania e si utilizza il simbolo decimale utilizzato in Nord America (USA o Canada) o viceversa. Se si usa Windows, è possibile modificare il separatore decimale nella finestra di dialogo Impostazioni internazionali del Pannello di controllo di Windows.

232 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Problemi comuni

Quando si tenta di intraprendere un’azione su un documento, viene visualizzato il messaggio di errore: “Il documento non contiene dati”. Si tenta di modificare un documento contenente i risultati della query, o di caricarne i dati in un foglio di calcolo o di salvarlo. L’azione non ha luogo e viene visualizzato un messaggio di errore che indica che il documento non contiene nessun dato.

Possibilità offerte • Il supervisore BUSINESSOBJECTS potrebbe aver modificato i diritti di accesso durante la sessione quindi non è più possibile accedere al dominio del documento corrente. In tal caso, rivolgersi al supervisore. • La pagina HTML richiede semplicemente di essere ricaricata. Fare clic sul pulsante Aggiorna o Ricarica del browser. • Può essere necessario scollegarsi da WEBINTELLIGENCE e poi ricollegarsi.

Appare il messaggio “Questo nome esiste già: usare un nome diverso o sovrascrivere.” Si tenta di salvare un documento nell’area di memorizzazione personale, ma esiste già un documento con quel nome.

Possibilità offerte Questo messaggio suggerisce semplicemente di fare quanto segue: • Selezionare Sì se si desidera sovrascrivere il documento già esistente con quello nuovo e poi fare clic su Salva. • Se non si vuole sovrascrivere il documento esistente con questo, modificare il nome di questo documento, quindi fare di nuovo clic su Salva.

Appare il messaggio “Il servizio richiesto non è disponibile.” È stata eseguita un’azione qualsiasi in WEBINTELLIGENCE, come aprire una pagina di accesso al documento, o si è fatto semplicemente clic su un pulsante della barra degli strumenti o di navigazione e si ottiene questo messaggio.

Possibilità offerte Fare semplicemente clic sul pulsante Aggiorna o Ricarica nel browser.

Manuale dell’utente di WebIntelligence 233


Capitolo 8 Risoluzione dei problemi

La finestra Invia o Pubblica viene visualizzata solo parzialmente Si tenta d’inviare un documento a un altro utente o di pubblicarlo nel repository dell’azienda, ma la pagina Invia o Pubblica non è visualizzata completamente.

Possibilità offerte Fare semplicemente clic sul pulsante Aggiorna o Ricarica nel browser.

234 Manuale dell’utente di WebIntelligence


Indice analitico A accesso elenchi di documenti 25 ActiveX 44 aggiornamenti x applet Java completo 44 applet Java Light 44 applicare interruzione 158 ordinamenti 155 asse formattazione 204-206 inversione orizzontale/ verticale 199 scala logaritmica 205

B barra di navigazione 39 creazione di documenti 40 blocco formattazione 193-199 browser configurazione 32 Verifica 32

C calcolo 147-151 aggiunta 147 creazione nei piè di pagina 185 definizione del tipo 148 funzione 149 rimozione 151 cella formattazione 200-203 classe 27 compatto visualizzazione degli elenchi 38 condizione 133-145 applicazione 135-142 combinazione 145 definita dall’utente 137-142 eliminazione 143

parentesi 144 predefinita 135-136 tra parentesi 144, 145 condizioni e filtri 133 definizione 133 differenze tra 134 condizioni tra parentesi 144 configurazione browser 32 connessione nome utente 34 password 34 URL 34 contesto 27 risoluzione 70 creare etichetta pagina 170 creazione di documenti 63 cubo vedi cubo di dati 218 cubo di dati drill all’esterno 218 impostazione 218

D dati analisi in modalità drill 208 limitazione nel documento 171 livello dell’analisi 214 ordinamento 155 su cui eseguire il drill 220 definizione 133 attributi di interruzione 159 numero di righe nel documento 172 Designer 27 Developer Suite x diagnostica 223 diritti utente 23 documentazione BusinessObjects BusinessMiner Tutorial xii come ottenere ulteriori informazioni xv

guida in linea xv Manuale per la risoluzione dei problemi xiv manuali in formato PDF xiii presentazioni multimediali xi Quick Tour xi, xii servizio di documentazione sul Web x documentazione di BusinessObjects x-xv documentazione vedi documentazione BusinessObjects documenti definizione in formato tabella a campi incrociati 88 Documenti dell’azienda 25 Documenti personali 25 documento contesto 27 creazione 63 creazione dell’etichetta pagina 170 creazione di indici in ipertesto 183 definizione del numero di righe di dati 172 definizione del titolo 179 elenco dei valori 141 esecuzione dei calcoli 147-150 formattazione 155-206 generazione 69 in cui eseguire drill 213 individuazione dei dati su cui eseguire il drill 220 interuzione in sezioni, sottosezioni e blocchi 165 limitazione dei tempi di recupero 171 limitazione della quantità di dati recuperati 171 modifica 73 selezione dei tipi di blocchi 77 separazione in sezioni 162 drill 20

Manuale dell’utente di WebIntelligence 235


Indice analitico

celle indice 186 documenti 155-206 etichetta pagina 173-175 grafici 198 indici 188 sezioni 182-183

all’esterno del cubo 218 di grafici 221 di tabelle 220

E editor di documenti ActiveX 44, 52 applet Java completo 44, 52 applet Java Light 44, 52 In funzione del browser 44 selezione del tipo 44 elenco dei valori creazione 141 visualizzazione nei documenti 141 elenco dell’universo definizione della visualizzazione 42 eliminazione condizione 143 errore messaggi, vedi Manuale per la risoluzione dei problemi Esteso visualizzazione degli elenchi 38 etichetta pagina creazione 170 formattazione 173-175 impostazioni 173 Explorer drill sui dati 29

F filtraggio dei dati 133-142 filtro 133-142 finestra Classi e oggetti 53 finestra Classi e oggetti nel Pannello Web Java 53 finestra Sezione nel Pannello Web Java 53 formattazione asse 204-206 blocchi 77, 193-199 blocchi del titolo 176-178 blocchi tabulari 197 celle 200-203 celle del titolo 179-181 celle della sezione 190-192

G gerarchia ruolo in modalità drill 211 grafici a curve radar 123 grafici a dispersione 129 grafici a linee 3D 105 grafici a linee in pila 101 grafici a linee miste 99 grafici a linee percentuali 103 grafici a superficie 3D 107 grafici a torta 119 grafici a volume 3D 117 grafici ad anello 121 grafici ad area 3D 115 grafici ad area in pila 111 grafici ad area percentuale 113 grafici ad area radar in pila 125 grafici polari 127 grafico esecuzione del drill su 221 formattazione 198 formattazione dei blocchi 198 guida 47 guida contestuale 47 guida in linea 48 guida contestuale 47 guida in linea xv, 48 guida vedi documentazione BusinessObjects

I impostazioni del blocco 193 per documenti di tipo grafico 198 per documenti tabulari 197 impostazioni del blocco del titolo 176-178 impostazioni del documento 169-172 impostazioni dell’asse 204 utilizzo della scala logaritmica 205 impostazioni dell’indice 188

236 Manuale dell’utente di WebIntelligence

impostazioni della cella 200 impostazioni della cella del titolo 179 impostazioni della cella dell’indice 186 impostazioni della cella della sezione 190 impostazioni della sezione 182-183 in funzione del browser 44 indice (vedi Documento: indice) indice del documento creazione 183 formattazione 186-189 InfoView 24 inserimento di oggetti in una query 65 interruzione applicazione 158 definizione degli attributi 159 rimozione 162 istogrammi 3D 97 istogrammi in pila 93 istogrammi non in pila 89 istogrammi percentuali 95

L linee e istogrammi 91 livello dell’analisi definizione 216 personalizzato 214 pianificazione 214

M Manuale per la risoluzione dei problemi xiv modalità drill 207-217 come rendere possibile il drill su un documento 213 gerarchie 211 individuazione dei dati su cui eseguire il drill 220 livello dell’analisi 214 presentazione 208 utilizzo degli oggetti dimensione 211 modifica dei documenti 73 moduli 85

O oggetto 26


Indice analitico

applicazione delle condizioni 135-142 dimensione 211 esecuzione dei calcoli 147 gerarchia 211 inserimento in una query 65 rimozione dei calcoli 151 tipi di 27 operando di condizione 137-139 operatore vedi operatore logico operatore di condizione 138-139 operatore logico 143 opzioni utente definizione dell’universo predefinito 42 impostazione dell’immagine 42 impostazione della visualizzazione dell’elenco dell’universo 42 modifica della password 46 selezione dell’editor dei documenti 44 ordinamenti applicazione 155 dati 155 rimozione 156

P pagina iniziale predefinita 36 pagina Web per la documentazione x Pannello Web 28 apertura 63 applet Java 52 controllo ActiveX 57 creazione di query con 52 differenze tra Java completo e light 56 presentazione 52 selezione del tipo di 44 Pannello Web ActiveX barra degli strumenti 60 interfaccia 57 riquadro Classi e oggetti 58 scheda Impostazioni 167 uso 62 Pannello Web Java barra degli strumenti 55

finestra Classi e oggetti 53 password modifica 46 PDF manuali in linea xiii personalizzazione di WebIntelligence vedi Opzioni utente 41 Posta in arrivo 25 problemi comuni 226 prompt creazione elenco dei valori 141 risoluzione 64 prompt di condizione risoluzione 64

nel Pannello Web ActiveX 57 nel Pannello Web Java 53 riquadro Classi e oggetti impostazioni predefinite Java 54 nel Pannello Web ActiveX 57 parametri predefiniti di Active X 59 riquadro Sezione nel Pannello Web ActiveX 57 trascinamento di oggetti 68 risoluzione dei problemi vedi Manuale per la risoluzione dei problemi Risultati del documento, pagina modifica del tipo di blocco 80 risultati del documento: pagina 28

Q

S

queries Salva e chiudi 70 query 27 aggiunta di calcoli 147 applicazione delle condizioni 133-142 creazione di 52 definizione senza esecuzione 70 eliminazione delle condizioni 143 esecuzione 69 inserimento di oggetti 65 salvataggio senza esecuzione 70 timeout prima che sia completata 229 Quick Tour xi, xii

Salva e chiudi nel Pannello delle query 70 salvataggio della definizione di una query 70 scheda Condizioni 29, 136, 137 scheda Impostazioni 29, 166 nel Pannello Web ActiveX 167 scheda Risultati 29 selezione dei tipi di blocchi con Java completo 77 con Java light 78 in ActiveX 79 sezione formattazione 182-183 sezioni separazione di un documento in 162 una per pagina 185 visualizzazione sotto forma di indice in ipertesto 183 suggerimenti x

R ricerca universo 64 rimozione interruzione 162 ordinamenti 156 riquadro Blocco 57 Classi e oggetti 53, 57, 58 Sezione 57 Sezioni 53 riquadro Blocco 53

T tabella esecuzione del drill su 220 tabelle 81 tabelle a campi incrociati 87 definizione 88 tabelle finanziarie 83 tempi di recupero limitazione 171

Manuale dell’utente di WebIntelligence 237


Indice analitico

timeout 229 tipi di blocchi grafici a linee in pila 101 grafici a linee miste 99 grafico a curve radar 123 grafico a dispersione 129 grafico a linee 3D 105 grafico a linee percentuali 103 grafico a superficie 3D 107 grafico a torta 119 grafico a volume 3D 117 grafico ad anello 121 grafico ad area 3D 115 grafico ad area in pila 111 grafico ad area percentuale 113 grafico ad area radar in pila 125 grafico polare 127 istogramma 3D 97 istogramma in pila 93 istogramma non in pila 89 istogramma percentuale 95 linee e istogramma 91 modifica dalla pagina Risultati del documento 80 modulo 85 selezione 77 tabella 81 tabella a campi incrociati 87 tabella finanziaria 83 titolo documento 179

connessione 34 pagina iniziale 36 personalizzazione vedi Opzioni utente 41 presentazione 18 tecnologia in comune con BusinessObjects 30 uscita 50 WebIntelligence Reporter creazione di documenti con 26-29

U universo 26 gerarchie 211 predefinito: definizione 42 ricerca 64 uscita 50 utente: prompt vedi prompt

V verifica rapida del browser 32 visualizzazione compatto 38 Esteso 38

W WebIntelligence

238 Manuale dellâ&#x20AC;&#x2122;utente di WebIntelligence


Manuale - Manuale dell'utente di WebIntelligence