Page 58

Cult 1:Layout 1 17/03/2010 11.32 Pagina 58

C

Luisa Scarlata

Da Carla a Carlaô

C

arla Bruni è come quella pubblicità –

vende pure un sacco di dischi. E’ una modella

risalente a un po’ di anni addietro – di

molto appariscente come, in fondo ce ne

una nota marca di scarpe di tela che

sono, molte altre? Si, ma lei d’improvviso (pre-

recitava testualmente (in quel caso però al plu-

cisamente il 2 febbraio del 2008) sposa niente-

rale): “O la ami, o la odi”. In molti, a dire il vero,

meno che il Presidente della Repubblica

ultimamente dichiarano di protendere più

francese Nicolas Sarkozy (per gli amici “Sarko”)

verso la seconda scelta ma chissà se poi lo

e diventa la première dame francese.

pensano veramente o se è solo una delle tante

Dunque riassumendo è bella, brava, ricca e fa-

forme dell’invidia.

mosa. Basta così? Certamente no. Carla Bruni ha, tra le altre cose, una famiglia interamente

Già perché la signora Bruni – ora anche Ma-

composta da artisti e da persone famose (il

dame Sarkozy, detta Carlà – possiede una ca-

padre, Alberto Bruni Tedeschi, è un composi-

ratteristica particolare che facilmente suscita

tore, la madre Marisa Borini una pianista, la so-

una strana mescolanza composta da fastidio

rella Valeria Bruni Tedeschi un’attrice e la

e ammirazione insieme: ella sembra una bellis-

cugina, Alessandra Martinez, una famosissima

sima creatura incapace a far nulla e al con-

ballerina), un ex compagno tradito e abban-

tempo abilissima, al contrario, a realizzare

donato (il filosofo Raphael Enthoven, con cui

praticamente di tutto.

la Bruni ha avuto anche un figlio, Aurélien) che

Non ha un filo di voce? Sì, ma fa la cantante in

ancora oggi la rimpiange e, se ha modo di par-

un modo tutto suo che non è niente male e

lare di lei pubblicamente, la difende, un marito

Cultumedia magazine numero 0  

Cultumedia magazine

Advertisement