Page 28

Cult 1:Layout 1 17/03/2010 11.31 Pagina 28

che è pubblico in partico-

e dovrà mantenere un peso crescente di pen-

lare. Ho avuto occasione,

sionati, di spese sanitarie di spese scolastiche e

in questi decenni di lavoro

soprattutto di competitività. Bisognerebbe che

nel campo della ricerca

questa fascia, sempre più striminzita, diventasse

scientifica, di incontrare italiani

estremamente di qualità per poter reggere tutto

ovunque, in tutti i paesi, molto ap-

il peso che avrà nei prossimi decenni. Da qui il

prezzati in america soprattutto, gente

problema del merito nella ricerca: noi man-

che fa carriera, che ottiene premi, ma

diamo via le persone che ci possono aiutare nel

che non riesce neppure a rientrare in

creare ricchezza per il nostro paese. Inoltre, l’Ita-

Italia: non solo, questa gente che se ne

lia è un paese privo di energia, e subiremo i con-

è andata via perchè i meriti non erano

traccolpi di questa situazione; è un paese che

riconosciuti, una volta premiati in ogni

non ha materie prime; è un paese che vive sulla

modo fuori, non hanno più avuto la possibilità di

trasformazione, quindi più che ancora di altri

rientrare, e questo dà la misura di quanto sia pro-

paese ha la necessità di essere attivo nella

fondo il male che esiste nel no-

esportazione e molto competi-

stro paese per quanto riguarda

tivo. Tutto questo fa parte di un insieme di problemi in cui la

il riconoscimento dei meriti.

meritocrazia gioca un ruolo Perché dobbiamo fare più

importante, soprattutto in

figli è sia il titolo del suo ul-

un paese dove si va in pen-

timo

libro,

ma

anche

un'esortazione importante in questo paese a crescita zero. Come vede Piero Angela, la società italiana del futuro. Perché è importante fare più figli? L’italia

ha

due

record,

quello della minor natalità, con 1,2 figli per coppia - ovvero quasi un dimezzamento nell’arco di una

L’Italia ha due record, quello della minor natalita’, con 1,2 figli per coppia; l’altro e’quello della longevita’: siamo il paese al mondo che ha piu’ vecchi, dopo il Giappone

sione a 58 anni, e poi si sta un tempo lunghissimo a percepire un reddito che non si è versato. I giovani non avranno più la pensione e pagheranno quella degli anziani, e tra qualche anno per una persona che lavora ci sarà un pensionato. Il fatto di fare più figli non significa che aumenti la popolazione: per mantenere

generazione - che arriva a

stabile una popolazione oc-

1,3 grazie alla presenza

correrebbe fare 2 figli per coppia, noi ne facciamo

degli extracomunitari, che oggi sono quelli che fanno più

1.2, se ne facessimo 1.6 o 1.7 co-

figli; l’altro è quello della longe-

munque le nascite continuereb-

vità: siamo il paese al mondo che ha più vecchi,

bero a calare rispetto i ritmi della demografia,

dopo il Giappone. Questa divaricazione, pochis-

però sarebbe una ridiscesa, come per un aereo,

simi neonati e moltissimi anziani, fa sì che, in pro-

secondo una linea di atterraggio, non precipi-

spettiva,

la

tando. In altre parole, quello che sta avve-

popolazione attuale, intorno agli anni del 2050,

nendo è che noi stiamo diminuendo le nascite,

ma avrà 20 milioni di vecchi e 10 milioni di immi-

scendendo non con un ascensore, ma saltando

grati, quindi sarà una società diversa da quella

dalla finestra.

il

nostro

paese

manterrà

che la nostra generazione ha conosciuto. Il guaio è che la fascia che produrrà reddito -

Sempre pensando al futuro, un tema su cui si di-

cioè quella che si trova a metà strada tra la fa-

scute da tempo è l’utilizzo delle risorse energeti-

scia dello studio, che occupa la prima parte

che rinnovabili e del nucleare per sopperire alla

della vita, e quella della pensione, che occupa

mancanza delle risorse non rinnovabili in breve

la terza parte della vita - sarà sempre più sottile

tempo. Nel suo libro La sfida del secolo, infatti,

Cultumedia magazine numero 0  

Cultumedia magazine

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you