Page 54

Record & Release

54

The Black Keys El Camino

Tra i pezzi migliori Dead And Gone, Little Black Submarines, Sister e Stop Stop. Gio Cassavetes - Rockisland.it

Malgrado El Camino sia il settimo album della loro carriera, in molti non conoscevano i Black Keys prima che il tormentone Lonely Boy spopolasse in tutto il mondo, grazie anche a un video ipnotico e divertente.

Korn The path of totality

E un giorno per strada incontri la dubstep. Dev'essere quel che è successo a Jonathan Davis in un pomeriggio di noia. Breve ricerca per scoprire i djs più accreditati nel settore (Noisia e Skrillex) ed ecco prender luce "The path of totality". Sì.. totalità di tamarraggine.

The Black Keys

Un singolo accolto da un entusiasmo tale da convincere il duo dell'Ohio ad anticipare l'uscita del disco, per sfruttare la popolarità che nemmeno il precedente album, Brothers (con i suoi 3 Grammy Awards vinti), era riuscito a portare. La vera sorpresa di El Camino è che sono tantissimi i potenziali singoli al suo interno; una raccolta di ottimi pezzi in cui l'anima blues-garage del gruppo viene distillata dall'ottima produzione di Danger Mouse in un riuscita miscela di pop rock. Il risultato è un disco più godibile del precedente e una versione originale di quel garage rock orfano degli White Stripes.

Skrillex e Jonathan Davies

Se già conoscevate i Korn (come me) non vi dirà molto quest'album, se invece li sentite ora per la prima volta non voglio nemmeno sapere chi siete e cosa avete fatto negli ultimi quindici anni. Per carità, non è un brutto album, per gasare gasa. Bassoni, beats spezzati, violenti attacchi e ritmiche che scuotono quanto basta per sudare. Elettronica ben fatta, ma con delle grosse pecche... Una su tutte la struttura delle canzoni troppo improntata su

CTRL magazine #29  

Siamo tornati !

Advertisement