Page 1


Pr esent azi one Fr a maggi o e gi ugno 2009, l a web t v Cr ossi ngTV di Bol ogna cer ca i pr ot agoni st i per un nuovo vi deo. Per quest o obi et t i vo, non vi ene or gani zzat o un cast i ng, bensì un concor so l et t er ar i o dal t i t ol o “ I o, come una macedoni a” r i vol t o a gi ovani f r a i 15 e i 25 anni . Vengono i nvi at i 15 t est i scr i t t i da 9 r agazze e 6 r agazzi , si a i t al i ani che di or i gi ne st r ani er a. I quat t r o vi nci t or i del concor so, Di l eep, Fi l i ppo, Sadi a e Fat i ma di vent ano i pr ot agoni st i del vi deo “ Vi a Li ber a” vi si bi l e onl i ne su www. cr ossi ngt v. i t

I l concor so è st at o pr omosso nel l ' ambi t o del pr oget t o “ Vi a Li ber a” , con i l cont r i but o del Mi ni st er o del Lavor o, del l a Sal ut e e del l e Pol i t i che Soci al i e del l a Fondazi one del Mont e di Bol ogna e Ravenna; i n col l abor azi one con i l Comune di Bol ogna ( Set t or e Spor t , Gi ovani e Tur i smo) e del Pr oget t o I nt er cul t ur al e- Cent r o Zonar el l i ; con i l pat r oci no del l a Regi one Emi l i a- Romagna ( Assessor at o Scuol a, For mazi one Pr of essi onal e,


I l r egol ament o del concor so Noi di Cr ossi ngTV st i amo cer cando i pr ot agoni st i e l e pr ot agoni st e per un cor t omet r aggi o. Non cer chi amo r agazzi ai t ant i o r agazze spi non cer chi amo vol t i f ot ogeni ci o cor pi scol cer chi amo at t or i e nemmeno bal l er i ne. Noi cer chi amo gi ovani cr eat i v* , cur i os* e sensi bi l i , che abbi ano vogl i a di met t er si i di scopr i r e come f unzi ona una pr oduzi one vi come aut or i o aut r i ci che come at t or i o at t

gl i at e, pi t i ; non n gi oco e deo si a r i ci .

Per par t eci par e a quest a avvent ur a bast a scr i ver e un sol o t est o ( l ungo o br eve non ha i mpor t anza) , per es: una poesi a, un r accont o, una pagi na di di ar i o, ecc. ( anche un sms) l ’ i mpor t ant e è che si a per sonal e. I l t ema è “i o, come una macedoni a”. Per chè quest o t ema? L’ i dea è che t ut t * noi si amo come una macedoni a: si amo compost i da t ant i succosi pezzet t i ni , dai var i sapor i e dai var i col or i , che non si amal gamano mai di vent ando mar mel l at a, ma che convi vono i n equi l i br i o ognuno con l a pr opr i a car at t er i st i ca. A vol t e pr eval e un f r ut t o su un al t r o a seconda del l a st agi one o a seconda del l ’ umor e; a vol t e l a nost r a macedoni a è zuccher osa e al t r e vol t e pi ù aspr i gna…I nsomma si amo f at t * di t ant i el ement i che ci r endono uni ci e uni che. Cont r o chi ci vuol e omol ogat * , cont r o chi ci appi cci ca et i chet t e st upi de, cont r o chi ci i mpone di pr ender e del l e di r ezi oni che non sono l e nost r e, cont r o che ci gi udi ca senza conoscer ci , espr i mi amo i n t ut t a l i ber t à quel l o che si amo! ! ! ! E al l or a…VI A LI BERA! ! ! ! ! Qual i sono gl i i ngr edi ent i che compongono l a t ua i dent i t à? Usa l a met af or a del l a macedoni a e scr i vi l a r i cet t a di quel l o quel l * che sei , oppur e r accont a l ’ i ngr edi ent e pi ù i mpor t ant e, i l l ust r aci l a pr epar azi one e, per chè no, anche l a pr esent azi one. Ogni t est o per venut o sar à pubbl i cat o on- l i ne i n uno spazi o dedi cat o su Cr ossi ngTV.


La macedoni a di Mi anù Una Si a ogni di f f

mac edoni a eh?! l a vi t a c he l e per sone sono un mi st o di f r ut t i di t i po, con col or i f or me, sapor i e pr of umi er ent i …

Si di ce sempr e “ i l mondo è bel l o per c hè è v ar i o” , beh i o sono assol ut ament e d’ accor do; non c’ è ni ent e di pi ù bel l o e appagant e del l ’ i ncont r ar e per sone c ompl et ament e di ver se da noi e condi v i der e i nsi eme qual si asi cos a, dagl i hobby al l e pass i oni . Ador o i f r ut t i , ma mi pi ace pi ù guar dar l i c he mangi ar l i , ador o i col or i acces i che possi edono quando r i spl endono s ot t o l a l uce del s ol e; a vol t e è un peccat o r accogl i er l i , ma se non l o f acessi mo, l a l or o v i t a non i ni z i er ebbe. Le per s one sono f r ut t i di i nest i mabi l e val or e e bi sogna aver ne cur a, ci s ono f r ut t i c he hanno nomi a v ol t e quasi s conosc i ut i c ome guava, k i wano, mar ac uj a e t ant i al t r i . Nomi nuovi , f or se st r ani , per noi che s i amo abi t uat i al l e cose sempl i ci e t r adi zi onal i , ma s opr at t ut t o c onosci ut e. Ma l a s t r anez za del nome, del s apor e è f or s e un l i mi t e o un os t acol o? No af f at t o, è una r i cc hezza, qual c osa di spec i al e e nel moment o i n cui ne v eni amo a c onoscenza, nessuno ce l a può t ogl i er e. Abbi amo l a l i ber t à di scegl i er e t ut t i i f r ut t i che v ogl i amo e quant i ne vogl i amo. Abbi amo l a possi bi l i t à di at t i nger e da ques t a mol t i t udi ne di conoscenza nuova, anche saggezza, umi l t à, onest à e si ncer i t à. Nessun f r ut t o è ugual e al l ’ al t r o, ma ognuno ha t ant o da of f r i r e: dal col or e al l a pol pa suc cosa ai semi ni per r i pr odur ne un al t r o. I l mondo è pi eno di f r ut t i mer avi gl i osi che a vol t e hanno paur a di veni r e al l o scoper t o per chè pensano di non pi acer e abbast anza, di non esser e abbas t anza bel l i e i nt er essant i , di non ess er e al l ’ al t ezza di si t uazi oni appar ent ement e di f f i ci l i , ma quest i f r ut t i non sanno di appar t ener e ad una mac edoni a al t r et t ant o r i cca di f r ut t i con l e st ess e paur e e con gl i st essi sogni . Tener si l ont ani e non f ar si conoscer e è l a cosa peggi or e che si pos sa f ar e, per sè st essi e per gl i al t r i : ogni f r ut t o deve t i r ar e f uor i ci ò che r acc hi ude dent r o di sè e donar e l a sua st or i a, l a sua per sonal i t à i l suo car at t er e e i l cuor e. Sol o cos ì l a macedoni a che r i specchi a quest o mondo sar à compl et a e f el i ce.


La macedoni a di Lar a Sì , una vol t a l ’ ho conosci ut a una macedoni a. L’ ho i ncont r at a al l a f er mat a del l ’ aut obus; andava al l ’ ar eopor t o per pr ender e i l pr i mo vol o per Londr a. Di sse che er a l a sua ci t t à pr ef er i t a, così var i a, così col or at a, così mul t i et ni ca… pr opr i o come vol eva sent i r si l ei ! ! ! Non st ava bene nel f r i go i n cui l ’ avevano messa dove conosceva sol o banane, f r agol e e mel e da 4 mesi . Vol eva ar r i cchi r si ! Al l or a pensai che anche i o mi sent i vo come l ei … e che Londr a er a anche l a mi a ci t t à pr ef er i t a. I o, come una macedoni a. Sempr e scomoda nel post o i n cui dovr ei esser e, mai abbast anza r i cca di esper i enza da st ar e bene ( e per quest o andai con l ei ! ) . La r a , 2 3 a nni


La macedoni a di Di l eep Un i ngr edi ent e f ondament al e del l a mi a macedoni a: l a mi a di ver si t à. Dunque… di ver si t à… che compl i cazi one, mi sent o di ver so quando si par l a d’ amor e, mi chi edo cos’ è quest o sent i ment o che i nvade i l mi o cuor e, f acendomi pr ovar e o sent i r e un senso di di sor i ent ament o; i l mi o cor po ne r i sent e, non capi sce qual i i mpul si emet t er e, qual i emozi oni , non capi sce che compor t ament o assumer e. Quest o senso di di sor i ent ament o pr eval e sul l e mi e emozi oni e mi conduce ver so quel l a st r ada, l addove l ’ amor e è t aci t o, chi uso i n un obl i o pr of ondo. Mi sent o di ver so i n gener al e, non sol o quando si par l a d’ amor e, ma anche per al t r e r agi oni , sopr at t ut t o mi sent o a di sagi o quando si par l a del l a pr opr i a f ami gl i a, dei pr opr i geni t or i , per ché non mi sent o di ver so, sono di ver so, ma non ne f acci o un dr amma, cer co di super ar e quest a di ver si t à. A vol t e mi ver gogno di esser e i ndi ano… mi bast a un moment o per sembr ar e come gl i al t r i , ma bast a uno sguar do di qual cuno per f ar mi r i t or nar e quel l o che sono. Di l e e p , 1 5 a nni


La macedoni a di Fat i ma I o, come una macedoni a sono a pezzet t i . C’ è una par t e di me che si nasconde: come l a per a un po’ gr assocci a e bi anchi cci a, che passa i n secondo pi ano r i spet t o agl i al t r i f r ut t i , così i o sono t i mi da e quando c’ è t ant a gent e che non conosco pr ef er i sco non espor mi . Sono una r agazza t r anqui l l a, ma quando qual cuno mi pr ende i n gi r o o mi a mamma esaudi sce i desi der i di mi a sor el l a pi ù pi ccol a e non i mi ei , mi capi t a di ar r abbi ar mi e l i t i gar e, di vent ando così aci da, come i l succo di un l i mone spr emut o nel l a macedoni a. So esser e anche dol ce e al l egr a, come i l mel one, mor bi do e col or at o. I l mi o cuor e, l o so, è buono, r osso come l e f r agol e, pi ene di punt i ni come i o sono pi ena di i nsi cur ezze. A vol t e, sono acer ba come un f r ut t o non mat ur o, ma penso che è nor mal e per l a mi a et à: ho qui ndi ci anni . Vor r ei , al t r e vol t e, r omper e quei l i mi t i dai qual i mi sent o bl occar e, come se dovessi r omper e l a vaschet t a del l a macedoni a e f ar cader e t ut t i i pezzet t i di f r ut t a per t er r a, col succo r ovesci at o… per l anci ar mi f uor i , ver so un mondo nuovo e vi aggi ar e, per ché mi pi acer ebbe conoscer e per sone di t ant e cul t ur e di ver se. I o st essa, i n I t al i a, come l o è i l mango nel l a macedoni a, sono un f r ut t o esot i co: sono mar occhi na. La vi t a di una i mmi gr at a i n una cl asse è un po’ pi ù dur a da mast i car e, come l a mel a r i spet t o al l a pesca, ma quando i ncont r i del l e per sone che t i ascol t ano, con cui puoi par l ar e, f ar e ami ci zi a, l a vi t a di vent a pi ù mor bi da, come i chi cchi d’ uva, dol ci e r ot ondi . Si amo per sone di ver se: c’ è chi vi quando è nat o e c’ è chi è ar r i vat l a macedoni a è f or mat a da t ant i f sapor i di f f er ent i , ma pr ovat e ad mi x è davver o del i zi oso ( chi non r i cet t a, l a può t r ovar e l eggendo quest o br eve t est o) .

ve i n I t al i a da o da poco, ma anche r ut t i di ver si e da assaggi ar ne una, i l conoscesse l a t r a l e r i ghe di


La macedoni a di Mi l an Tut t a l a mi a f ami gl i a è sempr e st at a un gr ande e gi gant esca macedoni a, t r a cui dei cugi ni davver o macedoni , ci oè che veni vano dal l a Macedoni a. Mamma, papà, nonni , zi i : si sposavano anche se er ano di paesi e di r el i gi oni di ver se. E che bel l e f est e per i mat r i moni ( così mi r accont a mi a madr e) ! I n f ami gl i a abbi amo cr i st i ano- or t odossi , musul mani e cat t ol i ci . Poi un gi or no qual cuno deci se che l e macedoni e non er ano pi ù gr adi t e: megl i o esser e monof r ut t a, monocol or e, monocul t ur al i …monot oni i nsomma. Così , l a mi a f ami gl i a si di sgr egò: chi si è spost at o i n Eur opa, chi è andat o i n Amer i ca e chi è r i mast o l à a combat t er e senza saper e i l per chè. Ed i o sono col or i e i di ver se, e mar mel l at e

nat o f r ut t che i ar t i f

i n I t al i a, un paese che ha t ut t i i i per cr ear e mi l l e t i pi di macedoni e nvece f a di t ut t o per conf ezi onar e i ci al i .

Ma i pezzet t i ni del l a mi a macedoni a l i di f ender ò sempr e. Mi l a n, 2 0 a nni


La macedoni a di Li l i ana è come un l epi dot t er o Col nome di “ Lepi dot t er i ” si i nt ende i l gr uppo di i nset t i conosci ut o come “ Far f al l e” . “ Lepi dot t er i ” der i va da due par ol e gr eche che si gni f i cano: “ al i a squame” . L’ Or di ne dei Lepi dot t er i compr ende un numer o enor me di speci e: ol t r e 120. 000 conosci ut e i n t ut t o i l mondo, di cui al meno 4. 000 f anno par t e del l a f auna i t al i ana. Ol t r e al f at t o di aver e l e al i coper t e di squame, che sono quel l e che danno l e spl endi de var i et à di col or i e r i f l essi , l e f ar f al l e hanno uno svi l uppo compl esso: nascono come br uchi , e come t al i assumono una gr an quant i t à di ci bo, si t r asf or mano qui ndi i n cr i sal i de, che i n t ant i casi si r i nchi ude i n un bozzol o, ed i nf i ne dal l a cr i sal i de esce l a f ar f al l a adul t a, l a f or ma che è pi ù comunement e conosci ut a. Ecco così mi sent o. un f asi , una l unga cr esci t di vent ar e una f ar f al l a. cr escer e e al i , e poi l i di segni sul l e al i . E i l vol o e vi vr ò i l mi o

Lepi dot t er o. La mi a vi t a a a dent r o i l bozzol o f i no a Pi ccol i passi per veder e e zampet t e, e poi i col or i e quando sar ò pr ont a spi ccher ò t empo. Li l i a na , 1 8 a nni


La macedoni a di Paol et t a Nel l a mi a i nt egr i t à scopr o l a mi a f r amment ar i et à. Non sono una f r agol a dol ce, non sono un ananas succoso, nemmeno una mel a acer ba, o un ki wi dal sapor e aspr o. Nel un Tal t al

la po’ vol vol

mi a i nt egr i t à scopr o di esser e un po’ l ’ una e l ’ al t r o. t a dol ce, succosa, t a aspr a, acer ba.

La mi a macedoni a è gr adevol e, è un equi l i br i o cost ant e del l e f r agr anze pi ù est r eme. Lasci a un pi acevol e cont r ast o di sapor i nel pal at o e gar ant i sce con gener osi t à una pr esenza cont i nua. Ed è gr azi e a quest a f r amment ar i et à che mi sent o i nt egr a. Pa o l e t t a , 2 5 a nni


La macedoni a di Sadi &Ami La mi a macedoni a è l ’ i nsi eme di t ant i pi ccol i pezzi di me che sono di sper si nel l o spazi o e cer cano di t r ovar e un i o. I l mi o i o cer ca di t r ovar e un me, ma non sa da dove cer car e. Tut t o ci o che mi st a at t or no è un i o e t ut t o ci o a cui st o at t or no è un me. Quando cer co un i o r i scopr o me st essa. I o sono sul l di me e un i Af r i ca, uno di sper so nel

a t er r a e ho scoper t o che l a t er r a è su o è i n Asi a, un i o i n Amer i ca, uno i n i n Ci na, uno i n Eur opa e uno è ancor a l o spazi o. Ami &Sa d i , 1 6 a nni


La macedoni a di Geor ge Una somi gl i anza. Ho sempr e cer cat o quest o nel guar dar mi al l o specchi o o scr ut ando i l r i f l esso sul l ’ acqua cr i st al l i na del mar e. Una somi gl i anza. Un segno che mi r i conducesse al l a ver i t à del mi o esser e. Sono un r i f l esso, vor r ei esser e una somi gl i anza: i l naso di mi a madr e, l a bocca di mi o padr e, gl i occhi ? Quel l i cer t ament e del l a nonna. Sogni ; r i cor di f r amment at i ; desi der i mi st i al l a paur a che l a r eal t à pot esse esser e pi ù bel l a dei mi ei vi aggi ment al i : sono t ut t o quest o? O f or se i o sono i l col or e at t i nt o di r et t ament e dal l a t er r a, e una cammi nat a educat a dal l a st r ada per cor sa scal zo? E l o sguar do? Quel l o è i nt r i so di t r amont i che spesso f acevan capol i no di et r o l ’ al t i pi ano del l a pover t à. Sono f i gl i o di mamma Af r i ca e quest o è l ’ uni ca cer t ezza. Sono ci ò che che i nesor abi Sono quel l a l t r a bel l ezza

sar ò nel t empo. l e scaval ca l a ot t a i nesor abi l e cat t i ver i a, t

Son f r ut t o del t empo mi a vogl i a di f er mar mi . e t r a paur a e cor aggi o, r a amor e e odi o.

Lo sguar do, f or se pi ù mal i nconi co, è al l ’ or i zzont e.

i ncol l at o

Sono i l t ent at i vo di veder e sempr e pi ù l ont ano. Ge o r g e , 1 9 a nni


La macedoni a di Mena Non ho mai amat o mol t o l a macedoni a: t r oppi sapor i di ver si che f i ni scono per di vent ar e aspr i se assaggi at i t ut t i i nsi eme. Da bambi na l ’ aspet t avo con ansi a sol o per l e f r agol e: l e mangi avo con gust o scar t ando gl i al t r i pezzi di f r ut t a. Poi l a scoper t a: un’ al l er gi a al l e f r agol e. Così ho dovut o i mpar ar e a mangi ar e gl i al t r i f r ut t i , e ho scoper t o che non sono poi così mal e pr esi si ngol ar ment e, ma t ut t i i nsi eme pr opr i o non r i esco a mandar l i gi ù. For se per ché i l sapor e di un f r ut t o pr eval e su quel l o di un al t r o, f or se per ché un pezzet t o mar ci o manda a mal e t ut t o l ’ i nsi eme, o sempl i cement e per ché chi ha pr epar at o l a macedoni a non ha saput o dosar e bene gl i i ngr edi ent i : t r oppo zuccher o o t r oppo poco, t r oppi ki wi a scapi t o del l e f r agol e, o chi ssà… Ognuno di noi è una macedoni a, t ant i umor i a vol t e i n cont r ast o t r a di l or o, a vol t e i n ar moni a, e t ut t e quest e pi ccol e macedoni e ne f or mano una pi ù gr ande. Ed i pezzet t i di f r ut t a di ognuno vanno a scont r ar si o ad assembl ar si con i pezzet t i di un al t r o: i pezzet t i di l i mone a compensar si con i pezzet t i di f r agol a, cr eando un equi l i br i o st abi l e, oppur e vanno a scont r ar si o ad uni r si con al t r i pezzet t i di l i mone, cr eando i nvece un’ eccessi va aci di t à. Nessuno di noi è compost o da un sol o i ngr edi ent e che ha una det er mi nat a pr er ogat i va su un al t r o. Dobbi amo accor ger ci che si amo un puzzl e di gust i e sapor i , che non si amo sol o f r agol a o mel a, ci l i egi a o l i mone, ma che i n ognuno di noi ci sono ent r ambi , c’ è i l bene o i l mal e i n per f et t o equi l i br i o o uno i n pr eval enza sul l ’ al t r o, ma al l a f i ne si amo t ut t i del l e macedoni e, è sol o i l cont eni t or e che t i ene i nsi eme i pezzet t i , che può esser e di ver so da un al t r o, ma se una macedoni a è buona r i mane t al e si a se ser vi t a i n un cont eni t or e di cr i st al l o che i n una sempl i ce coppa di vet r o.


La macedoni a di Fi l i ppo La macedoni a : mmm… che buona! Uno dei pi at t i pi ù buoni del l a t avol a mondi al e che, come t ut t e l e cose buone di ’ st o mondo ( cose, per sone, ecc. ) ar r i va sempr e per ul t i mo. Si ! Mi consi der o par agonabi l e ad una gr ande macedoni a che f a da desser t ad un gr ande pr anzo nat al i zi o; ma nonost ant e l a sua bont à, l a sua f r eschezza e l a sua dol cezza vi ene al cune vol t e r i f i ut at a. Ho l e mi e par t i dol ci che l a gent e si gust a t r oppo vel ocement e e quel l e meno dol ci che l a gent e ama t al vol t a st uzzi car e per veder e a dove por t ano. Spesso vengono t r al asci at e nel pi at t o, così cchè l e mi e paur e, l e mi e r abbi e e i mi ei sf oghi mi r i mangono dent r o e mi f anno sent i r e i ncompl et o e sol o. Nonost ant e ci ò, mi f a pi acer e che qual cuno al meno ogni t ant o, è st at o del i zi at o dal l a mi a dol cezza. Fi l i p p o , 1 7 a nni


La macedoni a di Luci a Di cono che sono pi gr a, ma come una f or mi ca met t o da par t e i dee e pensi er i per t i r ar l i f uor i al moment o gi ust o. Di cono che sono bel l a, ma dent r o di me sono come un boxer al l ’ ul t i mo r ound. Di cono che sono f i ghet t a, ma sent o di esser e al t er nat i va. Di cono che sono pi at t a, è ver o l o sono! Di cono che sono t r oppo ner a, è t ut t a i nvi di a! Lu c i a , 1 8 a nn i


La macedoni a di I si s I o come una macedoni a?! Sì , per ché sono un pi ccol o r eci pi ent e che cont i ene una f r agol a per l a sua dol cezza; una per a per l a sua sempl i ci t à; un pezzo di ananas per i l suo col or e r adi ant e come i l sol e e mezza mel a, per ché se guar di con at t enzi one, vedr ai un bel cuor e. Tut t avi a si amo t ut t i di ver si ; così come esi st ono t ant i t i pi di f r ut t i , esi st ono anche t ant i t i pi di per sone, ed è quel l o che ci r ende uni ci , per chè comunque appar t eni amo ad uno st esso ” gr uppo“ , ci oè a quel l o degl i esser i umani . Possi amo esser e dol ci come una mel a, aci di come un l i mone o mi st er i osi come un’ angur i a e con quest e car at t er i st i che possi amo cr ear e una combi nazi one per f et t a! Qui ndi per ché non l asci ar e l e di ver si t à da par t e e f or mar e un’ uni ca macedoni a? Is i s , 1 8 a nn i


La macedoni a di Mohamed Ecco i pezzi del l a mi a macedoni a. Di co f r agol a e mi vedo r osso di ver gogna per l a mi a t i mi dezza. Di co l i mone e mi vedo i n quel l a t er r a del sud che mi accol se nei pr i mi anni di vi t a. Di co al bi cocca e mi vedo come un f r ul l at o i n un mondo che mi è est r aneo. Di co uvet t a e mi vedo r i nveni r e ogni vol t a che mi i mmer go nel l ’ acqua cal da. Di co Ki wi e mi vedo ver de di i ncr oci o gl i sguar di di chi super i or e per chè ha un nome ( ment r e i l mi o f i ni sce con l

r abbi a ogni vol t a che pensa di esser e che f i ni sce con l a O a D) Mo h a me d , 1 7 a nni


La macedoni a di Mar y La mi a macedoni a. Mi r t i l l i , dal col or e s cur o e i ndef i mi o f ut ur o Al bi cocche, dal l a f or ma pi cc ol a e si mi e magl i et t e Ci l i egi e, sempr e i n coppi a c ome i mi E ancor a Dat t er i , dal sapor e dol ci ssi mo come mi o car at t er e che non conosco. Or ef i cer i a di f r ut t i pr ezi os i Nat ur a del l a mi a I dent i t Ă Assembl at a

ni bi l e come i l mpat i ca come l e ei geni t or i quel l at o del

Ma r y , 2 0 a nni

Via Libera  

Testi del concorso letterario "Io, Come una macedonia"

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you