Issuu on Google+

Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

Imparare  dal  cuore  di  Cristo   “Un  gruppo  di  manager  di  Londra,  che  avevano  terminato  una  importante  settimana  di  economia   mondiale,  realizzando  notevoli  affari  in  un  paese  centro-­‐africano,  correvano  nei  corridoi  del  piccolo   aeroporto,   perché   l’autobus,   che   li   aveva   trasportati   attraverso   le   vie   caotiche   della   grande   città   africana,   aveva   accumulato   un   notevole   ritardo   e   rischiavano   di   perdere   l’aereo   che   li   avrebbe   finalmente   riportati   a   casa   dalle   loro   famiglie.   Stringevano   nelle   mani   valigette   con   importanti   documenti,   il   biglietto   dell’aereo   e   il   passaporto,   affannati   e   preoccupati   non   guardavano   in   faccia   a   nessuno.   Purtroppo,   all’improvviso,   senza   volerlo,   due   di   questi   uomini   di   affari   inciamparono   in   una   bancarella   di   frutta   e   fecero   cadere   tutti   i   cesti   per   terra…   tutte   le   mele   si   sparse   per   il   corridoio,   ma   loro   erano   di   fretta   e   non   potevano   aiutare   nessuno.   Senza   guardare   indietro   continuarono  la  loro  folle  corsa  e  riuscirono  a  raggiungere  il  punto  di  imbarco.  La  frutta  fu  rovinata   e   calpestata   da   tutte   quelle   persone.   Tutti   gli   uomini   di   affari   salirono   sull’aereo,   meno   uno:   quest’ultimo   si   fermò   provando   un   sentimento   di   compassione   per   la   padrona   del   banco   di   mele.   Urlò   ai   suoi   amici   di   continuare   senza   di   lui   ed   avvertì   la   moglie   che   sarebbe   arrivato   con   il   volo   successivo.  Tornò  al  Terminal  e…  grande  fu  la  sorpresa  di  scoprire  che  la  padrona  del  banco  era  una   bambina   cieca.   La   bambina   piangeva   disperatamente,   grandi   lacrime   solcavano   il   suo   candido   visino.   Toccava   il   pavimento,   cercando   invano   di   raccogliere   le   sue   mele,   mentre   moltitudini   di   persone  andavano  e  venivano,  incuranti  di  lei  e  della  sua  disperazione.  L’uomo  di  affari  si  avvicinò  e   dolcemente  le  disse:  “Non  preoccuparti.  Ti  aiuto  io,  bambina!”  Educatamente  la  bambina  ringraziò  e   sorrise.  L’uomo  rimise  le  mele  nella  cesta  e  rimontò  il  banco  della  frutta,  ma  si  rese  conto  che  molte   mele  cadendo  si  erano  rovinate  e  molte  altre  erano  state  schiacciate  dalla  gente.  Quindi  si  avvicinò   alla  bambina  e  delicatamente  le  disse:  “Tu  stai  bene?”.  Lei  sorridendo  annuì  con  la  testa.  L’uomo  di   affari   tirò   fuori   allora   dal   suo   portafoglio   una   banconota   da   100   euro   e   la   mise   nelle   mani   della   bambina:  “Prendila  per  favore.  Sono  per  il  danno  che  ti  abbiamo  fatto.  Spero  di  non  aver  rovinato  la   tua   giornata.”   La   bambina   gentilmente   rispose:   “Oggi   lei   mi   ha   regalato   il   sole.   Grazie   signore!”   L’uomo   di   affari   riprese   la   valigetta,   il   suo   biglietto   e   il   passaporto,   e   con   passo   deciso   si   avviò   al   punto  di  imbarco…  ma  ecco  che  la  voce  della  bimba  lo  richiamò:  “Signore,  signore,  vorrei  farle  una   domanda.”  L’uomo  si  fermò  e  si  girò  a  guardare  il  volto  della  bimba:“Dimmi  pure.”  “Vorrei  sapere   una  cosa  da  lei:  lei…  per  caso…  è  Gesù?”.  Lui  rimase  immobile.  Non  sapeva  cosa  dire…  Ma  mentre  si   stava  avviando  all’aereo,  si  girò  parecchie  volte  a  guardare  la  bambina  e  una  domanda  gli  bruciava   nel  cuore  e  gli  tormentava  l’anima:  “Tu  sei  Gesù?”     A  volte  anche  noi  senza  saperlo  possiamo  portare  agli  altri,  attraverso  gesti  semplici,  l’amore  di  Dio   che   salva:   questa   bambina   era   cieca   e   quante   persone   sono   cieche   perché   non   conoscono   il   Suo   Amore;  questo  uomo  spontaneamente  ha  fatto  brillare  il  sole  nella  vita  di  questa  piccola.  Oggi  è  la   Giornata   missionaria   mondiale:   noi   tutti   possiamo   aiutare   i   missionari   nelle   diverse   parti   del   mondo,   ma   prima   di   tutto   possiamo   essere   missionari   nel   nostro   mondo   occidentale,   così   indifferente,  freddo  e  cinico,  così  triste  ed  egoista  portando  a  tutti  il  bene  più  prezioso…  l’amore  di   Dio  che  abita  in  noi.   Ma  noi  ci  sentiamo  amati  da  Dio?  In  questa  domenica  ancora  i  farisei  cercano  di  mettere  in  difficoltà   Gesù.  Dopo  la  questione  della  liceità  o  meno  di  pagare  il  tributo  a  Cesare  (questione  che  ci  pone  una   domanda  fondamentale  al  nostro  vivere  “Chi  è  il  Dio  che  servi  nella  tua  vita?”),  ecco  oggi  un’altra   questione   posta   a   Gesù   per   accusarlo   e   condannarlo:   “Maestro,   nella   Legge,   qual   è   il   grande   Comandamento?”  La  risposta  del  Signore  Gesù  è  immediata,  anzi  automatica:  “Amerai…”  (Mt  22,37)   www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

1  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

  citazione   testuale   dello   Shemà   Israel   (Dt   6,4)   ma   subito   viene   messo   in   relazione   con   il   precetto   dell’amore  del  prossimo  presente  nel  Levitico  (Lv  19,18).   Il  Signore  da  vero  Maestro  realizza  una  piccola  grande  rivoluzione:  seguendo  una  lettura  cara  alla   tradizione   rabbinica,   mette   in   stretta   relazione   i   due   precetti   “Questo   è   il   grande   e   il   primo…Il   secondo  è  simile  a  quello…  Da  questi  due  dipendono  tutta  la  Legge  e  i  Profeti”  (Mt  22,38-­‐40).  Gesù   ci   porta   all’immagine   della   moneta   della   scorsa   settimana,   sempre   con   due   facce   complementari,   una  moneta  donataci  da  Signore  per  spendere  bene  la  vita,  per  entrare  e  restare  attivamente  nella   logica  del  Regno  di  Dio.   Il  dottore  della  Legge  vuole  una  risposta  scolastica  dal  Signore  Gesù  (“Cosa  viene  prima  e  cosa  viene   dopo?)   ma   riceve   una   risposta   disarmante,   che   non   riguarda   la   gerarchia   degli   elementi   messi   in   gioco,  bensì  il  fondamento  della  vita  del  credente:  “essere  imitatori  di  Dio”.  E  si  può  cominciare  ad   imitare  Dio  solo  quando  si  desidera  “conoscerlo”  con  tutto  il  cuore,  con  tutta  l’anima  e  con  tutta  la   mente.  E  la  conoscenza  nella  Bibbia  è  sempre  un  “atto  d’amore”  (Adamo  ed  Eva  si  conobbero).  Dio   si   rivela   a   noi   in   Gesù   per   quello   che   è,   per   quello   che   dice   e   rivela   di   se   stesso,   e   tutto   questo   si   riassume   nelle   poche   parole   conclusive   che   abbiamo   letto   oggi   dal   libro   dell’Esodo:   “Perché   io   sono   pietoso”  (Es  22,26).   Solo   nell’esperienza   provvidenziale   del   nostro   “sentirci   amati   da   Dio”   potremo   a   nostra   volta   amare,   solo   sperimentando   la   sua   misericordia   saremo   capaci   di   misericordia   nei   riguardi   dei   fratelli.   Non   si   tratta   di   fare   qualcosa   per   Dio,   quanto   di   diventare   come   Dio,   frequentando   il   suo   Amore:  “Siate  perfetti  come  è  perfetto  il  Padre  vostro  celeste”  (Mt  5,48).   Ciascuno  di  noi  dovrebbe  tendere  a  meritare  l’elogio  che  l’apostolo  Paolo  rivolge  ai  Tessalonicesi:   “Voi  avete  seguito  il  nostro  esempio  e  quello  del  Signore…  per  servire  il  Dio  vivo  e  vero  (1Ts  1,6.9).   Il  Dio  di   Gesù  di  cui  vogliamo  farci  imitatori   per   esserne   un   amabile   riflesso   non   è   un   Dio   fissato  in   uno   scritto   o   custodito   gelosamente   in   uno   scrigno   o   tabernacolo,   né   tantomeno   idolatrato   in   un   crocifisso…   ma   è   sempre   e   continuamente   un   Dio   incarnato   nella   nostra   carne,   Vivente   oltre   lo   spazio   e   il   tempo   nel   nostro   spazio   e   tempo   vitale,   dinamico   e   in   continua   crescita   con   noi   nella   progressiva  consapevolezza  di  “essere  Amati  da  Lui  e  di  essere  inviati  ad  amare  nel  suo  Amore”.   Ecco   dunque   che   l’anima   dei   comandamenti   non   è   solo   obbedire   ciecamente   a   un   Dio   che   può   mandarci  all’inferno,  quando  ad  Dio  che  vuole  trasformare  la  nostra  vita  in  un  Paradiso  per  noi  e   per  gli  altri,  nel  suo  Amore  di  cui  la  nostra  vita  è  riflesso.  Cercare  di  obbedire  talora  a  caro  prezzo,   assumendo   docilmente   nella   nostra   carne   la   passione   di   Gesù   per   l’umana   creatura.   Essere   trasformati   in   Colui   al   quale   vogliamo   conformarci,   non   per   la   Legge,   ma   attraverso   la   Legge   meravigliosa  del  suo  Amarci  senza  limiti  e  condizioni.  Questo  è  lo  scandalo  del  suo  amore  che  rende   la  nostra  vita  scandalosa.   Da   questo   punto   di   vista   i   comandamenti   non   sono   dunque   dei   limiti,   dei   pesi,   degli   obblighi,   ma   al   contrario   sono   le   regole   del   meraviglioso   gioco   del   Suo   Amore.   I   comandamenti   ci   permettono   di   diventare   come   Lui,   di   affrontare   come   Lui   la   croce   per   Amore.   Ci   permettono   di   raggiungere   un   grande  senso  di  soddisfazione  e  di  pace  profonda,  persino  quando  siamo  sconfitti  dagli  eventi  del   mondo.  Che  gusto  c’è  nel  vincere  sempre  perdendo  il  fratello?  Vi  è  gioia  più  grande  nel  permettere   all’altro   di   vincere   per   condividere   con   lui   una   vittoria   più   profonda,   duratura   ed   autentica…   quella   di   “sentirci   amati   ben   sopra   ogni   nostro   merito”.   Se   faremo   questo   saremo   uomini   e   donne   dal   cuore   grande,   perennemente   stupiti   e   commossi   davanti   a   tutto   e   tutti,   liberi   da   ogni   paura   e   pericolo   perché   avvolti   e   protetti   da   un   Amore   che   è   nostra   forza,   sicurezza   e   beatitudine,   vulnerabili   nell’amore   ma   vittoriosi   nell’amore.   Non   ci   resta   che   impiegare   tutta   la   nostra   vita   in   www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

2  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

  questa  “Ars  Amandi”  e  cercare  come  possiamo  di  essere  “radiosi  testimoni”  di  questo  Amore  che  è   per  sempre.     Fra  Alberto    

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

3  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

Come  il  Signore,  esempio  di  umiltà     Gesù  chiamò  a  sé  gli  apostoli  e  disse:  “Voi  sapete  che  i  governanti  delle  nazioni  dominano  su  di  esse  e  i   capi  le  opprimono.  Tra  voi  non  sarà  così;  ma  chi  vuole  diventare  grande  tra  voi,  sarà  vostro  servitore  e   chi   vuole   essere   il   primo   tra   voi,   sarà   vostro   schiavo.   Come   il   Figlio   dell'uomo,   che   non   è   venuto   per   farsi  servire,  ma  per  servire  e  dare  la  propria  vita  in  riscatto  per  molti"  (Mt  20,25-­28).   •

Carissimi  fratelli  e  sorelle,  amati  e  prediletti  dal  Signore,  oggi  il  Vangelo  ci  interpella  con  un   accusa  forte  contro  il  nostro  vivere  una  fede  tiepida  o  superficiale.  L’accusa  rivolta  ai  farisei   vale   ancora   oggi   nei   riguardi   della   nostra   vita   di   credenti:   ad   ogni   cristiano   è   chiesta   la   testimonianza,  “che  esempio  do?”,  “sono  coerente  con  la  fede  che  professo?”.  

Nelle   tre   letture   che   ci   vengono   proposte   questa   domenica   ricorrono   i   diversi   ruoli   che   il   credente  è  chiamato  a  impersonare  nella  sua  vita  sociale,  ruoli  che  anche  noi  siamo  chiamati   a  vivere  più  o  meno  bene  nei  nostri  rapporti  fraterni:  si  parla  di  “padre”  (Ml  2,10;  Mt  23,9),   di  “madre”  (Sal  130,2;  1Ts  23,7),  di  “fratelli”  (Mt  23,8),  di  “servo”  (Mt  23,11).  

Frate  Francesco  scriveva  nella  “Lettera  a  tutti  i  fedeli”:  Oh,  come  sono  beati  e  benedetti  quelli   e  quelle,  quando  fanno  tali  cose  e  perseverano  in  esse;  perché  riposerà  su  di  essi  lo  Spirito   del  Signore  (cf.  Is.  11,2)  e  farà  presso  di  loro  la  sua  abitazione  e  dimora  (cf.  Gv.  14,23);  e  sono   figli   del   Padre   celeste   (cf.   Mt.   5,45),   del   quale   compiono   le   opere,   e   sono   sposi,   fratelli   e   madri   (cf.   Mt.   12,50)   del   Signore   nostro   Gesù   Cristo.   Siamo   sposi,   quando   l’anima   fedele   si   unisce   al   Signore   nostro   Gesù   Cristo   per   virtù   di   Spirito   Santo.   Siamo   suoi   fratelli,   quando   facciamo  la  volontà  del  Padre  che  è  nei  cieli  (Mt.  12,50).  Siamo  madri,  quando  lo  portiamo   nel   cuore   e   nel   corpo   nostro   per   mezzo   del   divino   amore   e   della   pura   e   sincera   coscienza,   lo   generiamo   attraverso   le   opere   sante,   che   devono   risplendere   agli   altri   in   esempio   (cf.   Mt.   5,16).  

Il   Signore   ci   aveva   detto   la   scorsa   settimana   che   l’essenziale   e   il   fondamento   della   Legge   e   dei  Profeti  è  amare  Dio  e  amare  il  fratello  come  siamo  amati  noi  stessi  da  Dio.  Sono  le  due   facce  della  stessa  medaglia,  della  stessa  moneta  donataci  da  Dio  per  spendere  bene  la  vita.   Oggi   nella   prima   lettura   Dio   si   lamenta   con   il   suo   popolo,   o   meglio   con   i   suoi   sacerdoti,   a   causa   della   durezza   del   loro   cuore:   “Perché   dunque   agire   con   perfidia   l’uno   contro   l’altro,   profanando  l’alleanza  dei  nostri  padri?”  (Ml  2,10).  Si  può  perciò  dedurre  che  il  “dare  gloria  a   Dio”   è   prima   di   tutto   “prendersi   cura   dei   fratelli”,   secondo   l’insegnamento   e   l’esempio   dell’apostolo   Paolo,   che   dice   alla   comunità  di  Tessalonica:  “Siamo  stati  amorevoli  in  mezzo   a   voi,   come   una   madre   che   ha   cura   dei   propri   figli.   Così,   affezionati   a   voi,   avremmo   desiderato   trasmettervi   non   solo   il   vangelo   di   Dio,   ma   la   nostra   stessa   vita,   perché   ci   siete   diventati   cari.”  Anche  voi  mi  siete  cari  e  siete  sempre  nel  mio  cuore,  carissimi  fratelli  della  comunità  di   Chivasso   e   faccio   miei   le   parole   di   Paolo.   Guardando   al   Signore,   impariamo   da   Lui   che   umile   e  mite  di  cuore.  Dare  gloria  al  nome  di  Dio,  nostro  Padre,  è  veramente  prima  di  tutto  “amarci   amorevolmente   come   una   madre   verso   i   propri   figli”,   amare   con   l’amore   materno   di   Dio   (“Come   una   madre   consola   un   figlio,   così   io   vi   consolerò;   a   Gerusalemme   sarete   consolati.   Voi   lo   vedrete   e   gioirà   il   vostro   cuore,   le   vostre   ossa   saranno   rigogliose   come   l’erba.”   Is   66,13-­‐14).  

Che   cosa   significa   essere   madre   per   l’altro?   Paolo   ci   dice   di   essere   stato   “madre”   che   nutre   e   cura.  Ecco  dunque  il  ministero  della  maternità:  nutrire  l’altro  perché  cresca  e  questa  crescita   sia  come  quella  degli  alberi  del  bosco,  nella  libertà,  nella  diversità  e  pluralità  delle  forme,  al   www.parrocchiamadonnaloreto.it   parrocchiamadonnaloreto@gmail.com   1  

 


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

massimo  delle  proprie  possibilità,  ma  tutti  verso  il  sole.  Questo  ho  desiderato  quando  ero  fra   voi  e  questo  ancora  oggi  desidero  per  tutti  voi.     •

La   parola   “autorità”   deriva   dal   termine   latino   “augere”   cioè   “far   crescere”.   L’atteggiamento   dei   farisei   e   di   alcuni   pastori   della   nostra   Chiesa   sembra   essere   proprio   l’opposto,   in   quanto   sono   proprio   coloro   che   bloccano   la   crescita   della   comunità   parrocchiale.   Il   presbitero   guardando   all’atteggiamento   di   Dio,   che   è   Padre   e   Madre   al   contempo   (“Se   una   madre   si   dimenticasse   del   proprio   bambino,   io   non   ti   dimenticherò   mai”   Is   49,15)   dovrebbe   essere   “padre   e   madre”   della   sua   comunità,   guardando   all’esempio   di   Gesù   (“Infatti   chi   è   più   grande,  chi  sta  a  tavola  o  chi  serve?  Non  è  forse  colui  che  sta  a  tavola?  Eppure  io  sto  in  mezzo   a  voi  come  colui  che  serve”  Lc  22,27)  dovrebbe,  pur  presiedendo  alla  comunità  nel  nome  del   Signore  (colui  che  sta  a  tavola),  essere  colui  che  lava  i  piedi  e  le  ferite  delle  “pecorelle”  del   suo  gregge.  

Lo   scopo   dell’atteggiamento   dei   farisei   è   cercare   l’ammirazione   della   gente   intorno   a   loro.   Anche   una   madre   può   essere   orgogliosa   di   sé,   ma   tale   ammirazione   si   fonda   sull’amore   autentico   per   le   persone   che   ama   e   non   su   uno   sterile   autocompiacimento   del   mondo,   nel   sentirsi  “migliori”.  Una  madre  è  orgogliosa  nel  vedere  che  la  sua  creatura  cresce  sana  e  bella   ai   suoi   occhi,   non   ricorda   la   fatica   e   le   veglie,   si   preoccupa   solo   delle   continue   cure   che   desidera   dare   a   quel   piccolo   mondo   di   persone   che   ama   genuinamente,   un   mondo   che   dipende   dalle   sue   attenzioni   ma   che   nel   contempo   è   meravigliosamente   autonomo   nella   crescita.  Beato  chi  ha  vicino  a  sé  persone  così  belle,  vivrà  “quieto  e  sereno”  come  in  braccio  a   una  madre.  

Concludo  con  le  parole  del  grande  J.  H.  Newman:  “Gli  apostoli  furono  considerati  dal  Cristo   come   rappresentanti   degli   altri   credenti   o   piuttosto   come   i   suoi   propri   rappresentanti.   In   realtà,   egli   è   il   solo   e   l’unico   a   sedere   sul   trono   del   Regno   (Ml   1,14)…   essi   sono   solo   i   suoi   reggenti,  in  sua  assenza…  e  qualunque  sia  il  loro  potere,  non  è  un  potere  che  possiedono  in   proprio,  ma  un  potere  che  viene  da  Lui;  e  come  questo  potere  non  ha  la  sua  origine  in  loro,   così  non  ha  la  sua  fine  in  loro”.  (J.H.Newman,  Sermoni  sui  temi  del  giorno,  16).   Uniti  sempre  nella  preghiera  e  nel  Suo  amore,  Pace  e  Bene  nel  cammino  della  Vita  con  Lui.  

  PREGHIERA:  Liberaci  dalla  doppiezza  e  dall’ipocrisia,  Signore,  con  l’aiuto  del  tuo  Spirito.  Vogliamo   essere  tuoi  veri  discepoli,  persone  semplici  e  schiette,  che  non  si  accontentano  di  seguirti  solo  con   le   parole.   Donaci   sincerità,   limpidezza   e   coerenza:   mai   nessuno   si   scandalizzi   per   i   nostri   cattivi   esempi.  Aiutaci  a  combattere  la  nostra  presunzione  di  “essere  maestri”;  donaci  il  coraggio  di  “essere   madri”  che  danno  tutto  loro  stessi  agli  altri  nel  tuo  Amore  che  è  per  Sempre.  Amen.  Alleluja.    

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

2  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

Tu  quando  verrai  Signore  Gesù…   Una  voce!  L'amato  mio!  Eccolo,  viene  saltando  per  i  monti,balzando  per  le  colline…  Ora  l'amato  mio   prende  a  dirmi:"Alzati,  amica  mia,  mia  bella,  e  vieni,  presto!  Perché,  ecco,  l'inverno  è  passato,  è  cessata   la  pioggia,  se  n'è  andata;  i  fiori  sono  apparsi  nei  campi,  il  tempo  del  canto  è  tornato  e  la  voce  della   tortora   ancora   si   fa   sentire   nella   nostra   campagna.   Il   fico   sta   maturando   i   primi   frutti   e   le   viti   in   fiore   spandono  profumo.  Alzati,  amica  mia,mia  bella,  e  vieni,  presto!  (Ct  2,8.10-­13)     Nell’Ultima  Cena  Gesù  ha  lasciato  ai  suoi  discepoli  e  a  tutti  noi  il  segno  del  Pane  e  del  Vino,  presenza   reale  del  Signore  fra  noi.  Ogni  eucaristia  viene  celebrata  nell’attesa  della  sua  venuta  nuovamente  fra   noi   nella   gloria.   Ogni   assemblea   eucaristica   non   si   stanca   di   invocare   “Vieni   Signore   Gesù!”   Il   mistero   della   sua   venuta,   verso   la   quale   tende   tutta   la   storia   della   salvezza,   è   il   tema   di   questa   domenica.   In   realtà   il   mondo   di   oggi   pensa   poco   alla   morte   e   tanto   meno,   anche   molti   cristiani   praticanti,  pensano  al  ritorno  del  Signore,  compimento  delle  nostre  vite  e  della  nostra  storia.  Ci  si   preoccupa   di   tante   cose,   come   Marta   la   sorella   di   Maria   e   di   Lazzaro,   e   si   presume   che   quando   sarà   venuto   quel   momento,   solo   allora   si   penserà   come   affrontarlo.   “È   un   atteggiamento   insensato”   ci   avverte  Gesù  raccontandoci  la  parabola  delle  dieci  vergini.  La  venuta  di  Gesù  va  preparata  giorno   per  giorno  nel  nostro  cuore:  “Ecco  lo  sposo.  Andiamogli  incontro”   •

Ma   noi  desideriamo   che   egli   venga   nella   nostra   vita   per   illuminarla?   La   sua   luce   mostrerà   la   verità  del  nostro  vivere.  Signore  pietà.  

Ci  siamo  forse  addormentati  lungo  l’attesa?  Lui  viene  e  bussa  al  nostro  cuore  per  risvegliarci   dal  torpore  del  peccato.  Cristo  pietà.  

Abbiamo   consumato   tutto   il   nostro   olio   e   nel   cuore   sentiamo   la   pesantezza   del   dubbio   e   dell’angoscia?  Lui  viene  per  portarci  vita.  Signore  pietà.  

Tu,  quando  verrai,  Signore  Gesù,  quel  giorno  sarai  un  sole  per  noi.  Un  libero  canto  da  noi  nascerà  e   come  una  danza  il  cielo  sarà.     Tu,   quando   verrai,   Signore   Gesù,   insieme   vorrai   far   festa   con   noi.   E   senza   tramonto   la   festa   sarà,   perché  finalmente  saremo  con  te.     Tu,   quando   verrai,   Signore   Gesù,   per   sempre   dirai:   "Gioite   con   me!".   Noi   ora   sappiamo   che   il   Regno   verrà:  nel  breve  passaggio  viviamo  di  te.   •

Favola:   Un   giovane   abile   ed   intraprendente   aveva   ricevuto   dal   padre   un   grande   regno,   ma   prima  di  salire  al  trono  decise  di  chiedere  consiglio  ad  un  vecchio  saggio  che  abitava  fra  le   montagne.  Fece  perciò  un  lungo  viaggio  e  giunto  sulla  montagna  dai  grandi  abeti  e  querce,   decise  di  intrattenersi  con  il  maestro  per  parecchi  giorni.  Molti  furono  i  suoi  insegnamenti   sia  sulla  natura  umana,  sia  sulle  cose  del  mondo.  Giunto  il  giorno  di  partire,  incantato  dalla   saggezza  che  si  irradiava  da  quel  vegliardo,  il  giovane  gli  chiese  un  ultimo  consiglio  per  poter   governare  con  altrettanta  sapienza  il  suo  popolo:  “Qual  è  la  prima  virtù  che  deve  avere  un   re?”.   Il   vecchio   rifletté   un   istante   e   poi   disse:   “Per   prima   cosa   sii   paziente   e   non   avrai   difficoltà  alcuna  a  portare  bene  e  prosperità  al  tuo  regno”.  Il  giovane  re  ringraziò  e  fece  un   inchino…   ma   il   saggio   ripeté   “Per   prima   cosa   sii   paziente   e   non   avrai   difficoltà   alcuna   a   portare  bene  e  prosperità  al  tuo  regno”.  Il  giovane  re  sorrise  e  promise  al  saggio  che  avrebbe  

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

1  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

fatto   tesoro   del   suo   consiglio…   ma   il   saggio   ripeté   ancora   “Per   prima   cosa   sii   paziente   e   non   avrai  difficoltà  alcuna  a  portare  bene  e  prosperità  al  tuo  regno”.  Il  giovane  re  ripromise  che   avrebbe  ascoltato  e  messo  in  pratica  il  consiglio…  ma  il  saggio  nuovamente  disse  “Per  prima   cosa   sii   paziente   e   non   avrai   difficoltà   alcuna   a   portare   bene   e   prosperità   al   tuo   regno”.   A   questo  punto  il  giovane  re  si  arrabbiò  e  disse:  “Mi  credi  un  imbecille  o  pensi  che  sia  sordo?   Ho  capito.  È  la  quarta  volta  che  mi  dici  la  stessa  cosa.  Ho  capito  e  lo  farò”.  Il  saggio  gli  sorrise   dolcemente   e   per   mostrargli   la   difficoltà   di   mettere   in   pratica   il   suo   consiglio   aggiunse:   “Vedi,  non  è  per  niente  facile  essere  pazienti.  È  bastato  che  io  abbia  ripetuto  una  volta  di  più   il  mio  consiglio  e  subito  ti  sei  irritato.  Se  vuoi  arrivare  alla  Sapienza,  sappi  aspettare”.     •

La  scorsa  domenica  il  Vangelo  ci  invitava  a  prendere  le  distanze  dal  comportamento  ipocrita,   saccente   e   opprimente   dei   farisei   per   assumere   invece   il   cuore   vitale   e   vivificante   della   “madre”   che   nutre   e   si   adopera   ogni   giorno   per   la   crescita   dei   figli.   Nella   liturgia   odierna   appare   l’immagine   nuziale   della   vergine   in   attesa   ardente   dello   Sposo,   tensione   che   arriva   al   culmine  nel  compimento  del  desiderio:  “Le  vergini  che  erano  pronte  entrarono  con  lui  alle   nozze”  (Mt  25,10).  Il  verbo  “entrare”  sottolinea  il  coronamento  di  un  profondo  desiderio  di   comunione,  il  raggiungimento  di  quella  intimità  tanto  sperata  nella  lunga  attesa  della  notte.  

Tutto   ciò   trova   conferma   nella   prima   lettura   dove   abbiamo   sentito   che   la   sapienza   “facilmente  si  lascia  vedere  da  coloro  che  la  amano”  (Sap  6,12)  e  nella  seconda  lettura  dove   l’apostolo   Paolo,   scrivendo   ai   Tessalonicesi,   li   esorta   a   rallegrarsi   e   a   confortarsi   a   vicenda   nella  speranza  che  alla  fine  “così  per  sempre  saremo  con  il  Signore”  (1Ts  4,17).  

La   nostra   vita   d’altronde   noi   la   viviamo   nell’equilibrio   degli   opposti:   entrare   o   rimanere   fuori   dalla   festa;   essere   ammessi   o   essere   esclusi   dal   banchetto   di   nozze;   godere   o   essere   privati   della   visione   beatifica   del   volto   dello   Sposo   che   dona   gioia   e   pace   ai   nostri   cuori   inquieti.  Solo  contemplando  lo  Sposo  Gesù  che  si  unisce  alla  Sposa  la  Chiesa,  noi  possiamo   far  risplendere  i  nostri  giorni  nel  trionfo  della  vita  attraverso  la  vittoria  del  suo  Amore.    

Nelle   feste   di   nozze,   ai   tempi   di   Gesù,   le   vergini   che   accompagnavano   la   sposa,   trovavano   marito:  anche  noi  nella  nostra  partecipazione  vitale  alla  missione  della  Chiesa  permettiamo   alle  nostre  esistenze  di  trovare  quel  senso  e  quella  pienezza  che  solo  Gesù  ci  può  garantire.    

In   che   cosa   consiste   la   Sapienza?   Che   cosa   distingue   le   vergine   sagge   dalle   stolte?   Analizzando  da  vicino  il  testo,  ci  accorgiamo  che  la  saggezza  non  sta  nel  “resistere  al  sonno”:   tutte   si   addormentano…   il   sonno   del   dubbio,   la   fatica   dei   giorni   e   le   tenebre   dell’angoscia,   la   paura   di   restare   soli   o   disperare   della   sua   misericordia   per   i   troppi   peccati   che   ci   hanno   allontanato   da   Lui…   tutte   queste   cose   le   hanno   vissute   grandi   santi   come   Francesco,   Rita,   Teresina  del  Bambin  Gesù  o  padre  Pio.  La  carta  vincente  delle  vergini  sagge  è  “insieme  alle   loro  lampade,  presero  anche  l’olio  in  piccoli  vasi”.  L’olio  si  produce  con  la  spremitura  delle   olive,   triturate   dal   frantoio:   le   vergini   vivono   l’attesa   nel   desiderio   e   lavorano   ogni   giorno   nell’attesa   operando   il   bene,   preparano   il   Regno   nel   loro   cuore   e   nei   luoghi   della   loro   vita,   accettando  di  offrire  le  loro  vite  per  amore  di  Gesù  Sposo,  tutto  di  loro  stesse  danno  a  Lui,   vivono  di  Lui  e  per  Lui  producendo  il  buon  olio  della  Fede,  della  Speranza,  della  Carità.  La   Sapienza  perciò  consiste  nel  “non  stare  con  le  mani  in  mano”  ma  nel  lavorare  per  il  Regno,   preparandosi   al   peggio.   La   Sapienza   è   sapere   in   anticipo   che   le   cose   potranno   “andare   per   le   lunghe”:   lo   Sposo   potrebbe   tardare   a   venire…   perché   l’umanità   non   è   ancora   pronta   ad   accoglierlo.  Le  vergini  sagge  hanno  un  rapporto  giusto  con  il  tempo  e  con  la  vita,  sanno  che   noi   viviamo   di   Lui   e   per   Lui;   mentre   le   stolte   vivono   in   modo   superficiale,   si   lasciano   prendere   dal   funesto   ottimismo   di   una   vita   senza   pericoli   o   problemi,   eternamente   nell’illusione  di  un  paese  dei  balocchi  dove  tutti  si  vogliono  bene  e  nessuno  ti  può  ingannare.  

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

2  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto    

 

Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

Solo  in  un  rapporto  giusto  con  il  tempo  e  la  vita,  accettando  contrattempi,  ritardi  e  delusioni,   senza   lasciarci   vincere   da   queste,   potremo   attendere   il   compimento   dei   nostri   giorni   con   l’arrivo  dello  Sposo  desiderato;  a  tutti  noi  è  stata  affidata  nell’attesa,  come  una  lampada,  la   nostra  vita,  nel  corpo  e  nello  spirito  che  vanno  entrambi  nutriti  e  fatti  crescere.  Occorre  che   la  lampada-­‐vita  sia  accesa  e  perché  questa  lampada  funzioni  è  necessario  il  nostro  impegno   e   la   nostra   lungimiranza.   Il   pericolo   sempre   in   agguato   è   che   la   lampada   si   spenga:   tutti   corriamo   il   rischio   di   “spegnerci”   e   quindi   di   non   riconoscere   l’arrivo   dello   Sposo   perché   ripiegati  su  noi  stessi,  sulle  nostre  paure  e  dubbi.  

Quando   arrivò   lo   Sposo   “la   porta   fu   chiusa”:   è   ben   giusto   che   la   porta   venga   chiusa   per   garantire  l’intimità  e  il  calore  della  festa  e  della  comunione  d’Amore.  

  Signore  Gesù,  che  sei  veramente  lo  Sposo  delle  nostre  vite,  della  nostra  umanità,  donaci  il  coraggio   dell’attesa   e   la   sapienza   della   lungimiranza   nel   nostro   lavoro   fedele   per   rendere   possibile   l’avvento   del   tuo   Regno   nei   nostri   Cuori   e   nelle   nostre   Vite.   Dona   alla   nostra   lampada   non   solo   l’olio   sufficiente  ma  anche  quello  indispensabile  per  superare  e  varcare  le  molti  notte  del  nostro  vivere   nella  gioiosa  speranza  del  tuo  Amore  che  è  per  Sempre.       Fra  Alberto    

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

3  


Parrocchia  Madonna  di  Loreto   Frati  Cappuccini  -­  Chivasso  

 

 

Chiamati  ad  essere  liberamente  responsabili   In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì… Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro» (Mt 25,14-30)

Lavorare per portare frutto nel Regno di Dio: questa è la sintesi del Vangelo odierno. Oggi celebriamo la solennità della Chiesa locale, ma al consueto brano evangelico della “Vite e i tralci” (Gv 15) ho preferito leggere e meditare sul passo di Matteo 25, di cui sentiremo la conclusione nella prossima domenica.

Il lavoro è un dono di Dio, perché l’uomo si realizzi nella sua piena umanità, un dovere e un diritto soprattutto oggi dove difficilmente si trova lavoro, una legge inscritta da Dio nel nostro statuto di creature a cui viene affidato responsabilmente il creato. Noi cristiani lavoriamo a immagine di Dio e a immagine di Cristo Gesù, che sempre opera in noi se ci lasciamo lavorare dal suo Spirito (Gesù disse loro: "Il Padre mio agisce anche ora e anch'io agisco". Gv 5,17).

Ora se il lavoro è un dono, lo sono anche gli strumenti per lavorare: qualità, abilità, attitudini, relazioni… Dio ce le dona per lavorare bene, ma occorre metterle al servizio degli altri. La parabola di oggi ci fa capire quanto il Vangelo abbia condizionato il parlare comune: quando una persona è ha delle doti o delle risorse straordinarie diciamo che ha un “talento”. Un talento costituiva la paga di circa seimila giornate di lavoro, dunque un vero e proprio capitale. Anche il servo al quale viene affidato un solo talento, riceve in realtà una grande ricchezza.

Dunque tutti abbiamo dei talenti: questa è una bellissima notizia. Chi più o chi meno, tutti abbiamo un capitale ingente da amministrare, da far fruttare per il bene di tutti, una risorsa da mettere a disposizione di tutti. Tutti, senza eccezioni, possediamo dei talenti: anche quelle persone che non riescono ad accorgersene o che, peggio, passano il tempo ad invidiare i talenti degli altri, nascondendo il proprio sottoterra. È difficile accorgersi dei propri talenti, perché troppo spesso siamo capaci a sottolineare solo il peggio e i nostri difetti; facciamo fatica a guardare con obiettività alle nostre qualità. Possediamo tutti dei talenti, ma troppo spesso confondiamo l’umiltà con la rassegnazione, nella falsa modestia di non aver ricevuto nulla da Dio.

Ogni comunità è bella perché c’è un sacerdote, dei catechisti, le donne che puliscono la chiesa e quelle che mettono i fiori sull’altare: la comunità è bella grazie al lavoro fraterno di tutti. La comunità ha bisogno dei “talenti” di tutti. Il Signore ci chiede di prendere coscienza delle nostre qualità per metterle a servizio del Suo Regno che si realizza nella nostra Chiesa locale. Il Signore crede in noi… noi crediamo in Lui! Pace e tanto bene. Vostro fra Alberto.

 

www.parrocchiamadonnaloreto.it    

parrocchiamadonnaloreto@gmail.com  

1  


Omelia per gli adulti Anno A