Page 1

Portfolio Vittorio Pio Cristofori


Vittorio Pio CRISTOFORI ISTRUZIONE E FORMAZIONE In corso 30.03.1989 Via Monginevro 100 Torino

cristofori.vit@gmail.com s230860@studenti.polito.it

Laurea Magistrale in Ingegneria Edile classe LM-24 al Politecnico di Torino 2010 - 2015

Laurea di primo livello in Ingegneria Edile classe L-23 scienze e Tecniche dell’edilizia all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna Tesi: Percorso di rinascita della pinacoteca civica di Cento “Il Guercino” | Dalla crisi post-sisma alla dimensione metropolitana dei circuiti artistici attraverso il recupero e l’innovazione del tessuto urbano. Relatore: Andreina Maahsen Milan Correlatori: arch. Agostino Magnaghi, Ing. Luca Barbaresi 2009

Certificato di qualifica professionale di Disegnatore Edile IAL CISL Emilia Romagna 2008

Certificato ECDL European Computer Driving Licenze 2008

Diploma al Liceo Artistico Dosso Dossi, Ferrara Indirizzo Architettura e Design

ESPERIENZE LAVORATIVE 09/2017-12/2017

Stage presso F:L Architetti (Torino) Stesura ed elaborazione di disegni esecutivi per consegne a breve scadenza. Elaborazioni grafiche di progetti tramite la realizzazione di render e diagrammi per presentazioni con i clienti. 2016 - 2017

Portfolio on: https://issuu.com/cristofori.vit

Design di Loghi e grafica Studio e realizzazione di loghi grafici che rappresentino e sintetizzino al meglio le caratterisitche del marchio. Mostre-Rò | Art History Blog I Classici, Abbigliamento uomo (Bologna) Immobiliare Lamburghini (Ferrara)


09/2014 - 11/2014 Italiano Inglese

Madrelingua B1

Stage presso Lelli e Associati architettura (Faenza) Realizzazione di elaborati grafici bidimensionali per la partecipazione a concorso internazionale di architettura. Stesura di presentazioni a breve scadena attraverso la realizzazione di render e schemi grafici. 2009 -2010

Collaborazioni occasionali presso Studio Tecnico Geom. Alessandro Bovini (Ferrara) Migliorato l’efficacia grafica e la comunicazione dei progetti attraverso la realizzazione di render e diagrammi per presentazioni a breve scadenza. Autodesk Autocad Maxon Cinema 4D Google Sketchup Visual Dynamics VRay Adobe Photoshop Adobe Illustrator Adobe InDesign Adobe Lightroom Microsoft Word Microsoft Excel Microsoft Powerpoint Microsoft Windows Apple MacOS

03/2009 - 04/2009

Stage presso Tryeco 2.0 (Ferrara) Approfondimento della conoscenza dei software di elaborazione grafica e post-produzione di render tramite l’assistenza diretta ai titolari dello studio.

PUNTI DI FORZA Alta capacità di apprendimento, in grado di acquisire e rafforzare nuove competenze in tempo breve. Comunicatore eccellente. Capace di fornire coinvolgenti presentazione orali e visive. Di ampie vedute, flessibile e altamente adattabile al nuovo flusso di lavoro e cambiamento delle attività. Forte etica lavorativa: laborioso e propenso al perfezionamento e miglioramento personale. Atteggiamento da giocatore di squadra: in grado di definire i migliori step per il conseguimento degli obbiettivi senza intoppi, pur mantenendo un umore positivo e spensierato.

INTERESSI

Fotografia, Grafica, Disegn, Illustrazione per l’infanzia, Musica, Viaggi. Fotografia | Collaborazione come fotografo con Menuale 2017 startup del Politecnico di Milano. Realizzazione di fotografie di interni per il sito www.acenacolbaffo.com


Tesi di Laurea


OFFICINE

GUERCINO

PERCORSO DI RINASCITA DELLA PINACOTECA CIVICA DI CENTO Dalla crisi post sisma alla dimensione metropolitana dei circuiti artistici attraverso il recupero e l’innovazione del tessuto urbano Relatori: Arch. Andreina Maahsen Milan Arch. Agostino Magnaghi Ing. Luca Barbaresi

A distanza di circa tre anni dagli eventi sismici che il 20 e 29 Maggio 2012 hanno gra-vemente colpito il patrimonio architettonico e il tessuto economico e sociale della Regione Emilia Romagna, la Pinacoteca Civica Il Guercino di Cento è ancora completamente inagibile. A seguito dei gravi danni riportati dalla struttura, il Comune di Cento (in accordo con la Soprintendenza dei beni culturali) ha provveduto ad effettuare la messa in sicu-rezza dell’edificio, con puntellamenti, atti a consolidare provvisoriamente la costruzione. Il seguente studio si propone come obiettivo la delineazione di un percorso di rinascita della Pinacoteca Civica, grazie ad un intervento stra-


tegico su ampia scala che coinvolge il recupero di un ex struttura industriale abbandonata e ormai inglobata nel tessuto urbano centese. L’ex stabilimento S.I.M. Bianca, abbandonato da circa vent’anni, è caratterizzato da ambienti dalle ampie dimensioni adatti all’esposizione delle tele di grande formato ma che non consentono di raggiungere gli standard museali per la conservazione e l’espoizione delle opere. Nasce da ciò l’idea di scomporre gli spazi delle sale espositive della storica sede e di ricomporli in queso nuovo ambiente. L’oggetto tecnologico che ne risulta, è stato denominato Safebox, letteralmente cassetta di sicurezza per le sue caratteristiche tipiche delle più moderne sedi

espositive in termini di sicurezza, antincendio e controllo termoigrometrico. La struttura è costituita da cinque volumi delle identiche dimensioni delle sale espositive del Ex Museo, si sviluppa nello spazio esistente senza modificarlo, ma riempiendolo con la creazione di una struttura disassata frutto della compenetrazione non lineare dei volumi stessi. Il risultato è la creazione di uno spazio espositivo interno ed esterno al Safeboxdi grande dinamicità e notevole impatto visivo adatto ad ospitare la collezione della Pinacoteca e i futuri eventi espositivi di diversa natura.


Lavori Accademici


Esame progettazione tecnologica

MY HUB. GIAVENO Recupero della tettoia neoromanica dell’istituto G.Pacchiotti, situato nella città di Giaveno TO.


La tettoia neoromanica si trova inserita all’interno dell’area dedicata all’Istituto G.Pacchiotti, situato nella città di Giaveno (TO). Si tratta di un’intervento risalente alla metà dell’800, composto da tre edifici così suddivisi: Tettoia neoromanica, Istituto G.Pacchiotti, Semenzaio. La tettoia è costituita da una struttura in muratura ordinaria composta da muratura in pietrame intervallata da doppi corsi di legamento di mattoni, da una struttura di copertura in capriate metalliche con correnti in legno e manto di copertura in tegole marsigliesi. Allo stato attuale non risulta essere utilizzata per specifiche destinazioni d’uso. L’obiettivo generale con il quale si è proceduto è stato quello di promuovere il riutilizzo dell’edificio per usi attuali e vivificanti. Si è scelta una nuova destinazione d’uso a spazio di lavoro comune, coworking. All’interno sono presenti sale riunioni, ovvero luoghi dove riunirsi con i propri collaboratori o clienti e una caffetteria, dove rilassarsi, trovarsi con gli amici e conoscere persone. L’intervento nel suo complesso è stato pensato per essere il più possibile reversibile. Sono state infatti utilizzate strutture a secco in acciaio per delineare la successione degli ambienti interni e rendere possibile quindi anche future configurazioni spaziali. Questo aspetto è di centrale importanza, in quanto consente di conservare immutata l’immagine originale dell’opera, senza alterarne la qualità iniziale.

Z

Y

30.89 26.89 2.00

1.78

3.43

3.17

8.10 2.00

3.62

6.33

3.18

4.00

1.38

5.40

(Botola di accesso)

+0,64 m

0.79

a=16 p=30

4.40

16.19

+0,05 m

10.79

9.48

0.60

+3,20 m

a=16 p=30

(+0,05 m)

4.40

+1,76 m

X

0.60

(+0,05 m)

0.79

4.40

0.60

4.40

0.60

4.40

0.60

4.40

0.60

4.40

25.79

Z

Y

0.60

4.00

X


Esame progettazione Urbanistica

EX MOI - TORINO Riqualificazine urbana del Ex Mercato Ortofrutticlo all’ingrosso - Torino


L’area di intervento è quella identificata dal vigente P.R.G. come Ambito 12.24 Mercati Generali delimitata dalle vie Giordano Burno e via Zino Zini, nelle immmediate vicinanze di Piazza Galimberti e della stazione ferroviaria Torino Lingotto. Attualmente l’area vede una situazione i generale degrado caratterizzata da un lato dagli edifici dell’ex mercato generale e dall’altro dall’ex villaggio olimpico oggi diventata zona dalle particolari difficoltà socio culturali. Il progetto propone quindi la riqualificazione e la rivificazione di un area strategica. La nuova lottizzazione si collega come un continuo spaziale alla gia esistene piazza Galimberti diventando l’anello di congiunzione tra quest’ultima e il passaggio pedonale della passerella olimpica. Nell’area sono stati distribuiti in modo strategico edifici residenziali, servizi e terziario. Ampio spazio è stato destinato all’università e a tutti i servizi che le ruotano attorno in modo da rendere “vivo” l’intera area che punta a diventare il nuovo fulcro del quartiere. ,

1

2

3

4

6

5

7

8

1

Torre

5

Residenza universitaria

2

Hotel/Centro congressi

6

Parcheggio

3

Serra urbana

7

Residenziale

3

Campus universitario

8

Piscina

7

Portfolio Vittorio Pio Cristofori  
Portfolio Vittorio Pio Cristofori  
Advertisement