Issuu on Google+

1919


Cent’anni d’impresa

1919


CORRADINI

4


CORRADINI

P R E F A Z I O N E Tre generazioni racchiudono emozioni e sentimenti, ma anche evoluzioni di costume, storia, opportunità. L’uomo aspira a migliorare il suo standard di vita, ma anche a soddisfare bisogni non solo economici. Il segreto del successo e dell’appagamento, sta proprio nel riuscire a conciliare questi aspetti. Qui parliamo di una delle tante vicende umane e professionali che hanno fatto grande l’Italia partendo dalla provincia, alla base delle quali c’è sempre un uomo con idee, prospettive, tenacia, spirito imprenditoriale, un uomo che sa guardare avanti e immaginare un futuro che poi diventa realtà. Una delle tante eccellenze di cui Piacenza va orgogliosa da quasi un secolo.

5


CORRADINI

P

aolo Corradini nasce nel 1892.

Piacenza ha circa 40.000 abitanti, insieme al suo territorio porta avanti con una certa brillantezza un’economia basata quasi esclusivamente sull’agricoltura.

Paolo Corradini ha 16 anni quando Piacenza ospita la grande Esposizione Internazionale che la porta agli onori del mondo. In alto, l’ingresso principale, sotto il centro sanitario allestito all’esterno del quartiere fieristico.

6


CORRADINI

Ma coltiva anche una forte spinta

industriale inglese, aveva portato a

verso la modernità che nel 1908,

una concorrenza sempre più ampia

quando Paolo ha 16 anni, si

e di conseguenza al crollo dei prezzi.

concretizza in qualcosa di oggi

Al centro del “quartiere fieristico”,

impensabile: una grande esposizione

spicca una fontana monumentale,

internazionale, con il patrocinio

dominata da una grandiosa statua

di Sua Maestà che la verrà ad

dello scultore Annibale Monti, che

inaugurare, talmente estesa da fare

rappresenta il lavoro. Un’immagine

concorrenza all’allora imperante

che colpisce il giovane Paolo e gli

Expo parigino. Nascono padiglioni,

rimane impressa per tutta la vita.

uno stadio per calcio, ginnastica

Una vita fatta appunto di lavoro e

ed equitazione, ristoranti, bellissimi

ricerca, che lo ha portato a fondare

saloni, architetture moderne

quella che sarà, fino alla fine

nella loro classicità. Con il contro

degli anni Novanta del secolo XX,

di splendidi concerti e sotto un

un’eccellenza a livello internazionale.

cielo solcato da una mongolfiera,

Le autogru firmate Corradini saranno

espongono i big dell’industria italiana

il frutto di una ricerca continua, ma

e internazionale.

anche l’esaltazione delle qualità

Oltre due mesi di apertura all’insegna

dell’individuo: ogni parte è ideata,

della modernità più spinta.

studiata e progettata come se

L’orgoglio piacentino non è mai

fosse unica, assemblata con cura

stato così forte in tempi moderni,

artigianale. Alla Corradini si lavora

permeato da un’assoluta fiducia nel

in un ambiente quasi familiare, con

progresso, alla ricerca di conquiste

i titolari a fianco di tecnici e operai:

tecniche e con la ferma volontà

insieme alla ricerca della perfezione.

di uscire dalla recessione di fine

Nasce qui un’autentica scuola di

Ottocento, quando la rivoluzione

eccellenza del settore.

7


L

e realtà industriali piacentine all’inizio

del ‘900 sono sporadiche e disarticolate. Ma l’afflato prende vigore e tiene agganciato il territorio alle realtà urbane di quella parte d’Italia che, ancora oggi, costituisce l’ossatura di una nazione unita da pochi decenni, ma che saprà recuperare in buona parte tutta la sua dignità. Le nascenti realtà industriali guardano allo sbocco più immediato e suggerito dalla struttura economica: nascono i primi esempi di meccanizzazione delle colture, che cambiano il mondo dell’agricoltura.

La Grande Guerra ha chiamato in causa anche il fondatore dell’azienda, che durante il conflitto ha vestito la divisa di ufficiale (a destra). A sinistra, il giovane imprenditore in abiti civili all’inizio del XX secolo e della sua attività.


CORRADINI

I giovanissimi fratelli Luigi e Agostina sulla porta della prima sede degli uffici dell’azienda; il piano superiore fungeva da abitazione. Dietro, si intravede il capannone. E’ il puro concetto di “casa e bottega”.

La forza motrice del vapore prima e quella

agricole, le studia, le assimila, le ripara, le

dei motori a testa calda poi, portano

migliora. Sono gli anni di una formazione

alla repentina evoluzione degli aratri

“sul campo”, nei quali entra in società

polivomere, delle trebbiatrici meccaniche,

con un’altra realtà piacentina. La “Officine

dei “raccattafieni”, delle seminatrici. La forza

Carenzi” produce essenzialmente rimorchi,

muscolare dell’uomo, lascia spazio alle

sui quali sono montate anche le prime

nuove energie industriali.

cisterne. Paolo è fra i primi ad aderire al

Il giovane Paolo non è nato per stare

neonato Consorzio Agrario che, passando

a guardare: vuole essere partecipe di

dalle “Cattedre Ambulanti di Agricoltura”

questa corsa verso il nuovo, è attratto dalla

per arrivare alla Federconsorzi, si afferma

meccanica e dalle sue infinite applicazioni,

come fulcro vitale per l’attività del settore.

ne intravvede le enormi possibilità di

Lo spiccato interesse per la meccanica

progresso. E gli piace toccare con mano.

e per le dinamiche della produzione

Diciottenne (siamo nel 1910) si sposta

industriale, lo portano 27enne (nel 1919) a

per campi e poderi, smonta le macchine

fondare la ”Officine Paolo Corradini”.

9


CORRADINI

Alcuni esempi dei primi prodotti realizzati per l’agricoltura; i rimorchi, di vario genere fra i quali anche uno con cisterna, venivano poi commercializzati dal Consorzio Agrario di Piacenza.

10

Corradini è stato uno dei fondatori dello stesso Consorzio (è il primo da destra nella foto accanto con un gruppo di altri dirigenti).


CORRADINI

Didascalia

11


CORRADINI

“ Diciottenne si

sposta per terreni e poderi [...] Sono gli anni della formazione sul campo

Attrezzature per l’agricoltura realizzate nei primissimi anni del Dopoguerra.

12


CORRADINI

La produzione allineata come in esposizione di fronte alla sede ricostruita dopo la distruzione provocata dai bombardamenti della Grande Guerra.

13


CORRADINI

Esce anche lui, come milioni di italiani, dall’immane massacro della Grande Guerra, che lo ha visto ufficiale di fanteria. La produzione si allarga, ma è sempre riferita all’agricoltura: frangizolle, carri a rimorchio, polivomeri, sempre indirizzati al Consorzio Agrario che si occupa della loro commercializzazione. Le macchine si caratterizzano subito per le doti di resistenza e funzionalità, caratteristiche che da quel momento in poi saranno il marchio distintivo della “Corradini”.

Didascalia La produzione viene diversificata. Sopra: la creazione della “maschera” in acciaio per la creazione dei grandi pali per la distribuzione dell’energia elettrica.

14


CORRADINI

Uno speciale allestimento del modello “OM Super Taurus”.

15


CORRADINI

Paolo Corradini alla soglia dei settant’anni. A destra, alcuni dei riconoscimenti che gli sono stati attribuiti, fra i quali quello di Cavaliere della Repubblica Italiana.

16


CORRADINI

17


CORRADINI

L

’uomo è pervicace nei suoi errori,

bravissimo a sostituirsi alle calamità naturali. Lo scoppio della seconda guerra mondiale (che farà il triplo di morti della prima, 60 milioni contro 20) devasta ogni angolo del globo, ma non ferma l’attività dell’ancor giovane officina, che continua la produzione, facendosi trovare pronta alla grande ripartenza. Nel primo dopoguerra, la Corradini può partecipare a pieno titolo all’eccezionale ripresa di un’Italia finita in ginocchio: la città e la sua provincia godono di uno sviluppo senza precedenti nel campo dell’agricoltura e dei trasporti. Le richieste del mercato crescono di pari passo con lo sviluppo industriale ed urbanistico. Paolo resta fedele alla sua vocazione di pioniere della sperimentazione e si inserisce rapidamente, affermandosi ben presto, nel nascente settore della produzione di autogru. Nascono in rapida successione modelli che diventano pietre

La produzione vira decisa sulle macchine su gomma per il sollevamento. La “Comet 8/9” è la prima autogru firmata Corradini, con la novità assoluta della torretta girevole a 360°.

18


CORRADINI

miliari del settore, punti di riferimento

fondatore ricava dalle vicende del conflitto

unanimemente riconosciuti. Nei capannoni

una grande idea: ispirandosi alle torrette

di via Colombo si lavoro su tre turni

girevoli dei mezzi militari, soprattutto

giornalieri: le macchine non si fermano

americani, applica lo stesso principio alle

mai. Si lavora anche per conto terzi (si

autogru: una svolta epocale per tutto il

creano ad esempio gli enormi stampi

settore. Si comincia il modello “Comet� con

in acciaio per la produzione dei piloni

torretta girevole a 360 gradi, capace di una

di illuminazione stradale) e il genio del

portata massima di 8/9 tonnellate.

19


CORRADINI

20


CORRADINI

21


CORRADINI

Un’autogru Corradini davanti all’Università Cattolica del Sacro Cuore, uno dei fiori all’occhiello di Piacenza. Sotto, la gamma completa all’inizio degli anni Sessanta esposta nel piazzale del Consorzio Agrario.

22


CORRADINI

L’azienda Corradini è stata protagonista della Fiera espositiva di Milano: in questa pagina, l’edizione 1964.

“ Nei capannoni

di via Colombo si lavoro su tre turni giornalieri: le macchine non si fermano mai.

23


CORRADINI

Tutto ideato e realizzato in casa, ogni pezzo

possibilità di intervento.

è prodotto a mano. Solo i motori vengono

Le autogru Corradini diventano

acquistati, principalmente dalla “OM” di

indispensabili nel campo del sollevamento

Brescia: sono quattro cilindri con 53 cavalli

materiali, ad esempio per il montaggio delle

di potenza, gli stessi che equipaggiano il

strutture prefabbricate della RDB (azienda

mitico furgone “Tigrotto”.

leader del laterizio, che vive una stagione

Alla fine degli anni Cinquanta, ecco l’altra

d’oro in ottica ricostruzione) e occupano un

grande innovazione: il braccio fisso lascia

posto di prima fila sulle banchine di tanti

il posto al braccio a traliccio, più leggero e

porti marittimi italiani, per il carico e scarico

facile da montare, in grado di raggiungere

delle merci. L’evoluzione continua: la portata

altezze e prestazioni sempre maggiori,

massima aumenta fino a 70 tonnellate.

sviluppando quindi enormemente le

La “Serie 7” ha un successo enorme.

24


CORRADINI

Nella pagina precedente: Autogru all’interno dello stabilimento “RDB”, azienda leader nei prefabbricati. Sotto: Il fondatore scompare il 10 maggio 1964. Il feretro, diretto al cimitero, transita a fianco della sede storica in via Cristoforo Colombo, già fortemente ampliata rispetto alle origini.

25


CORRADINI

“ Nascono in rapida

successione modelli che diventano pietre miliari del settore, punti di riferimento unanimemente riconosciuti.

�

26


CORRADINI

27


CORRADINI

Autogru “Corradini� impegnate nella posa e montaggio delle travi di sostegno del ponte sul fiume Trebbia (proprio qui le legioni romane subirono una cocente sconfitta dalle truppe di Annibale), lungo la Provinciale che porta al castello di Rivalta.

28


CORRADINI

“ Le autogru Corradini

diventano indispensabili per il montaggio delle strutture prefabbricate della RDB.

�

29


CORRADINI

P

aolo Corradini muore nel 1964,

quando già da sette anni era Cavaliere della Repubblica, e lascia un’azienda in piena espansione. L’eredità è prontamente raccolta dai figli Luigi e Agostina che, con il marito Pierino Manfroni, sono cresciuti in azienda.

La seconda generazione aziendale: Luigi Corradini e, accanto, Agostina Corradini con il marito Pierino Manfroni.

30

Fin da ragazzi hanno affiancato il fondatore nel lavoro di tutti i giorni, ispirandosi al concetto di “casa e bottega”,


CORRADINI

applicato a una realtà imprenditoriale. La

Milano, a quella del Levante di Bari

seconda generazione capisce ben presto

o, più tardi, a quella di Verona,

i nuovi meccanismi e le necessità di

ma allestisce propri stand a Parigi,

un mercato che si è fatto affollatissimo

Hannover e Madrid.

di competitori che arrivano anche

Nel 1975, la produzione si sposta dallo

dall’estero. La nuova sfida si chiama

storico stabilimento di via Colombo

“autogru idraulica” , la tecnologia a

a Piacenza, nei modernissimi e

braccio telescopico che spazza via tutti

spaziosi capannoni di Pontenure, a

gli altri sistemi di trasmissione della

pochi chilometri dalla città, dove il

forza. La Corradini non solo mantiene

fondatore aveva già individuato ed

la sua forte posizione sul mercato, ma

acquistato un’area a questo scopo.

aumenta i giri del proprio motore e si

La produzione decolla: gli addetti

consolida grazie alla qualità costruttiva

sono 150, la “Serie 8” e la “Serie 9” non

di prodotti innovativi e di primissima

fanno che confermare la leadership

classe. I suoi prodotti si affermano in

dell’azienda piacentina. Di lì a pochi

Italia e hanno lo stesso distributore di un

anni, nel 1981, fa il suo ingresso in

colosso come “Caterpillar”. Conquistata

azienda la terza generazione: con

l’Italia, si guarda oltreconfine: nasce la

Paolo, Maria Giovanna e Annamaria

“Corradini France”, che commercializza

Corradini e Francesco Manfroni,

oltre le Alpi i prodotti “made in Piacenza”

l’espansione continua. Le autogru

e si occupa anche del mercato spagnolo.

sono ormai lontane parenti di

Le macchine Corradini sbarcano anche

quelle iniziali: nuovi materiali e

nelle numerose colonie francesi e

nuove tecnologie portano a una ben

spagnole: la dimensione dell’azienda è

maggiore carrabilità di mezzi che

decisamente internazionale. Il marchio

hanno sempre più assi con ruote

non è più solo presente alla Fiera di

traenti e sterzanti.

31


CORRADINI

Nel 1975 la produzione si trasferisce negli ampi e moderni capannoni di Pontenure, a pochi chilometri da Piacenza. In questa pagina e nelle pagine seguenti immagini esterne ed interne della nuova struttura e delle varie competenze al suo interno.

32


CORRADINI

33


CORRADINI

34


CORRADINI

35


CORRADINI

36


CORRADINI

Nell’ambito della “Serie 8”, nascono i modelli 824 TI e 840 TI, primi esempi di “fuoristrada veloce”, adatti cioè per ogni tipo di terreno.

37


CORRADINI

38


CORRADINI

39


CORRADINI

E’ il momento del terzo passaggio storico:

dotate di comandi per sollevamento e

a Pontenure nasce il concetto di autogru

traslazione.

“all terrain”, cioè capace di muoversi

I riconoscimenti sono assoluti: è una

autonomamente anche sui terreni più

gru “Corradini” a calare in acqua per la

accidentati, all’interno di cantieri fino

prima volta “Azzurra”, la barca italiana

ad allora impraticabili senza interventi

che nel 1983 inizia la sfida alla Coppa

speciali e costosi. L’immagine della svolta

America di vela, toglie il sonno a

è il modello “EU840TI”, che si avvale

milioni di italiani e fa di Cino Ricci un

anche di una doppia cabina entrambe

personaggio popolarissimo.

40


CORRADINI

“Azzurra”, un nome che evoca momenti magici per lo sport e il costume italiani: è quello della barca che nel 1983 porta la sfida italiana alla Coppa America, al cui alaggio in Sardegna, provvede un’autogru Corradini.

41


CORRADINI

È l’ora della terza generazione alla guida dell’Azienda. Paolo Corradini e Francesco Manfroni iniziano giovanissimi la loro frequentazione della parte lavorativa della famiglia: eccoli alla Fiera di Milano (metà anni Sessanta), in posa con la prima autogru prodotta in Italia a movimenti completamente idraulici.

42


CORRADINI

43


CORRADINI

44


CORRADINI

Clienti importanti per la “Corradini” che negli anni Ottanta fornisce fra gli altri Enel Italia e, nella pagina precedente, l’Esercito Italiano.

45


CORRADINI

L

a globalizzazione degli anni

Ottanta, il sorgere di colossi soprattutto statunitensi e tedeschi, assesta un duro colpo alle aziende del settore. I cugini Paolo e Francesco sanno intuire il momento e decidono di cedere l’azienda. Continuano però a sentire forte l’impulso imprenditoriale, che fa parte del loro Dna, e nel 1990 avviano una nuova attività nel Real Estate.

46


CORRADINI

47


CORRADINI

48


CORRADINI

Si passa dall’acciaio al mattone, ma

L’obiettivo (che sarà ampiamente

sempre nella logica di costruire.

raggiunto in venticinque anni di

E non è una scelta fatta a caso: in

attività) è quello di trasferire le

fabbrica, e non solo, hanno sempre

logiche di un’azienda vincente

respirato l’aria della calce, si sono

ad un’altra azienda altrettanto

mossi fra montagne di mattoni, hanno

vincente, anche se in un ambito

assistito passo dopo passo al sorgere

diverso. Le realizzazioni sono rapide:

del nuovo stabilimento Corradini.

lottizzazione di aree, creazione di veri

Il loro rapporto con il mondo

e propri quartieri, con unità abitative

dell’edilizia è quindi molto stretto e

di vario genere, strade, parcheggi,

non si forma all’improvviso.

aree verdi.

Il passaggio all’ambito edilizio, porta rapidamente alla realizzazione di interi quartieri residenziali, come quelli che appaiono in queste immagini.

49


CORRADINI

50


CORRADINI

Si parte da Pontenure, centro a pochi

Muratori, elettricisti, idraulici, mobilieri,

chilometri dal capoluogo che è già

piastrellisti: il pacchetto è completo.

entrato nella nostra storia, dove in

Così come l’assistenza post-vendita

pochi anni sorge il primo quartiere:

che si protrae nel tempo e ha il solo

circa 150 fra appartamenti e villette,

scopo di soddisfare tutte le richieste.

in un contesto abitativo che mette

Cura maniacale dei particolari di

in primo piano non solo la qualità

progettazione e realizzazione nella

costruttiva, ma anche la qualità della

ricerca della qualità attraverso

vita. È l’applicazione di un modo

metodologie costruttive e soluzioni

di operare particolare: il General

innovative ed ecosostenibili: i due

Contractor.

imprenditori si muovono in questo

L’acquirente è seguito passo dopo

solco preciso e irrinunciabile e

passo, a cominciare dalla scelta di

ampliano l’attività negli interventi di

materiali e rifiniture, e la realizzazione è

ristrutturazione di immobili che si

affidata attraverso sub-appalti.

trasferiscono anche alla città.

Nascono altri quartieri, concepiti come zone residenziali a tutto tondo: cura di ogni particolare, all’interno di ampi spazi verdi

51


CORRADINI

I confini si allargano, nel contesto di una crescita costante che corre veloce: non solo vendita ma anche locazione, non solo Piacenza e provincia, ma anche interventi importanti in una zona di prestigio come la Versilia in Toscana. Paolo e Francesco conoscono la zona fin dall’infanzia e qui individuano gli interventi. Prima gli appartamenti, poi le ville, fino alla completa ristrutturazione di attici di lusso, con vista direttamente sul mare. E tutto funziona alla grande: azienda con struttura snella, collaboratori fidati e in grado di soddisfare ogni esigenza.

52


CORRADINI

53


CORRADINI

54


CORRADINI

La completa ristrutturazione interna di un attico vista mare a Forte dei Marmi. Nella pagina successiva, la splendida vista che si gode dal terrazzo.

55


CORRADINI

56


CORRADINI

L’avventura imprenditoriale continua, mentre una nuova generazione sta già bussando alla porta, per dare vita ad altri cent’anni di successi.

57


ITALIA info@corradini1919.it

1919


ITALIA info@corradini1919.it

1919


Corradini 1919