Page 1

MEMORIA A BREVE TERMINE L'argomento immigrazione in questo periodo è particolarmente sentito, ma in realtà è un evento che potrebbe essere definito ciclico nella storia della civiltà umana. Nei cento anni trascorsi tra il 1840 e il 1940, siamo stati noi, italiani, protagonisti dell'immigrazione verso gli Stati Uniti. Sedici milioni di persone attraversarono l'Atlantico per scappare dalla miseria; cifre immense, che cambiarono il volto di alcune città statunitensi. La maggior parte di loro si insediarono a Ellis Island, chiamata per questo Little Italy. Prendono il posto di quelli che erano stati immigrati prima di loro,come gli irlandesi, scavando le linee delle metropolitane, tirando su grattacieli, raccogliendo immondizie. Non essendo specializzati, e essendo profondamente ignoranti, la loro possibilità di miglioramento era infima; inoltre non avevano accesso alle scuole dove si preparava la classe dirigente del paese. La situazione attuale in Italia è molto simile, ma noi sembriamo aver già dimenticato tutto, questo purtroppo già mezzo secolo fa, quando siamo riusciti a operare distinzioni anche fra connazionali. I meridionali che migravano al nord per lavorare venivano ritenuti scansafatiche e "buoni soltanto a commettere reati"; veniva, spesso, negata loro anche l'ospitalità. Nel ventunesimo secolo nonostante ci si ritenga esseri evoluti, non si è ancora capaci di porre fine a questo tipo di pregiudizi e di ingiustizie. Per il ministro Alfano uno stato che non protegge la sua frontiera non è uno stato. Spesso, però, confondiamo "l'assalto straniero" con l'emigrazione economica clandestina. Non ci stanno attaccando, chiedono solo di essere soccorsi e l'omissione di soccorso è un crimine, sebbene sia paradossalmente "incentivato" dal reato di clandestinità, introdotto dal governo berlusconiano: esso definisce un crimine in sè l'esodo senza permessi anticipati. Oltretutto le guerre da cui evadono i "migranti", chiamati così perchè già emigrati, ma non ancora immigrati, spesso le abbiamo scatenate noi, pretendendo di portare ordine, creando in realtà, solo caos. Vogliamo essere un paese evoluto? Iniziamo a comportarci come tale. Non siamo un fortilizio militarizzato: ricordiamoci come hanno aiutato noi e come siamo stati, noi stessi, uomini in terra straniera; ricambiamo il favore, una volta per tutte.

Memoria a breve termine  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you