Issuu on Google+

L’udienza

Cervantes

Il personaggio

Il processo Papa resta a Napoli Bisignani teste

Le storie cubane di Alessandra Riccio con Gianni Minà

Marcello Gigante a dieci anni dalla morte

SERVIZIO A PAGINA VII

AGNESE PALUMBO A PAGINA XIV

FERRUCCIO FABRIZIO A PAGINA XIV

NAPOLI

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

napoli.repubblica.it

REDAZIONE DI NAPOLI Riviera di Chiaia, 215 | 80121 | tel. 081/498111 | fax 081/498285 | CAPO DELLA REDAZIONE GIUSTINO FABRIZIO | INTERNET e-mail: napoli@repubblica.it | SEGRETERIA DI REDAZIONE tel. 081/498111 | segreteria_napoli@repubblica.it | TAMBURINI fax 081/498285 | PUBBLICITÀ A. MANZONI & C. S.p.A. | Riviera di Chiaia, 215 | 80121 NAPOLI | tel. 081/4975811 | fax 081/406023

Battuto il Manchester City (2-1): doppietta di Cavani e gol inglese di Balotelli. Vincendo il 7 dicembre a Villarreal, la squadra di Mazzarri raggiungerebbe la qualificazione

Incredibile, fantastico, meraviglioso Napoli CAVANI, LAVEZZI E LA DIFESA FINALMENTE DA CHAMPIONS

MARCO AZZI ALE molto più di una vittoria: per il Napoli è una pagina di storia. Indimenticabile la festa del San Paolo, pazzo di gioia per la doppietta di Cavani che ha steso il City e può valere un’incredibile qualificazione in Champions. È finita 2-1, con un palo di Hamsik e tre miracoli di De Sanctis in un secondo tempo interminabile. Ma il sorpasso sugli inglesi è compiuto. Ora non resta che completare l’opera, a Villarreal, il 7 dicembre. Gli ottavi sono a un passo. È stata una serata incredibile. Spettacolare il colpo d’occhio del San Paolo, stracolmo con parecchie ore d’anticipo rispetto al fischio d’inizio. Deserte le strade intorno allo stadio quando le due squadre si sono presentate in campo, per il riscaldamento. I 60 mila erano già quasi tutti dentro. SEGUE A PAGINA X

V

ANTONIO CORBO HI canta, come i sessantamila. Chi piange, come Mazzarri. Per una notte i napoletani si sentono più ricchi dei signori del petrolio, De Laurentiis più felice e potente dell’emiro Mansour. I suoi milioni di sterline svaniscono come coriandoli nella festa, che notte. Ha speso meno e meglio il lunatico ma coraggioso produttore: il suo Napoli, 7 anni fa in C1, sorpassa il Manchester City, che in Inghilterra non ha rivali. Cavani, Lavezzi e Hamsik sono i suoi uomini spettacolo. Champions, non finisce qui. SEGUE A PAGINA A XI

C

Il primo gol di Cavani

Il commissario europeo Potocnick sferza Regione e Comune: “Differenziata in ritardo”. L’Italia rischia una multa

“Rifiuti, che vergogna” L’Ue accusa. Il ministro Clini: “Affronteremo la questione” «VERGOGNA»: è il duro atto d’accusa per l’irrisolta crisi dei rifiuti in Campania, lanciato dal commissario europeo Potocnik. Che apre di fatto la strada a una maximulta per l’Italia. «I problemi si stanno accumulando, a Napoli bisogna fare presto per attivare la differenziata», dice l’Ue, che punta l’indice contro Regione e Comune. Una polemica che scuote il governo e spinge il neoministro dell’Ambiente Clini ad annunciare: «Affronterò la questione rifiuti in Campania». OTTAVIO LUCARELLI A PAGINA II

Lettieri attacca, disco rosso del Pd: “Somma spropositata”

C’è anche la moglie di un ex socio dell’assessore regionale Nappi

Forum culture è scontro sul compenso a Vecchioni

Diciannove consulenze “eccellenti” all’Arlas

CRISTINA ZAGARIA A PAGINA V

ALESSIO GEMMA A PAGINA V

Mostra d’Oltremare

Non c’è più tempo servono gli impianti

La strategia del cda dopo il rinvio della chiusura al maggio 2012

Bando internazionale per Edenlandia e zoo

IMENTICATE la parola “differenziata”. In Europa non la “bevono” (proprio perché la conoscono e la praticano, rigorosamente). E prendete nota: il piano inclinato e ricorrente è già sotto i nostri piedi, presenterà il conto prima che finisca l’inverno. Entro la primavera può tornare una grave crisi. Lo svelano i numeri, i soli che contino. Un rischio da cui neanche l’Olanda, con le sue “salvifiche” navi, potrebbe difenderci.

D

SEGUE A PAGINA III

Tanti applausi a Roma per Napolitano e i napoletani FRANCESCO CANESSA

Le polemiche sulla spesa pubblica

Il commento

CONCHITA SANNINO

La nota

Lo zoo di Edenlandia

CERVASIO A PAGINA VII

A SALA Santa Cecilia, la maggiore delle tre creature di Renzo Piano che formano il Parco della Musica di Roma, domenica era stracolma, così come lo era la pedana, già di suo troppo stretta — anche i grandi architetti possono sbagliare! — figurarsi per tenere due orchestre in una, più il coro, più i solisti, più un enorme schermo sul fondo.. Era per l’happening musical-cinematografico dell’anno, il primo concertone del progetto itinerante di Claudio Abbado dedicato ai due grandi compositori russi che hanno scritto musica per film, Prokofiev e Sciostakovich. Qui si celebrava il secondo, con la colonna sonora per Re Lear di Kozingev (1970) con l’Orchestra Mozart, formata e curata da Abbado, fusa con quella di Santa Cecilia. Per l’altro toccherà in primavera a Napoli (Alexander Nevskij, 1938 e Ivan il Terribile, 1944 entrambi di Eizenstein) con l’Orchestra del San Carlo insieme con la Mozart. Sala gremita scattata in piedi per dare il benvenuto a Giorgio Napolitano, che non ha smesso da Presidente di frequentare le sale da concerto — la musica è sua vecchia passione — cercando di non dare nell’occhio, entrando magari all’ultimo istante e a luci abbassate. Ma stavolta non c’è riuscito e si è preso una standing ovation da record, cinque minuti ininterrotti, che come battimani sono una eternità. SEGUE A PAGINA VIII

L


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

CRONACA

■ II

La crisi dei rifiuti

L’Ue: vergogna. Il governo: interveniamo Potocnik: “Italia a rischio sanzioni”. Clini: “Affronterò la questione” OTTAVIO LUCARELLI «VERGOGNA». Non trova una soluzione più sobria lo sloveno Janez Potocnik, commissario europeo all’ambiente, per definire lo stato dell’arte della crisi rifiuti. Una bocciatura peraltro attesa: «Una vergogna che va avanti da anni e, purtroppo, i problemi si stanno accumulando. A Napoli bisogna fare presto per attivare la raccolta differenziata, non ci sono scuse per i ritardi». Un ultimatum. Nel fine settimana scadono i due mesi che la Commissione europea ha concesso per comunicare le misure con “azioni precise e in tempi brevi” per far fronte all’eterna emergenza rifiuti con il rischio per l’Italia di essere condannata dalla Corte di giustizia al pagamento di pesanti ammende, non meno di venti milioni di euro oltre ad una sanzione per ogni giorno di ritardo rispetto agli impegni presi. Potocnik è intervenuto alla commissione “petizioni” presieduta dalla sannita del Pdl Erminia Mazzoni. Poi il portavoce Joe Hennon ha precisato: «Aspettiamo una risposta alla nostra lettera di messa in mora del 29 set-

“Bisogna fare la raccolta differenziata, non ci sono più scuse per i ritardi”

ministro Clini: «Chiederò, insieme al presidente della Regione Stefano Caldoro, di dare al commissario per le discariche Annunziato Vardè poteri straordinari in deroga ai vincoli ambientali per consentire, su un territorio complesso come quello napoletano, di poter individuare i siti idonei». Nei giorni scorsi è andata deserta la gara per il termovalorizzatore di Napoli est. Ulteriore elemento di irritazione per l’Unione europea visto che l’inceneritore, contestato però dal Comune, fa parte del piano sul ciclo dei rifiuti. Solo il colosso A2A, oltre i termini previsti, ha presentato una manifestazione d’interesse. Nei Palazzi si cerca di correre ai ripari, di recuperare il tempo perduto mentre dal presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, arriva una nuova frustata: «L’emergenza rifiuti non è mai terminata e l’Europa chiede il conto. Eppure basterebbe fare quello che da anni ci chiede. Investire aumentando e potenziando la raccolta differenziata per attuare concretamente le politiche di riduzione dei rifiuti senza lasciarsi distrarre da vecchi, nuovi e sempre più fantasiosi supporti tecnologici. In Campania già ci sono esempi virtuosi di comuni che fanno la raccolta differenziata. Bisogna partire da questo virtuosismo ed estenderlo per riacquistare la credibilità che meritano questa regione e i cittadini che la abitano». © RIPRODUZIONE RISERVATA

tembre». Lettera che segna la seconda procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per non essersi conformata alla prima condanna che risale a due anni fa. «Non siamo ancora nella fase sanzionatoria — aggiunge Hennon — ma il dossier ristagna da anni e abbiamo sempre detto che volevamo vedere azioni concrete. Lo facciamo nell’interesse dei cittadini perché vogliamo proteggere la loro salute e l’ambiente che li circonda». Una lezione. E da Roma il nuovo governo accetta la sfida. È il ministro dell’ambiente Corrado Clini che riceve l’assessore regionale Giovanni Romano e annuncia al debutto in commissione ambiente del Senato: «Non credo che avrò un futuro come ministro. Non ho problemi di consenso e quindi non ho problemi ad affrontare la questione rifiuti a Napoli. I ritardi della Campania sono diventati drammatici e lo diventeranno sempre più se non saranno adottate le soluzioni già prese in Emilia e Lombardia puntando su normalità e responsabilità». Più tardi Romano rivela: «È in corso, da parte del governo, una richiesta di proroga rispetto alle scadenza dei termini per i chiarimenti da fornire a Bruxelles. È il governo infatti che mantiene, d’intesa con gli enti locali, i rapporti con la Ue. La Regione ha già lavorato per consentire al Dicastero competente di avviare l’iter». Proroga motivata dal recente insediamento del governo Monti. La sferzata del commissario europeo Potocnik attraversa tutti i palazzi, dalla Regione al Comune fino alla Provincia dove il presidente Luigi Cesaro ha convocato in serata un vertice per proporre misure eccezionali al

L’intervista

Parla l’assessore regionale Giovanni Romano: il nostro piano sulla carta va bene, ma non ne vedono l’attuazione

“Il Comune sbaglia, differenziata al ralenti fuori dalla crisi con i termovalorizzatori” ASSESSORE Giovanni Romano, pensavamo di essere sulla buona strada e invece siamo di nuovo una vergogna? «A Bruxelles sono irritati. Potocnik comunque fa riferimento ai ritardi nella raccolta differenziata. Il nostro piano sulla carta va bene, ma non ne vedono l’attuazione. E poi il problema rifiuti non è affatto risolto». Lei in Regione dice questo ma a Palazzo San Giacomo sostengono il contrario. Chi ha ragione? «Al Comune sbagliano. Io non azzarderei dichiarazioni del genere, frasi che fanno irritare non solo Bruxelles ma anche il presidente della Toscana. Ha scritto una lettera in cui chiede perché dovrebbe accogliere altri rifiuti da Napoli se il problema è risolto». Ma quando sarà tutto risolto? «Tra circa quattro anni, quando saranno costruiti i termovalorizzatori di Napoli Est e di Salerno, ma lavoriamo per ridurre i tempi». Lei davvero pensa che si riuscirà costruire l’impianto a Napoli est dopo una gara deserta? «Si deve fare, anche se il contesto non aiuta». Cioè? «Un imprenditore che deve investire 400 milioni di euro ci pensa cento volte se qui c’è chi dice che farà le varianti. Certamente il

no del Comune non aiuta». L’Europa, intanto, minaccia sanzioni. «Non siamo ancora nella fase di esecuzione. L’Europa chiede una fase operativa a tutti i livelli e io come Regione ho compiti di programmazione, di più non so cosa fare. Pensi che in un anno e mezzo abbiamo ridotto la pro-

duzione di rifiuti in Campania di circa mille tonnellate al giorno e la differenziata è cresciuta al 37 per cento, compresa Napoli che è ferma al 18». Assessore Romano, la Regione non é certo il Comune di Mercato San Severino di cui lei è sindaco? «È più facile amministrare

Quelle dichiarazioni fanno irritare Bruxelles e anche il governatore della Toscana: in una lettera ci chiede perché deve accogliere altri rifiuti da questa città ASSESSORE Giovanni Romano

Il presidente del consiglio regionale

Paolo Romano dal Pdl al Terzo Polo «IL partito non va, sono pronto a una scelta difficile». Da tempo erano trapelate frizioni con il coordinatore regionale Nicola Cosentino e ieri sera Paolo Romano, presidente del Consiglio della Campania, ha ufficializzato la frattura con il Pdl: «Il particolare momento di difficoltà economica e sociale di una crisi che è anche e soprattutto politica, dovreb-

be spingere tutti i partiti, in particolare il Popolo delle libertà in Campania, ad assumere scelte e comportamenti adeguati alle circostanze». Paolo Romano prende le distanze dal Pdl e aggiunge: «Non mi pare che ciò stia avvenendo e ritengo doverosa una riflessione franca e aperta sulle tante criticità che potrebbero vedermi costretto a

scelte politiche difficili e sofferte ma, evidentemente, necessarie». Romano ha annunciato per venerdì alle 11 una conferenza stampa nella sala “Caduti di Nassyria” del Consiglio regionale all’Isola F13 del Centro direzionale. Tutti indizi che portano verso una sola strada: il Terzo Polo. (o. l.) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercato San Severino, certo, ma sono due realtà ben differenti. Un sindaco decide e realizza. Io la differenziata l’ho fatta dieci anni fa e oggi il modello in Campania è seguito da 350 Comuni. In Regione non gestisco. Qui si programma, il ciclo dei rifiuti è in mano a Province e Comuni». Ma in queste ore i rifiuti dove vanno? «Le province di Avellino, Benevento e Caserta sono autosufficienti, Terzigno copre la zona vesuviana mentre Acerra brucia il secco dagli stir. Il resto, l’umido di Napoli, va in Liguria, Emilia e Puglia». (o. l.) © RIPRODUZIONE RISERVATA


la Repubblica

@

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

PER SAPERNE DI PIÙ www.europa.eu/index_it.htm www.comune.napoli.it

■ III

LA PARTENZA

LA PREVISIONE

SCAMPIA

POSILLIPO

Al momento della sua elezione, a giugno, 2011, Luigi de Magistris ha trovato una città con una raccolta differenziata ferma al 16 per cento e il porta a porta avviato solo nei quartieri dei Colli Aminei, Bagnoli e Ponticelli

Appena insediato il sindaco ha promesso di arrivare a una quota di raccolta differenziata, con il porta a porta, del 70 per cento entro il 31 dicembre 2011. Obiettivo raggiungibile, però grazie al sostegno dei fondi promessi dal governo e mai arrivati

La giunta de Magistris aveva parlato di 320 mila cittadini serviti dal servizio porta a porta entro settembre, ma al momento è partita solo Scampia (53 mila abitanti) e l’obiettivo è stato ridimensionato

Il 28 novembre inizia la distribuzione dei kit per la differenziata a Posillipo e una settimana dopo verranno distribuiti i carrellati e contestualmente verranno rimossi i contenitori stradali A fine anno si dovrebbe arrivare a 220 mila abitanti totali

L’agenda

Il sindaco de Magistris replica al richiamo dell’Ue e chiede al governo il via libera ai fondi per la differenziata

“Stiamo facendo ciò che si deve fare la Regione ha competenza sul piano” CRISTINA ZAGARIA «TUTTO quello che il Comune doveva fare in tema di rifiuti lo sta facendo e, anzi, fa di più». Per l’ammonimento del commissario Ue all’ambiente Janez Potocnik il sindaco, Luigi de Magistris, è sereno. «Per quanto riguarda le nostre competenze ci stiamo uniformando alle direttive europee» ribadisce. E sulla possibile nuova multa dall’Ue, il primo cittadino ricorda che «per quanto riguarda il piano lo si deve chiedere al presidente Caldoro che intrattiene i rapporti direttamente con Bruxelles. Il presidente Stefano Caldoro saprà fare i passi giusti per evitare questo rischio per una

Sbloccati 43 milioni per ricapitalizzare Asìa: “Li useremo anche per il porta a porta” Luigi de Magistris

Via Rosaroll Una montagna di rifiuti in via Cesare Rosaroll. L’immagine è stata scattata ieri. Ma cumuli sono comparsi in altre zone della città. Per il vicesindaco Sodano: “Piccole difficoltà, nulla di serio”

La protesta

situazione che, sia chiaro, ha tra i principali colpevoli i suoi predecessori». E in giornata arriva anche la buona notizia dello sblocco dei 43 milioni di euro di ricapitalizzazione destinati ad Asìa e ottenuti dal Comune grazie al via libera della Cassa depositi e prestiti. «Saranno disponibili da subito e serviranno per far funzionare l’azienda, poter fare gare e investimenti

— spiega il vice sindaco Tommaso Sodano — Questi soldi inoltre verranno utilizzati per estendere il porta a porta in altri pezzi della città». Intanto dopo una riunione notturna il sindaco ha scritto una lettera al premier Monti sulle priorità per Napoli. Al primo posto appunto «lo sblocco dei fondi a sostegno del piano dei rifiuti». A seguire la richiesta che «Napoli di-

venti soggetto a cui vengano direttamente trasferiti i fondi europei che sono bloccati in Regione dal patto di stabilità e che rischiamo di perdere». E infine un «impegno sui grandi eventi, a cominciare dal Forum universale delle culture». «Il nuovo governo ha fatto provvedimenti per Roma capitale e per consentire a Milano di sforare il patto di stabilità per l’Expo 2015. E Napoli? E il Mezzogior-

no? — ricorda il primo cittadino — Chiediamo al governo non l’elemosina, ma rispetto e dignità per la terza città italiana, città cara anche al nostro presidente Napolitano». Tra le priorità rientra appunto «il sostegno del governo al piano rifiuti — ricorda il sindaco — In tre mesi siamo passati dal 16 al 20 per cento di differenziata e tra qualche giorno saremo al 25 con il porta a porta a Posillipo. Se tutto va per il verso giusto, inoltre, prima di Natale partiranno le navi che porteranno i rifiuti in Olanda». Anche se Palazzo San Giacomo deve ridimensionare le sue aspettative per la differenziata porta a porta. Entro il 31 dicembre, con il sistema di porta a porta a Posillipo (che dovrebbe partire il 28 novembre) si arriverà al 25 per cento di raccolta differenziata. Percentuale ben lontana dal 70 annunciato a inizio mandato. «Siamo usciti dall’emergenza, ma sarò soddisfatto quando usciremo anche da questa fase di precarietà» taglia corto il sindaco. E in serata il vice sindaco Tommaso Sodano sente il ministro all’Ambiente Clini e fissa un appuntamento la prossima settimana. «Il nostro piano rifiuti è chiaro - conclude de Magistris - No a inceneritori e discariche. Quando il commissario Vardè nell’ultimo incontro ha proposto le tre mega discariche da 2 tonnellate a Chiaiano, Mugnano e Marano noi ci siamo opposti e ci opporremo sempre».

SONO le 9.30 quando venti lavoratori della società Astir occupano il Duomo per protestare contro tre mesi di stipendi in ritardo. Nelle stesse ore la Procura esamina 38 assunzioni sospette fatte nella partecipata della Regione. Ascoltato dai pm anche l’ex assessore regionale Corrado Gabriele, come persona informata dei fatti nell’ambito dell’inchiesta sui 15 disoccupati Bros accusati di associazione a delinquere. Il coordinamento «Banchi nuovi» intanto chiede solidarietà agli intellettuali. «C’è una bomba ecologica a Buccino con migliaia di pneumatici abbandonati — denunciano i lavoratori della società di riqualificazione ambientale Astir — e la Regione ha interrotto la nostra bonifica». «Vogliamo essere pagati, siamo pronti al carcere» ag-

SENZA STIPENDIO I lavoratori Astir al Duomo

Inchiesta Bros, ascoltato in Procura l’ex assessore regionale al Lavoro Gabriele voratori in lotta”: si teme il fallimento o l’ingresso dei privati. «Siamo in rosso di 31 milioni — confessa il presidente dell’Astir Pietro Diodato — La Regione deve ricapitalizzare la società ma per

ora non si vedono risultati». Palazzo Santa Lucia ha trasferito circa tre milioni all’Astir per alcuni progetti. Soldi in parte trattenuti dalle banche per coprire l’esposizione della partecipata. Ad annaspare però è tutto il comparto ambientale regionale che conta mille dipendenti. Ricevuti da monsignor Matino dietro invito del cardinale Sepe, i lavoratori dell’Astir alle 14 decidono di sgomberare. «La società faceva un uso illegittimo dei fondi europei — spiega l’assessore regionale al Lavoro Severino Nappi — Stiamo lavorando per renderla autonoma». Il Duomo si svuota mentre il pm Raffaello Falcone ascolta l’ex assessore Gabriele nell’ambito dell’inchiesta sui disordini e sul ricatto politico dei Bros. Gabriele compare come teste e racconta dei suoi rapporti con il mondo del precariato. Sotto la lente di ingrandimento dei pm la lotta dei

Tempo scaduto ora servono gli impianti (segue dalla prima di cronaca)

CONCHITA SANNINO

senzalavoro, una galassia in cui spiccano sigle storiche come quelle dei Bros, tra cui agiscono da anni personaggi con precedenti per occupazioni abusive e danneggiamenti. L’ipotesi dei pm, tuttavia, è più ampia e si allarga alle promesse e alla costruzione del consenso operato da distinte parti politiche. Non a caso i magistrati del pool, coordinati dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, stanno esaminando anche le vicende collegate alle note 38 assunzioni fatte nella partecipata della Regione, la ex Recam, oggi società Astir, presieduta attualmente da Diodato. Nella Astir, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbero state assegnate “quote” di assunti a ogni forza politica. La Procura ha anche acquisito le delibere relative a quelle assunzioni, e si annunciano colpi di scena. © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I lavoratori Astir occupano il Duomo “Pronti al carcere, pagate gli stipendi” giunge Antonio Gargiulo, barricato nella cattedrale. Impossibile per i turisti entrare nel tempio presidiato all’esterno da altri 50 manifestanti, che reclamano anche dieci mesi di ticket arretrati. In gioco c’è il futuro dell’azienda, secondo il “Sindacato dei la-

I richiami inascoltati dell’Europa

PERCHÉ l’opzione Olanda durerà un anno e dunque, l’Europa lo ricorda, non sarà «una soluzione strutturale», come sanno anche le volenterose autorità di Rotterdam e di Delfziyl, dove insistono gli impianti “riceventi” e dove sono appena arrivati ben venti faldoni di documenti richiesti a Napoli. Torniamo ai numeri, dunque, per comprendere fino in fondo l’inusuale sprezzo nel commento del commissario Potocnik, “Vergogna!”. Un’ira che già era molto visibile dall’accento della lettera inviata nel settembre scorso, ma che qualcuno nella traduzione istituzionale aveva prodotto nel “solito” italiano dei “richiami” e dei “moniti”. No, stavolta era diverso. L’Europa dice che c’è chi prova a prenderla per il naso. Vuole invece sapere: quali e quanti impianti sono previsti; se discariche o inceneritori saranno costruiti e dove. Quando entreranno in funzione, e per quali quote di rifiuti. Si chiama “pianificazione veritiera”. Eccola la lingua dell’Unione. Qui, la tragica farsa risponde in altra lingua. E con la parola-feticcio: la differenziata (sacrosanta, ovvio). Tuttavia, bisogna ragionare su quel che accade già in Italia. A Padova la differenziata è arrivata al 50 per cento, eppure il territorio dispone di un inceneritore e di discarica; a Torino la differenziata è al 41 per cento, e stanno realizzando — prima Chiamparino e oggi Fassino sindaco — un termovalorizzatore tra i più all’avanguardia d’Europa; anche Firenze è a quota 39 e sta realizzando, tra polemiche, l’inceneritore. Napoli arriva oggi al 20 per cento (scarso) di differenziata, insiste in una Campania dove solo la gravissima crisi dei consumi — e non le buone pratiche — hanno drasticamente ridotto i rifiuti. Dai 2 milioni e 660 mila tonnellate del 2008 ai 2 milioni e 300 mila di oggi. Troppo rispetto al piano inclinato che si prepara. A breve chiuderà Terzigno, entro tre mesi saranno sature anche le 3 discariche (San Tammaro, Savignano Irpino e Sant’Arcangelo) che stanno salvando la faccia della città.

I senza lavoro ricevuti da monsignor Matino: “Vogliamo essere impiegati nella bonifica ambientale”

ANNA LAURA DE ROSA

Il commento


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

@

CRONACA

NAPOLI

PER SAPERNE DI PIÙ www.regione.campania.it www.comune.napoli.it

■V

Forum, bufera sul compenso a Vecchioni Il cantautore: “Pronto a rivederlo, in quel caso più spazi per le mie attività” «QUESTO compenso può sembrare una follia in questo clima di austerità: sono pronto a rivederlo, ma in quel caso mi terrò aperto spazi per le mie attività artistiche». Parola di Roberto Vecchioni. Intanto dal Pd al Pdl, fino al popolo magmatico di Facebook crescono le polemiche sui maxi-compensi che sarebbero stati previsti per il cantautore e il cda del Forum delle culture 2013. Martedì durante la prima riunione del cda, secondo indiscrezioni, Comune e Provincia avrebbero proposto di assegnare al presidente Vecchioni un rimborso annuo di 220 mila euro (il suo predecessore, Nicola Oddati, in quota Pd, ne prendeva 160 mila) e al direttore generale Francesco Caruso, tra i 90 e i 95 mila euro. Più un forfait per lo staff previsto per ciascuno dei due mentre per i membri del cda il compenso ammonterebbe a 30 mila euro. Altro che risparmio. Tant’è che la Regione li ha giudicati troppo alti, portando l’esempio degli amministratori unici delle proprie partecipate che si aggira intorno ai 55 mila euro l’anno. Ora a chiedere sobrietà è il Pd. «Associare al Forum delle culture

basso i compensi del presidente e del direttore del Forum delle culture. Apprezziamo le parole di amore del cantautore milanese per la nostra città. Tuttavia, da un artista della sua levatura, vorremmo capire se si tratti solo di amore platonico o di amore in tutti i sensi per Napoli. In questo secondo caso, tenuto conto sia dello stato delle casse pubbliche, sia della enor-

me crisi economica, buon senso vorrebbe che accettasse compensi più ragionevoli anche per rispetto di quei tantissimi napoletani che ogni giorno si sacrificano per arrivare alla fine del mese». E su Facebook un gruppo di cittadini napoletani ha aperto un gruppo lanciando la provocazione: «Se Vecchioni non si riduce lo stipendio noi boicottiamo i suoi dischi».

«La decisione sul compenso non spetta al cda, ma a sindaco e governatore — ripete Roberto Vecchioni — e quelle che sono girate sono solo voci. Io parlo di dati e i dati sono che ho accettato questo incarico con grande entusiasmo, rinunciando alla tournée invernale e a quella estiva 2013. Per un solo concerto si parla di decine di migliaia di euro. Ma il compen-

so non lo decido io e lo ripeto sarà un Forum basato sul volontariato, sulla passione e sull’entusiasmo e questi sono i sentimenti che mi animano». A difendere Vecchioni, c’è in prima linea, il sindaco Luigi de Magistris: «Credo, ed è mia opinione, che Vecchioni debba ricevere il compenso economico che adeguato al suo profilo, visto che si

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La lettera

Il dibattito sulla torre e la pineta

Marone su Bagnoli “Non si può sempre ricominciare”

PRESIDENTE Il cantautore Roberto Vecchioni, presidente del Forum delle culture Polemiche per il compenso

Orfini: “Cifre spropositate” Lettieri: “Rivedere al ribasso i rimborsi” grandi personalità è sicuramente un fatto positivo, ma in un periodo in cui al Paese si chiedono sacrifici c’è bisogno prima di tutto di sobrietà e non di dichiarazioni a cui seguono fatti che rischiano di essere contraddittori. Siamo sicuri che tutti rifletteranno correggendo eventuali eccessi, così da dare un esempio davvero positivo e nuovo», chiede Matteo Orfini, responsabile nazionale cultura e informazione del Pd. «Siamo contenti che il sindaco de Magistris, abbia detto che il compenso per Roberto Vecchioni non è quello trapelato in queste ore — aggiunge Orfini — perché queste cifre sarebbero spropositate, e si darebbe un segnale che va in netta controtendenza rispetto ad un clima di austerità che tutti noi dobbiamo favorire e di cui dobbiamo tenere conto». Contrario a compensi di questo calibro anche il leader dell’opposizione di centrodestra in consiglio comunale Gianni Lettieri. «Se le cifre sono quelle che si leggono, ritengo sia il caso di rivedere al ri-

tratta di uno dei più grandi cantautori nazionali e non solo, ma anche adeguato sia al momento di crisi sia all’impegno che dedicherà a Napoli e al rilancio della sua immagine e uno straordinario ritorno economico. Comunque non si tratta delle cifre che sento dire in giro». (cristina zagaria)

Gli accessi al pronto soccorso per l’ortopedia saliti da 800 a 1700

Sanità

Sanità, la denuncia del Pd “Il Cardarelli è al collasso” GIUSEPPE DEL BELLO CARDARELLI al collasso. A denunciare la condizione di enorme sofferenza sono i numeri che snocciola il Pd campano. Gli accessi al pronto soccorso dell’ospedale sono saliti da 800 a 1700 al mese per l’ortopedia nel periodo gennaio-maggio di quest’anno rispetto al 2010, mentre in totale i pazienti approdati all’emergenza sono saliti da 39.000 a 47.000. «È un quadro preoccupante, frutto di un atteggiamento politico della giunta regionale che pensa solo ad attribuire i problemi alla gestione precedente», dice il vicesegretario Domenico Tuccillo, «con un risanamento che non c’è.

È necessaria un’operazione verità sulla sanità e noi lo facciamo denunciando oggi l’irresponsabile gestione attuale che ha portato il sistema regionale del pronto soccorso al collasso». Sotto i riflettori finiscono la già attuata chiusura del pronto soccorso del Cto e quella imminente di San Gennaro (30 novembre) e Ascalesi (30 dicembre). Aggiunge il capogruppo Pd Giuseppe Russo: «Sarebbe stata necessaria una contestuale riorganizzazione del pronto soccorso in Campania, che non è avvenuta e, così, tutto grava sul Cardarelli. Non difendiamo la gestione precedente della sanità, ma sfidiamo il governo regionale a mettere in atto le

VICESEGRETARIO Domenico Tuccillo, vicesegretario regionale del Partito democatico

riforme necessarie». Sulla “barellopoli” del Cardarelli interviene anche il consigliere regionale Raffaele Topo: «C’è praticamente un reparto sulle barelle e presto ce ne sarà un altro con le sedie». E poi il triage che ha «scarsa applicazione», secondo Corrado Cuccurullo, responsabile del Forum sanità. «I provvedimenti della Regione spesso tendono a non urtare i conflitti di interesse esistenti che noi vogliamo far saltare». Ma Russo va oltre e chiede la testa della direttrice del Loreto Mare “colpevole” di aver bloccato alcune attività per tutelare l’igiene delle sale e la sicurezza dei pazienti.

CARO direttore, vorrei chiarire meglio il mio pensiero sulla polemica relativa alla torre del Pta, emblematica dei paradossi che caratterizzano il dibattito su Bagnoli. Prima considerazione: com’è possibile che ogni cosa appaia come se chissà quale delitto si stia commettendo, quando, invece, tutto sta avvenendo in attuazione dello strumento urbanistico che ha una profonda ispirazione ambientalista? La variante di Bagnoli prevedeva solo indici di volumetria, perché così volle il mondo ambientalista. Quando il presidente della Regione Rastrelli, in sede di approvazione della variante, impose un’altezza media, moltissimi, sempre nel mondo ambientalista, ritennero sbagliata questa scelta. Seconda considerazione: la tesi di Donatone a difesa dell’intangibilità del presunto bosco è l’ennesima dimostrazione che tra gli ambientalisti vi sono idee diverse. Chi accusa che l’area della pineta non sia inclusa in quella vincolata di Bagnoli dimentica che la perimetrazione delle aree da vincolare fu fatta da Antonio Iannello, anche lui indiscusso ambientalista, secondo il quale la pineta non era da ricomprendere nel vincolo, coerentemente con il piano regolatore che ritenne più giusto collocare il verde sul mare e costruire all’interno. A meno che non si voglia ritenere che a Bagnoli non si debba costruire da nessuna parte, e allora qualcuno dovrà dire con quali soldi si potrà costruire il grande parco urbano. E ancor di più qualcuno dovrà spiegare quale folle imprenditore potrà mai venire a investire a Bagnoli, quando qualsiasi cosa si fa è sbagliata e chiunque opera è considerato uno “sporco speculatore” o addirittura quando si pretende di cambiare le norme dopo la vendita dei suoli. Terza e ultima considerazione: il nulla osta ambientale rilasciato al Pta è conforme al piano attuativo di Bagnoli, che tutte le forze ambientaliste e il consiglio comunale dicono di voler attuare. E allora perché quando si comincia ad attuare parte di questo piano subito c’è qualcuno che protesta? Se errori c’erano, ci sono da ben 15 anni (approvazione della variante) e da oltre 5 anni (approvazione del Pua), perché nessuno se ne è mai accorto? Quello che non si può assolutamente fare è ricominciare sempre daccapo. Riccardo Marone, presidente Bagnolifutura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’ente pubblico della Regione che si occupa di formazione professionale è presieduto da Mimmo Pinto

Quelle 19 consulenze “eccellenti” all’Arlas ALESSIO GEMMA

PALAZZO SANTA LUCIA La sede della giunta regionale della Campania

C’È la compagna del politico, tessera numero 2 del partito socialista, travolto nello scandalo Tangentopoli. La moglie di un avvocato, già socio nello studio legale dell’assessore al Lavoro. E poi tre nomi con doppi incarichi in odore di conflitto di interessi. Spunta un elenco di 19 assunzioni “eccellenti” all’Arlas, ente pubblico della Regione che si occupa di formazione professionale. Assunzioni a tempo. Nomi prelevati da una lista ad accesso libero istituita con un decreto dirigenziale del 23 dicembre 2010. Ma selezionati, dicono fonti interne, «con un accordo bipartisan tra i partiti e senza comparare i profili dei

candidati con un avviso pubblico». Si tratta di contratti di collaborazione dai 6 ai 24 mesi (scaduti o ancora in essere) per una spesa annua di 322 mila euro. Con un reddito di 15 mila euro e un contratto di 12 mesi, entra nella lista Paola Consolini, compagna di Giulio Di Donato, segretario regionale Udeur. Ci sono Laura del Pezzo, moglie di Marco Mocella, avvocato ed ex socio dell’assessore al Lavoro Severino Nappi, e Carla Giordano, figlia dell’ex assessore alla Provincia di Napoli Antonio. Hanno beneficiato di un reddito Arlas anche due staffisti dell’assessore alla Cultura Caterina Miraglia: Alessandro Remondelli e Francesco Rossi. E in almeno tre contratti si confondono le figura del controllato e del controllo-

re. È il caso di Valerio Scarpati, amministratore di una società, Pni del gruppo Gesco, che fornisce assistenza tecnica alla Regione per la gestione del fondo sociale europeo: sono i

Contratti di collaborazione dai 6 ai 24 mesi per una spesa annua di 322 mila euro finanziamenti assegnati alla stessa Arlas. Stessa sorte per Paola Console e Francesca Paggetta, stipendiate Arlas e già titolari di contratti esterni di assistenza tecnica con la Regione per

il controllo sui fondi europei. Intanto l’ente, presieduto da Mimmo Pinto, bassoliniano doc, già leader dei disoccupati, un ruolo nel commissariato per l’emergenza rifiuti, ha un cda in proroga da un anno e mezzo: pronto un comitato d’indirizzo, con tre componenti, tra cui Alberto Bottino, ex provveditore alla scuola. E da un mese Patrizia Di Monte è stata nominata direttore generale. Sostituisce Paolo Gargiulo, oggi coordinatore della formazione professionale e alla direzione dell’Arlas quando furono stipulati i 19 contratti. Ha un padre Salvatore, ex consigliere regionale, e due fratelli, Dario e Bruno, dipendenti di Palazzo Santa Lucia. Mentre le cugine gestiscono la buvette. © RIPRODUZIONE RISERVATA


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

@

CRONACA

NAPOLI

PER SAPERNE DI PIÙ www.mostradoltremare.it www.napoli.repubblica.it

■ VII

Il processo Papa resta a Napoli

In breve

Respinte le istanze dei legali. Milanese e Bisignani nella lista testi

Ieri prima giornata di scrutinio per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine. La lista di Bruno Zuccarelli è in vantaggio rispetto a quella del presidente uscente Gabriele Peperoni.

CONCHITA SANNINO

IL PM E L’IMPUTATO

SI PROFILA LA MATERIA incandescente del contraddittorio al processo sulla cosiddetta loggia P4, in cui, dinanzi alla prima sezione penale del Tribunale di Napoli, è imputato il deputato Pdl Alfonso Papa, detenuto agli arresti domiciliari dal 31 ottobre scorso. Quattro ore di udienza. Papa entra come sempre tra i suoi avvocati, barba ancora lunga, in giacca e cravatta. Stavolta deve reggere i primi duri interventi dei suoi accusatori. I pm Francesco Curcio ed Henry John Woodcock incassano subito una decisione favorevole — è l’ordinanza con la quale il collegio, presieduto dal giudice Francesco Pellecchia, stabilisce che il processo resta a Napoli, contro le questioni di legittimità costituzionali sollevate dalla difesa — e cominciano ad affilare le armi. «Le consulenze sono un punto fondamentale da esaminare in questo processo: le consulenze hanno ormai

Henry John Woodcock. A destra Alfonso Papa nel giorno in cui ha lasciato il carcere per gli arresti domiciliari

L’imputato, barba folta e abito blu, presente in aula Prossima udienza martedì sostituito la vecchia valigetta con il denaro», ammonisce il pubblico ministero Francesco Curcio presentando la lista dei testi dell’accusa. Una trentina di nomi, che compone un elenco variegato ed emblematico della Terza Repubblica: dal collega Pdl Marco Milanese ad un ex protagonista della Dc di tangentopoli come Alfredo Vito, dalla ex assistente di Papa, l’avvocato Maria Elena Valanzano, al potente dirigente di Finmeccanica Lorenzo Borgogni, fino al lobbista Luigi Bisignani, considerato il “fondatore” dell’associazione a delinquere insieme con Papa. Poco dopo, è il pm Woodcock ad argomentare la richiesta da inoltrare alla Camera per l’impiego delle conversazioni che gettano ombre pesanti sull’imputato: intercettazioni «occasionali e fortuite», sottolinea Woodcock, e non «indirette» quelle in cui viene ascoltato deputato Papa, al telefono con il “bersaglio” dell’indagine che era il maresciallo Enrico La Monica. «Sarebbe singolare escludere anche le intercettazioni fortuite di un parlamentare — puntualizza il pm — e ne deriverebbe che a qualunque trafficante o malfattore basterebbe sentire di tanto in tanto un parlamentare per essere beneficiato da quelle stesse guarentigie». Un attimo di imbarazzo anche quando uno dei pm si riferisce alle telefonate di Papa «con l’amante», una delle amiche frequentate a Roma dal deputato e coinvolte come teste. In aula, calma e serena, ascolta anche la moglie. Alla prossima udienza replicherà la difesa di Papa, rappresentata dagli avvocati Carlo Di Casola e Giuseppe D’Alise. I quali, intanto, vedono respinta l’istanza di spostare il processo. Il Tribunale dichiara «manifestamente infondate e comunque irrilevanti le questioni di legittimità costituzionali» sollevate dai difensori. Udienza rinviata al 29, martedì. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Contro il presidio striscioni antifascisti Presidio CasaPound in piazza Carlo III sabato: ieri sulle facciate delle scuole napoletane Vico, Margherita di Savoia, Pansini, Labriola, Majorana, Righi, sono comparsi striscioni contro l’iniziativa. Ad esempio “26 novembre, fuori i fascisti dalla nostra città, Pansini antifascista”. Gli Studenti autorganizzati campani denunciano un’aggressione a una ragazza che a Montesanto, uscendo da scuola, sarebbe stata assalita da due uomini mentre strappava un manifesto.

IL COLLEGIO Il collegio della prima sezione penale, presidente Pellecchia, ha respinto le istanze della difesa di Alfonso Papa

LE QUESTIONI Ritenute “infondate” le questioni di legittimità costituzionale e di competenza territoriale

Torre del Greco

Aule e bagni sporchi protesta dei genitori

LA DECISIONE Si svolgerà dunque nel tribunale di Napoli il processo con giudizio immediato a carico di Papa

La strategia del cda della Mostra d’Oltremare, dopo il rinvio della chiusura al maggio 2012

Edenlandia, zoo, cinodromo bando di gara internazionale STELLA CERVASIO IL DILEMMA è forte. Gli animalisti vorrebbero chiuso lo zoo di Napoli, perché antieducativo. C’è il rischio però che la parola “chiusura” ingeneri equivoco, e comporti anche l’allontanamento degli animali che per ragioni di età, lo dicono i veterinari della Asl, non sarebbero tutti trasferibili. L’ipotesi, per molte associazioni, invitate a partecipare alla commissione Ambiente presieduta da Carmine Attanasio, era lasciare nell’area dello zoo gli animali, assicurare il lavoro ai dipendenti ma chiudere al pubblico. Il cura-

Elezioni Consiglio Zuccarelli in testa

CasaPound

Il punto

L’iniziativa

Ordine dei Medici

PARCO Lo zoo di Edenlandia: la struttura è in condizioni molto precarie, la chiusura è stata rinviata al maggio del 2012

prevalentemente anziani - scrive il giudice - nati nello stesso zoo e in molti casi in precarie condizioni di salute. Il loro trasferimento in altre strutture potrebbe costituire un rischio per trasporto e ambientazione». L’anestesia agli anziani può essere letale, la collocazione in casse aggravare le condizioni critiche e l’introduzione in aree dove vivono altri animali andrebbe guidato (sul concetto di “dominanza” gli studiosi sono divisi). La famiglia dei leoni potrebbe essere divisa in due gruppi, cosa che non sarebbe salutare, come lo spostamento delle tigri, che stanno strette ma “in uno spazio

Il giudice civile “Trasferire gli animali in altre strutture può essere un rischio”

“L’area, riqualificata, può costituire un fattore importante per lo sviluppo”

tore fallimentare Salvatore Lauria, però, ha chiesto tempo al tribunale che gliel’ha concesso. Lo zoo perciò sarà aperto fino al 31 maggio 2012, il che vuol dire che si continua a pagare un biglietto e gli animali restano dove sono. Il pallino è sempre in mano ai gestori nominati dalla giustizia fallimentare, che potrebbero, volendo, vendere tutti i beni della società fallita Park and Leisure, animali compresi (anche se tutti si augurano che questi vengano trattati non come beni immobili, ma come esseri viventi). Continua dunque l’esercizio d’impresa, come prescrive il decreto della VII sezione civile presieduta dal giudice Nicola Graziano. Lo stesso decreto, tracciata la storia di Edenlandia e dello zoo, aperto dal dopoguerra e diventato “laboratorio ecologico” didattico, ipotizza una ristrutturazione sulla scia delle principali città che pure avevano giardini zoologici storici e vincolati. «Ferma restando la disciplina del decreto legislativo 21 marzo 2005 n. 73, lo zoo ospita animali

che per quanto piccolo è sempre il loro”. Si può non essere d’accordo, ma le soluzioni le devono trovare etologi e i veterinari. Entro gennaio sarà comunque bandita una gara internazionale per il rilancio dell’area della Mostra d’Oltremare che ospita zoo, Edenlandia e cinodromo. La Asl ipotizza invece che lo zoo diventi centro di recupero fauna, mentre il cda della Mostra d’Oltremare e il presidente Nando Morra considerano che «l’area del “Parco del Tempo Libero” (Edenlandia – zoo – cinodromo), riqualificata e ridefinita funzionalmente, può costituire un fattore importante per lo sviluppo socio-economico, produttivo e urbanistico dell’area occidentale». Attanasio indice una nuova commissione e, siccome nell’“area di sviluppo” al momento abitano esseri viventi - sebbene evidentemente non sufficientemente redditizi - fa opportunamente appello agli ipermercati, affinché diano una mano a nutrirli adeguatamente. © RIPRODUZIONE RISERVATA

È stato indispensabile l’intervento di carabinieri e personale Asl alla scuola materna Giovanni Paolo II di Torre del Greco per calmare i genitori che hanno notato aule e bagni sporchi nella struttura. Tutto nasce, hanno denunciato i genitori, dalla protesta dei responsabili della ditta di pulizia incaricata dalla Provincia per i mancati pagamenti degli stipendi.

Mugnano

Progetto anti-usura “Accendi la luce” “Accendi la luce, spegni il silenzio”. È il progetto antiusura e antiracket “Ricominciamo” che sta realizzando il Comune di Mugnano. Primo incontro domani alle 11 nel Comune con i rappresentanti di scuole, chiese, sindacati di commercianti e forze dell’ordine.

Contraffazione

Falsi vestiti e scarpe eseguiti 46 arresti Contraffazione: la Guardia di Finanza ha eseguito 46 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di appartenenti a quattro organizzazioni criminali alla fine delle indagini durate tre anni. Gli indagati producevano e commercializzavano articoli di abbigliamento e accessori griffati.

Lioni

Camion investe casa muore una anziana Un autocarro sbanda e finisce contro un’abitazione, che crolla e travolge un’anziana. È accaduto a Lioni, provincia di Avellino.

Salerno

Uccidono un cane gettandolo nel fiume Hanno legato una corda al collo e ad una zampa di un cane e poi lo hanno spinto in un torrente facendolo morire. È successo a Sant'Arsenio (Salerno). Ad accorgersi di quanto accaduto, alcuni passanti, attirati dal disperato abbaiare del cane prima che affogasse. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani che hanno subito dato inizio alle indagini del per risalire ai responsabili.


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

LETTERE&COMMENTI

■ VIII

Elvira Pierri pierri2000@libero.it IERI 22 novembre disservizi per la metro, a opera di uno sciopero. Nessuna informazione sulle paline dell’Anm, che per l’occasione in mattinata erano per giunta spente. Nessun sms da parte della società Metronapoli, che pure ci informa continuamente se la navetta per l’Università funziona o meno.

I vigili fanno le multe senza scendere dall’auto Titty titty@mauromagno.it IERI mattina in zona Vomero mi è capitato di vedere un’auto dei vigili urbani targata ED994ZK, che si accostava a ogni macchina in sosta irregolare. I vigili, all’interno, facevano multe senza scendere dal veicolo, e quindi senza apporre il preavviso di verbale, così da non dare la possibilità all’utente in difetto (sicuramente) di pagare la multa prima della notifica a casa. Con conseguenti spese postali e raddoppio della cifra. Il fatto commesso è abuso di potere.

Le disavventure dei pendolari Armando Santucci armandosantucci@yahoo.it SONO un pendolare, tutti i giorni viaggio in treno da Caserta a Roma e ritorno in serata. Come me tanti altri sono stati penalizzati dalla decisione di Trenitalia di eliminare il treno 9359 che collegava Roma con Bari con partenza alle 18.45 e che molti di noi utilizzavano per fare ritorno a casa. Come già da “Repubblica” riportato la soppressione del treno in questione ha creato tanti disagi ed è stata anche oggetto di interpellanze parlamentari. Premesso che stante la eliminazione del treno in oggetto ci vediamo costretti a fare uso del treno intercity 35011 Torino-Salerno (con partenza da Roma alle 18.39 quando in orario) per fare ritorno a casa, con notevole disagio in termini di durata e modalità del viaggio (da 1 ora diretti si è passati a circa 2,30 con cambio ulteriore nella stazione di Aversa), e che con il titolo di viaggio in nostro possesso (abbonamento eurostar AV unidireziona-

le con estensione regionale) siamo in diritto di servirci per il ritorno anche di treni di categoria inferiore purché non regionali, come appunto l’intercity, vorrei portare all’attenzione quanto successo venerdì 11 novembre sul treno 35011 a un gruppo di pendolari che facevano ritorno a Caserta. I pendolari sono stati aggrediti verbalmente da un controllore che sosteneva che gli stessi non avessero titolo di viaggio idoneo a viaggiare su quel treno. Alle giustificazioni dei pendolari, il dipendente di Trenitalia non ha dato alcun rilievo, anzi ai pendolari è stato notificato un verbale di 226 euro ciascuno. Gli animi si sono quindi riscaldati a tal punto che il controllore aggrediva fisicamente uno dei pendolari dandogli un forte spintone contro un vetro. Sul treno era presente un medico che constatava che il ragazzo aveva subito un trauma al collo e che necessitava dell’intervento del 118. I soccorsi sono stati chiamati e sono giunti, insieme con l’intervento di polizia e carabinieri, nella stazione di Villa Literno dove il treno è stato fatto fermare accumulando notevole ritardo. Il ragazzo veniva trasportato alla clinica Pineta Grande con una prognosi di due giorni. Il giorno dopo è stata sporta denuncia presso il comando dei Carabinieri di Caserta al controllore per lesioni.

PIETRO SOLDI

U

DA ormai oltre dieci anni la questione del parcheggio nelle aree di via Palizzi, via Sanfelice e via Toma è oggetto di ordinanze e progetti che non hanno ancora portato a soluzioni eque e durature, fino al paradosso odierno: le strisce blu per il parcheggio dei residenti garantiscono molto meno dei posti auto degli aventi diritto! I 242 posti auto dell’ordinanza del 2000 delimitati da strisce blu sono scesi infatti a meno di 212, occorrerebbe poi calcolare quelli sottratti dalla sosta dei motoveicoli e quelli occupati dai cassonetti. Risultato: ondate di ingiuste contravvenzioni (e di comprensibile rabbia verso gli incolpevoli addetti a elevarle), ganasce e carri attrezzi. È per questo che gli abitanti della zona, nello spirito della massima partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica, stanno raccogliendo firme perché Comune e Municipalità Vomero mettano mano finalmente a uno studio serio che tenga in considerazione le reali necessità dei residenti. Se è certamente prevedibile che un rinnovo dei criteri di parcheggio e di transito può portare un certo disagio, è tuttavia vero che questo disagio viene imposto trascurando il più elementare principio di equità: oggi si pagano multe senza ottenere soluzioni se non la spiacevole impressione che i cittadini della zona siano deliberatamente spremuti per fare cassa. Da notare inoltre che nei periodi in cui il controllo del parcheggio è più debole molti non residenti (negozianti del Vomero, cittadini che utilizzano la zona come parcheggio di interscambio per l’uso dei mezzi su ferro nei dintorni, genitori che accompagnano i figli a una scuola privata in zona) utilizzano l’area sottraendo prezioso parcheggio ai residenti e intensificando situazioni di paralisi del traffico. Una Ztl che era stata prevista non è stata mai messa in pratica per lo scontento di pochi, mentre è proprio una Ztl che potrebbe garantire una giusta regolamentazione del traffico, oltretutto in strade “cieche” come quelle di cui parliamo e quindi molto facilmente controllabili.

nincarico per la Coesione territoriale esisteva anche con il governo Berlusconi, ma è come se nessuno lo sapesse. Era affidato a Raffaele Fitto, conosciuto però come semplice ministro delle Regioni, come se la locuzione “coesione territoriale” avesse un significato puramente generico e d’uso retorico, privo di effettivo legame con una politica di contenuti specifici. Accadeva anche questo con un governo condizionato dai leghisti, perché in un paese come l’Italia il problema della coesione territoriale non è altro che quello dello sviluppo del Mezzogiorno, un tema che i padani di Bossi e Calderoli vorrebbero cancellare da ogni agenda di governo. Il nuovo premier Mario Monti sa bene che il problema “Mezzogiorno” ha una portata che richiede puntuale attenzione nel suo mandato di governo, e così ha deciso, forse anche con i suggerimenti del Capo dello Stato, di dare specifico rilievo alla politica di coesione territoriale istituendo un ministero ad hoc. E l’opinione pubblica riformista democratica dovrebbe preliminarmente plaudire un governo che ha giustamente ridotto il numero dei suoi dicasteri, ma ne ha ripristinato uno che dovrebbe urgentemente operare per la ripresa meridionale nel quadro della politica di risanamento e di sviluppo del Paese. È anche da rilevare con interesse che il titolare del nuovo ministero per la Coesione territoriale è Fabrizio Barca, un esperto di lunga esperienza nel campo della politica meridionalista. Da © RIPRODUZIONE RISERVATA molti anni responsabile del Dipartimento per le politiche di svi- stretta del risanamento delle finanze pubbliche e della simultaluppo del ministero dell’Economia, è stato il massimo fautore nea ripresa della crescita economica, e ciò in tempi ragionevoldi quella “nuova programmazione” che, dopo l’abolizione del- mente brevi. Il risanamento, necessariamente improntato alla la politica di intervento straordinario, avrebbe dovuto essere, equità sociale, dovrebbe liberare risorse per la spesa pubblica con nuova forza ed efficacia, lo strumento per risolvere la que- in conto capitale; e la crescita economica dovrebbe assumere stione meridionale. Era mosso dall’idea di fondo di promuove- un ritmo stabile e visibile, elevando il Pil e il livello di produttire lo “sviluppo dal basso”, e così puntava decisamente sulla mo- vità del sistema economico: così contribuirebbe in misura dedernizzazione della pubblica amministrazione nel Sud. Quella cisiva alla riduzione del debito pubblico, il tremendo macigno politica, come è noto, non ha conseguito i risultati attesi, e ciò che incombe sulla vita italiana. essenzialmente perché era un disegno programmatorio che In questo quadro di complessi equilibri, c’è sicuramente ponon dava pari importanza ad altri fattori in gioco in un paese a sto per una specifica politica a favore del Mezzogiorno. Attraeconomia dualistica. Oggi non sappiamo quale giudizio Barca verso una stretta collaborazione Stato-Regioni, il governo Mondia degli esiti della cosiddetta “nuova programmazione”, sap- ti dovrebbe impegnarsi in prima istanza a incrementare la spepiamo però che egli è un uomo di sensibile intelligenza, oltre che sa pubblica per investimenti nel Mezzogiorno e ciò col preciso di seria preparazione scientifica. Ha peraltro buoni rapporti con vincolo di renderne certi i tempi di attuazione. Questo non l’attuale presidente della Svimez Adriano Giannola, economi- esaurisce gli adempimenti di una organica politica meridionasta che ha dedicata molta attenzione alla politica di sviluppo lista, ma corrisponde alle urgenze primarie del momento. Domessa in campo dopo la fine dell’Intervento straordinario. vremmo tutti ricordare che gli investimenti per infrastrutture Ma cosa in questo momento il Sud può legittimamente chie- attuati nella prima fase della politica di intervento straordinadere al governo Monti? Chi non tenesse fermo che l’attività go- rio, cinquanta anni fa contribuirono fortemente allo sviluppo vernativa in questa drammatica congiuntura sta dentro precisi economico-sociale del Paese passato alla storia come “miracoe inderogabili vincoli, si metterebbe subito fuori binario, con lo economico”. gravissima irresponsabilità. Il governo deve correre sulla via © RIPRODUZIONE RISERVATA

MUOVERSI IN CAMPANIA

Parcheggi ed equità residenti senza diritti Silvana Russo de Cerame De Lucia e altre firme di residenti Napoli

DOVE INVIARE LE LETTERE “La Repubblica”, Riviera di Chiaia 215, 80121 Napoli; napoli@repubblica.it; via fax al numero 081 498 285

PIÙ SPESA PUBBLICA NEL SUD

La parola ai lettori Nessuna informazione da Metronapoli

@

ANTONIO COPPOLA

Q

uando il nostro territorio fu colpito dalla terribile sciagura del terremoto, di cui oggi ricorre il trentunesimo anniversario, un grande contributo alle attività di soccorso, assistenza e informazione fu fornito dalla rete dei radioamatori che si fecero in quattro per mettere al servizio della collettività e delle istituzioni i loro preziosi canali di comunicazione. Erano tempi in cui satelliti, gps, telefonini, internet e tutti quei servizi che il repentino sviluppo tecnologico-informatico avrebbe reso disponibili di lì a poco, non avevano ancora fatto irruzione nella nostra vita quotidiana, sconvolgendo abitudini, stili di vita, sistemi di apprendimento e conoscenza. Da allora ne è scorsa di acqua sotto i ponti, il progresso scientifico in questo breve arco temporale, costituito da appena sei lustri, ha toccato vette inimmaginabili, eppure le calamità naturali, nonostante gli strumenti a elevata tecnologia di cui disponiamo, continuano a coglierci di sorpresa e a creare disastri. I sistemi di prevenzione, insomma, continuano a essere il nostro tallone d’Achille, mentre significativi miglioramenti — ma anche qui resta ancora molto da fare — si registrano nella gestione dei primi soccorsi, nelle attività di assistenza e nella tempestività delle comunicazioni. E non potrebbe essere diversamente nella società dell’informazione dove le notizie devono viaggiare “in tempo reale”. In quest’ottica, un grosso contributo è dato e continuerà sempre di più a essere fornito, mediante opportuni investimenti, dai servizi dell’infomobilità che, tanto nelle emergenze, quanto nella vita di tutti i giorni, risultano di straor- sporto pubblico su gomma e su ferro, autorità portuali, Anas, podinaria importanza nell’orientare le scelte di chi si sposta sul ter- lizia stradale, gestori autostrade, Protezione civile, polizie muniritorio. Questi servizi, infatti, sono diventati qualcosa di più dei cipali), ma anche direttamente mediante telecamere e webcam semplici e tradizionali bollettini di notizie sul traffico, includen- posizionate nei nodi di traffico più nevralgici. Una volta elaborado tutto il complesso delle attività relative alla raccolta, elabora- te, le news vengono diffuse attraverso un complesso sistema mulzione e distribuzione di dati e notizie volti a migliorare e ottimiz- ticanale con bollettini video, radio, televideo, internet e messagzare gli spostamenti delle persone e delle merci. Siamo, cioè, pas- gi telefonici (sms). In questo modo, i cittadini possono, agevolsati dalla classica autoradio, che per circa 50 anni ha rappresen- mente, scegliere la migliore modalità di trasporto da utilizzare per tato l’unica finestra informativa sul mondo esterno a disposizio- i propri spostamenti, evitando, così, ingorghi, disagi e stress che, ne di chi si trovava al volante, ai sofisticati sistemi di navigazione molto spesso, sono anche causa di incidenti stradali. Non solo, satellitare e ai complessi apparati di bordo in grado di interfac- ma in presenza di eventi straordinari (tra cui, appunto, le calamità ciarsi non solo con il segnale radiotelevisivo, ma anche con la te- naturali), questo tipo di servizio è in grado di svolgere un ruolo lefonia mobile e la rete internet. Grazie a questi moderni disposi- strategico anche sul piano della “protezione civile”. Senza consitivi, l’utente, oggi, non ha più necessità di adeguarsi al palinsesto derare, poi, le sue enormi potenzialità a favore dei turisti, a cui si dell’emittente che seleziona e distribuisce le notizie secondo mo- possono suggerire le modalità di trasporto più idonee da utilizzadi e tempi ben definiti, ma può attingere in maniera autonoma al- re per raggiungere specifiche località o seguire itinerari prefissale sole news pertinenti alla destinazione da raggiungere, all’itine- ti. Grazie a questo sistema evoluto e interattivo, in sostanza, si rario da seguire e alla migliore modalità di trasporto da utilizzare. contribuisce alla realizzazione di condizioni capaci di migliorare Uno dei più innovativi sistemi attualmente in funzione nel no- la sicurezza e la circolazione stradale, e, contemporaneamente, stro Paese è il centro “Muoversi in Campania”, realizzato nel- di promuovere l’intermodalità dei trasporti. Anche così si persel’ambito dell’accordo quadro siglato da Aci e Regione, e gestito gue la “mobilità responsabile”, da noi definita non come un vago dall’Agenzia regionale per la sicurezza stradale, in collaborazio- e astratto concetto, ma quale obiettivo prioritario da raggiungene con l’Automobile Club Napoli. Si tratta di un servizio ad alto re con buone pratiche, servizi moderni ed efficienti, e comportavalore aggiunto che impiega tecnologie avanzate e una piattafor- menti coscienti. Sempre che le istituzioni siano sensibili a incoma informatica all’avanguardia sul mercato europeo dell’info- raggiare e sostenere questo tipo di attività che ci vede finalmente mobilità, in grado di fornire a tutti i cittadini, in tempo reale, no- all’avanguardia, tanto da suscitare interesse e proseliti persino tizie sull’intero universo dei trasporti regionale (viabilità, colle- fuori dai confini nazionali. L’autore è presidente dell’Aci di Napoli gamenti aerei, ferroviari, marittimi). Le notizie vengono acquisite da una molteplicità di fonti di informazioni (aziende di tra© RIPRODUZIONE RISERVATA

TANTI APPLAUSI A ROMA FRANCESCO CANESSA (segue dalla prima di cronaca)

È

E coda di applausi anche per Paola Severino, neo ministro della Giustizia e Ignazio Visco, nuovo governatore della Banca d’Italia, presenti tra gli altri vip di varia estrazione, da Mario Draghi a Eugenio Scalfari, da Roberto Benigni a Renata Scotto. Evento singolarissimo di musica, con le immagini del film che scorrevano sullo schermo, l’orchestra in penombra, quando non al buio e una luce tenue a illuminare il direttore, la sua figura minuta e quel braccio che chiede musica stupendamente da sempre, ma ora è come se esprimesse la poesia che vi va fin sotto il proscenio ad applaudirlo — e lui che consta dentro, innanzitutto. Per Abbado feste a non fi- divide il successo con i munire — con il Presidente che sicisti ceciliani che gli stan-

no davanti ai primi leggii, stringendo la mano a David Romano il violino, a Raffaele Mallozzi la viola, a Diego Romano il violoncello. E poi al maestro del Coro, Ciro Visco che ha messo al suo battaglione di cantanti una squisita sordina, per cantare con un emozionante pianissimo i lamenti di Lear. Perché aggiungere questi particolari un po’ inusitati per una nota destinata a una straordinaria serata d’arte e

di musica? Perché oltre che Napolitano, tra i destinatari degli applausi al di qua e al di là della ribalta, i nomi citati sono tutti di napoletani: i due Visco, l’uno banchiere, l’altro maestro del coro, e la Severino, il violino, la viola, il violoncello. E l’orgoglio partenopeo, una volta tanto, poteva innalzare il gran pavese per cosa diversa dal gol di un bomber d’importazione in maglia azzurra. © RIPRODUZIONE RISERVATA


&

SPORT SPETTACOLI CULTURA

NAPOLI

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

SOCIETÀ

la Repubblica

■X

Doppietta dell’uruguaiano: battuto (2-1) il City, serve una vittoria contro il Villarreal per la storica qualificazione agli ottavi

A un passo dal

sogno Napoli, oj vita oj vita mia Cavani accende la festa MARCO AZZI (segue dalla prima di cronaca)

È AFFOLLATA presto anche la tribuna vip, con le presenze annunciate di Fabio Capello e Ciro Ferrara (invitati da De Laurentiis) e quella a sorpresa di Claudia Villafanes. La moglie di Maradona, con la figlia Yanina, non si è lasciata sfuggire l’occasione per un amarcord a Fuorigrotta e soprattutto per fare

S’

Grande Lavezzi, il gol degli inglesi realizzato da Balotelli. In Spagna il 7 dicembre il tifo per il genero: il Kun Aguero. Ma l’attaccante argentino, un po’ a sorpresa, è stato lasciato inizialmente in panchina da Mancini, che gli ha preferito Balotelli e Dzeko. For-

mazione annunciata per il Napoli, invece. Mazzarri ha invece dato fiducia in blocco ai suoi undici titolarissimi, con il ritorno di Gargano al posto di Dzemaili. Ruoli invertiti nei primi minuti per Cavani e Lavezzi, col Pocho più avanzato. La mossa ha messo subito in apprensione la difesa del City. Ma a dare coraggio a Mazzarri e ai tifosi è stato l’atteggiamento in campo del Napoli, in partita fin dai minuti iniziali. Gli azzurri hanno concesso agli inglesi il primo tiro in porta, con un destro di Balotelli che ha lasciato immobile De Sanctis: palla di poco a lato. Subito dopo, però, i pericoli sono cominciati a fioccare dalle parti di Hart. Il portiere è stato bravo due volte: su Hamsik e Inler. E fortunato su un destro dal limite di Lavezzi fuori di centimetri. Per-

fetta l’intesa con Cavani. Il Napoli ha capito in fretta di potersela giocare senza paura, prendendo addirittura l’iniziativa con autorità. Nessuna sorpresa, dunque, per il gol del vantaggio segnato da Cavani (18’, assist di Lavezzi su calcio d’angolo), con un colpo di nuca quasi impercettibile che ha beffato Hart. Molto bella anche l’esultanza del Matador, che ha disegnato un cuore con le mani ed è corso verso i tifosi, condividendo con loro la sua enorme

felicità. Pazzesco il boato dei 60 mila del San Paolo, entusiasti per il superbo avvio di partita degli azzurri, avanti con merito. Sotto choc il Manchester di Mancini. Gli azzurri, per un po’, hanno dato la sensazione d’avere la gara in pugno. Col City in avanti, infatti, il Napoli ha affondato i colpi i contropiede e sfiorato il bis. Ma un errore di Aronica in disimpegno, sul più bello, ha regalato il pari agli inglesi: tap-in di Balotelli (33’) dopo il tuffo di De Sanctis su Silva. Gelo al San Paolo, che ha tremato di nuovo prima dell’intervallo per un tiro di Kolarov. All’inizio della ripresa, però, la squadra di Mazzarri si è ripresentata con grande determinazione ed è subito ripassata in vantaggio con Cavani (4’), proprio mentre i 60 mila urlavano il nome di Diego. Poi il lungo conto alla rovescia, con i cori dello stadio per Maradona, un palo di Hamsik e altre mille emozioni. Che spettacolo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pallanuoto

Acquachiara, esame di maturità diretta tv (20.30) su Rai Sport 2 OGGI decimo turno del campionato di A1 di pallanuoto, alla Scandone sarà ancora festa. Si comincia alle 19 con Posillipo-Camogli, a seguire Acquachiara-Bogliasco (ore 20.30, diretta tv su Rai Sport 2 e in streaming su www.30nodi.com). Le formazioni napoletane arrivano all’impegno infrasettimanale con i favori del pronostico: ricaricati dagli ultimi successi in Italia ed Europa, i rossoverdi vogliono risalire la classifica e l’incontro coi liguri può rappresentare l’occasione giusta per inanellare la quarta affermazione consecutiva tra campionato e coppa. Vuole invece continuare a sognare la Carpisa Yamamay, che affronta un esame di maturità dopo le vittorie con Posillipo e Recco e il pareggio in casa della capolista Savona: «Ma non inganni il gap in classifica», evidenzia Tamas Marcz. «Il Bogliasco è la stessa squadra che l'anno scorso ha conquistato un posto in Europa, dovremo dare il massimo per ottenere un risultato positivo». Ci sono da difendere il quarto posto in classifica e l’imbattibilità casalinga che ha raggiunto quota 878 giorni. Inoltre si punta a riconquistare il primato di squadra meno battuta del torneo che sabato scorso, per un solo gol (63-64), è passato alla Pro Recco. (marco caiazzo) © RIPRODUZIONE RISERVATA


Varcaturo

Moglie di Hamsik rapinata la Bmw

VIGILIA di partita movimentata per il Napoli, con una rapina subita dalla moglie di Hamsik e un principio di incendio nell’albergo che ospita la squadra. Ieri mattina poco prima di mezzogiorno la moglie (in attesa del secondo figlio) del centrocampista, Martina Franova, 23 anni, giocatrice di pallamano (a destra), era a bordo della sua auto, una Bmw X6, quan-

Il commento

do è stata bloccata dai rapinatori in via Lago Patria a Varcaturo. I due, in sella a uno scooter e con i volti nascosti dai caschi, le hanno puntato le pistole addosso e le hanno intimato di consegnare l’auto. Poco dopo la vettura è stata ritrovata, grazie al satellitare, in provincia di Caserta. Nell’auto erano rimaste le chiavi di casa, e così la polizia ha sorvegliato la residenza del

calciatore fino a quando il fabbro non ha cambiato la serratura. Intanto, principio di incendio all’Holiday Inn di Castel Volturno che ospita il Napoli a causa di una canna fumaria. Molta paura, nessuna conseguenza. Sequestrati 29 biglietti falsi per la partita di ieri sera, valore di 1.450 euro. Denunciato un bagarino. (i.d.a.) © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’attacco scopre quel buco nero e straccia i milioni dell’emiro Il Matador, Lavezzi, Hamsik bocciano il colosso Manchester

ANTONIO CORBO

LA FESTA Aurelio De Laurentiis saluta il pubblico prima della gara Nella foto al centro, l’esultanza di Edinson Cavani

(segue dalla prima di cronaca) ORSE il Napoli segna troppo presto. E trova il primo gol proprio come gli esperti avevano previsto. Una grande squadra, il Manchester, ma con buco nero in difesa. Il Manchester City che si schiera in massa davanti alla linea di porta e cede uno spiraglio sul primo palo al ciuffo corvino di Cavani conferma quegli attimi di vulnerabilità, intravisti e segnalati. Così facile abbattere il colosso temuto per tanti giorni? Precoce, pericolosa euforia. La tensione che aveva reso il Napoli concentrato e insidioso, autoritario e tempestivo, si dissolve creando disordine e ingiustificati errori, come il passaggio puerile di Aronica a Silva, l’uomo ovunque del Manchester che avvia una fortunosa azione in area conclusa da Balotelli nella porta spalancata. Un Napoli che abbassa il ritmo, perché? Mancini ha seminato inganni. In conferenza presenta Aguero. Nessuno immagina che non giochi. Un

F

dista ma un po’ all’antica e non Barry, quel giro di chiave in più per blindare la difesa. Eccessiva la prudenza di Mancini, si pentirà sostituendolo con Nasri, uno che gioca trenta metri più avanti a ridosso di Dzeko e Balotelli. Un’altra novità Milner, un mediano tenuto spesso nel buio degli scaffali di Manchester: deve scortare il temibile Yaya Touré e liberare David Silva, un genio tattico di scuola spagnola, sempre vario nei movimenti, inafferrabile, spunta repentino in ritagli liberi come gli scoiattoli dei cartoni animati. Il

Il congegno offensivo del Napoli dimostra che la squadra inglese ha una difesa vulnerabile. La prudenza di Mancini bluff, invece. Esclude proprio il genero di Maradona per abbinare Balotelli alla prima punta Dzeko. Ma non è questo a determinare il profilo tattico. Mancini si è avvalso del lusso. Aveva una scelta infinita. Fruga negli spogliatoi come una bella donna in un

guardaroba da sogno. Può prendere chi vuole. Tira fuori gli elementi migliori, giusti per un nuovo centrocampo: massiccio e prudente, ma non remissivo. Davanti alla difesa, con gli esterni mobili Zabaleta e Kolarov, esibisce l’olandese De Jong, solido meto-

migliore del Manchester, che nel primo tempo trova proprio sulla trequarti Inler ancora dimesso e Gargano che corre troppo, sempre generoso talvolta illogico. Non dite che Hamsik sia ancora scosso dalla rapina a mano armata alla moglie, Hamsik

schierato a destra crea poco nel primo tempo e non raddoppia su Maggio, lasciando crescere Kolarov. Si riprenderà, e con lui la squadra. A sinistra invece Lavezzi fila subito con Dossena. Le scintille di Lavezzi e Dossena anticipano le fiammate della ripresa. Che è un’altra storia. E per la prima volta il congegno offensivo del Napoli esprime la sua potenza. Cavani al centro fulmineo nel raddoppio, Hamsik a destra e Lavezzi a sinistra, molto larghi, con gli esterni Maggio e Dossena meritano il vantaggio e esaltano negli spazi finalmente sgombri i valori che la Champions richiede ed ora riscontra anche nel Napoli. Il disperato finale del Manchester, con Balotelli più pericoloso e con l’irato Aguero subentrato allo stranito Dzeko, oscurato da Cannavaro, consegna l’italianissima difesa, con i superlativi De Sanctis e Campagnaro, all’amore di tifosi pazzi di paura e di felicità e al rispetto del calcio europeo. Piangono con Mazzarri, ha ragione, quante responsabilità si è preso quest’anno. Quanto ha sofferto fino a stanotte. © RIPRODUZIONE RISERVATA


la Repubblica

GIORNO&NOTTE

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

■ XII

Teatro CILEA

Dalle 17 al teatro Cilea, via San Domenico 11, “Felici in circostanze misteriose”, nuova commedia in due atti scritta e diretta da Gianfranco Gallo. Info 081 714 1801. DIANA

Dalle 21.30 al teatro Diana, via Luca Giordano 64,

appuntamento dello Zelig Lab. Ospite della serata Peppe Iodice. Info 081 556 7527. MERCADANTE

Dalle 21 al teatro Mercadante, piazza Municipio, in scena “Misura per misura”, di William Shakespeare, con protagonista Eros Pagni e la regia di Marco Sciaccaluga. Info 081 551 3396.

Dalle 21.30 alla Galleria Toledo, via Concezione a Montecalvario 34, lo spettacolo “La città perfetta”. Regia Giuseppe Miale di Mauro. Info 081 425 037.

NUOVO

Dalle 20.30 al teatro Nuovo, via Montecalvario 16, “ToledoSuite”, di e con Enzo Moscato. Info 081 497 6267.

Una delle fotografie esposte nella mostra scattata da Francesca Cao

na vergogna che ha attraversato almeno tre generazioni e segna ancora l’Irpinia. Il terremoto del 23 novembre del 1980, di cui oggi ricorre il 31esimo anniversario, ha lasciato esistenze sospese. “My Broken World”, mostra fotografica di Francesca Cao e Michela Palermo, a cura di Irene Alison, che si inaugura alle 19 alla Casina del Principe (corso Umberto, Avellino) vuole esplorare questo mondo. Michela Palermo, nata a Bagnoli Irpino nel 1980, è tornata nei luoghi dell’infanzia per documentare. Francesca Cao ha “rubato” la vita di Ernestina, 66 anni, che ha vissuto in un container di amianto e solo l’anno scorso ha avuto una casa.

U

SOCCAVO

Dalle 21 al teatro Nuovo, via Montecalvario 16, Anna Bonaiuto in “La belle joyeuse” di Gianfranco Fiore.

Al teatro La giostra di Soccavo (via dello Sport 39), alle 21 lo spettacolo di Ernesto Estatico “Non prendetemi troppo sul

(ilaria urbani)

Info www.irenealison.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Palazzo de’ Liguoro

“Le femmine sapute” commedia su cretinerie Il salone di Palazzo de’ Liguoro ospiterà “Le femmine sapute” e femmine sapute” di Molière sono a Palazzo de’ Liguoro, in via Arena alla Sanità 12, da domani fino domenica alle 21. Con l’adattamento di Massimo Maraviglia, la regia di Arturo Muselli ed Ettore Nigro, lo spettacolo - una delle commedie cosiddette minori di Molière del 1672 - diviene «un omaggio irriverente all’umana cretineria: maschile, femminile o altro che sia». Dietro la storia, che segue i dettami della trama classica, l’intento sarcastico dell’autore mira a colpire la borghesia del tempo che, dedicandosi alla scienza e all’arte “da salotto”, aspirava a raggiungere un maggiore riconoscimento sociale. Una commedia anacronistica che, proprio nella sua inattualità, conserva un fascino inossidabile. Prenotazioni al 338 747 69 94. Prezzo intero 10 euro, ridotto 7 euro.

“L

Info www.incampania.com

IERI 22 novembre

2011

Temperatura aria Min 14.4˚C Max

18.7˚C

Temperatura mare (Porto: dati ISPRA) Umidità massima Pioggia (entro le 17) Vento

18.8˚C

Copertura cielo Disagio climatico MED*

coperto

79% 3.2 mm debole da Nord

nessuno 0.5 (basso)

Inquinamento aria** Notte basso Giorno

basso

Appuntamenti

Prevendite

PENA DI MORTE

BANDABARDÒ

A Castelnuovo Cilento incontrodibattito, su “Città contro la pena di morte”, alle 10 nell’aula magna della scuola alberghiera. Partecipano Antonio Mattone della Comunità di Sant’Egidio e Rosaria Casaburo, direttrice della casa circondariale di Vallo della Lucania.

Domani Casa della musica. 14 euro.

HOTEL MEDITERRANEO

SUBSONICA

Alle 15 all’hotel Mediterraneo la MagicSolution presenta un nuovo modello di software gestionale.

programma nel circuito ordinario delle sale. A Napoli al cinema Martos Metropolitan di via Chiaia. Q CLUB

In serata al Q Club di Fuorigrotta, via Cinthia, ospite Tom Boxer.

Musica RADICI

NUOVO

Avellino

Fotografie d’autore a 31 anni dal terremoto

serio” con Peppe Casciano e Gianpiero Estatico. Info 349 218 751, sito internet www. lagiostrateatro. it

Info 081 497 6267.

GALLERIA TOLEDO

Usato e altro

Dopo la ricerca delle “Radici” ecco il “Mala Vista Social Tour”. Il 2 dicembre il docufilm di Carlo Luglio che ha per protagonista Enzo Gragnaniello sarà in

Classica CHIESA LUTERANA

Dalle 20.30 nella Chiesa luterana, via Carlo Poerio 5,

Andiamo

a

riciclar

GAVINO MURGIA MEGALITICO JAZZ QUARTET

Domani Castel Sant’Elmo. 20 euro.

“Qui non si getta più nulla” tra filosofia e fiera del baratto

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO LE ORME

Venerdì Palapartenope. 25 e 30 euro. 28 e 29 novembre Augusteo. 35 e 40 euro. BRAD MELDHAU

29 novembre Bellini. Da 12 a 40 euro.

FELTRINELLI

Alle 18 al Feltrinelli megastore, via Santa Caterina a Chiaia 23 partendo dal libro intervista “Di lotta e di governo”, di Claudio Sabelli Fioretti, incontro con Luigi de Magistris per un bilancio sui suoi primi cento giorni da sindaco. A intervistarlo, la giornalista di Radio Kiss Kiss Ida di Martino. Info 081 240 5411.

FABIO CONCATO

30 novembre Posillipo. Prezzi da definire. PLANET FUNK

2 dicembre Arenile Reload. 10 euro. MANGO

6 dicembre Augusteo. 30 e 40 euro. DONATELLA BERNABÒ SILORATA

MARRACASH

IUSARE, scambiare, riciclare: sono le nuove parole del momento, figlie della crisi che morde i consumi, tornate in voga nella versione inglese dello swapping - che significa barattare - e della nuova religione eco-chic. Oggi non si butta nulla, proprio come dicevano le nonne. Piuttosto si rivende, si baratta, si recupera e trasforma. Dagli abiti ai rifiuti che diventano ormai lampade o gioielli in mano a giovani creativi indipendenti. Come l’architetto napoletano Massimo Pinto che trasforma le taniche di plastica in lampade di design (www. light-tank. it) o come l’artista Giovanni Scafuro (www. giovanniscafuro. it), pioniere nel riuso di vecchie posate e colli di bottiglia. Tra gioco, educazione ambientale e nuovi business, l’usato si prende insomma la sua rivincita. È protagonista sabato e domenica nella Fiera del Baratto che si svolge nei padiglioni della Mostra d’Oltremare, un appuntamento ormai fisso nelle agende dei collezionisti e dei vintage-addict. Qui si scambia, si compra e si vende di tutto di più: bor-

7 dicembre Casa della musica. 14 euro.

R

GIANMARIA TESTA

FUSARO

Domenica alle 10.30, escursione fotografica al Lago Fusaro in compagnia del fotografo Massimiliano Ricci. Appuntamento alle 10 alla stazione di servizio Campana. Contributo 20 euro. Prenotazione: info@flegreapark. it. Info 392 642 1465.

8 dicembre Sorrento, chiesa di San Paolo. Gratis. INFOLINE

Feltrinelli 081 764 2111 Concerteria 081 761 1221 Box Office 081 551 9188 Tkt Point 081 529 4939 Ticketteria 081 038 2711

CENTO ANNI FA

OGGI 23 novembre 2011

Temperatura aria Min 17.7˚C Max

Temperatura aria Min 14˚C Max

22.7˚C

Farmacie Notturne 17˚C

Umidità massima Pioggia Vento

63% assente moderato da Sud

Umidità massima Probabilità pioggia Vento

80% moderata debole variabile

Copertura cielo Disagio climatico

coperto basso

Copertura cielo Disagio climatico MED*

misto nessuno

La giornata di ieri è stata più fredda, più piovosa e meno ventosa di quella di cento anni fa.

0.5 (basso)

Inquinamento aria** Notte basso Giorno

basso

* 1 MED = radiazione UVB, emessa dal Sole dalle 12 alle 13, causa di eritema in individui di carnagione chiara (fototipo II). I valori UVB oscillano tra 0 e 3 MED. ** calcolato a partire dalle differenze di temperatura tra le stazionidi Monte Faito, Vesuvio, Nuovo Policlinico, Jolly Hotel, Università Federico II e Porto.

A cura di Adriano Mazzarella responsabile Osservatorio Meteorologico - www.meteo.unina.it - Dipartimento di Scienze della Terra - Polo delle Scienze e delle Tecnologie - Università di Napoli Federico II - Elaborazione grafica Centimetri.it

Chiaia - Via Filangieri 67, Via M. Schipa 25, Via F. Giordani 52; Posillipo - Via Manzoni 26F, Via Petrarca 173; Centro S. Ferdinando - Piazza Municipio 54; Vicaria, Porto, Mercato, Pendino Corso Umberto I 290C; Via Arenaccia 106; Calata Ponte Casanova 30; Colli Aminei - Viale Colli Aminei 249, Via M. Pietravalle 11; Vomero, Arenella - Via Cilea 124, Via Merliani 27, Via Simone Martini 80, Piazza Muzi 25, Via Scarlatti 85; Fuorigrotta Bagnoli - Piazza Marc’Ant. Colonna 21, Via Acate 28, Via Leopardi 144, Via Caio Duilio 66, Via Ruggiero 40, Via Cavalleggeri d’Aosta 11; Soccavo - Via P. Grimaldi 76, Via Epomeo 487; Pianura - Via S. Donato 18, Via Provinciale n. 18; Stella, S. Carlo, Arena - Calata Capodichino 123, S. Teresa al Museo 106; Miano, Secondigliano - C. Secondigliano 174, Via V. Janfolla 642; Chiaiano, Piscinola, Marianella - Via S. Maria a Cubito 441, Via E. Scaglione 24, Via Plebiscito 18; B. Barra, Ponticelli, S. Giovanni - Corso S. Giovanni a Teduccio 102; Avvocata S. Lorenzo - Corso Garibaldi 218, Piazza Dante 71

sette e valigie, cappelli, oggetti per la casa, vinile e vecchi elettrodomestici, decorazioni di Natale e collezioni di souvenir. Organizzata da Bidonville, la mostra mercato, alla sua 31esima edizione, si articola in quattro sezioni: “Antiquariato”, “Artigianato”, “Collezionismo” e “Di tutto di più”. Usato e baratto sono al centro anche del “Mercatino dei pulcini, giochiamo insieme al Rigiocattolo», l’iniziativa dedicata ai bambini e promossa dalle associazioni Riprendiamoci napoletani e Compagni di viaggio con la Libreria Treves. L’appuntamento è in piazza Trieste e Trento, venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18. Sono invitati a partecipare tutti i bambini tra i 3 e i 16 anni che potranno allestire la propria bancarella per scambiare libri usati, giornali, giocattoli, vestiti, figurine e tanto altro ancora, purchè in buono stato. La tre giorni nasce nell’ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti che da lunedì scorso e fino a domenica coinvolge l’Unione europea. Accanto al mercatino ci sarà il “Laboratorio del Rigiocattolo” per insegnare ai bambini a giocare con cose semplici e far galoppare la fantasia, riciclan-


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

@

GIORNO&NOTTE

NAPOLI

premiazione del concorso letterario “Una piazza, un racconto”. Sul palco l’attore Andrea de Goyzueta leggerà alcuni brani dei racconti premiati, intervallati dall’esecuzione al pianoforte di Maria Grazia Ritrovato Buonoconto. Info 081 663 207. SALA CHOPIN

Dalle 18, nella sala “Chopin”,

palazzo Mastelloni, piazza Carità 6, per la rassegna “Pomeriggi in concerto alla sala Chopin”, concerto inaugurale del duo pianoforte e violino formato da Domenico Cacace e Umberto Aragona. In programma la Sonata BWV 1015 di Bach, la Sonata “La primavera” di Beethoven e la “Suite Italienne” di Stravinskij. Info 347 843 0019.

MEDITERRANEO

Dalle 10.30 al teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare (viale Kennedy 54), “Crescendo”, ciclo di incontri musicali organizzati dalla Nuova Orchestra Scarlatti per i giovani delle scuole. Ingresso per allievo 7 euro. Info 081 410 175.

Cinema IN CAMPUS

Fino al 25 novembre, presso l’auditorium dello spazio polifunzionale InCampus di via Mezzocannone 14, si svolgerà la X edizione del convegno dell’Airsc (associazione per le ricerche di Storia del cinema), “Lavori in corso”, a cura di Dario Minutolo. Dalle 9.30 speciale Forum delle

PER SAPERNE DI PIÙ www.irenealison.it www.shangri-la.unina.it

Culture. Intervengono Mario Franco, Luigi Pingitore, Domenico Imperatore. Si prosegue dalle 15.30.

Libri Dalle 18 alla Feltrinelli librerie, via San Tommaso D’Aquino 70, presentazione del libro “La vita impropria” (Kairòs edizioni), esordio

Musei

Mostre

ARCHEOLOGICO NAZIONALE

PHILOMARINO

Piazza Museo Nazionale, 19. Orari di apertura: dalle 9 alle 19.30. Chiuso il martedì. Info 081 442 2149. Via Miano, 2. Orari di apertura: dalle 8.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima). Chiuso il mercoledì. Info 081 749 9111. CAPPELLA SANSEVERO

Via Francesco De Sanctis, 19. Orari di apertura: giorni feriali dalle 10 alle 17.30, domenica e festivi dalle 10 alle 13. Chiuso il martedì. Info 081 551 8470. CASTEL SANT’ELMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Info www.villaggiodelriciclaggio.org www.fuorigrotta.mercatinousato.com

Dalle 18, alla libreria Loffredo, via Kerbaker 19/21, Pina Varriale e Francesca Falco presentano “Ama te stesso”, il libro di Alfonso Mormile (edizioni Eracle).

Federico II

CAPODIMONTE

do oggetti “non utilizzati”. Ai più piccoli e ai loro genitori sono dedicati anche gli atelier del riciclo creativo di Re Mida che si svolgono al Pan fino al 16 dicembre (da martedì al sabato, dalle 9.30 alle 12.30, prenotazioni al 333 329 5215; 081 577 0407. Biglietto 3 euro): tema del laboratorio è “L’albero che non c’è” ovvero quello da inventare manipolando plastica, metallo, carta, cordoni, tessuti, bottoni e altro materiale di scarto. Se il baratto non basta, l’usato si può sempre rivendere. Dove? Al Mercatino, il franchising di chi vende e compra l’usato che ha aperto i battenti in città, al Parco San Paolo in via Cinthia (sempre aperto dalle 9 alle 20 e la domenica fino alle 13): mobili, accessori per bambini, giocattoli, oggettistica, abiti e scarpe, libri ed elementi d’arredo. I curiosi possono spulciare il catalogo anche on line.

poetico di Salvatore Esposito. Con l’autore intervengono Enzo Rega e Nando Vitali. Letture di Mariarosaria Riccio. Conduce Maurizio Vitiello. Info 081 240 5411. LOFFREDO

FELTRINELLI

LA TENDENZA Mercatini dell’usato e degli oggetti da riciclare anche in città Con bottiglie di plastica o vecchi giocattoli è possibile inventare anche una nuova moda

■ XIII

Via Tito Angelini, 22. Orari di apertura: dalle 8.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima). Chiuso il martedì. Info 081 229 4401.

Fino al 15 dicembre è aperta “Dalisi”, la personale dell’artista Riccardo Dalisi alla galleria Philomarino Arte Contemporanea (scale di San Pasquale a Chiaia 53, info e orari 081 060 77 42, www. riccardodalisi.com) MOVIMENTO APERTO

Venerdì alle 17 Riccardo Dalisi e Dario Giugliano discuteranno, presso l’associazione culturale Movimento Aperto, delle attuali prospettive del design in occasione della mostra “HANKY PANKY 011” dell’architettodesigner napoletano Daniele Zagaria ospitata da Movimento Aperto (via Duomo 290/c). THE APARTMENT

ARCHEOLOGICO CAMPI FLEGREI

Bacoli, via Castello, 39. Orari di apertura: dalle 9 alle 14.30 (la biglietteria chiude un’ora prima). Chiuso il lunedì. Info 081 523 3797. CAM - CASORIA CONTEMPORARY ART MUSEUM

Casoria, via Duca D’Aosta, 63. Orari di apertura: dal martedì al giovedì e la domenica dalle 10 alle 13, sabato dalle 17 alle 20. Info 081 757 6167.

La galleria The Apartment ospita la personale di Antonio Nocera (Caivano, 1949), con sculture, dipinti e installazioni che fanno parte del nuovo ciclo di opere dell’artista “Oltre il mare” (vico Belledonne a Chiaia 6, fino al 15 gennaio, da mercoledì a venerdì 16.3019.30, sabato su appuntamento info 081 41 23 50). Vernissage sabato alle 19.

Drammi e commedie una storia del cinema Nino Manfredi nel film “Per grazia ricevuta”

iscoprire le tracce del nostro passato attraverso un sorriso. È uno degli obiettivi dell’ottava edizione di “Shangri-La”, il cineforum dell’università Federico II che riapre i battenti guardandosi dal pescare le storiche pellicole di cassetta o i blockbuster più recenti. Si punta, invece, su venti titoli di qualità che esplorano tre tematiche: “Signori… la commedia!”, “Dal romanzo al film” e “La passata stagione”. L’appuntamento è ogni mercoledì dalle 20.30, fino a giugno 2012, al Centro congressi in via Partenope. Il viaggio sul grande schermo ha inizio stasera con “Per grazia ricevuta”, diretto e interpretato da Nino Manfredi nel 1971. Vi si racconta la vita di Benedetto, un uomo ricoverato in una clinica dopo un tentativo di suicidio. Il protagonista è assistito da una donna, che si scoprirà essere la sua compagna, e da un amico di famiglia pronto a subentrare nel cuore della giovane e a riconoscere come suo il figlio che lei porta in grembo. Il film, ricco di dialoghi arguti su temi come sesso e religione, fu presentato quarant’anni fa al Festival di Cannes, dove si aggiudicò il premio come migliore opera prima. Dalla prossima settimana scorreranno le immagini di “Guerra e pace”, suddiviso in tre parti. È la monumentale versione cinematografica che il regista Sergej Bondarchuk ha tratto dall’omonimo romanzo di Lev Tolstòj, probabilmente il più costoso dei film in costume del cinema sovietico. Puntigliosa ricostruzione ambientale, maestose scene di massa, attori efficaci per un’opera che, nella sua edizione originale trasmessa in televisione, ha una durata pari a otto ore. Si ritorna alla commedia da mercoledì 21 dicembre, con una serie di titoli di diversa nazionalità. A rappresentare l’Italia saranno “Maccheroni” di Ettore Scola con Jack Lemmopn e Marcello Mastroianni e “Speriamo che sia femmina” di Mario Monicelli, con un cast tutto al femminile guidato da Giuliana De Sio. Si ride all’americana, invece, con “Accadde una notte” di Frank Capra, “Harvey” di Henry Koster e “La stangata” di George Roy Hill. Per la commedia francese saranno proiettati “Le belle della notte” di René Clair, “Il gusto degli altri” di Agnès Jaoui e “Giù al nord” di Dany Boon (il cui remake italiano “Benvenuti al Sud” è stato camipone d’incassi). Per la Germania, “Vogliamo vivere!” di Ernst Lubitsch e “Soul Kitchen” di Fatih Akin. Si conclude con una tappa a Cuba attraverso il film “Lista d’attesa” di Juan Carlos Tabío. Non mancheranno, infine, alcune pellicole della passata stagione cinematografica, come “Raavan” di Mani Ratnam, “Il discorso del re” di Tom Hooper, “I fiori di Kirokuk” di Fariborz Kamkari e “I due presidenti” di Richard Loncraine.

R

(alessandro vaccaro) © RIPRODUZIONE RISERVATA


la Repubblica MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

@

SOCIETA'

■ XIV

Napoli e L’Avana, città gemelle “Qui e lì ti senti sempre a casa” Alessandra Riccio presenta “Racconti di Cuba” al Cervantes AGNESE PALUMBO NAPOLI, un due novembre del 1981: «Rievoco quel breve viaggio del regista Tomás Gutiérrez Alea e di sua moglie, nella mia città rubando il tempo a un incontro sul cinema a Roma». Irrompe Napoli, in una storia cubana. Alle 18, all’Istituto Cervantes (via Nazario Sauro 23), Alessandra Riccio, codirettore della rivista “Latinoamerica”, autrice del libro “Racconti di Cuba” (Iacobelli editore), racconterà, in compagnia di Gianni Minà, una storia cubana che non potrà prescindere dai suoi ricordi napoletani. All’arrivo a Napoli del regista cubano e la giornata trascorsa su un vecchio e scassato fuoristrada, a sfrecciare sui basoli, per i vicoli. «Fra le loro risate sui nostri mezzi approssimativi e il timore che finissimo contro qualcosa», racconta la Riccio. «Eppure, non molto tempo dopo, a L’Avana, dovetti constatare io stessa che i loro mezzi non erano in condizioni migliori: lui camminava con un grosso copertone infilato fra il sedile posteriore e quello del conducente per tenere ferma e dritta la spalliera. E quella sera toccò a me ridere per quel suo precario assetto di guida». Alessandra Riccio, napoletana, Cuba l’ha conosciuta, l’ha vissuta profondamente, e ce la ripropone con persone comuni tenute insieme dalla stessa passione: Titón, Paquita la stiratrice di guayaberas, Armando Valladares, Heberto Padilla, Zoe Valdés, Dulce María Loynaz. Un’isola lontana che in qualche momento incrocia il no-

Il personaggio

Marcello Gigante nel suo studio

Filologo e umanista, scomparve il 23 novembre del 2001

chitettonica. Come le sembrano oggi, i cambiamenti, le promesse di una città, Napoli, che si riassesta e prova a rimettersi in piedi? «A L’Avana, quando si era deciso che una zona diventasse pedonale, così era, non è che poi la gente ci passava lo stesso. L’Avana, tra tante difficoltà, aveva un vantaggio immenso, la volontà politica nazionale, qui ho l’impressione che manchi un grande progetto collettivo, le iniziative sono private, di singoli individui, come piazza Bellini e i caffè letterari. A L’Avana si è immaginata una grande opera, un piano globale, qualcosa che abbracciasse tutto il possibile, dall’ospedale per le gestanti a rischio a una caffetteria». © RIPRODUZIONE RISERVATA

PER SAPERNE DI PIÙ napoles.cervantes.es www.pontaniana.unina.it

Dieci anni senza Gigante il prof che amava i papiri FERRUCCIO FABRIZIO

Il centro di L’Avana

SE NE andò il 23 novembre di dieci anni fa, lasciando il suo testamento: la morte non esiste, perché finchè ci siamo noi non c’è lei e viceversa. Timido, scontroso, generoso. Ma soprattutto, filologo. Marcello Gigante, l’amico di Epicuro e dei papiri.

Profondo umanista, autore di più di 700 titoli. L’unico tra i contemporanei, forse, a spaziare da Omero a Bisanzio, come i grandi filologi tedeschi dell’Ottocento. Studioso infaticabile che già adolescente diede prova del suo rigore quando i suoi amichetti “insinuarono” un suo presunto amore per una ragazzina. E allora il giovane Marcello studiò come un forsennato e ottenne la promozione dal IV ginnasio direttamente al primo liceo, per dimostrare che i suoi occhi erano solo per i libri. Non fu sempre così. La moglie, Valeria Lanzara, lo conobbe al liceo Genovesi di Napoli, lei alunna appassionata di latino e greco, lui dietro la cattedra. «Lo ritrovai all’università – racconta la signora Gigante. Ero affascinata, lo perseguitavo ma devo dire che lui si faceva perseguitare volentieri… Dopo la mia laurea ci siamo sposati». I loro figli sono cresciuti insieme con i libri, nella casa di Largo Tarsia trasformata in una biblioteca privata. A Napoli, città d’adozione, gli sarà dedicata una giornata il 14 dicembre, all’Accademia Pontaniana. Per il decennale è in uscita, a catalo-

“Però lì quando una zona è pedonale, così è, non è che poi la gente ci passa in auto”

L’Accademia Pontaniana gli dedicherà un giorno, il 14 dicembre

stro Sud, Napoli, che l’attraversa, passando per lei: «L’Avana e Napoli sono due città che si assomigliano profondamente, la gente per strada, affacciata ai balconi, i vicoli, i pianoterra, il clima. A Cuba mi sono sentita a casa». E ci sono state occasioni in cui è addirittura Cuba che aiuta gli stranieri ad ambientarsi a Napoli, come all’arrivo di Armando Valladares: «Erano gli anni Ottanta, cupi, cupissimi, in una città che mi sembrava senza speranza dopo il terremoto. Eppure ho voluto invitarlo a cena, con la moglie, per dargli qualche inutile consiglio, perché Napoli o la ami e allora la sopporti, o la detesti senza vie di mezzo. Ero convinta che l’avrebbero odiata. Mi pareva impossibile che un console francese, originario di Clermont-Ferrand, città dura, potesse sopportare la nostra approssimazione, il nostro pressappochismo. Invece scoprii che gli era piaciuta l’energia, il nostro spirito pronto, la nostra tolleranza, perché avevano vissuto a L’Avana». Per trent’anni la Riccio, corrispondente dell’Unità, ha accompagnato e seguito gli eventi, le crisi, i successi e i pericoli della società cubana in rivoluzione. «Negli anni Settanta — scrive — quando sono arrivata a L’Avana, ero convinta che i nostri sogni, i miei e quelli di una buona parte dell’umanità, fossero a un passo dal realizzarsi». Ha seguito i progetti di ricostruzione e di valorizzazione ar-

go, “L’edera di Leonida”, testo pubblicato nel 1971 da Morano e ristampato nei saggi Bibliopolis a cura di Francesco Del Franco. Ma le sue radici sono a Buccino, in quella terra di confine più lucana che campana che avvolgeva il suo carattere così chiuso. Gigante ci fece le scuole elementari e ci tornava due settimane l’anno. Sempre con una valigia di libri. Un bellissimo museo porta il suo nome, peccato sia chiuso per mancanza di soldi e personale. Il professore non l’avrebbe fatta passare liscia, così nemico di burocratici e mecenati. «Riaprite il cancello di Palazzo Reale, il principale accesso alla Biblioteca di Napoli». Il suo appello, come altri, cadde nel vuoto. Mauro Giancaspro, direttore della Nazionale, almeno lui si fece perdonare intitolandogli l’Officina dei Papiri, le antiche carte greche amate per una vita. Gigante aveva molti amici, fuori dall’Italia. Qui ha stretto solidi legami con Arturo Fratta, Francesco De Martino, Aldo Masullo. «Con Gerardo Marotta si volevano molto bene…», ricorda la moglie. Schivo e pudico anche in famiglia, «i figli si baciano solo quando dormono». E lei, più espansiva: «Così non lo sapranno mai..». Le sue ultime parole sono un epitaffio da fuoriclasse: «Ricordatevi di me sorridente…».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA


la Repubblica

CINEMA

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2011

NAPOLI

NAPOLI

ORARI

SERVIZI

AMBASCIATORI

Via Crispi, 33 - 0817613128 18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 349 L Via T. Angelini 21 - 0815788982 AMERICA HALL APPUNTAMENTI COL CINEMA DI QUALITÀ SALA 1 17.30-20.30 p 350 A I SCIALLA! ■ SALA 1 22.30(€ 5,00) p 350 A I SCIALLA! ■ SALA 2 16.3018.30-20.30(€ 5,00) A H ONE DAY ▲ SALA 2 22.30(€ 5,00) A H Via Carelli, 7 - 0815782612 ARCOBALENO ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 16.00(€ 5,00)18.10-20.20-22.30(€ 7,00) p 815 A L IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 2 16.15(€ 9,00)18.15-20.15-22.15(€ 10,00) p 130 A I I SOLITI IDIOTI SALA 3 16.3018.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 81 A I IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ SALA 4 16.3018.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 100 L Via Vetriera, 12 - 081418134 DELLE PALME MULTISALA PINA ★ SALA 1 16.3018.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 126 A L ANONYMOUS ▲ SALA 2 17.3020.00-22.30(€ 5,00) p 114 A I TEATRO SALA 3 p 800 A L Via Filangieri, 43/47 - 0812512408 FILANGIERI MULTISALA LA KRYPTONITE NELLA BORSA ROSSELLINI 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 300 A L ONE DAY ▲ MAGNANI 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 60 A H IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ MASTROIANNI 16.00-17.3019.10-20.45-22.30(€ 5,00) p 60 A H Via Nuova Agnano, 35 - 0815701712-2301079 LA PERLA www.cineteatrolaperla.it LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ TROISI 20.55-22.45(€ 5,00) p 205 A L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE TARANTO 17.00(€ 5,50)19.00-21.00-22.45(€ 6,90) p 410 A L IL RE LEONE - 3D - 3D DEI PICCOLI 17.10(€ 7,50)19.00(€ 8,90) A H Via Chiaia, 149 - 081415562 - 899030820 MARTOS METROPOLITAN www.cinemetropolitan.it LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 1 16.3018.30-20.40-22.40(€ 5,50) B L LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 2 16.2018.20-20.20-22.20(€ 5,50) B L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 3 16.35(€ 6,00)18.35-20.35-22.35(€ 8,00) B L SCIALLA! ■ SALA 4 16.10(€ 6,00)18.10-20.10-22.10(€ 7,50) B L I SOLITI IDIOTI SALA 5 21.0022.45(€ 5,50) B L IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 5 16.00(€ 9,00)17.40-19.20(€ 10,50) B L IMMORTALS - 3D ▲ SALA 6 18.20(€ 9,00)20.35-22.40(€ 10,50) B L LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO - 3D ■ SALA 6 16.15(€ 10,50) B L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 7 16.0018.15-20.30-22.40(€ 5,50) B L MED MAXICINEMA - THE SPACE CINEMA www.medmaxicinema.it Via Giochi del Mediterraneo, 36 - 892111 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 1 16.3019.30-22.30(€ 6,00) p 710 A K IL MIO ANGOLO DI PARADISO - DIGITALE SALA 2 17.55-20.20-22.50(€ 6,00) p 109 A K LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 2 15.30(€ 6,00) p 109 A K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE - DIGITALE SALA 3 15.3018.00-20.30-23.00(€ 6,00) p 361 A K IMMORTALS - 3D ▲ SALA 4 20.30-23.00(€ 11,00) p 430 A K IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 4 15.5018.15(€ 11,00) p 430 A K ANONYMOUS - DIGITALE ▲ SALA 5 16.50-19.45-22.40(€ 6,00) p 109 A K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 6 17.00-20.00-22.50(€ 6,00) p 109 A K IMMORTALS - 3D ▲ SALA 7 15.30-18.00(€ 11,00) p 164 A K IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 7 20.40-22.55(€ 11,00) p 164 A K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 8 19.00-21.30(€ 6,00) p 164 A K ONE DAY ▲ SALA 8 16.30(€ 6,00) p 164 A K LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA - DIGITALE SALA 9 19.30(€ 6,00) p 191 A K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 9 16.00-22.00(€ 6,00) p 191 A K SCIALLA! - DIGITALE ■ SALA 10 15.45-18.10-20.35-23.00(€ 6,00) p 193 A K I SOLITI IDIOTI - DIGITALE SALA 11 15.5518.10-20.25-22.45(€ 11,00) p 204 A K Via Cisterna dell’Olio, 59 - 0815800254 MODERNISSIMO.IT THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.00-18.15-20.20-22.30(€ 5,00) p 458 A L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 17.00-18.45-20.45-22.30(€ 7,50) p 107 A L PINA - 3D ★ SALA 3 16.30-18.30-20.30(€ 10,00) p 100 A L LA KRYPTONITE NELLA BORSA SALA 3 22.30(€ 5,00) p 100 A L LA KRYPTONITE NELLA BORSA SALA 4 16.00(€ 5,00) p 25 A H ANONYMOUS ▲ SALA 4 17.45-20.15-22.30(€ 5,00) p 25 A H PINA - 3D ★ SALA 3D 16.30-18.30-20.30(€ 10,00) H Via Kerbaker, 85 - 0815563555 PLAZA MULTISALA ANONYMOUS ▲ KERBAKER 17.3020.00-22.30(€ 5,00) p 700 A L LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA BERNINI 18.3020.30-22.30(€ 5,00) p 148 A I LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO ■ SALA BABY16.30(€ 5,00) L LA KRYPTONITE NELLA BORSA SALA VANVITELLI 22.30(€ 5,00) p 43 A H IMMORTALS ▲ SALA VANVITELLI 16.3018.30-20.30(€ 5,00) p 43 A H Via M. Piscicelli, 8/12 - 0815795796 VITTORIA THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ 16.0018.15-20.30-22.40(€ 5,00) p 320 A L

ORARI

HAPPY MAXICINEMA c/o Le Porte di Napoli Ipercoop - 0818607136

SERVIZI

AFRAGOLA SALA 1 16.15-18.20-20.40-23.00(€ 5,00) p 534 K SALA 2 17.00-19.15-21.30(€ 5,00) p 170 L SALA 3 17.45-20.15-22.45(€ 5,00) p 200 L SALA 4 16.45(€ 5,00) p 120 L SALA 4 18.45-20.50-23.00(€ 5,00) p 120 L SALA 5 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,00) p 120 L SALA 6 17.45-20.00-22.15(€ 5,00) p 200 L SALA 7 18.10-20.10-22.00(€ 6,00) p 200 L SALA 8 20.45(€ 5,00) p 170 L SALA 8 17.00-19.00(€ 5,00) p 170 L SALA 8 22.15(€ 5,00) p 170 L SALA 9 23.00(€ 5,00) p 170 L SALA 9 17.10-19.10-21.10(€ 5,00) p 170 L SALA 10 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 6,00) p 200 L SALA 11 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,00) p 200 L SALA 12 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,00) p 200 L SALA 13 20.50-23.00(€ 10,00) p 120 L SALA 13 17.00-19.00(€ 10,00) p 120 L CAPRI PARADISO P.zza Edwin Cerio, 1 - Anacapri - 0818376572 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE 17.30(€ 5,00)19.30-21.30(€ 8,00) H CASALNUOVO MAGIC VISION Viale dei Tigli, 19 - 0818030270 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 3,50) p 175 A I ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 4,50) p 175 A I I SOLITI IDIOTI SALA 3 18.30-20.30-22.30(€ 3,50) p 466 A L LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 4 17.00-19.00-21.00(€ 3,50) A H LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO ■ MAGIC BABY 16.30(€ 3,50) H CASORIA UCI CINEMAS Circumvallazione Esterna - 892960 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.45-19.30-22.15(€ 5,30) p 289 K IMMORTALS - 3D ▲ SALA 2 17.45-20.10-22.40(€ 10,00) p 206 H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 3 18.30-21.30(€ 5,30) p 171 H ANONYMOUS ▲ SALA 4 17.00-19.45-22.30(€ 5,30) p 120 H MATRIMONIO A PARIGI SALA 5 18.00-20.10-22.30(€ 5,30) p 120 H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 6 17.15-20.00-22.45(€ 5,30) p 396 H I SOLITI IDIOTI SALA 7 18.00-20.40-23.00(€ 5,30) p 120 H LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 8 17.50-20.15-22.45(€ 5,30) p 120 H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 9 17.50-20.00-22.15(€ 10,00) p 171 H LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 10 17.40-20.10-22.30(€ 5,30) p 202 H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 11 17.30-20.15-22.30(€ 5,30) p 289 H COMPLESSO STABIA HALL.IT Viale Regina Margherita n. 50/54 - 0818018681 CASTELLAMMARE DI STABIA THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ C. MADONNA 17.30(€ 5,00)20.00-21.30-22.30(€ 7,50) p 260 A L IL RE LEONE - 3D - 3D L. DENZA 17.30(€ 7,50)19.30(€ 10,00) p 240 A I LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ M. TITO 18.45(€ 5,00)22.15(€ 7,50) p 90 A H LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA BABY20.35(€ 7,50) H I SOLITI IDIOTI SALA BABY17.00(€ 7,50) H CASTELLAMMARE DI STABIA MONTIL Via Bonito n. 10 - 0818722651 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 18.00-20.00-22.00 p 491 A L ANONYMOUS ▲ SALA 2 17.45-20.00-22.15 p 213 A I CASTELLAMMARE DI STABIA SUPERCINEMA Corso Vittorio Emanuele, 97 - 0818717058 SCIALLA! ■ 17.30-19.30-21.45 p 436 A I FORIO D’ISCHIA DELLE VITTORIE Corso Umberto, 38 - 081997487 JOHNNY ENGLISH - LA RINASCITA ▲ 18.00-20.00-22.00 p 500 L FRATTAMAGGIORE DE ROSA Via Lupoli, 46 - 0818351858 LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO ■ SALA 1 17.00-19.00-21.00(€ 4,00) p 750 A L ISCHIA EXCELSIOR Via Sogliuzzo, 20 - 081985096 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ 20.15(€ 5,00)22.30(€ 7,00) p 650 A L MELITO BARONE Via Leonardo da Vinci, 33 - 0817113455 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.30-18.30-20.30-22.30 p 990 A K LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 2 16.30-18.30 p 85 A H I SOLITI IDIOTI SALA 3 20.30-22.30 p 66 I NOLA CINETEATRO UMBERTO Via Giordano Bruno, 12 - 0818231622

THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ ANONYMOUS ▲ LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO ■ IL MIO ANGOLO DI PARADISO SCIALLA! ■ THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE EX - AMICI COME PRIMA IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ ONE DAY ▲ INSIDIOUS ■ I SOLITI IDIOTI ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA IMMORTALS - 3D ▲ IL RE LEONE - 3D - 3D

SCHERMO PICCOLO

I

SCHERMO MEDIO

L

SCHERMO GRANDE

K

SCHERMO SUPER

A

ACCESSO

B

ACCESSO E SERVIZI

DA NON PERDERE

DA VEDERE

SI PUÒ VEDERE

■ XVI

ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE

FUORI CITTÀ

H

FUORI CITTÀ

ORARI

SERVIZI

■ 17.30-20.00-22.00(€ 4,00) p 700 A H NOLA MULTISALA SAVOIA via fonseca 33 - 0818214331 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 17.50-20.10-22.10(€ 6,00) p 300 A L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 2 17.30-19.50-22.10(€ 4,00) p 100 A I IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 3 17.3019.30-21.30(€ 6,00) p 120 I NOLA THE SPACE CINEMA VULCANO BUONO Via Boscofangone ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE - DIGITALE SALA 1 20.10-22.30(€ 5,50) p 304 A H LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO - 3D ■ SALA 1 15.10-17.40(€ 9,00) p 304 A H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 2 15.00-17.3020.05-22.40(€ 5,50) p 540 A H I SOLITI IDIOTI SALA 3 15.05-17.1019.20-21.30(€ 5,50) p 148 A H LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 4 15.00-17.2019.50-22.10(€ 5,50) p 148 A H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 5 15.05-17.2519.40-22.00(€ 5,50) p 216 A H I SOLITI IDIOTI SALA 6 20.00(€ 5,50) p 216 A H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 6 16.3022.20(€ 5,50) p 216 A H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 7 15.3018.30-21.40(€ 5,50) p 148 A H SCIALLA! ■ SALA 8 15.00-17.1519.30-21.50(€ 5,50) p 148 A H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 9 15.05-17.30(€ 9,00)20.05-22.35(€ 11,00) p 209 A H PIANO DI SORRENTO DELLE ROSE Via delle Rose, 21 - 0818786165 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 18.00-20.15-22.30(€ 7,00) p 800 L IMMORTALS ▲ SALA 2 18.00-20.15-22.30(€ 6,00) A I POGGIOMARINO MULTISALA ELISEO Via Roma - 0818651374 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 16.10-18.15-20.30-22.30 p 400 A L IMMORTALS ▲ SALA 2 16.10-18.15 p 82 A I LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 2 20.30-22.30 p 82 A I THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 3 16.10-18.15-20.30-22.30 p 150 A L IL RE LEONE - 3D - 3D SALA BABY16.10-18.15-20.30-22.30 p 30 A I POZZUOLI DRIVE IN POZZUOLI Località La Schiana - 0818041175 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE 21.30(€ 6,00) p 200 A L POZZUOLI MULTISALA SOFIA Via C. Rosini, 12 - 0813031114 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.1018.20-20.30-22.40(€ 4,00) p 400 A L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 16.30(€ 5,00)18.30-20.30-22.30(€ 7,00) p 74 A I QUARTO CORONA Via Mauriello, 4 - 0818760537 SALA RISERVATA p 400 A L SAN GIORGIO A CREMANO FLAMINIO Via Santa Rosa, 29 - 0817713426 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 18.00-21.20 p 460 A K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 18.00-21.20 p 90 A I SAN GIUSEPPE VESUVIANO ITALIA Via Giuseppe Amendola, 90 - 0815295714 LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA 16.00-18.10-20.20-22.30(€ 5,50) p 680 A L SOMMA VESUVIANA ARLECCHINO Via Roma, 15 - 0818994542 I PUFFI ▲ SALA 1 19.00-21.00(€ 3,00) H SORRENTO ARMIDA Corso Italia - 0818781470 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE 18.30-20.30-22.30 p 800 A L TORRE ANNUNZIATA POLITEAMA Corso Vittorio Emanuele, 374 - 0818611737 LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ VAVÀ 18.00-20.00 p 110 A L IMMORTALS ▲ VAVÀ 22.00 p 110 A L BAR SPORT ▲ DIDÌ 18.00-20.00-22.00 p 130 A L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ PELÉ 18.00-20.00-22.00 p 400 A L TORRE DEL GRECO MULTISALA CORALLO Via Villa Comunale, 13 - 0818494611 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.30-18.30-20.40-22.40(€ 4,50) p 408 A I I SOLITI IDIOTI SALA 2 16.30-18.30-20.45-22.45(€ 4,50) p 98 A I LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 3 16.30-18.30-20.40-22.40(€ 4,50) p 107 A I LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 4 16.30-18.30-20.40-22.40(€ 4,50) p 37 A I INSIDIOUS ■ BABY CORALLO 22.40(€ 4,50) H TRECASE DRIVE IN Via Panoramica 4/bis - 0818471300 LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA 20.30-22.30 H

THIS MUST BE THE PLACE

PROVINCE

ORARI

PARTENIO Via G. Verdi - 082537119

SERVIZI

AVELLINO p 650 A L p 180 A L p 180 A L p 100 A L ARIANO IRPINO COMUNALE Via Tribunali - 3336392133 I SOLITI IDIOTI 17.00-19.00-21.00(€ 5,00) p 180 A I LIONI NUOVO MULTISALA Via Pietro Nittoli, 1 - 082742495 www.cinemanuovo.it THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 17.30(€ 3,00)20.00-22.30(€ 4,00) p 300 A L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 18.30(€ 4,00)20.30-22.30(€ 5,00) A L SCIALLA! ■ SALA 3 18.30(€ 3,00)20.30-22.30(€ 4,00) A L MERCOGLIANO MOVIEPLEX Via Nicola S. Angelo - 0825685429 www.cineplex.it THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 17.45-20.10-22.35(€ 4,50) p 356 A K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 18.25-20.30-22.35(€ 4,50) p 270 A K IMMORTALS - 3D ▲ SALA 3 20.20-22.35(€ 10,00) p 133 A K LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 3 18.20(€ 4,50) p 133 A K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 4 18.30-21.00(€ 4,50) p 125 A K ANONYMOUS ▲ SALA 5 19.00-21.40(€ 4,50) p 95 A K SCIALLA! ■ SALA 6 18.25-20.30-22.35(€ 4,50) p 81 A K LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 7 18.00-20.20-22.35(€ 4,50) p 125 A K I SOLITI IDIOTI SALA 8 18.25-20.30-22.35(€ 4,50) p 109 A K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 9 22.00(€ 4,50) p 270 A K IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 9 18.00-20.00(€ 10,00) p 270 A K MIRABELLA ECLANO MULTISALA CARMEN Via Variante - 0825447367 www.cinemacarmen.it THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 17.30(€ 4,00)19.45-22.00(€ 5,00) p 320 A L THIS MUST BE THE PLACE ■ SALA 2 17.30(€ 4,00)19.45-22.00(€ 5,00) p 125 A H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 3 18.00(€ 4,00)20.00-22.00(€ 5,00) A I QUANDO LA NOTTE - VM 14 ▲ SALA 4 17.30(€ 4,00)19.30-21.30(€ 5,00) A I MONTECALVO IRPINO PAPPANO Viale Europa, 9 - 0825818004 THIS MUST BE THE PLACE ■ 19.00-21.00(€ 5,00) p 224 A H MONTELLA FIERRO Via del Corso, 81 - 0827601275 JOHNNY ENGLISH - LA RINASCITA ▲ SALA 1 18.30(€ 5,00) p 286 A K BACIATO DALLA FORTUNA SALA 1 20.15-22.00(€ 5,00) p 286 A K BENEVENTO GAVELI MAXICINEMA Contrada Piano Cappelle - 0824778413 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 16.10-18.15-20.20-22.30(€ 4,50) H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 2 16.30-18.30(€ 9,00) H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 2 20.30-22.30(€ 9,00) H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 3 16.45-18.45-20.45-22.40(€ 7,00) H LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 4 16.45-18.45-20.45-22.40(€ 4,50) H IL RE LEONE - 3D - 3D BABY 16.30-18.30(€ 9,00) H I SOLITI IDIOTI SALA 5 17.00-19.00-21.00-22.40(€ 4,50) H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 3D 20.30-22.30(€ 9,00) p 147 A I BENEVENTO MASSIMO Via G. B. Perasso - 0824316559 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE 18.00-20.00-22.00(€ 6,00) p 659 A L BENEVENTO SAN MARCO Via Traiano, 35 - 082443101 SCIALLA! ■ 18.00-20.00-22.00(€ 6,00) p 880 A L TELESE MODERNISSIMO Via Garibaldi, 38 - 0824976106 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ 17.00-19.15-21.30(€ 5,50) p 450 A I TORRE VILLAGE MULTIPLEX Contrada Torre Palazzo - 0824876582-876586 www.torrevillage.it TORRECUSO IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 1 17.30-19.20(€ 9,00) p 346 A H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 1 21.00-23.00(€ 9,00) p 346 A H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 2 18.30-20.45-23.00(€ 4,50) p 334 A H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 3 17.20-19.10-21.00-23.00(€ 4,50) p 334 A H LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 4 19.15-21.10-23.00(€ 4,50) p 148 A H IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ SALA 4 17.30(€ 4,50) p 148 A H LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 5 18.50-20.55-23.00(€ 4,50) p 148 A H ANONYMOUS ▲ SALA 6 19.00-21.30(€ 4,50) p 140 A H ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 7 22.00(€ 6,00) p 205 A H I SOLITI IDIOTI SALA 7 18.20-20.10(€ 4,50) p 205 A H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 8 17.00-19.15-21.30(€ 4,50) p 205 A H SCIALLA! ■ SALA 9 17.30-19.20-21.10-23.00(€ 4,50) p 135 A H CASERTA DUEL-MULTICINEMA Via P. Borsellino - 0823344646 www.duelcaserta.it THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 17.30-20.45-22.45(€ 4,50) p 1100 A K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 2 16.45-18.45-20.45-22.45(€ 7,00) p 330 A L IMMORTALS ▲ SALA 3 20.45-22.45(€ 4,50) p 139 L IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 3 16.45-18.45(€ 10,00) p 139 L SCIALLA! ■ SALA 4 16.30-18.30-20.45-22.45(€ 4,50) p 119 A L ANONYMOUS ▲ SALA 5 16.30-18.30(€ 4,50) H LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 5 20.45-22.45(€ 4,50) H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 6 16.30-18.45-21.45(€ 4,50) H IL RE LEONE - 3D - 3D BABY DUEL16.45-18.45(€ 4,50) H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 3D 16.45-18.45(€ 4,50) H

ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SCIALLA! ■ LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲

SALA 1 SALA 2 SALA 3 SALA 4

16.00-18.00-20.00-22.00 16.00-18.00-20.00-22.00 16.00-18.00-20.00-22.00 16.00-18.00-20.00-22.00

PROVINCE

ORARI

SERVIZI

AVERSA CIMAROSA Vicolo del Teatro, 3 - 0818908143 I SOLITI IDIOTI SALA 1 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 410 A I IMMORTALS ▲ SALA 2 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 3,50) p 85 A I AVERSA METROPOLITAN Via Vito Piasi - 0818901187 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ 16.00-18.15-20.30-22.40(€ 3,50) p 860 A L AVERSA VITTORIA Piazza Vittorio Emanuele, 38 - 0818901612 INTO PARADISO ▲ 17.00-19.15-21.30(€ 3,50) p 300 A I CASAGIOVE VITTORIA Viale Trieste, 2 - 0823466489 www.cineclub-casagiove.it SCIALLA! ■ 16.00-18.30-21.15 p 504 A L CURTI FELLINI Via Vittorio Veneto - 0823796330 THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ 16.00-18.10-20.20-22.30(€ 7,00) p 400 L BIG MAXICINEMA uscita autostrada Caserta Sud - 0823581025 www.bigamxicinema.it MARCIANISE THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 1 18.15-20.40-23.00(€ 5,50) p 606 B K LA KRYPTONITE NELLA BORSA SALA 2 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 83 B K IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ SALA 3 17.00-19.00(€ 5,50) p 83 B K EX - AMICI COME PRIMA SALA 3 21.00-23.00(€ 5,50) p 83 B K LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 4 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 83 B K IL MIO ANGOLO DI PARADISO SALA 5 18.50-23.00(€ 5,50) p 83 B K LE AVVENTURE DI TINTIN - IL SEGRETO DELL’UNICORNO ■ SALA 5 17.00(€ 5,50) p 83 B K IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 6 17.00-19.00(€ 10,00) p 109 B K IMMORTALS - 3D ▲ SALA 6 20.50-23.00(€ 10,00) p 109 B K ANONYMOUS ▲ SALA 7 17.45-20.15-22.45(€ 5,50) p 109 B K SCIALLA! ■ SALA 8 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 327 B K LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 9 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 254 B K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 10 17.45-20.00-22.15(€ 5,50) p 327 B K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 11 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 454 B K ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 12 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 5,50) p 456 B K THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 13 17.00-19.15-21.30(€ 5,50) p 580 B K MARCIANISE CINEPOLIS Uscita Caserta sud c/comm.le Campania IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 1 16.00-18.00-20.00-22.00(€ 10,00) p 188 A I IMMORTALS - 3D ▲ SALA 2 15.30-18.00-20.30-22.50(€ 10,00) p 188 A I ANONYMOUS ▲ SALA 3 15.30-18.00-20.30-23.00(€ 4,00) p 188 A I THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 4 16.45-19.00-21.15(€ 4,00) p 188 A I INSIDIOUS ■ SALA 5 19.00-23.00(€ 4,00) p 188 A I I SOLITI IDIOTI SALA 5 17.00-21.00(€ 4,00) p 188 A I LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 6 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 4,00) p 212 A L ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 7 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 4,00) p 212 A L SCIALLA! ■ SALA 8 17.00-19.00-21.00-23.00(€ 4,00) p 212 A L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 9 16.00-18.15-20.30-22.45(€ 4,00) p 377 A L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 10 15.3017.45-20.00-22.15(€ 4,00) p 233 A L LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 11 16.00-18.15-20.30-22.45(€ 4,00) p 146 A I SAN CIPRIANO D’AVERSA FARO Corso Umberto I, 4 PARANORMAL ACTIVITY 3 19.00-21.00 H I PUFFI ▲ 17.00 H SANT’ARPINO LENDI Strada Provinciale Grumo - 0818919735 ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 1200 A L IMMORTALS ▲ SALA 2 20.30-22.30(€ 5,00) p 190 A L LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 3 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 190 A K IL RE LEONE - 3D BABY GALLERY 16.30-18.30(€ 5,00) H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 4 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 5,00) p 350 H SALERNO THE SPACE CINEMA SALERNO Via A. Bandiera - 892111 I SOLITI IDIOTI - DIGITALE SALA 2 16.0518.10-20.15-22.30(€ 5,50) p 258 B L IMMORTALS - 3D ▲ SALA 3 16.5519.30-22.00(€ 11,00) p 176 B H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 4 16.40 p 122 B H IL MIO ANGOLO DI PARADISO - DIGITALE SALA 4 19.55-22.25(€ 5,50) p 122 B H SCIALLA! - DIGITALE ■ SALA 5 17.0019.25-21.55(€ 5,50) p 122 B H LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 6 15.45-17.5020.00-22.10(€ 5,50) p 176 B H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 7 15.5518.00-20.05(€ 11,00) p 258 B L I SOLITI IDIOTI - DIGITALE SALA 8 19.00(€ 5,50) p 333 B L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 8 16.1521.50(€ 5,50) p 333 B L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1▲ SALA 10 17.0519.40-22.15(€ 5,50) p 158 B L THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 - DIGITALE ▲ SALA 11 15.5018.30-21.15(€ 5,50) p 333 B L DUEL VILLAGE Via Pacinotti L.tà Scontrafata - c/o Centro Comm.le Maximall PONTECAGNANO ANCHE SE È AMORE NON SI VEDE SALA 1 16.45-18.45-21.00-22.45(€ 7,00) p 216 H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 2 20.45-22.45(€ 10,00) p 216 H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA 2 16.30-18.30(€ 10,00) p 216 H SCIALLA! ■ SALA 3 16.30-18.30-20.45-22.45(€ 4,50) p 162 H ANONYMOUS ▲ SALA 4 17.30-20.00-22.30(€ 4,50) p 162 H THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 ▲ SALA 5 16.20-18.30-20.40-22.50(€ 4,50) p 216 H LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 6 18.30-20.30-22.30(€ 4,50) p 216 H IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE ■ SALA 6 16.30(€ 4,50) p 216 H IL RE LEONE - 3D - 3D SALA BABY16.30-18.30(€ 10,00) H IMMORTALS - 3D ▲ SALA 3 D 20.45-22.45(€ 10,00) H SCAFATI ODEON Via Pietro Melchiade, 15 - 0818506513 www.odeoncinema.com THE TWILIGHT SAGA: BREAKING DAWN - PARTE 1 ▲ SALA 1 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 6,00) p 500 A L LA PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA SALA 2 20.30-22.30(€ 6,00) p 70 A I LEZIONI DI CIOCCOLATO 2 ▲ SALA 2 16.30-18.30(€ 6,00) p 70 A I I SOLITI IDIOTI SALA 3 16.30-18.30-20.30-22.30(€ 6,00) A H

NAPOLI ELICANTROPO Vicolo Gerolomini, 3 081 296640 GALLERIA TOLEDO via Concezione a Montecalvario 34 081 425037 S. CARLO Via San Carlo 98 081 7972111 ACACIA via R. Tarantino 10 081 5563999 AUGUSTEO p.tta Duca d’Aosta 263 (Funicolare centrale) 414243/405660 BELLINI via Conte di Ruvo 17 5499688 BRACCO via Tarsia 38 081/5645323 DELLE PALME Via Vetriera 16 081418134 DIANA via Luca Giordano 69 5567527/5784978 IL POZZO E IL PENDOLO piazza S. Domenico Maggiore 3 081/5422088 MERCADANTE Piazza Municipio 081/5513396

NUOVO via Montecalvario 16 081.4976267 SANCARLUCCIO via S. Pasquale 49 405000 SANNAZARO via Chiaia 157 411723

AVELLINO

TEATRI Domani alle 21.00 GIOTTO Alle 21.00 LA CITTÀ PERFETTA DI A. Petrella.

Venerdì 25 “SEMIRAMIDE” di G. Rossini. Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo. Direttore G. Ferro. Regia di L. Ronconi. Domani alle 18 (Turno G) Sal Da Vinci in “NAPOLI CHI RESTA E CHI PARTE” di Raffaele Viviani. Alle 21.15 “VARI…ETÀ” di Massimo e Alessandro Lopez e con la Big Band Jazz Company. Alle 17.30 (Rosa Family) “Sogno di una notte di mezza estate” regia e con C. Cecchi. Venerdì 25 alle 21 “Cafè Chantant” di e con R. Ferro. Domani alle 17.30 (turno B) “ SE CI AMIAMO NON CI ESTINGUIAMO” di e con Nando Paone. Alle 17.45 (Turno Pom) Toni Servillo in “TONI SERVILLO LEGGE NAPOLI” Venerdì 25 alle 21.00 “AFRODITA” ispirato ai racconti di Isabel Allende . Alle 21 (Turno B) “MISURA PER MISURA” DI W. SHAKESPEARE. REGIA DI M. SCIACCALUGARIDOTTO: ALLE 18 “Giovanna D’Arco” Romanzo popolare in sei Canti in ottave e un Epilogo di M. Spaziani, regia di L. De Fusco. Alle 20.30 TOLEDO SUITE di e con E. Moscato.Alle 21.00 “LA BELLE JOYEUSE” con A. Bonaiuto, regia di G. Fiore. Domani alle 21.15 “MEDEA” di Euripide. Una Tragedia d’Amore. Venerdi 25 alle 21.00 M. Sarnelli in “NAPOLI PLEBISCITO ITALIA” regia di R. Di Florio.

TEATRI

TEATRO C. GESUALDO piazza Ca- Sabato 26 alle 21 T. Teocoli in “UNPLUGGED” con M. Lavezzi e la stello (Avellino) 0825/756403 Big Band.

CASERTA COMUNALE via Mazzini (Caserta) 0823/ 442990 GARIBALDI Corso Garibaldi (Santa Maria Capua Vetere) 0823799612 TEATRO METROPOLITAN Via Vito di Jasi (Aversa) 081.8901187

TEATRI Venerdì 25 alle 20.45 “LE BUGIE CON LE GAMBE LUNGHE” di E. De Filippo . Domenica 27 alle 18.30 G. D’Angelo e E. Giorgi in “DUE RAGAZZI IRRESISTIBILI” regia di G. D’Angelo . Alle 21 “LE BUGIE CON LE GAMBE LUNGHE” di E. De Filippo.


Repubblica