Page 1

Corriere della Riviera Periodico gratuito d’informazi one del lag o di Garda e della provi ncia di Verona Fondato nel 1999 • E- mail:corrieredellariviera@libero.it

Anno 19 • Numero 2 Aprile-Maggio 2017

ITALYEXPO ITALYEXPO ITALYEXPO

www.corrieredellariviera.it

DALL’ AMORE ALLA GUERRA

Moqu Moquett ette e modular modulare e IN POLIAMMIDE

15 15 €€ alal mq! mq! A A pagina pagina 16 16

18° PREMIO RIVIERA OLIVIER LEIGH a pag 13

Frantoio e vendita olio LOC LOC CEREDELLO CEREDELLO CAPRINO CAPRINO(V.se) (V.se) Tel 0456230616 Tel 0456230616

La violenza si scatena sempre più spesso entro le mura domestiche. Trasformando l’amore nell’odio più estremo A pag 3

SI ORGANIZZANO CENE PER MATRIMONI, FESTE DI LAUREA, ADDIO AL CELIBATO, PRANZI PER CERIMIONIE DI BATTESIMO E COMPLEANNI VI VI A AS SP PE ET TTI TIA AMO!! MO!!!!


2

ATTUALITA’

CORRIERE DELLA RIVIERA

Lago di Garda

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

LO STATO INVENTA UN SISTEMA PER OBBLIGARE I COMUNI AD OSPITARE I PRELEVATI DAL MARE

MASSA DI MIGRANTI A RILASCIO CONTROLLATO

O ne prendete 20 o rischiate di essere invasi”. Lo Stato tiranno ricatta i comuni. Nelle riunioni tra sindaci e Prefetto il quadro che è emerso è allarmante. Ovvero ai Comuni è stato proposto, visto il notevole flusso di migranti che lo Stato foraggia e preleva, di accogliere 15/ 20 persone a Comune. Altrimenti le Prefetture potrebbero aprire gare d’appalto per dare a strutture private l’incarico dell’accoglienza dei cosiddetti profughi con il rischio che arrivino masse enormi. Il fatto è che questa colonizzazione attuata dallo Stat o italiano sta procedendo a passo spe dito da alcuni anni. Al di là delle masse oceaniche che si riversano in Italia (180000 persone all’anno) si può vedere come funziona questo Sistema di Protezione per migranti e Richiedenti Asilo. Innanzitutto con i nostri soldi. Lo Stato infatti finanzia per il 95 per cento le spese di quest a gestione mentre il 5% è a carico dei Comuni. Dai tabulati si vede che dalle 2013 le persone accolte nel 2003 si è passati con un crescendo annuale di RIVOLI V.se

circa 2000 persone, ai 22961 accolti nel solo 2015. Cifre astronomiche che gravano sulla gobba dei servi della gleba italiani. Perché questo incremento? Perché gli altri paesi europei hanno chiuso le frontiere. Mentre il nostro con le tasse più alte del mondo e il deficit pubblico più alt o d’Europa, non solo le ha aperte ma tende ad organizzare un comodo sistema di trasporto dalle coste della Libia per trasportare masse di persone che vengono a farsi m antenere in Italia.

anche se con sfum ature meno intense ce ne si è accorti nella nostra area dove a Prada di Costabella in strutture fatiscenti hanno stipato quelli che lo Stato c’impone di chiamarli profughi. In questi tempidopo Affi e Caprino tocca ai Comuni del lago a fare i conti con quest’auto invasione, tant’è che qualche interesse. In sulla vicenda è interveprimis ai centri di raccol- nuto anche il Presidente ta del Sud Italia poi a di Federalberghi Garda tutti quegli avvocati che Veneto. “ Lo S prar lo Stato deve pagare per (sistema di accoglienza) difendere chi è stato proprio non ci entusiaprelevato e chiede lo sma” ha scritto ai soci il status di profugo. A presidente Marco Lucguadagnarci c’è poi la chini, “ma crediamo sia A questo punto anche manovalanza de caporauna proposta di buon se anche una massa di senso. Ospitare 15- 20 talebani richiede sse asi- lato e del crimine che raccoglie elementi da persone ge stite a livello lo, l’Italia forte del suo questo quarto mondo. comunale è più fisiologipietismo li accoglierebbe magari come profughi di L’Italia poi sta cam bian- co che esporsi al rischio do morfologia con la di trovarsi ad ospit arle guerra. E’evidente che creazione d’immense con forti concentraziotale sistema di crociera città ghetto che raccolni”. Una proposta di per migranti a qualcuno gono sbandati e disper a- buon senso finché si deve certo generare ti. Di quest a situazione riesce a sopportare ciò.

Dall’altra in quel di Gar da il Sindaco Davide Bendinelli ha detto “Con il Prefetto è emerso che non tutti i comuni ospitano migranti per cui la Prefettura potrebbe non riuscire a distribuire equamente le quote assegnatele dal Ministero. Se il Comune non accettasse quelle previste dalla Sprar il prefetto potrebbe aprire un bando cercando disponibilità di strutture ospitanti pure qui”. Certo però è altresì vero che con i rubinetti aperti dei migranti potranno dopo venirne ancor a. Di fondo il problema c’è ed è enorme. Finché Comuni e autorità pubbliche non far anno fronte all’ottusità di un Governo che pretende coi soldi dei cittadini di accogliere mezzo mondo anche il Garda è destinato a trasform arsi in una baraccopoli di favelas con i deportati ad imperare. E per il Garda sar à tutta un’altra storia… (A.Tor)

TRA RICORS I, INDAGINI E CONTRO RICORS I PROSEGUE LA BATTAGLIA LEGALE T RA SERIT E COMUNE

FESTIVALTAR

Questa vicenda è orm ai un dramma per tutti”. Ha detto il vice sindaco di Rivoli Luca Gandini. Soprattutto per le casse del Comune visto che solo il 7 marzo scorso il Comune di Rivoli ha stanziato la bellezza di altri 5836 euro per opporsi a dei motivi aggiunti al ricorso 1248 al Tar del novembre 2016, proposto dalla ditta Serit dedita al riciclo dei rifiuti. Prima però, il Comune ha dovuto pagare, per l’ultimo ricorso al T ar sul caso (poi anche perso nel marzo 2016), all’avvocat o Faust o Scappini, la somma lorda di 17775,00 euro. Dove ndo pure l’Ente comunale riconoscere per il pagamento di una parte della ste ssa cifra, debiti fuori bilancio per 6770,00 euro coperti da un successivo atto deliber atorio. Insomma una vertenza che sta

pesando oltre che erano ancora iniziati sulle tasche dei cittae che era stato odini, nelle teste dei messo di versare il politici che cercano contributo di concesdi arginare il ciclone sione che la ProvinSerit sempre più cia di Verona aveva invasivo. L’ ultima omesso di richiedere dazione è dovut a al e che doveva esser fatto che nel settemversato prima bre 2016, il Sindaco dell’inizio dei lavori, Armando Luche sa, Roberto Bissoli iniziati poi il primo aveva inoltrato agosto 2016. Da li la un’ordinanza di sospensione ai Serit ricorreva il 2 novembre lavori al Gruppo Parolini che scorso, al Tar a cui il Comune si aveva iniziato a sbancare l’area opponeva. Il 16 marzo scor so il di Terramatta di proprietà del- giudice annullava in via sola Fraer Le asing spa con sede a spensiva il provvedimento iniBologna, per realizzare il nuobitorio del Com une, però intivo st abilimento della ditta di mava alla Serit di pagare una rifiuti. parte degli oneri di urbanizzazione . “Pagheremo una prima Nell’ordinanza il Comune con- rata”, ha detto alla stam pa testava il fatto che il 31 dicem- Roberto Bissoli presidente Sebre 2015 come d’accordi sotto- rit. “Ciò che contestiam o è il scritti, i lavori sull’area non conteggio fatto dal Comune

che vuole farci pagare 2 milioni e 245mila euro di oneri, quasi un intero bilancio del Comune di Rivoli. Noi” continua Bissoli” come hanno fatto presente i giudici, abbiam o sempre manifestat o la disponibilità a saldare la prima r ata del contributo dovut o. Quando ci sarà la sentenza de finitiva verrà chiarito tutto”. In tempi recenti è stata è st ata aperta un inchie sta della Procur a di Verona sulla ge stione dei terreni dove dovrà stabilirsi la Serit. Si aspetterà intanto la decisine del Tar che arriverà nel 2018, quando il Tribunale emetterà il suo verdetto. In attesa assisteremo alla cosueta battaglia quotidiana … (T.A.)


Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

IN PRIMO PIANO

CORRIERE DELLA RIVIERA

3

DA LL ‘AMO RE ALLA GUERRA: Q UA NDO LA P ERS O NA AMATA S I TRAS F OR MA NE LLA PE RS O NA O DIAT A

IL RAPPORTO DI COPPIA CHE SOVENTE SCOPPIA

U

na donna sceglie il suo uomo per realizzare il suo mondo. Perfetto. In cui il marito diventa un punto di riferimento e i figli sono un tramite per dare pure quel senso di continuità alla vit a. Ma se condo recenti dati istat in Italia solo un 1/3 delle coppie si se para dopo alcuni anni di matrimonio. E da quest a se parazione che nascono t alor a tensioni e fatti truci narrati talune volte dalle cronache. Separazione che sove nte neppure avviene e così si vedono coppie affr ontarsi in casa con conseguenze estreme sopratutto per le donne. I casi di cronaca in cui si usa la par ola femminicidio sono molteplici. Si tratta di capire come può nascere una forza distruttiva laddove prima vi era il grande amore. Né si può dire che le donne non siano selettive nei confronti dei maschi scegliendo il prediletto in maniera oculata. Da lì poi con il passare del tempo e talune volte dopo pochi mesi, le tensioni insite all’interno di una coppia, rischiano di venire alla luce. Distrutti i “cuscinetti a sfera” dell’innamoramento che rendevano nella coppia ogni cosa soave, l’attrito inizia a gener arsi e la convivenza risulta difficile. Perché quando prima si vede vano solo i pregi col tempo iniziano a vedersi i difetti. Più o meno succede in tutte le coppie e molte superano ciò dedicandosi ai figli, de viando l’attenzione su hobby o anche dedicandosi ognuno alla pr opria vita. A quest o punt o serve capire cosa significa quella che si chiam a convivenza. Un sopportarsi perenne o un immolar si in nome della famiglia? In fin dei conti l’unione perenne di coppia è una vocazione, in cui ad un certo punto si arri-

va pure alla castità, per via del fatto che sovente ai coniugi o ad un coniuge, nulla più interessa del lato sessuale . In questo clima così diverso rispetto i primi mesi d’amore, possono nascere delle conflittualità così forti che tendono portare alla separazione. E da que sto fatto anche in mancanza di gelosia da parte di uno o tutti e due i conviventi, possono generarsi degli attriti così forti per motivi economici, per il mantenimento dei figli che possono por tare la donna ad elevare il proprio ego e a mettere da parte il maschio che si trova poi a mantenere una famiglia che non è più sua. La violenza in certi uomini nasce proprio da questa situazione paradossale in cui persa la compagna, e i figli visibili solo ad ore, devono sobbarcarsi pure le spese per un falliment o vitale. Una situazione paradossale. In cui però la folle gelosia che muove la m ano assassina di taluni non ha nulla a che fare. La mancanza assolut a dell’am ato in que sto caso è infatti una patologia che affligge chi dentro se non ha una personalità formata o altrimenti una malattia psichica. Dapprincipio le donne che han-

no que sto tipo di relazioni con uomini iper gelosi confondono quest’ attenzione, questa forte possessivit à dell’amato come un’enorme am ore per loro. E certo sono state loro a provocarlo ovvero a renderlo così facendo di tutto per sentirsi de siderate. Non sape ndo che poi il soggetto prescelto non vorrà più staccarsi così coinvolt o in quell’intenso am ore. Da lì può nascere lo stalker e anche il possibile omicida che rifiutato arriva al punto tale di uccidere la persona am ata. Nella sua mente questo “folle d’am ore” vede la donna come una sua proprietà privat a in cui nessun altra persona può porre mano e anche il core. Anche in quest o caso vi è il fallimento della vit a di que st’uom o che senza l’am ata si sente perso. Dall’altra appare sempre centrale il ruolo della donna che conscia della sua attrazione e del suo potere sull’uomo tende a por si come protagonista di questa relazione credendo di gestire un rapporto, ma non comprendendo spesso di primo acchito su quale strada si è andata a cacciare. Emerge su tutto da parte di molte donne l’assoluta incapacità di difender si dalle violenze da parte degli uomini. Ovvero se una femmina si sen-

te minacciata gravemente perché non ricorre a dei sistemi di difesa estremi, come per esempio il porto d’armi? Appare ciò un mistero anche forse per l’incapacità di m olte donne di reagire al pericolo e invece ad andarci incontro. Per esempio è il caso recente di una donna di Ortona che ha aperto la port a di casa al marito assassino quando di questi ne conosceva la pericolosit à. Cioè : vi è sempre la tendenza femminile a cercare delle soluzioni affettive anche in casi estremi. Su questo situazione lo Stato a appare assente con leggi che possano prevenire le violenze. Ma anche nel comminare la pena al reo che sovente dopo l’atto di violenza, telefona alla polizia sapendo che dopo pochi anni di carcere potrà essere ancor a libero. Una vergogna come l’applicazione di certe leggi in cui chi si difende rischia sovente di passare dalla parte del torto. Ma se lo Stato fa vendere le armi queste devono e ssere usate dal cittadino per tenerle negli armadi? La situazione non è chiara tant’è che un deput ato Pd ha proposto di modificare quest a legge aggiunge ndo che oltre lo stato di pericolo una persona, per reagire, deve trovar si in uno “stato di prostrazione psichica”. Difficile capire come si possa dimostrare ciò. Ma è facile capire perché Renzi in risposta a Berlusconi(fattosi fotogr afare con un agnello) , continui a mangiare gli agnelli e che fine far à il cittadino, usato come capro e spiat orio per sanare i peccati di una becera politica di Stato. Andrea Torr esani

La grande cucina italiana a Bardolino


4

ATTUALITA’

CORRIERE DELLA RIVIERA

COSTERMANO

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

NUOVE CUBATURE IN ARRIVO CON “CAMBIO DES TINAZ IO NE D’US O” DI ALCUNE PIA NTE

PIU’CEMENTO IN CAMBIO DI ALBERI Mamma mia dammi 19 000 metri cubi che a Costermano sul Garda voglio andar…”. Certo che se la rivoluzione c’è stata nel Panorama da Costermano sul Garda Comune sit o sulle colline benacensi, è Il Comune ha per altro acstata solo nel nocettato 34 richieste su 41 me,aggiungendo il suffis- richieste pervenute per la so “Gar da”. Per il resto trasformazione del terrinulla cam bia perché le torio giudicandone sette “solette” continuano a “di rilevante interesse viaggiare a tutto motore pubblico”, con accordi con la pave ntata indiffe pubblico-privati. renza di non sembra conoscere i rischi di tale sta- Per gl’ interventi concesto di cose . Vist o che si, il Comune incasserà 1 l’amministrazione comu- milione 179 mila euro che nale ha dato il via libera verranno de stinati ad oall’ott avo piano interventi pere pubbliche . Ma i pricon la previsione di 18 mi- vati dovranno risarcire anla 800 metri cubi di mat che perequazioni ambientoni e cemento armato. tali. Con una compensaSul territorio piomberan- zione ambient ale previst a no 10.500 metri cubi di 32.598 mq assegnando il residenziale e 8.300 di tu- valore di monetizzazione ristico ricettivo pari in su- per ogni pianta non reimperficie a 7 metri quadri piantat a di 44 euro. cioè un campo di calcio.

“Si dovranno creare aree verdi o arboree a compensazione degli alberi che verranno tolti dai terreni trasformati per compensare le emissioni di Co2”. Ha detto il sindaco Stefano Passarini. “Se non lo potranno fare sulla se de o in altre aree pubbliche, potranno monetizzare il valore degli alberi, che poi andrà in un capitolo di bilancio apposit o del Comune, che investirà i fondi ricevuti in piantumazioni identificate nel Piano Verde che l’Amministrazione ha pianificato. Si darà inizio a un rapporto di equilibrio tra la Co2 emessa e quella assorbit a in quattro aree tematiche individuate da uno studio specifico”. Insomma un afflato am bientale che rivela come il problema della cementificazione sia sentito anche dall’amministrazione.

Ma a tutto questo pourpourri di piante e cemento la minoranza ha st orto la bocca giudicando tale valore di scam bio non e-

quo. B arbara Gelmetti, Tiziana Calabrese e Delia Scala, hanno pure sollevato perplessità in merito alle concessioni edilizie date: “In questo piano si concede l’edificazione in aree vincolate paesaggisticamente o di interesse pubblico, tra cui 12 interventi in aree a vincolo idrogeologico e 8 in aree di dissesto idr ogeologico. E’ possibile concedere tutti questi volumi in aree di pregio ambient ale?” Hanno detto in sintesi. A loro ha risposto

l’architetto Chiar a Bonamini, redattrice del piano interventi: “Se ci sono zone a vincolo paesaggistico non vuol dire che siano inedificabili, bast a farlo con tutela ecologica verso quello che sta intorno”. Ma e ffettivamente l’architetto non ha visto che intorno il territorio in questi anni è diventato un cementificio? For se no tant’ è che nonostante le zone paesaggisticamente rilevanti verrà pure concesse un raddoppiamento delle cubature dove c’è il residence Castagnari posto sopra la Valle dei Molini.

ECCO ALCUNI INTERVENTI NELL’AREA

TUTTO IL CEMENTO MINUTO PER MINUTO

“Abbiam o privilegiat o la de stinazione turistica di Costermano”. Così il sindaco Passarini ha voluto dare una giustifica agli interventi approvati nel piano 8. Certo che se turismo vuol dire togliere gli alberi e piantarci migliaia di cubature di cementi armati è una convinzione del tutto singolare . Ecco in ordine di scavo le varie concessioni: 1) “Immobiliare Incontro srl”, edificazione residenziale per 3.000 mc in via Belvedere, con perequazione pubblica di un parcheggio scambiat ore nella Valle dei Mulini, per la sosta dei mezzi prima del percorso ciclopedonale. 2) Marco Perrone prevede vicino al Un altro punt o golf a Marciaga, dolente sempre realizzaper la minoranza zione di sono le aree Sic un ma(Siti di interesse comunitario), ti- Il sindaco Stefano Passarini impegnato in neggio per una commemorazione degli eroi di Albaré attività po “Murlongo”, sportiva (la via dove si trova il all’aperto, con annessa struttura turisticoristorante Tre Camini) ricettiva di 1000 mc. In cambio dovrà realizzare che verrà affettata un percorso ciclopedonale su via Rossar. dalle ruspe . Ma anche 3)“SA.RE. srl”: concede la trasformazione di lì si è trovata la giustiuna casa privat a in struttura turisticaficazione. Infatti Il sinalberghiera, con relativo ampliamento di cubadaco ha replicat o che tura da 270 a 800 mc, nella zona del Monte “in ogni caso il privato Murlongo, vicino al Cimitero Tedesco. (Zona a avrebbe potuto con il vincolo idrogeologico-forestale , cara alla tradipiano casa ampliare zione del pae se). In cambio il privato realizza l’edificio fino a 500 un’area servizi collegata al cimitero e un permc, quindi gli si concecorso ciclo pedonale paesaggistico e la ce ssiode solo un maggiorane del viale dei cipressi per 11 mila mq. 4) Crazzione di 300 mc, in zolara Ulrich, a Castion, in localit à Virle 1.000 cambio del beneficio mc di struttura turistica e 2.100 mc di residendel viale dei cipressi”. ziale, in cam bio di contributo perequativo. 5) “Logistica srl e Comencini Em anuela”realizzazione di una struttura turistica alberInsomma 300 di qua ghiera in area già destinata a Castion. In cam300 di là alla fine si arbio il privato finanza la costruzione di due rotariva alle migliaia di cutorie, a nord e a sud di Castion e cede un’area bature previste. Straper impianti sportivi già prevista nel Pat 6) Flono che però non si de ra Truschelli, in zona Monte Belpo: conce ssi molisca m ai qualche 400 mc per la costruzione di una casa per il casa. Anche perché di custode di una pe nsione per cani. 7) “MA.MA strutture pericolanti e snc”: 2.000 mc di struttura alberghiera a Mardifformi nel territorio ciaga, in zona agricola inserita nel Sito Natura non è raro trovarle. 2000; in cambio il Comune ottiene la cessione Senza le necessità di di aree. 8) Castagnari park. Ha detto il sindaavere un cane da co : “Attraverso quest o Pi ha detti si raggiuntartufi. gerà un volume di 12.788,80 metri cubi. I proprietari delle unità abitative occupanti una voAndrea Torresani lumetria di 6004,80 metri cubi, hanno accettato il Pi ottenendo ulteriori 6784 metri cubi . In cambio ci corrisponderanno 440.960 euro e cederanno via Cast agnari Park”. Insomm a, un affarone: si... soprattutto per i cast agnari! (A.Tor)


ATTUALITA’

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 CASTELNUOVO D/G

CORRIERE DELLA RIVIERA

5

L’EX ASSESSORE FAUST O SCAPPIN I ATTACCA IL “TRAN SFER” CUBAT URE D EL FALLIMENT O CASTELL O

“UN REGALO VISTA LAGO”

Sconcertante”. Con queste parole l’ex assessore Fausto Scappini ha definito l’accordo che il Comune di Castelnuovo ha attuato con con la società Mdc srl per la riqualificazione dell’area dell’ex fallimento Castello a Cavalcaselle. Secondo Scappini quant o è stato attuato è “ un regalo ai privati» con cui il Comune di Castelnuovo del Garda ha «buttato via un patrimonio pubblico”. Quest o secondo quanto narrato in un’intervista conce ssa alla giornalista Katia Ferraro del giornale L’Arena. Faust o Scappini avvocato è esperto in urbanistica assessore nelle due amministrazioni guidate da Maurizio Bernardi, sembra oggi come un alpino sul fronte dell’Isonzo.

e 60mila euro per iniziative socio culturali.

una proprietà comunale ad una società privata Ma Scappini entra nel dettaglio facendo presente Per contraccamche l’errore princibio il Comune pale è riconoscere riconosce la possiun credito edilizio bilità di realizzare alla società costrut12.950 metri cubi trice. Anche di volumetria perché nel prezFausto Scappini residenziale zo con un cred’acquist o dito edilizio “TERRENI COMUNALI all’asta era pari a circa il VISTA LAGO CEDUT I, già stat a 90% di quelconteggiat a AUMENT I SPROPORZIONATI DI la in demolila penalizzaCUBATURE, CREDIT I zione, su di zione deriun’area di EDILIZI INVENTAT I E vante dalla 20mila meSVALUTAZIONE DI AREE demolizione tri quadrati EDIFICABILI. QUALCUNO di metà vodi proprietà lumetria, DOVRA’ RISPONDERNE” comunale in come impozona lago sto dal Coprossimo mune nelle disposizioni urbanialla frazione di Ronchi. Mdc stiche che si sono consolidate. E’categorico l’accordo del Co- pagher à l’area 200mila euro Invece il Comune non le calcola mune con la società Mdc srl realizzando il percorso pedodando come com pensazione per è penalizzante per l’ente nale a Cavalcaselle. Sar anno pubblico e sbilanciato a favore con ogni probabilità realizzate dei terreni vista lago poi per di del privato. Ed oggi si è deter- delle ville, con costi rapportati più del Comune. “Così il Comuminato a proporre un ricorso al alla rilevante posizione . Si com- ne riconosce due volte la comTar contro il Comune per ferprende anche senza calcoli che pensazione al privato, oltre alla svalutazione del prezzo mare la demolizione con spoin tutto questo c’è qualcosa d’acquist o, gli regala l’area a stamento delle cubature vista che non va. Innanzitutto non lago”.L’avvocato conte sta poi lago. Con lui è l’opposizione si comprende perché si cede il calcolo contenuto del pae se con che ha vot ato contro l’immane accordo edili- BOTTA E RISPOSTA SULL’ “CASTELLO “ TR A IL SINDACO PERETTI E FOGLIARDI BOTTA E RISPOSTA SULL’ “CASTELLO “ TR A IL SINDACO PERETTI E FOGLIARDI zio. Cioè Mdc demolirà tre dei sette palazzi dell’ex fallimento “FOGLIARDI AUMENTO’ LE CUBATURE DEL LOTTO” (acquisiti all’asta giudiziaria per 975mila eur o), porterà a “TU SEI IN MALAFEDE E DICI IL FALSO” conclusione di finitura gli altri Cominciamo a noi attuamm o” spiequattro; Elargirà poi 200mila veder e un po’ di ga Fogliardi una vaeuro per realizzare un percorluce in fondo al riante redatta dalla so pe donale tra la lottizzaziotunnel su di un’area società Querceto, ne e la piazza di Cavalcaselle e resa edificabile duproprietaria di parte rante dell’area. Variante l’amministrazione che prevedeva con Frasi Frasi Sparse Sparse Centurioni, la cui «inalterato il volucubatura è stata me» come si legge (A.Torresani) aumentata da quella Fogliar- nella delibera, la riduzione di”parola di Peretti. Afferma- dell’altezza dei fabbricati da TRUMP FA LE RIFORM E zioni che non sono passate 5 a 3 piani e un conseguente SGANCIANDO BOM BE inosservate a Giampaolo Fo- miglior inserimento ambienA TUTTO SPIA NO; gliardi, alla guida di Castelnuo- tale”. L’abbassamento portò vo dal 1985 al 1995 nonché all’aumento della superficie GENTILONI (RENZI) FA già onorevole. “Il sindaco ha occupata dai fabbricati, ma il LE RIFORM E DICENDO fatto delle dichiarazioni in volume non fu aumentato di DI NON AUM ENTARE malafede aggiungendo un mezzo centimetro. “Forse” LE TASSE. DUE MODI informazione falsa”. Infatti il azzarda Fogliar di,”il sindaco DIVERSI DI DEVIA RE piano di lottizzazione Castel- getta fango sul passato per lo fu appr ovat o nel 1983 coprire situazioni di disagio L'ATTENZIONE dall’amministrazione di Luigi presenti a Cavalcaselle e sotDELLA GENTE. Centurioni come parte di to gli occhi di tutti”. Dall’altra edilizia libera all’interno “di Peretti rettifica. “Volevo dire È BELLO VEDERE, OGNI una convenzione con il Coche è stata aumentata la sumune per l’edilizia economi- perficie non le cubature. CoGIORNO, LITIGA RE LE co-popolare, attraverso cui i munque non ero in m alafeCOPPIE IN TIVÙ. COSÌ proprietari hanno cedut o dei de”. Insomm a di que sto pasFANNO CAPIRE COSA terreni a prezzi agevolati so la grana del fallimento SIGNIFICA IL nell’area di fronte, dando la Castello invece di essere ripossibilit à a tanti cittadini di solta rischia di e splodere nelVERO AMORE. realizzarsi la casa con forme le mani di chi l’ha creata. di cooper ativa”. “ Nel 1990 Chiamate gli artificieri! (A.T.)

nell’accordo per concedere il credito edilizio. Infatti si sottostimano i valori delle cubature in zona lago che vengono valutate a 300 euro al metro cubo mentre ne valgono 500. E si sovrastima il valore della volumetria demolit a a Cavalcaselle che viene portat a a 200 euro contro i circa 30 che risultano dal costo pagato da Mdc per acquisire il fallimento. Scappini ha pertant o chiesto al sindaco “di ritirare la delibera perché ingiusta, illegittima e con un’agevolazione spropositata a favore del privato”. Ma dall’altra parte della barricata tutto tace come se non fosse successo nulla. In questo m odo però sembra così configurarsi un danno gravissim o alle casse del Comune. E dire che Peretti si era già “distinto” in alcune evoluzioni fiscali come la tassa sui passi carrabili che in paese aveva scatenat o una mezza rivolta. Secondo Scappini, il Comune poteva andare avanti in altro modo per quanto concerne la lottizzazione Castello, recuperando i fondi necessari vendendo all’asta anche solo una parte della zona lago or a dat a a buon mercato a lla Mdc.Insomm a e se Scappini ha chiest o le dimissioni dei responsabili dell’operazione Mdc appare chiaro che la vicenda avr à un suo seguito.E in una Castelnuovo massacrat a dal cemento, tutto non sarà più come prima.

Andrea Torr esani

Tel. 0457255529


6

CORRIERE DELLA RIVIERA

Lago di Garda

ATTUALITA’

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

UNA NUOVA IMMAGINE PORTA ALLA RIBALTA IL REDIVIVO INAFFERABILE ESSERE

TUTTI I VOLTI DEL MOSTRO ’è chi l’ha visto a forma di pesce siluro. Chi di serpente chi di plesiosauro. Il mostro del Garda ha assunto in que sti anni diver se sembianze. Oggi grazie ad un impareggiabile scatto di un fotogr afo danese, t ale Thomas Brenner, ha acquisito una nuova forma: quella di un gommone gonfiabile a forma di t artaruga a gambe all’aria. A darne notizia sono stati gior nali locali e non, che hanno rilanciat o con molti dubbi, la tesi del mostro. E dire che il Brenner esperto fotografo quando si è accorto che nell’immagine panoramica del lago compariva uno strano essere ha aperto pure un sito web B monster con tanto di logo e copyright. Una velocit à di creazione che ha dell’incredibile visto che lo stesso autore, sul sito facebook “Bennie il mostro del lago” ha poi precisato pure che non si era accorto neppure che in un angolo della sua immagine compariva, all’altezza dell’isola dei conigli, quella strana forma che poi lui ha identificato come il mostro del Garda. Un vero talento que sto fotografo che di mestiere fa la guida turistica. Vero conoscitore del lago Garda, su You tube compaiono diversi filmati in cui riprende i paesaggi del lago. Il dane se frequentat ore e innamor ato del Benaco, la vicenda del fantom atico mostro potrebbe averlo ispirato a tal punto da avergli fatto impressionare su di una fotogr afia l’immagine di quello che sem bra, di primo acchito, un gonfiabile grigiastro che ricorda letteralmente il mostro di Lochne ss. Il fatto strano è che di

C

tale foto e siste solo uno sauro. scatto. Quest ’ultimo curioso evento costituisce un Strano perché oram ai altro capit olo con la tecnica digitale si dell’annosa storia del tende a scattare più in mostro lacustre e di foto in serie dello stes- quant o interesse abbia so soggetto panorami- suscit ato la vicenda. co. Non riuscendo a far Nell’estate scorsa però capire se l’oggetto inil Cicap (osservatorio quadr ato si era spost a- fenomeni paranormali) to. aveva declassato la preBrenner da parte sua senza del mostro ad interrogato pubblicauna bufala, confutando mente sul sito facebopersino i tracciati radar okj (Bennie il mostro dei sonar di Angelo Model lago) da Marcuzio dina. Dall’altr a però vi Isauro, dice che “ nella sono st ati una serie di foto da lui scattata vede avvistamenti di solo un gonfiabile”. Ma varie persone non afferma se è vera o che hanno descritfalsa attuata attraverso to il mostro chi come un foto ritocco attraver- un essere con t ante so photoshop. gobbe e chi come un Ma la non verosimilità pesce siluro. Film ati dell’immagine viene raccolti sulla play list proprio dagli oggetti You tube (CACCIATORI prossimi al presunto DI MOSTRI mostro insiti nella foto. (Avvist amenti del pesce Infatti a pochi metri di gigante sul Garda). distanza (circa una ven- Ma sem bra quasi oratina) si trova alla fonda mai che al minimo susun motoscafo. Possibile sulto lo strano “essere” che gli occupanti della si risvegli. barca non si accorgano dell’inquietante presen- Se quei pescatori nel za? Di un essere che si lontano 1965 sarebbero leva per circa 5 metri e stati consci con il loro delle dimensioni più del primo avvist amento di doppio della barca ? aver poi generat o un Anche dalla riva poi tam tam simile si sarebl’avrebbero visto. No, bero for se tenuti quel nessuno quel giorno segreto dentro. d’estate si era accorto Oggi invece anche dodi ciò. po i video degli anni 2000 di A.Torresani, la Viene però tale Brenner ricerca della leggenda è mesi dopo, in pieno diventata quasi una inverno a divulgare, moda in cui ognuno si dopo aver creato un crea il proprio piccolo sito sul m ostro del Gar- strano e ssere. da, una foto dicendo Persino un piccolo che lui vede nella sua “canotto gonfiabile” foto, solo un gonfiabile . oggi ha assunt o le semInsomma un mistero in bianze dell’essere. nel mistero anche se Forse perché il vero per quanto sopra de mistero è dentro di noi. scritto l’immagine a nostro avviso è certa(G.P.) mente un ritocco fotografico e se non lo fosse (ipotesi remota) quella oggetto oscuro è qualche altra imbarcazione che assume le sembianze simili ad un ple sio-

Gardness Disegno: A.Torresani

LA RICOSTRUZIONE DI GARDNESS L’ULTIMO “AVVISTAMENTO”

N

ell’immagine scattata da Thomas Brenner (foto in alto) si nota nel cerchietto la sagoma di quello che è stato de finito il mostro del Garda. Da quella sagoma che sembra di primo acchito un gonfiabile, si è provato a ricostruire l’essere abbiam o ricavato l’immagine centrale . All’apparenza sembra ricordare il mostro di Lochness anche se sembra avere un corpo che ricorda quello di una balenottera. Insomma quasi un “deja

vu” anche se appare improbabile che la famiglia del mostro di Lochness abbia parenti molto simili sul Garda. Nella fot o in basso si è poi proceduto ad inserire “l’animale” ricreato in una immagine del Garda e si vede che l’effetto “monster” non è del tutto dissimile. Anche se è molto pr obabile che il “gonfiabile” dell’aut ore dane se sia stato fotogr afato dal vivo nella sua interezza e poi inserito nella fot o. Magie della tecnica!


ATTUALITA’

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 BARDOLINO

CORRIERE DELLA RIVIERA

7

LA PROVIN CIA VUOLE VENDERE L’IMMOBILE ATTO AL RIPOPOLAMEN TO ITTICO

L’INCUBATOIO VA ALL’ASTA V

endere l’incubat oio, senza tema di smentita mi sembra un vero e proprio delitto contro il Garda soprattutto contro i pescatori di professione , secondariamente anche per quelli sportivi. Per i pescat ori profe ssionisti sarebbe una ver a sconfitta per il loro lavor o in quanto il maggior numero di e ssi non giovani, sarebbe un vero problema trovare in questi tempi un nuova lavoro e riciclarsi in un novo lavoro sconosciut o. Come potrebbe ro ! Ma vogliamo anche fare una rifle ssione dal punto di vista turistico. Ai milioni di presenze di turisti italiani m a soprattutto stranieri che sono in maggioranza, daremo da m angiare pe sce di mare anziché il nostro pesce? Mi risulta che il turista voglia assaggiare prodotti locali dove si ferma o passa, quello di mare lo trova anche a casa sua. Se non si ripopola il lago il pe scato va sempre più scem ando. Già l’alborella, comunemente chiam ata aola si può dire che è quasi sparita. Il pregiatissimo carpione ( un salm onide come la trota) che in Italia c’era soltant o nel Garda, una volta il pe scato era discreto nel primo dopoguerra, ora qualche raro e semplare abbocca a qualche tirlindana ( “matross” ) ingannato dal luccichio dell’e sca della finta alborella, pur vivendo di plancton, non essendo carnivoro come la trota. Il pe sce persico anch’e sso in forte calo. Ma vogliamo for se lasciar morire il nostro lago, perGARDA

ALBERI TROPPO ALTI IL MONUMENTO DELLA MADONNA NON SI VEDE

P

iante da potare. Per riportare la visibilità alla st atua della Madonna che in alcuni punti del paese non si riesce più a ve dere. L’affetto che lega i garde sani al monumento della Maria Assunt a post o sul colle prossim o alla Rocca Nuova, è grande. Alcuni cittadini del pae se hanno fatto presente che in alcuni punti del pae se per esempio dal bar Colombo, Hotel palme ecc se prima da quella visuale era possibile ve dere l’opera m armorea, oggi non la si vede più. Colpa delle piante che sono cresciute a dismisur a e che sarebbe necessario potare. Il Corriere della Riviera raccoglie l’appello ricordando che la Madonna è la patrona del pae se ed era stata eretta nel dopoguerra perché Garda era stat a risparmiata dai bombardamenti degli alleati. E che è quindi doveroso preservare.

ché tutti colare che cosa potrebbe sanno ricavare dal piccolo capanche un none, che sicuramente non lago senrisolverebbe i pr oblemi di za pesci è bilancio della Provincia. Penmorto e so che ben altri immobili di in simili maggior valore esistano da condizioalienare. Ma ai nostri ammini il turinistra non sta a cuore il Lago smo va a e con esso l’indotto finanzia“farsi rio del turismo della intera benediProvincia. Il territorio benate” E’ cense per i motivi su esposti pur vero andrebbe aiutato e tenere in L’incubatoio sito sotto la Rocca che la vita l’incubatorio non è da crisi dei pesci è dovuta anche ad altri fatconsiderare una spesa, m a un inve stimentori, tra i quali il principale è to. Il presidente Pastorello dovrebbe conl’inquinamento. L’alterazione della tempe- certare con sindaci e categorie economiratura dell’acqua, con la periodica immis- che e turistiche di vedere come far funziosione delle piene fredde, e anche inquina- nare maggiormente un simile strumento te dell’ Adige ( leggi) città di Trento e per la riproduzione ittica del lago, anziché altri cittadine delle sue rive. fare cassetta. I nostri politici dovrebbero far intervenire la Comunità Europe a e lo Le aole la cui fregola avveniva lungo le Stato italiano per risolvere il problema spiagge in poca acqua sono disturbate dai dell’inquinamento per potenziare il colletbagnanti che scendendo in acqua distrug- tore del Garda per salvare i pesci, l’indotto gono le uova. Scar seggiando gr avemente della pe sca e il turismo, vist o il grande questo piccolo pesce, viene a mancare il afflusso di turisti europei, perché il Garda cibo per luccio, persico e altri pesci carni- non è solo un patrimonio italiano, m a anvori e quindi calano anche questi tipi di che europeo. pesci. L’anguilla che avrebbe un gusto delicato e prelibat o, è vietat a per la diossiGiancarlo Maffezzoli na. Il preside nte Pastorello dovrebbe cal-

LAZISE

LA TRIBUTARIA PROVINCIALE CONDANNA LA SOCIETA’

LE IMMONDIZIE INGUAIANO CANEVAWORLD aneva world centro di C divertimenti acquatici tra i più noti al mondo. E produce pure una quantità di rifiuti impressionante. T ant’è che per il solo 2014 il Comune di Lazise ave va emesso nei confronti della società laziciense un avviso di pagament o della tassa rifiuti, per ben 110.382 euro. Ma dopo un sollecito

presentato dal Comune per il mancat o pagamento, il legale rappresent ante della società di divertimenti, Amicabile Alfonso presentava nel settembre 2015, ricorso alla commissione tributaria provinciale che il 23 maggio 2016 respingeva il ricorso e condannava Caneva world a saldare le spese processuali per comple ssivi

BENIGNI UN ISTRIONE MOLTO COMPRESO

M

i sono molto meravigliato della conversione di Roberto Benigni pensando a quando il guitto prendeva in braccio Enrico Berlinguer o "tastava" le parti basse di Pippo Baudo. Quando poi ci annoiava con l'accento toscano rifilandoci la Divina Commedia non vi dico. Ovviamente i metodi leopoldiani sono alla base della ‘’conversione’’ di questo artista disastroso anche perché come imprenditore ha addos-

1000 euro. Ma il 25 ge nnaio 2017 la ditta proponeva ricorso in appello a cui il Comune nel marzo scorso, si opponeva nuovamente. Insomm a di questo passo viste le normative italiche Cane va può magari scivolare anni senza pagare nulla. E così se in Comune sbolliranno d’ira, al Parco faranno tuffi di gioia. (A.T.)

BRUSCOLINI di

Umberto Umberto Brusco Brusco

sato milioni di debiti della sua società gestrice di teatri di posa sulla collettività. Complici come suole in Firenze gli amici piddini del settore. Ecco perché della conversione inspiegabile sull’appoggio alla controriforma costituzionale di Renzi. E' stata una domanda che tanti italiani si erano fatti a suo tempo. Oggi Dante lo ha messo nel girone dei " parassiti " .


8

CRONACA

CORRIERE DELLA RIVIERA

GARDA

LE MIN ORAN ZE PROTESTAN O

“RISARE DI CEMENTO”

S

ul piede di facendosi dare dal guerra. Le privato 2000 metri quattro consiquadri di terreno per gliere di minofarne un parcheggio. ranza si son Ma anche que sto riunite per la scambio per le quatprima volt a intro è giudicato irrisosieme, per relario essendo l’area zionae sulla loro Lorenza Ragnolini prossima ad un sito attività nel primo anno di d’interesse comunitario. mandato. In particolare, nel Dall’altra le oppositrici hancorso dell’assemblea hanno no palesato una certa diffiesposto le loro preoccupacoltà a ricevere i documenti. zioni sulle cubature che insi- Certo non favorita dal fatto steranno sul paese. Quatto- che per esempio sono partitordicimila metri cubi che in ti in questi periodi da parte un altro paese sarebbero da parte di Ragnolini Codonon certo enormi ma che gnola, degli esposti alle aunel centro lacustre divent a- torità competenti per la no la goccia che può far tra- distribuzione a macchie delboccare il vaso. le aree urbanizzabili poste In particolare modo si è fo- sotto le Rocca del Garda e calizzat a l’attenzione sul nell’area del Monte Luppia. località Risare dove andranno ad insistere circa 800 Insomma tenere a freno metri di cubature. La zona è l’invasivit à della cementifidi alto rilievo paesaggistico cazione del territorio non ed è soggetta a ristagno deve essere facile per idrico ed ha diverse proble- l’amministrazione viste,le matiche di carattere idrauli- spinte imprenditoriali in co geologico. Una zona ric- essere. Ma neppure per le ca di corsi d’acqua e una minoranze prote stare. Visto delle poche ad essere rima- che alla fine il Garda si sta sta verde nel paese. Il Cotrasformando in una megamune d’altro canto per con- lopoli turistica. (T.A.) cedere questi 800 metri cubi ha attuato uno scambio PESCHIERA D/G

GARDA

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 FULMIN EO ATTA CCO DI CODOGN OLA

DOPO PAPA E MUSSULMANI LA CONSIGLIERA SE LA PRENDE ANCHE CON I GAY Sindaco hai “catechista la mamma e

vità si organizzino incontri simili accetti i in luoghi gay?”. In quepubblici e il sto caso la nostro Sinparola daco abbia “accetti” finiacconsentiLa prima di Gardaw eek ta sulla prima pato pur avendo la gina del giornale madre catechiGardaweek, non sta”. Dichiarazioni aveva il significasconcertanti a cui to di farli a fette. il Sindaco allibito Ma di accoglierli ha dato rispost a. nel proprio Comu“Il Comune” ha ne. La consigliera detto Bendinelli “ al vetriolo della non ha dat o nesLega Nor d, Anna sun patrocinio a Codognola, reduquella manife stace da un recenzione ne emesso Dalla pagina fbook della Codognola te processo ordinanze . Queldov’era stat a prosciolt a in primo la è una festa privat a e in Italia c’è grado dall’accusa di diffam azione libertà d’espressione. La mia famiper uno st ato d’ir a cagionat o (art glia, mia m adre, non c’entra nulla 599 c.p..), torna alla guerra. Pren- con la mia attività politica ed è dendosela questa volt a con i gay e vergognoso tirarla in mezzo ad con il Sindaco del suo Comune, una polemica invent ata”. Davide Bendinelli. Que st’ ultimo è stato infatti accusat o prima sul La consigliera non è nuova ad inigruppo Face book “Sensa pei sula ziative border-line. Tempo orsono lengua” e poi sulla prima pagina si scagliò pure contro il Papa defide giornale “Gardaweek” di avere nendolo “blasfem o” e poi pure acconsentito ad un evento orgacontro i mussulmani definendo il nizzato dal gruppo “The SiCorano “sat anico” . sters” (promotore di eventi per Frasi certo non condivisibili. Ma donne lesbiche) da tenersi nella che oggi tornano alla memoria baia delle Sirene, prossima a San visto che questo integralismo che Vigilio, pr oprio nel giorno di Pala spinge sembr a farle perdere squetta. “Sono per la famiglia ve- ogni limite. Tirando pure in ballo la ra” ha detto la consigliera, “ non è catechista m adre del primo cittaammissibile che i giorni delle fe sti- dino. (A.Tor)

A CARNEVALE IL VICE NO N S ALE S UL CAVALLO DELLA S INDACA E LEI LO LICE NZ IA

DECAPITESCION ette a sei. Non è il risultato S tra Milan e Inter ma la situazione che vede solo di un seggio di vant aggio i consiglieri della maggior anza nel Comune di Peschiera del Garda. Questo dopo la de stituzione dal gruppo della maggioranza di Tiziano Cim arelli a cui la sindaca Orietta Gaiulli ha dato il “benservito” il 20 marzo scorso, con una pepata lettera: “Considerata la natura fiduciaria dell’incarico e considerato che compete al sindaco la scelta della com pagine di cui avvalersi … allo stato attuale non vi siano più le condizioni e i presupposti per continuare ad avvalersi del contributo del signor Tiziano Cimarelli, revoco con effetto immediato l’incarico …” . La test a di Cimarelli dopo le dimissioni dell’asse ssore ai servizi sociali Mirjana Stam pfer è alquant o pesante visto che con solo un

consigliere in paura di evoluzioni più, la m aggiofuori dal comune ranza può ricon l’equino, m a da schiare di essere come sembra come battuta in certe segno di protesta deliberazioni. nei confronti della Cimarelli da Sindaca. quant o si apprende non è Da quant o ha afferintenzionato a mato l’appiedato era fare il basa bangià sotto il controllo chi dell’elite m a della “Spectra” del a dare il suo primo cittadino da contributo al di tempo. “Nell’ultimo fuori degli scheperiodo mi sentivo” mi. A far precipiha dichiarato alla tare la situaziostampa “molto conCimarelli e Gaiulli ne già tesa è trollato e limitato nel stata letteralmente una mio lavoro e non potevo più “caduta da cavallo” da parte muovermi liberamente ”. Cidell’ex vice che ha fatto tramarelli invece, secondo la boccare il vaso per la Gaiulli. Gaiulli “for se montatosi la Ovvero il 12 marzo scorso, nel testa dal potere, mostrava corso del Carnevale, il Cim arelli atteggiamenti arroganti e ofinvece di salire a cavallo a fian- fensivi, al quale sfuggivano co della sindaca è rimasto deanche concetti di sem plice solatamente al suolo. Non per comprensione …”. “Ho solo

Orietta Gaiulli cercato di rivestire il ruolo di vicesindaco di tutti, a disposizione della gente e ricevendo, per questo, anche numerose telefonate di solidarietà”. Ha detto l’ex vice sconsolato. Ma adesso per lui risalire sul cavallo di battaglia sarà veramente dura! Andrea Torr esani


CRONACA

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 CASTELNUOVO D/G

DISPUTA SULL’ ICI CONTRO IL BRENZONI GEMMA

IL COMUNE PORTA IL LUMINARE TRIBUTARIO INNANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA

E

dire che è un luminare tra i più esperti della provincia di Verona. Ma quel versament o ICI deve stargli sul duodeno. E così ha fatto ricorso contro il Comune ... perdendolo o quasi. La st oria ha del paradossale e vede prot agonista da una parte il Comune di Castelnuovo e dall’altra l’avvocato Le onardo Gemm a Brenzoni esperto in diritto giuridico e soprattutto in materie tributarie, nonché presente nell’ araldica nazionale. Un nome di tutto rispetto, relatore in diverse conferenze proprio su tematiche tributarie, questa volta lui stesso ne è divent ato il protagonist a provando così la sua caratura. La querelle nasce da un accertamento ICI del Comune di Castelnuovo relativa all’Ici del 2009 su un terreno presente nel Comune.

di traverso. Perché già nel 2011 il Comune recuperava tramite accertamento l’Ici dovut a nel 2005 dal nobil uomo. Ma ambedue le volte l’avvocato faceva ricorso alla com missione tributaria provinciale. Ma perché il luminare non vorrebbe pagare questa tassa? Per- Una conferenza tenuta dal Brenzoni ché lui sostiene che la sua d’imposizione fiscale! proprietà è terreno agrico- Insomma, un mistero di lo, mentre il Comune lo come la Commissione trivaluta come area edificabi- butaria non si sia accorta le. di questo fatto. In realtà per quant o concerne il versamento Ici del Alla fine il Brenzoni, Comu20o9, la Commissione ne e tutta la compagnia di tributaria provinciale a cui avvocati incaricati dal Cosi erano rivolti sia il Brenmune (Gastaldello– Genzoni che il Comune ha da- naro) si troveranno a Veto ragione a quest ’utimo. nezia per dirimere la queCon un giallo però. Infatti stione. la Commissione tributaria Provocando per il Comune intimava al Comune di costi di migliaia di euro per L’impost a comunale imrettificare il provvedimen- spese legali. Meno per il mobili. Una tassa to di accertamento rapBrenzoni che è già esperto “ingiusta” che lo Stato portandolo a soli 2mesi in materia. Così esperto italiano ha introdotto nel d’imposizione tributaria. che alla fine è meglio che 1991 con il Governo Amat o Ma l’amministrazione a lo venda quel terreno. Per come impost a straordina- ciò, ha propost o ricorso avere almeno pietà finanria, ma che dopo è rimasta alla Commissione tributa- ziaria per il Comune in cui sino ai giorni nostri. ria regionale. Il motivo? possiede quel lotto di terUn fatto che al Brenzoni L’accertament o inoltrato ra. deve essere andat o però riguardava già due mesi Andrea Torr esani

PERSONAGGI DEL LAGO GARDA

PAOLETTI: UN UOMO SOLO AL VERTICE ramai è quasi come Coppi. Ha fatto più chilometri lui che il Freccia Rossa Bari Milano. Paolo Paoletti dopo aver pedalato con la sua bicicletta per tutt’Italia con avventure incredibili, oggi è tornato sul lago di Garda dove non è raro vederlo arrancare sulle salite con la sua bike con un carrellino a traino di circa un quintale di peso. Vive talune volte anche in tenda, perché la sua vita è espressione di libertà. Come la sua nascit a, avvenuta per strada nel

O

1960 nei dintorni di Bergamo. Poeta e pittore dipinge la sua bont à nello sguardo che alza indomito sulla salit a più dura: Forza Paolo!

Frasi Frasi Sparse Sparse (A.Torresani) GLI ALTRI FANNO LE GUERRE E L'ITA LIA ACCOGLIE TUTTI I PROFUGHI, CLA NDESTINI E MIGRANTI DEL M ONDO. GRAZIE ROMA!

LE DONNE SCELGONO GLI UOMINI PREDILETTI E GLI UOM INI PREDILETTI DIVENTANO DEI BARBA RI...E' UN BEL MISTERO.

CORRIERE DELLA RIVIERA

CAPRINO V.se

9

DIMISSIONI

GLI ORTI COMUNALI E LE PARI OPPORTUNITA’ FANNO USCIRE LA BRUNELLI DAL SEGGIO

C’è rammarico sulla m ozione degli orti comunali accolta dalla maggioranza m a con l’intenzione di farla naufragare. E su quella della costituzione di una commissione per le Pari Anna Carla Brunelli opportunità, che è stata respinta”. Buona notte alla semina, la Brunelli se ne va. In un Consiglio lampo Anna Carla Brunelli ha vuotato il sacco. La Brunelli ha deciso di dare le dimissioni in tronco facendo subentrare al suo posto il 38 enne Nicola Specchierla. Un coup de theatre che si è cercato di smorzare attraverso la diplomazia. Ma che è stat o subito chiarito dalla stessa consigliera dimissionaria: “Que sta scelta non è dettata da st anchezza o disinteresse , ma dalla disponibilit à a lasciare il post o a un altro candidato affinché faccia e sperienza di vita politica i tempi sono m aturi”. Al di là dell’ altruismo nei confronti del giovane collega la Brunellli ha tirato fuori le patate bollenti. “ Signori c’è qualche ramm arico...” e nel silenzio più spettrale ha continuato, “ in particolare su due mie mozioni: quella degli orti comunali, accolta dalla maggioranza m a con l’intenzione di farla naufragare. L’altra, sulla costituzione di una commissione per le Pari opportunità, che è stat a respint a. Auspico inoltre che l’amministrazione presti più attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche e alle scuole periferiche”. La Brunelli insieme al suo gruppo “Semplicemente Caprino” si era battuta per ottenere questi orti per dar “lavoro” a disoccupati, pensionati e magari migranti. Perché sottoline ava il su gruppo politico nella m ozione, "l'ortoterapia ha valenze sanit arie e sociali". E il Comune sembrava aver accettato la m ozione individuando le aree per tale attività e approvato il regolamento. Per motivi imprecisati poi, tutto si arenava e mandava così a monte il progetto. Ora la Brunelli come un moderno Cincinnato se ne è tornata nel suo “orto” a “maledire” contro chi non capiva la valenza di br occoletti, pomodori e insalate varie per il recupero sociale. E pensare che se la Sindaca Paola Arduini non proprio è una vegetariana è una donna, e che donna! E almeno sulle pari opportunità, poteva dare un piccolo appoggio alla collega Brunelli… (A.Tor)


ATTUALITA’

10 CORRIERE DELLA RIVIERA MALCESINE

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

RICORS O AL CAPO DELLO S TATO CONTRO LA FUNIVIA DA PARTE DELL’AMBIE NTALISTA

IL COMUNE RESISTE... ANCHE A DE GENNARO

R

icorso al Presidente della Repubblica. Mai Ciro De Gennaro era arrivato così in alto. Per farlo ha incaricato l’avvocato Riccardo Ruffo del foro di Verona per costituirsi innanzi alla massima autorità dello Stato contro il Comune di Malcesine, Brenzone e Consorzio trasporti funicolari Monte Baldo. A que sto atto il 31 gennaio scorso si è opposto il Comune di Malce sine che ha incaricato l’avvocato Ivo Cacciavillani a contrast are l’atto di accusa. De Gennar o è noto per la sua attività di am bientalist a, già presidente di Legambiente del circolo locale, che come candidato politico alle ultime elezioni comunali come rivale dell’attuale Sindaco Marche sini. E’st ato inoltre artefice di una serie di esposti e manife sti veementi contro il Sindaco. Una sua denuncia per diffamazione nei confr onti del primo cittadino venne alfine archiviata dalla Procur a perché il fatto non sussisteva. Fatto a cui Degennaro aveva proposto ricorso i cui esiti non sono oggi noti.

Frasi Frasi Sparse Sparse (A.Torresani) PER I NOSTRI "GOVERNANTI" LA RIPRESA E' SEMPRE RIMANDATA A LL'ANNO CHE VERRA ' Azienda Azienda agricola agricola

CINELLI CINELLI E. E.

Organizziamo eventi Castelmontioni Montelungo 1 Lazise (VR) T.3489018898 www.castelmontioni.it info@castelmontioni.it

L’inarrestabile Perche attivista l’accor do di caterpillar ha programma tra individuato un'alA.T.Funiciolare tra fragilità e Prada Cost anell’atto delibebella doveva ratorio del Conessere prima siglio Comunale vagliato e apdell’ 8 giugno provato dal 2016 in cui si Comune. dava facolt à al In secondo luoSindaco di far “ go doveva esappr ovare in sere indetta seno una conferenza all’assemblea del di servizi (dall’ Consorzio funicolare art 34 decreto legge la modifica del docu267/2000) attraverso mento unico di proil rilievo dei funzionagrammazione ri comunali per valudell’ente consententare le problematido alla Società di che sull’affidabilità trasporti di svolgere del partner prescelattività extra territoto . riali come quella Dall’altra si legge Ciro De Gennaro nell’atto “risulta ille d’inst aurare un accordo con la Pr ada Costabella gittimo autorizzare un ente s.r.l che ge stisce gl’im pianti di che opera su di un territorio risalita (di San Zeno di mont a- ad esercitare un servizio pubgna) per l’amm odernament o e blico sul territorio di altri copotenziamento degli stessi. muni in assenza per di più di Secondo De Gennar o e il suo un atto che doveva coinvolge avvocat o tale atto deliberato- re il Comune di Malce sine dirio “è illegittimo” sotto diversi rettamente”. profili. Infine si evidenzia come ATF

può esercitare attività extra territoriali solo in caso di dimostrata sostenibilità dell’operazione finanziaria con la “verifica della redditività” con il controllo della ge stione dei flussi economici svolti a finanziare il Consorzio Atf. Insomma una serie d’interrogativi che sarà il Capo dello Stato a sbr ogliare. Anche se non si capiscono i motivi per cui non si sia proceduto prima con un ricorso al Tar e invece direttamente all’ultimo gr adino che è il capo dello Stato. Forse perché i tempi di possibilità d’inoltro al Presidente sono di 120 giorni dalla dat a di notifica del provvedimento impugnat o. Ricor so che però è stato inoltrat o ai com uni il 2 dicembre 2016. La delibera del Consiglio comunale impugnata è dell’8 giugno 2016. Insomma qualcuno avrà fatto bene i conti per calcolare i termini di deposito dell’atto , perché da giugno a dicembre sono trascorsi 180 giorni… Andrea Torr esani

VERONA TROVA A CASA DELLA EX UN UOMO E SCATEN A LA SUA IRA

DEMOLITORE SI MA PER AMORE

E dire che le avevo porvista del letto fuori tato pure i cioccolatini”. ordine immaginando E dopo ha sfasciato un apl’immaginabile, ha mepartamento e ha mandato nato a m anca e a ritta all’ospe dale ex fidanzata e rompendo uno specil suo amico. Dopo una relachio (anche se certi zione durata nove anni, un dicono non porti becuoco Alberto M. si prene), ha tagliato il matesenta alla porta di colei che rasso e se l’è pre sa con amava. “ Era un mese e la tappezzeria del divamezzo che non la vedevo e no. Insomma una furia Scena dal film “ Il dramma della gelosia” mi aveva detto che ave va non proprio cieca visto bisogno di un periodo per riflettere che vole- che selezionava le cose da colpire con una va st are da sola” dirà poi al giudice Silvia Isicerta cura. All’arrivo dei car abinieri, probabildori. Sicuro così di poter recuperare la momente pago di aver sfogato l’amore represrosa e andato a trovarla per farle una sorpre- so, si è lasciato ammanettare. sa. Ma la sorpresa gli si è present ata a lui. Infatti presentat osi con un mazzo di fiori e Così la “fest a” per il demolitore è finita agli pasticcini dopo essersi fatto aprire il portone arresti domiciliari. Per la giovane e l’amico al da una vicina e aver suonato all’uscio della pronto soccor so dove è st ato post o loro un giovane senza rispost a, ha deciso di lasciare i collarino. E natur almente pensando che i due dolci e passare al salato. E che salato. Con amici non si siano pre si per il collo per il tropuna spallata ( secondo l’accusa) ha buttato po affetto, viene da pensare che giù la port a e si è trovato innanzi la ex insiel’innam orato “pazzo” (in senso passionale) me ad un altro. Così ha afferrato am bedue dovrà rispondere di un reato in più. per il collo (circostanza che l’imputat o ha (A.Tor) negato) ed è entrato nell’appartamento. Alla


ATTUALITA’

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

S.ZENO DI MONTAGNA CURIOS I BA NDI DI CO NCORS O

CERCASI VILLA PER UNIONI OMO DA DARE GRATIS AL COMUNE e unioni civili a domicilio. In base a recenti disposizioni di legge i Comuni possono svolgere i gli atti necessari ad unire in convivenza coppie dello ste sso sesso in strutture ricettive, edifici, ville, di particolare valore storico, architettonico, am bientale o artistico presenti sul territorio comunale. Per far ciò il Com une di San Zeno di montagna ha predisposto nel mese di aprile un mandat o esplorativo per reperire tali immobili. Ma la dom anda che nasce spont anea è quest a: che vantaggio avrà il cedente per dare in concessione l’immobile? Nessuno. Anzi avrà solo una serie di oneri e di convenzioni da rispettare. Infatti dovrà dare in comodato gratuito per tre anni l’immobile che dovrà e ssere ritenuto idone o dalla Giunta Comunale. Dovr à tenere poi indenne l'Amministr azione da oneri e spese e i proprietari non avr anno diritti di alcuna entità economica. Il locale dovrà essere poi concesso al Comune di San Zeno di Montagna per la sola celebrazione di matrimoni civili ed unioni civili , mediante la stipulazione di un contratto le cui spe-

L

AVESA

se di registrazione poi sono a totale carico del privato. I locali conce ssi in uso dovr anno essere accessibili li al pubblico, e essere adeguatamente arredati. L'idoneità dei locali sarà oggetto di valutazione a seguito di sopralluogo effettuato da parte del Comune. Ma non è finita qui. Il martoriato comodante dovrà pure impegnarsi a promuovere turisticamente il Comune di San Zeno di Montagna mediante azioni quali la distribuzione di locandine inerenti eventi istituzionali. E perché, già la villa regalata non bastava?! Si capisce leggendo tale m andato esplor ativo che chi dona la casa al Comune deve e ssere prossim o alla follia per cedere il proprio immobile gratis, pagando per di più tutte le spese e facendosi promotore per il Comune . A questo punto lo Stato poteva pure inserire che l’immobile dopo tre anni passava in mano all’ ente comunale e così il “ratto” era completo. Il povero cittadino continuava m agari a pagarci l’ Imu e lo Stato incassava. Cose da Stato poco civile !!! (G.P.)

TUTTI AL POPOLO... DI AVESA

C

PESINA

FESTA AL NOTO RISTORANT E

’erano tutti ...e due. Tony deejay e Andrea Torresani al noto ristor ante Trattoria al Popolo di Avesa. Ad accoglierli il titolare con i piatti fumanti in mano per festeggiare la reunion del duo che ha spopolat o nella zona con le loro interviste esilar anti. Si perché Toni è speaker radiofonico in sagre paesane e Andrea Torresani interpreta

l’uomo con il cappello in alcuni vide o che hanno fatto migliaia di contatti su internet. E così il terzo uomo (posto al centro della foto) il grande chef ha deciso di preparare per i due redivivi un laut o pranzetto con r avioloni al tartufo e tagliate ai porcini che accompagnate ad un grande vino, hanno fatto brindare tutto il popolo…!

CORRIERE DELLA RIVIERA 11

BARDOLINO

STRANE RESIDENZE SULLA COSTA

PYRAMIDES

C

’è chi pensa a Cheope . Perché dalle baracche alle piramidi il passo è breve. Almeno in quel di Bardolino. Perché se prima in quell’are a prossim a al camping Continental sit o poco fuori dal pae se, vi erano delle baracche da far invidia alle favelas di Rio de Janero, oggi si vede uno stabilimento balneare costellato sullo sfondo da una serie di tetti a forma piramidale. Delle strutture che richiamano i fasti dell’antico Egitto con colorazioni che vanno dal vertice aranciat o alla base ver-

TREN TIN I STORY

de muffa. Sotto queste più in basso, vi è una lunga costruzione mo’ capannoni tipo primi campi per deportati presenti in Austria dei primi del 900’. Innanzi a tutto questo or pello vi è una lunga tettoia a forma di parallele pipedo che termina con innanzi due giganteschi cubi esagonali. Se fossimo a Gardaland una comune persona potrebbe intuire il senso di tutto ciò. Ma trovandoci sulla fascia rivierasca soggetta a vincoli di ogni sorta tale Ambaradan appare come un pugno nell’oculo.

UNO SPIEDO CHE CUOCE DA 70 ANNI

Probabilmente sarà l’ennesim a distrazione del tecnico incaricato competente a dare le licenze. Che in questi ultimi tempi sembra però esser si distratto un po’ troppo . Visto che tra nuove ville, piste da skate board, case mobili e campi da gioco la cost a in quell’are a sembra stata essere quasi tutta occlusa.

F

E allora per ovviare a queste distrazioni massive per lo stanco tecnico dovrebbero esserci le ferie… magari in Egitto, dove è possibile che lo facciano diventare anche ...Faraone ad honorem!

u suo padre il primo. Il signor Trentini andò nella vicina Garda comprò un for no per cuocere polli allo spiedo e lo portò a Pesina. Sono trascorsi 70 anni da quel m omento e il figlio del signor Trentini Giuseppe, da alcuni anni st a port ando avanti con succe sso l’attività di ristor azione.

I suoi polli sono tra i più rinomati della zona e nella sua attività è sempre un via vai di persone per aggiudicarsi l’ultimo spiedo della giornata. Eh si perché non è che i volatili vanno a ruba, ma vengono tutti venduti per allietare i fini palati del Baldo Garda. (Nella foto a destra, Giuseppe Trentin)

(A.Tor)


12 CORRIERE DELLA RIVIERA

LETTERE AL DIRETTORE

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

IL MEDICO PUO’DIVENTARE NEMICO DEL PAZIENTE?

E

gregio Signor Direttore, Diciamo subito che la legge stravolge il ruolo del medico e lo trasforma in un “nemico” del paziente. Ciò lo sostiene il Centro Studi “Livatino” formato da magistrati, avvocati, notai, docenti universitari che sul contenuto della legge hanno inviato un appello sottoscritto 250 giuristi, deputati e senatori, secondo cui la legge avrà gravi ricadute sull’esercizio professionale dei medici. La legge “introduce il principio della disponibilità della vita umana contro quello, scritto in Costituzione e derivante da secoli di civiltà giuridica, della sua indisponibilità”. Il medico,in questo modo,diventa “potenzialmente lesivo della libertà del malato. Osserviamo inoltre che c’è il problema del

“consenso informato per il paziente e il medico deve continuamente essere affiancato da un avvocato che lo garantisca da, possibili azioni penali se l’informazione all’ammalato non risultasse, chiara e dettagliata, di comprensione del malato, affinché il consenso veramente informato e dato in vera piena libertà. Inoltre secondo il Centro studi Livatino la legge sembra imporre al medico “ di commettere reati e/o illeciti civili, per i quali il rischio a carico del medico di denuncia penale e /o azione civile di danno, soprattutto nei casi in cui le disposizioni (Dat) sono redatte in epoca lontana e nuove terapie aggrediscono con successo malattie in passato non guaribili. Di più la legge implica “la co-

strizione, per il medico, a sospendere idratazione e alimentazione, inevitabilmente con trattamenti di sedazione pesante, atti in ciò coincidenti “con l’eutanasia”tradotta in italiano “dolce morte”. Un obbligo per il medico di attuare disposizioni di eutanasia, senza che sia riconosciuta “l’obiezione di coscienza” Quest’obbligo viene esteso anche al medico operante nelle strutture non statali. In definitiva la legge introduce,secondo i giuristi del Centro Studi Livatino, “la tacita abrogazione del codice deontologico medico e del giuramento di Ippocrate” che è quello di cercare di salvare la vita umana. Sottinteso senza l’accanimento terapeutico. Giancarlo Maffezzoli - Garda

L’URLO DI CHI CHIEDE GIUSTIZIA

L

a memoria come mezzo di contrast o alle mafie, fondano sui ricordi dei familiari di tante, direi troppe, vittime innocenti. A Locri si sono incrociate st orie di dolore di padri, mamme, figli,fratelli, sorelle che aspettano che venga fatta luce sui congiunti assassinati dalla ‘ndrangheta o in altre regioni dalle rispettive mafie. Bisogna sperare nella tenacia delle autorità inquirenti e giudicanti che finalmente dopo tanti anni rendano finalmente giustizia alle vittime innocenti. Speriamo nel miracolo del grido del Pontefice che ha rivolto al cuore degli uomini e donne delle diverse mafie, “affinché si fermino, smettano di fare il male, si convertano e cambino vita. Il denaro degli affari sporchi e dei delitti mafiosi

è denaro 2015 a Napoli chiedeva “ io oggi umilinsanguinamente, come fratello, ripeto convertito e produtevi all’am ore e alla giustizia. ce un potere iniquo.” Lasciatevi trovare dalla misericordia di In questo Dio. “Appello che riecheggia quello del nuovo ap“1 marzo 2014, quando incontrando i pello,in familiari delle vittime di mafia, disse:” occasione convertitevi, fermatevi di fare il male. del ricevi- Ve lo chiedo in ginocchio per non finire mento della Direzione nazionale Anti- all’inferno che è quello che vi spetta se mafia e antiterrorismo, amm oniva sulla non finite di fare il male”. Mi chiedo: “ gravità della loro condotta. In quattro la loro forma di religiosità con le loro anni di Pontificato, France sco ha già immaginette di S. padre Pio e di altri detto parole importanti sulla criminali- Santi, può essere considerat a una fede tà organizzata, evocando l’inferno e nel vero Dio o una vera e propria supercomminando una scomunica (il21 giustizione o ancor a invece una fede nel gno 2014 a Sibari,in Calabria) ma sottodio quattrino ? lineando che tutti i peccati, anche quelli di mafia, possono essere perdonati in presenza di un reale pentimento e cambio definitivo di vit a. Ed è forse quest’ultimo tratto quello che lega i GIancarlo Maffezzoli - Garda diversi interventi in materia. Il 21 marzo

VACCINI GRATIS E SENZA TICKET...

V

accini gratis e se nza ticket..accoglienza migranti senza fondo. Copertura anche per la meningite e per la procreazione eterologa quando fino a pochi giorni fa non c'erano soldi ne ppure per un vaccino nor-

male. Tra Pd e Lorenzin sembra che qualcuno abbia trovato un te soretto da spendere. Il cittadino norm ale vorrebbe sapere, vist a

anche la situazione bancaria, ma da dove usciranno tutti questi denari ? Umberto Br usco-Bardolino


Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 GARDA

EVENTI

CORRIERE DELLA RIVIERA 13

CONFERE NZA STAMPA DI PRES E NTAZIO NE DELLA MA NIFES TAZIONE DE DICATA AI DUE ATTORI

18 ANNI DI PREMI CON IL RIVIERA LAURENCE OLIVIER VIVIEN LEIGH

D

iciotto anni vissuti… pericolosamente. Ironia a parte il “Premio Riviera Laurence Olivier e Vivien Leigh” nato nell’anno 2000, è un mix di elementi che generano mille emozioni. E quest’anno si presenta, per la prima volta, “en plein air” ovvero si svolgerà all’aperto salvo eventi atmosferici. Ad annunciarlo è stato lo stesso direttore artistico Andrea Torresani nella conferenza stampa di apertura che si è svolta l’8 aprile scorso presso il Municipio di Garda. Alla conferenza erano inoltre presenti Ivan Ferri, assessore alla cultura del Comune di Garda e Susanna Gecchele, presentatrice della manifestazione. NeIl’ambito del Premio si svolge il concorso letterario, organizzato dal Corriere della Riviera in collaborazione con il Comune di Garda e patrocinato dalla Regione Veneto, dalla Provincia di Verona e dalla Comunità del Garda e da altri importanti enti. Giunto alla sua 18^ edizione, il Premio è aperto a tutti gli scrittori senza limiti di età e prevede per i vincitori, oltre i trofei, l’inserimento in un’antologia delle opere diffusa in tutt o il mondo tr amite e book edit a da You can Print e Cor rier e della Rivier a e distribuit o attr aver so librer ie inte rnet (Rizzoli, Fe ltr inelli,Libreria Universitaria, In Mondadori,Hoepli e altre). I testi vincitori, infine, verranno pubblicati sul “Corriere della Riviera”, periodico d'informazione diffuso

nella provincia di Verona e nella zona del Lago di Garda. I premi verranno poi personalizzati inserendo serigrafato il logo della manifestazione. Suddiviso in tre sezioni, il concorso letterario è a tema libero ma verrà assegnato un premio speciale a chi realizzerà un'opera che abbia come soggetto il Lago di Garda. Gli elaborati pervenuti saranno giudicati da una giuria di esperti del settore che decreteranno le opere vincitrici per le varie sezioni. La cerimonia di premiazione si terrà giovedì 15 giugno, alle ore 21.00, nella piazza antistante Palazzo Carlotti a cui parteciperanno autorità e note personalità del mondo dello spettacolo e della cultura. L'iniziativa nasce con l'intento di ricordare i due attori Laurence Olivier e Vivien Leigh che avevano soggiornato a Garda negli anni 50’ presso Locanda S.Vigilio, diretta da Mr.Leonard Walsh. Olivier pluridecorato Premio Oscar e celeberrimo attore shakeaspiriano. La Leigh anche lei vincitrice di due statuette e protagonista della celebre pellicola “Via col vento”. Ed è per questo motivo che come ogni anno, verranno assegnati gli ormai noti Premi alle carriera Laurence Olivier, Vivien Leigh e Premio Riviera internazionale quest’ultimo biennale. Si terrà poi presso Palazzo Carlotti, la consueta esposizione di opere (quadri e immagini) in ricordo dei due grandi artisti.

U

na conferenza a tratti divertente con qualche battuta da parte del direttore artistico Andrea Torresani. Ad aprire gl’interventi l’assessore al bilancio e alla cultura del Comune di Garda Ivan Ferri: “Garda torna ad essere cornice di un evento che, negli anni, ha saputo consolidarsi e ottenere uno straordinario apprezzamento di pubblico, anche televisivo visto che la serata viene mandata in onda dall’emittente Telenuovo. Come Amministrazione comunale, non possiamo che dare il nostro supporto a una manifestazione dall’elevato profilo culturale che richiama ogni anno personaggi e volti noti del mondo dello spettacolo e della società. Quest’anno abbiamo appoggiato l’idea di Torresani di svolgere la manifestazione all’esterno innanzi Palazzo Carlotti. Pensiamo che la cornice sia splendida e la serata (confidando nel tempo) sarà bellissima. Il Premio ha ottenuto negli anni passati prestigiosi riconoscimenti anche dal Presidente della Repubblica, e stiamo operando perché ciò avvenga nuovamente”. Ha poi preso la parola Andrea Torresani: “ Quest ‘anno, anche se le nomination dei premi alla carriera sono molteplici si sta puntando anche su un grande personaggio sportivo e una nota attrice italiana. Cercheremo inoltre di

portare delle personalità della cultura di valore in una manifestazione che grazie allo spazio esterno cercherà di coinvolgere maggiormente il pubblico. Dall’altra abbiamo anche svolto un restyling dei premi in modo da personalizzare maggiormente il riconoscimento per il premiato. Doveroso sarà inoltre il ricordo del maestro Pino Castagna, recentemente scomparso e autore dei premi alla carriera per ben quattro edizioni del Premio. Qualcosa in questi anni abbiamo fatto, insignendo con vari riconoscimenti più di 300 personaggi e con il concorso letterario che ha conquistato sempre più pubblico e valore”. Infine la presentatrice Susanna Gecchele: “Sono orgogliosa di essere qui per il quarto anno consecutivo a presentare questa prestigiosa manifestazione. Devo dire che in questi anni ne abbiamo viste di tutti i colori, nel vero senso della parola, perché le sorprese in questa manifestazione sono sempre dietro l’angolo, ed è grazie anche a questa sua imprevedibilità che il Premio diventa qualcosa di unico. Da parte mia cercherò di mettercela tutta dando “anema e core” per una manifestazione che ormai è diventata una delle maggiori del Garda e che sento parte di me”.

INOO ZZZIN AAGGAAZ D II M M D OO DEE R AANN D GGRROOSSSS EENNDDITITAA ILIL GGR LL’’IN VV IN O N N L O AAL EE CC O UBBBBLLICIC O NNDD ALLPP U A A V V E A BBE E TTTTAA DDI R I RE

VIA VIA SS AAMMBA BARRCHI, CHI, 77 CCAL ALMMAS ASIINNOO DI DI BBAARD RDOOLILINNOO (V (VR) R) TTEELL 004455 66226600339933


PERSONE

14 CORRIERE DELLA RIVIERA GARDA

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

CENT INAIA DI PERSONE HANNO PARTECIPATO ALLA CERIMONIA DI COMMIAT O PER PINO CASTAGNA

I GRANDI NON MUOIONO MAI U

n vero grande genio. A salut are Pino Cast agna il 23 marzo scor so c’era una folla immensa. Non solo di Garda e Costermano dove il maestro risiedeva, m a da tutt’Italia e dall’e stero vist o che Castagna era conosciuto in tutto il mondo . Una polmonite l’ha portato dall’altra parte della vit a. Una malattia di per se banale ma per Pino non più giovanissimo (84 anni) ha rapprese ntato la sua ultima battaglia. Se l’avesse superata avrebbe magari eretto un altro monumento dedicato alla malattia sconfitta. Ma lo scultore ha lasciato in questa vita il segno tangibile della sua presenza. Protagonista nazionale dell’arte contemporanea, capace di intuizioni geniali ha intrapreso valor osamente la strada complessa della scultur a con dimensioni a misura d’ am biente. Sua l’opera del «Spino del filo spinat o», che è st ata post a nel 2009, a Verona in piazza Isolo a memoria della Shoah .

Ida Borletti. Noble, inoltre come ha narrato lo stesso Cast agna, faceva parte dei servizi segreti inglesi nel corso della seconda guerra mondiale. Nella villa diventata il luogo di una sperimenta-

Pino Castagna

zione e di un’apertura culturale straordinaria era espansione di quell’atelier di libera espressione cui Noble come artista voleva dare. Dall’altra nell’ospedale psichiatrico di San Giacomo alla Tom ba, era emerso il talento di un ricoverato tale Carlo Zinelli. Noble aveva scelto come promot ore L’artist a ha intr apreso il suo di questa avventura, iniziata cammino nell’arte, dopo gli studi accademici, sotto l’egida agli inizi degli anni 50’ il diciottenne Pino Castagna che origidi un nume molto originale: nario di Castelgomberto nel Michael Noble, eclettico artiVicentino si era trasferito da sta, scultore e musicista, che poco tempo sul lago. Cast agna dalla Scozia era approdato a Garda dopo il matrimonio con su spinta di Michael e Ida andrà pure in Francia dove apBARDOLINO

prenderà tutte le tecniche di ceramista. Di ritorno in Italiainizierà ad operare nel laboratorio di ceramica insieme a Noble trasferendo poi il suo studio nel laboratorio sito a Costermano. Da lì inizierà la cre-

azione di sculture monumentali che verranno posizionate in diverse parti nel mondo. Oggi scendendo verso Garda molti possono ammirare nel giardino della sua casa laboratorio, i passaggi di quella produzione monumentale che ha visto l’artista gardesano lavorare con impegnative commesse. Ecco alcune opere : “In pietra alpestr a e dura” , in marmo bianco di Carrar a dal posat a nel 2009 nella piazza Bad Kissingen di Marina di Massa. Per arrivare ad Alpinia-Cascade de

SE N E E’ ANDATA L ’INT ERPRET E DI MOLT E SERAT E DI SPETTACOL O

LEALI CANTRICE DELLA POESIA

U

na donna che viveva per il palcoscenico. Si è spenta improvvisamente il 15 marzo scorso la fiamm a vitale di Renata Le ali interprete recitativa in diverse manifestazioni lacustri. Nell’età più giovane aveva lavor ato come valletta e ragazza immagine a fianco di Pippo Baudo e Fabio

Testi. Sposatasi si dedicò alla famiglia. Riprese la via dello spettacolo al Premio Riviera Laurence Olivier Vivien Leigh dove aveva il ruolo d’interpretare le poesie degli autori premiati. Ebbe l’occasione in que gli anni di reincontrare Fabio

Testi premiato nel 2004 con il Laurence Olivier insieme alla Vivien Leigh, Paola Quattrini. Anche Lando Buzzanca nel 2005 premiato con il Laurence Olivier nel corso del Festival del Garda, duettò con lei. Proprio al Festival del Garda proseguì la sua attività d’interprete autoriale dedicandosi negli ultimi anni alla realizzazione di alcuni libri.

Benoyst del 2005 con le sculture pensate per il pae saggio autostradale france se nei pressi di Lione. E poi proseguire sino alle Monadi in cemento e acciaio per il parco di Villa Glori a Rom a del 2001. Alcuni esempi della sua immensa arte. “Ogni materia si può plasmare in un’opera”. E passando attraverso la sua mente e poi attraverso le sue mani il ferro, il cemento, i tronchi, le pietre, il bronzo, il m armo, le canne di bambù, si trasformavano. Si perché anche le canne di bambù esposte pure alla biennale di Venezia diventavano com posizioni in ceramica. Le sue opere sono oggi presenti in collezioni private e museali di tutto il mondo come per esempio alla Fondazione Cariverona dove si possono ve dere nell’atrio del Polo Confortini dell’Ospedale di Borgo Trento e alla Galleria d’Arte Moderna Achille Forti di Palazzo della Ragione. Ma l’artista ha realizzat o sculture innumerevoli per ville alberghi e strutture pubbliche e private di cui l’elenco sarebbe troppo lungo. E oggi per ringraziarlo si dovrebbe fare un monumento pure a lui. Andrea Torr esani

CORRIERE DELLA RIVIERA Periodico gratuito del lago di Garda e della provincia di Verona Fondato nel 1999- Anno 19 N.2 Aprile-Maggio 2017 SEDE: Garda via Puccini 1 Fax 045-7255717 Direttore Responsabile:Andrea Torresani - Concept cover, ideazione grafica e realizzazione grafica: A.Torresani – Editrice:Associazione culturale Corriere della Riviera – Si ringrazia:Annamaria Riolfi. Stampa:TIPOGRAFIA SAGITTARI O Franchi Paolo snc di Franchi Giuseppe & C. via Malignani 7 30020 Bibione (Venezia) Aut

Trib.C.P .di Verona n.1381 del 04/11/1999. I collaboratori si assumono la piena responsabilità per i loro scritti. Il materiale inviato non sarà restituito. Tutte le prestazioni a questo periodico sotto qualunque forma, sono da considerarsi (salvo particolari accordi scritti con l’editore ), gratuite.


ARTE

Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017 VERONA

CORRIERE DELLA RIVIERA 15

LAZISE

ZWIL L ING ER CONN EL L Y E B IAN CONI A CON FRON T O

LE ONDE DI PIETROPOLI

LUXURY: NEL REGNO DELL’OPULENZA

«

Luxury» mostra alla Giarina arte contemporanea mette a confronto due artisti del mitico «East Village» nella New York anni '80 (Zwillinger e Connelly) con un giovane artista italiano dei giorni nostri, Andrea Bianconi. Una subcultura che inscena tutto un m ondo di oggetti straripanti di ornamenti kitsch, e un artista (vicentino) che, , mira a mettere in rilievo invece ciò che è andato perduto: lo scarto, il resto, le spoglie del mondo.Arch Connelly lavor ò nei frenetici anni ‘80 dell’ East Village: . Nessun divieto, GARDA

nessuna tecnica privilegiata, solo un flusso caotico di imm agini che si inseguono, di oggetti che diventano una vera espansione epidermica del soggetto.. Anche il lavoro di Rhonda Zwillinger (New York, 1950) si fonda sull’ecce sso di un ornamento che dilaga, fino a riempire tutto, a sommergere ogni oggetto come una schiuma avvolgente e abbagliante. Connelly rimane però legato alla bidimensionalità della parete, il biz-

zarro mondo della Zwillinger si appropria dello spazio, lo trascina nel suo sogno eccentrico e romantico. Andrea Bianconi

(Vicenza, 1974) ha ripreso in mano valigie ricolme di lustrini e di piccoli oggetti d’antan o m aschere ricoperte di borchie, perle e spaghi. Egli am a cambiare continuamente la struttura dell’opera, disfarla tra le mani, moltiplicarla, fino a farla diventare inafferrabile.

NUDI D’ AUTORE O NUDISTI IN CONTEMPLAZIONE?

NATURISTI D’ALTRI TEMPI

I

mmagini d’altri tempi. Ma che sembrano essere nate oggi, viste le scenografie in esse raffigurate. Nelle immagini qui sopra proposte riprese dal gruppo face book “Garda vecia ritorna a fiorir…”, Nestore Tonini ha pubblicato nel mese di marzo due curiose immagini che rappresentano alcune scene di vita a Garda in prossimità di località di Castei sita in vicinanza di S. Vigilio. Le foto hanno destato un certo scalpore tra gli elementi del gruppo, perché come si leggeva dai commenti degli utenti vi era nella prima immagine una figura maschile nuda che, posta di schiena, contemplava il paesaggio; mentre nella seconda due donne nude si lavavano con l’acqua di fonte. “Anche allora” ha esclamato un iscritto al gruppo “ vi erano i naturisti!”. Un esclamazione questa che nasce dal fatto che l’area dei Castei oggi effettiva mente è occasio-

In alto a

nalmente sinistra:panorama per talune con uomo nudo; a persone, destra, donne alla fonte in prossimità luogo di della spiaggia del ritrovo di Corno. chi ama stare senza veli immerso nella lussureggiante natura. Ma è evidente che l’autore o gli autori delle immagini avevano tutta l’intenzione di creare delle opere d’arte utilizzando dei nudi. Ed in effetti sembrano esserci riusciti. Visto che al di là dell’ambientazione e dell’eccellente tratto pittorico (per quanto concerne le donne alla fonte) le immagini fanno discutere ancora sino ai giorni nostri. Meno gli autori delle opere rimasti purtroppo ignoti! (A.Tor)

ALLA CIVICA MOSTRA DELL’ART ISTA

I

rrealtà e finzione. Con questo tema di fondo Fernando Pietropoli ha esposto le sue opere presso la sala civica di Lazise dal 14 al 20 aprile scorso. Pietropoli avvicinatosi alla pittura in età matura, ha nel suo carnet una serie d’importanti esposizioni. La sua pittura spazia dall’informale dall’ astratto al figurativo con vene impressioniste. Dice di lui la critica Gabriella Morello . “Per lui il mondo è uno specchio aperto alla fruizione dei contrari, un pozzo forgiato nella gramm atica della materia. Proiettato verso il cosmo lungo le or bite della propria interiorità. In ogni granello di sabbia o ruga di resina sottostanti al colore vi è un m ondo in cui vicinanza e lont ananza, presenza e assenza, memoria e speranza l’una all’altra si sovr appongono. Situazione que sta indispensabile affinché possa sprigionarsi l’archetipo personale, e perché istanze rimosse si affermino proclam ando l’intera illogicità dei nessi consertati alla pellucida trasparenza del segno.”

all’interno della sua opetracce dell’astrazione che lo tiene sempre vitale. La sua è una pittura istintiva che regolata dalla calibr azione del colore in modo adeguato rende l’opera uniforme e armonica in presenza di gestualit à tecniche talune volte opposte.

Interpretare la realtà che lo circonda appare fondamentale per l’artista assumendo nel conte sto della sua arte quei tratti compositivi che contraddistinguono le sue opere che certo si richiamano a stili “antichi” ma che vengono di volta in volt a innovate. Di fondo la matericità che contraddistingue ogni sua opera genera fa dell’artist a colui che scolpisce con il pennello quel “fuoco” che mai si spegne e semL’artist a ha una pittura pre rivela nelle sue tele. estremamente inclusiva, Nessuno rimarrà indiffedando espressione a qua- rente, perché con Pietrolunque soggetto, analizza- poli la pittura rivive di luce to nel suo profondo. La propria. sua pittura talune volte si avvicina (A.Tor) all’impressionismo includendo nei suoi colori le campagne assolate di un tempo, ma lasciando SATIRANDO (By A.Tor)


16 Aprile Aprile--Maggio Maggio 2017 2017

CORRIERE DELLA RIVIERA

IDROPULITRICI IDROPULITRICI ,IDROSABBIATRICI ,IDROSABBIATRICI MACCHINE PER MACCHINE PER LA LA PULIZIA PULIZIA www.albatros.it Caprino V.se Tel. 0457241488

Moquettes Moquettes quadrotti quadrotti auto auto posanti posanti 50x50 cm DESSO 50x50 cm DESSO 3,75 € al quadrotto –15 € al mq

ITALYEXPO Moquette modulare IN POLIAMMIDE PRODOTTO OLANDESE

Tel.3403749184 Tel.3403749184 CASTELDARIO (MANTOV A)

AZIENDA AGRICOLA COS TADORO di Valentino Lonardi

Via Via Costa Costa D'Oro, D'Oro, 55 -- 37011 37011 BARDOLINO BARDOLINO (Verona) (Verona) Tel Tel 045 045 7211668 7211668 Fax Fax 045 045 6227330 6227330

www.agriturism www.agriturismocost ocostadoro.com adoro.com

BAR BAR RISTORANTE RISTORANTE

Riva Cornicello BARDOLINO (VR)

PROSSIMA PROSSIMA APERTURA APERTURA

Tel .045 621 1133 Prenotazioni: Tel 3473183367

Corriere della riviera aprile maggio 2017  

Il Corriere della Riviera di Aprile Maggio 2017

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you