Page 1

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

Supermercato Via Silvio Pellico, 18 - Fiorenzuola

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02 2004 n. 46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

GIOVEDÌ 12 OTTOBRE 2017 - ANNO 34 N. 28 - EURO 0,20

Difficoltà per le rette mensa REDAZIONE Cibo a rischio per i morosi

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02 2004 n. 46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

VIVIPIACENZA

Fiorenzuola - Dal Comune lettere di sollecito per sessanta famiglie

A PAGINA 5

La nostra città vince il Giretto d’Italia, il campionato di ciclabilità urbana

Piacenza città dei ciclisti Ma le criticità sono tante

Robyn Hitchcock per Musiche Nuove A PAGINA 8

Lirica, si apre nel segno di Verdi

Pietro Aglianò (Fiab Amolabici): “La sicurezza delle piste ciclabili è carente. E il livello di furti di biciclette è altissimo: serve un parcheggio custodito” Sorpresa: è Piacenza – e non Bolzano o Ferrara – la città italiana dei ciclisti. La nostra città vince infatti l’edizione 2017 del “Giretto d’Italia”, seguita – la classifica si basa sul numero assoluto di ciclisti - da Ravenna, Padova, Reggio Emilia, Bolzano, Ferrara, Trento e Torino. L’iniziativa, il settimo campionato della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente, si è svolta il 21 settembre scorso per accendere i riflettori sulle persone, premiandole, che ogni giorno usano le due ruote per recarsi a scuola o al lavoro.

A PAGINA 9

Il clou delle manifestazioni sabato 14 e domenica 15

è gradita la prenotazione

A PAGINA 4

Ordine dei Medici

Abusi della professione, “giro di vite” A PAGINA 2

Primato europeo

150 defibrillatori in viale Dante

Fiorenzuola, tante novità per la Festa del Patrono DA PAGINA 10

A PAGINA 3

di Mirco Binelli

VENDITA E ASSISTENZA HARDWARE E SOFTWARE via Donizetti, 6/8 - 29017 Fiorenzuola d’Arda (PC) tel. 0523.981878 e-mail: posta@sistemabinario.com

Speciale Motori

www.bussandri.net

Fiorenzuola d’Arda (PC)

A PAGINA 15

Dall’acquisto della tua vettura … al per tutto il tuo viaggio ...

ESPOSIZIONE FESTA DI SAN FIORENZO - Sabato ore 18, Ex-Macello l.go Gabrielli Mostra fotografica “Guercino e altri viaggi di ritorno” - Domenica tutto il giorno in piazza Molinari


Corriere Padano

12 ottobre 2017

ATTUALITÀ

2

Laboratorio Pontieri, ok dal Comune alle nuove palestre E’ datato lunedì 9 ottobre l’ok all’unanimità da parte del consiglio comunale di Piacenza alla realizzazione di due nuove palestre nell’area dell’ex Laboratorio Pontieri, acquisita un anno fa dall’Agenzia del Demanio. Un progetto annunciato nel settembre 2016 dal direttore del Demanio Roberto Reggi insieme al presidente della Provincia Francesco Rolleri e all’allora sindaco di Piacenza Paolo Dosi. Nell’occasione venne firmato il rogito per il passaggio all’ente di via Garibaldi della porzione dell’ex caserma situata sul lato nord di piazza Cittadella, destinata ad ospitare le due strutture sportive, rivolte soprattutto alle scuole del centro storico.

Abusi della professione, ordine medici: ‘giro di vite’ Campagna di sensibilizzazione “a garanzia della correttezza informativa del cittadino in ambito sanitario, e a tutela della professione medica” Basta alle pubblicità ingannevoli e a quei cartelloni che invitano a cure mediche gratis, o quasi. Basta ai direttori sanitari “fantasma” di strutture sanitarie private. Basta a palestre, centri estetici, ambulatori che occasionalmente erogano servizi sanitari di dubbia trasparenza. Gli abusi, in materia di informazione sanitaria non sono infrequenti e rappresentano un vulnus per la professione media e per la tutela della salute pubblica. Da qui nasce l’esigenza di un attento monitoraggio dei messaggi informativi e pubblicitari di carattere sanitario diffusi non solo da professionisti e strutture mediche, ma anche da quelle non sanitarie come palestre e centri di attività sportiva. E’ quanto prevede l’articolata campagna di sensibilizzazione, al momento unica in Italia, lanciata dall’Ordine dei Medici e Odontoiatri della Provincia di Piacenza “a garanzia della correttezza informativa del cittadino in ambito sanitario, e a tutela della professione medica”. “In questi ultimi mesi - hanno spiegato il presidente dell’Ordine Augusto Pagani e il presidente della Commissione Albo Odontoiatri Stefano Pavesi - abbiamo portato avanti una diffusa ricognizione sul web arrivando alla conclusione che sia opportuno avviare una sistematica attività di controllo in questo senso: obiettivo è informare e sensibilizzare colleghi e cittadini della necessità che tutto quanto veicolato dai mezzi di

strutture sanitarie abbiano una direzione sanitaria effettivamente realizzata nei fatti e comunicata all’Ordine per le opportune verifiche”.

partenenza eventuali comportamenti deontologicamente rilevanti messi in atto sul nostro territorio da parte di loro iscritti, ed ovviamente segnaleremo alle

Il monitoraggio riguarderà anche la figura del Direttore Sanitario. Il presidente dell’Ordine Pagani: “Tutte le strutture sanitarie debbono avere direzioni trasparenti”

informazione, quotidiani, televisione e siti internet, debba portare con sè un messaggio corretto: vogliamo comunicare che l’Ordine, a cui la disciplina legislativa affida il compito di verifica contenutistica dei messaggi informativi sanitari, è attento a come viene svolta la professione e al modo in cui vengono curate le persone. Non abbiamo riscontrato – specifica il dottor Pagani - casi eclatanti di abuso della professione ma una diffusa disattenzione, questo sì, ad un problema che riteniamo importante”. La visione commerciale imposta dall’Antitrust (legge sulla

concorrenza del 2006), infatti, non prevede controlli a monte, né rispetto al format, né sul tipo di pubblicità proposta e neppure sulla correttezza del messaggio. “Resta la possibilità – spiega il presidente dell’Ordine – per informazioni e pubblicità, di chiedere all’Ordine un parere preventivo sul messaggio, ma non è più un obbligo”. L’Ordine dei Medici, infatti, può intervenire solo a posteriori, dopo che questi messaggi sono stati diffusi. L’Ordine di Piacenza avvierà dunque un puntuale monitoraggio per sensibilizzare i soggetti interessati, dai singoli professionisti, alle

strutture imprenditoriali organizzate nell’erogazione dei servizi sanitari, fino alle strutture anche non sanitarie, come ad esempio palestre o centri sportivi, comunque interessate dalla problematica in quanto esercenti attività in qualche modo dipendenti, direttamente o indirettamente, da presupposti certificativi per abilitare la propria utenza alla concreta pratica dell’attività da loro esercitate o promosse. L’attività di sensibilizzazione riguarderà in particolare la figura del Direttore Sanitario: “E’ necessario - hanno evidenziato Pagani e Pavesi - che tutte le

“Nelle strutture in cui il direttore sanitario non esercita una adeguata azione di controllo e di coordinamento nei confronti delle diverse figure professionali aumenta inevitabilmente il rischio di prestazioni inappropriate e di esercizio abusivo della professione medica ed odontoiatrica, ed anche la possibilità che vengano diffusi messaggi informativi e pubblicitari privi della dovuta correttezza e trasparenza”. L’obiettivo ultimo dell’iniziativa è porre un freno agli abusi: “Se alla fine di questo periodo di informazione – spiega il dottor Pagani - verificheremo situazioni di criticità apriremo procedimenti disciplinari nei confronti dei nostri iscritti, segnaleremo agli Ordini provinciali di ap-

autorità competenti le irregolarità di non diretta competenza ordinistica”. “Il timore -prosegue il presidente dei medici piacentini – è che il tasso di irregolarità sia destinato ad aumentare in assenza di interventi di richiamo. Lasceremo un certo lasso di tempo perchè si effettui la regolarizzazione là dove è latitante; poi saremo costretti ad intervenire. Richiamiamo, dunque, tutti - concludono Pagani e Pavesi - alla prudenza e alla correttezza nella diffusione dei messaggi sanitari a tutela degli utenti”. Nelle foto, da destra, il presidente dell’Ordine Augusto Pagani e il presidente della Commissione Albo Odontoiatri Stefano Pavesi

Copisteria Grafica & Informatica - Stampa badge PVC - Timbri e biglietti da visita in 30 minuti - Plottaggio da file di Autocad - Copie a colori - Scansioni in grandi formati - Stampe digitali a colori da USB e CD - Vendita e assistenza hardware e software presso la vostra sede (anche utenti privati) - Creazione calendari personalizzati - Archiviazione elettronica documenti - Stampa di poster dalle vostre foto Stampa etichette adesive pretagliate

group


12 ottobre 2017

PRIMO PIANO

Corriere Padano

3

Criminalità, nel 2016 a Piacenza una denuncia ogni ora Sono state 10.637 le denunce per reati presentate in provincia di Piacenza nel corso del 2016, circa 29 al giorno, più di una all’ora. Il calo rispetto all’anno precedente è però significativo, con un -14,8%. I dati, forniti dal dipartimento per la Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno, sono stati riportati dal quotidiano Il Sole 24 Ore, che nell’edizione del 9 ottobre scorso traccia una classifica dei reati sul territorio italiano. Sono circa 248 i reati commessi e denunciati ogni ora in Italia, ma si evidenzia anche un calo nel 2016 dei delitti pari al 7,4% su scala nazionale con dinamiche differenti sul territorio e per tipologia del reato. Sono pertanto, spiega lo studio, “quasi 7 mila i reati che vengono commessi ogni giorno in

Italia. Il generale arretramento riguarda quasi tutte le tipologie di illeciti - scippi, borseggi, effrazioni ad eccezione delle truffe e delle frodi informatiche (che crescono del 4,5%) e dei casi di usura (+9% per le denunce a livello nazionale)”. Piacenza, sulla base dell’incidenza dei reati ogni 100mila abitanti (3.709 illeciti all’anno) si piazza al 44esimo posto di questa classifica, facendo però segnare un decremento fra i più alti d’Italia. Nella nostra provincia nel 2016 si sono registrate 2930 denunce ogni 100mila abitanti per furti, 2096 per associazione per delinquere (12esima provincia in Italia), 1,39 per usura (12esima provincia in Italia), 260 per truffe e frodi informatiche, 29.6 per rapine, 20.57 per estorsioni.

Dante Alighieri viale da primato: 150 defibrillatori Cardioprotezione, Piacenza diventa città capofila, inaugurando il primo quartiere dotato di salvavita ad uso dei condomini FEDERICA GANDOLFI Piacenza fa scuola in Europa e diventa città capofila nella cardioprotezione, inaugurando il primo quartiere dotato di defibrillatori ad uso di condomini e abitazioni. La zona scelta è quella di viale Dante, che si prepara a diventare il primo quartiere cardioprotetto in Italia e in Europa, con la collocazione di ben 150 defibrillatori a disposizione degli abitanti. L’iniziativa rappresenta la nuova sfida di Progetto Vita che - con questa esperienza pilota in Europa - mira ad aumentare ulteriormente la sopravvivenza da arresto cardiaco attraverso la cardioprotezione di quartiere. Nei prossimi mesi, infatti, lungo viale Dante, verrà collocato un defibrillatore ogni 5.200 metri, pari a 1 apparecchio salvavita ogni 66 abitanti: i 150 strumenti di cardioprotezione – donati da Philips verranno collocati – previa autorizzazione dei condomini - all’esterno delle abitazioni, consentendo a chiunque ne avesse necessità, di usufruirne in tempi rapidi. In viale Dante – ha ricordato l’associazione piacentina Progetto Vita – si verificano circa una decina di casi di arresto cardiaco ogni anno. Si tratta infatti di un quartiere densamente popolato e con un’età media alta. La presidente di Progetto Vita, Daniela Aschieri, ha ricordato che l’80% di casi di arresto cardiaco si verifica nelle abitazioni: ‘I numeri parlano chiaro e indicano che sono le nostre case, (ancora di

più nel caso dei condomini), i luoghi dove l’arresto cardiaco si verifica più frequentemente e con esiti quasi sempre fatali. Nelle abitazioni, infatti, i tempi di soccorso si allungano. Come abbiamo ripetuto più volte, se si usa un defibrillatore entro tre minuti dall’arresto del cuore, le percentuali di sopravvivenza sono del 75%. Con il passare

di ogni minuto dal malore, le possibilità di tornare a vivere, con un’esistenza normale, si abbassano del 10%’. Il taglio del nastro è avvenuto venerdì 29 settembre sul sagrato della chiesa della

Santissima Trinità, con il posizionamento del primo defibrillatore, che è divenuto il simbolo dell’avvio di un percorso che interesserà il lungo Viale piacentino. Il progetto di defibrillazione domiciliare si inserisce nella rete dei 744 defibrillatori installati da Progetto Vita in questi anni in città e provincia. Nata nel 1998, Progetto Vita è stato il primo progetto europeo di Defibrillazione Precoce realizzato per prevenire la morte improvvisa dovuta ad arresto cardiaco: l’iniziativa consiste nella realizzazione di una rete di defibrillatori semiautomatici dislocati in punti strategici del territorio, e utilizzabili anche da personale “non sanitario”. L’obiettivo è quello di intervenire entro i fatidici ‘5 minuti d’oro’ dall’insorgenza dell’arresto cardiaco, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. Ogni anno vengono organizzati corsi di formazione gratuiti che interessano circa 5mila abitanti e che offrono la possibilità di imparare ad utilizzare in maniera corretta i defibrillatori. Nei prossimi giorni saranno avviati i primi corsi rivolti agli abitanti di viale Dante che daranno il consenso al posizionamento degli apparecchi sulla facciata esterna delle proprie abitazioni: si svolgeranno presso la Santissima Trinità e saranno organizzati dall’Unione Commercianti. Partner dell’iniziativa di Progetto Vita sono: Philips, Unione Commercianti, Cna, Anpas, Anaci, Azienda USL, Comune di Piacenza.

Agenzia di FIORENZUOLA D’ARDA - Piazzale Verdi, 15 - Tel. 0523 241085 Sub Agenzia di CARPANETO - Piazza Oliveti, 44 - Tel. 0523 853135 Sub Agenzia di ROVELETO DI CADEO - Via Aldo Moro, 15 - Tel. 0523 509140 Sub Agenzia di CASTELVETRO - Via Martiri Duchi e Molinari, 27/A, - Tel.0523 077158 Sub Agenzia di SALSOMAGGIORE - Via Matteotti, 17/a - Tel. 3408744772


Corriere Padano

4

ATTUALITÀ

12 ottobre 2017

Piacenza città dei ciclisti, ma le criticità sono tante Pietro Aglianò (Fiab Amolabici): “La sicurezza delle piste ciclabili è carente. E ci sono troppi furti: serve un parcheggio custodito”

Vecchio ospedale, tra le idee un polo culturale

VALERIA RIGHI Sorpresa: è Piacenza – e non Bolzano o Ferrara – la città italiana dei ciclisti. La nostra città vince infatti l’edizione 2017 del “Giretto d’Italia”, seguita – la classifica si basa sul numero assoluto di ciclisti - da Ravenna, Padova, Reggio Emilia, Bolzano, Ferrara, Trento e Torino. L’iniziativa, il settimo campionato della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente, si è svolta il 21 settembre scorso per accendere i riflettori sulle persone, premiandole, che ogni giorno usano le due ruote per recarsi a scuola o al lavoro. “Perché pedalare – spiegano gli organizzatori - è un buon affare: porta benefici sanitari, riduzione di smog e rumore, abbattimento dei costi ambientali e sociali delle emissioni gas serra”. Sono state 27 le città aderenti a questa iniziativa di promozione della bicicletta come mezzo privilegiato per andare al lavoro o a scuola. Il conteggio dei ciclisti è avvenuto tramite appositi check-point allestiti giovedì 21 settembre, tra le 7.30 e le 9.30 del mattino, in zone scelte dagli organizzatori e nelle immediate vicinanze delle aziende pubbliche e private, delle scuole e università delle città partecipanti. “Gli italiani sono prontissimi a pedalare appena si creano le condizioni per farlo - dichiara Rossella Muroni, presidente di Legambiente -. Nonostante la sensazione diffusa che l’Italia che si sposta in bici arranchi in coda al gruppo delle nazioni settentrionali della UE, ci sono già tante città - come dimostra il Giretto d’Italia - che sono salite sul sellino e cominciano a muoversi in modo diverso: più sano, più efficiente, più smart. Puntare sul tandem pedoni-pedali per i tragitti urbani lunghi meno di 5-7 chilometri può essere la matita che, insieme al trasporto pubblico, contribuisce a colorare di qualità gli spazi pubblici cittadini”. L’analisi dei numeri per valori assoluti ci racconta che a Piacenza sono stati conteggiati agli appositi varchi 6.833 passaggi di bici. Ravenna segue con 4.977 ciclisti che pedalano per andare a scuola o al lavoro, poi Pado-

Premiati in Confindustria i progetti vincitori del concorso

va dove in 4.636 hanno scelto la bici per questi spostamenti. Va ricordato, sottolinea Legambiente, che il monitoraggio del Giretto d’Italia ha un valore simbolico, per il poco tempo della rilevazione e perché la diversità delle città in gara in termini di urbanistica, densità abitativa e dinamiche di traffico

Fiab Amolabici – e non parlo solo di piste ciclabili. Per incentivare la mobilità sostenibile ci sarebbero tante iniziative da adottare, come la creazione di zone 30, la regolamentazione del carico-scarico merci, il bike sharing. Certo, poi, il capitolo piste ciclabili è zeppo di criticità: la sicurezza innanzitutto. Le

Piacenza vince l’edizione 2017 del Giretto d’Italia, prima per numero assoluto di ciclisti in città, seguita da Ravenna e Padova rende complesse le valutazioni. “Tuttavia sta ad indicare una tendenza che vede Piacenza vocata all’utilizzo di un mezzo di trasporto veloce e non inquinante per i trasferimenti all’interno dell’area urbana – commenta Marco Natali di Legambiente – ora è necessario che tutti comprendano, dalle istituzioni ai singoli cittadini, che una mobilità alternativa alle auto va fortemente sostenuta”. “Piacenza in questo campo ha ancora tantissima strada da fare – conferma Pietro Aglianò di

piste devono essere realizzate per mettere in sicurezza i ciclisti: una striscia gialla sul marciapiede non mette in sicurezza né ciclisti né pedoni. Per non parlare della manutenzione, che è pari a zero. E poi manca a Piacenza la continuità delle piste: non è possibile dover attraversare una strada ogni 300 – 500 metri”. Altro tasto dolente, il furto di bici... “A Piacenza il livello di furti è altissimo – conferma Aglianò – A me, ad esempio, è stata rubata la bici quattro volte.

Serve un parcheggio custodito, la rastrelliere sono inutili. Altrimenti i ciclisti sono costretti ad usare bici obsolete, non più in regola con il codice della strada, a proprio rischio e pericolo”. Legambiente propone, infine, a tutti i comuni la sottoscrizione della Dichiarazione dei diritti del ciclista urbano, proposta a Pesaro in occasione del summit di Rete Mobilità Nuova in continuità con la Dichiarazione di Amsterdam “the right to use the Bicycle” del 2000 e dalla successiva “Declaraciòn de Se villa sobre el uso de la bicicleta como medio de transport e saludable, ecológico y sostenibile” del 2009. “La dichiarazione - sostiene Legambiente - ci ricorda che la bicicletta è il mezzo di trasporto più efficiente, energeticamente sostenibile e rapido per gli spostamenti urbani inferiori a 7,5 km -equivalenti a 30 minuti o meno di pedalata- , che nelle città italiane la lunghezza media dello spostamento è di 4,2 km, che il 27,6% degli spostamenti è inferiore ai 2 km e che un ulteriore 46% degli spostamenti è compreso tra i 2 e i 10 km. Per conformazione e dimensioni Piacenza è indubbiamente città a misura di ciclista!”

Decisamente favorevole alla costruzione del nuovo ospedale (“Porta 250 milioni di investimenti sul territorio - spiegava il presidente Alberto Rota - un formidabile ricostituente per la nostra grande malata, che è l’edilizia”), Confindustria Piacenza, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, ha promosso un concorso di idee sulle opportunità di ri-destinazione del vecchio e nei giorni scorsi ne ha presentato gli esiti. “Nuova vita all’Ospedale”, bandito lo scorso mese di aprile, si chiedeva che fare degli spazi urbani che saranno lasciati liberi in caso di realizzazione di un nuovo ospedale cittadino. Alla domanda hanno risposto 32 professionisti che, attraverso 9 gruppi di lavoro, hanno presentato 9 proposte progettuali di riqualificazione dell’area. Primo posto per il progetto presentato dal team composto da Valentina Meroni, Giorgio Bosisio, Carlo Adriano Proserpio: la proposta è quella di demolire completamente il polichirurgico attuale, realizzando un mix di verde, residenze, un polo di servizi sanitari, un incubatore di idee e spazi di coworking.  Un progetto che si integra con il parco delle Mura e vuole proporre una nuova porta di accesso alla città, con residenze nel verde, una casa della salute, un polo della cultura e dell’innovazione, residenze assistite e un Francigena Hub. I tre progetti vincenti: Primo classificato Premio 8000 euro Capogruppo: Alberto Claudio Proserpio Componenti: Valentina Meroni, Giorgio Bosisio, Carlo Adriano Proserpio (nella foto a lato) Motivazione: Il progetto viene decretato vincitore in ragione della sua capacità di proporre convincenti strategie di trasformazione dell’area d’intervento coniugando elevata qualità degli spazi urbani, aperti e costruiti, con l’esigenza di valorizzare il patrimonio immobiliare esistente. L’identificazione di un disegno unitario del suolo, che definiscela continuità tra l’area ospedaliera oggetto del Concorso d’Idee e il circostante sistema degli spazi pubblici e del verde, anche esterno alle mura, determina un convincente inserimento del comparto all’interno del tessuto urbano unitamente a un adeguato bilanciamento delle destinazioni d’uso ipotizzate. Le suggestioni architettoniche proposte evidenziano riferimenti culturali non banali che possono valorizzare ulteriormente le rilevanti potenzialità di trasformazioni dell’area, coniugando interventi connotati da un linguaggio contemporaneo con la valorizzazione di un rilevante patrimonio storico, culturale ed identitario. Secondo classificato - Premio 2000 euro Capogruppo: Alessandra Brizzolari Componenti: Marco Cattivelli, Emilio Tirelli Motivazione: Il progetto è stato apprezzato per la sua visione fortemente innovativa in relazione alla possibilità di promuovere una radicale trasformazione delle destinazioni d’uso degli spazi oggetto di concorso, anche attraverso il riuso delle strutture esistenti e il coinvolgimento della popolazione residente. L’idea di introdurre tecnologie e pratiche produttive avanzate evidenzia la necessità che la città ha di ragionare sulle sfide che la contemporaneità pone in relazione all’identificazione di processi innovativi per la trasformazione urbana. In tale ottica il progetto evidenzia l’imprescindibile necessità che la città si doti di una visione strategica, capace di guardare al medio e al lungo periodo, provando ad innescare una riflessione sulle condizioni necessarie a garantire la sua prossima sostenibilità economica, ambientale ed ecologica. Menzione speciale Capogruppo: Matteo Tagliafichi Componenti: Stefano Maggi, Stefano Nicoletti, Erik Raffaini Motivazione: Il progetto è segnalato in ragione dell’approfondita analisi dei luoghi e della scelta di valorizzare l’oggetto d’intervento attraverso interventi mirati, puntuali, misurati. La qualità complessiva degli spazi architettonici di nuova formazione proposti si armonizza in modo pertinente con il delicato contesto di riferimento evidenziando come sia possibile procedere a un processo di riqualificazione urbana fondato sulla valorizzazione del patrimonio, architettonico ed ambientale, esistente.


12 ottobre 2017

Corriere Padano

ATTUALITÀ FIORENZUOLA

5

Mensa scolastica a rischio per le famiglie morose Lettere di sollecito dal Comune di Fiorenzuola per mancati pagamenti della mensa della scuola d’infanzia: extrema ratio l’esclusione dal servizio Niente pasto nelle mense scolastiche per i bambini le cui famiglie non sono in regola con il pagamento delle quote? La vicenda non è nuova e ora tocca una realtà a noi vicina. Una sessantina di famiglie dell’Istituto Comprensivo di Fiorenzuola si sono viste recapitare, dall’amministrazione comunale, lettere di sollecito per mancati pagamenti del servizio mensa. Il caso è stato sollevato nei giorni scorsi dalla presidente del consiglio d’istituto, Deborah Arcelli, preoccupata “che le azioni – legittime – di contrasto alla morosità non vadano a precludere ad alcuni bambini l’accesso al servizio scolastico, inteso

nel suo complesso, e quindi anche al servizio mensa”. “Azioni – ha precisato Arcelli – che andrebbero inserite in un percorso partecipato e di coinvolgimento della scuola. Non risulta, infatti,

te discussioni, in quanto mette in campo due questioni: da un lato, il dovere di far rispettare le regole, partendo dai cosiddetti “furbi”, quelli che evadono pur avendo la possibilità di onorare le quote dovute; dall’altro, il dovere di proteggere i più piccoli, i bambini, che non sono in alcun modo colpevoli delle mancanze dei loro genitori e dovrebbero essere salvaguardati da situazioni umilianti, come - per esempio - l’esclusione da una mensa alla quale accedono i loro compagni. A questo si aggiunge una questione educativa: la mensa non è soltanto il momento del pasto, bensì un’occasione importante di scambio e condivisione fra gli alunni e le classi. “Il 28 novembre 2014 – spiega la consigliera di minoranza Sara Lusignani - quando io ero assessore alla pubblica istruzione, il Consiglio Comunale approvò all’unanimità le modifiche al regolamento sulla mensa scolastica che prevedeva come extrema ratio (come ultima ipotesi al verificarsi di particolari condizioni) anche l’allontanamento dei bambini della scuola dell’infanzia dalla mensa. Quel regolamento, ampiamente condiviso con tutte le parti in campo (Comune, scuola e servizi sociali), è nato sulla base di una serie di considerazioni. Tra queste la terribile crisi economica degli ultimi anni, che ha pesato molto sulle famiglie e che ha portato a registrare un aumento dei nuclei familiari morosi,

Il vicesindaco Pizzelli: “Massima collaborazione tra Comune e scuola, regole rispettate” che ci sia stato un passaggio di consultazione con la scuola”. “La collaborazione tra Comune e scuola è massima anche per quanto riguarda le criticità – ha garantito il vicesindaco di Fiorenzuola, con delega alla pubblica istruzione, Paola Pizzelli –. Anche, come in questo caso, per i pagamenti delle mense”. Il vicensidaco puntulizza che le lettere di sollecito inviate alle famiglie morose, “applicando il regolamento approvato dalla precedente maggioranza, non fanno riferimento esplicito alla sospensione della mensa. Semmai - prosegue -, le operatrici dell’ufficio comunale hanno gentilmente spiegato telefonicamente ai genitori il contenuto del regolamento dove si fa cenno, ma solo come ultima ratio, ad eventuali allontanamenti dalla mensa”. Le lettere che parlano di sospensione del servizio sembra siano arrivate solo a due o tre famiglie, con figli che frequentano le prime elementari. “Nel tempo a modulo – specifica Pizzelli – dove il tempo mensa non è cosiderato tempo scuola”. In queste comunicazioni si fa presente la situazione debitoria, ricordando che in caso di mancato pagamento il servizio mensa richiesto sarà sospeso. La vicenda di Fiorenzuola – caso non infrequente in Italia negli ultimi anni - ha sollevato mol-

nonché la necessità di individuare modalità preventive all’emissione del ruolo coattivo, per andare finalmente incontro alle esigenze dei nuclei familiari. Ora – prosegue Lusignani - partendo dal principio che i servizi di cui usufruiscono i cittadini vanno pagati, occorre fare delle

“Capisco - conclude l’esponente dell’opposizione, e condivido le perplessità e le preoccupazioni della presidente del consiglio di istituto. Ovvero che lo strumento del regolamento non diventi un ulteriore mezzo per alimentare la scuola dell’esclusione, per escludere bambini, per fare ulteriori distinzioni. Auspico, infatti, che questa amministrazione a cui fa comodo dire a che chi c’era prima nulla ha fatto per ridurre le morosità dei servizi scolastici (perché è innegabile che questo sia uno dei compiti di chi amministra),

salvo poi sottolineare la paternità dei regolamenti comunali adottati a quel fine, che come ha già parzialmente fatto con le rette (aumentandole) non se la prenda tout court con le famiglie più bisognose e soprattutto non instauri odiose differenze tra i bambini, che non hanno alcuna colpa”.

Nelle foto a destra: in alto il vicesidaco di Fiorenzuola Paola Pizzelli; in basso la consigliera di opposizione Sara Lusignani

La consigliera Lusignani esprime preoccupazione: “Lo strumento del regolamento non diventi un mezzo per creare la scuola dell’esclusione”

Costruzioni, Progetti, Segni nel tempo segreteria@concopar.com - www.concopar.com

Sicurezza garantita mediante servizio di videosorveglianza dell’immobile collegato con gruppo IVRI

Classe energetica A - In godimento con affitto agevolato e patto di futura vendita Ulteriori possibilità di alloggi con CONTRIBUTO REGIONALE euro 25.000 a FONDO PERDUTO contributo

a fondo perduto

contributo a fondo perduto di 25.000 e

contributo a fondo perduto INIZIANO LE ISCRIZIONI PER LE PROSSIME REALIZZAZIONI

A PIACENZA

distinzioni: c’è chi può pagare, c’è chi può rateizzare e c’è chi si trova in una situazione di difficoltà o di morosità incolpevole meritevole d’essere aiutato dal comune e seguito dai servizi sociali. Ogni passo della delicata – e sottolineo ‘delicata’ - gestione delle morosità dei servizi scolastici deve essere fatta, come è avvenuto in passato, in totale sintonia e condivisione con la scuola. Sta qui la differenza tra un’amministrazione e un’altra”.

DI ALLOGGI IN PALAZZINE CLASSE ENERGETICA A IN LOCAZIONE CON LA FORMULA DI

PATTO DI FUTURA VENDITA

Responsabile Commerciale

Enzo Caprioli

Per informazioni Tel. 0523 497197 • Cell. 333 6559431 - VIA DON CAROZZA, 30/A - 29121 PIACENZA


Corriere Padano

6

12 ottobre 2017

ATTUALITÀ

La lenta ripresa economica ed occupazionale, a cui si continua ad assistere, e le prospettive ancora incerte per diversi settori produttivi dell’economia provinciale, fanno volgere l’attenzione per un possibile impiego soprattutto delle donne verso l’ambito dei servizi, in particolare di quelli dedicati alle persone o alle famiglie. Indubbiamente, anche in questi anni, l’attenzione verso le proprie condizioni di vita, di benessere e salute resta alta ed in tale direzione si concentrano i principali sforzi e sacrifici che ogni persona e famiglia oggi devono affrontare. Se consideriamo che oltre un quarto della popolazione piacentina ha più di 65 anni, che moltissime famiglie sono costituite da un solo componente, per lo più anziano e quindi con un forte bisogno di assistenza sociale, se d’altra parte pensiamo alla grande attenzione riservata al benessere ed alla cura anche estetica della persona, ci si rende conto che alcune attività lavorative, che rispondono a questi bisogni, rappresentano oggi una concreta occasione di lavoro, sia come dipendente di Strutture di servizio e/o di negozi che come attività autonoma. Le principali professioni che rientrano in questi ambiti sono: -l’Operatore Socio Sanitario (OSS), la Badante e la Responsabile di Attività Assistenziale (RAA), per i servizi socio assistenziali a livello famigliare o di Struttura; -l’Estetista ed il Parrucchiere per i servizi rivolti alle persone. Questi cinque “mestieri” oggi

Servizi alla persona, nuove opportunità di lavoro Enaip: “Piacenza il livello di disoccupazione femminile è tornato ai livelli di 10 anni fa (circa 8%). La formazione sicuro investimento”

curato che permetta di ottenere specifiche Qualifiche al lavoro e abilitazioni alla professione. Per chi lavora già in tali ambiti c’è comunque la necessita di continui aggiornamenti su nuove tecniche, strumenti e prodotti finalizzati a migliorare le condizioni, la cura ed il benessere dei propri clienti, per meglio rispondere al concetto che “è meglio prevenire che curare”. Anche chi opera a supporto di persone anziane o non autosufficienti, in famiglia o nelle Strutture di ricovero e nei servizi ospedalieri, deve disporre di

Figure ricercate: OSS, badanti, estetiste, parrucchiere

sono indubbiamente importanti e richiesti, per cui dedicare qualche risorsa economica ed un po’ di tempo per acquisire specifiche competenze ed una Qualifica Professionale in tali ambiti è un sicuro investimento ed una concreta via per affrontare il mondo del lavoro. Tali attività, in particolare quelle collegate al “benessere” ed

IL PUNTO DI VISTA di Bernardo Carli

alla cura della persona, offrono una opportunità lavorativa autonoma soprattutto alle giovani donne disoccupate, presenti in modo consistente a Piacenza, dove il livello di disoccupazione femminile è ormai tornato ai livelli di 10 anni fa (circa l’8%) e con un tasso di occupazione molto più basso della media regionale ed europea.

Pertanto sia essere titolare che operare come dipendente in un centro estetico o in un salone da parrucchiere, in centri fitness o spa, rappresentano oggi delle concrete possibilità di lavoro, così come prestare la propria opera in Strutture di servizio o a livello famigliare nell’ambito assistenziale. D’altra parte conoscere ed

esercitare attività riguardanti il trattamento estetico del corpo, effettuare manicure e pedicure, trucco e visagismo, acconciatura di capelli e barba, trattamenti chimico-cosmetologici del capello e del corpo, massaggi, ecc. richiede una specifica competenza professionale, che si può acquisire con anni di lavoro e soprattutto con uno studio ac-

una buona preparazione professionale e particolari competenze certificate che possono essere acquisite solo attraverso la frequenza di specifici percorsi formativi e anni di esperienza. In tale direzione interviene da anni il Centro di Formazione ENAIP, che offre percorsi formativi specifici per tali Qualifiche e brevi seminari di aggiornamento per le persone che già lavorano in questi ambiti e che resta a disposizione per qualsiasi informazione (Via San Bartolomeo 48/A Piacenza-0523/497034).

Sessismo, omofobia e gli errori del femminismo E in questo clima fa specie che gli amministratori della città decidano di dare un colpo di spugna a quanto fino ad oggi fatto nella direzione dell’eguaglianza di genere

Ne è passato di tempo dagli anni, tra il ’68 e i primi del ’70, nei quali tutto venne a galla. Anni di contraddizioni, di proteste, di ingenuità e grandi sogni, anni nei quali scoprimmo d’essere “soggetti politici”, portatori di diritti, soprattutto quello di ragionare per costruire un mondo migliore. Poi arrivarono gli anni di piombo, “il riflusso”, la fuga nel privato, gli yuppy. Risparmio il seguito. Adesso definire un uomo in età come chi scrive “sessantottino” è sinonimo di sobillatore nulla facente capace di non so quali ideologiche nequizie. Sessantottino sono stato, ben convinto che stesse accadendo qualcosa di importante del quale ho serbato gelosamente insegnamento e traccia in tutto quel poco che ho fatto dopo. Ma non è di questo che voglio parlare, o meglio, vorrei raccontare come in quel periodo di risveglio di coscienze, una parte di primo piano l’ebbe il mondo femminile. Questo si interrogò su ruolo delle donne nella società, sulla loro identità, sul rapporto rispetto al mondo maschile. Dai cosiddetti “gruppi di auto coscienza” nacquero i collettivi femministi. Le azioni messe in atto per

rivendicare una nuova dignità furono talvolta singolari, spesso oggetto di denigrazione, ma certamente giustificate. A seguire ci fu la legge sul divorzio, l’abolizione del delitto d’onore, la legge sull’interruzione della gravidanza, le disposizioni per la difesa della maternità e sui diritti di eguaglianza nel mondo del lavoro. Insomma, da quelle che furono considerate da tanti uomini come pittoresche aggregazioni, nacque una coscienza nuova. A distanza di tanti anni il diritto della parità di genere è ancora valido? Certamente sì, giacché è ha messo finalmente in atto, anche se tardivamente il principio di eguaglianza sancito dalla Costituzione . Oggi però vi è qualcosa di estremamente grave che colpisce il mondo femminile al di là della ancor modesta applicazione delle pari opportunità: una sorta di rigurgito di barbarie che colpisce nel corpo e nella dignità le donne oggetto di violenza fisica e sessuale. La ragione dell’incremento di delitti deve essere compresa dalla collettività, oltre che punita severamente. Il clima di questi tempi non è certo il migliore per il rispetto

dei diritti in generale. La progressiva caduta dei valori che tenevano coesa la compagine sociale si incrocia con una crisi che esalta il principio del “si

frutto di una cultura che generalizza la differenza in chiave sessista. Ripensando a quel movimento che percorre buona parte degli anni settanta del ‘900, c’è

salvi chi può”. La sfavorevole congiuntura pregiudica il valore della persona. Si sviluppa una protesta cieca presente nei social e sui mass media, disponibili a dar voce a chiunque, indipendentemente dal valore e dal contenuto dell’assunto. Là dove il valore dell’esistenza umana si perde in una visione superficiale, le discriminazioni trovano casa, maggiormente quelle che colpiscono il mondo femminile. La violenza subita dalle donne è

da pensare che tanto impegno sia valso a poco. Probabilmente il movimento femminista compì l’errore di agire solo come rivendicazione di diritti perduti, senza capire che si trattava di una vera rivoluzione culturale che doveva mutare tutti i ruoli, delle donne come degli uomini. Vissi quegli anni da giovane marito ; pur attratto dalla coscienza che il mondo femminile esprimeva, come molti altri uomini, avvertii l’esclusione da

un processo che avrebbe dovuto essere sostenuto e governato da tutti: una rivoluzione nella quale anche noi dovevamo essere protagonisti. Invece il movimento femminista nella sua periferia si impose come esclusivo. Pur non togliendo il crisma di giustizia a quello che le donne stavano chiedendo, non fu promosso il dialogo sul quale si fonda una nuova cultura. Il sessismo e la violenza di oggi, che non riguarda solo le donne, ma anche il mondo dell’omosessualità , è frutto di una mancata metabolizzazione del significato profondo di eguaglianza con il risultato che il presente rivela arretratezza e debolezza del mondo maschile. Nel privato, chi è più debole, non fisicamente, ma culturalmente, mette in atto comportamenti che giungono fino al delitto. La generazione alla quale appartengo, probabilmente presa dalla smania di offrire benessere a sé e hai propri figli, ha trascurato di educarli alle sconfitte, soprattutto quelle che investono l’ambito sentimentale. La responsabilità delle devianze sono ascrivibili all’intera società, ai genitori in primis, poi alla scuola e a tutti i soggetti e agenzie educanti,

infine ai media che propongono modelli desiderabili ma privi di valori etici e prodighi di incitamenti ai consumi. Nella necessità di far chiarezza sull’identità di genere e gestirla in un clima di libertà, fa specie che nella città delle meraviglie gli amministratori decidano di dare un colpo di spugna a quanto fino ad oggi fatto nella direzione dell’eguaglianza di genere. Fa ancora più specie che il ritiro da un progetto tendente a valorizzare, armonizzare e offrire pari diritti a uomini, donne e omosessuali, venga giustificato come contrasto alla educazione sessuale praticata nelle scuole. La motivazione nella migliore ipotesi rivela una ignoranza sulla sua natura “statale”delle scuole, sulla loro autonomia, sulla libertà di insegnamento; nella peggiore appare come gesto di arroganza, frutto di una mentalità che nega il principio stesso di democrazia. Ma si è capito, nel nuovo governo della città delle meraviglie vige il furore iconoclasta per tutto quello che c’è stato. Nella città tutto è lecito purché la linea di discontinuità proponga un mondo fatto da un mix di tradizione e reazione.


12 ottobre 2017

Corriere Padano

7

ATTUALITÀ FIORENZUOLA

Fino a novembre le iniziative per celebrare il centenario della Fondazione Verani Il 30 agosto 1917 moriva in battaglia, nel corso della Prima Guerra Mondiale, il giovane Prospero Verani, a cui è intitolato il centro anziani di Fiorenzuola. Il Pio Istituto ebbe origine nel 1919 grazie alla donazione eseguita dai coniugi Pasquale Verani e Lina Ferrari per onorare la memoria dell’unico figlio maschio, Prospero. Oggi, la Fondazione Verani Lucca Onlus è un ente di natura privata, derivato dalla trasformazione del Pio Istituto Prospero Verani da Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficienza in Fondazione Onlus operata nell’aprile del 2002, e dalla successiva fusione per incorporazione della Fondazione Luigi Lucca Onlus, avvenuta nel 2004. Alla figura di Prospero Verani, nel centenario della sua morte, la Fondazione dedica una serie di celebrazioni, suggellate da una pubblicazione, che verrà presentata il 21 ottobre prossimo.

Il Programma del Ricordo Da sabato 21 ottobre: salone sede Fondazione Verani-Lucca, ore 10.00-13.00 e 15.30-19.30 Mostra Fotografica sulla storia della Fondazione VeraniLucca con immagini d’epoca, a cura del Club Cinefotografico di Fiorenzuola d’Arda Sabato 21 ottobre: Ridotto del Teatro Verdi, ore 9,30-11,00 Convegno “Un giovane, una guerra, cento anni”. Relazioni a cura di Giuseppe Manfredi, discendente della famiglia Verani, Luciano Orlandini, già docente di Storia e Filosofia al Liceo Scientifico “Mattei” di Fiorenzuola d’Arda. Moderatore Francesco Boscarelli, discendente della famiglia Verani e Presidente della Fondazione Verani-Lucca ore 11,00-13,00 Presentazione della pubblicazione “Prospero Verani. Un giovane, una guerra, un’Istituzione centenaria”. Interverranno gli autori Au-

gusto Bottioni e Eugenio Fabris, cultori di storia locale Dalle ore 13,00 Aperitivo presso il Chiostro dell’ex Asilo Lucca. Nel Teatrino dell’ex Asilo Lucca sarà possibile visitare la mostra di cimeli storici, documenti e testimonianze della vita e del tempo di Prospero Verani e curiosare tra le “bancarelle del Tempo e dei Ricordi” Domenica 22 ottobre: chiesa collegiata San Fiorenzo, ore 10,00 Santa Messa Solenne in memoria di Prospero Verani e dei benefattori della Fondazione Verani-Lucca Sede della Fondazione Verani-Lucca, ore 11,30 Inaugurazione di “Ricordiamo Camminando”, il Giardino Terapeutico del Centro Diurno della Fondazione. Nell’occasione l’Associazione Alzheimer di Piacenza farà dono dei fondi raccolti durante l’evento “Fior-rida” Martedì 24 ottobre: sede della Fondazione Verani-

Lucca, ore 10,00 Consegna automezzo attrezzato per trasporto disabili. Saranno presenti gli sponsor e i referenti dell’iniziativa Venerdì 27 ottobre: agriturismo La Rondanina, Loc. Castelnuovo Fogliani, Alseno, ore 20,30 Cena di Gala Benefica a sostegno della Fondazione Verani-Lucca con il pianista M° Walter Bosio Martedì 31 ottobre: alberto ristorante Le Ruote, Roveleto di Cadeo, ore 20,00 “Insieme...la nostra forza”. Cena offerta dalla Fondazione al personale di ieri e di oggi Sabato 4 novembre: Cinema Capitola, Fiorenzuola d’Arda, ore 14,30 Proiezione del film “Orizzonti di Gloria” di Stanley Kubrick, con approfondimento a cura del prof. Luciano Orlandini Teatro Verdi, Fiorenzuola d’Arda, ore 18.00 “Una nota di aiuto”, Concerto del prof. Massimo Cottica, Conservatorio “G. Verdi” di Milano

Grazie al soldato Prospero Un libro ricorderà Verani Il Pio Istituto ebbe origine nel 1919 grazie alla donazione dei coniugi Verani per onorare la memoria dell’unico figlio maschio, morto in battaglia In un libro la storia dell’eroico ufficiale e del Pio Istituto divenuto Fondazione Verani Lucca. Prospero Verani, 21 anni, aspirante ufficiale di fanteria, il 30 agosto 1917 cade sulla Bainsizza mentre guida il suo plotone all’assalto. Merita la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Dalla tragedia della morte di un ragazzo sorge il desiderio dei genitori, Pasquale e Lina, di onorarne degnamente e perpetuarne la memoria: da una idea del dicembre 1917, nasce ufficialmente nel 1923 il Pio Istituto Prospero Verani, Istituzione Privata di Assistenza e Beneficenza, che nel 2002 muta la sua natura in Fondazione Onlus e nel 2004, incorporata la Fondazione Luigi Lucca e diviene la Fondazione Verani-Lucca Onlus. Nella ricorrenza del centenario della tragica morte di Prospero Verani, la Fondazione ha inteso promuovere alcune iniziative e pubblicare un libro dal titolo “Prospero Verani. Un giovane, una guerra, una Istituzione centenaria”. Il coordinamento e la redazione della pubblicazione è stata affidata al locale Circolo Storico. Il volume con i testi di Augusto Bottioni (coordinatore ed autore della storia dell’Istituto dal 1923 fino ai giorni nostri), Eugenio Fabris (contributo sull’Asilo Lucca), Giuseppe Manfredi (discendente

– Consigliere, Giuseppe Manfredi – Consigliere, Mario Santi – Consigliere Spazio anche alla Direttrice Claudia Ghisoni nell’introduzione ed al Dottor Mauro Bonomini nella prefazione. Entrambi raccontano con efficacia la loro

stra di cimeli storici realizzata nel bellissimo teatrino dell’Ex Asilo Lucca. Nel pomeriggio inaugurazione presso i locali della Fondazione in viale della Vittoria, dell’altra mostra a tema organizzata dal Circolo Cinefotografico con le storiche imma-

La pubblicazione verrà presentata al ridotto del Verdi il 21 ottobre

dei Verani ed autore della storia dell’eroe) e Donata Meneghelli (la Fondazione raccontata dalla stampa), illustra la storia dello sfortunato ed eroico giovane ma anche quella degli affranti genitori che hanno saputo trasformare il dolore più acuto in Rassegnazione Cristiana ed in Amore verso il prossimo più bisognoso. Tantissime le illustrazioni e le fotografie inedite. Questo libro narra dunque la storia dell’Eroe, ma anche quella di una benefica e provvidenziale Istituzione. Dopo cento anni il “Prospero Verani”, come viene definito

dai più nel linguaggio corrente, è più vivo e propositivo che mai. Testimonianza di come si possa passare dal dolore più lacerante all’Amore più puro, utile e disinteressato. Testimonianza e riprova che “Nessuno muore del tutto finché ne sia conservato il ricordo” (Jorge Luis Borges). Questo libro è occasione non solo per fare memoria e per esprimere gratitudine, ma anche per valorizzare e rilanciare l’iniziativa della Fondazione, la cui attività è davvero necessaria, essenziale e provvidenziale per la nostra Comunità. Come dice lo stesso presidente

del Consiglio d’Amministrazione, Francesco Boscarelli: nella prefazione auspica che si riesca sempre a “rinsaldare il legame tra la Fondazione e la città e che con il conforto della consapevolezza, dell’impegno e del contributo delle Istituzioni e dei cittadini si riesca sempre ad offrire un servizio che coniughi nel modo più efficace professionalità ed umanità”. Attuali membri del CDA sono: Francesco Boscarelli – Presidente, Remo Barbieri – Vicepresidente, Alberto Bazzani– Consigliere, Luigi Bonini – Consigliere, Carlo Ghisoni

esperienza al Prospero Verani, un Istituto in continua crescita, capace di adeguarsi ai tempi ed alle necessità degli assistiti e della società. Entrambi sottolineano l’importanza del gruppo, della squadra: la professionalità e l’umanità del personale, l’attività di equipe sono davvero il valore aggiunto. Nella bella copertina confezionata graficamente da Stefania Bottioni con una stupenda fotografia di Gianfranco Negri campeggia al centro il gruppo del personale al completo. La pubblicazione verrà presentata ufficialmente al ridotto del Teatro Verdi, il giorno 21 ottobre alle ore 11,00, anticipata da un convegno sulla figura di Prospero Verani. A seguire una mo-

gini contenute nel libro, molte delle quali provenienti dall’Archivio di Famiglia. La pubblicazione ha ottenuto il patrocinio della Regione Emilia Romagna, dell’AUSL, della Provincia, del Comune di Fiorenzuola d’Arda, della Parrocchia San Fiorenzo, dell’Associazione Piacenza in Grigioverde. Alla pubblicazione è stato concesso il logo ufficiale delle Commemorazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della struttura di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. In alto, ritratto di Prospero Verani. Al centro una cartolina d’epoca dell’edificio storico del Pio Istituto progettato dall’architetto Nicelli

Ottobre al Caffé letterario, gli appuntamenti Sociologia, poesia, botanica: sono tante le attività per il mese di ottobre al Caffè letterario dell’Ospedale di Fiorenzuola. Ha preso il via martedì 3 ottobre alle ore 19, il Corso introduttivo alla sociologia. Si tratta di 5 appuntamenti che si terranno sempre il martedì alla stessa ora, ad ingresso gratuito. Docente: Paolo Mario Buttiglieri, sociologo e giornalista, che ha collaborato con i quotidiani Repubblica, Libertà di Piacenza e L’Adige di Trento. Info e iscrizioni al 347.2983592. Si segnala poi che sabato 14 ottobre alle ore 9.30 ci sarà una visita guidata a Villa Cipelli, agli interni e

al giardino. Alle 10.30 visita guidata alla Tenuta di Vignola. Un’iniziativa cura di Alfonso Setti, Giuseppe Ghezzi e ing. Boscarelli. Sempre sabato 14 ottobre (ore 17) ci sarà la presentazione del libro “Morsi di luce” di Silvia Marchesini. Il sabato successivo, stessa ora, sarà la volta di “Sentieri nascosti” di Laura Polini. Sabato 28, “L’ultimo sole” di Rossana Oliva. Ogni primo sabato del mese dalle ore 17 alle 18.30 (sempre ad ingresso libero) c’è il consueto appuntamento con la pubblica lettura di poesie, racconti brevi e presentazione di libri ed autori. E sempre ogni sabato c’è il Corso di

riconoscimento degli alberi a cura del biologo Giuseppe Ghezzi, dalle ore 15 alle 17 presso lo stesso Caffè letterario: un corso gratuito per ragazzi e adulti da giugno a novembre con brevi escursioni nei parchi e nelle piazze di Fiorenzuola, senza obbligo di iscrizione e di frequenza. Tutte queste attività sono possibili grazie all’impegno volontario e gratuito dei componenti del gruppo di lettura della Biblioteca Comunale “Mario Casella” di Fiorenzuola e di coloro che offrono il proprio tempo e le proprie conoscenze per animare gli incontri culturali e ricreativi del sabato pomeriggio al caffè letterario del bar dell’ospedale.


Corriere Padano

8

VIVIPIACENZA Giornata Fai d’autunno: il ‘400 piacentino Domenica 15 ottobre torna la Giornata FAI d’Autunno. Protagonista il ‘400 piacentino nel quartiere degli Scotti: un viaggio alla scoperta di due dei più importanti palazzi nobiliari di Piacenza legati alla prestigiosa famiglia degli Scotti. Entrando in palazzo Scotti di Sarmato, ex distretto militare De Sonnaz, e palazzo Scotti di Fombio, attuale Collegio Morigi, ci si immergerà nella storia e nell’arte tra Medioevo e Rinascimento scoprendo scorci e spazi inediti, curiosità

locali e architetture che hanno sfidato i secoli ospitando usi e funzioni diversi. Apertura dei beni dalle ore 10 alle ore 18 con visite ogni 30 minuti (contributo minimo 3 euro). Saranno visitabili Palazzo Scotti di Fombio (via Taverna 37, attuale Collegio Morigi) del quale sarà possibile visitare in esclusiva anche alcune sale del piano primo e Palazzo Scotti di Sarmato (via Castello 42, ex distretto militare De Sonnaz) aperto per la prima volta al pubblico.

I Giorni di Pulcheria: i talenti delle donne Dal 19 al 22 ottobre tornano i Giorni di Pulcheria: a Piacenza si parla di donne, talenti e professioni. Si parte giovedì 19, alle 16 nel Salone Monumentale della Biblioteca Passerini Landi con “Chimere”, presentazione del libro di Annavera Viva. Sabato 21 appuntamento con Lella Costa in “Questioni di cuore”.

Musiche Nuove: Robyn Hitchcock live Un altro pezzo da novanta per Musiche Nuove a Piacenza, la rassegna curata da Associazione Novecento. Robyn Hitchcock, leggendario cantautore britannico, considerato dalla stampa l’erede spirituale di Syd Barrett, il mitico fondatore dei Pink Floyd, guru pischedelico, molte volte paragonato addirittura a John Lennon. Robyn si esibirà presso il Conservatorio Nicolini della città il 13 ottobre alle 21:30, ingresso gratuito, e avrà ospite Annie Barbazza, strepitoso talento piacenti-

no ormai lanciata in collaborazioni con star inglesi e non solo, da Greg Lake, (che l’ha “scoperta” proprio al Municipale) a Eugenio Finardi, John Greaves, Paul Roland ecc. L’ Associazione Novecento, tramite Musiche Nuove a Piacenza, con la collaborazione della Fondazione Piacenza e Vigevano e del Comune di Piacenza, si propone di rivestire un ruolo da protagonista nel portare la città di Piacenza a essere capitale della cultura musicale, con proposte esclusive di altissimo livello.

12 ottobre 2017

QUEL SASSOLINO NELLA SCARPA di Jennifer Ravellini

Dal bancone al palcoscenico drammaturgo non per caso Dietro ad ogni attore di Hollywood che si rispetti c’è un lavapiatti. Matthew McConaughey docet. Che Harrison Ford facesse il falegname, Patrick Dempsey il giocoliere, George Clooney il venditore di scarpe, Robin Williams il gelataio o che Bill Murray arrostisse castagne per strada ormai non meraviglia più nessuno. È a Sean Connery però che spetta la Palma d’Oro del più versatile e affacendato: muratore, guardia del corpo, lattaio porta a porta, autista di camion e perfino lucidatore di bare. Chissà in quanti avranno approcciato l’uomo pollo davanti al ristorante messicano “El pollo loco” sul Sunset Boulevard, ignari di trovarsi al cospetto nientepopòdimenoche di Brad Pitt. A Hollywood si teorizza che la domanda più opportuna da rivolgere a chiunque si professi attore sia: “In quale ristorante lavori?”. Carlo Guasconi (nella foto) avrebbe risposto “In Luppoleria” quando, ormai due anni or sono, vinse il Premio Riccione – Pier Vittorio Tondelli con il suo primo testo teatrale intitolato Essere bugiardo, in scena al Teatro dei Filodrammatici lo scorso lunedì 9 ottobre. Codognino, classe ‘89, attore, drammaturgo, laureato in Beni Culturali con onorati trascorsi da barista e cameriere al di qua e al di là del Po, inizia ad appassionarsi al teatro negli anni dell’Università e a collezionare seminari di recitazione. Nel 2013 frequenta il corso tenuto da Francesca Mazza presso la Filodrammatica di Piacenza e l’anno successivo viene scelto per lo spettacolo Anfitrione di Beppe Arena. Entra poi nella Scuola della Compagnia Proxima Res diretta da Carmelo Rifici prima e da Tindaro Granata poi. Nel cast di Geppetto Geppetto di Tindaro Granata, ora calca i palcoscenici con il suo Essere bugiardo che lo vede nella duplice veste di autore e di protagonista. Addomesticata la r moscia, ma non il temperamento e trasferito il proverbiale physique du rôle dal bancone al palcoscenico, Carlo convince e commuove in una prova artistica di rara intensità per un giovane emergente. Talento, carisma e umiltà proprio come per qualsiasi lavapiatti alla conquista di Hollywood. Ma qui non siamo a Hollywood e questo non è cinema, bensì vita vera che incontra il Teatro e accende il fuoco sacro di un drammaturgo e l’entusiasmo del suo pubblico. Chissà se quel drammaturgo può dirsi soddisfatto del suo protagonista e se ricorda ancora il barista della gavetta... Domandare è lecito, rispondere è cortesia, Essere bugiardo la svolta.


12 ottobre 2017

Corriere Padano

VIVIPIACENZA

AGENDA WEEKEND

9

Triplo appuntamento con L’Altra Scena

PIACENZA - Piacenza Auto&moto A Piacenza Expo, sabato 14 e domenica 15 ottobre, mostra mercato di auto e moto d’epoca a Piacenza Expo. PIACENZA - Piacenza Sposi A Piacenza Expo, sabato 14 e domenica 15 ottobre, proposte per gli sposi. PIACENZA - Teleradio - Mondoelettrica A Piacenza Expo, sabato 14 e domenica 15 ottobre, mostra mercato dedicata al mondo dell’elettronica, informatica, radiantismo. PIACENZA - Musica strumentale Sabato 14 ore 21, all’Oratorio di San Rocco in via Legnano, anniversario della dedicazione della Cattedrale. L’evento si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per Santa Giustina. PIACENZA - Visite guidate Domenica 15 alle ore 15.30 in Piazza Cavalli,visita guidata. Tema: Lo zodiaco tra fede e superstizione in San Savino e altre chiese. PIACENZA - Settimana organistica Domenica 15 ore 16, nella Basilica di San Giovanni in Canale, rassegna di musica classica e contemporanea per organo.

Continua venerdì 13 ottobre alle ore 21 al Teatro Filodrammatici “L’altra scena”, il Festival di teatro contemporaneo. Sul palco, “Homicide House” di Emanuele Aldovrandi (testo vincitore del 10° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”). Indebitato per problemi di lavoro, un uomo finisce vittima di un gioco al massacro riservato a facoltosi in cerca di emozioni forti. Lunedì 16, stesso luogo e stessa ora, sarà la volta di “Hamlet Travestie”, da John Poole e Antonio Petito a

William Shakespeare; uno spettacolo di Emanuele Valenti e Gianni Vastarella. Giovedì 19 ottobre ci si sposta al Teatro Municipale dove – alle ore 21.00 – ci sarà “Anagoor. Socrate il sopravvissuto/come le foglie”, dal romanzo “Il Sopravvissuto” di Antonio Scurati con innesti liberamente ispirati a Platone e a Cees Nooteboom e Georges I. Gurdjieff. Informazioni sono disponibili al sito www.teatrogiocovita.it

“Simon Boccanegra”, la lirica apre nel segno di Verdi boratorio: Carlo Centolavigna, storico collaboratore di Zeffirelli, firma le scene, i costumi sono di Artemio Cabassi e le luci di Claudio Schmid. L’allestimento è prodotto da Fondazione Teatri di Piacenza con Teatro Alighieri di Ravenna, in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Mar-

PIACENZA - Il Nonsense: al cinema, in letteratura Lunedì 16 alle ore 16.30 in Biblioteca Passerini-Landi, rassegna dedicata al nonsense tra cinema e letteratura. PIACENZA - Allegro con brio Mercoledì 18 ore 17, in Via Scalabrini 9 (Sala dei Teatini), concerti aperti alla città. VIGOLENO - Vigoleno in fermento Sabato 14 e domenica 15 ottobre si tiene Vigoleno in fermento, il primo festival delle birre artigianali e del buon vino. CARMIANO - Castagnata Tradizionale castagnata, domenica 15, con dolci tipici a base di castagne, dolci tradizionali e vini locali; si danza. ROTTOFRENO - Castagnata medievale a quattro zampe In programma domenica 15 ottobre a Rottofreno presso il Campetto Polivalente in Centro al paese. COLI - Rassegna dei Prodotti della Montagna Torna a Coli, domenica 15 ottobre la tradizionale rassegna. PECORARA - Rassegna Provinciale del tartufo In programma a Pecorara, domenica 15 ottobre, la Rassegna Provinciale del tartufo e dei prodotti del sottobosco.

S’inaugura nel segno di Giuseppe Verdi la Stagione d’ Opera 2017/2018 del Teatro Municipale di Piacenza. Sipario alzato su Simon Boccanegra, venerdì 13 ottobre alle 20.30 e domenica 15 ottobre alle 15.30. Come ormai tradizione, l’apertura di Stagione è affidata al nuovo allestimento del Progetto Opera Laboratorio, punta di diamante della Fondazione Teatri di Piacenza, di cui è responsabile

didattico il celebre e amatissimo baritono Leo Nucci (nella foto), nel segno della trasmissione dei saperi ai giovani cantanti. L’opera si avvale della regia dello stesso Nucci, affiancato da Salvo Piro. La bacchetta esperta di Pier Giorgio Morandi dirige l’Orchestra dell’Opera Italiana e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza, preparato da Corrado Casati. Ritorna l’affiatato team creativo del Progetto Opera La-

Corriere Padano è un settimanale indipendente: pubblica ogni giovedì ed è distribuito gratuitamente direttamente dall’editore nella città di Piacenza e nei comuni limitrofi attraverso espositori posti nei luoghi di aggregazione e passaggio. Direttore responsabile: Giuseppe De Petro.

siglia in Francia, dove l’opera tornerà in scena a maggio 2018. Simon Boccanegra sarà il primo dei titoli legati al mare e all’acqua, denominatore comune anche di altre opere della Stagione del Teatro Municipale di Piacenza, quali La Gioconda e Il Corsaro.

Editore: Corpad Editore S.R.L. Via Trieste, 39 - PC. Cell. 345.8004819. E-mail: redazione@corrierepadano.it Sito internet: www.corrierepadano.it Pubblicità: Sumarte S.R.L. Largo Erfurt, 7 - Pc Tel. 0523/1749570/1 Stampa: Grafiche Lama Piacenza. Registrazione Tribunale di Lodi n.162 in data 20/07/1983

Associato Unione Stampa Periodica Italiana

Corsi in attesa di approvazione COSTRUTTORE DI CARPENTERIA METALLICA Destinatari: Persone con conoscenze e capacità generali, non specifiche rispetto all’area professionale, acquisite in percorsi di istruzione e/o formazione e/o attraverso l’esperienza professionale, disoccupate. Aree trattate

• PREDISPOSIZIONE MACCHINARI, ATTREZZATURE ED UTENSILI PER LE LAVORAZIONI DEI METALLI • TAGLIO M TERIALI METALLICI • DEFORMAZIONE/SALDATURA MATERIALI METALLICI • RIFINITURA ED ASSEMBLAGGIO PEZZI E INSIEMI METALLICI COSTRUTTORE DI CARPENTERIA METALLICA

OPERATORI SOCIO-SANITARI (OSS) NEL DISTRETTO DEL LEVANTE (VAL D’ARDA E VAL NURE) Corso di Formazione Iniziale per Operatore Socio-Sanitario

L’O.S.S. è una figura professionale che opera sia nel settore SOCIALE che in quello SANITARIO svolgendo un’attività indirizzata sia a soddisfare i bisogni primari della persona in contesto sociale e sanitario, sia a favorire il benessere e l’autonomia dell’utente. L’attività viene svolta in servizi di tipo socio-assistenziale e socio-sanitario,residenziale o semiresidenziale, in ambiente ospedaliero e al domicilio dell’utente. Le attività specifiche dell’O.S.S. sono le seguenti: assistenza diretta e aiuto domestico-alberghiero; intervento igienico-sanitario e di carattere sociale; supporto gestionale, organizzativo e formativo. Durata: 1000 ore, di cui 450 di stage

e Previo superamento dell’esame finale, sarà rilasciato il seguir stica o r p Certificato di Qualifica professionale. i Vuo vità scola nza i rie att la tua so un’espe er a attrav formativ a? Corso per “Operatore alle Cure Estetiche” tiv a r o v a el passa a trovarci e ti daremo tutte le informazioni

TECNICHE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE INDUSTRIALE DESTINATARI: Giovani e adulti, non occupati o occupati in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore. L’accesso è consentito anche a coloro che sono in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceal, ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n.226, art.2, comma 5 . DATA ISCRIZIONE: ENTRO IL 20/10/2017

Durata 800 ore di cui 260 in stage aziendale Attestato rilasciato previo superamento dell’esame finale: Certificato di specializzazione Tecnica Superiore in “TECNICHE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE INDUSTRIALE”

Tutor S.c.r.l. Sede di Fiorenzuola d’Arda, C.F.P.Galilei - Via Boiardi, 5 - 29017 - Tel. 0523.981080 nembi@tutorspa.it


Corriere Padano

10

12 ottobre 2017

FIORENZUOLA

Fiorenzuola, tante novità per la Festa del Patrono

Clou nei giorni di sabato 14 e domenica 15, ma gli eventi della festa proseguono fino a novembre. Torna la mostra-mercato Bio&Natura A Fiorenzuola la Bottega Storica

Casa del formaggio, alta qualità dal 1950

E’ una Bottega storica nata nel 1950, specializzata nella vendita al minuto di salumi e formaggi di alta qualità, prodotti artigianali, pane fresco e prodotti da forno preparati secondo tradizione: stiamo parlando della Casa del formaggio di Fiorenzuola d’Arda che da quasi settant’anni offre i suoi prodotti al pubblico fiorenzuolano e non solo. Comune denominatore? La qualità di una produzione “di nicchia”, artigianale, dei prodotti proposti. Specialità del negozio sono: il Parmigiano Reg-

giano stagionato trenta mesi, tagliato fresco a mano, il crudo di Parma stagionato trenta mesi, la culaccia ed il culatello di Zibello. Si confezionano inoltre cesti e pacchi personalizzati in occasione delle prossime feste natalizie. Via Mazzini, 59 Fiorenzuola d’Arda, tel. 0523.982335

Entrano nel vivo le celebrazioni per il patrono di Fiorenzuola d’Arda, San Fiorenzo: il clou del folto programma sarà infatti nel week end del 14 e 15 ottobre. “Questa fiera rappresenta la nostra città ed il nostro Patrono, San Fiorenzo. È per eccellenza la festa di noi fiorenzuolani. Le famiglie si riuniscono, i figli rientrano, le vecchie compagnie si ritrovano”: questo il commento del sindaco Romeo Gandolfi. L’edizione 2017 vede in campo alcuni cambiamenti alla formula della kermesse: “La novità di quest’anno è il ritorno della fiera anche nel centro storico (Corso Garibaldi in particolare) anche il sabato, cosa che negli ultimi anni non avveniva. - afferma l’assessore al bilancio Marcello Minari - É il secondo step dopo la novità dell’anno scorso Bio&natura, ovviamente riconfermata. Appuntamento consolidato da anni quelli proposta da Old Rugby: Oktoberfest in stile bavarese alla XII edizione. Sarà presente anche l’associazione del quartiere Posta Cavalli con una interessante esposizione di strumenti musicali che occuperà il lato ovest di corso Garibaldi e piazza della Rocca. Presente anche la pro loco con le tradizionali caldarroste. Ci saranno anche

PRENOTA LA TUA CONSULENZA CON IL METODO IMPRONTA TOUCH PRESSO IL SALONE PIÙ VICINO A TE PER CAPIRE CHE TIPO DI DONNA SEI E LO STILE CHE VALORIZZA LA TUA BELLEZZA

tanti eventi organizzati dai locali di Fiorenzuola veri animatori della nostra città. Insomma sarà una fiera ricca di eventi per tutti i gusti, un appuntamento da non perdere”. Anche l’assessore al Commercio Lorenza Rossi sottolinea la nuova veste della festa fiorenzuolana: “Già lo scorso anno abbiamo voluto dare, con l’introduzione del circuito BioNatura, una nuova impronta al nostro Santo Patrono, con il fine di richiamare un

pubblico più ampio e proveniente anche dalle zone limitrofe e quindi incentivare il commercio locale. Un’idea che è piaciuta e che abbiamo deciso di proporre anche quest’anno, su grande richiesta anche degli operatori che hanno avuto ottima risposta dalla clientela. L’edizione di San Fiorenzo 2017 ha però un’altra grande novità: Festa del vino & Street Food. La stessa formula che abbiamo proposto durante Vetrine in centro di Maggio e

che ha portato un ondata di aria fresca e positività anche ai nostri commercianti. La location non a caso è delle più centrali, con lo scopo di obbligare il pubblico a transitare davanti alle vetrine per arrivare a questo evento. Fondamentale è anche la presenza delle associazioni che contribuiscono allo svolgimento di questo week end ricco di eventi e che garantiscono la continuità di un anello che avvolge tutto il centro storico unendo la tradizionale fiera con bancherelle e luna park al centro storico e tutti i suoi commercianti. Ogni evento che proponiamo deve essere sfruttato al meglio per sponsorizzare e pubblicizzare la nostra cittadina e le attività commerciali che vi risiedono”. Gli eventi inizieranno venerdì 13 con l’apertura del Luna Park, food Truck e Festa del Vino. Nei giorni di sabato e domenica oltre al mercato degli ambulanti ed ai negozi aperti saranno presenti Bio&Natura, un mercatino dell’artigianato, prodotti bio e naturali oltre alle associazioni Old Rugby, Pro Loco e Posta Cavalli sempre presenti con le loro iniziative benefiche. Quest’anno chiuderà i festeggiamenti la Santa Messa che si terrà nella serata del 17 Ottobre.


12 ottobre 2017

Corriere Padano

FIORENZUOLA

11

Premio San Fiorenzo, duplice conferimento alla memoria

Significativa combinazione di due riconoscimenti: uno al fiorenzuolano Marco Porcari e uno alla Casa Protetta Verani Lucca, che lo ebbe in cura

La commissione del premio San Fiorenzo nella riunione di lunedi 2 ottobre, festa degli Angeli, ha deliberato all’unanimità di conferire il premio San Fiorenzo 2017 alla significativa combinazione di due riconoscimenti: uno alla memoria di Marco Porcari, paziente non autosufficiente che fu ospite della struttura ed uno alla Casa Protetta Verani Lucca che lo aveva in cura, una duplice e collegata scelta per sostenere l’attenzione sia alla frequente situazione di familiari con angosciose malattie disabilitanti, sia ai rispettivi istituti

di assistenza e di cura. Il premio sarà consegnato sabato 21 ottobre alle ore 21 presso la Collegiata, con il concerto dela Corale. Marco Porcari nasce a Fiorenzuola il 27 settembre 1963, sposa Enza Castaldo con cui ha due figli: Luca ed Elia. Prima e dopo il matrimonio opera come educatore professionale, sempre molto sensibile e vicino ai casi difficili, disponibile ed intraprendente nel volontariato caritativo e formativo, fino a fare la scelta di aderire al cammino del Diaconato Permanente per un qualifi-

cato ministero di dedizione animato dal Vangelo. A 38 anni viene progressivamente afflitto da una grave patologia che lo porterà sempre più all’inabilità ed all’allettamento. La mitezza e dolcezza del suo temperamento lo caratterizzeranno anche durante tutto il periodo di silenziosa infermità, virtù confermate dalla moglie Enza, da amici fedeli e dal personale della Casa negli otto anni trascorsi al Verani. Anche questa esperienza di estrema fragilità, nel profondo mistero della croce, fu una forma di santità e di

inconsapevole martirio che troveranno luminoso riconoscimento nel riscatto della Risurrezione. A cento anni dal sacrificio della morte eroica del giovane Prospero Verani dalla cui fecondità di memoria nacque il Pio Istituto a lui dedicato, la Commissione del Premio San Fiorenzo ha voluto onorare la ricorrenza centenaria assegnando il riconoscimento a questa struttura, ora diventata Fondazione Verani Lucca. La Fondazione è un ente di natura privata, derivato dalla trasformazione del Pio Istituto Prospero Verani da Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficienza in Fondazione Onlus e dalla successiva fusione per incorporazione della Fondazione Luigi Lucca Onlus. Il Pio Istituto ebbe origine grazie alla donazione eseguita dai coniugi Pasquale Verani e Lina Ferrari in memoria dell’unico figlio maschio, Prospero, morto in battaglia durante la Prima Guerra Mondiale. Alla dotazione iniziale si aggiunsero le donazioni del cavalier Luigi Verani e della duchessa Clelia Pallavicino Fogliani.

Novant’anni di attività per l’AVIS di Fiorenzuola

Il 2017 è un anno speciale per la la sezione Avis di Fiorenzuola d’Arda: ricorre infatti il novantesimo anniversario dalla sua fondazione. “Nei suoi 90 di vita AVIS ha sempre saputo cogliere, intercettare e, talvolta, orientare costruttivamente i miglioramenti sociali, culturali, economici, scientifici e sanitari della nostra società”, ci fanno sapere dal sodalizio fiorenzuolano. “La nostra attività sociale 2017 si è perciò concentrata sul consolidare e incrementare il nostro rapporto con la scuola, in cui l’attività di sensibilizzazione porta ogni anno un numero consistente di giovani ad avvicinarsi alla donazione, e a sostenere numerose iniziative sportive locali per promuovere le buone pratiche di una vita sana. Riteniamo infatti sia fondamentale sensibilizzare su questi temi le nuove generazioni senza dimenticare le donne e i nuovi cittadini provenienti da altri territori, che costituiscono oggi una risorsa importante per il futuro del nostro paese e dell’AVIS stessa. E’ altresì importante che ci impegniamo per continuare ad accrescere il senso di appartenenza ad AVIS di coloro che sono già soci, per far sentire i donatori/avisini importanti come meritano per l’opera che prestano; in tale direzione si intensificherà il nostro impegno nei prossimi mesi per analizzare con attenzione le necessità dei donatori fiorenzuolani e poter così rispondere adeguatamente alle esigenze che emergeranno.” (nella foto sopra: alcuni volontari Avis Fiorenzuola)

STUFE E CALDAIE A PELLETS IN PROMOZIONE STUFE A LIQUIDO ECOLOGICO

50

*

FIORENZUOLA D ’ARDA (Pc) - Via Sc apuzzi, 35/L - Tel/Fax 0523.983866 - w w w.ferramentacasella.it - E-mail: ferramenta.casella@alice.it

teli per: GAZEBO, AUTOCARRI, AGRICOLTURA INDUSTRIA, INSEGNE RETROILLUMINATE, vendita e noleggio: GAZEBO E TENDE DA SOLE per INDUSTRIA e PRIVATI

NOLEGGIO PIATTAFORME AEREE

E PER LE FEST ANNI E I COMPLE MBINO DEL TUO BA

Via BRESSANI, 47/B FIORENZUOLA D’ARDA (PC) tel. 0523 241290 cell. 3371432759 rikimatti@gmail.com

info@telonitorrigiani.it

NOLEGGIO GONFIABILI

Via CARLO TASSI, 9 CORTEMAGGIORE (PC) tel. 0523.983296 cell. 3355354521

www.telonitorrigiani.it


Corriere Padano

12

12 ottobre 2017

FIORENZUOLA

A Fiorenzuola in via Scapuzzi

Ferramenta Casella: nuova gestione, esperienza di sempre Da aprile 2017 la Ferramenta Casella di Fiorenzuola d’Arda ha una nuova gestione: Massimo Veneziani e Paolo Buschi hanno preso le redini del negozio per oltre trent’anni gestito da Oreste Veneziani e Piero Buschi. Un passaggio di testimone “in famiglia”, che ha fatto sì che i nuovi giovani gestori abbiano una già consolidata esperienza nel settore della ferramenta. Il negozio offre infatti da un lato la vendita di stufe a pellet e barbecue (molto richiesti nella stagione estiva), dall’altro tutta l’utensileria del settore ferramenta, dai trapani alle punte, dalle componenti di idraulica agli articoli in metallo, senza dimenticare la fornitura di attrezzature per la sicurezza sul lavoro. Perché la clientela della Ferramenta Casella va dal privato che necessita minuteria alla piccola/media azienda che richiede fornitura di attrezzatura antinfortunistica. Il vantaggio di un negozio “vecchia maniera” rispetto ai grandi centri di distribuzione? La consulenza: l’esperienza dello staff permetterà di non sbagliare acquisto evitando perdite di tempo e inutili giri in cerca del “pezzo giusto”. Inoltre, in questo periodo la ferramenta Casella offre diversi modelli di stufe a pellet in offerta, a prezzo speciale, e molti altri ordinabili su richiesta. La garanzia è quella delle migliori marche e di un rivenditore sul mercato da decenni. Per San Fiorenzo, Patrono di Fiorenzuola, mercoledì 17 ottobre, la Ferramenta Casella sarà aperta la mattina. Lo staff è a disposizione al numero 0523.983866 per ogni informazione; il negozio si trova in Via Scapuzzi, 35/L, a Fiorenzuola d’Arda.

“Guercino ed altri viaggi di ritorno”, fotografia al centro

Tra presentazioni editoriali e mostre, sabato 14 all’Ex Macello uno sguardo innovativo sugli affreschi dell’artista di Cento a cura del fotografo Marco Stucchi

Lavorazione marmo graniti pietre beole arredamento arte funeraria Funerali servizi cimiteriali cremazioni trasporto salma serietà e sensibilità CORTEMAGGIORE (Pc) - Via Besenzone,1/c Tel. 0523.832210 - Fax 0523.832561 - E-mail: poggimarmi@tiscali.it

Continua la rassegna “Guercino ed altri viaggi di ritorno” a Fiorenzuola d’Arda, dedicata alla fotografia in varie forme e declinazioni: ecco i prossimi appuntamenti. Venerdì 13 ottobre (ore 19.30) all’Agriturismo Casa della Memoria Casella a San Protaso, presentazione del libro “Lapsus” di Andrea Micheli: il terzo dell’autore, edito da Skira. Un libro fatto da 130 fotografie, contemporaneo per lo strumento (l’immagine) e, allo stesso tempo, pieno di tradizione per la cura e i ricordi che suscita. Sabato 14 ottobre ore 17 alla Galleria-Atelier SMart, via Liberazione 12 - Fiorenzuola d’Arda, Monica Bellonzi presenta “#QUIeORA”, mostra fotografica. Monica Bellonzi è un’artista sensibile, che ama ciò che fotografa: con rispetto, racconta le storie di viaggiatori da autoscatto, vede le loro fragilità, così indifesi nella loro tenerezza, colti in quel momento sublime in cui il loro sorriso fa il giro del web. Ancora sabato 14 ottobre ore 18 all’Ex Macello in Largo Gabrielli, il fotografo Marco Stucchi presenta “Guercino ed altri viaggi di ritorno”: un modo nuovo ed esclusivo di tornare ad ammirare gli affreschi nella Cattedrale che hanno affascinato oltre 100.000 visitatori, attraverso scatti di grandi dimensioni e un allestimento di sicuro effetto. Inaugurazione musicale con la Sunday Orchestra, diretta dal M° Fabrizio Francia: la mostra resterà aperta fino al 1° novembre. Domenica 15 ottobre ore 10:00 alla Fondazione Verani-Lucca, il Collettivo CCF presenta “Un viaggio di cento anni fa”, mostra fotografica in occasione del centenario della morte del giovane Prospero Verani, i cui genitori vollero far sorgere il centro assistenziale a lui dedicato. Domenica 15 ottobre ore 10:30 presso la Chiesa della Buona Morte (già Oratorio della

Natività della Beata Vergine Maria) mostra di scatti di Valter Ferrari dal titolo “Dove il silenzio è sospeso”. Una raccolta di scatti in un bianco e nero forte, inciso, duro come l’arso calcare sul quale sono avvinghiate, quasi a fatica, le semplici costruzioni di Matera, patrimonio Unesco dal 1993. Domenica 15 ottobre ore 11:00 presso la sede del CCF, in Piazza Caduti 1 a Fiorenzuola, rassegna fotografica di Mario Vidor “La nuvola perfetta”. Nelle fotografie in bianco e nero della serie “La nuvola perfetta”, l’autore

riprende un paesaggio campestre che si stacca dal suo referente reale per diventare uno scenario immaginifico. A partire dalle ore 18, poi, nel centro storico della cittadina, la compagnia teatrale “Ancora Senza Nome” metterà in scena la pièce itinerante “Fotografia? Tutta una messa in scena”. Nelle immagini: qui sopra a sinistra, affresco del Guercino in una foto di Marco Stucchi; a destra, la Cupola del Duomo di Piacenza.

AUTOSCUOLA VAL D’ARDA - Esami in sede - Pista per esami con moto senza limitazione - Esami e rinnovo C.Q.C. FIORENZUOLA D’ARDA - V.le Matteotti, 66 - Tel. 0523.982296 CASTELL’ARQUATO - P.zza Caduti - Tel. 0523.982296 ROVELETO DI CADEO - Via G. da Saliceto, 9 - Tel. 0523.982296


12 ottobre 2017

FIORENZUOLA

Corriere Padano

13

“Teatro In corto”, seconda edizione al via Il Teatro Comunale “G. Verdi” di Fiorenzuola d’Arda e Sciara Progetti presentano la Seconda Edizione del Concorso “Teatro in Corto”, dedicato ai corti teatrali, ovvero a performance teatrali dal vivo, della durata massima di 20 minuti, di qualsiasi genere e tipologia, senza distinzioni. “Teatro in Corto” si articolerà in cinque giornate, che si terranno presso i locali del Teatro Comunale “G. Verdi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), nei giorni dal 18 al 22 ottobre 2017. Il Concorso “Teatro in Corto” si sviluppa all’interno della più ampia manifestazione del Festival dei Corti Teatrali nell’ambito della Scuola dello Spettatore “Il Viaggiator Leggero” Tale manifestazione, alla sua seconda edizione, è una prestigiosa iniziativa organizzata dal Comune di Fiorenzuola d’Arda (Pc) con il contributo ottenuto a bando 2017 dalla Regione Emilia Romagna. Il successo della prima edizione ha indotto

il Comune di Fiorenzuola d’Arda e la Compagnia Sciara Progetti, in residenza al Tetro comunale “G.Verdi”, ad impegnarsi per riproporre un Progetto innovativo che pone al centro lo spettatore - specie delle giovani generazioni - e lo guida verso i percorsi del Teatro di innovazione e ricerca, offrendo al tempo stesso a giovani artisti e compagnie un’occasione di incontro, di scambio e di crescita, oltre ad un palcoscenico che li vede protagonisti in quattro giornate di confronto tra loro e con personalità del panorama teatrale e culturale. Madrina d’eccezione in questa seconda edizione è l’attrice Elena Bucci, premio UBU 2016 come miglior attrice, che prenderà parte alle giornate del festival, e tra le altre cose, incontrerà gli artisti in concorso. Il programma si compone anche quest’anno di tre step: il Concorso di Corti teatrali vero e proprio, la Scuola dello Spettatore con incontri con artisti e personaggi della cultura

e dello spettacolo, una Tavola rotonda, con la novità aggiuntiva, per questa 2° Edizione 2017, di un “quarto step”: la Rassegna “7Lettere25Note” sulla contaminazione tra i linguaggi artistici, tra parole e musica che si svolgerà da ottobre a dicembre 2017. Il progetto è dunque un vero e proprio Festival con, in sinergia fra loro, un Concorso di corti teatrali, una Scuola per uno spettatore attento, con incontri con i protagonisti della scena e della cultura contemporanea, una Tavola rotonda finale ed una rassegna sulla contaminazione tra i linguaggi, ben definita dall’aforisma di Joubert ‘La musica ha sette lettere, la scrittura venticinque note”. Nelle giornate del Concorso, in particolare, la Città di Fiorenzuola d’Arda (Pc) si animerà di spettacoli teatrali, appuntamenti e incontri con critici, attori, giornalisti, drammaturghi, artisti, operatori culturali, trasformando il teatro “G. Verdi” e l’intera Città in un polo attrattivo per giovani artisti.

Giannini apre la nuova stagione del Verdi con “Le parole note” Spettacolo inaugurale sabato 28 ottobre. Per il cartellone 2017-18, tra i tanti artisti: Ramin Bahrami, Simone Cristicchi, Enzo Iachetti e Barbara De Rossi Grandi nomi per la stagione 2017-2018 del Teatro Verdi di Fiorenzuola, all’interno di un eterogeneo cartellone dedicato a varie fasce di pubblico, dai bambini agli adulti. Tra gli artisti che calcheranno il palco fiorenzuolano ci sono Giancarlo Giannini (foto al centro ), Ramin Bahrami, Simone Cristicchi, Enzo Iachetti e Barbara De Rossi, ma sono molti di più i personaggi protagonisti della nuova stagione. Novità di questa edizione sarà la “Scuola dello spettatore”: un progetto formativo che vedrà protagonisti incontri con artisti e personalità del panorama culturale. Non mancheranno il Festival dei Corti (vedi articolo qui sopra) dedicato ai giovani ed al teatro di innovazione e ricerca e – altra novità – la Rassegna ‘7Lettere25Note’ sul valore della contaminazione tra i linguaggi artistici ed espressivi. Ulteriore novità è poi quella dedicata al pubblico under26 – YoungTraveler: un’iniziativa con cui l’Amministrazione premierà i giovani “spettatori neofiti” di età inferiore ai 26 anni che parteciperanno integralmente al progetto della “Scuola del Viaggiator leggero”, in ciascuna delle sue fasi. Agli stessi, il Teatro offrirà un abbonamento completo alla Stagione Teatrale 17_18 del Verdi di Fiorenzuola d’Arda (Pc). Se studenti, questo omaggio si aggiungerà al riconoscimento del credito formativo. Con quest’iniziativa, il Teatro comunale intende testimoniare l’intenzione di formare un pubblico giovane, preparato e consapevole per il futuro del teatro e per una cultura che sia fonte di futuro per la società. Informazioni e prenotazioni all’Ufficio del Teatro Verdi ‘Inform’Arti’, via Liberazione, Fiorenzuola d’Arda (Pc) – aperto tutto i giorni dal martedì al sabato dalle 10 alle 12.30 e nei giorni di spettacolo dalle 16.30 – tel 0523 985253 – e mail teatroverdi@comune. fiorenzuola.pc.it – cultura@comune.fiorenzuola.pc.it

IL PROGRAMMA

Ecco gli appuntamenti in cartellone al Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda. sabato 28 Ottobre ore 21.15 I Grandi della Prosa NUOVA PRODUZIONE

contro la violenza sulle donne LE LACRIME DI DESDEMONA Spettacolo lirico-vocale, prosa e danza PAOLA SANGUINETTI, soprano ANTONIETTA CENTODUCATI, attrice M° Milo Martani, pianoforte Danzatori “AccademiaDanzaEdintorni” Coreografie Bianca Costanza Chiapponi e Michele Cosentino sabato 2 dicembre ore 21.30 L’OPERA L’ELISIR D’AMORE Melodramma giocoso in due atti di Gaetano Donizetti Libretto di Felice Romani LE PAROLE NOTE con GIANCARLO GIANNINI e Marzo Zurzolo Trio sabato 18 novembre ore 21.15 I Grandi della Musica UTO UGHI al pianoforte Andrea Bacchetti in Concerto 20 dicembre ore 21.15 I Grandi della Musica Progetto Speciale per il Verdi di Fiorenzuola “UnaDueGiorniconBach” RAMIN BAHRAMI LE VARIAZIONI GOLDBERG Stagione Teatrale 17_18 sabato 13 gennaio ’18 ore 21.15 Teatro-Canzone NUOVA PRODUZIONE LIBERA NOS DOMINE di e con ENZO IACHETTI regia ALESSANDRO TRESA sabato 27 gennaio ’18 ore 21.15 TeatroAttualità ALL YOU NEED IS LOVE l’economia spiegata con i Beatles di e con FEDERICO RAMPINI Voce, tastiere, ukulele ROBERTA GIALLO Violino, elettronica VALENTINO CORVINO venerdì 9 febbraio ’18 ore 21.15 Teatro della Memoria NUOVA PRODUZIONE L’ESODO Racconto per voce, parole ed immagini di e con SIMONE CRISTICCHI

sabato 17 febbraio ‘18 ore 21.15 I Grandi della Comicità LA BIBBIA raccontata nel modo di Paolo Cevoli PAOLO CEVOLI 3 marzo ’18 ore 21.15 I Grandi della Comicità ADAMO E DEVA VITO E CLAUDIA PINONI di FRANCESCO FREYRIE e ANDREA ZALONE regia di DANIELE SALA sabato 17 marzo ‘18 ore 21.15 I Grandi della Prosa NUOVA PRODUZIONE ALAN BENNETT / TALKING HEADS con MICHELA CESCON

sabato 3 febbraio ore 21.30 Musical NUOVA PRODUZIONE NOTRE DAME DE PARIS Balletto in due atti COMPAGNIA BALLETTO DI SIENA sabato 10 marzo ore 21.30 Appuntamento in via di definizione per la tradizionale tappa fiorenzuolana del PIACENZAJAZZFEST NOVITA’ DI STAGIONE domenica 29 ottobre ore 15.30 e 17.30 Il Teatro dei Burattini PINOCCHIO LE AVVENTURE DI UN SOGNATORE TEATRO UMBRO DEI BURATTINI

sabato 24 marzo ore 21.15 I Grandi della Prosa NUOVA PRODUZIONE IL BACIO di Ger Thijs con BARBARA DE ROSSI e FRANCESCO BRANCHETTI

domenica 17 dicembre ore 16.00 Musical NUOVA PRODUZIONE CHARLIE E LA MAGIA DEL CIOCCOLATO TEATRO del TORRINO con FRANCO OPPINI

SERATE FUORI ABBONAMENTO domenica 12 novembre ore 21.30 Musical GiGI’ - INNAMORARSI A PARIGI COMPAGNIA CORRADO ABBATI Musical di Alan Jay Lerner su musiche di Frederick Loewe

domenica 21 gennaio ore 16.00 Musical NUOVA PRODUZIONE ALADDIN TEATRO del TORRINO Uno spettacolo di Luca Pizzurro Autore Giuliano Calandra Coreografie di Andre De La Roche

sabato 25 novembre ore 21.30 Prosa Musica Danza NUOVA PRODUZIONE

domenica 25 febbraio ore 16.00 Musical BILLY IL SOGNO DI DANZARE

Impianti civili e industriali Automazioni portoni - Sistemi domotici TV sat - Sistemi d’allarme Videosorveglianza Reti dati LAN - Digitale terrestre


Corriere Padano

12 ottobre 2017

FIORENZUOLA

14

Gandolfi: “La città sarà sempre più sicura e moderna

Il bilancio del sindaco di Fiorenzuola sui primi sedici mesi di mandato: dai lavori pubblici alla sicurezza ambientale, l’obiettivo è fornire il servizio migliore ai cittadini

Tiriamo le somme di questi primi 16 mesi di lavoro della Giunta Gandolfi che a partire dal giorno seguente le elezioni si è dedicata alla gestione di alcune tematiche importanti per Fiorenzuola che negli ultimi venti anni erano state lasciate in sospeso. Dai lavori pubblici ai problemi di sicurezza ambientale passando per lo sblocco del cantiere dell’Ospedale, implementando le manutenzioni ordinarie di edifici pubblici ed aree verdi, iniziando un complesso ma necessario percorso di riorganizzazione dell’ente, sia sul versante

regolamentare che su quello del personale avendo come obiettivo primario quello di fornire alla cittadinanza servizi migliori e sempre al passo coi tempi. Come spiega lo stesso primo cittadino “L’emergenza del cimitero , è stata la prima affrontata : tra progetti da rivedere ed anni di rimandi erano rimasti solo 6 loculi disponibili . E’ stata risolta con

un piano di estumulazioni che ha coinvolto uffici e settore tecnico , portando al recupero di circa 40 loculi in scadenza di concessione . Questa operazione ci ha consentito di evitare gravi disagi alle famiglie. Parallelamente abbiamo corretto progetti e procedure del nuovo ampliamento , ora in fase di ultimazione. Abbiamo dovuto poi gestire lo spostamento di alcune Associazioni all’interno di altri immobili comunali , necessario da anni , ma mai predisposto , nemmeno a fronte della messa in vendita dell’immobile ad esse precedentemente assegnato.

Abbiamo finanziato ed effettuato poi il trasloco dell’ex ufficio Giudice di Pace sollecitato da anni”. Il Sindaco continua su una questione delicata : “Una partita complicata e difficile, come potete intuire, è stata quella dell’Ospedale. L’abbattimento della struttura ha messo il nostro comune in una posizione di grave svantaggio , operativo e strate-

gico, rispetto agli altri presidi provinciali . L’inquinamento dei terreni , poi risolto con la bonifica , rischiava di mettere la parola “fine” a qualsiasi sviluppo futuro . Sono stati mesi difficili , per fortuna passati. Abbiamo preso decisioni di buon senso , mettendo da parte l’utopia , col solo obiettivo di ottenere il massimo di ciò che era possibile nel nuovo contesto della sanità regionale in continua evoluzione. Garantiremo al territorio piacentino una struttura ricca di servizi sanitari per tutti i cittadini che potrà solo essere implementata e non ridimensionata , con importanti ricadute anche sull’economia locale . La partita non è ancora finita , ma i risultati si iniziano a vedere , infatti proprio l’11 Ottobre ci sarà l’ inaugurazione della nuova risonanza magnetica”. Un passaggio merita anche la questione “Unione”: “In questi mesi ho voluto approfondire il ruolo di Fiorenzuola nell’Unione con i Comuni di Alseno , Cadeo e Pontenure. Dopo mesi di riunioni , a cui la vecchia giunta non partecipava più, abbiamo valutato di recedere a partire dal 2018. Questa scelta, condivisa ovviamente con il resto della mia squadra e votata dal Consiglio, è stata determinata dal fatto che purtroppo l’Unione non aveva avuto effettività. L’incapacità di investire i finanziamenti erogati dalla Regione e lo stallo decisionale non erano più superabili, con conseguenze pesanti sul nostro Ente. Gandolfi ci spiega che al suo arrivo, da neo Sindaco, si è trovato di fronte ad una burocrazia lunga ed a tanti problemi irrisolti, quindi si è deciso di dedicare attenzione ai

regolamenti comunali ed al personale, aprendo bandi di mobilità per assumere nuovi dipendenti . Tra procedure lunghe e rigidi limiti di spesa , si è così cercato di mantenere risorse a bilancio per le nuove assunzioni. Da pochi giorni ha preso servizio un nuovo impiegato presso l’ufficio anagrafe / stato civile. Tra le varie “incompiute” degli ultimi anni , l’ Amministrazione Gandolfi si è dedicata ad un approfondimento sulla Pubblica Illuminazione, con l’obiettivo di aggiornare un progetto ormai obsoleto. Col passaggio al “Led” e l’ efficientamento delle linee si potrà garantire infatti un risparmio energetico almeno del 50%, meno guasti ed un servizio puntuale. Tutto questo per rendere la città sempre più sicura e moderna. Fra le migliorie ed i tanti interventi manutentivi eseguiti in questi 16 mesi si ricordano : il tetto dell’asilo dei Gelsi, che era un vero colabrodo, l’installazione di nuovi giochi per i bimbi negli asili di San Protaso e Nido Villa Modeo, l’asfaltatura di alcune strade disastrate delle frazioni , non previste in precedenza, lo stanziamento di maggiori risorse sulla manutenzione del verde pubblico , la messa in sicurezza di gran parte dei viali alberati e dei parchi cittadini anche a seguito degli eventi atmosferici di giugno . E’ in fase di completamento l’installazione di tre telecamere per lettura targhe collegate alla rete provinciale ed a breve sarà

dell’ascensore del Teatro Verdi. Lo stesso Sindaco ci spiega che si sta cercando di ridare vita all’immobile dell’ex Mercatone Uno. “Al momento è giunta una richiesta di uno dei più grandi operatori italiani della G.D.O. che potrebbe assumere fino a 70 addetti oltre che riqualificare l’ingresso della nostra città e darle così nuove prospettive commerciali : stiamo valutando gli strumenti urbanistici appropriati”. “Come vede in questi 16 mesi silenziosi la mia Giunta ha lavorato senza sosta. Continueremo affinché Fiorenzuola possa tornare quella di un tempo , magari anche meglio. Siamo il secondo Comune più popolato della Provincia, meritiamo di ritornare protagonisti del nostro territorio” Sul versante dei Servizi Sociali l’impegno a livello Distrettuale è continuamente foriero di cruciali obiettivi. La tutela di minori e disabili , i servizi agli anziani , la gestione delle fragilità , sono sempre le sfide più determinanti ma, al contempo, difficili, che vanno affrontate evitando però le derive assistenzialiste del passato. Fiorenzuola esercita nel Distretto di Levante il ruolo di Comune capofila e l’impegno di questi 16 mesi è stato soprattutto quello di fare da collante in un quadro che rischiava di frammentarsi adattandosi al modello gestionale delle Unioni a nostro avviso poco efficace in un area di intervento così trasversale al territorio. Tanti sono i progetti in cantiere, su tutti va citato

pubblico richiamando migliaia di persone nella nostra città . Sono stati due eventi completamente nuovi per Fiorenzuola”. Il numero degli esercizi aderenti alle 11 iniziative , è passato da circa 50 nel 2016 ad oltre 70 nel 2017. Oltre agli operatori esterni va dato grande merito alle associazioni ed agli esercenti fiorenzuolani che hanno investito tante energie per riattivare la nostra città . Parlando di cultura , dopo la scorsa stagione teatrale culminata con la presenza di Vittorio Sgarbi, e l’approdo del Festival Blues “Dal Mississippi al Po” nella piazza monumentale, proprio in questi giorni è stata presentata una ricca stagione 2017-2018 presso il Teatro Verdi, vanto della città. Protagonisti saranno attori del calibro di Giancarlo Giannini e Barbara De Rossi , comici come Paolo Cevoli ed Enzo Iacchetti oltre a musicisti di fama mondiale come Uto Ughi e Ramin Bahrami. Conclude Gandolfi : “Racchiudere in poche colonne 16 mesi di lavoro quotidiano è praticamente impossibile e tanti risultati non sono stati menzionati : tra scelte politiche a volte sofferte, ma necessarie , momenti di grande soddisfazione ed altri in cui il “.. chi me l’ha fatto fare ??“ rischia di prendere il sopravvento , quello che posso garantire ai cittadini è che l’ impegno di tutta l’Amministrazione unitamente ai Consiglieri, che spesso ci obbliga a mettere in secondo piano il lavoro e gli affetti famigliari

“Una partita complicata e difficile è stata quella dell’Ospedale. L’abbattimento della struttura ha messo il nostro comune in una posizione di svantaggio rispetto agli altri presidi provinciali” in dotazione alla Municipale anche un’apparecchiatura mobile in grado di individuare in tempo reale veicoli sprovvisti di revisione od assicurazione , per il miglioramento della sicurezza pubblica. In questi giorni sta prendendo forma anche la rotonda provvisoria sul ponte di Maria Luigia che sostituirà il problematico impianto semaforico . Subito dopo la fiera di San Fiorenzo che chiuderà una ricca stagione di eventi, verranno attuate le modifiche alla ZTL deliberate prima dell’estate. Degna di nota la freschissima riapertura, dopo anni di guasto,

“Famiglie al centro”, che porterà alla realizzazione di un centro di accoglienza e supporto per le famiglie con situazioni di fragilità che spesso sfociano nella violenza. “Come Sindaco e padre mi sento obbligato a pensare ad azioni di prevenzione e tutela sul territorio”. Capitolo a parte merita il tema del marketing territoriale per il quale si è cercato di ristrutturare la rassegna “Vetrine in Centro” . “Il “Festival dell’Anolino” in Marzo e la “Festa del Vino e Street Food “ in Maggio hanno avuto un grosso successo di

, è massimo ed unicamente votato ad ottenere il meglio per la nostra città. Ci aspetta un inverno ricco di impegni e traguardi da raggiungere per prepararci al 2018 che vedrà tante novità per la nostra città “

Nelle immagini: in alto a destra, il sindaco Romeo Gandolfi; sopra a sinistra, uno scorcio di Fiorenzuola d’Arda; qui a sinistra, l’Ospedale

Bussandri vince il Trofeo Centro Fiera Montichiari

Il pilota Christian Bussandri a bordo della sua Peugeot 208 EcoMetano si aggiudica il 1° posto di raggruppamento al 78esimo Trofeo Centro Fiera Montichiari in provincia di Brescia. Ottimo risultato per il pilota Bussandri che ancora una volta ha voluto dimostrare come un’ auto

da corsa totalmente a metano sia in grado di vincere e garantire ottime prestazioni rispetto a quelle a benzina. Nelle foto: a sinistra, Christian Bussandri; a destra, la Peugeot 208 del pilota


12 ottobre 2017

SPECIALE MOTORI

Distrazioni al volante: navigatore più pericoloso dello smartphone

Corriere Padano

15

Immatricolazioni, +8,13% a settembre

Attenzione anche agli altri dispositivi, come la radio: quasi il 40% degli automobilisti ammette di utilizzarli mentre guida, ben più del telefonino

Il navigatore è più pericoloso del cellulare alla guida, lo utilizzano in movimento soprattutto i giovanissimi. Questo è quanto emerge dall’indagine “Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani”, promossa dalla compagnia assicurativa online QUIXA e condotta dall’istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research. In generale, quasi il 40% degli automobilisti ammette di utilizzare i dispositivi tecnologici presenti in auto mentre è al volante, rispetto al 23,5% che confessa di utilizzare lo smartphone senza vivavoce o auricolare. A mettere a rischio la propria sicurezza sono soprattutto i giovanissimi: l’84% dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni ammette di distrarsi per cambiare stazione radio, impostare il navigatore satellitare o usufruire delle altre funzionalità tecnologiche in dotazione. Nella percezione prevalente dell’automobilista, è come se la loro integrazione con le dotazioni dell’auto, unitamente all’assenza di normative della strada esplicite, o per lo meno note, in tal senso, renda più “lecito” da un lato e meno “rischioso” dall’altro, rispetto allo smartphone, l’utilizzo di queste apparecchiature. I dati della ricerca indicano, tra

l’altro, come questa abitudine sia maggiormente diffusa tra gli uomini (44,6%) che tra le donne (32,7%). Ma gli atteggiamenti pericolosi per la sicurezza messi in atto dagli italiani alla guida non finiscono qui. Secondo quanto emerso dalla ricerca, infatti, 1 italiano su 3 (29%) ammette di mangiare e soprattutto bere mentre è al volante: si tratta di una pratica svolta con tranquillità in movimento quando le circostanze lo richiedono, anche se non ricorrente o abituale. Quasi il 23% degli automobilisti si distrae per girarsi e guardare i

bambini, seppur sostiene di farlo solo in casi di estrema necessità. La percentuale aumenta tra i genitori di bambini piccoli: lo fa quasi l’80% di mamme e papà di bimbi al di sotto dei 5 anni. Poco più del 15%, infine, quando è di fretta, ammette di pettinarsi, truccarsi o aggiustarsi la cravatta alla guida, anche se sostiene di farlo in situazioni ritenute di sicurezza, come in caso di semaforo rosso. L’utilizzo del navigatore non è, però, l’unico primato diffuso tra i giovani, generalmente più propensi a distrarsi alla guida. Per tutti gli atteggiamenti pericolosi

Autoriparazioni

BAZZALI CRISTIAN Cell. 328 1647489 RIPARAZIONI MECCANICHE CARRO ATTREZZI IMPIANTI A GAS AUTODIAGNOSI ELETTRAUTO GOMMISTA Via Crecca 147,

Loc. San Protaso

Fiorenzuola D’Arda (PC)

Via Bresciani, 15 - 29122 Piacenza - Tel./Fax 0523. 609928

messi in atto al volante, infatti, gli automobilisti under44 fanno registrare percentuali superiori di comportamenti a rischio rispetto ai guidatori più maturi. Quasi un automobilista su tre nella fascia 18-44 anni (28,1%) si distrae per girarsi a guardare i bambini, contro il 17% tra i 45-75. La differenza è ancora maggiore quando si tratta di mangiare o bere in movimento: circa il 40% degli under44 ammette di farlo, rispetto al 19% degli over45. 1 giovane su 5, infine, confessa di distrarsi per pettinarsi, truccarsi o aggiustarsi la cravatta, mentre lo fa solo l’11% dei guidatori più maturi. La ricerca ha fatto emergere anche alcune differenze a livello geografico. La distrazione da navigatore è, infatti, più diffusa al Sud (lo confessa il 45% degli automobilisti) e meno al centro (il 29%). Mangiare o bere al volante è, invece, un’abitudine maggiormente presente nel Nord Ovest (come ammesso dal 38%) rispetto al Sud (23%). I genitori del Meridione sembrano essere più avvezzi a voltarsi per controllare i bambini (29%), mentre il fenomeno è meno ricorrente nel Nord Est, dove solo il 18% ammette di farlo abitualmente. (da www.partsweb.it)

A settembre la Motorizzazione ha immatricolato 166.956 autovetture, l’8,13% in più rispetto a settembre 2016, durante il quale ne furono immatricolate 154.399. Lo rende noto il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in un comunicato. Ad agosto 2017 sono state invece immatricolate 85.555 autovetture, con una variazione di +16,04% rispetto ad agosto 2016, durante il quale ne furono immatricolate 72.006. Nello stesso periodo di settembre 2017 sono stati registrati 368.634 trasferimenti di proprietà di auto usate, in calo del 5,98% rispetto a settembre 2016, durante il quale ne furono registrati 392.072. Ad agosto 2017 sono stati invece registrati 272.950 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +0,50% rispetto ad agosto 2016, durante il quale ne furono registrati 271.586. A settembre 2017 il volume globale delle vendite (535.590 autovetture) ha dunque interessato per il 31,17% auto nuove e per il 68,83% auto usate. Nel periodo gennaio-settembre 2017 la Motorizzazione ha in totale immatricolato 1.533.710 autovetture, in crescita del 9% rispetto al periodo gennaio-settembre 2016. Nello stesso periodo di gennaio-settembre 2017 sono stati registrati 3.410.245 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di -2,64% rispetto a gennaiosettembre 2016, durante il quale ne furono registrati 3.502.614.


Corriere Padano

16

12 ottobre 2017

PUBBLICITÀ

CORTEMAGGIORE

FIORENZUOLA D’ARDA

FIORENZUOLA

LUGAGNANO

In zona verde vicina al centro, villa a schiera di ampia metratura, posta su due livelli più taverna, cantina, lavanderia e garage. Giardino recintato. Ottimamente rifinita Cl. e D - Rif. CO225 – Info in ufficio

In zona verde comoda al centro, appartamento in piccola palazzina di sole 4 unità senza spese condominiali, composto da: ingr., soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina e posto auto. Risc. autonomo. Il prezzo è trattabile AFFARE Cl. e G – Rif. FI175 € 50.000,00 tratt

In zona residenziale verde, appartamento ristrutturato in bifamigliare con ingr. indipendente, composto da: ingr., luminoso sogg., cucina, sala da pranzo, 2 letto matr., doppi servizi, balcone, cantina, lavanderia e garage. Giardino di proprietà ed altro garage doppio. Buone finiture. Cl. e F - Rif. FI340 – Da vedere

In zona verde vicinissima al centro, villa indipendente posta su unico piano e composta da: ingr., soggiorno, cucina ab., 3 letto, doppi servizi, terrazzi, cantina, lavanderia, garage per quattro posti auto, oltre ad ampio giardino circostante. VERO AFFARE Cl. e G Rif. LN050 - € 190.000,00 tratt

FIORENZUOLA D’ARDA

FIORENZUOLA

In zona verde, appartamento in palazzina di recente costruzione, posto al piano primo e composto da: ingresso, soggiorno, cucina, due camere da letto, bagno, 2 balconi, cantina e garage. Riscaldamento autonomo. Ottime finiture. Da vedere Cl. e D - Rif. FI355 - € 100.000,00 tratt. AFFARE

Centro storico fuori dalla ztl, appartamento posto al p.t. e composto da: ingr., soggiorno, cucina, camera da letto matr., bagno, cantina e mansarda. Risc. aut., no spese condominiali. Ottimo come investimento. Cl. e G - Rif. FI339 - € 50.000,00 tratt.

FIORENZUOLA D’ARDA VIC.

FIORENZUOLA

Porzione di villa bifamigliare, finemente ristrutturata, di ampia metratura, posta su 2 livelli, composta da: ingr., soggiorno con camino, sala da pranzo, cucina, tripli servizi, 3 letto , loggia, balcone, taverna, cantina, lavanderia, locale caldaia e box doppio. Giardino recintato e piantumato. Finiture di pregio Cl. e E - Rif. FI360 – Tratt. in ufficio

Affaccio sul verde, in zona tranquilla, appartamento in palazzina signorile, posto al piano rialzato e composto da: ingresso, ampio soggiorno, cucina ab., due camere da letto, bagno, ripostiglio, balconi, cantina e garage. Abitabile subito Cl. e G - Rif. FI330 € 100.000,00 tratt.

ROVELETO DI CADEO In palazzina recente di poche unità, app.to posto al p. 1 ed ultimo, composto da: ingr., soggiorno con camino, angolo cottura, grande terrazza, 2 letto, 2 balconi, bagno, cantina e garage. Risc. aut., a.c., impianto d'allarme, tende da sole. Ottime finiture Cl.e D - Rif. RV068 € 135.000,00 tratt.

ROVELETO DI CADEO In zona comoda a tutti i servizi, app.to arredato in piccola palazzina, posto al p.2° e composto da: ingr., soggiorno con angolo cottura, 2 letto, bagno, ripostiglio, balcone e garage. Risc. aut., a.c., no condominio. Buonissime finiture. Ideale per una coppia giovane Cl. e E - Rif. RV071 – € 88.000,00 tratt.

FIORENZUOLA VIC. A pochi km da Fiorenzuola, rustico di ampia metratura composto da casa con possibilità ricavo 2 appartamenti, porticati, stalla, fienile e terreno circostante di 12 pp c.a. Il tutto è da riattare Rif. FI324 – Info in ufficio

FIORENZUOLA D’ARDA In zona verde comoda al centro, appartamento posto all'ultimo piano con asc., composto da: ingr., ampio e luminoso salone, cucina, 3 letto, doppi servizi, ripostiglio, 2 balconi grandi, cantina e box doppio. A.c., zanzariere, tende da sole. Cl. e G - Rif. FI361 € 120.000,00 tratt.

LUGAGNANO In palazzina di poche unità, appartamento libero subito con terrazza di 60 mq, composto da: ingr., soggiorno ampio, cucina ab., due letto, doppi servizi, ripostiglio, balcone, cantina e garage. Riscaldamento autonomo. Aria condizionata, tende da sole, ottime finiture. Cl. e E - Rif. LN060 Unico

CORTEMAGGIORE In palazzina di poche unità, app.to di recentissima ristrutturazione, posto al p.1 e composto da: ingr., ampio soggiorno, cucina arredata, rip., 2 letto matr., balcone, cantina e posto auto privato. Zanzariere, tende da sole, doppi vetri, a.c.. Cl. e F - Rif. CO224 - € 60.000,00 tratt.

CORTEMAGGIORE Appartamento posto al p. 2 con asc., composto da: ingr., soggiorno, cucina ab., 2letto, bagno, rip., balcone, cantina a garage. Risc. aut. Abitabile subito. Cl. e G - Rif. CO032 - € 79.000,00 tratt.

FIORENZUOLA D’ARDA Zona residenziale, in palazzina di poche unità abitative, appartamento posto al p. 1 e composto da: ingr., soggiorno, cucina, camera da letto matr., bagno, cantina e garage. Risc. aut., no condominio. ABITABILE SUBITO, OTTIMO COME INVESTIMENTO Cl. e G Rif. FI303 - € 48.000,00

FIORENZUOLA D’ARDA

FIORENZUOLA

Zona centrale, ampio e luminoso appartamento in contesto condominiale recente e signorile, composto da: ingr., ampio e luminoso soggiorno, cucina ab., 3letto, doppi servizi, 3 balconi, cantina e garage. Finiture di pregio, risc. aut., a.c. Cl. e E - Rif. FI329 – Info in ufficio

Luminosissimo appartamento di ampia metratura, composto da: ingr., ampio soggiorno, cucina ab., ripostiglio/dispensa, tre letto matr., doppi servizi, cantina e due garage. A. c., zanzariere, parquet, buone finiture. Cl. e G - Rif. FI337 - € 100.000,00 tratt.

FIORENZUOLA D’ARDA VIC.

FIORENZUOLA D’ARDA

A pochi km da Fiorenzuola, in zona ben servita, rustico di ampia metratura posto su due livelli con fabbricati annessi ed area verde di pertinenza recintata. UNICO Cl. e non det. - Rif. FI363A - € 115.000,00 tratt.

Centralissimo, appartamento in piccola palazzina, composto da: ingresso, soggiorno, cucina ab., 2 camere da letto, bagno, ripostiglio e cantina. Risc. aut., NESSUNA SPESA CONDOMINIALE. Cl. e G - Rif. FI362 € 49.000,00 tratt. VERO AFFARE

FIORENZUOLA D’ARDA VIC.

LUGAGNANO

Casa indipendente con 2 appartamenti rispettivamente composti da: ingr., soggiorno, cucina, bagno, tre letto, cantina e garage oltre a giardino di proprietà. Abitabile subito Cl. e G - Rif. FI240 - € 75.000,00 tratt

Zona collinare, casa indipendente posta su due livelli e composta da: ingresso, soggiorno, cucina abit., quattro camere da letto, bagno, soffitta, cantina e garage doppio. Più altra unità in parte da riattare. Lotto edificabile e terreno circonstante di mq 6000 c.a. Cl. e G - Da vedere – Rif. LN055 Info in ufficio

FIORENZUOLA D’ARDA Zona residenziale verde, posizione unica, villa unifamiliare posta su unico piano oltre a piano seminterrato con taverna e sottotetto abitabile. Garage esterno doppio, giardino recintato e piantumato di 600 mq c.a. Ottima posizione Cl. e G – FI325 Info in ufficio

CORTEMAGGIORE VIC.

CARPANETO

ROVELETO DI CADEO

Cortemaggiore vicinanze, complesso immobiliare costituito da n. 5 appartamenti con rispettive cantine e garages, di cui una unità pronta da consegnare mentre le altre da ultimare. Ottimo come investimento. Il prezzo è trattabile. Cl. e G - Rif. CO234 - € 195.000,00 tratt.

Appartamento, in palazzina di sole 6 unità, posto al p. 1 e composto da: ingr., sogg., cucina, sala da pranzo, due letto, bagno, due balconi con tende da sole, ripostiglio, cantina, orto e garage. Risc. aut. No spese condominiali Cl. e G - Rif. CR031 € 85.000,00

Recentissimo appartamento con ingresso indip. composto da: ingresso, soggiorno, cucina ab., 2 letto matr., doppi servizi, 2 balconi, grande veranda e garage doppio. Giardinetto di proprietà. Tende da sole, a. c., impianto d’allarme. Cl. e D Rif. RV076 € 155.000,00 tratt.

FIORENZUOLA D’ARDA

FIORENZUOLA D’ARDA

ALSENO

FIORENZUOLA D’ARDA VIC.

In zona verde, appartamento ristrutturato composto da: ingr., ampio e luminoso soggiorno, cucina, due letto, doppi servizi, ripostiglio, 2 balconi, cantina e garage. A. c., Arredato. Risc. aut. Cl. e D - Rif. FI031 – € 98.000,00 TRATTABILI

Villa indipendente con piscina, ampio parco circostante piantumato con illuminazione ed irrigazione automatica. La Villa è disposta su due livelli più seminterrato con ascensore interno. Impianto di allarme, a. c., finiture di Pregio Cl. e D - Rif. FI245 Trattative riservate solo in ufficio

Appartamento posto al p. 2 e ultimo, composto da: ingr., soggiorno, cucina ab., 2 letto, bagno, ripostiglio, due balconi rifatti con tende da sole, cantina e garage. Risc. aut.. Doppi vetri, palazzina completamente rinnovata. Possibilità di vendita arredato. Buone finiture. Cl. e G - Rif. A056 € 80.000,00 tratt.

Intera villa bifamigliare di nuova realizzazione, insistente su un lotto di 8000 mq c.a. recintato con 2 ingressi carrai, composta da n. 2 appartamenti con rispettive cantine e garages per 4 auto. Ottime finiture. Cl. e C -Rif. FI353 – Info in ufficio

248718

Corriere Padano 28 12 10 2017  

Piacenza città dei ciclisti Ma le criticità sono tante